Qualità e Customer Satisfaction

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Qualità e Customer Satisfaction"

Transcript

1 Fondamenti di Marketing Turistico Università degli Studi di Roma Tor Vergata Qualità e Customer Satisfaction Dott. Mario Liguori 1

2 Customer Satisfaction: i vantaggi Fonte/Determinante della fedeltà (customer loyalty) Opportunità di ottimizzazione dei costi di marketing Passaparola (positivo vs negativo) Maggiore capacità di ottenere prezzi più elevanti (Premium/SuperPremium price) Fonte di informazione per gli investitori Contribuisce a mantenere elevato il morale e il commitment del personale Strumento di diagnosi e di miglioramento 2

3 Customer Satisfaction: i vantaggi Costi per trasformare un cliente attivo in un cliente fedele: 1 Costi per conquistare un nuovo cliente: 5 Costi per recuperare un cliente insoddisfatto: 12 Esomar;

4 Customer Satisfaction: i vantaggi Passaparola positivo: 1 persona lo racconta mediamente a 3 persone Passaparola negativo: 1 persona lo racconta mediamente a 9-10 persone Es. 100 clienti totali (70% soddisfatti) Ognuna delle 70 persone racconterà la sua esperienza positiva a 3 persone = 210 (WOM +) Ciascuna delle 30 persone insoddisfatte racconterà la sua esperienza negativa a 9 persone = 270 (WOM -) Esomar;

5 Customer Satisfaction Definizione customer satisfaction Definizione valore per il cliente Conseguenza customer satisfaction Vedi lezione concetti chiave 5

6 Customer Satisfaction: Segmentazione della base clienti (1/3) Quattro segmenti: Fedeli e Apostoli (Loyalist & Apostle) o Completamente soddisfatti/entusiasti o Ottima coerenza tra offerta dell impresa e bisogni dei clienti o Passaparola positivo Disertore e Terroristi (Defector & Terrorist) o Molto insoddisfatti, relativamente insoddisfatti e neutri o Forte passaparola negativo o Pronti a cambiare impresa fornitrice Fonte: Liu, Glines

7 Customer Satisfaction: Segmentazione della base clienti (2/3) Mercenari (Mercenary) o Resistenti alla regola della fedeltà dipendente dalla soddisfazione o Probabilmente del tutto soddisfatti ma non fedeli o Inseguono prezzi bassi, moda e acquistano d impulso Ostaggi (Hostage) o Consumatori bloccati in una situazione di monopolio sia insoddisfatti che soddisfatti o Reclamano spesso o Abbattono il morale del personale Fonte: Liu, Glines

8 Customer Satisfaction: Segmentazione della base clienti (3/3) Tipo Soddisfazione Comportamento Costo Loyalist / Apostle Alta Fedeli e supportano Basso Defector / Terrorist Bassa o Media Stanno per lasciare o hanno abbandato infelici Alto Mercenary Alta Vanno e vengono Medio Hostage Bassa o Media Impossibilitati a cambiare Basso Fonte: Liu, Glines

9 American Customer Satisfaction Index (1994) Comportame nto nei reclami Attese Qualità percepita Valore Percepito Customer Satisfaction Index (CSI) Loyalty (Retention) 9

10 European Customer Satisfaction Index (1998) Immagine Attese Qualità percepita del prodotto (Caratteristiche Hardware) Valore Percepito Customer Satisfactio n Index (CSI) Loyalty (Retention) Qualità Percepita del Servizio (Caratteristiche Software) 10

11 Dalla Customer Satisfaction alla Lealtà (1/2) LEALTA Analisi del valore diadico tn Fedeltà mentale Riacquisto Fiducia Soddisfazione t1 Valore atteso t0 Acquisto Valore percepito Fedeltà comportamentale tm Analisi del valore monadico Fonte: Costabile,

12 Dalla Customer Satisfaction alla Lealtà (2/2) Customer Satisfaction t0 t1, t2 Fiducia (Trust) Valore Monadico Valore Diadico tm tn Fedeltà Mentale (Mental Loyalty) tn t n + 1 Equità Customer Loyalty Fonte: Costabile,

13 Tecniche di misurazione della qualità e della Customer Satisfaction Tecniche misurazione qualità Principali vantaggi Principali svantaggi Osservazione del management Nessun inconveniente per i clienti La presenza di osservatori può influenzare l erogazione Feedback del personale Conoscenza da parte del personale Indicazione per gli impiegati ma i commenti generalmente riflettono gli estremi Comment cards Indagine postale/mail/web Suggeriscono all impresa gli interessi dei consumatori Abilità ad ottenere campioni validi e rappresentativi Attendibilità relativa a causa della ridotta rappresentatività Ritardi e fenomeni di cattiva memoria Interviste personali in loco Feedback dettagliato dell ospite Campioni di analisi ridotti Interviste telefoniche Tecnica dell evento critico Focus groups Campioni validi e rappresentativi di consumatori obiettivo Individuazione di ciò che è critico per i consumatori Informazioni molto ricche Inconvenienti per i consumatori: risposta svogliata e sbrigativa Bassa percentuale di risposte Identificazione di segni 13

14 Customer Satisfaction: variabili maggiormente misurate Overall satisfaction Soddisfazione per attributi prodotto, benefici Soddisfazione per l uso/esperienza del prodotto Livello atteso/ideale/effettivo di soddisfazione Disponibilità/probabilità a raccomandare l acquisto Disponibilità/probabilità riacquisto Frequenza di acquisto (proxy della fedeltà comportamentale) Variabili socio-demografiche (descrittori) 14

15 Esempio Misurazione Un approccio analitico e pragmatico (à la Fishbein): Grado di importanza del fattore/attributo rispetto alla valutazione complessiva Grado di soddisfazione Esempio: Potrebbe esserci un problema nell esempio? 15

16 Misurazione della qualità attesa e percepita Potrebbe esserci un problema nell esempio? 16

17 Qualità del servizio Problema discusso in letteratura: Rapporto tra soddisfazione del cliente e qualità del servizio. Prospettiva del cliente: qualità percepita Misurazione della qualità percepita attraverso la valutazione del divario esistente tra le aspettative e le percezioni: o dei Clienti o del Management o dei Dipendenti 17

18 Dimensioni della Qualità del servizio Il concetto di qualità del servizio attiene a differenti dimensioni. Le principali sono: Qualità tecnica del risultato: risponde alla domanda Cosa? Qualità funzionale del processo: risponde alla domanda Come? Qualità Serviscape : risponde alla domanda Dove? 18

19 SERVQUAL (1/6) Questo modello consente di misurare la qualità del servizio offerto da una data impresa confrontando le differenze tra aspettative e percezioni. La qualità percepita, nella prima versione, dipendeva da 10 determinanti: Affidabilità Capacità di risposta Competenza Accessibilità Cortesia Comunicazione Credibilità Sicurezza Capire/conoscere il cliente Aspetti tangibili 19

20 SERVQUAL (2/6) Le 10 determinanti della qualità percepita sono riducibili a 5. In particolare si prendono in considerazione: Aspetti tangibili (aspetto delle strutture fisiche, delle attrezzature, del personale) Affidabilità (capacità di erogare il servizio promesso in modo puntuale e accurato) Capacità di risposta (volontà di aiutare i clienti e di fornire il servizio con prontezza) Capacità di rassicurazione (competenza e cortesia, capacità di ispirare fiducia e confidenza) Empatia (capacità di comprendere i problemi dei clienti e di assisterli in maniera premurosa e individualizzata) 20

21 SERVQUAL (3/6) Per ognuna delle 5 dimensioni si rilevano le aspettative e le percezioni mediante scale di misurazione ordinali. In particolare, le aspettative sono valutate in funzione delle imprese leader del settore, ovvero in relazione ad altri parametri che consentono la misurazione (es. prezzo). Vengono formulate 22 domande per ciascuna delle 2 categorie (aspettative/percezioni). Spesso il questionario si chiude con una domanda OVERALL. 21

22 SERVQUAL (4/6) Elementi tangibili 1. L azienda di servizi dovrebbe avere delle apparecchiature moderne 2. Il supporto fisico dovrebbe essere gradevole 3. Il personale dovrebbe avere un aspetto pulito 4. Il materiale di supporto al servizio (depliants o cartelli) dovrebbe essere piacevole a vedersi Affidabilità 5. Quando l azienda promette di fornire il servizio per un giorno preciso dovrebbe mantenere la promessa. 6. Quando il cliente ha un problema l azienda dovrebbe dimostrare che è veramente interessata a risolverlo 7. L azienda dovrebbe fornire il servizio nel modo giusto la prima volta. 8. L azienda dovrebbe fornire il servizio al momento in cui ha promesso di farlo. 9. L azienda dovrebbe porre particolare attenzione alla correttezza delle pratiche dei propri clienti. 22

23 SERVQUAL (5/6) Capacità di risposta 10. Il personale dovrebbe dire con esattezza al cliente quando gli verrà fornito il servizio. 11. Il personale dovrebbe servire rapidamente il cliente. 12. Il personale dovrebbe sempre essere disponibile ad aiutare il cliente. 13. Il personale non dovrebbe mai essere troppo occupato nel momento in cui deve rispondere alle richieste del cliente Capacità di rassicurazione (Sicurezza) 14. Il comportamento del personale dovrebbe ispirare fiducia al cliente. 15. Il cliente dovrebbe provare un senso di sicurezza durante la fornitura del servizio. 16. Il personale dovrebbe essere sempre cortese con tutti i clienti. 17. Il personale dovrebbe sapere rispondere alle richieste del cliente. Empatia 18. L azienda dovrebbe prestare attenzione personalizzata al cliente. 19. L azienda dovrebbe avere degli orari di apertura comodi per tutti i clienti. 20. L azienda dovrebbe avere del personale che presta attenzione personalizzata ai clienti. 21. L azienda dovrebbe prendersi a cuore gli interessi del cliente. 22. L azienda dovrebbe riuscire a capire i bisogni specifici dei suoi 23

24 SERVQUAL (6/6) Aspetti tangibili Affidabilità Capacità di risposta Capacità di rassicurazione Empatia 24

25 Esempio: Fasi della ricerca di mercato per misurazione della qualità percepita Analisi del modello SERVQUAL e formulazione del questionario Definizione del campione mediante un campionamento stratificato Somministrazione del questionario Elaborazione dei dati Relazione finale e linee guida per il miglioramento della Customer Satisfaction 25

26 Campionamento stratificato Numerosità della popolazione e numerosità del campione Determinazione della numerosità di ogni strato del campione in funzione della percentuale 26

27 Risultati applicazione SERVQUAL Aspettative Percezioni Diff. Aspetti tangibili 5,86 5,97 0,11 Affidabilità 5,89 6 0,11 Capacità di risposta 6,01 6-0,01 Capacità di rassicurazione 5,99 5,98-0,01 Empatia 6,01 6,02 0,01 27

28 Gap tra aspettative e percezioni 28

29 Problemi del SERVQUAL (5/6) L applicazione del SERVQUAL comporta alcuni problemi metodologici inerenti rispettivamente: il momento in cui vengono effettuate le misurazioni delle aspettative e delle percezioni; l impiego di scale di misurazione ordinali; la natura delle aspettative (indefinite, esplicite ed implicite). Per ovviare a tali problemi sono stati proposti altri modelli tra i quali uno dei più noti è il SERVPERF. 29

30 Problemi del SERVQUAL (6/6) Il SERVQUAL, come altri modelli improntati a misurare la qualità del servizio offerto al cliente, è un modello statico. Per tale motivo negli ultimi anni l attenzione della ricerca è stata posta su modelli dinamici volti a misurare la qualità del rapporto intesa come qualità a lungo termine. Se si tratta di rapporto, però, risulta necessario valutare sia le percezioni del cliente che quelle dell impresa. In tale ottica il rapporto è definito come sequenza di percezioni. Per cui le misurazioni avvengono attraverso il confronto di diverse sequenze. 30

31 Passaparola Bisogni Esperienze CLIENTE Divario 5 Aspettative servizio Servizio percepito Divario 1 Divario 3 ORGANIZZAZIONE Divario 2 Prestazione del Servizio Specifiche del Servizio Percezione del Management circa le aspettative del cliente Divario 4 Comunicazione esterne ai consumatori Il modello dei 5 GAP 31

32 Qualità pianificata dal top management Il modello dei gap Gap di sintonia Qualità desiderata dal cliente Gap di coinvolgimento Gap di realizzazione Gap di allineamento Qualità offerta dall impresa Gap di valore Gap di progettazione Gap di percezione Qualità percepita dal personale Gap di consonanza Qualità percepita dal cliente 32

Percezioni del cliente in merito al servizio

Percezioni del cliente in merito al servizio Corso di Marketing Strategico Percezioni del cliente in merito al servizio Angelo Riviezzo angelo.riviezzo@unisannio.it Le percezioni del cliente in merito al servizio Marketing dei servizi Le percezioni

Dettagli

Servqual: applicazioni e limiti del modello. Tonino Pencarelli

Servqual: applicazioni e limiti del modello. Tonino Pencarelli Servqual: applicazioni e limiti del modello Tonino Pencarelli servqual Il Servqual è costituito da due serie di 22 domande predefinite: la prima serie di domande misura le aspettative generiche dei clienti

Dettagli

Aspetti metodologici della misurazione della Customer Satisfaction nella PA e limiti dell applicazione di modelli sviluppati per il mercato

Aspetti metodologici della misurazione della Customer Satisfaction nella PA e limiti dell applicazione di modelli sviluppati per il mercato Aspetti metodologici della misurazione della Customer Satisfaction nella PA e limiti dell applicazione di modelli sviluppati per il mercato Professoressa Maria Francesca Renzi L importanza della Soddisfazione

Dettagli

L ATTENZIONE AL CLIENTE LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE CHI E IL CLIENTE? 07/10/2013

L ATTENZIONE AL CLIENTE LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE CHI E IL CLIENTE? 07/10/2013 L ATTENZIONE AL CLIENTE L approccio teorico. Gli strumenti di ascolto del cliente. I metodi di misurazione della customer satisfaction. 1 LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Lo stato in cui i bisogni, i desideri,

Dettagli

LUMSA Università Dipartimento di Giurisprudenza Palermo Sez. S. Silvia

LUMSA Università Dipartimento di Giurisprudenza Palermo Sez. S. Silvia LUMSA Università Dipartimento di Giurisprudenza Palermo Sez. S. Silvia Master universitario di I livello Management delle politiche sociali. Focalizzazione: Paesi dell area euromediterranea Anno Accademico

Dettagli

LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE CUSTOMER SATISFACTION CHI E IL CLIENTE? 23/10/2011

LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE CUSTOMER SATISFACTION CHI E IL CLIENTE? 23/10/2011 LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 1 CUSTOMER SATISFACTION Lo stato in cui i bisogni, desideri, aspettative dei clienti sono soddisfatti e portano al riutilizzo del prodotto/ servizio ed alla fedeltà all azienda

Dettagli

Il marketing dei servizi. Il gap 1: non sapere cosa si aspettano i clienti

Il marketing dei servizi. Il gap 1: non sapere cosa si aspettano i clienti Il marketing dei servizi Il gap 1: non sapere cosa si aspettano i clienti Gap del fornitore n.1 gap di ascolto Per minimizzare il gap di ascolto è utile: Capire le aspettative dei clienti usando le ricerche

Dettagli

GENERALITÀ SULLA CUSTOMER SATISFACTION

GENERALITÀ SULLA CUSTOMER SATISFACTION GENERALITÀ SULLA CUSTOMER SATISFACTION Giuseppe Cicconi IL MODELLO DI GENERAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION Caratteristica dell'offerta Funzionalita' "Immagine - esperienze passate con l azienda Valore

Dettagli

CORSO DI MARKETING PROGREDITO MARKETING METRICS II PARTE. Prof. Giancarlo Ferrero Università di Urbino Carlo Bo

CORSO DI MARKETING PROGREDITO MARKETING METRICS II PARTE. Prof. Giancarlo Ferrero Università di Urbino Carlo Bo CORSO DI MARKETING PROGREDITO MARKETING METRICS II PARTE Prof. Giancarlo Ferrero Università di Urbino Carlo Bo 1 La marketing scorecard Elementi da stimare ex ante e misurare ex post (esempi) Prospettiva

Dettagli

Comprendere le aspettative e le percezioni del cliente con le ricerche di marketing

Comprendere le aspettative e le percezioni del cliente con le ricerche di marketing Corso di Marketing Strategico Comprendere le aspettative e le percezioni del cliente con le ricerche di marketing Angelo Riviezzo angelo.riviezzo@unisannio.it Gap del fornitore n.1 CLIENTE Servizio atteso

Dettagli

Valutazione e miglioramento della qualità nelle Pmi dell I&CT

Valutazione e miglioramento della qualità nelle Pmi dell I&CT Valutazione e miglioramento della qualità nelle Pmi dell I&CT Nell attuale economia globalizzata e altamente competitiva l impresa customer oriented è chiamata a fornire prodotti/servizi atti a soddisfare

Dettagli

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media Capitolo 2 Comprendere le relazioni UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media IL CONCETTO DI RELAZIONE Le implementazioni di CRM sono concepite nell ottica

Dettagli

Misurazione e gestione della customer. 6 settembre 2011

Misurazione e gestione della customer. 6 settembre 2011 Misurazione e gestione della customer satisfaction 6 settembre 2011 Giacomo Del Chiappa Facoltà di Economia Università di Sassari E-mail: gdelchiappa@uniss.it ID-skipe:giacomo.del.chiappa Indice 1. Presentazione

Dettagli

Il marketing dei servizi. Le aspettative dei clienti rispetto alle performance del servizio e le fonti delle aspettative

Il marketing dei servizi. Le aspettative dei clienti rispetto alle performance del servizio e le fonti delle aspettative Il marketing dei servizi Le aspettative dei clienti rispetto alle performance del servizio e le fonti delle aspettative Le aspettative del cliente I clienti hanno vari tipi di aspettative relativamente

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

Comportamento del cliente

Comportamento del cliente Comportamento del cliente Obiettivi conoscitivi Inquadrare l analisi del comportamento del cliente nelle diverse prospettive disciplinari che hanno affrontato l argomento Comprendere la sequenza delle

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

L ANALISI DEI RISULTATI DI CUSTOMER SATISFACTION

L ANALISI DEI RISULTATI DI CUSTOMER SATISFACTION L ANALISI DEI RISULTATI DI CUSTOMER SATISFACTION LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE. Strumento di marketing: conoscere il livello di soddisfazione del cliente e il modo in cui si forma il suo giudizio analisi

Dettagli

Customer satisfaction

Customer satisfaction [moduli operativi di formazione] Customer satisfaction Soddisfare Migliorare Continuare a soddisfare CUSTOMER SATISFACTION Tutte le aziende dipendono dai propri clienti ed è indispensabile agire per capire

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 STUDIO Q QUALITÀ TOTALE SRL organizzazione formazione marketing INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE 3 2 METODOLOGIA 4 3 IL TARGET E IL CAMPIONE D

Dettagli

Il Marketing. Unità 1 La Funzione di Marketing

Il Marketing. Unità 1 La Funzione di Marketing Il Marketing Unità 1 La Funzione di Marketing Le Vendite e il Marketing Il Marketing si inquadra nella Funzione Vendite In passato le imprese erano product oriented (mercati statici) Oggi le imprese sono

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE. Per il calendario delle attività consultare www.qualitapa.gov.it

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE. Per il calendario delle attività consultare www.qualitapa.gov.it IL PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE ATTIVITA IN PROGRAMMAZIONE NEL PERIODO OTTOBRE DICEMBRE 2011 Per il calendario delle attività consultare www.qualitapa.gov.it IL PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE

Dettagli

8.1.2 Gli strumenti finanziari... 211

8.1.2 Gli strumenti finanziari... 211 Indice Prefazione... 13 La struttura del volume... 17 1 La creazione di valore in impresa... 23 1.1 La teoria della creazione di valore: origini e significati... 23 1.2 Non è tutt oro quel che luccica

Dettagli

Indagini e analisi per il gradimento dei servizi comunali di Firenze Metodi e organizzazione

Indagini e analisi per il gradimento dei servizi comunali di Firenze Metodi e organizzazione Indagini e analisi per il gradimento dei servizi comunali di Firenze Metodi e organizzazione Ciro Annicchiarico Comune di Firenze Ufficio Comunale di Statistica Reggio Calabria, 29 settembre 2006 1 Metodologia

Dettagli

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio.

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio. SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE PILOTA DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS SUI CALL CENTER COMMERCIALI DELLE PRINCIPALI IMPRESE DI VENDITA DI ELETTRICITA E DI GAS Finalità e obiettivi I

Dettagli

Customer Satisfaction Arpa Emilia-Romagna

Customer Satisfaction Arpa Emilia-Romagna Customer Satisfaction Arpa Emilia-Romagna Indagine a frequenza triennale Anno 2014 Sintesi regionale dei risultati Istruttoria per il processo di pianificazione 2015 APSCD DG Michele Banzi, Adriano Libero

Dettagli

Appunti dal corso di Metodi Quantitativi per la Valutazione della Qualità

Appunti dal corso di Metodi Quantitativi per la Valutazione della Qualità Appunti dal corso di Metodi Quantitativi per la Valutazione della Qualità Laurea Magistrale in: Comunicazione pubblica, d impresa e pubblicità Docente: Silvio Franco (franco@unitus.it) Cultori della materia

Dettagli

Comportamento di acquisto e consumo a.a. 2008/09

Comportamento di acquisto e consumo a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Comportamento di acquisto e consumo a.a. 2008/09 Dott. Mario Liguori 1 Definizioni Comportamento di acquisto = l insieme delle

Dettagli

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000)

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) CAPITOLO 1 Mario Cislaghi AICQ-CI La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) IL CLIENTE AL CENTRO

Dettagli

La gestione del cliente in un ottica di marketing

La gestione del cliente in un ottica di marketing La gestione del cliente in un ottica di marketing La soddisfazione del cliente Intuitivamente semplice, ma implica un esatta definizione dei parametri misurabili, in base ai quali un cliente si può definire

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI

PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI REV. n. DATA Motivo revisione Responsabile REDAZIONE Settore CID Responsabile VERIFICA Settore SG Responsabile APPROVAZIONE

Dettagli

di Gianfranco Visconti

di Gianfranco Visconti IL METODO SERVQUAL PER LA MISURAZONE ED IL MONITORAGGIO DELLA CUSTOMER SATISFACTION DELLE IMPRESE DI SERVIZI di Gianfranco Visconti Marketing e vendite >> Marketing e management Sommario Definizioni preliminari...3

Dettagli

Risorse, capacità e competenze per fare impresa

Risorse, capacità e competenze per fare impresa Risorse, capacità e competenze per fare impresa Renato Fiocca Parma - 21 marzo 2014 Gli argomenti di oggi: Le relazioni impresa-mercato e la centralità del cliente Individuare e generare valore per il

Dettagli

Prodotto vs. Brand. Un prodotto si fabbrica. Un brand si compra (fiducia) Un brand (se ben costruito) è unico. Un prodotto si copia

Prodotto vs. Brand. Un prodotto si fabbrica. Un brand si compra (fiducia) Un brand (se ben costruito) è unico. Un prodotto si copia BRAND MANAGEMENT Prodotto vs. Brand Un prodotto si fabbrica Un brand si compra (fiducia) Un prodotto si copia Un brand (se ben costruito) è unico Un prodotto diventa obsoleto Un brand di successo vive

Dettagli

Statistici in Azienda. Una procedura bootstrap per valutare la qualità dei risultati aziendali. Padova, 15 giugno 2010

Statistici in Azienda. Una procedura bootstrap per valutare la qualità dei risultati aziendali. Padova, 15 giugno 2010 Statistici in Azienda Una procedura bootstrap per valutare la qualità dei risultati aziendali Andrea Perdoncin Marketing Strategico - Insurance Development Padova, 15 giugno 2010 Indice 1 Il Marketing

Dettagli

Linea - Misurare la soddisfazione Customer Satisfaction Audit TSA. Ottobre 2014

Linea - Misurare la soddisfazione Customer Satisfaction Audit TSA. Ottobre 2014 Linea - Misurare la soddisfazione TSA Ottobre 2014 Indice 1. OBIETTIVI E METODOLOGIA 1.1 Obiettivi Pag. 5 1.2 La metodologia d indagine e campione Pag. 6 2. EXECUTIVE SUMMARY Pag. 7 3. CUSTOMER SATISFACTION

Dettagli

MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 08/02/2011 Pag. 1 di 6 MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4. RESPONSABILITÀ... 2 5.

Dettagli

Customer satisfaction nei servizi, maggiore dove c è concorrenza

Customer satisfaction nei servizi, maggiore dove c è concorrenza Customer satisfaction nei servizi, maggiore dove c è concorrenza La terza edizione dell Osservatorio sulla customer satisfaction nei servizi conferma che il livello di soddisfazione dei clienti risulta

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Il marketing dei servizi. Il comportamento d acquisto nei servizi

Il marketing dei servizi. Il comportamento d acquisto nei servizi Il marketing dei servizi Il comportamento d acquisto nei servizi Il comportamento d acquisto È sempre rivolto a qualche obiettivo Comporta sempre più attività È un processo a più stadi (pre acquisto, acquisto,

Dettagli

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Segreteria Generale Ufficio Programmazione e Controllo di gestione anno 2014 1. NOZIONI INTRODUTTIVE Ai sensi del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 dicembre

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

un rapporto di collaborazione con gli utenti

un rapporto di collaborazione con gli utenti LA CARTA DEI SERVIZI INFORMATICI un rapporto di collaborazione con gli utenti La prima edizione della Carta dei Servizi Informatici vuole affermare l impegno di Informatica Trentina e del Servizio Sistemi

Dettagli

Questionario di verifica per l orientamento al cliente

Questionario di verifica per l orientamento al cliente Questionario di verifica per l orientamento al cliente E facile trattare con la nostra azienda? E facile contattarci? Siamo rapidi nel fornire info.? E facile effettuare un ordine? Facciamo promesse ragionevoli?

Dettagli

Risultati dell indagine di customer satisfaction sullo Sportello del Cittadino

Risultati dell indagine di customer satisfaction sullo Sportello del Cittadino Risultati dell indagine di customer satisfaction sullo Sportello del Cittadino Indagine on line realizzata nel periodo Giugno - Luglio 2013 U. Org.va Personale, Organizzazione e controllo Ufficio Controllo

Dettagli

Customer Value. Soddisfazione, fedeltà, valore. Bruno Busacca. Dean, SDA Bocconi School of Management Full Professor of Marketing, Bocconi University

Customer Value. Soddisfazione, fedeltà, valore. Bruno Busacca. Dean, SDA Bocconi School of Management Full Professor of Marketing, Bocconi University Customer Value Soddisfazione, fedeltà, valore Bruno Busacca Dean, SDA Bocconi School of Management Full Professor of Marketing, Bocconi University 17ma Giornata ticinese del Marketing - Lugano - 22 maggio

Dettagli

Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni

Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni Alessandro Musumeci Direttore Centrale Sistemi Informativi Roma, 18 aprile 2013 Ora esiste il Web 2.0: le persone al centro. Interconnesse Informate Disintermediate

Dettagli

Report. Indagine di soddisfazione relativa al Servizio Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) Comune di Napoli. Indice

Report. Indagine di soddisfazione relativa al Servizio Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) Comune di Napoli. Indice Report SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO CS OFF-LINE Indagine di soddisfazione relativa al Servizio Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) Comune di Napoli Indice Le fasi per la realizzazione dell indagine...2

Dettagli

LA FIDELIZZAZIONE DEL TURISTA: SOGNO O REALTÀ?

LA FIDELIZZAZIONE DEL TURISTA: SOGNO O REALTÀ? UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa LA FIDELIZZAZIONE DEL TURISTA: SOGNO O REALTÀ? Tesi di: Sara Luchi

Dettagli

LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE NELLO SPORT

LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE NELLO SPORT Il cliente e' la persona o il gruppo cui sono destinati i prodotti e i servizi erogati dalla realtà sportiva. La soddisfazione del cliente viene definita come la percezione da parte del cliente di quanto

Dettagli

METRICHE QUANTITATIVE PER LA MISURAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION. Seconda parte

METRICHE QUANTITATIVE PER LA MISURAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION. Seconda parte Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Laurea Magistrale in Marketing e Comunicazione per le aziende METRICHE QUANTITATIVE PER LA MISURAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION.

Dettagli

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori Creare valore per il cliente Significa: A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori B) Gestire tutte le funzioni in modo che creino valore E un processo strategico,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

7. La fidelizzazione del turista, sogno o realtà?

7. La fidelizzazione del turista, sogno o realtà? Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 7. La fidelizzazione del turista, sogno o realtà? Tesi di Sara Luchi

Dettagli

LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE A PARTIRE DALLA GESTIONE DINAMICA DEL SUO CICLO DI VITA. LA CUSTOMER RETENTION E IL PROGETTO VALORE CLIENTE DELLA

LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE A PARTIRE DALLA GESTIONE DINAMICA DEL SUO CICLO DI VITA. LA CUSTOMER RETENTION E IL PROGETTO VALORE CLIENTE DELLA LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE A PARTIRE DALLA GESTIONE DINAMICA DEL SUO CICLO DI VITA. LA CUSTOMER RETENTION E IL PROGETTO VALORE CLIENTE DELLA Piergiorgio Qualizza Servizio Commerciale Milano, 9 febbraio

Dettagli

SCELTA DELL APPROCCIO. A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento

SCELTA DELL APPROCCIO. A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento SCELTA DELL APPROCCIO A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento 1 SCELTA DELL APPROCCIO l approccio all autovalutazione diffusa può essere normale o semplificato, a seconda delle

Dettagli

Simonetta Muccio. Università IULM Milano Dottoranda Istituto di Economia e Marketing

Simonetta Muccio. Università IULM Milano Dottoranda Istituto di Economia e Marketing Simonetta Muccio Università IULM Milano Dottoranda Istituto di Economia e Marketing Qualità e customer satisfaction, pur essendo strettamente legati, sono concetti diversi e possono essere definiti diversamente.

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION

CUSTOMER SATISFACTION PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA Denominata Libero Consorzio comunale ai sensi della LR n. 8/214 I Dipartimento 2 Servizio Bilancio e Partecipate Indagine di ricerca condotta tra il personale dipendente

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

Indagine sul servizio di igiene urbana nella città di Roma

Indagine sul servizio di igiene urbana nella città di Roma Indagine sul servizio di igiene urbana nella città di Roma (luglio 2010) INDAGINE SUL SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI ROMA Luglio 2010 Il rapporto è stato redatto da: Flaminia Violati Indagine

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Analisi e sviluppo del call center e del servizio di customer care

Analisi e sviluppo del call center e del servizio di customer care Analisi e sviluppo del call center e del servizio di customer care Sviluppare il potenziale delle risorse umane del call center, soddisfare i clienti http://www.ebcconsulting.com Fabio Rossi 23 dicembre

Dettagli

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI Gruppo di monitoraggio INAIL Abstract È illustrata l esperienza INAIL di monitoraggio di contratti di servizi informatici in cui è prevista l assistenza

Dettagli

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON INTRODUZIONE Ad ognuno la giusta azione di Marketing All interno del cosiddetto Customer Acquisition Funnel 1, le attività di Direct Marketing si posizionano

Dettagli

Report relativo all analisi di Customer Satisfaction

Report relativo all analisi di Customer Satisfaction Report relativo all analisi di Customer Satisfaction Committente: Firenze Parcheggi SpA Società incaricata: Process Factory Srl Via Masaccio 153, 50132 Firenze Data del report: 11/05/2015 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

Marketing research. Marketing research. Le ricerche di marketing - 1. Le ricerche di marketing - 2. Campi della ricerca di marketing

Marketing research. Marketing research. Le ricerche di marketing - 1. Le ricerche di marketing - 2. Campi della ricerca di marketing Marketing research Definition (AMA): Marketing research is the function that links the consumer, customer, and public to the marketer through information--information used to identify and define marketing

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

Sistema di Gestione per la Qualità del Comune di Bolzano. Condivisione dell Autovalutazione

Sistema di Gestione per la Qualità del Comune di Bolzano. Condivisione dell Autovalutazione 28 Gennaio 2003 Sistema di Gestione per la Qualità del Comune di Bolzano Condivisione dell Autovalutazione Confronti 60 50 PERCENTUALI DIRETTORI PERCENTUALI DIRIGENTI PERCENTUALI DG PERCENTUALI VALIDATOR

Dettagli

Esistono differenti tipologie di report aziendali, a seconda della funzione per cui sono redatti e dei soggetti a cui si rivolgono

Esistono differenti tipologie di report aziendali, a seconda della funzione per cui sono redatti e dei soggetti a cui si rivolgono REPORTING INTERNO: PREMESSE Esistono differenti tipologie di report aziendali, a seconda della funzione per cui sono redatti e dei soggetti a cui si rivolgono REPORT ISTITUZIONALI REPORT OPERATIVI REPORT

Dettagli

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Introduzione alla direttiva del Dipartimento della Funzione Pubblica I principali campi di indagine Le fasi del processo di rilevazione (c) IdWeb S.r.l. Ottobre

Dettagli

CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD COM-003. Tipo Ente: Comune. Ufficio: Servizi Scolastici. Servizio: Gestione mensa

CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD COM-003. Tipo Ente: Comune. Ufficio: Servizi Scolastici. Servizio: Gestione mensa CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD COM-003 Tipo Ente: Comune Ufficio: Servizi Scolastici Servizio: Gestione mensa 1 INDICE 1 OGGETTO E CONTENUTI... 3 1.1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO OGGETTO DI CUSTOMER SATISFACTION...

Dettagli

I.P. PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione 19 - Lavoro AUTONOME PROVINZ. BOZEN - SÜDTIROL Abteilung 19 - Arbeit

I.P. PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione 19 - Lavoro AUTONOME PROVINZ. BOZEN - SÜDTIROL Abteilung 19 - Arbeit AUTONOME PROVINZ I.P. BOZEN - SÜDTIROL Abteilung 19 - Arbeit PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione 19 - Lavoro MIGLIOR POSTO DI LAVORO IN ALTO ADIGE 2011 INFO: Business Pool Srl Via degli

Dettagli

Indice. Parte 1 Le basi per il marketing dei servizi 1

Indice. Parte 1 Le basi per il marketing dei servizi 1 Prefazione Presentazione della terza edizione italiana Autori Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura XVII XX XXIII XXIV XXV Parte 1 Le basi per il marketing dei servizi 1 Capitolo 1 Introduzione

Dettagli

SCHEDA PER LA RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION

SCHEDA PER LA RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION SCHEDA PER LA RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION FAC-SIMILE Nota: Il presente questionario, predisposto a cura dell Ufficio Formazione/ Direzione/altro Ufficio responsabile, è compilato a cura di

Dettagli

Questionario di verifica per l orientamento al cliente

Questionario di verifica per l orientamento al cliente Questionario di verifica per l orientamento al cliente E facile trattare con la nostra azienda? E facile contattarci? Siamo rapidi nel fornire info.? E facile effettuare un ordine? Facciamo promesse ragionevoli?

Dettagli

Indagine di customer satisfaction per la valutazione del sito internet dell Agenzia

Indagine di customer satisfaction per la valutazione del sito internet dell Agenzia Dicembre 2015 Indagine di customer satisfaction per la valutazione del sito internet dell Agenzia Sommario MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELL INDAGINE... 3 1.1 OBIETTIVO DELL INDAGINE... 3 1.2 MODALITÀ DI DEFINIZIONE

Dettagli

LA FUNZIONE COMMERCIALE seconda parte: analisi della domanda e delle motivazioni di acquisto

LA FUNZIONE COMMERCIALE seconda parte: analisi della domanda e delle motivazioni di acquisto Economia e Gestione delle Imprese LA FUNZIONE COMMERCIALE seconda parte: analisi della domanda e delle motivazioni di acquisto Prof. Arturo Capasso L ANALISI DELLA DOMANDA ANALISI QUANTITATIVA DELLA DOMANDA

Dettagli

LE RICERCHE DI MERCATO

LE RICERCHE DI MERCATO LE RICERCHE DI MERCATO IL MARKETING: UNA DEFINIZIONE STUDIO DELLE NORME DI COMPORTAMENTO DI UNA AZIENDA CON RIGUARDO ALLA PROGRAMMAZIONE, REALIZZAZIONE E CONTROLLO DELLE ATTIVITA DI SCAMBIO. QUESTE NORME

Dettagli

Emotional Intelligence Stress Audit

Emotional Intelligence Stress Audit Emotional Intelligence Stress Audit Valutazione del rischio stress lavoro correlato per il benessere delle persone e dell organizzazione Lo STRESS AUDIT è una metodologia che consente di valutare il rischio

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento CUSTOMER SATISFACTION COME RILEVARE IL LIVELLO DI SODDISFAZIONE DEI CLIENTI (CUSTOMER SATISFACTION) Rilevare la soddisfazione dei clienti non è difficile se si dispone di

Dettagli

Direzione Didattica Fashion Ground Academy

Direzione Didattica Fashion Ground Academy Direzione Didattica Fashion Ground Academy Report di Customer Satisfaction Attività formative Periodo di riferimento: ottobre 2010 giugno 2011 Documento redatto da Dott. Giuseppe Ferraro Dirigente Didattico

Dettagli

La voce dei cittadini I risultati dell indagine sulla soddisfazione degli utenti degli asili nido comunali

La voce dei cittadini I risultati dell indagine sulla soddisfazione degli utenti degli asili nido comunali 64 La voce dei cittadini I risultati dell indagine sulla soddisfazione degli utenti degli asili nido comunali Nell ambito del processo di formazione del bilancio sociale, il Comune ha affidato ad una società

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

IL FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA COOPERSALUTE CONOSCENZA, USO ED INTERESSE VERSO I SERVIZI, CUSTOMER SATISFACTION

IL FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA COOPERSALUTE CONOSCENZA, USO ED INTERESSE VERSO I SERVIZI, CUSTOMER SATISFACTION Ricerche Sociali e di Marketing IL FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA COOPERSALUTE CONOSCENZA, USO ED INTERESSE VERSO I SERVIZI, CUSTOMER SATISFACTION LE PRINCIPALI RISULTANZE Roma, 16 Marzo 2010

Dettagli

Convegno Promotion EXPO Roma 2007 Roma, Palazzo dei Congressi 20 settembre 2007

Convegno Promotion EXPO Roma 2007 Roma, Palazzo dei Congressi 20 settembre 2007 Convegno Promotion EXPO Roma 2007 Roma, Palazzo dei Congressi 20 settembre 2007 LE STRATEGIE D IMPRESAPER PER LA FIDELIZZAZIONE DELLA CLIENTELA. IL RUOLO DEI LOYALTY PROGRAMS NEL MARKETING RELAZIONALE.

Dettagli

Indagini e analisi per il gradimento dei servizi comunali di Firenze. Metodi e organizzazione

Indagini e analisi per il gradimento dei servizi comunali di Firenze. Metodi e organizzazione Indagini e analisi per il gradimento dei servizi comunali di Firenze. Metodi e organizzazione La visione della qualità come concetto legato alla capacità di generare valore e soddisfazione per il cliente

Dettagli

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte)

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte) Paolo Mazzoni 2011. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2011". Non sono ammesse

Dettagli

Misurare e monitorare la relazione coi clienti e la loro soddisfazione post-acquisto. Stefano Lena VP Sales @ContactLab

Misurare e monitorare la relazione coi clienti e la loro soddisfazione post-acquisto. Stefano Lena VP Sales @ContactLab Misurare e monitorare la relazione coi clienti e la loro soddisfazione post-acquisto Stefano Lena VP Sales @ContactLab PIONIERI DEL DIGITALE Dal 1998 leader di mercato nel campo del digital direct marketing

Dettagli

Customer Satisfaction presso i cittadini del Comune di Treviso

Customer Satisfaction presso i cittadini del Comune di Treviso AIM: Servizio Distribuzione Gas Metano Customer Satisfaction presso i cittadini del Comune di Treviso Edizione 2010 Indice 2 Obiettivi della ricerca pag. 3 Nota metodologica pag. 4 Il campione pag. 5 La

Dettagli

Customer Satisfaction 2014

Customer Satisfaction 2014 Customer Satisfaction 2014 Università degli Studi di Torino Direzione Sviluppo Organizzativo, Innovazione e Servizi Bibliotecari Sezione Formazione Professionale e Continua 1 La Sezione Formazione Professionale

Dettagli

Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi

Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi Convegno nazionale: la funzione statistica dei comuni tra riforma e qualità dei servizi Gianni Dugheri Messina, 26-27 settembre 2013

Dettagli

Experience Design & Management: Progettazione e Gestione dell'esperienza dei Clienti, dei Cittadini e dei Turisti

Experience Design & Management: Progettazione e Gestione dell'esperienza dei Clienti, dei Cittadini e dei Turisti Experience Design & Management: Progettazione e Gestione dell'esperienza dei Clienti, dei Cittadini e dei Turisti Ing. Andrea Rossi Amministratore Unico innovacting srl Gruppo CSE-Crescendo a.rossi@cse-crescendo.com

Dettagli

OSSERVATORIO CRM. Milano, Circolo della Stampa

OSSERVATORIO CRM. Milano, Circolo della Stampa OSSERVATORIO CRM Milano, Circolo della Stampa E la parola di pietra è caduta Sul mio petto ancora vivo. Non è nulla, ecco, ero preparata. In qualche modo la supererò. Ho molto lavoro oggi: occorre uccidere

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 3 1 Dalla funzione al contenuto dell attività direzionale Dopo la II WW (anni 50), molti autori cercano di approfondire in

Dettagli

Presentazione dell edizione italiana

Presentazione dell edizione italiana GR_00.qxd:GR_00 19-10-2009 11:59 Pagina v Indice IX XIX Presentazione dell edizione italiana Introduzione 3 1 L imperativo dei servizi e dei rapporti: il management nella concorrenza dei servizi Il ruolo

Dettagli

Gruppo Helvetia. Il nostro profilo aziendale

Gruppo Helvetia. Il nostro profilo aziendale Gruppo Helvetia Il nostro profilo aziendale Il nostro motto Primi per crescita, redditività e lealtà dei clienti. Il profilo aziendale del Gruppo Helvetia definisce la missione e i valori fondamentali

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

http://www.ateneonline.it/chase/ Cliccare su >area studenti Utile per accedere a test on-line, note tecniche e approfondimenti dei capitoli

http://www.ateneonline.it/chase/ Cliccare su >area studenti Utile per accedere a test on-line, note tecniche e approfondimenti dei capitoli http://www.ateneonline.it/chase/ Cliccare su >area studenti Utile per accedere a test on-line, note tecniche e approfondimenti dei capitoli Capitolo 6 Total quality management: orientamento al Six Sigma

Dettagli

Applicazione del modello CS Multicanale: Il caso dell ASL Salerno Indagine sul servizio Centro Unico Prenotazioni (CUP)

Applicazione del modello CS Multicanale: Il caso dell ASL Salerno Indagine sul servizio Centro Unico Prenotazioni (CUP) Applicazione del modello CS Multicanale: Il caso dell ASL Salerno Indagine sul servizio Centro Unico Prenotazioni (CUP) Dott.ssa Vittoria Cosentino Struttura Miglioramento dell Accessibilità alle Prestazioni

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli