COME REALIZZARE UN SEMPLICE WORKFLOW APPROVATIVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COME REALIZZARE UN SEMPLICE WORKFLOW APPROVATIVO"

Transcript

1 Mauro Romano COME REALIZZARE UN SEMPLICE WORKFLOW APPROVATIVO CON MICROSOFT SHAREPOINT Sommario Microsoft SharePoint è una piattaforma di collaborazione, gestione documentale, business intelligence e repository. E uno strumento duttile, su cui sviluppare applicazioni e processi oltre che per gestire la documentazione. In questo articolo l autore descrive le funzionalità di SharePoint con l intento di far comprendere al lettore le reali potenzialità che questa piattaforma offre a chi lo utilizza. Per dare una prova di quanto descritto, in queste pagine verrà spiegato il processo di creazione di un workflow approvativo, personalizzato, utilizzando unicamente le caratteristiche base di SharePoint. Altran Italia ha deciso di basare l intranet e gli applicativi di controllo di gestione sulla tecnologia SharePoint, progettati e realizzati utilizzando competenze interne. 1. Introduzione Microsoft SharePoint [1, 2, 3] è una piattaforma versatile che le aziende e le divisioni, di qualsiasi dimensione, possono utilizzare per aumentare l efficienza dei processi di business e per migliorare la produttività dei propri gruppi di lavoro. SharePoint è presente sul mercato in due versioni: Windows SharePoint Services 3.0 (WSS 3.0): è completamente gratuito per chi ha una licenza di Windows Server 2003 o superiore; Microsoft Office SharePoint Server (MOSS): è la versione a pagamento che, appoggiandosi a WSS 3.0, ne estende funzionalità e potenzialità. WSS 3.0, distribuito come componente di Windows Server 2003, semplifica la realizzazione di un infrastruttura di collaborazione, riducendone al minimo i tempi amministrativi di gestione e manutenzione. La perfetta integrazione di WSS 3.0 con strumenti specializzati nella creazione, pubblicazione, organizzazione e ricerca delle informazioni, anche con i classici strumenti Office, velocizza e centralizza semplicemente il lavoro degli utenti. E possibile creare siti e aree di lavoro, assegnare i permessi di accesso e caricare la documentazione, con notevole rapidità; con la medesima semplicità è possibile archiviare la propria documentazione in raccolte documenti (document library, analoghe a quelle del file system), ed inserire metadati per estendere le proprietà dei documenti e semplificarne la classificazione, l organizzazione e la ricerca. Un gruppo di lavoro che decida di appoggiarsi a WSS 3.0 è operativo fin da subito: la gestione dei dati in corso d opera è flessibile e sotto il completo controllo degli amministratori del sito che possono decidere di rendere pubbliche o private determinate aree fino alla protezione, o alla condivisione, del singolo dato in una raccolta documenti o in un oggetto di tipo lista 1. Di grande importanza per le attività quotidiane sono le funzionalità di check-in/check-out 2, versioning e work flow messe a disposizione da Windows Workflow Foundation 3. Con WSS 3.0 si è raggiunto un significativo grado di maturità del prodotto; in questa versione sono supportate funzioni comunemente utilizzate in soluzioni Web 2.0 come blog, wiki e feed RSS. Tutto questo, avendo a disposizione un computer con Windows Server 2003 o versioni successive. 1 L oggetto di tipo lista è paragonabile ad una tabella, o a un foglio Excel; per semplificare, la raccolta documenti contiene file mentre la lista contiene dati. In SharePoint sono presenti diversi tipi di lista che offrono funzionalità tipizzate (lista collegamenti, lista attività, lista attività di progetto, lista sondaggio, ecc). 2 Quando si lavora on-line, con strumenti Office, è SharePoint ad occuparsi di bloccare i file che stiamo elaborando. La funzionalità di check-in/check-out permette agli utenti di bloccare manualmente un file non Office o di lavorare off-line, per poi sbloccarlo una volta sincronizzato il proprio lavoro. 3 Windows Workflow Foundation è un framework di Microsoft che consente agli utenti di creare flussi di lavoro nelle proprie applicazioni. Altran Italia Technology Review n 4 - Settembre 2010 < 23

2 Fonte: Rielaborazione da: Figura 1. Distribuzione semplificata dei servizi di SharePoint. Figura 2. SharePoint in alcuni ambiti di utilizzo. 24 > Altran Italia Technology Review n 4 - Settembre 2010

3 Per quanto riguarda MOSS, è un prodotto che si acquista a parte con le sue licenze server e client (Client Access License, CAL). Si basa, come abbiamo detto, su WSS 3.0 e ne estende le funzionalità, ad esempio, per integrare i vari siti WSS 3.0 in un unica struttura gerarchica. Il motore di ricerca, potenziato, lavora su tutti i siti collegati a MOSS e non solo, come accade in WSS 3.0, in quello dove si effettua la ricerca. MOSS è pensato essenzialmente per creare portali aziendali intranet, internet ed extranet. Sono incluse funzionalità avanzate di Content Management, Document Management e, nella versione Enterprise, offre funzionalità di Business Intelligence con strumenti come Excel Services, Business Data Catalog, Report Center, Key Performance Indicator, PerformancePoint ed InfoPath Forms Services. Nei paragrafi seguenti, dopo un breve excursus storico, sono illustrate le caratteristiche principali di WSS e MOSS di cui viene fornita un overview in Figura 1 e in Figura Storia di SharePoint La prima versione di SharePoint è stata commercializzata negli anni Novanta con il nome di SharePoint Team Services (STS) e SharePoint Portal Server (SPS) e risale allo stesso periodo di Office XP che, nella sua versione completa, conteneva Microsoft FrontPage per supportare gli utenti nella personalizzazione dei propri siti di lavoro. STS poteva girare su Windows 2000 Server o Windows XP. Dopo aver potenziato alcuni servizi di condivisione documentale e collaborazione, a metà del 2003 sono stati rilasciati Windows SharePoint Services 2.0 e SharePoint Portal Server Entrambe le piattaforme sono state distribuite come un aggiornamento di SharePoint Team Services ma erano, in realtà, due applicazioni completamente ridisegnate. SharePoint Team Services conservava i documenti sul classico file system, inserendo i metadati dei documenti in un database. WSS 2.0 e SPS 2003, invece, memorizzavano documenti e metadati in un database, introducendo la gestione delle versioni e del check-in/check-out. Con il Service Pack 2 per WSS e SPS, è stato aggiunto il supporto per SQL Server 2005 e l uso del Framework.NET 2.0. Windows SharePoint Services 3.0, con la sua versione portale denominata Microsoft Office SharePoint Server, è stato rilasciato il 16 novembre 2006, in concomitanza alla suite Microsoft Office 2007 e a Windows Server WSS 3.0 è stato realizzato utilizzando i Framework.NET 2.0 e 3.0, per poter aggiungere le funzionalità di workflow con Windows Workflow Foundation. All inizio del 2007, WSS 3.0 è stato reso disponibile al pubblico con il supporto del solo Windows Server 2003 (e versioni successive). Con WSS 3.0 si è raggiunto un significativo grado di maturazione del prodotto: in questa versione sono supportate funzioni utilizzate comunemente in soluzioni Web 2.0 come blog, wiki e feed RSS. All inizio del 2010 Microsoft ha rilasciato la quarta release di questa piattaforma chiamandola SharePoint Foundation 2010 e la versione portale, SharePoint Server Le numerose potenzialità offerte dimostrano la stabilità raggiunta da SharePoint, che può essere considerato un vero e proprio coltellino svizzero, completo e scalabile, per le aziende (Figura 3). Figura 3. SharePoint: il coltellino svizzero per le aziende. 3. Le funzionalità di WSS 3.0 Windows SharePoint Services 3.0 offre molte funzionalità off-theshelf necessarie a supportare gli utenti nella creazione e nell utilizzo dei loro siti di progetto, divisione ed intranet. Inoltre, ogni funzionalità ha molteplici possibilità d uso, di integrazione e di sviluppo. Nel seguito vengono brevemente descritte quelle fondamentali. Creazione siti: permette, a chiunque ne abbia i permessi, di creare aree di lavoro con modelli (template) di sito predefiniti o personalizzati. Il template di default, che è il più utilizzato, è il Sito del team (team site), ma ce ne sono molti altri specifici, ad esempio, per la gestione dell Help Desk, per l organizzazione di riunioni, corsi, o gruppi di lavoro, per la creazione di uno specifico documento, ecc. All interno dei siti SharePoint, è possibile creare aree di raccolta documenti, liste di elementi (come contatti, attività e problemi da monitorare), calendari condivisi, forum ed aree wiki. Gestione documenti: è una funzionalità importante di SharePoint. Creando liberamente raccolte documenti, si possono caricare file, di qualsiasi formato, da web o direttamente dalle applicazioni che li generano, tramite un indirizzo web (ad esempio, Con questa funzionalità, SharePoint permette di inserire metadati, gestibili sottoforma di colonne nelle raccolte documenti, che verranno richiesti in fase di salvataggio del file o, se predisposto, recuperati direttamente dal documento Office che si sta caricando. I metadati vengono associati ai documenti e possono essere utilizzati in ricerche, analisi o applicazioni personalizzate. I file caricati sui siti di SharePoint possono essere salvati in modo trasparente su SQL Server. Inoltre, con una minima pianificazione delle attività, è possibile spostare in SharePoint tutti i file presenti sul file system, organizzandoli in siti Altran Italia Technology Review n 4 - Settembre 2010 < 25

4 e raccolte documenti secondo le proprie necessità. E anche possibile lasciare agli utenti l accesso alle consuete mappature di rete, ma godendo, immediatamente, di tutti i benefici forniti da SharePoint: la possibilità di gestire le versioni dei documenti e le logiche di check-in/check-out sono solo alcuni dei vantaggi offerti. Cestino a due livelli: è un utile funzionalità introdotta a partire dalla versione 3.0. Ogni file o elemento di una lista, eliminato da un utente, viene automaticamente spostato all interno del cestino; quest ultimo lavora a livello utente, così da rispettare eventuali permessi d accesso ai file di altri utenti. È possibile svuotare il cestino o rimuovere solo alcuni file. Questi, però, non vengono cancellati definitivamente, ma finiscono in un secondo cestino a disposizione dell amministratore. Se un documento viene cancellato per sbaglio dal cestino, è sempre possibile rivolgersi all amministratore, purché non passi un tempo troppo lungo. Infatti, l amministratore centrale può impostare la rimozione dei file più vecchi di trenta giorni (impostazione predefinita) dai cestini; trascorso tale periodo è necessario ricorrere ai backup. Workflow articolati grazie a Windows Workflow Foundation, perfettamente integrato in SharePoint. Configurando i workflow predefiniti, o creandone di nuovi, è possibile attivare le funzionalità di approvazione, invio , ecc., sia su documenti sia su altri elementi del sito. Wiki (Figura 4): consente di collaborare alla creazione di un area informativa comune, scambiando idee velocemente e in modo aperto. Tramite un browser, i membri del team possono creare e collegare tra loro pagine, senza utilizzare editor di testo o senza possedere speciali competenze tecniche. Blog: mette a disposizione degli utenti dell azienda un area nella quale possono condividere idee ed informazioni su prodotti, tecnologie e processi, scrivendo brevi e frequenti post ai quali i lettori, se abilitati, possono accodare i loro commenti. Sondaggio: è una particolare lista di SharePoint che permette di raccogliere informazioni con visualizzazioni condizionali in base alle risposte fornite alle domande di un sondaggio. Consente agli utenti di salvare risposte incomplete, nel caso in cui debbano interrompere la compilazione del sondaggio. Feed RSS: consente agli utenti di essere costantemente aggiornati sulle novità dei siti di loro interesse, anziché navigarli alla ricerca dei nuovi inserimenti. Invia avviso: è una funzionalità, disponibile in ogni raccolta documenti o in ogni lista, che permette di ricevere notifiche tramite posta elettronica ogniqualvolta vengano modificati, aggiunti o cancellati elementi. Lo strumento è altamente configurabile e l utente può decidere quando ricevere gli avvisi, per quale evento e, se ha sufficienti permessi, può impostare questi avvisi per altri utenti. Figura 4. Esempio di sito Wiki in SharePoint. 4. Le funzionalità di MOSS Le caratteristiche più interessanti che contraddistinguono Microsoft Office SharePoint Services sono le seguenti: Excel Services: permette di caricare un file Excel e di visualizzarlo nel browser, senza che l utente abbia bisogno della versione client di Excel. Il proprietario (owner) del file può decidere di rendere pubblico agli utenti l intero spazio di lavoro (work space) o solo alcune determinate aree od oggetti. La sicurezza dei dati è un aspetto importante: informazioni quali formule ed origini dei dati sono nascoste a tutela delle regole di business contenute nel documento Excel. Inoltre, se previsto dall owner del file, gli altri utenti possono manipolare i dati pubblicati tramite dei parametri. Con Excel Services si centralizzano le informazioni, nel pieno della logica di SharePoint, e si possono facilmente assegnare gli accessi in lettura o scrittura permettendo, in questo modo, l accesso selettivo al file Excel archiviato. È anche possibile creare snapshot di un file Excel, anziché pubblicarlo in modalità interattiva con collegamento in tempo reale alla fonte dati. Excel Services consente, infine, di sfruttare origini dati esterne come, ad esempio: database SQL Server, altri fogli Excel, file di testo, ecc. (Figura 5). Business Data Catalog (BDC): è, insieme ad Excel Services, una delle componenti più interessanti di Microsoft Office SharePoint Server. Consente sia di utilizzare origini dati esterne in cartelle di lavoro di Excel, sia di utilizzare e aggregare fonti dati esterne (ad esempio, SAP, Siebel, Oracle), accessibili come database o web service. In questo modo, è possibile connettere tra loro applicazioni esistenti in azienda mediante SharePoint, in maniera semplice e veloce. Gli amministratori di SharePoint creano le connessioni di 26 > Altran Italia Technology Review n 4 - Settembre 2010

5 lendario per gli aggiornamenti successivi e sottoscrivere i report di interesse. Per impostazione predefinita, un file Excel, pubblicato e salvato in una raccolta documenti nel Report Center, è predisposto ad essere visualizzato direttamente nel browser: in questo modo, è possibile visualizzare comodamente il file senza doverlo aggiungere ad una Web Part o aprirlo in Excel. Figura 5. Cruscotti con Excel Services. sistema, definendo specifiche entità di business attraverso dei file XML: tali file indicano a SharePoint dove e come accedere alle entità individuate (mediante web service, query verso database, ecc.) e le memorizzano nel Centro report (Report Center), un repository centralizzato di file. In questo modo, tutti gli utenti che dispongono delle necessarie autorizzazioni, possono accedere e riutilizzare facilmente il pool di connessioni centralizzato per ricerche, liste e Web Part4. Si possono, ad esempio: effettuare ricerche che combinano i dati delle liste e delle raccolte documenti di un portale con quelli delle entità applicative esterne configurate (ad esempio, anagrafiche clienti, ordini, fatture, ecc.); utilizzare le specifiche Web Part del BDC, che permettono di portare rapidamente i dati delle entità applicative all interno delle pagine web, senza scrivere codice. L utilizzo di connessioni a origini dati esterne permette agli utenti d interagire con i dati contenuti nell origine esterna senza uscire da SharePoint. Report Center: fornisce un luogo centralizzato per la pubblicazione di dati e oggetti su cui effettuare operazioni di Business Intelligence; contiene raccolte di documenti per la memorizzazione di report, elenchi, modelli di pagine Web Part e file.odc (Office Data Connection). All interno del Report Center, gli utenti possono cercare i dati utilizzando le categorie assegnate, visualizzare un ca- 4 Una Web Part è un controllo che può essere aggiunto da un utente a run time. Più Web Part possono essere integrate tra di loro per creare siti web "dinamici" e personalizzabili direttamente dall'utente. Ad esempio, igoogle è una home page dinamica personalizzabile dall utente a proprio piacimento mediante Web Part (news, calendario, gadget, ecc.). Key Performance Indicator (KPI): è un indicatore grafico che consente di monitorare i progressi compiuti in relazione ad un obiettivo. L utilizzo dei KPI di SharePoint consente di visualizzare rapidamente risposte alle domande più comuni legate allo stato di salute dei propri obiettivi. I KPI vengono creati utilizzando elenchi tipizzati e visualizzati tramite Web Part specifiche. E possibile aggiungere Web Part ai cruscotti (dashboard) nel sito del Report Center o visualizzarli in altri siti e liste. Ogni KPI riceve un singolo valore da una fonte dati, da una singola proprietà o calcolando le medie attraverso dati selezionati, successivamente confronta quel valore con un altro precedentemente impostato. Per utilizzare i KPI, occorre innanzitutto creare una lista KPI a cui aggiungere uno o più indicatori, impostando una delle seguenti origini dati: liste di SharePoint, file Excel, Microsoft SQL Server 2005 Analysis Services5, informazioni inserite manualmente. InfoPath Forms Services: consente agli utenti di compilare moduli Microsoft Office InfoPath 2007 utilizzando un browser Web, in alternativa ad InfoPath 2007 client. Grazie a questo servizio, è possibile utilizzare template più rapidamente e più semplicemente di quanto fosse possibile con le precedenti versioni di InfoPath client. InfoPath Forms Services fornisce, inoltre, un luogo centralizzato per memorizzare, gestire e distribuire i template dei moduli di un azienda. 5. Creazione di un semplice workflow Dopo aver descritto le principali caratteristiche di SharePoint, in questo paragrafo viene mostrato passo passo come creare un workflow approvativo (Figura 6). Non verrà utilizzato quello di base fornito da SharePoint, ma ne verrà creato uno ex novo. In questo modo, si fornisce al lettore un idea più completa delle possibilità di utilizzo e personalizzazione di SharePoint, anche se non è un esperto sviluppatore. Inoltre, il workflow approvativo presente in SharePoint è abbastanza 5 Microsoft SQL Server 2005 Analysis Services (SSAS) offre funzionalità di elaborazione analitica in linea (On-Line Analytical Processing, OLAP) e quindi di estrazione delle informazioni per soluzioni di Business Intelligence. Analysis Services consente di elaborare, creare e gestire strutture multidimensionali contenenti dati aggregati. Altran Italia Technology Review n 4 - Settembre 2010 < 27

6 Figura 6. Descrizione del workflow approvativo. limitato, ad esempio non permette di scegliere a chi assegnare l attività di approvazione in base a informazioni, come la categoria di appartenenza di un documento. Nel seguito, si assume che il lettore abbia: familiarità con SharePoint per la creazione di raccolte documenti, liste e colonne6; un sito su WSS, ad esempio creato con il modello Sito del team; Microsoft SharePoint Designer 2007 installato sul computer. E lo strumento designato da Microsoft per la personalizzazione dei siti SharePoint ed è possibile scaricarlo liberamente dal sito di Microsoft. 5.1 Creazione dell elenco dei responsabili dell approvazione Cominciamo con la creazione di una lista generica chiamata Responsabili Approvazione, avente le seguenti colonne: Categoria di tipo Scelta, con i valori Tecnico e Commerciale, selezione singola; deve contenere informazioni, senza valori predefiniti; repoint non permette di cancellarla, ma di nasconderla. Per farlo, bisogna andare in Impostazioni dell elenco, poi in Impostazioni avanzate e si deve impostare su Sì il campo Tipo di contenuto. Infine, disattiviamo gli allegati poiché non saranno utilizzati. Dopo aver salvato, torniamo nelle impostazioni della lista: nella sezione Tipi di contenuto clicchiamo su Elemento, poi su Titolo e impostiamo il valore Nascosta. In questo modo, non vediamo più la colonna Titolo nella scheda di dettaglio dell elemento della lista. Per non vederla nemmeno nell elenco, è necessario modificare la visualizzazione corrente, togliendo il flag in corrispondenza del campo in questione, aggiungendo la voce Modifica (collegamento per modifica elemento) e spostando quest ultima al primo posto. E preferibile non modificare mai la vista predefinita Tutti gli elementi, ma crearne una nuova, poiché la visualizzazione completa può essere utile per attività di manutenzione, controllo e verifica. Ora inseriamo due dati profili utente: Commerciale Tecnico e impostiamo il relativo indirizzo . Per verificare la corretta configurazione dell indirizzo , si può cliccare sui nomi nella colonna Responsabile. Il risultato deve essere come quello rappresentato in Figura 7. Responsabile di tipo Utente o Gruppo, con filtro solo su utenti; deve contenere informazioni e selezione singola. La colonna Titolo non è necessaria per gli scopi dell esempio: Sha6 Per approfondire le procedure per la creazione di raccolte documenti e liste, si rimanda alla documentazione ufficiale Microsoft, all indirizzo: 28 > Altran Italia Technology Review n 4 - Settembre 2010 Figura 7. Lista Responsabili Approvazione.

7 5.2 Creazione della raccolta di documenti da approvare Il passaggio successivo è individuare una raccolta documenti alla quale applicare il workflow e nella quale caricare i documenti, tra cui quello da approvare. Ad esempio, si può utilizzare la raccolta documenti Documenti Condivisi presente nei siti creati con il modello Sito del team. In questo modo, bisogna solo attivare l approvazione del contenuto, cliccando su Impostazioni, Impostazioni Raccolta documenti, Impostazioni controllo versioni; eventualmente, si può gestire il versionamento del documento. Al termine di questi passi è necessario salvare. Nella Raccolta documenti, aggiungiamo una colonna Categoria, di tipo Scelta con i valori Tecnico e Commerciale, impostando il campo come obbligatorio e senza specificare valori di default. Infine, apriamo SharePoint Designer e colleghiamoci al sito che conterrà il workflow, cliccando su File, Apri Sito e inserendo l indirizzo della root del sito. SharePoint Designer mostrerà una struttura simile a quella illustrata in Figura 8. Figura 8. Il sito in SharePoint Designer. 5.3 Creazione del workflow di approvazione Per creare un workflow, posizioniamo il mouse in qualsiasi punto dello spazio di lavoro (in SharePoint Designer), clicchiamo con il tasto destro e selezioniamo Nuovo, Contenuto di SharePoint, Flusso di lavoro, Flusso di lavoro vuoto, OK. Si aprirà la finestra Progettazione flussi di lavoro, dove bisogna impostare il nome del nuovo workflow, WF Approvazione, associarlo alla raccolta documenti e selezionare il secondo checkbox (Figura 9). Nella schermata successiva bisogna impostare le attività del workflow. Per prima cosa diamo un nome alla prima attività7, chiamandola Approvazione documento. Successivamente, configuriamo le azioni: selezioniamo la funzionalità Imposta variabile flusso di lavoro, dal menu azioni, e creiamo una nuova variabile cliccando sul link variabile flusso di lavoro (Figura 10). Chiamiamola IDDoc ed impostiamola di tipo ID voce elenco; il valore va impostato con origine Elenco corrente e campo ID. Questa variabile servirà ad individuare rapidamente il documento all interno della raccolta documenti. L attività di approvazione di un documento può prevedere due output, il risultato dell approvazione e un eventuale commento. In quanto segue, impostiamo i campi che contengono questi output. Dal menu Azioni, selezioniamo Raccolta dati da un utente e clicchiamo su dati. Procediamo ed impostiamo il nome Approvazione documento, clicchiamo su Avanti e inseriamo i campi da mostrare: Stato approvazione documento di tipo Scelta con i valori Approvato e Rifiutato, visualizzati come Pulsanti di scelta, disabilitando le immissioni personalizzate o vuote; 7 In SharePoint, un attività è costituita da un insieme di azioni. Figura 9. Creazione di un workflow con SharePoint Designer. Figura 10. Creazione di una variabile workflow. Commenti sul documento di tipo Righe di testo multiple; consentiamo che non ci siano valori e che il testo sia in formato HTML su 5 righe. Impostiamo il valore evidenziato questo utente (Figura 11), utilizzando la lista Responsabili Approvazione creata in precedenza. All apertura della nuova finestra, selezioniamo Ricerca flusso di la- Altran Italia Technology Review n 4 - Settembre 2010 < 29

8 Figura 11. Configurazione dell azione Raccogli dati utente. Figura 13. Risultato della prima attività del workflow. Figura 12. Selezione del responsabile dell'approvazione. voro e, successivamente, clicchiamo su Aggiungi: si apre una nuova finestra dove impostiamo la lista Responsabili Approvazione, come origine dati, e Responsabile, come campo da utilizzare per l assegnazione dell attività (Figura 12). Nella sezione inferiore di questa schermata occorre inserire un filtro per cercare il documento da approvare. Quando un utente caricherà un documento nella raccolta documenti, sarà obbligato ad inserire la categoria del documento perché abbiamo reso obbligatorio il metadato ad esso associato. Quindi, non resta che confrontare la categoria del documento con la categoria associata ai responsabili dell approvazione (Figura 7), recuperando i dati della persona incaricata per la validazione. Impostiamo la voce Campo con la categoria della lista Responsabili Approvazione e il relativo valore con un opportuna funzione, in modo da evitare di inserire uno dei due valori fissi proposti dall applicazione. Si apre una nuova maschera dove impostiamo la categoria dell elemento corrente (il documento caricato e che ha avviato il nostro workflow). All avvio del workflow, verrà creata un attività e verrà assegnata all utente individuato. E necessario memorizzare l ID di questa attività per poter aggiornare lo stato del documento al variare dello stato dell attività; dunque, l output dell attività Approvazione documento dovrà essere raccolto in una nuova variabile chiamata IDTask di tipo ID voce elenco. Successivamente, creiamo altre due variabili, DocStatoApprovazione e DocStatoApprovazioneCommento, per memorizzare lo stato dell approvazione del documento e il relativo commento: asse- 30 > Altran Italia Technology Review n 4 - Settembre 2010 gniamo loro i valori degli opportuni campi compilati dall utente, ripetendo le operazioni di prima. Il risultato è rappresentato in Figura 13. A questo punto il sistema è istruito per prendere in carico un documento ed assegnare l attività alla persona indicata come responsabile dell approvazione. Rimane da impostare il comportamento del sistema quando l utente completa l attività: esso, ovviamente, dipende dal fatto che l utente approvi o rifiuti il documento. Nella colonna a destra della schermata in Figura 13 clicchiamo su Aggiungi passaggio al flusso di lavoro e chiamiamolo Controllo Stato Approvazione. Si apre la schermata in Figura 14. Abbiamo due stati possibili e, dunque, due condizioni, a cui sono associate due azioni. Riguardo alla prima condizione, dal menu Condizioni inseriamo la funzionalità Confronta qualsiasi origine dati e valorizziamo il primo valore con la variabile DocStatoApprovazione (vi si accede cliccando sul link proposto dall applicazione, poi sul simbolo funzione e, infine, sotto Figura 14. Risultato della seconda attività del workflow.

9 l origine dati Dati flusso di lavoro). Impostiamo la condizione è uguale a e come secondo valore inseriamo la stringa Approvato. Passiamo alle azioni. Dal menu Azioni selezioniamo la voce Imposta stato approvazione contenuto e valorizziamo lo stato con Approvato; per dare la possibilità all utente di motivare la sua scelta, inseriamo il valore DocStatoApprovazioneCommento. Per quanto riguarda la seconda condizione, Rifiutato, ripetiamo questi ultimi due passaggi aggiungendo una nuova sezione cliccando su Aggiungi diramazione condizionale Else If. 5.4 Test del workflow A questo punto, il workflow approvativo è realizzato, senza scrivere una sola riga di codice. Per verificarne la correttezza, posizioniamoci nella raccolta documenti e carichiamo un qualsiasi documento, non necessariamente un documento Office. Al caricamento, viene richiesto di selezionare la categoria del documento, e all archiviazione, si attiverà il workflow, mostrando, nella colonna Stato, la dicitura In corso e, nella colonna Stato approvazione, la dicitura In sospeso (Figura 15). Pochi istanti dopo è creata un attività che viene assegnata all utente indicato nella lista Responsabili Approvazione. In questo esempio, è stato inserito un documento appartenente alla categoria Commerciale e l attività è assegnata a Mauro Romano (Figura 7). Nella casella di posta di Mauro Romano è arrivata un che lo avvisa che gli è stata assegnata l attività di approvazione del documento indicato, con l invito ad accedere alla lista attività per procedere alla validazione. La schermata di approvazione del documento contiene i campi inseriti in fase di creazione del workflow ed è mostrata in Figura 16. L utente può approvare o rifiutare il documento, completando così l attività: il workflow imposta lo stato di approvazione del documento e il relativo commento, con i dati inseriti nella schermata di approvazione. Il risultato finale è mostrato in Figura 17. Figura 15. Avvio del workflow in SharePoint al caricamento del documento. Figura 16. Maschera dell attività di approvazione del workflow. 6. Conclusioni In questo articolo è stato illustrato a grandi linee SharePoint, discutendo come utilizzarlo per migliorare il nostro lavoro. Si è mostrato, tramite un esempio, che è una piattaforma flessibile, altamente personalizzabile, che offre semplici ma fondamentali servizi di base. Il semplice workflow approvativo descritto passo passo può essere arricchito e personalizzato a seconda delle proprie esigenze. Si potrebbero gestire: l interruzione del processo di approvazione, se in corso; la riassegnazione dell attività conseguente alla modifica della categoria del documento; l assegnazione condizionale del documento sulla base di valori presenti al suo interno e opportunamente formattati ed esposti come metadati. Quest ultimo caso si può presentare, ad esempio, nel caso di una Richiesta d Acquisto che deve essere approvata da ruoli aziendali diversi a seconda del suo importo. La versione base di SharePoint contiene molte funzionalità utili e importanti: un utilizzo consapevole e continuativo dello strumento può portare risultati eccellenti. Per i lettori che vogliono sperimentare la piattaforma SharePoint, l autore consiglia di utilizzarne i servizi offerti, capire e provare tutte le funzionalità e, solo in un secondo momento, se necessario, personalizzare lo strumento in base alle Figura 17. Il documento è stato approvato con il commento inserito nel modulo dell attività (il codice HTML non è gestito in questa visualizzazione). esigenze. Infatti, spesso, SharePoint è utilizzato fuori contesto, snaturalizzandolo e perdendo, in questo modo, tutti i benefici tipici di uno strumento di collaborazione. Altran Italia Technology Review n 4 - Settembre 2010 < 31

10 Glossario WSS MOSS STS SPS BDC ODC KPI RSS Windows SharePoint Services Microsoft Office SharePoint Server SharePoint Team Services SharePoint Portal Server Business Data Catalog Office Data Connection Key Performance Indicator Really Simple Syndication Bibliografia [01]. Wynne Leon, Wayne Tynes, Simeon Cathey, Microsoft SharePoint Server 2007 Bible, Wiley, [02]. Microsoft, [03]. Microsoft Office Sharepoint Server Pages/Default.aspx Mauro Romano è in Altran Italia dal Da sempre interessato alle tecnologie Web, si è specializzato nel tempo in tecnologie Microsoft. Nel corso degli anni ha ricoperto sovente il ruolo di System Integrator consolidando le sue competenze su prodotti e processi. Al momento è Senior Consultant all interno della Divisione AIT ed opera, con il ruolo di Project Manager, prevalentemente negli ambiti Content Management, Document Management, Knowledge Management e Business Intelligence implementando molti processi sulla piattaforma Microsoft SharePoint, che segue assiduamente da oltre 10 anni. Appassionato di biologia marina e fotografia subacquea, nel 2000 ha realizzato un portale web (http://www.mondomarino.net) premiato, nel 2004, come miglior Sito educativo al 31 Festival Mondial de l'image Sous-Marine di Antibes Juan-Les-Pins, Francia. 32 > Altran Italia Technology Review n 4 - Settembre 2010

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Principali funzionalità di Tustena CRM

Principali funzionalità di Tustena CRM Principali funzionalità di Tustena CRM Importazione dati o Importazione da file dati di liste sequenziali per aziende, contatti, lead, attività e prodotti. o Deduplica automatica dei dati importati con

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence aggregazione dati Business Intelligence analytic applications query d a t a w a r e h o u s e aggregazione budget sales inquiry data mining Decision Support Systems MIS ERP data management Data Modeling

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali AlboTop Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali Introduzione AlboTop è il nuovo software della ISI Sviluppo Informatico per la gestione dell Albo professionale dell Ordine Assistenti Sociali.

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8

GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 1) Introduzione Pg 3 2) L area amministratore Pg 3 2.1) ECM Pg 4 2.1.1) Sezione Struttura Pg 5 2.1.2) Sezione Documento Pg 7 2.1.3) Sezione Pubblicazione

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC THOMSON SCIENTIFIC EndNote Web Quick Reference Card Web è un servizio online ideato per aiutare studenti e ricercatori nel processo di scrittura di un documento di ricerca. ISI Web of Knowledge, EndNote

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE 1 SOMMARIO 1 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO...3 2 OFFERTA DEL FORNITORE...4 2.1 LOG ON...4 2.2 PAGINA INIZIALE...4 2.3 CREAZIONE OFFERTA...6 2.4 ACCESSO AL DOCUMENTALE...8

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

Importazione dati da Excel

Importazione dati da Excel Nota Salvatempo Spesometro 4.3 19 MARZO 2015 Importazione dati da Excel In previsione della prossima scadenza dell'invio del Modello Polivalente (Spesometro scadenza aprile 2015), è stata implementata

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n. 1x1 qs-stat Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.: PD-0012 Copyright 2010 Q-DAS GmbH & Co. KG Eisleber Str. 2 D - 69469 Weinheim

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com Guida alla configurazione della posta elettronica bassanonet.com 02 Guida alla configurazione della posta elettronica I programmi di posta elettronica consentono di gestire una o più caselle e-mail in

Dettagli

HORIZON SQL PREVENTIVO

HORIZON SQL PREVENTIVO 1/7 HORIZON SQL PREVENTIVO Preventivo... 1 Modalità di composizione del testo... 4 Dettaglia ogni singola prestazione... 4 Dettaglia ogni singola prestazione raggruppando gli allegati... 4 Raggruppa per

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA HOTSPOT Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA Hotspot è l innovativo servizio che offre ai suoi clienti accesso ad Internet gratuito, in modo semplice e veloce, grazie al collegamento

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2012 Progetto Istanze On Line MOBILITÀ IN ORGANICO DI DIRITTO PRESENTAZIONE DOMANDE PER LA SCUOLA SEC. DI I GRADO ON-LINE 13 Febbraio 2012 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI

Dettagli

Manuale dell'utente di SAP BusinessObjects Process Analysis

Manuale dell'utente di SAP BusinessObjects Process Analysis Manuale dell'utente di SAP BusinessObjects Process Analysis SAP BusinessObjects Process Analysis XI3.1 Service Pack 3 windows Copyright 2010 SAP AG. Tutti i diritti riservati.sap, R/3, SAP NetWeaver, Duet,

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli

MANUALE OPERATIVO. Programma per la gestione associativa Versione 5.x

MANUALE OPERATIVO. Programma per la gestione associativa Versione 5.x Associazione Volontari Italiani del Sangue Viale E. Forlanini, 23 20134 Milano Tel. 02/70006786 Fax. 02/70006643 Sito Internet: www.avis.it - Email: avis.nazionale@avis.it Programma per la gestione associativa

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

La Valutazione Euristica

La Valutazione Euristica 1/38 E un metodo ispettivo di tipo discount effettuato da esperti di usabilità. Consiste nel valutare se una serie di principi di buona progettazione sono stati applicati correttamente. Si basa sull uso

Dettagli

Leg@lCom EasyM@IL. Manuale Utente. 1 Leg@lcom 2.0.0

Leg@lCom EasyM@IL. Manuale Utente. 1 Leg@lcom 2.0.0 Leg@lCom EasyM@IL Manuale Utente 1 Sommario Login... 5 Schermata Principale... 6 Posta Elettronica... 8 Componi... 8 Rispondi, Rispondi tutti, Inoltra, Cancella, Stampa... 15 Cerca... 15 Filtri... 18 Cartelle...

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

L Azienda che comunica in tempo reale

L Azienda che comunica in tempo reale Il servizio gestionale SaaS INNOVATIVO per la gestione delle PMI Negli ultimi anni si sta verificando un insieme di cambiamenti nel panorama delle aziende L Azienda che comunica in tempo reale La competizione

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Invio di SMS con FOCUS 10

Invio di SMS con FOCUS 10 Sommario I Sommario 1 1 2 Attivazione del servizio 1 3 Server e-service 3 4 Scheda anagrafica 4 4.1 Occhiale... pronto 7 4.2 Fornitura... LAC pronta 9 4.3 Invio SMS... da Carico diretto 10 5 Videoscrittura

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO Come eseguire una sessione DEMO CONTENUTO Il documento contiene le informazioni necessarie allo svolgimento di una sessione di prova, atta a verificare la

Dettagli