Allegato 2 Proposta di modello standard per la raccolta di dati aggregati relativi ai pazienti con gioco d azzardo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato 2 Proposta di modello standard per la raccolta di dati aggregati relativi ai pazienti con gioco d azzardo"

Transcript

1 Allegato 2 Proposta di modello standard per la raccolta di dati aggregati relativi ai pazienti con gioco d azzardo Viene di seguito riportata la proposta sviluppata dal Dipartimento Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri, nell ambito del progetto GAP (Allegato 1), di un modello standard per la raccolta dei dati relativi ai pazienti in carico per gioco d azzardo presso i Dipartimenti delle Dipendenze. La proposta verrà valutata e concertata con i Ministeri competenti e con le Regioni e le Provincie Autonome. Il modello è finalizzato alla rilevazione epidemiologica dei soggetti affetti da gioco d azzardo problematico o patologico e alla definizione di un flusso informativo nazionale (su base regionale) in grado di fornire stime realistiche e rappresentative rispetto ad alcuni indicatori chiave per il corretto monitoraggio e dimensionamento del fenomeno in ambito clinico. Vengono qui proposte le possibili schede di rilevazione dati aggregati e per singolo soggetto che dovranno essere compilate dagli operatori dei servizi secondo le istruzioni riportate per la compilazione ed il tracciato. Le schede compilate presso ciascun Servizio per le Dipendenze dislocato sul territorio verranno raccolte dal Dipartimento delle Dipendenze di riferimento e quindi trasmesse alla propria Regione/Provincia Autonoma con dati in forma aggregata. Tali dati costituiranno il database regionale. Per avere il quadro nazionale del fenomeno del gioco d azzardo tra i pazienti dei servizi per le dipendenze, i dati raccolti dalle Regioni/Provincie Autonome verranno trasmessi, in forma aggregata, al Dipartimento Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri. I dati provenienti dai servizi verranno quindi integrati con i dati ricavati annualmente dalle indagini nazionali condotte sulla popolazione generale (General Population Survey GPS) e sulla popolazione studentesca (Student Population Survey SPS). I dati verranno quindi condivisi anche con il Ministero della Salute. L integrazione delle informazioni consentirà di delineare un quadro veramente realistico e rappresentativo del fenomeno del gioco d azzardo in Italia e darà ai policy makers la possibilità di poter definire, sulla base delle evidenze scientifiche, delle adeguate politiche sull argomento, veramente mirate alla protezione ed alla cura della popolazione ed efficaci nella riduzione dei problemi fisici, psicologici, sociali, economici che questo comportamento può determinare per l individuo e la sua famiglia. Figura 1 Flusso informativo nazionale istituzionale per la raccolta di dati aggregati sul comportamento di gioco d azzardo in Italia. 133

2 Schede rilevazione dati aggregati GAP. 01 RILEVAZIONE DELLE ATTIVITA NEL SETTORE DIPENDENZE CONDIZIONE SANITARIA ANNO DI RIFERIMENTO REGIONE AZIENDA U.S.L. SERVIZIO/ STRUTTURA SOGGETTI ASSISTITI DAL SERVIZIO/STRUTTURA Classe d età Fino a 14 anni Tipo di UTENTE per CONDIZIONE SANITARIA G.A.Pro. G.A.Pat. Totale Nuovi Utenti Utenti già noti Nuovi Utenti Utenti già noti M F Tot M F Tot M F Tot M F Tot M F Tot anni anni anni anni anni anni anni anni anni anni anni anni anni 76 anni e più Totale 134

3 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE GAP. 01 Scopo di questo modello è rilevare, dal 1 gennaio al 31 dicembre di ogni anno, l utenza assistita dal Servizio/Struttura, distinguendo i giocatori d azzardo problematici e patologici per tipo di contatto e classe di età. Per soggetto assistito dal Servizio/Struttura, in seguito al comportamento problematico o patologico da gioco d azzardo, si intende il soggetto per il quale sono soddisfatti i seguenti requisiti: 1. accesso al Servizio/Struttura (Ser.T.) o alla struttura socio-sanitaria accreditata 2. diagnosi medica per comportamento problematico o patologico da gioco d azzardo (vedere definizione ), eseguita nel periodo di riferimento per la nuova utenza, oppure precedente al periodo di riferimento per l utenza già nota 3. erogazione di almeno due prestazioni nel periodo di riferimento tra quelle indicate nel GAP. 06.-UT Vanno considerati assistiti sia i residenti che i non residenti nel territorio di competenza. Al fine di evitare duplicazioni di conteggio nel caso di utenti non residenti conteggiare solo coloro che, durante l anno, non sono stati assistiti dal Servizio/ Struttura di residenza. L età va indicata in anni compiuti alla data di riferimento del 31 dicembre di ogni anno. ANNO DI RIFERIMENTO: indicare l anno a cui fanno riferimento i dati (non quello corrente) REGIONE: indicare il codice definito con DM 17 settembre 1986, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.240 del 15 ottobre 1986, e successive modifiche, utilizzato anche nei modelli per le rilevazioni delle attività gestionali ed economiche delle Aziende unità sanitarie locali AZIENDA U.S.L.: indicare il codice usato anche nei modelli per le rilevazioni delle attività gestionali ed economiche delle Aziende unità sanitarie locali (codici di cui al D.M. 05/12/2006 e successive modifiche) SERVIZIO/STRUTTURA: - se STRUTTURA GESTITA DIRETTAMENTE DAL S.S.N.: indicare il codice attribuito dalla Regione, utilizzato nell ambito di cui al DM 20 settembre 1997, preceduto dalla lettera S - se STRUTTURA PRIVATA ACCREDITATA AL S.S.N.: indicare il codice presente nel Modello Ministeriale STS11 NUOVI UTENTI: indicare il numero di soggetti assistiti per gioco d azzardo per la prima volta (il paziente non ha mai ricevuto trattamenti a causa del gioco d azzardo nel corso della vita), quindi che si sono rivolti per la prima volta al Servizio/ Struttura stesso/a nell anno di riferimento UTENTI GIA NOTI: indicare il numero di soggetti già assistiti per gioco d azzardo dal Servizio/Struttura dall anno precedente a quello di riferimento o rientrati nell anno di riferimento dopo aver sospeso o concluso il trattamento a causa del gioco d azzardo presso il Servizio/Struttura o altri servizi negli anni precedenti G.A.Pro: indicare il numero di soggetti assistiti dal Servizio/Struttura nell anno di riferimento per i quali è stato diagnosticato un comportamento di gioco d azzardo problematico, definito come gioco d azzardo con conseguenze avverse negative e con soddisfazione di massimo 4 criteri diagnostici del DSM-IV-TR G.A.Pat: indicare il numero di soggetti assistiti dal Servizio/Struttura nell anno di riferimento per i quali è stato diagnosticato un comportamento di gioco d azzardo patologico, definito come gioco d azzardo con conseguenze avverse molto gravi, con soddisfazione di 5 o più criteri diagnostici del DSM-IV-TR ed eventuali comorbilità 135

4 GAP. 02 RILEVAZIONE DELLE ATTIVITA NEL SETTORE DIPENDENZE GIOCO ANNO DI RIFERIMENTO REGIONE AZIENDA U.S.L. SERVIZIO/ STRUTTURA SOGGETTI ASSISTITI DAL SERVIZIO/STRUTTURA Tipo di gioco Lotterie istantanee/gratta e vinci/win for life Gratta e vinci on-line Videolotterie Lotto/Superenalotto Slot maschines Slot maschines on-line Bingo Roulette Poker Poker on-line Black jack Altri giochi di carte a soldi Giochi di carte on-line Giochi a dadi a soldi Giochi a dadi a soldi on-line Scommesse sportive Scommesse alla corse dei cani Scommesse ippiche Scommesse ippiche on-line Gioco di borsa (fondi di investimento, titoli di borsa, etc.) Altro Tipo di CONTATTO per genere Nuovi Utenti (*) Utenti già noti (*) Maschi Femmine Maschi Femmine Totale (*) Riportare, per ogni tipo di gioco, il numero di soggetti per i quali è stato diagnosticato il G.A.Pro. o il G.A.Pat; se un soggetto viene classificato in più giochi deve essere conteggiato più volte 136

5 GAP. 02 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Scopo di questo modello è rilevare, dal 1 gennaio al 31 dicembre di ogni anno, per ciascun tipo di gioco i soggetti per i quali la dipendenza dal gioco stesso ha determinato l assistenza da parte del Servizio/Struttura, secondo il tipo di contatto e il genere. Per soggetto assistito dal Servizio/Struttura, in seguito al comportamento problematico o patologico da gioco d azzardo, si intende il soggetto per il quale sono soddisfatti i seguenti requisiti: 1. accesso al Servizio/Struttura (Ser.T.) o alla struttura socio-sanitaria accreditata 2. diagnosi medica per comportamento problematico o patologico da gioco d azzardo (vedere definizione GAP. 01), eseguita nel periodo di riferimento per la nuova utenza, oppure precedente al periodo di riferimento per l utenza già nota 3. erogazione di almeno due prestazioni nel periodo di riferimento tra quelle indicate nel GAP. 06.-UT Vanno considerati assistiti sia i residenti che i non residenti nel territorio di competenza. Al fine di evitare duplicazioni di conteggio nel caso di utenti non residenti conteggiare solo coloro che, durante l anno, non sono stati assistiti dal Servizio/ Struttura di residenza. L età va indicata in anni compiuti alla data di riferimento del 31 dicembre di ogni anno. ANNO DI RIFERIMENTO: indicare l anno a cui fanno riferimento i dati (non quello corrente) REGIONE: indicare il codice definito con DM 17 settembre 1986, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.240 del 15 ottobre 1986, e successive modifiche, utilizzato anche nei modelli per le rilevazioni delle attività gestionali ed economiche delle Aziende unità sanitarie locali AZIENDA U.S.L.: indicare il codice usato anche nei modelli per le rilevazioni delle attività gestionali ed economiche delle Aziende unità sanitarie locali (codici di cui al D.M. 05/12/2006 e successive modifiche) SERVIZIO/STRUTTURA: - se STRUTTURA GESTITA DIRETTAMENTE DAL S.S.N.: indicare il codice attribuito dalla Regione, utilizzato nell ambito di cui al DM 20 settembre 1997, preceduto dalla lettera S - se STRUTTURA PRIVATA ACCREDITATA AL S.S.N.: indicare il codice presente nel Modello Ministeriale STS11 NUOVI UTENTI: indicare il numero di soggetti assistiti per gioco d azzardo per la prima volta (il paziente non ha mai ricevuto trattamenti a causa del gioco d azzardo nel corso della vita), quindi che si sono rivolti per la prima volta al Servizio/ Struttura stesso/a nell anno di riferimento UTENTI GIA NOTI: indicare il numero di soggetti già assistiti per gioco d azzardo dal Servizio/Struttura dall anno precedente a quello di riferimento o rientrati nell anno di riferimento dopo aver sospeso o concluso il trattamento a causa del gioco d azzardo presso il Servizio/Struttura o altri servizi negli anni precedenti TIPO DI GIOCO: per ciascun tipo di gioco, indicare il numero di soggetti assistiti dal Servizio/Struttura nell anno di riferimento per i quali il comportamento problematico o patologico dal gioco in oggetto ha determinato la presa in carico assistenziale da parte del Servizio/Struttura stesso/a 137

6 GAP. 03 RILEVAZIONE DELLE ATTIVITA NEL SETTORE DIPENDENZE GRAVITÀ ANNO DI RIFERIMENTO REGIONE AZIENDA U.S.L. SERVIZIO/ STRUTTURA SOGGETTI ASSISTITI DAL SERVIZIO/STRUTTURA Livello di gravità GA.Pro con max 4 criteri DSM IV TR GA.Pat con 5 criteri DSM IV TR GA.Pat con 6 criteri DSM IV TR GA.Pat con 7 criteri DSM IV TR GA.Pat con 8 criteri DSM IV TR GA.Pat con 9 criteri DSM IV TR GA.Pat con 10 criteri DSM IV TR Totale Tipo di CONTATTO per genere Nuovi Utenti Utenti già noti Maschi Femmine Maschi Femmine Totale ICD9-CM V69.3 Totale Tipo di CONTATTO per genere Nuovi Utenti Utenti già noti Maschi Femmine Maschi Femmine Totale 138

7 GAP. 03 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Scopo di questo modello è rilevare, dal 1 gennaio al 31 dicembre di ogni anno, il livello di gravità dei soggetti assistiti dal Servizio/Struttura, distinguendoli per tipo di contatto e il genere. Per soggetto assistito dal Servizio/Struttura, in seguito al comportamento problematico o patologico da gioco d azzardo, si intende il soggetto per il quale sono soddisfatti i seguenti requisiti: 1. accesso al Servizio/Struttura (Ser.T.) o alla struttura socio-sanitaria accreditata 2. diagnosi medica per comportamento problematico o patologico da gioco d azzardo (vedere definizione GAP. 01), eseguita nel periodo di riferimento per la nuova utenza, oppure precedente al periodo di riferimento per l utenza già nota 3. erogazione di almeno due prestazioni nel periodo di riferimento tra quelle indicate nel GAP. 06.-UT Vanno considerati assistiti sia i residenti che i non residenti nel territorio di competenza. Al fine di evitare duplicazioni di conteggio nel caso di utenti non residenti conteggiare solo coloro che, durante l anno, non sono stati assistiti dal Servizio/ Struttura di residenza. ANNO DI RIFERIMENTO: indicare l anno a cui fanno riferimento i dati (non quello corrente) REGIONE: indicare il codice definito con DM 17 settembre 1986, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.240 del 15 ottobre 1986, e successive modifiche, utilizzato anche nei modelli per le rilevazioni delle attività gestionali ed economiche delle Aziende unità sanitarie locali AZIENDA U.S.L.: indicare il codice usato anche nei modelli per le rilevazioni delle attività gestionali ed economiche delle Aziende unità sanitarie locali (codici di cui al D.M. 05/12/2006 e successive modifiche) SERVIZIO/STRUTTURA: - se STRUTTURA GESTITA DIRETTAMENTE DAL S.S.N.: indicare il codice attribuito dalla Regione, utilizzato nell ambito di cui al DM 20 settembre 1997, preceduto dalla lettera S - se STRUTTURA PRIVATA ACCREDITATA AL S.S.N.: indicare il codice presente nel Modello Ministeriale STS11 NUOVI UTENTI: indicare il numero di soggetti assistiti per gioco d azzardo per la prima volta (il paziente non ha mai ricevuto trattamenti a causa del gioco d azzardo nel corso della vita), quindi che si sono rivolti per la prima volta al Servizio/ Struttura stesso/a nell anno di riferimento UTENTI GIA NOTI: indicare il numero di soggetti già assistiti per gioco d azzardo dal Servizio/Struttura dall anno precedente a quello di riferimento o rientrati nell anno di riferimento dopo aver sospeso o concluso il trattamento a causa del gioco d azzardo presso il Servizio/Struttura o altri servizi negli anni precedenti LIVELLO DI GRAVITA : indicare il numero di soggetti assistiti dal Servizio/Struttura nell anno di riferimento secondo i criteri diagnostici definiti dal DSM IV TR 139

8 GAP. 04 RILEVAZIONE DELLE ATTIVITA NEL SETTORE DIPENDENZE PROBLEMATICHE GAP CORRELATE ANNO DI RIFERIMENTO REGIONE AZIENDA U.S.L. SERVIZIO/ STRUTTURA SOGGETTI ASSISTITI DAL SERVIZIO/STRUTTURA Tipo di CONTATTO per genere (*) Problematica GAP correlata Conflitti familiari Problemi legali (denuncia) Problemi di lavoro Nuovi Utenti Utenti già noti Maschi Femmine Maschi Femmine Totale Debiti - meno di 500 Debiti Debiti Debiti Debiti - più di Totale (*) Riportare, per ogni tipo di problematica, il numero di soggetti in cui tale problematica è presente e associata ad un comportamento problematico o patologico da gioco d azzardo per il quale è stata richiesta l assistenza da parte del servizio/struttura. Se un soggetto presenta più di una problematica deve essere conteggiato più volte 140

9 GAP. 04 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Scopo di questo modello è rilevare, dal 1 gennaio al 31 dicembre di ogni anno, le problematiche GAP correlate dei soggetti assistiti dal Servizio/Struttura, distinguendoli per tipo di contatto e il genere. Per soggetto assistito dal Servizio/Struttura, in seguito al comportamento problematico o patologico da gioco d azzardo, si intende il soggetto per il quale sono soddisfatti i seguenti requisiti: 1. accesso al Servizio/Struttura (Ser.T.) o alla struttura socio-sanitaria accreditata 2. diagnosi medica per comportamento problematico o patologico da gioco d azzardo (vedere definizione GAP. 01), eseguita nel periodo di riferimento per la nuova utenza, oppure precedente al periodo di riferimento per l utenza già nota 3. erogazione di almeno due prestazioni nel periodo di riferimento tra quelle indicate nel GAP. 06.-UT Vanno considerati assistiti sia i residenti che i non residenti nel territorio di competenza. Al fine di evitare duplicazioni di conteggio nel caso di utenti non residenti conteggiare solo coloro che, durante l anno, non sono stati assistiti dal Servizio/ Struttura di residenza. ANNO DI RIFERIMENTO: indicare l anno a cui fanno riferimento i dati (non quello corrente) REGIONE: indicare il codice definito con DM 17 settembre 1986, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.240 del 15 ottobre 1986, e successive modifiche, utilizzato anche nei modelli per le rilevazioni delle attività gestionali ed economiche delle Aziende unità sanitarie locali AZIENDA U.S.L.: indicare il codice usato anche nei modelli per le rilevazioni delle attività gestionali ed economiche delle Aziende unità sanitarie locali (codici di cui al D.M. 05/12/2006 e successive modifiche) SERVIZIO/STRUTTURA: - se STRUTTURA GESTITA DIRETTAMENTE DAL S.S.N.: indicare il codice attribuito dalla Regione, utilizzato nell ambito di cui al DM 20 settembre 1997, preceduto dalla lettera S - se STRUTTURA PRIVATA ACCREDITATA AL S.S.N.: indicare il codice presente nel Modello Ministeriale STS11 NUOVI UTENTI: indicare il numero di soggetti assistiti per gioco d azzardo per la prima volta (il paziente non ha mai ricevuto trattamenti a causa del gioco d azzardo nel corso della vita), quindi che si sono rivolti per la prima volta al Servizio/ Struttura stesso/a nell anno di riferimento UTENTI GIA NOTI: indicare il numero di soggetti già assistiti per gioco d azzardo dal Servizio/Struttura dall anno precedente a quello di riferimento o rientrati nell anno di riferimento dopo aver sospeso o concluso il trattamento a causa del gioco d azzardo presso il Servizio/Struttura o altri servizi negli anni precedenti PROBLEMATICA GAP CORRELATA: indicare il numero di soggetti assistiti dal Servizio/Struttura nell anno di riferimento, che al momento dell accesso al Servizio/Struttura presentavano una o più problematiche GAP correlate tra quelle elencate in tabella 141

10 GAP. 05 RILEVAZIONE DELLE ATTIVITA NEL SETTORE DIPENDENZE COMORBILITÀ GAP CORRELATE ANNO DI RIFERIMENTO REGIONE AZIENDA U.S.L. SERVIZIO/ STRUTTURA SOGGETTI ASSISTITI DAL SERVIZIO/STRUTTURA Tipo di CONTATTO per genere (*) Comorbilità GAP correlata Disturbi psichiatrici Disturbi fisici specifici Tentativo di suicidio Tabagismo Abuso/Dipendenza da alcol Abuso/Dipendenza da sostanze Abuso/Dipendenza da alcol e da sostanze Farmacodipendenza Altra dipendenza Nuovi Utenti Utenti già noti Maschi Femmine Maschi Femmine Totale (*) Riportare, per ogni tipo di comorbilità, il numero di soggetti per i quali è presente tale patologia associata ad un comportamento problematico o patologico da gioco d azzardo che ha determinato l assistenza da parte del servizio/struttura. Se un soggetto presenta più di una comorbilità deve essere conteggiato più volte 142

11 GAP. 05 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Scopo di questo modello è rilevare, dal 1 gennaio al 31 dicembre di ogni anno, le comorbilità GAP correlate dei soggetti assistiti dal Servizio/Struttura, distinguendoli per tipo di contatto e il genere. Per soggetto assistito dal Servizio/Struttura, in seguito al comportamento problematico o patologico da gioco d azzardo, si intende il soggetto per il quale sono soddisfatti i seguenti requisiti: 1. accesso al Servizio/Struttura (Ser.T.) o alla struttura socio-sanitaria accreditata 2. diagnosi medica per comportamento problematico o patologico da gioco d azzardo (vedere definizione GAP. 01), eseguita nel periodo di riferimento per la nuova utenza, oppure precedente al periodo di riferimento per l utenza già nota 3. erogazione di almeno due prestazioni nel periodo di riferimento tra quelle indicate nel GAP. 06.-UT Vanno considerati assistiti sia i residenti che i non residenti nel territorio di competenza. Al fine di evitare duplicazioni di conteggio nel caso di utenti non residenti conteggiare solo coloro che, durante l anno, non sono stati assistiti dal Servizio/ Struttura di residenza. ANNO DI RIFERIMENTO: indicare l anno a cui fanno riferimento i dati (non quello corrente) REGIONE: indicare il codice definito con DM 17 settembre 1986, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.240 del 15 ottobre 1986, e successive modifiche, utilizzato anche nei modelli per le rilevazioni delle attività gestionali ed economiche delle Aziende unità sanitarie locali AZIENDA U.S.L.: indicare il codice usato anche nei modelli per le rilevazioni delle attività gestionali ed economiche delle Aziende unità sanitarie locali (codici di cui al D.M. 05/12/2006 e successive modifiche) SERVIZIO/STRUTTURA: - se STRUTTURA GESTITA DIRETTAMENTE DAL S.S.N.: indicare il codice attribuito dalla Regione, utilizzato nell ambito di cui al DM 20 settembre 1997, preceduto dalla lettera S - se STRUTTURA PRIVATA ACCREDITATA AL S.S.N.: indicare il codice presente nel Modello Ministeriale STS11 NUOVI UTENTI: indicare il numero di soggetti assistiti per gioco d azzardo per la prima volta (il paziente non ha mai ricevuto trattamenti a causa del gioco d azzardo nel corso della vita), quindi che si sono rivolti per la prima volta al Servizio/ Struttura stesso/a nell anno di riferimento UTENTI GIA NOTI: indicare il numero di soggetti già assistiti per gioco d azzardo dal Servizio/Struttura dall anno precedente a quello di riferimento o rientrati nell anno di riferimento dopo aver sospeso o concluso il trattamento a causa del gioco d azzardo presso il Servizio/Struttura o altri servizi negli anni precedenti COMORBILITA GAP CORRELATA: per ciascuna categoria di patologia di comorbilità, indicare il numero di soggetti assistiti dal Servizio/Struttura nell anno di riferimento, che al momento dell accesso al Servizio/Struttura è stata diagnosticata la patologia di comorbilità 143

12 (continua) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE GAP. 05 DISTURBI PSICHIATRICI: indicare il numero di soggetti assistiti dal Servizio/Struttura nell anno di riferimento, con disturbi psichici diagnosticati (psicosi, disturbi nevrotici, iperattività con deficit di attenzione, agorafobia, disturbi ossessivocompulsivi) DISTURBI FISICI SPECIFICI: indicare il numero di soggetti assistiti dal Servizio/Struttura nell anno di riferimento, con diagnosi di patologie fisiche (dolori allo stomaco, insonnia, ulcera, coliti, ipertensione, episodio di tachicardia, malattie cardiache, emicranie e problemi dermatologici, etc.) TENTATO SUICIDIO: indicare il numero di soggetti assistiti dal Servizio/Struttura nell anno di riferimento, che hanno tentato il suicidio TABAGISMO: indicare il numero di soggetti assistiti dal Servizio/Struttura nell anno di riferimento, con diagnosi da dipendenza da tabacco ABUSO/DIPENDENZA DA ALCOL: indicare il numero di soggetti assistiti dal Servizio/Struttura nell anno di riferimento, con diagnosi di abuso/dipendenza da alcol ABUSO/DIPENDENZA DA DROGHE: indicare il numero di soggetti assistiti dal Servizio/Struttura nell anno di riferimento, con diagnosi di uso di sostanze stupefacenti, secondo il tipo di contatto e il genere ABUSO/DIPENDENZA DA ALCOL E DROGHE: indicare il numero di soggetti assistiti dal Servizio/Struttura nell anno di riferimento, con diagnosi di uso di sostanze stupefacenti e abuso/dipendenza da alcol FARMACODIPENDENZA: indicare il numero di soggetti assistiti dal Servizio/Struttura nell anno di riferimento, con diagnosi di farmacodipendenza ALTRA DIPENDENZA: indicare il numero di soggetti assistiti dal Servizio/Struttura nell anno di riferimento, con diagnosi di altra dipendenza 144

13 GAP. 06-UT RILEVAZIONE DELLE ATTIVITA NEL SETTORE DIPENDENZE PRESTAZIONI EROGATE DAL SERVIZIO/STRUTTURA ANNO DI RIFERIMENTO REGIONE AZIENDA U.S.L. SERVIZIO/ STRUTTURA UTENTI ASSISTITI DAL SERVIZIO/STRUTTURA E PRESTAZIONI EROGATE Sede del trattamento (*) Prestazione erogata Servizio/Struttura Struttura socio-riabilitativa Altra sede N. utenti N. prestazioni N. utenti N. prestazioni N. utenti N. prestazioni Visite Colloqui Psicoterapia individuale Psicoterapia di coppia Psicoterapia di gruppo Counseling Terapia farmacologica Tutoraggio finanziario Invio e partecipazione a gruppi AMA o Giocatori Anonimi o specifici Altra prestazione Totale (**) (*) Se un soggetto nel periodo di riferimento è stato assistito in più sedi, deve essere conteggiato più volte (**) Riportare il numero totale di soggetti per sede di trattamento, conteggiati una volta sola, anche se hanno fruito di prestazioni di diversa tipologia SEZIONE C UTENTI INVITATI IN STRUTTURE SOCIO-RIABILITATIVE MASCHI FEMMINE TOTALE UTENTI GIÀ INSERITI IN STRUTTURE SOCIO-RIABILITATIVE MASCHI FEMMINE TOTALE 145

14 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE GAP. 06-UT Scopo di questo modello è rilevare, dal 1 gennaio al 31 dicembre di ogni anno, il numero dei soggetti trattati e di trattamenti erogati dal Servizio/Struttura, distinti per tipologia, e il numero di soggetti assistiti dal Servizio/Struttura inviati in strutture socio-riabilitative nel periodo di riferimento o già inseriti al 1 gennaio del periodo di riferimento. Per utente assistito dal Servizio/Struttura, in seguito al comportamento problematico o patologico da gioco d azzardo, si intende il soggetto per il quale sono soddisfatti i seguenti requisiti: 1. accesso al Servizio/Struttura (Ser.T.) o alla struttura socio-sanitaria accreditata 2. diagnosi medica per comportamento problematico o patologico da gioco d azzardo (vedere definizione GAP. 01), eseguita nel periodo di riferimento per la nuova utenza, oppure precedente al periodo di riferimento per l utenza già nota 3. erogazione di almeno due prestazioni nel periodo di riferimento tra quelle indicate nella sezione B Vanno considerati assistiti sia i residenti che i non residenti nel territorio di competenza. Al fine di evitare duplicazioni di conteggio nel caso di utenti non residenti conteggiare solo coloro che, durante l anno, non sono stati assistiti dal Servizio/ Struttura di residenza. ANNO DI RIFERIMENTO: indicare l anno a cui fanno riferimento i dati (non quello corrente) REGIONE: indicare il codice definito con DM 17 settembre 1986, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.240 del 15 ottobre 1986, e successive modifiche, utilizzato anche nei modelli per le rilevazioni delle attività gestionali ed economiche delle Aziende unità sanitarie locali AZIENDA U.S.L.: indicare il codice usato anche nei modelli per le rilevazioni delle attività gestionali ed economiche delle Aziende unità sanitarie locali (codici di cui al D.M. 05/12/2006 e successive modifiche) SERVIZIO/STRUTTURA: - se STRUTTURA GESTITA DIRETTAMENTE DAL S.S.N.: indicare il codice attribuito dalla Regione, utilizzato nell ambito di cui al DM 20 settembre 1997, preceduto dalla lettera S - se STRUTTURA PRIVATA ACCREDITATA AL S.S.N.: indicare il codice presente nel Modello Ministeriale STS11 NUOVI UTENTI: indicare il numero di soggetti assistiti per gioco d azzardo per la prima volta (il paziente non ha mai ricevuto trattamenti a causa del gioco d azzardo nel corso della vita), quindi che si sono rivolti per la prima volta al Servizio/ Struttura stesso/a nell anno di riferimento UTENTI GIA NOTI: indicare il numero di soggetti già assistiti per gioco d azzardo dal Servizio/Struttura dall anno precedente a quello di riferimento o rientrati nell anno di riferimento dopo aver sospeso o concluso il trattamento a causa del gioco d azzardo presso il Servizio/Struttura o altri servizi negli anni precedenti N. UTENTI: indicare, per ognuna delle tipologie di prestazione, il numero di soggetti assistiti per gioco d azzardo dal Servizio/ Struttura nel periodo di riferimento, secondo la sede in cui il trattamento viene effettuato (servizio/struttura, struttura socioriabilitativa o altra sede) N. PRESTAZIONI: indicare, per ogni tipologia, il numero di prestazioni erogate dal Servizio/Struttura nel periodo di riferimento all utenza assistita, per tipo di sede di erogazione (servizio/struttura, struttura socio-riabilitativa o altra sede) 146

15 GAP. 06-UT (continua) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE VISITA: indicare il numero di soggetti assistiti per gioco d azzardo dal Servizio/Struttura e numero di visite effettuate nel periodo di riferimento COLLOQUIO: indicare il numero di soggetti assistiti per gioco d azzardo dal Servizio/Struttura e numero di colloqui effettuati nel periodo di riferimento PSICOTERAPIA INDIVIDUALE: indicare il numero di soggetti assistiti per gioco d azzardo dal Servizio/Struttura e numero di psicoterapie individuali effettuate nel periodo di riferimento PSICOTERAPIA DI COPPIA: indicare il numero di soggetti assistiti per gioco d azzardo dal Servizio/Struttura e numero di psicoterapie di coppia effettuate nel periodo di riferimento PSICOTERAPIA DI GRUPPO: indicare il numero di soggetti assistiti per gioco d azzardo dal Servizio/Struttura e numero di psicoterapie di gruppo effettuate nel periodo di riferimento COUNSELLING: indicare il numero di soggetti assistiti per gioco d azzardo dal Servizio/Struttura e numero di counselling effettuati nel periodo di riferimento TERAPIA FARMACOLOGICA: indicare il numero di soggetti assistiti per gioco d azzardo dal Servizio/Struttura e numero di somministrazioni di farmaci effettuate nel periodo di riferimento TUTORAGGIO FINANZIARIO: indicare il numero di soggetti assistiti per gioco d azzardo dal Servizio/Struttura e numero di prestazioni per tutoraggio finanziario effettuate nel periodo di riferimento INVIO E PARTECIPAZIONE A GRUPPO AMA O GIOCATORI ANONIMI: indicare il numero di soggetti assistiti per gioco d azzardo dal Servizio/Struttura e numero di partecipazioni in Gruppi AMA e Giocatori Anonimi, svolti dagli operatori del Servizio/Struttura effettuati nel periodo di riferimento ALTRA PRESTAZIONE: indicare il numero di soggetti assistiti per gioco d azzardo dal Servizio/Struttura e numero di terapie per altre prestazioni, non incluse nelle specifiche precedenti, effettuate nel periodo di riferimento SEZIONE C UTENTI INVIATI IN STRUTTURE SOCIO-RIABILITATIVE: indicare il numero di soggetti assistiti per gioco d azzardo dal Servizio/Struttura che sono stati inviati nel periodo di riferimento presso strutture socio- riabilitative (residenziali, semiresidenziali, centri di I accoglienza) UTENTI GIA INSERITI IN STRUTTURE SOCIO-RIABILITATIVE: indicare il numero di soggetti assistiti per gioco d azzardo dal Servizio/Struttura che sono già inseriti al 1 gennaio del periodo di riferimento in strutture socio-riabilitative (residenziali, semiresidenziali, centri di I accoglienza) 147

16 GAP. 06-FAM RILEVAZIONE DELLE ATTIVITA NEL SETTORE DIPENDENZE PRESTAZIONI EROGATE DAL SERVIZIO/STRUTTURA ANNO DI RIFERIMENTO REGIONE AZIENDA U.S.L. SERVIZIO/ STRUTTURA FAMILIARI ASSISTITI DAL SERVIZIO/STRUTTURA E PRESTAZIONI EROGATE Sede del trattamento (*) Prestazione erogata Servizio struttura Struttura socio-riabilitativa Altra sede N. familiari N. prestazioni N. familiari N. prestazioni N. familiari N. prestazioni Visite Colloqui Psicoterapia individuale Psicoterapia di coppia Psicoterapia di gruppo Counseling Tutoraggio finanziario Invio e partecipazione a gruppi AMA o Giocatori Anonimi o specifici Altra prestazione Totale (**) (*) Se un familiare nel periodo di riferimento è stato assistito in più sedi, deve essere conteggiato più volte (**) Riportare il numero totale di familiari per sede di trattamento, conteggiati una volta sola, anche se hanno fruito di prestazioni di diversa tipologia 148

17 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE GAP. 06-FAM Scopo di questo modello è rilevare, dal 1 gennaio al 31 dicembre di ogni anno, il numero dei familiari trattati e di trattamenti erogati dal Servizio/Struttura, distinti per tipologia. Per familiare assistito dal Servizio/Struttura, si intende il soggetto per il quale sono soddisfatti i seguenti requisiti: 1. accesso al Servizio/Struttura (Ser.T.) o alla struttura socio-sanitaria accreditata 2. legame di parentela con un soggetto che presenta un comportamento problematico o patologico da gioco d azzardo 3. erogazione di almeno due prestazioni nel periodo di riferimento tra quelle indicate nella sezione B Vanno considerati assistiti sia i residenti che i non residenti nel territorio di competenza. Al fine di evitare duplicazioni di conteggio nel caso di familiari non residenti conteggiare solo coloro che, durante l anno, non sono stati assistiti dal Servizio/ Struttura di residenza. ANNO DI RIFERIMENTO: indicare l anno a cui fanno riferimento i dati (non quello corrente) REGIONE: indicare il codice definito con DM 17 settembre 1986, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.240 del 15 ottobre 1986, e successive modifiche, utilizzato anche nei modelli per le rilevazioni delle attività gestionali ed economiche delle Aziende unità sanitarie locali AZIENDA U.S.L.: indicare il codice usato anche nei modelli per le rilevazioni delle attività gestionali ed economiche delle Aziende unità sanitarie locali (codici di cui al D.M. 05/12/2006 e successive modifiche) SERVIZIO/STRUTTURA: - se STRUTTURA GESTITA DIRETTAMENTE DAL S.S.N.: indicare il codice attribuito dalla Regione, utilizzato nell ambito di cui al DM 20 settembre 1997, preceduto dalla lettera S - se STRUTTURA PRIVATA ACCREDITATA AL S.S.N.: indicare il codice presente nel Modello Ministeriale STS11 NUOVI UTENTI: indicare il numero di familiari assistiti per la prima volta (il paziente non ha mai ricevuto trattamenti nel corso della vita), quindi che si sono rivolti per la prima volta al Servizio/Struttura stesso/a nell anno di riferimento UTENTI GIA NOTI: indicare il numero di familiari già assistiti dal Servizio/Struttura dall anno precedente a quello di riferimento o rientrati nell anno di riferimento dopo aver sospeso o concluso il trattamento presso il Servizio/Struttura o altri servizi negli anni precedenti N. FAMILIARI: indicare, per ognuna delle tipologie di prestazione, il numero di familiari assistiti dal Servizio/Struttura nel periodo di riferimento, secondo la sede in cui il trattamento viene effettuato (servizio/struttura, struttura socio-riabilitativa o altra sede) N. PRESTAZIONI: indicare, per ogni tipologia, il numero di prestazioni erogate dal Servizio/Struttura nel periodo di riferimento ai familiari assistiti, per tipo di sede di erogazione (servizio/struttura, struttura socio-riabilitativa o altra sede) 149

18 (continua) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE GAP. 06-FAM VISITA: indicare il numero di familiari assistiti dal Servizio/Struttura e numero di visite effettuate nel periodo di riferimento COLLOQUIO: indicare il numero di familiari assistiti dal Servizio/Struttura e numero di colloqui effettuati nel periodo di riferimento PSICOTERAPIA INDIVIDUALE: indicare il numero di familiari assistiti dal Servizio/Struttura e numero di psicoterapie individuali effettuate nel periodo di riferimento PSICOTERAPIA DI COPPIA: indicare il numero di familiari assistiti dal Servizio/Struttura e numero di psicoterapie di coppia effettuate nel periodo di riferimento PSICOTERAPIA DI GRUPPO: indicare il numero di familiari assistiti dal Servizio/Struttura e numero di psicoterapie di gruppo effettuate nel periodo di riferimento COUNSELLING: indicare il numero di familiari assistiti dal Servizio/Struttura e numero di counselling effettuati nel periodo di riferimento TUTORAGGIO FINANZIARIO: indicare il numero di familiari assistiti dal Servizio/Struttura e numero di prestazioni per tutoraggio finanziario effettuate nel periodo di riferimento INVIO E PARTECIPAZIONE A GRUPPO AMA O GIOCATORI ANONIMI: indicare il numero di familiari assistiti dal Servizio/Struttura e numero di partecipazioni in Gruppi AMA e Giocatori Anonimi, svolti dagli operatori del Servizio/Struttura effettuati nel periodo di riferimento ALTRA PRESTAZIONE: indicare il numero di familiari assistiti dal Servizio/Struttura e numero di terapie per altre prestazioni, non incluse nelle specifiche precedenti, effettuate nel periodo di riferimento 150

19 GAP. 07 RILEVAZIONE DELLE ATTIVITA NEL SETTORE DIPENDENZE MODALITÀ DI DIMISSIONE ANNO DI RIFERIMENTO REGIONE AZIENDA U.S.L. SERVIZIO/ STRUTTURA SOGGETTI ASSISTITI DAL SERVIZIO/STRUTTURA Tipo di CONTATTO per genere Modalità di dimissione Nuovi Utenti Utenti già noti Maschi Femmine Maschi Femmine Totale Programmata Abbondono/perso di vista Trasferimento ad altro servizio/struttura Carcerazione Decesso Altra dimissione 151

20 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE GAP. 07 Scopo di questo modello è rilevare, dal 1 gennaio al 31 dicembre di ogni anno, le modalità di dimissione dei soggetti assistiti dal Servizio/Struttura, distinguendoli per tipo di contatto e il genere. Per soggetto assistito dal Servizio/Struttura, in seguito al comportamento problematico o patologico da gioco d azzardo, si intende il soggetto per il quale sono soddisfatti i seguenti requisiti: 1. accesso al Servizio/Struttura (Ser.T.) o alla struttura socio-sanitaria accreditata 2. diagnosi medica per comportamento problematico o patologico da gioco d azzardo (vedere definizione GAP. 01), eseguita nel periodo di riferimento per la nuova utenza, oppure precedente al periodo di riferimento per l utenza già nota 3. erogazione di almeno due prestazioni nel periodo di riferimento tra quelle indicate nel GAP. 06.-UT Vanno considerati assistiti sia i residenti che i non residenti nel territorio di competenza. Al fine di evitare duplicazioni di conteggio nel caso di utenti non residenti conteggiare solo coloro che, durante l anno, non sono stati assistiti dal Servizio/ Struttura di residenza. ANNO DI RIFERIMENTO: indicare l anno a cui fanno riferimento i dati (non quello corrente) REGIONE: indicare il codice definito con DM 17 settembre 1986, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.240 del 15 ottobre 1986, e successive modifiche, utilizzato anche nei modelli per le rilevazioni delle attività gestionali ed economiche delle Aziende unità sanitarie locali AZIENDA U.S.L.: indicare il codice usato anche nei modelli per le rilevazioni delle attività gestionali ed economiche delle Aziende unità sanitarie locali (codici di cui al D.M. 05/12/2006 e successive modifiche) SERVIZIO/STRUTTURA: - se STRUTTURA GESTITA DIRETTAMENTE DAL S.S.N.: indicare il codice attribuito dalla Regione, utilizzato nell ambito di cui al DM 20 settembre 1997, preceduto dalla lettera S - se STRUTTURA PRIVATA ACCREDITATA AL S.S.N.: indicare il codice presente nel Modello Ministeriale STS11 NUOVI UTENTI: indicare il numero di soggetti assistiti per gioco d azzardo per la prima volta (il paziente non ha mai ricevuto trattamenti a causa del gioco d azzardo nel corso della vita), quindi che si sono rivolti per la prima volta al Servizio/ Struttura stesso/a nell anno di riferimento UTENTI GIA NOTI: indicare il numero di soggetti già assistiti per gioco d azzardo dal Servizio/Struttura dall anno precedente a quello di riferimento o rientrati nell anno di riferimento dopo aver sospeso o concluso il trattamento a causa del gioco d azzardo presso il Servizio/Struttura o altri servizi negli anni precedenti MODALITA DI DIMISSIONE: per ciascun motivo di dimissione, indicare il numero di soggetti assistiti dal Servizio/Struttura nell anno di riferimento dimessi dal servizio/struttura 152

21 GAPST. 01 RILEVAZIONE DELLE ATTIVITA NEL SETTORE DIPENDENZE ANAGRAFICA SERVIZIO/STRUTTURA ANNO DI RIFERIMENTO REGIONE AZIENDA U.S.L. SERVIZIO/ STRUTTURA INDIRIZZO COMUNE CAP TELEFONO FAX RESPONSABILE DEL SERVIZIO/STRUTTURA NOME COGNOME QUALIFICA SEZIONE C STRUTTURA GESTITA DIRETTAMENTE DAL S.S.N. STRUTTURA PRIVATA ACCREDITATA AL S.S.N. 153

22 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE GAPST. 01 Scopo di questo modello è costituire e mantenere aggiornata l anagrafe dei Servizi/Strutture che si occupano di gioco d azzardo ANNO DI RIFERIMENTO: indicare l anno a cui fanno riferimento i dati (non quello corrente) REGIONE: indicare il codice definito con DM 17 settembre 1986, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.240 del 15 ottobre 1986, e successive modifiche, utilizzato anche nei modelli per le rilevazioni delle attività gestionali ed economiche delle Aziende unità sanitarie locali AZIENDA U.L.S: indicare il codice usato anche nei modelli per le rilevazioni delle attività gestionali ed economiche delle Aziende unità sanitarie locali (codici di cui al D.M. 05/12/2006 e successive modifiche). SERVIZIO/STRUTTURA: - se STRUTTURA GESTITA DIRETTAMENTE DAL S.S.N.: indicare il codice attribuito dalla Regione, utilizzato nell ambito di cui al DM 20 settembre 1997, preceduto dalla lettera S - se STRUTTURA PRIVATA ACCREDITATA AL S.S.N.: indicare il codice presente nel Modello Ministeriale STS11 154

23 GAPST. 02 RILEVAZIONE DELLE ATTIVITA NEL SETTORE DIPENDENZE PERSONALE DEL SERVIZIO/STRUTTURA ANNO DI RIFERIMENTO REGIONE AZIENDA U.S.L. SERVIZIO/ STRUTTURA PERSONALE ATTIVO PRESSO IL SERVIZIO Tipo di impiego Qualifica N. operatori TEMPO PIENO Totale ore settimanali N. operatori PART-TIME Totale ore settimanali TOTALE di cui non strutturato Psichiatri Altri medici Infermieri Psicologi Assistenti sociali Educatori Amministrativi Altra qualifica 1 Altra qualifica 2 Altra qualifica 3 Totale 155

24 GAPST. 02 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Scopo di questo modello è rilevare la situazione al 31 dicembre di ogni anno del personale operante nel Servizio/Struttura. ANNO DI RIFERIMENTO: indicare l anno a cui fanno riferimento i dati (non quello corrente) REGIONE: indicare il codice definito con DM 17 settembre 1986, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.240 del 15 ottobre 1986, e successive modifiche, utilizzato anche nei modelli per le rilevazioni delle attività gestionali ed economiche delle Aziende unità sanitarie locali AZIENDA U.S.L.: indicare il codice usato anche nei modelli per le rilevazioni delle attività gestionali ed economiche delle Aziende unità sanitarie locali (codici di cui al D.M. 05/12/2006 e successive modifiche) SERVIZIO/STRUTTURA: - se STRUTTURA GESTITA DIRETTAMENTE DAL S.S.N.: indicare il codice attribuito dalla Regione, utilizzato nell ambito di cui al DM 20 settembre 1997, preceduto dalla lettera S - se STRUTTURA PRIVATA ACCREDITATA AL S.S.N.: indicare il codice presente nel Modello Ministeriale STS11 PERSONALE TEMPO PIENO: indicare il personale impiegato a tempo pieno, per ciascuna figura professionale, che svolge assistenza a soggetti in trattamento per comportamento problematico o patologico da gioco d azzardo, anche non esclusivamente PERSONALE PART-TIME: indicare il personale impiegato a tempo parziale, per ciascuna figura professionale, che svolge assistenza a soggetti in trattamento per comportamento problematico o patologico da gioco d azzardo, anche non esclusivamente PERSONALE TOTALE: indicare il personale impiegato in totale, per ciascuna figura professionale, che svolge assistenza a soggetti in trattamento per comportamento problematico o patologico da gioco d azzardo, anche non esclusivamente TOTALE ORE SETTIMANALI: indicare, per ciascuna figura professionale e per ogni tipo di impiego, il numero complessivo di ore settimanali dedicate dal personale indicato nella colonna N operatori per assistenza a soggetti in trattamento per comportamento problematico o patologico da gioco d azzardo PERSONALE NON STRUTTURATO: indicare il personale precario, a tempo pieno o parziale, per ciascuna figura professionale, che svolge assistenza a soggetti in trattamento per comportamento problematico o patologico da gioco d azzardo, anche non esclusivamente 156

25 RILEVAZIONE DELLE ATTIVITA NEL SETTORE DIPENDENZE TRACCIATO PER SINGOLO SOGGETTO STRUTTURA Variabile DATA DI RILEVAZIONE REGIONE AZIENDA U.S.L. SERVIZIO/STRUTTURA Modalità GG/MM/AAAA ### ### ###### ANAGRAFICA Variabile ANONIMATO TIPO DI UTENTE DATA DI NASCITA SESSO STATO CIVILE TITOLO DI STUDIO OCCUPAZIONE CONDIZIONE ABITATIVA (ALLOGGIO) CONDIZIONE ABITATIVA (CONVIVENZA) REDDITO MEDIO MENSILE Modalità 1=Sì 2=No 1=Utente 2=Familiare GG/MM/AAAA M=Maschio F=Femmina N=Non noto/non risulta 1=Celibe 2=Nubile 3=Coniugato 4=Separato 5=Divorziato 6=Vedovo 9= Non noto/non risulta 1=Nessuno 2=Licenza elementare 3=Licenza media inferiore 4=Diploma di qualifica professionale 5=Diploma media superiore 6=Laurea 7=Laurea magistrale 9= Non noto/non risulta 1=Occupato/a stabilmente 2=Occupato/a saltuariamente 3=Disoccupato/a 4=Studente 5=Casalingo/a 6=Economicamente non attivo (pensionato/a, invalido/a, ecc.) 7=Altro 9=Non noto/ non risulta 1=Residenza fissa 2=In struttura (carcere, ospedale, comunità, ecc.) 8=Senza fissa dimora 9=Non noto/non risulta 1=Da solo 2=Con i genitori 3=Da solo con i figli 4=Con il partner 5=Con il partner e con i figli 6=Con gli amici 7=Altro 9=Non noto/non risulta NNNNNN = Non noto/non risulta 157

26 SEZIONE C CONTATTO Variabile DATA DI 1 ACCESSO AL SERVIZIO TIPO DI CONDIZIONE SANITARIA LIVELLO DI GRAVITA DSM IV TR CANALE DI INVIO Modalità GG/MM/AAAA 1=G.A.Pro. 2=G.A.Pat. 3=Non diagnosticato 1= 4 criteri DSM IV TR 2= 5 criteri DSM IV TR 3= 6 criteri DSM IV TR 4= 7 criteri DSM IV TR 5= 8 criteri DSM IV TR 6= 9 criteri DSM IV TR 7= 10 criteri DSM IV TR 1=Da altro Ser.T. per dimissione; 2=Privato sociale; 3=Medico di base 4=Strutture ospedaliere; 5=Servizi sociali; 6=Accesso volontario; 7=Familiari/Amici; 8=Altro; 9=Trasferimento temporaneo da altro Ser.T. intra regione; 10= Trasferimento temporaneo da altro Ser.T. extra regione; 99= Non noto/non risulta. STATO DEL CONTATTO al =Soggetto assistito al =Soggetto dimesso MOTIVO DI DIMISSIONE 1=Programmata 2=Abbandono/perso di vista 3=Trasferimento ad altro servizio/struttura 4=Carcerazione 5=Decesso 6=Altra dimissione SEZIONE D GIOCO Variabile ETA DI PRIMO GIOCO ETA DI PRIMA GIOCATA CON DENARO TIPO DI PRIMO GIOCO Modalità NNN 999= Non noto/non risulta NNN 999= Non noto/non risulta 1=Lotterie istantanee/gratta e vinci/win for life 2=Gratta e vinci on-line 3=Videolotterie 4=Lotto/Superenalotto 5=Slot machines 6=Slot machines on-line 7=Bingo 8=Roulette 9=Poker 10=Poker on-line 11=Black jack 12=Altri giochi di carte a soldi 13=Giochi di carte on-line 158

27 LUOGO DI GIOCO ABITUALE DATA INSERIMENTO TIPO DI GIOCO (ultimi 30 giorni) FREQUENZA (ultimi 30 giorni) DURATA MASSIMA DELLA SEDUTA DI GIOCO (ORE E MINUTI) (ultimi 30 giorni) PUNTATA MASSIMA (ultimi 30 giorni) VINCITA MASSIMA (ultimi 30 giorni) QUANTITA DI SOLDI SPESI (ultimi 30 giorni) 14=Giochi a dadi a soldi 15=Giochi a dadi a soldi on-line 16=Scommesse sportive 17=Scommesse alla corse dei cani 18=Scommesse ippiche 19=Scommesse ippiche on-line 20=Gioco di borsa (fondi di investimento, titoli di borsa, ecc.) 21=Altro 1=Bar 2=Casinò 3=Tabaccheria 4=Sala Slot 5=On-line 6=Sala Bingo 7=Altro luogo GG/MM/AAAA 1=Lotterie istantanee/gratta e vinci/win for life 2=Gratta e vinci on-line 3=Videolotterie 4=Lotto/Superenalotto 5=Slot machines 6=Slot machines on-line 7=Bingo 8=Roulette 9=Poker 10=Poker on-line 11=Black jack 12=Altri giochi di carte a soldi 13=Giochi di carte on-line 14=Giochi a dadi a soldi 15=Giochi a dadi a soldi on-line 16=Scommesse sportive 17=Scommesse alle corse dei cani 18=Scommesse ippiche 19=Scommesse ippiche on-line 20=Gioco di borsa (fondi di investimento, titoli di borsa, ecc.) 21=Altro 1=Qualche volta al mese 2=Ogni settimana ma non tutti i giorni 3=Tutti i giorni o quasi 9 HH:MM 99 NNNNNN = Non noto/non risulta NNNNNN = Non noto/non risulta NNNNNN

28 SEZIONE E DISTURBI GAP CORRELATI Variabile ANNO DI PRIMA DIAGNOSI DISTURBI PSICHICI DISTURBI FISICI SPECIFICI DIPENDENZE TENTATO SUICIDIO Modalità AAAA 99 Codifica DSM-IV specifici Codifica ICD9CM specifici Codifica ICD9CM specifici 1=Sì 2=No SEZIONE E PROBLEMATICHE GAP CORRELATI Variabile Modalità PROBLEMI LEGALI (denuncia) GAP 1=Sì CORRELATI 2=No PROBLEMI DI LAVORO 1=Sì 2=No CONOSCENZA GAP DA PARTE DEI 1=Sì FAMILIARI 2=No CONFLITTI FAMILIARI GAP CORRELATI 1=Sì 2=No DEBITI CON FAMILIARI E/O AMICI 1=Sì 2=No DEBITI CON ISTITUTI DI CREDITO 1=Sì 2=No DEBITI CON ORGANIZZAZIONI DI USURA 1=Sì 2=No ENTITA DEL DEBITO PER GIOCO 1=Meno di 500 2= = = =Più di SEZIONE E FAMILIARITÀ Variabile DATA DI INSERIMENTO TIPO DI FAMILIARITA PERSONA CON CUI HA FAMILIARITA Modalità GG/MM/AAAA 1=GAP 2=Uso di sostanze 3=Abuso di alcol 1=Genitore 2=Nonno/a 160

29 SEZIONE F PRESTAZIONI Variabile TIPO DI PRESTAZIONE SEDE DELLA PRESTAZIONE DATA ULTIMA PRESTAZIONE NUMERO PRESTAZIONI Modalità 1=Visite 2=Colloqui 3=Psicoterapia individuale 4=Psicoterapia di coppia 5=Psicoterapia di gruppo 6=Counseling 7=Terapia farmacologica 8=Tutoraggio finanziario 9=Invio e partecipazione a gruppi AMA o Giocatori Anonimi o gruppi specifici 10=Altra prestazione 1=Servizio/struttura 2=Struttura ospedaliera 3=Comunità terapeutica 9=Gruppi territoriali (volontariato, ONG) GG/MM/AAAA NNN 9 161

MODELLI STANDARD RACCOLTA DATI PER GIOCO D AZZARDO. Flusso dati per singolo soggetto. Proposta

MODELLI STANDARD RACCOLTA DATI PER GIOCO D AZZARDO. Flusso dati per singolo soggetto. Proposta MODELLI STANDARD RACCOLTA DATI PER GIOCO D AZZARDO Flusso dati per singolo soggetto Proposta Roma, Maggio 2013 ARCHIVIO RILEVAZIONE DELLE ATTIVITA NEL SETTORE DIPENDENZE STRUTTURA TRACCIATO PER SINGOLO

Dettagli

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1. SEZIONE 1: DATI ANAGRAFICI E INFORMAZIONI PRELIMINARI Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.2 Tipologia utente Utente

Dettagli

Dott. Marcello Mazzo Direttore SOC Tossicodipendenze Azienda U.L.S.S. 18 Rovigo

Dott. Marcello Mazzo Direttore SOC Tossicodipendenze Azienda U.L.S.S. 18 Rovigo Dott. Marcello Mazzo Direttore SOC Tossicodipendenze Azienda U.L.S.S. 18 Rovigo Piano di Zona 2011/2015- Area Dipendenze Priorità Politica Azione Difficoltà delle persone con problematiche di gioco d azzardo

Dettagli

Carta dei Servizi del Ser.T. di Rho Indice

Carta dei Servizi del Ser.T. di Rho Indice Carta dei Servizi del Ser.T. di Rho Indice 1. Definizione 2. Status giuridico 3. Principi 4. Diritti dei cittadini e doveri degli operatori 5. Stili di lavoro 6. Possesso dei requisiti: standard gestionali,

Dettagli

Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche. Silvia Gallozzi

Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche. Silvia Gallozzi Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche Silvia Gallozzi Indicazioni operative specificate nella Determina Regionale B 02807/2013

Dettagli

Il nuovo data entry in mfp professional sul comportamento di gioco d azzardo patologico. Roberto Mollica

Il nuovo data entry in mfp professional sul comportamento di gioco d azzardo patologico. Roberto Mollica Il nuovo data entry in mfp professional sul comportamento di gioco d azzardo patologico Roberto Mollica mfp: multi Functional Platform mfp è un applicativo software modulare (piattaforma multifunzionale)

Dettagli

DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE

DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE Con il modello si intende costituire, al 1 gennaio 2007, l anagrafe delle strutture sanitarie pubbliche e private accreditate e delle strutture sociosanitarie

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO Fabio Voller Alice Berti Settore Sociale Osservatorio di Epidemiologia Presentazione del volume GAP - Il gioco d azzardo patologico Orientamenti per la prevenzione e la

Dettagli

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A LLEGATO TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A1 - CONTRIBUTI ECONOMICI A1.01 Assegno per il nucleo familiare erogati dai comuni A1.02 Assegno Maternità erogato

Dettagli

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino Il gioco d azzardo Aspetti generali e situazione in Trentino A cura dell Osservatorio per la salute Dipartimento politiche sanitarie Provincia autonoma di Trento Trento, 29 dicembre 2012 Il gioco d azzardo

Dettagli

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Direttore dott. Marco Riglietta via Borgo Palazzo, 130-24125 Bergamo Italy Tel +390352270382 - Fax +390352270393 www.asl.bergamo.it/dipartimentodipendenze (PEC): protocollo@pec.asl.bergamo.it

Dettagli

UOC PSICOLOGIA. Attività psicologica per il Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze (DSMD)

UOC PSICOLOGIA. Attività psicologica per il Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze (DSMD) UOC PSICOLOGIA Attività psicologica per il Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze (DSMD) Dr.ssa Annalisa Antichi (Conferenza Dipartimento DSMD, 25/6/15) L intervento psicologico mira al potenziamento

Dettagli

Linee guida per la gestione del Sistema Informativo Nazionale sulle Dipendenze (SIND) Osservatorio Epidemiologico

Linee guida per la gestione del Sistema Informativo Nazionale sulle Dipendenze (SIND) Osservatorio Epidemiologico Osservatorio Epidemiologico Linee guida per la gestione del Sistema Informativo Nazionale sulle Dipendenze (SIND) 2. - Gennaio 204 A cura dell Osservatorio Epidemiologico Provinciale Linee guida per la

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL SISTEMA INFORMATIVO NAZIONALE PER LE DIPENDENZE (SIND)

LINEE GUIDA PER IL SISTEMA INFORMATIVO NAZIONALE PER LE DIPENDENZE (SIND) LINEE GUIDA PER IL SISTEMA INFORMATIVO NAZIONALE PER LE DIPENDENZE (SIND) Formato File I file da inviare al Ministero della Salute sono in formato XML, in base alle caratteristiche dei file XSD. I file

Dettagli

PCO INSERIMENTO IN CENTRO DIURNO

PCO INSERIMENTO IN CENTRO DIURNO PCO INSERIMENTO IN CENTRO DIURNO Edizione 2009 INSERIMENTI IN CENTRO DIURNO Il Centro Diurno è una struttura semiresidenziale con funzioni terapeutico riabilitative, collocata nel contesto territoriale.

Dettagli

Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1. gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza

Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1. gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1 gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 2 2 con il gioco? Ecco un breve questionario per valutare la

Dettagli

DA PASSATEMPO. Andrea Finessi Direttore Dipartimento per le Dipendenze Azienda ULSS 19 ADRIA. Rovigo 8-Giugno 2013

DA PASSATEMPO. Andrea Finessi Direttore Dipartimento per le Dipendenze Azienda ULSS 19 ADRIA. Rovigo 8-Giugno 2013 DA PASSATEMPO A DIPENDENZA Andrea Finessi Direttore Dipartimento per le Dipendenze Azienda ULSS 19 ADRIA Rovigo 8-Giugno 2013 LE DIMENSIONI DEL FENOMENO GIOCO D AZZARDO 1. In Italia il gioco d azzardo

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Azienda ASL RMB 2) Codice di accreditamento: NZ00156 3) Classe di iscrizione all

Dettagli

Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco

Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco d azzardo patologico, nonché delle problematiche e delle patologie correlate Il progetto di legge regionale

Dettagli

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Direttore dott. Marco Riglietta via Borgo Palazzo, 130-24125 Bergamo Italy Tel +390352270382 - Fax +390352270393 www.asl.bergamo.it/dipartimentodipendenze (PEC): protocollo@pec.asl.bergamo.it

Dettagli

Gambling. Brevi riflessioni. D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo

Gambling. Brevi riflessioni. D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo Brevi riflessioni D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo Il gioco è un attività piacevole un modo divertente per trascorrere il tempo libero

Dettagli

ALLEGATOC alla Dgr n. 901 del 04 giugno 2013 pag. 1/15

ALLEGATOC alla Dgr n. 901 del 04 giugno 2013 pag. 1/15 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOC alla Dgr n. 901 del 04 giugno 2013 pag. 1/15 INDICAZIONI OPERATIVE REGIONALI A FAVORE DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI MINORENNI CHE HANNO VISSUTO SITUAZIONI DI ABUSO

Dettagli

L azzardo non èun gioco

L azzardo non èun gioco L azzardo non èun gioco Gioco d azzardo legale e rischio dipendenza tra le persone over 65 incontrate da Auser Torino, Fabbrica delle e 3 marzo 2014 1 Gioco d azzardo -il giocatore punta qualcosa, -la

Dettagli

Linee di indirizzo per la presa in carico di soggetti con problemi di dipendenza che afferiscono ai SERT

Linee di indirizzo per la presa in carico di soggetti con problemi di dipendenza che afferiscono ai SERT All A. Linee di indirizzo per la presa in carico di soggetti con problemi di dipendenza che afferiscono ai SERT Le presenti Linee di indirizzo intendono semplificare la presa in carico delle persone con

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI Indice : 1. Scopo del protocollo 2. Invio 3. Verifiche 2.1 tipologia dell utenza 2.2 procedura segnalazione 2.3 procedura

Dettagli

Sintesi relazione conclusiva del progetto

Sintesi relazione conclusiva del progetto Sintesi relazione conclusiva del progetto Valutazione della performance dei Servizi del Dipartimento delle Dipendenze della ASL della Provincia di Milano 1 Lo svolgimento del progetto di ricerca Valutazione

Dettagli

II sessione ore 15.30 La cura della dipendenza da sostanze in Italia

II sessione ore 15.30 La cura della dipendenza da sostanze in Italia 5 Conferenza Nazionale sulle politiche antidroga Consultazioni permanenti Roma 5 maggio 2009 Sala polifunzionale- Presidenza del Consiglio dei Ministri Via di S. Maria in Via, 37 - Roma II sessione ore

Dettagli

Comune capofila: Oristano Piazza Eleonora d Arborea tel. 0783 7911. Prot. n. 121/PLUS Oristano, 20/03/2014

Comune capofila: Oristano Piazza Eleonora d Arborea tel. 0783 7911. Prot. n. 121/PLUS Oristano, 20/03/2014 PLUS Ambito Distretto di Oristano Comprendente i Comuni di: Allai-Baratili S.Pietro-Bauladu-Cabras-Milis-Narbolia-Nurachi-Ollastra-Oristano- Palmas Arborea-Riola Sardo-Samugheo-S.Vero MIlis-Santa Giusta-Siamaggiore-

Dettagli

Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento

Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento Con l'ausilio di questa scheda gli sportelli di ascolto, orientamento ed animazione sociale sul gioco d'azzardo patologico

Dettagli

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato Dipendenze Le relazioni periodiche dell Osservatorio Provinciale sulle Dipendenze consentono di seguire l evoluzione del fenomeno droga 1 nel contesto pratese, relativamente all andamento delle rilevazioni,

Dettagli

SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE TOSSICODIPENDENZE

SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE TOSSICODIPENDENZE SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE T.U. 309/90 e L.n.49/06 Prov.to30/10/07 (Conferenza stato/regioni) D.M.S. 444/90 e LR n.22/02 con relativi decreti Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli

Dettagli

CENTRO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE

CENTRO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE CENTRO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE 1/7 Premessa Il Dipartimento salute mentale e dipendenze patologiche è la struttura aziendale che ha come finalità la promozione

Dettagli

SET MINIMO DI DATI PER CLASSIFICARE LA NON AUTOSUFFICIENZA

SET MINIMO DI DATI PER CLASSIFICARE LA NON AUTOSUFFICIENZA SET MINIMO DI DATI PER CLASSIFICARE LA NON AUTOSUFFICIENZA Considerazioni preliminari La raccolta di dati si riferisce alle persone non autosufficienti, cioè a coloro che subiscono una perdita permanente,

Dettagli

I giovani e il gioco d azzardo in Ticino

I giovani e il gioco d azzardo in Ticino 1 I giovani e il gioco d azzardo in Ticino Analisi delle abitudini di gioco dei giovani tra 14 e 25 anni a livello cantonale Emiliano Soldini 2 Obiettivi dell indagine (1) I risultati emersi dallo studio

Dettagli

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE 1/6 Premessa Il Dipartimento salute mentale e dipendenze patologiche è la struttura aziendale che ha come finalità

Dettagli

IL GIOCO D AZZARDO IN LOMBARDIA

IL GIOCO D AZZARDO IN LOMBARDIA IL GIOCO D AZZARDO IN LOMBARDIA ATTIVITÀ DELL OSSERVATORIO REGIONALE SULLE DIPENDENZE (ORED) - 15 Guido Gay Milano, 15 ottobre 15 Struttura della presentazione Opinioni sul gioco d azzardo nei social media

Dettagli

1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA

1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA 1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA Nella tabella riepilogativa, per le singole tipologie erogative di carattere socio sanitario, sono evidenziate, accanto al richiamo alle prestazioni sanitarie, anche

Dettagli

Progetto GiocaResponsabile

Progetto GiocaResponsabile Progetto GiocaResponsabile Alfio Lucchini Presidente nazionale Roma 18 Luglio 2013 1 Principale società scientifica italiana delle dipendenze. Con 1.300 iscritti, professionisti dei Dipartimenti e Servizi

Dettagli

MA 28. DAI NEUROSCIENZE UOC di PSICHIATRIA du Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE. Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 7. pag.

MA 28. DAI NEUROSCIENZE UOC di PSICHIATRIA du Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE. Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 7. pag. pag. 7 DAI NEUROSCIENZE UOC di PSICHIATRIA du Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 7 Inserire eventuali altri loghi appartenenti all UO (es. Università,

Dettagli

Benedetto Micheli Via del colle 1, Mazzaferrro Urbino (PU)

Benedetto Micheli Via del colle 1, Mazzaferrro Urbino (PU) F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Via del colle 1, Mazzaferrro Urbino (PU) Telefono 3473804606 Fax E-mail tonton.benedetto@libero.it

Dettagli

Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA

Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA Il contesto demografico, epidemiologico e sociale Gli anziani a Cesena Aumento del 35% della popolazione

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Organizzazione dei servizi psichiatrici. Filippo Franconi

Organizzazione dei servizi psichiatrici. Filippo Franconi Organizzazione dei servizi psichiatrici Filippo Franconi Obiettivi di salute mentale Promozione della salute mentale a tutte le età Prevenzione primaria e secondaria dei disturbi mentali Riduzione delle

Dettagli

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre 5 gg lavorativi 5 gg lavorativi successivi all'invio

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre 5 gg lavorativi 5 gg lavorativi successivi all'invio flussi invio mensile SCADENZE FLUSSI INFORMATIVI CORRELATI AL MONITORAGGIO MENSILE DI CUI AL'ART. 50 (COMMA 11) E AGLI ADEMPIMENTI DA DECRETI MINISTERO SALUTE Flusso Scadenza prevista nell'annualità per

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 02/04/2013 Dr.ssa G. Saporetti Sig.ra Pallone Dr.ssa G. Saporetti Dr.ssa L. Di Palo Dr. M. Agnello

Dettagli

Incontro di orientamento professionale. Bergamo 14 aprile 2014

Incontro di orientamento professionale. Bergamo 14 aprile 2014 Incontro di orientamento professionale Bergamo 14 aprile 2014 Chi è l infermiere Profilo professionale dell'infermiere D.M. 14 settembre 1994, n. 739 Art. 1 1 - E' individuata la figura professionale dell'infermiere

Dettagli

Corso di formazione Sicurezza del paziente e gestione del rischio clinico

Corso di formazione Sicurezza del paziente e gestione del rischio clinico Corso di formazione Sicurezza del paziente e gestione del rischio clinico La prevenzione del suicidio in Ospedale Dr. Maurizio Belligoni Direttore Generale Agenzia Regionale Sanitaria Definizione di evento

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI

RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI CARPI (MO) Via 3 Febbraio 1831, N 9 Tel. 059/682774 e Fax. 059/684575 e-mail: residenza.stella@stellacarpi.it CARTA DEI SERVIZI

Dettagli

Famiglie per la salute mentale Affidi familiari di pazienti psichiatrici

Famiglie per la salute mentale Affidi familiari di pazienti psichiatrici Famiglie per la salute mentale Affidi familiari di pazienti psichiatrici Programma Innovativo TR07 La Casa Abitata Cooperativa Sociale A.E.P.E.R. Finalitàdel progetto Il progetto nasce dalla necessitàdi

Dettagli

Notizie generali sulla Psichiatria

Notizie generali sulla Psichiatria Notizie generali sulla Psichiatria Psichiatria: è la branca della medicina specializzata nello studio, nella diagnosi e nella terapia dei disturbi mentali. Oggi si privilegia considerare la Psichiatria

Dettagli

I servizi sociosanitari nelle zone montane

I servizi sociosanitari nelle zone montane I servizi sociosanitari nelle zone montane San Giovanni Bianco (Bg Bg), 11 ottobre 2014 Dr.ssa Mara Azzi Direttore Generale Asl Bergamo PRINCIPALI EVIDENZE DEMOGRAFICHE ED EPIDEMIOLOGICHE L ambito della

Dettagli

Il flusso Informativo: Dati 2005 1 semestre 2006

Il flusso Informativo: Dati 2005 1 semestre 2006 Il flusso Informativo: Dati 2005 1 semestre 2006 Bologna 24 ottobre 2006 Sistema Informativo Salute Mentale Servizio Salute Mentale, Dipendenze Patologiche e Assistenza Sanitaria nelle Carceri Servizio

Dettagli

REGIONE TOSCANA Giunta Regionale

REGIONE TOSCANA Giunta Regionale Direzione Generale Politiche Formative, Beni e Attività Culturali Area di Coordinamento Orientamento, Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Istruzione e Educazione RILEVAZIONE SUI SERVIZI PUBBLICI E

Dettagli

3. Epidemiologia. 60.418.711 Popolazione totale. 54% Giocatori d azzardo 18-74 anni (almeno una volta ultimi 12 mesi) N. 23.894.

3. Epidemiologia. 60.418.711 Popolazione totale. 54% Giocatori d azzardo 18-74 anni (almeno una volta ultimi 12 mesi) N. 23.894. 3. Epidemiologia La dimensione del fenomeno in Italia è difficilmente stimabile in quanto, ad oggi, non esistono studi accreditati, esaustivi e validamente rappresentativi del fenomeno. La popolazione

Dettagli

DIPARTI T ME M NT N O

DIPARTI T ME M NT N O Direzione Sociale DIPARTIMENTO DIPENDENZE Report dell Osservatorio DIPARTIMENTO DIPENDENZE Sintesi. Anno 2013 INDICE 1. ANALISI DEI TREND 2011-2013 2. ANALISI SUDDIVISA PER TIPOLOGIA DI UTENZA (Tossicodipendenti;

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.R. n. 45/18 del 21.12.2010 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

VITTIME DEL GIOCO D AZZARDO

VITTIME DEL GIOCO D AZZARDO RASSEGNA STAMPA VITTIME DEL GIOCO D AZZARDO A cura di Agenzia Comunicatio COMUNICATO STAMPA GIOCO D'AZZARDO: CEIS DON PICCHI, "A ROMA L'80% DEI GIOCATORI VITTIME DI SLOT E SCOMMESSE SPORTIVE" ROMA - Maschio,

Dettagli

private autorizzate e accreditate del Dipartimento di Salute Mentale dell Azienda U.S.L. Valle d Aosta, secondo la normativa vigente, come segue:

private autorizzate e accreditate del Dipartimento di Salute Mentale dell Azienda U.S.L. Valle d Aosta, secondo la normativa vigente, come segue: LA GIUNTA REGIONALE - visto l articolo 3-septies del decreto legislativo n. 502 del 30 dicembre 1992, così come modificato ed integrato dal decreto legislativo n. 229 del 19 giugno 1999, che prevede le

Dettagli

Sistema Informativo Territoriale

Sistema Informativo Territoriale Sistema Informativo Territoriale Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento Convegno Nazionale Ospedale, Città e Territorio Verona, 13 15 Settembre 2007 Responsabile Sistemi Informativi leonardo.sartori@apss.tn.it

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Allegato A. CARCERE Progetto reinserimento tossicodipendenti detenuti..pag.2. GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO.. pag.4. TABAGISMO...pag.

Allegato A. CARCERE Progetto reinserimento tossicodipendenti detenuti..pag.2. GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO.. pag.4. TABAGISMO...pag. LINEE di INDIRIZZO per progetti realizzati ai sensi della DGRC N.807/2012. Programmazione di interventi e contrasto alle dipendenze patologiche CARCERE Progetto reinserimento tossicodipendenti detenuti..pag.2

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Cooperativa Nuovi Sviluppi Via J. Kennedy n. 24 90019 Trabia (PA) P.IVA 04654320821

Dettagli

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO Elisa Casini 1, Fiorenzo Ranieri 2 Campione e metodi Il campione di ricerca è costituito da 384 soggetti di età compresa tra i 16 e i 20 anni

Dettagli

DDPMC. a. fornire l'ausilio specialistico occorrente ai luoghi di cura, ai centri ospedalieri e sanitari locali ed ai singoli medici;

DDPMC. a. fornire l'ausilio specialistico occorrente ai luoghi di cura, ai centri ospedalieri e sanitari locali ed ai singoli medici; La storia del DDP Proponiamo di seguito una breve carrellata delle principali leggi in materia di tossicodipendenza a livello nazionale e locale fino all'istituzione dei Dipartimenti delle Dipendenze Patologiche

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

IL LAVORO NEL CARCERE DI TRIESTE

IL LAVORO NEL CARCERE DI TRIESTE IL LAVORO NEL CARCERE DI TRIESTE Ruolo del Dipartimento di Salute Mentale nella prevenzione all invio in OPG a cura di Renata Bracco Bolzano, 30 novembre 2013 Il territorio del DSM di ASS1 Provincia di

Dettagli

elena.franco@ordinepsicologiveneto.it Consulente libero professionale come Psicologa- Psicoterapeuta

elena.franco@ordinepsicologiveneto.it Consulente libero professionale come Psicologa- Psicoterapeuta F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome, Cognome ELENA FRANCO Indirizzo Telefono E-mail elena.franco@ordinepsicologiveneto.it Nazionalità Data di

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

La Psicologia clinica: prospettive in ambito penitenziario

La Psicologia clinica: prospettive in ambito penitenziario La Psicologia clinica: prospettive in ambito penitenziario Dott.ssa Silvia Monauni Psicologa Psicoterapeuta Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Ausl di Reggio Emilia Nel CEP (Comitato

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE 1/7 Premessa Il Dipartimento di Neuroscienze ha come obiettivo la prevenzione, la diagnosi, la cura, la riabilitazione e la

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

Il sistema di salute mentale della Regione Lombardia

Il sistema di salute mentale della Regione Lombardia Il sistema di salute mentale della Regione Lombardia Direzione Generale Sanità Struttura: Psichiatria, Neuropsichiatria Infantile e Terme A cura di Antonio Lora L elaborazione dei dati geografici è stata

Dettagli

Corrispondenza tra campi di INPUT gestiti da mfp e reports di OUTPUT

Corrispondenza tra campi di INPUT gestiti da mfp e reports di OUTPUT Corrispondenza tra campi di INPUT gestiti da mfp e reports di OUTPUT SCHEDE MINISTERIALI 1) SER.01 Dati anagrafici dei servizi pubblici per le tossicodipendenze Sezione C. Numero strutture carcerarie e

Dettagli

I GRUPPI DI TERAPIA PER I FAMIGLIE : (UD)

I GRUPPI DI TERAPIA PER I FAMIGLIE : (UD) I GRUPPI DI TERAPIA PER I GIOCATORI D AZZARDO E LE LORO FAMIGLIE : L ESPERIENZA DI CAMPOFORMIDO (UD) ROLANDO DR. DE LUCA PSICOLOGO PSICOTERAPEUTA RESPONSABILE DEL CENTRO DI TERAPIA DI CAMPOFORMIDO E-mail

Dettagli

www.gruppoabele.org/cosa-facciamo/dipendenze Missione

www.gruppoabele.org/cosa-facciamo/dipendenze Missione 22 www.gruppoabele.org/cosa-facciamo/dipendenze L area dipendenze raggruppa attività e servizi rivolti alle persone con problemi di dipendenza da sostanze legali e illegali, di dipendenza senza sostanza,

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI I Sessione: Il problema del lavoro rispetto alla psicopatologia e alla psicologia Malattie psichiatriche e lavoro Milano Ospedale San Raffaele 19 Novembre 2010 ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

Dettagli

Estratto del Progetto G A P

Estratto del Progetto G A P Estratto del Progetto G A P Progetto nazionale per l attivazione di strategie e per lo studio e la preparazione di linee di indirizzo tecnico-scientifiche, coordinate e finalizzate alla prevenzione, alla

Dettagli

Tavolo Tecnico del Sistema Informativo Regionale sulle Dipendenze RAPPORTO REGIONALE GLI UTENTI DEI SER.T. IN BASILICATA NEL 2013

Tavolo Tecnico del Sistema Informativo Regionale sulle Dipendenze RAPPORTO REGIONALE GLI UTENTI DEI SER.T. IN BASILICATA NEL 2013 RAPPORTO REGIONALE GLI UTENTI DEI SER.T. IN BASILICATA NEL 2013 1 Tavolo Tecnico Sistema Informativo Regionale sulle Dipendenze Gruppo di lavoro per la stesura del Rapporto Regione Basilicata Rocco Libutti

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE ASSISTENZA RIABILITATIVA PSICHIATRICA DOMICILIARE E TERRITORIALE ASSICURATA DAL PRIVATO ISTITUZIONALMENTE ACCREDITATO

REGOLAMENTO REGIONALE ASSISTENZA RIABILITATIVA PSICHIATRICA DOMICILIARE E TERRITORIALE ASSICURATA DAL PRIVATO ISTITUZIONALMENTE ACCREDITATO REGOLAMENTO REGIONALE ASSISTENZA RIABILITATIVA PSICHIATRICA DOMICILIARE E TERRITORIALE ASSICURATA DAL PRIVATO ISTITUZIONALMENTE ACCREDITATO Il presente regolamento si compone di n. 6 pagine, compresa la

Dettagli

Dr. Alberto Antonini. Curriculum

Dr. Alberto Antonini. Curriculum e mail: alberto.antonini@uslumbria2.it Tel. e Fax 0744/ 204411 Cell. 335/ 5313363-329/ 2603868 Dr. Alberto Antonini Curriculum Via Giordano Bruno 61 01028 - Orte (VT) Dati personali Luogo e data di nascita:

Dettagli

DALLA DIAGNOSI AL TRATTAMENTO

DALLA DIAGNOSI AL TRATTAMENTO DALLA DIAGNOSI AL TRATTAMENTO Classificazione Blaszczynski (1991, 2000) Tre tipologie giocatori Giocatori patologici non patologici Giocatori emotivamente disturbati Giocatori con correlati biologici Tratto

Dettagli

2.1.3. DIPENDENZE. La rete dei Servizi per le tossicodipendenze

2.1.3. DIPENDENZE. La rete dei Servizi per le tossicodipendenze 2.1.3. DIPENDENZE La rete dei Servizi per le tossicodipendenze L assistenza ai tossicodipendenti nella inizia a strutturarsi nel 1985 per effetto dalla L.R. 70/84, a seguito dei Decreti Ministeriali del

Dettagli

CITTA di LAURIA Provincia di Potenza

CITTA di LAURIA Provincia di Potenza CITTA di Regolamento Comunale per il funzionamento della CASA FAMIGLIA per disabili gravi adulti Dopo di noi. INDICE ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - OBIETTIVI ART. 3 - DESTINATARI ART. 4 - VALUTAZIONE PER AMMISSIBILITA

Dettagli

proposta di legge n. 210

proposta di legge n. 210 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 210 a iniziativa dei Consiglieri Ciriaci, Eusebi, Trenta, Natali, Marangoni, Bucciarelli, Carloni, Massi, Latini, Sciapichetti, Acquaroli, Pieroni,

Dettagli

RAGAZZI IN GIOCO PROGETTO LUDOPATIE IN COLLABORAZIONE CON

RAGAZZI IN GIOCO PROGETTO LUDOPATIE IN COLLABORAZIONE CON IN COLLABORAZIONE CON Aprile 2014 CAMPIONE Fasce di età 25,0% 25,0% 25,0% Totale Italia 35-39 anni 20,2% 40-44 anni 26,3% 45-49 anni 34,6% Oltre 49 anni 18,9% 25,0% TOTALE 100,0% Sesso Totale Italia Maschio

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Azienda USL RM B 2) Codice di accreditamento: NZ00156 3) Classe di iscrizione all

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 105 DEL 23 GENNAIO 2015

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 105 DEL 23 GENNAIO 2015 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 05 DEL 23 GENNAIO 205 Definizione del "Programma regionale di Spesa Corrente per gli anni 202 e 203 per gli interventi finalizzati al superamento degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Riabilitazione delle Dipendenze

Riabilitazione delle Dipendenze Sistema Sanitario Regione Lombardia A.O. Ospedale Maggiore di Crema Ospedale S. Marta - Rivolta d Adda Riabilitazione delle Dipendenze U.O. di Riabilitazione delle Dipendenze Ospedale S. Marta di Rivolta

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci AREA MATERNO INFANTILE ED ETÀ EVOLUTIVA (1) Assistenza di tipo consultoriale

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Riminucci Clizia Data di nascita 30/04/1956

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Riminucci Clizia Data di nascita 30/04/1956 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Riminucci Clizia Data di nascita 30/04/1956 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ZONA TERRITORIALE N. 1 PESARO Dirigente ASL I

Dettagli

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Maria Bona Venturi CENTRO C.A.S.A. AIDS Dipartimento delle Cure Primarie Azienda USL di Bologna 1 Il Centro C.A.S.A. (Centro

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ANNO 2015

CARTA DEI SERVIZI ANNO 2015 COMUNITA ALFAOMEGA SERVIZIO TERAPEUTICO RIABILITATIVO RESIDENZIALE CON MODULO SPECIALITICO PER ALCOL E POLIDIPENDENTI CARTA DEI SERVIZI ANNO 2015 Pagina 1 di 8 Rev. N.06 del 07/01/2015 Sommario PREMESSA...

Dettagli

Il Progetto PERSEFONE nell intervento integrato nella Doppia Diagnosi

Il Progetto PERSEFONE nell intervento integrato nella Doppia Diagnosi CONFERENZA DEI SERVIZI DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DELLE DIPENDENZE PATOLOGICHE AUSL ROMA/H Pomezia, 17-18 18 Aprile 2015 Il Progetto PERSEFONE nell intervento integrato nella Doppia Diagnosi Dr.

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

LIVEAS - Strutture residenziali e semiresidenziali per persone con fragilità sociali

LIVEAS - Strutture residenziali e semiresidenziali per persone con fragilità sociali CASA FAMIGLIA PER PERSONE ADULTE CON DISAGIO PSICHICO 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Esclusione Sociale Disabilità Psichica

Dettagli