Grandi Imprese e Pubbliche Amministrazioni Vendite Pubblica Amministrazione Centrale. Iniziativa PAC. Modalità e Condizioni Operative

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Grandi Imprese e Pubbliche Amministrazioni Vendite Pubblica Amministrazione Centrale. Iniziativa PAC. Modalità e Condizioni Operative"

Transcript

1 Grandi Imprese e Pubbliche Amministrazioni Vendite Pubblica Amministrazione Centrale Iniziativa PAC Modalità e Condizioni Operative 1 giugno - 31 dicembre 2010 RUO SGRU - Gestione Corporate e Bancoposta

2 2 L iniziativa PAC decorre dal 1^ Giugno al 31 Dicembre 2010 con l obiettivo di focalizzare l attività commerciale delle Funzioni Commerciali Business sulla massimizzazione dei ricavi 2010 e sulla vendita di prodotti/servizi strategici. L iniziativa consente ai venditori di maturare un bonus in funzione dell attività commerciale svolta nel periodo di validità dell iniziativa.

3 3 Periodo di di validità Dal Dal 1^ 1^ Giugno Giugno al al Dicembre Dicembre Prodotti/Servizi incentivati L L INIZIATIVA INIZIATIVA PAC PAC ha ha per per oggetto oggetto i i seguenti seguenti prodotti/servizi: prodotti/servizi: Mail Mail Room Room Fatturazione Fatturazione Elettronica Elettronica PaRis PaRis / / PDP PDP Anticipo Anticipo su su Fatture Fatture Bonifici Bonifici Incassi Incassi Partecipanti Responsabili Responsabili Venditori Venditori PAC PAC Venditori Venditori PAC PAC Target Clienti Tutti Tutti i i clienti clienti in in portafoglio portafoglio del del segmento segmento PAC PAC

4 4 Modalità di di accesso all iniziativa e maturazione dei dei bonus: L unità L unità di di misura misura della della performance performance saranno saranno i i seguenti seguenti credit: credit: -- 1 contratto contratto = credit. credit. Se Se l account l account avrà avrà realizzato realizzato la la diversificazione diversificazione dei dei prodotti prodotti si si applicheranno applicheranno le le seguenti seguenti ponderazioni: ponderazioni: 2 o più più contratti contratti di di 2 prodotti prodotti differenti: differenti: 1,2 1,2 3 o più più contratti contratti di di 3 prodotti prodotti differenti: differenti: 1,4 1,4 4 o più più contratti contratti di di 4 prodotti prodotti differenti: differenti: 1,6 1,6 5 o più più contratti contratti di di 5 prodotti prodotti differenti: differenti: 1,8 1,8 Per Per poter poter accedere accedere al al bonus bonus dovrà dovrà essere essere raggiunta raggiunta la la soglia soglia minima minima di di credit. credit. Il Il tempo tempo minimo minimo di di presenza presenza in in servizio servizio sull attività sull attività incentivata, incentivata, necessario necessario alla alla partecipazione partecipazione all iniziativa all iniziativa è pari pari alla alla metà metà della della durata durata dell iniziativa dell iniziativa

5 5 Modalità di di accesso all iniziativa e maturazione dei dei bonus: Al Al termine termine dell iniziativa, dell iniziativa, avranno avranno accesso accesso al al bonus: bonus: i i 3 venditori venditori che, che, superata superata la la soglia soglia di di accesso accesso prevista, prevista, avranno avranno maturato maturato il il maggior maggior numero numero di di crediti crediti il il Responsabile Responsabile i i cui cui Account Account avranno avranno maturato maturato il il maggior maggior numero numero medio medio dei dei crediti crediti (somma (somma dei dei crediti crediti maturati maturati dai dai venditori venditori coordinati coordinati da da ciascun ciascun Responsabile Responsabile diviso diviso il il numero numero di di venditori venditori coordinati). coordinati). In In caso caso di di ex-aequo ex-aequo verrà verrà presa presa in in considerazione considerazione la la data data di di stipula stipula del del contratto contratto (firma (firma del del contratto) contratto) Il Il sistema sistema di di monitoraggio monitoraggio dei dei risultati risultati è affidato affidato alla alla struttura struttura di di GIPA/Pianificazione Commerciale Commerciale e Controllo Controllo

6 6 Il Il coinvolgimento coinvolgimento nell nell Iniziativa Iniziativa PAC PAC non non costituisce costituisce condizione condizione per per la la partecipazione, partecipazione, negli negli anni anni futuri, futuri, ad ad analoghe analoghe iniziative iniziative che che Poste Poste Italiane Italiane si si riserva riserva di di confermare, confermare, modificare modificare o non non prevedere. prevedere. Il Il documento documento contenente contenente le le Modalità Modalità e Condizioni Condizioni Operative Operative dell Iniziativa dell Iniziativa PAC PAC è suscettibile, suscettibile, durante durante il il periodo periodo di di validità validità dell iniziativa, dell iniziativa, di di integrazioni integrazioni e/o e/o variazioni variazioni in in relazione relazione a cambiamenti cambiamenti dello dello scenario scenario organizzativo organizzativo e/o e/o di di mercato mercato che che si si manifesteranno manifesteranno nel nel corso corso dell iniziativa dell iniziativa in in oggetto. oggetto. In In ogni ogni caso caso le le eventuali eventuali modifiche, modifiche, di di cui cui sarà sarà data data tempestiva tempestiva informativa informativa agli agli interessati, interessati, non non inficeranno inficeranno gli gli obiettivi obiettivi eventualmente eventualmente già già raggiunti raggiunti dai dai partecipanti. partecipanti. I I bonus bonus relativi relativi all iniziativa: all iniziativa: -costituiscono -costituiscono un integrazione un integrazione straordinaria, straordinaria, di di natura natura variabile, variabile, del del trattamento trattamento economico economico e saranno saranno erogati erogati al al lordo lordo degli degli oneri oneri previsti previsti dalla dalla Legge; Legge; -- sono sono determinati determinati in in funzione funzione dei dei risultati risultati raggiunti raggiunti ad ad incremento incremento della della produttività produttività del del lavoro; lavoro; -- saranno saranno erogati, erogati, fermo fermo restando restando ogni ogni altra altra condizione, condizione, nel nel corso corso del del alle alle risorse risorse che che risultano risultano in in servizio servizio al al dicembre dicembre

7 7 Sarà Sarà escluso escluso dall attribuzione dall attribuzione del del bonus bonus il il personale personale che, che, nel nel periodo periodo di di riferimento riferimento e fino fino al al momento momento della della consuntivazione, consuntivazione, abbia abbia tenuto tenuto comportamenti comportamenti professionali professionali non non coerenti coerenti con con il il codice codice etico etico e il il codice codice disciplinare disciplinare di di Poste Poste Italiane Italiane e sia sia stato stato conseguentemente destinatario destinatario di di procedimento procedimento disciplinare disciplinare che che abbia abbia comportato comportato l applicazione l applicazione di di un un provvedimento provvedimento disciplinare disciplinare più più grave grave della della multa. multa. L erogazione L erogazione del del bonus bonus sarà sarà quindi quindi sospesa sospesa fino fino alla alla definizione definizione dell eventuale dell eventuale intervento intervento disciplinare. disciplinare. L erogazione L erogazione dei dei bonus bonus relativi relativi all' all' Iniziativa Iniziativa PAC PAC non non comporta comporta il il sorgere sorgere di di alcun alcun diritto diritto ad ad analoghe analoghe erogazioni erogazioni future, future, anche anche a fronte fronte di di andamenti andamenti positivi positivi degli degli indicatori indicatori considerati considerati nella nella presente presente incentivazione. incentivazione.

Grandi Imprese e Pubbliche Amministrazioni Vendite Pubblica Amministrazione Centrale. Iniziativa PAC. Modalità e Condizioni Operative

Grandi Imprese e Pubbliche Amministrazioni Vendite Pubblica Amministrazione Centrale. Iniziativa PAC. Modalità e Condizioni Operative Grandi Imprese e Pubbliche Amministrazioni Vendite Pubblica Amministrazione Centrale Iniziativa PAC Modalità e Condizioni Operative 1 giugno - 31 dicembre 2010 RUO SGRU - Gestione Corporate e Bancoposta

Dettagli

Pacchi & Go. to Target!

Pacchi & Go. to Target! 1 Pacchi & Go. to Target! Modalità e Condizioni Operative 1 maggio - 31 luglio 2009 Mercato Privati - Clienti Affari Caratteristiche generali 2 L iniziativa Pacchi & Go to Target! vuole focalizzare l attività

Dettagli

Grandi Imprese e Pubbliche Amministrazioni

Grandi Imprese e Pubbliche Amministrazioni Grandi Imprese e Pubbliche Amministrazioni GI PArte!!! Vendita Grandi Clienti Nord Vendita Grandi Clienti Centro Sud Vendita PAC Modalità e condizioni operative 1 Gennaio - 30 Aprile 2011 RUO SOP Organizzazione

Dettagli

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE CAMPAGNA COMMERCIALE POLIZZE POSTAPROTEZIONE PICCOLA IMPRESA (2 novembre - 31 dicembre 2010) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Mercato Privati PREMESSA 2 PRODOTTO: POLIZZE POSTAPROTEZIONE PICCOLA IMPRESA

Dettagli

CAMPAGNA COMMERCIALE POSTA PREVIDENZA VALORE e POLIZZE DANNI (1 LUGLIO 30 SETTEMBRE) Posteitaliane

CAMPAGNA COMMERCIALE POSTA PREVIDENZA VALORE e POLIZZE DANNI (1 LUGLIO 30 SETTEMBRE) Posteitaliane CAMPAGNA COMMERCIALE POSTA PREVIDENZA VALORE e POLIZZE DANNI (1 LUGLIO 30 SETTEMBRE) PREMESSA PRODOTTI: POLIZZE POSTA PREVIDENZA VALORE e POLIZZE DANNI LE POLIZZE DANNI SONO COSTITUITE DA: Postapersona

Dettagli

CAMPAGNA COMMERCIALE SIS

CAMPAGNA COMMERCIALE SIS (1 MARZO - 30 GIUGNO 2011) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Mercato Privati PREMESSA 2 PRODOTTO: OFFERTA CANALE POSTESHOP PERIODO: 1 MARZO 30 GIUGNO 2011 UP COINVOLTI: SIS ATTIVI FIGURE COINVOLTE LIVELLO

Dettagli

Incentivazione 2010: Campagna portalettere Bancoposta Click SP/RU/OO

Incentivazione 2010: Campagna portalettere Bancoposta Click SP/RU/OO Incentivazione 2010: Campagna portalettere Bancoposta Click SP/RU/OO Nuove opportunità di Business : Portalettere 2 Per incrementare le nuove acquisizioni di conti correnti si stanno studiando nuove opportunità

Dettagli

CAMPAGNE COMMERCIALI PRODOTTI CORRIERE ESPRESSO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE

CAMPAGNE COMMERCIALI PRODOTTI CORRIERE ESPRESSO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE CAMPAGNE COMMERCIALI PRODOTTI CORRIERE ESPRESSO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Mercato Privati PREMESSA 2 SINGOLA CAMPAGNA COMMERCIALE PER PRODOTTO POSTACELERE 1 + PACCOCELERE

Dettagli

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane INCENTIVAZIONE IMPRESA III PERIODO (1 luglio 30 settembre) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Il Comportamento Etico Come indicato nel Codice Etico di Poste Italiane, i rapporti ed i comportamenti, a tutti

Dettagli

La sperimentazione: risultati terza fase (marzo-settembre 2010)

La sperimentazione: risultati terza fase (marzo-settembre 2010) SP Risorse Umane La sperimentazione: risultati terza fase (marzo-settembre 2010) 1 Area test: 46 CD, rappresentativi di tutte le ALT PTL coinvolti: circa 2.500 Premio erogato: prima consuntivazione (marzo-giugno)

Dettagli

Articolazione Servizi Innovativi

Articolazione Servizi Innovativi Articolazione Servizi Innovativi Incentivazione Commerciale 2011 -Quarto trimestre e Rush finale - settembre 2011 Sistema incentivante: Quarto trimestre 2011 (ottobre-novembre-dicembre) e Rush finale 1

Dettagli

INIZIATIVA COMMERCIALE SIM POSTEMOBILE

INIZIATIVA COMMERCIALE SIM POSTEMOBILE 1 INIZIATIVA COMMERCIALE SIM POSTEMOBILE (1 31 MARZO 2011) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 PRODOTTI: SIM POSTEMOBILE PERIODO: 1 31 MARZO 2011 UP COINVOLTI: TUTTI GLI ABILITATI FIGURE COINVOLTE

Dettagli

CAMPAGNA COMMERCIALE PRODOTTI POSTA PREVIDENZA VALORE POLIZZE DANNI CPI MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

CAMPAGNA COMMERCIALE PRODOTTI POSTA PREVIDENZA VALORE POLIZZE DANNI CPI MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE CAMPAGNA COMMERCIALE PRODOTTI POSTA PREVIDENZA VALORE POLIZZE DANNI CPI (1 MARZO 30 APRILE) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Mercato Privati PREMESSA 2 SINGOLA CAMPAGNA COMMERCIALE PER: POSTA PREVIDENZA

Dettagli

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane INCENTIVAZIONE IMPRESA IV PERIODO (1 ottobre 31 dicembre) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 A PARTIRE DA QUESTO PERIODO IL SISTEMA BASE PREVEDE UN "NUOVO MODELLO" DI INCENTIVAZIONE DEDICATO AGLI

Dettagli

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU (3 MAGGIO - 31 AGOSTO) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE 14 maggio 2010 CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU 2 DURATA: 3 MAGGIO 2010 31 AGOSTO 2010 FINALITA :FAVORIRE LA COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

Sperimentazione Verona - Padova - Rovigo Prolungamento Agosto Dicembre 09. SP Risorse Umane

Sperimentazione Verona - Padova - Rovigo Prolungamento Agosto Dicembre 09. SP Risorse Umane Sperimentazione Verona - Padova - Rovigo Prolungamento Agosto Dicembre 09 L iniziativa come è nata 2 Durata: dal 6 aprile u.s. al 31 luglio p.v.- con integrazione di un secondo nucleo di altri partecipanti

Dettagli

CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU. Posteitaliane (1 FEBBRAIO - 31 MARZO) Febbraio 2010

CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU. Posteitaliane (1 FEBBRAIO - 31 MARZO) Febbraio 2010 CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU (1 FEBBRAIO - 31 MARZO) Febbraio 2010 CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU 2 DURATA: 1 FEBBRAIO 2010 31 MARZO 2010 FINALITA :FAVORIRE LA COMMERCIALIZZAZIONE DEL NUOVO CONTO BANCOPOSTA

Dettagli

Sperimentazione Verona - Padova - Rovigo Aprile-Luglio 09. SP Risorse Umane

Sperimentazione Verona - Padova - Rovigo Aprile-Luglio 09. SP Risorse Umane Sperimentazione Verona - Padova - Rovigo Aprile-Luglio 09 Introduzione 2 IL MERCATO CHE CAMBIA: POSTE ITALIANE Poste Mail Pack e Poste Packaging Mail Room Servizi personalizzati al destinatario Sales link

Dettagli

Incontro OO.SS. Nazionali 31 marzo 2009. SP Risorse Umane

Incontro OO.SS. Nazionali 31 marzo 2009. SP Risorse Umane Sperimentazione Milano Aprile 09 Incontro OO.SS. Nazionali 31 marzo 2009 Il contesto di riferimento 2 IL MERCATO CHE CAMBIA: POSTE ITALIANE Poste Mail Pack e Poste Packaging Mail Room Servizi personalizzati

Dettagli

Sperimentazione Verona - Padova - Rovigo Aprile-Luglio 09. SP Risorse Umane

Sperimentazione Verona - Padova - Rovigo Aprile-Luglio 09. SP Risorse Umane Sperimentazione Verona - Padova - Rovigo Aprile-Luglio 09 Introduzione 2 IL MERCATO CHE CAMBIA: POSTE ITALIANE Poste Mail Pack e Poste Packaging Mail Room Servizi personalizzati al destinatario Sales link

Dettagli

Presentazione del servizio di data collecting Rilevazione dei Numeri Civici (RNC)

Presentazione del servizio di data collecting Rilevazione dei Numeri Civici (RNC) SP Risorse Umane Presentazione del servizio di data collecting Rilevazione dei Numeri Civici (RNC) 1 Nell ambito delle disposizioni contenute nel Programma Statistico Nazionale 2008-2010 (art. 50, comma

Dettagli

Gara di Vendita SHOP IN SHOP e BASIC 26 maggio - 31 luglio 2008 REGOLAMENTO. chief network & sales office

Gara di Vendita SHOP IN SHOP e BASIC 26 maggio - 31 luglio 2008 REGOLAMENTO. chief network & sales office 1 Gara di Vendita SHOP IN SHOP e BASIC 26 maggio - 31 luglio 2008 REGOLAMENTO 2 Il processo di vendita è un processo delicato soprattutto quando vendiamo prodotti finanziari Etica di vendita Proporre sempre

Dettagli

Campioni New Business

Campioni New Business Campioni New Business 1 settembre 31 ottobre 2008 REGOLAMENTO 2 Il processo venta è un processo delicato soprattutto quando venamo prodotti finanziari Etica venta Proporre sempre i prodotti più adatti

Dettagli

MODALITA E CONDIZIONI OPERATIVE. Data: ottobre Redatto da: - RUO/Sviluppo e Gestione Risorse Umane - SP/Risorse Umane

MODALITA E CONDIZIONI OPERATIVE. Data: ottobre Redatto da: - RUO/Sviluppo e Gestione Risorse Umane - SP/Risorse Umane MODALITA E CONDIZIONI OPERATIVE Data: ottobre 2010 Redatto da: - RUO/Sviluppo e Gestione Risorse Umane - SP/Risorse Umane IncentivAzione 2010 Articolazione Servizi Innovativi 2 1. Premessa Il presente

Dettagli

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane INCENTIVAZIONE RETAIL BONUS PERFORMANCE ANNUO 2010 MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 IL SISTEMA DI INCENTIVAZIONE BONUS PERFORMANCE ANNUO PREVEDE UN "NUOVO MODELLO" DI INCENTIVAZIONE DEDICATO

Dettagli

INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009

INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009 INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009 Sintesi articolazione secondo quadrimestre 01/05/09 31/08/09 Il Comportamento Etico 2 Come indicato nel Codice Etico di Poste Italiane, i rapporti ed i comportamenti,

Dettagli

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane INCENTIVAZIONE UP RETAIL CON AREA IMPRESA III PERIODO (1 luglio 30 settembre) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 PER GLI UP RETAIL CON AREA IMPRESA VI SONO DUE SISTEMI DI INCENTIVAZIONE DISTINTI

Dettagli

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane INCENTIVAZIONE UP RETAIL CON AREA IMPRESA IV PERIODO (1 ottobre 31 dicembre) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 PER GLI UP RETAIL CON AREA IMPRESA VI SONO DUE SISTEMI DI INCENTIVAZIONE DISTINTI

Dettagli

Modalità e Condizioni Operative

Modalità e Condizioni Operative PosteMobile Yes, I phone! Modalità e Condizioni Operative 1 ottobre - 31 dicembre 2009 Risorse Umane e Organizzazione - Clienti Affari - Mercato Privati Poste Mobile Yes, I phone! Caratteristiche generali

Dettagli

INCENTIVAZIONE UP RETAIL CON AREA IMPRESE

INCENTIVAZIONE UP RETAIL CON AREA IMPRESE INCENTIVAZIONE UP RETAIL CON AREA IMPRESE MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 PER GLI UP RETAIL CON AREA IMPRESE VI SONO DUE SISTEMI DI INCENTIVAZIONE DISTINTI SISTEMA DI INCENTIVAZIONE RETAIL (2

Dettagli

INCENTIVAZIONE RETAIL

INCENTIVAZIONE RETAIL INCENTIVAZIONE RETAIL MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Il Comportamento Etico Come indicato nel Codice Etico di Poste Italiane, i rapporti ed i comportamenti, a tutti i livelli aziendali, devono essere

Dettagli

Modalità e Condizioni Operative

Modalità e Condizioni Operative Grandi Imprese e Pubbliche Amministrazioni Vendita Grandi Clienti Task Force Direct Marketing Poste Commerce Posta Internazionale Modalità e Condizioni Operative 1 luglio - 31 ottobre 2010 2 In relazione

Dettagli

SISTEMA DI INCENTIVAZIONE COMMERCIALE 2009: SISTEMA BASE

SISTEMA DI INCENTIVAZIONE COMMERCIALE 2009: SISTEMA BASE SISTEMA DI INCENTIVAZIONE COMMERCIALE 2009: SISTEMA BASE MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE 2 Punti di forza del Sistema Base 2009 Superamento della leva dei ricavi e sostegno dei risultati a volumi fin dai

Dettagli

2 novembre - 31 dicembre 2010

2 novembre - 31 dicembre 2010 2 novembre - 31 dicembre 2010 Kit di Formazione per i Portalettere a cura dei Resp. CD Indice 2 Premessa Presentazione del sistema incentivante Meccanismo di incentivazione Regole accessorie Premessa:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI INCARICHI ESTERNI DA PARTE DEI DIPENDENTI COMUNALI AI SENSI DELL ART. 53 DEL D.LGS. N.

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI INCARICHI ESTERNI DA PARTE DEI DIPENDENTI COMUNALI AI SENSI DELL ART. 53 DEL D.LGS. N. COMUNE DI CALCATA Provincia di Viterbo Approvato con Deliberazione di G.C. n. 7 del 29.01.2014 ALL. A. REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI INCARICHI ESTERNI DA PARTE DEI DIPENDENTI COMUNALI AI SENSI DELL

Dettagli

Provincia di Viterbo Assessorato Formazione Professionale e Politiche per il lavoro. Idee Giovani. Per le iniziative a sostegno dell imprenditorialità

Provincia di Viterbo Assessorato Formazione Professionale e Politiche per il lavoro. Idee Giovani. Per le iniziative a sostegno dell imprenditorialità Allegato 2 Provincia di Viterbo Assessorato Formazione Professionale e Politiche per il lavoro Idee Giovani Per le iniziative a sostegno dell imprenditorialità BUSINESS PLAN Denominazione Impresa: Data

Dettagli

Direzione Generale SISTEMA DI MISURAZIONE E DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Direzione Generale SISTEMA DI MISURAZIONE E DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale SISTEMA DI MISURAZIONE E DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE VALUTAZIONE DEI RISULTATI DELLE POSIZIONI DIRIGENZIALI ANNO 2011 LINEE GUIDA DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI

Dettagli

Sistema di Incentivazione 2009 per il Personale di Rete della Divisione Banca dei Territori

Sistema di Incentivazione 2009 per il Personale di Rete della Divisione Banca dei Territori Sistema di Incentivazione 2009 per il Personale di Rete della Divisione Banca dei Territori Incontro con OO.SS. 9 Luglio 2009 1 Principali linee guida Il Sistema di Incentivazione 2009 ha lo scopo di promuovere

Dettagli

Il servizio controllo qualità e trasparenza dell azione amministrativa incontra la Consulta del territorio il

Il servizio controllo qualità e trasparenza dell azione amministrativa incontra la Consulta del territorio il Il servizio controllo qualità e trasparenza dell azione amministrativa incontra la Consulta del territorio il 12.12.2012 Per partire alcune definizioni Nelle pagine dedicate a trasparenza, valutazione

Dettagli

Politiche di remunerazione Gruppo Cassa di Risparmio di Bolzano

Politiche di remunerazione Gruppo Cassa di Risparmio di Bolzano Politiche di remunerazione 2017 Gruppo Cassa di Risparmio di Bolzano Agenda 1 Informativa Remunerazione 2016 2 Proposta Politiche di Remunerazione 2017 2 Informazioni sulla remunerazione Tutti i criteri

Dettagli

Modelli e metodologie per l analisi strategica

Modelli e metodologie per l analisi strategica Modelli e metodologie per l analisi strategica Realizzazione del progetto e controllo strategico Vicenza, A.A. 2011-2012 Schema ANALISI VISION PROGETTO STRATEGICO STRATEGIC DESIGN REALIZZAZIONE E CONTROLLO

Dettagli

INCENTIVAZIONE MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Mercato Privati

INCENTIVAZIONE MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Mercato Privati INCENTIVAZIONE MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Mercato Privati Il Comportamento Etico 2 Come indicato nel Codice Etico di Poste Italiane, i rapporti ed i comportamenti, a tutti i livelli aziendali, devono

Dettagli

ALLEGATO 2 MANTENIMENTO DEL VALORE DI MERCATO DELLA RETE DISTRIBUTIVA FISICA

ALLEGATO 2 MANTENIMENTO DEL VALORE DI MERCATO DELLA RETE DISTRIBUTIVA FISICA ALLEGATO 2 MANTENIMENTO DEL VALORE DI MERCATO DELLA RETE DISTRIBUTIVA FISICA INDICE PREMESSA 3 1. MANTENIMENTO DEL VALORE DI MERCATO DELLA RETE DISTRIBUTIVA FISICA 5 1.1. ALLINEAMENTO DELLA RETE DISTRIBUTIVA

Dettagli

CODICE DI RETE TIPO PER LA DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA

CODICE DI RETE TIPO PER LA DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA CODICE DI RETE TIPO PER LA DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA DIREZIONE MERCATI AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO Milano, 12 settembre 2014 Premessa Il contenuto della Scheda

Dettagli

Verbale d intesa in materia di produttività per l anno 2014

Verbale d intesa in materia di produttività per l anno 2014 Verbale d intesa in materia di produttività per l anno 2014 sottoscritto il 23,12.2014 a Roma In data intesa: 23.12.2014 le delegazioni sottoscrivono il seguente Verbale di PER L INPS Il Presidente delle

Dettagli

ACCORDO IN MATERIA DI PREMIO DI RISULTATO AZIENDALE

ACCORDO IN MATERIA DI PREMIO DI RISULTATO AZIENDALE ACCORDO IN MATERIA DI PREMIO DI RISULTATO AZIENDALE Tra AGOS DUCATO SPA e Rappresentanze sindacali aziendali Premesso che 1. in Agos Ducato si applica il CCNL Credito ABI tempo per tempo vigente; 2. l

Dettagli

Il ruolo di BancoPosta. Carlo Enrico Responsabile BancoPosta Roma, 2 Dicembre 2008

Il ruolo di BancoPosta. Carlo Enrico Responsabile BancoPosta Roma, 2 Dicembre 2008 Il ruolo di BancoPosta Carlo Enrico Responsabile BancoPosta Roma, 2 Dicembre 2008 Principali Asset di BancoPosta 2 >4,7 miliardi di ricavi >360 miliardi raccolta di risparmio (>10% quota di mercato) ~14.000

Dettagli

LA GESTIONE AMMINISTRATIVO-CONTABILE DEL PERSONALE IN AMBITO REGIONI-AUTONOMIE LOCALI

LA GESTIONE AMMINISTRATIVO-CONTABILE DEL PERSONALE IN AMBITO REGIONI-AUTONOMIE LOCALI LA GESTIONE AMMINISTRATIVO-CONTABILE DEL PERSONALE IN AMBITO REGIONI-AUTONOMIE LOCALI Esame delle problematiche più rilevanti concernenti i controlli dei Servizi Ispettivi della Ragioneria Generale dello

Dettagli

Oggetto: Relazione sul funzionamento del sistema di misurazione e valutazione delle performance trasparenza e integrità dei controlli interni

Oggetto: Relazione sul funzionamento del sistema di misurazione e valutazione delle performance trasparenza e integrità dei controlli interni Nucleo di Valutazione Comune di Nuraminis Alla cortese attenzione del Sindaco Stefano Anni Oggetto: Relazione sul funzionamento del sistema di misurazione e valutazione delle performance trasparenza e

Dettagli

INTEGRAZIONE AL BANDO DI CONCORSO BORSE DI STUDIO ENI A.A VALEVOLE ESCLUSIVAMENTE PER I CANDIDATI CHE CONCORRONO ALLA GRADUATORIA C,

INTEGRAZIONE AL BANDO DI CONCORSO BORSE DI STUDIO ENI A.A VALEVOLE ESCLUSIVAMENTE PER I CANDIDATI CHE CONCORRONO ALLA GRADUATORIA C, INTEGRAZIONE AL BANDO DI CONCORSO BORSE DI STUDIO ENI A.A. 2016-2017 VALEVOLE ESCLUSIVAMENTE PER I CANDIDATI CHE CONCORRONO ALLA GRADUATORIA C, iscritti ad anni successivi al primo in un di laurea triennale,

Dettagli

GABETTI PROPERTY SOLUTIONS S.p.A. : IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2006

GABETTI PROPERTY SOLUTIONS S.p.A. : IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2006 COMUNICATO STAMPA GABETTI PROPERTY SOLUTIONS S.p.A. : IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2006 Ricavi in crescita e risultati in linea con quanto programmato nel

Dettagli

Provincia di Campobasso

Provincia di Campobasso Provincia di Campobasso Stato di attuazione le azioni Programma per la trasparenza e l integrità N. 1 2 3 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ E STATO DI ATTUAZIONE PIANO E RELAZIONE SULLA

Dettagli

Ministero del lavoro, Ministero dell'economia, decreto (In attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale)

Ministero del lavoro, Ministero dell'economia, decreto (In attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale) Premi di produttività 2013: criteri per lo sgravio contributivo Il Ministero del lavoro, a norma dell'art. 10 del D.L. 102/2013, ha predisposto il decreto con il quale fissa i limiti e le regole per l'applicazione

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE per il Personale delle Aree Professionali e per i Quadri Direttivi di Unipol Merchant S.p.A.

CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE per il Personale delle Aree Professionali e per i Quadri Direttivi di Unipol Merchant S.p.A. CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE per il Personale delle Aree Professionali e per i Quadri Direttivi di Unipol Merchant S.p.A. 5 luglio 2007-1 - Contratto Integrativo Aziendale per il Personale delle Aree

Dettagli

Sistema Incentivante 2008

Sistema Incentivante 2008 Jesi, 25 marzo 2008 Sistema Incentivante 2008 Informativa agli Organismi Sindacali Aziendali ai sensi dell art. 44, comma 4, del CCNL 12/2/2005, così come modificato dall accordo di rinnovo dell 8/12/2007.

Dettagli

ALLEGATO C SCHEMA DI CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

ALLEGATO C SCHEMA DI CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 65 del 3-5-2007 7107 ALLEGATO C SCHEMA DI CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA Il presente allegato si compone di n 6 (sei) pagine inclusa

Dettagli

I rappresentanti dell Agenzia delle Entrate e delle Organizzazioni Sindacali dell area VI della Dirigenza PREMESSO

I rappresentanti dell Agenzia delle Entrate e delle Organizzazioni Sindacali dell area VI della Dirigenza PREMESSO CRITERI DI CORRESPONSIONE DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO AI DIRIGENTI DI UFFICI NON DI VERTICE E AI FUNZIONARI INCARICATI DELLA DIREZIONE PROVVISORIA DI DETTI UFFICI PER L ANNO 2010 I rappresentanti dell

Dettagli

COMUNE DI PASSERANO MARMORITO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE PER I TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA

COMUNE DI PASSERANO MARMORITO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE PER I TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA COMUNE DI PASSERANO MARMORITO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE PER I TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA Approvato con D.G.C. n. 42 del 26 ottobre 2016 Il presente documento, nel

Dettagli

GESTIONE, DISEGNO E SVILUPPO DELLE RETI DI VENDITA

GESTIONE, DISEGNO E SVILUPPO DELLE RETI DI VENDITA GESTIONE, DISEGNO E SVILUPPO DELLE RETI DI VENDITA 2017 Marketing sales & communication Z1196.2 XIV Edizione / Formula weekend 8 APRILE 6 MAGGIO 2017 MARKETING SALES & COMMUNICATION REFERENTE SCIENTIFICO

Dettagli

OTTIMIZZAZIONE DEI COSTI E DEFINIZIONE DI UN PIANO DI RIDUZIONE DEI COST DRIVERS

OTTIMIZZAZIONE DEI COSTI E DEFINIZIONE DI UN PIANO DI RIDUZIONE DEI COST DRIVERS GIORNATA DI STUDIO BOLOGNA ANNO FORMATIVO 2017-2018 MILANO VENEZIA Con la collaborazione scientifica di GIORNATA DI STUDIO A PIANO DI INCREMENTO DEI RICAVI, STRATEGIE DI PRICING DEI PRODOTTI E BUSINESS

Dettagli

DECRETO n. 182 del 26/03/2015

DECRETO n. 182 del 26/03/2015 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE S.A.T. Servizi Ambientali Territoriali ART. 1 LEGGE 190/2012. Approvato dall Assemblea in data.

SISTEMA DISCIPLINARE S.A.T. Servizi Ambientali Territoriali ART. 1 LEGGE 190/2012. Approvato dall Assemblea in data. SERVIZI AMBIENTALI TERRITORIALI S.r.l. SOCIETA DI SERVIZI DEL COMUNE DI TREVIOLO SISTEMA DISCIPLINARE S.A.T. Servizi Ambientali Territoriali ART. 1 LEGGE 190/2012 Approvato dall Assemblea in data 25 gennaio

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 203-205. Premessa Con la redazione del presente Programma triennale per la trasparenza e l integrità di seguito denominato programma, il Comune

Dettagli

DETERMINAZIONE. Estensore DONINI GIULIANA. Responsabile del procedimento PRIORI CLAUDIO. Responsabile dell' Area O. GUGLIELMINO

DETERMINAZIONE. Estensore DONINI GIULIANA. Responsabile del procedimento PRIORI CLAUDIO. Responsabile dell' Area O. GUGLIELMINO REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: LAVORO AFFARI GENERALI DETERMINAZIONE N. G08181 del 12/06/2017 Proposta n. 10765 del 12/06/2017 Oggetto: POR FSE 2014/2020 Integrazione all'avviso pubblico "Candidatura

Dettagli

L ABC DELL APPALTO PUBBLICO DI FORNITURE E SERVIZI

L ABC DELL APPALTO PUBBLICO DI FORNITURE E SERVIZI L ABC DELL APPALTO PUBBLICO DI FORNITURE E SERVIZI OBIETTIVI Il ciclo di seminari si propone di fornire un quadro d insieme dell appalto pubblico di forniture e servizi, così da fornire un primo orientamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI RATEIZZAZIONE DI TRIBUTI COMUNALI ARRETRATI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI RATEIZZAZIONE DI TRIBUTI COMUNALI ARRETRATI CITTA DI MARTINENGO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI RATEIZZAZIONE DI TRIBUTI COMUNALI ARRETRATI TESTO COORDINATO - APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMNUNALE N. 70 DEL 14.11.2016

Dettagli

Contabilità industriale: modelli vecchi e nuovi

Contabilità industriale: modelli vecchi e nuovi Contabilità industriale: modelli vecchi e nuovi sul piano applicativo: i modelli vecchi sono: generalizzabili stabili nel tempo + semplici onerosi + precisi (ampio riferim. a valori effettivi) + attendibili

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca RELAZIONE TECNICO-FINANZIARIA Allegata all Ipotesi di Contratto Integrativo di Sede relativo ai Criteri e modalità di utilizzazione del Fondo

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI Identità e contatti del finanziatore Finanziatore Igea Banca S.p.A. Indirizzo Sede legale e Direzione Generale: Via Paisiello, 38-00198 Roma Codice

Dettagli

IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Finanziatore

IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Finanziatore IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Finanziatore Igea Banca S.p.A. Indirizzo Sede legale e Direzione Generale: Via Paisiello, 38-00198 Roma Codice Fiscale, Partita Iva 04256050875 Telefono Tel. +39068845800

Dettagli

Ipotesi di accordo relativo alla distribuzione del Fondo Unico di Amministrazione dell Agenzia Industrie Difesa per l anno 2016

Ipotesi di accordo relativo alla distribuzione del Fondo Unico di Amministrazione dell Agenzia Industrie Difesa per l anno 2016 1 MINISTERO DELLA DIFESA AGENZIA INDUSTRIE DIFESA DIREZIONE GENERALE Via XX Settembre, 123/a 00187 ROMA Posta elettronica: aid@agenziaindustriedifesa.it Posta elettronica certificata: aid@postacert.difesa.it

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Relazione tecnico - finanziaria Allegata all Ipotesi di Contratto Integrativo di Sede relativo ai Criteri e modalità di utilizzazione del Fondo Unico di Amministrazione Anno 2015 riguardante il personale

Dettagli

ebinar Dai valore al tuo investimento. Formazione on line sui software OrisLine, partecipa comodamente, da dove vuoi!

ebinar Dai valore al tuo investimento. Formazione on line sui software OrisLine, partecipa comodamente, da dove vuoi! ebinar Dai valore al tuo investimento. Formazione on line sui software OrisLine, partecipa comodamente, da dove vuoi! 2017 OrisLine. All rights reserved Gestione informatica dello Studio Odontoiatrico

Dettagli

CAMPAGNE COMMERCIALE PRODOTTI MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

CAMPAGNE COMMERCIALE PRODOTTI MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE CAMPAGNE COMMERCIALE PRODOTTI CORRIERE ESPRESSO NAZIONALE (compreso Home Box) + PACCOCELERE INTERNAZIONALE+ EMS/QPE+ PACCOCELERE IMPRESA (Nazionale) + RACCOMANDATA 1 BUSINESS (1 APRILE 31 MAGGIO 2011)

Dettagli

COMITATO REMUNERAZIONI

COMITATO REMUNERAZIONI REGOLAMENTO DEL COMITATOO REMUNERAZIONI DI POSTEE ITALIANE S.p.A. Documento approvato dal Consiglio di Amministrazionee di Poste Italiane S.p.A. nella riunione del 22 settembre 2015 2 ART. 1 Composizione

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 25 LUGLIO 2013 338/2013/R/EFR DEFINIZIONE DEL CONTRATTO-TIPO AI FINI DELL EROGAZIONE DEGLI INCENTIVI PREVISTI DAL DECRETO INTERMINISTERIALE 28 DICEMBRE 2012, RELATIVI A INTERVENTI DI PICCOLE

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA VITERBO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 215 DEL 29/5/2013

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA VITERBO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 215 DEL 29/5/2013 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA VITERBO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 215 DEL 29/5/2013 OGGETTO : Attività volte all incremento della riscossione spontanea del diritto annuale

Dettagli

Linee di Indirizzo per la Programmazione Sociale ( Piani di Zona)

Linee di Indirizzo per la Programmazione Sociale ( Piani di Zona) Linee di Indirizzo per la Programmazione Sociale 2015-2017 ( Piani di Zona) 1 Lo scenario di partenza per la nuova programmazione sociale: I principali esiti del monitoraggio di attuazione del triennio

Dettagli

Art. 1. Definizione di posizione organizzativa e di alta Professionalità

Art. 1. Definizione di posizione organizzativa e di alta Professionalità Art. 1 Definizione di posizione organizzativa e di alta Professionalità Il presente regolamento disciplina i criteri per l individuazione, il conferimento, la valutazione e la revoca degli incarichi di

Dettagli

Le rettifiche di storno

Le rettifiche di storno Corso di Laurea Triennale in: Scienze Turistiche Corso di: Economia Aziendale www.fargroup.eu Ratei e risconti Fatturazione da emettere e da ricevere Le rettifiche di storno Stornano costi e ricavi che

Dettagli

Relazione sulla gestione Esercizio 2015

Relazione sulla gestione Esercizio 2015 Relazione sulla gestione Esercizio 2015 del Segretario Generale Rossano Bartoli 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE ESERCIZIO 2015 Andamento della gestione Attività Istituzionale Con riferimento all attività istituzionale,

Dettagli

(della Provincia di Perugia)

(della Provincia di Perugia) (della Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE, RIPARTIZIONE E LIQUIDAZIONE DEL FONDO EX ART. 18 DELLA LEGGE 109/94 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI E INTEGRAZIONI. AGGIORNATO ALLA LEGGE 144/99

Dettagli

RIFORMA DEL PUBBLICO IMPIEGO Novità introdotte dalla c.d. riforma Madia [d.lgs. 74/2017 e d.lgs. 75/2017]

RIFORMA DEL PUBBLICO IMPIEGO Novità introdotte dalla c.d. riforma Madia [d.lgs. 74/2017 e d.lgs. 75/2017] DIREZIONE GENERALE INFORMAZIONE GIURIDICA RIFORMA DEL PUBBLICO IMPIEGO Novità introdotte dalla c.d. riforma Madia [d.lgs. 74/2017 e d.lgs. 75/2017] Aggiornato al 16 giugno 2017 (a cura di G. Valandro)

Dettagli

SLC-CGIL Sindacato Lavoratori della Comunicazione di Napoli. Unione degli Industriali di Roma

SLC-CGIL Sindacato Lavoratori della Comunicazione di Napoli. Unione degli Industriali di Roma Unione degli Industriali di Roma CONFINDUSTRIA Addì 3 giugno 2002, in Roma, presso la Sede dell Unione degli Industriali di Roma TRA - la Società TELECOM ITALIA S.p.A, assistita dall Unione degli Industriali

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N 206 DEL 12 DICEMBRE 2014

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N 206 DEL 12 DICEMBRE 2014 CASA ASSISTENZA ANZIANI Piazza Bocchera,3-37018 Malcesine (VR) DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N 206 DEL 12 DICEMBRE 2014 OGGETTO: INCARICO DI LOGOPEDISTA IN LIBERA PROFESSIONE ALLA SIG.RA GISALDI SILVIA

Dettagli

Piattaforma SpeedUp, l approccio integrato alla gestione del credito che consente di disporre:

Piattaforma SpeedUp, l approccio integrato alla gestione del credito che consente di disporre: Piattaforma SpeedUp, l approccio integrato alla gestione del credito che consente di disporre: Di un sistema evoluto in grado di supportare tutte le attività di gestione delle fatture in scadenza e insolute

Dettagli

Manuale gestione conto terzi

Manuale gestione conto terzi Manuale gestione conto terzi Accedere nell Area riservata di Siper alla funzione Conto Terzi ( la funzione è visibile solo agli utenti che sono identificati dal sistema come DIRETTORI/DIRIGENTI). Accendendo

Dettagli

METODOLOGIA PER LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

METODOLOGIA PER LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE METODOLOGIA PER LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE In sede di adeguamento del Regolamento sull ordinamento degli uffici e dei servizi al D.lgs. n. 150/2009, avvenuto con deliberazione G.C. n. 86/2010,

Dettagli

Durata: Il contratto avrà durata dal (o dalla data di conclusione del contratto se successiva) fino al

Durata: Il contratto avrà durata dal (o dalla data di conclusione del contratto se successiva) fino al Rimini, 3 febbraio 2017 Spett.le Ai Fornitori interessati Codice Riferimento Cig. ZEA1D50C5E OGGETTO: Incarico di ufficio stampa attività anno 2017. Si rende noto che in base alle necessità di APT Servizi

Dettagli

GIORNATA DELLA TRASPARENZA REGIONE LIGURIA Strutture della Giunta regionale

GIORNATA DELLA TRASPARENZA REGIONE LIGURIA Strutture della Giunta regionale GIORNATA DELLA TRASPARENZA 2016 REGIONE LIGURIA Strutture della Giunta regionale Anticorruzione: una nuova cultura amministrativa Integrazione tra i piani Anticorruzione e della Luca Nervi Responsabile

Dettagli

Attività di collaborazione retribuita di 150 ore

Attività di collaborazione retribuita di 150 ore Attività di collaborazione retribuita di 150 ore ATTIVITÀ DI COLLABORAZIONE RETRIBUITA DI 150 ORE (art. 13 della legge 2.12.1991, n. 390) CHI PUÒ PRESENTARE LA DOMANDA Possono presentare la domanda per

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER DIRETTORI DI AZIENDA SANITARIA E DIRIGENTI DI STRUTTURA COMPLESSA LINEE GUIDA 2017

CORSI DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER DIRETTORI DI AZIENDA SANITARIA E DIRIGENTI DI STRUTTURA COMPLESSA LINEE GUIDA 2017 CORSI DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER DIRETTORI DI AZIENDA SANITARIA E DIRIGENTI DI STRUTTURA COMPLESSA LINEE GUIDA 2017 1 1. PREMESSA I percorsi di formazione manageriale per l anno accademico 2017-2018

Dettagli

BOZZA DI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL INDENNITA DI RESPONSABILITA AL PERSONALE DELLE CATEGORIE B-C-D -ex ART.91 CCNL 2006/2009 PREMESSE

BOZZA DI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL INDENNITA DI RESPONSABILITA AL PERSONALE DELLE CATEGORIE B-C-D -ex ART.91 CCNL 2006/2009 PREMESSE BOZZA DI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL INDENNITA DI RESPONSABILITA AL PERSONALE DELLE CATEGORIE B-C-D -ex ART.91 CCNL 2006/2009 PREMESSE L art. 91, comma 1, del CCNL 2006/2009, stabilisce che le Amministrazioni,

Dettagli

Incentivi alla performance individuale del personale anno 2015 e triennio

Incentivi alla performance individuale del personale anno 2015 e triennio Incentivi alla performance individuale del personale anno 2015 e triennio 2015-2017 Incentivi di produttività individuale per MIGLIORAMENTO DI SERVIZI ESISTENTI Riferiti a obiettivi PEG 2015 parte «SeO»

Dettagli

Valsoia S.p.A.: il CdA approva la Relazione Semestrale al 30 giugno 2006

Valsoia S.p.A.: il CdA approva la Relazione Semestrale al 30 giugno 2006 COMUNICATO STAMPA Valsoia S.p.A.: il CdA approva la Relazione Semestrale al 30 giugno 2006 Ricavi di vendita: 26,173 mln ( 22,801 mln al 30 giugno 2005) Crescente successo di tutte le famiglie di prodotti

Dettagli

2 - PROCESSO DI ADOZIONE DEL PIANO

2 - PROCESSO DI ADOZIONE DEL PIANO 1 PREMESSA Il presente piano della prevenzione della corruzione è stato redatto ai sensi del comma 59 dell art. 1 della legge 190/2012 e secondo le linee di indirizzo dettate dal Piano Nazionale dell Anticorruzione

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEI DIRIGENTI METODOLOGIA E PROCEDURE

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEI DIRIGENTI METODOLOGIA E PROCEDURE SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEI DIRIGENTI METODOLOGIA E PROCEDURE A cura della Direzione Pianificazione Strategica, Smart City e Statistica 1 INDICE PREMESSA 3 OGGETTO DELLA VALUTAZIONE 3

Dettagli

Modulo di partecipazione

Modulo di partecipazione Modulo di partecipazione JAVA ACADEMY - CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE EDIZIONE 2015 La presente richiesta di iscrizione deve essere compilata in ogni sua parte, sottoscritta e inviata a, in formato

Dettagli

MASSIMO 70 A) Composizione del Team di lavoro messo a disposizione per l erogazione 55 punti max

MASSIMO 70 A) Composizione del Team di lavoro messo a disposizione per l erogazione 55 punti max Valutazione offerta tecnica relativamente al Lotto 2: la valutazione dell offerta tecnica avverrà secondo i parametri riportati nella Tabella sottostante, con l attribuzione dei relativi punteggi. PARAMETRI

Dettagli

REGOLAMENTO CONSULTA VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROVINCIA DI BERGAMO

REGOLAMENTO CONSULTA VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO CONSULTA VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROVINCIA DI BERGAMO Art. 1 - Costituzione E istituita la Consulta del Volontariato di Protezione Civile della Provincia di Bergamo, con sede presso

Dettagli