Rubbettino. ,!7II8E9-iadiai! Sara Peticca. Il linguaggio dell . Rubbettino. Sara Peticca / Il linguaggio dell Rubbettino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rubbettino. ,!7II8E9-iadiai! Sara Peticca. Il linguaggio dell e-mail. Rubbettino. Sara Peticca / Il linguaggio dell e-mail Rubbettino"

Transcript

1 Sara Peticca, si laureata in Scienze Politiche alla Luiss ÒGuido CarliÓ dove attualmente svolge attivitˆ di ricerca presso la cattedra di Semiotica e presso la cattedra di Metodologia delle Scienze Sociali. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo: Il futuro dei giornali (1999); Il linguaggio del giornalismo televisivo (2000). 9,30,!7II8E9-iadiai! ISBN X Sara Peticca / Il linguaggio dell Sara Peticca Il linguaggio dell Le tecnologie dellõinformazione hanno creato una societˆ in cui lo scambio di conoscenze diventato il fattore strategico. In questa societˆ che tende alla globalizzazione si attua una continua re-invenzione del modo in cui gli individui interagiscono tra loro. La velocitˆ con cui vengono scambiati i messaggi , la facilitˆ con cui, oggi, si riesce a comunicare, realizzano lõidea di una conoscenza distribuita ovunque e facilmente accessibile da parte di chiunque. Il linguaggio dellõ facilita questo processo e parla una lingua ÒnuovaÓ i cui tratti caratteristici sono riscontrabili sia nella forma scritta che in quella orale con elementi specifici della comunicazione mediata dal computer. LÕ parla la lingua della nostra affettivitˆ, riflette lo stile personalissimo dellõautore, permette di modificare continuamente le regole del linguaggio, di sintetizzarlo per esprimere meglio se stessi, per confrontarsi in un mondo in cui la comunicazione non ha pi vincoli spaziali e temporali. Oggi lõ non solo posta elettronica inviata attraverso Internet,, sempre pi, uno spazio psicologico allõinterno del quale le relazioni umane possono dispiegarsi pi compiutamente. In copertina: pastello di Sandro Zaccardelli 2002

2 LA POLITICA Metodi Storie Teorie Collana diretta da Dario Antiseri 50

3

4 Sara Peticca Il linguaggio dell Il personalismo economico di Michael Novak a cura di Stefano Versari 2002

5 Questa collana si pubblica con il contributo del Centro di Metodologia delle Scienze Sociali della Luiss «Guido Carli» di Roma Editore Srl Soveria Mannelli - Viale Rosario, 10 - Tel. (0968) www. rubbettino.it

6 Introduzione La società in cui viviamo è una società dell informazione. L informazione ha un ruolo nuovo: è a carattere planetario e facilmente raggiungibile da chiunque. Questo libro si propone di ripercorrere le tappe fondamentali del passaggio dalla cultura orale a quella elettronica in cui la comunicazione è diventata digitale, multimediale, interattiva e capace di superare, in tempo reale, le distanze spazio-temporali. Le nuove tecnologie parlano un nuovo linguaggio, un linguaggio che presenta caratteri riscontrabili tanto nella forma scritta quanto in quella orale con elementi tipici dettati dalle caratteristiche della comunicazione mediata dal computer. Il presente lavoro è dedicato all analisi del linguaggio dell poiché, tra le forme di comunicazione al computer, l è certamente la più popolare e, senza dubbio, quella che maggiormente ricorda le forme tradizio - nali del comunicare. Oggi decine di milioni di messaggi elettronici sono scambiati, ogni giorno, in tutto il mondo e, molti di più, lo saranno nei prossimi anni. Il linguaggio dell , conformemente con la velocità con cui evolvono le nuove tecnologie, si è andato progressivamente perfezionando, ed ha creato termini ed espressioni che, non potendo essere compresi da chi non ne fa parte, conferiscono a chi ne fa uso un identità particolare. 5

7 Inoltre, l non è solo posta elettronica inviata attraverso Internet; è anche uno spazio psicologico all interno del quale le relazioni umane possono dispiegarsi più compiutamente. Si tratta di un medium giovane, ancora alla ricerca di una sua identità e di una sua definizione. I messaggi elettronici variano molto l uno dall altro, nella lunghezza e nell organizzazione; un messaggio riflette, infatti, lo stile personalissimo dell autore: la sua dimestichezza con la scrittura, il suo grado di familiarità con il mezzo e il suo livello di competenza linguistica. Gli utenti ne modificano continuamente le regole, giocano con il linguaggio, lo storpiano, lo sintetizzano per esprimere meglio se stessi, per dare ampio spazio alla loro creatività. Si tratta di un processo che si sviluppa per via spontanea. Siamo di fronte ad un medium che incoraggia l informalità e la sinteticità e che, per questo motivo, si avvicina più al linguaggio dei telegrammi, delle cartoline e dei promemoria che alla lettera tradizionale. E il compito del presente lavoro non consiste tanto nello stabilire se si ha a che fare con un linguaggio più vicino all oralità o alla scrittura quanto piuttosto quello di evidenziare, di volta in volta, i punti di contatto con l una o l altra delle due modalità della comunicazione. Sono stati analizzati, in modo particolare, due tipici fenomeni del linguaggio dell il quoting, una pratica esclusiva della comunicazione mediata dal computer che permette di richiamare il contesto in cui si è svolta precedentemente la comunicazione e il flaming ovvero l aggressività verbale in rete considerato, anche, come il momento di massimo livello di creatività linguistica. Allo stato attuale, gli studi in questo settore, evi - denziano due opposte tendenze. Alcuni ipotizzano un evoluzione dell verso le pagine web, vale a dire verso forme più visuali che testuali, nelle quali, grazie 6

8 alle potenzialità della scrittura ipertestuale, si apriranno sempre nuovi rimandi a nuove parti di testo. Altri sostengono, invece, che vi prevarrà la forma scritta pura e semplice con espressioni molto articolate e ricercate. In quest ultimo caso l potrà essere considerata come portatrice di un grande processo di rialfabetizzazione e, difatti, grazie alla posta elettronica, oggi hanno un contatto diretto con la scrittura persone che avrebbero raramente usato la penna. In questo senso, pertanto, la cultura elettronica crea un nuovo habitat per uno sviluppo, forse prima, inimmaginabile, della creatività umana, con risvolti morali e politici di enorme rilievo. 7

9

10 Capitolo primo Dalla società tribale alla società dell informazione Nessun genere di conoscenza, per quanto naturale ci sembri, è indipendente dall uso delle tecnologie intellettuali. 1. La detribalizzazione del sapere Pierre Lévy Gli strumenti attraverso i quali gli uomini comunicano tra loro, hanno influenzato la società umana perché ne hanno plasmato le strutture mentali e hanno portato ad una nuova visione del mondo. La storia della comunicazione è stata attraversata da grandi rivoluzioni, ciascuna delle quali ha trasformato in modo diverso il modo di essere e di agire. La rivoluzione chirografica, avvenuta nel IV millennio a.c., ha frantumato la cultura orale e ha portato l uomo nel mondo del manoscritto e della lettura, la scoperta della stampa di Gutenberg ha liberato il sapere dai limiti di una cultura statica ed elitaria, la scoperta dell elettricità e dell elettronica ha permesso di superare gli ostacoli posti alla comunicazione dal tempo e dallo spazio. Molto prima dell avvento della Galassia elettronica, l unico modo in cui per migliaia di anni gli esseri umani hanno comunicato all interno del proprio gruppo e trasmesso il sapere alle generazioni successive è stata la tra- 9

11 smissione orale. Per millenni l uomo ha trasmesso le proprie conoscenze con il solo strumento della voce. Le informazioni passavano di bocca in bocca e procedevano a velocità pedonale 1. Prima della scoperta della scrittura il sapere di un uomo coincideva con ciò che egli ricordava, non conosceva la scrittura e non disponeva di documenti; per conservare l informazione si poteva affidare unicamente al potere della memoria. Gli uomini erano degli udi - tivi perché costretti ad ascoltare; l orecchio era il senso più importante e il sapere doveva essere organizzato in modo tale da permettere una facile memorizzazione. In una cultura orale: Il pensiero deve nascere all interno di moduli bilanciati a grande contenuto ritmico, deve strutturarsi in ripetizioni ed antitesi, in allitterazioni ed assonanze, in epiteti ed espressioni formulaiche, in temi standard, in proverbi costantemente uditi da tutti e che sono rammentati con facilità, anch essi formulati per un facile apprendimento e ricordo e, infine, in altre forme a funzione mnemonica. Il pensiero è intrecciato ai sistemi mnemonici, i quali determinano anche la sintassi 2. La memoria, nella cultura orale, occupava un ruolo centrale, era la custode dell intero sapere. Quando i Sumeri nel 3500 a.c. inventarono la scrittura, la vita dell uomo cambiò radicalmente. Per Ong: La scrittura ha trasformato la mente umana più di qualsiasi altra invenzione 3. La scrittura ha liberato l intelligenza umana dai vincoli della memoria e le ha per - messo di dispiegarsi in altre forme. Il sapere è diventato meno formulaico, più analitico, ha reso possibile la na- 1 M. BALDINI, Storia della Comunicazione, Newton Compton, Roma, 1995, p W. ONG, Oralità e scrittura. Le tecnologie della parola, trad. Alessandra Calanchi, il Mulino, Bologna, 1986, pp Ibidem, p

12 scita della filosofia, della scienza e dell etica; l uomo ha iniziato a riflettere su se stesso e a fissare e conservare la conoscenza. Le informazioni hanno iniziato a viaggiare ad una velocità maggiore, abbandonando gli stretti confini del villaggio primitivo per diffondersi liberamente prima sulle tavolette di argilla e di cera e, poi, sui libri. Le informazioni hanno iniziato a raggiungere un numero sempre più vasto di persone e a permettere il con - fronto tra opinioni diverse. L invenzione della stampa di Gutenberg nel 1454 ha concluso questo processo di detribalizzazione del sapere. I primi uomini che cominciarono a servirsi della stampa non avrebbero mai pensato che questa loro azione avrebbe cambiato il loro modo di pensare e di parlare e avrebbe influenzato le loro istituzioni politiche ed educative. Quali conseguenze inintenzionali dell invenzione della stampa si afferma - rono le lingue nazionali e il nazionalismo, la lettura di - venne individualistica, silenziosa 4, privata e alla portata di molte più persone. Il pubblico quale nuovo mecenate, iniziò ad influenzare direttamente l autore nella scelta dei temi da trattare, il pensiero formulaico ed antagonistico della cultura orale fu soppiantato dall ac - centuarsi del pensiero astratto. Questo progressivo allargamento del concetto di sapere, inteso come partecipazione degli individui all acquisizione della cultura, influenzò il mondo della comunicazione per lungo tempo, ma: Fu soltanto con l avvento del telegrafo, nota McLuhan, che i messaggi poterono viaggiare più in fretta del messaggero. Prima esisteva uno stretto rapporto tra le strade e la parola scritta. Con il telegrafo l informazione si è staccata da materie solide come la pietra e il papiro, nello stesso 4 Leggere a voce alta era necessario per aiutarsi nella comprensione di testi privi delle facilitazioni che la stampa ha apportato ai libri quali i segni di interpunzione, le note, i numeri di pagina. 11

13 modo in cui il denaro si era precedentemente staccato dalle pelli, dai lingotti e dai metalli per diventare carta. Il termine comunicazione è stato ampiamente usato con riferimento alle strade, ai ponti, alle rotte navali, ai fiumi e ai canali, prima di trasformarsi con l era elettronica in movimento d informazione 5. Il congiungimento tra la Galassia Gutenberg e la Galassia elettronica in cui oggi viviamo, porta al delinearsi di una dimensione nuova, di un nuovo equilibrio tra i diversi media. 2. La Galassia elettronica La società in cui oggi viviamo è una società in cui la comunicazione riveste un ruolo di primo piano, è a carattere planetario, facilmente raggiungibile da chiunque voglia entrarne in contatto e modellata sugli interessi dell utente che decide modalità e tempi di consultazione. Si tratta di una seconda rivoluzione copernicana nel senso kantiano del termine, una rivoluzione in cui la struttura mentale dell uomo acquisisce una funzione determinante: Oggi la comunicazione non proviene dal di fuori, ma, in un certo senso, è come se noi fossimo calati dentro il mondo dell informazione ed è come se questa ci circondasse e agisse come una specie di liquido amniotico. Noi viviamo in esso e ci immergiamo totalmente con la globalità dei nostri sensi 6. La scoperta dell elettricità e dell elettronica ha impresso ai processi di comunicazione quell accelerazione che oggi ne costituisce il tratto distintivo. Ogni messaggio può essere trasmesso in tempo reale in tutto il 5 Ibidem, p S. TAGLIAGAMBE, Rete, paradigma della conoscenza, estratto di un intervista a Mediamente, Cagliari, 21 gennaio

14 pianeta, una nuova gerarchia tra i sensi si è affermata, il tempo è stato azzerato nel rapporto con culture che sono molto lontane dalle nostre e con le quali prima il dialogo era molto difficile o addirittura impossibile. Nella cultura dei media elettrici ed elettronici il tempo è cessato, lo spazio svanito e la Terra è diventata un villaggio globale. Il sensorio dell uomo è stato costretto a riorientarsi aggiungendo all occhio, il senso che aveva dominato l età chirografica, l orecchio che aveva dominato l età della cultura orale. Negli ultimi cento anni lo sviluppo della comunicazione a distanza e dell uso dell elettricità nella diffusione di informazione è stato velocissimo; si è passati dall invenzione del telegrafo a quella del telefono, della televisione, dei satelliti, della digitalizzazione e della comunicazione simultanea. Sostiene McLuhan: Noi siamo tanto colpiti dalle diverse applicazioni, dai diversi usi di quello straordinario medium che è la luce, da perdere di vista che essa stessa è informazione allo stato puro ( ). Qui appare chiaro che l elettricità è la comunicazione per eccellenza perché costituisce l elemento rilevatore di tutte le altre comunicazioni 7. L uomo è entrato, per la prima volta, in un mondo in cui il circuito della trasmissione dei messaggi non è più limitato all individuo o ad un gruppo ristretto di persone, ma coincide potenzialmente con l intero pianeta. Dagli inizi dell 800 ad oggi, la tecnologia e la ricerca scientifica hanno conosciuto uno sviluppo inarrestabile, che ha portato ad una rapida evoluzione dei sistemi di comunicazione: Dopo essere esploso per anni con mezzi tecnologici meccanici, il mondo occidentale è entrato in una fase di implosione. Oggi, dopo ol- 7 G. G AMALERI, Il villaggio elettronico di McLuhan, Capone, Cavallino di Lecce, 1985, p

15 tre un secolo di impiego tecno logico dell elettricità, abbiamo esteso il nostro sistema nervoso centrale in un abbraccio globale 8. Rispetto ai sistemi comunicativi del passato le nuove tecnologie permettono l estrema facilità di accesso all informazione perché sono in grado di veicolare una quantità molto elevata di dati di qualsiasi natura e provenienti da qualsiasi luogo con una accessibilità e facilità d uso impensabile per le culture del passato. I mass-media hanno cambiato le modalità di lettura e di scrittura, hanno cambiato i tempi e le caratteristiche del divertimento 9, hanno posto l accento sulla contemporaneità, sulla simultaneità e sull intimità della risposta immediata. Secondo G. Sel - des, a differenza della stampa, l elettronica: non ri - chiede alcuna educazione, è sperimentata in compa - gnia, presa in dosi abbondanti, ha una diffusione rapidissima, non è generalmente adatta ad una osservazione ulteriore, è molto costosa a prodursi ma conveniente al consumatore ed è creata per la maggioran - za 10. L uomo informatico della Galassia elettronica non ha necessità di muoversi per scambiare informazioni; sono le informazioni stesse a muoversi verso di lui, dalla sua postazione egli può prenotare una camera in albergo, procurarsi i biglietti per il cinema, vendere ed acquistare azioni, inviare messaggi su un cellulare, conversare con persone lontanissime tra loro. Per certi versi la tecnologia elettrica ed elettronica 18 M. MCLUHAN, Gli strumenti del comunicare, Il Saggiatore, Milano, 1967, p M. BALDINI, op. cit., p G. SELDES, La rivoluzione nella comunicazione, in AA.VV., La comunicazione di massa, a cura di Edmund Carpenter e Marshall McLuhan, La Nuova Italia, Firenze, 1969, p

16 del telegrafo, della televisione, della radio ed oggi sempre più di Internet 11, ci ha ricondotto in un era di oralità secondaria. Questa nuova oralità ha sorprendenti somiglianze con quella più antica per la sua mistica partecipatoria, per il senso di comunità, per la concentrazione sul momento presente persino per l utilizzazione delle formule 12. Ma si tratta di una oralità più deliberata e consapevole, basata sull uso della scrittura e della stampa: L oralità secondaria è molto simile ma an - che molto diversa da quella primaria. Come quest ultima, anche la prima ha generato un forte senso co - munitario, perché chi ascolta le parole si sente un gruppo, un vero e proprio pubblico di ascoltatori a differenza della lettura di un testo scritto o stampato che fa ripiegare gli individui su di sé. Ma l oralità secondaria genera il senso di appartenenza a gruppi incommensurabilmente più ampi di quelli delle culture a oralità primaria, genera cioè il villaggio universale di McLuhan 13. Tutto ciò è possibile perché l informazione viag - gia non solo attraverso gli atomi, ma soprattutto at - traverso i bit: l unità elementare della comunicazio - ne, il suo frammento più piccolo: Un bit non ha colore, dimensioni o peso e può viaggiare alla velocità della luce. È il più piccolo elemento atomico del DNA dell informazione Si pensi al successo delle chat linesche offrono la possibilità a più utenti, lontani tra loro di dialogare attraverso il collegamento in rete. 12 M. BALDINI, op. cit., p W. ONG, Oralità e scrittura. Le tecnologie della parola, il Mulino, Bologna, 1986, pp Ibidem, p

17 3. L informatica è un modo di vivere Nella Galassia elettronica il mezzo tende a passare in secondo piano, non incarna più un messaggio particolare ma è fonte di un infinità di messaggi, ogni individuo può plasmare l informazione che riceve a seconda delle proprie esigenze e della propria personalità. Oggi tutta la nostra esistenza ruota attorno allo scambio di informazione, per Negroponte: L informatica non riguarda solo il computer. È un modo di vivere 15. Nella cultura elettronica l informazione è focalizzata sul singolo individuo, non è basata sulla produzione di massa ma sulla produzione personalizzata: Il pubblico spesso si riduce a una persona sola. Ogni cosa viene fatta su ordinazione e l informazione è estremamente personalizzata ( ) dal grande pubblico si va verso gruppi sempre più piccoli, per arrivare infine al singolo individuo: ( ). Nell era digitale io sono io, non un sottogruppo statistico. Io significa informazioni ed eventi che non hanno alcun valore demografico o statistico 16. La società digitale è la società dell uomo nella sua singolarità; D. De Kerkhove sostiene che l umanità sta per accedere: ad un vasto ambiente intelligente che si comporta come i contenuti e la potenza della mente di un individuo. Lo spazio è là dove è il corpo. Tutto il resto è mente. E il modo in cui la mente si connette a questo ambiente è il punto chiave 17. Per molti versi la cultura elettronica fa pensare ad un Nuovo Rinascimento, al trionfo della libera creatività dell uomo ormai svincolato da ogni limitazione spaziale e temporale capace, quindi, di fare propria 15 N. NEGROPONTE, Essere digitali, Sperling &Kupfer, Milano, 1995, p. XII. 16 Ibidem, p D. DE KERCKHOVE, Media2000, n. 135, Febbraio, 1996, p

18 l opportunità di conoscere e confrontarsi con l intero pianeta. L uomo che vive nella Galassia elettronica differisce dall uomo che viveva nella Galassia Gutenberg perché, al sapere enciclopedico ed individualistico della cultura tipografica, preferisce la partecipazione attiva agli eventi, il dialogo con altri individui. In questo villaggio globale siamo abituati a partecipare a degli avvenimenti distanti da noi migliaia di chilometri, li viviamo nello stesso momento in cui accadono, siamo coinvolti con la stessa passione, lo stesso slancio ed entusiasmo di chi è presente fisicamente 18. L uomo della Galassia elettronica è cittadino del mondo, il centro del suo universo è ovunque. L uomo elettronico, come l uomo pre-alfabetico immerso nella cultura orale, cerca di mantenere l equilibrio tra le diverse componenti del suo ambiente per assicurarsi la sopravvivenza e, come l uomo pre-alfabetico, vive secondo l orecchio, non più solo secondo l occhio. Per Esposito: Psicologi e sociologi della comunicazione sociale sono concordi nel rilevare il rilancio della funzione dei sensi nell impostazione dei rapporti umani e della gnoseologia come pure del linguaggio infraumano del nostro tempo. Tutti i mass-media si incontrano in questo comune denominatore che consiste nel coinvolgere l uomo attraverso le finestre del suo organismo che sono i sensi 19. Per Freund: L uomo moderno può sforzarsi di far nascere un interazione armoniosa tra le varie tecnologie e restaurare così l equilibrio tra i diversi sensi che compongono la sua gamma sensoriale. Anzi al giorno d oggi ciò costituisce qualcosa di più di una semplice possibi - 18 G. GAMALERI, Il villaggio elettronico di McLuhan, Capone, Cavallino di Lecce, 1985, p R.F. ESPOSITO, Profilo dell uomo audiovisivo, in Sussidi per la catechesi, n. 2, Milano, marzo-aprile1973, pp

19 lità nella misura in cui le nostre tecnologie diventano sempre più sistemi aperti, cioè tendono ad un tutto organico e tale interazione diventa una necessità 20. Oggi l informazione, come accadeva nel piccolo villaggio tribale, permette: di legare le varie componenti della società 21, di trasmettere i propri valori da una generazione ad un altra e di unificare i comportamenti degli individui. Oggi nessun capo di Stato potrebbe ripetere la frase pronunciata da George Washington nel 1789: Que - st anno non abbiamo avuto notizie di Beniamino Franklin da Parigi. Gli dobbiamo scrivere una lettera 22. Ha osservato McLuhan: Il nostro è un mondo nuovo di zecca, fatto di subitaneità ( ) a causa della velocità elettrica non possiamo stare ad aspettare, come faceva Washington, la lettera dell amico Franklin. Adesso dobbiamo conoscere in anticipo le conseguenze di ogni poli - tica e di ogni azione che compiamo in ogni campo, poiché i risultati si verificano immediatamente Il linguaggio della Galassia elettronica Il linguaggio della Galassia elettronica riflette queste caratteristiche; è un linguaggio che McLuhan avrebbe definito freddo perché può essere modificato, interagisce con l utente, richiede la sua partecipazione, include invece di escludere, si potrebbe dire che l umanità è 20 G. GAMALERI, La Galassia McLuhan, Armando, Cavallino di Lecce, 1976, p CH. R. WRIGHT, La Comunicazione di massa, Armando, Roma, 1970, p M. MCLUHAN, Il medium è il massaggio, Feltrinelli, Milano, 1968, p G. GAMALERI, Il villaggio elettronico di McLuhan, Capone, Cavallino di Lecce, 1985, p

20 partita dal freddo e sta tornando al freddo dopo una lunga fase di surriscaldamento. Noi veniamo dal freddo, da condizioni antropologiche in cui il medium di base era quello che è stato definito il primo strumento portale dell uomo, cioè la parola parlata: tipico strumento freddo, anzi prototipo in tal senso in quanto por - tato a consentire un globale esercizio sin-estetico ( ). Seguire le tappe graduali per cui dalla parola parlata si passa alla parola scritta, vuol dire anche assistere ad un esemplare processo di riscaldamento pur disteso lungo uno spettro sfumato e ricco di passaggi intermedi. Abbiamo, infatti, subito la biforcazione tra scrittura ideografica e scrittura fonetica ( ). La scrittura fonetica, a sua volta, si distribuisce nelle due grandi tappe della chirografia e della tipografia; nella prima è ancora un residuo di coordinazione estetica e psico-motoria, mentre nella seconda subentrano gli stereotipi, i clichè: è il colmo della deprivazione, della spogliazione di ogni valore (sensuoso, psico-motorio) a vantaggio di puri valori noetici, da fruirsi con il solo organo della vista 24. Per Abbagnano: Prima dell avvento dell energia elettrica, era possibile eseguire le operazioni sociali più pericolose con lo stesso distacco con il quale il chirurgo esegue le sue operazioni, ma ora gli strumenti di comuni - cazione hanno reso anacronistico questo atteggiamento. La comunicazione istantanea dei messaggi, che avviene con la velocità della luce, che è la più alta possibile, tende a fare di tutti gli uomini come un unico corpo che reagisce tutto, in qualsiasi punto venga toccato. La seconda trasformazione che gli strumenti elettronici di comuni - cazione stanno imponendo alla sensibilità umana, è il senso costante di angoscia dovuto alla partecipazione o all impegno che quegli strumenti producono. È difficile 24 M. MCLUHAN, Gli strumenti del comunicare, Il Saggiatore, Milano, 1967, p

21 oggi, per qualsiasi uomo rimanere chiuso nella serenità di un proprio punto di vista, anche nobilissimo. I punti di vista individuali hanno perso la loro importanza perché l individuo si trova ad ogni istante coinvolto nella vi - ta collettiva e partecipe delle sue vicende 25. Anche J.M. Johansen, a questo proposito, sostiene che totalità, empatia, profondità sono le parole chiave della nostra epoca. Il mondo elettronico è il mondo del continuo, le cui immagini non sono riducibili ad alcun codice e ad alcuna classificazione. Ciò va contro la tradizione platonica che catalogava le idee e le cose, così come va contro ogni processo analitico e razionale del pensiero. Si assiste, oggi, a nuove dinamiche nel mondo della comunicazione, da una visione platonicoaristotelica si è passati ad una rifondazione eraclitea di movimento e cambiamento perpetui. Il linguaggio della Galassia elettronica è, per questi motivi, un linguaggio che parla ai sensi, che rende compartecipi degli eventi, che è avvolgente. Per Eco: Tipico del nostro tempo è l essere dominato dai media freddi, una proprietà dei quali è presentare configurazioni a bassa definizione, non prodotti finiti ma processi e quindi non successioni lineari di oggetti, momenti e argomenti, bensì una sorta di totalità e simultaneità dei dati in campo. Trasferendo questa realtà al modo di esporre non si avrà il discorso per sillogismi, ma quello per aforismi. Gli aforismi sono incompleti e richiedono perciò una profonda partecipazione ( ) la parola si fonda con le immagini e le catene logiche sono distrutte in favore di una proposta sincronica, visivo-verbale di dati non ragionati, fatti vorticare davanti all intelligenza del lettore N. ABBAGNANO, L uomo di domani, in La Stampa, Torino, 27 agosto Ibidem, p

22 Con l introduzione delle nuove tecnologie è cambiato il paradigma esplicativo della conoscenza; dal paradigma ad albero, fondato sull idea di base e di radice, si è arrivati al paradigma della rete attraverso la quale la conoscenza viene diffusa. Nella rete non esiste una base e non esiste un centro, importanti sono i nodi e le interconnessioni che si creano tra questi nodi. Tanto più la rete è fitta di nodi e di interpretazioni aperte alla scelta di volta in volta differente del lettore, tanto più la comunicazione diventa efficace. L idea di comunicazione digitale che ne scaturisce è quella di un modello di rete in cui la conoscenza è diffusa ed in cui non esistono centri se non parziali e momentanei, l accesso all informazione risulta, così, estremamente decentrato e policentrico. La compatibilità tra media differenti sta portando ad una convergenza tra le diverse strutture comunicative e verso un sistema unificato il cui obiettivo è quello di riprodurre, nel modo più fedele possibile, le modalità naturali della comunicazione interpersonale migliorandole e amplificandole. 21

23

24 Capitolo secondo La storia dell 1. La nascita Nei mezzi di comunicazione ( ) ogni nuovo linguaggio e apparato tecnico trascina con sé qualcosa dei precedenti, senza mai cancellarli totalmente. Alla fine del percorso siamo tutti più ricchi, perché abbiamo non solo libri e giornali, ma anche radio e cinema, telefono e televisione. Adesso anche la rete Internet. Sempre per aggiunte, sempre a crescere, senza crisi violente. Franco Carlini La nascita dell è legata allo sviluppo che Internet ha avuto in seguito all evoluzione della rete Arpa - net dal nome dell Agenzia (Advanced Research Projects Agency) del Dipartimento della Difesa del Governo Americano. Gli Stati Uniti avevano finanziato un progetto relativo allo scambio di informazioni da attuarsi anche in un contesto di emergenza quale poteva essere un attacco nucleare. Dopo una lunga pianificazione, la realizzazione della rete fu completata e Arpanet andò ufficialmente online nel 1969, collegando quattro fra le principali università americane 1. La rete era stata progettata per far 1 Stanford Research Institute, University of California (Santa Barbara), University of California (Los Angeles), University of Utah. 23

25 operare, in connessione, la comunità dei ricercatori e degli scienziati attraverso grandi computer. Per questo motivo, secondo Carlini, Internet richiese un periodo d incubazione di 25 anni, nonostante il personal computer avesse avuto un grande successo fin dalla sua comparsa. Una data fondamentale nella storia di Internet è il 1971, quando, in seguito all estensione del collegamento, fu creato il primo sistema di posta elettronica in grado di funzionare fra computer diversi. Si trattò di un passo fondamentale nella storia della comunicazione perché si passò dalle reti di calcolo alle reti di comunicazione: con l introduzione della posta elettronica, la telematica si avviò a collegare tra loro non più solo macchine, ma anche e soprattutto persone 2. Nel 1971 il ricercatore Tomlinson spedì il primo messaggio di posta elettronica attraverso la rete, questo primo esperimento, con tutto quello che poi avrebbe implicato sul piano della comunicazione umana e dell interazione sociale, fu accolto come un evento relativamente informale. Tomlinson racconta di aver spedito a se stesso da un computer ad un altro, il primo messaggio che era una semplice prova del tipo: Testing ; con il secondo messaggio, invece, annunciò agli utenti di Arpanet la nascita della network e fornì infor - mazioni sull utilizzo di questo servizio. In realtà, già negli anni Sessanta, era stato creato un primo servizio di posta elettronica, distinto dalla network e definito intra-computer , per lo scambio di messag- 2 L. PACCAGNELLA, La comunicazione al computer, il Mulino, Bologna, 2000, p I.R. HARDY, The evolution of Arpanet , history thesis, University of California at Berkeley, <http://livinginternet. com/?e/ei.htm>

Diffusione delle tecnologie CMC, i modelli e le caratteristiche generali Tipologie di CMC Forme testuali

Diffusione delle tecnologie CMC, i modelli e le caratteristiche generali Tipologie di CMC Forme testuali Comunicazione mediata dal computer Isabella Chiari Università La Sapienza di Roma Management Culturale (a.a. 2008/2009) 1 Indice degli argomenti Diffusione delle tecnologie CMC, i modelli e le caratteristiche

Dettagli

Che cos'è Internet. Capitolo. Storia e struttura di Internet L. Introduzione alla rete Internet con una breve storia

Che cos'è Internet. Capitolo. Storia e struttura di Internet L. Introduzione alla rete Internet con una breve storia TECNOLOGIE WEB Che cos é Internet Capitolo 1 Che cos'è Internet Introduzione alla rete Internet con una breve storia Storia e struttura di Internet L idea di Internet nasce all inizio degli anni 60. L

Dettagli

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale SCUOLA PRIMARIA GIOTTO CARPI Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale Anno Scolastico 2011-2012 Insegnanti

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

LINGUE STRANIERE. Presentazione

LINGUE STRANIERE. Presentazione LINGUE STRANIERE Presentazione La conoscenza di almeno due lingue comunitarie oltre alla lingua materna è obiettivo strategico dell istruzione obbligatoria in ambito europeo. L esercizio della cittadinanza

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

Lo studio digitale. Riambientare la didattica in una pratica e una logica di rete

Lo studio digitale. Riambientare la didattica in una pratica e una logica di rete Lo studio digitale Riambientare la didattica in una pratica e una logica di rete Roberto Maragliano Università degli Studi Roma Tre r.maragliano@gmail.com Le tecnologie possono essere viste come veicoli.

Dettagli

COMUNICARE BENE E CON EFFICACIA

COMUNICARE BENE E CON EFFICACIA Presentiamo un estratto del testo Comunicare bene e con efficacia che integra il corso FAD per un esaustivo approfondimento. COMUNICARE BENE E CON EFFICACIA Sergio Marchesini testo allegato al corso in

Dettagli

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network Prof. Giuseppe Riva Università Cattolica del Sacro Cuore www.isocialnetwork.info 1-1 Indice I social network sono una moda? SN come

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Introduzione ai Calcolatori Elettronici

Introduzione ai Calcolatori Elettronici Introduzione ai Calcolatori Elettronici Introduzione al Web Internet A.A. 2013/2014 Domenica Sileo Università degli Studi della Basilicata Introduzione al Web : Internet >> Sommario Sommario n Internet

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA. PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli apprendimenti

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA. PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli apprendimenti LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli Alunni che manifestano difficoltà di inserimento L alunno ha iniziato a frequentare

Dettagli

LABORATORIO DI TELEMATICA

LABORATORIO DI TELEMATICA LABORATORIO DI TELEMATICA COGNOME: Ronchi NOME: Valerio NUMERO MATRICOLA: 41210 CORSO DI LAUREA: Ingegneria Informatica TEMA: Analisi del protocollo FTP File Transfer Protocol File Transfer Protocol (FTP)

Dettagli

Sistemi Informativi di relazione - Internet

Sistemi Informativi di relazione - Internet Sistemi Informativi di relazione - Internet Obiettivi. Presentare i concetti base di Internet. Illustrare l evoluzione storica di Internet. Familiarizzare con gli elementi fondamentali di Internet: Il

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno: Ascolta e comprende parole e semplici espressioni, istruzioni,

Dettagli

SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE E DEI MEDIA II MODULO PROF.SSA ELISA GIOMI

SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE E DEI MEDIA II MODULO PROF.SSA ELISA GIOMI SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE E DEI MEDIA II MODULO PROF.SSA ELISA GIOMI 30 MARZO 2015 SITO DEL CORSO: WWW.MEDIASTUDIES.IT INTERNET & I MEDIA DIGITALI In questa lezione: Ø Nascita e evoluzione di Internet

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

IL CURRICOLO VERTICALE

IL CURRICOLO VERTICALE IL CURRICOLO VERTICALE Fiorin: LAVORARE SUL CURRICOLO Imperfezione delle «Indicazioni nazionali» dimensione della ricerca Lavorare su ciò che già c è PUNTI DI RIFERIMENTO Tutto il quadro normativo recupera

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni)

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) PREMESSA Le riflessioni sulla natura del computer, sulle risorse che possiede, sui rischi che programmi sbagliati possono comportare, ci spingono

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

Comunicazione e Mass media

Comunicazione e Mass media Comunicazione e Mass media I mass-media La stampa Il cinema La radio La televisione Il telefono Il computer Le reti internet Comunicazione di massa Comprendono le istituzioni e le tecniche grazie alle

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BOZZAOTRA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO Via Roma, 27-80061 MASSA LUBRENSE(NA) Cod. Mecc. NAIC8D8002 C. F. n 90078340636 Tel e/o fax. 081/8789205-8089695 Sito

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto:

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: Spunti di riflessione per operatori sociali e facilitatori di gruppi di auto/mutuo aiuto. di Silvia Clementi* Le dinamiche

Dettagli

Informatica. Classe Prima

Informatica. Classe Prima Informatica Classe Prima Obiettivo formativo Conoscenze Abilità Conoscere e utilizzare il computer per semplici attività didattiche Conoscere i componenti principali del computer. o Distinguere le parti

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

Scheda di approfondimento gioco La Rete Internet

Scheda di approfondimento gioco La Rete Internet Scheda di approfondimento gioco La Rete Internet Che cos è Internet Internet è una rete mondiale di computer connessi tra loro. I cavi di rete che collegano i computer possono trasportare una maggiore

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA LA SCATOLA DELLE ESPERIENZE - Bazzano

SCUOLA DELL INFANZIA LA SCATOLA DELLE ESPERIENZE - Bazzano SCUOLA DELL INFANZIA LA SCATOLA DELLE ESPERIENZE - Bazzano LABORATORIO MULTIMEDIALE Alla scoperta di Marghet L attività proposta in questo anno scolastico ha visto i bambini di cinque anni confrontarsi

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di.

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. Vorrei partire da un assunto, o meglio una constatazione: è impossibile non comunicare: la comunicazione è una proprietà del

Dettagli

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale avanzato intermedio elementare C2 C1 B2 B1 A2 A1 È in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o legge. Sa riassumere

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

Capitolo 3. Il funzionamento delle reti

Capitolo 3. Il funzionamento delle reti Capitolo 3 Il funzionamento delle reti La rete ci cambia la vita L Età dell Informazione ha prodotto profondi cambiamenti nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali stanno

Dettagli

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: Reti di computer ed Internet nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Reti di computer ed Internet

Reti di computer ed Internet Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA I. Introduzione COUNSELING E COUNSELOR Attualmente nella sua definizione più ampia, il termine Counseling indica la relazione d aiuto che si instaura tra una persona

Dettagli

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA CONTINUITA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE IMPARARE AD IMPARARE Acquisire un proprio metodo di studio e di lavoro. Scoperta e riconoscimento di regole generali per:

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016 Direzione Didattica 2 Circolo San Giuseppe Via Enrico Costa, 63 - telefax 079/233275 - Sassari e-mail ssee00200p@istruzione.it - sito web www.secondocircolosassari.gov.it Cod. Fiscale. 80002320903 Cod.

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete

Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete Giulia Caminada Professoressa di Materie Letterarie Scuola Media G. Segantini di Asso giulia.caminada@tiscali.it - www.bloggiornalismo.it

Dettagli

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia a cura di Cristian Fabbi La riflessione sul tema dei diritti ha portato alcune consapevolezze che, per altro, già erano diffuse tra noi, ma che ora

Dettagli

ASSOCIAZIONE FLORETE FLORES

ASSOCIAZIONE FLORETE FLORES I bambini cantano West Side Story Il progetto I bambini cantano, nasce e si sviluppa in seno ad una progettualità che dura ormai da diversi anni e che investe diverse realtà del territorio, che si prefigge

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

Di cosa di occuperemo?

Di cosa di occuperemo? Un contributo per interpretare e gestire i flussi di comunicazione nel processo di ispezione Di cosa di occuperemo? aspetti di comunicazione e relazionali nelle visite ispettive e nel processo di certificazione

Dettagli

PROGETTO DI LABORATORIO DI INFORMATICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO DI LABORATORIO DI INFORMATICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO DI LABORATORIO DI INFORMATICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA SU E GIÚ... CON CHIP Anno scolastico 2008-09 PREMESSA...Il bambino si confronta con i nuovi media e con i nuovi linguaggi della comunicazione,

Dettagli

L OSSERVATORIO. 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET

L OSSERVATORIO. 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET L OSSERVATORIO 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET POPOLO DI NAVIGATORI MA NON SU INTERNET 30 Dicembre 2013 Nella fascia di popolazione tra i 54 e i 59 anni, la

Dettagli

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE CATALOGO 2016 DIZIONARI E CORSI DI LINGUE EDITORE 3 MOTIVI PER IMPARARE LE LINGUE CON I CORSI DI LINGUA DIGITAL PUBLISHING Corso 1 inglese 59,00 Contenuto: cd-rom libro di testo cuffia-microfono NUOVA

Dettagli

Il funzionamento delle reti

Il funzionamento delle reti Il funzionamento delle reti La rete ci cambia la vita L Età dell Informazione ha prodotto profondi cambiamenti nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali stanno mutando l

Dettagli

La comunicazione interpersonale. Dr. Savio Stocco, psicologo e psicoterapeuta

La comunicazione interpersonale. Dr. Savio Stocco, psicologo e psicoterapeuta La comunicazione interpersonale Dr. Savio Stocco, psicologo e psicoterapeuta Comunicazione interpersonale Quella che avviene tra due persone o all interno di un gruppo definito. E immediata e prevede la

Dettagli

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Materiale pratico della durata di un ora circa Il nuovo ambiente di apprendimento rappresenterà un cambiamento pedagogico radicale o sarà soltanto

Dettagli

LINGUA INGLESE INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO-COMPRENSIONE ORALE

LINGUA INGLESE INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO-COMPRENSIONE ORALE LINGUA INGLESE INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO-COMPRENSIONE ORALE INFANZIA Il bambino scopre la presenza di lingue diverse, riconosce e sperimenta la pluralità dei linguaggi, si misura con la creatività

Dettagli

Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta

Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta Area dei linguaggi: ITALIANO o L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione, discussione), attraverso

Dettagli

Reti e Internet: introduzione

Reti e Internet: introduzione Facoltà di Medicina UNIFG Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo Reti e Internet: introduzione c.gallo@unifg.it Reti e Internet: argomenti Tipologie di reti Rete INTERNET: Cenni storici e architettura

Dettagli

PERCEZIONE E APPRENDIMENTO da F.AFFOLTER, E. STRICKER a cura di, Alle radici delle parole Emme Edizioni, Milano, 1983; ed.

PERCEZIONE E APPRENDIMENTO da F.AFFOLTER, E. STRICKER a cura di, Alle radici delle parole Emme Edizioni, Milano, 1983; ed. PERCEZIONE E APPRENDIMENTO da F.AFFOLTER, E. STRICKER a cura di, Alle radici delle parole Emme Edizioni, Milano, 1983; ed. originale 1980 Parte I IL MODELLO L esame del riconoscimento di patterns successivi

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

ESERCITAZIONE. La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA

ESERCITAZIONE. La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA ESERCITAZIONE La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA Il World Wide Web, come abbiamo visto, costituisce sicuramente un ambiente che offre importanti opportunità e risorse per lo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

Le competenze dell asse storico-sociale

Le competenze dell asse storico-sociale CIDI di Milano Come valutare e certificare le competenze in uscita Le competenze dell asse storico-sociale i Marina Medi Istituto Zappa - Milano 20 gennaio 2011 Quali competenze? L insegnamento storico-sociale

Dettagli

Progetto educativo per i bambini anticipatari

Progetto educativo per i bambini anticipatari Progetto educativo per i bambini anticipatari PREMESSA La questione dell anticipo deve essere affrontata facendo riferimento a discipline quali la psicologia dello sviluppo, la pedagogia e l organizzazione

Dettagli

Presentazione della collana... vii. INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1. Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11

Presentazione della collana... vii. INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1. Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11 INDICE Presentazione della collana... vii INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1 Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11 Elena Cozzari 2. L e-learning COME AMBIENTE DI FORMAZIONE... 37 Gioconda

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria.

SCUOLA PRIMARIA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria. AREE DISCIPLINARI E DISCIPLINE SCUOLA PRIMARIA AREA LINGUISTICO-ARTISTICO-ESPRESSIVA ITALIANO L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione, discussione, scambi epistolari

Dettagli

Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO

Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO Area linguistico-intellettiva Le tappe del pensiero Nel corso del primo anno: segue con lo sguardo gli oggetti in movimento; distingue i volti

Dettagli

Syllabus versione 1.0 NUOVA ECDL MODULO 1-1. Computer Essentials (concetti di base del computer)sez.5 CONCETTO DI RETE. Perchè utilizzare una rete???

Syllabus versione 1.0 NUOVA ECDL MODULO 1-1. Computer Essentials (concetti di base del computer)sez.5 CONCETTO DI RETE. Perchè utilizzare una rete??? Syllabus versione 1.0 NUOVA ECDL MODULO 1-1 Computer Essentials (concetti di base del computer)sez.5 Proff. Luca Basteris-Cristina Daperno Sezioni del Syllabus: 1.Computer e dispositivi 2.Desktop, icone

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

INGLESE COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE. b. Utilizza la lingua inglese nell uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione

INGLESE COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE. b. Utilizza la lingua inglese nell uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione INGLESE COMPETENZE SPECIFICHE AL a. Nell incontro con persone di diverse nazionalità è in grado di esprimersi a livello elementare in lingua inglese. b. Utilizza la lingua inglese nell uso delle tecnologie

Dettagli

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Via Palazzo di Città, 5 10023 CHIERI (TO) tel. 011-9472245 fax 011-9473410 email: infanzia@santateresachieri.it sito web: www.santateresachieri.it SU

Dettagli

ITALIANO - CLASSE PRIMA

ITALIANO - CLASSE PRIMA ITALIANO - CLASSE PRIMA L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Comprende semplici testi di intrattenimento e

Dettagli

Apprendimenti minimi. Classe Prima

Apprendimenti minimi. Classe Prima Apprendimenti minimi Classe Prima Ascoltare semplici consegne e comandi ed adeguarvi il proprio comportamento Comprendere e riferire, attraverso domande-guida, i contenuti essenziali relativi a semplici

Dettagli

IL LINGUAGGIO VISIVO DEL MARCHIO

IL LINGUAGGIO VISIVO DEL MARCHIO IL LINGUAGGIO VISIVO DEL MARCHIO Il linguaggio iconico, ancor più di quello verbale, utilizza figure retoriche. Anche il linguaggio del marchio contiene queste figure. METAFORA La caratteristica fondamentale

Dettagli

FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA Concorre all educazione armonica ed integrale dei bambini e delle bambine Contribuisce alla realizzazione del principio dell uguaglianza

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione per il Personale - Settore Sviluppo Risorse Umane - SISTEMA DI VALUTAZIONE PERFORMANCE INDIVIDUALE La gestione del colloquio di valutazione INDICE INTRODUZIONE

Dettagli

Il passaggio dalla scrittura chirografica a quella digitale

Il passaggio dalla scrittura chirografica a quella digitale Raffaella Raschellà SSIS VIII ciclo, indirizzo FIM, classe A049, matricola 1036 Esame di Sociologia dell Educazione / mod. I Il passaggio dalla scrittura chirografica a quella digitale Questo testo vuole

Dettagli

Le reti di calcolatori

Le reti di calcolatori Le reti di calcolatori 1 La storia Computer grandi e costosi Gli utenti potevano accerdervi tramite telescriventi per i telex o i telegrammi usando le normali linee telefoniche Successivamente le macchine

Dettagli

LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA

LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 Occorre sapere...7 Conoscenze...8

Dettagli

Le Reti Sociali. Prof. Claudio Saita

Le Reti Sociali. Prof. Claudio Saita Le Reti Sociali Prof. Claudio Saita 1 La Scienza delle Reti La Teoria delle Reti si è sviluppata negli ultimi anni e si caratterizza per tre punti fondamentali: Focalizza le proprietà delle reti nel mondo

Dettagli

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO Numero Terzo Novembre 2007 Idee per una rilettura Hans Georg Gadamer La ragione nell'età della scienza (Il nuovo melagnolo, Genova 1999) di Scilla Bellucci

Dettagli

Obiettivi. Unità C2. Connessioni. Internet. Topologia. Tipi di collegamento

Obiettivi. Unità C2. Connessioni. Internet. Topologia. Tipi di collegamento Obiettivi Unità C2 Internet: la rete delle reti Conoscere le principali caratteristiche di Internet Conoscere le caratteristiche dei protocolli di comunicazione Saper analizzare la struttura di un URL

Dettagli

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa 6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa Da un punto di vista psicologico, l udito è il senso che contribuisce alla formazione dei primi legami relazionali

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA A.S

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA A.S ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: ITALIANO partecipa a scambi linguistici con compagni ed insegnanti, attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Si esprime

Dettagli

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE CATALOGO 2015 DIZIONARI E CORSI DI LINGUE EDITORE 3 MOTIVI PER IMPARARE LE LINGUE CON I CORSI DI LINGUA DIGITAL PUBLISHING Corso 1 inglese 59,00 Contenuto: cd-rom libro di testo cuffia-microfono NUOVA

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

Tecniche di mediazione: introduzione alla comunicazione nuova figura professionale costruzione di una buona relazione tra le parti

Tecniche di mediazione: introduzione alla comunicazione nuova figura professionale costruzione di una buona relazione tra le parti Il procedimento di mediazione, oggi disciplinato dal DLgs n 28/2010, introduce nel nostro sistema una nuova figura professionale, quella appunto del mediatore che deve necessariamente possedere competenze

Dettagli

COME DIVENTARE CONCILIATORE

COME DIVENTARE CONCILIATORE MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA COME DIVENTARE CONCILIATORE GRAZIE PER AVER SCARICATO IL MIO MANUALE PER CONCILIATORI! E UN CORSO DEDICATO A TUTTI QUELLI CHE VOGLIONO CAPIRE COSA SIGNIFICA DIVENTARE E ESSERE

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre / Commutazione di Pacchetto Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Svantaggi della Commutazione

Dettagli

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA 1 RICEZIONE ORALE 1. Familiarizzare coi primi suoni della lingua inglese 2. Comprendere semplici espressioni di uso quotidiano, pronunciate chiaramente. 3. Comprendere,

Dettagli

Internet. Evoluzione della rete Come configurare una connessione. Internet: Storia e leggenda

Internet. Evoluzione della rete Come configurare una connessione. Internet: Storia e leggenda Internet Evoluzione della rete Come configurare una connessione Internet: Storia e leggenda La leggenda Un progetto finanziato dal Ministero della Difesa USA con lo scopo di realizzare una rete in grado

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Cosa significa comunicare su un rischio in situazioni di emergenza

Cosa significa comunicare su un rischio in situazioni di emergenza Cosa significa comunicare su un rischio in situazioni di emergenza (Parte dei contenuti del testo sono tratti dai contributi di Mauro Palazzi ai corsi di formazione sul rischio in situazioni di emergenza)

Dettagli