CARTA DEI SERVIZI DEL GIOCATORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARTA DEI SERVIZI DEL GIOCATORE"

Transcript

1 CARTA DEI SERVIZI DEL GIOCATORE Billions Luxury Gaming Hall Febbraio 2014, Bologna

2 Billions Luxury Gaming Hall Via Larga Bologna - Italia tel L impegno di Billions per un Gioco d Azzardo Sostenibile si concretizza nel fornire servizi responsabili di gioco d azzardo mettendo a disposizione opportunità educative, informazioni, assistenza e risorse relative alle problematiche del Gioco d Azzardo Patologico. La Carta dei Servizi del Giocatore è uno strumento che illustra e dimostra in quale modo noi diamo esecuzione a questo impegno. 2

3 Indice 1 PREMESSA COS È LA CARTA STRUTTURA DISPONIBILITÀ DELLA CARTA RIFERIMENTI NORMATIVI IL RUOLO DI BILLIONS MISSION IL GIOCO SOSTENIBILE CONTRASTO ALL'ILLEGALITÀ CONTATTI IL GIOCO CHI PUÒ GIOCARE GIOCARE IN MANIERA RESPONSABILE E SOSTENIBILE PORTAFOGLIO GIOCHI SERVIZI PER IL GIOCATORE CHE COS'È GIOCO D'AZZARDO PATOLOGICO (GAP) IL PERSONALE E LA SUA FORMAZIONE MATERIALE INFORMATIVO TEST DI AUTOVALUTAZIONE SEGNI PREDITTTIVI ALCUNI MITI E FALSE CREDENZE SUL GIOCO RACCOLTA DEI RECLAMI E DEI SUGGERIMENTI - ASCOLTO DEL GIOCATORE CANALI DI AIUTO INIBIZIONE ALL'INGRESSO LINK E RIFERIMENTI PER OTTENERE MAGGIORI INFORMAZIONI SUL GAP

4 HAI BISOGNO DI AIUTO? VUOI AVERE MAGGIORI INFORMAZIONI E PARLARE CON PERSONE COMPETENTI E PREPARATE IN MATERIA? Rivolgiti al personale o al Direttore di Sala Scrivi alle nostre mail dedicate ai giocatori: / Vai al capitolo 4.8 pagina 20 - Canali di aiuto Numero verde gratuito del Servizio Sanitario Regionale : tutti i giorni feriali dalle ore 8,30 alle ore 17,30 e il sabato dalle ore 8,30 alle ore 13,30 4

5 1 Premessa 1.1 Cos è la carta La Carta dei Servizi del Giocatore rappresenta lo strumento di riferimento per il Cliente per ottenere informazioni e consigli utili in merito al gioco e ai servizi a lui disponibili. Attraverso tale Carta, predisposta dalla Società, si vuole informare il Cliente su: i riferimenti normativi che regolano il gioco; chi può giocare e chi non può; i doveri del Giocatore; informazioni legate alle macchine presenti in sala e alle probabilità di vincita; il ruolo di Billions nella lotta al Gioco d'azzardo Patologico (GAP); come giocare in maniera responsabile e sostenibile; i canali di ascolto del Giocatore in difficoltà; ulteriori fonti di informazione per una comprensione chiara e adeguata del GAP; test per l'autovalutazione; i rischi legati al gioco illegale e le problematiche connesse; possibilità di autoinibizione. Il Giocatore ha a disposizione uno strumento che: lo aggiorna e lo tutela; assicura lo svolgimento del servizio in coerenza con gli impegni assunti da Billions; gli consente un controllo diretto sulla qualità dei servizi di cui usufruisce e la loro coerenza con il Gioco Sostenibile. Per ulteriori informazioni rivolgersi al personale di Sala. 1.2 Struttura La Carta dei Servizi è costituita da: 1. una parte generale che presenta la Sala Billions, la sua mission, la sua struttura, i servizi erogati e gli impegni assunti nella prevenzione e nella lotta al Gioco d'azzardo Patologico e alla criminalità; 2. una parte di approfondimento sul gioco, anche con riferimento ai giochi presenti in sala; 3. una parte relativa all ascolto del Giocatore, comprendente la valutazione dei servizi forniti e le modalità di segnalazione delle anomalie. 1.3 Disponibilità della carta La Carta dei Servizi è resa disponibile alla Clientela direttamente all'interno delle Sale da Gioco Billions in formato cartaceo e in formato elettronico all'interno del sito web (www.salebillions.it/gioco-sostenibile). Tutti i Clienti vengono avvisati dell esistenza della Carta dei Servizi e di come poter accedere ad essa tramite apposita segnaletica posta presso gli ATM, presso le Casse e presso i corner dedicati all'interno della Sala. La Carta dei Servizi è altresì consegnata al momento del tesseramento. 5

6 1.4 Riferimenti normativi La Società opera mantenendo standard qualitativi e di conformità normativa ispirati all'eccellenza nell'erogazione dei propri servizi, al fine di di tutelare il consumatore e distinguersi rispetto ai propri concorrenti. L'attività della Sala è regolata dalle seguenti normative 1, cogenti e volontarie: Legge 13 dicembre 2010, n. 220 divieto generalizzato di gioco per i minori di anni diciotto; Decreto Legge 13 settembre 2012, n. 158 (Decreto Balduzzi), Disposizioni urgenti per promuovere lo sviluppo del Paese mediante un più alto livello di tutela della salute, art. 7 Disposizioni in materia di vendita di prodotti del tabacco, misure di prevenzione per contrastare la ludopatia e per l'attività sportiva non agonistica. Definisce il perimetro entro il quale le attività di comunicazione in materia di gioco possono essere esercitate in Italia, nonché altre specifiche prescrizioni ai fini di una adeguata prevenzione dei fenomeni di gioco compulsivo; Legge 23 dicembre 2005, n. 266, art. 1, comma 533, Elenco presso AAMS dei soggetti proprietari o possessori degli apparecchi e dei terminali per l esercizio dei giochi, dei concessionari per la gestione della rete telematica e ogni altro soggetto che svolga attività relativa al funzionamento e al mantenimento in efficienza degli apparecchi ovvero qualsiasi altra attività funzionale alla raccolta di gioco; Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale, art.28 ter, 57a edizione, in vigore dal 6 aprile 2013, Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria (IAP); Regio Decreto 18 giugno 1931, n Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza (TULPS); Decreto 6 ottobre 2009, cd. Decreto Maroni, personale addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi; D.Lgs 21 novembre 2007, n "Attuazione della direttiva 2005/60/CE concernente la prevenzione dell utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di finanziamento del terrorismo, nonché della direttiva 2006/70/CE recante disposizioni per la relativa esecuzione ". 1 elenco non esaustivo. 6

7 2 Il ruolo di Billions Billions promuove giochi socialmente responsabili, criteri e codici comportamentali diretti agli operatori del settore. Particolare attenzione è dedicata alla tutela dei minori e dei soggetti più vulnerabili. Billions disegna quindi le linee guida per una dinamica e razionale evoluzione del settore, verifica costantemente la regolarità del comportamento dei suoi operatori e contrasta i fenomeni illegali. Il contrasto al mercato illegale e dei fenomeni di GAP si esercita con l uso combinato di due leve: la regolamentazione del servizio, finalizzata alla diversificazione e alla qualificazione dell offerta, e il controllo e il monitoraggio dei fenomeni attigui alle sale. La predisposizione della Carta si inserisce nell ambito della comunicazione istituzionale di Billions per consentire ai giocatori sia di essere aggiornati costantemente sull introduzione di nuove regole, sia di distinguere facilmente il gioco lecito da quello illegale o non autorizzato. 2.1 Mission La Sala Billions si propone la seguente Mission Aziendale: Rilanciare la Struttura quale centro di eccellenza imprenditoriale nell attività di offerta del gioco e dell intrattenimento, in coerenza con i cambiamenti del settore di riferimento. Conferire alla Struttura una nuova immagine, coerente con le aspettative della Clientela e della sua tradizione, differenziandosi rispetto ai propri concorrenti. Ridefinire l offerta di servizi della Sala in maniera coerente con quanto definito nel Disciplinare Tecnico per il Gioco Sostenibile, al fine di soddisfare le esigenze specifiche di tutte le tipologie di Clienti in maniera corretta ed eticamente ineccepibile. Impegnarsi continuamente nella costante formazione e motivazione di tutti i dipendenti al più alto livello possibile, affinché siano orgogliosi del proprio lavoro e contribuiscano al raggiungimento degli obiettivi aziendali. 2.2 Il Gioco Sostenibile La Sala Billions intende operare per migliorare costantemente l effettiva qualità dei propri servizi e realizzare gli impegni espressi nella propria Mission e nei confronti della Clientela. A questo scopo pone particolare attenzione al controllo ed al miglioramento della propria organizzazione, ricercando livelli di eccellenza nella qualità e ponendo grande attenzione ai temi dell etica con particolare focus sulla prevenzione delle patologie legate al gioco d'azzardo a garanzia di tutte le parti interessate tramite l'implementazione di un proprio Sistema di Gestione per il Gioco Sostenibile. In tale ottica la Sala Billions definisce le seguenti linee di indirizzo che intende perseguire: analisi delle esigenze delle diverse tipologie di Clientela al fine di garantire la loro massima soddisfazione in un quadro di cortesia, professionalità, disponibilità ed efficienza del personale; una efficace e trasparente comunicazione con i clienti e con tutte le terze parti 7

8 interessate al fine di promuovere i propri servizi e il proprio impegno in tema di prevenzione delle ludopatie; l applicazione di controlli rigorosi al fine di garantire l assoluta imparzialità e trasparenza del gioco; assicurare tutte le informazioni utili al giocatore in merito alle regole dei diversi giochi; assicurare che la pubblicità del gioco d azzardo e le comunicazioni non favoriscano credenze erronee e includano delle informazioni accurate sulle disparità tra vittoria e percentuali di ritorno ai partecipanti; promuovere i canali di comunicazione con i clienti e le parti interessate; garantire una pubblicità volta a valorizzare il valore sociale e di intrattenimento del gioco anziché gli aspetti economici; attraverso l'informazione alla clientela (campagne informative sia all'interno che all'esterno delle sale da gioco) promuovere la tutela del giocatore da fenomeni di addiction al gioco d'azzardo; fornire ai Clienti i servizi più appropriati alle loro circostanze individuali, attraverso la formazione del personale: tutti i componenti del personale interessati completano una formazione specifica volta alla prevenzione e alla gestione del GAP. Il contenuto di questa formazione viene regolarmente rivisto; collaborazione e cooperazione con enti locali territoriali e associazioni che hanno come obiettivi: l'informazione e la prevenzione rispetto alle tematiche del gioco patologico; il trattamento/counseling dei giocatori patologici; l'informazione ai giovani e ai minori; il contrasto del gioco illegale e la promozione del gioco sicuro (legale); esaltare l aspetto ludico del gioco, riservandosi il diritto di precludere il proseguimento dell attività di gioco a quei clienti che incorrano in rilevanti perdite patrimoniali, affinché il gioco sia e rimanga un piacere; sicurezza e salubrità dei luoghi con l impiego di tutte le risorse umane e tecnologiche disponibili al fine di prevenire infortuni e malattie professionali; continua aderenza e applicazione della normativa (cogente e volontaria) in tema di gioco e prevenzione del Gioco d'azzardo Patologico; non intrattenere rapporti con persone prive dei requisiti di serietà ed affidabilità e/o implicati in attività illecite. garantire la riservatezza e la sicurezza nel trattamento delle informazioni. Nel perseguimento di tali obiettivi, e quale strumento importante per la sua reale attuazione s'inquadra l applicazione di un Sistema di Gestione per il Gioco Sostenibile, certificato da parte un organismo internazionale indipendente accreditato. 8

9 Collaborazioni e Partnership con strutture esterne dedicate al GAP: Billions mantiene un contatto regolare con una serie di servizi di sostegno per il Gioco d Azzardo Patologico, per mezzo di e tramite la partecipazione a riunioni, sessioni di sviluppo professionale, seminari e/o conferenze. Comunicazione e pubblicità Sostenibili: Il materiale pubblicitario e la comunicazione di Billions si attengono al Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale (57 a edizione, in vigore dal 6 aprile 2013, Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria - IAP) adottato volontariamente dalla struttura come ulteriore elemento di controllo e tutela, nonché alle leggi vigenti. Applicazione e riesame della Carta dei Servizi del Giocatore: La Carta viene riesaminata regolarmente e verrà rivista e aggiornata nel tempo, di pari passo con lo sviluppo delle conoscenze del settore e della comunità sulle cause del Gioco d Azzardo Patologico e sulle risposte più appropriate ad esso. Il nostro obiettivo è di collaborare con i settori più interessati della comunità compresi gli enti locali e nazionali, i consulenti sul gioco d azzardo e i clienti stessi per fare in modo che in tali aggiornamenti si tenga conto dei contributi più appropriati. 2.3 Contrasto all'illegalità Intorno al mercato del gioco si sviluppano inevitabilmente fenomeni di illegalità. La dipendenza dal gioco d'azzardo crea debiti di gioco, il che vuol dire usura e prestiti a tassi impossibili pretesi dalle organizzazioni criminali, quando non gestiscono in proprio o per interposta persona una fetta del settore. Secondo il CODACONS, nel miraggio di ottenere una vincita risolutiva, i cittadini in un numero sempre maggiore sono indotti a scommettere cifre di volta in volta più ingenti, rischiando di compromettere la serenità e le condizioni generali di vita delle famiglie. In ogni caso il panorama dei giochi in Italia ha subito profonde modificazioni nel corso degli ultimi anni e la nascita di giochi dal grande appeal per il pubblico, soprattutto più giovane, potrebbe potenzialmente modificare il rischio che insorgano patologie connesse al gioco. 2 L'espansione incontrollata favorisce le mafie. "L'espansione incontrollata del mondo dei giochi e delle scommesse offre alle mafie infinite opportunità per fare affari e riciclare denaro sporco e allo stesso tempo segna la rovina economica, e non solo, di migliaia di persone e delle loro famiglie (...). Il mercato del gioco illegale vale in termini di giro d'affari 10 miliardi di euro. In una conferenza stampa la consigliera Diana De Martino, della Direzione Nazionale Antimafia, ha spiegato che a partire dal 2003, quando il gioco si è evoluto, anche le infiltrazioni si sono evolute: concentrandosi sulle macchinette, che sono il comparto dei giochi con la maggiore redditività. Le mafie si infiltrano nelle società che gestiscono i punti scommesse, nelle sale gioco che fanno da lavanderie per i soldi sporchi; lucrano con l'usura; gestiscono bische clandestine e toto nero. Il mercato del calcio scommesse da solo vale 2,5 miliardi; acquistano i biglietti vincenti dai giocatori, pagando un sovrapprezzo che va dal 5% al 10%, per riciclare il denaro sporco: esibendo tagliandi vincenti di Superenalotto e lotterie, i clan possono giustificare 2 da: Ludopatia e l'impoverimento da gioco, 9

10 l'acquisto di beni e attività commerciali. Billions è sensibile all esigenza di assicurare condizioni di correttezza e di trasparenza nella conduzione degli affari e nelle attività aziendali, a tutela della propria posizione e immagine, del lavoro dei propri dipendenti e delle attività di gioco dei Clienti. Sulla base di dette ragioni la Società ha ritenuto conforme alle proprie politiche aziendali procedere all attuazione del Modello di Organizzazione e di Gestione 3 previsto dal Decreto Legislativo 231/2001 oltre che all adozione di un Sistema di Gestione per il Gioco Sostenibile. Tale iniziativa è stata assunta nella convinzione che l adozione del Modello possa costituire un valido strumento di sensibilizzazione nei confronti di tutti coloro che operano in nome e per conto della Società affinché seguano, nell espletamento delle proprie attività, dei comportamenti corretti e lineari tali da prevenire il rischio di commissione dei reati. 3 Il MOG è ad oggi implementato dalla holding del Gruppo. 10

11 2.4 Contatti Billions Luxury Gaming Hall Via Larga Bologna - Italia tel Per reclami, consigli, suggerimenti o richieste scrivi pure a: 11

12 3 Il Gioco 3.1 Chi può giocare Il gioco è vietato ai minori di 18 anni. Si consiglia l'ingresso hai maggiori di anni 21. In caso di dubbio sull'età il personale di sala potrà richiedere l'esibizione di un documento di identificazione, in caso di rifiuto potrà invitare il cliente ad uscire dalla sala o contattare le forze dell'ordine. La Società al fine di scoraggiare il gioco giovanile adotta in particolare per i minori di 21 anni i seguenti provvedimenti: impossibilità di essere tesserati; divieto di usufruire (una volta individuati) dei benefit bar e ristorazione; divieto di partecipare ai concorsi premio organizzati dalla struttura; limitazioni all'organizzazione di eventi a richiamo giovanile. 3.2 Giocare in maniera responsabile e sostenibile Billions desidera che i suoi clienti si godano la loro esperienza di gioco in maniera responsabile e incoraggia gli utenti a giocare d'azzardo tenendo sempre presente le proprie risorse finanziarie e il proprio budget. Il gioco d azzardo responsabile avviene in un ambiente regolamentato in cui il pericolo potenziale associato al gioco d azzardo è ridotto al minimo, poiché i clienti vengono informati e quindi possono, quando partecipano al gioco, fare scelte assennate e razionali sulla base delle loro circostanze individuali. Qui di seguito riportiamo dei consigli utili a far si che il gioco rimanga un piacere, giocando in maniera responsabile e sostenibile: Gioca solo per soddisfare un desiderio di svago e non per necessità economiche; Stabilisci un limite prima di iniziare a giocare e non giocare più di quanto tu possa eventualmente permetterti di perdere: decidi il tuo budget e non superarlo; Non ti far mai prestare dei soldi per giocare; Fissati un limite di tempo; Fai almeno una pausa all'ora; Assicurati di fare altre attività per la stessa durata di tempo che di solito giochi; Non giocare quando sei stressato o preoccupato; Non giocare con soldi che ti servono per le tue spese domestiche. 12

13 Non giocare se: non hai raggiunto l età consentita per il gioco; l attività di gioco compromette lo svolgimento delle tue attività giornaliere; sei in fase di guarigione da una dipendenza; sei sotto l effetto sostanze stupefacenti o alcool; il tuo scopo è di recuperare le perdite subite in precedenza; il tuo scopo è di ripagare i debiti con delle vincite. 3.3 Portafoglio Giochi Tipologia di Giochi 75 AWP e 98 VLT. Caratteristiche AWP: velocita di gioco dai 4 ai 7 secondi; puntata minima 10 centesimi di euro; puntata massima 1 euro. VLT: costo massimo della singola partita è pari a euro 10,00 (dieci/00), con una posta minima di gioco di 0,5 euro. Percentuali di vincita rispetto al ciclo della macchina Vincita massima AWP: 75%-74% (ciclo fino ad un massimo di partite) VLT: 85% (ciclo di almeno partite) AWP: 100 euro Le Regole di tutti i giochi offerti da Billions sono disponibili: VLT: euro, fino a 5000 erogate dalla Sala, per importi superiori direttamente dal concessionario. su tutte le Slot, schermate di messaggi informativi per i giocatori, comprese le probabilità di vincita; su richiesta al personale di sala; nelle brochure dedicate esposte in Sala Le Sale da gioco sono realizzate con una serie di caratteristiche mirate a incoraggiare un Gioco d Azzardo Responsabile, tra cui (ma non solo): Informazioni sul gioco d azzardo responsabile (opuscoli, poster ecc.); Illuminazione adeguata; Somministrazione responsabile di alcol. 13

14 4 Servizi per il Giocatore La Sala Billions offre una serie di servizi ai propri Clienti: Parcheggio: Il Billions offre ai clienti un parcheggio ampio e gratuito con posti riservati per i disabili; Feste 4 : Aperitivi, compleanni, feste private, eventi aziendali, meeting, conferenze. Nella nostra struttura è possibile organizzare il tuo evento su misura; Eventi e spettacoli di intrattenimento: concerti, mostre, spettacoli; Lounge Bar: All interno del Lounge Bar, in un ambiente accogliente ed elegante il Billions mette a disposizione dei propri clienti servizio di caffetteria, drinks alcolici ed analcolici, gastronomia, pasticceria, aperitivi dolci e salati e ristorazione a buffet con prodotti di prima scelta; Sky: Sui monitor di sala e sul maxischermo vengono trasmesse partite di campionato e di coppa; Ambienti climatizzati: Tutte le nostre sale dispongono di climatizzazione; Guardaroba: All ingresso i clienti possono usufruire del servizio di guardaroba gratuito. I servizi per un Gioco d Azzardo Sostenibile a disposizione dei clienti comprendono (ma non sono limitati a): Auto-inibizione; Informazioni e assistenza; Segnalazione ad altri fornitori di servizi di sostegno; Materiale informativo specifico. Tutti i servizi sono forniti in modo confidenziale e sono gratuiti, 24 ore al giorno 7 giorni su Che cos'è Gioco d'azzardo Patologico (GAP) GAP - Gioco d'azzardo Patologico: è una dipendenza patologica, è da intendersi come la conseguenza secondaria di un comportamento volontario di gioco d'azzardo persistente in un individuo vulnerabile alla dipendenza, che presenta cioè alterazioni preesistenti di tipo neurofunzionale dei normali sistemi neurobiologici della gratificazione (sistema di reward dopaminergico con iper-risposta anomala al gioco d'azzardo), del controllo degli impulsi (corteccia prefrontale con deficit di autocontrollo) e delle funzioni cognitive correlate (credenze e distorsioni cognitive in relazione alle reali possibilità di vincita). Il GAP è una patologia prevenibile, curabile e guaribile, che necessita di diagnosi precoce, cure specialistiche e supporti psicologici e sociali. È importante ricordare che le persone con Gioco d'azzardo Patologico presentano attività emotive, motivazionali stati di eccitazione/euforia anomali proprio perché i loro sistemi neurobiologici di base presentano delle alterazioni strutturali e funzionali geneticamente determinanti. Il Gioco d'azzardo Patologico è stato riconosciuto ufficialmente come patologia nel 1980 dall'associazione degli Psichiatri Americani ed è stato classificato nel DSM IV nel 1994 (Diagnostic Statistic Manual of Mental Disorders, sistema codificato e accettato 4 negli spazi esterni alla struttura dedicati. 14

15 internazionalmente di classificazione delle condizioni patologiche riconosciute dalla comunità scientifica internazionale) come disturbo del controllo degli impulsi non classificati altrove. Definito anche come "dipendenza senza sostanza" e presenta sintomi e terapie molto simili a quelle da dipendenza da alcol e sostanze psicoattive. 4.2 Il personale e la sua formazione Tutti i componenti del personale interessati, compresi i dirigenti, ricevono una formazione specifica volta alla prevenzione e gestione del Gioco d'azzardo Patologico dal momento in cui sono introdotti nell azienda e su base continuativa. La specifica formazione professionale è relativa a tutti gli aspetti sul Gioco d Azzardo Patologico, compresa l abilità di riconoscere segni osservabili di angoscia, o segni predittivi dello sviluppo della patologia. La formazione è soggetta ad un continuo riesame, al fine di valutarne l'efficacia e in modo da includere iniziative o programmi di comprovata validità nel settore della fornitura Sostenibile del Gioco d Azzardo. La capacità di riconoscimento dei segni osservabili è sviluppata nella formazione a cui il personale viene sottoposto al fine di permettere un gioco d azzardo responsabile. Tali segni possono comprendere comportamenti quali: divulgare spontaneamente di avere un problema col gioco d azzardo oppure problemi collegati al gioco; richiedere l'auto inibizione; mostrare un atteggiamento distorto e irrazionale riguardo al gioco d azzardo; non reagire a ciò che avviene intorno; mostrarsi intolleranti al perdere, esibendo tratti d irascibilità o afflizione; mostrare cambiamenti d umore significativi durante una sessione di gioco; reclamare regolarmente col personale sul fatto che perdono o dare la colpa alla sede da gioco e al personale per le loro perdite; chiedere in prestito denaro per giocare; giocare d azzardo per periodi prolungati senza fare pause; mostrare una progressiva riduzione nella loro cura personale, ad es. aspetto trasandato o affaticato; tenere comportamenti di gioco tali da far preoccupare famigliari e/o amici spingendoli a richiedere assistenza. 4.3 Materiale informativo Billions espone in tutta la Sala materiale informativo sul Gioco Sostenibile sotto varie forme tra cui opuscoli, poster, Tv interna e schermate di messaggi informativi per i giocatori sulle Slot. 15

16 BILLIONS PROMUOVE IL GIOCO SOSTENIBILE. Il gioco d azzardo è un attività ludica di intrattenimento e svago ma può diventare una patologia quando non è più un divertimento e diventa una dipendenza che non si riesce a controllare. Test di Autovalutazione Si No Recentemente hai contratto significativi debiti di gioco? Pensi al gioco la maggior parte del tempo sottraendolo alla famiglia, alla vita sociale o al lavoro? Hai difficoltà interrompere il gioco ogni volta che lo desideri? Hai mai mentito alle persone a te vicine per poter giocare? Di solito torni a giocare per recuperare le perdite? Se hai risposto di sì a ad una o più di queste domande potresti avere un problema con il gioco. In tal caso consulta la Carta dei Servizi che Billions offre ai suoi clienti nel Totem dedicato al Gioco Sostenibile ed esposto nelle sue sale o sul sito e consulta la lista delle associazioni di aiuto sul sito Per ulteriori informazioni rivolgiti al personale di sala GIOCARE E UN DIVERTIMENTO! NON DANNEGGIARE TE E CHI TI È VICINO. Si consiglia l ingresso ai maggiori di 21 anni 4.4 Test di Autovalutazione Il disturbo consiste in episodi frequenti e ripetuti di gioco d'azzardo, che dominano la vita del soggetto a detrimento dei valori e degli obblighi sociali, lavorativi e familiari. Il punto di riferimento per la diagnosi del Gioco d'azzardo Patologico è rappresentato 16

17 dai criteri dl DMS IV 5 qui riportati, in particolare è necessario che si riscontri la presenza di almeno 5 degli elementi indicati: 1. Sei eccessivamente assorbito nel gioco d'azzardo (per es., sei eccessivamente assorbito nel rivivere esperienze passate di gioco d'azzardo, nel soppesare o programmare la successiva avventura, o nel pensare ai modi per procurarti denaro con cui giocare). 2. Hai bisogno di giocare d'azzardo con quantità crescenti di denaro per raggiungere l'eccitazione desiderata. 3. Hai ripetutamente tentato senza successo di controllare, ridurre, o interrompere il gioco d'azzardo. 4. Sei irrequieto o irritabile quando tenti di ridurre o interrompere il gioco d'azzardo. 5. Giochi d'azzardo per sfuggire a problemi o per alleviare un umore disforico (per es. sentimenti di impotenza, colpa, ansia, depressione). 6. Dopo aver perso al gioco, spesso torni un altro giorno per giocare ancora (rincorrendo) le perdite. 7. Menti ai membri della famiglia, al terapeuta, o ad altri per occultare l'entità del tuo coinvolgimento nel gioco d'azzardo. 8. Hai commesso azioni illegali come falsificazione,frode, furto o appropriazione indebita per finanziare il gioco d'azzardo. 9. Hai messo a repentaglio o perso una relazione significativa, il lavoro, oppure opportunità scolastiche o di carriera, per il gioco d'azzardo. 10. Fai affidamento su altri per reperire il denaro per alleviare una situazione finanziaria disperata causata dal gioco d'azzardo. Su internet sono disponibili una serie di test, più semplci o più articolati per l'autodiagnosi. In particolare si consiglia l'utilizzo del SOGS 6, disponibile all'indirizzo: 5 DSM IV, Diagnostic Statistic Manual of Mental Disorders, sistema codificato e accettato internazionalmente di classificazione delle condizioni patologiche, Associazione degli Psichiatri Americani, The South Oaks Gambling Screen, Lesieur & Blume,

18 4.5 Segni preditttivi Oltre a questi sono stati identificati alcuni sintomi sentinella del passaggio da Gioco d'azzardo Ricreativo a Gioco d'azzardo Patologico che è utile riconoscere e che vengono riportati nella figura sottostante. 7 G.A. Ricreativo G.A. Problematico G.A. Patologico Intensificazione degli accessi al gioco Aumento delle spese Comparsa di pensieri ricorrenti di gioco e di distorsioni cognitive e fantasie di supervincite Ricerca di ambienti di gioco specializzati Partecipazione ad un numero maggiore di tipi di giochi Polarizzazione del comportamento Menzogne Depauperamento del conto corrente Modificazione abitudini: Alimentari e Puntualità Piccoli furti domestici Cambiamenti dell'umore Cambiamento di amicizie e luoghi di frequentazione Aumento dell'aggressività Riorganizzazione delle relazioni del tempo Aumento del tempo dedicato al gioco Fare debiti 7 Gambling, Giovanni Serpelloni, Dipartimento Politiche Antidroga,

19 4.6 Alcuni miti e false credenze sul gioco 8 Credenza Realtà Credenza Realtà Bisogna giocare ogni giorno per avere un problema con il gioco d azzardo. Il giocatore d azzardo può giocare spesso o raramente. Si parla di gioco d azzardo patologico quando il gioco causa problemi di dipendenza. Quando si gioca, se si annotano i risultati precedenti è possibile prevedere quelli futuri. Ogni evento, nel gioco d azzardo, non è legato a quello precedente. Credenza Realtà Credenza Realtà Credenza Realtà Essere abile a giocare ai videogiochi equivale a essere abile alle slot machine o al videopoker. Mentre il videogioco richiede capacità e abilità, il videopoker e le slot machine sono governati unicamente dal caso. Alcune persone sono più fortunate di altre. Il giocatore d azzardo crede che la fortuna possa influenzare il risultato del gioco oppure gioca quando si sente particolarmente fortunato. In realtà il gioco d azzardo è insensibile alla fortuna o alla sfortuna. Il giocatore tende a confondere gli eventi legati al caso o alla pura probabilità con la fortuna. Se si continua a giocare la fortuna prima o poi girerà e si vinceranno i soldi persi. Ogni volta che si gioca, l esito non dipende mai dalle giocate precedenti: le probabilità di vincere sono sempre le stesse. Credenza Realtà Credenza Realtà Credenza Realtà Se ci si avvicina alla vincita vuol dire che la prossima sarà la volta buona. Avvicinarsi alla vincita non significa che si sta per vincere: l esito della prossima giocata non è influenzato dall avere quasi vinto in precedenza. Oggetti portafortuna o riti scaramantici aumentano le probabilità che ho di vincere. L'esito della giocata non dipende MAI dai riti scaramantici che si fanno mentre si gioca. Le vincite e le perdite tendono ad accadere in modo ciclico. Non esiste ciclicità nelle perdite e nelle vincite. 8 Rif

20 4.7 Raccolta dei Reclami e dei Suggerimenti - Ascolto del Giocatore Billions assicura la disponibilità e la capacità del personale di prestare ascolto al Giocatore, recependo reclami espliciti ed impliciti manifestati dalla clientela. A tal fine inoltre Billions ha predisposto dei canali dedicati alla rilevazione/ricezione di reclami: per mail all indirizzo all attenzione del Direttore; tramite lettera indirizzata al Direttore c/o la sala di riferimento; presso le sala, comunicando direttamente con il personale. Il reclamo deve essere formulato in forma precisa e con tutte le informazioni necessarie per individuare il problema (sito di gioco, data in cui si è verificato il problema ) e facilitare l analisi di quanto segnalato, con l eventuale indicazione dei dati del Giocatore che segnala il problema nel caso in cui si desideri ricevere una risposta. Billions analizza il reclamo/suggerimento e risponde entro 30 giorni a chi lo ha segnalato (se il Giocatore ha indicato i suoi estremi), descrivendo il risultato dell analisi e le eventuali azioni intraprese. 4.8 Canali di aiuto Lista delle strutture sanitarie e dei siti per aiutare il Giocatore in difficoltà: Sito di riferimento per accedere a diversi servizi: o o o o chat anonima e gratuita per ricevere aiuto e informazioni; Servizio totalmente gratuito, gestito da professionisti che, nel rispetto dell'anonimato, forniscono consulenza e orientamento sia alle persone che hanno sviluppato problemi - psicologici, relazionali, legali - dovuti agli eccessi di gioco, sia ai loro famigliari e amici; numero verde anonimo e gratuito; elenco delle strutture di assistenza in Italia; Numero verde gratuito del Servizio Sanitario Regionale : tutti i giorni feriali dalle ore 8,30 alle ore 17,30 e il sabato dalle ore 8,30 alle ore 13,30: operatori qualificati ti forniranno i riferimenti dei servizi a cui ti puoi rivolgere per avere assistenza gratuitamente e anche in anonimato; Indirrizi dei SERT di Bologna Associazione Giocatori Anonimi Emilia Romagna ; Vincere Il Gioco d azzardo: Manuale di Autoaiuto per Il Giocatore che vuole smettere Bellio Graziano psichiatra, Amelia Fiorin psicologa, Selena Giacomazzi psicologa consulente,, A cura di: dipartimento per le dipendenze di Castelfranco Veneto (TV) Azienda ulss n. 8 (http://www.andinrete.it/portale/documenti/pdf/manuale%20bellio.pdf). 20

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE CODICE ETICO E COMPORTAMENTALE PREMESSA Il Consorzio Autostrade Siciliane (CAS), costruisce e gestisce le tratte autostradali nell'ambito regionale siciliano, svolgendo

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

www.noinoncilasceremomai.it

www.noinoncilasceremomai.it www.noinoncilasceremomai.it Chi siamo: la storia Il progetto trae ispirazione dalla vita di Vigor Bovolenta e sua moglie Federica Lisi che hanno, con il loro amore, sfidato il destino e la vita stessa.

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

LOTTA A CONTRAFFAZIONE

LOTTA A CONTRAFFAZIONE LOTTA A CONTRAFFAZIONE ED ABUSIVISMO COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE VADEMECUM2012 FEDERAZIONEMODAITALIA Via Durini, 14 20122 Milano www.federazionemodaitalia.it COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE 1. Chi produce

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

CODICE ETICO. Valori. Visione etica dell impresa-valore aggiunto. Orientamento al cliente. Sviluppo delle persone. Qualità.

CODICE ETICO. Valori. Visione etica dell impresa-valore aggiunto. Orientamento al cliente. Sviluppo delle persone. Qualità. CODICE ETICO Premessa Il presente Codice Etico (di seguito, anche il Codice ) definisce un modello comportamentale i cui principi ispirano ogni attività posta in essere da e nei confronti di Starhotels

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

SE MI LASCI NON CRESCI

SE MI LASCI NON CRESCI F.S.E. Fai Scuola con l'europa Evento di lancio del nuovo POR FSE 2014-2020 REGOLAMENTO CONCORSO VIDEO SE MI LASCI NON CRESCI RIVOLTO AGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE SECONDARIA DI II GRADO Regolamento del

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

via quarenghi 32 24122 bergamo tel. 035 21 71 28 libreria@incrocioquarenghi.it www.incrocioquarenghi.it il regolamento

via quarenghi 32 24122 bergamo tel. 035 21 71 28 libreria@incrocioquarenghi.it www.incrocioquarenghi.it il regolamento via quarenghi 32 24122 bergamo tel. 035 21 71 28 libreria@incrocioquarenghi.it www.incrocioquarenghi.it il regolamento La tessera giovani è una tessera che permette di ottenere uno sconto immediato del

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO

CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO 2ª Edizione - Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Calzedonia Holding S.p.A - il 17 marzo 2014 ENG INTRODU- ZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE DEL CODICE ETICO Un Azienda

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Codice etico dell AIP

Codice etico dell AIP Codice etico dell AIP Premessa Questo Codice fa parte integrante del Regolamento dell'aip e si propone di regolamentare gli aspetti etici dell'attività di ricerca e di insegnamento della psicologia. Le

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente Guida ai Servizi Voce per l Utente Guida ai ai Servizi Voce per l Utente 1 Indice Introduzione... 3 1 Servizi Voce Base... 4 1.1 Gestione delle chiamate... 4 1.2 Gestione del Numero Fisso sul cellulare...

Dettagli