Il ruolo del servizio sociale nelle situazioni di abuso e maltrattamento

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il ruolo del servizio sociale nelle situazioni di abuso e maltrattamento"

Transcript

1 Il ruolo del servizio sociale nelle situazioni di abuso e maltrattamento Tutti gli operatori dei servizi, anche se dedicati all aiuto delle persone adulte, proprio in funzione del significato sostanziale sottostante agli obblighi di segnalazione di cui parla la legge 184/83 devono avere attenzione anche ai bisogni dei bambini e che, nell impostare gli interventi di aiuto, sostegno e di cura, devono domandarsi come i bambini vivono quella particolare condizione di difficoltà e di disagio manifestato dall adulto e in che misura ne sono influenzati. Infatti, indipendentemente dalla posizione che si occupa nel sistema sociosanitario, è possibile affermare che direttamente o indirettamente qualsiasi servizio viene a contatto con il tema delle capacità genitoriali. Non è quindi solo il servizio sociale ad avere l esclusivo appannaggio della tutela e della protezione dei minori, di cui tutti se ne devono preoccupare e occupare. Detto questo, si rivela comunque che, nella prassi al servizio sociale viene richiesto sia un parere sia un intervento nel momento in cui altri servizi e operatori si trovano di fronte ad una situazione di pregiudizio e di maltrattamento. Al servizio sociale viene poi attribuita dalla legislazione una competenza specifica in merito alla tutela del minore. ( legge 184/83, legge 328/00, Linee d indirizzo regionale in materia di abuso sessuale sui minori, legge 66/96 ecc.) Cosa succede nel momento in cui il servizio sociale riceve una segnalazione ( dalla scuola, dai servizi sanitari, da associazioni di volontariato ecc.) relativa ad un sospetto o certo maltrattamento su un minore?. La necessità di un percorso metodologico Avere in mente uno schema di percorso è necessario perché permette di collocare in fasi e tempi diversi le differenti esigenze di sostegno, di protezione e controllo e rispondere alle esigenze globali dell intervento di tutela del minore.

2 La protezione dei minori è necessaria tanto quanto lo è la comprensione delle dinamiche familiari e il sostegno ai genitori; la possibilità di rendere compatibili queste due esigenze che appaiono contraddittorie sta nel collocarle in tempi e in tappe cronologicamente e logicamente distinte, dove ogni fase precedente è necessariamente connessa, e indispensabile all esplicarsi di quella successiva. Il percorso dell intervento si compone di 4 fasi ( lucido) All interno di ogni fase il servizio sociale assume una competenza specifica. 1) Rilevazione è la fase in cui il servizio riceve una segnalazione in merito ad una situazione di sospetto o certo maltrattamento. E la fase in cui ci si accorge che un minore è in una situazione di sofferenza a causa di un comportamento pericoloso per la sua crescita. La domanda a cui dobbiamo rispondere è: siamo di fronte ad un maltrattamento? Di quale tipo e gravità? Gli accertamenti necessari per rispondere a queste domande devono avvenire attraverso una valutazione congiunta con altri operatori e servizi ( raccogliere accertamenti medici se ci sono segni, raccogliere diversi punti di vista ad esempio la scuola, sentire la pediatria di comunità, il pediatra di base ecc). In tale fase è importante anche il coinvolgimento della famiglia (concetto di Trasparenza) nel senso che nel momento in cui al servizio arriva una segnalazione la famiglia va informata di questo (può essere una famiglia già in carico o nuova) esplicitando ai genitori le origini delle preoccupazioni per i bambini e le ragioni del mandato degli operatori, avendo in tal modo un contesto chiaro e pulito. Tale trasparenza vale anche con il bambino a cui va spiegato in base all età cosa sta succedendo e cosa succederà.

3 Inoltre il maltrattamento tende ad essere negato dai membri della famiglia per cui raccogliere tutti gli elementi che consentano di contrastare tale negazione è un primo passo importante verso la possibilita di un cambiamento. Tale trasparenza non vale nei casi di maltrattamento grave e sospetto abuso sessuale intrafamiliare, casi in cui viene attivato anche un procedimento penale. Il servizio infatti non deve effettuare indagini ( ad es. convocare le persone coinvolte ) né si deve porre il problema dell attendibilità del minore, che rimane di competenza dell autorità giudiziaria. Qui il lavoro con le famiglie diventa ancor più problematico e complesso anche perché non si possono rivelare informazioni che devono rimanere segrete per non inquinare le prove ad esempio non si può dire il motivo dell eventuale allontanamento e nemmeno il decreto lo specifica. Nella fase di rivelazione uno strumento utile per facilitare i rapporti con gli altri servizi e/o enti, può essere la definizione di procedure da attivare in tali situazioni: ad esempio il servizio sociale delll asul bo nord ha appunto definito con la pediatria di comunità e con la scuola un protocollo in tal senso. Nel momento in cui abbiamo rilevato un maltrattamento e lo si riconosce come tale ci troviamo di fronte all esigenza di protezione. Nella fase di rilevazione si deve anche valutare se sussistono gli elementi per il coinvolgimento dell A.G.

4 In merito agli interventi di protezione esiste la possibilità di mettere in atto dei provvedimenti urgenti a tutela del minore in base all art.403 del codice civile : quando il minore si trova in una condizione di grave pericolo per la propria integrità fisica e psichica, la pubblica autorità, a mezzo degli organi di protezione dell infanzia, lo colloca in luogo sicuro fino a quando si possa provvedere in modo definitivo alla sua protezione. Soggetti di pubblica autorità: organi di polizia e quelli deputati all assistenza dei minori e alla protezione dell infanzia. I primi devono comunque sempre avvalersi dei secondi ma non è vero il contrario. Il legislatore considera i servizio sociali i referenti privilegiati del minore. I servizi si possono avvalere della forza pubblica nel caso di resistenza da parte dei genitori. Il servizio deve quindi collocare il minore in luogo protetto e segnalarlo con urgenza alla Procura della repubblica presso il Tribunale per i Minorenni per la decisione da parte del Tribunale che deve poi emanare un decreto che avvalli tale intervento. Occorre però che vi sia un grave pericolo per l integrità fisica e psichica del minore. In caso di sospetto abuso sessuale intrafamigliare, l intervento di protezione deve essere il più possibile limitato a quelle situazioni di effettivo pericolo per l integrità fisicopsichica del minore tipiche dello stato di necessità. E comunque un provvedimento molto delicato. Nel caso di applicazione dell art. 403, le fasi di rilevazione, e di segnalazione e allontanamento vengono di fatto temporalmente a coincidere. Un allontanamento è una decisione molto delicata che va pensata. Fare un allontanamento al di fuori di un progetto fatto all improvviso, sulla base di una sola prima segnalazione, può essere

5 dannoso. Talvolta è meglio procedere con cautela nel quadro di un progetto d intervento che non si limiti a spostare il bambino da un luogo ad un altro, ma preveda le misure di sostegno e di recupero necessarie a medio termine. Nella fase di rilevazione si deve anche valutare se sussistono gli elementi per il coinvolgimento dell A.G. Altra fase quella della: 2) Segnalazione/Protezione all autorità giudiziaria minorile e penale se necessario. La segnalazione rappresenta lo strumento per rispondere agli obiettivi di protezione. In tale fase gli operatori informano il giudice degli elementi che hanno rilevato e raccolto sulla situazione del minore e della sua famiglia dal punto di vista tecnico-professionale. La magistratura valuta se gli elementi riportati richiedano la necessità di un intervento e se, sulla base di questi, è necessario assumere provvedimenti immediati e provvisori per la protezione del minore quale ad es. l allontanamento. Oppure, se non ci sono elementi sufficienti, può incaricare il servizio di effettuare ulteriori indagini. Quali provvedimenti può emettere il Tribunale per i Minorenni: Provvedimento di: a) Tutela ( in caso di decadenza sospensione potesta genitoriale) b) Affido ( in caso limitazione della potesta genitoriale) con o senza collocamento extra famigliare del minore, con prescrizioni ai genitori. c) Vigilanza Il servizio sociale diventa per l A.G. il servizio tecnico-professionale di riferimento ed è investito del mandato di controllo sull intero processo d intervento.

6 In caso di allontanamento il servizio sociale deve mettere ad esempio in atto la ricerca di una risorsa es gruppo o famiglia che deve avere certe caratteristiche. Non sempre l affido a parenti in tale fase è opportuno perché ad esempio se riescono a rispettare regole decise dal tribunale ( non vedere il padre) Nel momento in cui c è un provvedimento limitativo della potestà genitoriale si apre una terza fase quella della: 3) Valutazione :in tale fase l autorità giudiziaria prescrive una diagnosi delle relazioni famigliari sulle cause del maltrattamento, sulla valutazione del danno del bambino, e una prognosi sulle possibilità di recupero. L obiettivo è quello di verificare se ci sono le risorse per cambiare la situazione che ha portato al maltrattamento dei bambini. La valutazione non può prescindere dalle risorse interne ed esterne della famiglia, del bambino, dalla rete dei servizi ecc. Tale fase vede aperti due aspetti di lavoro: - la creazione di uno spazio dove le difficoltà genitoriali e personali trovino un ambito di accoglimento e di elaborazione; - il monitoraggio e la verifica dei cambiamenti concretamente messi in atto dai genitori ( attraverso colloquio con essi, verifiche sulle condizioni di vita dei bambini visite domiciliari, incontri in struttura, verifiche scolastiche ecc). Il contesto in cui ci troviamo non è un contesto spontaneo ma coatto di cui è responsabile il Servizio Sociale. Da un punto di vista clinico sarebbe più funzionale che due distinti servizi prendessero in carico i due diversi aspetti; - la valutazione psicologica potrebbe essere compito di un servizio specialistico, mentre - il controllo e il monitoraggio del percorso sarebbe di competenza del servizio sociale affidatario del minore.

7 Il servizio sociale ha il compito di tenere le fila di tutto il processo d intervento, sia per quanto riguarda i rapporti interistituzionali sia i rapporti con la famiglia. Dall esito di tale fase dipende la quarta fase quella del: 4) Trattamento. Tale fase risponde a obiettivi diversi a seconda che si sia verificata la possibilità di una: Prognosi positiva I genitori o un genitore mostrano possibilità di recupero della loro relazione con il figlio/i Prognosi negativa La relazione genitori/figlio-i è valutata irrecuperabile Trattamento La relazione G/F viene sostenuta in vista del suo rientro in famiglia Si accompagna il distacco Le risorse dei genitori o Si attivano risorse alternative del genitore vengono per il minore: attivate perché si consolidino - terapia individuale con interventi di: - situazioni sostitutive in - terapia familiare o di coppia relazione ai bisogni oggettivi - terapia individuale e psicologici del minore

8 - affido familiare (adozione, affidi di adolescenti fino alla maggiore età ecc). Anche in tale fase il servizio sociale continua a mantenere un ruolo perché continua ad aver o l affidamento del bambino o la tutela. Tutte le fasi sono importanti per la tutela del bambino che non s intende solo la rilevazione e la protezione eventuale ma altro, cioè un intervento complessivo che comprende se ci sono possibilità di cambiamento. Ogni fase è delicata e complessa e risponde ad obiettivi diversi e prima di procedere all avvio di ogni fase è bene considerare tutti i servizi coinvolti e/o da coinvolgere. I punti a rischio di cronicizzazione del processo sono il passaggio dalla fase di rilevazione alla segnalazione e il passaggio dalla valutazione al trattamento coerente con la prognosi effettuata. Ho cercato di semplificare l intervento che il servizio è chiamato a mettere in atto nelle situazioni di maltrattamento e abuso descrivendo uno schema metodologico. Tengo però a sottolineare che all interno di ogni fase, di ogni momento c è un contenuto complesso legato all operatività.,alla mancanza di risorse, alla difficoltà di comunicazione e relazione con gli altri interlocutori ( altri servizi, tribunale ordinario, minorile ecc) al carico di lavoro ma anche a tutto quel carico emotivo con cui l operatore deve fare i conti. ( importanza dell equipe). Chi si occupa di situazioni di maltrattamento e abuso non può sicuramente lavorare da solo perché sono tanti i sentimenti e le emozioni che vengono suscitate ( rabbia, paura, inadeguatezza, onnipotenza) e se non c è una possibilità di confronto di ascolto e condivisione di queste emozioni si rischia di agire male o di non agire.

9

L intervento dopo la rivelazione. Cosa succede quando un bambino o un adulto protettivo raccontano fatti compatibili con un abuso o una violenza

L intervento dopo la rivelazione. Cosa succede quando un bambino o un adulto protettivo raccontano fatti compatibili con un abuso o una violenza L intervento dopo la rivelazione Cosa succede quando un bambino o un adulto protettivo raccontano fatti compatibili con un abuso o una violenza Coinvolgimento della famiglia? L opportunità di coinvolgere

Dettagli

L INTERVENTO La segnalazione

L INTERVENTO La segnalazione La segnalazione Le situazioni di abuso ai minori in tutte le loro forme vanno segnalate all Autorità Giudiziaria Minorile e, nel caso di reato, Penale. La segnalazione Il maltrattamento psicologico, la

Dettagli

LA COMPETENZA CIVILE DELLA PROCURA PRESSO IL TRIBUNALE PER I MINORENNI

LA COMPETENZA CIVILE DELLA PROCURA PRESSO IL TRIBUNALE PER I MINORENNI LA COMPETENZA CIVILE DELLA PROCURA PRESSO IL TRIBUNALE PER I MINORENNI Antonella Fava Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE PER I

Dettagli

MINORI E FAMIGLIA CoDeBri - SERVIZIO PIENAMENTE INCARDINATO NELL ENTE LOCALE TITOLARE DELLA FUNZIONE.

MINORI E FAMIGLIA CoDeBri - SERVIZIO PIENAMENTE INCARDINATO NELL ENTE LOCALE TITOLARE DELLA FUNZIONE. ALLEGATO -1 SCHEMA DI SINTESI MODELLO OPERATIVO - AMBITO MINORI E FAMIGLIA A.s.c. Consorzio Desio Brianza/Ambito Territoriale Desio MINORI E FAMIGLIA CoDeBri - SERVIZIO PIENAMENTE INCARDINATO NELL ENTE

Dettagli

La relazione socio - ambientale del servizio sociale nel percorso di tutela

La relazione socio - ambientale del servizio sociale nel percorso di tutela La relazione socio - ambientale del servizio sociale nel percorso di tutela I MINORI E LA VIOLENZA Percorso di formazione per operatori sociali, sanitari e di giustizia 10 gennaio 2014 M. Giordano 1 PROCESSO

Dettagli

L affido familiare dei bambini piccolissimi

L affido familiare dei bambini piccolissimi Direzione Politiche Sociali Settore Integrazione Sociosanitaria Affido Familiare Minori L affido familiare dei bambini piccolissimi Seminario di Firenze 19 marzo 2015 1 AFFIDO DI NEONATI O NEAR NE.A.R=

Dettagli

La comunità di tipo familiare per minori. Tutela, accoglienza, protezione e cura

La comunità di tipo familiare per minori. Tutela, accoglienza, protezione e cura La comunità di tipo familiare per minori Tutela, accoglienza, protezione e cura La normativa delle strutture residenziali di accoglienza per minori DECRETO 21 maggio 2001, n. 308 Requisiti minimi strutturali

Dettagli

Presentazione del Mal.Ab. Gruppo specialistico interistituzionale contro il maltrattamento grave e l abuso ai minori.

Presentazione del Mal.Ab. Gruppo specialistico interistituzionale contro il maltrattamento grave e l abuso ai minori. Presentazione del Mal.Ab. Gruppo specialistico interistituzionale contro il maltrattamento grave e l abuso ai minori. Il Mal.Ab. di Trieste Gruppo interistituzionale attivo dal 1998. Dal 2004 vi partecipano:

Dettagli

Ciò che si osserva non è l individuo ma la

Ciò che si osserva non è l individuo ma la Premessa teorica Ciò che si osserva non è l individuo ma la relazione tra gli individui La tossicodipendenza rappresenta il sintomo di una carenza del genitore td non riconosciuta e trattata (ottica intergenerazionale)

Dettagli

L' affidamento al servizio sociale

L' affidamento al servizio sociale 1 di 16 04/02/2014 12:16 L' affidamento al servizio sociale Ci sono 46 domande all'interno di questa indagine. Intervistato [1]Qual è il suo ente di appartenenza? (si intende l ente con cui ha un contratto

Dettagli

Il servizio sociale nel rapporto con la scuola

Il servizio sociale nel rapporto con la scuola Distretto Pianura Est Unità Attività Socio Sanitarie Unità Operativa Minori Il servizio sociale nel rapporto con la scuola PROPOSTA DI BUONE PRASSI Roberta Garimberti Chiara Boresi PREMESSA L'elaborazione

Dettagli

I bambini hanno bisogno di famiglie normali. per questo i servizi debbono dotarsi di linee

I bambini hanno bisogno di famiglie normali. per questo i servizi debbono dotarsi di linee Conseguenze della disapplicazione della carta dei Servizi Sociali. Proposte per le nuove linee guida per il lavoro degli assistenti sociali I bambini hanno bisogno di famiglie normali per questo i servizi

Dettagli

Progetto di affido professionale

Progetto di affido professionale Progetto di affido professionale Patto tra Servizio Sociale Famiglia Affidataria Cooperativa Famiglia del minore Nel quadro delle norme di riferimento del Servizio Affido Professionale, i soggetti coinvolti

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE GENITORIALI. 14/2/2007 A CURA DELL A.S.Sara Giacopuzzi

LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE GENITORIALI. 14/2/2007 A CURA DELL A.S.Sara Giacopuzzi LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE GENITORIALI 14/2/2007 A CURA DELL A.S.Sara Giacopuzzi INDAGINE SOCIALE Si colloca nella fase della rilevazione ma anche nella fase della diagnosi o valutazione, intesa come

Dettagli

AVV. GIULIA FACCHINI 16/01/2014 LA CAPACITÀ GENITORIALE NELLA PROSPETTIVA INTERDISCIPLINARE

AVV. GIULIA FACCHINI 16/01/2014 LA CAPACITÀ GENITORIALE NELLA PROSPETTIVA INTERDISCIPLINARE LA CAPACITÀ GENITORIALE NELLA PROSPETTIVA INTERDISCIPLINARE Dalla consapevolezza dei diritti alla coniugazione dei doveri nella crisi di coppia EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA Torino - 12 aprile 2013 Le fonti

Dettagli

Maltrattamenti e abusi sui minori: conoscere per saper rispondere ed agire. Il fenomeno del Child Abuse & Neglect nei suoi vari aspetti

Maltrattamenti e abusi sui minori: conoscere per saper rispondere ed agire. Il fenomeno del Child Abuse & Neglect nei suoi vari aspetti l Associazione Petra Onlus in collaborazione con il Tutore Pubblico dei Minori ed il Centro Interprovinciale Servizi Volontariato del FVG II corso di formazione Maltrattamenti e abusi sui minori: conoscere

Dettagli

LINEE GUIDA PER GLI INTERVENTI INTEGRATI DEL SERVIZIO SPECIALISTICO TUTELA MINORI E DEL SERVIZIO SOCIALE COMUNALE DI BASE

LINEE GUIDA PER GLI INTERVENTI INTEGRATI DEL SERVIZIO SPECIALISTICO TUTELA MINORI E DEL SERVIZIO SOCIALE COMUNALE DI BASE LINEE GUIDA PER GLI INTERVENTI INTEGRATI DEL SERVIZIO SPECIALISTICO TUTELA MINORI E DEL SERVIZIO SOCIALE COMUNALE DI BASE AREA SOGGETTO/ DESTINATARIO MANDATO/ COMPITO AZIONE/ INTERVENTO RESPONSABILITA

Dettagli

A CHE PUNTO SIAMO? incontro del 18/06/2013

A CHE PUNTO SIAMO? incontro del 18/06/2013 A CHE PUNTO SIAMO? incontro del 18/06/2013 L incontro ha approfondito il tema del minore tra i servizi sociali e sanitari ed il territorio: i servizi, organizzazione e prassi di intervento. Il territorio,

Dettagli

Oggetto: Richiesta intervento a favore del minore.. (n. anno )

Oggetto: Richiesta intervento a favore del minore.. (n. anno ) Data Equipe Specialistica Interprovinciale I GIRASOLI Dirigente: dott.ssa Daniela Salvato Ulss 6 Euganea Via dei Colli, 4-35143 PADOVA Fax 049 821 6076 e-mail: igirasoli.ulss16@aulss6.veneto.it pec: protocollo.aulss6@pecveneto.it

Dettagli

SERVIZI DI PSICOLOGIA, PEDAGOGIA E PSICHIATRIA FORENSE L ASCOLTO DEL MINORE, PRESUNTA VITTIMA DI ABUSI SESSUALI, NEI PROCEDIMENTI GIUDIZIARI

SERVIZI DI PSICOLOGIA, PEDAGOGIA E PSICHIATRIA FORENSE L ASCOLTO DEL MINORE, PRESUNTA VITTIMA DI ABUSI SESSUALI, NEI PROCEDIMENTI GIUDIZIARI SERVIZI SERVIZI DI PSICOLOGIA, PEDAGOGIA E PSICHIATRIA FORENSE Sezione Minori,, L ascolto unilaterale predibattimentale: l esperto nominato dal PM Pag. 2 L audizione protetta (anche nei casi di incidente

Dettagli

LA PROTEZIONE DEL MINORE

LA PROTEZIONE DEL MINORE LA PROTEZIONE DEL MINORE LUMSA SANTA SILVIA A.A. 2016/2017 DOTT.SSA M. BELLOMO PROTEZIONE E TUTELA I rapporti familiari oltre alle fasi fisiologiche vivono anche delle fasi patologiche: il diritto da una

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI AFFIDO FAMILIARE Comune Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Maglie Bagnolo del Cannole Castrignano Corigliano Cursi Giurdignano Melpignano Muro

Dettagli

Psicologia criminologica

Psicologia criminologica Facoltà di Scienze dell Uomo e della Società Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica Insegnamento di Psicologia criminologica Prof.ssa Irene Petruccelli e dott.ssa Angela Miccichè irene.petruccelli@unikore.it

Dettagli

Rapporti Interistituzionali

Rapporti Interistituzionali Rapporti Interistituzionali Servizi Ministeriali MINISTERO DELLA GIUSTIZIA (ROMA) educatori CGM (regionali) IPM CPA USSM educatori assistenti sociali coordinatori IPM: Istituto Penale Minorile CPA: Centro

Dettagli

Consultori familiari

Consultori familiari Consultori familiari Le prestazioni del consultorio corsi di accompagnamento alla nascita rivolti ad entrambi i genitori assistenza a domicilio a mamma e neonato dopo il parto (Servizio di Dimissione protetta):

Dettagli

Il Progetto Cicogna Comunità Sperimentale con Famiglie Accoglienti in Rete. Poli Piera

Il Progetto Cicogna Comunità Sperimentale con Famiglie Accoglienti in Rete. Poli Piera Il Progetto Cicogna Comunità Sperimentale con Famiglie Accoglienti in Rete Poli Piera Il contesto Il progetto nasce nel 2004 a Bologna all interno di un sistema diversificato di servizi rivolti a minori

Dettagli

Da un welfare minore ad un welfare per i minore Lo psicologo nell ascolto attivo del minore

Da un welfare minore ad un welfare per i minore Lo psicologo nell ascolto attivo del minore Da un welfare minore ad un welfare per i minore Lo psicologo nell ascolto attivo del minore Gloria Soavi Vicepresidente CISMAI Padova 30 maggio 2013 Le contraddizioni della nostra società e cultura La

Dettagli

Violenza di genere, reti territoriali, forze dell ordine, Asl, Servizi Sociali, Istituzioni

Violenza di genere, reti territoriali, forze dell ordine, Asl, Servizi Sociali, Istituzioni Violenza di genere, reti territoriali, forze dell ordine, Asl, Servizi Sociali, Istituzioni Violenza di genere sono tutti i comportamenti e le azioni fisiche, sessuali, di coercizione economica e psicologica

Dettagli

SERVIZI MINORILI DELLA GIUSTIZIA UFFICIO DI SERVIZIO SOCIALE PER I MINORENNI ( USSM ) CENTRO DI PRIMA ACCOGLIENZA ( CPA )

SERVIZI MINORILI DELLA GIUSTIZIA UFFICIO DI SERVIZIO SOCIALE PER I MINORENNI ( USSM ) CENTRO DI PRIMA ACCOGLIENZA ( CPA ) Area penale esterna SERVIZI MINORILI DELLA GIUSTIZIA UFFICIO DI SERVIZIO SOCIALE PER I MINORENNI ( USSM ) CENTRO DI PRIMA ACCOGLIENZA ( CPA ) COMUNITA ISTITUTO PENALE PER I MINORENNI ( IPM ) D.P.R. 448\88

Dettagli

COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DEI MINORI

COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DEI MINORI COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DEI MINORI Art. 1 Principi generali Art. 2 Definizioni Art. 3 Tipologie di affidamento Art. 4 Affidamento familiare temporaneo

Dettagli

Organizzazione del Lavoro. Metodo Oggetto Strumenti Procedure

Organizzazione del Lavoro. Metodo Oggetto Strumenti Procedure Organizzazione del Lavoro Metodo Oggetto Strumenti Procedure Il punto di partenza: I Mandati dell Assistente Sociale Sociale Professionale Istituzionale Formazione Criticità L esistenza dei quattro mandati

Dettagli

Buone pratiche per la valutazione della genitorialità

Buone pratiche per la valutazione della genitorialità Buone pratiche per la valutazione della genitorialità Bologna, venerdì 11 dicembre 2009 La valutazione della genitorialità nella pratica privata Alessandro Vassalli situazioni che abitualmente si presentano

Dettagli

Vissuti psicologici e relazionali nel processo di valutazione

Vissuti psicologici e relazionali nel processo di valutazione Vissuti psicologici e relazionali nel processo di valutazione Teresa Bertotti CBM e Università Milano Bicocca Riflessioni realizzate con Ariela Casartelli Tratto dal volume L assistente sociale e la valutazione

Dettagli

Docenti: Alessandra Fralleoni Giovanna Sangregorio

Docenti: Alessandra Fralleoni Giovanna Sangregorio Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2015-20162016 1 6 Aprile 2016 Il Tribunale per i Minorenni Docenti: Alessandra Fralleoni

Dettagli

LE CONSULENZE ONLINE DEL 114

LE CONSULENZE ONLINE DEL 114 LE CONSULENZE ONLINE DEL 114 Anno 2013 La chat, raggiungibile dal sito (www.114.it) permette di contattare il Servizio 114 Emergenza Infanzia attraverso i nuovi media. Ad oggi il servizio è gratuito ed

Dettagli

Servizio Tutela Minori del Cissabo

Servizio Tutela Minori del Cissabo Servizio Tutela Minori del Cissabo Genitorialità oggi più difficile? Ass.Soc. Dott.ssa Daniela Ioris PERCORSO FORMATIVO PRINCIPI GUIDA dell intervento Finalizzato a comprendere l intero sistema famigliare

Dettagli

Francesca Corradini Letizia Rossi. Scuola e tutela dei minori: buone pratiche e relazioni per il benessere di bambini e ragazzi

Francesca Corradini Letizia Rossi. Scuola e tutela dei minori: buone pratiche e relazioni per il benessere di bambini e ragazzi Francesca Corradini Letizia Rossi Scuola e tutela dei minori: buone pratiche e relazioni per il benessere di bambini e ragazzi INFORMAZIONE AI SERVIZI ASSENZA DI DISAGIO RICHIESTE IMPROPRIE VALUTAZIONE

Dettagli

CHE COSA SI PUO FARE

CHE COSA SI PUO FARE LE FORZE DI POLIZIA DALLA PARTE DEL CITTADINO ESSERE VITTIMA DI UN REATO: CHE COSA SI PUO FARE Subire un reato significa innanzitutto divenire vittima di un ingiustizia. Ad ognuno di noi può accadere di

Dettagli

L importanza della comunicazione

L importanza della comunicazione L importanza della comunicazione L'assistente sociale esercita una molteplicità di funzioni e si rapporta ad una pluralità di soggetti, deve perciò possedere una qualità fondamentale: LA CAPACITÀ COMUNICATIVA

Dettagli

Il Pubblico tutore dei minori: ruolo e attribuzioni istituzionali. Padova 18 dicembre 2010

Il Pubblico tutore dei minori: ruolo e attribuzioni istituzionali. Padova 18 dicembre 2010 Il Pubblico tutore dei minori: ruolo e attribuzioni istituzionali Padova 18 dicembre 2010 L istituzione - la norma L UPTM è istituito con la L.R. n. 42/1988. Le attribuzioni: Libertà ed indipendenza Rete

Dettagli

Centro di Intervento per il benessere fisico, psicologico e relazionale del bambino, dell' individuo e della famiglia

Centro di Intervento per il benessere fisico, psicologico e relazionale del bambino, dell' individuo e della famiglia 1 Centro di Intervento per il benessere fisico, psicologico e relazionale del bambino, dell' individuo e della famiglia "L'intervento breve con famiglie in difficoltà: utilizzare le potenzialità terapeutiche

Dettagli

Chi è e cosa fa lo Psicologo

Chi è e cosa fa lo Psicologo Chi è e cosa fa lo Psicologo L articolo 1 della Legge 18/2/1989 n. 56 Ordinamento della professione di psicologo recita: La professione di Psicologo comprende l uso degli strumenti conoscitivi e di intervento

Dettagli

Riferimenti. dg, centro tiama,

Riferimenti. dg, centro tiama, Riferimenti Quanto presentato sull argomento riguardante gli abusanti sessuali si accorda con i contenuti della Dichiarazione di consenso in tema di abuso sessuale all infanzia, Cismai, 2001, cui si rinvia.

Dettagli

L AFFIDAMENTO FAMILIARE IN TOSCANA

L AFFIDAMENTO FAMILIARE IN TOSCANA In collaborazione con il L AFFIDAMENTO FAMILIARE IN TOSCANA Seminario introduttivo al percorso di approfondimento regionale A cura di Lorella Baggiani, Regione Toscana con la collaborazione di Francesco

Dettagli

7) Ai sensi dell'art.107 comma 3 del Dlgs 267/00, a chi sono attribuiti i compiti di amministrazione e gestione del personale? a) al Segretario Comuna

7) Ai sensi dell'art.107 comma 3 del Dlgs 267/00, a chi sono attribuiti i compiti di amministrazione e gestione del personale? a) al Segretario Comuna 1) Ai sensi dell'art.42 del Dlgs 267/00 la deliberazione di variazioni di bilancio di previsione può essere approvata: a) esclusivamente dal Consiglio Comunale b) in via d'urgenza dalla Giunta Comunale

Dettagli

In cammino con lo PSIR

In cammino con lo PSIR In cammino con lo PSIR Welfare Regionale di seconda generazione Genova, 15 aprile 2015 Servizio Famiglia, Minori e Pari Opportunità Riferimenti normativi L.R. 12/2006 "Promozione del sistema integrato

Dettagli

COMUNE DI MARIGLIANO ( Provincia di Napoli)

COMUNE DI MARIGLIANO ( Provincia di Napoli) COMUNE DI MARIGLIANO Ordinanza n. 13 del 26.01.2017 OGGETTO: Disposizioni urgenti in favore delle minori O. F e N. i ai sensi dell art.403 c.c. IL SINDACO Visto il verbale a firma dell equipe formata dal

Dettagli

AFFIDAMENTO FAMILIARE

AFFIDAMENTO FAMILIARE AFFIDAMENTO FAMILIARE DI COSA SI TRATTA? E un intervento di aiuto a un minore e alla sua famiglia Prevede l accoglienza di un minore da parte di una famiglia o di una persona E un intervento temporaneo

Dettagli

Accertamento dell età. Aspetti legali e procedurali

Accertamento dell età. Aspetti legali e procedurali Accertamento dell età Aspetti legali e procedurali Sandra Magliulo Ancona, 13 febbraio 2017 Definizioni preliminari Commento Generale n.6 Comitato Diritti Fanciullo Trattamento dei Minori non accompagnati

Dettagli

Maria Adele Serra Comune di Genova - Direzione Politiche Sociali. La violenza famigliare ed il Progetto di Rete AMALTEA

Maria Adele Serra Comune di Genova - Direzione Politiche Sociali. La violenza famigliare ed il Progetto di Rete AMALTEA Maria Adele Serra Comune di Genova - Direzione Politiche Sociali La violenza famigliare ed il Progetto di Rete AMALTEA La violenza famigliare ogni forma di violenza fisica, psicologica o sessuale che riguarda

Dettagli

Avv. Attilio Davide Patrocinante in Cassazione Centro Direzionale Isola E/ Napoli tel fax

Avv. Attilio Davide Patrocinante in Cassazione Centro Direzionale Isola E/ Napoli tel fax Avv. Attilio Davide Patrocinante in Cassazione Centro Direzionale Isola E/4 80143 - Napoli tel. 081.5627070 - fax 081.5627069 Spett. le Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Campania Corso Umberto

Dettagli

Modalitàdi approccio alla tutela minorile

Modalitàdi approccio alla tutela minorile Modalitàdi approccio alla tutela minorile Tutela minorile La tutela minorile comporta problematiche complesse e necessita di un collegamento multiprofessionale per i vari aspetti implicati: Clinici (genitori/figli)

Dettagli

Percorso di formazione per tutori volontari

Percorso di formazione per tutori volontari Percorso di formazione per tutori volontari Luigi Fadiga Garante regionale per l'infanzia e l'adolescenza LA TUTELA DEI DIRITTI DEL MINORE Bologna, 7 maggio 2013 Tutela - molti significati: tutela di beni

Dettagli

F COMUNE DI CATANIA DIREZIONE FAMIGLIA E POLITICHE SOCIALI P.O. RESPONSABILITA FAMILIARI

F COMUNE DI CATANIA DIREZIONE FAMIGLIA E POLITICHE SOCIALI P.O. RESPONSABILITA FAMILIARI F COMUNE DI CATANIA DIREZIONE FAMIGLIA E POLITICHE SOCIALI P.O. RESPONSABILITA FAMILIARI LEGGE N. 285/1997 PIANO TERRITORIALE DEGLI INTERVENTI ANNUALITA' 2014 SOSTEGNO DELLE RESPONSABILITA' GENITORIALI

Dettagli

SPAZIO NEUTRO IL ROTARY PRO FAMILIA. Giancarlo Modena

SPAZIO NEUTRO IL ROTARY PRO FAMILIA. Giancarlo Modena SPAZIO NEUTRO IL ROTARY PRO FAMILIA Giancarlo Modena PREMESSE Casistica di riferimento: situazioni in cui la salute psico-fisica del minore è ritenuta a rischio, a fronte di nuclei familiari multiproblematici,

Dettagli

Violenza sessuale e di genere: cosa vedere, come agire, quali obblighi

Violenza sessuale e di genere: cosa vedere, come agire, quali obblighi Violenza sessuale e di genere: cosa vedere, come agire, quali obblighi Il Pronto Soccorso, l Emergenza e il Territorio: integrazione Lavorare con il Distretto /Servizio Sociale Maria Vanto 11 Dicembre

Dettagli

SEMINARIO DI LAVORO PER L AVVIO E LA COSTITUZIONE DI «RETI DI SCUOLE»

SEMINARIO DI LAVORO PER L AVVIO E LA COSTITUZIONE DI «RETI DI SCUOLE» PROGRAMMA P.I.P.P.I. Programma di Intervento Per la Prevenzione dell Istituzionalizzazione di bambini e ragazzi che vivono in famiglie negligenti SEMINARIO DI LAVORO PER L AVVIO E LA COSTITUZIONE DI «RETI

Dettagli

NOTE OPERATIVE PER LA COMPILAZIONE DELLA SEGNALAZIONE/RELAZIONE ALL AUTORITA GIUDIZIARIA

NOTE OPERATIVE PER LA COMPILAZIONE DELLA SEGNALAZIONE/RELAZIONE ALL AUTORITA GIUDIZIARIA NOTE OPERATIVE PER LA COMPILAZIONE DELLA SEGNALAZIONE/RELAZIONE ALL AUTORITA GIUDIZIARIA Destinatari: (1) o il destinatario della prima segnalazione è sempre la Procura presso il Tribunale per i minorenni

Dettagli

Protocollo operativo per la collaborazione fra il Servizio Tutela Minori e il Sert dell ASL

Protocollo operativo per la collaborazione fra il Servizio Tutela Minori e il Sert dell ASL Progetto sperimentale dei servizi per la tutela dei minori negli ambiti della Provincia di Sondrio. Protocollo operativo per la collaborazione fra il Servizio Tutela Minori e il Sert dell ASL con la collaborazione

Dettagli

I percorsi della Regione Toscana a supporto della salute dei minori

I percorsi della Regione Toscana a supporto della salute dei minori I percorsi della Regione Toscana a supporto della salute dei minori Laura Giglioni Regione Toscana Direzione Generale Diritti di cittadinanza e coesione sociale Direzione Generale Diritti di Cittadinanza

Dettagli

NASCITA DEI CENTRI ANTIVIOLENZA IN ITALIA. Movimento femminista anni Centro contro la violenza di Modena

NASCITA DEI CENTRI ANTIVIOLENZA IN ITALIA. Movimento femminista anni Centro contro la violenza di Modena NASCITA DEI CENTRI ANTIVIOLENZA IN ITALIA Movimento femminista anni 70 Gruppi femminili di riflessione politica Primi Centri contro la violenza alle donne,, fine anni 80 1991 Centro contro la violenza

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA ISTRUZIONE E FORMAZIONE. italiana

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA ISTRUZIONE E FORMAZIONE. italiana F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARIA TERESA AGOSTINELLI Indirizzo Via Madonna degli Angeli n. 130 VELLETRI Telefono 9632573 Fax E-mail teresa.agostinelli@comune.velletri.rm

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI REPORT INDICATORI I SEMESTRE 2014

CARTA DEI SERVIZI REPORT INDICATORI I SEMESTRE 2014 Servizio Tutela Minori Tempestività CARTA DEI SERVIZI REPORT INDICATORI I SEMESTRE 2014 + I casi valutati come urgenti dall equipe sono presi in carico entro 48 ore dalla segnalazione. intervento personalizzato

Dettagli

INDICE SISTEMATICO. Introduzione... PARTE PRIMA LA VIOLENZA IN FAMIGLIA DAL PUNTO DI VISTA SOCIOLOGICO CAPITOLO I LA FAMIGLIA

INDICE SISTEMATICO. Introduzione... PARTE PRIMA LA VIOLENZA IN FAMIGLIA DAL PUNTO DI VISTA SOCIOLOGICO CAPITOLO I LA FAMIGLIA INDICE SISTEMATICO Introduzione.... VI PARTE PRIMA LA VIOLENZA IN FAMIGLIA DAL PUNTO DI VISTA SOCIOLOGICO CAPITOLO I LA FAMIGLIA 1. La famiglia dal punto di vista sociologico.... 3 2. La famiglia dal punto

Dettagli

Progetto di prevenzione della violenza interpersonale nelle scuole

Progetto di prevenzione della violenza interpersonale nelle scuole Progetto di prevenzione della violenza interpersonale nelle scuole Il progetto presente nel catalogo Obiettivo salute AUSL Bologna è realizzato con la consulenza scientifica de Il Faro con la collaborazione

Dettagli

Il sistema multi agenzia nell esperienza regionale del Veneto

Il sistema multi agenzia nell esperienza regionale del Veneto Il sistema multi agenzia nell esperienza regionale del Veneto I ruoli, i compiti e le funzioni definiti nel tempo dall azione sociale Dott.ssa Elisa Bedin 1 Sistema di referral regionale specialistico

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE DELL AMBITO TERRITORIALE SOCIALE N14 (ex Art. 10, comma 2, lett. e) punti a) e 5) della L.R.

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE DELL AMBITO TERRITORIALE SOCIALE N14 (ex Art. 10, comma 2, lett. e) punti a) e 5) della L.R. AMBITO TERRITORIALE N14 LEGGE 328/00 Comune di Giugliano in Campania ASL NA2 NORD Comune Capofila: Giugliano in Campania REGOLAMENTO DEL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE DELL AMBITO TERRITORIALE SOCIALE

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 16-02-2016 (punto N 27 ) Delibera N 86 del 16-02-2016 Proponente STEFANIA SACCARDI DIREZIONE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE

Dettagli

Fondo Famiglia 2015 Progetto Conferenza dei Sindaci ASL 3 Genovese

Fondo Famiglia 2015 Progetto Conferenza dei Sindaci ASL 3 Genovese Fondo Famiglia 2015 Progetto Conferenza dei Sindaci ASL 3 Genovese Tenendo conto di quanto indicato dal Decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali del 14 ottobre 2015 e dall allegato D delle

Dettagli

I GIRASOLI AMBITO TERRITORIALE AMBITO TERRITORIALE. Ulss 16 Padova PROVINCIA DI PADOVA PROVINCIA DI ROVIGO

I GIRASOLI AMBITO TERRITORIALE AMBITO TERRITORIALE. Ulss 16 Padova PROVINCIA DI PADOVA PROVINCIA DI ROVIGO Equipe Specialistica Interprovinciale di Protezione dei bambini e delle bambine, dei ragazzi e delle ragazze e delle loro famiglie I GIRASOLI Ulss 16 Padova Avvio il 15/1/24 come centro per le provincie

Dettagli

SERVIZIO DISTRETTUALE TUTELA MINORI REGOLAMENTO E PROCEDURE DI INTERVENTO

SERVIZIO DISTRETTUALE TUTELA MINORI REGOLAMENTO E PROCEDURE DI INTERVENTO Consorzio Progetto Solidarietà SERVIZIO DISTRETTUALE TUTELA MINORI REGOLAMENTO E PROCEDURE DI INTERVENTO Allegati: A) Procedure per l attivazione degli interventi di affido dei minori B) Procedure per

Dettagli

L accompagnamento del minore autore di reato. Le fasi del procedimento penale minorile. Paola Landriani

L accompagnamento del minore autore di reato. Le fasi del procedimento penale minorile. Paola Landriani L accompagnamento del minore autore di reato. Le fasi del procedimento penale minorile. Paola Landriani Norme di riferimento Codice di procedura penale Codice penale DPR 448/1988 Questioni poste dal coinvolgimento

Dettagli

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2015-2016 Lezione del 30 aprile 2016 Il Tribunale Ordinario Docenti: Alessandra Fralleoni

Dettagli

COMUNE DI CITTÀ DELLA PIEVE PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI CITTÀ DELLA PIEVE PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI CITTÀ DELLA PIEVE PROVINCIA DI PERUGIA www.comune.cittadellapieve.pg.it REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 20/17

Dettagli

Centro clinico per la Valutazione, l Ascolto e il Trattamento dei Minori vittime di Abusi V.A.T.M.A. CARTA DEI SERVIZI

Centro clinico per la Valutazione, l Ascolto e il Trattamento dei Minori vittime di Abusi V.A.T.M.A. CARTA DEI SERVIZI Centro clinico per la Valutazione, l Ascolto e il Trattamento dei Minori vittime di Abusi 1 V.A.T.M.A. CARTA DEI SERVIZI LA FINALITÀ Il Centro Clinico Polivalente V.A.T.M.A., è finanziato dal Dipartimento

Dettagli

LINEE PER CORSI DI FORMAZIONE IN TEMA DI VIOLENZA SULLE DONNE E DI ABUSO SUI MINORI

LINEE PER CORSI DI FORMAZIONE IN TEMA DI VIOLENZA SULLE DONNE E DI ABUSO SUI MINORI LINEE PER CORSI DI FORMAZIONE IN TEMA DI VIOLENZA SULLE DONNE E DI ABUSO SUI MINORI Premessa L avvio di un iter formativo prevede, in modo prioritario, un indagine sulle risorse esistenti nella sede che

Dettagli

Leggere la complessità - analisi e valutazione del caso nel lavoro con bambini e famiglie

Leggere la complessità - analisi e valutazione del caso nel lavoro con bambini e famiglie Leggere la complessità - analisi e valutazione del caso nel lavoro con bambini e famiglie 19 dicembre 2007 - Bologna Teresa Bertotti Centro per il Bambino Maltrattato e la cura della crisi familiare -

Dettagli

Bambini, ragazzi e giovani in percorsi educativi e di tutela. Quanti sono in Lombardia?

Bambini, ragazzi e giovani in percorsi educativi e di tutela. Quanti sono in Lombardia? Bambini, ragazzi e giovani in percorsi educativi e di tutela. Quanti sono in Lombardia? Sono quasi 12.000 i minori e i giovani under 21 coinvolti in percorsi educativi e di tutela in Lombardia nel 2013.

Dettagli

La revisione della D.G.R. n del

La revisione della D.G.R. n del La revisione della D.G.R. n. 41-12003 del 15.03.2004 TIPOLOGIA, REQUISITI STRUTTURALI E GESTIONALI DELLE STRUTTURE RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI PER MINORI Programmazione azioni per l area minori Prevenzione

Dettagli

Cristina Guadagnino AUSL - UONPIA - Ferrara QUELLI CHE L ADOLESCENZA

Cristina Guadagnino AUSL - UONPIA - Ferrara QUELLI CHE L ADOLESCENZA Cristina Guadagnino AUSL - UONPIA - Ferrara QUELLI CHE L ADOLESCENZA La salute mentale dei bambini e degli adolescenti implica un senso di identita e di consapevolezza di sé, solide relazioni con i familiari

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA: COMUNE DI TRIESTE AMBITO 1.2 AREA PROMOZIONE E PROTEZIONE SOCIALE AREA EDUCAZIONE, UNIVERSITA E RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA TRA: COMUNE DI TRIESTE AMBITO 1.2 AREA PROMOZIONE E PROTEZIONE SOCIALE AREA EDUCAZIONE, UNIVERSITA E RICERCA Allegato 2 PROTOCOLLO D INTESA TRA: COMUNE DI TRIESTE AMBITO 1.2 AREA PROMOZIONE E PROTEZIONE SOCIALE AREA EDUCAZIONE, UNIVERSITA E RICERCA COMUNE DI DUINO AURISINA - AMBITO 1.1 COMUNE DI MUGGIA AMBITO

Dettagli

Dott.ssa Enrica Locati, psicologa INCONTRI RIVOLTI ALLE EDUCATRICI

Dott.ssa Enrica Locati, psicologa INCONTRI RIVOLTI ALLE EDUCATRICI INCONTRI RIVOLTI ALLE EDUCATRICI L INTELLIGENZA EMOTIVA Descrizione: le emozioni sono alla base sia dello sviluppo cognitivo che di quello sociale. Il corso, attraverso esercitazioni teoriche e pratiche,

Dettagli

Via F. Crispi, 81 C.A.P Tel Fax Cod. Ente IL RESPONSABILE DELL AREA SERVIZI ALLA PERSONA, DEMOGRAFICI

Via F. Crispi, 81 C.A.P Tel Fax Cod. Ente IL RESPONSABILE DELL AREA SERVIZI ALLA PERSONA, DEMOGRAFICI DETERMINAZIONE N. 395 Data di registrazione 28/12/2016 ORIGINALE Oggetto : PROGETTO EDUCATIVO RESIDENZIALE A FAVORE DI MINORI SU DISPOSIZIONE DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI BRESCIA. INTEGRAZIONE IMPEGNO

Dettagli

I bambini, allontanati dal loro nucleo familiare, che si trovano presso le comunità o presso le famiglie affidatarie hanno tante cose in comune e

I bambini, allontanati dal loro nucleo familiare, che si trovano presso le comunità o presso le famiglie affidatarie hanno tante cose in comune e I bambini, allontanati dal loro nucleo familiare, che si trovano presso le comunità o presso le famiglie affidatarie hanno tante cose in comune e tante differenze COSA HANNO IN COMUNE COMUNITA E AFFIDO

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia ACCORDO QUADRO TRA Ministero della Giustizia Ministero dell Interno Regione Calabria Corte d Appello di Catanzaro Corte d Appello di Reggio Calabria Tribunale per i Minorenni di Catanzaro Procura della

Dettagli

Scambio Interregionale tra operatori dei servizi affidi Regione Piemonte/Regione Veneto

Scambio Interregionale tra operatori dei servizi affidi Regione Piemonte/Regione Veneto Scambio Interregionale tra operatori dei servizi affidi Regione Piemonte/Regione Veneto REPORT DI SINTESI REPORT DI SINTESI sui contenuti emersi nello scambio Aspetti di contenuto del processo di affidamento:

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome PUDDU GINA Indirizzo VIA RAFFAELO, N.5 ASSEMINI Telefono 070/94854222 Fax 070/94854219 E-mail ginapuddu@asl8cagliari.it

Dettagli

La psicologia clinica e di comunità, strumenti ed opportunità per l'integrazione socio-sanitaria. sanitaria. 14 Maggio Roma

La psicologia clinica e di comunità, strumenti ed opportunità per l'integrazione socio-sanitaria. sanitaria. 14 Maggio Roma La psicologia clinica e di comunità, strumenti ed opportunità per l'integrazione socio-sanitaria sanitaria 14 Maggio 2009- Roma Dr.ssa Maria M. Russo Direttore Programma di Psicologia AUSL Rimini 1 Riferimenti

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI REPORT INDICATORI I SEMESTRE 2013

CARTA DEI SERVIZI REPORT INDICATORI I SEMESTRE 2013 CARTA DEI SERVIZI REPORT INDICATORI I SEMESTRE 2013 Ambito Tutela Minori e Famiglia Servizio Tutela Minori indicatore Tempestività + I casi valutati come urgenti dall equipe sono presi in carico entro

Dettagli

Minori in affido in Provincia di Cagliari

Minori in affido in Provincia di Cagliari Settore Servizi Sociali e di Istruzione Sistema integrato degli Osservatori Minori in affido in Provincia di Cagliari Affidamento familiare e in comunità Indagine diretta dell Osservatorio delle Politiche

Dettagli

Brindisi città riservataria

Brindisi città riservataria Brindisi città riservataria Per la peculiarità dei problemi socio ambientali dell area urbana 1 Ambito territoriale ELEMENTI DI CRITICITA DEL TERRITORIO BRINDISINO 1. GRAVE CRISI ECONOMICA DELLA CITTÀ

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO. Esperienza professionale. Data. Maggio 2007 ad oggi. Attività come libero professionista

CURRICULUM FORMATIVO. Esperienza professionale. Data. Maggio 2007 ad oggi. Attività come libero professionista CURRICULUM FORMATIVO Esperienza professionale Maggio 2007 ad oggi Attività come libero professionista Psicologa clinica e di comunità, iscritta all Albo degli Psicologi della Toscana con il n 3719, e Psicoterapeuta

Dettagli

Centro Clinico della Famiglia

Centro Clinico della Famiglia Associazione Il Filo O.N.L.U.S. Impresa Sociale Centro Clinico della Famiglia La valutazione delle Competenze Genitoriali Centro Clinico della Famiglia: Viale Europa, 64, 66100 Chieti Sede legale cooperativa:

Dettagli

Determinazione del dirigente Numero 814 del 12/09/2017

Determinazione del dirigente Numero 814 del 12/09/2017 Determinazione del dirigente Numero 814 del 12/09/2017 Oggetto : 05 IMPEGNO DI SPESA PER RETTA MINORI A.G.E A.G. PRESSO LA COMUNITÀ EDUCATIVA LA CASA DI POLLICINO COOP. SOCIALE NUOVA DIMENSIONE GIUGNO,

Dettagli

INDICE - SOMMARIO PARTE I CONCETTI INTRODUTTIVI

INDICE - SOMMARIO PARTE I CONCETTI INTRODUTTIVI INDICE - SOMMARIO Prefazione... pag. XV PARTE I CONCETTI INTRODUTTIVI CAPITOLO I L EVOLUZIONE DELLA FAMIGLIA NEL XX SECOLO: BREVI NOTE SOCIOLOGICHE E STATISTICHE di Carol Angelini 1. Una definizione di

Dettagli

I DISTURBI PSICOSOMATICI IN ETA EVOLUTIVA Studio clinico

I DISTURBI PSICOSOMATICI IN ETA EVOLUTIVA Studio clinico I DISTURBI PSICOSOMATICI IN ETA EVOLUTIVA Studio clinico Notari, Gandione M, Tocchet A, Galli dela Mantica M, Longo E, Notari D, Davico C, Larosa P, Gerardi S, Bartolotti I, Pagana L, Ruffino C Dipartimento

Dettagli

Minori stranieri non accompagnati: la legge in Gazzetta

Minori stranieri non accompagnati: la legge in Gazzetta Minori stranieri non accompagnati: la legge in Gazzetta Legge, 07/04/2017 n 47, G.U. 21/04/2017 Pubblicato il 27/04/2017 E' stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 93 del 21 aprile 2017 la legge 7

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI.

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Comune di Trevi Perugia Servizi sociali REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. ART. 1 Principi ispiratori 1. I Comuni degli Ambiti Territoriali 6, 8 e 9 della Regione Umbria in ottemperanza

Dettagli

Indice analitico. Capitolo I. La Normativa

Indice analitico. Capitolo I. La Normativa 427 Prefazione... p. 9 Capitolo I La Normativa 1. I diritti del minore nelle Convenzioni Internazionali...» 11 2. I diritti del minore nella Costituzione Italiana...» 14 3. I diritti del minore nel Codice

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ELISA ZULLINI Indirizzo Telefono Fax E-mail Nazionalità Italiana Data di nascita 27/01/72 elisazullini@promo.it

Dettagli