alla scoperta del binario 9¾

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "alla scoperta del binario 9¾"

Transcript

1 campania onlus 2013 Metropolitana di Salerno alla scoperta del binario 9¾ al binario invisibile il viaggio della metro pronta, inaugurata, ma mai entrata in funzione marzo 2013

2 Il viaggio immaginifico Per salire a bordo delle tanto decantate carrozze della metropolitana di Salerno si dovrà probabilmente riuscire ad accedere al binario 9 ¾, il binario invisibile usato da Harry Potter e i suoi amici per salire a bordo dell Hogwarts Express. Perché al momento - dopo 30 anni dalla sua ideazione, 14 dall avvio dei lavori, 11 dalla data della prima, prevista, inaugurazione e dopo 55 milioni di euro già stanziati il servizio ferroviario metropolitano, che doveva servire il capoluogo salernitano in direzione est-ovest, è tanto immaginifico quanto il viaggio degli studenti di Hogwarts ideato dalla scrittrice Joanne Rowling. Legambiente ha cercato di percorrere quegli otto chilometri di strada ferrata che dal centro storico della città di Salerno conducono alla zona dello stadio Arechi, al confine con il comune di Pontecagnano-Faiano. Perché paradossalmente è tutto pronto da anni: c è il binario e sette delle otto stazioni inizialmente previste nei quartieri più popolosi della città. Un viaggio che, però, si è rivelato tutt altro che fantastico: la metropolitana è annunciata ovunque, anche nella stazione centrale di piazza Vittorio Veneto, previsto interscambio delle due linee Salerno Centro Arechi e Salerno Centro Duomo. Seguendo le indicazioni si arriva ai binari 6 e 7 dai quali dovrebbero partire e arrivare i treni. Ovviamente si potrebbe restare lì invano per giorni. Le stazioni sono tutte pronte, o quasi, ma lasciate al completo abbandono. Diventate in alcuni casi piccole discariche di rifiuti o pubblici orinatoi. Già negli anni passati erano state oggetto di opere di riqualificazione, ma visto il degrado in cui versano saranno necessari altri interventi di manutenzione prima di poterle aprire al pubblico. Apertura che, si spera, potrebbe avvenire entro l estate, così come Comune e Regione hanno recentemente annunciato. Negli ultimi mesi, infatti, il dialogo istituzionale tra i due enti sembra essere ripreso, anche se prosegue lo scaricabarile delle responsabilità. Tutti sono concordi su un punto: la metropolitana leggera di Salerno è un infrastruttura strategica per il trasporto pubblico locale, grazie alla quale (secondo una elaborazione di Legambiente Campania e AzzeroCo2) sarebbe possibile risparmiare 669 kg di Co2 al giorno, ben 244 tonnellate di Co2 all anno rispetto all uso di mezzi propri su gomma, riducendo così l inquinamento atmosferico, migliorando al contempo la qualità delle vita dei cittadini salernitani e alleggerendo i loro bilanci economici. Sembra però ancora lontano il giorno in cui le carrozze potranno viaggiare su quei binari. Negli ultimi dieci anni si è inaugurato di tutto, dalle stazioni ai tratti di binari. Nessun viaggiatore ha però avuto il piacere di poter salire su un treno. Da qui l appello lanciato a Comune e Regione - in occasione del passaggio a Salerno del Treno Verde 2013, la storica campagna di Legambiente e Ferrovie dello Stato - affinchè questo sia finalmente l anno buono per dotare la città di Salerno e tutta la sua provincia di un servizio di metropolitana leggera, utile, efficiente e ormai improcrastinabile per una città che punta a migliorare ancora di più la qualità della vita dei suoi abitanti.

3 Date e numeri Anni Ottanta. Nasce l idea di una metropolitana cittadina da connettere a quella regionale e alla tratta Salerno-Mercato San Severino. Il Cipe delibera il primo finanziamento per la metropolitana di Salerno. Anni Novanta. Il Comune di Salerno recupera il finanziamento Cipe per un nuovo progetto della metro cittadina affidato a Italfer: costo 80 miliardi di lire (75 del Cipe, 5 del Comune). Otto le stazioni previste su due tratte (stazione centrale - centro Storico e stazione centrale -stadio Arechi): M1 Centro Storico (la sua realizzazione è stata successivamente stralciata), M2 via Vernieri, M3 Stazione ferroviaria-centro, M4 via Robertelli-Torrione, M5 Via Rocco Cocchia- Pastena, M6 Parco del Mercatello-Mariconda, M7 Arbostella, M8 Stadio Arechi. 25 mila utenti a stazione. E il bacino di utenza calcolato per ogni stazione realizzata nei quartieri più popolosi della città. 669 Kg di CO2 risparmiati ogni giorno, 244 tonnellate ogni anno. Attivando anche al minimo il servizio metropolitano si potrebbero risparmiare 244 tonnellate di CO2 ogni anno (669 kg al giorno) rispetto agli spostamenti su gomma cui sono ora costretti gli utenti, migliorando così notevolmente la qualità dell aria e la stessa qualità della vita nel Comune di Salerno. I dati (frutto di una elaborazione di Legambiente Campania e Azzero CO2) sono calcolati tenendo presente un ipotetico viaggio lungo i sei chilometri di linea attivi: trenta treni al giorno, uno ogni mezz ora; si è considerato un treno del tipo Minuetto da 345 posti, con un utenza media di 170 passeggeri a tratta su 15 ore di servizio, per un totale di 5000 passeggeri al giorno. Un treno ogni 30 minuti. E l obiettivo che si intende raggiungere, almeno nella prima fase per poi puntare ad aumentarne la frequenza. 345 passeggeri. E la capienza di ogni treno, composto da tre carrozze, del tipo Minuetto scelto per il servizio. 6 dicembre Iniziano i lavori della metropolitana che si interrompono poco dopo, ma riprenderanno grazie anche ad un ulteriore finanziamento del Comune. Aprile Viene firmato il contratto per la fornitura di tre convogli dopo una gara pubblica da 9 milioni di euro: i treni scelti sono realizzati dalla Alstom, modello Coradia Minuetto a trazione elettrica, composti di tre carrozze con capienza di quasi 345 passeggeri. Primo maggio del E la prima data prevista per l inaugurazione del servizio: non sarà possibile procedere a causa di ritardi tecnici.

4 Settembre L allora presidente della Regione Campania Antonio Bassolino inaugura con l ex sindaco Mario De Biase e con l attuale primo cittadino Vincenzo De Luca, in quegli anni parlamentare, la prima stazione della metropolitana: la "Duomo-Vernieri". È al momento l unica in funzione, dove transitano i treni regionali della linea Napoli-Salerno via Cava de Tirreni. 18 novembre C è la firma del primo protocollo d intesa tra Regione, Comune e Rete ferroviaria italiana. La Regione si impegna a finanziare con 520mila euro il proseguimento e l ultimazione degli scavi archeologici lungo il tracciato a Mercatello. Inoltre stanzia altri 15 milioni di euro per l adeguamento degli impianti tecnologici e dei convogli agli standard Rfi. Infine si impegna a finanziare la stazione M1 e le barriere fonoassorbenti per 8 milioni e affida alla società Eav (Ente autonomo Volturno) il compito di supporto tecnico ed amministrativo al Comune di Salerno. La futura metropolitana dovrà poi essere gestita dalle Ferrovie tramite un contratto di servizio con la Regione. 17 marzo Si firma un nuovo accordo tra Comune, Regione, Provincia, Rfi e Comune di Pontecagnano. I lavori all interno della stazione centrale di Salerno e quelli futuri del prolungamento dalla stazione Arechi fino a Pontecagnano saranno eseguiti direttamente da Rfi. 3 dicembre Comune e RFI stipulano l intesa istituzionale per la gestione dell'infrastruttura ma pochi giorni dopo l assessore regionale ai trasporti smentisce che il servizio ferroviario di Salerno sia tra le priorità della giunta regionale. 29 aprile La Regione, competente per i servizi ferroviari, decide di non finanziare il servizio a causa degli elevati costi di gestione in relazione ai passeggeri previsti 8 febbraio Il Ministero dei Trasporti classifica l infrastruttura come linea ferroviaria urbana, atta a svolgere per la città di Salerno un servizio ferroviario di tipo metropolitano. Dicembre Arriva il via libera dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti alla metropolitana di Salerno: c è il sì all accordo di programma e al finanziamento di 9 milioni di euro da utilizzare per i treni. Dicembre C è l ok anche dall Eav, per il protocollo d intesa per l inserimento della metropolitana del capoluogo nel sistema del trasporto su ferro campano

5 L appello Gli ultimi dieci anni della storia della metropolitana di Salerno stati caratterizzati da blocchi dei lavori e relative riaperture dei cantieri, contenziosi con le imprese appaltatrici, accordi e protocolli d intesa sottoscritti tra Comune, Regione, Ministero dei Trasporti e Ferrovie dello Stato (poi Rfi), sottoscritti e poi smentiti, inaugurazioni e nuovi stop. Tra Comune e Regione è scoppiata una guerra di competenza e di responsabilità. I rappresentanti dei due enti si accusano reciprocamente della mancata entrata in funzione del servizio metropolitano. Polemiche che durano ancora oggi, nonostante il dialogo sembra essere ripreso. In questi primi mesi del 2013 ci sono stati diversi incontri tra Comune, Provincia, Ferrovie e Ministero: tutto al momento lascerebbe ben sperare. Ma gli accordi sottoscritti e poi smentiti del recente passato impongono un attenzione elevata sulla vicenda. Di certo, il già progettato prolungamento di ulteriori 9 km a Sud di Salerno, fino al Comune di Pontecagnano, per poter collegare la città con l aeroporto Salerno-Costa d Amalfi resta per ora solo sulla carta. Il finanziamento era stato anche in parte già deliberato, ma è stato poi revocato a causa del mancato avvio dei lavori. Utopico, a questo punto, sperare di vedere realizzato a breve anche il previsto collegamento diretto dalla stazione centrale all Università. Legambiente, dal Treno Verde, lancia un appello a Comune di Salerno e Regione Campania affinchè vengano superate le divergenze e i balletti di responsabilità di questi anni e si porti finalmente a compimento il servizio di metropolitana leggera della città capoluogo.

6 Viaggio fotografico M1 Centro storico alto Stazione mai realizzata M2 Duomo - via Vernieri Stazione funzionante, attiva sulla linea Napoli-Salerno via Cava de Tirreni M3 Stazione Fs - Centro Ai binari 6 e 7 della stazione centrale dovrebbe essere dedicato il servizio metropolitano

7 M4 via Robertelli - Torrione Stazione completa ma chiusa M5 via Zanotti Bianco - Pastena Stazione completa ma abbandonata

8 M6 Parco del Mercatello - Mariconda Stazione completata, ma chiusa e con evidenti segni di incuria

9 M7 Arbostella Stazione apparentemente ultimata, anche se con cantiere ancora presente e con evidenti segni di incuria

10 M8 Stadio Arechi - Ospedale Stazione completata, ma chiusa e con evidenti segni di incuria Fonti Il Mattino - Edizione Salerno La Città quotidiano di Salerno e provincia Corriere del Mezzogiorno Comune di Salerno Regione Campania Wikipedia

La nuova Linea di Alta Capacità Napoli-Bari

La nuova Linea di Alta Capacità Napoli-Bari La nuova Linea di Alta Capacità Napoli-Bari Dario Gentile - aprile 2009 1 LE TAPPE DEL PROGETTO DELLA LINEA DI ALTA CAPACITÀ NAPOLI-BARI Il rilancio della linea Napoli-Bari è stato possibile dopo anni

Dettagli

M LA LINEA 1 DI METROPOLITANA

M LA LINEA 1 DI METROPOLITANA M LA LINEA 1 DI METROPOLITANA Si tratta di metropolitana automatica che utilizza il Sistema VAL (Veicolo Automatico Leggero) per 29 treni che viaggiano sotto corso Francia, corso Vittorio Emanuele e via

Dettagli

1. IL PROTOCOLLO PER LA TRATTA GARIBALDI-CENTRO DIREZIONALE-POGGIOREALE-CAPODICHINO DELLA LINEA 1

1. IL PROTOCOLLO PER LA TRATTA GARIBALDI-CENTRO DIREZIONALE-POGGIOREALE-CAPODICHINO DELLA LINEA 1 1. IL PROTOCOLLO PER LA TRATTA GARIBALDI-CENTRO DIREZIONALE-POGGIOREALE-CAPODICHINO DELLA LINEA 1 Il protocollo per la realizzazione della tratta Garibaldi-Centro Direzionale- Poggioreale-Capodichino della

Dettagli

Una prima verifica a sei mesi dall accordo tra la regione Campania e Trenitalia.

Una prima verifica a sei mesi dall accordo tra la regione Campania e Trenitalia. Nuovo Contratto di Servizio Regione Campania - Trenitalia 2009-2014 Le caratteristiche principali del nuovo contratto. Una prima verifica a sei mesi dall accordo tra la regione Campania e Trenitalia. Avviata

Dettagli

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo Assessorato ai Trasporti Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo La mobilità delle persone in ambito urbano

Dettagli

L IMPEGNO DI RFI IN LIGURIA

L IMPEGNO DI RFI IN LIGURIA L IMPEGNO DI RFI IN LIGURIA Imperia-Porto Maurizio, 21 luglio 2008 Il territorio della Liguria è interessato da un intenso programma di potenziamento infrastrutturale e tecnologico. Rete Ferroviaria Italiana

Dettagli

SCHEDA N. 106 TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: CUP: LOCALIZZAZIONE. Ferrovie metropolitane B41E76000000004. Comune di Napoli

SCHEDA N. 106 TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: CUP: LOCALIZZAZIONE. Ferrovie metropolitane B41E76000000004. Comune di Napoli SISTEMI URBANI Completamento rete metropolitana regionale campana (comprensivo delle conurbazioni di Salerno e Caserta) Napoli metropolitana - Sistema di metropolitana regionale (SMR): sistema integrato

Dettagli

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni.

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni. 1 Prima di qualsiasi altra valutazione, vorrei soffermarmi su tre considerazioni, per me fondamentali per meglio definire il contesto in cui si sviluppa la nostra azione o le nostre pratiche sindacali,

Dettagli

Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia

Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia MCE 2010 Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia 9 febbraio 2010 Giuliano Asperti, Vice Presidente di Assolombarda Saluto di apertura Premessa Nella giornata di apertura della Mobility

Dettagli

Sistemi metropolitani a guida automatica. L esperienza romana. Torino, 28 Marzo 2012

Sistemi metropolitani a guida automatica. L esperienza romana. Torino, 28 Marzo 2012 Sistemi metropolitani a guida automatica L esperienza romana Torino, 28 Marzo 2012 Le tipicità di Roma Roma presenta alcune caratteristiche particolari: il delicato tessuto urbanistico, caratterizzato

Dettagli

LA METROPOLITANA DI ORLY

LA METROPOLITANA DI ORLY LA METROPOLITANA DI ORLY Il secondo scalo della capitale francese si presenta come un esempio di aeroporto collegato al centro urbano mediante una linea metropolitana, anche se con i limiti di un percorso

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 01 - GENERALITA SUL TRASPORTO FERROVIARIO Docente: Ing. Marinella Giunta CENNI

Dettagli

NEWS FLASH TRASPORTI N 1 LUGLIO 2012

NEWS FLASH TRASPORTI N 1 LUGLIO 2012 N 1 LUGLIO 2012 A cura delle Politiche di Programmazione Economiche e Finanziarie g.serafini@uil.it A cura del Servizio Politiche di Programmazione Economiche e Finanziarie MOBILITA T.P.L. ASSTRA ANAV

Dettagli

Roma, 18 febbraio 2011

Roma, 18 febbraio 2011 SICUREZZA ED ESERCIZIO FERROVIARIO: innovazione e nuove sfide nei sistemi ferroviari Il miglioramento dell accessibilità laterale ai binari quale elemento strategico per la manutenzione e per l aumento

Dettagli

Azioni per la mobilità sostenibile

Azioni per la mobilità sostenibile Azioni per la mobilità sostenibile 2004: PIANO INTEGRATO DELLA CICLABILITA e diversi interventi 1) PIANO INTEGRATO DELLA CICLABILITA Obiettivo: individuare la rete ciclabile di collegamento degli 11 comuni

Dettagli

Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino

Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino Direttore Settore Attuazione Mobilità Trasporti Ambiente Corridoi Europei in Italia (Reti TEN) Milano: una posizione strategica rispetto alle

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO COORDINAMENTO ATTIVITA'FERROVIA DEL BRENNERO E INTERMODALITA' Prot. n. 19 P306 08 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 36 DI DATA 11 Dicembre 2008 O G G E T T O: Legge

Dettagli

53 milioni di Euro. il Parcheggio di Acilia Nord, 550 mila Euro. Acilia sud.

53 milioni di Euro. il Parcheggio di Acilia Nord, 550 mila Euro. Acilia sud. Gent.mo sig. Mazzanti, la stazione di Tor di Valle non è certo abbandonata a se stessa come non lo è l intera tratta Roma Lido. Lo dimostrano i provvedimenti che il nostro Assessorato alla Mobilità ha

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1 - Modulo di base

Università per Stranieri di Siena Livello A1 - Modulo di base Unità 2 Viaggiare in treno In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sulle diverse tipologie di treni parole relative al viaggiare in treno l uso delle preposizioni: dalle,

Dettagli

La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma. Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013

La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma. Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013 La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013 La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma 1. L occasione III Municipio: apertura della linea metro

Dettagli

OSSERVAZIONE AL PIANO URBANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE DI MILANO

OSSERVAZIONE AL PIANO URBANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE DI MILANO OSSERVAZIONE AL PIANO URBANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE DI MILANO CIRCOLO ARCOBALENO LEGAMBIENTE 20/04/2015 OSSERVAZIONI AL PUMS DELLA CITTA DI MILANO Il Circolo Arcobaleno di Legambiente, con sede a Melegnano

Dettagli

Ing. Giancarlo Crepaldi

Ing. Giancarlo Crepaldi Ing. Giancarlo Crepaldi FERROVIA TRENTO-MALE -MARILLEVA La ferrovia Trento-Malé nasce sotto l Impero Asburgico. I lavori iniziarono nel 1907 e la struttura fu inaugurata solo due anni dopo nel 1909. Oggi

Dettagli

Pianificazione ed innovazione dei servizi per la mobilità sostenibile in Campania

Pianificazione ed innovazione dei servizi per la mobilità sostenibile in Campania Pianificazione ed innovazione dei servizi per la mobilità sostenibile in Campania ANNA DONATI Direttore Generale EnergyMed - 26 marzo 2009 - NAPOLI Peso del settore trasporti sulle emissioni e sui consumi

Dettagli

La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento

La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento Allegato n.1 La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento L infrastruttura La ferrovia Trento Bassano del Grappa o ferrovia della Valsugana è una linea

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

Le politiche per la mobilità sostenibile della regione Campania

Le politiche per la mobilità sostenibile della regione Campania Le politiche per la mobilità sostenibile della regione Campania Ennio Cascetta Assessore ai Trasporti della Regione Campania Il Ruolo degli Enti Locali nello sviluppo delle Energie Rinnovabili, ili, del

Dettagli

L esperienza del nuovo Tram su gomma

L esperienza del nuovo Tram su gomma L esperienza del nuovo Tram su gomma La Mobilità Elettrica nel territorio padovano 13 novembre, 2012 Una soluzione strutturale ai problemi della mobilità cittadina PADOVA > Abitanti: 220.000 > Numero totale

Dettagli

Marcello De Carli Scuola di Architettura del Politecnico di Milano Lezioni brevi INSEDIAMENTI E TRASPORTI

Marcello De Carli Scuola di Architettura del Politecnico di Milano Lezioni brevi INSEDIAMENTI E TRASPORTI Marcello De Carli Scuola di Architettura del Politecnico di Milano Lezioni brevi INSEDIAMENTI E TRASPORTI Disegno urbano 2 Aggiornamento ottobre 2012 INSEDIAMENTI E TRASPORTI Gli umani stanno in un posto,

Dettagli

Riqualificazione TAF. Treni Alta Frequentazione

Riqualificazione TAF. Treni Alta Frequentazione Riqualificazione TAF Treni Alta Frequentazione Premessa Negli ultimi anni il consistente incremento della domanda di mobilità nell area metropolitane intorno alle grandi città, Roma fra tutte, ha evidenziato

Dettagli

GRANDE PROGETTO POMPEI Realizzazione di un Hub a Pompei Scavi. Dicembre 2015

GRANDE PROGETTO POMPEI Realizzazione di un Hub a Pompei Scavi. Dicembre 2015 Dicembre 2015 Obiettivi dello studio di fattibilità con la funzione di: - nodo di smistamento e indirizzamento del flusso turistico verso il sito archeologico; - interscambio con la linea Circumvesuviana

Dettagli

Le linee ferroviarie di Trieste

Le linee ferroviarie di Trieste Le linee ferroviarie di Trieste Trieste è da sempre una città porto cosmopolita, ricca di scambi, di afflussi di merci e di commercianti da tutto il Mediterraneo: basti pensare che fino a 5 anni fa era

Dettagli

CdL Vicenza 16 gennaio 2015 Ilario Simonaggio Segretario Generale Filt Veneto

CdL Vicenza 16 gennaio 2015 Ilario Simonaggio Segretario Generale Filt Veneto CdL Vicenza 16 gennaio 2015 Ilario Simonaggio Segretario Generale Filt Veneto 16/01/2015 1 Contesto nazionale e locale Utile premessa: nessuna linea ferroviaria italiana supera gli standard internazionali

Dettagli

Trasporto Rapido Costiero

Trasporto Rapido Costiero TRC Trasporto Rapido Costiero Cosa è? Un nuovo filobus su gomma Da Rimini Stazione FS a Riccione Stazione FS Tracciato a 4,5 [m] dal binario della ferrovia, lato monte Cosa è? 10 Km di nuova strada asfaltata

Dettagli

Il trasporto pubblico locale

Il trasporto pubblico locale Un volano per l innovazione? Il trasporto pubblico locale Emanuele Galossi (IRES-CGIL) Presentazione n. 13/2011 Roma, 13 giugno 2011 TPL: alcuni dati di sintesi Operatori 1.260 Passeggeri trasportati 15

Dettagli

MERCINTRENO 2014 «Si possono ridurre i costi di produzione del ferroviario merci?» Guido Porta, Vice Presidente FerCargo

MERCINTRENO 2014 «Si possono ridurre i costi di produzione del ferroviario merci?» Guido Porta, Vice Presidente FerCargo alle limitazioni dell infrastruttura Occorre investire nell ammodernamento dell Infrastruttura Ferroviaria. Nella rete, infatti, sono ancora presenti ostacoli che impediscono lo sviluppo del sistema ferroviario.

Dettagli

Alla cortese attenzione degli assessori Viabilità (Claudio Lubatti) ed Ambiente (Enzo La Volta) del Comune di Torino

Alla cortese attenzione degli assessori Viabilità (Claudio Lubatti) ed Ambiente (Enzo La Volta) del Comune di Torino Alla cortese attenzione degli assessori Viabilità (Claudio Lubatti) ed Ambiente (Enzo La Volta) del Comune di Torino Coerentemente con quanto dichiarato e nelle intenzioni del Biciplan di Torino approvato

Dettagli

INTERMODALITA la nuova Stazione ferroviaria di Parma

INTERMODALITA la nuova Stazione ferroviaria di Parma INTERMODALITA la nuova Stazione ferroviaria di Parma IL TEMA DEL LIMITE URBANO NORD Piano Strutturale Comunale UNA CITTA APERTA ALL EUROPA Fiera Colorno: Slow Food Aereoporto Sede Barilla C I T T A D I

Dettagli

SCHEDA N. 122 CUP: SOGGETTO TITOLARE: TIPOLOGIA OPERA: ULTIMAZIONE LAVORI LOCALIZZAZIONE C31J06000000001

SCHEDA N. 122 CUP: SOGGETTO TITOLARE: TIPOLOGIA OPERA: ULTIMAZIONE LAVORI LOCALIZZAZIONE C31J06000000001 SISTEMI URBANI Sistema integrato di trasporto del nodo di Catania Completamento Circumetnea - Prolungamento della rete FCE nella tratta metropolitana di Catania Tratta Stesicoro-Librino-Aeroporto SCHEDA

Dettagli

4.2 METROPOLITANA DI GENOVA

4.2 METROPOLITANA DI GENOVA 4.2 METROPOLITANA DI GENOVA OBIETTIVO DELL INTERVENTO DESCRIZIONE DELL INTERVENTO Questo intervento comprende la prosecuzione dei lavori per la metropolitana di Genova. Ad oggi sono operativi 5,2 chilometri,

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture Programma Operativo Nazionale Trasporti 2000-2006

Ministero delle Infrastrutture Programma Operativo Nazionale Trasporti 2000-2006 ALLEGATO IX MATERIALE ROTABILE E INTERVENTI D AREA VASTA Per ottemperare alla richiesta della Commissione Europea (nota CE n. 3473 del 3 aprile 2007) di fornire indicazioni sullo stato di avanzamento dell

Dettagli

Il progetto Movicentro: l esperienza del Comune di Cuneo. Città di Cuneo Assessorato alla mobilità e ai trasporti

Il progetto Movicentro: l esperienza del Comune di Cuneo. Città di Cuneo Assessorato alla mobilità e ai trasporti Negli ultimi anni i livelli di traffico e di inquinamento atmosferico registrati a Cuneo hanno indotto istituzioni e cittadini all adozione di nuove e più sostenibili modalità di spostamento. Il Comune

Dettagli

La Torino Lione esiste già, perché farne un altra?

La Torino Lione esiste già, perché farne un altra? Un doppione inutile La Torino Lione esiste già, perché farne un altra? Tra Francia e Italia esiste ed è attiva una ferrovia elettrificata a doppio binario, continuamente ammodernata negli anni con ingenti

Dettagli

Il servizio ferroviario PUBBLICO sulla linea Pré Saint Didier-Aosta-Torino. Rilevazione Maggio/Giugno 2011

Il servizio ferroviario PUBBLICO sulla linea Pré Saint Didier-Aosta-Torino. Rilevazione Maggio/Giugno 2011 Il servizio ferroviario PUBBLICO sulla linea Pré Saint Didier-Aosta-Torino Rilevazione Maggio/Giugno 2011 L indagine Nel mese di Maggio, attraverso i siti internet dei comitati dei pendolari e sui treni,

Dettagli

Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario

Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario 1 La riqualificazione delle grandi infrastrutture Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario ing. Vincenzo Conforti 1 Scelte economiche e tecniche nel Nodo di Bologna

Dettagli

La linea SIR 1 a Padova

La linea SIR 1 a Padova La linea SIR 1 a Padova Le caratteristiche della linea e del veicolo Una soluzione strutturale ai problemi della mobilità cittadina PADOVA > Abitanti: 220.000 > Numero totale degli spostamenti giornalieri:*

Dettagli

1. Quali dei seguenti interventi può rendere concorrenziale l uso dell autobus rispetto all auto privata?

1. Quali dei seguenti interventi può rendere concorrenziale l uso dell autobus rispetto all auto privata? 1. Quali dei seguenti interventi può rendere concorrenziale l uso dell autobus rispetto all auto privata? Due risposte possibili - Votanti: 115+188=33 3 25 2 22 Valori assoluti 15 1 5 72 13 58 84 142 43

Dettagli

IL SISTEMA DELLA METROPOLITANA REGIONALE IN CAMPANIA. Un progetto di ingegneria dei trasporti tra storia, architettura e arte

IL SISTEMA DELLA METROPOLITANA REGIONALE IN CAMPANIA. Un progetto di ingegneria dei trasporti tra storia, architettura e arte INCONTRI ANNUALI 20 VENEZIA, 9 NOVEMBRE 20 IL SISTEMA DELLA METROPOLITANA REGIONALE IN CAMPANIA Un progetto di ingegneria dei trasporti tra storia, architettura e arte Ing. Sergio Negro Assessorato ai

Dettagli

VIABILITA' ( BENKO) AREALE FERROVIARIO 3 BINARIO BOLZANO ZI ORA. Pagina 1 di 20

VIABILITA' ( BENKO) AREALE FERROVIARIO 3 BINARIO BOLZANO ZI ORA. Pagina 1 di 20 VIABILITA' ( BENKO) AREALE FERROVIARIO 3 BINARIO BOLZANO ZI ORA Bolzano Eurac 30.1.2015 Pagina 1 di 20 Dott. Parolin Incontro del 9.1.2015 a EURAC: Pagina 2 di 20 VIABILITA' Viale stazione diventa parco

Dettagli

Luisa Velardi Milano, 10 novembre 2007

Luisa Velardi Milano, 10 novembre 2007 Bici e treni Luisa Velardi Milano, 10 novembre 2007 Le Ferrovie dello Stato FS gestisce la più grande rete di trasporto in Italia con oltre 16.000 km di rete ferroviaria su cui circolano giornalmente oltre

Dettagli

IL TRASPORTO FERROVIARIO

IL TRASPORTO FERROVIARIO REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato del Turismo, delle Comunicazioni e dei Trasporti Dipartimento Trasporti e Comunicazioni IL TRASPORTO FERROVIARIO ANNO 2003 Acquisizione ed elaborazione

Dettagli

L IMPEGNO PER IL TERRITORIO

L IMPEGNO PER IL TERRITORIO #piufortintoscana Introduzione Quelli che ci siamo messi alle spalle sono stati anni duri per tutti, ma la Toscana ha sopportato meglio di altri l impatto con la crisi. E la Regione ha svolto un ruolo

Dettagli

La MM, un fattore di successo nei processi di riqualificazione di Milano

La MM, un fattore di successo nei processi di riqualificazione di Milano 1 La riqualificazione delle grandi infrastrutture La MM, un fattore di successo nei processi di riqualificazione di Milano Sergio Viganò 1 ABSTRACT Lo sviluppo di Milano dell ultimo decennio è avvenuto

Dettagli

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 1. CARATTERISTICHE DELLA LINEA Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 2. IL RUOLO DELLE GREENWAYS

Dettagli

Energia e Trasporti: Il Sistema dei Trasporti a Palermo

Energia e Trasporti: Il Sistema dei Trasporti a Palermo L efficientamento del Sistema dei Trasporti a Palermo Prof. Ing. TULLIO GIUFFRE Università degli Studi di Enna Kore Quali metodi o quali misure è possibile mettere in campo per rendere più efficiente la

Dettagli

Programma Infrastrutture Strategiche

Programma Infrastrutture Strategiche Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Programma Infrastrutture Strategiche 6 Documento di Programmazione Economica e Finanziaria Programmare il Territorio le Infrastrutture le Risorse Giugno 2008

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/5 MISSIONE IN CALABRIA 10 marzo 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 19.45. PRESIDENTE. Buonasera. Noi abbiamo già assunto una serie di notizie che riguardano la presenza

Dettagli

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue Rassegna Stampa del 3 aprile 2015 Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue E' QUANTO EMERGE DALL ANALISI CONDOTTA A LIVELLO MONDIALE DALLA SOCIETÀ GLOBALE DI CONSULENZA

Dettagli

BRIEF. Eventi Non Convenzionali

BRIEF. Eventi Non Convenzionali ALL. 1 BRIEF Eventi Non Convenzionali Il Gruppo Ferrovie dello Stato ha l esigenza di individuare una società specializzata cui affidare la realizzazione di eventi non convenzionali secondo le modalità

Dettagli

NODO METROPOLITANO DI TORINO

NODO METROPOLITANO DI TORINO ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA NODO METROPOLITANO DI TORINO FONTE: http://www.barrieracentro.it/mobilita/pdf/mobilita.pdf Dicembre 2013 1. STATO DI AVANZAMENTO DEGLI INTERVENTI

Dettagli

Con la partecipazione del

Con la partecipazione del Con la partecipazione del Siete pronti per un inedito viaggio in una vera e propria smart city su rotaie? Benvenuti a bordo del Treno Verde 2013, una speciale mostra che ci conduce, carrozza dopo carrozza,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Regione del Veneto RFI Spa Comune di Vicenza Camera di Commercio di Vicenza

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Regione del Veneto RFI Spa Comune di Vicenza Camera di Commercio di Vicenza giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1241 del 22 luglio 2014 pag. 1/6 PROTOCOLLO D INTESA per l attraversamento del territorio vicentino con la linea AV/AC Verona-Padova tra Ministero

Dettagli

Comune di TARANTO. Risorse - infrastruttuire - regolamenti. Modalità raccolta differenziata

Comune di TARANTO. Risorse - infrastruttuire - regolamenti. Modalità raccolta differenziata Programmi di comunicazione sulla raccolta differenziata Il comune gestisce attraverso Amiu SpA la realizzazione di programmi di comunicazione sulla R.D attraverso iniziative nelle scuole La campagna di

Dettagli

IL MERCATO FERROVIARIO IN ITALIA NEL 2015

IL MERCATO FERROVIARIO IN ITALIA NEL 2015 IL MERCATO FERROVIARIO IN ITALIA NEL 2015 B R O O K S M A R K E T I N T E L L I G E N C E R E P O R T S IL MERCATO FERROVIARIO IN ITALIA NEL 2015 Mack Brooks Exhibitions Ltd 2015. Tutti i diritti riservati.

Dettagli

A 16 anni dall approvazione del decreto Ronchi è in corso una rivoluzione della gestione dei rifiuti: - che sta cambiando gli stili di vita

A 16 anni dall approvazione del decreto Ronchi è in corso una rivoluzione della gestione dei rifiuti: - che sta cambiando gli stili di vita A 16 anni dall approvazione del decreto Ronchi è in corso una rivoluzione della gestione dei rifiuti: - che sta cambiando gli stili di vita (battaglia vinta contro i sacchetti di plastica non compostabile);

Dettagli

SEGRETERIA PROVINCIALE CATANZARO TEL. 347/5909826 EMAIL: MARTINO.VERGATA@FASTFERROVIE.IT

SEGRETERIA PROVINCIALE CATANZARO TEL. 347/5909826 EMAIL: MARTINO.VERGATA@FASTFERROVIE.IT SEGRETERIA PROVINCIALE CATANZARO TEL. 347/5909826 EMAIL: MARTINO.VERGATA@FASTFERROVIE.IT Il Segretario Provinciale Ing. Martino Vergata Prot. 12/2012 Trasmessa a mezzo email Alla c.a. Sergio Abramo SINDACO

Dettagli

I FATTI Ad ottobre, Legambiente, che viene a conoscenza di quest intenzione, lancia l allarme pubblicamente.

I FATTI Ad ottobre, Legambiente, che viene a conoscenza di quest intenzione, lancia l allarme pubblicamente. Padova, 8 marzo 2012 Sommario > GLI ANTEFATTI > I FATTI > GLI ATTI (amministrativi) > I MISFATTI > I DATI Emissioni inquinanti Costi Economici > UNA VICENDA OPACA > CONCLUSIONI Allegato 1 RAFFRONTO EMISSIONI

Dettagli

Linea Treviglio - Brescia

Linea Treviglio - Brescia Forza. Azione. Passione. Linea Treviglio - Brescia Linea AV/AC Holcim (Italia) Il Progetto Il nuovo tratto di linea AV/AC Treviglio Brescia rientra nel grande progetto del cosiddetto Corridoio 5 che, nelle

Dettagli

GIORNATA DI STUDIO POTENZIAMENTO TECNICO INFRASTRUTTURALE DELLA LINEA FERROVIARIA VIAREGGIO LUCCA FIRENZE. Lucca Palazzo Ducale 22 Febbraio 2001

GIORNATA DI STUDIO POTENZIAMENTO TECNICO INFRASTRUTTURALE DELLA LINEA FERROVIARIA VIAREGGIO LUCCA FIRENZE. Lucca Palazzo Ducale 22 Febbraio 2001 GIORNATA DI STUDIO POTENZIAMENTO TECNICO INFRASTRUTTURALE DELLA LINEA FERROVIARIA VIAREGGIO LUCCA FIRENZE Lucca Palazzo Ducale 22 Febbraio 2001 Intervento del Presidente della Provincia di Pistoia Gianfranco

Dettagli

Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono:

Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono: Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono: La realizzazione di un nuovo asse merci Vignale-Novara. Consente di potenziare il traffico merci da e per Domodossola-Luino e di liberare

Dettagli

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO Asse ferroviario sull'itinerario del corridoio 5 Lione-Kiev (Torino-Trieste) Nodo AV Verona SCHEDA N.

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO Asse ferroviario sull'itinerario del corridoio 5 Lione-Kiev (Torino-Trieste) Nodo AV Verona SCHEDA N. CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO Asse ferroviario sull'itinerario del corridoio 5 Lione-Kiev (Torino-Trieste) Nodo AV Verona SCHEDA N. 8 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: F81H91000000018

Dettagli

Mobilità sostenibile: un diritto per tutti i cittadini

Mobilità sostenibile: un diritto per tutti i cittadini Mobilità sostenibile: un diritto per tutti i cittadini 1 Come ci muoviamo a Genova Auto/Moto: 59% degli spostamenti Bus/Metro: 31% degli spostamenti Ferrovia: 10% degli spostamenti 6 Genovesi su 10 (di

Dettagli

Linea di accesso sud alla galleria di base del Brennero I progetti di potenziamento RFI per lo sviluppo del traffico merci

Linea di accesso sud alla galleria di base del Brennero I progetti di potenziamento RFI per lo sviluppo del traffico merci Linea di accesso sud alla galleria di base del Brennero I progetti di potenziamento RFI per lo sviluppo del traffico merci Marzo 2015 Il contesto europeo: i Core Corridors che interessano l Italia Corridoio

Dettagli

Gazzetta di Modena 14/12/10

Gazzetta di Modena 14/12/10 Gazzetta di Modena 14/12/10 Gazzetta di Modena 14/12/10 L Informazione 14/12/10 Resto del Carlino 14/12/10 La Repubblica 14/12/10 www.dire.it TRASPORTI. CONFAPI: UNA METRÒ TRA MODENA, REGGIO E BOLOGNA

Dettagli

LA MOBILITA COLLETTIVA E IL TRASPORTO PUBBLIC0. Ing. Nadia Amitrano Servizio Innovazioni Tecnologiche, ASSTRA

LA MOBILITA COLLETTIVA E IL TRASPORTO PUBBLIC0. Ing. Nadia Amitrano Servizio Innovazioni Tecnologiche, ASSTRA LA MOBILITA COLLETTIVA E IL TRASPORTO PUBBLIC0 Ing. Nadia Amitrano Servizio Innovazioni Tecnologiche, ASSTRA 1 I PRINCIPALI DATI DI ASSTRA I PRINCIPALI DATI DELLE AZIENDE ADERENTI AD ASSTRA Membri associati

Dettagli

Italian Test Site Presentation: University of Salerno Fisciano 18-May-2012 Indicazioni utili per Trasporti e Soggiorno

Italian Test Site Presentation: University of Salerno Fisciano 18-May-2012 Indicazioni utili per Trasporti e Soggiorno Come raggiungere il Campus di Fisciano Indirizzo Università degli Studi di Salerno Dipartimento di Ingegneria Industriale Via Ponte don Melillo 84084 Fisciano (SA) Collegamento Aeroporto Napoli Capodichino

Dettagli

BOLOGNA BURDEN CITY AGENDA DIGITALE RAVENNA

BOLOGNA BURDEN CITY AGENDA DIGITALE RAVENNA BOLOGNA BURDEN CITY AGENDA DIGITALE RAVENNA per chi continuiamo a costruire, e perchè? L edilizia è spesso vista come un settore che può dare un forte contributo alla crescita del paese. Ma oggi le stime

Dettagli

Comunicato Stampa NAPOLI: IL TRENO VERDE DI LEGAMBIENTE E FS ITALIANE PRESENTA I RISULTATI DI 72 ORE DI MONITORAGGIO IN CITTÀ

Comunicato Stampa NAPOLI: IL TRENO VERDE DI LEGAMBIENTE E FS ITALIANE PRESENTA I RISULTATI DI 72 ORE DI MONITORAGGIO IN CITTÀ Comunicato Stampa NAPOLI: IL TRENO VERDE DI LEGAMBIENTE E FS ITALIANE PRESENTA I RISULTATI DI 72 ORE DI MONITORAGGIO IN CITTÀ il vento spazza via le polveri sottili, ma l attenzione resta alta per la città

Dettagli

Premesso che: tenuto conto che:

Premesso che: tenuto conto che: Premesso che: Interrogazione In 13 a Commissione Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Al Ministro dello sviluppo economico

Dettagli

Servizio Ferroviario Metropolitano Bolognese. Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la Fiera SFM 6. Elementi di fattibilità.

Servizio Ferroviario Metropolitano Bolognese. Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la Fiera SFM 6. Elementi di fattibilità. Servizio Ferroviario Metropolitano Bolognese Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la Fiera SFM 6 Elementi di fattibilità Ottobre 2011 Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la

Dettagli

Corrado Sala Alta Velocità L ALTA VELOCITA tutti una

Corrado Sala Alta Velocità L ALTA VELOCITA tutti una L ALTA VELOCITA E un momento nel quale si parla tanto e male dell alta velocità, ma non correttamente. Le motivazioni per le quali è nata l alta velocità sono in parte diverse dal semplice progetto di

Dettagli

La qualità ferroviaria in Emilia - Romagna

La qualità ferroviaria in Emilia - Romagna Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità La qualità ferroviaria in Emilia - Romagna Laura Brugnolo Servizio Ferrovie Convegno Verso il nuovo PRIT - Qualità & TPL: dalla

Dettagli

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Grazie agli interventi di potenziamento infrastrutturale e di ammodernamento tecnologico delle linee ferroviarie del Nord Est portati a termine negli ultimi anni

Dettagli

DOMODOSSOLA: UNA MOSTRA STORICA PER IL SEMPIONE

DOMODOSSOLA: UNA MOSTRA STORICA PER IL SEMPIONE Comunicato stampa DOMODOSSOLA: UNA MOSTRA STORICA PER IL SEMPIONE Nell atrio della stazione internazionale, in occasione delle celebrazioni del Centenario della Galleria, foto e documenti d epoca raccontano

Dettagli

CONFERENZA STAMPA TORINO, MARTEDI 30 NOVEMBRE

CONFERENZA STAMPA TORINO, MARTEDI 30 NOVEMBRE CONFERENZA STAMPA TORINO, MARTEDI 30 NOVEMBRE 2007 2010 CONTRATTO DI SERVIZIO INESISTENTE BANDO DI GARA 60% DELLE LINEE 2007 2010 OFFERTA DEI VETTORI COMFORT AMBIENTALE SERVIZI IGIENICI PULIZIA INFO AI

Dettagli

Un progetto di rivitalizzazione

Un progetto di rivitalizzazione MARE MORTO Un progetto di rivitalizzazione Nel dicembre scorso, la Giordania e Israele hanno firmato una convenzione che riguarda la realizzazione di un progetto sponsorizzato dalla Banca Mondiale che

Dettagli

Opere ed interventi da realizzare:

Opere ed interventi da realizzare: ACCORDO PROCEDIMENTALE 23/07/1997 Sugli interventi di ambito locale per la sistemazione del nodo ferroviario di Modena in applicazione all art. 8 dell Accordo Quadro Regionale del 29/07/94 sul Quadruplicamento

Dettagli

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 L EVENTO Complessivamente dal 31 gennaio al 13 febbraio sono stati registrati i seguenti spessori del manto nevoso Parte orientale della Regione: fascia

Dettagli

Presentazione del workshop

Presentazione del workshop Presentazione del workshop Interazioni tra mobilità urbana ed extraurbana Milano, 2 luglio 2014 Dott. Roberto Laffi Dirigente di Unità Organizzativa Servizi per la Mobilità DG Infrastrutture e Mobilità

Dettagli

La sostenibilità nel trasporto pubblico locale: l esperienza del Gruppo Torinese Trasporti

La sostenibilità nel trasporto pubblico locale: l esperienza del Gruppo Torinese Trasporti La sostenibilità nel trasporto pubblico locale: l esperienza del Gruppo Torinese Trasporti 1 Tommaso Panero Amministratore Delegato GTT spa Convegno: OBIETTIVO SOSTENIBILITA : Design e Logistica a confronto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Infrastrutture, Rapporto Confesercenti-Ref

COMUNICATO STAMPA. Infrastrutture, Rapporto Confesercenti-Ref Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Infrastrutture, Rapporto Confesercenti-Ref Aumenta il ritardo italiano: dal 2009 la spesa pro-capite per infrastrutture scende del 25%. La dotazione inizia a decadere:

Dettagli

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità Linea d intervento: 5.4 - Adeguamento e potenziamento delle ferrovie locali Titolo intervento: Adeguamento ferroviario dell

Dettagli

MUOVERSI CON I MEZZI PUBBLICI UTILIZZANDO MAPPE

MUOVERSI CON I MEZZI PUBBLICI UTILIZZANDO MAPPE ObiettivO dell attività COllegamenti COn altre discipline realizzazione Sapersi muovere con i mezzi pubblici, utilizzando mappe dei percorsi e tabelle orarie / Saper scegliere percorsi e mezzi economici

Dettagli

TECNOLOGIE PER TUTTI

TECNOLOGIE PER TUTTI TECNOLOGIE PER TUTTI Il guidatore di un auto... IL GUIDATORE DI AUTOMOBILE In automobile il guidatore sceglie dove andare, a che velocità, come mantenere la distanza di sicurezza con le altre macchine

Dettagli

Dossier rincari ferroviari

Dossier rincari ferroviari Nel 2007 i pendolari in Italia hanno superato i 13 milioni (pari al 22% della popolazione) con un incremento del 18% rispetto al 2005. La vita quotidiana è quindi sempre più caratterizzata dalla mobilità,

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

Progetti e servizi per la mobilità regionale

Progetti e servizi per la mobilità regionale ECORailS Progetti e servizi per la mobilità regionale in Regione Lombardia Elena Foresti, Giorgio Stagni Brescia, 14.04.2011 1 Il trasporto regionale in Lombardia 1.920 km di linee con oltre 400 stazioni

Dettagli

Tuzi Costruzioni Generali S.p.A. infrastrutture civili e ferroviarie

Tuzi Costruzioni Generali S.p.A. infrastrutture civili e ferroviarie BREVE PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA La Tuzi Costruzioni Generali S.p.A. opera nel campo delle costruzioni generali e nel campo delle specializzazioni dell armamento ferroviario e della trazione elettrica.

Dettagli

Piano di Bacino. Il Sistema di Pomezia

Piano di Bacino. Il Sistema di Pomezia Presidente Enrico Gasbarra Assessorato alle Politiche della Mobilità e dei Trasporti Assessore Michele Civita Dipartimento VI Governo del Territorio e della Mobilità Servizio 3 "Pianificazione Direttore

Dettagli

SISTEMI URBANI Torino metropolitana (Linea 1 tratte 3, 4 e 6) Linea 1 - Prolungamento sud -Tratta funzionale 4: Lingotto-Nizza-Bengasi SCHEDA N.

SISTEMI URBANI Torino metropolitana (Linea 1 tratte 3, 4 e 6) Linea 1 - Prolungamento sud -Tratta funzionale 4: Lingotto-Nizza-Bengasi SCHEDA N. SISTEMI URBANI Torino metropolitana (Linea 1 tratte 3, 4 e 6) Linea 1 - Prolungamento sud -Tratta funzionale 4: Lingotto-Nizza-Bengasi SCHEDA N. 93 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE:

Dettagli

www.ferroviedellostato.it 00161 Roma Piazza della Croce Rossa, 1 Alta Velocità. Una storia di successi tutti italiani

www.ferroviedellostato.it 00161 Roma Piazza della Croce Rossa, 1 Alta Velocità. Una storia di successi tutti italiani Piazza della Croce Rossa, 1 00161 Roma www.ferroviedellostato.it Alta Velocità. Una storia di successi tutti italiani Alta Velocità. Una storia di successi tutti italiani La storia dell Alta Velocità inizia

Dettagli