Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie"

Transcript

1 Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Economia degli Intermediari Finanziari 29 aprile 2009 A.A

2 Agenda 1. Il calcolo finanziario: capitalizzazione e attualizzazione 2. Il calcolo finanziario: tassi equivalenti 3. Relazioni tra tassi e prezzi 4. La curva dei rendimenti per scadenza 5. Le teorie che spiegano l andamento della curva dei rendimenti 6. Il calcolo dei tassi forward A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 2

3 Capitalizzazione e attualizzazione 1 legge della finanza: un euro oggi vale più di un euro domani VALORE TEMPORALE DEL DENARO? %? 10% C M VA VS CAPITALIZZAZIONE portare avanti nel tempo il valore di un capitale aggiungendo degli interessi Montante = Capitale * fattore di capitalizzazione ATTUALIZZAZIONE portare indietro nel tempo il valore di un capitale disponibile ad una data futura Valore Attuale = Valore a Scadenza * fattore di sconto N.B. il fattore di capitalizzazione è il reciproco del fattore di sconto A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 3

4 Legge di capitalizzazione semplice OPERAZIONI di CAPITALIZZAZIONE L interesse è funzione lineare di: 21,000 19,000 Capitale impiegato 17,000 Tasso d interesse 15,000 Tempo 13,000 I = C*i*t M = C+I= C* (1+i*t) FATTORE di CAPITALIZZAZIONE OPERAZIONI di ATTUALIZZAZIONE Il valore attuale si ottiene moltiplicando il Valore a Scadenza per il fattore di sconto VA = VS* 1/(1+i*t) FATTORE di SCONTO o ATTUALIZZAZIONE 11,000 9, A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 4

5 Legge di capitalizzazione composta OPERAZIONI di CAPITALIZZAZIONE L interesse è funzione: del tempo degli interessi già maturati M1= C(1+i); M 2 = M 1 *(1+i)= C(1+i) 2 M t = C* (1+i) t FATTORE di CAPITALIZZAZIONE 27,000 25,000 23,000 21,000 19,000 17,000 15,000 13,000 11,000 9, Ipotesi implicita: gli interessi maturati in momenti precedenti vengono continuamente reinvestiti fino a scadenza OPERAZIONI di ATTUALIZZAZIONE VA = VS* 1/(1+i) t FATTORE di SCONTO A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 5

6 Capitalizzazione semplice vs composta Es. i=10% capitalizzazione annua per t=1 i due fattori di capitalizzazione coincidono per t<1 è maggiore il fattore di capitalizzazione semplice per t>1 è maggiore il fattore di capitalizzazione composta t cap. semplice cap. composta A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 6

7 Agenda 1. Il calcolo finanziario: capitalizzazione e attualizzazione 2. Il calcolo finanziario: tassi equivalenti 3. Relazioni tra tassi e prezzi 4. La curva dei rendimenti per scadenza 5. Le teorie che spiegano l andamento della curva dei rendimenti 6. Il calcolo dei tassi forward A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 7

8 Tassi equivalenti: regime semplice 1+i A =1+i k *k i A tasso annuo i k tasso periodale k n di volte in cui gli interessi sono incassati nell anno i A =i k *k i K =i A /k Es. investiamo 1000 in BTP a 5 anni al tasso nominale del 4.5% La cedola è pagata semestralmente: ogni 6 mesi incasseremo (pari a 0.045/2=2.25% del nostro capitale) A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 8

9 Tassi equivalenti: regime composto i A tasso annuo 1+i A =(1+i k ) k i k tasso periodale k n di volte in cui gli interessi sono capitalizzati nell anno i A = (1+i k ) k -1 i K = (1+i A ) 1/k -1 Es. E più conveniente l investimento A al 2.5% semestrale o l investimento B al 10% biennale? A) i A = ( ) 2-1=5.1% B) i A = (1+0.10) 0.5-1=4.9% A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 9

10 Agenda 1. Il calcolo finanziario: capitalizzazione e attualizzazione 2. Il calcolo finanziario: tassi equivalenti 3. Relazioni tra tassi e prezzi 4. La curva dei rendimenti per scadenza 5. Le teorie che spiegano l andamento della curva dei rendimenti 6. Il calcolo dei tassi forward A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 10

11 Relazione tra prezzi e tassi (1) Il prezzo di un titolo di debito è pari al valore attuale dei flussi di cassa futuri Pr? t 2t nt Pr = n FC t = (1 + i t 1 t ) Il tasso che uguaglia il prezzo del titolo alla somma dei valori attuali dei flussi di cassa futuri è detto rendimento effettivo a scadenza (Yield To Maturity YTM) A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 11

12 Relazione tra prezzi e tassi (2) Tra oscillazione dei tassi e oscillazioni dei prezzi dei titoli esiste quindi una relazione inversa tassi prezzi tassi prezzi I tassi d interesse sono molto importanti perché: Influenzano le decisioni di risparmio e di investimento delle famiglie Influenzano l accesso al credito Influenzano la redditività delle istituzioni finanziarie A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 12

13 Agenda 1. Il calcolo finanziario: capitalizzazione e attualizzazione 2. Il calcolo finanziario: tassi equivalenti 3. Relazioni tra tassi e prezzi 4. La curva dei rendimenti per scadenza 5. Le teorie che spiegano l andamento della curva dei rendimenti 6. Il calcolo dei tassi forward A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 13

14 La curva dei rendimenti (yield curve) (1) Il rendimento di un titolo obbligazionario dipende da diversi fattori: il rischio di credito legato all emittente, la liquidità e la durata dell investimento La curva dei rendimenti per scadenza (yield curve) rappresenta il rendimento dei titoli in funzione della loro vita residua Per isolare la relazione scadenza-rendimento, la curva viene spesso costruita in riferimento ai titoli di Stato, caratterizzati da un rischio di insolvenza molto ridotto e da elevata liquidità Alternativamente, possono essere utilizzati i tassi del mercato interbancario per scadenze fino ad un anno e i tassi su operazioni di interest rate swap per le scadenze più lunghe A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 14

15 La curva dei rendimenti (yield curve) (2) 6,50% 6,00% 5,50% 5,00% Tres 4,50% 4,00% 3,50% 3,00% 2,50% 2,00% Maturity (anni) Si riporta un esempio, piuttosto frequente sul mercato, di yield curve con inclinazione positiva (relazione diretta tra scadenza e rendimento) e concava (il rendimento cresce sempre meno all aumentare della scadenza) A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 15

16 Agenda 1. Il calcolo finanziario: capitalizzazione e attualizzazione 2. Il calcolo finanziario: tassi equivalenti 3. Relazioni tra tassi e prezzi 4. La curva dei rendimenti per scadenza 5. Le teorie che spiegano l andamento della curva dei rendimenti 6. Il calcolo dei tassi forward A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 16

17 Le teorie sulla curva dei rendimenti La curva dei rendimenti può assumere tre configurazioni tipo rispetto alla scadenza: Rendimento 5,10% 5,05% 5,00% 4,95% 4,90% 4,85% Crescente Piatta Decrescente Rendimento 4,90% 4,85% 4,80% 4,75% 4,70% Rendimento 4,85% 4,80% 4,75% 4,70% 4,65% 4,60% 4,80% 4,65% 4,55% 4,75% Maturity 4,60% Maturity 4,50% Maturity Le tre principali teorie che spiegano l andamento della curva dei rendimenti sono: la teoria delle aspettative pure la teoria del premio per la liquidità la teoria della segmentazione dei mercati A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 17

18 La teoria delle aspettative pure (1) Secondo la teoria delle aspettative pure il tasso di un obbligazione a lungo termine è pari alla media dei tassi a breve attesi durante la vita residua del titolo Ipotesi fondamentali: gli investitori non hanno preferenze per determinati orizzonti temporali; le obbligazioni con scadenze diverse sono sostituti perfetti i tassi d interesse su obbligazioni con scadenze diverse, quindi, variano perché si attendono variazioni nei tassi a breve futuri la forma della curva dei rendimenti (crescente, decrescente o piatta) è funzione solo delle aspettative degli investitori circa l andamento futuro dei tassi d interesse A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 18

19 La teoria delle aspettative pure (2) Per la teoria delle aspettative, il rendimento delle due seguenti strategie di investimento deve risultare uguale: acquistare uno ZCB con scadenza pari a 2 anni acquistare uno ZCB ad 1 anno e impiegare alla scadenza il montante per l acquisto di un nuovo ZCB ad 1 anno (roll-over) ( ) 2 1+ i = ( 1+ i ) ( + f ) 1 0,2 0,1 dove: -i 0,2 è il rendimento su base annua di uno ZCB con partenza immediata e durata due anni -i 0,1 è il rendimento su base annua di uno ZCB con partenza immediata e durata un anno -f 1,2 è il rendimento atteso su base annua di uno ZCB con partenza tra un anno e durata un anno A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 19 1,2

20 La teoria delle aspettative pure (3) E possibile vedere come il tasso a lunga scadenza sia approssimabile dalla media dei tassi a breve attesi per il futuro ( ) 2 1+ i = ( 1+ i ) ( 1+ f ) 1+ i 0,2 2i 0,2 0,2 i 0,1 + ( i ) + 2 0,2 f 1,2 2 0,1 = 1+ i 0,1 + 1,2 f 1,2 + i 0,1 f 1,2 componenti trascurabili A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 20

21 La teoria delle aspettative pure (4) Generalizzando. i 0, H i 0,1 + f 1,2 + f 2,3 H + K+ f H 1, H di conseguenza: la curva dei rendimenti è crescente quando vi sono attese di incremento dei tassi a breve termine futuri la curva dei redimenti è piatta quando non ci sono attese di variazione dei tassi a breve termine futuri la curva dei rendimenti è decrescente quando vi sono attese di diminuzione dei tassi a breve termine futuri A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 21

22 Aspettative di aumento dei tassi i (0,1) 4.00% i (0,1) 4.00% f (1,2) 4.50% i (0,2) 4.25% f (2,3) 5.00% i (0,3) 4.50% f (3,4) 5.50% i (0,4) 4.75% f (4,5) 6.00% i (0,5) 5.00% se gli operatori si attendono un incremento dei tassi 5.50% 5.00% la curva dei rendimenti sarà inclinata verso l alto 4.50% 4.00% 3.50% 3.00% i(0,1) i(0,2) i(0,3) i(0,4) i(0,5) A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 22

23 Aspettative di diminuzione dei tassi i (0,1) 5.00% i (0,1) 5.00% f (1,2) 4.50% i (0,2) 4.75% f (2,3) 4.00% i (0,3) 4.50% f (3,4) 3.50% i (0,4) 4.25% f (4,5) 3.00% i (0,5) 4.00% se gli operatori si attendono una diminuzione dei tassi 5.50% 5.00% la curva dei rendimenti sarà inclinata verso il basso 4.50% 4.00% 3.50% 3.00% i(0,1) i(0,2) i(0,3) i(0,4) i(0,5) A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 23

24 La teoria della segmentazione dei mercati La teoria della segmentazione dei mercati ipotizza l esistenza di diversi comparti, ove operano soggetti che esprimono una preferenza per un determinato orizzonte temporale di investimento In ciascun comparto i rendimenti si determinano in modo indipendente, nascendo dall incontro tra domanda e offerta di fondi relativi ad una certa scadenza Le obbligazioni con scadenze diverse, quindi, non sono sostituti. La teoria spiega la tipica inclinazione positiva della curva dei rendimenti attraverso l elevata propensione alla liquidità e la bassa propensione al rischio degli investitori (per cui la domanda di titoli a breve è tipicamente più elevata di quelli a lunga). Ma non riesce a spiegare perché i tassi su obbligazioni con scadenze diverse si muovano insieme A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 24

25 La teoria del premio per la liquidità (1) Secondo la teoria del premio per la liquidità il tasso di un obbligazione a lungo termine è pari alla media dei tassi a breve attesi durante la vita residua del titolo, più un premio che dipende dalle condizioni della domanda e dell offerta dei titoli Ipotesi fondamentali: gli investitori avvertono come rischiosi i titoli a lunga scadenza, quindi tendono a preferire le obbligazioni a breve le obbligazioni con scadenze diverse non sono sostituti perfetti la forma della curva dei rendimenti, quindi, è funzione sia delle aspettative sui tassi futuri che del premio domandato dagli investitori per le obbligazioni con le scadenze più lunghe (il premio per la liquidità si suppone sempre positivo e funzione crescente della durata dell investimento) A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 25

26 La teoria del premio per la liquidità (2) Per la teoria del premio per la liquidità queste due operazioni non sono finanziariamente equivalenti: la prima alternativa, comportando l investimento in un titolo a più lunga scadenza, presenta un maggior rischio e dovrebbe garantire un maggior rendimento (maggior montante) al termine dei due anni. Generalizzando ( ) 2 1+ i > ( 1+ i ) ( + f ) 1 0,2 0,1 1,2 i + f + f 0,1 1,2 2,3 H 1, H i + l 0, H 0, H H + K+ f premio al tempo 0 per l obbligazione con durata H A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 26

27 Aspettative di aumento dei tassi i (0,1) 4.00% l (0,1) 0.00% i (0,1) 4.00% f (1,2) 4.50% l (0,2) 0.10% i (0,2) 4.35% f (2,3) 5.00% l (0,3) 0.20% i (0,3) 4.70% f (3,4) 5.50% l (0,4) 0.30% i (0,4) 5.05% f (4,5) 6.00% l (0,5) 0.40% i (0,5) 5.40% a parità di aspettative lacurva èpiù inclinata verso l alto perché incorpora il premio per la liquidità 6.00% 5.50% 5.00% 4.50% 4.00% 3.50% 3.00% i(0,1) i(0,2) i(0,3) i(0,4) i(0,5) con premio per la liquidità aspettative pure A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 27

28 Aspettative di diminuzione dei tassi i (0,1) 5.00% l (0,1) 0.00% i (0,1) 5.00% f (1,2) 4.50% l (0,2) 0.10% i (0,2) 4.85% f (2,3) 4.00% l (0,3) 0.20% i (0,3) 4.70% f (3,4) 3.50% l (0,4) 0.30% i (0,4) 4.55% f (4,5) 3.00% l (0,5) 0.40% i (0,5) 4.40% a parità di aspettative. la curva è meno inclinata verso il basso perché incorpora il premio per la liquidità 5.50% 5.00% 4.50% 4.00% 3.50% 3.00% i(0,1) i(0,2) i(0,3) i(0,4) i(0,5) con premio per la liquidità aspettative pure A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 28

29 Agenda 1. Il calcolo finanziario: capitalizzazione e attualizzazione 2. Il calcolo finanziario: tassi equivalenti 3. Relazioni tra tassi e prezzi 4. La curva dei rendimenti per scadenza 5. Le teorie che spiegano l andamento della curva dei rendimenti 6. Il calcolo dei tassi forward A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 29

30 Il calcolo dei tassi forward (1) Torniamo al nostro primo esempio per cui: ( ) 2 1+ i = ( 1+ i ) ( + f ) 0,2 0,1 1 i tassi i 0,2 e i 0,1 sono osservabili sul mercato (tassi spot) mentre i 1,2 è un tasso atteso (tasso forward) La curva dei rendimenti, quindi, può essere utile per ricavare le aspettative implicite sui tassi d interesse futuri 1,2 t P? t+1 t+2 A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari N.B. Il tasso forward non è il tasso spot futuro, coincidono solo se la term structure rimane invariata e l investitore è indifferente alla durata dell investimento.

31 Il calcolo dei tassi forward (2) Per la teoria delle aspettative pure, queste due operazioni sono finanziariamente equivalenti (stesso montante a scadenza) Risolvendo per il tasso atteso, abbiamo: Generalizzando: ( ) 2 1+ i = ( 1+ i ) ( + f ) f 0,2 0,1 1 ( ) 2 1+ i0,2 ( 1+ i ) 1,2 = ( ) H ( ) K ( ) H K 1 i = 1+ i + f + 0, H 0, K 1 K, H A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 31 0,1 f 1 1,2 ( 1+ i ) 0, H ( 1+ i ) H = K K, H H K 0, K 1

32 Qualche esempio i(0,1) 4.00% i(0,2) 4.25% i(0,3) 4.50% 2 ( 1+ i ) 0,2 ( 1+ i ) 0,1 3 ( 1+ i ) 0,3 2 ( 1+ i ) ( ) f = 1 = 1 = 4.50% 1, ( 1.045) f 2,3 = 1 = 1 = 5.0% ,2 3 2 circa circa 3 ( 1+ i ) 0,3 ( 1+ i ) ( 1.045) f 1,3 = 1 = 1 = 4.75% ,1 3 circa A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 32

33 Tassi spot e tassi forward (1) i(0,1) 3.50% i(0,1) 3.50% i(0,2) 4.00% f(1,2) 4.50% i(0,3) 4.25% f(2,3) 4.75% i(0,4) 4.50% f(3,4) 5.25% i(0,5) 4.75% f(4,5) 5.76% una curva dei rendimenti crescente incorpora attese di aumento dei tassi 6.00% 5.00% 4.00% 3.00% 2.00% rendimenti per scadenza tassi forward A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 33

34 Tassi spot e tassi forward (2) i(0,1) 6.00% i(0,1) 6.00% i(0,2) 5.50% f(1,2) 5.00% i(0,3) 5.25% f(2,3) 4.75% i(0,4) 5.00% f(3,4) 4.25% i(0,5) 4.75% f(4,5) 3.76% una curva dei rendimenti decrescente incorpora attese di diminuzione dei tassi 7.00% 6.00% 5.00% 4.00% 3.00% 2.00% rendimenti per scadenza tassi forward A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 34

35 Tassi spot e tassi forward (3) L andamento della curva dei tassi forward rispetto alla curva dei rendimenti può essere così rappresentato: 8,00% 7,00% Forward rate 1 Rendim ento 6,00% 5,00% 4,00% 3,00% 2,00% Term structure 1 Term structure 3 Forward rate 3 Term structure 2 Forward rate 2 1,00% 0,00% Maturity A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 35

36 Il calcolo dei tassi forward nella teoria del premio per la liquidità (1) In teoria dovremmo tener conto anche del premio per la liquidità Il calcolo dei tassi forward diverrebbe: f ( 1+ i ) 0, H l0, H ( 1+ i l ) H, = H K K H K 0, K 0, K 1 Determiniamo i tassi forward depurando la curva dei rendimenti dal premio per la liquidità A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 36

37 Qualche esempio i(0,1) 3.50% l t 0.00% i(0,2) 4.00% l 2t 0.10% i(0,3) 4.25% l 3t 0.20% ( 1+ i l ) 0,2 0,2 ( 1+ i ) ( 1.039) f 1,2 = 1 = 1 = 4.30% ,1 ( 1+ i ) 0,3 l0,3 ( 1+ i l ) 2 ( ) f 2,3 = 1 = 1 = 4.35% ,2 0, circa circa A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 37

38 Il calcolo dei tassi forward nella teoria del premio per la liquidità (2) In realtà non risulta possibile conoscere l entità precisa di tale premio in corrispondenza delle diverse scadenze Di conseguenza, nella pratica dei mercati, i tassi forward vengono calcolati sulla base della teoria delle aspettative pure Tuttavia, non conoscere l entità del premio per la liquidità, rende meno agevole l interpretazione delle aspettative così rilevate A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 38

39 Il calcolo dei tassi forward nella teoria del premio per la liquidità (3) In caso di curva dei rendimenti piatta o decrescente è certo che, tenendo conto del premio per la liquidità, i tassi forward impliciti siano decrescenti. Si può affermare, quindi, che gli operatori attendano un ribasso dei tassi d interesse Rendimento 4,85% 4,80% 4,75% 4,70% 4,65% 4,60% 4,55% 4,50% 4,45% 4,40% 4,35% Maturity Premio per la liquidità 0,40% 0,35% 0,30% 0,25% 0,20% 0,15% 0,10% 0,05% 0,00% Tassi forward 4,80% 4,60% 4,40% 4,20% 4,00% 3,80% 3,60% 3,40% Maturity A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 39

40 Il calcolo dei tassi forward nella teoria del premio per la liquidità (4) Tale relazione non è altrettanto chiara nel caso di una curva crescente: se la curva è inclinata positivamente, ma con scarsa pendenza, e il premio per la liquidità cresce sensibilmente all aumentare della scadenza, potremmo ottenere anche dei tassi forward decrescenti Rendimento 5,10% 5,05% 5,00% 4,95% 4,90% 4,85% 4,80% 4,75% 4,70% Curva dei rendimenti 4,65% Maturity Premio per la liquidità Premio per la liquidità 0,40% 0,35% 0,30% 0,25% 0,20% 0,15% 0,10% 0,05% 0,00% ,40% 0,35% 0,30% 0,25% 0,20% 0,15% 0,10% 0,05% 0,00% ,45% A.A. 2008/2009 Economia degli Intermediari Finanziari 40 Tassi forward Tassi forward 4,90% 4,85% 4,80% 4,75% 4,70% 4,65% 4,60% 4,55% 4,50% 5,10% 5,05% 5,00% 4,95% 4,90% 4,85% 4,80% 4,75% 4,70% 4,65%

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009 Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 009 A.A. 008-009 Agenda 1. Introduzione ai concetti di rendimento e rischio. Il rendimento delle obbligazioni

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI I TASSI DI INTERESSE TASSO DI RENDIMENTO EFFETTIVO ALLA SCADENZA (TRES) O YIELD-TO- MATURITY (YTM) Lezione 3 1 I PUNTI PRINCIPALI DELLA LEZIONE o o Misurazione dei tassi di interesse

Dettagli

1. I Tassi di interesse. Stefano Di Colli

1. I Tassi di interesse. Stefano Di Colli 1. I Tassi di interesse Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Strumenti (in generale) Un titolo rappresenta un diritto sui redditi futuri dell emittente o sulle sue attività Un

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA Schede Esercizi a.a. 2014-2015 Elisabetta Michetti

MATEMATICA FINANZIARIA Schede Esercizi a.a. 2014-2015 Elisabetta Michetti MATEMATICA FINANZIARIA Schede Esercizi a.a. 2014-2015 Elisabetta Michetti 1 MODULO 1 1.1 Principali grandezze finanziarie 1. Si consideri una operazione finanziaria di provvista che prevede di ottenere

Dettagli

FINANZA AZIENDALE. Lezione n. 7

FINANZA AZIENDALE. Lezione n. 7 FINANZA AZIENDALE Lezione n. 7 Valutare i titoli obbligazionari 1 SCOPO DELLA LEZIONE L obbligazione è il titolo più semplice che si possa trovare sul mercato. Il suo valore dipende da due elementi: i

Dettagli

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r. 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 3 1. Il concetto del valore temporale

Dettagli

IL VALORE FINANZIARIO DEL TEMPO. Docente: Prof. Massimo Mariani

IL VALORE FINANZIARIO DEL TEMPO. Docente: Prof. Massimo Mariani IL VALORE FINANZIARIO DEL TEMPO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il concetto di tempo Il valore finanziario del tempo Le determinanti del tasso di interesse La formula di Fisher I flussi di cassa

Dettagli

Appunti sulla valutazione dei titoli obbligazionari. ad uso del corso di Economia e Tecnica dei Mercati Finanziari

Appunti sulla valutazione dei titoli obbligazionari. ad uso del corso di Economia e Tecnica dei Mercati Finanziari Appunti sulla valutazione dei titoli obbligazionari ad uso del corso di Economia e Tecnica dei Mercati Finanziari Marco Fumagalli A.A. 2011-2012 Contents 1. LA RELAZIONE PREZZO-RENDIMENTO... 2 1.1. L obbligazione

Dettagli

Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria

Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria Silvana Stefani Piazza dell Ateneo Nuovo 1-20126 MILANO U6-368 silvana.stefani@unimib.it 1 Unità 10 Contenuti della lezione Valutazione di titoli obbligazionari

Dettagli

Equivalenza economica

Equivalenza economica Equivalenza economica Calcolo dell equivalenza economica [Thuesen, Economia per ingegneri, capitolo 4] Negli studi tecnico-economici molti calcoli richiedono che le entrate e le uscite previste per due

Dettagli

La struttura a Termine dei Tassi d interesse

La struttura a Termine dei Tassi d interesse La struttura a Termine dei Tassi d interesse Idee fondamentali Il tempo è rischio, quindi 100 domani non valgono 100 oggi. Ergo si deve attualizzare, ossia trovare il valore attuale dei 100 domani. Tuttosi

Dettagli

CAPITALIZZAZIONE, VALORE ATTUALE, RENDITE

CAPITALIZZAZIONE, VALORE ATTUALE, RENDITE Esercitazione Finanza Aziendale n 1 : CAPITALIZZAZIONE, VALORE ATTUALE, RENDITE 1 Capitalizzazione: QUANTO VALE DOMANI IL CAPITALE CHE INVESTO OGGI? (determinazione del Montante) Attualizzazione: QUANTO

Dettagli

Regime finanziario dell interesse semplice: formule inverse

Regime finanziario dell interesse semplice: formule inverse Regime finanziario dell interesse semplice: formule inverse Il valore attuale di K è il prodotto del capitale M disponibile al tempo t per il fattore di sconto 1/(1+it). 20 Regime finanziario dell interesse

Dettagli

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore: Pianificazione finanziaria Valore attuale Valutazione delle obbligazioni e delle azioni, Valore attuale netto ed altri criteri di scelta degli investimenti 2. Valutazione

Dettagli

PERCORSI ABILITANTI SPECIALI 2014 DIDATTICA DELL ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI

PERCORSI ABILITANTI SPECIALI 2014 DIDATTICA DELL ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI PERCORSI ABILITANTI SPECIALI 014 DIDATTICA DELL ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI A cura Dott.ssa Federica Miglietta ESERCITAZIONE CALCOLO FINANZIARIO: Nel caso degli investimenti si parla genericamente

Dettagli

Elementi di Matematica Finanziaria. Mercati e operazioni finanziarie

Elementi di Matematica Finanziaria. Mercati e operazioni finanziarie Elementi di Matematica Finanziaria Mercati e operazioni finanziarie Mercati finanziari Punti di vista 1. Tipologie dei beni scambiati; 2. Partecipanti; 3. Ubicazione; 4. Regole e modalità contrattuali.

Dettagli

I tassi di interesse e il loro ruolo nella valutazione PAS 2014: Mishkin Eakins Forestieri, Istituzioni e mercati finanziari, Pearson, 2010.

I tassi di interesse e il loro ruolo nella valutazione PAS 2014: Mishkin Eakins Forestieri, Istituzioni e mercati finanziari, Pearson, 2010. I tassi di interesse e il loro ruolo nella valutazione PAS 2014: Mishkin Eakins Forestieri, Istituzioni e mercati finanziari, Pearson, 2010. 1 Anteprima I tassi di interesse sono tra le variabili più attentamente

Dettagli

BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C.

BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C. BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C. Sede: Via G. B. Brunelli, 1 Iscritta all Albo delle Banche al n. 5338.9.0 / Iscritta all Albo delle Società Cooperative a Mutualità Prevalente al n. A160602 Capitale

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Elementi di matematica finanziaria utili alla comprensione di alcune parti del Corso Definizione di operazione finanziaria Successione di importi di segno

Dettagli

Le Scelte Finanziarie. S. Corsaro Matematica Finanziaria a.a. 2007/08

Le Scelte Finanziarie. S. Corsaro Matematica Finanziaria a.a. 2007/08 Le Scelte Finanziarie 1 Tasso Interno di Rendimento Consideriamo un operazione finanziaria (t 0 =0): 0 x 0 t 1 t 2 t m...... x 1 x 2 x m Posto: x = x0, x1,, xm { } si definisce tasso interno di rendimento

Dettagli

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP Banca Popolare del Lazio Step Up 11/12/2012-2015 59a DI 20.000.000,00 ISIN IT0004873235 Le presenti Condizioni

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 6

Economia Monetaria - Slide 6 Economia Monetaria - Slide 6 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

Le obbligazioni Prof. Mario Comana - Università degli Studi di Bergamo

Le obbligazioni Prof. Mario Comana - Università degli Studi di Bergamo Economia del mercato mobiliare e finanziamenti di aziende Le obbligazioni Prof. Mario Comana - Università degli Studi di Bergamo La tipologia delle obbligazioni Definizione Gli strumenti di debito: le

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI FATTORI CHE INFLUENZANO I TASSI D INTERESSE TASSI D INTERESSE E INFLAZIONE LA STRUTTURA PER SCADENZE DEI TASSI D INTERESSE Capitoli 4 e 5 MEF SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE?

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO Per l offerta relativa al programma di emissione denominato ROVIGOBANCA - TASSO FISSO IT0004750425 RovigoBanca 01/08/2015 TF 3,60% Le presenti Condizioni Definitive sono

Dettagli

Leggi di capitalizzazione

Leggi di capitalizzazione Leggi di capitalizzazione Introduzione Nel capitolo precedente abbiamo introdotto la definizione di fattore montante M(t,s)=V(s)/V(t) Quando M(t,s) viene vista come funzione di t e di s, si chiama legge

Dettagli

Matematica Finanziaria A - corso part time prova d esame del 21 Aprile 2010 modalità A

Matematica Finanziaria A - corso part time prova d esame del 21 Aprile 2010 modalità A prova d esame del 21 Aprile 2010 modalità A 1. Un tizio ha bisogno di 600 euro che può chiedere, in alternativa, a due banche: A e B. La banca A propone un rimborso a quote capitale costanti mediante tre

Dettagli

Istituto Statale Istruzione Secondaria Superiore Piedimonte Matese. Prof.ssa A. Malinconico 1

Istituto Statale Istruzione Secondaria Superiore Piedimonte Matese. Prof.ssa A. Malinconico 1 Istituto Statale Istruzione Secondaria Superiore Piedimonte Matese 1 Rendimento, tassi di interesse, commissioni Istituto Statale Istruzione Secondaria Superiore Piedimonte Matese 25 febbraio 2016 Prof.ssa

Dettagli

FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO

FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO La Cassa di Risparmio di Orvieto, in qualità di Emittente, invita gli investitori a prendere attenta visione della nota informativa, al fine di comprendere i fattori

Dettagli

1 MATEMATICA FINANZIARIA

1 MATEMATICA FINANZIARIA 1 MATEMATICA FINANZIARIA 1.1 26.6.2000 Data la seguente operazione finanziaria: k = 0 1 2 3 4 F k = -800 200 300 300 400 a. determinare il TIR b. detreminare il VAN corrispondente ad un interesse periodale

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A.

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. TASSO FISSO CR Cento 23.09.2011 / 23.03.20143,50% ISIN IT0004762495 EMESSE

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria - Corso Part Time scheda 1 - Leggi finanziarie, rendite ed ammortamenti

Esercizi di Matematica Finanziaria - Corso Part Time scheda 1 - Leggi finanziarie, rendite ed ammortamenti Esercizi di Matematica Finanziaria - Corso Part Time scheda 1 - Leggi finanziarie, rendite ed ammortamenti 1. Un capitale d ammontare 100 viene investito, in regime di interesse semplice, al tasso annuo

Dettagli

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni CAPITOLO 2 Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni Semplici PROBLEMI 1. a. Negativo; b. VA = C 1 /(1 + r); c. VAN = C 0 + [C 1 /(1 + r)]; d. r è la remunerazione a cui si

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DEL CHIANTI FIORENTINO E MONTERIGGIONI TASSO FISSO CHIANTIBANCA 02.04.2012 2015 3,75% TASSO FISSO SEMESTRALE ISIN IT0004805682 Le presenti

Dettagli

2. Leggi finanziarie di capitalizzazione

2. Leggi finanziarie di capitalizzazione 2. Leggi finanziarie di capitalizzazione Si chiama legge finanziaria di capitalizzazione una funzione atta a definire il montante M(t accumulato al tempo generico t da un capitale C: M(t = F(C, t C t M

Dettagli

I titoli obbligazionari

I titoli obbligazionari I titoli obbligazionari 1 Tipologie di titoli La relazione di equivalenza consente di attribuire un valore oggi ad importi monetari disponibili ad una data futura. In particolare permettono di determinare

Dettagli

Pertanto la formula per una prima approssimazione del tasso di rendimento a scadenza fornisce

Pertanto la formula per una prima approssimazione del tasso di rendimento a scadenza fornisce A. Peretti Svolgimento dei temi d esame di MDEF A.A. 015/16 1 PROVA CONCLUSIVA DI MATEMATICA per le DECISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Vicenza, 9/01/016 ESERCIZIO 1. Data l obbligazione con le seguenti caratteristiche:

Dettagli

Economia Intermediari Finanziari 1

Economia Intermediari Finanziari 1 Economia Intermediari Finanziari Il rischio, inteso come possibilità che il rendimento atteso da un investimento in strumenti finanziari, sia diverso da quello atteso è funzione dei seguenti elementi:

Dettagli

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1 LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO Giuseppe G. Santorsola 1 Rendimento e rischio Rendimento e rischio di un singolo titolo Rendimento e rischio di un portafoglio Rendimento ex post Media aritmetica dei rendimenti

Dettagli

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Funzioni dei mercati finanziari 1. Canalizzare risorse da agenti in surplus (risparmiatori) ad agenti in deficit (imprese/prenditori) 2. Direct finance:

Dettagli

Banca Centropadana tasso fisso 3,50% 16.04.2012/16.04.2015 serie 338 ISIN IT0004809296

Banca Centropadana tasso fisso 3,50% 16.04.2012/16.04.2015 serie 338 ISIN IT0004809296 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

CREDITO COOPERATIVO REGGIANO - SOCIETA COOPERATIVA

CREDITO COOPERATIVO REGGIANO - SOCIETA COOPERATIVA CREDITO COOPERATIVO REGGIANO - SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE al Prospetto di Base relativo al Programma di emissioni obbligazionarie del Credito Cooperativo Reggiano Società Cooperativa Per

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA PADANA TASSO VARIABILE

CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA PADANA TASSO VARIABILE A.9 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE CASSA PADANA Banca di Credito Cooperativo, Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA PADANA TASSO VARIABILE

Dettagli

Regimi finanziari: interesse semplice. S. Corsaro Matematica Finanziaria a.a. 2007/08 1

Regimi finanziari: interesse semplice. S. Corsaro Matematica Finanziaria a.a. 2007/08 1 Regimi finanziari: interesse semplice S. Corsaro Matematica Finanziaria a.a. 2007/08 1 Legge finanziaria TASSO PERIODALE tasso riferito all unità di tempo interesse i(1), oppure sconto d(1) REGIME FINANZIARIO

Dettagli

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2)

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) Novembre 2011 Università della Terza Età 1 Le Obbligazioni Le obbligazioni sono titoli di credito autonomo, rappresentativi di prestiti contratti presso il pubblico

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE B-10 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per l offerta di obbligazioni Banca di Credito Cooperativo OROBICA Tasso Fisso BCC OROBICA 01/02/2010 01/02/2013 2,00%

Dettagli

Banca Valsabbina Step-Up 01/07/2011-2017 IT0004739766

Banca Valsabbina Step-Up 01/07/2011-2017 IT0004739766 BANCA VALSABBINA S.C.p.A. Sede Legale: Vestone (Bs) via Molino, 4 Direzione Generale: Brescia via XXV Aprile, 8 Tel. 030 3723.1 Fax 030 3723.430 - Iscritta al Registro Imprese e CCIAA di Brescia REA n.9187

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CHIANTIBANCA TASSO FISSO CHIANTIBANCA 13.12.2012 2022 5,00% TASSO FISSO SEM SOCI ISIN IT0004881170 Le presenti Condizioni Definitive sono state

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE Per il programma di emissione denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE Per il programma di emissione denominato 10 - Allegato 1A Modello delle condizioni definitive Emil Banca Obbligazioni Tasso Fisso Emil Banca - Credito Cooperativo s.c. in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento Denominazione: EMIL

Dettagli

Tempo e rischio Tempo Rischio

Tempo e rischio Tempo Rischio Il Valore Attuale Tempo e rischio Tempo: i 100 euro di oggi valgono di meno dei 100 euro di domani perché i primi possono essere investiti nel mercato dei capitali e fruttare un tasso di interesse r. Rischio:

Dettagli

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI TASSO FISSO 3,50% 20/09/2011-20/09/2013 54ª DI MASSIMI 15.000.000,00 ISIN IT0004761448

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI TASSO FISSO 3,50% 20/09/2011-20/09/2013 54ª DI MASSIMI 15.000.000,00 ISIN IT0004761448 CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI TASSO FISSO Banca Popolare del Lazio 3,50% 20/09/2011-20/09/2013 54ª DI MASSIMI 15.000.000,00 ISIN IT0004761448 Le presenti

Dettagli

Banca Valsabbina T.F. 3,50% 14/12/2012-2015 ISIN IT0004874324

Banca Valsabbina T.F. 3,50% 14/12/2012-2015 ISIN IT0004874324 BANCA VALSABBINA S.C.p.A. iscritta al registro delle Imprese di Brescia e CCIAA di Brescia REA n.9187 Capitale Sociale 107.390.481 i.v. Sede Legale: via Molino, 4-25078 Vestone (BS) Direzione Generale:

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI FERMO S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CASSA DI RISPARMIO DI FERMO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

CASSA DI RISPARMIO DI FERMO S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CASSA DI RISPARMIO DI FERMO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO 9-A. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO CASSA DI RISPARMIO DI FERMO S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CASSA DI RISPARMIO DI FERMO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO STEP-UP/STEP-DOWN

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO STEP-UP/STEP-DOWN CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO STEP-UP/STEP-DOWN CR Cento 12.08.2011 / 12.08.2014 Step-Up ISIN IT0004753437 EMESSE

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE BANCA DELLA MARCA - STEP UP / STEP DOWN

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE Per il programma di emissione denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE Per il programma di emissione denominato 10 - Allegato 1A Modello delle condizioni definitive Emil Banca Obbligazioni Tasso Fisso Emil Banca - Credito Cooperativo s.c. Credito Cooperativo in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento

Dettagli

SOCIETE GENERALE EXCHANGE RATE LINKED NOTES 30/06/2015 (Isin XS0512071902)

SOCIETE GENERALE EXCHANGE RATE LINKED NOTES 30/06/2015 (Isin XS0512071902) SCHEDA PRODOTTO SOCIETE GENERALE EXCHANGE RATE LINKED NOTES 30/06/2015 (Isin XS0512071902) Natura dello strumento finanziario Il titolo SOCIETE GENERALE EXCHANGE RATE LINKED NOTES 30/06/2015 è un obbligazione

Dettagli

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A ZERO COUPON Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

5 Risparmio e investimento nel lungo periodo

5 Risparmio e investimento nel lungo periodo 5 Risparmio e investimento nel lungo periodo 5.1 Il ruolo del mercato finanziario Il ruolo macroeconomico del sistema finanziario è quello di far affluire i fondi risparmiati ai soggetti che li spendono.

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato. Codice ISIN IT0004752199

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato. Codice ISIN IT0004752199 CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA 24/08/2011-24/08/2014 TASSO FISSO 3,25% Codice ISIN IT0004752199 Le presenti Condizioni

Dettagli

Esercizi svolti in aula

Esercizi svolti in aula Esercizi svolti in aula 23 maggio 2012 Esercizio 1 (Esercizio 1 del compito di matematica finanziaria 1 (CdL EA) del 16-02-10) Un individuo vuole accumulare su un conto corrente la somma di 10.000 Euro

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE "BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO"

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE "BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO" BANCA C.R.S. T.F. 2,85% 2012/2014 146em., ISIN IT0004813561

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA AGRICOLA POPOLARE

Dettagli

CREDITO DI ROMAGNA S.p.A.

CREDITO DI ROMAGNA S.p.A. CREDITO DI ROMAGNA S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA CREDITO DI ROMAGNA OBBLIGAZIONI A STEP UP STEP DOWN CREDITO DI ROMAGNA S.p.A. STEP UP 02/02/2010 02/02/2013 SERIE 85 IT0004571151

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE "BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO"

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE "BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO" BANCA C.R.S. T.F. 3% 2012/2015 149em., ISIN IT0004845647 NELL

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria

Esercizi di Matematica Finanziaria Università degli Studi di Siena Facoltà di Economia Esercizi di Matematica Finanziaria relativi ai capitoli I-IV del testo Claudio Pacati a.a. 1998 99 c Claudio Pacati tutti i diritti riservati. Il presente

Dettagli

ISIN IT000469394 8 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

ISIN IT000469394 8 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Cassa di Risparmio di Alessandria 6 Aprile 2011/2018 Tasso Fisso 4,10%, ISIN IT000469394 8 da emettersi nell ambito del programma CASSA DI

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

IL PRESENTE MODELLO RIPORTA LE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE DENOMINATO CASSA PADANA TASSO FISSO

IL PRESENTE MODELLO RIPORTA LE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE DENOMINATO CASSA PADANA TASSO FISSO B.9 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE CASSA PADANA Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente IL PRESENTE MODELLO RIPORTA LE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

CASSA PADANA Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente

CASSA PADANA Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente A.9 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE CASSA PADANA Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA PADANA TASSO VARIABILE

Dettagli

CREDITO COOPERATIVO REGGIANO - SOCIETA COOPERATIVA

CREDITO COOPERATIVO REGGIANO - SOCIETA COOPERATIVA CREDITO COOPERATIVO REGGIANO - SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE al Prospetto di Base relativo al Programma di emissioni obbligazionarie del Credito Cooperativo Reggiano Società Cooperativa Per

Dettagli

Soluzioni del Capitolo 5

Soluzioni del Capitolo 5 Soluzioni del Capitolo 5 5. Tizio contrae un prestito di 5.000 al cui rimborso provvede mediante il pagamento di cinque rate annue; le prime quattro rate sono ciascuna di importo.00. Determinare l importo

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO ZERO COUPON

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO ZERO COUPON SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO ZERO COUPON Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l investitore

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino COSTI DI PRODUZIONE E GESTIONE AZIENDALE A.A. 1999-2000 (Tutore: Ing. L. Roero) Scheda N. 10 ANALISI DEGLI INVESTIMENTI In questa

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CONDIZIONI DEFINITIVE relative alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "B.C.C. DI FORNACETTE OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO" Emissione n. 276 B.C.C. FORNACETTE 2011/2013 T.F. 3,43% ISIN IT0004690530 Le presenti

Dettagli

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente 1. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente CASSA CENTRALE RAIFFEISEN DELL ALTO ADIGE S.p.A. con sede legale in 39100 Bolzano, via Laurin 1

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO STEP DOWN

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO STEP DOWN SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO STEP DOWN Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO STEP UP

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO STEP UP SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO STEP UP Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si

Dettagli

Formulario. Legge di capitalizzazione dell Interesse semplice (CS)

Formulario. Legge di capitalizzazione dell Interesse semplice (CS) Formulario Legge di capitalizzazione dell Interesse semplice (CS) Il montante M è una funzione lineare del capitale iniziale P. Di conseguenza M cresce proporzionalmente rispetto al tempo. M = P*(1+i*t)

Dettagli

Lezione 2: L investimento in strumenti finanziari I drivers dell analisi del valore L analisi dei titoli obbligazionari:

Lezione 2: L investimento in strumenti finanziari I drivers dell analisi del valore L analisi dei titoli obbligazionari: Lezione 2: L investimento in strumenti finanziari I drivers dell analisi del valore L analisi dei titoli obbligazionari: Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri L investimento in strumenti finanziari

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO. PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO BANCO DI LUCCA E DEL TIRRENO S.P.A. 20/05/2015 20/05/2021 TASSO FISSO 2.

DOCUMENTO INFORMATIVO. PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO BANCO DI LUCCA E DEL TIRRENO S.P.A. 20/05/2015 20/05/2021 TASSO FISSO 2. DOCUMENTO INFORMATIVO PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO BANCO DI LUCCA E DEL TIRRENO S.P.A. 20/05/2015 20/05/2021 TASSO FISSO 2.00% EMISSIONE N. 27/2015 CODICE lsln IT0005108672 Il presente documento

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla

CONDIZIONI DEFINITIVE alla Società per azioni con unico Socio Sede sociale in Vignola, viale Mazzini n.1 Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Modena e Codice Fiscale/Partita I.V.A. 02073160364 Capitale sociale al 31

Dettagli

PROSPETTO BASE. CONDIZIONI DEFINITIVE relative al programma di prestiti obbligazionari denominato

PROSPETTO BASE. CONDIZIONI DEFINITIVE relative al programma di prestiti obbligazionari denominato CASSA RURALE DI TRENTO - Banca di Credito Cooperativo - Società Cooperativa con sede legale in Trento, via Belenzani 6. Iscritta all albo delle banche tenuto dalla Banca d'italia al n. 2987.6; al Registro

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE B.9 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO GRUPPO BANCA DI CREDITO POPOLARE SOC. COOP. PER AZIONI in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE Sede sociale: Piazza Dalle Fratte, 1 - Lozzo Atestino 35034 - PADOVA Iscritta all Albo delle Banche al n. 905.0.0 Iscritta all'albo Società Cooperative n. A161280 Capitale sociale Euro 94.799,52 al 31.12.2010

Dettagli

Banca Dei Colli Euganei Credito Cooperativo Lozzo Atestino Società Cooperativa

Banca Dei Colli Euganei Credito Cooperativo Lozzo Atestino Società Cooperativa Banca Dei Colli Euganei Credito Cooperativo Lozzo Atestino Società Cooperativa Sede sociale: Piazza Dalle Fratte, 1, Lozzo Atestino 35034 -PADOVA Iscritta all Albo delle Banche al n. 905.0.0 Iscritta all'albo

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 13 06 2008. Cattedra: prof. Pacati prof. Renò dott. Quaranta dott. Falini dott. Riccarelli

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 13 06 2008. Cattedra: prof. Pacati prof. Renò dott. Quaranta dott. Falini dott. Riccarelli MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 13 06 2008 Cognome e Nome................................................................... C.d.L....................... Matricola n................................................

Dettagli

Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli

Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli Martin Hoesli Giacomo Morri Capitolo 2 RENDIMENTO E RISCHIO DI UN INVESTIMENTO IMMOBILIARE Agenda Rendimento - Rendimenti immediati -

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE Sede sociale: Piazza Dalle Fratte, 1 Lozzo Atestino 35034 PADOVA Iscritta all Albo delle Banche al n. 905.0.0 Iscritta all Albo Società Cooperative n. A161280 Capitale sociale Euro 91.022,40 al 31.12.2009

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE C. 9 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI STEP UP GRUPPO BANCA DI CREDITO POPOLARE SOC. COOP. PER AZIONI in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri IL TASSO DI CAMBIO Anno Accademico 2013-2014, I Semestre (Tratto da: Feenstra-Taylor: International Economics) Si propone, di seguito, una breve

Dettagli

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente 1. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente CASSA CENTRALE RAIFFEISEN DELL ALTO ADIGE S.p.A. con sede legale in 39100 Bolzano, via Laurin 1

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Il mercato dei cambi

Il mercato dei cambi Il mercato dei cambi 18 maggio 2009 Agenda Il mercato valutario Nozioni fondamentali Tassi di cambio Operazioni in cambi Cross rates Operatori del mercato Andamento del tasso di cambio 2 Nozioni fondamentali

Dettagli

Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne per la Negoziazione/Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Banca Etica S.c.p.a.

Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne per la Negoziazione/Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Banca Etica S.c.p.a. Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne per la Negoziazione/Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Banca Etica S.c.p.a. Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CASALGRASSO E SANT ALBANO STURA SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BCC Casalgrasso S.Albano

Dettagli