1. Premessa CAPITOLATO TECNICO. Affidamento di servizi di supporto al miglioramento dei processi amministrativo-gestionali di Italia Lavoro Spa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. Premessa CAPITOLATO TECNICO. Affidamento di servizi di supporto al miglioramento dei processi amministrativo-gestionali di Italia Lavoro Spa"

Transcript

1 1. Premessa Italia Lavoro è una società per azioni, totalmente partecipata dal Ministero dell'economia e delle Finanze. Opera, per legge, come ente strumentale del Ministero del Lavoro della salute e delle politiche sociali per la promozione e la gestione di azioni nel campo delle politiche del lavoro, dell'occupazione e dell'inclusione sociale. Italia Lavoro in qualità di Ente strumentale, realizza azioni e progetti sulla base di indicazioni e linee guida del Ministero del Lavoro ed in stretta collaborazione con Regioni e Province. Sul piano operativo si avvale di una rete capillare di soggetti ed organizzazioni pubbliche e private operanti sul territorio. I servizi di assistenza tecnica forniti ai diversi livelli istituzionali e territoriali e i progetti in essi realizzati, sono riconducibili a sei aree strategiche di attività: WELFARE TO WORK: risposte concrete alla crisi economica e occupazionale L Area Welfare to Work presidia lo sviluppo, il consolidamento e la messa a sistema, su tutto il territorio nazionale, di politiche e servizi di welfare to work, supportando i diversi attori del mercato del lavoro, a livello nazionale e locale, nell esercizio delle proprie competenze in tema di politiche attive e passive - del lavoro, al fine di consentire loro di assicurare sistematicamente, ciascuno per il proprio ambito di competenza, la disponibilità di risorse e servizi rivolti a lavoratori espulsi o a rischio di espulsione dal sistema produttivo a seguito di crisi aziendali e/o occupazionali, ad inoccupati e disoccupati di lunga durata. SERVIZI PER IL LAVORO: programmare, potenziare e qualificare i servizi per il lavoro L Area Servizi per il Lavoro è impegnata a supportare il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali nelle funzioni di coordinamento istituzionale e nella individuazione di obiettivi qualitativi dei servizi e delle politiche. È impegnata anche nel supporto alle Regioni nella programmazione degli interventi di politica attiva del lavoro, attraverso la complementarietà delle risorse, e nella definizione delle azioni di potenziamento e qualificazione dei servizi per il lavoro. MOBILITÀ TERRITORIALE E SOSTEGNO OCCUPAZIONALE ALLO SVILUPPO ECONOMICO: sostenere la produttività, promuovere l occupazione L Area Mobilità territoriale e sostegno occupazionale allo sviluppo economico è impegnata nel favorire l integrazione tra politiche del lavoro e politiche di attrazione, mediante la promozione e la gestione di interventi che coniugano azioni di inserimento occupazionale, anche in mobilità territoriale, con azioni di qualificazione dei servizi alle imprese. TRANSIZIONE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO: dallo studio al lavoro L Area Transizione Istruzione, Formazione e Lavoro promuove e supporta l inserimento lavorativo dei giovani che escono dai percorsi di istruzione superiore e formazione post secondaria contribuendo a diminuire i periodi di transizione dal sistema formativo a quello del lavoro attraverso la qualificazione dei servizi di placement, la promozione delle misure di politica attiva del lavoro (tirocini e altre forme di formazione on the job) e dei contratti di apprendistato. 1

2 INCLUSIONE SOCIALE E LAVORATIVA: garantire il diritto di cittadinanza L Area Inclusione sociale e lavorativa è impegnata nell inserimento socio lavorativo di persone che presentano caratteristiche di particolare svantaggio sociale ed economico (detenuti, ex-detenuti, misure alternative, disabili, ecc) e necessitano pertanto di specifiche misure di sostegno. In questo ambito, l Area opera al fine di favorire una maggiore integrazione tra le politiche del lavoro e le politiche sociali, contribuendo a rafforzare il network operativo tra servizi per il lavoro, servizi sociali e sanitari con il coinvolgimento di amministrazioni, enti ed istituzioni che hanno competenze specifiche sulla materia. IMMIGRAZIONE E MOBILITÀ INTERNAZIONALE: pianificare e gestire i flussi migratori L Area Immigrazione e mobilità Internazionale sviluppa programmi finalizzati a qualificare il sistema dei Servizi di incontro Domanda/Offerta di lavoro nella gestione dei flussi di lavoratori immigrati, sia provenienti dai paesi di origine, sia già presenti e da ricollocare nel mercato del lavoro italiano. Favorisce inoltre le sinergie tra politiche del lavoro e politiche dell immigrazione anche attraverso lo sviluppo di una strumentazione nazionale integrata volta a pianificare, gestire e monitorare i flussi migratori sia in Italia che all estero. In questo ambito lo Staff Sistemi Informativi è la struttura preposta a fornire soluzioni tecnologiche per la gestione delle informazioni aziendali, con un approccio rivolto agli obiettivi dei clienti interni, attraverso l'offerta di un servizio di consulenza basato su metodologie consolidate e innovative; gestisce le infrastrutture tecnologiche ed i sistemi informativi aziendali, definisce gli standard aziendali relativi a tutte le tecnologie informatiche e di rete utilizzate, seguendone l evoluzione, anticipandone proattivamente gli sviluppi applicabili in azienda e segue il mercato, definendo le specifiche tecniche relative all acquisizione dei beni e servizi tecnologici. 2. Oggetto Oggetto di questo Bando è la richiesta di servizi di realizzazione modifica e adeguamento descritti nel capitolo 4; il progetto complessivo si pone l obiettivo di aumentare l efficacia dei processi amministrativi e gestionali, supportati dal sistema informativo SAP, al fine di arricchire il patrimonio informativo aziendale per rispondere in modo adeguato all esigenza di una gestione più elastica e pronta ai cambiamenti. Verranno introdotti nuovi sistemi di gestione, in grado di consentire l adozione di nuovi modelli operativo-gestionali ed in particolare: un nuovo sistema di Document Management, realizzato utilizzando le soluzioni SAP Document Access By Open text e SAP Adobe Interactive Form, che consentirà la dematerializzazione del patrimonio documentale aziendale ed in particolare del processo di rendicontazione contabile per la comunicazione delle informazioni in via telematica al Ministero, attraverso la catalogazione dei documenti in un repositoty unico e condiviso; 2

3 l attivazione del SAP Workflow Management per la gestione delle procedure e dei flussi di lavoro interni, al fine di aumentare la velocità di esecuzione ed il controllo sui processi incrementandone efficacia ed efficienza; l integrazione dell attuale sistema di gestione del protocollo informatico aziendale con il sistema informativo SAP (attraverso l utilizzo di SAP NW Process Integration), che consentirà l interscambio dei flussi documentali in entrata e in uscita dall azienda, facilitandone la distribuzione, la catalogazione e l archiviazione; la reingegnerizzazione dell attuale base dati contabile e gestionale, per migliorare le operazioni di estrazione dei dati al fine di renderli fruibili ad un sistema di business intellligence. In particolare il progetto si articola nei seguenti workpackage: Revisione ed affinamento dell attuale soluzione organizzativa e tecnologica nelle aree amministrativo-contabile e personale e sviluppo business warehouse; Gestione dei flussi di cassa; Gestione del credito; Integrazione e dematerializzazione del flusso di rendicontazione contabile e documentale. 3. Contesto tecnologico attuale L attuale piattaforma applicativa SAP ECC 6.0, viene utilizzata per i seguenti moduli: FI FINANCIAL ACCOUNTING AA Asset Accounting AF Additional Functions AP Accounts Payable AR Accounts Receivable BL Bank-Related Acctg GL General Ledge Acctg TV Business Trip Mgmt CO CONTROLLING OM Overhead Cost Cont. MM MATERIALS MANAGEMENT IM Inventory Management IS Information System IV Invoice Verification PUR Purchasing SRV Services Management PS PROJECT SYSTEM COS Costs DAT Dates DOC Documents IS Information System 3

4 PRG Progress ST Structures VER Versions HCM HUMAN CAPITAL MANAGEMENT PA Personnel Administration OM Organizational Management PD Personnel Development PE Training and Event Management RC Recruitment PT Time Management TS Time Sheet TRV Travel Management A questi si aggiungono: SAP Document Access by Open Text e SAP Adobe Interactive Form per la gestione documentale; SAP Workflow Management per la gestione dei flussi di lavoro autorizzativi e non; SAP NetWeaver Process Integration (SAP NW PI) per l integrazione applicativa tra SAP ed altri ambienti applicativi; Gestione Protocollo Informatico su piattaforma IBM Domino L attuale infrastruttura tecnologica è costituita da tre istanze SAP (Sviluppo-Quality-Produzione), gestite da cinque macchine server aventi le seguenti caratteristiche: Produzione: HP DL380 G5 Intel Xeon 2,33 Ghz, Ram 16 GB, Windows 2003 x64 HP DL380 G4 Intel Xeon 3,6 Ghz, Ram 12 GB, Windows 2003 x64 HP DL380 G4 Intel Xeon 3,6 Ghz, Ram 8 GB, Windows 2003 x64 L infrastruttura è in ambiente cluster Microsoft collegato in SAN fibre channel a 2 Gbit con HP StorageWorks Eva 6000, DB Oracle versione 10.2, central instance; sono inoltre presenti due dialog instance per la gestione del load balancing. Quality: HP DL380 G4 Xeon 3,4 Ghz, Ram 12 GB, Windows Server 2003 x64, collegato in ambiente SAN fibre channel a 2 Gbit con HP StorageWorks Eva 6000, DB Oracle versione 10.2, central instance. Sviluppo: HP DL380 G4 biprocessore Xeon 3,4 Ghz, Ram 8 GB, Windows Server 2003 x64, collegato in ambiente SAN fibre channel a 2 Gbit con HP StorageWorks Eva 6000, DB Oracle versione 10.2, central instance. 4

5 Componenti Software e support package validi per tutti gli ambienti : Componente Software Release Liv. Supp.Pack. Superiore SAP_ABA SAPKA70015 SAP_BASIS SAPKB70015 ST-PI 2005_1_700 6 SAPKITLQI6 PI_BASIS 2005_1_ SAPKIPYJ7E SAP_BW SAPKW70016 SAP_AP SAPKNA7012 SAP_HCM SAPKE60029 SAP_APPL SAPKH60011 EA-IPPE SAPKGPID11 EA-HCM SAPKGPHD22 EA-GLTRADE SAPKGPGD11 EA-PS SAPKGPPD11 EA-RETAIL SAPKGPRD11 EA-FINSERV SAPKGPFD11 EA-DFPS SAPKGPDD11 EA-APPL SAPKGPAD11 FINBASIS SAPK-60011INFINBASIS ECC-DIMP SAPK-60011INECCDIMP ERECRUIT SAPK-60011INERECRUIT FI-CA SAPK-60011INFICA FI-CAX SAPK-60011INFICAX INSURANCE SAPK-60011ININSURANC IS-CWM SAPK-60011INISCWM IS-H SAPK-60012INISH IS-M SAPK-60011INISM IS-OIL SAPK-60011INISOIL IS-PS-CA SAPK-60011INISPSCA IS-UT SAPK-60011INISUT LSOFE SAPK-60011INLSOFE SEM-BW SAPKGS Descrizione dei servizi richiesti Quella che segue è la descrizione dei servizi che costituiscono l oggetto della gara. La descrizione vuole inquadrare, in maniera sintetica, la problematica, descrivere l attuale modalità di gestione, evidenziare le criticità dell attuale situazione ed individuare gli obiettivi minimi richiesti al Fornitore per eliminare le criticità ed ottimizzare il processo. 5

6 4.1 Rendicontazione Requisiti Ai fini della rendicontazione, Italia Lavoro deve provvedere alla determinazione dei costi e delle spese sostenuti, secondo i criteri di seguito riportati: per progetto per centro di costo per competenza di costo per periodo di spesa (data in cui è stato effettuato il pagamento) E necessario determinare quando un costo sostenuto è stato pagato, mantenendo l evidenza della registrazione del documento contabile/giustificativo legato al costo di partenza. Questo vale sia per i costi la cui destinazione analitica è un progetto/attività di progetto, sia per i costi indiretti (tutti i costi sostenuti dall azienda la cui destinazione analitica è un centro di costo). Le diverse tipologie di costo sono : trasferte (gestito con SAP HR/Travel Management); costo del lavoro dipendenti (inserito in contabilità analitica tramite batch input nei moduli CO/PS); costo del lavoro collaboratori (inserito in contabilità analitica tramite batch input nei moduli CO/PS); registrazioni contabili di costo (storno di costo) direttamente imputate a progetto o a centro di costo; registrazioni contabili di costo (storno di costo ) da ricondurre ai progetti in quanto relative a centri di costo riconducibili ai progetti secondo algoritmi diversi (es costi indiretti, costi di funzionamento); Per ognuna di queste tipologie, devono essere evidenti le seguenti informazioni: estremi della registrazione contabile e riferimenti ai singoli giustificativi; la tipologia di costo; il fornitore; le specifiche del pagamento Situazione attuale Per tali elaborazioni, attualmente vengono utilizzati i seguenti strumenti: 6

7 un report che estrae i dati dai moduli MM e FI; questo legge i dati della fattura, rileva la voce di costo legata alla fattura e, tramite i documenti di pareggio ed alcune regole definite volta per volta sulla singola tipologia di costo, determina la registrazione del pagamento; la carenza attuale consiste nel fatto che il report non copre tutte le casistiche esistenti, come ad esempio registrazioni di giroconto, o altre registrazioni di prima nota che possono non avere documenti di pareggio, o giri di pareggi particolarmente complessi; un report che estrae dal modulo MM i costi generati dalle entrate merci verso le fatture; un report che estrae tutti i costi da CO; un report che estrae il costo del lavoro dei dipendenti e dei collaboratori a progetto da CO; un file Excel per la gestione di alcuni costi indiretti. Per ottenere una situazione complessiva, quindi, è necessario elaborare singolarmente i quattro report ed il file Excel ed unire i risultati in un ulteriore altro file Excel che comprenda tutti i dati Criticità Il report attualmente in uso non gestisce in automatico: giroconti; fatture con legami multipli rispetto alle entrate merci; accertamenti; costi con legami multipli rispetto al relativo pagamento; anticipi; ratei/risconti; ammortamenti. In particolare sugli ultimi tre punti, occorre evidenziare che deve sussistere sia il costo che il pagamento per l effettiva rendicontabilità Obiettivi minimi Di seguito l elenco degli obiettivi minimi che si richiedono: un unica elaborazione automatica parametrizzazione, lato utente, delle regole di elaborazione che consenta, al cambiare di queste, di poter agire in autonomia senza ricorrere a interventi adeguativi; la determinazione del pagato deve obbligatoriamente tenere presente sia l aspetto economico che quello finanziario (ovvero, il collegamento alla voce di spesa e all impegno finanziario di riferimento); nel caso di elaborazione per competenza di costo è necessario il confronto con il budget previsto per la voce di costo; le elaborazioni dovranno restituire anche le informazioni relative ai costi indiretti e di funzionamento relativi ai singoli progetti; 7

8 tenere traccia di quali dati sono stati rendicontati, con la data del relativo rendiconto. 4.2 Imputazione dei costi di funzionamento su progetto Requisiti Ai fini della rendicontazione, Italia lavoro deve provvedere ad assegnare ai progetti la quota di costi di funzionamento di propria competenza, utilizzando dei criteri che potrebbero subire dei cambiamenti in base a direttive ministeriali o comunitarie (quelle attuali sono in vigore da due anni) Situazione attuale Queste tipologie di costi vengono gestite fuori dal sistema informativo SAP, tramite l utilizzo di file Excel, dove avviene l applicazione dei criteri da parte dell utente. Quando il file è ultimato, si procede al suo caricamento nel modulo CO/PS, tramite batch input Criticità La criticità consiste nel non avere uno strumento in grado di aggiornare in tempo reale il sistema informativo aziendale Obiettivi minimi L obiettivo minimo è l eliminazione dei processi extra SAP, ovvero, la predisposizione di regole di elaborazione e ribaltamento dei costi all interno del sistema, gestibili e modificabili direttamente dall utente, opportunamente profilato. 4.3 Integrazione e dematerializzazione del processo e del workflow approvativo di rendicontazione e autorizzazione al pagamento Requisiti L esigenza di dematerializzare i documenti aziendali risponde ad una serie di necessità che nel tempo si sono fatte sempre più pressanti e che si possono riassumere in: integrare la piattaforma tecnologica di gestione del protocollo informatico con SAP; trasmettere i dati (transazioni e relative immagini) al sistema informativo SIGMA, sistema in dotazione al Ministero, per la rendicontazione elettronica dei progetti; eliminare le ridondanze in alcuni processi organizzativi, con l obiettivo di ottenere l unicità nel trattamento del documento e la riduzione degli interventi manuali (ad es. nel processo di autorizzazione dei pagamenti sulle fatture passive, o di trasmissione dati a SIGMA, ecc.); 8

9 creare un repository aziendale unico, profilato, centralizzato ed ufficiale, per l archiviazione e la catalogazione dei documenti in formato elettronico; ridurre la produzione e la circolazione di carta all interno dell azienda; migliorare i processi in termini di tempi di esecuzione e di qualità dei supporti messi a disposizione; predisporre il sistema per gestire la fatturazione passiva in formato elettronico, secondo la normativa vigente Situazione attuale Attualmente non esiste integrazione tra le informazioni presenti sulla piattaforma per la gestione del protocollo informatico e SAP. La piattaforma applicativa della gestione protocollo è realizzata su IBM Domino 8.5 e prevede, per ogni documento in entrata ed in uscita dall azienda, la scannerizzazione dell immagine del documento e la sua memorizzazione all interno di un database Lotus Notes, dove resta archiviato a scopi puramente consultativi. In considerazione di questa mancanza di integrazione devono essere svolte una serie di attività manuali, non guidate da una procedura, per la predisposizione di tutta la rendicontazione che il Ministero richiede per i progetti: estrazione delle transazioni; scannerizzazione dei documenti; associazione transazione / immagine del documento scannerizzata; salvataggio del pacchetto prodotto (transazione + immagine + link) e trasmissione al Ministero attraverso collegamento al Portale istituzionale. I dati da rendere, organizzati per progetto e per periodo di spesa, sono: contratti; giustificativi; spese; mandati ed estratti conto bancari; relativi documenti elettronici; Per ogni tipologia di informazione viene alimentata una diversa tabella; le tabelle sono legate tra loro con delle chiavi specifiche, che permettono di seguire il flusso dal costo al relativo pagamento. Nella tabella dei giustificativi è previsto il link al relativo documento elettronico. Alcune codifiche utilizzate all interno delle tabelle sono obbligate e specifiche del sistema SIGMA e devono pertanto essere mantenute. Altri documenti, che devono essere allegati alla rendicontazione, sono attualmente prodotti da SAP o dalla piattaforma di gestione del payroll sotto forma di report, come ad esempio: 9

10 trasferte dipendenti trasferte collaboratori time sheet dipendenti cedolini dipendenti cedolini collaboratori CAPITOLATO TECNICO Per quanto riguarda i processi interni di controllo, attraverso la piattaforma di gestione del protocollo vengono acquisite altre tipologie di documenti in formato elettronico, tra cui le fatture passive, che vengono girate via posta elettronica all ufficio Amministrazione che, dopo i controlli, le invia sempre per posta elettronica ai responsabili per l autorizzazione al pagamento. L autorizzazione avviene manualmente, nel senso che il Responsabile stampa il documento ed appone la propria firma sulla copia cartacea, restituendo questa al mittente Criticità La criticità più onerosa è l assenza di integrazione tra la piattaforma di gestione del protocollo, nella quale vengono memorizzati la maggior parte dei documenti aziendali scannerizzati e SAP. Questa mancanza di integrazione incide sia sui processi relativi alla rendicontazione elettronica sia sui processi interni di autorizzazione al pagamento delle fatture passive, non permettendo, tra le altre cose, la definizione di un flusso completamente dematerializzato. Manca infine un repository aziendale unico, centralizzato ed ufficiale per l archiviazione e la catalogazione dei documenti in formato elettronico Obiettivi minimi Di seguito l elenco degli obiettivi minimi che si richiedono: realizzazione di una Banca Dati Documentale con funzioni di repository aziendale unico, centralizzato ed ufficiale per l archiviazione e la catalogazione dei documenti in formato elettronico attraverso l utilizzo di SAP Document Access by Open Text; integrazione, tramite l utilizzo di SAP NetWeaver Process Integration (SAP NW PI), tra la piattaforma di gestione del protocollo informatico e SAP, in modo che i documenti protocollati rientrino immediatamente nei processi gestiti con SAP (attraverso l alimentazione della Banca Dati Documentale di cui al punto precedente); possibilità di catalogare ed archiviare per destinazione contabile tutti i documenti, anche se provenienti da fonti esterne a SAP; automatizzare il processo di rendicontazione elettronica dei progetti verso il sistema informativo del Ministero denominato SIGMA, attraverso l estrazione da SAP e dalla Banca Dati Documentale delle informazioni (transazioni ed immagini) necessarie, in modo automatico e parametrico, con la prospettiva di estendere l estrazione ad uso di sistemi informativi di altri committenti; automatizzare il processo di autorizzazione al pagamento delle fatture passive, utilizzando i documenti in formato elettronico acquisiti dalla piattaforma di gestione del protocollo 10

11 informatico e condivisi con SAP tramite la Banca Dati Documentale, attraverso la configurazione di un workflow autorizzativo che elimini l uso della carta, sia predisposto per l attivazione della firma elettronica, velocizzi il processo e garantisca affidabilità nei controlli; creazione automatica degli output attualmente prodotti sotto forma di report, in formato PDF ed archiviazione nella Banca Dati Documentale, con aggancio automatico alla transazione SAP di competenza; acquisizione automatica dei cedolini dipendenti e collaboratori, generati automaticamente dalla piattaforma applicativa di gestione payroll in formato PDF, nella Banca Dati Documentale, con classificazione ed archiviazione dei documenti, attraverso l utilizzo di SAP NetWeaver Process Integration (SAP NW PI), ed aggancio automatico del cedolino all anagrafica del dipendente e del collaboratore e alla contabilizzazione del costo relativo nei rispettivi moduli SAP. 4.4 Ciclo attivo - Gestione del credito per commessa Requisiti Al fine di dotarsi di uno strumento per la gestione del credito per progetto/attività e profit/centro di costo, con evidenza dell ageing dello scaduto, con la possibilità di indicare le motivazioni che hanno portato un credito a non essere incassato seppur scaduto, occorre far fronte alle seguenti esigenze: possibilità di gestire la fase di pianificazione e controllo dei ricavi, delle fatture attive di anticipo e degli incassi; possibilità di rimodulazione della pianificazione, con mantenimento della profondità storica del dato; gestire le partite di giro finanziarie che non costituiscono ricavi, ma che movimentano crediti con contropartita finanziaria (conto patrimoniale); gestire la situazione del credito (fattura attiva) con gli agganci ai rispettivi incassi parziali, o eventuali note di credito, o giroconti Situazione attuale Attualmente la gestione dei ricavi viene effettuata con l ausilio di file Excel e Access. Il sistema SAP viene utilizzato unicamente per estrarre i dati di contabilità relativi ai ricavi. Inoltre esiste un report custom che consente la quadratura con il partitario della contabilità delle posizioni dei crediti (lato FI) comprensivi degli anticipi, che attribuisce a tali posizioni la destinazione contabile a livello di progetto, risalendo al rispettivo ricavo tramite i documenti di pareggio. Per poter tenere sotto controllo la situazione dei ricavi, ad oggi vengono effettuate le seguenti operazioni: 1. Fase di pianificazione iniziale 11

12 In fase di elaborazione del Project Management Plan, si procede all elaborazione del piano di fatturazione e degli incassi attraverso un file Excel, prima che il progetto venga inserito nel sistema SAP; dopo l apertura del progetto nel sistema SAP, l ufficio Controllo di Gestione provvede ad inserire i dati relativi al progetto in un file Access, dove vengono riportate le seguenti informazioni: 2. In itinere di progetto dati anagrafici del progetto; piano di fatturazione e degli incassi; condizioni; percentuale delle singole tranche di fatturazione; date di prevista ed effettiva fatturazione; date di previsto ed effettivo incasso. Il Responsabile di progetto provvede alla richiesta di fatturazione; l ufficio Controllo di Gestione provvede al controllo della richiesta di fatturazione; il Responsabile dell ufficio Controllo di Gestione autorizza l emissione della fattura; l ufficio Amministrazione provvede ad emettere la fattura (che quasi sempre è una fattura di anticipo); l ufficio Controllo di Gestione provvede ad aggiornare manualmente, nel file Access, le date di fatturazione e di incasso ed eventuali note relative al progetto; attraverso una serie di report, parte elaborati in SAP altri in Access, vengono elaborate sia le situazioni di previsione della fatturazione e degli incassi, sia quelle della fatturazione e degli incassi effettivi Criticità La situazione attuale presenta le seguenti criticità: fino all emissione della fattura/nota debito di saldo, le quote richieste e/o incassate (sempre supportate da un documento contabile appropriato) vengono gestite come anticipi e non come ricavi; la gestione tramite file Access, non consente l integrazione col sistema SAP Obiettivi minimi Di seguito l elenco degli obiettivi minimi che si richiedono: implementare sul sistema SAP strumenti che permettano una gestione del credito integrata e fruibile dagli uffici interessati; reingegnerizzazione dei flussi, dove necessario, per rendere la gestione del credito meno articolata dell attuale; 12

13 implementare uno strumento che permetta la gestione dell ageing del credito per commessa, attività, profit e centro di costo; implementare uno scadenziario dei crediti. 4.5 Gestione del Cash Flow per commessa/centro di costo e aziendale Requisiti Italia Lavoro ha la necessità di verificare la propria disponibilità finanziaria in tempo reale e di prevedere la disponibilità finanziaria futura, gli incassi e i pagamenti, sia per progetto/attività e centro di costo, sia a livello complessivo aziendale (somma dei singoli cash flow di progetto e centro di costo) Situazione attuale Attualmente queste informazioni vengono elaborate attraverso una serie di file Excel ed Access Criticità La situazione attuale presenta le seguenti criticità: l informazione attualmente disponibile non è integrata con il sistema SAP; l estratto conto bancario viene estratto con cadenza quindicinale, utilizzando un sistema di home banking; con la stessa cadenza, quindi, si provvede alla sua contabilizzazione e questo provoca un disallineamento tra la registrazione e l effettiva movimentazione finanziaria Obiettivi minimi Di seguito l elenco degli obiettivi minimi che si richiedono: implementazione di uno strumento che permetta di verificare la disponibilità finanziaria in tempo reale, sia per progetto/attività e centro di costo, sia a livello complessivo aziendale (somma dei singoli cash flow di progetto e centro di costo); reingegnerizzazione dei flussi, dove necessario, per ottenere un risultato integrato, facilmente gestibile e meno articolato dell attuale; gestione dell estratto conto in formato elettronico (ad es. tramite collegamento home banking), con caricamento automatico dei dati forniti dalla banca nel sistema SAP. 4.6 Gestione trasferte Requisiti 13

14 Nell ottica di una gestione più fluida dell attuale flusso di gestione delle trasferte, che elimini l uso della carta, sia predisposto per l attivazione della firma elettronica, velocizzi il processo e garantisca affidabilità nei controlli, nasce l esigenza di implementare l automazione di un workflow autorizzativo che accompagni e gestisca l intero processo di gestione delle trasferte, a partire dalla richiesta di trasferta fino al calcolo delle spese sostenute. Tutta la reportistica prodotta nel processo, deve essere in automatico convertita in formato PDF e deve alimentare la Banca Dati Documentale, attraverso la catalogazione e l archiviazione di tali documenti per progetto e centro di costo Situazione attuale Sia le richieste di trasferta che il calcolo delle spese di trasferta dei dipendenti e dei collaboratori viene gestito attraverso il modulo SAP HCM Travel Management. Il flusso si articola nel modo seguente: Prima della trasferta: il dipendente/collaboratore (di seguito richiedente) compila in SAP la richiesta di trasferta; la richiesta viene prodotta sia in formato cartaceo che elettronico; la versione elettronica viene inviata, tramite , al/i Responsabile/i per il controllo e l autorizzazione (solo i dipendenti); il/i Responsabile/i l autorizza inoltrando la del richiedente ad una casella di posta elettronica specificatamente predisposta per ricevere le autorizzazioni alle trasferte (solo i dipendenti); il richiedente, contestualmente, fa firmare per autorizzazione al/i Responsabile/i anche la richiesta di trasferta in formato cartaceo (solo collaboratori). Dopo la trasferta: il richiedente compila in SAP la richiesta per il rimborso delle spese sostenute; la richiesta di rimborso viene stampata e, insieme ai giustificativi di spesa, sottoposta al/i Responsabile/i per i controlli e l autorizzazione al rimborso; il/i Responsabile/i, dopo i controlli, autorizza la richiesta di rimborso firmando il modulo cartaceo prodotto (calcolo per tutti, le richieste solo per i collaboratori); il richiedente/progetto consegna all Ufficio Gestione Viaggi una busta contenente i moduli cartacei relativi alla richiesta di autorizzazione alla trasferta e alla richiesta di rimborso delle spese sostenute (con allegati i relativi giustificativi delle spese, debitamente firmati singolarmente dal richiedente), precedentemente autorizzati dal/i Responsabile/i Criticità La situazione attuale presenta le seguenti criticità: 14

15 il flusso prevede troppe fasi manuali; non è possibile eliminare i documenti cartacei, in quanto una parte dell autorizzazione avviene in modo tradizionale, tramite l apposizione della firma su una stampa; la componente di manualità presente nel flusso determina un eccessivo allungamento dei tempi quando la trasferta si riferisce a più progetti e/o centri di costo, poiché in tal caso le autorizzazioni devono essere apposte da ogni Responsabile di progetto/centro di costo a cui la trasferta si riferisce Obiettivi minimi Si richiede l implementazione di un workflow autorizzativo completamente automatizzato, che elimini l uso della carta, sia predisposto per l attivazione della firma elettronica, velocizzi il processo e garantisca affidabilità nei controlli, tenendo conto della destinazione del costo della trasferta. Tutta la reportistica prodotta nel processo, deve essere in automatico convertita in formato PDF e deve alimentare la Banca Dati Documentale, attraverso la catalogazione e l archiviazione di tali documenti per progetto e centro di costo. Tale documentazione deve alimentare un fascicolo del dipentente/collaboratore, allegato all anagrafica e consultabile all interno delle funzioni SAP relative. 4.7 Gestione Time Sheet Requisiti Nell ottica di una gestione più fluida dell attuale flusso di gestione dei time sheet, che elimini l uso della carta, sia predisposto per l attivazione della firma elettronica, velocizzi il processo e garantisca affidabilità nei controlli, nasce l esigenza di implementare l automazione di un workflow autorizzativo che accompagni e gestisca l intero processo di gestione. Tutta la reportistica prodotta nel processo, deve essere in automatico convertita in formato PDF e deve alimentare la Banca Dati Documentale, attraverso la catalogazione e l archiviazione di tali documenti per progetto e centro di costo Situazione attuale I time sheet vengono gestiti attraverso il modulo SAP HCM Time Sheet. Il modulo standard ha subito le seguenti personalizzazioni: layout di stampa; la transazione di autorizzazione dei time sheet è stata modificata in modo da permettere l autorizzazione dei time sheet in base alla destinazione di costo imputata sullo stesso. Il flusso si articola nel modo seguente: 15

16 il dipendente inserisce il time sheet mensile in SAP e stampa su carta il report prodotto; il/i Responsabile/i autorizza il time sheet apponendo la propria firma sul modulo; il dipendente consegna il time sheet autorizzato al servizio Amministrazione del Personale; l Ufficio Amministrazione del Personale verifica la congruità di quanto indicato nel time sheet, rispetto alle presenze e alle trasferte del dipendente; in caso di incongruità riscontrate, al servizio Amministrazione del Personale apporta le modifiche necessarie; il dipendente ristampa il time sheet corretto e reitera le operazioni precedentemente descritte, a partire dall autorizzazione da parte del/i Responsabile/i Criticità La situazione attuale presenta le seguenti criticità: il flusso prevede troppe fasi manuali; non è possibile eliminare i documenti cartacei, in quanto l autorizzazione avviene in modo tradizionale, apponendo cioè la firma su questi; la componente di manualità presente nel flusso determina un eccessivo allungamento dei tempi quando il time sheet riporta attività riferite a più progetti e/o centri di costo, poiché in tal caso le autorizzazioni devono essere apposte da ogni Responsabile di progetto/centro di costo a cui la trasferta si riferisce Obiettivi minimi Si richiede l implementazione di un workflow autorizzativo completamente automatizzato, che elimini l uso della carta, sia predisposto per l attivazione della firma elettronica, velocizzi il processo e garantisca affidabilità nei controlli, tenendo conto della destinazione del costo imputato sul time sheet. Deve essere prevista l apposizione della firma digitale per autorizzazione, di tutti i responsabili di progetto/centro di costo a cui fanno riferimento i costi. Tutta la reportistica prodotta nel processo, deve essere in automatico convertita in formato PDF e deve alimentare la Banca Dati Documentale (indicata nei paragrafi precedenti), attraverso la catalogazione e l archiviazione di tali documenti per progetto e centro di costo e per mese di competenza. Tale documentazione deve alimentare un fascicolo del dipendente, allegato all anagrafica e consultabile all interno delle funzioni SAP relative. I controlli di congruità tra quanto dichiarato dal dipendente e i dati relativi alle trasferte ed alle presenze dello stesso, anche in termini di destinazione contabile, devono essere automatizzati, tenendo presente che attualmente la rilevazione delle presenze viene effettuata attraverso l uso di una piattaforma applicativa esterna a SAP. In questo caso si richiede l utilizzo di SAP NetWeaver Process Integration (SAP NW PI) per l integrazione applicativa tra SAP e la piattaforma applicativa per la rilevazione delle presenze. 4.8 Servizi di formazione 16

17 Il servizio, deve prevedere formazione di base ed avanzata sull'uso delle nuove funzionalità implementate, da erogarsi al personale di Italia Lavoro preposto. Il servizio di formazione deve essere espletato in accordo con un "Piano di Formazione", da prodursi nell'offerta tecnica e contenente: l'articolazione prevista per il processo formativo proposto; le modalità di rilevazione delle esigenze formative degli utenti; le modalità di erogazione della formazione, con riferimento agli ausili didattici utilizzati; le modalità di rilevazione e misura dei livelli di gradimento del servizio di formazione da parte dei discenti. Quello che segue è lo schema riepilogativo di massima delle risorse da formare, per area implementata: AREA UTILIZZATORI PERSONALE TOTALE I.T. Rendicontazione Imputazione dei costi di funzionamento su progetto Integrazione e dematerializzazione del processo di rendicontazione contabile e documentale Ciclo attivo - Gestione del credito per commessa Gestione del Cash Flow per commessa/centro di costo e aziendale Gestione trasferte Gestione time sheet Servizi di supporto all avvio delle aree funzionali e manutenzione correttiva Il Fornitore dovrà prevedere un attività di supporto all avvio delle aree funzionali, in seguito al go live delle varie componenti progettuali, rivolto sia al personale IT di Italia Lavoro, che all utente finale. Dovrà altresì essere prevista un attività di manutenzione correttiva, volta a correggere gli eventuali errori che dovessero emergere dopo il go live Modalità e attività richieste L attività di supporto all avvio delle aree funzionali dovrà essere svolta dallo stesso personale facente parte del gruppo di lavoro che ha seguito la realizzazione del progetto, attraverso un supporto in presenza continuativa, pronto ad intervenire in caso di problemi.concluso il periodo di supporto in presenza, dovrà essere previsto un servizio di help desk telefonico. Il servizio di help desk dovrà essere attivo, al fine di supportare l utente nelle sua operatività, dalle ore 08:30 alle 18:00. 17

18 L attività di manutenzione correttiva dovrà essere svolta dallo stesso personale facente parte del gruppo di lavoro che ha seguito la realizzazione del progetto e dovrà rispettare i seguenti livelli di servizio: TIPO DI ERRORE Bloccante Non bloccante SOLUZIONE Entro 2 ore dalla chiamata Entro 6 ore dalla chiamata Durata del supporto L attività di supporto all avvio delle aree funzionali dovrà avere la durata di un mese per ogni workpackage rilasciato, a partire dal go live del singolo workpackage. L attività di manutenzione correttiva dovrà avere una durata che inizia con il go live del primo workpackage e si conclude sei mesi dopo la chiusura del progetto. Il servizio di help desk telefonico dovrà avere una durata di almeno sei mesi dalla chiusura del progetto, seguendo le indicazioni orarie indicate nel paragrafo precedente. 5. Modalità di esecuzione Il progetto dovrà essere suddiviso in workpackages, realizzabili parallelamente ed integrati sia tra loro che con l ambiente tecnologico di riferimento. A prescindere dall organizzazione che il Fornitore adotterà per la realizzazione del progetto, è richiesto un alto grado di sinergia delle risorse tra le diverse attività previste, al fine di garantire un adeguato grado di omogeneità nelle varie soluzioni adottate. L avvio del progetto sarà determinata dalla data di inizio indicata da Italia Lavoro e la realizzazione è senza soluzione di continuità per tutta la durata prevista dell attività. La pianificazione puntuale dell intero progetto dovrà essere prodotta al termine del processo di analisi dettaglio che il Fornitore si impegna a fare come prima attività del contratto; l analisi di dettaglio e la pianificazione saranno sottoposte ad approvazione formale da parte di Italia Lavoro e saranno impegnative per il Fornitore. Eventuali successive modifiche alla pianificazione nel corso del progetto, dovranno essere motivate e sottoposte all approvazione di Italia Lavoro. L erogazione del servizio dovrà prevedere un alto grado di responsabilizzazione delle risorse del Fornitore, attitudine a lavorare per obiettivi, capacità di lavorare in team e rispetto delle scadenze pianificate. Italia Lavoro si riserva di verificare l idoneità delle risorse che il Fornitore intende impegnare nel progetto, anche in corso d opera, determinando la corrispondenza del profilo con quanto specificato nel presente capitolato. Italia Lavoro potrà rifiutare le risorse indicate dal Fornitore, chiedendone la sostituzione. 18

19 Nel caso in cui, ad insindacabile giudizio di Italia Lavoro, una o più risorse impegnate nel servizio non siano ritenute adeguate alle attività da svolgere, il Fornitore dovrà sostituirle con altre idonee aventi le stesse caratteristiche richieste in gara. 19

20 5.1 Macro piano di progetto Di seguito viene riportata un ipotesi di macro piano di progetto espresso in mesi; la data di partenza delle attività corrisponderà alla data di sottoscrizione del contratto. 5.2 Aspetti dimensionali Di seguito vengono fornite le previsioni indicative di utilizzo delle figure professionali necessarie alla realizzazione del progetto; in particolare: Tab. A gg/uomo totali per ambito Tab. B percentuale di utilizzo figure professionali per ambito 20

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Pacchetto verticale vitivinicolo

Pacchetto verticale vitivinicolo Pacchetto verticale vitivinicolo Descrizione della soluzione Pag. 1 La Cooperativa Seled ha realizzato una completa copertura delle procedure informatiche per Cooperative Vitivinicole in ambiente Windows,

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Easy-TO è il software professionale per il Tour Operator moderno. Progettato e distribuito in Italia e all estero da Travel Software srl (Milano), un partner

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Gestisci. Organizza. Risparmia. Una lunga storia, uno sguardo sempre rivolto al futuro. InfoSvil è una società nata nel gennaio 1994 come

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio Deutsche Bank db Corporate Banking Web Guida al servizio INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. SPECIFICHE DI SISTEMA... 4 3 MODALITÀ DI ATTIVAZIONE E DI PRIMO COLLEGAMENTO... 4 3. SICUREZZA... 5 4. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

L Azienda che comunica in tempo reale

L Azienda che comunica in tempo reale Il servizio gestionale SaaS INNOVATIVO per la gestione delle PMI Negli ultimi anni si sta verificando un insieme di cambiamenti nel panorama delle aziende L Azienda che comunica in tempo reale La competizione

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODGPFB.REGISTRO UFFICIALE(U).0004509.09-06-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione Direzione Generale per la Politica Finanziaria e per

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali La procedura è multi aziendale. L'accesso al software avviene tramite password e livello di accesso definibili per utente. L'interfaccia di

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK LA TUA POSTA IN UN CLICK Clicca&Posta è una soluzione software per la gestione della

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE ECM Educazione Continua in MANUALE UTENTE Ver. 3.0 Pagina 1 di 40 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Informazioni relative al prodotto e al suo utilizzo... 3 2.1 Accesso al sistema... 3 3. Accreditamento

Dettagli

P.I.G.A.E. release 22.1 Enterprise Resource Planning

P.I.G.A.E. release 22.1 Enterprise Resource Planning P.I.G.A.E. release 22.1 Enterprise Resource Planning Sistema Informativo Aziendale per Imprese Ultimo aggiornamento Fix 22.1.a aprile 2014 InterNet Site: www.pigae.it www.trima.it Presentazione Sistema

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti Domanda 1 Si chiede di specificare il numero orientativo dei partecipanti ai corsi di formazione diviso per tipologia (dirigenti, utenti e personale informatico) (cfr. Capitolato capitolo 10). Risposta

Dettagli

FOR SCHOOL. GESTIONE BIBLIOTECA E MENSA + Controllo sul servizio bibliotecario e nel coordinamento della mensa

FOR SCHOOL. GESTIONE BIBLIOTECA E MENSA + Controllo sul servizio bibliotecario e nel coordinamento della mensa Tutti a posto con... STEP Accounting FOR SCHOOL IL GESTIONALE CLOUD INTEGRATO FACILE DA INTERROGARE PER UNA SCUOLA UNO STEP AVANTI GESTIONE SEGRETERIA SCOLASTICA + Rapidità nelle procedure di pre-iscrizione,

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A.

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Gestione Contabile : Piano dei conti : Suddivisione a 2 o 3 livelli del piano dei conti Definizione della coordinata CEE a livello di piano dei conti

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140 LINEE GUIDA PER L INSERIMENTO ED IL RIUSO DI PROGRAMMI INFORMATICI O PARTI DI ESSI PUBBLICATI NELLA BANCA DATI DEI PROGRAMMI INFORMATICI RIUTILIZZABILI DI DIGITPA DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli