ESTETISTA MODALITA ORGANIZZATIVA DELLA PROFESSIONE REGOLAMENTATA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESTETISTA MODALITA ORGANIZZATIVA DELLA PROFESSIONE REGOLAMENTATA"

Transcript

1 ESTETISTA DESCRIZIONE SINTETICA DELLA FIGURA PROFESSIONALE (Art. 1 Legge 4 gennaio 1990, n.1 e s.m) L'attività di estetista comprende tutte le prestazioni ed i trattamenti eseguiti sulla superficie del corpo umano il cui scopo esclusivo o prevalente sia quello di mantenerlo in perfette condizioni, di migliorarne e proteggerne l'aspetto estetico, modificandolo attraverso l'eliminazione o l'attenuazione degli inestetismi presenti. Tale attività può essere svolta con l'attuazione di tecniche manuali, con l'utilizzazione degli apparecchi elettromeccanici per uso estetico, di cui all'elenco allegato alla legge 4 Gennaio 1990, n.1 e con l'applicazione dei prodotti cosmetici definiti tali dalla legge 11 ottobre 1986, n Sono escluse dall attività di estetista le prestazioni dirette in linea specifica ed esclusiva a finalità di carattere terapeutico. MODALITA ORGANIZZATIVA DELLA PROFESSIONE REGOLAMENTATA Professione regolamentata non intellettuale RIFERIMENTI NORMATIVI D.lgs. 26 marzo 2010, n. 59, art. 78-Attuazione della direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato interno. D.M. 21 marzo 1994, n Regolamento recante i contenuti tecnico-culturali dei programmi, dei corsi e delle prove di esame al fine del conseguimento della qualifica professionale di estetista Legge 4 gennaio 1990, n. 1 e.s.m- Disciplina dell'attività di estetista. AUTORITA' COMPETENTE/ENTE TITOLARE AI SENSI D.Lgs. 13/2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali STANDARD APPROVATO IN CONFERENZA STATO/REGIONI UNIFICATA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE E COMPARTI (CLASSIFICAZIONE ISFOL) Settore 23 - Servizi per la persona Comparto - Cura della persona e benessere fisico PROCESSO DEL QUADRO NAZIONALE DELLE QUALIFICAZIONI REGIONALI Processo Gestione ed erogazione di servizi di trattamenti estetici e di acconciatura 1

2 AREE DI ATTIVITA DEL QUADRO NAZIONALE DELLE QUALIFICAZIONI REGIONALI ADA Gestione del centro estetico QUALIFICAZIONI REGIONALI POTENZIALMENTE RICADENTI NELLE AREE DI ATTIVITA' CODICE DI CLASSIFICAZIONE DELLE UNITA' PROFESSIONALI ISFOL-ISTAT Tecnici della cura estetica ADA Realizzazione di trattamenti estetici e di benessere fisico ABILITAZIONE PROFESSIONALE (Art. 3 Legge 4 gennaio 1990, n.1) 1. Estetista (Basilicata) Estetisti 3. Estetista (Liguria) 4. Estetista (Lazio) 5. Estetista (Emilia Romagna) 6. Massaggiatore estetico (Liguria) 7. Operatore alle cure estetiche (Emilia Romagna) 8. Tecnico delle cure estetiche (Basilicata) 9. Estetista (Piemonte) 10. Estetista (Provincia Autonoma di Trento) 11. Estetista ai sensi dell'art. 8 comma 6 della legge 4 gennaio 1990, n.1 (Umbria) 12. Operatore del benessere - Estetica (Piemonte) 13. Estetista ai sensi dell'art. 14 della legge 21 dicembre 1978, n. 845 ex art. 8, comma 6, L. 1/1990 (esercizio dell'attività in forma dipendente) (Umbria) 14. Operatore di tatuaggio e piercing (Lombardia) 15. Tecnico di taguaggio e piercing (Basilicata) Per esercitare l attività di estetista è necessario essere in possesso di un apposita qualificazione professionale che si consegue, dopo l'espletamento dell'obbligo scolastico, mediante il superamento di un apposito esame teorico-pratico preceduto dallo svolgimento: a) di un apposito corso regionale di qualificazione della durata di due anni, con un minimo di 900 ore annue; tale periodo dovrà essere seguito da un corso di specializzazione della durata di un anno oppure da un anno di inserimento presso una impresa di estetista; b) oppure di un anno di attività lavorativa qualificata in qualità di dipendente, a tempo pieno, presso uno studio medico specializzato oppure una impresa di estetista, successiva allo svolgimento di un rapporto di apprendistato presso una impresa di estetista, come disciplinato dalla legge 19 gennaio 1955, n. 25, e successive modificazioni ed integrazioni, 2

3 della durata prevista dalla contrattazione collettiva di categoria, e seguita da appositi corsi regionali, di almeno 300 ore, di formazione teorica, integrativi delle cognizioni pratiche acquisite presso l'impresa di estetista; c) oppure di un periodo, non inferiore a tre anni, di attività lavorativa qualificata, a tempo pieno, in qualità di dipendente o collaboratore familiare, presso una impresa di estetista, accertata attraverso l'esibizione del libretto di lavoro o di documentazione equipollente, seguita dai corsi regionali di formazione teorica di cui alla lettera b). Il periodo di attività di cui alla presente lettera c) deve essere svolto nel corso del quinquennio antecedente l'iscrizione ai corsi di cui alla lettera b). L attività professionale di estetista è esercitata in forma di impresa, individuale o societaria ai sensi delle norme vigenti. Non è consentito l esercizio dell attività ai soggetti non iscritti all Albo delle imprese artigiane o nel Registro delle imprese. L esercizio dell attività di estetista è soggetto a segnalazione certificata di inizio attività da presentare allo Sportello unico attività produttive del Comune competente per territorio. COMPETENZE DELLE REGIONI (Art. 6 della Legge 4 gennaio 1990, n.1; artt. 1-3 D.M. 21 marzo 1994, n. 352) Formazione Le Regioni predispongono, in conformità ai principi previsti dalla legge 21 dicembre 1978 n. 845, sentite le organizzazioni regionali delle organizzazioni della categoria a struttura nazionale, i programmi per lo svolgimento dei corsi di formazione, di qualificazione e di specializzazione e dell'esame teorico-pratico di cui all'articolo 3 della legge 4 gennaio 1990 n. 1 nonché dei corsi di aggiornamento e di riqualificazione professionale di cui all'articolo 8. Durata e articolazione dei percorsi formativi Ai sensi dell art. 1 del DM 352/1994 i contenuti tecnico-culturali dei programmi, dei corsi e delle prove di esame, di cui all art. 3 e all art. 8, commi 4 e 7 della legge 1990 n. 1, sono definiti in rapporto alle materie fondamentali di insegnamento tecnico-pratico definite dall art. 6 comma 3 della medesima legge: a) cosmetologia; b) nozioni di fisiologia e di anatomia; c) nozioni di chimica e di dermatologia; d) massaggio estetico del corpo; e) estetica, trucco e visagismo; f) apparecchi elettromeccanici; g) nozioni di psicologia; h) cultura generale ed etica professionale. Il corso di qualificazione della durata di due anni, con un minimo di 900 ore annue, di cui all art. 3 comma 1 è rivolto ai seguenti obiettivi disciplinari (art. 2 comma 1 DM 352/1994): a) Formazione al ruolo (obiettivo di base e di carattere teorico-generale) 1) psicologia e cultura generale 2) etica professionale, sicurezza del lavoro e nozioni di diritto sulle materie contrattuali e del lavoro; 3) nozioni di organizzazione del lavoro e nozioni di diritto sulle materie contrattuali e del lavoro; 3

4 4) una lingua estera b) Formazione alla professionalità (obiettivo di tecnica e cultura specifica) 1) Nozioni di chimica con particolare riferimento alla chimica cosmetologica; 2) Nozioni di fisiologia, anatomia e dermatologia; 3) Nozioni di igiene e alimentazione; 4) Tecnica professionale e fisica applicata; 5) Laboratorio con particolare riferimento al massaggio estetico del corpo, estetica, trucco e visagismo; Al termine del corso devono essere sostenute apposite prove finali per l'accertamento dell'idoneità conseguita, basate su prova di lavoro e su prova orale con colloquio finale, in conformità a quanto previsto dalla legge 21 dicembre 1978, n Il corso di specializzazione, successivo a quello biennale di qualificazione, è finalizzato a far acquisire la preparazione tecnico-professionale necessaria per l esercizio imprenditoriale dell attività di estetista ed è rivolto ai seguenti obiettivi (art. 2 comma 3 DM 352/1994) a) Formazione imprenditoriale 1) Nozioni di gestione aziendale; 2) Tecniche di mercato; 3) Nozioni di disciplina di settore negli altri Stati; 4) Disciplina previdenziale, tributaria e contrattuale per l esercizio dell attività imprenditoriale; b) Sviluppo alla professionalità 1) Cosmetologia; 2) Dermatologia; 3) Dietologia; 4) Utilizzo delle apparecchiature elettromeccaniche per uso estetico in rapporto all evoluzione tecnologica delle stesse; 5) Cognizioni di informatica applicata alla professione di estetista Al termine del corso deve essere sostenuto l'esame teorico-pratico per l'accertamento delle abilità e conoscenze professionali conseguite, basate su prova di lavoro e su prova orale, al fine di acquisire l'abilitazione professionale all'esercizio dell'attività. Il corso di formazione teorica, di cui all art. 3, comma 1, lettere b) e c) della legge n. 1/1990 è rivolto ad integrare le cognizioni pratiche acquisite attraverso l esercizio della precedente attività lavorativa in funzione degli obiettivi indicati nell art. 2 comma 3 del DM 352/1994 con l approfondimento delle seguenti materie (art. 3 comma 1 DM 352/1994) 1) Psicologia ed etica professionale; 2) Normativa di settore e sicurezza del lavoro; 3) Chimica, anatomia e fisiologia; 4) Igiene e alimentazione; 5) Cosmetologia; 6) Dermatologia; 7) Cultura generale Al termine del corso di cui al precedente comma 1 deve essere sostenuto l'esame per l'accertamento delle conoscenze professionali conseguite, basato su prova orale, al fine di acquisire l'abilitazione professionale all'esercizio dell'attività. 4

5 Esame finale Le Regioni organizzano l esame teorico-pratico del corso di cui all'articolo 3 della legge n. 1/1990 per il conseguimento dell abilitazione professionale all esercizio dell attività di estetista, previo accertamento delle abilità e conoscenze professionali conseguite, basato su prova di lavoro e su prova orale con colloquio finale. Le Regioni hanno facoltà di istituire ed autorizzare lo svolgimento dell'esame anche presso scuole private, previa approvazione delle relative norme di organizzazione e funzionamento ed esercitando la relativa vigilanza tecnica ed amministrativa. Le scuole professionali, autorizzate e riconosciute dai competenti organi dello Stato si adeguano alle disposizioni dell art. 3 della legge n. 1/1990 (art. 6 comma 5 Legge n. 1/1990) ATTIVITA SVOLTE DALLA FIGURA PROFESSIONALE (Art. 1 Legge 4 gennaio 1990, n.1) L'attività di estetista comprende tutte le prestazioni ed i trattamenti eseguiti sulla superficie del corpo umano il cui scopo esclusivo o prevalente sia quello di mantenerlo in perfette condizioni, di migliorarne e proteggerne l'aspetto estetico, modificandolo attraverso l'eliminazione o l'attenuazione degli inestetismi presenti. Tale attività può essere svolta con l'attuazione di tecniche manuali, con l'utilizzazione degli apparecchi elettromeccanici per uso estetico, di cui all'elenco allegato alla legge 4 Gennaio 1990, n.1 e con l'applicazione dei prodotti cosmetici definiti tali dalla legge 11 ottobre 1986, n Sono escluse dall attività di estetista le prestazioni dirette in linea specifica ed esclusiva a finalità di carattere terapeutico. ELENCO APPARECCHIATURE ELETTROMECCANICHE PER USO ESTETICO (Allegato Legge 4 gennaio 1990, n.1) Vaporizzatore con vapore normale e ionizzato non surriscaldato Stimolatori ad ultrasuoni e stimolatori a micro correnti Disincrostante per pulizia con intensità non superiore a 4 ma Apparecchio per l aspirazione dei comedoni con cannule e con azione combinata per la levigatura della pelle con polvere minerale o fluidi o materiali equivalenti Doccia filiforme ad atomizzatore con pressione non superiore a 80 kpa Apparecchi per massaggi meccanici al solo livello cutaneo, per massaggi elettrici con oscillazione orizzontale o rotazione Rulli elettrici e manuali Vibratori elettrici oscillanti Apparecchi per massaggi meccanici o elettrici picchiettanti Solarium per l abbronzatura con lampade UV-A o con applicazioni combinate o indipendenti di raggi ultravioletti (UV) ed infrarossi (IR) Apparecchi per massaggio ad aria o idrico con aria a pressione non superiore a 80 kpa Scaldacera per ceretta Attrezzi per ginnastica estetica Attrezzature per manicure e pedicure Apparecchi per il trattamento di calore totale o parziale tramite radiofrequenza restiva o capacitiva Apparecchio per massaggio aspirante con coppe di varie misure e applicazioni in movimento, fisse e ritmate e con aspirazione non superiore a 80 kpa Apparecchi per ionoforesi estetica sulla placca di 1 ma ogni 10 centimetri quadrati 5

6 Depilatori elettrici ad ago, a pinza o accessorio equipollente o ad impulsi luminosi per foto depilazione Apparecchi per massaggi subacquei Apparecchi per presso-massaggio Elettrostimolatore ad impulsi Apparecchi per massaggio ad aria compressa con pressione superiore a 80 kpa Soft laser per trattamento rilassante, tonificante della cute o fotostimolante delle aree riflessogene dei piedi e delle mani Laser estetico defocalizzato per la depilazione Saune e bagno di vapore 6

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400;

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400; D.M. 12 maggio 2011, n. 110 (1). Regolamento di attuazione dell'articolo 10, comma 1, della legge 4 gennaio 1990, n. 1, relativo agli apparecchi elettromeccanici utilizzati per l'attività di estetista.

Dettagli

ACCONCIATURA E/O ESTETICA DICHIARA

ACCONCIATURA E/O ESTETICA DICHIARA Mod. 2.2 ACCONCIATURA E/O ESTETICA (ATTESTAZIONE AI FINI DEL RISPETTO DEI REQUISITI IGIENICO-SANITARI ) (anche per lo svolgimento di un particolare servizio come ad es: solo solarium, solo messa in piega,

Dettagli

LEGGE 4 gennaio 1990, n. 1

LEGGE 4 gennaio 1990, n. 1 LEGGE 4 gennaio 1990, n. 1 Disciplina dell'attivita' di estetista. Vigente al: 22-11-2012 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA la

Dettagli

Al Comune di * TOLENTINO

Al Comune di * TOLENTINO Al di * TOLENTINO ATTIVITA DI ACCONCIATORE O ESTETISTA SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA copia per il 0 4 3 0 5 3 Ai sensi della Legge 2 aprile 2007, n. 40, art. 10 co. 2 e L..R. 17/07, il sottoscritto

Dettagli

AL COMUNE DI -SERVIZIO COMMERCIO- C H I O G G I A

AL COMUNE DI -SERVIZIO COMMERCIO- C H I O G G I A AL COMUNE DI -SERVIZIO COMMERCIO- C H I O G G I A OGGETTO: Denuncia di Inizio Attività per l esercizio dell'attività di acconciatore, estetista. Il sottoscritto _ nato a (Prov. _) il / //, residente in

Dettagli

MAGGIOLI EDITORE Ufficio Commercio. Legge 4/1/1990 n. 1 (G.U. 5/1/1990 n. 4) Disciplina dell'attività di estetista

MAGGIOLI EDITORE Ufficio Commercio. Legge 4/1/1990 n. 1 (G.U. 5/1/1990 n. 4) Disciplina dell'attività di estetista MAGGIOLI EDITORE Ufficio Commercio Legge 4/1/1990 n. 1 (G.U. 5/1/1990 n. 4) Disciplina dell'attività di estetista Articolo 1 Attività di estetista 1. L'attività di estetista comprende tutte le prestazioni

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 54 DEL REGIONE PIEMONTE. Norme di attuazione della legge 4 gennaio 1990, n. 1 - Disciplina dell' attività di estetista

LEGGE REGIONALE N. 54 DEL REGIONE PIEMONTE. Norme di attuazione della legge 4 gennaio 1990, n. 1 - Disciplina dell' attività di estetista LEGGE REGIONALE N. 54 DEL 9-12-1992 REGIONE PIEMONTE Norme di attuazione della legge 4 gennaio 1990, n. 1 - Disciplina dell' attività di estetista Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N.

Dettagli

AL COMUNE DI FOLIGNO Area Sviluppo Economico Servizio Programmazione Economica e Gestione Attività Produttive FOLIGNO (PG)

AL COMUNE DI FOLIGNO Area Sviluppo Economico Servizio Programmazione Economica e Gestione Attività Produttive FOLIGNO (PG) Comune di Foligno Area Sviluppo Economico SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (SCIA) ATTIVITA DI ESTETISTA PER AFFITTO DI CABINA (L. 4/01/1990 n. 1 e s.m.i. L.R. 13/2/2013 n. 4 D.Lgs. 59/2010 e

Dettagli

3. Sono escluse dall'attività di estetista le prestazioni dirette in linea specifica ed esclusiva a finalità di carattere terapeutico.

3. Sono escluse dall'attività di estetista le prestazioni dirette in linea specifica ed esclusiva a finalità di carattere terapeutico. Page 1 of 9 (null) LAVORO Disciplina dell'attività di barbiere, parrucchiere ed estetista L. 4-1-1990 n. 1 Pubblicata nella Gazz. Uff. 5 gennaio 1990, n. 4. Provvedimento modificativo: D.Lgs. 06/08/2012,

Dettagli

D I C H I A R A D I C H I A R A

D I C H I A R A D I C H I A R A SUROMA SPORTELLO UNICO DEL COMMERCIO - MUNICIPIO. Via... - 00... ROMA OGGETTO : Dichiarazione inizio attività di Acconciatore/Estetista (D.L: 31 Gennaio 2007, n. 7; art. 19 Legge n. 241/90 s.m.i.) Il/La

Dettagli

A cura degli Uffici legislativo e Relazioni istituzionali

A cura degli Uffici legislativo e Relazioni istituzionali DISCIPLINA DELL'ATTIVITÀ DI ESTETISTA PROPOSTA DI MODIFICA DELLA LEGGE 4 GENNAIO 1990, N. 1 Articolo 1. 1. L'attività di estetista comprende tutte le prestazioni ed i trattamenti eseguiti sulla superficie

Dettagli

Com une di Cantiano. Indicare il referente per la pratica: Nominativo N. telefono Indirizzo posta elettronica

Com une di Cantiano. Indicare il referente per la pratica: Nominativo N. telefono Indirizzo posta elettronica Sportello Unico per le Attività Produttive SUAP Com une di Cantiano edilizia, commercio ed esercizio di attività produttive e di prestazioni di servizi Piazza Luceoli, 3 61044 Cantiano (PU) Tel. 0721.789911

Dettagli

da compilare in ogni sua parte ed inviare al numero fax 081/5512056

da compilare in ogni sua parte ed inviare al numero fax 081/5512056 Scheda di rilevazione dati finalizzata alla verifica di Idoneità al Decreto Ministeriale n 110 del 12 maggio 2011 recante Regolamento di attuazione dell articolo 10, comma 1della legge 4 gennaio 1990 n.

Dettagli

REGIONE VALLE D'AOSTA L.R.

REGIONE VALLE D'AOSTA L.R. REGIONE VALLE D'AOSTA L.R. 20 agosto 1993, n. 63: Disciplina dell'attività di estetista nella regione Valle d'aosta. (B.U.R.V.A. 31 agosto 1993, n. 38) Art. 1 - Finalità della legge 1. La presente legge

Dettagli

Avviso per la presentazione delle domande per l ammissione all esame per il conseguimento della qualificazione professionale di estetista

Avviso per la presentazione delle domande per l ammissione all esame per il conseguimento della qualificazione professionale di estetista Avviso per la presentazione delle domande per l ammissione all esame per il conseguimento della qualificazione professionale di estetista (articolo 26, comma 1, della legge regionale 22 aprile 2002, n.

Dettagli

AVVIARE UN'IMPRESA PER LA CURA DELLA PERSONA. a cura dello SPORTELLO NUOVA IMPRESA della CAMERA DI COMMERCIO DI PADOVA

AVVIARE UN'IMPRESA PER LA CURA DELLA PERSONA. a cura dello SPORTELLO NUOVA IMPRESA della CAMERA DI COMMERCIO DI PADOVA AVVIARE UN'IMPRESA PER LA CURA DELLA PERSONA a cura dello SPORTELLO NUOVA IMPRESA della CAMERA DI COMMERCIO DI PADOVA L'AVVIO DI UN'ATTIVITA' QUALUNQUE ATTIVITA' E' REGOLAMENTATA DA LEGGI (DI SETTORE E

Dettagli

Il Direttore del Servizio Vista Visto Visto - comma 1: comma 2 Ritenuto Decreta 1. 2.

Il Direttore del Servizio Vista Visto Visto - comma 1: comma 2 Ritenuto Decreta 1. 2. Legge regionale 12/2002, articolo 26, comma 1. Modalità e termini di presentazione della domanda per l ammissione all esame per il conseguimento della qualificazione professionale di estetista e ammontare

Dettagli

SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE

SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE COMUNE DI GALLIATE SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ PER ESERCITARE ATTIVITÀ DI ESTETISTA ai sensi e per gli effetti della Legge 4.01.1990, n. 1 del Decreto

Dettagli

file://c:\documenti\legislazione_artigianato\2004\legge%20regionale%2054%20del...

file://c:\documenti\legislazione_artigianato\2004\legge%20regionale%2054%20del... 1 di 15 Piemonte 29. PROFESSIONI E MESTIERI L.R. 9-12-1992 n. 54 Norme di attuazione della legge 4 gennaio 1990, n. 1 ''Disciplina dell'attività di estetista''. Pubblicata nel B.U. 30 dicembre 1992, n.

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA Emana il seguente regolamento:

LA GIUNTA REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA Emana il seguente regolamento: REGIONE TOSCANA - DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 4 marzo 2014, n. 12: Modifiche al decreto del Presidente della Giunta regionale 2 ottobre 2007, n. 47/R (Regolamento di attuazione della

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 87 DEL 10.1.009 1 INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. Luogo di svolgimento

Dettagli

operatori del benessere: acconciatori/estetiste

operatori del benessere: acconciatori/estetiste Libri di base Andrea Bernocchi-Domenico De Lucia Diritto ed economia appendice operatori del benessere: acconciatori/estetiste di Maria Teresa Poliafico e Claudia Tomasi MURSIA La normativa per le attività

Dettagli

1. 1. L'attività di estetista comprende tutte le prestazioni ed i trattamenti eseguiti

1. 1. L'attività di estetista comprende tutte le prestazioni ed i trattamenti eseguiti 1 di 9 09/07/2013 13.28 Leggi d'italia L. 4-1-1990 n. 1 Disciplina dell'attività di estetista. Pubblicata nella Gazz. Uff. 5 gennaio 1990, n. 4. Epigrafe 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13. Allegato

Dettagli

Allegato a deliberazione C.C. n 16 del 23/3/2006 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ATTIVITA DI ACCONCIATORE - ESTETISTA

Allegato a deliberazione C.C. n 16 del 23/3/2006 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ATTIVITA DI ACCONCIATORE - ESTETISTA Allegato a deliberazione C.C. n 16 del 23/3/2006 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ATTIVITA DI ACCONCIATORE - ESTETISTA IL SINDACO (Leorati dott. Patrizia) IL SEGRETARIO COMUNALE (Scibilia dott. Graziella) INDICE

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA UNITA OPERATIVA IMPIANTISTICA ANTINFORTUNISTICA

DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA UNITA OPERATIVA IMPIANTISTICA ANTINFORTUNISTICA DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA UNITA OPERATIVA IMPIANTISTICA ANTINFORTUNISTICA Requisiti tecnici e corretto uso degli impianti e apparecchiature elettriche nei locali per trattamenti estetici Parte impiantistica

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI TRICESIMO REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI ESTETISTA

PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI TRICESIMO REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI ESTETISTA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI TRICESIMO REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI ESTETISTA Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n 41/2009 1 Articolo 1 - Attività di estetista. L attività

Dettagli

,00 3 Altre attività soggette a studi. Numero giornate retribuite Personale

,00 3 Altre attività soggette a studi. Numero giornate retribuite Personale BOZZA INTERNET del 17/02/ 96.02.02 - Servizi degli istituti di bellezza 96.02.03 - Servizi di manicure e pedicure 96.09.02 - Attività di tatuaggio e piercing barrare la casella corrispondente al codice

Dettagli

Disciplina dell'attività di estetista in attuazione dell'art. 21 bis della l.r. 73/89

Disciplina dell'attività di estetista in attuazione dell'art. 21 bis della l.r. 73/89 Regolamento Regionale 22 marzo 2016, n. 5 Disciplina dell'attività di estetista in attuazione dell'art. 21 bis della l.r. 73/89 (BURL n. 12, suppl. del 25 Marzo 2016 ) urn:nir:regione.lombardia:regolamento:2016-03-22;5

Dettagli

(2) Vedi, anche, il comma 2 dell'art. 10, D.L. 31 gennaio 2007, n. 7.

(2) Vedi, anche, il comma 2 dell'art. 10, D.L. 31 gennaio 2007, n. 7. L. 4 gennaio 1990, n. 1 (1). Disciplina dell'attività di estetista (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 5 gennaio 1990, n. 4. (2) Vedi, anche, il comma 2 dell'art. 10, D.L. 31 gennaio 2007, n. 7. 1. 1.

Dettagli

1 di 6. LEGGE 4 gennaio 1990, n. 1. Disciplina dell'attivita' di estetista. Vigente al: 13-10-2015

1 di 6. LEGGE 4 gennaio 1990, n. 1. Disciplina dell'attivita' di estetista. Vigente al: 13-10-2015 1 di 6 LEGGE 4 gennaio 1990, n. 1 Disciplina dell'attivita' di estetista. Vigente al: 13-10-2015 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE, SANITA PUBBLICA E MEDICINA DELLO SPORT. ATTIVITA di.

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE, SANITA PUBBLICA E MEDICINA DELLO SPORT. ATTIVITA di. REGIONE LAZIO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE, SANITA PUBBLICA E MEDICINA DELLO SPORT Elenco documentazione da produrre per il rilascio di: Parere Igienico Sanitario Parere Preventivo su progetto

Dettagli

Nato/a a. Residente/con sede in via/piazza n. CAP tel. con domicilio presso. In via/piazza n. CAP. /PEC

Nato/a a. Residente/con sede in via/piazza n. CAP tel. con domicilio presso. In via/piazza n. CAP.  /PEC 1 di 16 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ ACCONCIATORE/ESTETISTA (Legge 17 agosto 2005, n. 174; Legge 4 gennaio 1990, n. 1; art. 18 bis della Legge Provinciale 1 agosto 2002, n. 11; DPP 5 novembre

Dettagli

Legge 4 gennaio 1990, n. 1 Disciplina dell'attività di estetista. Art. 1.

Legge 4 gennaio 1990, n. 1 Disciplina dell'attività di estetista. Art. 1. Legge 4 gennaio 1990, n. 1 Disciplina dell'attività di estetista. Art. 1. 1. L'attività di estetista comprende tutte le prestazioni ed i trattamenti eseguiti sulla superficie del corpo umano il cui scopo

Dettagli

luogo di nascita provincia o stato estero di nascita data di nascita codice fiscale cittadinanza sesso permesso di soggiorno / carta di soggiorno n

luogo di nascita provincia o stato estero di nascita data di nascita codice fiscale cittadinanza sesso permesso di soggiorno / carta di soggiorno n spazio per la protocollazione Allo Sportello Unico delle Attività Produttive del COMUNE di PERUGIA Segnalazione certificata di inizio attività ESTETISTA L.4/1/1990 n.1 e s.m.i. - L.R. 13/2/13 n.4 - D.Lgs

Dettagli

*** NORMATTIVA - Stampa *** http://www.normattiva.it/do/atto/export. 1 di 10 18/04/2016 14:13

*** NORMATTIVA - Stampa *** http://www.normattiva.it/do/atto/export. 1 di 10 18/04/2016 14:13 1 di 10 18/04/2016 14:13 LEGGE 4 gennaio 1990, n. 1 Disciplina dell'attivita' di estetista. Vigente al: 18-4-2016 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

TESTO RICOSTRUITO L. 1/90 PDL A.C DONATI

TESTO RICOSTRUITO L. 1/90 PDL A.C DONATI TESTO RICOSTRUITO L. 1/90 PDL A.C. 4169 DONATI PDL A.C. 4350 VIGNALI PDL A.C. 2182 DELLA VALLE Articolo 1. 1. L'attività di estetista comprende tutte le prestazioni ed i trattamenti eseguiti sulla superficie

Dettagli

COMUNE DI FAGAGNA Provincia di Udine. REGOLAMENTO per la disciplina delle attività di E S T E T I S T A

COMUNE DI FAGAGNA Provincia di Udine. REGOLAMENTO per la disciplina delle attività di E S T E T I S T A COMUNE DI FAGAGNA Provincia di Udine REGOLAMENTO per la disciplina delle attività di E S T E T I S T A Approvato con delibera C.C. n.39 Del 02.08.2002 1 Art. 1 Attività di estetista 1. L'attività di estetista

Dettagli

Scheda informativa del modulo B17

Scheda informativa del modulo B17 IN QUALI CASI PUOI UTILIZZARE QUESTO MODULO? Acconciatore: L'attività professionale di acconciatore, esercitata in forma di impresa comprende tutti i trattamenti e i servizi volti a modificare, migliorare,

Dettagli

3. Sono escluse dall'attività di estetista le prestazioni dirette in linea specifica ed esclusiva a finalità di carattere terapeutico.

3. Sono escluse dall'attività di estetista le prestazioni dirette in linea specifica ed esclusiva a finalità di carattere terapeutico. L. 4 gennaio 1990, n. 1 (1). Disciplina dell'attività di estetista. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 5 gennaio 1990, n. 4. (giurisprudenza di legittimità) 1. 1. L'attività di estetista comprende tutte le

Dettagli

Regolamento. ESERCIZIO dell ATTIVITÀ di ESTETISTA

Regolamento. ESERCIZIO dell ATTIVITÀ di ESTETISTA C O M U N E D I P R E O N E Regolamento ESERCIZIO dell ATTIVITÀ di ESTETISTA Approvato con deliberazione consiliare n. 16 del 27/05/2004 S O M M A R I O Art. 1 - Attività di estetista Art. 2 - Modalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA C.F. e P.I. 00469890305 C.A.P. 33050 COMUNE DI PAVIA DI UDINE PROVINCIA DI UDINE Sede Uffici Municipali in Lauzacco Piazza Julia n. 1 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA APPROVATO

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Programma formativo del corso di specializzazione per il conseguimento della Abilitazione Professionale di

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Programma formativo del corso di specializzazione per il conseguimento della Abilitazione Professionale di Programma formativo del corso di specializzazione per il conseguimento della Abilitazione Professionale di ACCONCIATORE Tipologia di corso interessata: integrazione del corso biennale di acconciatore (allegato

Dettagli

L evoluzione del mercato e della normativa

L evoluzione del mercato e della normativa CAMBIARE PRIMA DI ESSERE COSTRETTI A FARLO CONTROLLI E VERIFICHE NELLE IMPRESE DEL BENESSERE L evoluzione del mercato e della normativa Dr. Daniele Dondarini Responsabile CNA Benessere e Sanità Emilia

Dettagli

PIANO URBANO DEL COMMERCIO

PIANO URBANO DEL COMMERCIO Comune di Soresina Provincia di Cremona PIANO URBANO DEL COMMERCIO QUADRO NORMATIVO COMUNALE DELLE ATTIVITÀ DI COMMERCIO E SERVIZIO ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE, ESTETISTA E TATUATORE Regolamento comunale

Dettagli

LEGGE 4 gennaio 1990, n. 1 (in Gazz. Uff., 5 gennaio, n. 4). Disciplina dell'attività di estetista (1) (2).

LEGGE 4 gennaio 1990, n. 1 (in Gazz. Uff., 5 gennaio, n. 4). Disciplina dell'attività di estetista (1) (2). LEGGE 4 gennaio 1990, n. 1 (in Gazz. Uff., 5 gennaio, n. 4). Disciplina dell'attività di estetista (1) (2). (1) A partire dal 1 gennaio 1999 ogni sanzione pecuniaria penale o amministrativa espressa in

Dettagli

NUOVE DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DELL ESTETISTA, AI SENSI DELLA L. 1/1990 E SS.MM e L.R. 32/1992 E SS.MM.

NUOVE DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DELL ESTETISTA, AI SENSI DELLA L. 1/1990 E SS.MM e L.R. 32/1992 E SS.MM. ALLEGATO 1 NUOVE DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DELL ESTETISTA, AI SENSI DELLA L. 1/1990 E SS.MM e L.R. 32/1992 E SS.MM. 1. RIFERIMENTI NORMATIVI La regolamentazione della formazione della figura dell

Dettagli

LEGGE 4 gennaio 1990, n. 1 Disciplina dell'attività di estetista.

LEGGE 4 gennaio 1990, n. 1 Disciplina dell'attività di estetista. LEGGE 4 gennaio 1990, n. 1 Disciplina dell'attività di estetista. (GU n. 4 del 5 1 1990) Testo coordinato con le modifiche (evidenziate con doppia parentesi tonda) apportate dagli articoli 78 e 85 del

Dettagli

L.R. 12/2002, art. 26, c. 4 B.U.R. 8/7/2015 n. 27 L.R. 12/2002, art. 28, c. 6 L.R. 12/2002, art. 40 bis, c. 3

L.R. 12/2002, art. 26, c. 4 B.U.R. 8/7/2015 n. 27 L.R. 12/2002, art. 28, c. 6 L.R. 12/2002, art. 40 bis, c. 3 L.R. 12/2002, art. 26, c. 4 B.U.R. 8/7/2015 n. 27 L.R. 12/2002, art. 28, c. 6 L.R. 12/2002, art. 40 bis, c. 3 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26/6/2015, n. 0126/Pres. Regolamento in materia di esercizio

Dettagli

COMUNE DI MARTIGNACCO Provincia di Udine

COMUNE DI MARTIGNACCO Provincia di Udine COMUNE DI MARTIGNACCO Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 39 di data 09.09.2002 Pubblicata all Albo

Dettagli

BARBIERE E PARRUCCHIERE ESTETISTA ACCONCIATORE Le rispettive normative a confronto

BARBIERE E PARRUCCHIERE ESTETISTA ACCONCIATORE Le rispettive normative a confronto BARBIERE E PARRUCCHIERE ESTETISTA ACCONCIATORE Le rispettive normative a confronto L. 14 febbraio 1963, n. 161: Disciplina dell'attività di barbiere, parrucchiere ed affini. (Pubblicata nella G.U. n. 66

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA COMUNE DI COSEANO Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA Legge Regionale 22 aprile 2002, n.12 Approvato con deliberazione consiliare n. 24 del 23.07.2003 Art.

Dettagli

Allegato A Premessa. 1. Percorsi formativi e durata

Allegato A Premessa. 1. Percorsi formativi e durata Allegato A INDIRIZZI PER LA REALIZZAZIONE DEI PERCORSI DI FORMAZIONE PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA DI ACCONCIATORE (L. n. 174 del 17.8.2005 e L.r. n. 29 del 3.6.2013 pubblicata sul burt n. 28, parte

Dettagli

OGGETTO: Denuncia di Inizio Attività per l esercizio dell'attività di acconciatore, estetista.

OGGETTO: Denuncia di Inizio Attività per l esercizio dell'attività di acconciatore, estetista. Al Comune di -Servizio Commercio- C H I O G G I A OGGETTO: Denuncia di Inizio Attività per l esercizio dell'attività di acconciatore, estetista. Il sottoscritto nato a (Prov. ) il / / /, residente in C.A.P.

Dettagli

Attività Produttive. Attività artigianali Acconciatori. Descrizione

Attività Produttive. Attività artigianali Acconciatori. Descrizione Attività Produttive Attività artigianali Acconciatori Descrizione L attività professionale di acconciatore comprende tutti i trattamenti ed i servizi volti a modificare, migliorare, mantenere e proteggere

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI ESTETISTA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI ESTETISTA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI ESTETISTA Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 12 del 07/02/2017 INDICE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO...3 ART. 2 DEFINIZIONE DELL ATTIVITÀ

Dettagli

ATTIVITA DI ESTETISTA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA)

ATTIVITA DI ESTETISTA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) ATTIVITA DI ESTETISTA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) TRASFERIMENTO DI SEDE E VARIAZIONI Al Comune di ACIREALE 0 8 7 0 0 4 Ai sensi del d.lgs. n.59/2010, art. 78, come modificato dall

Dettagli

REGIONE PIEMONTE. con la legge regionale n. 54 del 9 dicembre 1992 Norme di attuazione della legge 4 gennaio

REGIONE PIEMONTE. con la legge regionale n. 54 del 9 dicembre 1992 Norme di attuazione della legge 4 gennaio Torino.t.6/5/2009 Protocollo G ~.3DB 1600/03 REGIONE Direzione Attività Produttive Settore Disciplina e Tutela del! 'Artigianato Commissione Regionale per l'artigianato cra@regionepiemonte.it CITTA' DI

Dettagli

Cod. MM 0445/99 bisfd. Regolamento. ESERCIZIO dell ATTIVITÀ di ESTETISTA

Cod. MM 0445/99 bisfd. Regolamento. ESERCIZIO dell ATTIVITÀ di ESTETISTA Cod. MM 0445/99 bisfd Regolamento ESERCIZIO dell ATTIVITÀ di ESTETISTA S O M M A R I O Art. 1 - Attività di estetista Art. 2 - Modalità di svolgimento Art. 3 - Requisiti professionali Art. 4 - Modalità

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO ATTIVITA ESTETISTA ADOTTATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N.38 DD.13.09.2002 DIVENUTA ESECUTIVA PER COMPIUTA PUBBLICAZIONE AI SENSI ART.30 - L.R. 12.09.1991,

Dettagli

LEGGE 17 agosto 2005, n Disciplina dell'attivita' di acconciatore. Vigente al:

LEGGE 17 agosto 2005, n Disciplina dell'attivita' di acconciatore. Vigente al: LEGGE 17 agosto 2005, n. 174 Disciplina dell'attivita' di acconciatore. Vigente al: 3-2-2014 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga

Dettagli

OPERATORE DEL BENESSERE

OPERATORE DEL BENESSERE della FIGURA OPERATORE DEL BENESSERE Indirizzi della Figura Referenziazioni della Figura Acconciatura Estetica Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 5. Professioni qualificate nelle commerciali

Dettagli

COMUNE di VILLA LAGARINA. Proposta di Regolamento comunale per la disciplina delle attività di parrucchiere, estetista, barbiere

COMUNE di VILLA LAGARINA. Proposta di Regolamento comunale per la disciplina delle attività di parrucchiere, estetista, barbiere Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 15 di data 12.03.2001 COMUNE di VILLA LAGARINA Proposta di Regolamento comunale per la disciplina delle attività di parrucchiere, estetista, barbiere Indice

Dettagli

Attività di Estetista. Percorsi formativi abilitanti per responsabile tecnico di impresa di estetista Vademecum requisiti di accesso

Attività di Estetista. Percorsi formativi abilitanti per responsabile tecnico di impresa di estetista Vademecum requisiti di accesso giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A al Decreto n. 915 del 8 GIU 2015 pag. 1/6 Attività di Estetista Legge 4 gennaio 1990, n. 1 Legge regionale 27 novembre 1991, n. 29 Percorsi formativi abilitanti

Dettagli

Il/La sottoscritto/a: Cognome Nome. Data di nascita / / Luogo di nascita (Prov. ) Cittadinanza Stato. Residenza: Comune di CAP (Prov.

Il/La sottoscritto/a: Cognome Nome. Data di nascita / / Luogo di nascita (Prov. ) Cittadinanza Stato. Residenza: Comune di CAP (Prov. Allegato B Direzione Competitività del Sistema Regionale Settore Artigianato Prot....del.... (da compilarsi a cura dell ufficio competente) Imposta di bollo 16 Euro Regione Piemonte Direzione Competitività

Dettagli

L. 17 agosto 2005, n. 174 (1). Disciplina dell'attività di acconciatore (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 2 settembre 2005, n. 204.

L. 17 agosto 2005, n. 174 (1). Disciplina dell'attività di acconciatore (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 2 settembre 2005, n. 204. Leggi d'italia L. 17-8-2005 n. 174 Disciplina dell'attività di acconciatore. Pubblicata nella Gazz. Uff. 2 settembre 2005, n. 204. L. 17 agosto 2005, n. 174 (1). Disciplina dell'attività di acconciatore

Dettagli

Regolamento per l esercizio dell attività di acconciatore ed estetista Comune di Torricella in Sabina (RI)

Regolamento per l esercizio dell attività di acconciatore ed estetista Comune di Torricella in Sabina (RI) Regolamento per l esercizio dell attività di acconciatore ed estetista Comune di Torricella in Sabina (RI) Articolo 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina l esercizio delle attività di acconciatore

Dettagli

VARIAZIONE DELLA PERSONA IN POSSESSO DEI REQUISITI PROFESSIONALI

VARIAZIONE DELLA PERSONA IN POSSESSO DEI REQUISITI PROFESSIONALI VARIAZIONE DELLA PERSONA IN POSSESSO DEI REQUISITI PROFESSIONALI Al Comune di Imperia Settore Legale/Contratti Servizio Attività Commerciali Viale Matteotti 157 IMPERIA Il/La sottoscritto/a nato/a a (Prov.

Dettagli

Acconciatore. Descrizione sintetica Sport, benessere e cura della persona

Acconciatore. Descrizione sintetica Sport, benessere e cura della persona identificativo scheda: 23-001 stato scheda: Validata Descrizione sintetica L, detto comunemente Parrucchiere, lava, taglia, acconcia, colora o decolora i capelli ed esegue trattamenti estetici o tricologici,

Dettagli

REGIONE MARCHE 24 settembre 1992, n. 47: Norme di attuazione della legge 4 gennaio 1990, n. 1 disciplina dell'attività di estetista.

REGIONE MARCHE 24 settembre 1992, n. 47: Norme di attuazione della legge 4 gennaio 1990, n. 1 disciplina dell'attività di estetista. REGIONE MARCHE 24 settembre 1992, n. 47: Norme di attuazione della legge 4 gennaio 1990, n. 1 disciplina dell'attività di estetista. (Pubblicata nel B.U.R. 28 settembre 1992, n. 84) Art. 1 - Finalità 1.

Dettagli

Responsabile tecnico di tintolavanderia

Responsabile tecnico di tintolavanderia ALLEGATO 3 Standard formativo relativo alla formazione del Responsabile tecnico di tintolavanderia Ai sensi dell art. 2 comma 2, della legge 22 febbraio 2006, n 84 e s.m.i. 1 Standard formativo del corso

Dettagli

ALLEGATOF alla Dgr n del 21 dicembre 2010 pag. 1/5

ALLEGATOF alla Dgr n del 21 dicembre 2010 pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOF alla Dgr n. 3290 del 21 dicembre 2010 pag. 1/5 PROGRAMMA DIDATTICO di ABILITAZIONE PROFESSIONALE ALL ATTIVITA IMPRENDITORIALE DI ESTETISTA ORE 300 (300 di aula)

Dettagli

Recapiti telefonici Tel. cell. fax.

Recapiti telefonici Tel. cell. fax. Città di Guidonia Montecelio U.O. Commercio Sede centrale: P.zza Matteotti, n. 20-00012 Guidonia (RM) Sede Uffici Area III: Via Roma, n. 192-00012 Guidonia (RM) Fax 0774-301-241 P.E.C. commercio@pec.guidonia.org

Dettagli

REGIONE ABRUZZO Comune di GIULIANOVA (TE) Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive

REGIONE ABRUZZO Comune di GIULIANOVA (TE) Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive REGIONE ABRUZZO Comune di GIULIANOVA (TE) Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA SCIA ARTIGIANATO DI SERVIZIO allegato alla modulistica

Dettagli

23/05/ :56:05 Pagina 1 di 5

23/05/ :56:05 Pagina 1 di 5 Denominazione Figura / Profilo / Obiettivo Professioni NUP/ISTAT correlate Attività economiche di riferimento: ATECO 2007/ISTAT Estetista 5.4.3.2.0 - Estetisti e truccatori 96.02.01 - Servizi dei saloni

Dettagli

Estetista. Descrizione sintetica Sport, benessere e cura della persona

Estetista. Descrizione sintetica Sport, benessere e cura della persona identificativo scheda: 23-003 stato scheda: Validata Descrizione sintetica L' mette in atto tutte le prestazioni ed i trattamenti eseguiti sulla superficie del corpo il cui scopo esclusivo o prevalente

Dettagli

Al SIGNOR SINDACO del Comune di

Al SIGNOR SINDACO del Comune di Prima di consegnare il modulo, munirsi di fotocopia da far timbrare per ricevuta dall Ufficio Protocollo e conservare per gli usi successivi Al SIGNOR SINDACO del Comune di. CAPBP24C.rtf - (06/2010) Oggetto:

Dettagli

La nostra storia. Come è venuto a crearsi il tavolo tecnico dei produttori di apparecchi elettromedicali ad uso estetico

La nostra storia. Come è venuto a crearsi il tavolo tecnico dei produttori di apparecchi elettromedicali ad uso estetico La nostra storia Come è venuto a crearsi il tavolo tecnico dei produttori di apparecchi elettromedicali ad uso estetico Lo scorso autunno CNA Unione Benessere e CNA Unione Produzione, hanno accolto la

Dettagli

3. sono escluse dall'attività di estetista le prestazioni dirette in linea specifica ed esclusiva a finalità di carattere terapeutico.

3. sono escluse dall'attività di estetista le prestazioni dirette in linea specifica ed esclusiva a finalità di carattere terapeutico. La Legge sull Estetica (L. 1/90) art. 1. 1. l'attività di estetista comprende tutte le prestazioni ed i trattamenti eseguiti sulla superficie del corpo umano il cui scopo esclusivo o prevalente sia quello

Dettagli

L. 17 agosto 2005, n. 174 (1). Disciplina dell'attività di acconciatore (2). 1. Principi generali.

L. 17 agosto 2005, n. 174 (1). Disciplina dell'attività di acconciatore (2). 1. Principi generali. L. 17 agosto 2005, n. 174 (1). Disciplina dell'attività di acconciatore (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 2 settembre 2005, n. 204. (2) Vedi, anche, il comma 2 dell'art. 10, D.L. 31 gennaio 2007, n.

Dettagli

Mod registro stage MQ Rev.5 del 05/12/2016 ACCADEMIA ESTETICA REGISTRO DI STAGE ALLIEVA/O CORSO MATRICOLA 201_PI0 _ AZIENDA

Mod registro stage MQ Rev.5 del 05/12/2016 ACCADEMIA ESTETICA REGISTRO DI STAGE ALLIEVA/O CORSO MATRICOLA 201_PI0 _ AZIENDA ACCADEMIA ESTETICA REGISTRO DI STAGE ALLIEVA/O CORSO MATRICOLA 201_PI0 _ AZIENDA 1 ISTRUZIONI Compilazione diario giornaliero Per ogni giorno di stage L'ALLIEVO deve indicare: 1) l'ora di entrata al mattino

Dettagli

OPERATORE DEL BENESSERE

OPERATORE DEL BENESSERE Denominazione Figura / Profilo / Obiettivo Indirizzi OPERATORE DEL BENESSERE 1 - ACCONCIATURA 2 - ESTETICA Area professionale Sottoarea professionale Descrizione SERVIZI ALLA PERSONA Servizi alla persona

Dettagli

COMUNE DI SOLAROLO Provincia di Ravenna REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ESTETISTA TATUAGGIO E PIERCING

COMUNE DI SOLAROLO Provincia di Ravenna REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ESTETISTA TATUAGGIO E PIERCING COMUNE DI SOLAROLO Provincia di Ravenna REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ESTETISTA TATUAGGIO E PIERCING INDICE Art. 1 Oggetto del Regolamento e rinvio alle leggi Art. 2 Svolgimento

Dettagli

ACCONCIATURA ED ESTETICA

ACCONCIATURA ED ESTETICA ACCONCIATURA ED ESTETICA AGGIORNAMENTI ccnl: giugno 2016 Campo di applicazione: Il presente contratto collettivo si applica ai lavoratori dipendenti dalle imprese di: - acconciatura; - estetica; - tricologia

Dettagli

Requisiti soggettivi:

Requisiti soggettivi: - Ufficio competente Per avvio di nuova attività, trasferimento di sede, subingresso e variazione dell attività è competente l' Unità Artigianato e Supporto alle Imprese e alle Libere Professioni. - Descrizione

Dettagli

REGISTRO DI STAGE ALLIEVA/O CORSO MATRICOLA 201_PI0 _ AZIENDA. Mod registro stage MQ Rev.5 del 05/12/2016 ACCADEMIA ESTETICA

REGISTRO DI STAGE ALLIEVA/O CORSO MATRICOLA 201_PI0 _ AZIENDA. Mod registro stage MQ Rev.5 del 05/12/2016 ACCADEMIA ESTETICA ACCADEMIA ESTETICA REGISTRO DI STAGE ALLIEVA/O CORSO MATRICOLA 201_PI0 _ AZIENDA N Iscrizione Ufficio delle Imprese ISTRUZIONI Compilazione diario giornaliero Per ogni giorno di stage L'ALLIEVO deve indicare:

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 24/07/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 59 Pag.

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 24/07/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 59 Pag. 24/07/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 59 Pag. 39 di 319 Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 8 luglio 2014, n. 439 Recepimento Accordo adottato

Dettagli

COMUNE DI VALMOREA Provincia di Como

COMUNE DI VALMOREA Provincia di Como COMUNE DI VALMOREA Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA E DEI TRATTAMENTI DI TATUAGGIO E DI PIERCING Approvato con deliberazione del C.C. n. 11 del 15/03/2008 (Allegato

Dettagli

Deliberazione n del 30 dicembre 2009

Deliberazione n del 30 dicembre 2009 A.G.C. 17 - Istruzione - Educazione - Formazione Professionale - Politica Giovanile e del Forum Regionale della Gioventù - Osservatorio Regionale del Mercato del Lavoro (O.R.ME.L.) - Deliberazione n. 1948

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI BARBIERE, DI PARRUCCHIERE/A PER UOMO E DONNA E MESTIERI AFFINI

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI BARBIERE, DI PARRUCCHIERE/A PER UOMO E DONNA E MESTIERI AFFINI COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo Regolamento comunale n. 27 REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI BARBIERE, DI PARRUCCHIERE/A PER UOMO E DONNA E MESTIERI AFFINI Approvato con deliberazione

Dettagli

All articolo 15 del D.Lgs. 3 marzo 2011, n. 28, dopo il comma 4 sono inseriti i seguenti:

All articolo 15 del D.Lgs. 3 marzo 2011, n. 28, dopo il comma 4 sono inseriti i seguenti: Impianti FER Requisiti di accesso all attività All articolo 15 del D.Lgs. 3 marzo 2011, n. 28, dopo il comma 4 sono inseriti i seguenti: 4 - bis). I periodi di prestazione lavorativa e di collaborazione

Dettagli

Al SUAP del COMUNE DI ROVIGO INDIRIZZO PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA): COMUNICA

Al SUAP del COMUNE DI ROVIGO INDIRIZZO PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA): COMUNICA Da presentarsi almeno 10 giorni prima dell inizio della manifestazione al Comune territorialmente competente Prima di consegnare il modulo, munirsi di fotocopia da far timbrare per ricevuta dall Ufficio

Dettagli

Modifiche alla legge regionale 31 maggio 2004, n. 28 (Disciplina delle attività di estetica e di tatuaggio e piercing)

Modifiche alla legge regionale 31 maggio 2004, n. 28 (Disciplina delle attività di estetica e di tatuaggio e piercing) Modifiche alla legge regionale 31 maggio 2004, n. 28 (Disciplina delle attività di estetica e di tatuaggio e piercing) Sommario Preambolo Art. 1 Modifiche all articolo 3 della l.r. 28/2004 Art. 2 Modifiche

Dettagli

Decreto legislativo n. 276/03 artt. 47-53

Decreto legislativo n. 276/03 artt. 47-53 Decreto legislativo n. 276/03 artt. 47-53 Titolo VI Apprendistato e contratto di inserimento Capo I Apprendistato Art. 47 Definizione, tipologie e limiti quantitativi 1. Ferme restando le disposizioni

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ DI BARBIERE, PARRUCCHIERE UOMO - DONNA ED ESTETISTA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Servizi di manicure e pedicure (da compilare solo per l'acquisizione di dati)

Servizi di manicure e pedicure (da compilare solo per l'acquisizione di dati) 96.0.0 - Servizi degli istituti di bellezza 96.09.0 - Attività di tatuaggio e piercing 96.0.03 - Servizi di manicure e pedicure (da compilare solo per l'acquisizione di dati) barrare la casella corrispondente

Dettagli

,00 3 Altre attività soggette a studi. Numero giornate retribuite Personale addetto all attività

,00 3 Altre attività soggette a studi. Numero giornate retribuite Personale addetto all attività 0 96.0.0 - Servizi degli istituti di bellezza 96.09.0 - Attività di tatuaggio e piercing barrare la casella corrispondente al codice di attività prevalente (vedere istruzioni) A0 A0 A03 A04 A05 A06 A07

Dettagli

ALLEGATO al parere PAR 79 della IV Commissione del 3 dicembre 2015

ALLEGATO al parere PAR 79 della IV Commissione del 3 dicembre 2015 ALLEGATO al parere PAR 79 della IV Commissione del 3 dicembre 2015 Disciplina dell attività di estetista in attuazione dell art. 21bis della l.r. 73/89 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento, in attuazione

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato. Art. 1 Definizione

Testo Unico dell apprendistato. Art. 1 Definizione Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato è definito

Dettagli

Standard di Percorso Formativo Acconciatore Canale di offerta formativa:

Standard di Percorso Formativo Acconciatore Canale di offerta formativa: Standard di Percorso Formativo Acconciatore Canale di offerta formativa: percorso di qualifica biennale di acconciatore ai sensi della della L. n. 174 del 17.08.2005 art. 3 comma 1, lettera a) Disciplina

Dettagli