IL PIANO REGIONALE DEL SERVIZIO DI PIENA Provv. Ass.Reg.le alla Protezione civile n. di prot dd 07/09/2007

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PIANO REGIONALE DEL SERVIZIO DI PIENA Provv. Ass.Reg.le alla Protezione civile n. di prot dd 07/09/2007"

Transcript

1 Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Protezione Civile della Regione IL PIANO REGIONALE DEL SERVIZIO DI PIENA Provv. Ass.Reg.le alla Protezione civile n. di prot dd 07/09/2007 PALMANOVA, 5 febbraio 2010

2 RIFERIMENTI NORMATIVI SUL SERVIZIO DI PIENA R.D. 9 dicembre 1937, n. 2669, Capo IV: Servizio di Piena ; L.R. 31 dicembre 1986, n. 64: Organizzazione delle strutture ed interventi di competenza regionale in materia di protezione civile ; L.R n. 16; Delibera della Giunta regionale n del 19 novembre 2004: Direttive per la gestione del servizio di piena.

3 CORSI D ACQUA di COMPETENZA REGIONALE (Dlgs. 25 maggio 2001 n.265 ) Con tale Decreto sono trasferiti alla Regione tutti i beni del demanio idrico nonché le funzioni in materia di difesa del suolo ad esclusione dei seguenti tratti: fiume Judrio, nel tratto che fa da confine con la Slovenia; fiume Tagliamento, nel tratto che fa da confine con la regione Veneto; fiume Livenza, nel tratto che fa da confine con la regione Veneto. Tali tratti non trasferiti alla Regione sono rimasti di competenza dello Stato per il tramite del Magistrato alle Acque di Venezia e degli uffici provinciali del Genio civile (sentenza della Corte Costituzionale del 4 giugno 2003). (Rotta arginale del fiume Noncello novembre 2002)

4 CORSI D ACQUA INTERESSATI ALL ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PIENA (D.G.R. 19 novembre 2004 n. 3126)

5 CORSI D ACQUA INTERESSATI ALL ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PIENA (D.G.R. 19 novembre 2004 n. 3126) CORSI D'ACQUA INTERESSATI LUNGHEZZA COMPLESSIVA ARGINI DA SORVEGLIARE (KM) N TATTE DI SORVEGLIENZA N VOLONTARI 2 LIVELLO PER TURNO N VOLONTARI 3 LIVELLO PER TURNO BUT 6, ISONZO JUDRIO 25, MEDUNA 47, NONCELLO 1, TAGLIAMENTO 49, TORRE 17,

6 CORSI D ACQUA di competenza regionale INTERESSATI ALL ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PIENA (D.G.R. 19 novembre 2004 n. 3126) PROVINCIA DI GORIZIA: tratti arginati del fiume Isonzo (argini di II categoria) tratti arginati del torrente Judrio (argini di III categoria) tratti arginati del torrente Torre (argini di II categoria) Tratti arginati del torrente Versa PROVINCIA DI PORDENONE: tratti arginati del fiume Meduna (argini di II categoria) tratti arginati del fiume Noncello (argini di III categoria) tratti arginati del fiume Tagliamento (argini di II categoria) PROVINCIA DI UDINE: tratti arginati del fiume Tagliamento (argini di II categoria) tratti arginati del torrente But (argini di II categoria)

7 COS E IL SERVIZIO DI PIENA (R.D. 9 dicembre 1937 n Capo IV) E l insieme di procedure ed attività che sono avviate al sopraggiungere di una piena di un corso d acqua e comprende: I) fase di pianificazione preliminare competenza della Protezione Civile della Regione e delle Direzioni Provinciali dei Lavori Pubblici II) fase di monitoraggio e allerta meteorologico III) fase di sorveglianza degli argini IV) fase di pronto intervento per la prevenzione ed il ripristino competenza della Protezione Civile della Regione supporto affidato ai Gruppi di volontariato comunale di Protezione Civile competenza della Protezione Civile della Regione e delle Direzioni Provinciali Lavori Pubblici

8 I SOGGETTI COINVOLTI (D.G.R. 19 novembre 2004 n. 3126) la Protezione Civile della Regione tramite la Sala Operativa Regionale (SOR) di Palmanova cui è affidato il coordinamento a livello regionale del servizio di piena ; le Direzioni Provinciali Lavori Pubblici che con la propria struttura organizzativa s interfacciano con la Sala Operativa Regionale (funzionari idraulici e sorveglianti idraulici); i Gruppi comunali di volontariato di Protezione Civile cui è affidata la sorveglianza degli argini, poiché concorrono al servizio di piena mediante lo svolgimento delle attività definite nella fase di pianificazione preliminare. Altre tipologie d interventi urgenti da effettuare con l utilizzo di volontari, ma non preventivamente definite, sono concordate con la Protezione civile per il tramite della Sala Operativa Regionale.

9 FASE DI PIANIFICAZIONE PRELIMINARE La Protezione Civile della Regione ha svolto le seguenti attività: I. individuazione delle tratte di sorveglianza e predisposizione delle schede illustrative per il servizio di sorveglianza da svolgere; II. il livello d allerta è funzione del livello idrometrico dei singoli corsi d acqua (per ogni corso d acqua sono state individuate delle soglie che corrispondono ai tre livelli seguenti). La pianificazione dell impiego del personale avviene in funzione del livello d allerta: Livello di Guardia: attivazione dei funzionari idraulici; 1 Livello : attivazione della sorveglianza degli argini con Gruppi comunali di volontariato di Protezione Civile; 2 Livello : intensificazione della sorveglianza con Gruppi comunali di volontariato di Protezione Civile

10 FASE DI PIANIFICAZIONE PRELIMINARE Cartografia delle tratte di sorveglianza

11 FASE DI PIANIFICAZIONE PRELIMINARE Cartografia delle tratte di sorveglianza Esempio di scheda della tratta

12 Tutto il materiale del Servizio di Piena per i Gruppi Comunali è disponibile nell area dedicata del portale Dal sito internet è possibile scaricare il materiale cartografico e le schede predisposte a supporto dell attività di sorveglianza delle tratte arginali da parte dei Gruppi comunali, le tabelle illustranti le tratte assegnate a ciascun gruppo, i documenti illustranti l organizzazione complessiva del Servizio di piena.

13 FASI CHE PORTANO ALL ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PIENA

14 FASE DI MONITORAGGIO E ALLERTA METEOROLOGICO svolta dalla Protezione Civile della Regione Analisi della situazione idrometeorologica, previsione e attivazione del sistema di allertamento regionale. Nelle fasi successive continuo aggiornamento della situazione. Rete di monitoraggio Meteosat Pluviometro

15 SALA OPERATIVA REGIONALE DELLA PROTEZIONE CIVILE Coordinamento servizio di Piena Attività tecnico scientifica Rapporti istituzionali

16 Nuovi strumenti di calcolo per la previsione delle onde di piena Rete di monitoraggio Meteosat Pluviometro Le azioni di coordinamento in emergenza da parte della SOR vengono supportate dall attività di previsione meteorologica, dai dati provenienti dalla rete idrometeorologica in telemisura e dai modelli idrologici ed idraulici predisposti dalla Protezione Civile della Regione per calcolare, con diverse ore di anticipo, sulla base di tutte le informazioni raccolte, l andamento dell onda di piena lungo l intero corso del fiume, nelle possibili aree di espansione delle acque, golenali o interarginali. Tali modelli consentiranno di valutare inoltre, sulla basse di rilievi dettagliati ed aggiornati, gli scenari di possibili tracimazioni o rotte arginali, descrivendo la distribuzione delle acque esondate sul territorio circostante e i conseguenti effetti sull onda di piena.

17 ATTIVITA TECNICO SCENTIFICA DELLA S.O.R. attività di previsione meteorologica elaborazione dati provenienti dalla rete idrometeorologica in telemisura previsione delle onde di piena mediante strumenti di analisi idrologica ed idraulica previsione dei livelli idrici nelle aree naturalmente allagabili analisi delle zone potenzialmente allagabili in caso di tracimazioni o rotte arginali

18 ATTIVITA TECNICO SCENTIFICA DELLA S.O.R. MODELLISTICA IDRAULICA Il grafico visualizza la simulazione numerica dell evento di piena utilizzato per l esercitazione SEPI2008 (3750 m 2 /s) in base alle previsioni meteorologiche e ai dati pluviometrici registrati dalla rete della Protezione Civile Regionale durante l evento del 16 novembre 1996 Villa Santina - Degano Tolmezzo - But Amaro - Fella Latisana Hmax= 8.62 Quta franco ponte FF.SS Cesarolo Scolmatore Cavrato

19 FASE DI ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA svolta dalla Protezione Civile della Regione Al raggiungimento dei livelli prestabiliti (1 livello di allerta) la Sala Operativa Regionale attiva i Gruppi comunali di volontariato di Protezione Civile incaricati per il servizio di sorveglianza nei tratti potenzialmente interessati dall evento alluvionale. Idrometro ad ultrasuoni Idrogramma di piena

20 ATTIVAZIONE DEL MONITORAGGIO ARGINI Livello di guardia: attivazione dei funzionari idraulici; 1 Livello di allerta: attivazione sorveglianza degli argini con Gruppi comunali di Protezione Civile; 2 Livello di allerta: intensificazione sorveglianza con Gruppi comunali di Protezione Civile Il livello d allerta è funzione del livello idrometrico.

21 GLI IDROMETRI DI RIFERIMENTO

22 Coordinamento servizio di Piena IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE IN TEMPO REALE Immediata percezione degli eventi sul territorio e dello stato di monitoraggio degli argini

23 IL COORDINAMENTO A LIVELLO REGIONALE È ESERCITATO DALLA SALA OPERATIVA REGIONALE DI PALMANOVA Sono collegati con la Sala Operativa Regionale : Prefetture Direzione centrale Ambiente e LL.PP. Uffici del Genio civile Centro funzionale della Regione Veneto Sedi di protezione civile dei comuni rivieraschi Corpo Forestale Regionale Enti gestori strade (Province, FVG Strade, ANAS) Consorzi di Bonifica Gestori di impianti idroelettrici

24 FASE DI SORVEGLIANZA DEGLI ARGINI COMPITI dei Gruppi comunali di volontariato di Protezione Civile in coordinamento con la Sala Operativa Regionale: predisposizione della TURNAZIONE delle SQUADRE; predisposizione dei MEZZI DI TRASPORTO; COMUNICAZIONI (TELEFONINI, RADIO); ATTREZZATURE (TORCE E VESTIARIO ADEGUATO). I volontari comunali presenti sugli argini sono coordinati nel Servizio di sorveglianza: dalla Sala Operativa Regionale; dalle Sale Operative Comunali (che comunque dovranno tenere continuamente informata la Sala Operativa Regionale riguardo le attività in corso)

25 FASE DI SORVEGLIANZA DEGLI ARGINI

26 FASE DI SORVEGLIANZA DEGLI ARGINI INDICAZIONI OPERATIVE PER IL SERVIZIO DI GUARDIA 1) raggiungere il luogo di ritrovo indicato sulla cartografia tratta indossando la divisa di protezione civile in modo adeguato al servizio da svolgere ed in relazione alle condizioni atmosferiche (capi consigliati: giacca e copri-pantaloni in gore-tex, copricapo, stivali e guanti); 2) predisporsi al servizio muniti torce (in relazione alle condizioni di luce), tesserino di riconoscimento, cartografia tratta per comunicare la propria posizione, telefonino e radio VHF volontariato a 43 MHz o CB, picchetti segnalatori; 3) Comunicare alla Sala Operativa Regionale utilizzando le modalità indicate al punto 15 della scheda tratta l arrivo sulla tratta assegnata, le eventuali informazioni ricevute dalla squadra a cui si dà il cambio o il supporto e l inizio del servizio di guardia. 4) Iniziare la vigilanza dell argine procedendo in coppia dal punto di ritrovo verso valle ovvero proseguendo il servizio della squadra a cui si da il cambio o supporto. Seguire le seguenti modalità: un volontario percorre la sommità dell argine con il compito di osservare eventuali crepe sulla parte emersa dell argine ovvero corrosioni della parte sommersa che si identificano con la formazione di vortici della corrente nonché con bolle d aria. Il secondo volontario percorre il piede a campagna dell argine osservando l eventuale presenza di fontanazzi (acqua torbida che fuoriesce dal terreno lungo la scarpata o in prossimità del piede dell argine). Oltre alle condizioni del corpo arginale, entrambi devono osservare eventuali inconvenienti a opere di sostegno, chiaviche o che interessano altri manufatti determinando situazioni di pericolo. Particolare cura andrà posta in riferimento alle osservazioni specifiche della tratta richiamate al punto 14 della scheda tratta. Le letture manuali su aste idrometriche non in tele-misura andranno annotate (giorno, ora, livello misurato) e comunicate alla Sala Operativa Regionale al termine del servizio. 5) Raggiunta l estremità della tratta, riprendere il percorso procedendo in senso opposto con le modalità sopradescritte per l intera estensione assegnata. Proseguire l attività di sorveglianza nei due sensi di marcia per l intero periodo del servizio assegnato effettuando le soste strettamente necessarie presso il luogo di ritrovo. 6) Al termine del turno, attendere la comunicazione dalla Sala Operativa Regionale o l arrivo della squadra incaricata per il cambio prima di allontanarsi dalla tratta. Alla squadra che inizia il nuovo turno andranno trasmesse le informazioni sulle situazioni di pericolo osservate. MAI ABBANDONARE LA TRATTA!!! COME COMPORTARSI IN CASO DI: A) CREPE, FONTANAZZI, EVENTI PARICOLARI Localizzare il punto con l ausilio della mappa, porsi al riparo nel caso di imminente pericolo, comunicare posizione del danno e quanto osservato alla Sala Operativa Regionale che provvede a raccogliere le informazioni e ad informare l ufficiale idraulico competente. Porre picchetto di segnalazione pericolo e proseguire il servizio di guardia all argine. Ogni altra attività urgente, diversa dall attività di sorveglianza pianificata, che venisse richiesta ai volontari comunali di protezione civile impegnati a supporto del servizio di piena, deve essere preventivamente approvata tramite la Sala Operativa Regionale. B) INTENSIFICAZIONE DEL SERVIZIO DI PIENA In caso di raggiungimento del III livello di presidio la Sala Operativa Regionale informa le squadre già impegnate sull evoluzione della piena in atto. I volontari in servizio incontrano i colleghi giunti a supporto presso il luogo di ritrovo e si accordano sulla suddivisione della tratta, fermo restando che la sorveglianza andrà effettuata sempre in coppia con le modalità sopra riportate. C) DIMINUZIONE DEL LIVELLO DI PIENA Passato il colmo di piena, il livello delle acque inizia lentamente a diminuire. Il servizio di guardia agli argini prosegue invariato fino a quando non siano raggiunti i livelli di sicurezza prestabiliti. Solo allora la Sala Operativa Regionale comunica alle squadre impegnate l interruzione del servizio di sorveglianza. Trattandosi di un evento di piena importante, la Sala Operativa Regionale comunicherà inoltre alle squadre impegnate l ordine di posizionare lungo le scarpe dell argine, a distanza di fra loro, gli appositi picchetti di segnalazione del massimo livello raggiunto dalle acque.

27 FASE DI SORVEGLIANZA DEGLI ARGINI IN D IC A Z IO N I O P E R A T IV E P E R IL S E R V IZ IO D I G U A R D IA (D A R IP O R T A R E S U L R E T R O D E L L A C A R T O G R A F IA ) 1 ) ra g g iu n g e re il lu o g o d i ritro v o in d ic a ta s u lla C a rto g ra fia tra tta in d o s s a n d o la d iv is a d i p ro te z io n e c iv ile in m o d o a d e g u a to a l s e rv izio d a svo lg e re e d in re la zio n e a lle c o n d izio n i a tm o s fe rich e (c a p i co n sig lia ti: g ia cc a e c o p rip a n ta lo n i in g o re -te x, c o p ric a p o, s tiv a li e g u a n ti) ; 2 ) p re d is p o r s i a l s e rv iz io m u n iti to rc e ( in re la z io n e a lle c o n d iz io n i d i lu c e ), te s s e rin o d i r ic o n o s c im e n to, c a rto g ra fia d e lla tra tta d i g u a rd ia p e r c o m u n ic a re la p ro p ria p o s iz io n e, te le fo n in o e ra d io V H F v o lo n ta ria to a 4 3 M H z o C B, p ic c h e tti s e g n a la to ri; 3 ) C o m u n ic a re a lla S a la O p e ra tiv a R e g io n a le u tiliz z a n d o le m o d a lità in d ic a te a l p u n to ( 1 5 ) d e lla S c h e d a tra tta l a rriv o s u lla tra tta a s s e g n a ta, le e v e n tu a li in fo rm a z io n i ric e v u te d a lla s q u a d ra a c u i s i d à il c a m b io o il s u p p o rto e l in iz io d e l s e r v iz io d i g u a rd ia. 4 ) In iz ia r e la v ig ila n z a d e ll a rg in e p ro c e d e n d o d a l p u n to d i r itro v o v e r s o v a lle o v v e ro p ro s e g u e n d o il s e rv iz io d e lla s q u a d r a a c u i s i d a il c a m b io o s u p p o r to, s e c o n d o le s e g u e n ti m o d a lità : u n v o lo n ta r io p e rc o r re la s o m m ità d e ll a rg in e c o n il c o m p ito d i o s s e rv a re e v e n tu a li c re p e s u lla p a rte e m e rs a d e ll a rg in e o v v e ro c o rro s io n i d e lla p a rte s o m m e rs a c h e s i id e n tific a n o c o n la fo rm a zio n e d i v o rtic i d e lla c o rre n te n o n c h é c o n b o lle d a ria. Il s e c o n d o v o lo n ta rio p e r c o rre il p ie d e a c a m p a g n a d e ll a rg in e o s s e r v a n d o l e v e n tu a le p re s e n z a d i fo n ta n a z zi ( a cq u a to rb id a ch e fu o rie s ce d a l te rre n o lu n g o la sc a rp a ta o in p ro s sim ità d e l p ie d e d e ll a rg in e ). O ltr e a lle c o n d iz io n i d e l c o rp o a rg in a le, e n tra m b i d e v o n o o s s e rv a re e v e n tu a li in c o n v e n ie n ti a o p e r e d i s o s te g n o, c h ia v ic h e o c h e in te r e s s a n o a ltri m a n u fa tti d e te rm in a n d o s itu a z io n i d i p e r ic o lo. P a rtic o la re c u r a a n d rà p o s ta in rife rim e n to a lle o s s e rv a z io n i s p e c ific h e d e lla tra tta ric h ia m a te a l p u n to (1 4 ) d e lla S c h e d a tra tta. L e le ttu re m a n u a li s u a s te id ro m e tric h e n o n in te le -le ttu ra a n d ra n n o a n n o ta te ( g io rn o, o ra, liv e llo m is u r a to ) e c o m u n ic a te a lla S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E a l te rm in e d e l s e r v iz io. 5 ) R a g g iu n ta l e s tre m ità d e lla tr a tta, s o r v e g lia n z a p r o c e d e n d o in s e n s o o p p o s to c o n le m o d a lità s o p ra d e s c ritte p e r l in te ra e s te n s io n e a s s e g n a ta. P ro s e g u ire l a ttiv ità d i s o r v e g lia n z a n e i d u e s e n s i d i m a rc ia p e r l in te ro p e rio d o d e l s e r v iz io a s s e g n a to e ffe ttu a n d o le s o s te s tr e tta m e n te n e c e s s a r ie p re s s o il p u n to d i r itro v o. 6 ) A l te rm in e d e l tu rn o, a tte n d e re la c o m u n ic a z io n e d a lla S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E o l a rriv o d e lla s q u a d ra in c a ric a ta p e r il c a m b io p rim a d i a llo n ta n a rs i d a lla tra tta. A lla s q u a d ra c h e in iz ia il n u o v o tu rn o a n d r a n n o tra s m e s s e le in fo rm a z io n i s u lle s itu a z io n i d i p e r ic o lo o s s e r v a te. M A I A B B A N D O N A R E L A T R A T T A!!! C O M E C O M P O R T A R S I IN C A S O D I: A ) C R E P E, F O N T A N A Z Z I, E V E N T I P A R IC O L A R I L o c a liz z a re il p u n to c o n l a u s ilio d e lla m a p p a, p o rs i a l rip a ro n e l c a s o d i im m in e n te p e ric o lo, c o m u n ic a re p o s iz io n e d e l d a n n o e q u a n to o s s e r v a to a lla S a la O p e r a tiv a R e g io n a le c h e p ro v v e d e a r a c c o g lie r e le in fo rm a z io n i e a d in fo rm a re l u ffic ia le id ra u lic o. P o rre p ic c h e tto d i s e g n a la z io n e p e ric o lo e p ro s e g u ire il s e r v iz io d i g u a r d ia a ll a rg in e. In te r v e n ti u r g e n ti e v e n tu a lm e n te r ic h ie s ti a i v o lo n ta ri d i p ro te z io n e c iv ile d a g li u ffic ia li d e i tr o n c h i id r a u lic i d e v o n o e s s e r e p re v e n tiv a m e n te c o n c o r d a ti e a p p r o v a ti d a lla S a la O p e r a tiv a R e g io n a le. B ) IN T E N S IF IC A Z IO N E D E L S E R V IZ IO D I P IE N A In c a s o d i ra g g iu n g im e n to d e l III liv e llo d i p r e s id io la S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E in fo rm a le s q u a d r e g ià im p e g n a te l in te n s ific a z io n e d e l s e rv iz io. I v o lo n ta r i g ià in s e rv iz io in c o n tra n o i c o lle g h i g iu n ti a s u p p o rto p re s s o il p u n to d i ritro v o e s i a c c o r d a n o s u lla s u d d iv is io n e d e lla tra tta, fe rm o re s ta n d o c h e la S a la O p e ra tiv a R e g io n a le s o r v e g lia n z a a n d rà e ffe ttu a ta s e m p re in c o p p ia c o n le m o d a lità s o p ra rip o rta te. C ) D IM IN U Z IO N E D E L L IV E L L O D I P IE N A P a s s a to il c o lm o d i p ie n a, il liv e llo d e lle a c q u e in iz ia le n ta m e n te a d im in u ire. Il s e rv iz io d i g u a rd ia a g li a rg in i p ro s e g u e in v a r ia to fin o a q u a n d o n o n s ia n o ra g g iu n ti i liv e lli d i s ic u re z z a p re s ta b iliti. S o lo a llo ra la S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E c o m u n ic a a lle s q u a d re im pe g n a te l in te rru z io n e d e l s e r v iz io d i s o rv e g lia n z a. D o p o u n e v e n to d i p ie n a im p o rta n te, la S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E c o m u n ic h e rà in o ltre a lle s q u a d r e im p e g n a te l o rd in e d i p o s izio n a re lu n g o le sc a rp e d e ll a rg in e, a d ista n za d i fra lo ro, g li a p p o s iti p ic c h e tti d i s e g n a la z io n e d e l m a s s im o liv e llo ra g g iu n to d a lle a c q u e. 1) raggiungere il luogo di ritrovo indicato sulla Cartografia tratta indossando la divisa di protezione civile in modo adeguato al servizio da svolgere ed in relazione alle condizioni atmosferiche (capi consigliati: giacca e copripantaloni in gore-tex, copricapo, stivali e guanti);

28 FASE DI SORVEGLIANZA DEGLI ARGINI IN D IC A Z IO N I O P E R A T IV E P E R IL S E R V IZ IO D I G U A R D IA (D A R IP O R T A R E S U L R E T R O D E L L A C A R T O G R A F IA ) 1 ) ra g g iu n g e re il lu o g o d i ritro v o in d ic a ta s u lla C a rto g ra fia tra tta in d o s s a n d o la d iv is a d i p ro te z io n e c iv ile in m o d o a d e g u a to a l s e rv izio d a svo lg e re e d in re la zio n e a lle c o n d izio n i a tm o s fe rich e (c a p i co n sig lia ti: g ia cc a e c o p rip a n ta lo n i in g o re -te x, c o p ric a p o, s tiv a li e g u a n ti) ; 2 ) p re d is p o r s i a l s e rv iz io m u n iti to rc e ( in re la z io n e a lle c o n d iz io n i d i lu c e ), te s s e rin o d i r ic o n o s c im e n to, c a rto g ra fia d e lla tra tta d i g u a rd ia p e r c o m u n ic a re la p ro p ria p o s iz io n e, te le fo n in o e ra d io V H F v o lo n ta ria to a 4 3 M H z o C B, p ic c h e tti s e g n a la to ri; 3 ) C o m u n ic a re a lla S a la O p e ra tiv a R e g io n a le u tiliz z a n d o le m o d a lità in d ic a te a l p u n to ( 1 5 ) d e lla S c h e d a tra tta l a rriv o s u lla tra tta a s s e g n a ta, le e v e n tu a li in fo rm a z io n i ric e v u te d a lla s q u a d ra a c u i s i d à il c a m b io o il s u p p o rto e l in iz io d e l s e r v iz io d i g u a rd ia. 4 ) In iz ia r e la v ig ila n z a d e ll a rg in e p ro c e d e n d o d a l p u n to d i r itro v o v e r s o v a lle o v v e ro p ro s e g u e n d o il s e rv iz io d e lla s q u a d r a a c u i s i d a il c a m b io o s u p p o r to, s e c o n d o le s e g u e n ti m o d a lità : u n v o lo n ta r io p e rc o r re la s o m m ità d e ll a rg in e c o n il c o m p ito d i o s s e rv a re e v e n tu a li c re p e s u lla p a rte e m e rs a d e ll a rg in e o v v e ro c o rro s io n i d e lla p a rte s o m m e rs a c h e s i id e n tific a n o c o n la fo rm a zio n e d i v o rtic i d e lla c o rre n te n o n c h é c o n b o lle d a ria. Il s e c o n d o v o lo n ta rio p e r c o rre il p ie d e a c a m p a g n a d e ll a rg in e o s s e r v a n d o l e v e n tu a le p re s e n z a d i fo n ta n a z zi ( a cq u a to rb id a ch e fu o rie s ce d a l te rre n o lu n g o la sc a rp a ta o in p ro s sim ità d e l p ie d e d e ll a rg in e ). O ltr e a lle c o n d iz io n i d e l c o rp o a rg in a le, e n tra m b i d e v o n o o s s e rv a re e v e n tu a li in c o n v e n ie n ti a o p e r e d i s o s te g n o, c h ia v ic h e o c h e in te r e s s a n o a ltri m a n u fa tti d e te rm in a n d o s itu a z io n i d i p e r ic o lo. P a rtic o la re c u r a a n d rà p o s ta in rife rim e n to a lle o s s e rv a z io n i s p e c ific h e d e lla tra tta ric h ia m a te a l p u n to (1 4 ) d e lla S c h e d a tra tta. L e le ttu re m a n u a li s u a s te id ro m e tric h e n o n in te le -le ttu ra a n d ra n n o a n n o ta te ( g io rn o, o ra, liv e llo m is u r a to ) e c o m u n ic a te a lla S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E a l te rm in e d e l s e r v iz io. 5 ) R a g g iu n ta l e s tre m ità d e lla tr a tta, s o r v e g lia n z a p r o c e d e n d o in s e n s o o p p o s to c o n le m o d a lità s o p ra d e s c ritte p e r l in te ra e s te n s io n e a s s e g n a ta. P ro s e g u ire l a ttiv ità d i s o r v e g lia n z a n e i d u e s e n s i d i m a rc ia p e r l in te ro p e rio d o d e l s e r v iz io a s s e g n a to e ffe ttu a n d o le s o s te s tr e tta m e n te n e c e s s a r ie p re s s o il p u n to d i r itro v o. 6 ) A l te rm in e d e l tu rn o, a tte n d e re la c o m u n ic a z io n e d a lla S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E o l a rriv o d e lla s q u a d ra in c a ric a ta p e r il c a m b io p rim a d i a llo n ta n a rs i d a lla tra tta. A lla s q u a d ra c h e in iz ia il n u o v o tu rn o a n d r a n n o tra s m e s s e le in fo rm a z io n i s u lle s itu a z io n i d i p e r ic o lo o s s e r v a te. M A I A B B A N D O N A R E L A T R A T T A!!! 2) predisporsi al servizio muniti di: torce (in relazione alle condizioni di luce); C O M E C O M P O R T A R S I IN C A S O D I: A ) C R E P E, F O N T A N A Z Z I, E V E N T I P A R IC O L A R I L o c a liz z a re il p u n to c o n l a u s ilio d e lla m a p p a, p o rs i a l rip a ro n e l c a s o d i im m in e n te p e ric o lo, c o m u n ic a re p o s iz io n e d e l d a n n o e q u a n to o s s e r v a to a lla S a la O p e r a tiv a R e g io n a le c h e p ro v v e d e a r a c c o g lie r e le in fo rm a z io n i e a d in fo rm a re l u ffic ia le id ra u lic o. P o rre p ic c h e tto d i s e g n a la z io n e p e ric o lo e p ro s e g u ire il s e r v iz io d i g u a r d ia a ll a rg in e. In te r v e n ti u r g e n ti e v e n tu a lm e n te r ic h ie s ti a i v o lo n ta ri d i p ro te z io n e c iv ile d a g li u ffic ia li d e i tr o n c h i id r a u lic i d e v o n o e s s e r e p re v e n tiv a m e n te c o n c o r d a ti e a p p r o v a ti d a lla S a la O p e r a tiv a R e g io n a le. B ) IN T E N S IF IC A Z IO N E D E L S E R V IZ IO D I P IE N A In c a s o d i ra g g iu n g im e n to d e l III liv e llo d i p r e s id io la S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E in fo rm a le s q u a d r e g ià im p e g n a te l in te n s ific a z io n e d e l s e rv iz io. I v o lo n ta r i g ià in s e rv iz io in c o n tra n o i c o lle g h i g iu n ti a s u p p o rto p re s s o il p u n to d i ritro v o e s i a c c o r d a n o s u lla s u d d iv is io n e d e lla tra tta, fe rm o re s ta n d o c h e la S a la O p e ra tiv a R e g io n a le s o r v e g lia n z a a n d rà e ffe ttu a ta s e m p re in c o p p ia c o n le m o d a lità s o p ra rip o rta te. C ) D IM IN U Z IO N E D E L L IV E L L O D I P IE N A P a s s a to il c o lm o d i p ie n a, il liv e llo d e lle a c q u e in iz ia le n ta m e n te a d im in u ire. Il s e rv iz io d i g u a rd ia a g li a rg in i p ro s e g u e in v a r ia to fin o a q u a n d o n o n s ia n o ra g g iu n ti i liv e lli d i s ic u re z z a p re s ta b iliti. S o lo a llo ra la S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E c o m u n ic a a lle s q u a d re im pe g n a te l in te rru z io n e d e l s e r v iz io d i s o rv e g lia n z a. D o p o u n e v e n to d i p ie n a im p o rta n te, la S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E c o m u n ic h e rà in o ltre a lle s q u a d r e im p e g n a te l o rd in e d i p o s izio n a re lu n g o le sc a rp e d e ll a rg in e, a d ista n za d i fra lo ro, g li a p p o s iti p ic c h e tti d i s e g n a la z io n e d e l m a s s im o liv e llo ra g g iu n to d a lle a c q u e. tesserino di riconoscimento, cartografia della tratta di guardia per comunicare la propria posizione, telefonino e radio VHF volontariato a 43 MHz o CB, picchetti segnalatori; Adeguata dotazione di generi alimentari

29 FASE DI SORVEGLIANZA DEGLI ARGINI

30 FASE DI SORVEGLIANZA DEGLI ARGINI IN D IC A Z IO N I O P E R A T IV E P E R IL S E R V IZ IO D I G U A R D IA (D A R IP O R T A R E S U L R E T R O D E L L A C A R T O G R A F IA ) 1 ) ra g g iu n g e re il lu o g o d i ritro v o in d ic a ta s u lla C a rto g ra fia tra tta in d o s s a n d o la d iv is a d i p ro te z io n e c iv ile in m o d o a d e g u a to a l s e rv izio d a svo lg e re e d in re la zio n e a lle c o n d izio n i a tm o s fe rich e (c a p i co n sig lia ti: g ia cc a e c o p rip a n ta lo n i in g o re -te x, c o p ric a p o, s tiv a li e g u a n ti) ; 2 ) p re d is p o r s i a l s e rv iz io m u n iti to rc e ( in re la z io n e a lle c o n d iz io n i d i lu c e ), te s s e rin o d i r ic o n o s c im e n to, c a rto g ra fia d e lla tra tta d i g u a rd ia p e r c o m u n ic a re la p ro p ria p o s iz io n e, te le fo n in o e ra d io V H F v o lo n ta ria to a 4 3 M H z o C B, p ic c h e tti s e g n a la to ri; 3 ) C o m u n ic a re a lla S a la O p e ra tiv a R e g io n a le u tiliz z a n d o le m o d a lità in d ic a te a l p u n to ( 1 5 ) d e lla S c h e d a tra tta l a rriv o s u lla tra tta a s s e g n a ta, le e v e n tu a li in fo rm a z io n i ric e v u te d a lla s q u a d ra a c u i s i d à il c a m b io o il s u p p o rto e l in iz io d e l s e r v iz io d i g u a rd ia. 4 ) In iz ia r e la v ig ila n z a d e ll a rg in e p ro c e d e n d o d a l p u n to d i r itro v o v e r s o v a lle o v v e ro p ro s e g u e n d o il s e rv iz io d e lla s q u a d r a a c u i s i d a il c a m b io o s u p p o r to, s e c o n d o le s e g u e n ti m o d a lità : u n v o lo n ta r io p e rc o r re la s o m m ità d e ll a rg in e c o n il c o m p ito d i o s s e rv a re e v e n tu a li c re p e s u lla p a rte e m e rs a d e ll a rg in e o v v e ro c o rro s io n i d e lla p a rte s o m m e rs a c h e s i id e n tific a n o c o n la fo rm a zio n e d i v o rtic i d e lla c o rre n te n o n c h é c o n b o lle d a ria. Il s e c o n d o v o lo n ta rio p e r c o rre il p ie d e a c a m p a g n a d e ll a rg in e o s s e r v a n d o l e v e n tu a le p re s e n z a d i fo n ta n a z zi ( a cq u a to rb id a ch e fu o rie s ce d a l te rre n o lu n g o la sc a rp a ta o in p ro s sim ità d e l p ie d e d e ll a rg in e ). O ltr e a lle c o n d iz io n i d e l c o rp o a rg in a le, e n tra m b i d e v o n o o s s e rv a re e v e n tu a li in c o n v e n ie n ti a o p e r e d i s o s te g n o, c h ia v ic h e o c h e in te r e s s a n o a ltri m a n u fa tti d e te rm in a n d o s itu a z io n i d i p e r ic o lo. P a rtic o la re c u r a a n d rà p o s ta in rife rim e n to a lle o s s e rv a z io n i s p e c ific h e d e lla tra tta ric h ia m a te a l p u n to (1 4 ) d e lla S c h e d a tra tta. L e le ttu re m a n u a li s u a s te id ro m e tric h e n o n in te le -le ttu ra a n d ra n n o a n n o ta te ( g io rn o, o ra, liv e llo m is u r a to ) e c o m u n ic a te a lla S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E a l te rm in e d e l s e r v iz io. 5 ) R a g g iu n ta l e s tre m ità d e lla tr a tta, s o r v e g lia n z a p r o c e d e n d o in s e n s o o p p o s to c o n le m o d a lità s o p ra d e s c ritte p e r l in te ra e s te n s io n e a s s e g n a ta. P ro s e g u ire l a ttiv ità d i s o r v e g lia n z a n e i d u e s e n s i d i m a rc ia p e r l in te ro p e rio d o d e l s e r v iz io a s s e g n a to e ffe ttu a n d o le s o s te s tr e tta m e n te n e c e s s a r ie p re s s o il p u n to d i r itro v o. 6 ) A l te rm in e d e l tu rn o, a tte n d e re la c o m u n ic a z io n e d a lla S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E o l a rriv o d e lla s q u a d ra in c a ric a ta p e r il c a m b io p rim a d i a llo n ta n a rs i d a lla tra tta. A lla s q u a d ra c h e in iz ia il n u o v o tu rn o a n d r a n n o tra s m e s s e le in fo rm a z io n i s u lle s itu a z io n i d i p e r ic o lo o s s e r v a te. M A I A B B A N D O N A R E L A T R A T T A!!! C O M E C O M P O R T A R S I IN C A S O D I: A ) C R E P E, F O N T A N A Z Z I, E V E N T I P A R IC O L A R I L o c a liz z a re il p u n to c o n l a u s ilio d e lla m a p p a, p o rs i a l rip a ro n e l c a s o d i im m in e n te p e ric o lo, c o m u n ic a re p o s iz io n e d e l d a n n o e q u a n to o s s e r v a to a lla S a la O p e r a tiv a R e g io n a le c h e p ro v v e d e a r a c c o g lie r e le in fo rm a z io n i e a d in fo rm a re l u ffic ia le id ra u lic o. P o rre p ic c h e tto d i s e g n a la z io n e p e ric o lo e p ro s e g u ire il s e r v iz io d i g u a r d ia a ll a rg in e. In te r v e n ti u r g e n ti e v e n tu a lm e n te r ic h ie s ti a i v o lo n ta ri d i p ro te z io n e c iv ile d a g li u ffic ia li d e i tr o n c h i id r a u lic i d e v o n o e s s e r e p re v e n tiv a m e n te c o n c o r d a ti e a p p r o v a ti d a lla S a la O p e r a tiv a R e g io n a le. B ) IN T E N S IF IC A Z IO N E D E L S E R V IZ IO D I P IE N A In c a s o d i ra g g iu n g im e n to d e l III liv e llo d i p r e s id io la S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E in fo rm a le s q u a d r e g ià im p e g n a te l in te n s ific a z io n e d e l s e rv iz io. I v o lo n ta r i g ià in s e rv iz io in c o n tra n o i c o lle g h i g iu n ti a s u p p o rto p re s s o il p u n to d i ritro v o e s i a c c o r d a n o s u lla s u d d iv is io n e d e lla tra tta, fe rm o re s ta n d o c h e la S a la O p e ra tiv a R e g io n a le s o r v e g lia n z a a n d rà e ffe ttu a ta s e m p re in c o p p ia c o n le m o d a lità s o p ra rip o rta te. C ) D IM IN U Z IO N E D E L L IV E L L O D I P IE N A P a s s a to il c o lm o d i p ie n a, il liv e llo d e lle a c q u e in iz ia le n ta m e n te a d im in u ire. Il s e rv iz io d i g u a rd ia a g li a rg in i p ro s e g u e in v a r ia to fin o a q u a n d o n o n s ia n o ra g g iu n ti i liv e lli d i s ic u re z z a p re s ta b iliti. S o lo a llo ra la S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E c o m u n ic a a lle s q u a d re im pe g n a te l in te rru z io n e d e l s e r v iz io d i s o rv e g lia n z a. D o p o u n e v e n to d i p ie n a im p o rta n te, la S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E c o m u n ic h e rà in o ltre a lle s q u a d r e im p e g n a te l o rd in e d i p o s izio n a re lu n g o le sc a rp e d e ll a rg in e, a d ista n za d i fra lo ro, g li a p p o s iti p ic c h e tti d i s e g n a la z io n e d e l m a s s im o liv e llo ra g g iu n to d a lle a c q u e. 3) comunicare alla Sala Operativa Regionale utilizzando le modalità indicate al punto (15) della Scheda tratta l arrivo sulla tratta assegnata, le eventuali informazioni ricevute dalla squadra a cui si dà il cambio o il supporto e l inizio del servizio di guardia. DIRETTA CON CELLULARE AL N VERDE INDIRETTA TRAMITE RADIO SULLA FREQUENZA 43 MHZ O CB ALLA CENTRALE RADIO DEL COMUNE E DA LI ALLA SALA OPERATIVA REGIONALE CON TELEFONO

31 FASE DI SORVEGLIANZA DEGLI ARGINI IN D IC A Z IO N I O P E R A T IV E P E R IL S E R V IZ IO D I G U A R D IA (D A R IP O R T A R E S U L R E T R O D E L L A C A R T O G R A F IA ) 1 ) ra g g iu n g e re il lu o g o d i ritro v o in d ic a ta s u lla C a rto g ra fia tra tta in d o s s a n d o la d iv is a d i p ro te z io n e c iv ile in m o d o a d e g u a to a l s e rv izio d a svo lg e re e d in re la zio n e a lle c o n d izio n i a tm o s fe rich e (c a p i co n sig lia ti: g ia cc a e c o p rip a n ta lo n i in g o re -te x, c o p ric a p o, s tiv a li e g u a n ti) ; 2 ) p re d is p o r s i a l s e rv iz io m u n iti to rc e ( in re la z io n e a lle c o n d iz io n i d i lu c e ), te s s e rin o d i r ic o n o s c im e n to, c a rto g ra fia d e lla tra tta d i g u a rd ia p e r c o m u n ic a re la p ro p ria p o s iz io n e, te le fo n in o e ra d io V H F v o lo n ta ria to a 4 3 M H z o C B, p ic c h e tti s e g n a la to ri; 3 ) C o m u n ic a re a lla S a la O p e ra tiv a R e g io n a le u tiliz z a n d o le m o d a lità in d ic a te a l p u n to ( 1 5 ) d e lla S c h e d a tra tta l a rriv o s u lla tra tta a s s e g n a ta, le e v e n tu a li in fo rm a z io n i ric e v u te d a lla s q u a d ra a c u i s i d à il c a m b io o il s u p p o rto e l in iz io d e l s e r v iz io d i g u a rd ia. 4 ) In iz ia r e la v ig ila n z a d e ll a rg in e p ro c e d e n d o d a l p u n to d i r itro v o v e r s o v a lle o v v e ro p ro s e g u e n d o il s e rv iz io d e lla s q u a d r a a c u i s i d a il c a m b io o s u p p o r to, s e c o n d o le s e g u e n ti m o d a lità : u n v o lo n ta r io p e rc o r re la s o m m ità d e ll a rg in e c o n il c o m p ito d i o s s e rv a re e v e n tu a li c re p e s u lla p a rte e m e rs a d e ll a rg in e o v v e ro c o rro s io n i d e lla p a rte s o m m e rs a c h e s i id e n tific a n o c o n la fo rm a zio n e d i v o rtic i d e lla c o rre n te n o n c h é c o n b o lle d a ria. Il s e c o n d o v o lo n ta rio p e r c o rre il p ie d e a c a m p a g n a d e ll a rg in e o s s e r v a n d o l e v e n tu a le p re s e n z a d i fo n ta n a z zi ( a cq u a to rb id a ch e fu o rie s ce d a l te rre n o lu n g o la sc a rp a ta o in p ro s sim ità d e l p ie d e d e ll a rg in e ). O ltr e a lle c o n d iz io n i d e l c o rp o a rg in a le, e n tra m b i d e v o n o o s s e rv a re e v e n tu a li in c o n v e n ie n ti a o p e r e d i s o s te g n o, c h ia v ic h e o c h e in te r e s s a n o a ltri m a n u fa tti d e te rm in a n d o s itu a z io n i d i p e r ic o lo. P a rtic o la re c u r a a n d rà p o s ta in rife rim e n to a lle o s s e rv a z io n i s p e c ific h e d e lla tra tta ric h ia m a te a l p u n to (1 4 ) d e lla S c h e d a tra tta. L e le ttu re m a n u a li s u a s te id ro m e tric h e n o n in te le -le ttu ra a n d ra n n o a n n o ta te ( g io rn o, o ra, liv e llo m is u r a to ) e c o m u n ic a te a lla S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E a l te rm in e d e l s e r v iz io. 5 ) R a g g iu n ta l e s tre m ità d e lla tr a tta, s o r v e g lia n z a p r o c e d e n d o in s e n s o o p p o s to c o n le m o d a lità s o p ra d e s c ritte p e r l in te ra e s te n s io n e a s s e g n a ta. P ro s e g u ire l a ttiv ità d i s o r v e g lia n z a n e i d u e s e n s i d i m a rc ia p e r l in te ro p e rio d o d e l s e r v iz io a s s e g n a to e ffe ttu a n d o le s o s te s tr e tta m e n te n e c e s s a r ie p re s s o il p u n to d i r itro v o. 6 ) A l te rm in e d e l tu rn o, a tte n d e re la c o m u n ic a z io n e d a lla S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E o l a rriv o d e lla s q u a d ra in c a ric a ta p e r il c a m b io p rim a d i a llo n ta n a rs i d a lla tra tta. A lla s q u a d ra c h e in iz ia il n u o v o tu rn o a n d r a n n o tra s m e s s e le in fo rm a z io n i s u lle s itu a z io n i d i p e r ic o lo o s s e r v a te. M A I A B B A N D O N A R E L A T R A T T A!!! C O M E C O M P O R T A R S I IN C A S O D I: A ) C R E P E, F O N T A N A Z Z I, E V E N T I P A R IC O L A R I L o c a liz z a re il p u n to c o n l a u s ilio d e lla m a p p a, p o rs i a l rip a ro n e l c a s o d i im m in e n te p e ric o lo, c o m u n ic a re p o s iz io n e d e l d a n n o e q u a n to o s s e r v a to a lla S a la O p e r a tiv a R e g io n a le c h e p ro v v e d e a r a c c o g lie r e le in fo rm a z io n i e a d in fo rm a re l u ffic ia le id ra u lic o. P o rre p ic c h e tto d i s e g n a la z io n e p e ric o lo e p ro s e g u ire il s e r v iz io d i g u a r d ia a ll a rg in e. In te r v e n ti u r g e n ti e v e n tu a lm e n te r ic h ie s ti a i v o lo n ta ri d i p ro te z io n e c iv ile d a g li u ffic ia li d e i tr o n c h i id r a u lic i d e v o n o e s s e r e p re v e n tiv a m e n te c o n c o r d a ti e a p p r o v a ti d a lla S a la O p e r a tiv a R e g io n a le. B ) IN T E N S IF IC A Z IO N E D E L S E R V IZ IO D I P IE N A In c a s o d i ra g g iu n g im e n to d e l III liv e llo d i p r e s id io la S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E in fo rm a le s q u a d r e g ià im p e g n a te l in te n s ific a z io n e d e l s e rv iz io. I v o lo n ta r i g ià in s e rv iz io in c o n tra n o i c o lle g h i g iu n ti a s u p p o rto p re s s o il p u n to d i ritro v o e s i a c c o r d a n o s u lla s u d d iv is io n e d e lla tra tta, fe rm o re s ta n d o c h e la S a la O p e ra tiv a R e g io n a le s o r v e g lia n z a a n d rà e ffe ttu a ta s e m p re in c o p p ia c o n le m o d a lità s o p ra rip o rta te. C ) D IM IN U Z IO N E D E L L IV E L L O D I P IE N A P a s s a to il c o lm o d i p ie n a, il liv e llo d e lle a c q u e in iz ia le n ta m e n te a d im in u ire. Il s e rv iz io d i g u a rd ia a g li a rg in i p ro s e g u e in v a r ia to fin o a q u a n d o n o n s ia n o ra g g iu n ti i liv e lli d i s ic u re z z a p re s ta b iliti. S o lo a llo ra la S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E c o m u n ic a a lle s q u a d re im pe g n a te l in te rru z io n e d e l s e r v iz io d i s o rv e g lia n z a. D o p o u n e v e n to d i p ie n a im p o rta n te, la S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E c o m u n ic h e rà in o ltre a lle s q u a d r e im p e g n a te l o rd in e d i p o s izio n a re lu n g o le sc a rp e d e ll a rg in e, a d ista n za d i fra lo ro, g li a p p o s iti p ic c h e tti d i s e g n a la z io n e d e l m a s s im o liv e llo ra g g iu n to d a lle a c q u e. Un volontario percorre in sicurezza la sommità dell argine con il compito di osservare eventuali crepe sulla parte emersa dell argine ovvero corrosioni della parte sommersa che si identificano con la formazione di vortici della corrente nonché con bolle d aria. Il secondo volontario percorre il piede a campagna dell argine osservando l eventuale presenza di fontanazzi (acqua torbida che fuoriesce dal terreno lungo la scarpata o in prossimità del piede dell argine).

32 FASE DI SORVEGLIANZA DEGLI ARGINI La sorveglianza degli argini NON contempla attività sulle chiaviche, di competenza del personale idraulico e sulle idrovore di competenza comunale o consorzio di bonifica. CHIAVICHE IMPIANTO IDROVORO

33 FASE DI SORVEGLIANZA DEGLI ARGINI IN D IC A Z IO N I O P E R A T IV E P E R IL S E R V IZ IO D I G U A R D IA (D A R IP O R T A R E S U L R E T R O D E L L A C A R T O G R A F IA ) 1 ) ra g g iu n g e re il lu o g o d i ritro v o in d ic a ta s u lla C a rto g ra fia tra tta in d o s s a n d o la d iv is a d i p ro te z io n e c iv ile in m o d o a d e g u a to a l s e rv izio d a svo lg e re e d in re la zio n e a lle c o n d izio n i a tm o s fe rich e (c a p i co n sig lia ti: g ia cc a e c o p rip a n ta lo n i in g o re -te x, c o p ric a p o, s tiv a li e g u a n ti) ; 2 ) p re d is p o r s i a l s e rv iz io m u n iti to rc e ( in re la z io n e a lle c o n d iz io n i d i lu c e ), te s s e rin o d i r ic o n o s c im e n to, c a rto g ra fia d e lla tra tta d i g u a rd ia p e r c o m u n ic a re la p ro p ria p o s iz io n e, te le fo n in o e ra d io V H F v o lo n ta ria to a 4 3 M H z o C B, p ic c h e tti s e g n a la to ri; 3 ) C o m u n ic a re a lla S a la O p e ra tiv a R e g io n a le u tiliz z a n d o le m o d a lità in d ic a te a l p u n to ( 1 5 ) d e lla S c h e d a tra tta l a rriv o s u lla tra tta a s s e g n a ta, le e v e n tu a li in fo rm a z io n i ric e v u te d a lla s q u a d ra a c u i s i d à il c a m b io o il s u p p o rto e l in iz io d e l s e r v iz io d i g u a rd ia. 4 ) In iz ia r e la v ig ila n z a d e ll a rg in e p ro c e d e n d o d a l p u n to d i r itro v o v e r s o v a lle o v v e ro p ro s e g u e n d o il s e rv iz io d e lla s q u a d r a a c u i s i d a il c a m b io o s u p p o r to, s e c o n d o le s e g u e n ti m o d a lità : u n v o lo n ta r io p e rc o r re la s o m m ità d e ll a rg in e c o n il c o m p ito d i o s s e rv a re e v e n tu a li c re p e s u lla p a rte e m e rs a d e ll a rg in e o v v e ro c o rro s io n i d e lla p a rte s o m m e rs a c h e s i id e n tific a n o c o n la fo rm a zio n e d i v o rtic i d e lla c o rre n te n o n c h é c o n b o lle d a ria. Il s e c o n d o v o lo n ta rio p e r c o rre il p ie d e a c a m p a g n a d e ll a rg in e o s s e r v a n d o l e v e n tu a le p re s e n z a d i fo n ta n a z zi ( a cq u a to rb id a ch e fu o rie s ce d a l te rre n o lu n g o la sc a rp a ta o in p ro s sim ità d e l p ie d e d e ll a rg in e ). O ltr e a lle c o n d iz io n i d e l c o rp o a rg in a le, e n tra m b i d e v o n o o s s e rv a re e v e n tu a li in c o n v e n ie n ti a o p e r e d i s o s te g n o, c h ia v ic h e o c h e in te r e s s a n o a ltri m a n u fa tti d e te rm in a n d o s itu a z io n i d i p e r ic o lo. P a rtic o la re c u r a a n d rà p o s ta in rife rim e n to a lle o s s e rv a z io n i s p e c ific h e d e lla tra tta ric h ia m a te a l p u n to (1 4 ) d e lla S c h e d a tra tta. L e le ttu re m a n u a li s u a s te id ro m e tric h e n o n in te le -le ttu ra a n d ra n n o a n n o ta te ( g io rn o, o ra, liv e llo m is u r a to ) e c o m u n ic a te a lla S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E a l te rm in e d e l s e r v iz io. 5 ) R a g g iu n ta l e s tre m ità d e lla tr a tta, s o r v e g lia n z a p r o c e d e n d o in s e n s o o p p o s to c o n le m o d a lità s o p ra d e s c ritte p e r l in te ra e s te n s io n e a s s e g n a ta. P ro s e g u ire l a ttiv ità d i s o r v e g lia n z a n e i d u e s e n s i d i m a rc ia p e r l in te ro p e rio d o d e l s e r v iz io a s s e g n a to e ffe ttu a n d o le s o s te s tr e tta m e n te n e c e s s a r ie p re s s o il p u n to d i r itro v o. 6 ) A l te rm in e d e l tu rn o, a tte n d e re la c o m u n ic a z io n e d a lla S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E o l a rriv o d e lla s q u a d ra in c a ric a ta p e r il c a m b io p rim a d i a llo n ta n a rs i d a lla tra tta. A lla s q u a d ra c h e in iz ia il n u o v o tu rn o a n d r a n n o tra s m e s s e le in fo rm a z io n i s u lle s itu a z io n i d i p e r ic o lo o s s e r v a te. M A I A B B A N D O N A R E L A T R A T T A!!! C O M E C O M P O R T A R S I IN C A S O D I: A ) C R E P E, F O N T A N A Z Z I, E V E N T I P A R IC O L A R I L o c a liz z a re il p u n to c o n l a u s ilio d e lla m a p p a, p o rs i a l rip a ro n e l c a s o d i im m in e n te p e ric o lo, c o m u n ic a re p o s iz io n e d e l d a n n o e q u a n to o s s e r v a to a lla S a la O p e r a tiv a R e g io n a le c h e p ro v v e d e a r a c c o g lie r e le in fo rm a z io n i e a d in fo rm a re l u ffic ia le id ra u lic o. P o rre p ic c h e tto d i s e g n a la z io n e p e ric o lo e p ro s e g u ire il s e r v iz io d i g u a r d ia a ll a rg in e. In te r v e n ti u r g e n ti e v e n tu a lm e n te r ic h ie s ti a i v o lo n ta ri d i p ro te z io n e c iv ile d a g li u ffic ia li d e i tr o n c h i id r a u lic i d e v o n o e s s e r e p re v e n tiv a m e n te c o n c o r d a ti e a p p r o v a ti d a lla S a la O p e r a tiv a R e g io n a le. B ) IN T E N S IF IC A Z IO N E D E L S E R V IZ IO D I P IE N A In c a s o d i ra g g iu n g im e n to d e l III liv e llo d i p r e s id io la S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E in fo rm a le s q u a d r e g ià im p e g n a te l in te n s ific a z io n e d e l s e rv iz io. I v o lo n ta r i g ià in s e rv iz io in c o n tra n o i c o lle g h i g iu n ti a s u p p o rto p re s s o il p u n to d i ritro v o e s i a c c o r d a n o s u lla s u d d iv is io n e d e lla tra tta, fe rm o re s ta n d o c h e la S a la O p e ra tiv a R e g io n a le s o r v e g lia n z a a n d rà e ffe ttu a ta s e m p re in c o p p ia c o n le m o d a lità s o p ra rip o rta te. C ) D IM IN U Z IO N E D E L L IV E L L O D I P IE N A P a s s a to il c o lm o d i p ie n a, il liv e llo d e lle a c q u e in iz ia le n ta m e n te a d im in u ire. Il s e rv iz io d i g u a rd ia a g li a rg in i p ro s e g u e in v a r ia to fin o a q u a n d o n o n s ia n o ra g g iu n ti i liv e lli d i s ic u re z z a p re s ta b iliti. S o lo a llo ra la S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E c o m u n ic a a lle s q u a d re im pe g n a te l in te rru z io n e d e l s e r v iz io d i s o rv e g lia n z a. D o p o u n e v e n to d i p ie n a im p o rta n te, la S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E c o m u n ic h e rà in o ltre a lle s q u a d r e im p e g n a te l o rd in e d i p o s izio n a re lu n g o le sc a rp e d e ll a rg in e, a d ista n za d i fra lo ro, g li a p p o s iti p ic c h e tti d i s e g n a la z io n e d e l m a s s im o liv e llo ra g g iu n to d a lle a c q u e. 6) Al termine del turno, attendere la comunicazione dalla SALA OPERATIVA REGIONALE o l arrivo della squadra incaricata per il cambio prima di allontanarsi dalla tratta. Alla squadra che inizia il nuovo turno andranno trasmesse le informazioni sulle situazioni di pericolo osservate. MAI ABBANDONARE LA TRATTA!

34 FASE DI SORVEGLIANZA DEGLI ARGINI IN D IC A Z IO N I O P E R A T IV E P E R IL S E R V IZ IO D I G U A R D IA (D A R IP O R T A R E S U L R E T R O D E L L A C A R T O G R A F IA ) 1 ) ra g g iu n g e re il lu o g o d i ritro v o in d ic a ta s u lla C a rto g ra fia tra tta in d o s s a n d o la d iv is a d i p ro te z io n e c iv ile in m o d o a d e g u a to a l s e rv izio d a svo lg e re e d in re la zio n e a lle c o n d izio n i a tm o s fe rich e (c a p i co n sig lia ti: g ia cc a e c o p rip a n ta lo n i in g o re -te x, c o p ric a p o, s tiv a li e g u a n ti) ; 2 ) p re d is p o r s i a l s e rv iz io m u n iti to rc e ( in re la z io n e a lle c o n d iz io n i d i lu c e ), te s s e rin o d i r ic o n o s c im e n to, c a rto g ra fia d e lla tra tta d i g u a rd ia p e r c o m u n ic a re la p ro p ria p o s iz io n e, te le fo n in o e ra d io V H F v o lo n ta ria to a 4 3 M H z o C B, p ic c h e tti s e g n a la to ri; 3 ) C o m u n ic a re a lla S a la O p e ra tiv a R e g io n a le u tiliz z a n d o le m o d a lità in d ic a te a l p u n to ( 1 5 ) d e lla S c h e d a tra tta l a rriv o s u lla tra tta a s s e g n a ta, le e v e n tu a li in fo rm a z io n i ric e v u te d a lla s q u a d ra a c u i s i d à il c a m b io o il s u p p o rto e l in iz io d e l s e r v iz io d i g u a rd ia. 4 ) In iz ia r e la v ig ila n z a d e ll a rg in e p ro c e d e n d o d a l p u n to d i r itro v o v e r s o v a lle o v v e ro p ro s e g u e n d o il s e rv iz io d e lla s q u a d r a a c u i s i d a il c a m b io o s u p p o r to, s e c o n d o le s e g u e n ti m o d a lità : u n v o lo n ta r io p e rc o r re la s o m m ità d e ll a rg in e c o n il c o m p ito d i o s s e rv a re e v e n tu a li c re p e s u lla p a rte e m e rs a d e ll a rg in e o v v e ro c o rro s io n i d e lla p a rte s o m m e rs a c h e s i id e n tific a n o c o n la fo rm a zio n e d i v o rtic i d e lla c o rre n te n o n c h é c o n b o lle d a ria. Il s e c o n d o v o lo n ta rio p e r c o rre il p ie d e a c a m p a g n a d e ll a rg in e o s s e r v a n d o l e v e n tu a le p re s e n z a d i fo n ta n a z zi ( a cq u a to rb id a ch e fu o rie s ce d a l te rre n o lu n g o la sc a rp a ta o in p ro s sim ità d e l p ie d e d e ll a rg in e ). O ltr e a lle c o n d iz io n i d e l c o rp o a rg in a le, e n tra m b i d e v o n o o s s e rv a re e v e n tu a li in c o n v e n ie n ti a o p e r e d i s o s te g n o, c h ia v ic h e o c h e in te r e s s a n o a ltri m a n u fa tti d e te rm in a n d o s itu a z io n i d i p e r ic o lo. P a rtic o la re c u r a a n d rà p o s ta in rife rim e n to a lle o s s e rv a z io n i s p e c ific h e d e lla tra tta ric h ia m a te a l p u n to (1 4 ) d e lla S c h e d a tra tta. L e le ttu re m a n u a li s u a s te id ro m e tric h e n o n in te le -le ttu ra a n d ra n n o a n n o ta te ( g io rn o, o ra, liv e llo m is u r a to ) e c o m u n ic a te a lla S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E a l te rm in e d e l s e r v iz io. 5 ) R a g g iu n ta l e s tre m ità d e lla tr a tta, s o r v e g lia n z a p r o c e d e n d o in s e n s o o p p o s to c o n le m o d a lità s o p ra d e s c ritte p e r l in te ra e s te n s io n e a s s e g n a ta. P ro s e g u ire l a ttiv ità d i s o r v e g lia n z a n e i d u e s e n s i d i m a rc ia p e r l in te ro p e rio d o d e l s e r v iz io a s s e g n a to e ffe ttu a n d o le s o s te s tr e tta m e n te n e c e s s a r ie p re s s o il p u n to d i r itro v o. 6 ) A l te rm in e d e l tu rn o, a tte n d e re la c o m u n ic a z io n e d a lla S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E o l a rriv o d e lla s q u a d ra in c a ric a ta p e r il c a m b io p rim a d i a llo n ta n a rs i d a lla tra tta. A lla s q u a d ra c h e in iz ia il n u o v o tu rn o a n d r a n n o tra s m e s s e le in fo rm a z io n i s u lle s itu a z io n i d i p e r ic o lo o s s e r v a te. M A I A B B A N D O N A R E L A T R A T T A!!! C O M E C O M P O R T A R S I IN C A S O D I: A ) C R E P E, F O N T A N A Z Z I, E V E N T I P A R IC O L A R I L o c a liz z a re il p u n to c o n l a u s ilio d e lla m a p p a, p o rs i a l rip a ro n e l c a s o d i im m in e n te p e ric o lo, c o m u n ic a re p o s iz io n e d e l d a n n o e q u a n to o s s e r v a to a lla S a la O p e r a tiv a R e g io n a le c h e p ro v v e d e a r a c c o g lie r e le in fo rm a z io n i e a d in fo rm a re l u ffic ia le id ra u lic o. P o rre p ic c h e tto d i s e g n a la z io n e p e ric o lo e p ro s e g u ire il s e r v iz io d i g u a r d ia a ll a rg in e. In te r v e n ti u r g e n ti e v e n tu a lm e n te r ic h ie s ti a i v o lo n ta ri d i p ro te z io n e c iv ile d a g li u ffic ia li d e i tr o n c h i id r a u lic i d e v o n o e s s e r e p re v e n tiv a m e n te c o n c o r d a ti e a p p r o v a ti d a lla S a la O p e r a tiv a R e g io n a le. B ) IN T E N S IF IC A Z IO N E D E L S E R V IZ IO D I P IE N A In c a s o d i ra g g iu n g im e n to d e l III liv e llo d i p r e s id io la S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E in fo rm a le s q u a d r e g ià im p e g n a te l in te n s ific a z io n e d e l s e rv iz io. I v o lo n ta r i g ià in s e rv iz io in c o n tra n o i c o lle g h i g iu n ti a s u p p o rto p re s s o il p u n to d i ritro v o e s i a c c o r d a n o s u lla s u d d iv is io n e d e lla tra tta, fe rm o re s ta n d o c h e la S a la O p e ra tiv a R e g io n a le s o r v e g lia n z a a n d rà e ffe ttu a ta s e m p re in c o p p ia c o n le m o d a lità s o p ra rip o rta te. C ) D IM IN U Z IO N E D E L L IV E L L O D I P IE N A P a s s a to il c o lm o d i p ie n a, il liv e llo d e lle a c q u e in iz ia le n ta m e n te a d im in u ire. Il s e rv iz io d i g u a rd ia a g li a rg in i p ro s e g u e in v a r ia to fin o a q u a n d o n o n s ia n o ra g g iu n ti i liv e lli d i s ic u re z z a p re s ta b iliti. S o lo a llo ra la S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E c o m u n ic a a lle s q u a d re im pe g n a te l in te rru z io n e d e l s e r v iz io d i s o rv e g lia n z a. D o p o u n e v e n to d i p ie n a im p o rta n te, la S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E c o m u n ic h e rà in o ltre a lle s q u a d r e im p e g n a te l o rd in e d i p o s izio n a re lu n g o le sc a rp e d e ll a rg in e, a d ista n za d i fra lo ro, g li a p p o s iti p ic c h e tti d i s e g n a la z io n e d e l m a s s im o liv e llo ra g g iu n to d a lle a c q u e. I VOLONTARI IMPEGNATI NELLA SORVEGLIANZA NON DEVONO INTERVENIRE DIRETTAMENTE, MA DEVONO CONTINUARE LA SORVEGLIANZA. COME COMPORTARSI IN CASO DI: A) CREPE, FONTANAZZI, EVENTI PARICOLARI Localizzare il punto con l ausilio della mappa, porsi al riparo nel caso di imminente pericolo, comunicare alla SOR la posizione del danno e quanto osservato che provvede a raccogliere le informazioni e ad informare l ufficiale idraulico. Posizionare picchetto di segnalazione pericolo e proseguire il servizio di guardia all argine. Ogni altra attività urgente, diversa dall attività di sorveglianza pianificata, che venisse richiesta ai volontari, deve essere preventivamente concordati e approvati tramite la Sala Operativa Regionale.

35 CREPE FASE DI SORVEGLIANZA DEGLI ARGINI FONTANAZZI

36 COME SI FORMA UNA ROTTA ARGINALE?

37 GLI ARGINI NATURALI

38 GLI ARGINI ARTIFICIALI

39 I FONTANAZZI

40 FILTRAZIONE E TRACIMAZIONE

41 LE PRESSIONI INTERSTIZIALI

42

43 PERCHE GLI ARGINI DEVONO ESSERE TENUTI A PRATO?

44 GLI EFFETTI DEL SIFONAMENTO

45 LA RICOSTRUZIONE DI UN ARGINE IN EMERGENZA

46 FASE DI SORVEGLIANZA DEGLI ARGINI IN D IC A Z IO N I O P E R A T IV E P E R IL S E R V IZ IO D I G U A R D IA (D A R IP O R T A R E S U L R E T R O D E L L A C A R T O G R A F IA ) 1 ) rag giun g ere il lu og o d i ritro vo ind ica ta s ulla C artog rafia tratta in d os sa nd o la d ivisa d i prote zio ne c ivile in m odo adeguato al servizio da svolgere ed in relazione alle condizioni atm osferiche (capi consigliati: giacca e co pripa nta lon i in go re -tex, c op ric ap o, s tiva li e g u an ti); 2 ) p red isp ors i a l se rviz io m u niti torc e (in rela zio ne alle c on d izion i d i luc e), te ss e rino d i rico no sc im en to, cartografia della tratta di guardia per com unicare la propria posizione, telefonino e radio VHF volontariato a 4 3 M H z o C B, p ic c he tti s eg na latori; 3 ) C om u nica re alla S a la O p erativa R e g io n ale u tiliz z and o le m o da lità in dic ate al p unto ( 15) de lla S c h ed a tratta l arrivo sulla tratta assegnata, le eventuali inform azioni ricevute dalla squadra a cui si dà il cam bio o il s u ppo rto e l iniz io d el s erviz io di g uard ia. 4 ) In iziare la vig ila nz a d ell arg in e p roc ed en d o da l pu nto d i ritro vo ve rso va lle ov v ero p ros eg u end o il s erviz io d ella s qu a dra a c u i s i da il c am b io o s u pp o rto, se c on do le se g ue nti m o da lità : u n v olon tario p erc orre la s om m ità d ell arg ine co n il c om p ito d i o s se rva re e ve ntu ali c re pe s ulla p arte em e rsa dell argin e o v ve ro c o rro sion i de lla p arte s om m e rs a c h e s i id en tific an o c o n la form azio n e d i vo rtic i de lla co rre n te n on c hé c o n bolle d aria. Il secondo volontario percorre il piede a cam pagna dell argine osservando l eventuale presenza di fontanazzi (acqua torbida che fuoriesce dal terreno lungo la scarpata o in prossim ità del piede dell argine). O ltre a lle c o nd izio ni d el c o rp o a rg in ale, e n tra m bi de vo no o s se rv are ev en tua li inc on ve n ienti a op e re d i s o ste gno, c h ia v ich e o c h e inte res s an o a ltri m a nufatti d eterm ina nd o s itu a zio ni d i pe rico lo. P a rtic o la re cu ra a nd rà po s ta in riferim en to alle os s erv a zion i s pe c ific he d e lla tratta rich iam a te a l p un to (14 ) d ella S c h ed a tratta. L e letture m an ua li s u as te id rom e tric he no n in tele -le ttu ra a n dra nn o an n otate (g iorno, o ra, liv ello m is urato ) e c om un ic a te alla S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A LE a l te rm ine de l s ervizio. 5 ) R ag giu nta l e strem ità de lla tra tta, s orv eg lia n za proc ed en d o in s en so o ppo s to co n le m o da lità s o prad es c ritte p er l inte ra e s tens ion e a s se g nata. P ro s eg uire l a ttiv ità d i s orve glia nza n ei d ue s en si d i m arc ia p er l in tero p eriod o d el se rviz io as s eg na to effettu an d o le so ste s tretta m en te ne c es s arie pres s o il pu n to di ritro v o. 6 ) A l term ine de l turn o, atten de re la c om u nica zio ne dalla S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E o l arrivo d ella s q uad ra inc arica ta p er il ca m bio prim a d i allo ntan a rs i d alla tratta. A lla sq ua dra c he in izia il n uo vo turno a nd ran no tras m es s e le info rm a zio n i s ulle s itu a zio ni d i peric olo o s se rva te. M A I A B B A N D O N A R E L A T R A T T A!!! C O M E C O M P O R T A R S I IN C A S O D I: A ) C R E P E, F O N T A N A Z Z I, E V E N T I P A R IC O L A R I L oc alizza re il p un to c o n l a u silio de lla m a pp a, po rs i a l rip aro n el ca so d i im m in e n te p erico lo, c o m unic are p os izio ne d el da n no e q u an to o ss erv ato alla S a la O p era tiv a R eg ion ale c he pro vv ed e a rac co g lie re le inform azio ni e a d inform are l uffic ia le idrau lic o. P orre picc he tto d i s e gn ala zio n e pe ric o lo e pros eg u ire il s e rv izio d i gu ard ia all argin e. Interv en ti urge n ti ev e ntu alm ente ric h ie sti ai volo nta ri d i prote zio n e civ ile d ag li u ffic ia li d e i tronc h i idra u lic i d e von o e ss e re prev en tiva m en te c o nc orda ti e a pp rov a ti da lla S a la O pe ra tiv a R eg ion ale. B ) IN T E N S IF IC A Z IO N E D E L S E R V IZ IO D I P IE N A In ca s o di rag g iu n gim ento d el III live llo d i pre sid io la S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E in form a le s q u adre g ià im pe gn ate l in ten s ific a zio n e de l s e rv izio. I v olo ntari già in se rviz io in c on tra no i c olle gh i g iun ti a s up po rto p res s o il pu nto d i ritro vo e si ac c ord an o s ulla s u dd iv is ion e de lla tratta, ferm o re stan do c he la S a la O p era tiv a R eg ion ale s orve glian za an d rà effe ttu ata s em pre in c o pp ia co n le m o dalità s op ra ripo rta te. C ) D IM IN U Z IO N E D E L LIV E L LO D I P IE N A Passato il colm o di piena, il livello delle acque inizia lentam ente a dim inuire. Il servizio di guardia agli argini p ros eg u e in varia to fin o a q ua nd o n o n s ia no ra g giu nti i live lli d i sic ure z za p res tab iliti. S o lo allora la S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A LE c om un ic a a lle sq ua d re im pegn a te l in te rru zion e de l se rviz io di s orve glia n za. D op o un e v ento d i p ie n a im po rta nte, la S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E c om un ic he rà ino ltre a lle s q uad re im pe gn ate l ord ine d i p os izio nare lu ng o le s c arpe d ell arg in e, a d is tan z a di fra loro, gli a p po s iti p icc he tti d i s eg n ala zio ne de l m a ss im o live llo ra g giu nto d a lle a cq u e. COME COMPORTARSI IN CASO DI: B) INTENSIFICAZIONE DEL SERVIZIO DI PIENA In caso di raggiungimento del 2 livello di di guardia la SALA OPERATIVA REGIONALE informa le squadre già impegnate dell intensificazione del servizio. I volontari già in servizio incontrano i colleghi giunti a supporto presso il punto di ritrovo e si accordano sulla suddivisione della tratta, fermo restando che la sorveglianza andrà effettuata sempre in coppia con le modalità sopra riportate.

47 FASE DI SORVEGLIANZA DEGLI ARGINI IN D IC A Z IO N I O P E R A T IV E P E R IL S E R V IZ IO D I G U A R D IA (D A R IP O R T A R E S U L R E T R O D E L L A C A R T O G R A F IA ) 1 ) ra g g iu n g e re il lu o g o d i ritro v o in d ic a ta s u lla C a rto g ra fia tra tta in d o s s a n d o la d iv is a d i p ro te z io n e c iv ile in m o d o a d e g u a to a l s e rv izio d a svo lg e re e d in re la zio n e a lle c o n d izio n i a tm o s fe rich e (c a p i co n sig lia ti: g ia cc a e c o p rip a n ta lo n i in g o re -te x, c o p ric a p o, s tiv a li e g u a n ti) ; 2 ) p re d is p o r s i a l s e rv iz io m u n iti to rc e ( in re la z io n e a lle c o n d iz io n i d i lu c e ), te s s e rin o d i r ic o n o s c im e n to, c a rto g ra fia d e lla tra tta d i g u a rd ia p e r c o m u n ic a re la p ro p ria p o s iz io n e, te le fo n in o e ra d io V H F v o lo n ta ria to a 4 3 M H z o C B, p ic c h e tti s e g n a la to ri; 3 ) C o m u n ic a re a lla S a la O p e ra tiv a R e g io n a le u tiliz z a n d o le m o d a lità in d ic a te a l p u n to ( 1 5 ) d e lla S c h e d a tra tta l a rriv o s u lla tra tta a s s e g n a ta, le e v e n tu a li in fo rm a z io n i ric e v u te d a lla s q u a d ra a c u i s i d à il c a m b io o il s u p p o rto e l in iz io d e l s e r v iz io d i g u a rd ia. 4 ) In iz ia r e la v ig ila n z a d e ll a rg in e p ro c e d e n d o d a l p u n to d i r itro v o v e r s o v a lle o v v e ro p ro s e g u e n d o il s e rv iz io d e lla s q u a d r a a c u i s i d a il c a m b io o s u p p o r to, s e c o n d o le s e g u e n ti m o d a lità : u n v o lo n ta r io p e rc o r re la s o m m ità d e ll a rg in e c o n il c o m p ito d i o s s e rv a re e v e n tu a li c re p e s u lla p a rte e m e rs a d e ll a rg in e o v v e ro c o rro s io n i d e lla p a rte s o m m e rs a c h e s i id e n tific a n o c o n la fo rm a zio n e d i v o rtic i d e lla c o rre n te n o n c h é c o n b o lle d a ria. Il s e c o n d o v o lo n ta rio p e r c o rre il p ie d e a c a m p a g n a d e ll a rg in e o s s e r v a n d o l e v e n tu a le p re s e n z a d i fo n ta n a z zi ( a cq u a to rb id a ch e fu o rie s ce d a l te rre n o lu n g o la sc a rp a ta o in p ro s sim ità d e l p ie d e d e ll a rg in e ). O ltr e a lle c o n d iz io n i d e l c o rp o a rg in a le, e n tra m b i d e v o n o o s s e rv a re e v e n tu a li in c o n v e n ie n ti a o p e r e d i s o s te g n o, c h ia v ic h e o c h e in te r e s s a n o a ltri m a n u fa tti d e te rm in a n d o s itu a z io n i d i p e r ic o lo. P a rtic o la re c u r a a n d rà p o s ta in rife rim e n to a lle o s s e rv a z io n i s p e c ific h e d e lla tra tta ric h ia m a te a l p u n to (1 4 ) d e lla S c h e d a tra tta. L e le ttu re m a n u a li s u a s te id ro m e tric h e n o n in te le -le ttu ra a n d ra n n o a n n o ta te ( g io rn o, o ra, liv e llo m is u r a to ) e c o m u n ic a te a lla S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E a l te rm in e d e l s e r v iz io. 5 ) R a g g iu n ta l e s tre m ità d e lla tr a tta, s o r v e g lia n z a p r o c e d e n d o in s e n s o o p p o s to c o n le m o d a lità s o p ra d e s c ritte p e r l in te ra e s te n s io n e a s s e g n a ta. P ro s e g u ire l a ttiv ità d i s o r v e g lia n z a n e i d u e s e n s i d i m a rc ia p e r l in te ro p e rio d o d e l s e r v iz io a s s e g n a to e ffe ttu a n d o le s o s te s tr e tta m e n te n e c e s s a r ie p re s s o il p u n to d i r itro v o. 6 ) A l te rm in e d e l tu rn o, a tte n d e re la c o m u n ic a z io n e d a lla S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E o l a rriv o d e lla s q u a d ra in c a ric a ta p e r il c a m b io p rim a d i a llo n ta n a rs i d a lla tra tta. A lla s q u a d ra c h e in iz ia il n u o v o tu rn o a n d r a n n o tra s m e s s e le in fo rm a z io n i s u lle s itu a z io n i d i p e r ic o lo o s s e r v a te. M A I A B B A N D O N A R E L A T R A T T A!!! C O M E C O M P O R T A R S I IN C A S O D I: A ) C R E P E, F O N T A N A Z Z I, E V E N T I P A R IC O L A R I L o c a liz z a re il p u n to c o n l a u s ilio d e lla m a p p a, p o rs i a l rip a ro n e l c a s o d i im m in e n te p e ric o lo, c o m u n ic a re p o s iz io n e d e l d a n n o e q u a n to o s s e r v a to a lla S a la O p e r a tiv a R e g io n a le c h e p ro v v e d e a r a c c o g lie r e le in fo rm a z io n i e a d in fo rm a re l u ffic ia le id ra u lic o. P o rre p ic c h e tto d i s e g n a la z io n e p e ric o lo e p ro s e g u ire il s e r v iz io d i g u a r d ia a ll a rg in e. In te r v e n ti u r g e n ti e v e n tu a lm e n te r ic h ie s ti a i v o lo n ta ri d i p ro te z io n e c iv ile d a g li u ffic ia li d e i tr o n c h i id r a u lic i d e v o n o e s s e r e p re v e n tiv a m e n te c o n c o r d a ti e a p p r o v a ti d a lla S a la O p e r a tiv a R e g io n a le. B ) IN T E N S IF IC A Z IO N E D E L S E R V IZ IO D I P IE N A In c a s o d i ra g g iu n g im e n to d e l III liv e llo d i p r e s id io la S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E in fo rm a le s q u a d r e g ià im p e g n a te l in te n s ific a z io n e d e l s e rv iz io. I v o lo n ta r i g ià in s e rv iz io in c o n tra n o i c o lle g h i g iu n ti a s u p p o rto p re s s o il p u n to d i ritro v o e s i a c c o r d a n o s u lla s u d d iv is io n e d e lla tra tta, fe rm o re s ta n d o c h e la S a la O p e ra tiv a R e g io n a le s o r v e g lia n z a a n d rà e ffe ttu a ta s e m p re in c o p p ia c o n le m o d a lità s o p ra rip o rta te. C ) D IM IN U Z IO N E D E L L IV E L L O D I P IE N A P a s s a to il c o lm o d i p ie n a, il liv e llo d e lle a c q u e in iz ia le n ta m e n te a d im in u ire. Il s e rv iz io d i g u a rd ia a g li a rg in i p ro s e g u e in v a r ia to fin o a q u a n d o n o n s ia n o ra g g iu n ti i liv e lli d i s ic u re z z a p re s ta b iliti. S o lo a llo ra la S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E c o m u n ic a a lle s q u a d re im pe g n a te l in te rru z io n e d e l s e r v iz io d i s o rv e g lia n z a. D o p o u n e v e n to d i p ie n a im p o rta n te, la S A L A O P E R A T IV A R E G IO N A L E c o m u n ic h e rà in o ltre a lle s q u a d r e im p e g n a te l o rd in e d i p o s izio n a re lu n g o le sc a rp e d e ll a rg in e, a d ista n za d i fra lo ro, g li a p p o s iti p ic c h e tti d i s e g n a la z io n e d e l m a s s im o liv e llo ra g g iu n to d a lle a c q u e. COME COMPORTARSI IN CASO DI: C) DIMINUZIONE DEL LIVELLO DI PIENA Passato il colmo di piena, il livello delle acque inizia lentamente a diminuire. Il servizio di guardia agli argini prosegue invariato fino a quando non siano raggiunti i livelli di sicurezza prestabiliti. Solo allora la SALA OPERATIVA REGIONALE comunica alle squadre impegnate l interruzione del servizio di sorveglianza. Dopo un evento di piena importante, la SALA OPERATIVA REGIONALE comunicherà inoltre alle squadre impegnate l ordine di posizionare lungo l argine, a distanza di fra loro, gli appositi picchetti di segnalazione del massimo livello raggiunto dalle acque.

48 SERVIZIO DI PIENA: attività sul campo Il pattugliamento degli argini rimane di insostituibile importanza per consentire la tempestività degli interventi volti a evitare che una piena si trasformi in alluvione.

49 I rilievi tecnici dopo la piena

50 Dai questionari ricevuti Tipologie di segnalazioni ricevute tramite questionari Problemi a RAGGIUNGERE il PUNTO DI RITROVO Difficoltà a lasciare i mezzi Frequenza Problemi a RAGGIUNGERE la tratta Terreno arato Fango 2 Problemi a PERCORRERE la tratta Terreno arato Fango Recinzioni con delimitazione grosse proprietà Terreno molto scivoloso Rischio di rimanere isolati ad inizio tratta (ex macello) Pericoli Tane, buche solchi Fontanazzo verificato 14 Altre segnalazioni Argine impraticabile - impossibile percorrerlo Non fatta comunicazione fine servizio perché impegati in emergenza Mancata copertura telefono cellulare

51 Grazie al Servizio di Piena

52 Grazie al Servizio di Piena

53 Grazie al Servizio di Piena

54 Grazie al Servizio di Piena

P re m e s s a L a g e s tio n e d e lle ris o rs e u m a n e Il S is te m a In fo rm a tiv o D o g a n a le...

P re m e s s a L a g e s tio n e d e lle ris o rs e u m a n e Il S is te m a In fo rm a tiv o D o g a n a le... 211 BILANCIO DI ESERCIZIO IN D IC E 2 IN D IC E G E N E R A L E I. R e la z io n e s u lla G e s tio n e II. S ta to p a tr im o n ia le e C o n to e c o n o m ic o III. N o ta in te g r a tiv a IV. R

Dettagli

HOTEL MEANS LIFESTYLE. bando di concorso 2013

HOTEL MEANS LIFESTYLE. bando di concorso 2013 Il degli Alberghi e delle SPA più belle del mondo isola d Ischia 8-13 luglio HOTEL MEANS LIFESTYLE bando di concorso 2013 Il P re m io Is c h ia In te rn a z io n a le d i A rc h ite ttu ra è fru tto d

Dettagli

te re, s u l p ro p rio te rrito rio, l e s e rc iz io d e ll a ttiv ità d i te c -

te re, s u l p ro p rio te rrito rio, l e s e rc iz io d e ll a ttiv ità d i te c - 1 7 D IC EM B RE 2 0 0 4 B OLLETTINO UF F IC IALE D ELLA REGIONE M ARC H E ANNO X X X V N. 1 3 3 Deliberazione n. 1408 del 23/11/2004. Lege 26/10/1995 n. 447, art. 2, commi 6, 7, 8 - D.P.C.M. 3 1/03 /1998.

Dettagli

Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile

Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile V a lte r C a n tin o 1 7 n o v e m b re 2 0 1 0 Università degli Studi di Scienze Gastronomiche: mission

Dettagli

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale IN F O R M A Z IO N I P E R S O N A L I Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale V a le n tin a B e c c h i E S P E R IE N Z E L A V O R A T IV E D

Dettagli

CITTA DI MANDURIA PROVINCIA DI TARANTO

CITTA DI MANDURIA PROVINCIA DI TARANTO CITTA DI MANDURIA PROVINCIA DI TARANTO VERBALE N. 2 DELLA GARA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI CONNETTIVITÀ DELLA CN RUPAR-SPC, PER LA DURATA DI 48 MESI MEDIANTE PROCEDURA NEGOZIATA DI RILANCIO DEL CONFRONTO

Dettagli

Sci en zapert u tti. im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o

Sci en zapert u tti. im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o Sci en zapert u tti im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o Luigi Benussi (lu ig i.b e n u s s i@ ln f.in fn.it) Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Laboratori Nazionali di Frascati

Dettagli

T E R A P IA IN S U L IN IC A IN. D r.s s a F ra n c a G ia c o n

T E R A P IA IN S U L IN IC A IN. D r.s s a F ra n c a G ia c o n T E R A P IA IN U L IN IC A IN O P E D A L E T A R G E T G L IC E M IC I N E L P A Z IE N T E D IA B E T IC O D I T IP O 2 R IC O V E R A T O G li a n a lo g h i d e ll'in s u lin a C o n e g lia n o,

Dettagli

Incentivi finanziari alle imprese

Incentivi finanziari alle imprese Incentivi finanziari alle imprese Delibera della Giunta regionale n. 208 del 2 aprile 2012 Programma Attuativo Regionale (PAR) a valere sul Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) 2007-2013 Asse I Linea

Dettagli

XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale. Piercarlo Salari

XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale. Piercarlo Salari XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale Piercarlo Salari P E D IA T R A C O N S U LT O R IA L E M ila n o V ig e v a n o (P V )) Siena, 1 giugno 2009 L errore in Pediatria

Dettagli

Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia

Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia Isabella Menichini - C om une di P a rm a B a ri, 18 febbra io 2011 P a rm a c ittà a m is ura di fa m ig lia O b ie ttiv o

Dettagli

SA IN BIANCO, SPOSA ROSSO. RITO DEL MATRIMONIO:, BIAMENTO E CONTINUITA

SA IN BIANCO, SPOSA ROSSO. RITO DEL MATRIMONIO:, BIAMENTO E CONTINUITA SA IN BIANCO, SPOSA ROSSO. RITO DEL MATRIMONIO:, BIAMENTO E CONTINUITA S p o s e i n b i a n c o, s p o s e i n r o s s o. S o n o d u e i m m a g i n i d i m a t r i m o n i a s s a i u s u a l i c h

Dettagli

Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva

Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva L esperienza del Comune di Cesena Camillo Acerbi Resp.le Servizio Informativo Gestionale Comune di Cesena acerbi_c@comune.cesena.fc.it Robert Ridolfi

Dettagli

Dal Curare al Prendersi Cura. Dr. Pietro La Ciura S.O.C. Cure Palliative e Hospice ASL CN1 - Cuneo

Dal Curare al Prendersi Cura. Dr. Pietro La Ciura S.O.C. Cure Palliative e Hospice ASL CN1 - Cuneo Dal Curare al Prendersi Cura Dr. Pietro La Ciura S.O.C. Cure Palliative e Hospice ASL CN1 - Cuneo La cura& & nella mitologia Mentre C ura stava attraversando un certo fiume, vide del fango argilloso. Lo

Dettagli

Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA

Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA ROBERTO MEDEGHINI - Pedagogista Gruppo di Ricerca Inclusione e Disability Studies gridsitaly.com milieu.it IN S E G N A

Dettagli

LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE

LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE VIVONO IN S ITUAZIONI DI MAR G INALITÀ E VIOLENZA Il p r o g e tto n a s c

Dettagli

a cura della Dott. Fiorenza Vandini 1

a cura della Dott. Fiorenza Vandini 1 1 Consultazione con il mondo del lavoro Proposta della Facoltà Nucleo di Valutazione Senato accademico Comitato di coordinamento regionale Consiglio di amministrazione 2 Raggiungere un MODELLO EUROPEO

Dettagli

MIUR.AOODGSIP.REGISTRO UFFICIALE(U) J 'i u d e n t e > t Y ; ~ / J < m v w ; w e l a f?? a / J c t è o ~ W J w.

MIUR.AOODGSIP.REGISTRO UFFICIALE(U) J 'i u d e n t e > t Y ; ~ / J < m v w ; w e l a f?? a / J c t è o ~ W J w. MIUR.AOODGSIP.REGISTRO UFFICIALE(U).0000674.03-02-2016 ~ ~.( ) d e l! ocba Y :J tn tj a O? l~ -, d e!lrv J ln iv (ff.j d d e d e l l a~ c a q )~ ~ d ~ ~ ~ '~ e ~ '~ g z ; ~ M m,e ~ jw J < kjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba

Dettagli

INFORMAZIONI SULL APPARECCHIO INFORMAZIONI SULL USO

INFORMAZIONI SULL APPARECCHIO INFORMAZIONI SULL USO INFORMAZIONI SULL APPARECCHIO L a p p a re c c h io S w a tc h C o rd le ss II IS D N è u n c o rd le ss c h e c o m b in a le fu n z io n i tip ic h e d e lla te le fo n ia se n z a fili c o n il c o

Dettagli

Risultati dell indagine svolta nell ambito delle iniziative per l Orientamento Scolastico

Risultati dell indagine svolta nell ambito delle iniziative per l Orientamento Scolastico CENTRO INTEGRATO SERVIZI SCUOLA/TERRITORIO L ORIENTAMENTO SCOLASTICO NELLE SCUOLE SECONDARIE DI 1 GRADO del Circondario Imolese Risultati dell indagine svolta nell ambito delle iniziative per l Orientamento

Dettagli

Anna Maria Sapienza-lngegnere-

Anna Maria Sapienza-lngegnere- Anna Maria Sapienza-lngegnere- Laureata con 104, Novembre 1982, a, relatore Prof. Colombini. Abilitazione all esercizio professiona, 1983 Iscritto all'o rdine degli Ingegneri di 1983 1) A ttività di formazione,

Dettagli

Il caso di Cleo. U n a b a m b in a d i c irc a 5 a n n i

Il caso di Cleo. U n a b a m b in a d i c irc a 5 a n n i Il caso di Cleo U n a b a m b in a d i c irc a 5 a n n i ANAM NESI FAM ILIARE: n o n s i rile v a n o p a to lo g ia d e g n e d i n o ta. ANAM NESI PERSONALE: p rim o g e n ita d i g e n ito ri n o n

Dettagli

Il Progetto LIFE+ CON.FLU.PO. Autorità di bacino del Fiume Po LIFE11/NAT/IT/188 CONFLUPO - CUP E82D

Il Progetto LIFE+ CON.FLU.PO. Autorità di bacino del Fiume Po LIFE11/NAT/IT/188 CONFLUPO - CUP E82D Il Progetto LIFE+ CON.FLU.PO. Autorità di bacino del Fiume Po LIFE11/NAT/IT/188 CONFLUPO - CUP E82D12000190009 Progetto Life+ Ripristino della connettività nel bacino del Fiume Po per la riapertura delle

Dettagli

Normativa di riferimento (1) R.D. 523/1904 - Testo unico delle disposizioni di legge intorno alle opere idrauliche delle diverse categorie R.D. 2669/1

Normativa di riferimento (1) R.D. 523/1904 - Testo unico delle disposizioni di legge intorno alle opere idrauliche delle diverse categorie R.D. 2669/1 Attuazione dei presidi idraulici: prospettive Andrea SALVADORI Regione Toscana Settore Difesa del suolo Seminario RISCHIO ALLUVIONI IN TOSCANA: PRECIPITAZIONI ED EFFETTI AL SUOLO Firenze, 22 aprile 2015

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA L ORGANIZZAZIONE L ESPERIENZA DELLA RILEVAZIONE PILOTA DEL CENSIMENTO DELLA POPOLAZIONE NEL

COMUNE DI PERUGIA L ORGANIZZAZIONE L ESPERIENZA DELLA RILEVAZIONE PILOTA DEL CENSIMENTO DELLA POPOLAZIONE NEL L ESPERIENZA DELLA RILEVAZIONE PILOTA DEL CENSIMENTO DELLA POPOLAZIONE NEL COMUNE DI PERUGIA L ORGANIZZAZIONE 1 PERUGIA partecipa a tale progetto con l obiettivo della Strategia n. 1 : la gestione degli

Dettagli

L evoluzione normativa

L evoluzione normativa Esperienza di servizio di piena e pronto intervento: il caso della Provincia di Firenze Andrea Andrea Morelli Morelli Città Città Metropolitana Metropolitana di di Firenze Firenze Seminario RISCHIO ALLUVIONI

Dettagli

L'OPERAZIONE Un ventenne diventa milionario con la vendita della start up per la pizza A- A + 56% TOTALE VOTI 9

L'OPERAZIONE Un ventenne diventa milionario con la vendita della start up per la pizza A- A + 56% TOTALE VOTI 9 L'OPERAZIONE Un ventenne diventa milionario con la vendita della start up per la pizza di Andrea Rinaldi A- A + 56% TOTALE VOTI 9 1 1 8 9 0 4 La pizza fa gola ai tedeschi, che hanno deciso di portarsela

Dettagli

Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1

Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1 Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1 Palermo, 14 giugno 2007 AGENDA 15.15 Apertura dei lavori Moderatore dei

Dettagli

ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 0 0 8

ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 0 0 8 OKkio alla S ALUTE per la S CUOLA: ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 8 Re g io n e To s c a n a Are a Va s ta No rd - Ove s t ( Pro v in c e di Lu c ca, Liv o rn o, Ma s s a, Pis a e Via re g g io )

Dettagli

UNIVERSITÀ' DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ' DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Rep. n v $ J 8 - Prot. n 3^ IITS del A^jn jàolt Anno Tit. \/ll CI. / Fase. 2 ^. ì UNIVERSITÀ' DEGLI STUDI DI PADOVA Procedura selettiva 2017RUA/06- Allegato n. 9 per l

Dettagli

C u re P rim a rie e Dis tu rb i P s ic h ia t ric i C o m u n i: U n a R is o rs a pe r la S a lu te Me n t a le?

C u re P rim a rie e Dis tu rb i P s ic h ia t ric i C o m u n i: U n a R is o rs a pe r la S a lu te Me n t a le? C u re P rim a rie e Dis tu rb i P s ic h ia t ric i C o m u n i: U n a R is o rs a pe r la S a lu te Me n t a le? Pro f. Do m e n ic o Be ra rd i Is titu to d i Ps ic h ia tria, Un iv e rs ità d i Bo

Dettagli

0,00 0, Tipologia 104: Compartecipazioni di trib u ti 0,00 0,00

0,00 0, Tipologia 104: Compartecipazioni di trib u ti 0,00 0,00 Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana- Serie Generale n.139 del 16.06.6 Regioni, Province autonom e, enti regionali e enti locali Prospetto di cui all'articolo 8, comma 1, del Decreto Legge 24 aprile

Dettagli

Alla. argom ento, revisionato a causa di un refuso di stam pa. C iò prem esso, si prega di voler ritenere nullo il precedente

Alla. argom ento, revisionato a causa di un refuso di stam pa. C iò prem esso, si prega di voler ritenere nullo il precedente M_INF.CGCCP.REGISTRO UFFICIALE.U.0028447.13-03-2015 R om a. P.d.c.: 0659084196 r8l cgcp@ pec.m it.gov.it M inistero delle Infrastrutture e dei Trasporti C om ando G enerale del C orpo delle C apitanerie

Dettagli

IL SERVIZIO DI PIENA. Giuseppe Simoni. Servizio Tecnico Bacino Reno

IL SERVIZIO DI PIENA. Giuseppe Simoni. Servizio Tecnico Bacino Reno IL SERVIZIO DI PIENA Giuseppe Simoni Servizio Tecnico Bacino Reno 1 IL SERVIZIO DI PIENA DEFINIZIONE (direttiva 27/2/2004) Il servizio di piena è l attività di monitoraggio in tempo reale, nonché di contrasto

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE SCENARI DI RISCHIO RISCHIO IDROGEOLOGICO

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE SCENARI DI RISCHIO RISCHIO IDROGEOLOGICO SCENARI DI RISCHIO RISCHIO IDROGEOLOGICO OBIETTIVI SENSIBILI Si indicano, al fine di ridurre la vulnerabilità territoriale al danno, un elenco di nominativi da contattare in caso di necessità. Metodologia,

Dettagli

Disciplinare Istituzione dei presidi idraulici ed idrogeologici di protezione civile di competenza regionale

Disciplinare Istituzione dei presidi idraulici ed idrogeologici di protezione civile di competenza regionale Disciplinare Istituzione dei presidi idraulici ed idrogeologici di protezione civile di competenza regionale 17/07/2008 TESTO 1 Indice Articolo 1 Oggetto del regolamento Articolo 2 Ambito d intervento

Dettagli

I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze

I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze Mo d ulo 2 Valutare gli apprendimenti o valutare l apprendimento? Il senso della relazione educativa tra curricolo

Dettagli

COMUNE D I SANT ANTONIO AB A TE Provincia di Napoli

COMUNE D I SANT ANTONIO AB A TE Provincia di Napoli COMUNE D I SANT ANTONIO AB A TE Provincia di Napoli Piazza V. Emanuele II tei. 081/3911231 - Fax - 081/8797793 Prot. n. 12 8 6 2 Spedita il 1 0 MR8, 2016 COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE VERBALE

Dettagli

GLI SCHEMI DEL BILANCIO PUBBLICO: STATO PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO. Economia aziendale e contabilità

GLI SCHEMI DEL BILANCIO PUBBLICO: STATO PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO. Economia aziendale e contabilità GLI SCHEMI DEL BILANCIO PUBBLICO: STATO PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO IL BILANCIO DI ESERCIZIO (art. 2423 c.c.) rappresenta la situazione patrimoniale, finanziaria e il risultato economico d esercizio;

Dettagli

Riordino reticoli idrici e servizio di piena. DG Sicurezza, Protezione Civile e Immigrazione Marzo 2016

Riordino reticoli idrici e servizio di piena. DG Sicurezza, Protezione Civile e Immigrazione Marzo 2016 Riordino reticoli idrici e servizio di piena DG Sicurezza, Protezione Civile e Immigrazione Marzo 2016 La Direttiva PCM 24.02.2004 La Direttiva introduce un sistema di allertamento su tutto il territorio

Dettagli

Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica

Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica POR FESR 2 0 0 7-2 0 1 3 A r t.ii.1.1 Prod e n e r g ie rinn (M isura 2 ) "INCENTIVAZIONI ALL'INSEDIAMENTO DI LINEE DI PRODUZIONE DI SISTEM I E COMPONENTI

Dettagli

Camera dei D eputati - 6 5 7 - Senato della Repubblica

Camera dei D eputati - 6 5 7 - Senato della Repubblica Camera dei D eputati - 6 5 7 - Senato della Repubblica L.R 7 / 1 9 8 8 in se d ia m e n ti p ro d u ttiv i In c e n tiv i a c o n so r z i di im p r e se in d u stria li ed a r tig ia n e o p e r a n ti

Dettagli

COMUNE DI FOLIGNO Provincia di Perugia

COMUNE DI FOLIGNO Provincia di Perugia COMUNE DI FOLIGNO Provincia di Perugia Determinazione Dirigenziale n. 749 del 30/06/2015 Proposta di Determinazione Dirigenziale n. 28 del 30/06/2015 11.9 SERVIZIO - PROGETTAZIONE E INFRASTRUTTURE OGGETTO:

Dettagli

BILANCIO UNICO DI ATENEO DI PREVISIONE ANNUALE AUTORIZZATORIO 2015

BILANCIO UNICO DI ATENEO DI PREVISIONE ANNUALE AUTORIZZATORIO 2015 BILANCIO UNICO DI ATENEO DI PREVISIONE ANNUALE AUTORIZZATORIO 2015 e triennale 2015-2017 Note di sintesi ASSETTO CONTABILE - Il bilancio di previsione dell esercizio finanziario 2015 è il primo bilancio

Dettagli

T R I BU N A L E D I T R E V IS O A Z I E N D A LE. Pr e me s so

T R I BU N A L E D I T R E V IS O A Z I E N D A LE. Pr e me s so 1 T R I BU N A L E D I T R E V IS O BA N D O P E R L A C E S S IO N E C O M P E TI TI V A D EL C O M P E N D I O A Z I E N D A LE D E L C O N C O R D A T O PR EV E N T I V O F 5 Sr l i n l i q u i da z

Dettagli

Il sistema previsionale in tempo reale del Centro Funzionale della Regione Friuli Venezia Giulia

Il sistema previsionale in tempo reale del Centro Funzionale della Regione Friuli Venezia Giulia CENTRO FUNZIONALE DECENTRATO DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Il sistema previsionale in tempo reale del Centro Funzionale della Regione Friuli Venezia Giulia Torino, 14-15 Ottobre 2015 Argomenti Il

Dettagli

Quali sono le proprietà di Internet? Quale impatto ha Internet sulla struttura di settore? Quale impatto ha Internet sulle basi di vantaggio

Quali sono le proprietà di Internet? Quale impatto ha Internet sulla struttura di settore? Quale impatto ha Internet sulle basi di vantaggio Quali sono le proprietà di Internet? Quale impatto ha Internet sulla struttura di settore? Quale impatto ha Internet sulle basi di vantaggio competitivo? Quali sono le componenti dei modelli di business

Dettagli

IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA

IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA Luana Gasparini Michela Soldati Multicentro CEAS RA21 Comune di Ravenna C è un m o ndo m is te rio s o c he è pre s e nte

Dettagli

L Assessore. Prot. N.3360/Gab. DECRETO N. 9 DEL 28/11/2016

L Assessore. Prot. N.3360/Gab. DECRETO N. 9 DEL 28/11/2016 L Assessore Prot. N.3360/Gab. DECRETO N. 9 DEL 28/11/2016 Oggetto: Approvazione della modifica del programma degli interventi sul servizio di piena e intervento idraulico per l anno 2016 di cui al decreto

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Corso di formazione AUSL di Lucca I I FACILITATORI DEL SISTEMA DI GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO FONTI DI INFORMAZIONE PER LA IDENTIFICAZIONE DEL RISCHIO CLINICO LUCCA 25-05-2009 A cura del dott. G. Puntoni

Dettagli

R a g io n e S o c ia le In iz ia tiv a In d iriz z o C o m u n e P U B L Y C O M S.A.S. D I M A T T IU Z R IT A c o n c e ss io n a ria d i p ub b

R a g io n e S o c ia le In iz ia tiv a In d iriz z o C o m u n e P U B L Y C O M S.A.S. D I M A T T IU Z R IT A c o n c e ss io n a ria d i p ub b R a g io n e S o c ia le In iz ia tiv a In d iriz z o C o m u n e P U B L Y C O M S.A.S. D I M A T T IU Z R IT A c o n c e ss io n a ria d i p ub b licità V ia C u s to z a 8 V e rc e lli M IC H Y 'S H

Dettagli

Presentazione. Giorgio Dragoni

Presentazione. Giorgio Dragoni Presentazione Giorgio Dragoni Premessa Si presenta il Progetto per la realizzazione di un Museo per Scienza e la Tecnologia Contemporanea a Bologna. Si indica quanto è stato fatto e ciò che è ancora da

Dettagli

L E T A R I F F E DOGANALI E 1 T R A T T A T I DI COM MERCIO

L E T A R I F F E DOGANALI E 1 T R A T T A T I DI COM MERCIO G A Z Z E T T A S E T T I M A N A L E SCIENZA ECONOMICA, FINANZA, COMMERCIO, BANCHI, FERROVIE INTERESSI PRIVATI Anno X!V - Voi. XVI I Domenica 27 Marzo 1887 N. 878 L E T A R I F F E DOGANALI E 1 T R A

Dettagli

Direttiva Alluvioni e attività di Protezione Civile

Direttiva Alluvioni e attività di Protezione Civile REGIONE TOSCANA - Settore Sistema Regionale di Protezione Civile Resp. Dr. Antonino Mario Melara Piano di Gestione Alluvioni - Parte A (Protezione e Prevenzione) Mappe di pericolosità e rischio, interventi

Dettagli

IL SISTEMA DI PREVISIONE DELLE PIENE FLUVIALI DEL TAGLIAMENTO E DELL ISONZO

IL SISTEMA DI PREVISIONE DELLE PIENE FLUVIALI DEL TAGLIAMENTO E DELL ISONZO Dott. Gabriele Peressi IL SISTEMA DI PREVISIONE DELLE PIENE FLUVIALI DEL TAGLIAMENTO E DELL ISONZO Il sistema di allertamento per rischio idrogeologico e idraulico Direttiva del Presidente Del Consiglio

Dettagli

ATTIM I Le i m m a g i n i c o m e c o n t e n it o ri d e lle e m o zio n i

ATTIM I Le i m m a g i n i c o m e c o n t e n it o ri d e lle e m o zio n i CON VEGN O D P S : 1 5-1 2-2 0 1 6 IN S IEM E P ER IN VECCH IAR E CON S U CCES S O Con t r ib u t o Is t it u t o F r is ia M e r a t e ATTIM I Le i m m a g i n i c o m e c o n t e n it o ri d e lle e

Dettagli

L ASSESSORE. lo Statuto Speciale per la Sardegna e successive modificazioni e integrazioni, e le relative norme di attuazione;

L ASSESSORE. lo Statuto Speciale per la Sardegna e successive modificazioni e integrazioni, e le relative norme di attuazione; L Assessore Prot. N. 2121/Gab. DECRETO N. 3 DEL 27/6/2017 Approvazione del programma degli interventi sul servizio di piena e intervento idraulico per l anno 2017, ai sensi del D.A.LL.PP. n. 45/2010. Servizio

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II. Biblioteca di Area Scienze Politiche

Università degli Studi di Napoli Federico II. Biblioteca di Area Scienze Politiche Università degli Studi di Napoli Federico II Biblioteca di Area Scienze Politiche Università degli Studi di Napoli Federico II Biblioteca di Area Scienze Politiche c uriosando in Bibl i oteca Spunti tematici

Dettagli

RETE REGIONALE DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE PROGRAMMA REGIONALE DI POTENZIAMENTO

RETE REGIONALE DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE PROGRAMMA REGIONALE DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 2 RETE REGIONALE DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE PROGRAMMA REGIONALE DI POTENZIAMENTO 2000-2011 REQUISITI MINIMI PER IL FUNZIONAMENTO DEI CENTRI UNIFICATI PROVINCIALI CUP AI FINI DEL CONCORSO

Dettagli

Nuovo Sistema di Allertamento della Regione Emilia-Romagna

Nuovo Sistema di Allertamento della Regione Emilia-Romagna Agenzia per la sicurezza territoriale e la protezione civile Nuovo Sistema di Allertamento della Regione Emilia-Romagna Clarissa Dondi Astrid Franceschetti Nicola Magagni Luca Muratori Sara Pignone Manuela

Dettagli

ALLEGATO B. Schema di Protocollo di Collaborazione per le attività del Presidio Territoriale Locale

ALLEGATO B. Schema di Protocollo di Collaborazione per le attività del Presidio Territoriale Locale PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO B Schema di Protocollo di Collaborazione per le attività del Presidio Territoriale Locale Approvato con Deliberazione della Giunta

Dettagli

L Agenzia delle Entrate Direzione regionale della Toscana, d ora in avanti denominata VRJJHWWR

L Agenzia delle Entrate Direzione regionale della Toscana, d ora in avanti denominata VRJJHWWR &219(1=,21(',7,52&,1,2',)250$=,21(('25,(17$0(172 75$ La Facoltà di Scienze Politiche dell Università degli Studi di Siena, con sede legale in Siena, Via Mattioli, 10 partita IVA n. 00273530527, d ora in

Dettagli

Fulvio Frati INTRODUZIONE AL CODICE DEONTOLOGICO DEGLI PSICOLOGI ITALIANI

Fulvio Frati INTRODUZIONE AL CODICE DEONTOLOGICO DEGLI PSICOLOGI ITALIANI Fulvio Frati INTRODUZIONE AL CODICE DEONTOLOGICO DEGLI PSICOLOGI ITALIANI CODICE CIVILE LIBRO V : Del lavoro TITOLO III : Del lavoro autonomo CAPO II : Delle professioni intellettuali Art. 2229 Esercizio

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE Poggio Berni Santarcangelo di Romagna Torriana Verucchio PIANO INTERCOMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE SEZIONE PARTE GENERALE DOCUMENTO Relazione di sintesi FILE RELAZIONE DI SINTESI.doc DATA Novembre

Dettagli

V651, una nuova equilibratrice completamente automatica, semplice da utilizzare e sicura offre un ampio e chiaro display e diverse

V651, una nuova equilibratrice completamente automatica, semplice da utilizzare e sicura offre un ampio e chiaro display e diverse L EQUILIBRATURA DEI PNEUMATICI PER TUTTE LE AUTO L occhio attento Con Fasep V651 la ruota con o senza cerchi in lega non creerà p iù p ro b le m i agli addetti ai lavori. Quest innovativa equilibratrice

Dettagli

L E G G E F INANZIARIA 2007

L E G G E F INANZIARIA 2007 FORUM PERMANENTE L E G G E F INANZIARIA 2007 art. 1 comma 263 PREVEDE IL PASSAGGIO DI 2 01 IMMOB IL I DE L L A DIF E S A (CASERME, TERRENI, ARSENALI, POLIGONI) NON PIÙNECESSARI PER USI MILITARI NEL PATRIMONIO

Dettagli

La stima del danno da alluvione a supporto dell analisi costi-benefici

La stima del danno da alluvione a supporto dell analisi costi-benefici PROGETTARE L ASSETTO IDROGEOLOGICO Bologna, 24 ottobre 2016 La stima del danno da alluvione a supporto dell analisi costi-benefici Alessio Domeneghetti, Francesca Carisi, Attilio Castellarin, Armando Brath

Dettagli

LA GESTIONE E LA DIFFUSIONE DELLE COMUNICAZIONI DELLA SALA OPERATIVA REGIONALE UNIFICATA

LA GESTIONE E LA DIFFUSIONE DELLE COMUNICAZIONI DELLA SALA OPERATIVA REGIONALE UNIFICATA Giunta Regionale della Campania Direzione Generale per le Politiche del Territorio, i Lavori Pubblici e la Protezione Civile U.O.D. 10 - Protezione Civile, Emergenza e post emergenza SALA OPERATIVA LA

Dettagli

Eleonora Berti & Tommaso Dal Osso 3^A scientifico - A.S. 2010/2011 padri #]*$ # # ǿξ *ç!!?@ ##ffi!* = ^?!!!]*

Eleonora Berti & Tommaso Dal Osso 3^A scientifico - A.S. 2010/2011 padri #]*$ # # ǿξ *ç!!?@ ##ffi!* = ^?!!!]* Eleonora Berti & Tommaso Dall Osso 3^A scientifico - A.S. 2010/2011 padri #]*$ # # ǿξ *ç!!?@ ##ffi!* = ^?!!!]* L'approfondimento mira ad analizzare il rapporto tra padri e figli ieri e oggi, valutando

Dettagli

10.1 Evento meteo, idrogeologico e idraulico: procedure operative standard

10.1 Evento meteo, idrogeologico e idraulico: procedure operative standard 10.1 Evento meteo, idrogeologico e idraulico: procedure operative standard ATTENZIONE Evento meteo idrogeologico, idraulico, idrogeologico per forti temporali Avviso di criticità idrogeologica e idraulica

Dettagli

http://photofinish.blogosfere.it/2009/04/mostre-mostre-e-ancora-mostre.html

http://photofinish.blogosfere.it/2009/04/mostre-mostre-e-ancora-mostre.html Pagina 1 di 5 Blow Photofinish up sul mondo della fotografia AP R 0 9 8 Mo s tre, m o s t re e a n c o ra m o s t re! Pu b b lic a t o d a Fra n c e s c a D e Me is a lle 1 2 :3 3 in Mo s t re Si intitola

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE EDUCAZIONE E RICERCA

IL DIRETTORE GENERALE EDUCAZIONE E RICERCA MIBACT-DG-ER REP. Decreti 18/04/2016 N 57 MINISTERO DEI BENI E DELLE A TTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO IL DIRETTORE GENERALE EDUCAZIONE E RICERCA VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, e

Dettagli

Attività di protezione civile per la gestione del rischio di alluvioni. Gorizia, 12 marzo 2013

Attività di protezione civile per la gestione del rischio di alluvioni. Gorizia, 12 marzo 2013 Attività di protezione civile per la gestione del rischio di alluvioni Gorizia, 12 marzo 2013 La gestione del rischio di alluvioni nell ambito di protezione civile prevede tre diverse fasi consequenziali

Dettagli

la redazione delle mappe della pericolosità e del rischio alluvionale

la redazione delle mappe della pericolosità e del rischio alluvionale Verso il Piano di gestione del rischio di alluvione: la redazione delle mappe della pericolosità e del rischio alluvionale Bacini liguri Cinzia Rossi Regione Liguria - Settore Assetto del Territorio Direttiva

Dettagli

PARTE IV L A VAL U TAZ IO N E S O C IO -S AN ITARIA

PARTE IV L A VAL U TAZ IO N E S O C IO -S AN ITARIA PARTE IV L A VAL U TAZ IO N E S O C IO -S AN ITARIA a cura di Anna Bonini F o rn ire se rv iz i sa n ita ri d i a lta q u a lità, a d e g u a ti in te rm in i d i v o lu m i e d i tip o lo g ie d i p re

Dettagli

Stipula convenzioni con imprese locali per il pronto intervento in emergenza

Stipula convenzioni con imprese locali per il pronto intervento in emergenza 6.3 Evento incendio boschivo e d interfaccia: procedure operative standard SA0 - PREALLERTA Evento incendio d interfaccia Nel periodo di campagna A.I.B. Bollettino di previsione nazionale incendi boschivi

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE ORGANIZZAZIONE E IL DIRETTORE GENERALE EDUCAZIONE E RICERCA. MIBACT-DG-ER REP. Decreti 05/04/2016 N 44

IL DIRETTORE GENERALE ORGANIZZAZIONE E IL DIRETTORE GENERALE EDUCAZIONE E RICERCA. MIBACT-DG-ER REP. Decreti 05/04/2016 N 44 MIBACT-DG-ER REP. Decreti 05/04/2016 N 44 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO IL DIRETTORE GENERALE ORGANIZZAZIONE E IL DIRETTORE GENERALE EDUCAZIONE E RICERCA VISTO il decreto

Dettagli

DALLA PREVISIONE METEOROLOGICA ALLA GESTIONE DELL ALLERTA METEO

DALLA PREVISIONE METEOROLOGICA ALLA GESTIONE DELL ALLERTA METEO DALLA PREVISIONE METEOROLOGICA ALLA GESTIONE DELL ALLERTA METEO Servizio Idrologico Regionale Centro Funzionale della Regione Toscana Alessandro Santucci GIORNATA DI FORMAZIONE IN PROTEZIONE CIVILE Gaiole

Dettagli

Il medico del pneumatico

Il medico del pneumatico LA REALTÀ D I U N C E N T R O G O M M E P E R V E IC O L I IN D U S T R IA L I Il medico del pneumatico Circolare in sicurezza significa anche montare pneumatici perfettamente funzionanti; un problema

Dettagli

Dicembre 2010- Dicembre 2013

Dicembre 2010- Dicembre 2013 Formato europeo PER IL CURRICULUM VITAE Aggiornato al 24/02/2014 In f o r m a z io n i p e r s o n a li Nome Angelo Jannone Indirizzo Nazionalità Data di nascita E s p e r ie n z a La v o r a t iv a Attuale

Dettagli

PROGETTO STRATEGICO STRADA

PROGETTO STRATEGICO STRADA PROGETTO STRATEGICO STRADA STRATEGIE COMUNI DI ADATTAMENTO AI CAMBIAMENTI CLIMATICI PER LA GESTIONE DEI RISCHI NATURALI NEL TERRITORIO TRANSFRONTALIERO REGIONE LOMBARDIA REPUBBLICA E CANTONE TICINO REGIONE

Dettagli

CENTRO FUNZIONALE REGIONALE RAPPORTO DI EVENTO DEL 14 15 OTTOBRE 2014

CENTRO FUNZIONALE REGIONALE RAPPORTO DI EVENTO DEL 14 15 OTTOBRE 2014 CENTRO FUNZIONALE REGIONALE RAPPORTO DI EVENTO DEL 14 15 OTTOBRE 2014 Periodo evento di piena Dal 14 al 15 ottobre 2014. Bacini coinvolti Bacini Costieri Nord: Fiora. Allertamento del sistema di Protezione

Dettagli

Grado di sviluppo ed aspetti funzionali del Sistema di Supporto Decisionale in uso al Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara

Grado di sviluppo ed aspetti funzionali del Sistema di Supporto Decisionale in uso al Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara Grado di sviluppo ed aspetti funzionali del Sistema di Supporto Decisionale in uso al Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara M. Volpin G. Tebaldi L. Montanari

Dettagli

Palmanova, 15 dicembre Portale della Protezione Civile della Regione

Palmanova, 15 dicembre Portale della Protezione Civile della Regione Palmanova, 15 dicembre 2007 Portale della Protezione Civile della Regione Nucleo per il portale della Protezione Civile della Regione Tiziano Rossi email tiziano.rossi@protezionecivile.fvg.it; telefono

Dettagli

Il set di indicatori del Progetto CSR-SC del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali. a cura di Carmen Ragno

Il set di indicatori del Progetto CSR-SC del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali. a cura di Carmen Ragno Il set di indicatori del Progetto CSR-SC del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali a cura di Carmen Ragno 1 Programma Il Progetto CSR-SC del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali Il Social Statement

Dettagli

Eventi meteo pluviometrici in Italia negli ultimi 6 mesi: i casi più emblematici. Mario Barbani

Eventi meteo pluviometrici in Italia negli ultimi 6 mesi: i casi più emblematici. Mario Barbani Workshop / Delavnica: Evoluzione recente del clima tra Italia settentrionale e Slovenia / Nedavni trendi v ozračju med severno Italijo in Slovenijo Eventi meteo pluviometrici in Italia negli ultimi 6 mesi:

Dettagli

LA NUOVA APP OPERATIVA CFR Toscana della REGIONE TOSCANA di supporto al Sistema Regionale di ALLERTAMENTO di cui alla DGRT 395/2015

LA NUOVA APP OPERATIVA CFR Toscana della REGIONE TOSCANA di supporto al Sistema Regionale di ALLERTAMENTO di cui alla DGRT 395/2015 Firenze 6 dicembre 2016 LA NUOVA APP OPERATIVA CFR Toscana della REGIONE TOSCANA di supporto al Sistema di ALLERTAMENTO di cui alla DGRT 395/2015 DIREZIONE DIFESA DEL SUOLO E PROTEZIONE CIVILE SETTORE

Dettagli

Dott.ssa Gabriella Speranza. Ancona, 11 dicembre 2015

Dott.ssa Gabriella Speranza. Ancona, 11 dicembre 2015 Dott.ssa Gabriella Speranza Ancona, 11 dicembre 2015 Il sistema di allerta nazionale consiste in: -FASE PREVISIONALE, costituita dalla valutazione della situazione meteorologica e idro-geologica attesa,

Dettagli

D R POM P E C E N T R I F U G H E O R I ZZO NTA L I, V E RT I CAL I E

D R POM P E C E N T R I F U G H E O R I ZZO NTA L I, V E RT I CAL I E S I ST EMA MO S E CO NT RATTO P E R L ' A F F I DAM E N TO D E L LA FO R N I T U RA D R POM P E C E N T R I F U G H E O R I ZZO NTA L I, V E RT I CAL I E CA R R E L LATE P E R LA BOCCA D I L I DO, P E

Dettagli

Attivazione del Centro funzionale di protezione civile della Regione Sardegna. lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

Attivazione del Centro funzionale di protezione civile della Regione Sardegna. lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; DECRETO N. 156 Prot. n. 27577 Oggetto: Attivazione del Centro funzionale di protezione civile della Regione Sardegna VISTI lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; l art.

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SEZIONE N 47 R E G.G E N E R A LE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI ROMA SEZIONE 47 N 19561/2014 UDIENZA D E L 05/02/2016 ore 09:00 riunita con l'intervento

Dettagli

RASSEGNA STAMPA UNIONE VENETA BONIFICHE TESTATE:

RASSEGNA STAMPA UNIONE VENETA BONIFICHE TESTATE: RASSEGNA STAMPA UNIONE VENETA BONIFICHE TESTATE: 25 MARZO 2014 UFFICIO COMUNICAZIONE UVB comunicazione@bonifica-uvb.it OGGI NOTIZIE SU: Consorzio/Pag. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Veronese Adige Po Delta del Po

Dettagli

L'ECONOMISTA GAZZETTA SETTIMANALE S C IE N Z A E CONO M ICA, F IN A N Z A, COM M ERCIO, B A N C H I, F E R R O V IE, IN T E R E S S I P R IV A T I

L'ECONOMISTA GAZZETTA SETTIMANALE S C IE N Z A E CONO M ICA, F IN A N Z A, COM M ERCIO, B A N C H I, F E R R O V IE, IN T E R E S S I P R IV A T I L'ECONOMISTA GAZZETTA SETTIMANALE S C IE N Z A E CONO M ICA, F IN A N Z A, COM M ERCIO, B A N C H I, F E R R O V IE, IN T E R E S S I P R IV A T I Anno XX Voi. XIV Uomenica 2 Aprile 1893 N. 987 LE IMMOBILIZZAZIONI

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI PISTOIA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI PISTOIA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI PISTOIA LEGGE 18 maggio 1989 n. 183: "Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo" (S.O. n. 38 alla G.U. - s.g.

Dettagli

Attraverso un normale telefono sia mobile che fisso, la pubblica amministrazione è in grado di registrare il messaggio che si vuole comunicare, in

Attraverso un normale telefono sia mobile che fisso, la pubblica amministrazione è in grado di registrare il messaggio che si vuole comunicare, in COMUNE DI CERVIA LIBRARISK APP DI COMUNICAZIONE DEL RISCHIO Attraverso un normale telefono sia mobile che fisso, la pubblica amministrazione è in grado di registrare il messaggio che si vuole comunicare,

Dettagli

1.3 - DATI TECNICI, DIMENSIONI E ATTACCHI IDRAULICI

1.3 - DATI TECNICI, DIMENSIONI E ATTACCHI IDRAULICI . - TI TII, ISII TTI IULII 8 fig. u a d ro co m a n d i cce s s o ca m e ra fu m o p e r p u iz ia S p ia co n tro o fia a a n d a ta ris ca d a m e n to ito rn o ris ca d a m e n to T tta cco v a s o

Dettagli

SCHEDE DOCUMENTALI NORMATIVA EUROPEA NORMATIVA STATALE

SCHEDE DOCUMENTALI NORMATIVA EUROPEA NORMATIVA STATALE SD 0.1 COMPENDIO DI NORME E LEGGI DI PROTEZIONE CIVILE NORMATIVA EUROPEA Risoluzione 2002/C 43/01 Cooperazione in materia di formazione nel settore della protezione civile NORMATIVA STATALE Legge 8 dicembre

Dettagli

Decreto del Presidente

Decreto del Presidente REGIONE LAZIO Dipartimento Direzione Regionale DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO PROTEZIONE CIVILE Decreto del Presidente N. T00003 del 23/01/2013 Proposta n. 27495 del 31/12/2012 Oggetto: Attivazione

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE EDUCAZIONE E RICERCA

IL DIRETTORE GENERALE EDUCAZIONE E RICERCA MIBACT-DG-ER REP. Decreti 18/03/2016 N 35 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO IL DIRETTORE GENERALE EDUCAZIONE E RICERCA VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, e

Dettagli

Degli effetti del contratto

Degli effetti del contratto Massimo Franzoni Degli effetti del contratto V olum e I Efficacia del contratto e recesso unilaterale Seconda edizione AG G iu f f r è E d it o r e INDICE Art. 1372 (Efficacia del contratto) C a p i t

Dettagli