COME REALIZZARE UN SEMPLICE WORKFLOW APPROVATIVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COME REALIZZARE UN SEMPLICE WORKFLOW APPROVATIVO"

Transcript

1 Mauro Romano COME REALIZZARE UN SEMPLICE WORKFLOW APPROVATIVO CON MICROSOFT SHAREPOINT Sommario Microsoft SharePoint è una piattaforma di collaborazione, gestione documentale, business intelligence e repository. E uno strumento duttile, su cui sviluppare applicazioni e processi oltre che per gestire la documentazione. In questo articolo l autore descrive le funzionalità di SharePoint con l intento di far comprendere al lettore le reali potenzialità che questa piattaforma offre a chi lo utilizza. Per dare una prova di quanto descritto, in queste pagine verrà spiegato il processo di creazione di un workflow approvativo, personalizzato, utilizzando unicamente le caratteristiche base di SharePoint. Altran Italia ha deciso di basare l intranet e gli applicativi di controllo di gestione sulla tecnologia SharePoint, progettati e realizzati utilizzando competenze interne. 1. Introduzione Microsoft SharePoint [1, 2, 3] è una piattaforma versatile che le aziende e le divisioni, di qualsiasi dimensione, possono utilizzare per aumentare l efficienza dei processi di business e per migliorare la produttività dei propri gruppi di lavoro. SharePoint è presente sul mercato in due versioni: Windows SharePoint Services 3.0 (WSS 3.0): è completamente gratuito per chi ha una licenza di Windows Server 2003 o superiore; Microsoft Office SharePoint Server (MOSS): è la versione a pagamento che, appoggiandosi a WSS 3.0, ne estende funzionalità e potenzialità. WSS 3.0, distribuito come componente di Windows Server 2003, semplifica la realizzazione di un infrastruttura di collaborazione, riducendone al minimo i tempi amministrativi di gestione e manutenzione. La perfetta integrazione di WSS 3.0 con strumenti specializzati nella creazione, pubblicazione, organizzazione e ricerca delle informazioni, anche con i classici strumenti Office, velocizza e centralizza semplicemente il lavoro degli utenti. E possibile creare siti e aree di lavoro, assegnare i permessi di accesso e caricare la documentazione, con notevole rapidità; con la medesima semplicità è possibile archiviare la propria documentazione in raccolte documenti (document library, analoghe a quelle del file system), ed inserire metadati per estendere le proprietà dei documenti e semplificarne la classificazione, l organizzazione e la ricerca. Un gruppo di lavoro che decida di appoggiarsi a WSS 3.0 è operativo fin da subito: la gestione dei dati in corso d opera è flessibile e sotto il completo controllo degli amministratori del sito che possono decidere di rendere pubbliche o private determinate aree fino alla protezione, o alla condivisione, del singolo dato in una raccolta documenti o in un oggetto di tipo lista 1. Di grande importanza per le attività quotidiane sono le funzionalità di check-in/check-out 2, versioning e work flow messe a disposizione da Windows Workflow Foundation 3. Con WSS 3.0 si è raggiunto un significativo grado di maturità del prodotto; in questa versione sono supportate funzioni comunemente utilizzate in soluzioni Web 2.0 come blog, wiki e feed RSS. Tutto questo, avendo a disposizione un computer con Windows Server 2003 o versioni successive. 1 L oggetto di tipo lista è paragonabile ad una tabella, o a un foglio Excel; per semplificare, la raccolta documenti contiene file mentre la lista contiene dati. In SharePoint sono presenti diversi tipi di lista che offrono funzionalità tipizzate (lista collegamenti, lista attività, lista attività di progetto, lista sondaggio, ecc). 2 Quando si lavora on-line, con strumenti Office, è SharePoint ad occuparsi di bloccare i file che stiamo elaborando. La funzionalità di check-in/check-out permette agli utenti di bloccare manualmente un file non Office o di lavorare off-line, per poi sbloccarlo una volta sincronizzato il proprio lavoro. 3 Windows Workflow Foundation è un framework di Microsoft che consente agli utenti di creare flussi di lavoro nelle proprie applicazioni. Altran Italia Technology Review n 4 - Settembre 2010 < 23

2 Fonte: Rielaborazione da: Figura 1. Distribuzione semplificata dei servizi di SharePoint. Figura 2. SharePoint in alcuni ambiti di utilizzo. 24 > Altran Italia Technology Review n 4 - Settembre 2010

3 Per quanto riguarda MOSS, è un prodotto che si acquista a parte con le sue licenze server e client (Client Access License, CAL). Si basa, come abbiamo detto, su WSS 3.0 e ne estende le funzionalità, ad esempio, per integrare i vari siti WSS 3.0 in un unica struttura gerarchica. Il motore di ricerca, potenziato, lavora su tutti i siti collegati a MOSS e non solo, come accade in WSS 3.0, in quello dove si effettua la ricerca. MOSS è pensato essenzialmente per creare portali aziendali intranet, internet ed extranet. Sono incluse funzionalità avanzate di Content Management, Document Management e, nella versione Enterprise, offre funzionalità di Business Intelligence con strumenti come Excel Services, Business Data Catalog, Report Center, Key Performance Indicator, PerformancePoint ed InfoPath Forms Services. Nei paragrafi seguenti, dopo un breve excursus storico, sono illustrate le caratteristiche principali di WSS e MOSS di cui viene fornita un overview in Figura 1 e in Figura Storia di SharePoint La prima versione di SharePoint è stata commercializzata negli anni Novanta con il nome di SharePoint Team Services (STS) e SharePoint Portal Server (SPS) e risale allo stesso periodo di Office XP che, nella sua versione completa, conteneva Microsoft FrontPage per supportare gli utenti nella personalizzazione dei propri siti di lavoro. STS poteva girare su Windows 2000 Server o Windows XP. Dopo aver potenziato alcuni servizi di condivisione documentale e collaborazione, a metà del 2003 sono stati rilasciati Windows SharePoint Services 2.0 e SharePoint Portal Server Entrambe le piattaforme sono state distribuite come un aggiornamento di SharePoint Team Services ma erano, in realtà, due applicazioni completamente ridisegnate. SharePoint Team Services conservava i documenti sul classico file system, inserendo i metadati dei documenti in un database. WSS 2.0 e SPS 2003, invece, memorizzavano documenti e metadati in un database, introducendo la gestione delle versioni e del check-in/check-out. Con il Service Pack 2 per WSS e SPS, è stato aggiunto il supporto per SQL Server 2005 e l uso del Framework.NET 2.0. Windows SharePoint Services 3.0, con la sua versione portale denominata Microsoft Office SharePoint Server, è stato rilasciato il 16 novembre 2006, in concomitanza alla suite Microsoft Office 2007 e a Windows Server WSS 3.0 è stato realizzato utilizzando i Framework.NET 2.0 e 3.0, per poter aggiungere le funzionalità di workflow con Windows Workflow Foundation. All inizio del 2007, WSS 3.0 è stato reso disponibile al pubblico con il supporto del solo Windows Server 2003 (e versioni successive). Con WSS 3.0 si è raggiunto un significativo grado di maturazione del prodotto: in questa versione sono supportate funzioni utilizzate comunemente in soluzioni Web 2.0 come blog, wiki e feed RSS. All inizio del 2010 Microsoft ha rilasciato la quarta release di questa piattaforma chiamandola SharePoint Foundation 2010 e la versione portale, SharePoint Server Le numerose potenzialità offerte dimostrano la stabilità raggiunta da SharePoint, che può essere considerato un vero e proprio coltellino svizzero, completo e scalabile, per le aziende (Figura 3). Figura 3. SharePoint: il coltellino svizzero per le aziende. 3. Le funzionalità di WSS 3.0 Windows SharePoint Services 3.0 offre molte funzionalità off-theshelf necessarie a supportare gli utenti nella creazione e nell utilizzo dei loro siti di progetto, divisione ed intranet. Inoltre, ogni funzionalità ha molteplici possibilità d uso, di integrazione e di sviluppo. Nel seguito vengono brevemente descritte quelle fondamentali. Creazione siti: permette, a chiunque ne abbia i permessi, di creare aree di lavoro con modelli (template) di sito predefiniti o personalizzati. Il template di default, che è il più utilizzato, è il Sito del team (team site), ma ce ne sono molti altri specifici, ad esempio, per la gestione dell Help Desk, per l organizzazione di riunioni, corsi, o gruppi di lavoro, per la creazione di uno specifico documento, ecc. All interno dei siti SharePoint, è possibile creare aree di raccolta documenti, liste di elementi (come contatti, attività e problemi da monitorare), calendari condivisi, forum ed aree wiki. Gestione documenti: è una funzionalità importante di SharePoint. Creando liberamente raccolte documenti, si possono caricare file, di qualsiasi formato, da web o direttamente dalle applicazioni che li generano, tramite un indirizzo web (ad esempio, Con questa funzionalità, SharePoint permette di inserire metadati, gestibili sottoforma di colonne nelle raccolte documenti, che verranno richiesti in fase di salvataggio del file o, se predisposto, recuperati direttamente dal documento Office che si sta caricando. I metadati vengono associati ai documenti e possono essere utilizzati in ricerche, analisi o applicazioni personalizzate. I file caricati sui siti di SharePoint possono essere salvati in modo trasparente su SQL Server. Inoltre, con una minima pianificazione delle attività, è possibile spostare in SharePoint tutti i file presenti sul file system, organizzandoli in siti Altran Italia Technology Review n 4 - Settembre 2010 < 25

4 e raccolte documenti secondo le proprie necessità. E anche possibile lasciare agli utenti l accesso alle consuete mappature di rete, ma godendo, immediatamente, di tutti i benefici forniti da SharePoint: la possibilità di gestire le versioni dei documenti e le logiche di check-in/check-out sono solo alcuni dei vantaggi offerti. Cestino a due livelli: è un utile funzionalità introdotta a partire dalla versione 3.0. Ogni file o elemento di una lista, eliminato da un utente, viene automaticamente spostato all interno del cestino; quest ultimo lavora a livello utente, così da rispettare eventuali permessi d accesso ai file di altri utenti. È possibile svuotare il cestino o rimuovere solo alcuni file. Questi, però, non vengono cancellati definitivamente, ma finiscono in un secondo cestino a disposizione dell amministratore. Se un documento viene cancellato per sbaglio dal cestino, è sempre possibile rivolgersi all amministratore, purché non passi un tempo troppo lungo. Infatti, l amministratore centrale può impostare la rimozione dei file più vecchi di trenta giorni (impostazione predefinita) dai cestini; trascorso tale periodo è necessario ricorrere ai backup. Workflow articolati grazie a Windows Workflow Foundation, perfettamente integrato in SharePoint. Configurando i workflow predefiniti, o creandone di nuovi, è possibile attivare le funzionalità di approvazione, invio , ecc., sia su documenti sia su altri elementi del sito. Wiki (Figura 4): consente di collaborare alla creazione di un area informativa comune, scambiando idee velocemente e in modo aperto. Tramite un browser, i membri del team possono creare e collegare tra loro pagine, senza utilizzare editor di testo o senza possedere speciali competenze tecniche. Blog: mette a disposizione degli utenti dell azienda un area nella quale possono condividere idee ed informazioni su prodotti, tecnologie e processi, scrivendo brevi e frequenti post ai quali i lettori, se abilitati, possono accodare i loro commenti. Sondaggio: è una particolare lista di SharePoint che permette di raccogliere informazioni con visualizzazioni condizionali in base alle risposte fornite alle domande di un sondaggio. Consente agli utenti di salvare risposte incomplete, nel caso in cui debbano interrompere la compilazione del sondaggio. Feed RSS: consente agli utenti di essere costantemente aggiornati sulle novità dei siti di loro interesse, anziché navigarli alla ricerca dei nuovi inserimenti. Invia avviso: è una funzionalità, disponibile in ogni raccolta documenti o in ogni lista, che permette di ricevere notifiche tramite posta elettronica ogniqualvolta vengano modificati, aggiunti o cancellati elementi. Lo strumento è altamente configurabile e l utente può decidere quando ricevere gli avvisi, per quale evento e, se ha sufficienti permessi, può impostare questi avvisi per altri utenti. Figura 4. Esempio di sito Wiki in SharePoint. 4. Le funzionalità di MOSS Le caratteristiche più interessanti che contraddistinguono Microsoft Office SharePoint Services sono le seguenti: Excel Services: permette di caricare un file Excel e di visualizzarlo nel browser, senza che l utente abbia bisogno della versione client di Excel. Il proprietario (owner) del file può decidere di rendere pubblico agli utenti l intero spazio di lavoro (work space) o solo alcune determinate aree od oggetti. La sicurezza dei dati è un aspetto importante: informazioni quali formule ed origini dei dati sono nascoste a tutela delle regole di business contenute nel documento Excel. Inoltre, se previsto dall owner del file, gli altri utenti possono manipolare i dati pubblicati tramite dei parametri. Con Excel Services si centralizzano le informazioni, nel pieno della logica di SharePoint, e si possono facilmente assegnare gli accessi in lettura o scrittura permettendo, in questo modo, l accesso selettivo al file Excel archiviato. È anche possibile creare snapshot di un file Excel, anziché pubblicarlo in modalità interattiva con collegamento in tempo reale alla fonte dati. Excel Services consente, infine, di sfruttare origini dati esterne come, ad esempio: database SQL Server, altri fogli Excel, file di testo, ecc. (Figura 5). Business Data Catalog (BDC): è, insieme ad Excel Services, una delle componenti più interessanti di Microsoft Office SharePoint Server. Consente sia di utilizzare origini dati esterne in cartelle di lavoro di Excel, sia di utilizzare e aggregare fonti dati esterne (ad esempio, SAP, Siebel, Oracle), accessibili come database o web service. In questo modo, è possibile connettere tra loro applicazioni esistenti in azienda mediante SharePoint, in maniera semplice e veloce. Gli amministratori di SharePoint creano le connessioni di 26 > Altran Italia Technology Review n 4 - Settembre 2010

5 lendario per gli aggiornamenti successivi e sottoscrivere i report di interesse. Per impostazione predefinita, un file Excel, pubblicato e salvato in una raccolta documenti nel Report Center, è predisposto ad essere visualizzato direttamente nel browser: in questo modo, è possibile visualizzare comodamente il file senza doverlo aggiungere ad una Web Part o aprirlo in Excel. Figura 5. Cruscotti con Excel Services. sistema, definendo specifiche entità di business attraverso dei file XML: tali file indicano a SharePoint dove e come accedere alle entità individuate (mediante web service, query verso database, ecc.) e le memorizzano nel Centro report (Report Center), un repository centralizzato di file. In questo modo, tutti gli utenti che dispongono delle necessarie autorizzazioni, possono accedere e riutilizzare facilmente il pool di connessioni centralizzato per ricerche, liste e Web Part4. Si possono, ad esempio: effettuare ricerche che combinano i dati delle liste e delle raccolte documenti di un portale con quelli delle entità applicative esterne configurate (ad esempio, anagrafiche clienti, ordini, fatture, ecc.); utilizzare le specifiche Web Part del BDC, che permettono di portare rapidamente i dati delle entità applicative all interno delle pagine web, senza scrivere codice. L utilizzo di connessioni a origini dati esterne permette agli utenti d interagire con i dati contenuti nell origine esterna senza uscire da SharePoint. Report Center: fornisce un luogo centralizzato per la pubblicazione di dati e oggetti su cui effettuare operazioni di Business Intelligence; contiene raccolte di documenti per la memorizzazione di report, elenchi, modelli di pagine Web Part e file.odc (Office Data Connection). All interno del Report Center, gli utenti possono cercare i dati utilizzando le categorie assegnate, visualizzare un ca- 4 Una Web Part è un controllo che può essere aggiunto da un utente a run time. Più Web Part possono essere integrate tra di loro per creare siti web "dinamici" e personalizzabili direttamente dall'utente. Ad esempio, igoogle è una home page dinamica personalizzabile dall utente a proprio piacimento mediante Web Part (news, calendario, gadget, ecc.). Key Performance Indicator (KPI): è un indicatore grafico che consente di monitorare i progressi compiuti in relazione ad un obiettivo. L utilizzo dei KPI di SharePoint consente di visualizzare rapidamente risposte alle domande più comuni legate allo stato di salute dei propri obiettivi. I KPI vengono creati utilizzando elenchi tipizzati e visualizzati tramite Web Part specifiche. E possibile aggiungere Web Part ai cruscotti (dashboard) nel sito del Report Center o visualizzarli in altri siti e liste. Ogni KPI riceve un singolo valore da una fonte dati, da una singola proprietà o calcolando le medie attraverso dati selezionati, successivamente confronta quel valore con un altro precedentemente impostato. Per utilizzare i KPI, occorre innanzitutto creare una lista KPI a cui aggiungere uno o più indicatori, impostando una delle seguenti origini dati: liste di SharePoint, file Excel, Microsoft SQL Server 2005 Analysis Services5, informazioni inserite manualmente. InfoPath Forms Services: consente agli utenti di compilare moduli Microsoft Office InfoPath 2007 utilizzando un browser Web, in alternativa ad InfoPath 2007 client. Grazie a questo servizio, è possibile utilizzare template più rapidamente e più semplicemente di quanto fosse possibile con le precedenti versioni di InfoPath client. InfoPath Forms Services fornisce, inoltre, un luogo centralizzato per memorizzare, gestire e distribuire i template dei moduli di un azienda. 5. Creazione di un semplice workflow Dopo aver descritto le principali caratteristiche di SharePoint, in questo paragrafo viene mostrato passo passo come creare un workflow approvativo (Figura 6). Non verrà utilizzato quello di base fornito da SharePoint, ma ne verrà creato uno ex novo. In questo modo, si fornisce al lettore un idea più completa delle possibilità di utilizzo e personalizzazione di SharePoint, anche se non è un esperto sviluppatore. Inoltre, il workflow approvativo presente in SharePoint è abbastanza 5 Microsoft SQL Server 2005 Analysis Services (SSAS) offre funzionalità di elaborazione analitica in linea (On-Line Analytical Processing, OLAP) e quindi di estrazione delle informazioni per soluzioni di Business Intelligence. Analysis Services consente di elaborare, creare e gestire strutture multidimensionali contenenti dati aggregati. Altran Italia Technology Review n 4 - Settembre 2010 < 27

6 Figura 6. Descrizione del workflow approvativo. limitato, ad esempio non permette di scegliere a chi assegnare l attività di approvazione in base a informazioni, come la categoria di appartenenza di un documento. Nel seguito, si assume che il lettore abbia: familiarità con SharePoint per la creazione di raccolte documenti, liste e colonne6; un sito su WSS, ad esempio creato con il modello Sito del team; Microsoft SharePoint Designer 2007 installato sul computer. E lo strumento designato da Microsoft per la personalizzazione dei siti SharePoint ed è possibile scaricarlo liberamente dal sito di Microsoft. 5.1 Creazione dell elenco dei responsabili dell approvazione Cominciamo con la creazione di una lista generica chiamata Responsabili Approvazione, avente le seguenti colonne: Categoria di tipo Scelta, con i valori Tecnico e Commerciale, selezione singola; deve contenere informazioni, senza valori predefiniti; repoint non permette di cancellarla, ma di nasconderla. Per farlo, bisogna andare in Impostazioni dell elenco, poi in Impostazioni avanzate e si deve impostare su Sì il campo Tipo di contenuto. Infine, disattiviamo gli allegati poiché non saranno utilizzati. Dopo aver salvato, torniamo nelle impostazioni della lista: nella sezione Tipi di contenuto clicchiamo su Elemento, poi su Titolo e impostiamo il valore Nascosta. In questo modo, non vediamo più la colonna Titolo nella scheda di dettaglio dell elemento della lista. Per non vederla nemmeno nell elenco, è necessario modificare la visualizzazione corrente, togliendo il flag in corrispondenza del campo in questione, aggiungendo la voce Modifica (collegamento per modifica elemento) e spostando quest ultima al primo posto. E preferibile non modificare mai la vista predefinita Tutti gli elementi, ma crearne una nuova, poiché la visualizzazione completa può essere utile per attività di manutenzione, controllo e verifica. Ora inseriamo due dati profili utente: Commerciale Tecnico e impostiamo il relativo indirizzo . Per verificare la corretta configurazione dell indirizzo , si può cliccare sui nomi nella colonna Responsabile. Il risultato deve essere come quello rappresentato in Figura 7. Responsabile di tipo Utente o Gruppo, con filtro solo su utenti; deve contenere informazioni e selezione singola. La colonna Titolo non è necessaria per gli scopi dell esempio: Sha6 Per approfondire le procedure per la creazione di raccolte documenti e liste, si rimanda alla documentazione ufficiale Microsoft, all indirizzo: 28 > Altran Italia Technology Review n 4 - Settembre 2010 Figura 7. Lista Responsabili Approvazione.

7 5.2 Creazione della raccolta di documenti da approvare Il passaggio successivo è individuare una raccolta documenti alla quale applicare il workflow e nella quale caricare i documenti, tra cui quello da approvare. Ad esempio, si può utilizzare la raccolta documenti Documenti Condivisi presente nei siti creati con il modello Sito del team. In questo modo, bisogna solo attivare l approvazione del contenuto, cliccando su Impostazioni, Impostazioni Raccolta documenti, Impostazioni controllo versioni; eventualmente, si può gestire il versionamento del documento. Al termine di questi passi è necessario salvare. Nella Raccolta documenti, aggiungiamo una colonna Categoria, di tipo Scelta con i valori Tecnico e Commerciale, impostando il campo come obbligatorio e senza specificare valori di default. Infine, apriamo SharePoint Designer e colleghiamoci al sito che conterrà il workflow, cliccando su File, Apri Sito e inserendo l indirizzo della root del sito. SharePoint Designer mostrerà una struttura simile a quella illustrata in Figura 8. Figura 8. Il sito in SharePoint Designer. 5.3 Creazione del workflow di approvazione Per creare un workflow, posizioniamo il mouse in qualsiasi punto dello spazio di lavoro (in SharePoint Designer), clicchiamo con il tasto destro e selezioniamo Nuovo, Contenuto di SharePoint, Flusso di lavoro, Flusso di lavoro vuoto, OK. Si aprirà la finestra Progettazione flussi di lavoro, dove bisogna impostare il nome del nuovo workflow, WF Approvazione, associarlo alla raccolta documenti e selezionare il secondo checkbox (Figura 9). Nella schermata successiva bisogna impostare le attività del workflow. Per prima cosa diamo un nome alla prima attività7, chiamandola Approvazione documento. Successivamente, configuriamo le azioni: selezioniamo la funzionalità Imposta variabile flusso di lavoro, dal menu azioni, e creiamo una nuova variabile cliccando sul link variabile flusso di lavoro (Figura 10). Chiamiamola IDDoc ed impostiamola di tipo ID voce elenco; il valore va impostato con origine Elenco corrente e campo ID. Questa variabile servirà ad individuare rapidamente il documento all interno della raccolta documenti. L attività di approvazione di un documento può prevedere due output, il risultato dell approvazione e un eventuale commento. In quanto segue, impostiamo i campi che contengono questi output. Dal menu Azioni, selezioniamo Raccolta dati da un utente e clicchiamo su dati. Procediamo ed impostiamo il nome Approvazione documento, clicchiamo su Avanti e inseriamo i campi da mostrare: Stato approvazione documento di tipo Scelta con i valori Approvato e Rifiutato, visualizzati come Pulsanti di scelta, disabilitando le immissioni personalizzate o vuote; 7 In SharePoint, un attività è costituita da un insieme di azioni. Figura 9. Creazione di un workflow con SharePoint Designer. Figura 10. Creazione di una variabile workflow. Commenti sul documento di tipo Righe di testo multiple; consentiamo che non ci siano valori e che il testo sia in formato HTML su 5 righe. Impostiamo il valore evidenziato questo utente (Figura 11), utilizzando la lista Responsabili Approvazione creata in precedenza. All apertura della nuova finestra, selezioniamo Ricerca flusso di la- Altran Italia Technology Review n 4 - Settembre 2010 < 29

8 Figura 11. Configurazione dell azione Raccogli dati utente. Figura 13. Risultato della prima attività del workflow. Figura 12. Selezione del responsabile dell'approvazione. voro e, successivamente, clicchiamo su Aggiungi: si apre una nuova finestra dove impostiamo la lista Responsabili Approvazione, come origine dati, e Responsabile, come campo da utilizzare per l assegnazione dell attività (Figura 12). Nella sezione inferiore di questa schermata occorre inserire un filtro per cercare il documento da approvare. Quando un utente caricherà un documento nella raccolta documenti, sarà obbligato ad inserire la categoria del documento perché abbiamo reso obbligatorio il metadato ad esso associato. Quindi, non resta che confrontare la categoria del documento con la categoria associata ai responsabili dell approvazione (Figura 7), recuperando i dati della persona incaricata per la validazione. Impostiamo la voce Campo con la categoria della lista Responsabili Approvazione e il relativo valore con un opportuna funzione, in modo da evitare di inserire uno dei due valori fissi proposti dall applicazione. Si apre una nuova maschera dove impostiamo la categoria dell elemento corrente (il documento caricato e che ha avviato il nostro workflow). All avvio del workflow, verrà creata un attività e verrà assegnata all utente individuato. E necessario memorizzare l ID di questa attività per poter aggiornare lo stato del documento al variare dello stato dell attività; dunque, l output dell attività Approvazione documento dovrà essere raccolto in una nuova variabile chiamata IDTask di tipo ID voce elenco. Successivamente, creiamo altre due variabili, DocStatoApprovazione e DocStatoApprovazioneCommento, per memorizzare lo stato dell approvazione del documento e il relativo commento: asse- 30 > Altran Italia Technology Review n 4 - Settembre 2010 gniamo loro i valori degli opportuni campi compilati dall utente, ripetendo le operazioni di prima. Il risultato è rappresentato in Figura 13. A questo punto il sistema è istruito per prendere in carico un documento ed assegnare l attività alla persona indicata come responsabile dell approvazione. Rimane da impostare il comportamento del sistema quando l utente completa l attività: esso, ovviamente, dipende dal fatto che l utente approvi o rifiuti il documento. Nella colonna a destra della schermata in Figura 13 clicchiamo su Aggiungi passaggio al flusso di lavoro e chiamiamolo Controllo Stato Approvazione. Si apre la schermata in Figura 14. Abbiamo due stati possibili e, dunque, due condizioni, a cui sono associate due azioni. Riguardo alla prima condizione, dal menu Condizioni inseriamo la funzionalità Confronta qualsiasi origine dati e valorizziamo il primo valore con la variabile DocStatoApprovazione (vi si accede cliccando sul link proposto dall applicazione, poi sul simbolo funzione e, infine, sotto Figura 14. Risultato della seconda attività del workflow.

9 l origine dati Dati flusso di lavoro). Impostiamo la condizione è uguale a e come secondo valore inseriamo la stringa Approvato. Passiamo alle azioni. Dal menu Azioni selezioniamo la voce Imposta stato approvazione contenuto e valorizziamo lo stato con Approvato; per dare la possibilità all utente di motivare la sua scelta, inseriamo il valore DocStatoApprovazioneCommento. Per quanto riguarda la seconda condizione, Rifiutato, ripetiamo questi ultimi due passaggi aggiungendo una nuova sezione cliccando su Aggiungi diramazione condizionale Else If. 5.4 Test del workflow A questo punto, il workflow approvativo è realizzato, senza scrivere una sola riga di codice. Per verificarne la correttezza, posizioniamoci nella raccolta documenti e carichiamo un qualsiasi documento, non necessariamente un documento Office. Al caricamento, viene richiesto di selezionare la categoria del documento, e all archiviazione, si attiverà il workflow, mostrando, nella colonna Stato, la dicitura In corso e, nella colonna Stato approvazione, la dicitura In sospeso (Figura 15). Pochi istanti dopo è creata un attività che viene assegnata all utente indicato nella lista Responsabili Approvazione. In questo esempio, è stato inserito un documento appartenente alla categoria Commerciale e l attività è assegnata a Mauro Romano (Figura 7). Nella casella di posta di Mauro Romano è arrivata un che lo avvisa che gli è stata assegnata l attività di approvazione del documento indicato, con l invito ad accedere alla lista attività per procedere alla validazione. La schermata di approvazione del documento contiene i campi inseriti in fase di creazione del workflow ed è mostrata in Figura 16. L utente può approvare o rifiutare il documento, completando così l attività: il workflow imposta lo stato di approvazione del documento e il relativo commento, con i dati inseriti nella schermata di approvazione. Il risultato finale è mostrato in Figura 17. Figura 15. Avvio del workflow in SharePoint al caricamento del documento. Figura 16. Maschera dell attività di approvazione del workflow. 6. Conclusioni In questo articolo è stato illustrato a grandi linee SharePoint, discutendo come utilizzarlo per migliorare il nostro lavoro. Si è mostrato, tramite un esempio, che è una piattaforma flessibile, altamente personalizzabile, che offre semplici ma fondamentali servizi di base. Il semplice workflow approvativo descritto passo passo può essere arricchito e personalizzato a seconda delle proprie esigenze. Si potrebbero gestire: l interruzione del processo di approvazione, se in corso; la riassegnazione dell attività conseguente alla modifica della categoria del documento; l assegnazione condizionale del documento sulla base di valori presenti al suo interno e opportunamente formattati ed esposti come metadati. Quest ultimo caso si può presentare, ad esempio, nel caso di una Richiesta d Acquisto che deve essere approvata da ruoli aziendali diversi a seconda del suo importo. La versione base di SharePoint contiene molte funzionalità utili e importanti: un utilizzo consapevole e continuativo dello strumento può portare risultati eccellenti. Per i lettori che vogliono sperimentare la piattaforma SharePoint, l autore consiglia di utilizzarne i servizi offerti, capire e provare tutte le funzionalità e, solo in un secondo momento, se necessario, personalizzare lo strumento in base alle Figura 17. Il documento è stato approvato con il commento inserito nel modulo dell attività (il codice HTML non è gestito in questa visualizzazione). esigenze. Infatti, spesso, SharePoint è utilizzato fuori contesto, snaturalizzandolo e perdendo, in questo modo, tutti i benefici tipici di uno strumento di collaborazione. Altran Italia Technology Review n 4 - Settembre 2010 < 31

10 Glossario WSS MOSS STS SPS BDC ODC KPI RSS Windows SharePoint Services Microsoft Office SharePoint Server SharePoint Team Services SharePoint Portal Server Business Data Catalog Office Data Connection Key Performance Indicator Really Simple Syndication Bibliografia [01]. Wynne Leon, Wayne Tynes, Simeon Cathey, Microsoft SharePoint Server 2007 Bible, Wiley, [02]. Microsoft, [03]. Microsoft Office Sharepoint Server Pages/Default.aspx Mauro Romano è in Altran Italia dal Da sempre interessato alle tecnologie Web, si è specializzato nel tempo in tecnologie Microsoft. Nel corso degli anni ha ricoperto sovente il ruolo di System Integrator consolidando le sue competenze su prodotti e processi. Al momento è Senior Consultant all interno della Divisione AIT ed opera, con il ruolo di Project Manager, prevalentemente negli ambiti Content Management, Document Management, Knowledge Management e Business Intelligence implementando molti processi sulla piattaforma Microsoft SharePoint, che segue assiduamente da oltre 10 anni. Appassionato di biologia marina e fotografia subacquea, nel 2000 ha realizzato un portale web (http://www.mondomarino.net) premiato, nel 2004, come miglior Sito educativo al 31 Festival Mondial de l'image Sous-Marine di Antibes Juan-Les-Pins, Francia. 32 > Altran Italia Technology Review n 4 - Settembre 2010

1 In questo capitolo, si apprenderà a:

1 In questo capitolo, si apprenderà a: 1 Introduzione a SharePoint Designer In questo capitolo, si apprenderà a: Utilizzare SharePoint Designer. Utilizzare SharePoint Designer per eseguire attività semplici. Utilizzare Windows SharePoint Services.

Dettagli

Microsoft Project 2010 si basa sulle fondamenta di Microsoft Project 2007 per offrire soluzioni di gestione del lavoro flessibili e strumenti di

Microsoft Project 2010 si basa sulle fondamenta di Microsoft Project 2007 per offrire soluzioni di gestione del lavoro flessibili e strumenti di Microsoft Project 2010 si basa sulle fondamenta di Microsoft Project 2007 per offrire soluzioni di gestione del lavoro flessibili e strumenti di collaborazione adatti ai project manager professionisti

Dettagli

GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0)

GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0) GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0) GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0)...1 Installazione e configurazione...2 Installazione ICM Server...3 Primo avvio e configurazione di ICM

Dettagli

MANUALE OPERATORE CMS ASMENET

MANUALE OPERATORE CMS ASMENET MANUALE OPERATORE CMS ASMENET 2.0 Pag. 1 di 46 INDICE Termini e definizioni... pag. 3 Introduzione... pag. 4 Descrizione generale e accesso al back office... pag. 5 1 Gestione della pagina... pag. 6 1.1

Dettagli

Presentazione funzionale. (utente redattore) Portale SPORVIC

Presentazione funzionale. (utente redattore) Portale SPORVIC TD Group S.p.A. www.tdgroup.it Presentazione funzionale (utente redattore) Portale SPORVIC TD Group S.p.A. Via del Fischione, 19 56019 Vecchiano - Migliarino P. (PI) Tel. (+39) 050.8971 Fax (+39) 050.897

Dettagli

Che cos'è un modulo? pulsanti di opzione caselle di controllo caselle di riepilogo

Che cos'è un modulo? pulsanti di opzione caselle di controllo caselle di riepilogo Creazione di moduli Creazione di moduli Che cos'è un modulo? Un elenco di domande accompagnato da aree in cui è possibile scrivere le risposte, selezionare opzioni. Il modulo di un sito Web viene utilizzato

Dettagli

GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA

GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA (Vers. 4.5.0) Installazione... 2 Prima esecuzione... 5 Login... 6 Funzionalità... 7 Documenti... 8 Creazione di un nuovo documento... 9 Ricerca di un documento... 17 Calcolare

Dettagli

Novità di Visual Studio 2008

Novità di Visual Studio 2008 Guida al prodotto Novità di Visual Studio 2008 Introduzione al sistema di sviluppo di Visual Studio Visual Studio Team System 2008 Visual Studio Team System 2008 Team Foundation Server Visual Studio Team

Dettagli

REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007

REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007 SISTEMA A SUPPORTO DEI PROCESSI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE NELLE ORGANIZZAZIONI PUBBLICHE REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007 Copyright 2010 CSIO Società di Informatica

Dettagli

testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni

testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni it 2 Informazioni generali Informazioni generali Questo manuale contiene importanti informazioni sulle caratteristiche e sull impiego

Dettagli

Capitolo 4 Pianificazione e Sviluppo di Web Part

Capitolo 4 Pianificazione e Sviluppo di Web Part Capitolo 4 Pianificazione e Sviluppo di Web Part Questo capitolo mostra come usare Microsoft Office XP Developer per personalizzare Microsoft SharePoint Portal Server 2001. Spiega come creare, aggiungere,

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

Servizio Feed RSS del sito CNIT

Servizio Feed RSS del sito CNIT Servizio Feed RSS del sito CNIT Informiamo tutti gli utenti CNIT che è possibile sincronizzare i propri Reader (RSS) per essere aggiornati in tempo reale sulle nuove pubblicazioni di articoli postati sul

Dettagli

Compilare e gestire bibliografie: i software gratuiti. a cura di Laura Perillo Sistema Bibliotecario di Ateneo Agg. ottobre 2014

Compilare e gestire bibliografie: i software gratuiti. a cura di Laura Perillo Sistema Bibliotecario di Ateneo Agg. ottobre 2014 Compilare e gestire bibliografie: i software gratuiti a cura di Laura Perillo Sistema Bibliotecario di Ateneo Agg. ottobre 2014 I software per la gestione di bibliografie Chiamati reference managers o

Dettagli

Descrizione dettagliata dell ambiente Access 2007

Descrizione dettagliata dell ambiente Access 2007 01 Descrizione dettagliata dell ambiente Access 2007 Premessa Premettiamo da subito che Microsoft Access risulta essere uno degli applicativi della famiglia di Microsoft Office con una curva di apprendimento

Dettagli

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi Capitolo Terzo Primi passi con Microsoft Access Sommario: 1. Aprire e chiudere Microsoft Access. - 2. Aprire un database esistente. - 3. La barra multifunzione di Microsoft Access 2007. - 4. Creare e salvare

Dettagli

è un insieme integrato di funzionalità server che possono migliorare l'efficienza organizzativa mediante:

è un insieme integrato di funzionalità server che possono migliorare l'efficienza organizzativa mediante: Fare innovazione con Sharepoint 2010 MOSS: Microsoft Office SharePoint Server è un insieme integrato di funzionalità server che possono migliorare l'efficienza organizzativa mediante: Cos è MOSS la gestione

Dettagli

Progetto Monitoraggio

Progetto Monitoraggio MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICA Progetto Monitoraggio Sistema Gestione Progetti Query (SGPQ) Manuale Utente Report Operativi Contenuti 1. Premessa...

Dettagli

Guida introduttiva a BusinessObjects XI Release 2 Service Pack 2/Productivity Pack

Guida introduttiva a BusinessObjects XI Release 2 Service Pack 2/Productivity Pack Guida introduttiva a BusinessObjects XI Release 2 Service Pack 2/Productivity Pack Informazioni sul manuale Informazioni sul manuale In questo manuale sono contenute informazioni introduttive sull'utilizzo

Dettagli

Access 2010: panoramica... 1. Access 2010: panoramica generale... 2. Accedere in modo più semplice agli strumenti appropriati nel momento giusto...

Access 2010: panoramica... 1. Access 2010: panoramica generale... 2. Accedere in modo più semplice agli strumenti appropriati nel momento giusto... Guida al prodotto Microsoft Access 2010 Access 2010: panoramica... 1 Access 2010: panoramica generale... 2 Accedere in modo più semplice agli strumenti appropriati nel momento giusto.... 2 Compilare i

Dettagli

Basi di dati. Introduzione. Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database

Basi di dati. Introduzione. Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database Basi di dati Introduzione Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database OpenOffice.org (www.openoffice.org) è un potente software opensource che ha, quale scopo primario,

Dettagli

DEMO OFFICE 365. OFFICE DOWLOAD Si entra nella Sottoscrizione pannello personale

DEMO OFFICE 365. OFFICE DOWLOAD Si entra nella Sottoscrizione pannello personale DEMO OFFICE 365 OFFICE DOWLOAD Si entra nella Sottoscrizione pannello personale Ogni utente può installare il proprio Office da Impostazioni / software http://community.office365.com/it-it/tools/helpcenter.aspx?hcs=b7430e03-97b5-403d-95f4-

Dettagli

Analisi dei dati di Navision con Excel

Analisi dei dati di Navision con Excel Analisi dei dati di Navision con Excel Premessa I dati presenti nei sistemi gestionali hanno il limite di fornire una visione monodimensionale degli accadimenti aziendali, essendo memorizzati in tabelle

Dettagli

Note sull utilizzo del portale InfoView

Note sull utilizzo del portale InfoView Note sull utilizzo del portale InfoView (DataWareHouse FSE) Contatti Eunics: Sabrina Paoletti email sabrina.paoletti@eunics.it Ultimo Aggiornamento: 02-05-2007 Materiale proprietario della Eunics S.p.A.

Dettagli

Registro unico Antiriciclaggio

Registro unico Antiriciclaggio Registro unico Antiriciclaggio VERSIONE PROFESSIONISTI E CED VERSIONE 4.0.0 Sommario Introduzione... 4 Requisiti di sistema... 5 Installazione del software... 6 Verifica automatica dei requisiti di installazione...

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Configurazione di Thunderbird Febbraio 2011 di Alessandro Pescarolo SOMMARIO Sommario... 1 Introduzione... 2 Installazione su Windows... 2 Configurazione iniziale (per

Dettagli

GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE

GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE Università degli Studi di Bergamo Centro per le Tecnologie Didattiche e la Comunicazione GUIDA ANALITICA PER ARGOMENTI ACCESSO...2 RISORSE e ATTIVITA - Introduzione...5

Dettagli

Ri.Um. Gestione Risorse Umane

Ri.Um. Gestione Risorse Umane RiUm Ri.Um. Gestione Risorse Umane SOMMARIO 1. INTRODUZIONE 4 1.1. COS E RI.UM.... 4 1.2. PREREQUISITI... 4 2. RI.UM. 5 2.1. AVVIO... 5 2.2. CONSULTAZIONE TABELLE... 6 2.3. GESTIONE TABELLE... 6 2.3.1

Dettagli

Informazioni generali sul corso

Informazioni generali sul corso abaroni@yahoo.com Informazioni generali sul corso Introduzione a BusinessObjects Enterprise XI - Release 2 Chi sono. Io? Adolfo Baroni E-mail: abaroni@yahoo.com 2 Pagina 1 Obiettivi del corso hamministrazione

Dettagli

Infoservice: chi siamo

Infoservice: chi siamo Document Management con josh: migrazione da un sistema legacy Salvatore Gargano Direttore tecnico, Infoservice Infoservice: chi siamo Infoservice è Microsoft Certified Partner dal 2002 e Gold dal 2005

Dettagli

L accesso ad una condivisione web tramite il protocollo WebDAV con Windows XP

L accesso ad una condivisione web tramite il protocollo WebDAV con Windows XP L accesso ad una condivisione web tramite il protocollo WebDAV con Windows XP Premessa Le informazioni contenute nel presente documento si riferiscono alla configurazione dell accesso ad una condivisione

Dettagli

2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati

2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati 2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati Sommario COME INSTALLARE STR VISION CPM... 3 Concetti base dell installazione Azienda... 4 Avvio installazione... 4 Scelta del tipo Installazione... 5 INSTALLAZIONE

Dettagli

Proteggi ciò che crei. Guida all avvio rapido

Proteggi ciò che crei. Guida all avvio rapido Proteggi ciò che crei Guida all avvio rapido 1 Documento aggiornato il 10.06.2013 Tramite Dr.Web CureNet! si possono eseguire scansioni antivirali centralizzate di una rete locale senza installare il programma

Dettagli

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese.

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Presentazione: SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Il programma si distingue per la rapidità e l elasticità del processo di gestione

Dettagli

PBI Passepartout Business Intelligence

PBI Passepartout Business Intelligence PBI Passepartout Business Intelligence TARGET DEL MODULO Il prodotto, disponibile come modulo aggiuntivo per il software gestionale Passepartout Mexal, è rivolto alle Medie imprese che vogliono ottenere,

Dettagli

Cimini Simonelli - Testa

Cimini Simonelli - Testa WWW.ICTIME.ORG Joomla 1.5 Manuale d uso Cimini Simonelli - Testa Cecilia Cimini Angelo Simonelli Francesco Testa Joomla 1.5 Manuale d uso V.1-31 Gennaio 2008 ICTime.org non si assume nessuna responsabilità

Dettagli

MANUALE DI UTILIZZO: INTRANET PROVINCIA DI POTENZA

MANUALE DI UTILIZZO: INTRANET PROVINCIA DI POTENZA MANUALE DI UTILIZZO: INTRANET PROVINCIA DI POTENZA Fornitore: Publisys Prodotto: Intranet Provincia di Potenza http://www.provincia.potenza.it/intranet Indice 1. Introduzione... 3 2. I servizi dell Intranet...

Dettagli

Foglio dati Struttura Foglio dati

Foglio dati Struttura Foglio dati 1 Nozioni di base Avviare Access e aprire un database Interfaccia di Access Riquadro di spostamento Creare un database vuoto Chiudere un database Creare un database basandosi su un modello Creare un database

Dettagli

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia Panoramica di Access 2010 A B C D E Elementi dell interfaccia A Scheda File (visualizzazione Backstage) Consente l accesso alla nuova visualizzazione backstage di Access 2010, che contiene un menu di comandi

Dettagli

GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE

GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE (Vers. 2.0.0) Installazione... 2 Prima esecuzione... 5 Login... 6 Funzionalità... 7 Prima Nota... 8 Registrazione nuovo movimento... 10 Associazione di file all operazione...

Dettagli

LA GESTIONE DELLE VISITE CLIENTI VIA WEB

LA GESTIONE DELLE VISITE CLIENTI VIA WEB LA GESTIONE DELLE VISITE CLIENTI VIA WEB L applicazione realizzata ha lo scopo di consentire agli agenti l inserimento via web dei dati relativi alle visite effettuate alla clientela. I requisiti informatici

Dettagli

Web Intelligence. Argomenti 10/5/2010. abaroni@yahoo.com

Web Intelligence. Argomenti 10/5/2010. abaroni@yahoo.com Web Intelligence Argomenti Cap.1 Introduzione Cap.2 Creazione/Modifica di QUERY (semplici,custom,unioni) Cap.3 Uso dei Filtri e delle Condizioni Slide 2 - Copyright 2007 Business Objects SA - All Rights

Dettagli

WGDESIGNER Manuale Utente

WGDESIGNER Manuale Utente WGDESIGNER Manuale Utente Pagina 1 SOMMARIO 1 Introduzione... 3 1.1 Requisiti hardware e software... 3 2 Configurazione... 3 3 Installazione... 4 3.1 Da Webgate Setup Manager... 4 3.2 Da pacchetto autoestraente...

Dettagli

Istruzioni operative

Istruzioni operative Manuale d'uso dello strumento di compilazione Bilanci con foglio di calcolo Istruzioni operative Manuale d uso - versione 4 - febbraio 2014 pag. 1 di 25 Indice Indice... 2 Introduzione... 3 Redazione del

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

principalmente un programma per la gestione di bibliografie: dalla raccolta dei riferimenti alla formattazione delle citazioni

principalmente un programma per la gestione di bibliografie: dalla raccolta dei riferimenti alla formattazione delle citazioni COS È? principalmente un programma per la gestione di bibliografie: dalla raccolta dei riferimenti alla formattazione delle citazioni un programma gratuito: la versione base offre 300 MB di spazio disco

Dettagli

VIRTUAL MAIL. Guida rapida di utilizzo

VIRTUAL MAIL. Guida rapida di utilizzo VIRTUAL MAIL Guida rapida di utilizzo Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. ACCESSO AL SERVIZIO... 4 Requisiti di sistema... 4 3. PROFILO... 5 Menu Principale... 5 Pagina Iniziale... 5 Dati Personali... 6 4.

Dettagli

MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA

MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA Microsoft Dynamics: soluzioni gestionali per l azienda Le soluzioni software per il business cercano, sempre più, di offrire funzionalità avanzate

Dettagli

Microsoft Office 2007 Master

Microsoft Office 2007 Master Microsoft Office 2007 Master Word 2007, Excel 2007, PowerPoint 2007, Access 2007, Outlook 2007 Descrizione del corso Il corso è rivolto a coloro che, in possesso di conoscenze informatiche di base, intendano

Dettagli

Guida per l utilizzo del Data Base

Guida per l utilizzo del Data Base Guida per l utilizzo del Data Base Specifico per catalogare e gestire la vostra collezione di modelli ferroviari Requisiti di sistema e installazione Collezione Treni 2011 è progettato per funzionare con

Dettagli

Lyra CRM WebAccess. Pag. 1 di 16

Lyra CRM WebAccess. Pag. 1 di 16 Lyra CRM WebAccess L applicativo Lyra CRM, Offer & Service Management opera normalmente in architettura client/server: il database di Lyra risiede su un Server aziendale a cui il PC client si connette

Dettagli

AGGIORNAMENTO Versione 1.3.0 Versione 4.0.0

AGGIORNAMENTO Versione 1.3.0 Versione 4.0.0 Tek Service S.r.l. S o f t w a r e & C o n s u l e n z a Via Garbini, 15-37135 Verona Tel. 045.581031 Fax. 045.581031 Partita iva e cod.fiscale 02831920232 www.tekservice.it e-mail: tekservice@tekservice.it

Dettagli

GESTIONE PRESENZE MANUALE PER COMINCIARE

GESTIONE PRESENZE MANUALE PER COMINCIARE GESTIONE PRESENZE MANUALE Gestione archivi La prima operazione da effettuare, per poter utilizzare gestione presenze, è la creazione dell archivio dove saranno memorizzati tutti i dati riconducibili ad

Dettagli

Microsoft Office Office 2013 Collana Microsoft Office 2013 Talento Talento ECDL Talento Collana Microsoft Office 2013, Learning Coffee,

Microsoft Office Office 2013 Collana Microsoft Office 2013 Talento Talento ECDL Talento Collana Microsoft Office 2013, Learning Coffee, Microsoft Office è la suite di applicazioni desktop di supporto alle attività professionali più famosa al mondo da quando nel lontano 1988 Bill Gates la presentò come la rivoluzione per l Office Automation.

Dettagli

filrbox Guida all uso dell interfaccia WEB Pag. 1 di 44

filrbox Guida all uso dell interfaccia WEB Pag. 1 di 44 filrbox Guida all uso dell interfaccia WEB Pag. 1 di 44 Sommario Introduzione... 4 Caratteristiche del filrbox... 5 La barra principale del filrbox... 7 Elenco degli utenti... 8 Il profilo... 9 Le novità...

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Notifiche telematiche degli atti per il settore penale presso gli uffici giudiziari

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Notifiche telematiche degli atti per il settore penale presso gli uffici giudiziari MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Notifiche telematiche degli atti per il settore penale presso gli uffici giudiziari MANUALE UTENTE Versione SNT: 1.4.4 Versione 2.2 09 Febbraio 2015 Indice 1. Generalità... 4

Dettagli

NOI Attività manuale d utilizzo

NOI Attività manuale d utilizzo Guida all installazione e all utilizzo di NOI Attività, programma per la rendicontazione delle attività di Circoli e Comitati Territoriali NOI Attività manuale d utilizzo NOI Associazione per Tutti Progetto

Dettagli

BIMPublisher Manuale Tecnico

BIMPublisher Manuale Tecnico Manuale Tecnico Sommario 1 Cos è BIMPublisher...3 2 BIM Services Console...4 3 Installazione e prima configurazione...5 3.1 Configurazione...5 3.2 File di amministrazione...7 3.3 Database...7 3.4 Altre

Dettagli

Alfresco ECM. La gestione documentale on-demand

Alfresco ECM. La gestione documentale on-demand Alfresco ECM La gestione documentale on-demand Alfresco 3.2 La gestione documentale on-demand Oltre alla possibilità di agire sull efficienza dei processi, riducendone i costi, è oggi universalmente conosciuto

Dettagli

Presentazione della famiglia openshare 2.2. 4/30/2003 Infosquare.com 1

Presentazione della famiglia openshare 2.2. 4/30/2003 Infosquare.com 1 Presentazione della famiglia 2.2 4/30/2003 Infosquare.com 1 La piattaforma Un ambiente completo e versatile per la costruzione di portali aziendali Una piattaforma integrata di content management per raccogliere,

Dettagli

Parti Subito! Validità: Dicembre 2013

Parti Subito! Validità: Dicembre 2013 Parti Subito! Validità: Dicembre 2013 Questa pubblicazione è puramente informativa. Non si offre alcuna garanzia, esplicita od implicita, sul contenuto. I marchi e le denominazioni sono di proprietà delle

Dettagli

Quaderni di formazione Nuova Informatica

Quaderni di formazione Nuova Informatica Quaderni di formazione Nuova Informatica Airone versione 6 - Funzioni di Utilità e di Impostazione Copyright 1995,2001 Nuova Informatica S.r.l. - Corso del Popolo 411 - Rovigo Introduzione Airone Versione

Dettagli

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INDICE INTRODUZIONE... 3 COME IMPOSTARE LA PAGINA INIZIALE... 3 LA WORK AREA... 3 LE VOCI DI MENU... 5 IL MENU FILE... 5 IL MENU MODIFICA... 6 IL MENU VISUALIZZA...

Dettagli

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI NUOVO PORTALE ANCE MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI DEI CONTENUTI ACCESSO AL MENU PRINCIPALE PAG. 3 CREAZIONE DI UNA NUOVA HOME PAGE 4 SELEZIONE TIPO HOME PAGE 5 DATA

Dettagli

CMG Descrizione Funzionale CMS User Manual

CMG Descrizione Funzionale CMS User Manual CMG Descrizione Funzionale CMS User Manual Doc. n CMG-SUM0010-03 Autore Elvio Simoone Data salvataggio 05/11/2011 N pagine 42 La riproduzione del presente documento o di sue parti non è consentita senza

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

filrbox Guida all uso dell applicazione DESKTOP Pag. 1 di 27

filrbox Guida all uso dell applicazione DESKTOP Pag. 1 di 27 filrbox Guida all uso dell applicazione DESKTOP Pag. 1 di 27 Sommario Introduzione... 3 Download dell applicazione Desktop... 4 Scelta della versione da installare... 5 Installazione... 6 Installazione

Dettagli

Basi di dati Microsoft Access

Basi di dati Microsoft Access Basi di dati Microsoft Access Importare dati esterni Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli via Leopardi 132 Sesto San Giovanni Breve Introduzione a Microsoft Access 2007 Microsoft Access 2007 è

Dettagli

A cura di Enrico Eccel LA STAMPA UNIONE

A cura di Enrico Eccel LA STAMPA UNIONE La stampa unione permette di stampare unitamente due file di WinWord (o anche file creati con altri programmi come Excel o Access), solitamente un file che contiene dati ed un file di testo. Generalmente

Dettagli

il mondo di e/ mondoesa;emilia

il mondo di e/ mondoesa;emilia il mondo di e/ Il presente documento è da ritenersi valido per i seguenti prodotti: e/2 ready e/2 e/3 e/ready e/impresa e/sigip e/studio Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (Spesometro)

Dettagli

2. Salvare il file (cartella di lavoro) con il nome Tabelline 3. Creare le seguenti due tabelle (una tabellina non compilata e una compilata)

2. Salvare il file (cartella di lavoro) con il nome Tabelline 3. Creare le seguenti due tabelle (una tabellina non compilata e una compilata) Tabellina Pitagorica Per costruire il foglio elettronico per la simulazione delle tabelline occorre: 1. Aprire Microsoft Excel 2. Salvare il file (cartella di lavoro) con il nome Tabelline 3. Creare le

Dettagli

mondoesa;emilia Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (Spesometro) anno 2012: Note di installazione e/fiscali rel. 4.1.

mondoesa;emilia  Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (Spesometro) anno 2012: Note di installazione e/fiscali rel. 4.1. Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (Spesometro) anno 2012: Note di installazione e/fiscali rel. 4.1.4 per e/satto e Guida rapida di utilizzo SOMMARIO 1. INSTALLAZIONE DI E/FISCALI REL.

Dettagli

SPOT. Sistema Puglia per l Osservatorio Turistico

SPOT. Sistema Puglia per l Osservatorio Turistico SPOT Sistema Puglia per l Osservatorio Turistico Innovazione e semplificazione nella gestione delle informazioni turistiche Modalità Completa Manuale d uso del sistema Ver. 2.0 maggio 2014 Progetto Sistema

Dettagli

excellent Sicurezza Sicurezza cantieri D.Lgs. 81/2008 e smi: PSC, POS DUVRI da professionisti

excellent Sicurezza Sicurezza cantieri D.Lgs. 81/2008 e smi: PSC, POS DUVRI da professionisti excellent Sicurezza Sicurezza cantieri D.Lgs. 81/2008 e smi: PSC, POS DUVRI da professionisti excellent Sicurezza nasce dall esigenza dei professionisti dell edilizia di utilizzare Excel e Word per fare

Dettagli

Collaborare con SharePoint Online

Collaborare con SharePoint Online 06 Collaborare con SharePoint Online Preparare una Raccolta Siti privata Nel corso del terzo capitolo, relativo all Amministrazione di Office 365, ti abbiamo mostrato come creare una Raccolta Siti privata

Dettagli

Piattaforma e-learning Moodle. Manuale ad uso dello studente. Vers. 1 Luglio 09

Piattaforma e-learning Moodle. Manuale ad uso dello studente. Vers. 1 Luglio 09 Piattaforma e-learning Moodle Manuale ad uso dello studente Vers. 1 Luglio 09 Sommario 1. Introduzione...2 1.1 L ambiente...2 1.2 Requisiti di sistema...4 2. Come accedere alla piattaforma...4 2.1 Cosa

Dettagli

S.I.L.O.S Sito Internet con Logica ad Oggetti Standard

S.I.L.O.S Sito Internet con Logica ad Oggetti Standard S.I.L.O.S Sito Internet con Logica ad Oggetti Standard Manuale utente V 1.0 del 29/11/2005 Redazione a cura di Uniteam SpA Indice 0. Glossario dei termini...3 1. Introduzione...4 1.1. Prerequisiti...4

Dettagli

Manuale d'uso del Microsoft Apps for Symbian

Manuale d'uso del Microsoft Apps for Symbian Manuale d'uso del Microsoft Apps for Symbian Edizione 1.0 2 Informazioni su Microsoft Apps Informazioni su Microsoft Apps Microsoft Apps incorpora le applicazioni aziendali di Microsoft nel telefono Nokia

Dettagli

GUIDA TECNICA ALLA RENDICONTAZIONE SU SIRIO

GUIDA TECNICA ALLA RENDICONTAZIONE SU SIRIO GUIDA TECNICA ALLA RENDICONTAZIONE SU SIRIO Guida per l Istituto Convenzionato Versione 1.1 Sommario 1 Novità nella procedura informatica... 2 2 Valutazione tecnica... 2 2.1 Valutazione costi... 2 2.2

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT. Formazione informatica di base IC 3 /MOS. http://www.ammega.it

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT. Formazione informatica di base IC 3 /MOS. http://www.ammega.it Formazione informatica di base IC 3 /MOS http://www.ammega.it Formazione informatica di base IC 3 Descrizione sintetica IC 3 è un Programma di Formazione e Certificazione Informatica di base e fornisce

Dettagli

Guida Joomla. di: Alessandro Rossi, Flavio Copes

Guida Joomla. di: Alessandro Rossi, Flavio Copes Guida Joomla di: Alessandro Rossi, Flavio Copes I contenuti 1. 6. Organizzare i contenuti in Joomla Come è possibile inserire ed organizzare i contenuti in Joomla: sezioni, categorie e articoli 2. 7. Ottimizzare

Dettagli

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS)

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) 2014 Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di

Dettagli

Supporto On Line Allegato FAQ

Supporto On Line Allegato FAQ Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-8JZGL450591 Data ultima modifica 22/07/2011 Prodotto Tuttotel Modulo Tuttotel Oggetto: Installazione e altre note tecniche L'utilizzo della procedura è subordinato

Dettagli

Formazione sistema editoriale CMS

Formazione sistema editoriale CMS Ufficio Società dell'informazione Nome del Progetto Acronimo del Progetto Formazione sistema editoriale CMS Documento Data di stesura Maggio 2010 Versione 1.2 Sommario 1 Scopo... 3 2 Campo di applicazione...

Dettagli

Corso BusinessObjects SUPERVISOR

Corso BusinessObjects SUPERVISOR Corso BusinessObjects SUPERVISOR Il modulo SUPERVISOR permette di: impostare e gestire un ambiente protetto per prodotti Business Objects distribuire le informazioni che tutti gli utenti dovranno condividere

Dettagli

Stampa unione in Word 2010 Stampe multiple personalizzate

Stampa unione in Word 2010 Stampe multiple personalizzate Stampa unione in Word 2010 Stampe multiple personalizzate Autore: Alessandra Salvaggio Tratto dal libro: Lavorare con Word 2010 Quando bisogna inviare documenti personalizzato a molte persone una funzione

Dettagli

per immagini guida avanzata Uso delle tabelle e dei grafici Pivot Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1

per immagini guida avanzata Uso delle tabelle e dei grafici Pivot Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Uso delle tabelle e dei grafici Pivot Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Una tabella Pivot usa dati a due dimensioni per creare una tabella a tre dimensioni, cioè una tabella

Dettagli

GUIDA TECNICA ALLA RENDICONTAZIONE SU SIRIO

GUIDA TECNICA ALLA RENDICONTAZIONE SU SIRIO GUIDA TECNICA ALLA RENDICONTAZIONE SU SIRIO Guida per l Attuatore Versione 1.1 Sommario 1 Novità nella procedura informatica... 2 2 Rendicontazione... 3 2.1 Generazione file XML tramite Excel... 3 2.1.1

Dettagli

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Crotone, maggio 2005 Windows Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Sistema Operativo Le funzioni software di base che permettono al computer di funzionare formano il sistema operativo. Esso consente

Dettagli

Prof. Antonio Sestini

Prof. Antonio Sestini Prof. Antonio Sestini 1 - Formattazione Disposizione del testo intorno ad una tabella Selezionare la tabella Dal menù contestuale scegliere il comando «proprietà» Selezionare lo stile di disposizione del

Dettagli

Excel_2000 DataBase Capitolo 13. 13-1 - Introduzione

Excel_2000 DataBase Capitolo 13. 13-1 - Introduzione Capittol lo 13 DataBase 13-1 - Introduzione Il termine DATABASE è molto utilizzato, ma spesso in modo inappropriato; generalmente gli utenti hanno un idea di base di dati sbagliata: un database è una tabella

Dettagli

IRTUALW. Infinity Portal Infinite possibilità di farti raggiungere PORTAL FORNITORI CLIENTI PROTOCOLLAZIONE KNOWLEDGE BASE CLASSIFICAZIONE VERSIONING

IRTUALW. Infinity Portal Infinite possibilità di farti raggiungere PORTAL FORNITORI CLIENTI PROTOCOLLAZIONE KNOWLEDGE BASE CLASSIFICAZIONE VERSIONING I N F I N I T Y Z U C C H E T T I Infinity Portal Infinite possibilità di farti raggiungere MARKETING SALES SUPPORT CMS KNOWLEDGE BASE E COMMERCE B2B E COMMERCE B2C AD HOC INFINITY ACQUISIZIONE PROTOCOLLAZIONE

Dettagli

Manuale Progetto Placement

Manuale Progetto Placement Manuale Progetto Placement V. 5 del 20/06/2013 FUNZIONI PRINCIPALI: Fornire uno strumento per la gestione centralizzata di stage, alternanze e placement. Costruire un database contenente i curriculum degli

Dettagli

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server La nuova generazione di soluzioni per le piccole imprese Vantaggi per le piccole imprese Progettato per le piccole imprese e commercializzato

Dettagli

Xerox Device Agent, XDA-Lite. Guida all installazione rapida

Xerox Device Agent, XDA-Lite. Guida all installazione rapida Xerox Device Agent, XDA-Lite Guida all installazione rapida Introduzione a XDA-Lite XDA-Lite è un software di acquisizione dati dei dispositivi il cui compito principale consiste nell inviare automaticamente

Dettagli

Rev.00007 Pubbl.su sito

Rev.00007 Pubbl.su sito ISTRUZIONE OPERATIVA - Documentazione Supporto Pag. 1 di 8 REDAZIONE APPROVAZIONE R-ASSW Roman Del Prete Angela DG Mario Muzzin 03.02.2014 MOTIVO DELLA REVISIONE 00002 30.01.2008 Mod.paragr.4 : specifiche

Dettagli

Configurare attività e risorse in Moodle Parte I - Versione 1 non definitiva. a cura di Patrizio Porcelli. Pag. 1

Configurare attività e risorse in Moodle Parte I - Versione 1 non definitiva. a cura di Patrizio Porcelli. Pag. 1 a cura di Patrizio Porcelli Pag. 1 Uno sguardo d insieme ad un corso in Moodle Pag. 2 Inserire attività e risorse in Moodle Configurare attività e risorse in Moodle Parte I - Versione 1 non definitiva

Dettagli

schema riassuntivo del corso di access

schema riassuntivo del corso di access schema riassuntivo del maggio-settembre 2006 Materiale prodotto da Domenico Saggese unicamente come supporto per i suoi corsi. E lecito trattenerne una copia per uso personale; non è autorizzato alcun

Dettagli

Manuale TeamViewer Manager 6.0

Manuale TeamViewer Manager 6.0 Manuale TeamViewer Manager 6.0 Revisione TeamViewer 6.0-954 Indice 1 Panoramica... 2 1.1 Informazioni su TeamViewer Manager... 2 1.2 Informazioni sul presente Manuale... 2 2 Installazione e avvio iniziale...

Dettagli