COMUNE DI NUMANA. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI NUMANA. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione."

Transcript

1 GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI NUMANA Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW HOTEL FIOR DI MARE NUMANA BASSA NORD "NUMANA PALACE" HOTEL MARCELLI SANTA CRISTIANA CONDOMINIO GALASSIA ZI NENE' NORD FOCE MUSONE 100 M NORD PUNTO M SUD PUNTO 67 BO IT IT IT IT IT IT IT IT IT IT Sito Monitoraggio Acque di NON Balneazione TRATTO COSTIERO porto Numana * Legenda (classificazione) 1: eccellente 2: buona 3: sufficiente 4: scarsa 5: insufficientemente campionata 6: non campionata Estensione (metri) Classe * Estensione (metri) , , , , , , , , , , ,36 Stampa 10/ rev. 1 comune di NUMANA (AN) Pagina 1 di 65

2 Comune di NUMANA Area di balneazione: HOTEL FIOR DI MARE Codice punto di monitoraggio: IT Provincia di ANCONA coordinate: X:13,624996; Y:43, Aspetti fisici dell'acqua di balneazione Descrizione generale dell'area A acqua marina non confinata con tratti semiconfinati da scogliere sommerse; morfologia fondale: ghiaioso e roccioso; pendenza: degradante; adiacente ad area portuale;idrologia: corrente stazionaria direzione NW-SE con debole intensità; correnti di forzante dai quadranti NE(I) e SE(II) con venti moderati;climatologia: temperatura media acque marine compresa 20-24,5 C; temperatura media aria C;precipitazioni medie estive mm; precipitazioni medie annuali mm;condizioni meteo marine: Periodo di riferimento per la classificazione Periodo di monitoraggio: 1 aprile - 30 settembre Frequenza di monitoraggio mensile Stagione balneare 1 maggio - 30 settembre ZZ Spiaggia con ghiaia di origine calcareo selcifera con pendenza media del 3% della spiaggia emersa e del 8% della spiaggia sommersa protetta da scogliere emerse artificiali; distanza tra l'acqua media-bassa e alta (limite acque sicure): 4 m; marea astronomica: cm. La zona circostante alla spiaggia è costituita da insediamenti urbani, turistici e macchia mediterranea alta. Infrastrutture e servizi Divieti di balneazione stagione balneare 2013 n. per un totale di giorni Cause servizi assistenza e primo soccorso, servizi riservati ai disabili, servizi igienici, punti di ristorazione(ber e/o ristoranti),strutture sportive,strutture ludiche per bambini BO Altri divieti vigenti sugli arenili: : Criticità: Non esistono fonti di inquinamento che possono incidere sulla qualità dell'acqua di balneazione. Informazioni Siti web: Ministero della Salute Regione Marche ARPAM Autorità competenti COMUNE DI NUMANA Piazza del Santuario, Numana (AN) tel. "Uff. Tecnico" 071/ Capitaneria Di Porto - Ancona Sala Operativa - Centralino Scalo Molo Nord, Ancona. Schema informativo alla popolazione ai sensi del D.Lgs. 116/2008 "Gestione della Qualità delle acque di balneazione - Attuazione della direttiva 2006/7/Ce" Stampa 10/ rev. 1 comune di NUMANA (AN) Pagina 2 di 65

3 1.1 Dati identificativi 1 Denominazione acqua di balneazione* HOTEL FIOR DI MARE 2 Id acqua di balneazione IT Id gruppo* 4 Categoria C 5 Regione Marche 6 Provincia Ancona 7 Comune Numana 8 Corpo idrico* Ancona_Numana 9 ID corpo idrico* IT11.R_COSTA_UF13_13.A 10 Informazioni ai sensi dell Allegato III, comma 3 Nulla da segnalare 11 Distretto idrografico* APPENNINO SETTENTRIONALE 12 Id distretto idrografico* ITC 13 Sub-unit distretto idrografico* 14 Id sub-unit distretto idrografico* 15 Data di redazione del profilo 01/02/ Aggiornamento e riesame 01/02/ Descrizione dell'area di balneazione acqua marina non confinata con tratti semiconfinati da scogliere sommerse; morfologia fondale: ghiaioso e roccioso; pendenza: degradante; adiacente ad area portuale; idrologia: corrente stazionaria direzione NW-SE con debole intensità; correnti di forzante dai quadranti NE(I) e SE(II) con venti moderati; climatologia: temperatura media acque marine compresa 20-24,5 C; temperatura media aria C; precipitazioni medie estive mm; precipitazioni medie annuali mm; condizioni meteo marine: 17 Aspetti fisici dell acqua di balneazione 18 Descrizione generale della spiaggia e della zona circostante Spiaggia con ghiaia di origine calcareo selcifera con pendenza media del 3% della spiaggia emersa e del 8% della spiaggia sommersa protetta da scogliere emerse artificiali; distanza tra l'acqua media-bassa e alta (limite acque sicure): 4 m; marea astronomica: cm. La zona circostante alla spiaggia è costituita da insediamenti urbani, turistici e macchia mediterranea alta. 19 Struttura della Zona ripariale (solo per fiumi e laghi) nulla da segnalare 20 Ampiezza della spiaggia Lung.250 m; Larg. 45 m 21 Fenomeni erosivi Si. Spiaggia soggetta a ripascimento con ghiaia. 22 Numero di bagnanti Infrastrutture/servizi servizi assistenza e primo soccorso, servizi riservati ai disabili, servizi igienici, punti di ristorazione(ber e/o ristoranti),strutture sportive,strutture ludiche per bambini 24 Accesso consentito ad animali No Pagina 3 di 65

4 25 Autorità competente 26 Fruizioni dell area diverse dalla balneazione nulla da segnalare 27 Immagine C:\marche\link_marche\27_IT jpg 2.2 Localizzazione 28 Coordinate centro (centroide) dell area x:13,626549; y:43, Coordinate degli estremi dell area Inizio: ; Fine: ; Estensione area 0, Altitudine (solo laghi e fiumi) 32 Mappa C:\marche\link_marche\32_IT jpg 2.3 Stazione di monitoraggio 33 Coordinate punto stazione X:13,624996; Y:43, Criteri utilizzati per l individuazione massimo afflusso bagnanti 35 Punto di monitoraggio supplementare 2.4 Qualità 36 Classificazione 1 37 Divieti di balneazione COMUNE DI NUMANA Piazza del Santuario, Numana (AN) tel. "Uff. Tecnico" 071/ Capitaneria Di Porto - Ancona Sala Operativa - Centralino ? Scalo Molo Nord, Ancona. Tutte le chiusure alla balneazione sono dovute alla fioritura dell'alga tossica ostreopsis ovata.2008: Chiusura precauzionale alla balneazione dal 05/09/2008 al 23/09/ : Chiusura precauzionale alla balneazione dal 25/08/2009 al 14/09/ Deroghe Ossigeno Disciolto 39 Trend qualitativo Non valutabile in quanto primo anno di classificazione 3.1 Descrizione 40 Descrizione geografica dell area area Parco Regionale con case sparse 41 Nome Bacino idrografico Litorale tra Esino e Musone 42 ID bacino idrografico R Idrologia 3.2 Cause di inquinamento Pagina 4 di 65

5 44 Trattamento acque reflue La rete fognaria dei Comuni di Osimo, Castelfidardo, Nimana, Sirolo e delle rispettive frazioni serve la totalità del territorio urbanizzato sopracitato; solo fabbricati isolati e rurali non sono ancora allacciati alla pubblica fognatura. Prevalentemente il reticolo è caratterizzato da collettori di tipo misto i quali, in assenza di eventi meteorici eccezionali, convogliano interamente le acque reflue all impianto di depurazione biologico a fanghi attivi. L impianto è ubicato in via Villa Poticcio, 1/A nel comune di Castelfidardo (Coordinate impianto gauss boaga: X ; Y ) il corpo idrico recettore dello scarico è il Fiume Musone (Coordinate scarico gauss boaga: X ; Y , limiti autorizzati: tab. 1 e tab. 3 allegato 5 parte III del D.Lgs 152/2006 e s.m.i.), la potenzialità del progetto è di AE (abitanti equivalenti). Il numero di AE serviti dal depuratore, proveniente da insediamenti urbani, è di circa mentre sono circa 6550 AE provenienti da attività produttive se le medesime attività generano scarichi di acque reflue industriali. Il numero degli abitanti equivalenti serviti è soggetto a fluttuazioni nei mesi estivi (dati acquisiti dall Ufficio del Turismo della Regione Marche): AE circa abitanti fluttuanti su base annua. In presenza di intensi deflussi di pioggia, le portate circolanti nella rete fognaria aumentano notevolmente, con conseguente innalzamento dei tiranti idrici. Nel momento in cui la quota della soglia di sfioro viene superata, la portata inizia a defluire attraverso i vari manufatti di scarico verso recapiti diversi dall impianto di depurazione sopra citato posti lungo la spiaggia (nel comune di Numana) o lungo l alveo del fiume Musone e suoi affluenti ( nei comuni di Osimo e Castelfidardo). Nell impianto di depurazione, durante il 2010, sono stati effettuati controlli mensili da parte di ARPAM con esiti sempre conformi ai limiti autorizzati delle tabelle del D.Lgs 152/2006 sopra citate. Controlli effettuati da ARPAM per il parametro Escherichiacoli: Gennaio 2010: 110 U.F.C/100ml; Febbraio 2010: 26 U.F.C/100ml; Marzo 2010: 80 U.F.C/100ml; Aprile 2010: inferiore al limite di determinazione; Maggio 2010: inferiore al limite di determinazione; Luglio 2010: 90 U.F.C./100ml; Agosto 2010: 70 U.F.C./10 ml; Settembre 2010: 100 U.F.C./10 ml; Ottobre 2010: 65 U.F.C./100 ml; Novembre 2010: inferiore al limite di determinazione; Dicembre 2010: 10 U.F.C./100 ml. Pagina 5 di 65

6 45 Uso del suolo Territori Boscati e Ambienti Semi-Naturali 46 Altre cause di inquinamento non presenti 47 Valutazioni 48 Mappa 3.3 Monitoraggio e valutazione 49 Classificazione 50 Qualità dei corpi idrici nell area di influenza 4.1 Identificazione delle cause di inquinamento 51 Identificazione delle cause di inquinamento Non esistono fonti di inquinamento che possono incidere sulla qualità dell'acqua di balneazione 52 Localizzazione Nulla da segnalare 53 Coordinate punti di immissione Nulla da segnalare 54 Metodologia utilizzata per la stima degli impatti Nulla da segnalare Pagina 6 di 65

7 55 Misure di miglioramento previste o adottate Nulla da segnalare 4.2 Eventi di inquinamento di breve durata 56 Condizioni in cui si può verificare Nulla da segnalare 57 Caratterizzazione evento Nulla da segnalare 58 Identificazione fonte di inquinamento Nulla da segnalare 59 Entità Nulla da segnalare 60 Frequenza stimata Nulla da segnalare 61 Eventi pregressi (ultimi 4 anni) Nulla da segnalare 62 Misure di gestione Nulla da segnalare 63 Organismi responsabili Nulla da segnalare 4.3 Situazione anomala 64 Descrizione dell evento Nulla da segnalare 65 Misure di gestione Nulla da segnalare 66 Eventi pregressi (ultimi 8 anni) Nulla da segnalare 67 Organismi responsabili Nulla da segnalare 4.4 Valutazione di potenziale proliferazione cianobatterica 68 Valutazione delle pressioni Nulla da segnalare 69 Eventi pregressi (ultimi 4 anni) Nulla da segnalare 70 Effetti provocati Nulla da segnalare 71 Misure adottate Nulla da segnalare 72 Caratterizzazione evento Nulla da segnalare 73 Possibilità che l evento possa verificarsi nel futuro Nulla da segnalare 4.5 Valutazione di potenziale proliferazione di macroalghe e/o fitoplancton e/o specie potenzialmente tossiche 74 Tipologia di proliferazione. Fitoplancton 75 Eventi pregressi (ultimi 4 anni) 2007 e 2010: Questi anni sono stati caratterizzati dall assenza di tutti i blooms algali considerati ormai tipici del nostro litorale. 2008: Fioritura dell'alga tossica Ostreopsis ovata nel mese di settembre. 2009: Fioritura dell'alga tossica Ostreopsis ovata dalla seconda metà di agosto alla prima metà del mese di settembre. 76 Effetti provocati Nessun effetto provocato sulle persone. Effetti sugli organismi acquatici: morte di organismi bentonici sessili (patelle, ricci, cozze). 2008: Chiusura precauzionale alla balneazione dal 05/09/2008 al 23/09/ : Chiusura precauzionale alla balneazione dal 25/08/2009 al 14/09/2009.Gestione del rischio associato alle fioriture di Ostreopsis ovata nelle coste italiane come da allegato C del Decreto Interministeriale del 30/03/ Misure adottate 78 Possibilità che l evento possa verificarsi nel futuro Elevate temperature e scarso idrodinamismo. Pagina 7 di 65

8 Comune di NUMANA Area di balneazione: NUMANA BASSA Codice punto di monitoraggio: IT Provincia di ANCONA coordinate: X:13,622954; Y:43, Aspetti fisici dell'acqua di balneazione Descrizione generale dell'area A acqua marina non confinata con pennelli; morfologia fondale: ghiaioso; pendenza: degradante; adiacente ad area portuale;idrologia: corrente stazionaria direzione NW-SE con debole intensità; correnti di forzante dai quadranti NE(I) e SE(II) con venti moderati;climatologia: temperatura media acque marine compresa 20-24,5 C; temperatura media aria C;precipitazioni medie estive mm; precipitazioni medie annuali mm;condizioni meteo marine: Periodo di riferimento per la classificazione Periodo di monitoraggio: 1 aprile - 30 settembre Frequenza di monitoraggio mensile Stagione balneare 1 maggio - 30 settembre ZZ Spiaggia con ghiaia di origine calcareo selcifera con pendenza media del 3% della spiaggia emersa e del 8% della spiaggia sommersa protetta dal porto approdo blu di Numana; distanza tra l'acqua media-bassa e alta (limite acque sicure): 4 m; marea astronomica: cm. La zona circostante alla spiaggia è costituita da insediamenti urbani, turistici. Infrastrutture e servizi Divieti di balneazione stagione balneare 2013 n. per un totale di giorni Cause servizi assistenza e primo soccorso, servizi riservati ai disabili, servizi igienici, punti di ristorazione(ber e/o ristoranti),strutture sportive,strutture ludiche per bambini.corridoio di lancio per imbarco/sbarco turisti gite giornaliere alla spiaggia delle 2 sorelle. BO Altri divieti vigenti sugli arenili: : Criticità: Possibile presenza di acque reflue urbane e meteoriche non depurate Informazioni Siti web: Ministero della Salute Regione Marche ARPAM Autorità competenti COMUNE DI NUMANA Piazza del Santuario, Numana (AN) tel. "Uff. Tecnico" 071/ Capitaneria Di Porto - Ancona Sala Operativa - Centralino Scalo Molo Nord, Ancona. Schema informativo alla popolazione ai sensi del D.Lgs. 116/2008 "Gestione della Qualità delle acque di balneazione - Attuazione della direttiva 2006/7/Ce" Stampa 10/ rev. 1 comune di NUMANA (AN) Pagina 8 di 65

9 1.1 Dati identificativi 1 Denominazione acqua di balneazione* NUMANA BASSA 2 Id acqua di balneazione IT Id gruppo* 4 Categoria C 5 Regione Marche 6 Provincia Ancona 7 Comune Numana 8 Corpo idrico* Numana_Porto Recanati 9 ID corpo idrico* IT11.R_COSTA_UF14_22.A 10 Informazioni ai sensi dell Allegato III, comma 3 Nulla da segnalare 11 Distretto idrografico* APPENNINO SETTENTRIONALE 12 Id distretto idrografico* ITC 13 Sub-unit distretto idrografico* 14 Id sub-unit distretto idrografico* 15 Data di redazione del profilo 01/02/ Aggiornamento e riesame 01/02/ Descrizione dell'area di balneazione 17 Aspetti fisici dell acqua di balneazione acqua marina non confinata con pennelli; morfologia fondale: ghiaioso; pendenza: degradante; adiacente ad area portuale; idrologia: corrente stazionaria direzione NW-SE con debole intensità; correnti di forzante dai quadranti NE(I) e SE(II) con venti moderati; climatologia: temperatura media acque marine compresa 20-24,5 C; temperatura media aria C; precipitazioni medie estive mm; precipitazioni medie annuali mm; condizioni meteo marine: 18 Descrizione generale della spiaggia e della zona circostante Spiaggia con ghiaia di origine calcareo selcifera con pendenza media del 3% della spiaggia emersa e del 8% della spiaggia sommersa protetta dal porto approdo blu di Numana; distanza tra l'acqua media-bassa e alta (limite acque sicure): 4 m; marea astronomica: cm. La zona circostante alla spiaggia è costituita da insediamenti urbani, turistici. 19 Struttura della Zona ripariale (solo per fiumi e laghi) nulla da segnalare 20 Ampiezza della spiaggia Lung m; Larg. 95 m 21 Fenomeni erosivi Si. Spiaggia soggetta a ripascimento con ghiaia. 22 Numero di bagnanti 23 Infrastrutture/servizi servizi assistenza e primo soccorso, servizi riservati ai disabili, servizi igienici, punti di ristorazione(ber e/o ristoranti),strutture sportive,strutture ludiche per bambini.corridoio di lancio per imbarco/sbarco turisti gite giornaliere alla spiaggia delle 2 sorelle. 24 Accesso consentito ad animali No Pagina 9 di 65

10 25 Autorità competente COMUNE DI NUMANA Piazza del Santuario, Numana (AN) tel. "Uff. Tecnico" 071/ Capitaneria Di Porto - Ancona Sala Operativa - Centralino ? Scalo Molo Nord, Ancona. 26 Fruizioni dell area diverse dalla balneazione Nell' area sono presenti scuole di wind surf e vela. Sono presenti corridoi di lancio per i natanti. 27 Immagine C:\marche\link_marche\27_IT jpg 2.2 Localizzazione 28 Coordinate centro (centroide) dell area x:13,624799; y:43, Coordinate degli estremi dell area Inizio: ; Fine: ; Estensione area 0, Altitudine (solo laghi e fiumi) 32 Mappa C:\marche\link_marche\32_IT jpg 2.3 Stazione di monitoraggio 33 Coordinate punto stazione X:13,622954; Y:43, Criteri utilizzati per l individuazione massimo afflusso bagnanti 35 Punto di monitoraggio supplementare 2.4 Qualità 36 Classificazione 1 Nulla da segnalare 37 Divieti di balneazione 38 Deroghe Ossigeno Disciolto 39 Trend qualitativo Non valutabile in quanto primo anno di classificazione 3.1 Descrizione 40 Descrizione geografica dell area area urbanizzata e Ambienti Semi-Naturali e Agricoli 41 Nome Bacino idrografico Litorale tra Esino e Musone 42 ID bacino idrografico R Idrologia 3.2 Cause di inquinamento Pagina 10 di 65

11 44 Trattamento acque reflue La rete fognaria dei Comuni di Osimo, Castelfidardo, Nimana, Sirolo e delle rispettive frazioni serve la totalità del territorio urbanizzato sopracitato; solo fabbricati isolati e rurali non sono ancora allacciati alla pubblica fognatura. Prevalentemente il reticolo è caratterizzato da collettori di tipo misto i quali, in assenza di eventi meteorici eccezionali, convogliano interamente le acque reflue all impianto di depurazione biologico a fanghi attivi. L impianto è ubicato in via Villa Poticcio, 1/A nel comune di Castelfidardo (Coordinate impianto gauss boaga: X ; Y ) il corpo idrico recettore dello scarico è il Fiume Musone (Coordinate scarico gauss boaga: X ; Y , limiti autorizzati: tab. 1 e tab. 3 allegato 5 parte III del D.Lgs 152/2006 e s.m.i.), la potenzialità del progetto è di AE (abitanti equivalenti). Il numero di AE serviti dal depuratore, proveniente da insediamenti urbani, è di circa mentre sono circa 6550 AE provenienti da attività produttive se le medesime attività generano scarichi di acque reflue industriali. Il numero degli abitanti equivalenti serviti è soggetto a fluttuazioni nei mesi estivi (dati acquisiti dall Ufficio del Turismo della Regione Marche): AE circa abitanti fluttuanti su base annua. In presenza di intensi deflussi di pioggia, le portate circolanti nella rete fognaria aumentano notevolmente, con conseguente innalzamento dei tiranti idrici. Nel momento in cui la quota della soglia di sfioro viene superata, la portata inizia a defluire attraverso i vari manufatti di scarico verso recapiti diversi dall impianto di depurazione sopra citato posti lungo la spiaggia (nel comune di Numana) o lungo l alveo del fiume Musone e suoi affluenti ( nei comuni di Osimo e Castelfidardo). Nell impianto di depurazione, durante il 2010, sono stati effettuati controlli mensili da parte di ARPAM con esiti sempre conformi ai limiti autorizzati delle tabelle del D.Lgs 152/2006 sopra citate. Controlli effettuati da ARPAM per il parametro Escherichiacoli: Gennaio 2010: 110 U.F.C/100ml; Febbraio 2010: 26 U.F.C/100ml; Marzo 2010: 80 U.F.C/100ml; Aprile 2010: inferiore al limite di determinazione; Maggio 2010: inferiore al limite di determinazione; Luglio 2010: 90 U.F.C./100ml; Agosto 2010: 70 U.F.C./10 ml; Settembre 2010: 100 U.F.C./10 ml; Ottobre 2010: 65 U.F.C./100 ml; Novembre 2010: inferiore al limite di determinazione; Dicembre 2010: 10 U.F.C./100 ml. Pagina 11 di 65

12 45 Uso del suolo zona urbanizzata e Zone Aperte con Vegetazione Rada o Assente 46 Altre cause di inquinamento Acque meteoriche tramite fosso 47 Valutazioni 48 Mappa 3.3 Monitoraggio e valutazione 49 Classificazione 50 Qualità dei corpi idrici nell area di influenza 4.1 Identificazione delle cause di inquinamento 51 Identificazione delle cause di inquinamento Colatore naturale acque chiare + sfioratore troppo pieno acque nere che si immette tramite condotta nel Porto di Numana (79). 52 Localizzazione Porto di Numana (79). 53 Coordinate punti di immissione (79) 43 30'32.72"N '27.78"E Pagina 12 di 65

13 54 Metodologia utilizzata per la stima degli impatti 55 Misure di miglioramento previste o adottate Le nostre conoscenze di basano sul monitoraggio degli eventi che si sono verificati negli anni precedenti. Lo scarico delle acque chiare viene intercettato dal troppo pieno e convogliato al depuratore di Castelfidardo. 4.2 Eventi di inquinamento di breve durata 56 Condizioni in cui si può verificare Nulla da segnalare 57 Caratterizzazione evento Nulla da segnalare 58 Identificazione fonte di inquinamento Nulla da segnalare 59 Entità Nulla da segnalare 60 Frequenza stimata Nulla da segnalare 61 Eventi pregressi (ultimi 4 anni) Nulla da segnalare 62 Misure di gestione Nulla da segnalare 63 Organismi responsabili Nulla da segnalare 4.3 Situazione anomala 64 Descrizione dell evento Nulla da segnalare 65 Misure di gestione Nulla da segnalare 66 Eventi pregressi (ultimi 8 anni) Nulla da segnalare 67 Organismi responsabili Nulla da segnalare 4.4 Valutazione di potenziale proliferazione cianobatterica 68 Valutazione delle pressioni Nulla da segnalare 69 Eventi pregressi (ultimi 4 anni) Nulla da segnalare 70 Effetti provocati Nulla da segnalare 71 Misure adottate Nulla da segnalare 72 Caratterizzazione evento Nulla da segnalare 73 Possibilità che l evento possa verificarsi nel futuro Nulla da segnalare 4.5 Valutazione di potenziale proliferazione di macroalghe e/o fitoplancton e/o specie potenzialmente tossiche Fitoplancton 74 Tipologia di proliferazione. 75 Eventi pregressi (ultimi 4 anni) 2007, 2008, 2009 e 2010: Questi anni sono stati caratterizzati dall assenza di tutti i blooms algali considerati ormai tipici del nostro litorale. 76 Effetti provocati / 77 Misure adottate / 78 Possibilità che l evento possa verificarsi nel futuro Zona soggetta a fioriture algali. Pagina 13 di 65

14 Comune di NUMANA Area di balneazione: NORD "NUMANA PALACE" Codice punto di monitoraggio: IT Provincia di ANCONA coordinate: X:13,624343; Y:43, Aspetti fisici dell'acqua di balneazione Descrizione generale dell'area A acqua marina non confinata con pennelli; morfologia fondale: ghiaioso; pendenza: degradante; idrologia: corrente stazionaria direzione NW-SE con debole intensità; correnti di forzante dai quadranti NE(I) e SE(II) con venti moderati;climatologia: temperatura media acque marine compresa 20-24,5 C; temperatura media aria 2526 C;precipitazioni medie estive mm; precipitazioni medie annuali mm;condizioni meteo marine: Periodo di riferimento per la classificazione Periodo di monitoraggio: 1 aprile - 30 settembre Frequenza di monitoraggio mensile Stagione balneare 1 maggio - 30 settembre ZZ Spiaggia con ghiaia fine di origine calcareo selcifera con pendenza media del 3% della spiaggia emersa e del 8% della spiaggia sommersa; distanza tra l'acqua media-bassa e alta (limite acque sicure): 4 m; marea astronomica: cm. La zona circostante alla spiaggia è costituita da insediamenti urbani, turistici. Infrastrutture e servizi Divieti di balneazione stagione balneare 2013 n. per un totale di giorni Cause servizi assistenza e primo soccorso, servizi riservati ai disabili, servizi igienici, punti di ristorazione(ber e/o ristoranti),strutture sportive,strutture ludiche per bambini. BO Altri divieti vigenti sugli arenili: : Criticità: Non esistono fonti di inquinamento che possono incidere sulla qualità dell'acqua di balneazione. Informazioni Siti web: Ministero della Salute Regione Marche ARPAM Autorità competenti COMUNE DI NUMANA Piazza del Santuario, Numana (AN) tel. "Uff. Trecnico" 071/ Capitaneria Di Porto - Ancona Sala Operativa - Centralino Scalo Molo Nord, Ancona. Schema informativo alla popolazione ai sensi del D.Lgs. 116/2008 "Gestione della Qualità delle acque di balneazione - Attuazione della direttiva 2006/7/Ce" Stampa 10/ rev. 1 comune di NUMANA (AN) Pagina 14 di 65

15 1.1 Dati identificativi 1 Denominazione acqua di balneazione* NORD "NUMANA PALACE" 2 Id acqua di balneazione IT Id gruppo* 4 Categoria C 5 Regione Marche 6 Provincia Ancona 7 Comune Numana 8 Corpo idrico* Numana_Porto Recanati 9 ID corpo idrico* IT11.R_COSTA_UF14_22.A 10 Informazioni ai sensi dell Allegato III, comma 3 Nulla da segnalare 11 Distretto idrografico* APPENNINO SETTENTRIONALE 12 Id distretto idrografico* ITC 13 Sub-unit distretto idrografico* 14 Id sub-unit distretto idrografico* 15 Data di redazione del profilo 01/02/ Aggiornamento e riesame 01/02/ Descrizione dell'area di balneazione 17 Aspetti fisici dell acqua di balneazione acqua marina non confinata con pennelli; morfologia fondale: ghiaioso; pendenza: degradante; idrologia: corrente stazionaria direzione NW-SE con debole intensità; correnti di forzante dai quadranti NE(I) e SE(II) con venti moderati; climatologia: temperatura media acque marine compresa 20-24,5 C; temperatura media aria C; precipitazioni medie estive mm; precipitazioni medie annuali mm; condizioni meteo marine: 18 Descrizione generale della spiaggia e della zona circostante Spiaggia con ghiaia fine di origine calcareo selcifera con pendenza media del 3% della spiaggia emersa e del 8% della spiaggia sommersa; distanza tra l'acqua media-bassa e alta (limite acque sicure): 4 m; marea astronomica: cm. La zona circostante alla spiaggia è costituita da insediamenti urbani, turistici. 19 Struttura della Zona ripariale (solo per fiumi e laghi) nulla da segnalare 20 Ampiezza della spiaggia Lung. 750 m; Larg. 60 m 21 Fenomeni erosivi Si. Spiaggia soggetta a ripascimento con ghiaia. 22 Numero di bagnanti 23 Infrastrutture/servizi servizi assistenza e primo soccorso, servizi riservati ai disabili, servizi igienici, punti di ristorazione(ber e/o ristoranti),strutture sportive,strutture ludiche per bambini. 24 Accesso consentito ad animali No 25 Autorità competente COMUNE DI NUMANA Piazza del Santuario, Numana (AN) tel. "Uff. Trecnico" 071/ Capitaneria Di Porto - Ancona Sala Operativa - Centralino ? Scalo Molo Nord, Ancona. Pagina 15 di 65

16 26 Fruizioni dell area diverse dalla balneazione Nell' area sono presenti scuole di wind surf e vela. Sono presenti corridoi di lancio per i natanti. 27 Immagine C:\marche\link_marche\27_IT jpg 2.2 Localizzazione 28 Coordinate centro (centroide) dell area x:13,625933; y:43, Coordinate degli estremi dell area Inizio: ; Fine: ; Estensione area 0, Altitudine (solo laghi e fiumi) 32 Mappa C:\marche\link_marche\32_IT jpg 2.3 Stazione di monitoraggio 33 Coordinate punto stazione X:13,624343; Y:43, Criteri utilizzati per l individuazione massimo afflusso bagnanti 35 Punto di monitoraggio supplementare 2.4 Qualità 36 Classificazione 1 Nulla da segnalare 37 Divieti di balneazione 38 Deroghe Ossigeno Disciolto 39 Trend qualitativo Non valutabile in quanto primo anno di classificazione 3.1 Descrizione 40 Descrizione geografica dell area area urbanizzata e Ambienti Semi-Naturali e Agricoli 41 Nome Bacino idrografico Litorale tra Esino e Musone 42 ID bacino idrografico R Idrologia 3.2 Cause di inquinamento Pagina 16 di 65

17 44 Trattamento acque reflue La rete fognaria dei Comuni di Osimo, Castelfidardo, Nimana, Sirolo e delle rispettive frazioni serve la totalità del territorio urbanizzato sopracitato; solo fabbricati isolati e rurali non sono ancora allacciati alla pubblica fognatura. Prevalentemente il reticolo è caratterizzato da collettori di tipo misto i quali, in assenza di eventi meteorici eccezionali, convogliano interamente le acque reflue all impianto di depurazione biologico a fanghi attivi. L impianto è ubicato in via Villa Poticcio, 1/A nel comune di Castelfidardo (Coordinate impianto gauss boaga: X ; Y ) il corpo idrico recettore dello scarico è il Fiume Musone (Coordinate scarico gauss boaga: X ; Y , limiti autorizzati: tab. 1 e tab. 3 allegato 5 parte III del D.Lgs 152/2006 e s.m.i.), la potenzialità del progetto è di AE (abitanti equivalenti). Il numero di AE serviti dal depuratore, proveniente da insediamenti urbani, è di circa mentre sono circa 6550 AE provenienti da attività produttive se le medesime attività generano scarichi di acque reflue industriali. Il numero degli abitanti equivalenti serviti è soggetto a fluttuazioni nei mesi estivi (dati acquisiti dall Ufficio del Turismo della Regione Marche): AE circa abitanti fluttuanti su base annua. In presenza di intensi deflussi di pioggia, le portate circolanti nella rete fognaria aumentano notevolmente, con conseguente innalzamento dei tiranti idrici. Nel momento in cui la quota della soglia di sfioro viene superata, la portata inizia a defluire attraverso i vari manufatti di scarico verso recapiti diversi dall impianto di depurazione sopra citato posti lungo la spiaggia (nel comune di Numana) o lungo l alveo del fiume Musone e suoi affluenti ( nei comuni di Osimo e Castelfidardo). Nell impianto di depurazione, durante il 2010, sono stati effettuati controlli mensili da parte di ARPAM con esiti sempre conformi ai limiti autorizzati delle tabelle del D.Lgs 152/2006 sopra citate. Controlli effettuati da ARPAM per il parametro Escherichiacoli: Gennaio 2010: 110 U.F.C/100ml; Febbraio 2010: 26 U.F.C/100ml; Marzo 2010: 80 U.F.C/100ml; Aprile 2010: inferiore al limite di determinazione; Maggio 2010: inferiore al limite di determinazione; Luglio 2010: 90 U.F.C./100ml; Agosto 2010: 70 U.F.C./10 ml; Settembre 2010: 100 U.F.C./10 ml; Ottobre 2010: 65 U.F.C./100 ml; Novembre 2010: inferiore al limite di determinazione; Dicembre 2010: 10 U.F.C./100 ml. Pagina 17 di 65

18 45 Uso del suolo zona urbanizzata e Zone Aperte con Vegetazione Rada o Assente 46 Altre cause di inquinamento non presenti 47 Valutazioni 48 Mappa 3.3 Monitoraggio e valutazione 49 Classificazione 50 Qualità dei corpi idrici nell area di influenza 4.1 Identificazione delle cause di inquinamento 51 Identificazione delle cause di inquinamento Non esistono fonti di inquinamento che possono incidere sulla qualità dell'acqua di balneazione 52 Localizzazione Nulla da segnalare 53 Coordinate punti di immissione Nulla da segnalare 54 Metodologia utilizzata per la stima degli impatti Nulla da segnalare Pagina 18 di 65

19 55 Misure di miglioramento previste o adottate Nulla da segnalare 4.2 Eventi di inquinamento di breve durata 56 Condizioni in cui si può verificare Nulla da segnalare 57 Caratterizzazione evento Nulla da segnalare 58 Identificazione fonte di inquinamento Nulla da segnalare 59 Entità Nulla da segnalare 60 Frequenza stimata Nulla da segnalare 61 Eventi pregressi (ultimi 4 anni) Nulla da segnalare 62 Misure di gestione Nulla da segnalare 63 Organismi responsabili Nulla da segnalare 4.3 Situazione anomala 64 Descrizione dell evento Nulla da segnalare 65 Misure di gestione Nulla da segnalare 66 Eventi pregressi (ultimi 8 anni) Nulla da segnalare 67 Organismi responsabili Nulla da segnalare 4.4 Valutazione di potenziale proliferazione cianobatterica 68 Valutazione delle pressioni Nulla da segnalare 69 Eventi pregressi (ultimi 4 anni) Nulla da segnalare 70 Effetti provocati Nulla da segnalare 71 Misure adottate Nulla da segnalare 72 Caratterizzazione evento Nulla da segnalare 73 Possibilità che l evento possa verificarsi nel futuro Nulla da segnalare 4.5 Valutazione di potenziale proliferazione di macroalghe e/o fitoplancton e/o specie potenzialmente tossiche 74 Tipologia di proliferazione. Fitoplancton 75 Eventi pregressi (ultimi 4 anni) 2007, 2008, 2009 e 2010: Questi anni sono stati caratterizzati dall assenza di tutti i blooms algali considerati ormai tipici del nostro litorale. 76 Effetti provocati / 77 Misure adottate / 78 Possibilità che l evento possa verificarsi nel futuro Zona soggetta a fioriture algali. Pagina 19 di 65

20 Comune di NUMANA Area di balneazione: HOTEL MARCELLI Codice punto di monitoraggio: IT Provincia di ANCONA coordinate: X:13,626293; Y:43, Aspetti fisici dell'acqua di balneazione A acqua marina non confinata; morfologia fondale: ghiaioso; pendenza: degradante; idrologia: corrente stazionaria direzione NW-SE con debole intensità; correnti di forzante dai quadranti NE(I) e SE(II) con venti moderati;climatologia: temperatura media acque marine compresa 20-24,5 C; temperatura media aria C;precipitazioni medie estive mm; precipitazioni medie annuali mm;condizioni meteo marine: Descrizione generale dell'area Periodo di riferimento per la classificazione Periodo di monitoraggio: 1 aprile - 30 settembre Frequenza di monitoraggio mensile Stagione balneare 1 maggio - 30 settembre ZZ Spiaggia con ghiaia fine di origine calcareo selcifera con pendenza media del 3% della spiaggia emersa e del 8% della spiaggia sommersa; distanza tra l'acqua media-bassa e alta (limite acque sicure): 4 m; marea astronomica: cm. La zona circostante alla spiaggia è costituita da insediamenti urbani, turistici. Infrastrutture e servizi Divieti di balneazione stagione balneare 2013 n. per un totale di giorni Cause servizi assistenza e primo soccorso, servizi riservati ai disabili, servizi igienici, punti di ristorazione(ber e/o ristoranti),strutture sportive,strutture ludiche per bambini.corridoio di lancio per imbarco/sbarco turisti gite giornaliere alla spiaggia delle 2 sorelle. BO Altri divieti vigenti sugli arenili: : Criticità: Non esistono fonti di inquinamento che possono incidere sulla qualità dell'acqua di balneazione. Informazioni Siti web: Ministero della Salute Regione Marche ARPAM Autorità competenti COMUNE DI NUMANA Piazza del Santuario, Numana (AN) tel. "Uff. Trecnico" 071/ Capitaneria Di Porto - Ancona Sala Operativa - Centralino Scalo Molo Nord, Ancona. Schema informativo alla popolazione ai sensi del D.Lgs. 116/2008 "Gestione della Qualità delle acque di balneazione - Attuazione della direttiva 2006/7/Ce" Stampa 10/ rev. 1 comune di NUMANA (AN) Pagina 20 di 65

21 1.1 Dati identificativi 1 Denominazione acqua di balneazione* HOTEL MARCELLI 2 Id acqua di balneazione IT Id gruppo* 4 Categoria C 5 Regione Marche 6 Provincia Ancona 7 Comune Numana 8 Corpo idrico* Numana_Porto Recanati 9 ID corpo idrico* IT11.R_COSTA_UF14_22.A 10 Informazioni ai sensi dell Allegato III, comma 3 Nulla da segnalare 11 Distretto idrografico* APPENNINO SETTENTRIONALE 12 Id distretto idrografico* ITC 13 Sub-unit distretto idrografico* 14 Id sub-unit distretto idrografico* 15 Data di redazione del profilo 01/02/ Aggiornamento e riesame 01/02/ Descrizione dell'area di balneazione 17 Aspetti fisici dell acqua di balneazione acqua marina non confinata; morfologia fondale: ghiaioso; pendenza: degradante; idrologia: corrente stazionaria direzione NW-SE con debole intensità; correnti di forzante dai quadranti NE(I) e SE(II) con venti moderati; climatologia: temperatura media acque marine compresa 20-24,5 C; temperatura media aria C; precipitazioni medie estive mm; precipitazioni medie annuali mm; condizioni meteo marine: 18 Descrizione generale della spiaggia e della zona circostante Spiaggia con ghiaia fine di origine calcareo selcifera con pendenza media del 3% della spiaggia emersa e del 8% della spiaggia sommersa; distanza tra l'acqua media-bassa e alta (limite acque sicure): 4 m; marea astronomica: cm. La zona circostante alla spiaggia è costituita da insediamenti urbani, turistici. 19 Struttura della Zona ripariale (solo per fiumi e laghi) nulla da segnalare 20 Ampiezza della spiaggia Lung. 400 m; Larg. 50 m 21 Fenomeni erosivi Si. Spiaggia soggetta a ripascimento con ghiaia. 22 Numero di bagnanti 23 Infrastrutture/servizi servizi assistenza e primo soccorso, servizi riservati ai disabili, servizi igienici, punti di ristorazione(ber e/o ristoranti),strutture sportive,strutture ludiche per bambini.corridoio di lancio per imbarco/sbarco turisti gite giornaliere alla spiaggia delle 2 sorelle. 24 Accesso consentito ad animali No Pagina 21 di 65

22 25 Autorità competente COMUNE DI NUMANA Piazza del Santuario, Numana (AN) tel. "Uff. Trecnico" 071/ Capitaneria Di Porto - Ancona Sala Operativa - Centralino ? Scalo Molo Nord, Ancona. 26 Fruizioni dell area diverse dalla balneazione Nell' area sono presenti scuole di wind surf e vela. Sono presenti corridoi di lancio per i natanti. 27 Immagine C:\marche\link_marche\27_IT jpg 2.2 Localizzazione 28 Coordinate centro (centroide) dell area x:13,629345; y:43, Coordinate degli estremi dell area Inizio: ; Fine: ; Estensione area 0, Altitudine (solo laghi e fiumi) 32 Mappa C:\marche\link_marche\32_IT jpg 2.3 Stazione di monitoraggio 33 Coordinate punto stazione X:13,626293; Y:43, Criteri utilizzati per l individuazione massimo afflusso bagnanti 35 Punto di monitoraggio supplementare 2.4 Qualità 36 Classificazione 1 Nulla da segnalare 37 Divieti di balneazione 38 Deroghe Ossigeno Disciolto 39 Trend qualitativo Non valutabile in quanto primo anno di classificazione 3.1 Descrizione 40 Descrizione geografica dell area area urbanizzata e Ambienti Semi-Naturali e Agricoli 41 Nome Bacino idrografico Litorale tra Esino e Musone 42 ID bacino idrografico R Idrologia 3.2 Cause di inquinamento Pagina 22 di 65

23 44 Trattamento acque reflue La rete fognaria dei Comuni di Osimo, Castelfidardo, Nimana, Sirolo e delle rispettive frazioni serve la totalità del territorio urbanizzato sopracitato; solo fabbricati isolati e rurali non sono ancora allacciati alla pubblica fognatura. Prevalentemente il reticolo è caratterizzato da collettori di tipo misto i quali, in assenza di eventi meteorici eccezionali, convogliano interamente le acque reflue all impianto di depurazione biologico a fanghi attivi. L impianto è ubicato in via Villa Poticcio, 1/A nel comune di Castelfidardo (Coordinate impianto gauss boaga: X ; Y ) il corpo idrico recettore dello scarico è il Fiume Musone (Coordinate scarico gauss boaga: X ; Y , limiti autorizzati: tab. 1 e tab. 3 allegato 5 parte III del D.Lgs 152/2006 e s.m.i.), la potenzialità del progetto è di AE (abitanti equivalenti). Il numero di AE serviti dal depuratore, proveniente da insediamenti urbani, è di circa mentre sono circa 6550 AE provenienti da attività produttive se le medesime attività generano scarichi di acque reflue industriali. Il numero degli abitanti equivalenti serviti è soggetto a fluttuazioni nei mesi estivi (dati acquisiti dall Ufficio del Turismo della Regione Marche): AE circa abitanti fluttuanti su base annua. In presenza di intensi deflussi di pioggia, le portate circolanti nella rete fognaria aumentano notevolmente, con conseguente innalzamento dei tiranti idrici. Nel momento in cui la quota della soglia di sfioro viene superata, la portata inizia a defluire attraverso i vari manufatti di scarico verso recapiti diversi dall impianto di depurazione sopra citato posti lungo la spiaggia (nel comune di Numana) o lungo l alveo del fiume Musone e suoi affluenti ( nei comuni di Osimo e Castelfidardo). Nell impianto di depurazione, durante il 2010, sono stati effettuati controlli mensili da parte di ARPAM con esiti sempre conformi ai limiti autorizzati delle tabelle del D.Lgs 152/2006 sopra citate. Controlli effettuati da ARPAM per il parametro Escherichiacoli: Gennaio 2010: 110 U.F.C/100ml; Febbraio 2010: 26 U.F.C/100ml; Marzo 2010: 80 U.F.C/100ml; Aprile 2010: inferiore al limite di determinazione; Maggio 2010: inferiore al limite di determinazione; Luglio 2010: 90 U.F.C./100ml; Agosto 2010: 70 U.F.C./10 ml; Settembre 2010: 100 U.F.C./10 ml; Ottobre 2010: 65 U.F.C./100 ml; Novembre 2010: inferiore al limite di determinazione; Dicembre 2010: 10 U.F.C./100 ml. Pagina 23 di 65

24 45 Uso del suolo zona urbanizzata e Zone Aperte con Vegetazione Rada o Assente 46 Altre cause di inquinamento non presenti 47 Valutazioni 48 Mappa 3.3 Monitoraggio e valutazione 49 Classificazione 50 Qualità dei corpi idrici nell area di influenza 4.1 Identificazione delle cause di inquinamento 51 Identificazione delle cause di inquinamento Non esistono fonti di inquinamento che possono incidere sulla qualità dell'acqua di balneazione 52 Localizzazione Nulla da segnalare 53 Coordinate punti di immissione Nulla da segnalare 54 Metodologia utilizzata per la stima degli impatti Nulla da segnalare Pagina 24 di 65

25 55 Misure di miglioramento previste o adottate Nulla da segnalare 4.2 Eventi di inquinamento di breve durata 56 Condizioni in cui si può verificare Nulla da segnalare 57 Caratterizzazione evento Nulla da segnalare 58 Identificazione fonte di inquinamento Nulla da segnalare 59 Entità Nulla da segnalare 60 Frequenza stimata Nulla da segnalare 61 Eventi pregressi (ultimi 4 anni) Nulla da segnalare 62 Misure di gestione Nulla da segnalare 63 Organismi responsabili Nulla da segnalare 4.3 Situazione anomala 64 Descrizione dell evento Nulla da segnalare 65 Misure di gestione Nulla da segnalare 66 Eventi pregressi (ultimi 8 anni) Nulla da segnalare 67 Organismi responsabili Nulla da segnalare 4.4 Valutazione di potenziale proliferazione cianobatterica 68 Valutazione delle pressioni Nulla da segnalare 69 Eventi pregressi (ultimi 4 anni) Nulla da segnalare 70 Effetti provocati Nulla da segnalare 71 Misure adottate Nulla da segnalare 72 Caratterizzazione evento Nulla da segnalare 73 Possibilità che l evento possa verificarsi nel futuro Nulla da segnalare 4.5 Valutazione di potenziale proliferazione di macroalghe e/o fitoplancton e/o specie potenzialmente tossiche 74 Tipologia di proliferazione. Fitoplancton 75 Eventi pregressi (ultimi 4 anni) 2007, 2008, 2009 e 2010: Questi anni sono stati caratterizzati dall assenza di tutti i blooms algali considerati ormai tipici del nostro litorale. 76 Effetti provocati / 77 Misure adottate / 78 Possibilità che l evento possa verificarsi nel futuro Zona soggetta a fioriture algali. Pagina 25 di 65

26 Comune di NUMANA Area di balneazione: SANTA CRISTIANA Codice punto di monitoraggio: IT Provincia di ANCONA coordinate: X:13,633519; Y:43, Aspetti fisici dell'acqua di balneazione A acqua marina non confinata; morfologia fondale: ghiaioso; pendenza: degradante; idrologia: corrente stazionaria direzione NW-SE con debole intensità; correnti di forzante dai quadranti NE(I) e SE(II) con venti moderati;climatologia: temperatura media acque marine compresa 20-24,5 C; temperatura media aria C;precipitazioni medie estive mm; precipitazioni medie annuali mm;condizioni meteo marine: Descrizione generale dell'area Periodo di riferimento per la classificazione Periodo di monitoraggio: 1 aprile - 30 settembre Frequenza di monitoraggio mensile Stagione balneare 1 maggio - 30 settembre ZZ Spiaggia con ghiaia fine di origine calcareo selcifera con pendenza media del 3% della spiaggia emersa e del 8% della spiaggia sommersa; distanza tra l'acqua media-bassa e alta (limite acque sicure): 4 m; marea astronomica: cm. La zona circostante alla spiaggia è costituita da insediamenti urbani, turistici. Infrastrutture e servizi Divieti di balneazione stagione balneare 2013 n. per un totale di giorni Cause servizi assistenza e primo soccorso, servizi riservati ai disabili, servizi igienici, punti di ristorazione(ber e/o ristoranti),strutture sportive,strutture ludiche per bambini.corridoio di lancio per imbarco/sbarco turisti gite giornaliere alla spiaggia delle 2 sorelle. BO Altri divieti vigenti sugli arenili: : Criticità: Non esistono fonti di inquinamento che possono incidere sulla qualità dell'acqua di balneazione. Informazioni Siti web: Ministero della Salute Regione Marche ARPAM Autorità competenti COMUNE DI NUMANA Piazza del Santuario, Numana (AN) tel. "Uff. Trecnico" 071/ Capitaneria Di Porto - Ancona Sala Operativa - Centralino Scalo Molo Nord, Ancona. Schema informativo alla popolazione ai sensi del D.Lgs. 116/2008 "Gestione della Qualità delle acque di balneazione - Attuazione della direttiva 2006/7/Ce" Stampa 10/ rev. 1 comune di NUMANA (AN) Pagina 26 di 65

27 1.1 Dati identificativi 1 Denominazione acqua di balneazione* SANTA CRISTIANA 2 Id acqua di balneazione IT Id gruppo* 4 Categoria C 5 Regione Marche 6 Provincia Ancona 7 Comune Numana 8 Corpo idrico* Numana_Porto Recanati 9 ID corpo idrico* IT11.R_COSTA_UF14_22.A 10 Informazioni ai sensi dell Allegato III, comma 3 Nulla da segnalare 11 Distretto idrografico* APPENNINO SETTENTRIONALE 12 Id distretto idrografico* ITC 13 Sub-unit distretto idrografico* 14 Id sub-unit distretto idrografico* 15 Data di redazione del profilo 01/02/ Aggiornamento e riesame 01/02/ Descrizione dell'area di balneazione 17 Aspetti fisici dell acqua di balneazione acqua marina non confinata; morfologia fondale: ghiaioso; pendenza: degradante; idrologia: corrente stazionaria direzione NW-SE con debole intensità; correnti di forzante dai quadranti NE(I) e SE(II) con venti moderati; climatologia: temperatura media acque marine compresa 20-24,5 C; temperatura media aria C; precipitazioni medie estive mm; precipitazioni medie annuali mm; condizioni meteo marine: 18 Descrizione generale della spiaggia e della zona circostante Spiaggia con ghiaia fine di origine calcareo selcifera con pendenza media del 3% della spiaggia emersa e del 8% della spiaggia sommersa; distanza tra l'acqua media-bassa e alta (limite acque sicure): 4 m; marea astronomica: cm. La zona circostante alla spiaggia è costituita da insediamenti urbani, turistici. 19 Struttura della Zona ripariale (solo per fiumi e laghi) nulla da segnalare 20 Ampiezza della spiaggia Lung. 500 m; Larg. 35 m 21 Fenomeni erosivi Si. Spiaggia soggetta a ripascimento con ghiaia. 22 Numero di bagnanti 23 Infrastrutture/servizi servizi assistenza e primo soccorso, servizi riservati ai disabili, servizi igienici, punti di ristorazione(ber e/o ristoranti),strutture sportive,strutture ludiche per bambini.corridoio di lancio per imbarco/sbarco turisti gite giornaliere alla spiaggia delle 2 sorelle. 24 Accesso consentito ad animali No Pagina 27 di 65

28 25 Autorità competente COMUNE DI NUMANA Piazza del Santuario, Numana (AN) tel. "Uff. Trecnico" 071/ Capitaneria Di Porto - Ancona Sala Operativa - Centralino ? Scalo Molo Nord, Ancona. 26 Fruizioni dell area diverse dalla balneazione Nell' area sono presenti scuole di wind surf e vela. Sono presenti corridoi di lancio per i natanti. 27 Immagine C:\marche\link_marche\27_IT jpg 2.2 Localizzazione 28 Coordinate centro (centroide) dell area x:13,633574; y:43, Coordinate degli estremi dell area Inizio: ; Fine: ; Estensione area 0, Altitudine (solo laghi e fiumi) 32 Mappa C:\marche\link_marche\32_IT jpg 2.3 Stazione di monitoraggio 33 Coordinate punto stazione X:13,633519; Y:43, Criteri utilizzati per l individuazione massimo afflusso bagnanti 35 Punto di monitoraggio supplementare 2.4 Qualità 36 Classificazione 1 37 Divieti di balneazione nulla da segnalare 38 Deroghe Ossigeno Disciolto 39 Trend qualitativo Non valutabile in quanto primo anno di classificazione 3.1 Descrizione 40 Descrizione geografica dell area area urbanizzata e Ambienti Semi-Naturali e Agricoli 41 Nome Bacino idrografico Litorale tra Esino e Musone 42 ID bacino idrografico R Idrologia 3.2 Cause di inquinamento Pagina 28 di 65

29 44 Trattamento acque reflue La rete fognaria dei Comuni di Osimo, Castelfidardo, Nimana, Sirolo e delle rispettive frazioni serve la totalità del territorio urbanizzato sopracitato; solo fabbricati isolati e rurali non sono ancora allacciati alla pubblica fognatura. Prevalentemente il reticolo è caratterizzato da collettori di tipo misto i quali, in assenza di eventi meteorici eccezionali, convogliano interamente le acque reflue all impianto di depurazione biologico a fanghi attivi. L impianto è ubicato in via Villa Poticcio, 1/A nel comune di Castelfidardo (Coordinate impianto gauss boaga: X ; Y ) il corpo idrico recettore dello scarico è il Fiume Musone (Coordinate scarico gauss boaga: X ; Y , limiti autorizzati: tab. 1 e tab. 3 allegato 5 parte III del D.Lgs 152/2006 e s.m.i.), la potenzialità del progetto è di AE (abitanti equivalenti). Il numero di AE serviti dal depuratore, proveniente da insediamenti urbani, è di circa mentre sono circa 6550 AE provenienti da attività produttive se le medesime attività generano scarichi di acque reflue industriali. Il numero degli abitanti equivalenti serviti è soggetto a fluttuazioni nei mesi estivi (dati acquisiti dall Ufficio del Turismo della Regione Marche): AE circa abitanti fluttuanti su base annua. In presenza di intensi deflussi di pioggia, le portate circolanti nella rete fognaria aumentano notevolmente, con conseguente innalzamento dei tiranti idrici. Nel momento in cui la quota della soglia di sfioro viene superata, la portata inizia a defluire attraverso i vari manufatti di scarico verso recapiti diversi dall impianto di depurazione sopra citato posti lungo la spiaggia (nel comune di Numana) o lungo l alveo del fiume Musone e suoi affluenti ( nei comuni di Osimo e Castelfidardo). Nell impianto di depurazione, durante il 2010, sono stati effettuati controlli mensili da parte di ARPAM con esiti sempre conformi ai limiti autorizzati delle tabelle del D.Lgs 152/2006 sopra citate. Controlli effettuati da ARPAM per il parametro Escherichiacoli: Gennaio 2010: 110 U.F.C/100ml; Febbraio 2010: 26 U.F.C/100ml; Marzo 2010: 80 U.F.C/100ml; Aprile 2010: inferiore al limite di determinazione; Maggio 2010: inferiore al limite di determinazione; Luglio 2010: 90 U.F.C./100ml; Agosto 2010: 70 U.F.C./10 ml; Settembre 2010: 100 U.F.C./10 ml; Ottobre 2010: 65 U.F.C./100 ml; Novembre 2010: inferiore al limite di determinazione; Dicembre 2010: 10 U.F.C./100 ml. Pagina 29 di 65

COMUNE DI CUPRA MARITTIMA

COMUNE DI CUPRA MARITTIMA GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNEDICUPRAMARITTIMA Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW DAVANTI FOSSO DELL'ACQUA ROSSA DAVANTI TORRENTE

Dettagli

COMUNE DI ANCONA. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione.

COMUNE DI ANCONA. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI ANCONA Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW TARGA PALOMBINA NUOVA ULTIMO SOTTOPASSAGGIO PALOMBINA

Dettagli

COMUNE DI MONDOLFO. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione.

COMUNE DI MONDOLFO. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI MONDOLFO Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW VIALE COLOMBO N. 10 VIALE COLOMBO N. 45 VIALE

Dettagli

COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO

COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW FOCE TORRENTE ALBULA DAVANTI FOSSO

Dettagli

COMUNE DI GABICCE A MARE

COMUNE DI GABICCE A MARE GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI GABICCE A MARE Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW 100 M SUD TAVOLLO 20 M NORD MISSISSIPI 20

Dettagli

COMUNE DI FANO. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione.

COMUNE DI FANO. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI FANO Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW 80 M SUD FOSSO SEJORE RISTORANTE AL KM 244,75 SS.16

Dettagli

ACQUE DI BALNEAZIONE

ACQUE DI BALNEAZIONE ACQUE DI BALNEAZIONE SCHEDA INFORMATIVA PUNTO DI CAMPIONAMENTO N. 82 1.1 Dati identificativi 1 Denominazione acqua di balneazione* BARRICATA SUD 2 Id acqua di balneazione* IT005029039006 3 Id gruppo* 4

Dettagli

COMUNE DI SIROLO. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione.

COMUNE DI SIROLO. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI SIROLO Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW DUE SORELLE ROCCE NERE A NORD DEL CAMPING CAMPING

Dettagli

Sez. 1 Informazioni generali

Sez. 1 Informazioni generali Sez. 1 Informazioni generali Informazioni di carattere generale sull acqua di balneazione volte a consentirne l'identificazione univoca, l'individuazione rispetto al territorio su cui insiste e la collocazione

Dettagli

Sez. 1 Informazioni generali

Sez. 1 Informazioni generali Sez. 1 Informazioni generali Informazioni di carattere generale sull acqua di balneazione volte a consentirne l'identificazione univoca, l'individuazione rispetto al territorio su cui insiste e la collocazione

Dettagli

2.1 Descrizione dell'area di balneazione. 18 Descrizione generale della spiaggia e Spiaggia di ciottoli

2.1 Descrizione dell'area di balneazione. 18 Descrizione generale della spiaggia e Spiaggia di ciottoli 1.1 Dati identificativi 1 Denominazione acqua di balneazione Bagno "Le Ginestre" 4 Categoria acque marino costiere 5 Regione Friuli Venezia Giulia 6 Provincia Trieste 7 Comune Duino-Aurisina 8 Corpo idrico*

Dettagli

COMUNE DI CINGOLI. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione.

COMUNE DI CINGOLI. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNEDICINGOLI Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW CONTRADA CROCIFISSO SPIAGGIA KAMBUSA CONTRADA PANICALI

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA

COMUNE DI SENIGALLIA GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI SENIGALLIA Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW PALAZZONI GEMELLI CURVA CESANO CASA CON MANSARDA

Dettagli

COMUNE DI CAMPOFILONE

COMUNE DI CAMPOFILONE GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI CAMPOFILONE Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW DAVANTI FOSSO RIO CANALE 600 M SUD FOSSO CAMPOFILONE

Dettagli

2.1 Descrizione dell'area di balneazione

2.1 Descrizione dell'area di balneazione 1.1 Dati identificativi 1 Denominazione acqua di balneazione Fiume Tagliamento - Localita' Cornino Cimano 4 Categoria fiume 5 Regione Friuli Venezia Giulia 6 Provincia Udine 7 Comune Forgaria nel Friuli

Dettagli

COMUNE DI POTENZA PICENA

COMUNE DI POTENZA PICENA GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI POTENZA PICENA Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW 100 M NORD FOSSO ALVATA 100 M NORD SCARICO

Dettagli

COMUNE DI CIVITANOVA MARCHE

COMUNE DI CIVITANOVA MARCHE GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI CIVITANOVA MARCHE Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW VIALE IV NOVEMBRE NUMERO CIVICO 138 100

Dettagli

COMUNE DI PORTO RECANATI

COMUNE DI PORTO RECANATI GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI PORTO RECANATI Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW 100 M SUD FOCE FIUME MUSONE 500 M SUD FOCE

Dettagli

COMUNE DI GROTTAMMARE

COMUNE DI GROTTAMMARE GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI GROTTAMMARE Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW DAVANTI SCOGLIO SAN NICOLA 1500 M NORD FOCE

Dettagli

SCHEDA IDENTIFICATIVA DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE PROVENIENTI DALLO SCARICATORE DI PIENA N

SCHEDA IDENTIFICATIVA DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE PROVENIENTI DALLO SCARICATORE DI PIENA N aggiornamento ottobre 2008 Pagina 1 di 6 SCHEDA IDENTIFICATIVA DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE PROVENIENTI DALLO SCARICATORE DI PIENA N 1 DATI IDENTIFICATIVI DELL ENTE PROPRIETARIO DELLE RETI FOGNARIE

Dettagli

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI A) IDENTIFICAZIONE DELLA DITTA SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI I Identificazione dell Azienda Denominazione Sede legale in via n CAP Comune Tel Fax Email Attività Codice ISTAT CF dell impresa Partita

Dettagli

ACQUE DI BALNEAZIONE

ACQUE DI BALNEAZIONE ACQUE DI BALNEAZIONE SCHEDA INFORMATIVA PUNTO DI CAMPIONAMENTO N. 72 1.1 Dati identificativi 1 Denominazione acqua di balneazione* ISOLA DI ALBARELLA NORD ALBARELLA 2 Id acqua di balneazione* IT005029040006

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) 0700800803 Capo Sant Ampelio Capo Verde 31,2 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

COMUNE DI PESARO. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione.

COMUNE DI PESARO. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI PESARO Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW VALLE PARADISO ZONA CASTEL DI MEZZO FIORENZUOLA

Dettagli

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali Le opere di difesa Le opere di derivazione delle acque superficiali Le opere di immissione nelle acque superficiali I corsi d acqua ricevono svariati apporti liquidi derivanti dalle attività antropiche,

Dettagli

COMUNE DI FERMO. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione.

COMUNE DI FERMO. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI FERMO Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW FINE VIA DELLA STAZIONE MARINA PALMENSE 500 M SUD

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 18_SML

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 18_SML a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) -Zoagli 0701001018 * Punta Punta Chiappe 29,6 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali Relatore: SERGIO CANOBBIO Seriate,,

Dettagli

ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1

ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1 marca ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1 28100 NOVARA OGGETTO:D.LGS. N. 152/06, L.R. 48/93, L.R. 13/90 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE. Il sottoscritto nato

Dettagli

COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO

COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW DAVANTI FOSSO PETRONILLA DIRETTRICE VIA

Dettagli

Parte B: anagrafica dell azienda

Parte B: anagrafica dell azienda DOMANDA DI NUOVA AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE O AMPLIAMENTO/ADEGUAMENTO DELL'IMPIANTO AI SENSI DEL D.LGS 152/2006 Bollo 14,62 Spett.le Provincia del Medio Campidano Assessorato all Ambiente

Dettagli

5.2: Reti tecnologiche

5.2: Reti tecnologiche 5.2: Reti tecnologiche Presentazione: Il corretto funzionamento e l efficienza delle reti tecnologiche di distribuzione e depurazione delle acque è senza dubbio alla base di una gestione corretta e sostenibile

Dettagli

GLI INQUINANTI DI ORIGINE TERRESTRE NELL ADRIATICO (Marine pollution from land based source in the Adriatic)

GLI INQUINANTI DI ORIGINE TERRESTRE NELL ADRIATICO (Marine pollution from land based source in the Adriatic) GLI INQUINANTI DI ORIGINE TERRESTRE NELL ADRIATICO (Marine pollution from land based source in the Adriatic) Ferdinando De Rosa Direttore Tecnico Scientifico ARPAM Hotel Sporting, Torrette di Ancona, 4

Dettagli

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione PROVINCIA DI PISA Documentazione tecnica ed elaborati grafici necessari al rilascio dell autorizzazione allo scarico, non in pubblica fognatura, ai sensi del Decreto Legislativo 152/06 e successive modifiche

Dettagli

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione PROVINCIA DI PISA Documentazione tecnica ed elaborati grafici necessari al rilascio dell autorizzazione allo scarico, non in pubblica fognatura, ai sensi del Decreto Legislativo 152/06 e successive modifiche

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE FUORI PUBBLICA FOGNATURA D.LGS. 152/1999 COSI COME MODIFICATO DAL D.LGS.

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE FUORI PUBBLICA FOGNATURA D.LGS. 152/1999 COSI COME MODIFICATO DAL D.LGS. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE FUORI PUBBLICA FOGNATURA D.LGS. 152/1999 COSI COME MODIFICATO DAL D.LGS. 258/2000 Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di Spazio riservato

Dettagli

SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE

SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE Pag. 1 di 10 SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE (da compilare per ogni rete) NOTA: AD OGNI RETE FOGNARIA CORRISPONDE UN SOLO SCARICO FINALE RETE NUMERO 3.A DATI GENERALI 3.A.1 UBICAZIONE RETE CAPOLUOGO FRAZIONE

Dettagli

Il sottoscritto. nato a il. residente a in via n. del fabbricato ad uso civile abitazione e/o laboratorio, sito in. via n. chiede

Il sottoscritto. nato a il. residente a in via n. del fabbricato ad uso civile abitazione e/o laboratorio, sito in. via n. chiede Marca da bollo Euro 10,33 AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS OGGETTO: Tutela delle acque dall inquinamento. D.Lgs. 11.05.1999, n. 152. Richiesta di autorizzazione allo scarico di

Dettagli

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia.

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia. SCHEDA N. 4 Documentazione tecnica da produrre per il rilascio dell autorizzazione all allacciamento alla rete fognaria e dell autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali che recapitano in

Dettagli

CONVEGNO SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITA AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI IMPATTO DELLE ACQUE DI DILAVAMENTO SUI RICETTORI FLUENTI

CONVEGNO SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITA AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI IMPATTO DELLE ACQUE DI DILAVAMENTO SUI RICETTORI FLUENTI CONVEGNO SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITA AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI IMPATTO DELLE ACQUE DI DILAVAMENTO SUI RICETTORI FLUENTI Sergio Papiri Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura

Dettagli

CHIEDE ai sensi degli art. 124 e 125 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i.

CHIEDE ai sensi degli art. 124 e 125 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i. Mod. SCARICHI ACQUE REFLUE URBANE _ Rev. 03/2014 D.Lgs 152/2006 e s.m.i. RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO FUORI DALLA PUBBLICA FOGNATURA ACQUE REFLUE URBANE Alla Provincia di Pistoia (per Attività

Dettagli

ALLEGATO TECNICO S 1. Reflui scaricati tramite il terminale n totale di scarichi n (come da elaborato grafico allegato alla domanda)

ALLEGATO TECNICO S 1. Reflui scaricati tramite il terminale n totale di scarichi n (come da elaborato grafico allegato alla domanda) ALLEGATO TECNICO S 1 Reflui scaricati tramite il terminale n totale di scarichi n (come da elaborato grafico allegato alla domanda) Coordinate geografiche Gauss Boaga 2 (in metri) del punt di recapito

Dettagli

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TUTELA AMBIENTALE U.O.C. RISORSE IDRICHE VIA TARAMELLI, 2 27100 PAVIA

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TUTELA AMBIENTALE U.O.C. RISORSE IDRICHE VIA TARAMELLI, 2 27100 PAVIA MODELLO A PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TUTELA AMBIENTALE U.O.C. RISORSE IDRICHE VIA TARAMELLI, 2 27100 PAVIA Marca da Bollo MODULO PER LA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORSI IDRICI SUPERFICIALI

Dettagli

1900 - BACINO DEL MARECCHIA

1900 - BACINO DEL MARECCHIA 19 - BACINO DEL MARECCHIA CARATTERISTICHE DEL BACINO IDROGRAFICO E IMPATTO DELL'ATTIVITÀ ANTROPICA Superficie del bacino Portata media alla foce Carico generato nel bacino Carichi sversati nei corpi idrici

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

PROVINCIA DELL OGLIASTRA Servizio Urbanistica, Governo del Territorio, Informatizzazione, Ambiente, Rifiuti ed Energia

PROVINCIA DELL OGLIASTRA Servizio Urbanistica, Governo del Territorio, Informatizzazione, Ambiente, Rifiuti ed Energia BOLLO 14.42 Spett.le Provincia dell Ogliastra Ufficio Gestione acque via Pietro Pistis - 08045 LANUSEI (OG) Richiesta di autorizzazione allo scarico di acque reflue di tipo DOMESTICO non recapitanti in

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (D.lgs. 152/06, L.R. 20/06, DPGRT 46/r del 8.9.2008)

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (D.lgs. 152/06, L.R. 20/06, DPGRT 46/r del 8.9.2008) 1 ESTREMI DI ISCRIZIONE DELLA DICHIARAZIONE (A CURA DELL UFFICIO) Ufficio ricevente Presentata il Modalità di inoltro Data protocollo Num. Prot fax a mano posta via telematica NUMERO ASSEGNATO ALLA PRATICA

Dettagli

Scheda agglomerato Caratteristiche generali dell agglomerato. Carico servito da rete fognaria (AE)

Scheda agglomerato Caratteristiche generali dell agglomerato. Carico servito da rete fognaria (AE) Scheda agglomerato Caratteristiche generali dell agglomerato Codice 1 Denominazione Carico nominale Carico servito da rete fognaria Carico trattato 2 Portata annua trattata 3 (m 3 ) Caratteristiche delle

Dettagli

Indirizzi normativi per la riduzione dell impatto ambientale delle acque meteoriche urbane

Indirizzi normativi per la riduzione dell impatto ambientale delle acque meteoriche urbane Giornata di Studio GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE Milano - Palazzo Lombardia - Auditorium 21 novembre 2012 Indirizzi normativi per la riduzione dell impatto ambientale delle acque meteoriche

Dettagli

Marca da bollo 16,00 C H I E D E

Marca da bollo 16,00 C H I E D E CAFC S.p.A. Sistema di Gestione Integrato DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED ALLO SCARICO IN RETE FOGNARIA PUBBLICA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI ( Artt. 36 e 37 del Regolamento di Fognatura

Dettagli

Alla PROVINCIA DI PESARO E URBINO SERVIZIO 4.3 BENI E ATTIVITÀ AMBIENTALI - AGRICOLTURA - CACCIA E PESCA Viale Gramsci, 7 61100 PESARO

Alla PROVINCIA DI PESARO E URBINO SERVIZIO 4.3 BENI E ATTIVITÀ AMBIENTALI - AGRICOLTURA - CACCIA E PESCA Viale Gramsci, 7 61100 PESARO (9) AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI E/O ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO DA STABILIMENTO INDUSTRIALE RECAPITANTI IN ACQUE SUPERFICIALI O SUL SUOLO ai sensi del D.Lgs n. 152 dell'11

Dettagli

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano QUADRO CONOSCITIVO LOCALIZZATO Indice Inquadramento territoriale, descrizione e contestualizzazione...2 Pericolosità idraulica, acque superficiali e depurazione...7

Dettagli

Marca da bollo 16,00. dell'immobile sito in, via n, censito al Catasto al foglio mappale/i subalterno/i

Marca da bollo 16,00. dell'immobile sito in, via n, censito al Catasto al foglio mappale/i subalterno/i DOMANDA DI NULLA OSTA ALL'ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA PER L AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE ( Art. 23 del Regolamento di Fognatura ) Rumiz CAFC S.p.A.

Dettagli

AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS

AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS Marca da bollo da euro 14,62 AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS OGGETTO: Tutela delle acque dall inquinamento. D.Lgs. 11.05.1999, n. 152. Richiesta di autorizzazione allo scarico

Dettagli

Le misure del Piano Regionale di Tutela delle Acque -Collettamento e trattamento acque reflue-

Le misure del Piano Regionale di Tutela delle Acque -Collettamento e trattamento acque reflue- Le misure del Piano Regionale di Tutela delle Acque -Collettamento e trattamento acque reflue- ALESSANDRO ZUCCA Regione Autonoma FVG Direzione Ambiente ed Energia Palmanova- 19 MAGGIO 2015 Indirizzi e

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione Approvato dall'assemblea

Dettagli

14,62 ALL UNIONE DEI COMUNI CENTRO ECONOMICO DELLA BASSA FRIULANA Servizio Urbanistica, Ambiente e Territorio

14,62 ALL UNIONE DEI COMUNI CENTRO ECONOMICO DELLA BASSA FRIULANA Servizio Urbanistica, Ambiente e Territorio Spazio riservato per il protocollo Spazio riservato alla marca da bollo 14,62 ALL UNIONE DEI COMUNI CENTRO ECONOMICO DELLA BASSA FRIULANA Servizio Urbanistica, Ambiente e Territorio OGGETTO: autorizzazione

Dettagli

Richiedente: Domanda di autorizzazione allo scarico P. di di acque reflue urbane non depurate

Richiedente: Domanda di autorizzazione allo scarico P. di di acque reflue urbane non depurate Alla PROVINCIA di COMO SETTORE ECOLOGIA E AMBIENTE SERVIZIO ACQUE via Borgovico, 148 22100 COMO Il/La sottoscritto /a C.F. in qualità di (*) del Comune di / del Consorzio / della Società nato/a a prov.

Dettagli

MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione

MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione DATI DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO Denominazione impianto Codice Impianto: Comune Indirizzo Località Gestore dell Impianto di trattamento: Coordinate

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

ALLEGATO 1 NOTIZIE GENERALI

ALLEGATO 1 NOTIZIE GENERALI ALLEGATO 1 DATI TECNICI SULLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E/O ASSIMILABILI CHE RECAPITANO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE, SUL SUOLO E NEGLI STRATI SUPERFICIALI DEL SOTTOSUOLO. NOTIZIE GENERALI SCARICO

Dettagli

I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006

I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006 I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006 Paolo Casciano Direzione Generale Reti e servizi di pubblica utilità e sviluppo sostenibile Regione Lombardia Ordine Ingg BG 26/11/2007 - ing. Casciano

Dettagli

Aspetti geologici nella pianificazione

Aspetti geologici nella pianificazione Associazione Nazionale Urbanisti e Pianificatori Territoriali e Ambientali con il patrocinio di Comune di Este Consorzio di Bonifica Adige Euganeo PREVENZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO: PREVENZIONE UN COMPITO

Dettagli

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMUNE DI FERRARA, VIA BOLOGNA IN AREA CLASSIFICATA DAL PRG SOTTOZONA D 2.2 ...

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMUNE DI FERRARA, VIA BOLOGNA IN AREA CLASSIFICATA DAL PRG SOTTOZONA D 2.2 ... ... 1 INTRODUZIONE... 2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 3 PRESCRIZIONI TECNICHE... 3 4 CALCOLO PORTATE DI PROGETTO... 3 5 VERIFICA IDRAULICA DEL COLLETTORE... 5 Pagina 1 di 6 1 INTRODUZIONE La presente

Dettagli

C H I E D E. di allacciare lo scarico delle acque reflue provenienti dal suddetto insediamento. nella fognatura pubblica di Via n.

C H I E D E. di allacciare lo scarico delle acque reflue provenienti dal suddetto insediamento. nella fognatura pubblica di Via n. MARCA DA BOLLO DA 14,62 SPETT. LE COMUNE DI CALUSCO D ADDA (BG) - Settore Tecnico OGGETTO: Richiesta di Autorizzazione all allacciamento alla fognatura pubblica D.Lgs n. 152 del 03.04.2006 e s.m.i. Regolamenti

Dettagli

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Insieme integrato di opere idrauliche atte a raccogliere, convogliare e allontanare dalle zone urbanizzate le acque reflue domestiche ed industriali,

Dettagli

Provincia Regionale di Messina UFFICIO DIRIGENZIALE Ambiente e Politiche Energetiche Via Lucania 20-98100 Messina Tel. 0907761957 Fax 0907761958

Provincia Regionale di Messina UFFICIO DIRIGENZIALE Ambiente e Politiche Energetiche Via Lucania 20-98100 Messina Tel. 0907761957 Fax 0907761958 Provincia Regionale di Messina UFFICIO DIRIGENZIALE Ambiente e Politiche Energetiche Via Lucania 20-98100 Messina Tel. 0907761957 Fax 0907761958 Rapporto sui sistemi depurativi a servizio delle reti fognanti

Dettagli

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE Corso di Costruzioni idrauliche (E.A.) A.A. 2010/2011 FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE (Appunti tratti dalla lezione del 8/45/2011, non rivisti dal docente) Riferimenti

Dettagli

SCHEDA FOGNATURA COMUNALE

SCHEDA FOGNATURA COMUNALE Catasto scarichi - Pubbliche fognature Pag. 1 CATASTO SCARICHI - PUBBLICHE FOGNATURE SCHEDA FOGNATURA COMUNALE Data compilazione: 1.GENERALITA FOGNATURA COMUNALE 1.1 : COMUNE 1.2 GESTORE DELLA FOGNATURA

Dettagli

CHIEDE 14,62 AL COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO UFFICIO TECNICO

CHIEDE 14,62 AL COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO UFFICIO TECNICO Spazio riservato per il protocollo Spazio riservato alla marca da bollo 14,62 AL COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO UFFICIO TECNICO OGGETTO: autorizzazione allo scarico di ACQUE REFLUE DOMESTICHE in corpo

Dettagli

4.3 Acque marino-costiere

4.3 Acque marino-costiere 4.3 Acque marino-costiere La Provincia di Viterbo ha un estensione di costa di circa 55 Km di cui circa il 75% con vocazione balneare mentre la restante è destinata ad usi differenti (militari, industriali,

Dettagli

La Direttiva 206/7/CE ed il Portale Acque

La Direttiva 206/7/CE ed il Portale Acque La Direttiva 206/7/CE ed il Portale Acque Liana Gramaccioni- Ministero della Salute Acque di balneazione: una risorsa da valorizzare Termoli 15 giugno 2012 Normativa di riferimento Acque di balneazione

Dettagli

ALLACCIAMENTO ALLA PUBBLICA FOGNATURA ACQUE NERE DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE - INFORMAZIONI

ALLACCIAMENTO ALLA PUBBLICA FOGNATURA ACQUE NERE DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE - INFORMAZIONI NULLAOSTA ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE DOMESTICHE ALLEGATO INFORMATIVO Area territoriale Saccisica ALLACCIAMENTO ALLA PUBBLICA FOGNATURA ACQUE NERE DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE - INFORMAZIONI 1 RIFERIMENTI

Dettagli

Tratto: 11. dalla foce del fiume Esino al porto di Ancona

Tratto: 11. dalla foce del fiume Esino al porto di Ancona 11 dalla foce del fiume Esino al porto di Ancona D. 4 7 SCHEDA n.11 dalla foce del fiume Esino al porto di Ancona Tratto: 11 Comuni interessati: Falconara Marittima (4,69 ) Ancona (5,09 ) Lunghezza del

Dettagli

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA PROGETTO ADEGUAMENTO DELLO SCARICO DI EMERGENZA PER IL SOLLEVAMENTO FOGNARIO VILLA LUCCHI NUOVO PROLUNGAMENTO SCARICO A LAGO ESISTENTE RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Il sottoscritto. Nato a il..residente a.. Via.. N.. in qualità di Legale rappresentante della Società..:. Gestore del servizio idrico integrato CHIEDE

Il sottoscritto. Nato a il..residente a.. Via.. N.. in qualità di Legale rappresentante della Società..:. Gestore del servizio idrico integrato CHIEDE Domanda autorizzazione scarichi urbani D.Lgs. 152/06 Marca da Bollo Al Dirigente del Settore Ambiente della Provincia di Frosinone Via Brighindi 03100 F R O S I N O N E Il sottoscritto. Nato a il..residente

Dettagli

della ditta (1).. C H I E D E

della ditta (1).. C H I E D E .Data aggiornamento 16.02.09 rev. 5 DOMANDA PER L OTTENIMENTO DELL AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA/COLLETTORE INTERCOMUNALE DI ACQUE REFLUE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI INDUSTRIALI O DA

Dettagli

+ S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA

+ S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA + S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO XII - LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI E MANUTENZIONE URBANA CRITERI PER IL DIMENSIONAMENTO DEI CONDOTTI FOGNARI DELLA CITTA' DI ROMA a cura della II unità organizzativa

Dettagli

La normativa regionale in materia di gestione delle acque meteoriche

La normativa regionale in materia di gestione delle acque meteoriche La normativa regionale in materia di gestione delle acque meteoriche Workshop Gestione, trattamento e riutilizzo delle acque meteoriche in ambito urbano Bologna, 7 marzo 2014 Dott. Francesco Tornatore

Dettagli

LA SEGUENTE SCHEDA INFORMATIVA DEVE ESSERE COMPILATA, FIRMATA E TIMBRATA DA TECNICO ABILITATO NONCHE FIRMATA DAL RICHIEDENTE

LA SEGUENTE SCHEDA INFORMATIVA DEVE ESSERE COMPILATA, FIRMATA E TIMBRATA DA TECNICO ABILITATO NONCHE FIRMATA DAL RICHIEDENTE DATI TECNICI SULLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE O ASSIMILABILI CHE RECAPITANO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE SUL SUOLO E NEL SOTTOSUOLO (STRATI SUPERFICIALI DEL SOTTOSUOLO). Documentazione da produrre:

Dettagli

Prescrizioni per Autorizzazione allo Scarico in Pubblica Fognatura Giugno 2014

Prescrizioni per Autorizzazione allo Scarico in Pubblica Fognatura Giugno 2014 Prescrizioni per Autorizzazione allo Giugno 2014 Sommario Riferimenti... 1 Documenti Allegati... 1 Premessa... 1 L autorizzazione potrà essere rilasciata alle seguenti condizioni... 2 D. Lgs 152/06 (Parte

Dettagli

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE Maurizio Brown Si sviluppa a partire dalla seconda metà del XIX secolo

Dettagli

16,00 del Comune di CUNEO Settore Ambiente e Territorio

16,00 del Comune di CUNEO Settore Ambiente e Territorio Marca da bollo Preg.mo Sig. SINDACO 16,00 del Comune di CUNEO Settore Ambiente e Territorio OGGETTO: ART. 15 L.R. 26/03/1990 N. 13, L.R. 48/93, L.R. 37/96, D.Lvo 152//06 e s.m.i., L.R. 6/03. Domanda di

Dettagli

Problematiche relative al trasporto ed al deposito di materiale solido all'interno di fognature unitarie: aspetti gestionali ed esperienze operative

Problematiche relative al trasporto ed al deposito di materiale solido all'interno di fognature unitarie: aspetti gestionali ed esperienze operative ACEA ATO2 S.p.A. Problematiche relative al trasporto ed al deposito di materiale solido all'interno di fognature unitarie: aspetti gestionali ed esperienze operative Ing. Alessandro Zanobini, Ing. Massimo

Dettagli

Variazione delle opere fognarie interne già allacciate alla rete fognaria. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Variazione delle opere fognarie interne già allacciate alla rete fognaria. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE URBANE Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE URBANE Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE URBANE Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152 Provincia di Brescia Settore Ambiente Ufficio Acqua Via Milano n.13 25126 Brescia OGGETTO: Decreto

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Gestione integrata e partecipata delle risorse idriche

Gestione integrata e partecipata delle risorse idriche Gestione integrata e partecipata delle risorse idriche Quadro legislativo Direttiva 2000/60/CE D.Lgs 152/2006, riportante Norme in materia ambientale Piano di Gestione del distretto idrografico del Fiume

Dettagli

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione Approvato dall'assemblea

Dettagli

della ditta (1).. C H I E D E

della ditta (1).. C H I E D E DOMANDA PER L OTTENIMENTO DELL AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA/COLLETTORE INTERCOMUNALE DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI INDUSTRIALI/COMMERCIALI Documentazione da

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE ASSIMILATE ALLE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO IN RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO DIVERSO DAL RESIDENZIALE (La domanda dovrà essere compilata

Dettagli

1. PREMESSA 2. CALCOLI E VERIFICHE FOGNATURA ACQUE REFLUE

1. PREMESSA 2. CALCOLI E VERIFICHE FOGNATURA ACQUE REFLUE 1. PREMESSA La presente verifica idraulica fa riferimento alla precedente verifica allegata al progetto preliminare approvato con Deliberazione del Giunta Municipale n. 113 del 19.09.2011, con la quale

Dettagli

ACQUE INTERNE E SISTEMA IDRICO INTEGRATO

ACQUE INTERNE E SISTEMA IDRICO INTEGRATO FINALITÀ INDICATORE L'indicatore ha come obiettivo quello di monitorare il dato della popolazione allacciata alla rete di acquedotto nel territorio, in modo da verificare la qualità e consistenza del servizio

Dettagli

DOCUMENTO ISTRUTTORIO

DOCUMENTO ISTRUTTORIO DOCUMENTO ISTRUTTORIO OGGETTO: DISCIPLINARE TECNICO, PARTE IV SEZ 1, ART. 4 AUTORIZZAZIONE DEL PROGETTO DEL PIANO D AMBITO DEFINITIVO: Nuovo collettore di costa per raccolta sfiori rete fognaria e relativi

Dettagli

PROVINCIA DELL OGLIASTRA Servizio Urbanistica, Governo del Territorio, Informatizzazione, Ambiente, Rifiuti ed Energia

PROVINCIA DELL OGLIASTRA Servizio Urbanistica, Governo del Territorio, Informatizzazione, Ambiente, Rifiuti ed Energia BOLLO 14.42 Spett.le Provincia dell Ogliastra Ufficio Gestione acque via Pietro Pistis - 08045 LANUSEI (OG) DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE/RINNOVO ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE, INDUSTRIALI, METEORICHE

Dettagli

In qualità di Cognome denominazione o ragione sociale Nome 2) Comune di nascita Data di nascita Codice fiscale / Partita IVA telefono CHIEDE

In qualità di Cognome denominazione o ragione sociale Nome 2) Comune di nascita Data di nascita Codice fiscale / Partita IVA telefono CHIEDE RISERVATO ALL UFFICIO PROTOCOLLO COMUNE DI VOLPIANO PROVINCIA DI TORINO C.A.P. 10088 TEL. 011 995.45.11 FAX 011 995.45.12 www.comune.volpiano.to.it SERVIZIO AMBIENTE E TERRITORIO MARCA DA BOLLO AL SINDACO

Dettagli

Riepilogo documentazione

Riepilogo documentazione RILASCIO AUTORIZZAZIONE - MODELLO AR9 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER SCARICHI PROVENIENTI DA IMPIANTI DI DEPURAZIONE DI ACQUE REFLUE URBANE, SFIORATORI DI PIENA, SFIORATORI DI EMERGENZA DI STAZIONI DI SOLLEVAMENTO,

Dettagli