DISCIPLINARE TECNICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISCIPLINARE TECNICO"

Transcript

1 DISCIPLINARE TECNICO Procedura aperta per la fornitura di beni e servizi hardware e software per la realizzazione del sistema di protocollo elettronico e del sistema di gestione documentale informatizzata degli atti deliberativi ed amministrativi della Provincia di Benevento 1

2 Indice 1. Premessa Riferimenti Legislativi Dematerializzazione Protocollo Informatico Gestione Flussi Documentali Conservazione Documenti Informatici Accessibilità Oggetto della Fornitura Descrizione delle Preesistenze Infrastruttura di rete Macchine di classe server Applicativi Riusabili Protocollo informatico - EGrammata DDD - Delibere Decreti Determine - E-Praxi Archivio atti pregressi Requisiti Funzionali del Software Funzioni Utente Esterno Funzioni Operatore Protocollo Funzioni Operatore Ente Funzioni Operatore Archiviazione documenti Funzioni Amministrazione Protocollazione Delibere Determinazioni Digitalizzazione Componenti principali dell'architettura Portale applicativo Document Management Workflow Mangement Help Desk Requisiti non Funzionali Sicurezza Infrastruttura di rete Infrastruttura software Applicazioni Scalabilità Estendibilità Fornitura hardware Disposizioni Finali

3 1. Premessa La Provincia di Benevento intende realizzare un sistema informativo per la gestione digitale degli atti amministrativi e deliberativi con i seguenti obiettivi: migliorare la qualità dei servizi finali erogati a cittadini ed imprese e ad altri enti locali; garantire la trasparenza amministrativa; riorganizzare e ottimizzare il processo di back-office interno all Ente; garantire servizi di interoperabilità con gli altri enti. Per quanto concerne gli atti amministrativi, il sistema dovrà prevedere la centralizzazione del protocollo informatico secondo quanto decretato dal DPR 445/2000 consentendo: ai vari settori della Provincia di protocollare la documentazione in entrata ed uscita direttamente dai propri centri operativi e seguire il processo amministrativo legato a ciascuna pratica istruita; ai cittadini ed alle imprese di raggiungere direttamente le informazioni di interesse presso i settori amministrativi competenti nell ottica della piena trasparenza degli atti. Il sistema dovrà inoltre offrire la possibilità di mappare ogni processo amministrativo nei suoi passaggi fondamentali per consentire il controllo dell avanzamento di una qualsivoglia pratica.. Per quanto concerne gli atti deliberativi, il sistema dovrà coprire interamente il ciclo di formazione, gestione e pubblicazione sia degli atti di indirizzo politico (Delibere di Consiglio e di Giunta) sia dei successivi atti di gestione operativa (Determine Dirigenziali e relativi allegati), garantendo la piena trasparenza dell azione amministrativa. Il presente documento costituisce il Disciplinare Tecnico per la fornitura del sistema informativo per la gestione digitale degli atti amministrativi e deliberativi della Provincia di Benevento sopra descritto. La fornitura dovrà comprendere sia gli applicativi software sia l hardware necessario per la piena funzionalità del sistema, come dettagliato nelle sezioni seguenti. 3

4 Tale fornitura è parte integrante del progetto GIADA Gestione Informatizzata degli Atti Deliberativi e Amministrativi, finanziato dalla Regione Campania (Ob. Operativo 5.1 egovernment ed einclusion FESR ). 1.1 Riferimenti Legislativi La legge sulla trasparenza amministrativa (Legge 241/90), insieme alla validità giuridica del documento elettronico sancita dalla Legge 59/1997, ha dato l avvio ad una radicale rivoluzione digitale nella Pubblica Amministrazione. Tale rivoluzione trova il suo fondamento legislativo in una serie di norme che regolano la dematerializzazione, il protocollo informatico, la gestione dei flussi documentali, la conservazione dei documenti informativi, e l accessibilità. Nel seguito si richiamano le principali norme che costituiscono il quadro legislativo cui dovrà uniformarsi la fornitura in oggetto. Il riferimento principale è sicuramente il Codice dell'amministrazione Digitale, emanato con Decreto legislativo del 7 marzo 2005, n. 82, e pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. 112 del 16 maggio Il Codice ha lo scopo di assicurare e regolare la disponibilità, la gestione, l accesso, la trasmissione, la conservazione e la fruibilità dell informazione in modo digitale utilizzando con le modalità più appropriate le tecnologie dell informazione e della comunicazione all'interno della pubblica amministrazione e nei rapporti tra amministrazioni, cittadini ed imprese. La seduta del Consiglio dei Ministri del 19 Febbraio 2010 ha approvato un Decreto Legge che definisce il nuovo Codice dell Amministrazione Digitale, in attuazione dei criteri di delega contenuti nell articolo 33 della legge n. 69 del Dematerializzzione Il termine dematerializzazione identifica il processo di sostituzione della documentazione amministrativa, solitamente cartacea, in favore del documento informatico. Nell ultimo decennio il termine è entrato nel lessico della gestione documentale e nella normativa, che gli ha conferito pieno valore giuridico. Di seguito si richiamano le principali norme in materia: 4

5 Deliberazione CNIPA 19 febbraio 2004, n. 11, recante le regole tecniche per la riproduzione e conservazione di documenti su supporto ottico idoneo a garantire la conformità dei documenti agli originali Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 13 gennaio Regole tecniche per la formazione, la trasmissione, la conservazione, la duplicazione, la riproduzione e la validazione, anche temporale, dei documenti informatici. Codice dei beni culturali e del paesaggio (D. lgs. 22 gennaio 2004, n. 42) Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa (DPR 28 dicembre 2000, n. 445) Protocollo Informatico Il Legislatore (DPR 445/2000, artt.1) definisce il protocollo informatico come l'insieme delle risorse di calcolo, degli apparati, delle reti di comunicazione e delle procedure informatiche utilizzati dalle amministrazioni per la gestione dei documenti, ovvero tutte le risorse tecnologiche necessarie alla realizzazione di un sistema automatico per la gestione elettronica dei flussi documentali. Segue la normativa di riferimento: Direttiva del Ministro per l innovazione e le tecnologie 4 gennaio 2005, punto 2 - Linee guida in materia di digitalizzazione dell amministrazione. Direttiva del Ministro per l innovazione e le tecnologie 18 dicembre 2003, punto 3, lett. c) - Linee guida in materia di digitalizzazione dell amministrazione per l anno Circolare AIPA 21 giugno 2001, n "Art. 7, comma 6, del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 31 ottobre 2000, recante 'Regole tecniche per il protocollo informatico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 20 ottobre 1998, n. 428'- Requisiti minimi di sicurezza dei sistemi operativi disponibili commercialmente." Circolare AIPA 7 maggio 2001, n Art. 18, comma 2, del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 31 ottobre 2000, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 21 novembre 2000, n. 272, recante regole tecniche per il protocollo informatico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n Standard, modalità di trasmissione, formato e definizioni dei tipi di informazioni minime ed accessorie comunemente scambiate tra le pubbliche amministrazioni e associate ai documenti protocollati. 5

6 Decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000 n. 445 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa. Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 31 ottobre Regole tecniche per il protocollo informatico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 20 ottobre 1998, n Legge 15 marzo 1997, n. 59, art. 15, comma 2 - Delega al Governo per il conferimento di funzioni e compiti alle regioni ed enti locali, per la riforma della Pubblica Amministrazione e per la semplificazione amministrativa Gestione Flussi Documentali I sistemi di gestione dei flussi documentali coordinano tutte le operazioni che riguardano l elaborazione e la trasmissione dei documenti, specificando le attività ed i ruoli di tutti gli appartenenti al processo di lavoro. Un tale sistema segue un documento durante tutto il suo ciclo di vita, fornendo un azione di controllo costante per il suo trattamento. I principali riferimenti normativi sono: Direttiva del Ministro per l innovazione e le tecnologie 9 dicembre Trasparenza dell azione amministrativa e gestione elettronica dei flussi documentali. Direttiva del Ministro per l innovazione e le tecnologie 21 dicembre Linee guida in materia di digitalizzazione dell amministrazione. Decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa (Testo A). Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 28 ottobre Gestione informatica dei flussi documentali nelle pubbliche amministrazioni Conservazione Documenti Informatici Come richiamato in precedenza, la Legge 59/1997 riconosce per la prima volta piena validità giuridica al documento informatico; successive modifiche ed integrazioni hanno poi puntualizzato il concetto, stabilendo che il documento informatico ha efficacia probatoria, ma la provenienza delle dichiarazioni ivi contenute è provata solo se sottoscritto con firma digitale ed è prodotto secondo specifiche prescrizioni tecniche. Le caratteristiche principali di un documento informatico valido, 6

7 sono l'immodificabilità e la leggibilità nel tempo, indipendentemente dal software utilizzato per produrlo. Seguono i principali riferimenti normativi: Decreto legislativo 22 gennaio Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 13 gennaio Regole tecniche per la formazione, la trasmissione, la conservazione, la duplicazione, la riproduzione e la validazione, anche temporale, dei documenti informatici Accessibilità Il termine accessibilità fa riferimento alla possibilità di rendere fruibili i contenuti e servizi dei siti Web ad utenti disabili o con dotazioni tecnologiche ristrette. Il riferimento normativo principale per la costruzione di siti accessibili è la cosiddetta legge Stanca (Legge n. 4 del Disposizioni per favorire l accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici. ) cui fanno seguito due decreti attuativi: Decreto del Ministro per l innovazione e le tecnologie 8 luglio Requisiti tecnici e i diversi livelli per l accessibilità agli strumenti informatici. Decreto del Presidente della Repubblica 1 marzo 2005, n Regolamento di attuazione della legge 9 gennaio 2004, n. 4 per favorire l accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici. 7

8 2. Oggetto della Fornitura Il presente documento costituisce il Disciplinare Tecnico per la fornitura chiavi in mano del sistema di gestione documentale e del protocollo informatico della Provincia di Benevento. La fornitura comprende: l analisi, la modellazione e l ottimizzazione dei flussi documentali relativi agli atti amministrativi e deliberativi dell Ente Provincia di Benevento; la progettazione e realizzazione del sistema di gestione del flusso documentale (servizi di document e content management); la progettazione e realizzazione del sistema di gestione del protocollo elettronico (comprendendo l acquisizione e la digitalizzazione del documento cartaceo); la fornitura e l installazione (comprensiva dell integrazione con le infrastrutture preesistenti) dell hardware necessario alla piena funzionalità del sistema; l installazione e la messa in esercizio dell intero sistema; la garanzia di tutte le componenti hardware e software del sistema per 12 mesi a partire dal positivo collaudo finale dell intera fornitura; la manutenzione ordinaria, correttiva e migliorativa, di tutte le componenti software del sistema per 12 mesi a partire dal positivo collaudo finale della fornitura; almeno 150 ore di addestramento del personale della Provincia di Benevento utilizzatore del sistema. Le pagine seguenti forniscono una descrizione dei principali requisiti del sistema. La realizzazione dei componenti software dovrà comunque essere fondata su un attività di analisi e definizione dei requisiti di dettaglio che la ditta aggiudicataria dovrà condurre in collaborazione con il personale della Provincia di Benevento. Il sistema descritto in questo disciplinare dovrà essere fornito chiavi in mano, completo di tutto quanto necessario al suo corretto ed efficiente funzionamento. Oltre a realizzare i requisiti software descritti nel seguito del presente documento, la soluzione proposta dovrà essere aperta all integrazione di applicativi software cosiddetti verticali, ossia che risolvono problematiche specifiche dell Ente, allo scopo di permettere il massimo sfruttamento dell investimento facendo evolvere gradualmente il sistema informativo nel tempo. 8

9 La progettazione del sistema dovrà essere ispirata a criteri di scalabilità e modularità, ciò al fine di consentire non solo il soddisfacimento delle esigenze attuali ma anche la semplice adattabilità alle esigenze future. Dal punto di vista dell utente, la soluzione proposta dovrà garantire servizi facili da usare ed accessibili e dovrà essere affidabile, mentre dal punto di vista della conduzione e gestione, è richiesto che essa sia sicura e facile da gestire. La soluzione proposta dovrà integrarsi con le preesistenze infrastrutturali di rete, al fine di salvaguardare gli investimenti fatti in passato. Le infrastrutture di rete dell Ente Provincia di Benevento, da considerare nella definizione della soluzione da proporre, saranno dettagliate nel successivo paragrafo del presente disciplinare tecnico. Il riuso del software ha assunto negli ultimi anni una rilevanza crescente nell ambito della pubblica amministrazione quale strumento per massimizzare il ritorno degli investimenti attraverso la valorizzazione del vasto patrimonio applicativo di cui dispongono le amministrazioni sia centrali che locali. Coerentemente a tale indirizzo, la progettazione del sistema dovrà integrare, laddove possibile, componenti applicative disponibili attraverso il catalogo del riuso della Regione Campania. Un analisi preliminare ha portato all individuazione di due componenti rilevanti per la presente fornitura, il sistema di protocollo informatico Egrammata ed il modulo di gestione delibere, decreti, e determine - E-Praxi. Pertanto, la soluzione proposta dovrà prevedere l integrazione di tali applicativi. Una breve descrizione degli stessi è fornita nel paragrafo successivo. Resta inteso che le ditte proponenti avranno la possibilità di integrare ulteriori applicativi riusabili. La Provincia di Benevento ha avviato un processo di digitalizzazione ed indicizzazione degli atti amministrativi e deliberativi pregressi. La fornitura oggetto del presente disciplinare tecnico dovrà prevedere l integrazione della base dati relativa a tale digitalizzazione al fine di favorire l integrazione della tradizionale gestione cartacea con quella digitale. In particolare, il sistema dovrà garantire che le funzioni di ricerca siano applicabili in maniera trasparente sia ai nuovi documenti sia a quelli preesistenti. Il paragrafo successivo fornirà le caratteristiche essenziali della base documentale da integrare nell ambito della presente fornitura. 9

10 L utilizzo di software open-source, insieme al riuso, è considerato un fattore abilitante per la riduzione dei costi IT nella pubblica amministrazione. La soluzione proposta dovrà essere fondata, laddove possibile, su componenti software sia infrastrutturali sia applicative open-source. 10

11 3. Descrizione delle Preesistenze In questa sezione vengono descritte le preesistenze da integrare nella progettazione del sistema oggetto della fornitura. Allo scopo, la sezione è suddivisa in 3 parti: la prima illustra l infrastruttura di rete sia locale a ciascuna sede sia per il collegamento delle diverse sedi della Provincia di Benevento; la seconda richiama la dotazione dei server del centro di elaborazione dati della Provincia; la terza parte descrive in modo sintetico due applicativi software offerti nella bacheca del riuso della Regione Campania, candidati all integrazione nel sistema oggetto della fornitura. Le sedi fisiche della Provincia di Benevento sono le seguenti: Via N. Calandra Via Santa Colomba Piazza Castello Via XXV Luglio Via Ricci Viale Mellusi 3.1 Infrastruttura di rete Le reti locali presso le diverse sedi sono realizzate con cavi di piano in categoria 5E, e 2/3 punti connessione per stanza. Fa eccezione la sede presso la Rocca dei Rettori che, per difficoltà legate a vincoli strutturali che impattano sia sul cablaggio che sulla propagazione wireless, ha visto l installazione di una tecnologia Cisco (LRE) per consentire lo sfruttamento dell impianto telefonico come infrastruttura di base su cui veicolare il traffico dati in aggiunta a quello telefonico. I dispositivi attivi (switch, router, hub, ) sono dotati spesso di interfaccia SNMP o equivalente. Il numero totale di punti di accesso è circa 600, mentre il numero delle macchine connesse, dotate di indirizzo IP fisso, è circa 300. La connessione verso l esterno (Internet) è gestita da Telecom Italia con due uscite (ridondate) da 2 Mbps ciascuna con centro stella presso la sede di via Calandra. Tra le diverse sedi è usata la tecnologia VoIP con centrali telefoniche Philips collocate presso la sede di viale Mellusi (come descritto in maggiore dettaglio nelle sezioni che seguono). 11

12 Per l erogazione dei servizi di base, è presente un server per l autenticazione e l accesso alle risorse con 200 profili configurati, un server di posta elettronica interna (su tecnologia Lotus notes) con due domini (uno esterno, provinciabenevento.it, l altro interno, provbn.it) e un file server. Sono operative le seguenti tipologie di servizio di accesso IP: Formula Flat Office 2Mbps, realizzata su linea HDSL a 2 Mbps con banda minima garantita (BMG) pari a 1 Mbps in entrambe le direzioni. Formula Wide Office Plus: accesso realizzato su linea ADSL 2Mbps/512Kbps, con banda minima garantita (BMG) di 512Kbps in entrambe le direzioni. In alcune sedi è attivo un doppio accesso configurato in Load Balancing. Le sedi dotate di doppio accesso sono quelle di Via Calandra, Via XXV Luglio, via Ricci, Rocca dei Rettori di Piazza Castello. 3.2 Macchine di classe server Di seguito si elencano i sistemi di elaborazione e le principali applicazioni installate presenti presso il centro elaborazione dati della Provincia di Benevento. La possibilità di riutilizzare, anche parzialmente, tali risorse per la realizzazione della fornitura oggetto del presente disciplinare tecnico va verificata dalle ditte proponenti mediante l inoltro di specifici e circostanziati quesiti al responsabile del procedimento del presente bando. RACK 1 Armadio Rack Sistema Server HP proliant DL380 3 HD 36,4 GB RAID 5 Unità di Backup DDS4 Server HP proliant DL380 3 HD 36,4 GB RAID 5 Unità di Backup DDS4 Server HP proliant DL380 3 HD 36,4 GB RAID 5 Unità di Backup DDS4 Server Fujitsu Siemens HD 300 GB RAID 5 DVD CDRW Sistema Operativo Windows 2003 Server Windows 2003 Server Windows 2003 Server Sco Open Server

13 RACK 2 Armadio Rack Sistema Server HP proliant DL380 3 HD 146,8 GB RAID 5 Server HP proliant DL380 3 HD 36,4 GB RAID 5 Unità di Backup DDS4 Server Siemens fujitsu Sistema Operativo Windows 2003 Server Linux RACK 3 Armadio Rack Sistema Server HP proliant DL380 3 HD 36,4 GB RAID 5 Unità di Backup DDS4 Server HP proliant DL380 3 HD 36,4 GB RAID 5 Unità di Backup DDS4 Server HP proliant DL380 3 HD 36,4 GB RAID 5 Unità di Backup DDS4 Server Fujitsu Siemens HD 300 GB RAID 5 DVD CDRW Sistema Operativo Linux RED HAT ES4 Windows 2003 Server Windows 2003 Server Unità singole Sistema Sistema Operativo Server IBM Net Finity 5500 Sco Unix Open server 5 HD 4,495 GB RAID 5 Unità di Backup DDS4 Server IBM xseries 225 Windows 2003 Server HD 72,794 GB RAID 5 Unità di Backup: CDROM PC - 1 HD Sco Unix Open server 5 PC - 1 HD Sco Unix Open server 5 PC - 1 HD Sco Unix Open server 5 13

14 3.3 Applicativi Riusabili In questa sezione di fornisce una breve descrizione di due applicativi disponibili attraverso il portale del riuso della Regione Campania per i quali è richiesta l integrazione nel sistema oggetto del presente disciplinare tecnico Protocollo informatico - EGrammata E-Grammata è l'applicativo della Regione Campania per la gestione del Protocollo Informatico presso gli enti pubblici. Nel completo rispetto della normativa vigente, consente l'intera gestione dei documenti nel loro formato tradizionale - cartaceo - e informatico, attraverso: l'acquisizione e spedizione in modalità più o meno decentrata il collegamento tra documenti per monitorarne lo spostamento all'interno dell'ente (flusso documentale) l individuazioni delle informazioni anche con ricerche full- text l'interoperabilità (XML) e la posta certificata la classificazione e gestione degli archivi (corrente, deposito, storico) la gestione del documento elettronico (scanner, fax server e file) l integrazione con sistemi documentali l integrazione con firma digitale l integrazione con i sistemi di Workflow per la gestione dei procedimenti DDD - Delibere Decreti Determine - E-Praxi Descrizione: Delibere, Determine e Decreti (DDD). E-Praxi è l'applicativo per la gestione degli atti amministrativi che consente la formazione, la validazione e l'adozione degli atti di governo direttamente in formato digitale grazie alla integrazione con la firma digitale forte e/o debole. Il sistema gestisce i seguenti flussi: Delibere di Giunta Delibere di Consiglio Determinazioni Decreti 14

15 3.4 Archivio atti pregressi La provincia di Benevento ha avviato un processo di digitalizzazione ed indicizzazione degli atti amministrativi e deliberativi preesistenti. Il processo prevede: la produzione di documenti digitali con risoluzione non inferiore ai 400 dpi in formato PDF/A; il trattamento O.C.R. dell intero testo contenuto nell atto; l ottimizzazione dimensionale del file per una migliore e più veloce visione; la verifica del risultato per singola scansione. La base documentale prodotta da tale processo di digitalizzazione dovrà essere integrata nell ambito della fornitura oggetto del presente disciplinare tecnico. In particolare, dovrà essere possibile applicare le funzioni di ricerca descritte nel seguito del presente documento in maniera trasparente ai nuovi documenti e a quelli oggetto del processo di digitalizzazione delle preesistenze. A tal fine, oltre alla base documentale, fatta dai documenti ottimizzati in formato PDF/A ricercabile, alla ditta aggiudicataria verrà una tabella MySql contenente i record indicizzati per: Tipo Atto; Anno; Numero; Oggetto; Data; File (percorso); due campi automaticamente compilati "time_date" e "internal_id" valevole come chiave primaria. Si riporta di seguito il frammento SQL per la creazione della tabella. CREATE TABLE `jos_fabrik_formdata_2` ( `fabrik_internal_id` int(11) NOT NULL AUTO_INCREMENT, 15

16 `time_date` varchar(255) DEFAULT NULL, `elemento` text, `data` datetime DEFAULT NULL, `numero` varchar(255) DEFAULT NULL, `oggetto` text, `file_upload` varchar(255) DEFAULT NULL, `anno` varchar(255) DEFAULT NULL, PRIMARY KEY (`fabrik_internal_id`) ) 16

17 4. Requisiti Funzionali del Software I requisiti funzionali che saranno descritti in questa sezione fanno riferimento a diverse tipologie di utenti del sistema (stakeholders), sia interni all'organizzazione dell'ente che esterni. Le tipologie di utenti previste, e quindi i relativi profili, sono cinque: utente esterno, operatore protocollo, operatore ente, operatore archiviazione documenti, amministratore. Come stabilito dalla normativa vigente, le amministrazione devono individuare al proprio interno un insieme di Aree Organizzative Omogenee (AOO) ciascuna dotata di un sistema di protocollo informatico. L utente esterno rappresenta il cittadino, un impresa, oppure un altra amministrazione locale, regionale o nazionale, che abbia necessità di accedere al portale per interagire con l Ente Provincia al fine di usufruire di un particolare servizio, tra quelli consentiti per questo tipo di profilo. L operatore del protocollo rappresenta un addetto dell Ente Provincia responsabile dell esecuzione delle procedure di protocollazione dei documenti cartacei e digitali. Tra questi sarà identificato anche un responsabile di protocollo per ogni AOO. L operatore ente rappresenta un addetto dell Ente, che però può avere diverse tipologie di permessi rispetto alle procedure. Rientrano, infatti, in tale categoria sia coloro che hanno la responsabilità di definire e sovrintendere le procedure dell Ente (per esempio i dirigenti ed i responsabili di AOO), sia coloro che hanno la responsabilità di eseguire le procedure dell Ente o parti di esse (per esempio gli impiegati, i tecnici e gli amministrativi). L operatore archiviazione documenti è responsabile della corretta archiviazione della documentazione digitale e cartacea, preservandone la consistenza e la coerenza. Gli operatori sono raggruppati in classi corrispondenti alle AOO di appartenenza. L amministratore è responsabile dell amministrazione dell infrastruttura IT, dell assegnazione di permessi e privilegi sulla base delle indicazioni fornite dal dirigente responsabile dell Ente. 17

18 Per ognuno di questi profili d uso vengono di seguito descritte le funzioni previste. Tutte le funzioni sono accedute tramite un portale Web e l'accesso deve essere controllato da un'adeguata procedura di autenticazione. 4.1 Funzioni Utente Esterno F.1 Registrazione utente. L utente si registra, inserendo i dati necessari alla sua identificazione. Il sistema genera un messaggio che viene inviato via all utente registrato, con le credenziali ed un link di attivazione per abilitare definitivamente l'account. F.2 Immissione richieste ed informative. L'utente esterno può inserire una specifica richiesta o un informativa indirizzata ad una AOO, oppure, nel caso non dovesse conoscere l AOO competente per l evasione di una specifica richiesta, può inviare la richiesta senza ulteriori dettagli per l'instradamento. Una richiesta completa dovrà essere caratterizzata almeno dalle seguenti informazioni: data di apertura, AOO di competenza, parole chiave, utente che ha immesso la richiesta, numero identificativo della richiesta, oggetto, testo. Una richiesta non completa sarà priva delle informazioni relative all'ufficio di competenza. L utente potrà poi verificare la risposta alla sua richiesta nella propria casella di posta elettronica. La risposta dovrà essere caratterizzata almeno dalle seguenti informazioni: data di apertura, data di chiusura, operatore che ha prodotto la risposta, numero identificativo della richiesta, oggetto, numero identificativo della richiesta, testo della risposta, allegati alla risposta. F.3 Ricerca e visualizzazione dello stato delle proprie richieste. L'utente esterno che ha effettuato una richiesta, in ogni momento deve poter visualizzare lo stato di avanzamento delle richieste che egli ha immesso ed una ipotesi sulla data di chiusura. Gli stati di avanzamento previsti per una richiesta sono: aperta,immessa dall utente, ma non ancora presa in carico dall operatore in lavorazione, presa in carico dall operatore ma non ancora risolta risolta, la richiesta è stata risolta chiusa, dopo la notifica del risultato all utente che aveva fatto la richiesta, questa viene chiusa. F.4 Navigazione del portale nelle aree libere. Il portale deve prevedere delle aree libere, cioè accessibili senza richiesta di autenticazione. In tali aree deve essere possibile accedere ad informazioni di pubblica utilità, sotto forma sia di contenuti nelle pagine 18

19 html, che di risorse in file di formato adeguato, quali rapporti (pdf, word, TeX, zip, ed altri), immagini (jpeg, png, gif, ed altri), video (avi ed altri). F.5 Navigazione del portale nelle aree protette. Accesso all area riservata del portale per accedere alle applicazioni specifiche. Il portale deve fornire la possibilità di accedere ad applicazioni specifiche, che saranno dettagliate nel seguito del documento, le quali però richiedono permessi specifici. 4.2 Funzioni Operatore Protocollo F.6 Utilizzo funzioni di protocollo elettronico. L utente autorizzato ad utilizzare le funzioni del componente di protocollo, di cui si tratterà nel seguito del documento, deve accedere al menù delle funzioni per la gestione del protocollo elettronico. Le informazioni che il protocollo deve contenere sono quelle previste dalla normativa corrente: numero di protocollo, generato automaticamente dal sistema e registrato in forma non modificabile data di registrazione di protocollo assegnata automaticamente dal sistema e registrata in forma non modificabile mittente per i documenti ricevuti o, in alternativa, destinatario per i documenti spediti, registrati in forma non modificabile; oggetto del documento, registrato in forma non modificabile; data e protocollo del documento ricevuto, se disponibili impronta del documento informatico se trasmesso per via telematica, costituita dalla sequenza di simboli binari in grado di identificarne univocamente il contenuto, registrata in forma non modificabile. codice identificativo dell amministrazione e dell AOO. F.7 Protocollazione di documenti ricevuti e inviati mediante Posta Elettronica Certificata. Similmente a quanto detto per i documenti cartacei, il sistema deve consentire la protocollazione dei documenti ricevuti o inviati mediante Posta Elettronica Certificata. F.8 Identificazione del documento protocollato, in caso di documento cartaceo, l operatore di protocollo deve poter stampare un etichetta identificativa (codice a barre) da associare al documento originale. F.9 Ricerca e visualizzazione dei documenti protocollati. L operatore del protocollo deve poter effettuare ricerche fra i documenti protocollati usando differenti criteri di ricerca, 19

20 fra cui: numero di protocollo, data di registrazione, mittente, destinatario, oggetto, codice identificativo dell amministrazione, codice identificativo dell AOO, testo libero, operatore incaricato. F.10 Gestione digitalizzazione documenti. L utente autorizzato ad utilizzare le funzioni del componente di digitalizzazione dei documenti, di cui si dettaglierà nel seguito del documento, deve accedere al menù delle funzioni per la gestione della digitalizzazione dei documenti per trasformare il documento cartaceo in una rappresentazione elettronica. F.11 Gestione richieste sottomesse dagli utenti esterni attraverso il portale. Ogni richiesta la cui AOO di competenza sia stata indicata dall utente che l ha immessa (o individuata dal sistema sulla base delle keyword), viene indirizzata all operatore preposto. Tale operatore, dopo aver accettato di prendere in consegna la richiesta, si occupa di rispondere adeguatamente alla richiesta. La risposta alla richiesta dovrà essere inviata alla casella di posta elettronica dell utente che aveva immesso la richiesta. Nel caso non dovesse essere immessa la competenza della richiesta questa verrà inviata ad un operatore incaricato di assegnare la competenza ed inviarla all operatore più adeguato. F.12 Ricerca e visualizzazione dello stato delle richieste. L operatore del protocollo deve poter ricercare una possibile richiesta usando differenti criteri di ricerca (data di immissione, data di chiusura, operatore incaricato, ufficio di competenza, parole chiave, utente che ha immesso la richiesta, oggetto della richiesta) e visualizzarne lo stato di avanzamento. 4.3 Funzioni Operatore Ente F.13 Gestione procedimenti. Per ciascun procedimento deve essere possibile definire il flusso delle attività di lavoro, assegnando a queste il responsabile della corretta esecuzione, i documenti previsti in ingresso e quelli attesi come prodotti dell attività. Deve essere possibile definire le relazioni tra le diverse attività sia in termini di sequenza logica che temporale. F.14 Gestione richieste assegnate. Per ogni richiesta di competenza l operatore Ente riceve una notifica corrispondente alla richiesta. L operatore prende in consegna la richiesta attraverso l accettazione. L operatore, una volta risolta la richiesta, la chiude. L operazione di chiusura della richiesta si conclude con l invio della risoluzione della richiesta all utente che aveva eseguito l immissione della richiesta. Se una richiesta è 20

COMUNE DI PRAMOLLO PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI PRAMOLLO PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI PRAMOLLO PROVINCIA DI TORINO ALLEGATO 7 AL MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI IL SISTEMA DOCUMENTALE E DI PROTOCOLLAZIONE ADOTTATO DALL ENTE

Dettagli

1. PREMESSA 2. SICUREZZA E ACCESSO

1. PREMESSA 2. SICUREZZA E ACCESSO ALLEGATO 3: DEMATERIALIZZAZIONE E DIGITALIZZAZIONE FLUSSI DOCUMENTALI. (Testo novellato con deliberazione di Giunta n. 1671 del 20/12/2013 che sostituisce l allegato 3: Politiche della sicurezza, documento

Dettagli

GESTIONE DEL PROTOCOLLO D.P.R. 445 / 2000

GESTIONE DEL PROTOCOLLO D.P.R. 445 / 2000 GESTIONE DEL PROTOCOLLO D.P.R. 445 / 2000 La soluzione proposta, conforme alle normative vigenti in materia, permette l amministrazione completa di tutte le informazioni relative al protocollo di un Ente

Dettagli

Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate

Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate aggiornato al 22 aprile 2015 INDICE DEI CONTENUTI 1. PREMESSA, DEFINIZIONI, RIFERIMENTI NORMATIVI... 1 1.1. Il Manuale di Gestione documentale

Dettagli

COMUNE DI TURRI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO

COMUNE DI TURRI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO COMUNE DI TURRI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO ALLEGATO 7 AL MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI IL SISTEMA DOCUMENTALE E DI PROTOCOLLAZIONE ADOTTATO DALL'ENTE

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO COMUNE DI AVELLINO

CAPITOLATO TECNICO COMUNE DI AVELLINO COMUNE DI AVELLINO PROCEDURA APERTA PER LA REALIZZAZIONE DELLE PERSONALIZZAZIONI E DEI SERVIZI RELATIVI AGLI APPLICATIVI PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DELLA PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA)

Dettagli

La piattaforma per la gestione elettronica documentale integrata

La piattaforma per la gestione elettronica documentale integrata Tutti noi prendiamo decisioni, facciamo valutazioni, pianifichiamo strategie basandoci sulle informazioni in nostro possesso. Il tempo è una risorsa preziosa, ottimizzarlo rappresenta un obiettivo prioritario.

Dettagli

M.Gentilini M. Vitale

M.Gentilini M. Vitale D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa art. 50 La gestione dei documenti deve essere effettuata mediante sistemi

Dettagli

PROCEDURA DI GARA PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI COMPOSITI E LA GESTIONE DOCUMENTALE

PROCEDURA DI GARA PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI COMPOSITI E LA GESTIONE DOCUMENTALE PROCEDURA DI GARA PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI COMPOSITI E LA GESTIONE DOCUMENTALE CAPITOLATO TECNICO DI GARA CIG 5302223CD3 SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura...

Dettagli

Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it

Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it La timeline del quadro normativo (1) 1998 2000 2004 2005 Protocollo informatico Regole tecniche per il protocollo informatico di cui al decreto del Presidente

Dettagli

La piattaforma di Protocollo Informatico a norma di legge

La piattaforma di Protocollo Informatico a norma di legge La piattaforma di Protocollo Informatico a norma di legge josh Protocol! è il rivoluzionario sistema di Protocollo Informatico scalabile ed idoneo alle esigenze di grandi e piccole amministrazioni Non

Dettagli

IL SISTEMA DI HELP DESK UNA APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO

IL SISTEMA DI HELP DESK UNA APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO IL SISTEMA DI HELP DESK UNA APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO INDICE INTRODUZIONE...3 GLOSSARIO...4 PARTE PRIMA...6 1. GUIDA UTENTE PER L USO DEL SISTEMA DI HELP DESK...6

Dettagli

p.geri@comune.pisa.it Telefono 050-910385 Direzione Sistemi Informativi UO automazione flusso documentale Personale e Sistemi informativi

p.geri@comune.pisa.it Telefono 050-910385 Direzione Sistemi Informativi UO automazione flusso documentale Personale e Sistemi informativi Titolo Dematerializzazione documentale Amministrazione Comune di Pisa Provincia Pisa Regione Toscana Sito Internet http://www.comune.pisa.it PEC comune.pisa@postacert.toscana.it Referente Geri Patrizio

Dettagli

AREA AFFARI GENERALI ITER DELIBERE/DETERMINE/ORDINANZE VISUAL. DELIBERE, DETERMINE E ORDINANZE VIA WEB PROTOCOLLO ARCHIVIAZIONE OTTICA DEI DOCUMENTI

AREA AFFARI GENERALI ITER DELIBERE/DETERMINE/ORDINANZE VISUAL. DELIBERE, DETERMINE E ORDINANZE VIA WEB PROTOCOLLO ARCHIVIAZIONE OTTICA DEI DOCUMENTI ITER DELIBERE/DETERMINE/ORDINANZE VISUAL. DELIBERE, DETERMINE E ORDINANZE VIA WEB PROTOCOLLO ARCHIVIAZIONE OTTICA DEI DOCUMENTI ARCHIVIAZIONE SOSTITUTIVA ARCHIVIATORE GLOBALE INTEROPERABILITÀ PROTOCOLLO

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE.

CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE. CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE. Articolo 1 Oggetto dell appalto 1. L appalto ha per oggetto la progettazione,

Dettagli

Applicazione: DoQui/Acta - Sistema di gestione dell'archivio

Applicazione: DoQui/Acta - Sistema di gestione dell'archivio Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione documentale Applicazione: DoQui/Acta - Sistema di gestione dell'archivio Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione, Ricerca

Dettagli

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 ESPLETAMENTO DI ATTIVITÀ PER L IMPLEMENTAZIONE DELLE COMPONENTI PREVISTE NELLA FASE 3 DEL PROGETTO DI E-GOVERNMENT INTEROPERABILITÀ DEI SISTEMI

Dettagli

PROTEL Gestione del Protocollo Elettronico

PROTEL Gestione del Protocollo Elettronico PROTEL Gestione del Protocollo Elettronico Il Decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000 n. 445 (Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa)

Dettagli

PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI

PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI COMUNE DI SANTO STEFANO LODIGIANO PROVINCIA DI LODI PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI Allegato 1) al Manuale di gestione APPROVATO CON ATTO DI G.C. N. 96 DEL 28.12.2015 PIANO PER LA SICUREZZA

Dettagli

PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI

PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI Documento n. 9 - Allegato al manuale di gestione PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI 1. Composizione del piano Il piano di conservazione oltre

Dettagli

ARCHIVIA Plus. Archiviazione ottica e conservazione sostitutiva documenti

ARCHIVIA Plus. Archiviazione ottica e conservazione sostitutiva documenti ARCHIVIA Plus Archiviazione ottica e conservazione sostitutiva documenti ARCHIVIA Plus Archivia Plus è il software per la conservazione sostitutiva e per la gestione dell archivio informatico. Offre la

Dettagli

Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente

Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente Comune di Padova Settore Servizi istituzionali e affari generali Servizio archivistico comunale Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente Il sistema di gestione documentale dell

Dettagli

Il Codice dell Amministrazione Digitale IL SISTEMA DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI

Il Codice dell Amministrazione Digitale IL SISTEMA DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI Il Codice dell Amministrazione Digitale IL SISTEMA DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it 1 Definizione 1 E un servizio, obbligatorio

Dettagli

josh Protocol! The Organization Intelligence Software la soluzione evoluta di protocollo informatico

josh Protocol! The Organization Intelligence Software la soluzione evoluta di protocollo informatico josh Protocol! The Organization Intelligence Software la soluzione evoluta di protocollo informatico josh è un software di it Consult e marchio registrato della stessa it Consult S.r.l. - 2001-2014 all

Dettagli

ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN

ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN PORTALE WEB NELL AMBITO DELLA MISURA 2.6. DEL POI ENERGIA FESR 2007 2013

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI DEMATERIALIZZAZIONE E DIGITALIZZAZIONE DEI DOCUMENTI

CARTA DEI SERVIZI DI DEMATERIALIZZAZIONE E DIGITALIZZAZIONE DEI DOCUMENTI CARTA DEI SERVIZI DI DEMATERIALIZZAZIONE E DIGITALIZZAZIONE DEI DOCUMENTI 1 - PREMESSA Il processo di archiviazione e conservazione dei flussi documentali in forma digitale è un fattore fondamentale per

Dettagli

Regione Siciliana. Assessorato Industria Dipartimento Industria. Area Affari Generali e Comuni

Regione Siciliana. Assessorato Industria Dipartimento Industria. Area Affari Generali e Comuni Regione Siciliana Assessorato Industria Dipartimento Industria Area Affari Generali e Comuni MANUALE DEL PROTOCOLLO UNICO INFORMATICO (Documento soggetto a continuo aggiornamento) (art. 5 del DPCM 31.10.2000)

Dettagli

SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE

SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE 1. IL SOFTWARE APPLICATIVO PROGETTOENTE 1.1 Linee guida generali: Un software aperto che Vi accompagna

Dettagli

Manuale di gestione documentale (art. 5 DPCM 3/12/2013)

Manuale di gestione documentale (art. 5 DPCM 3/12/2013) in collaborazione con Manuale di gestione documentale (art. 5 DPCM 3/12/2013) Cod. MANGEDOC Rev. 1.0 Data: 06-11-2015 Il presente manuale di gestione documentale, redatto ai sensi dell art. 5 del DPCM

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO SECONDO IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE Sommario: 1. Struttura e finalità del codice dell amministrazione digitale. - 2. La teleamministrazione e l atto elettronico. - 3. Il documento

Dettagli

GESTIONE delle richieste di HELPDESK GEPROT v 3.1

GESTIONE delle richieste di HELPDESK GEPROT v 3.1 GESTIONE delle richieste di HELPDESK GEPROT v 3.1 ESPLETAMENTO DI ATTIVITÀ PER L IMPLEMENTAZIONE DELLE COMPONENTI PREVISTE NELLA FASE 3 DEL PROGETTO DI E-GOVERNMENT INTEROPERABILITÀ DEI SISTEMI DI PROTOCOLLO

Dettagli

Miglioramento dell efficienza interna Trasparenza dell azione amministrativa

Miglioramento dell efficienza interna Trasparenza dell azione amministrativa Titolo Dematerializzazione documentale Amministrazione Comune di Pisa Provincia Pisa Regione Toscana Sito Internet http://www.comune.pisa.it/dematerializzazione PEC comune.pisa@postacert.toscana.it Referente

Dettagli

Segesta srl Via Giacomo Peroni 400 00131 Roma Tel. 06/36.00.65.96 Fax 06/233.28.703 marketing@segestaitalia.it

Segesta srl Via Giacomo Peroni 400 00131 Roma Tel. 06/36.00.65.96 Fax 06/233.28.703 marketing@segestaitalia.it Segesta srl Via Giacomo Peroni 400 00131 Roma Tel. 06/36.00.65.96 Fax 06/233.28.703 marketing@segestaitalia.it Cosa dice la normativa italiana? Il protocollo informatico è l'insieme delle risorse di calcolo,

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Dematerializzazione dei documenti amministrativi, utilizzo della PEC e delle firme digitali nell'informatizzazione e automazione dei procedimenti

Dematerializzazione dei documenti amministrativi, utilizzo della PEC e delle firme digitali nell'informatizzazione e automazione dei procedimenti Dematerializzazione dei documenti amministrativi, utilizzo della PEC e delle firme digitali nell'informatizzazione e automazione dei procedimenti Il ciclo di vita del documento informatico e le comunicazioni

Dettagli

- 1 - Manuale di gestione. del protocollo informatico. (art. 5 DPCM 31 ottobre 2000) Approvato con deliberazione giuntale n. 44 del 24.02.

- 1 - Manuale di gestione. del protocollo informatico. (art. 5 DPCM 31 ottobre 2000) Approvato con deliberazione giuntale n. 44 del 24.02. - 1 - Manuale di gestione del protocollo informatico (art. 5 DPCM 31 ottobre 2000) Approvato con deliberazione giuntale n. 44 del 24.02.2005 Esecutivo dal 1.04.2005 - 2 - INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

Archiviazione Documentale

Archiviazione Documentale Archiviazione Documentale Il Progetto OPEN SOURCE tutto Italiano per la Gestione Elettronica della documentazione, firma digitale, conservazione sostitutiva, fatturazione elettronica e protocollo informatico.

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI

MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI 1 INDICE SEZIONE I Articolo 1 Articolo 2 SEZIONE II Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 SEZIONE III Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 SEZIONE IV Articolo

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI (ver. 1.0)

PIANO DI SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI (ver. 1.0) Manuale di gestione informatica dei documenti Comune di Castelfranco Emilia ALLEGATO 9 PIANO DI SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI (ver. 1.0) Sommario Acronimi... 2 Obiettivi... 2 Generalità... 2 Formazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E PER IL TRATTAMENTO INFORMATICO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E PER IL TRATTAMENTO INFORMATICO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E PER IL TRATTAMENTO INFORMATICO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI www.digitpa.gov.it INDICE 1 INTRODUZIONE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO...4 1.1 SCOPO

Dettagli

CLS Citiemme Lotus Suite

CLS Citiemme Lotus Suite CLS Il pacchetto CLS v1.0 () è stato sviluppato da CITIEMME Informatica con tecnologia Lotus Notes 6.5 per andare incontro ad una serie di fabbisogni aziendali. E' composto da una serie di moduli alcuni

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI COMUNE DI MARINEO (PROV. DI PALERMO) MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI (approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 106 del 24/11/04) 1 PARTE PRIMA

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DIGITALIZZATO IN BANCA D ITALIA

IL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DIGITALIZZATO IN BANCA D ITALIA IL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DIGITALIZZATO IN BANCA D ITALIA Carlo Pisanti Direttore Centrale - Banca d Italia Accademia dei Lincei Roma, 9 luglio 2010 Slide 1 Quali sono le finalità a cui deve provvedere

Dettagli

ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO

ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO EDISU PIEMONTE COTTIMO FIDUCIARIO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE, INSTALLAZIONE E GESTIONE DEL SITO WEB ISTITUZIONALE DELL EDISU PIEMONTE CIG [3650361530] CAPITOLATO TECNICO

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE COMUNE DI CASTEL MELLA Provincia di Brescia PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE (articolo 24 c. 3 bis del D.L. 90/2014, convertito

Dettagli

Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo

Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo Progetto per l acquisizione ed integrazione di nuovi servizi informatici (Rimodulazione approvata con deliberazione Giunta comunale n. 81 del 12/12/2012) È

Dettagli

Smart. SUAP Area Tecnico Territoriale. Descrizione sintetica. Funzionalità principali SCHEDA PRODOTTO. Dematerializzazione. Sistema.

Smart. SUAP Area Tecnico Territoriale. Descrizione sintetica. Funzionalità principali SCHEDA PRODOTTO. Dematerializzazione. Sistema. SCHEDA PRODOTTO Descrizione sintetica Il modulo consente di gestire i procedimenti amministrativi legati alle sportello unico per le attività produttive. Fa parte dell area dedicata alla componente tecnico

Dettagli

Allegato B Specifiche richieste per il Portale Web del Comune di Modugno

Allegato B Specifiche richieste per il Portale Web del Comune di Modugno Allegato B Specifiche richieste per il Portale Web del Comune di Modugno Articolo 1 - Oggetto della fornitura 1. La fornitura ha per oggetto la progettazione, realizzazione e manutenzione del sito web

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATICI E ARCHIVI DIGITALI

DOCUMENTI INFORMATICI E ARCHIVI DIGITALI Prof. Stefano Pigliapoco DOCUMENTI INFORMATICI E ARCHIVI DIGITALI s.pigliapoco@unimc.it Il nuovo codice dell amministrazione digitale (CAD) Il decreto legislativo 30 dicembre 2010, n. 235, adottato a norma

Dettagli

Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL

Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL Evento Regione Veneto 1 Le nuove sfide di dematerializzazione per gli Enti Locali Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL Marco di Luzio Responsabile Business Consulting Evento Regione

Dettagli

Il Consorzio CSA si occupa della fornitura di servizi e sistemi per la gestione degli archivi e delle informazioni

Il Consorzio CSA si occupa della fornitura di servizi e sistemi per la gestione degli archivi e delle informazioni Il Consorzio CSA si occupa della fornitura di servizi e sistemi per la gestione degli archivi e delle informazioni nella P.A. e, con la propria organizzazione, è garanzia d immediata risposta alle necessità

Dettagli

Progetto Automazione flusso documentale e dematerializzazione

Progetto Automazione flusso documentale e dematerializzazione Progetto Automazione flusso documentale e dematerializzazione Le tappe Stato dell arte Consolidamento e sviluppi a cura di: Patrizio Geri Direzione Sistemi Informativi Titolare P.O. Responsabile Automazione

Dettagli

Manuale di Gestione. Protocollo Informatico. Area Organizzativa Omogenea. Direzione Sistemi Informativi

Manuale di Gestione. Protocollo Informatico. Area Organizzativa Omogenea. Direzione Sistemi Informativi Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Direzione Sistemi Informativi Versione 1.0 Sommario 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...3 2. DEFINIZIONI...3 3. COMPITI DEL SERVIZIO PROTOCOLLO

Dettagli

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009)

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) CeBAS Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) Introduzione Il progetto CEBAS: la finalità è di migliorare l efficienza operativa interna dell Ente rispondere alle aspettative

Dettagli

Protezione delle registrazioni di tracciamento da modifiche non autorizzate A R.1.6 [TU4452000/52/1/b]

Protezione delle registrazioni di tracciamento da modifiche non autorizzate A R.1.6 [TU4452000/52/1/b] 7 CHECK LIST 7.1 Tabella di Controllo sezione 1 A R.1.1 [TU4452000/52/1/a] Garanzie di sicurezza e integrità del sistema A R.1.2 [DPCM311000/7/1] Requisiti minimi di sicurezza del sistema operativo dell

Dettagli

Protocollo Informatico Trentino P.I.Tre.

Protocollo Informatico Trentino P.I.Tre. Scheda descrittiva del programma Protocollo Informatico Trentino P.I.Tre. ceduto in riuso Pagina 1 di 53 1 SEZIONE 1 CONTESTO ORGANIZZATIVO 1.1 Generalità 1.1.1 Identificazione e classificazione dell amministrazione

Dettagli

Tra cartaceo e digitale: gestione e conservazione degli archivi degli enti pubblici

Tra cartaceo e digitale: gestione e conservazione degli archivi degli enti pubblici Regione Toscana Direzione generale Organizzazione Tra cartaceo e digitale: gestione e conservazione degli archivi degli enti pubblici ANAI Marche Fermo, 28 novembre 2012 Ilaria Pescini PO Archivi e sistema

Dettagli

Linee guida per l adozione del protocollo informatico e per il trattamento informatico dei procedimenti amministrativi

Linee guida per l adozione del protocollo informatico e per il trattamento informatico dei procedimenti amministrativi D.M. 14 ottobre 2003 1 e 2 Linee guida per l adozione del protocollo informatico e per il trattamento informatico dei procedimenti amministrativi 1. Introduzione e normativa di riferimento Con la direttiva

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

FORNITURA DI UN SISTEMA INFORMATICO PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO E DEI DOCUMENTI, DEL RELATIVO SISTEMA TECNOLOGICO E DEI SERVIZI DI SUPPORTO

FORNITURA DI UN SISTEMA INFORMATICO PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO E DEI DOCUMENTI, DEL RELATIVO SISTEMA TECNOLOGICO E DEI SERVIZI DI SUPPORTO FORNITURA DI UN SISTEMA INFORMATICO PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO E DEI DOCUMENTI, DEL RELATIVO SISTEMA TECNOLOGICO E DEI SERVIZI DI SUPPORTO CAPITOLATO TECNICO Pagina 1 di 60 Indice 1. PREMESSA... 4

Dettagli

PROTOCOLLO INFORMATIZZATO, PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DOCUMENTALE. Maggio 2006

PROTOCOLLO INFORMATIZZATO, PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DOCUMENTALE. Maggio 2006 PROTOCOLLO INFORMATIZZATO, PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DOCUMENTALE Maggio 2006 1 Evoluzione tecnologica 1 Negli ultimi anni le P.A. si sono fortemente impegnate nello sviluppo di reti di computer

Dettagli

Attuazione del processo di dematerializzazione nelle Pubbliche Amministrazioni

Attuazione del processo di dematerializzazione nelle Pubbliche Amministrazioni Attuazione del processo di dematerializzazione nelle Pubbliche Amministrazioni Chiara Grapelli Archivista ed esperta in Gestione documentale Lecco, 6 maggio 2016 D.P.C.M. 3 dicembre 2013 Regole tecniche

Dettagli

COMPLETA SICUREZZA GRAZIE ALL ACCESSO PROTETTO E AI LIVELLI AUTORIZZATIVI

COMPLETA SICUREZZA GRAZIE ALL ACCESSO PROTETTO E AI LIVELLI AUTORIZZATIVI Consultazione prodotti e gestione ordini via internet SAM r-evolution La rivoluzione non è cambiare il software! SAM OW - Open Web Open-Web è l applicazione web per la consultazione online degli articoli

Dettagli

GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO D.P.R. 445 / 2000

GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO D.P.R. 445 / 2000 GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO D.P.R. 445 / 2000 Lo Studio K S.r.l. offre un prodotto in grado di soddisfare con estrema flessibilità quanto previsto dal quadro normativo vigente in materia di Protocollo

Dettagli

K-Archive. Conservazione Sostitutiva

K-Archive. Conservazione Sostitutiva K-Archive per la Conservazione Sostitutiva Descrizione Prodotto Per informazioni: MKT Srl Corso Sempione 33-20145 Milano Tel: 02-33104666 FAX: 20-70039081 Sito: www.mkt.it Email: ufficio@mkt.it Copyright

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEL SITO WEB UFFICIALE DELLA ARECHI MULTISERVICE SPA

CAPITOLATO TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEL SITO WEB UFFICIALE DELLA ARECHI MULTISERVICE SPA Prot. n 11123 del 19/12/2012 INDAGINE PRELIMINARE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DI OPERATORI ECONOMICI CAPITOLATO TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEL SITO WEB UFFICIALE

Dettagli

PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI: PRESENTAZIONE BASE

PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI: PRESENTAZIONE BASE PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI: PRESENTAZIONE BASE Guglielmo LONGOBARDI Centro di Competenza Trasparenza e gestione elettronica dei documenti ALL ORIGINE DEI SISTEMI DOCUMENTARI

Dettagli

Il CAD e il Dlgs. 33. Brescia I.I.S. Tartaglia Olivieri 21 gennaio 2014

Il CAD e il Dlgs. 33. Brescia I.I.S. Tartaglia Olivieri 21 gennaio 2014 Il CAD e il Dlgs. 33 gli obblighi delle scuole: trasparenza, dematerializzazione, archiviazione sostitutiva Brescia I.I.S. Tartaglia Olivieri 21 gennaio 2014 Il CAD e le Istituzioni scolastiche: dal documento

Dettagli

CARATTERISTICA / MODULO

CARATTERISTICA / MODULO NextWare Doc è il prodotto che consente di amministrare semplicemente tutte le p roblematiche inerenti la gestione dei documenti; è rivolto sia la settore privato che alla Pubblica Amministrazione, e copre

Dettagli

D.M.S. Document Management System. La gestione documentale attiva completa integrata

D.M.S. Document Management System. La gestione documentale attiva completa integrata D.M.S. Document Management System La gestione documentale attiva completa integrata ALKOS S.r.l. Via Per Salvatronda, 15 31033 Castelfranco Veneto (TV) Tel. +39 423 492171 Fax 721833 e-mail info@alkos.it

Dettagli

Archivia Plus - Specifiche Generali -

Archivia Plus - Specifiche Generali - Archivia Plus - Specifiche Generali - Archivia Plus è il software ideale per l'archiviazione elettronica e la conservazione sostitutiva dei documenti. Le sue funzioni principali sono: - Archiviazione automatica

Dettagli

MANUALE di GESTIONE del PROTOCOLLO INFORMATICO

MANUALE di GESTIONE del PROTOCOLLO INFORMATICO MANUALE di GESTIONE del PROTOCOLLO INFORMATICO Approvato con Delibera di G.C. n. 164 del 30.12.2004 1 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 OGGETTO DELLA DISCIPLINA ART. 2 FINALITA ART. 3 IL SERVIZIO

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento Normativa di riferimento 1 Evoluzione della normativa Nel Art. CP 491-bis doc. informatico del C.P. =supporto L. contenente 547 una «res» come 23/12/1993 il documento L 547 23/12/1993 Legge semplificazione

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico

Manuale di Gestione Protocollo Informatico Automobile Club d Italia Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale di POTENZA GENNAIO 2013 SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...3 2. DEFINIZIONI...3 3.

Dettagli

Dms24 Document Management System

Dms24 Document Management System Dms24 Document Management System La soluzione ideale per gestire i flussi documentali, migliorare la diffusione delle informazioni e garantire l ordine e la conservazione dei documenti per aziende, studi

Dettagli

Comune di Pisa Direzione Sistema Informativo UO Automazione Flusso Documentale

Comune di Pisa Direzione Sistema Informativo UO Automazione Flusso Documentale Comune di Pisa Direzione Sistema Informativo UO Automazione Flusso Documentale Il punto di partenza Nel Piano Esecutivo di Gestione 2000 particolare del Servizio Sistema Informativo erano allegate le Linee

Dettagli

PROTOCOLLO ELETTRONICO GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI GESTIONE ELETTRONICA DELL ARCHIVIO PROTOCOLLO ELETTRONICO

PROTOCOLLO ELETTRONICO GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI GESTIONE ELETTRONICA DELL ARCHIVIO PROTOCOLLO ELETTRONICO PROTOCOLLO ELETTRONICO GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI GESTIONE ELETTRONICA DELL ARCHIVIO PROTOCOLLO ELETTRONICO Lettere, fax, messaggi di posta elettronica, documenti tecnici e fiscali, pile e pile

Dettagli

SCHEDA TECNICA CMS SIMPLIT ASMENET 2.0

SCHEDA TECNICA CMS SIMPLIT ASMENET 2.0 SCHEDA TECNICA CMS SIMPLIT ASMENET 2.0 Denominazione CMS SIMPLIT ASMENET 2.0 Amministrazione Asmenet Campania scarl Note e considerazioni sul riuso L aggiornamento dei siti internet è una criticità molto

Dettagli

COMUNE DI BORGOMANERO MANUALE DI GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO

COMUNE DI BORGOMANERO MANUALE DI GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO COMUNE DI BORGOMANERO MANUALE DI GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO SOMMARIO TITOLO I PRINCIPI GENERALI...4 ART. 1 OGGETTO DELLA DISCIPLINA... 4 ART. 2 FINALITÀ... 4 ART. 3 IL SERVIZIO DEL PROTOCOLLO... 4

Dettagli

R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE. Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale. Servizio Segreteria della Giunta

R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE. Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale. Servizio Segreteria della Giunta R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale Servizio Segreteria della Giunta Disciplinare sull utilizzo della posta elettronica certificata

Dettagli

SOLUZIONE DI PROTOCOLLO INFORMATICO E DI GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI

SOLUZIONE DI PROTOCOLLO INFORMATICO E DI GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI Sede amministrativa Via E. Ramarini, 7 00015 Monterotondo Scalo Roma Tel. + 39 06 90.60.181 Fax. + 39 06.90.69.208 info@bucap.it www.bucap.it Sede legale Via Innocenzo XI, 8 00165 Roma Se d SOLUZIONE DI

Dettagli

ALLEGATO TECNICO. 1.3. Descrizione del sistema da realizzare Il progetto prevede la realizzazione dei seguenti moduli applicativi:

ALLEGATO TECNICO. 1.3. Descrizione del sistema da realizzare Il progetto prevede la realizzazione dei seguenti moduli applicativi: ALLEGATO TECNICO Il presente allegato tecnico ha lo scopo di definire le caratteristiche ed i requisiti minimi per la realizzazione, e la successiva manutenzione ed assistenza agli utenti, del nuovo Sistema

Dettagli

josh Archive! The Organization Intelligence Software archiviazione documentale conservazione sostitutiva

josh Archive! The Organization Intelligence Software archiviazione documentale conservazione sostitutiva josh Archive! The Organization Intelligence Software archiviazione documentale conservazione sostitutiva josh è un software di it Consult e marchio registrato della stessa it Consult S.r.l. - 2001-2014

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico. Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale di Bologna

Manuale di Gestione Protocollo Informatico. Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale di Bologna Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale di Bologna Giugno 2012 SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...2 2. DEFINIZIONI...2 3. COMPITI DEL SERVIZIO PROTOCOLLO

Dettagli

201509241305 Manuale di Gestione MIUR ALLEGATO n. 5 Pag. 1

201509241305 Manuale di Gestione MIUR ALLEGATO n. 5 Pag. 1 Indice dei contenuti GENERALITÀ 1. ASPETTI DI SICUREZZA INERENTI LA FORMAZIONE DEI DOCUMENTI 2. ASPETTI DI SICUREZZA INERENTI LA GESTIONE DEI DOCUMENTI 3. COMPONENTE ORGANIZZATIVA DELLA SICUREZZA 4. COMPONENTE

Dettagli

Introduzione. Le infrastrutture di Regione Toscana. http://www.cart.rete.toscana.it. Versione 0.4 1 10/10/2007

Introduzione. Le infrastrutture di Regione Toscana. http://www.cart.rete.toscana.it. Versione 0.4 1 10/10/2007 Introduzione Le infrastrutture di Regione Toscana http://www.cart.rete.toscana.it Versione 0.4 1 10/10/2007 1 L'ultima versione di questo manuale è diponibile al seguente URL 1 Indice generale Introduzione...3

Dettagli

PRODUZIONE E CONSERVAZIONE DEL REGISTRO GIORNALIERO DI PROTOCOLLO

PRODUZIONE E CONSERVAZIONE DEL REGISTRO GIORNALIERO DI PROTOCOLLO PRODUZIONE E CONSERVAZIONE DEL REGISTRO GIORNALIERO DI PROTOCOLLO Sommario 1. Introduzione e breve inquadramento normativo... 2 2. Contenuti del registro giornaliero di protocollo... 4 3. Formazione del

Dettagli

Progetto: Gest.Pro. Analisi e Sviluppo

Progetto: Gest.Pro. Analisi e Sviluppo Progetto: Gest.Pro GEstione PROtocollo Analisi e Sviluppo Aggiornato a dicembre 2013 Indice GEST.PRO. 1 PREMESSA 1 2 CONFIGURAZIONE 1 2.1 ARCHIVI DI BASE 1 3 AUTENTICAZIONE 2 4 ANAGRAFICA 2 4.1 STRUTTURA

Dettagli

Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei documenti e dell archivio. Allegato K Formati Informatici

Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei documenti e dell archivio. Allegato K Formati Informatici Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei documenti e dell archivio Allegato K Formati Informatici Premessa In generale tutti i formati che rispondono alle seguenti caratteristiche possono essere

Dettagli

1. I documenti aziendali

1. I documenti aziendali 1. I documenti aziendali Ogni azienda necessita di gestire documenti per svolgere e supportare i propri processi indipendentemente dal loro ambito o scopo. I documenti sono un patrimonio informativo di

Dettagli

GLOSSARIO/DEFINIZIONI

GLOSSARIO/DEFINIZIONI ALLEGATO 1 GLOSSARIO/DEFINIZIONI Indice 1 2 INTRODUZIONE DEFINIZIONI Allegato alle Regole tecniche in materia di documento informatico e gestione documentale, protocollo informatico e di documenti informatici

Dettagli

DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO

DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

josh Archive! il software per Archiviazione Documentale josh Archive! per una completa gestione dei processi di

josh Archive! il software per Archiviazione Documentale josh Archive! per una completa gestione dei processi di josh Archive! il software per l Archiviazione Documentale josh Archive! per una completa gestione dei processi di Archiviazione Documentale e Conservazione Sostitutiva Cos è josh Archive! Dalla scansione

Dettagli

NUCLEO MINIMO GESTIONE DOCUMENTALE WORKFLOW DELLE PRATICHE

NUCLEO MINIMO GESTIONE DOCUMENTALE WORKFLOW DELLE PRATICHE Bari, 24 Luglio 2006 NUCLEO MINIMO GESTIONE DOCUMENTALE WORKFLOW DELLE PRATICHE 1 FUNZIONALITÀ MINIME DEL PROTOCOLLO Le Amministrazioni devono garantire almeno la realizzazione del sistema di protocollo

Dettagli