ORDINANZA N. 008/2010 ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "---------------------- ORDINANZA N. 008/2010 ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE"

Transcript

1 ORDINANZA N. 008/2010 ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di San Benedetto del Tronto: VISTI VISTO VISTA VISTI VISTI VISTO VISTO il Codice della Navigazione, approvato con R.D. 30 Marzo 1943 ed il relativo Regolamento di Esecuzione - Parte Marittima - approvato con D.P.R. 15 Febbraio 1952, n 328; il Codice della Nautica da Diporto approvato con Decreto Legislativo n 171/2005 ed il relativo Regolamento di attuazione approvato con D.M. n 146/2008; la legge 25 marzo 1985, n. 106 recante norme sulla disciplina del volo da diporto o sportivo ed il relativo Regolamento di attuazione approvato con D.P.R. 5 agosto 1988, n. 404; gli artt. 104 e 105del D. Lgs , n. 112 e succ. modifiche; i dispacci prot. 82/57388 e 82/ 42737/1, rispettivamente in data 31/07/2002 e 02/07/2002, del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, relativi alla distanza minima di navigazione in prossimità di apprestamenti di segnalazione di subacquei in immersione; il Dispaccio prot. n /34660 in data del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto relativo alle linee d indirizzo per la disciplina delle attività balneari; il Dispaccio prot. N 02/01/13413 in data del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto relativo, tra l altro, all istituzione di zone cuscinetto esterne alla zona riservata alla balneazione; VISTO il regolamento della Regione Marche n 2 del , nonché l art. 14 comma 7 delle NTA del Piano di Gestione Integrata delle Aree Costiere della Regione Marche; VISTA la propria ordinanza n. 14/2005 come successivamente integrata e modificata; CONSIDERATA la necessità di aggiornare le vigenti disposizioni relative alla sicurezza sull uso delle spiagge e del mare con riferimento alle attività balneari e per i profili su di esse incidenti della navigazione da diporto e della pesca lungo il litorale del Circondario Marittimo di San Benedetto del Tronto, che comprende il territorio dei Comuni di San Benedetto del Tronto, Grottammare, Cupra Marittima, Massignano, Campofilone, Pedaso, Altidona, Porto San Giorgio, Fermo, Porto Sant Elpidio; O R D I N A

2 ART. 1 Disposizioni generali. 1. Durante la stagione balneare, come individuata dalle specifiche ordinanze dei Comuni costieri territorialmente competenti, ciascun titolare di concessione demaniale marittima assentita per attività balneari (stabilimenti, chalet ed arenili per posa ombrelloni e sdraio), deve garantire il servizio di salvataggio con almeno 1 (UNO) assistente bagnanti ogni 140 metri lineari di fronte mare. Le strutture balneari con un fronte a mare inferiore ai 140 metri hanno comunque l obbligo di avere almeno un assistente abilitato al salvataggio. 2. Laddove nelle medesime ordinanze comunali sia stabilito un diverso periodo in cui vige l obbligo di svolgimento dell attività, l obbligo di garantire il servizio di cui al comma precedente decorre da quest ultimo (effettivo inizio dell attività di balneazione). 3. Qualora l apertura al pubblico avvenga prima dell inizio o dopo il termine della stagione balneare oppure se applicabile prima dell inizio o dopo il termine del periodo obbligatorio di svolgimento dell attività di balneazione e per le sole finalità elioterapiche, i concessionari dovranno issare su apposito pennone o in maniera ben visibile una bandiera rossa, nonché esporre uno o più cartelli in posizione facilmente visibile dagli utenti (redatto almeno in lingua italiana ed in altre due lingue dell Unione Europea) con la seguente dicitura: ATTENZIONE BALNEAZIONE NON SICURA PER MANCANZA DI APPOSITO SERVIZIO DI SALVATAGGIO STABILIMENTO APERTO SOLO PER ELIOTERAPIA. Qualora, al contrario, l apertura al pubblico avvenisse al fine di consentire l attività di balneazione, dovrà essere comunque garantito il normale servizio di salvataggio così come disciplinato nel presente articolo. 4. Il servizio di salvataggio dovrà essere espletato in maniera continuativa durante gli orari di apertura al pubblico stabiliti dalle specifiche ordinanze dei Comuni costieri territorialmente competenti. 5. Durante gli orari di apertura, al fine di consentire agli addetti al servizio di salvataggio di fruire della pausa pranzo, è prevista una pausa dalle ore 13:30 alle ore 14:30; durante tale pausa i concessionari dovranno esporre su apposito pennone o in maniera ben visibile una bandiera rossa avvisando gli utenti, nelle modalità ritenute più idonee della temporanea sospensione del servizio di salvataggio. 6. Contestualmente all attivazione del servizio di salvataggio, i titolari delle concessioni assentite per attività balneari dovranno, in aggiunta all assistente bagnanti, assicurare la presenza di 1 (uno) assistente di terra munito di attestati di abilitazione al servizio di primo soccorso rilasciato da Enti riconosciuti. 7. Nelle spiagge libere, qualora i Comuni non provvedano a garantire il servizio di salvataggio o non aderiscano al servizio in forma associata di cui all articolo seguente, gli stessi dovranno darne immediata comunicazione alla Capitaneria di Porto e dovranno provvedere, contemporaneamente, ad apporre sulle relative spiagge adeguata segnaletica ben visibile dagli utenti (redatta almeno in lingua italiana ed in altre due lingue dell Unione Europea) con la seguente dicitura: "ATTENZIONE - BALNEAZIONE NON SICURA PER MANCANZA DI APPOSITO SERVIZIO DI SALVATAGGIO". ART. 2 Disposizioni particolari per il servizio di salvataggio in forma associata.. 1. In deroga alle precedenti disposizioni il servizio di salvataggio di cui all art.1 potrà essere svolto dai concessionari di attività balneari in forma associata. A tale scopo, coloro che intendono aderire al servizio in forma associata dovranno obbligatoriamente e preventivamente all inizio di ogni stagione balneare far pervenire, anche per il tramite delle associazioni di categoria, un istanza (allegato 1), da cui risultino: a) gli stabilimenti aderenti (che dovranno essere necessariamente contigui tra loro); b) il fronte mare totale;

3 c) il numero di postazioni presenti (almeno una ogni 140 metri lineari continui). Dette postazioni, collocate in posizione centrale rispetto al fronte mare e numerate in modo progressivo da nord a sud dovranno essere riportate su apposita planimetria da cui risultino la posizione e gli stabilimenti serviti. 2. I concessionari che aderiscono alla forma associata sono comunque responsabili per eventuali assenze/carenze nel servizio e nelle postazioni (e relative dotazioni); tale responsabilità è ovviamente connessa alla postazione ed all assistente bagnante di riferimento come risultante dalla comunicazione di cui al comma precedente. 3. Nel caso di esercizio del servizio in forma associata, sarà consentita una pausa pranzo dalle ore 13:00 alle ore 15:00, durante tale orario le postazioni di salvataggio dovranno funzionare in maniera alternata ovvero: a) le postazioni con numerazione dispari (da nord a sud) saranno attive dalle ore 13:00 alle ore 14:00; b) le postazioni con numerazione pari (da nord a sud) saranno attive dalle ore 14:00 alle ore 15: I concessionari che aderiscono al servizio di salvataggio in forma associata, nella fascia oraria dalle ore 13:00 alle ore 15:00 dovranno tutti indistintamente issare su apposito pennone o, comunque in maniera ben visibile, una bandiera gialla ed avvisare gli utenti, nella forma ritenuta più idonea, che il servizio di salvataggio viene svolto in maniera attenuata e di prestare massima attenzione in caso di balneazione. 5. Ad integrazione del servizio di salvataggio, nei soli mesi di luglio ed agosto, i titolari delle concessioni per attività balneari che aderiscono alla forma associata dovranno istituire, nella fascia oraria di apertura al pubblico, un servizio integrativo di salvataggio in forma itinerante composto da almeno 1 (uno) assistente bagnante ogni 1000 metri lineari (o frazione) del fronte mare coperto dal servizio in forma associata. Ciascun assistente bagnante, addetto al servizio integrativo itinerante, dovrà essere munito di regolare brevetto in corso di validità rilasciato da un Ente riconosciuto. ART. 3 Disciplina delle aree in concessione per attività balneari. 1. I titolari di concessioni per attività balneari (chalet, stabilimenti, arenili per posa ombrelloni e sdraio asserviti o meno a stabilimenti siti in proprietà privata), oltre a garantire i servizi di cui agli articoli precedenti, da effettuarsi singolarmente o in forma associata, devono: a) esporre in luogo ben visibile la presente ordinanza; b) esporre in luogo ben visibile un cartello multilingue (italiano ed almeno due lingue dell Unione Europea), ove sono rappresentate le bandiere rossa e gialla ed i relativi significati (rossa: mancanza servizio salvataggio e/o pericolo per la balneazione gialla: servizio di salvataggio attenuato e/o presenza di vento forte); c) assicurarsi che presso la postazione di salvataggio (inclusa quella condivisa in caso di adesione al servizio in forma associata), vi siano tutte le dotazioni previste nonchè l imbarcazione adibita al salvataggio; d) assicurarsi che gli assistenti bagnanti svolgano il proprio servizio in conformità alle presenti disposizioni. 2. L eventuale mancanza/carenza del servizio di salvataggio, delle dotazioni e dei previsti segnali, boe, gavitelli, bandiere e cartelli, oltre ad essere sanzionata ai sensi della normativa vigente, sarà, nei casi più gravi e/o di reiterazione oggetto di segnalazione alle Autorità competenti ai fini della sospensione/chiusura dell attività.

4 ART. 4 Disposizioni per gli assistenti bagnanti e per gli assistenti a terra. 1. Gli assistenti bagnanti dovranno essere in possesso di apposita abilitazione rilasciata da Enti riconosciuti. 2. L assistente bagnanti non può essere impegnato in altre attività o comunque destinato ad altro servizio. 3. Al fine di far fronte alle esigenze/assenze degli assistenti bagnanti a mare e di primo soccorso a terra durante la fascia oraria di espletamento del servizio, dovute a causa di forza maggiore, bisogni fisiologici o inabilità fisica anche temporanea, è fatto obbligo ai titolari delle concessioni demaniali marittime assentite per attività balneare di organizzare un efficiente sistema volto a garantire le dovute sostituzioni del personale adibito all assistenza bagnanti con altro personale abilitato. In tal caso, ferma restando la responsabilità del titolare della concessione (ovvero dei titolari delle concessioni contigue qualora il servizio di salvataggio sia svolto in forma associata), per l eventuale mancata sostituzione dell assistente bagnanti nel periodo di temporanea assenza o inabilità dello stesso, è comunque fatto obbligo ai predetti soggetti di segnalare la mancanza del servizio issando su apposito pennone o in maniera ben visibile una bandiera rossa, nonchè esponendo uno o più cartelli in posizione facilmente visibile dagli utenti (redatto almeno in lingua italiana ed in altre due lingue dell Unione Europea) con la seguente dicitura: ATTENZIONE BALNEAZIONE NON SICURA PER MANCANZA DI APPOSITO SERVIZIO DI SALVATAGGIO STABILIMENTO APERTO SOLO PER ELIOTERAPIA.. 4. L assistente bagnanti deve: a) verificare, prima dell inizio del servizio, che presso la postazione di salvataggio vi siano tutte le dotazioni previste e che le stesse siano in perfetta efficienza; b) verificare, prima dell inizio del servizio, la presenza ed efficienza dell imbarcazione di servizio (e delle relative dotazioni), destinata presso la postazione; c) stazionare sulla torretta di avvistamento, oppure in mare sull'imbarcazione di servizio; d) effettuare brevi controlli lungo il tratto di battigia coperto dalla propria postazione rimanendo, comunque, sempre facilmente individuabile dagli utenti o dal personale preposto al controllo e portando sempre con se il fischietto e la rescue-can; e) essere in possesso di brevetto di abilitazione in corso di validità rilasciato dagli Enti riconosciuti; f) indossare una maglietta rossa riportante, su entrambi i lati, la scritta bianca SALVATAGGIO. g) segnalare ai titolari delle concessioni qualsiasi carenza/problematica che impedisca il corretto svolgimento del servizio; h) segnalare alla Capitaneria di Porto carenze/inefficienze di dotazioni che impediscano il corretto svolgimento del servizio. 5. In caso di violazione alle presenti norme, fatte salve più gravi responsabilità derivanti dal comportamento tenuto, si procederà alla segnalazione dei nominativi agli Enti riconosciuti per l eventuale ritiro del brevetto. ART. 5 Zone di mare riservate ai bagnanti. 1. La zona di mare per una profondità di mt. 300 dalla battigia è riservata alla balneazione. 2. Il limite di tale zona deve essere segnalato a cura dei concessionari di attività balneari con il posizionamento di boe/gavitelli di colore rosso aventi un diametro di almeno 30 cm, saldamente ancorati al fondo e posti alle estremità laterali della concessione, qualora la stessa abbia un fronte mare uguale o inferiore a mt. 50. Per le concessioni aventi un fronte mare superiore, i titolari delle stesse in aggiunta ai gavitelli posti alle estremità dovranno collocare un gavitello di pari dimensione e colore ogni 50 mt. o frazione di fronte, da disporre parallelamente alla linea di costa.

5 Detti gavitelli dovranno essere prontamente riposizionati allorquando a seguito di mareggiate od altri eventi, dovesse verificarsi il loro scarroccio o riscontrarsi la loro assenza. 3. Analogo obbligo è posto a carico dei Comuni rivieraschi per gli specchi acquei antistanti le spiagge libere frequentate dai bagnanti. Qualora i Comuni non provvedano a predisporre tale sistema di segnalazione, devono apporre sulle relative spiagge un'adeguata segnaletica, ben visibile dagli utenti (redatta almeno in lingua italiana ed in altre due lingue dell Unione Europea) con la seguente dicitura: "ATTENZIONE - LIMITE ACQUE RISERVATE ALLA BALNEAZIONE (Mt. 300 DALLA COSTA) NON SEGNALATO". ART. 6 Limite acque sicure. 1. I Comuni rivieraschi per le spiagge libere frequentate dai bagnanti, ed i titolari di concessione demaniale marittima assentita per attività balneare, per le aree in concessione, devono segnalare il limite entro il quale possono bagnarsi i non esperti nel nuoto. Il limite di tali acque sicure (mt ) deve essere segnalato mediante l'apposizione di un cartello monitorio da posizionarsi al centro dello specchio acqueo antistante la concessione o il tratto di spiaggia libera avente un fronte mare inferiore o uguale a 50 mt.. Per le concessioni o i tratti di spiaggia libera aventi un fronte mare superiore a 50 mt. il predetto limite dovrà essere segnalato mediante l apposizione di ulteriori cartelli posizionati ogni 50 mt. o frazione di fronte, con scritta (redatta almeno in lingua italiana ed in altre due lingue dell Unione Europea) riportante sui due lati la seguente dicitura: "ATTENZIONE - LIMITE ACQUE SICURE PROFONDITA Mt. 1.00". 2. In alternativa, qualora risultasse difficoltoso posizionare o mantenere sul fondo i cartelli in parola, è consentito l utilizzo di boe/gavitelli aventi un diametro di almeno 20 cm, di colore bianco, saldamente ancorati al fondo, visibili dagli utenti e riportanti la dicitura di cui al comma Qualora i Comuni non provvedano a tale sistema di segnalazione, devono apporre sulle relative spiagge un adeguata segnaletica, ben visibile dagli utenti (redatta almeno in lingua italiana ed in altre due lingue dell Unione Europea) con la seguente dicitura: ATTENZIONE LIMITE ACQUE SICURE- PROFONDITA Mt NON SEGNALATO. ART. 7 Zona d interdizione assoluta (fascia cuscinetto). 1. Al fine di garantire l incolumità dei bagnanti è istituita un ulteriore fascia cuscinetto, da delimitarsi a cura dei concessionari e dei Comuni nelle spiagge libere, che, partendo dal limite della zona destinata alla balneazione (300 metri), si prolunga verso mare per una profondità di 50 metri. Detta fascia sarà individuata boe/gavitelli di colore giallo aventi un diametro di almeno 30 cm, saldamente ancorati al fondo e posti parallelamente alle boe che delimitano la zona riservata alla balneazione (di colore rosso). 2. L accesso alla predetta fascia è interdetto sia ai bagnanti sia alle unità che navigano a motore, fatta eccezione per quelle appartenenti alle forze di polizia o deputate al soccorso. ART. 8 Postazione di salvataggio. 1. I titolari delle concessioni demaniali marittime assentite per attività balneare sono tenuti a predisporre, ai fini dell espletamento del servizio obbligatorio di salvataggio durante il periodo di apertura al pubblico, una postazione di salvataggio, costituita da idonea "torretta di avvistamento"

6 sopraelevata di almeno due metri dal piano di spiaggia, sulla quale dovrà essere riportato in maniera ben visibile la scritta SALVATAGGIO e presso la quale dovranno essere presenti le seguenti dotazioni: a) un imbarcazione adibita al servizio di salvataggio con caratteristiche e dotazioni uguali a quelle descritte nell articolo seguente; b) un fischietto; c) un binocolo; d) una coppia di pinne; e) una maschera munita di boccaglio; f) un megafono; g) un rescue-can.; h) un rullo con duecento metri di cavo di salvataggio di tipo galleggiante dotato di cintura o bretelle. 2. Qualora il servizio di soccorso e assistenza bagnanti sia svolto in forma associata, i titolari delle concessioni demaniali marittime assentite per attività balneare dovranno garantire il servizio mediante l istallazione ed il mantenimento di almeno una postazione di salvataggio ogni 140 metri lineari di fronte mare (limite massimo continuo); l eventuale presenza, nell ambito del fronte di riferimento, di tratti di spiaggia che non risultino coperti dal servizio non interrompe la continuità lineare del fronte ai fini del raggiungimento del predetto limite. Le predette postazioni dovranno avere le medesime caratteristiche e dotazioni di cui al comma precedente e dovranno essere posizionate, per quanto possibile, centralmente rispetto al fronte assicurato. ART. 9 Dotazioni e prescrizioni particolari per gli stabilimenti balneari. 1. In prossimità degli estremi di ciascuna concessione assentita per attività balneare, presso la battigia, devono essere posizionati due salvagenti anulari con sagola galleggiante lunga almeno 25 mt. in perfette condizioni di efficienza; ad integrazione dei predetti salvagenti obbligatori, possono essere posizionati salvagenti tipo Flotter, a ferro di cavallo oppure con maniglie tipo Body Guard. 2. Ogni titolare di concessione demaniale marittima assentita per attività balneare deve predisporre un'imbarcazione idonea a disimpegnare il servizio di salvataggio, avente le seguenti caratteristiche/dotazioni: a) colore rosso; b) scritta bianca "SALVATAGGIO"; c) un salvagente anulare munito di una sagola galleggiante lunga almeno 25 mt.; d) un mezzo marinaio o gaffa. Tale imbarcazione non deve essere, in alcun caso, destinata ad altri usi. Qualora il servizio di salvataggio venisse assicurato in forma associata, l imbarcazione da posizionare in prossimità della postazione di salvataggio potrà coincidere con quella del concessionario retrostante. 3. Ad integrazione del mezzo nautico di cui sopra, è possibile predisporre uno specifico mezzo ausiliario (moto d acqua, acquascooter o mezzi similari) nel rispetto delle seguenti prescrizioni d uso: a) il conduttore del mezzo deve essere in possesso di abilitazione alla conduzione di unità da diporto; b) a bordo del mezzo deve esservi la presenza di una persona abilitata al salvamento in aggiunta al conduttore del mezzo; c) il mezzo adibito all attività di salvamento, dovrà essere impiegato in via esclusiva per tale destinazione; d) il conduttore del mezzo dovrà rispettare le normative che regolano la navigazione nella fascia riservata alla balneazione (utilizzo dei corridoi di lancio);

7 Viene rimesso al prudente apprezzamento del responsabile del servizio di assistenza bagnanti (titolare di concessione demaniale marittima assentita per attività balneare) la valutazione sulla scelta del mezzo ritenuto idoneo per la prestazione del servizio di salvamento in funzione delle mutevoli circostanze di fatto che caratterizzano, concretizzano ed indirizzano la scelta stessa (condizioni meteomarine, distanza dal pericolante, caratteristiche dei luoghi ecc). 4. Qualora, a giudizio del concessionario, le condizioni meteo-marine o qualsivoglia altro motivo dovessero comportare situazioni di rischio per la balneazione, dovrà essere issata su apposito pennone ben visibile, una bandiera rossa indicante il pericolo per la balneazione. In tal caso, chiunque, nonostante la situazione di pericolo segnalata, intende prendere il bagno lo fa a proprio rischio e pericolo. L assistente bagnanti,anche in questo caso, dovrà permanere presso la postazione e rispettare gli orari previsti. La bandiera rossa non deve, comunque, essere issata in caso di condizioni meteorologiche marine favorevoli alla balneazione. In presenza di vento forte, allo scopo di salvaguardare l'incolumità dei bagnanti, è fatto obbligo ai concessionari di strutture balneari di tenere chiusi gli ombrelloni e di innalzare la bandiera gialla. 5. Ogni titolare di Concessione Demaniale Marittima assentita per attività balneare deve dotarsi di materiale di primo soccorso facilmente accessibile all uso, costituito da: a) tre bombolette individuali di ossigeno da un litro con riduttore di pressione e mascherina, permanentemente collegati e pronti all'uso munite di idonea attestazione di efficienza rilasciata dalla locale Autorità Sanitaria. In alternativa, sono consentite due bombole per un totale complessivo di tre litri o tre bombolette monouso di ossigeno complete di forcella nasale e raccordo in grado di garantire in condizioni medie d impiego una durata di almeno venti minuti cadauna, anch esse munite di idonea attestazione di efficienza rilasciata dalla locale Autorità Sanitaria; b) cannula di respirazione bocca a bocca; c) un pallone "Ambu" o altra apparecchiatura riconosciuta equipollente dalle competenti Autorità Sanitarie; d) cassetta di pronto soccorso, di cui al D.M. 15 luglio 2003, n. 388, allegato 1, contenente: 5 paia di guanti sterili monouso; 1 flacone di soluzione cutanea di iodopovidone al 10% di iodio da 1 litro; 3 flaconi di soluzione fisiologica (sodio cloruro 0.9%) da 500 ml; 10 compresse di garza sterile 10x10 in buste singole; 2 compresse di garza sterile 18x40 in buste singole; 2 teli sterili monouso; 1 confezione di rete elastica di misura media; 2 pinzette da medicazione sterili monouso; 1 confezione di cotone idrofilo; 2 confezioni di cerotti di varia misura pronti all uso; 2 rotoli di cerotto alto cm 2,5; 1 paio di forbici; 3 lacci emostatici; 2 confezioni di ghiaccio pronto all uso; 2 confezioni di sacchetti monouso per la raccolta di rifiuti sanitari; 1 termometro; 1 apparecchio per la misurazione della pressione arteriosa. Le suddette dotazioni dovranno essere collocate in un apposito locale, adeguatamente segnalato e non necessariamente ubicato nel corpo centrale, che deve essere obbligatoriamente destinato, a cura dei titolari delle concessioni, al pronto soccorso. 6. Presso ogni concessione balneare deve essere esposto in modo ben visibile al pubblico un quadro illustrativo degli interventi da attuarsi in caso di pronto soccorso agli asfittici. La direzione dello stabilimento deve porre in essere ogni cura perché l'attività balneare sia effettuata in tutta sicurezza e dovrà essere immediatamente segnalata all'autorità Marittima l'eventuale presenza nelle acque prospicienti lo stabilimento di oggetti fluttuanti o pericoli che possano arrecare danno alle persone o alla sicurezza della navigazione.

8 7. Il titolare di Concessione Demaniale Marittima assentita per attività balneare deve inoltre: a) consentire a tutti il libero e gratuito accesso al mare ed alla fascia di libero transito (5 m dalla battigia); b) richiamare l'attenzione degli utenti anche con appositi cartelli sui pericoli derivanti dall'immersione in acqua nelle ore immediatamente successive alla consumazione dei pasti, nonché sulla pericolosità della balneazione in prossimità delle scogliere e dei pennelli frangiflutto; c) tenere in luogo ben visibile al pubblico cartelli indicanti i numeri telefonici di Capitaneria di Porto, Carabinieri, Polizia di Stato e Vigili del Fuoco nonché degli altri posti di pronto intervento (Ospedali, Vigili Urbani, Croce Rossa, etc.). In particolare dovrà essere evidenziato, al fine di consentire un rapido intervento in mare, il NUMERO D EMERGENZA IN MARE Ogni struttura balneare deve essere dotata di idonee sistemazioni antincendio nel rispetto delle vigenti normative in materia, in conformità al certificato di prevenzione incendi. 9. È vietato mantenere, nelle cabine spogliatoio, fonti di accensione (fornelli, bombole di gas, liquidi infiammabili etc.). 10. E'vietato lasciare all'interno dei complessi balneari serbatoi di carburante. ART. 10 Prescrizioni sull uso delle spiagge. Sulle spiagge del Circondario Marittimo È SEMPRE VIETATO: a) occupare con ombrelloni, sdraio, sedie, sgabelli, teli, etc., nonché mezzi nautici (eccetto mezzi di soccorso),, la fascia della battigia destinata esclusivamente al libero transito. Tale fascia, salvo quanto diversamente stabilito dai Piani Regolatori di Spiaggia approvati dall Autorità Marittima, non potrà essere inferiore a ml. 5,00 dalla battigia; b) introdurre e usare bombole di gas o altre sostanze infiammabili senza la prescritta autorizzazione; c) tuffarsi dalle scogliere o da altri siti se non espressamente dichiarati agibili da Leggi, Regolamenti od Ordinanze e la cui collocazione ed utilizzo non siano stati preventivamente autorizzati dalle competenti Autorità; d) depositare serbatoi di carburante nelle zone di arenile adibite alla sosta ed alaggio delle imbarcazioni da pesca e da diporto; e) ferma restando l osservanza delle prescrizioni generali e delle norme di circolazione e di sicurezza dei voli effettuati con apparecchi per il volo da diporto e sportivo (alianti, deltaplani con o senza motore, ultraleggeri, idrovolanti, elicotteri o similari) contenute nel D.P.R. 5 agosto 1988, n. 404, ai fini dell applicazione dell art. 6 comma 4 dello stesso decreto, la fascia di specchio acqueo entro 300 metri dalla costa e l adiacente arenile destinato all attività balneare vengono identificati quali luoghi con assembramenti di persone ; pertanto, su di essi, è vietato il sorvolo fatta eccezione per velivoli appartenenti a Forze Armate, di Polizia od Enti di soccorso. ART. 11 Prescrizioni relative alla balneazione. 1. La balneazione E VIETATA: a) all interno dei porti; b) nel raggio di metri 100 dalle imboccature dei porti;

9 c) fuori dai porti in prossimità di zone di mare in cui vi siano lavori in corso per un raggio di sicurezza specificatamente disciplinato con apposita ordinanza; d) all'interno dei corridoi di lancio opportunamente segnalati. Il divieto di balneazione all'interno dei corridoi deve essere evidenziato mediante apposito cartello posizionato sulla battigia all'inizio del corridoio e recante la dicitura (redatta almeno in lingua italiana ed in altre due lingue dell Unione Europea): "CORRIDOIO RISERVATO AL TRANSITO DI UNITA'- DIVIETO DI BALNEAZIONE"; e) nelle zone dichiarate non balneabili dalle competenti autorità sanitarie e comunali; in tal caso i Comuni interessati dovranno avere cura di apporre i relativi cartelli indicanti il "DIVIETO DI BALNEAZIONE"; 2. I bagnanti che effettuino attività di nuoto al di fuori del limite delle acque riservate alla balneazione durante la stagione balneare dovranno segnalarsi mediante un pallone galleggiante rosso recante una bandiera rossa con striscia diagonale bianca, visibile ad una distanza non inferiore a 300 metri; il galleggiante di segnalazione dovrà essere collegato al nuotatore con una sagola non più lunga di 3 mt. Se vi è un mezzo nautico di appoggio, il predetto segnale deve essere innalzato sul mezzo nautico a bordo del quale è obbligatoria la presenza di almeno una persona pronta ad intervenire. ART. 12 Disciplina della pesca. Nel periodo di vigenza della presente ordinanza, è vietato l esercizio di qualsiasi tipo di pesca nella fascia di mare di mt 500 dalla battigia, negli orari compresi tra le e le ART. 13 Rinvio di norme. Per quanto non disciplinato nella presente ordinanza, continuano ad applicarsi le norme di cui all ordinanza di Disciplina del diporto nautico per finalità ricreative od usi turistici locali della Capitaneria di Porto di San Benedetto del Tronto. In particolare dovrà farsi riferimento alla suddetta ordinanza per quanto concerne: a) norme di sicurezza, prescrizioni, divieti e limiti per la navigazione delle unità da diporto; b) corridoi di lancio: dimensioni, divieti e prescrizioni per la navigazione; c) locazione e noleggio unità da diporto; d) norme di sicurezza, prescrizioni, divieti e limiti per l uso di tavole a vela, windsurf, natanti a vela con deriva mobile, surf, body board, kite-surf, acquascooter e moto d acqua; e) disciplina, prescrizioni, divieti e limiti per l esercizio dello sci nautico, del paracadutismo ascensionale e del rimorchio di banana-boat e similari; f) esercizio delle immersioni subacquee singole o in gruppo, con o senza scopo di lucro; g) disciplina della pesca subacquea La suddetta elencazione è fatta a scopo meramente ricognitivo e non è esaustiva; pertanto si rimanda alla lettura della citata ordinanza per le norme di dettaglio.

10 ART. 14 Norme sanzionatorie e finali. 1. La presente ordinanza, pubblicata all albo della Capitaneria di Porto, sul sito internet istituzionale ed all albo dei Comuni rivieraschi, entra in vigore decorsi 20 (venti) giorni dalla data di emanazione. 2. Dall entrata in vigore della presente ordinanza, è abrogata l ordinanza n 14/2005 e successive modifiche, nonché tutte le ordinanze che siano in contrasto con le norme contenute nella presente. 3. Gli Ufficiali ed Agenti di Polizia Giudiziaria sono incaricati di far osservare la presente ordinanza. 4. I contravventori alla presente Ordinanza, salvo che il fatto non costituisca reato, saranno perseguiti ai sensi dei pertinenti articoli del Codice della Navigazione, del Codice della Nautica da Diporto, della legge , n. 963 e succ. modd. e relativo Regolamento. San Benedetto del Tronto, lì f.to Il COMANDANTE C.F. (CP) Daniele DI GUARDO

11 RICHIESTA EFFETTUAZIONE SERVIZIO DI SALVATAGGIO IN FORMA ASSOCIATA I sottoscritti, Allegato 1 Alla Capitaneria di Porto di San Benedetto del Tronto 1. nato a il / / e residente in (provincia di ), via n., legale rappresentante della società con sede in, via, n., titolare della concessione demaniale marittima n. di, riportante l insegna, ed avente un fronte mare pari a mt. lineari 2. nato a il / / e residente in (provincia di ), via n., legale rappresentante della società con sede in, via, n., titolare della concessione demaniale marittima n. di, riportante l insegna, ed avente un fronte mare pari a mt. lineari 3. nato a il / / e residente in (provincia di ), via n., legale rappresentante della società con sede in, via, n., titolare della concessione demaniale marittima n. di, riportante l insegna, ed avente un fronte mare pari a mt. lineari 4. nato a il / / e residente in (provincia di ), via n., legale rappresentante della società con sede in, via, n., titolare della concessione demaniale marittima n. di, riportante l insegna, ed avente un fronte mare pari a mt. lineari 5. nato a il / / e residente in (provincia di ), via n., legale rappresentante della società con sede in, via, n., titolare della concessione demaniale marittima n. di, riportante l insegna, ed avente un fronte mare pari a mt. lineari

12 dichiarano, ai sensi della vigente ordinanza di sicurezza balneare della Capitaneria di Porto di San Benedetto del Tronto: di voler assicurare, per la stagione balneare, il/i succitato/i servizio/i in forma associata, per un fronte mare complessivo di metri lineari ; che il numero di postazioni presenti (almeno una ogni 140 metri lineari continui), è in totale di ; che le predette postazioni, numerate in modo progressivo da nord a sud, sono quelle di cui all allegata planimetria con indicato, in apposita legenda, gli stabilimenti serviti; di impegnarsi ad assicurare nei mesi di luglio ed agosto un servizio integrativo in forma itinerante di assistenti bagnanti nel numero di 1 (UNO) ogni 1000 metri di fronte lineare o frazione, per un totale complessivo di n, assistenti bagnanti aggiuntivi. Firma (leggibile) dei concessionari

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo GENOVA

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo GENOVA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo GENOVA Ordinanza di Sicurezza Balneare n 72 / 2006 IL CAPO DEL CIRCONDARIO MARITTIMO DI GENOVA: RITENUTO necessario disciplinare

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000

MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000 Vista Vista Considerato Considerato MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante dei Porto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Capitaneria di Porto di Bari

REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Capitaneria di Porto di Bari REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Capitaneria di Porto di Bari Ordinanza n 32/2011 Il Comandante della Capitaneria di Porto di Bari, nella rispettiva qualità di Capo del

Dettagli

CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA GENOVA ORDINANZA N. 183/2003 CAPITANERIA DI PORTO GENOVA SEZIONE TECNICA ORDINANZA N 183/2003

CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA GENOVA ORDINANZA N. 183/2003 CAPITANERIA DI PORTO GENOVA SEZIONE TECNICA ORDINANZA N 183/2003 CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA GENOVA ORDINANZA N. 183/2003 CAPITANERIA DI PORTO GENOVA SEZIONE TECNICA ORDINANZA N 183/2003 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Genova: -

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO - GUARDIA COSTIERA PESCARA ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N 28 /2006

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO - GUARDIA COSTIERA PESCARA ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N 28 /2006 In caso di emergenze e pericolo per la vita umana in mare chiamare tempestivamente la Capitaneria di Porto di Pescara al numero 085/694040, ovvero comporre il Numero Blu gratuito 1530. MINISTERO DELLE

Dettagli

UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO GUARDIA COSTIERA MARATEA

UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO GUARDIA COSTIERA MARATEA UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO GUARDIA COSTIERA MARATEA ORDINANZA N 11-2011 Il Capo del circondario marittimo di Maratea: VISTI gli articoli 30, 68, 81, 1161, 1164, 1174, 1231 del codice della navigazione

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - OLBIA Tel. 0789/21243 Fax 0789/27737 - E-Mail olbia@guardiacostiera.

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - OLBIA Tel. 0789/21243 Fax 0789/27737 - E-Mail olbia@guardiacostiera. Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - OLBIA Tel. 0789/21243 Fax 0789/27737 - E-Mail olbia@guardiacostiera.it ORDINANZA N 26/2009 Il Capitano di Vascello (CP) sottoscritto,

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti RAMO TRASPORTI. Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure. Ordinanza n 152/2009

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti RAMO TRASPORTI. Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure. Ordinanza n 152/2009 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti RAMO TRASPORTI Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure Ordinanza n 152/2009 Il Tenente di Vascello (CP) sottoscritto, Capo del Circondario

Dettagli

CAPITANERIA DI PORTO PORTOFERRAIO

CAPITANERIA DI PORTO PORTOFERRAIO CAPITANERIA DI PORTO PORTOFERRAIO ORDINANZA N 45 /2005 IN DATA 10.05.2005 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA BALNEARI Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO DI PORTOFERRAIO ORDINANZA

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Capitaneria di Porto Guardia Costiera TARANTO Largo Arcivescovado, n 17 tel. 099/4713611 fax 099/4718288 Mail: taranto@guardiacostiera.it www.taranto.guardiacostiera.it

Dettagli

COMUNE DI RIMINI DIREZIONE PATRIMONIO UNITA ORGANIZZATIVA DEMANIO MARITTIMO E PORTI TURISTICI

COMUNE DI RIMINI DIREZIONE PATRIMONIO UNITA ORGANIZZATIVA DEMANIO MARITTIMO E PORTI TURISTICI COMUNE DI RIMINI DIREZIONE PATRIMONIO UNITA ORGANIZZATIVA DEMANIO MARITTIMO E PORTI TURISTICI Prot. 2882010 Rimini, 4-4-2013 ORDINANZA BALNEARE COMUNALE N. 1/2013 IL DIRIGENTE DELL UNITA ORGANIZZATIVA

Dettagli

D.M. 388/2003 GRUPPO B GRUPPO C

D.M. 388/2003 GRUPPO B GRUPPO C La cassetta di pronto soccorso D.M. 388/2003 Ai sensi di questo D.M. le aziende sono distinte a seconda dell attività svolta, del numero dei lavoratori e e dei fattori di rischio in tre gruppi: GRUPPO

Dettagli

PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n.

PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n. COMUNE DI PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n.388) Data di emissione: Aggiornamento: IL DATORE DI

Dettagli

ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N _08_/2013

ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N _08_/2013 Il Capo del Circondario Marittimo di Rimini: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti - CAPITANERIA DI PORTO DI RIMINI - Via destra del Porto 149/151-47921 Rimini - Tel. 0541/50121 - Fax 0541/54373

Dettagli

COMUNE SANTA CROCE CAMERINA (RG) 3 Dipartimento Assetto del Territorio Via Alberto Moravia n. 15

COMUNE SANTA CROCE CAMERINA (RG) 3 Dipartimento Assetto del Territorio Via Alberto Moravia n. 15 Via Alberto Moravia n. 15 (Allegato 1) SERVIZIO DI VIGILANZA E SALVATAGGIO NELLE SPIAGGE LIBERE CAPITOLATO D ONERI PREMESSO: Che la Legge 01.09.1998 n. 17 istituisce il servizio di vigilanza e salvataggio

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO SANTA MARGHERITA LIGURE

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO SANTA MARGHERITA LIGURE EMERGENZA NUMERO BLU! 1530 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO SANTA MARGHERITA LIGURE ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N 20 / 2006 Il Capo del Circondario Marittimo

Dettagli

REGIONE LIGURIA COMUNE DI PORTOVENERE PROVINCIA DELLA SPEZIA IL RESPONSABILE DEL DEMANIO

REGIONE LIGURIA COMUNE DI PORTOVENERE PROVINCIA DELLA SPEZIA IL RESPONSABILE DEL DEMANIO ORDINANZA N. 1981/2007 R.O. REGIONE LIGURIA COMUNE DI PORTOVENERE PROVINCIA DELLA SPEZIA IL RESPONSABILE DEL DEMANIO RITENUTO necessario disciplinare, per quanto di competenza, l uso delle spiagge ricadenti

Dettagli

ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE

ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO ISCHIA Ordinanza n 30/07 in data 26 Giugno 2007 ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE - pag. 1 - MINISTERO DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI ISCHIA Ordinanza di

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA (Località P.ta Chiara, snc. - Tel. 0789-730632 - Fax 0789-731020. E-mail: cplamaddalena@mit.gov.it - Sito Web: www.guardiacostiera.gov.it)

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI PESARO ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N. 15/2009

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI PESARO ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N. 15/2009 */-\ATTENZIONE - In caso di necessità contattare la Capitaneria di Porto di Pesaro al numero telefonico 0721/400016. Segnalazioni di situazioni che richiedono un pronto intervento di soccorso in mare possono

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA (Località P.ta Chiara, snc. - Tel. 0789-730632 - Fax 0789-731020. E-mail: cplamaddalena@mit.gov.it - Sito Web: www.guardiacostiera.it)

Dettagli

CAPITANERIA DI PORTO MARINA DI CARRARA. Ordinanza n 32/10 in data 06 Maggio 2010 ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE

CAPITANERIA DI PORTO MARINA DI CARRARA. Ordinanza n 32/10 in data 06 Maggio 2010 ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE CAPITANERIA DI PORTO MARINA DI CARRARA Ordinanza n 32/10 in data 06 Maggio 2010 ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO E CIRCONDARIO MARITTIMO

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - GUARDIA COSTIERA I M P E R I A Ordinanza di Sicurezza Balneare n 14 /2013 Il sottoscritto, Capo del Circondario Marittimo e Comandante

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ramo Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO PORTO SANTO STEFANO

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ramo Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO PORTO SANTO STEFANO Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ramo Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO PORTO SANTO STEFANO ORDINANZA N 176/08 Il capo del Circondario Marittimo e Comandante del porto di Porto Santo

Dettagli

SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE

SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE INDICE 2. LE PRINCIPALI FIGURE INDIVIDUATE DAL T.U. SICUREZZA..... pag 3 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE..... pag 3 ADDETTI ALL

Dettagli

Registro controlli antincendio e PS. (D.Lgs. 626/94 DM 10 03 98 DPR 37/98 DM 388/03)

Registro controlli antincendio e PS. (D.Lgs. 626/94 DM 10 03 98 DPR 37/98 DM 388/03) Istituto Comprensivo di Porto Venere "Giovanni di Giona" SEDE: (19022) LE GRAZIE, VIA ROMA, 1 LA SPEZIA - C. F. 80003280114 TEL. (0187) 790358 FAX (0187) 790021 - WEB: www.portovenerescuole.it - E.mail

Dettagli

Le nuove regole del pronto soccorso nei luoghi di lavoro

Le nuove regole del pronto soccorso nei luoghi di lavoro NUOVE NORME SUL PRONTO SOCCORSO AZIENDALE Obbligatorio in tutte le aziende dal 3 febbraio 2005 1 Sintesi degli obblighi del datore di lavoro Il datore di lavoro deve adeguare la documentazione del sistema

Dettagli

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazione DLgs 3 agosto 2009, n. 106 )

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazione DLgs 3 agosto 2009, n. 106 ) Allegato 06 REGISTRO CONTROLLI PRESIDI E SISTEMI ANTINCENDIO CASSETTA DI PRIMO SOCCORSO DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazioni DLgs 3 agosto 2009, n. 106 PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI

Dettagli

Ufficio Circondariale Marittimo Trieste

Ufficio Circondariale Marittimo Trieste ORDINANZA N 37/2011 Il sottoscritto Contrammiraglio (CP), Capo del Circondario Marittimo di : Vista Visto Visto Accertato Atteso Ritenuto Visti la propria Ordinanza n. 21 /11, in data 23.04.2011, che disciplina

Dettagli

` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà

` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà ` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI SANTA MARGHERITA LIGURE O R D I N A N Z A N. 196 / 2004 Il Capo del Circondario Marittimo di Santa Margherita Ligure; VISTA

Dettagli

ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N. _32/2013. Il Capo del Circondario Marittimo di Roma Comandante del porto di Fiumicino:

ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N. _32/2013. Il Capo del Circondario Marittimo di Roma Comandante del porto di Fiumicino: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO ROMA Sezione Tecnica, Sicurezza e Difesa Portuale Viale Traiano N. 37, 00054 FIUMICINO (Roma) e-mail: cproma@mit.gov.it cp-romafiumicino@pec.mit.gov.it

Dettagli

ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N. 18/2012

ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N. 18/2012 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - GUARDIA COSTIERA CIVITANOVA MARCHE ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N. 18/2012 Il sottoscritto, nella sua qualità di Capo

Dettagli

[sede nel porto di Loano, molo Francheville, 3 ucloanoalbenga@mit.gov.it 010 2777800]

[sede nel porto di Loano, molo Francheville, 3 ucloanoalbenga@mit.gov.it 010 2777800] MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI LOANO-ALBENGA [sede nel porto di Loano, molo Francheville, 3 ucloanoalbenga@mit.gov.it 010 2777800] ORDINANZA DI SICUREZZA

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo di Alghero SEZIONE TECNICO- OPERATIVA UFFICIO TECNICA

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo di Alghero SEZIONE TECNICO- OPERATIVA UFFICIO TECNICA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo di Alghero SEZIONE TECNICO- OPERATIVA UFFICIO TECNICA Via Eleonora d Arborea, 2-07041 Alghero (SS) - Tel. 079-953174/986811

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA ANCONA ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N.

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA ANCONA ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N. MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA ANCONA ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N. 35/2011 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del porto di Ancona,

Dettagli

COMUNE DI CAORLE ORDINANZA DI BALNERAE N 249/2010

COMUNE DI CAORLE ORDINANZA DI BALNERAE N 249/2010 CITTÁ DI CAORLE SETTORE SERVIZI TECNICI Dirigente Responsabile : Ing. Enzo Lazzarin www.comune.caorle.ve.it Ufficio Demanio Marittimo COMUNE DI CAORLE ORDINANZA DI BALNERAE N 249/2010 IL SINDACO RENDE

Dettagli

Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree.

Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree. COMUNE DI VERNAZZA Provincia della Spezia PARCO NAZIONALE DELLE CINQUE TERRE Area Marina Protetta Cinque Terre Patrimonio dell'u.n.e.s.c.o. Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree. Articolo

Dettagli

IL CAPO DEL CIRCONDARIO MARITTIMO DI PALERMO:

IL CAPO DEL CIRCONDARIO MARITTIMO DI PALERMO: CAPITANERIA DI PORTO DEL COMPARTIMENTO MARITTIMO PALERMO Ufficio Circondariale Marittimo di Palermo ORDINANZA N 33/12 del 06.04.2012 DISCIPLINA SULLA SICUREZZA DELLE ATTIVITA BALNEARI (TEL. EMERGENZA NUMERO

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - GUARDIA COSTIERA PORTO EMPEDOCLE

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - GUARDIA COSTIERA PORTO EMPEDOCLE Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - GUARDIA COSTIERA PORTO EMPEDOCLE Via Gioeni 55, 92014 Porto Empedocle (AG) - Centralino: 0922 531811-531812 - Sala Operativa: 0922

Dettagli

COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo - - - - - - D e l i b e r a z i o n e d e l l a G i u n t a

COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo - - - - - - D e l i b e r a z i o n e d e l l a G i u n t a Copia COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo - - - - - - D e l i b e r a z i o n e d e l l a G i u n t a n 110 del 26-05-2012 Oggetto: Individuazione spiaggia e specchio mare antistante destinati alla

Dettagli

ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE

ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO ALASSIO (Porto L. Ferrari, 6 - Tel 0182/640861 - Fax 0182/646688 ucalassio@mit.gov.it) ORDINANZA N. 33/2013 ORDINANZA DI SICUREZZA

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI ORISTANO. Ordinanza n 07/2012 ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI ORISTANO. Ordinanza n 07/2012 ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI ORISTANO Ordinanza n 07/2012 ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE IL CAPO DEL CIRCONDARIO MARITTIMO E COMANDANTE DEL PORTO DI ORISTANO

Dettagli

ORDINANZA N. 16 /2016

ORDINANZA N. 16 /2016 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo di Otranto TEL.(+39) 0836/801073 - FAX (+39) 0836/805405 - Email: ucotranto@mit.gov.it ORDINANZA N. 16 /2016 LAVORI DI ADEGUAMENTO

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO GUARDIA COSTIERA MONOPOLI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO GUARDIA COSTIERA MONOPOLI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO GUARDIA COSTIERA MONOPOLI ORDINANZA N. 7/2004 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Monopoli : VISTA

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI VENEZIA ORDINANZA N 92 / 07. Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del porto di Venezia :

MINISTERO DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI VENEZIA ORDINANZA N 92 / 07. Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del porto di Venezia : MINISTERO DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI VENEZIA ORDINANZA N 92 / 07 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del porto di Venezia : VISTO il Decreto legislativo 18 luglio 2005, n. 171 (codice

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI

MINISTERO DEI TRASPORTI MINISTERO DEI TRASPORTI Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure Ordinanza di sicurezza balneare n 53/2008 Il Tenente di Vascello (CP) sottoscritto, Capo del Circondario Marittimo e Comandante

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA ANCONA

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA ANCONA MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA ANCONA ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N 05 / 2009 IL CAPO DEL CIRCONDARIO MARITTIMO E COMANDANTE DEL PORTO DI ANCONA

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA SERVIZIO SICUREZZA DELLA NAVIGAZIONE E DIFESA PORTUALE SEZIONE TECNICA ORDINANZA N 47/2012 ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI TRIESTE ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE n.

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI TRIESTE ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE n. MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI TRIESTE ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE n. 21 / 2011 Il Contrammiraglio (CP), Capo del Circondario Marittimo di Trieste;

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI MONOPOLI

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI MONOPOLI Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI MONOPOLI 70043 Monopoli (Ba) Largo Fontanelle 12 tel. 080 9303105 - fax 080 9379509 e mail: monopoli@guardiacostiera.it

Dettagli

C i t t à di C a s t e l l a m m a r e di S t a b i a Settore IX Ambiente Territorio - Risorse

C i t t à di C a s t e l l a m m a r e di S t a b i a Settore IX Ambiente Territorio - Risorse C i t t à di C a s t e l l a m m a r e di S t a b i a Settore IX Ambiente Territorio - Risorse Ordinanza n. 34464 del 13/06/08 I L DIRIGENTE VISTO il Codice della Navigazione ed il regolamento per la Navigazione

Dettagli

ALLEGATO A. Comune di Ginosa. Provincia di Taranto. OGGETTO: Affidamento attività di assistenza alla balneazione e miglioramento

ALLEGATO A. Comune di Ginosa. Provincia di Taranto. OGGETTO: Affidamento attività di assistenza alla balneazione e miglioramento ALLEGATO A Comune di Ginosa Provincia di Taranto Cron. gen.le n. CONVENZIONE IN CASO D USO OGGETTO: Affidamento attività di assistenza alla balneazione e miglioramento segnaletica obbligatoria sulle spiagge

Dettagli

Città di JESOLO. Provincia di Venezia ORDINANZA SULLE ATTIVITA BALNEARI. N. 116 DEL 24 aprile 2013

Città di JESOLO. Provincia di Venezia ORDINANZA SULLE ATTIVITA BALNEARI. N. 116 DEL 24 aprile 2013 Città di JESOLO Provincia di Venezia ORDINANZA SULLE ATTIVITA BALNEARI N. 116 DEL 24 aprile 2013 IL DIRIGENTE DEL SETTORE FINANZARIO E SVILUPPO ECONOMICO Vista la necessità di disciplinare le varie attività

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI GRADO Ordinanza di Sicurezza Balneare n 16/2006

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI GRADO Ordinanza di Sicurezza Balneare n 16/2006 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI GRADO Ordinanza di Sicurezza Balneare n 16/2006 Il Tenente di Vascello (CP), Capo del circondario marittimo e Comandante

Dettagli

E importante rimarcare la distinzione tra paziente grave e paziente urgente.

E importante rimarcare la distinzione tra paziente grave e paziente urgente. IL PRIMO SOCCORSO Il Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 mette in capo al Datore di Lavoro l obbligo di prendere i provvedimenti necessari in tema di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI CAGLIARI Numero blu 1530 Centrale operativa 070/60517240 070/659210 070/659225

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI CAGLIARI Numero blu 1530 Centrale operativa 070/60517240 070/659210 070/659225 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI CAGLIARI Numero blu 1530 Centrale operativa 070/60517240 070/659210 070/659225 ORDINANZA N 67/2011 ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA ESERCITABILI SUL DEMANIO MARITTIMO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA ESERCITABILI SUL DEMANIO MARITTIMO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA ESERCITABILI SUL DEMANIO MARITTIMO Art. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Dal 1 maggio al 30 settembre di ogni anno l'uso delle spiagge e dei litorali,

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO CHIOGGIA ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N. 24/2009

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO CHIOGGIA ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N. 24/2009 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO CHIOGGIA ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N. 24/2009 Il Capo del Compartimento Marittimo e Capo del Circondario Marittimo di Chioggia:

Dettagli

CAPITANERIA DI PORTO MONFALCONE

CAPITANERIA DI PORTO MONFALCONE MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO MONFALCONE Il Capo del Circondario Marittimo di Monfalcone, RITENUTO necessario aggiornare la disciplina delle attività che incidono

Dettagli

C O M U N E D I V I A R E G G I O

C O M U N E D I V I A R E G G I O C O M U N E D I V I A R E G G I O AREA SVILUPPO ECONOMICO SERVIZIO DEMANIO MARITTIMO TURISTICO - PORTO OGGETTO: Disciplina delle attività balneari di competenza comunale. ORDINANZA N. 2 DEL 12/04/2012

Dettagli

Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Cetraro,

Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Cetraro, UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO- GUARDIA COSTIERA CETRARO ORDINANZA N. 21/2012 Disciplina dell utilizzo dei natanti da diporto per finalità di locazione, noleggio e di appoggio ai praticanti immersioni

Dettagli

Verifica da effettuarsi a cura dell Addetto ai Servizi di emergenza antincendio ed evacuazione di emergenza

Verifica da effettuarsi a cura dell Addetto ai Servizi di emergenza antincendio ed evacuazione di emergenza ESTINTORI A POLVERE La scheda serve per annotare la verifica mensile della funzionalità degli estintori portatili a polvere (integrità complessiva e posizionamento della lancetta del manometro sul campo

Dettagli

Ordinanza n 05 del 01 Aprile 2011 ORDINANZA BALNEARE

Ordinanza n 05 del 01 Aprile 2011 ORDINANZA BALNEARE Ordinanza n 05 del 01 Aprile 2011 ORDINANZA BALNEARE Settore Urbanistica e SUAP Patrimonio e Demanio ORDINANZA N 05 DEL 01/04/2011 IL DIRIGENTE RITENUTO necessario disciplinare l esercizio dell attività

Dettagli

ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N. 22/2015

ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N. 22/2015 Numero blu per l emergenza in mare In caso di emergenza o di pericolo per la vita umana in mare chiama il Numero Blu gratuito 1530 o contatta la Guardia Costiera ai seguenti numeri: Capitaneria di Porto

Dettagli

PIANO DI PRONTO SOCCORSO

PIANO DI PRONTO SOCCORSO ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI PORTO S. STEFANO PIANO DI PRONTO SOCCORSO ( D.M. 15 luglio 2003, n.388 ) 1 INDICE PAG. 1. GENERALITA 3 2. PRESIDI SANITARI 4 3. ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO 5 4. IL MEDICO

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO Dl SAVONA Ordinanza di Sicurezza Balneare n 08/2010 IL CAPO DEL CIRCONDARIO E DEL COMPARTIMENTO MARITTIMO DI SAVONA Ritenuto

Dettagli

ASSESSORATO TURISMO. COMMERCIO DIREZIONE GENERALE ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO E TURISMO SERVIZIO TURISMO E QUALITA AREE TURISTICHE

ASSESSORATO TURISMO. COMMERCIO DIREZIONE GENERALE ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO E TURISMO SERVIZIO TURISMO E QUALITA AREE TURISTICHE ALLEGATO A ASSESSORATO TURISMO. COMMERCIO DIREZIONE GENERALE ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO E TURISMO SERVIZIO TURISMO E QUALITA AREE TURISTICHE ORDINANZA BALNEARE N. 1/2009 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

Dettagli

COMUNE DI PORTO SANT ELPIDIO. Provincia di Fermo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO ALLA SOC. COOP. A R.L.

COMUNE DI PORTO SANT ELPIDIO. Provincia di Fermo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO ALLA SOC. COOP. A R.L. COMUNE DI PORTO SANT ELPIDIO Provincia di Fermo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO ALLA SOC. COOP. A R.L. MARINA SERVICE DI PORTO SAN GIORGIO GESTIONE SERVIZIO DI SALVATAGGIO A MARE NELLE SPIAGGE LIBERE DEL

Dettagli

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO n. 19 COMUNE DI ANCONA AREA LAVORI PUBBLICI UFFICIO PATRIMONIO ORDINANZA SULL UTILIZZO DEL DEMANIO MARITTIMO PER FINALITA TURISTICHE E RICREATIVE N 23 / 2013 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO CONSIDERATA la

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI TRIESTE ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE. n 05/2007

MINISTERO DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI TRIESTE ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE. n 05/2007 MINISTERO DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI TRIESTE ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE n 05/2007 Il Contrammiraglio(CP), Capo del Circondario Marittimo di Trieste; Ravvisata la necessità di

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA (Località P.ta Chiara, snc. - Tel. 0789-730632 - Fax 0789-735424. E-mail: cplamaddalena@mit.gov.it - Sito Web: www.guardiacostiera.it)

Dettagli

Circolare Ministeriale - Ministero della Marina Mercantile - 23 gennaio 1990, n. 259

Circolare Ministeriale - Ministero della Marina Mercantile - 23 gennaio 1990, n. 259 Circolare Ministeriale - Ministero della Marina Mercantile - 23 gennaio 1990, n. 259 "Serie II, demanio marittimo, relativa al superamento delle barriere architettoniche negli stabilimenti balneari". Roma,

Dettagli

CAPITANERIA DI PORTO DI PORTO TORRES

CAPITANERIA DI PORTO DI PORTO TORRES CAPITANERIA DI PORTO DI PORTO TORRES ORDINANZA N. 1912013 ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Porto Torres: RITENUTO necessario disciplinare gli

Dettagli

ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE n 22/2013 in data 22.04.2013

ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE n 22/2013 in data 22.04.2013 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Ufficio Circondariale Marittimo di Piombino Settore Demanio Piazzale Premuda n 19 57025 PIOMBINO (LI) (+39) 0565224240-0565221000 (+39) 0565/261011 E-MAIL:

Dettagli

DISCIPLINA DELLE ATTIVITA BALNEARI DI COMPETENZA COMUNALE Ordinanza n.158 del 23 aprile 2007

DISCIPLINA DELLE ATTIVITA BALNEARI DI COMPETENZA COMUNALE Ordinanza n.158 del 23 aprile 2007 COMUNE DI PISA Direzione Urbanistica - Ufficio Demanio Marittimo DISCIPLINA DELLE ATTIVITA BALNEARI DI COMPETENZA COMUNALE Ordinanza n.158 del 23 aprile 2007 IL FUNZIONARIO RESPONSABILE Vista la legge

Dettagli

COMUNE DI GROTTAMMARE REGOLAMENTO COMUNALE SULL UTILIZZAZIONE DEL LITORALE MARITTIMO PER FINALITÀ TURISTICHE E RICREATIVE

COMUNE DI GROTTAMMARE REGOLAMENTO COMUNALE SULL UTILIZZAZIONE DEL LITORALE MARITTIMO PER FINALITÀ TURISTICHE E RICREATIVE COMUNE DI GROTTAMMARE REGOLAMENTO COMUNALE SULL UTILIZZAZIONE DEL LITORALE MARITTIMO PER FINALITÀ TURISTICHE E RICREATIVE (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 39 del 30 Maggio 2002) (Modificato

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Capitaneria di Porto e Circondario Marittimo di Viareggio Ordinanza di sicurezza balneare n 72/2011 IL CAPO DEL CIRCONDARIO MARITTIMO E COMANDANTE DEL PORTO

Dettagli

CORSO di FORMAZIONE per ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO in attività classificate nei Gruppi A, B o C (D.M. 388/2003)

CORSO di FORMAZIONE per ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO in attività classificate nei Gruppi A, B o C (D.M. 388/2003) CORSO di FORMAZIONE per ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO in attività classificate nei Gruppi A, B o C (D.M. 388/2003) Corso di Formazione conforme ai criteri prescritti dal D.M. 388/2003 1/21 INQUADRAMENTO NORMATIVO

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ORDINANZA N 13/2013 DISCIPLINA DELLA SICUREZZA BALNEARE NEL CIRCONDARIO MARITTIMO DI RIPOSTO

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ORDINANZA N 13/2013 DISCIPLINA DELLA SICUREZZA BALNEARE NEL CIRCONDARIO MARITTIMO DI RIPOSTO Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO GUARDIA COSTIERA RIPOSTO ORDINANZA N 13/2013 DISCIPLINA DELLA SICUREZZA BALNEARE NEL CIRCONDARIO MARITTIMO DI RIPOSTO Il Capo

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Capitaneria di Porto e Circondario Marittimo di Viareggio

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Capitaneria di Porto e Circondario Marittimo di Viareggio MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Capitaneria di Porto e Circondario Marittimo di Viareggio Ordinanza di sicurezza balneare n 71/2015 IL CAPO DEL CIRCONDARIO MARITTIMO E COMANDANTE DEL PORTO

Dettagli

Comune di Terni REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA NAVIGAZIONE IN SICUREZZA SUL LAGO DI PIEDILUCO

Comune di Terni REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA NAVIGAZIONE IN SICUREZZA SUL LAGO DI PIEDILUCO Comune di Terni REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA NAVIGAZIONE IN SICUREZZA SUL LAGO DI PIEDILUCO 1 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA NAVIGAZIONE IN SICUREZZA SUL LAGO DI PIEDILUCO (adottato con deliberazioni

Dettagli

ORDINANZA N. 21 DEL 28.04.2014

ORDINANZA N. 21 DEL 28.04.2014 (Provincia di Genova) Prot. n. Albo n. 548-28.04.2014 COPIA UFFICIO DEMANIO MARITTIMO ORDINANZA N. 21 DEL 28.04.2014 Oggetto: Individuazione di ulteriore area oggetto di interdizione temporanea del transito

Dettagli

COMUNE DI MINTURNO (Provincia di Latina) Servizio Demanio. ORDINANZA n. 29 in data 08/06/2011 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DEMANIO

COMUNE DI MINTURNO (Provincia di Latina) Servizio Demanio. ORDINANZA n. 29 in data 08/06/2011 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DEMANIO COMUNE DI MINTURNO (Provincia di Latina) Servizio Demanio ORDINANZA n. 29 in data 08/06/2011 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DEMANIO RITENUTO: necessario disciplinare l esercizio delle attività balneari e

Dettagli

ORDINANZA DI BALNEAZIONE

ORDINANZA DI BALNEAZIONE COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA Piazza Biagio M arin, 4 - cap 34073 Codice F iscale e P artita IVA 00064240310 AREA TECNICA SERVIZIO DEMANIO TURISTICO RICREATIVO ORDINANZA DI BALNEAZIONE Prot. nr.

Dettagli

ORDINANZA BALNEARE N. 8029 /2011 PROT. N.16117 DEL 28/05/2011 IL RESPONSABILE DEL SETTORE VIII

ORDINANZA BALNEARE N. 8029 /2011 PROT. N.16117 DEL 28/05/2011 IL RESPONSABILE DEL SETTORE VIII C O M U N E D I T A R Q U I N I A Provincia di Viterbo --------------- Piazza Matteotti n.7 01016 Tarquinia (VT) telefono 0766-8491 / Fax 0766-849270 C.F. e P.IVA 00129650560 e-mail: ComuneTarquinia@tarquinia.net

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI

MINISTERO DEI TRASPORTI MINISTERO DEI TRASPORTI Circondario Marittimo di Porto Santo Stefano Ordinanza di Sicurezza Balneare n 54/2007 Il Tenente di Vascello (CP) sottoscritto, Capo del Circondario Marittimo e Comandante del

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO PIANO DI PRIMO SOCCORSO Squadra di sicurezza In Istituto sono presenti n.18 persone addestrate e formate al Primo Soccorso L addetto di primo soccorso (PS) è una persona formata ed opportunamente addestrata

Dettagli

REGISTRO ANTINCENDIO D.P.R. 37 del 12.1.1998

REGISTRO ANTINCENDIO D.P.R. 37 del 12.1.1998 Timbro scuola PLESSO: SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE REGISTRO ANTINCENDIO D.P.R. 37 del 12.1.1998 CONTROLLI E MANUTENZIONE DI SISTEMI, DISPOSITIVI, ATTREZZATURE - IMPIANTI ANTINCENDIO CASSETTE DI

Dettagli

PIANO UTILIZZAZIONE ARENILI

PIANO UTILIZZAZIONE ARENILI COMUNE DI PIETRASANTA (Provincia di Lucca) PIANO UTILIZZAZIONE ARENILI Regolamento sulla disciplina delle attività balneari Approvato con delibera di consiglio comunale n. 21 del 19.4.2002 COMUNE DI PIETRASANTA

Dettagli

Comune di Siderno ASSETTO E GESTIONE DEL TERRITORIO - 5 SETTORE. Prot. n. 14243 del 12.06.2014 IL RESPONSABILE

Comune di Siderno ASSETTO E GESTIONE DEL TERRITORIO - 5 SETTORE. Prot. n. 14243 del 12.06.2014 IL RESPONSABILE ORDINANZA N. 18 del 12/06/2014 Comune di Siderno (Provincia di Reggio Calabria) COPIA ASSETTO E GESTIONE DEL TERRITORIO - 5 SETTORE OGGETTO: Ordina nza ba lnea re 2014 Prot. n. 14243 del 12.06.2014 IL

Dettagli

COMUNE DI TREVIGNANO ROMANO Provincia di Roma REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI ARENILI

COMUNE DI TREVIGNANO ROMANO Provincia di Roma REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI ARENILI COMUNE DI TREVIGNANO ROMANO Provincia di Roma REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI ARENILI INDICE ART. 1 Ambito di applicazione ART. 2 Uso delle aree ART. 3 Stagione balneare ART. 4 Zone di lago riservate alla

Dettagli

TRITONE SUB Desenzano - Brescia

TRITONE SUB Desenzano - Brescia TRITONE SUB Desenzano - Brescia PRINCIPALI VIOLAZIONI IN MATERIA DI DIPORTO E PESCA E SANZIONI PREVISTE INFRAZIONE ASSICURAZIONE Navigare o sostare con imbarcazione da diporto a motore (escluse le imbarcazioni

Dettagli

REGOLAMENTO SALA GIOCHI

REGOLAMENTO SALA GIOCHI REGOLAMENTO SALA GIOCHI APPROVATO CON D.C. N. 1 DEL 31.1.2011 Art. 1 DEFINIZIONE Art. 2 CARATTERISTICHE DEI LOCALI Art. 3 CARATTERISTICHE E NUMERO DEI GIOCHI Art. 4 ESERCIZI AUTORIZZABILI Art. 5 REQUISITI

Dettagli

CRITERI DI ORGANIZZAZIONE DEL PRIMO SOCCORSO E DI INDIVIDUAZIONE DELLE RISORSE NECESSARIE

CRITERI DI ORGANIZZAZIONE DEL PRIMO SOCCORSO E DI INDIVIDUAZIONE DELLE RISORSE NECESSARIE CRITERI DI ORGANIZZAZIONE DEL PRIMO SOCCORSO E DI INDIVIDUAZIONE DELLE RISORSE NECESSARIE EMERGENZA EVENTO IMPROVVISO E PERICOLOSO CHE RICHIEDE INTERVENTI IMMEDIATI. EVENTI LEGATI A RISCHI PROPRI DELL

Dettagli

Ordinanza per il Turismo e le strutture balneari

Ordinanza per il Turismo e le strutture balneari REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALLA TRASPARENZA E CITTADINANZA ATTIVA ASSESSORATO AL TURISMO E ALL INDUSTRIA ALBERGHIERA --------------------------------------------- Ordinanza per il Turismo e le strutture

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente: DETERMINAZIONE n 4049 del 28/03/2012 Proposta: DPG/2012/3865 del 13/03/2012 Struttura proponente: Oggetto: Autorità emanante:

Dettagli

CORPO POLIZIA MUNICIPALE

CORPO POLIZIA MUNICIPALE C I T T À D I P R O V I N C I A D I C A R I N I P A L E R M O CORPO POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEL CONTRASSEGNO DI PARCHEGGIO PER INVALIDI E PER L ISTITUZIONE DEI PARCHEGGI

Dettagli

ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE n 19/2011 in data 29 aprile 2011

ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE n 19/2011 in data 29 aprile 2011 (+39) 0565224240-0565221000 (+39) 0565/261011 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Ufficio Circondariale Marittimo di Piombino Settore Demanio Piazzale Premuda 19 57025 PIOMBINO (LI) ORDINANZA

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008)

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008) REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008) REGOLAMENTO IN MATERIA DI SEGNALETICA STRADALE IN AREA INDUSTRIALE

Dettagli

Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA

Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA 120 C.D. M. GANDHI via Corinaldo n. 41 00156 Roma Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 a.s. 2010/2011 -Figure sensibili del primo

Dettagli