REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA ESERCITABILI SUL DEMANIO MARITTIMO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA ESERCITABILI SUL DEMANIO MARITTIMO"

Transcript

1 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA ESERCITABILI SUL DEMANIO MARITTIMO Art. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Dal 1 maggio al 30 settembre di ogni anno l'uso delle spiagge e dei litorali, ricompresi nell ambito territoriale di competenza di questo Servizio, come individuato in premessa, ove prevalentemente si esercitano le attività balneari, è disciplinato dalla presente determinazione. Gli stabilimenti e le strutture balneari che intendessero iniziare le loro attività prima del 1 maggio o terminarle dopo il 30 settembre, dovranno darne comunicazione preventiva a questo Servizio. a) I titolari di concessioni balneari ed i Comuni per le spiagge libere sono tenuti ad esporre cartelli indicanti, in diverse lingue e anche sotto forma d icone facilmente comprensibili, i principali divieti. b) In considerazione delle favorevoli condizioni meteomarine della Sardegna, che potrebbero consentire l attività elioterapica e balneare per tutto l anno astronomico, è permanentemente vietato l accesso alle spiagge di animali e di veicoli di qualsiasi genere ad eccezione di quelli destinati al soccorso e a quelli specificatamente autorizzati da questo Servizio. Art. 2 PULIZIA DELLE SPIAGGE, SERVIZI IGIENICI E PRIMO SOCCORSO a) Nelle spiagge libere l igiene e la pulizia, i servizi igienici ed il primo soccorso dovranno essere assicurati dalle Amministrazioni Comunali, che potranno avvalersi di concessionari demaniali, anche riuniti in consorzio, attraverso la stipula di apposita convenzione. b) E vietato l abbandono, l interramento e la discarica, sia a terra che a mare, di ogni tipo di rifiuto e/o altri materiali. c) Al fine di garantire il mantenimento delle aree limitrofe alle zone demaniali marittime assentite in concessione, i relativi concessionari hanno l obbligo di curare la pulizia e predisporre appositi contenitori di rifiuti. Art. 3 PRESCRIZIONI SULL USO DELLE SPIAGGE Sulle spiagge e negli specchi acquei riservati alle attività balneari del territorio di competenza di questo Servizio è fatto espresso divieto di: a) lasciare natanti in sosta, qualora ciò comporti intralcio al sicuro svolgimento delle attività balneari, ad eccezione di quelli destinati al noleggio o alle operazioni di assistenza e salvataggio; b) lasciare, oltre il tramonto del sole, sulle spiagge libere, ombrelloni, sedie a sdraio, tende o altre attrezzature comunque denominate; c) occupare con ombrelloni, sedie a sdraio, sedie, sgabelli etc..., nonché mezzi nautici, la fascia di metri 5 dalla battigia, che è destinata esclusivamente al libero transito. Tale disposizione non si applica ai mezzi di soccorso; d) campeggiare con roulottes, campers, tende da campeggio o altre attrezzature simili; gli utenti possono impiegare solo ombrelloni, sedie a sdraio o altre attrezzature similari di dimensioni standard che siano portatili e non ingombranti; e) transitare e/o sostare con qualsiasi tipo di veicolo, ad eccezione di quelli destinati alla pulizia delle spiagge ed al soccorso. Tale divieto, in deroga a quanto previsto dall art.1 lettera a) della presente determinazione, viene esteso per tutto l anno solare; f) praticare qualsiasi gioco (p.e. il gioco del pallone, tennis da spiaggia, pallavolo, bocce, etc...) se può derivarne danno o molestia alle persone, turbativa alla pubblica quiete, nocumento

2 all'igiene dei luoghi. Detti giochi potranno essere praticati nelle zone appositamente attrezzate dai concessionari; g) condurre o far permanere qualsiasi tipo di animale, i cani anche se muniti di museruola o guinzaglio, ivi compresi quelli utilizzati da fotografi o cine operatori. Sono esclusi dal divieto le unità cinofile da salvataggio munite di brevetto per il cane e brevetto di salvamento per il conduttore regolarmente riconosciuti dall U.C.I.S. unità Cinofile Italiane Soccorso, Socio collettivo dell Ente Nazionale della Cinofilia Italiana e dalla Società Nazionale di Salvamento. Le unità Cinofile durante i servizi devono essere munite di tessera di riconoscimento dell Associazione di appartenenza censita presso il Registro Regionale del Volontariato. Sono altresì esclusi i cani guida per i non vedenti ed i cani condotti al guinzaglio dal personale addetto alla sorveglianza degli stabilimenti balneari nelle ore di chiusura; h) tenere ad alto volume radio, juke-box, registratori, ed in genere apparecchi di diffusione sonora nonché fare uso dei citati apparecchi nelle ore dalle 13,00 alle 16,00 e nelle ore notturne; i) esercitare qualunque attività a scopo di lucro (commercio in forma fissa o itinerante, noleggio di ombrelloni e sedie a sdraio, fotografia, attività promozionali, etc...) organizzare manifestazioni ricreative senza la preventiva autorizzazione rilasciata da questo Servizio; j) gettare a mare o lasciare nelle cabine o sugli arenili rifiuti di qualsiasi genere; k) introdurre ed usare bombole di gas o altre sostanze infiammabili in difformità alle vigenti norme di sicurezza; l) effettuare la pubblicità, sia sulle spiagge che nello specchio acqueo riservato ai bagnanti, mediante la distribuzione di manifestini e lancio degli stessi anche a mezzo di aerei; m) sorvolare le spiagge con qualsiasi tipo di aeromobile o di apparecchio privato e per qualsiasi scopo, a quota inferiore a 300 metri (1.000 piedi), ad eccezione dei mezzi di soccorso e di polizia; n) pescare da terra con qualsiasi attrezzo (lenze, canne, coppo, rezzaglio, etc...) nelle ore e nelle zone destinate alla balneazione; o) accendere fuochi e svolgere attività pirotecniche in assenza delle prescritte autorizzazioni dell Autorità competenti (Autorità Regionale Autorità Marittima statale Autorità di P.S. locale); Art.4 - DISCIPLINA DELLE AREE DESTINATE A STRUTTURE BALNEARI IN CONCESSIONE Sono strutture balneari in concessione le porzioni di arenili assentite da questo Servizio in cui vengono posizionate strutture di facile rimozione (gazebo - sdrai - lettini - ombrelloni etc.) al fine di offrire all utenza i servizi legati alla balneazione e/o elioterapia. Sono stabilimenti balneari le aree demaniali marittime in cui insistono strutture stabili destinate alla balneazione ed all elioterapia. a) Le strutture balneari e gli stabilimenti balneari sono aperti al pubblico dalle ore 08,30 fino al tramonto. b) I concessionari prima dell'apertura al pubblico e fermo restando quanto previsto al punto b) del precedente art. 1 - devono: attivare un efficiente servizio di soccorso e salvataggio. E' consentito in via sperimentale l'uso i unità cinofile munite di brevetto rilasciato da C.I.T. (Club Italiano Terranova), o dall'u.c.i.s. (Unità Cinofile Italiane Soccorso) e riconosciute dall'e.n.c.i. (Ente Nazionale Cinofilia Italiana) ed accompagnate da conduttori muniti di brevetto di assistente bagnanti. L addetto al servizio di salvamento non può espletare, durante l orario di lavoro, altri incarichi o mansioni neanche temporaneamente;

3 Il concessionario è tenuto a rispettare quanto previsto dai vigenti contratti collettivi nazionali di categoria relativamente all organizzazione dei servizi ed all espletamento delle attività oggetto della concessione; esporre in luoghi ben visibili agli utenti copia della presente ordinanza nonché le tariffe applicate per i servizi resi; c) Il concessionario dovrà curare la perfetta manutenzione e pulizia delle aree in concessione, fino al battente del mare ed anche dello specchio acqueo immediatamente prospiciente la battigia. I materiali di risulta in attesa di essere asportati dovranno essere sistemati in appositi contenitori chiusi. d) Il numero di ombrelloni da installare a qualsiasi titolo sull'arenile dovrà essere tale da non intralciare la circolazione dei bagnanti. In particolare dovranno essere rispettate le seguenti distanze minime calcolate fra i paletti degli ombrelloni: metri 3 tra le file e metri 2,50 fra ombrelloni della stessa fila. Tali distanze sono indicative e potranno essere modificate in relazione a particolari esigenze riconosciute comunque da questo Servizio. Inoltre gli ombrelloni dovranno: avere un sicuro ancoraggio al terreno in modo da presentare adeguata resistenza allo strappo; avere applicato un apposito dispositivo (innesto a baionetta o similare) tale da rendere solidale la parte superiore con quella inferiore. e) Le aree assentite in concessione dovranno essere delimitate, fatta salva la fascia dei 5 metri dalla battigia, con sistema a giorno di altezza non superiore a metri 1,00 (paletti di legno, distanti tra loro non più di tre metri, uniti tra loro da una corda o sagola festonata) ovvero con altro sistema adeguato (es. palloni colorati infissi al suolo da collocare agli angoli della perimetrazione) autorizzato da questo Servizio. f) Fermo restando l'obbligo di garantire l'accesso a mare ai soggetti portatori di handicap con la predisposizione di idonei servizi nonché percorsi orizzontali e verticali rispetto alla battigia, i concessionari potranno altresì predisporre, al fine della loro mobilità all'interno delle aree in concessione, altri percorsi e piattaforme da posizionarsi sulla spiaggia previa autorizzazione. Allo stesso fine detti percorsi potranno anche congiungere aree limitrofe in concessione previa autorizzazione e dovranno comunque essere rimossi al termine della stagione balneare. g) Al di fuori del periodo di apertura al pubblico di cui al punto A) è vietato l'accesso alla spiaggia e l'utilizzo delle strutture balneari (bar, sdraio, lettini, etc..), salvo espresso consenso del concessionario e comunque entro l'orario massimo e con le limitazioni previste dalle Amministrazioni Comunali o dall'autorità di Pubblica Sicurezza. h) Al verificarsi di qualsiasi circostanza che costituisca pericolo per le persone sia sull'arenile che in acqua il concessionario dovrà segnalarla alla più vicina Autorità Marittima telefonando al numero 1530 e prendendo ogni possibile, immediato provvedimento a salvaguardia delle persone, facendo ricorso anche alle organizzazioni di volontariato eventualmente in zona; i) I titolari di concessioni demaniali sono autorizzati, oltre che all esercizio delle attività necessarie per espletamento dei servizi obbligatori in forza di legge o di provvedimento amministrativo, semprechè tale esercizio non comporti modifiche all atto concessorio, all espletamento delle attività oggetto delle relative concessioni e di quelle strettamente connesse, quali il servizio di guardiania e vigilanza. Tutte le altre attività, che comportino la realizzazione di manufatti, dovranno essere preventivamente autorizzate; m) In particolare gli stabilimenti balneari: Prima dell apertura al pubblico, dovranno ottenere la licenza di esercizio e l autorizzazione sanitaria da parte della competente Autorità;

4 I servizi igienici dovranno essere collegati alla rete fognaria comunale ovvero essere dotati di sistema di smaltimento riconosciuto idoneo dalla competente Autorità Sanitaria; I servizi igienici per disabili di cui alla Legge 104/92, dovranno essere disponibili presso ogni stabilimento e dovranno essere dotati di apposita segnaletica arancione riportante il previsto simbolo internazionale ben visibile al fine di consentire la loro immediata identificazione; Vieteranno l uso di sapone e shampoo qualora siano utilizzate docce non dotate di idoneo sistema di scarico; Vieteranno l occupazione delle cabine per il pernottamento o per altre attività che non siano attinenti alla balneazione, con l esclusione di eventuali locali di servizio. I concessionari devono controllare le installazioni, prima della chiusura serale, per accertare l assenza di persone nelle cabine. Art. 5 - COLONIE MARINE Le colonie marine dovranno garantire la presenza di un assistente bagnante ogni 20 bambini che si trovino contemporaneamente in acqua. Art. 6 LOCAZIONE DI NATATANTI DA DIPORTO La locazione di piccoli natanti a remi o a pedali destinati al diporto dei bagnanti, comunemente denominati jole, canoe, pattini, sandolini, mosconi a remi ed a pedali e simili, nonché delle moto d acqua, tavole a vela e piccole unità a vela o a motore è regolamentato come segue: Il locatore dovrà essere munito di apposita concessione o autorizzazione rilasciata da questo Servizio; I piccoli natanti a remi o a pedali non possono allontanarsi più di 300 metri dalla costa; le moto d'acqua, le tavole a vela e le piccole unità a vela o a motore non possono allontanarsi più di 1000 metri dalla costa ed in particolare le moto d'acqua non possono avvicinarsi a meno di 200 metri da essa; la locazione può essere effettuata dalle ore 09,00 alle ore 19,00 di ogni giorno con mare e tempo assicurati favorevoli. In caso di avverse condizioni meteomarine il locatore ha l'obbligo di segnalare la situazione di pericolo con l'esposizione di due bandiere rosse su appositi pennoni situati sulla spiaggia e di sospendere l'attività di locazione; sui natanti possono imbarcare un numero di persone previsto dal relativo certificato di omologazione o dal vigente regolamento di sicurezza per la nautica da diporto; i natanti non a motore possono essere affidati solo a persone di età non inferiore ad anni 14. Il locatore ha facoltà di chiedere all'atto della locazione apposita dichiarazione di capacità al nuoto. gli scafi devono essere contrassegnati mediante indicazione della ditta o ragione sociale e con un numero progressivo; il locatore deve tenere sempre approntata a terra un'idonea unità di salvataggio con salvagente anulare e cavo di rimorchio per gli interventi di emergenza e da utilizzare per il rientro dei natanti locati, in caso di pericolo o di cambiamento del tempo (tale unità non è necessaria quando il locatore si identifichi con il titolare di uno stabilimento balneare, già obbligato ad avere detta unità); il locatore è obbligato ad informare gli utenti sui limiti previsti nei precedenti punti e, almeno per le unità a motore, deve annotare su apposito registro il nome e cognome e il recapito del conduttore. Il locatore è altresì obbligato ad informare il locatario attraverso il rilascio di un prospetto, redatto possibilmente anche in lingua inglese, riguardante il contenuto del presente articolo;

5 i locatari non devono allontanarsi dal tratto di mare antistante lo stabilimento presso il quale hanno noleggiato il mezzo e qualora non segnalato, il locatore dovrà materializzare con un apposito gavitello il limite dei 200 metri dello specchio acqueo riservato alla balneazione; ogni mezzo locato deve essere dotato di salvagente anulare e delle ulteriori dotazioni di sicurezza qualora previste; i natanti a motore (fino a 40,8 HP) possono essere locati solo a persone di età non inferiore ad anni 16. Per potenze superiori a 40,8 HP il conduttore dovrà essere munito delle apposite abilitazioni previste dalla legge 11/2/1971, n 50 e successive modificazioni; le moto d'acqua in particolare dovranno essere dotate di dispositivo di spegnimento motore a telecomando attivabile da parte del locatore nel caso in cui il locatario non si attenga alle norme di sicurezza sull'uso di tali mezzi. In ogni caso si applicano le norme di cui al Decreto Ministeriale n 731 del 21/9/1994. Art. 7 - DISPOSIZIONI FINALI Il responsabile di ogni esercizio ubicato sul demanio marittimo, avente attinenza con le attività balneari, nonché i Comuni per le spiagge libere, dovranno curare e mantenere l'esposizione della presente determinazione in luogo ben visibile dagli utenti, per tutta la durata della stagione estiva, unitamente alle ordinanze emanate dagli uffici competenti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. E' fatto obbligo a chiunque di osservare la presente ordinanza e, a chiunque spetti, di farla osservare. Gli Ufficiali e gli Agenti di Polizia Giudiziaria sono incaricati dell'esecuzione della presente determinazione, la quale sostituisce a tutti gli effetti quella n 805/D emanata dal Servizio Centrale Demanio e Patrimonio in data 7 giugno I contravventori alla presente determinazione, salvo che il fatto non costituisca più grave reato e salve, in tal caso, le eventuali maggiori responsabilità loro derivanti dall'illecito comportamento, saranno perseguiti ai sensi degli articoli 1161, 1164, 1174 e 1231 del Codice della Navigazione e dell'articolo 39 della Legge 11 febbraio 1971, n 50 sulla navigazione da diporto ovvero dell'articolo 650 del Codice Penale. ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA Direzione generale enti locali e finanze DETERMINAZIONE N. 514/D Servizio centrale demanio e patrimonio

REGIONE LIGURIA COMUNE DI PORTOVENERE PROVINCIA DELLA SPEZIA IL RESPONSABILE DEL DEMANIO

REGIONE LIGURIA COMUNE DI PORTOVENERE PROVINCIA DELLA SPEZIA IL RESPONSABILE DEL DEMANIO ORDINANZA N. 1981/2007 R.O. REGIONE LIGURIA COMUNE DI PORTOVENERE PROVINCIA DELLA SPEZIA IL RESPONSABILE DEL DEMANIO RITENUTO necessario disciplinare, per quanto di competenza, l uso delle spiagge ricadenti

Dettagli

PIANO UTILIZZAZIONE ARENILI

PIANO UTILIZZAZIONE ARENILI COMUNE DI PIETRASANTA (Provincia di Lucca) PIANO UTILIZZAZIONE ARENILI Regolamento sulla disciplina delle attività balneari Approvato con delibera di consiglio comunale n. 21 del 19.4.2002 COMUNE DI PIETRASANTA

Dettagli

Direzione generale enti locali e finanze

Direzione generale enti locali e finanze Direzione generale enti locali e finanze DETERMINAZIONE INTERDIRETTORIALE N. 916 DEL 6 MAGGIO 2010 ORDINANZA BALNEARE 2010 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA ESERCITABILI SUL DEMANIO MARITTIMO VISTO l articolo

Dettagli

COMUNE DI GROTTAMMARE REGOLAMENTO COMUNALE SULL UTILIZZAZIONE DEL LITORALE MARITTIMO PER FINALITÀ TURISTICHE E RICREATIVE

COMUNE DI GROTTAMMARE REGOLAMENTO COMUNALE SULL UTILIZZAZIONE DEL LITORALE MARITTIMO PER FINALITÀ TURISTICHE E RICREATIVE COMUNE DI GROTTAMMARE REGOLAMENTO COMUNALE SULL UTILIZZAZIONE DEL LITORALE MARITTIMO PER FINALITÀ TURISTICHE E RICREATIVE (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 39 del 30 Maggio 2002) (Modificato

Dettagli

ORDINANZA DI BALNEAZIONE

ORDINANZA DI BALNEAZIONE COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA Piazza Biagio M arin, 4 - cap 34073 Codice F iscale e P artita IVA 00064240310 AREA TECNICA SERVIZIO DEMANIO TURISTICO RICREATIVO ORDINANZA DI BALNEAZIONE Prot. nr.

Dettagli

C O M U N E D I V I A R E G G I O

C O M U N E D I V I A R E G G I O C O M U N E D I V I A R E G G I O AREA SVILUPPO ECONOMICO SERVIZIO DEMANIO MARITTIMO TURISTICO - PORTO OGGETTO: Disciplina delle attività balneari di competenza comunale. ORDINANZA N. 2 DEL 12/04/2012

Dettagli

Ordinanza n 05 del 01 Aprile 2011 ORDINANZA BALNEARE

Ordinanza n 05 del 01 Aprile 2011 ORDINANZA BALNEARE Ordinanza n 05 del 01 Aprile 2011 ORDINANZA BALNEARE Settore Urbanistica e SUAP Patrimonio e Demanio ORDINANZA N 05 DEL 01/04/2011 IL DIRIGENTE RITENUTO necessario disciplinare l esercizio dell attività

Dettagli

CITTÀ DI LIGNANO SABBIADORO PROVINCIA DI UDINE Viale Europa, 26 33054 Lignano Sabbiadoro (UD) codice fiscale 83000710307

CITTÀ DI LIGNANO SABBIADORO PROVINCIA DI UDINE Viale Europa, 26 33054 Lignano Sabbiadoro (UD) codice fiscale 83000710307 CITTÀ DI LIGNANO SABBIADORO PROVINCIA DI UDINE Viale Europa, 26 33054 Lignano Sabbiadoro (UD) codice fiscale 83000710307 Reg. Ord. n. 10 del 2013 Prot. 13080 del 11/04/2013 ORDINANZA BALNEARE ANNO 2013

Dettagli

ORDINANZA BALNEARE 2014

ORDINANZA BALNEARE 2014 DETERMINAZIONE PROT. 22697 REP. N. 1304 DEL 13 GIUGNO 2014 ORDINANZA BALNEARE 2014 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA ESERCITABILI SUL DEMANIO MARITTIMO IL DIRETTORE GENERALE VISTO l articolo 105 del decreto legislativo

Dettagli

Regolamento del Piano di Utilizzo dei Litorali pagina 1 di 13

Regolamento del Piano di Utilizzo dei Litorali pagina 1 di 13 Regolamento del Piano di Utilizzo dei Litorali pagina 1 di 13 Regolamento del Piano di Utilizzo dei Litorali pagina 2 di 13 INDICE 1 ATTIVITÀ OGGETTO DELLE CONCESSIONI DEMANIALI MARITTIME E DEL MARE TERRITORIALE...

Dettagli

Regolamento dell'uso della spiaggia libera e per l'esercizio dell attività di noleggio attrezzature balneari.

Regolamento dell'uso della spiaggia libera e per l'esercizio dell attività di noleggio attrezzature balneari. COMUNE DI SALVE PROVINCIA DI LECCE Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 19 del 29.06.2010 Regolamento dell'uso della spiaggia libera e per l'esercizio dell attività di noleggio attrezzature balneari.

Dettagli

C O M U N E D I R A V E L L O. Provincia di Salerno Stazione di Soggiorno e Turismo città della musica

C O M U N E D I R A V E L L O. Provincia di Salerno Stazione di Soggiorno e Turismo città della musica 1/5 C O M U N E D I R A V E L L O Provincia di Salerno Stazione di Soggiorno e Turismo città della musica Ordinanza n. 56/2011 IL SINDACO VISTO Il d.lgs. 267/2000 T.U.EE.LL.; VISTO il Codice della Navigazione

Dettagli

Regolamento concernente: norme sull'utilizzazione del litorale marittimo del comune per finalità turistiche e ricreative

Regolamento concernente: norme sull'utilizzazione del litorale marittimo del comune per finalità turistiche e ricreative Regolamento concernente: norme sull'utilizzazione del litorale marittimo del comune per finalità turistiche e ricreative Approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 52 del 12/06/2002 modificato con

Dettagli

COMUNE DI PISA. TIPO ATTO ORDINANZE DIRIGENTE N. atto DZ-18 / 160 del 13/05/2010 Codice identificativo 634325. PROPONENTE Urbanistica OGGETTO

COMUNE DI PISA. TIPO ATTO ORDINANZE DIRIGENTE N. atto DZ-18 / 160 del 13/05/2010 Codice identificativo 634325. PROPONENTE Urbanistica OGGETTO COMUNE DI PISA TIPO ATTO ORDINANZE DIRIGENTE N. atto DZ-18 / 160 del 13/05/2010 Codice identificativo 634325 PROPONENTE Urbanistica DISCIPLINA DELLE ATTIVITA BALNEARI DI COMPETENZA COMUNALE OGGETTO Funzionario

Dettagli

C i t t à di C a s t e l l a m m a r e di S t a b i a Settore IX Ambiente Territorio - Risorse

C i t t à di C a s t e l l a m m a r e di S t a b i a Settore IX Ambiente Territorio - Risorse C i t t à di C a s t e l l a m m a r e di S t a b i a Settore IX Ambiente Territorio - Risorse Ordinanza n. 34464 del 13/06/08 I L DIRIGENTE VISTO il Codice della Navigazione ed il regolamento per la Navigazione

Dettagli

ORDINANZA BALNEARE 2015

ORDINANZA BALNEARE 2015 DETERMINAZIONE PROT. 21953 REP. N. 1213 DELL 11.06.2015 ORDINANZA BALNEARE 2015 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA ESERCITABILI SUL DEMANIO MARITTIMO IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Codice della Navigazione di cui

Dettagli

ORDINANZA PER LA DISPCIPLINA DELLE ATTIVITA BALNEARI

ORDINANZA PER LA DISPCIPLINA DELLE ATTIVITA BALNEARI ORDINANZA PER LA DISPCIPLINA DELLE ATTIVITA BALNEARI Articolo 1 Disposizioni Generali La stagione balneare è compresa tra il 1 Giugno e il 30 Settembre. Nel periodo della stagione balneare devono funzionare

Dettagli

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO n. 19 COMUNE DI ANCONA AREA LAVORI PUBBLICI UFFICIO PATRIMONIO ORDINANZA SULL UTILIZZO DEL DEMANIO MARITTIMO PER FINALITA TURISTICHE E RICREATIVE N 23 / 2013 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO CONSIDERATA la

Dettagli

Comune di Barano d'ischia 1

Comune di Barano d'ischia 1 1 li*ml t S t a z i o n e di cura, soggiorno e turismo ORDINANZA N. 40/2014 IL SINDACO VISTA la Legge n. 494/1993 recante "Conversione in legge, con modificazioni, del D.L. 5 ottobre 1993 n. 400" e successive

Dettagli

DISCIPLINA DELLE ATTIVITA BALNEARI DI COMPETENZA COMUNALE Ordinanza n.158 del 23 aprile 2007

DISCIPLINA DELLE ATTIVITA BALNEARI DI COMPETENZA COMUNALE Ordinanza n.158 del 23 aprile 2007 COMUNE DI PISA Direzione Urbanistica - Ufficio Demanio Marittimo DISCIPLINA DELLE ATTIVITA BALNEARI DI COMPETENZA COMUNALE Ordinanza n.158 del 23 aprile 2007 IL FUNZIONARIO RESPONSABILE Vista la legge

Dettagli

Comune di Siderno ASSETTO E GESTIONE DEL TERRITORIO - 5 SETTORE. Prot. n. 14243 del 12.06.2014 IL RESPONSABILE

Comune di Siderno ASSETTO E GESTIONE DEL TERRITORIO - 5 SETTORE. Prot. n. 14243 del 12.06.2014 IL RESPONSABILE ORDINANZA N. 18 del 12/06/2014 Comune di Siderno (Provincia di Reggio Calabria) COPIA ASSETTO E GESTIONE DEL TERRITORIO - 5 SETTORE OGGETTO: Ordina nza ba lnea re 2014 Prot. n. 14243 del 12.06.2014 IL

Dettagli

COMUNE DI RIMINI DIREZIONE PATRIMONIO UNITA ORGANIZZATIVA DEMANIO MARITTIMO E PORTI TURISTICI

COMUNE DI RIMINI DIREZIONE PATRIMONIO UNITA ORGANIZZATIVA DEMANIO MARITTIMO E PORTI TURISTICI COMUNE DI RIMINI DIREZIONE PATRIMONIO UNITA ORGANIZZATIVA DEMANIO MARITTIMO E PORTI TURISTICI Prot. 2882010 Rimini, 4-4-2013 ORDINANZA BALNEARE COMUNALE N. 1/2013 IL DIRIGENTE DELL UNITA ORGANIZZATIVA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA BALNEARI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA BALNEARI COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA BALNEARI Approvato con deliberazione della Commissione Straordinaria n. 58 del giorno 8 giugno 2011 e modificato con

Dettagli

Città di JESOLO. Provincia di Venezia ORDINANZA SULLE ATTIVITA BALNEARI. N. 116 DEL 24 aprile 2013

Città di JESOLO. Provincia di Venezia ORDINANZA SULLE ATTIVITA BALNEARI. N. 116 DEL 24 aprile 2013 Città di JESOLO Provincia di Venezia ORDINANZA SULLE ATTIVITA BALNEARI N. 116 DEL 24 aprile 2013 IL DIRIGENTE DEL SETTORE FINANZARIO E SVILUPPO ECONOMICO Vista la necessità di disciplinare le varie attività

Dettagli

COMUNE DI MONTEROSSO AL MARE

COMUNE DI MONTEROSSO AL MARE COMUNE DI MONTEROSSO AL MARE Cinque Terre Provincia di La Spezia UFFICIO TECNICO Area Tecnico Manutentiva Settore OO.PP.- Demanio - Patrimonio UFFICIO TECNICO Area Tecnico Manutentiva, Ll.PP., Demanio,

Dettagli

ORDINANZA BALNEARE N. 8029 /2011 PROT. N.16117 DEL 28/05/2011 IL RESPONSABILE DEL SETTORE VIII

ORDINANZA BALNEARE N. 8029 /2011 PROT. N.16117 DEL 28/05/2011 IL RESPONSABILE DEL SETTORE VIII C O M U N E D I T A R Q U I N I A Provincia di Viterbo --------------- Piazza Matteotti n.7 01016 Tarquinia (VT) telefono 0766-8491 / Fax 0766-849270 C.F. e P.IVA 00129650560 e-mail: ComuneTarquinia@tarquinia.net

Dettagli

CITTA DI RAPALLO Piazza delle Nazioni 4 C.A.P. 16035 Tel. 0185-6801/ Fax 0185-680238 RIPARTIZIONE VII SERVIZI DEL TERRITORIO via S.

CITTA DI RAPALLO Piazza delle Nazioni 4 C.A.P. 16035 Tel. 0185-6801/ Fax 0185-680238 RIPARTIZIONE VII SERVIZI DEL TERRITORIO via S. CITTA DI RAPALLO Piazza delle Nazioni 4 C.A.P. 16035 Tel. 0185-6801/ Fax 0185-680238 RIPARTIZIONE VII SERVIZI DEL TERRITORIO via S. Gerolamo Emiliani, 24 - Tel. 0185-6801/. fax 0185/680385 UFFICIO DEMANIO

Dettagli

Comune di Lavagna Provincia di Genova Servizi alle Imprese e al Territorio Demanio Ambiente - Patrimonio ORDINANZA

Comune di Lavagna Provincia di Genova Servizi alle Imprese e al Territorio Demanio Ambiente - Patrimonio ORDINANZA N 25 ORDINANZA IL DIRIGENTE DEL SETTORE SERVIZI ALLE IMPRESE E AL TERRITORIO RICHIAMATA VISTI la Politica Ambientale del Comune di Lavagna, revisionata ed approvata con DGC n. 60 del 12/04/2012, che contiene

Dettagli

Comune di Terni REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA NAVIGAZIONE IN SICUREZZA SUL LAGO DI PIEDILUCO

Comune di Terni REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA NAVIGAZIONE IN SICUREZZA SUL LAGO DI PIEDILUCO Comune di Terni REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA NAVIGAZIONE IN SICUREZZA SUL LAGO DI PIEDILUCO 1 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA NAVIGAZIONE IN SICUREZZA SUL LAGO DI PIEDILUCO (adottato con deliberazioni

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI MONOPOLI

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI MONOPOLI Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI MONOPOLI 70043 Monopoli (Ba) Largo Fontanelle 12 tel. 080 9303105 - fax 080 9379509 e mail: monopoli@guardiacostiera.it

Dettagli

Ordinanza per il Turismo e le strutture balneari

Ordinanza per il Turismo e le strutture balneari REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALLA TRASPARENZA E CITTADINANZA ATTIVA ASSESSORATO AL TURISMO E ALL INDUSTRIA ALBERGHIERA --------------------------------------------- Ordinanza per il Turismo e le strutture

Dettagli

R.fc.. O~WJAN'2.E 111. Q-A.jJ. L

R.fc.. O~WJAN'2.E 111. Q-A.jJ. L C i t t à di C a s t e l l a m m a r e di S t a b i a (Provincia di Napoli) Settore Lavori Pubblici R.fc.. O~WJAN'2.E 111. Q-A.jJ. L Protocollo n. 29345 del 22.06.2012 I L DIRIGENTE VISTO il Codice della

Dettagli

COMUNE DI CAORLE ORDINANZA DI BALNERAE N 249/2010

COMUNE DI CAORLE ORDINANZA DI BALNERAE N 249/2010 CITTÁ DI CAORLE SETTORE SERVIZI TECNICI Dirigente Responsabile : Ing. Enzo Lazzarin www.comune.caorle.ve.it Ufficio Demanio Marittimo COMUNE DI CAORLE ORDINANZA DI BALNERAE N 249/2010 IL SINDACO RENDE

Dettagli

Provincia di Grosseto IL SINDACO

Provincia di Grosseto IL SINDACO COMUNE DI SCARLINO Provincia di Grosseto ORDINANZA SINDACALE n. 34 del 03.05.2013 OGGETTO: disciplina delle attività balneari per l anno 2013 IL SINDACO VISTI gli articoli 17, 30, 68, 81, 1161, 1164, 1174,

Dettagli

Circolare Ministeriale - Ministero della Marina Mercantile - 23 gennaio 1990, n. 259

Circolare Ministeriale - Ministero della Marina Mercantile - 23 gennaio 1990, n. 259 Circolare Ministeriale - Ministero della Marina Mercantile - 23 gennaio 1990, n. 259 "Serie II, demanio marittimo, relativa al superamento delle barriere architettoniche negli stabilimenti balneari". Roma,

Dettagli

Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree.

Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree. COMUNE DI VERNAZZA Provincia della Spezia PARCO NAZIONALE DELLE CINQUE TERRE Area Marina Protetta Cinque Terre Patrimonio dell'u.n.e.s.c.o. Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree. Articolo

Dettagli

Articolo 5 Disciplina per gli stabilimenti balneari e relative disposizioni di carattere particolare e norme di comportamento

Articolo 5 Disciplina per gli stabilimenti balneari e relative disposizioni di carattere particolare e norme di comportamento REGOLAMENTO CONCERNENTE: NORME SULL'UTILIZZAZIONE DEL LITORALE MARITTIMO DEL COMUNE PER FINALITA TURISTICHE E RICREATIVE Approvato dal Consiglio Comunale con delibera nr.52 del 12/06/2002 modificato con

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo GENOVA

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo GENOVA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo GENOVA Ordinanza di Sicurezza Balneare n 72 / 2006 IL CAPO DEL CIRCONDARIO MARITTIMO DI GENOVA: RITENUTO necessario disciplinare

Dettagli

Ordinanza balneare ASSESSORATO AL BILANCIO SERVIZIO DEMANIO E PATRIMONIO ---------------------------------------------

Ordinanza balneare ASSESSORATO AL BILANCIO SERVIZIO DEMANIO E PATRIMONIO --------------------------------------------- R E G I O N E P U G L I A ASSESSORATO AL BILANCIO SERVIZIO DEMANIO E PATRIMONIO --------------------------------------------- Ordinanza balneare RITENUTO necessario emanare disposizioni per disciplinare

Dettagli

COMUNE DI FORIO. Provincia di Napoli SETTORE V SETTORE LL.PP. DEMANIO E PORTO Piazza Municipio n.9 80075 Forio P.I.: 01368590632 C.F.

COMUNE DI FORIO. Provincia di Napoli SETTORE V SETTORE LL.PP. DEMANIO E PORTO Piazza Municipio n.9 80075 Forio P.I.: 01368590632 C.F. COMUNE DI FORIO Provincia di Napoli SETTORE V SETTORE LL.PP. DEMANIO E PORTO Piazza Municipio n.9 80075 Forio P.I.: 01368590632 C.F.: 83000990636 e-mail: demanio@comune.forio.na.it tel. 0813332948 fax.0813332972

Dettagli

ASSESSORATO TURISMO. COMMERCIO DIREZIONE GENERALE ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO E TURISMO SERVIZIO TURISMO E QUALITA AREE TURISTICHE

ASSESSORATO TURISMO. COMMERCIO DIREZIONE GENERALE ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO E TURISMO SERVIZIO TURISMO E QUALITA AREE TURISTICHE ALLEGATO A ASSESSORATO TURISMO. COMMERCIO DIREZIONE GENERALE ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO E TURISMO SERVIZIO TURISMO E QUALITA AREE TURISTICHE ORDINANZA BALNEARE N. 1/2009 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Capitaneria di Porto di Bari

REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Capitaneria di Porto di Bari REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Capitaneria di Porto di Bari Ordinanza n 32/2011 Il Comandante della Capitaneria di Porto di Bari, nella rispettiva qualità di Capo del

Dettagli

Comune di Pietra Ligure

Comune di Pietra Ligure Comune di Pietra Ligure PROVINCIA DI SAVONA VISTO VISTA VISTO AREA TECNICA Settore Sviluppo Urbano e Gestione del Territorio SERVIZIO DEMANIO MARITTIMO ORDINANZA N 79/2012 il Codice della navigazione approvato

Dettagli

Regolamento Comunale d'utilizzo delle aree verdi ed attrezzate

Regolamento Comunale d'utilizzo delle aree verdi ed attrezzate Provincia di Vicenza Regolamento Comunale d'utilizzo delle aree verdi ed attrezzate (approvato con deliberazione consiliare n. 28 del 13.03.2007) FINALITA Il presente regolamento ha lo scopo di salvaguardare,

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI VENEZIA ORDINANZA N 92 / 07. Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del porto di Venezia :

MINISTERO DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI VENEZIA ORDINANZA N 92 / 07. Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del porto di Venezia : MINISTERO DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI VENEZIA ORDINANZA N 92 / 07 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del porto di Venezia : VISTO il Decreto legislativo 18 luglio 2005, n. 171 (codice

Dettagli

ORDINANZA BALNEARE N. 1/2016

ORDINANZA BALNEARE N. 1/2016 ASSESSORATO TURISMO COMMERCIO DIREZIONE GENERALE ECONOMIA DELLA CONOSCENZA, DEL LAVORO E DELL'IMPRESA SERVIZIO COMMERCIO TURISMO E QUALITA AREE TURISTICHE ORDINANZA BALNEARE N. 1/2016 IL RESPONSABILE DEL

Dettagli

VISTO il Decreto Legislativo 18 luglio 2005, n. 171 inerente il Codice della nautica da diporto; REGIONE PUGLIA SERVIZIO DEMANIO E PATRI MONIO

VISTO il Decreto Legislativo 18 luglio 2005, n. 171 inerente il Codice della nautica da diporto; REGIONE PUGLIA SERVIZIO DEMANIO E PATRI MONIO 19633 Avvisi REGIONE PUGLIA SERVIZIO DEMANIO E PATRI MONIO Ordinanza balneare. VISTA la Legge regionale 10 aprile 2015, n. 17, recante nonne per la Disciplina della tutela e dell uso della costa, e in

Dettagli

COMUNE DI TREVIGNANO ROMANO Provincia di Roma REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI ARENILI

COMUNE DI TREVIGNANO ROMANO Provincia di Roma REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI ARENILI COMUNE DI TREVIGNANO ROMANO Provincia di Roma REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI ARENILI INDICE ART. 1 Ambito di applicazione ART. 2 Uso delle aree ART. 3 Stagione balneare ART. 4 Zone di lago riservate alla

Dettagli

ORDINANZA BALNEARE N. 1/2015

ORDINANZA BALNEARE N. 1/2015 ASSESSORATO TURISMO. COMMERCIO DIREZIONE GENERALE ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO E TURISMO SERVIZIO COMMERCIO TURISMO E QUALITA AREE TURISTICHE ORDINANZA BALNEARE N. 1/2015 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

Dettagli

COMUNE DI DIANO MARINA

COMUNE DI DIANO MARINA . COMUNE DI DIANO MARINA PROVINCIA DI IMPERIA ordinanza ORDINANZA N 101 Del 21/04/2015 OGGETTO: Ordinanza balneare 2015. IL RESPONSABILE DEL SETTORE 1 UFFICIO DEMANIO IL SINDACO per quanto di propria competenza

Dettagli

ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N. 18/2012

ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N. 18/2012 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - GUARDIA COSTIERA CIVITANOVA MARCHE ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N. 18/2012 Il sottoscritto, nella sua qualità di Capo

Dettagli

COMUNE DI TAGGIA PROVINCIA DI IMPERIA

COMUNE DI TAGGIA PROVINCIA DI IMPERIA COMUNE DI TAGGIA PROVINCIA DI IMPERIA CF/ 0008 946 008 3 Via S.Francesco, 441 - CAP 18011 - Tel. 0184/476222 - Fax 0184/477200 ORDINANZA N 7/2014 IL SEGRETARIO COMUNALE F.F. RESPONSABILE U.O. PATRIMONIO

Dettagli

C I T T A' D I T E R R A C I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a -------------------------------------------------

C I T T A' D I T E R R A C I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a ------------------------------------------------- C I T T A' D I T E R R A C I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a ------------------------------------------------- DIPARTIMENTO ATTIVITA' PRODUTTIVE, CULTURALI E SOCIALI - SPORT E TURISMO Settore Demanio

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000

MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000 Vista Vista Considerato Considerato MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante dei Porto

Dettagli

Ordinanza balneare ASSESSORATO AL BILANCIO SERVIZIO DEMANIO E PATRIMONIO ---------------------------------------------

Ordinanza balneare ASSESSORATO AL BILANCIO SERVIZIO DEMANIO E PATRIMONIO --------------------------------------------- R E G I O N E P U G L I A ASSESSORATO AL BILANCIO SERVIZIO DEMANIO E PATRIMONIO --------------------------------------------- Ordinanza balneare VISTA la Legge regionale 10 aprile 2015, n. 17, recante

Dettagli

Soluzioni volte a migliorare l accessibilità e la fruizione dell arenile da parte di soggetti diversamente abili

Soluzioni volte a migliorare l accessibilità e la fruizione dell arenile da parte di soggetti diversamente abili EIL Baretto EME S.n.c. di Manuelli E. : Progetto di allestimento delle aree esistenti Soluzioni volte a migliorare l accessibilità e la fruizione dell arenile da parte di soggetti diversamente abili Sono

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente: DETERMINAZIONE n 4049 del 28/03/2012 Proposta: DPG/2012/3865 del 13/03/2012 Struttura proponente: Oggetto: Autorità emanante:

Dettagli

Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE. Parchi e Giardini pubblici

Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE. Parchi e Giardini pubblici Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE Parchi e Giardini pubblici Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 49 del 9/07/2014 1 INDICE GENERALE REGOLAMENTO COMUNALE PARCHI E GIARDINI

Dettagli

COMUNE DI MINTURNO (Provincia di Latina) Servizio Demanio. ORDINANZA n. 29 in data 08/06/2011 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DEMANIO

COMUNE DI MINTURNO (Provincia di Latina) Servizio Demanio. ORDINANZA n. 29 in data 08/06/2011 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DEMANIO COMUNE DI MINTURNO (Provincia di Latina) Servizio Demanio ORDINANZA n. 29 in data 08/06/2011 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DEMANIO RITENUTO: necessario disciplinare l esercizio delle attività balneari e

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO -TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Principi ed oggetto del regolamento... 3 Art. 2 Definizioni e Normativa

Dettagli

CITTA' DI DESENZANO DEL GARDA Provincia di Brescia. O R D I N A N Z A N. 29 del 07/08/2015

CITTA' DI DESENZANO DEL GARDA Provincia di Brescia. O R D I N A N Z A N. 29 del 07/08/2015 AREA SERVIZI AL TERRITORIO Ecologia ed ambiente Ufficio Ecologia ed ambiente Proposta n. 59097 Protocollo nr. 29473 del 07/08/2015 O R D I N A N Z A N. 29 del 07/08/2015 OGGETTO: DISCIPLINA DELLE ATTIVITA'

Dettagli

Disciplina delle attività balneari (Ordinanza n. 08/2012)

Disciplina delle attività balneari (Ordinanza n. 08/2012) Disciplina delle attività balneari (Ordinanza n. 08/2012) INDICE PREMESSE CAPO I - DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE - Art.1 - Campo di applicazione Art.2 - Definizioni Art.3 - Validità dell Ordinanza

Dettagli

SERVIZIO DEMANIO MARITTIMO IL RESPONSABILE

SERVIZIO DEMANIO MARITTIMO IL RESPONSABILE SERVIZIO DEMANIO MARITTIMO ORDINANZA n. 86 prot.n. 10314 del 14.06.2013 IL RESPONSABILE VISTI il Codice della Navigazione, approvato con R.D. 30 marzo 1942 n. 327, ed il relativo Regolamento di esecuzione

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA ANCONA

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA ANCONA MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA ANCONA ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N 05 / 2009 IL CAPO DEL CIRCONDARIO MARITTIMO E COMANDANTE DEL PORTO DI ANCONA

Dettagli

Programma delle misure da attivare per la sicurezza della balneazione

Programma delle misure da attivare per la sicurezza della balneazione Area Economico/Finanziaria - Unità Organizzativa Patrimonio - Ufficio Demanio Marittimo File: demaniointranetcopia Le misure per la sicurezza della balneazione - Premessa Nell ambito del conferimento agli

Dettagli

Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Cetraro,

Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Cetraro, UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO- GUARDIA COSTIERA CETRARO ORDINANZA N. 21/2012 Disciplina dell utilizzo dei natanti da diporto per finalità di locazione, noleggio e di appoggio ai praticanti immersioni

Dettagli

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE Numero: 2015/M/09036 Del: 26/08/2015 Esecutiva da: 26/08/2015 Proponente: Direzione Nuove Infrastrutture e Mobilità,Posizione Organizzativa (P.O.) Traffico e Provvedimenti viabilita'

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Capitaneria di Porto Guardia Costiera TARANTO Largo Arcivescovado, n 17 tel. 099/4713611 fax 099/4718288 Mail: taranto@guardiacostiera.it www.taranto.guardiacostiera.it

Dettagli

TESTO INTEGRATO. REGOLAMENTO PER LA FRUIBILITA DELL INVASO DI BILANCINO APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 71 DEL 31.07.

TESTO INTEGRATO. REGOLAMENTO PER LA FRUIBILITA DELL INVASO DI BILANCINO APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 71 DEL 31.07. TESTO INTEGRATO. REGOLAMENTO PER LA FRUIBILITA DELL INVASO DI BILANCINO APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 71 DEL 31.07.2003 TESTO INTEGRATO. REGOLAMENTO PER LA FRUIBILITA DELL INVASO DI

Dettagli

Città di Pineto. Provincia di Teramo COMUNE OPERATORE DI PACE Area Urbanistica, Assetto del territorio, Attività produttive Servizio Demanio Marittimo

Città di Pineto. Provincia di Teramo COMUNE OPERATORE DI PACE Area Urbanistica, Assetto del territorio, Attività produttive Servizio Demanio Marittimo ORDINANZA N. 191 DEL 1 LUGLIO 2015 DISCIPLINA SULL USO DEL DEMANIO MARITTIMO - il Codice della Navigazione e suo Regolamento di attuazione; - la L.R. 17 dicembre 1997 n. 141 recante Norme per l attuazione

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - GUARDIA COSTIERA PORTO EMPEDOCLE

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - GUARDIA COSTIERA PORTO EMPEDOCLE Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - GUARDIA COSTIERA PORTO EMPEDOCLE Via Gioeni 55, 92014 Porto Empedocle (AG) - Centralino: 0922 531811-531812 - Sala Operativa: 0922

Dettagli

ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N _08_/2013

ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N _08_/2013 Il Capo del Circondario Marittimo di Rimini: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti - CAPITANERIA DI PORTO DI RIMINI - Via destra del Porto 149/151-47921 Rimini - Tel. 0541/50121 - Fax 0541/54373

Dettagli

COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo - - - - - - D e l i b e r a z i o n e d e l l a G i u n t a

COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo - - - - - - D e l i b e r a z i o n e d e l l a G i u n t a Copia COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo - - - - - - D e l i b e r a z i o n e d e l l a G i u n t a n 110 del 26-05-2012 Oggetto: Individuazione spiaggia e specchio mare antistante destinati alla

Dettagli

REGOLAMENTO GIARDINI AREE VERDI ATTREZZATE E GIOCHI

REGOLAMENTO GIARDINI AREE VERDI ATTREZZATE E GIOCHI COMUNE DI TRASACCO Provincia dell Aquila Area di Vigilanza Attività Produttive Servizi Informatici REGOLAMENTO GIARDINI AREE VERDI ATTREZZATE E GIOCHI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 8

Dettagli

P r o v i n c i a d i L e c c o REGOLAMENTO PER L USO DEI PARCHI GIOCO E DEI GIARDINI PUBBLICI

P r o v i n c i a d i L e c c o REGOLAMENTO PER L USO DEI PARCHI GIOCO E DEI GIARDINI PUBBLICI U NIONE DEI COMUNI L O M B ARDA DELLA VALLETTA P r o v i n c i a d i L e c c o REGOLAMENTO PER L USO DEI PARCHI GIOCO E DEI GIARDINI PUBBLICI Approvato con deliberazione dell Assemblea n. 15 del 29/07/2014

Dettagli

ORDINANZA N. 63 DEL 01/04/2014

ORDINANZA N. 63 DEL 01/04/2014 Ufficio proponente Demanio Turistico ORDINANZA N. 63 DEL 01/04/2014 adotta la seguente ordinanza avente per oggetto: ORDINANZA BALNEARE IL DIRIGENTE REFERTO DI PUBBLICAZIONE La presente ordinanza è pubblicata

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo di Alghero SEZIONE TECNICO- OPERATIVA UFFICIO TECNICA

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo di Alghero SEZIONE TECNICO- OPERATIVA UFFICIO TECNICA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo di Alghero SEZIONE TECNICO- OPERATIVA UFFICIO TECNICA Via Eleonora d Arborea, 2-07041 Alghero (SS) - Tel. 079-953174/986811

Dettagli

UFFICIO DEMANIO MARITTIMO

UFFICIO DEMANIO MARITTIMO COMUNE DI ARENZANO PROVINCIA DI GENOVA REGIONE LIGURIA UFFICIO DEMANIO MARITTIMO ORDINANZA N. DEL IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO GEOM. GIUSEPPE MUFFOLETTO VISTI : 1. Il Codice della Navigazione, approvato

Dettagli

COMUNE DI CAFASSE Provincia di Torino

COMUNE DI CAFASSE Provincia di Torino COMUNE DI CAFASSE Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FRUIZIONE DELLE AREE GIOCO PUBBLICHE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 18 del 29/05/2015 INDICE CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

ALLEGATO A. Comune di Ginosa. Provincia di Taranto. OGGETTO: Affidamento attività di assistenza alla balneazione e miglioramento

ALLEGATO A. Comune di Ginosa. Provincia di Taranto. OGGETTO: Affidamento attività di assistenza alla balneazione e miglioramento ALLEGATO A Comune di Ginosa Provincia di Taranto Cron. gen.le n. CONVENZIONE IN CASO D USO OGGETTO: Affidamento attività di assistenza alla balneazione e miglioramento segnaletica obbligatoria sulle spiagge

Dettagli

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE COMUNE DI LIMONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO Via Roma, 32-12015 REGOLAMENTO PER L'USO DEI PARCHI GIOCO E DEI GIARDINI DI PROPRIETA' COMUNALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale di Limone

Dettagli

CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA GENOVA ORDINANZA N. 183/2003 CAPITANERIA DI PORTO GENOVA SEZIONE TECNICA ORDINANZA N 183/2003

CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA GENOVA ORDINANZA N. 183/2003 CAPITANERIA DI PORTO GENOVA SEZIONE TECNICA ORDINANZA N 183/2003 CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA GENOVA ORDINANZA N. 183/2003 CAPITANERIA DI PORTO GENOVA SEZIONE TECNICA ORDINANZA N 183/2003 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Genova: -

Dettagli

` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà

` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà ` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI SANTA MARGHERITA LIGURE O R D I N A N Z A N. 196 / 2004 Il Capo del Circondario Marittimo di Santa Margherita Ligure; VISTA

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - OLBIA Tel. 0789/21243 Fax 0789/27737 - E-Mail olbia@guardiacostiera.

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - OLBIA Tel. 0789/21243 Fax 0789/27737 - E-Mail olbia@guardiacostiera. Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - OLBIA Tel. 0789/21243 Fax 0789/27737 - E-Mail olbia@guardiacostiera.it ORDINANZA N 26/2009 Il Capitano di Vascello (CP) sottoscritto,

Dettagli

I L D I R I G E N T E D E L S E T T O R E

I L D I R I G E N T E D E L S E T T O R E SETTORE LAVORI PUBBLICI Id : 1285067 ORDINANZA DIRIGENZIALE N. 108 del 27/03/2015 OGGETTO: ORDINANZA BALNEARE COMUNALE ANNO 2015 Premesso che: I L D I R I G E N T E D E L S E T T O R E il turismo balneare

Dettagli

UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO GUARDIA COSTIERA MARATEA

UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO GUARDIA COSTIERA MARATEA UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO GUARDIA COSTIERA MARATEA ORDINANZA N 11-2011 Il Capo del circondario marittimo di Maratea: VISTI gli articoli 30, 68, 81, 1161, 1164, 1174, 1231 del codice della navigazione

Dettagli

COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE DI USO DEL VERDE pubblico TITOLO I Ambito di Applicazione - Disposizioni Generali ART.1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina l uso

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO - GUARDIA COSTIERA PESCARA ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N 28 /2006

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO - GUARDIA COSTIERA PESCARA ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N 28 /2006 In caso di emergenze e pericolo per la vita umana in mare chiamare tempestivamente la Capitaneria di Porto di Pescara al numero 085/694040, ovvero comporre il Numero Blu gratuito 1530. MINISTERO DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI SPAZI DI SOSTA PER IMBARCAZIONI

REGOLAMENTO DEGLI SPAZI DI SOSTA PER IMBARCAZIONI REGOLAMENTO DEGLI SPAZI DI SOSTA PER IMBARCAZIONI Approvato con D.G.C. n. 111 del 15.06.2007, modificato con D.G.C. n. 33 del 04.03.2011 ed integrato con D.G.C. n. 8 del 16.01.2012. Nelle zone demaniali

Dettagli

INFORMATIVA ALL'UTENZA RIMOZIONE VEICOLI. Si comunica che a partire dal giorno 17 settembre 2013 i veicoli:

INFORMATIVA ALL'UTENZA RIMOZIONE VEICOLI. Si comunica che a partire dal giorno 17 settembre 2013 i veicoli: INFORMATIVA ALL'UTENZA RIMOZIONE VEICOLI Si comunica che a partire dal giorno 17 settembre 2013 i veicoli: parcheggiati al di fuori degli appositi stalli indicati dalla segnaletica o parcheggiati in aree

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA ANCONA ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N.

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA ANCONA ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N. MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA ANCONA ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N. 35/2011 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del porto di Ancona,

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI PESARO ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N. 15/2009

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI PESARO ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N. 15/2009 */-\ATTENZIONE - In caso di necessità contattare la Capitaneria di Porto di Pesaro al numero telefonico 0721/400016. Segnalazioni di situazioni che richiedono un pronto intervento di soccorso in mare possono

Dettagli

Città di Cosenza Settore Programmazione e Sviluppo Economico Servizio AA.EE.PP.

Città di Cosenza Settore Programmazione e Sviluppo Economico Servizio AA.EE.PP. Città di Cosenza Settore Programmazione e Sviluppo Economico Servizio AA.EE.PP. FIERA DI SAN GIUSEPPE EDIZIONE 2010 AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTEGGI LA DIRIGENTE DEL SERVIZIO ATTIVITA ECONOMICHE

Dettagli

COMUNE DI PREONE. Provincia di Udine REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELL AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA TEMPORANEA DI CAMPERS CARAVAN AUTOCARAVAN

COMUNE DI PREONE. Provincia di Udine REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELL AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA TEMPORANEA DI CAMPERS CARAVAN AUTOCARAVAN COMUNE DI PREONE Provincia di Udine REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELL AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA TEMPORANEA DI CAMPERS CARAVAN AUTOCARAVAN Approvato con delibera C.C. n. 30 del 29 giugno 2012 REGOLAMENTO

Dettagli

NAVIGAZIONE ACQUE INTERNE Viale di Villa Pamphili 84 00152 ROMA DIPARTIMENTO XIV- SERVIZIO I

NAVIGAZIONE ACQUE INTERNE Viale di Villa Pamphili 84 00152 ROMA DIPARTIMENTO XIV- SERVIZIO I NAVIGAZIONE ACQUE INTERNE Viale di Villa Pamphili 84 00152 ROMA DIPARTIMENTO XIV- SERVIZIO I Regolamento Provinciale di Navigazione in Sicurezza TITOLO I - Oggetto - II presente regolamento disciplina

Dettagli

IL DIRETTORE DEL SERVIZIO

IL DIRETTORE DEL SERVIZIO Direzione generale enti locali e finanze Servizio centrale demanio e patrimonio DETERMINAZIONE N. 514/D DEL 6 aprile 2005 Oggetto: DISCIPLINA DELLE ATTIVITA ESERCITABILI SUL DEMANIO MARITTIMO IL DIRETTORE

Dettagli

COMUNE DI ANACAPRI. (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI NOLEGGIO DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE

COMUNE DI ANACAPRI. (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI NOLEGGIO DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE COMUNE DI ANACAPRI (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI NOLEGGIO DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE Approvato con delibera di C.C. n. 23 del 21.04.2010 Art. 1 - Esercizio di noleggio

Dettagli

Dis corsi nautici, norme di navigazione per il canottaggio. Conferenza Regionale Allenatori - Trieste 15 dicembre 2012 Bruno Spanghero STC ADRIA 1877

Dis corsi nautici, norme di navigazione per il canottaggio. Conferenza Regionale Allenatori - Trieste 15 dicembre 2012 Bruno Spanghero STC ADRIA 1877 Federazione Italiana Canottaggio COMITATO REGIONALE FRIULI VENEZIA GIULIA Dis corsi nautici, norme di navigazione per il canottaggio Conferenza Regionale Allenatori - Trieste 15 dicembre 2012 Bruno Spanghero

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI CAGLIARI Numero blu 1530 Centrale operativa 070/60517240 070/659210 070/659225

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI CAGLIARI Numero blu 1530 Centrale operativa 070/60517240 070/659210 070/659225 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI CAGLIARI Numero blu 1530 Centrale operativa 070/60517240 070/659210 070/659225 ORDINANZA N 67/2011 ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE

Dettagli

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL PARCHEGGIO COMUNALE NON CUSTODITO PICCOLO TORINO IN LOCALITÀ BAS VILLAIR

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL PARCHEGGIO COMUNALE NON CUSTODITO PICCOLO TORINO IN LOCALITÀ BAS VILLAIR COMUNE DI QUART VALLE D AOSTA COMMUNE DE QUART VALLÉE D AOSTE REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL PARCHEGGIO COMUNALE NON CUSTODITO PICCOLO TORINO IN LOCALITÀ BAS VILLAIR Approvato con deliberazione della Giunta

Dettagli