PROGRESS REPORT No. 01 Covering the project activities from to

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRESS REPORT No. 01 Covering the project activities from 1.11.2005 to 30.04.2006"

Transcript

1 LIFE Project Number <LIFE05 ENV/IT/000870> PROGRESS REPORT No. 01 Covering the project activities from to Reporting Date <30/04/2006> LIFE PROJECT NAME <Center for Eco-Friendly City Freight Distribution> Project location Data Project Project start date: <01/11/2005> Project end date: Total Project duration (in months) Total budget EC contribution: (%) of total costs 50% (%) of elibible costs 50% <30/04/2008> Extension date: none <30> months Extension months none Name Beneficiary Contact person Postal address Data Beneficiary Municipaly of Lucca Dr. Mauro Di Bugno Via S.Giustina, Lucca Visit address Palazzo Santini Settore Dipartimentale 7 Tutela Ambientale - U.O. 7.1 Problematiche Ambientali Lucca Telephone Fax: Project Website Progress report 1

2 Notes Please refer to the Standard Administrative Provisions / Common Provisions Article 11 Technical activity reports for full details on what all reports Progress/Interim/Final Reports should contain. Progress reports must be submitted following the timetable as foreseen in the final version of the proposal attached to the Decision of the Commission / Grant Agreement, unless modified with agreement of the Commission. A progress report would normally contain approximately 10 pages (maximum 20) (descriptive text, a timetable, a summary table of the costs incurred, annexes). The technical part should contain a concise statement of the tasks undertaken and a forecast for the next reporting period. Any problems encountered during the period and possible deviations from project plans must be covered. Progress reports can be accompanied by annexes such as specific technical reports on issues relating to the project or reports and dissemination deliverables or other outputs from the project. Progress reports should be submitted in paper form (sending an additional digital version is appreciated). SUGGESTED STRUCTURE List of Contents 1. Lists of key-words Executive Summary... 3 A. Project objectives... 3 B. List of key deliverables and outputs... 4 C. Chapters Summary Project management... 5 A. General Problems encountered Dissemination Envisioned progress up to (next 6 months) Financial issues Progress and planned activities (Gantt-chart) Annexes Progress Report 2

3 1. Lists of key-words City logistics, integrated urban management, zero emissions vehicles, freight distribution. 2. Executive Summary A. Project objectives Il progetto CEDM ha l' obiettivo di sperimentare e dimostrare la validità di un approccio integrato e innovativo alla logistica urbana, fortemente orientato verso la cooperazione tra i diversi attori implicati nella catena logistica e verso l'adozione di differenti schemi innovativi di distribuzione e l implementazione di una serie di misure normative, organizzative, operative e tecnologiche - che contribuiranno a ridurre gli effetti negativi dei processi logistici. Il progetto nasce dalla necessità, sempre più presente in tutte le città europee negli ultimi anni, di far fronte a problemi quali la congestione del traffico e il consumo energetico ad esso correlato e per combattere l'inquinamento atmosferico ed acustico nelle aree urbane, i danni che questo provoca all ambiente vissuto, al patrimonio storico ed artistico ed alla qualità della vita dei cittadini. Se a ciò è stata data risposta attraverso le restrizioni e i limiti alla circolazione e accesso ai centri cittadini, non altrettanta attenzione è stata in genere posta ai processi di distribuzione urbana delle merci che rappresentano una delle maggiori fonti di consumo energetico, di emissione di gas nocivi e di inquinamento acustico nelle aree urbane, con i ben noti impatti negativi sulla qualità della vita e sull'ambiente delle nostre città. Il principale motivo di questa mancanza deriva dalla difficoltà ad affrontare in modo integrato le problematiche relative ai processi di logistica urbana in quanto questi implicano aspetti differenziati e correlati alla gestione delle città: l'aspetto istituzionale, quello normativo, quello riguardante politiche di mobilità, quello politico e sociale, senza contare le problematiche connesse al necessario consenso cittadino, ai processi operativi e commerciali e all'organizzazione infrastrutturale e tecnologica. L'Amministrazione del Comune di Lucca ha investito negli ultimi anni risorse rilevanti per raggiungere risultati significativi nella riduzione del consumo energetico correlato al traffico nelle emissioni di gas nocivi e di rumori per cercare di preservare la qualità dell'ambiente e il patrimonio storico ed architettonico. La volontà politica dell'amministrazione è quella di migliorare i servizi logistici del centro cittadino e delle immediate periferie, riducendone l impatto sociale ed ambientale ed indirizzandoli verso la sostenibilità e lo sviluppo. A tal proposito il progetto CEDM intende sperimentare modelli innovativi di logistica urbana con i seguenti obiettivi: verificare le funzionalità di una base logistica (transit point) ubicata nell immediata periferia del centro storico; sperimentare il funzionamento di una flotta di mezzi ecologici; sperimentare soluzioni tecnologiche per gestione di servizi logistici che conducano ad una riduzione mezzi in circolazione, all aumento dell indice di carico, ecc.; sperimentare servizi aggiuntivi per gli operatori commerciali e i loro clienti (terzializzazione magazzini, consegne ai parcheggi/domicilio/hotels, ritiro imballi). La realizzazione di CEDM e delle disposizioni correlate (normative, tecnologiche, infrastrutturali, ecc.) ha pertanto l obiettivo di: ridurre i livelli attuali di congestione di traffico commerciale delle merci riducendo il numero totale di veicoli nel centro storico e ottimizzando i carichi e gli itinerari di consegna; ridurre i livelli di inquinamento ambientale tramite la suddetta riduzione di traffico e l adozione di veicoli a bassa o a zero emissione; ridurre l'inquinamento acustico e il danneggiamento degli edifici storici dovuto alle vibrazioni provocate dal traffico merci; aumentare la sicurezza dei pedoni; migliorare la qualità di vita nel centro storico sia per i residenti, che per i turisti. Inoltre, l implementazione del progetto CEDM e delle iniziative correlate permetterà: migliorare i processi della catena logistica cittadina anche sperimentando tecnologie avanzate e innovative correlate alla base di logistica (piattaforma di gestione tecnologica, i tipi del veicolo, gli strumenti di controllo i modelli operativi ed economici) creazione di nuove opportunità occupazionali nel quadro nel quadro delle nuove attività altamente innovatrici; fornire un esempio concreto di nuovo concetto per la logistica della città e la distribuzione delle merci trasferibile ad altri siti nazionali ed europei. Il progetto è stato impostato con la collaborazione di tutti gli attori interessati (enti, associazioni, operatori, ecc.) e nella sua attuazione è prevista un loro costante coinvolgimento. Progress report 3

4 B. List of key deliverables and outputs Deliverable Date 31/01/06 Deliverable Description D1 - The CEDM Project Handbook & Inception Report (Responsible: MemEx) 30/04/08 D14 - The CEDM Layman s Report (Responsible: Comune di Lucca) 30/11/06 D15 - The CEDM GO/NOGO Report (Responsible: Comune di Lucca) 30/05/06 Progress Report (Responsible: Comune di Lucca) 30/11/06 Progress Report (Responsible: Comune di Lucca) 30/05/07 Mid-term Report (Responsible: Comune di Lucca) 30/11/07 Progress Report (Responsible: Comune di Lucca) 30/06/08 Final Report (Responsible: Comune di Lucca) 30/04/06 D2 - State of the art and user needs analysis (Responsible Comune di Lucca) 31/07/06 D3 - CEDM measures requirements (Responsible MemEx) 31/01/07 D4 - Clean Van Fleet study (Responsible : ENEA) 30/04/07 D5 - Freight service procedures (Responsible : MemEx) 30/04/07 D6 - City Accessibility Acts (Responsible: Comune di Lucca) 30/04/07 D7 - CEDM IT Platform services and functions (Responsible: Softeco) 31/10/07 S1 CEDM IT platform (Responsible: Softeco) 30/06/07 D8 Lucca Site application Planning (Responsible: Comune di Lucca) 28/02/08 D9 - CEDM Demonstration results and environment impacts (Responsible: ENEA) 28/02/08 S2 Validated CEDM IT platform (Responsible: Softeco) 31/01/06 WEB1 - The CEDM Website (Responsible: Softeco) 31/01/06 D12 DUP Dissemination Use Plan (Responsible: MemEx) Throughout the project lifetime 31/10/06 30/06/07 28/02/08 D13 CEDM Newsletter (Responsible: Comune di Lucca) (6 issues) WS1 1 st CEDM Workshop (Responsible: Comune di Lucca) WS2 2nd CEDM Workshop (Responsible: Comune di Lucca) WS3 Final CEDM International Conference (Responsible: Comune di Lucca) I principali outputs delle attività progettuali includono: - Specifica degli schemi di servizio di riferimento e degli aspetti normativi necessari per la gestione dei processi di distribuzione delle merci - Progettazione dell architettura tecnologica necessaria a supportare il progetto (tecnologie e servizi di base, integrazione con i sistemi di mobilità della città, accessibilità ai servizi logistici, etc.) - Analisi delle tecnologie disponibili e identificazione dei tipi di veicolo ecologico più idonei - Specifica degli obiettivi energetici ed ambientali, definizione degli indicatori di riferimento - Realizzazione del centro ecologico e delle disposizioni ad esso correlate: basi logistiche ( finanziate indipendentemente ed i cui costi non sono compresi nella proposta di progetto), piattaforma tecnologica (hardware e software), test di bassa o nulla emissione dei veicoli di trasporto merci, servizi di accessibilità, etc.; - Valutazione delle iniziative progettate sia riguardo i consumi energetici, i livelli di inquinamento e gli impatti economici dal punto di vista di modelli logistici sostenibili economicamente; - Generalizzazione delle normative a livello regionale e nazionale e confronto con la situazione europea; - Valutazione della trasferibilità dell approccio e dei risultati di CEDM; definizione dello scenario e dei principali aspetti delle normative sulle consegne delle merci integrate nelle politiche generali sul trasporto e la mobilità. Creazione di linee guida utili per il trasferimento e l adozione di soluzioni simili in altre città Europee; - Promozione dei risultati e dell approccio utilizzato sia a livello nazionale che a livello Europeo. Progress Report 4

5 Queste differenti attività saranno realizzate durante l arco del progetto, in accordo con la tempistica e l organizzazione modulare prevista nel progetto. C. Chapters Summary Nel seguito vengono illustrate le attività di gestione del progetto svolte dal coordinatore e dai partner ad oggi, lo realizzazione tecnica del progetto (suddivista per task ed ulteriore suddivisioni), i principali problemi incontrati, l attività di disseminazione e lo sviluppo per i prossimi 6 mesi. 3. Project management Il Comune di Lucca, partner beneficiario e coordinatore del progetto, ha partecipato direttamente alla realizzazione tecnica del progetto ed al coordinamento delle diverse attività e provvederà nelle varie fasi alla divulgazione dei risultati. Tiene registri contabili aggiornati conformemente ai normali principi stabiliti dalla legge e dalle norme esistenti. Conserva i giustificativi di tutte le spese, le entrate e gli introiti del progetto (comprese copie della documentazione dei partner e dei subcontraenti), fogli di presenza e documenti usati per il calcolo delle spese generali. Con l inizio del programma di progetto a seguito di un incontro è stato definito l Accordo tra il Comune di Lucca e i Partner contenente le determinazioni necessarie per lo sviluppo dei lavori. L Accordo descrive i compiti di ciascun partecipante e ne definisce gli aspetti finanziari (consortium agreement) Il Coordinatore del progetto, al fine di ottimizzare ed organizzare le attività di progetto, ha richiesto ad ogni partner di nominare un referente contabile, tecnico ed amministrativo, costituendo così tre distinte segreterie a cui fanno riferimento tre Responsabili da lui nominati. In questo modo è stato per il momento possibile trattare e considerare con incontri separati, i vari profili delle attività progettuali. Le attività di coordinamento delle tre segreterie in particolare per la segreteria tecnica, sono risultate utili non solo perché hanno consentito a tutti i partner di essere informati sullo sviluppo delle dei lavori per ogni singola task, ma sopratutto perché hanno permesso al coordinatore di ottenere il rispetto dei tempi di progetto.. Come, è stato definito lo steering commitee per il quale ogni partner ha indicato un responsabile. (Tutte le strutture per la gestione del progetto sono definite nel D1). Il 21 e il 22 novembre 2005 si è svolto a Lucca il Kick off meeting (KOM, vedi minute allegate), con il quale oltre ad avviare ufficialmente il progetto, è stata offerta l occasione ai partner di confrontarsi e definire le strategie operative di inizio del programma. Oltre al meeting di Lucca il 3 marzo 2006, si è svolto a Genova un secondo incontro (M2, vedi minute allegate) attraverso il quale sono stati definiti e consolidati i primi risultati, verificandone i tempi e le modalità di svolgimento per ogni singola azione assegnata ai partner. Oltre a due questi meeting si sono svolti incontri promossi dalla segreteria tecnica attraverso i quali sono state affrontate specifiche problematiche delle task attive del progetto. Le attività di questo Task sono in corso e procedono con l articolazione (4 subtask) prevista nel progetto. Organigram Con l Accordo stipulato ai sensi delle NAS 2004 il Comune di Lucca ed i partner si sono impegnati a costituire una Segreteria tecnico amministrativa - contabile con il compito di mantenere continuamente in contatto tutti i soggetti del progetto e di attuare una rapida divulgazione dei prodotti necessari alla realizzazione delle azioni previste dal progetto stesso. Sono pertanto state costituite tre distinte segreterie a cui fanno riferimento tre Responsabili. Il Coordinatore del progetto in sintonia con la Direzione Generale del Comune di Lucca ha inoltre predisposto un Ordine di Servizio interno, con il quale è stato costituito un Gruppo di Lavoro del quale fanno parte oltre ai dipendenti che hanno collaborato con gli altri partner alla redazione del progetto, altri dipendenti appartenenti ad altri settori/uffici interessati alle attività previste dal progetto. Si allega al riguardo Ordine di Servizio n. 78 del del Comune di Lucca. Progress Report 5

6 5. Technical development A. General La presente tabella riassume le task attive nel semestre considerato dal report: Task Task Title Action Deliverables 1.1 Coordinamento del Progetto 1.2 Gestione del progetto Gestione del Progetto e 1.3 Gestione del Progetto 1 Reporting alla CE Locale 1.4 Azione GO/NOGO 2 Stato dell arte e requisiti locali, regionali, Europei 6 Disseminazione 5.2. Task 1 Subaction Stato dell arte ed aspetti istituzionali, organizzativi ed operativi 2.2 Analisi delle esigenze e delle condizioni di supporto 2.3 Requisiti e modelli operativi CEDM 6.1 Produzione del piano di Diffusione e Promozione 6.2 Individuazione dei canali comunicativi ed identificativi CEDM 6.3 Realizzazione e mantenimento del sito web CEDM 6.4 Newsletters e attività di diffusione CEDM 6.5 Workshops Internazionali e conferenza su CEDM 6.6 CEDM Comunicazione After-LIFE 31/01/06 D1 The CEDM Project Handbook 30/05/06 Rapporto d Avanzamento 30/04/06 D2 State of the art and user needs analysis 30/01/06 WEB 1 The CEDM Website 30/01/06 D12 DUP Dissemination Use Plan Titolo: Coordinamento del Progetto CEDM Data prevista 11/05al 04/08 Data effettiva 11/05 al 04/08 Responsabile Comune di Lucca Massimo monitoraggio delle strategie del progetto adottate, ricerca di sostenitori politici del progetto, organizzazione di riunioni ed attività promozionali, realizzazione delle attività previste dal Consortium Agreement stipulato tra i partners indicante tutte le responsabilità individuali e condivise. Stato In corso Cosa è stato fatto Nel semestre il Coordinatore, in collaborazione con i vari responsabili di task, ha sviluppato una costante attività di coordinamento dei vari partner e di costante monitoraggio delle attività del progetto. Il coordinamento è stato pure rivolto verso le attività di disseminazione, le quali sono peraltro inserite in una task specifica. In particolare è stato predisposto e firmato da tutti i partner il Consortium Agreement come richiesto dalla Commissione. Nell ambito dell attività di coordinamento il 21 e il 22 novembre 2005 si è svolto a Lucca il Kick off meeting, con il quale oltre ad avviare ufficialmente il progetto, è stata offerta l occasione ai partner di confrontarsi e definire le strategie operative di inizio del programma. Oltre al meeting di Lucca il 3 marzo 2006, si è svolto a Genova un secondo incontro attraverso il quale sono stati definiti e consolidati i primi risultati, verificandone i tempi e le modalità di svolgimento per ogni singola azione assegnata ai partner. Oltre a due questi convegni si sono svolti incontri promossi dalla segreteria tecnica attraverso i quali sono state affrontate specifiche problematiche progettuali. Agenda e Verbale del Kick-off meeting e del Meeting di Genova. Progress Report 6

7 Subaction 1.2 Titolo:Gestione del Progetto CEDM Data prevista 11/05al 04/08 Data effettiva 11/05 al 04/08 Responsabile MemEx L assistenza del responsabile di task al Coordinatore nella gestione del progetto per assicurare il raggiungimento degli obiettivi stabiliti entro i tempi e le risorse previste. In questa subtask sono previste le seguenti attività: gestione e amministrazione del progetto; identificazione e soluzione dei problemi potenziali o adozione delle misure correttive se necessario; controllo Interno della Qualità; monitoraggio e verifica del regolare sviluppo/avanzamento del progetto; elaborazione dei rapporti periodici sull andamento del progetto in relazione agli obiettivi pianificati. Il responsabile di task elabora il Project Handbook all inizio del progetto in cui tutte le procedure, le responsabilità ed i compiti gestionali sono dettagliatamente descritti. Tali procedure includono i criteri per il monitoraggio del raggiungimento degli obiettivi, di un corretto coordinamento tecnico/amministrativo per la puntualità nelle consegne e la qualità dei prodotti, l effettiva comunicazione, disseminazione e valutazione periodica dei rapporti allo SC. Stato In corso Cosa è stato fatto In questo sottostask è stata sviluppato quanto, in particolare una costante azione di monitoraggio per il controllo delle attività svolte dai vari partner e per la verifica del rispetto della tempistica prevista. E stato deciso che i principali documenti e deliverable di progetto (compresa la proposta a suo tempo approvata dalla Commisione siano redatti sia in italiano che in inglese. E stata inoltre prodotta la traduzione in inglese anche delle comunicazione interne tra i partner. Tale decisione è stata resa immediatamente operativa. E stato relaizzato il deliverable D1 nel periodo di riferimento Subaction 1.3 Deliverable D1 - The CEDM Project Handbook Titolo: Gestione del progetto Locale Data prevista 11/05al 04/08 Data effettiva 11/05 al 04/08 Responsabile Comune di Lucca A livello di sito locale, il Comune di Lucca supportato da Memex è responsabile della gestione delle attività locali per la realizzazione del progetto sul sito Lucca e per la produzione della relativa documentazione. Stato In corso Cosa è stato fatto Definita la struttura operativa locale all interno del Comune di Lucca. Sono state coordinate le attività locali previste negli specifici task di progetto. Ordine di servizio Comune Lucca n. 78 del Subaction 1.4 Titolo: AzioneGO/NOGO Data prevista 11/05al 10/06 Data effettiva 11/05 al 10/06 Responsabile Comune di Lucca Lo scopo di questa azione è analizzare l andamento del progetto ed elaborare tutte le informazioni necessarie tecniche e finanziarie - per permettere alla Commissione di decidere se continuare a finanziarlo. L attività di questo importante task sarà diretta dallo Steering Committee (SC) presenziato dal Coordinatore. I risultati saranno inclusi nel deliverable per il 13imo mese insieme al secondo Rapporto d Avanzamento. Stato In corso Cosa è stato fatto Sviluppate le attività preliminari per la definizione della struttura del documento D15 The CEDM GO/NOGO Report Progress Report 7

8 5.3. Task 2 Subaction 2.1 Titolo: Stato dell arte ed aspetti istituzionali, organizzativi ed operativi Data prevista 11/05al 04/06 Data effettiva 11/05 al 04/06 Responsabile Comune di Lucca Analisi dello stato dell arte dei processi di distribuzione delle merci nelle città Europee. Indagine sugli scenari istituzionali con particolare attenzione agli aspetti normativi in vigore (accesso alla città, limiti all accesso di autocarri e furgoni, orario di accesso e tempo di permanenza, permessi per la circolazione di vari tipi di merci, etc.) agli aspetti ambientali (veicoli ecologici, restrizioni al flusso di traffico, etc.) ed in ultimo ai profili economici (accrescere le attività delle piccole e medie imprese, creare nuove opportunità di lavoro, etc.). Analisi a livello operativo riguardante l integrazione tra gli schemi di mobilità e le diverse infrastrutture tecnologiche dedicate al controllo della mobilità. Stato Conclusa il Cosa è stato fatto Sono state svolte tutte le attività di analisi previste ed in particolare quelle relative al processo di distribuzione merci nella città di Lucca, l analisi degli scenari istituzionali-normativi ed è stato analizzato in termini di costi/benefici l impatto che la struttura ed i servizi CEDM può avere sul settore della logistica urbana. In considerazione della rilevanza di queste tematiche, pur se formalmente il sottotask è terminato, queste attività di analisi proseguiranno e daranno luogo a successivi aggiornamenti del deliverable D2. Subaction 2.2 Deliverable D2 Stato dell arte ed analisi dei bisogni dell utenza Titolo: Analisi delle esigenze e condizioni di supporto Data prevista 11/05al 04/06 Data effettiva 11/05 al 04/06 Responsabile Comune di Lucca Analisi delle esigenze dell intero processo di distribuzione delle merci sono dal punto di vista delle autorità cittadine e rispetto alle diverse categorie di utenza coinvolte nel processo di logistica urbana. L analisi dei bisogni degli utenti affronta vari livelli : istituzionali, politici, operativi ed infrastrutturali attraverso una chiara identificazione delle situazioni esistenti e delle principali indicazioni fornite dagli stakeholders locali, dalle Autorità e dagli operatori stessi. Contributi alle attività dei Task 2.1 e Task 2.2 saranno forniti da vari partner, ciascuno per le proprie competenze. Queste analisi saranno condotte con il coinvolgimento degli stakeholders locali in riferimento ai vari livelli istituzionali coinvolti (i.e. Associazioni di categoria, ). Stato Conclusa il Cosa è stato fatto Sono state svolte tutte le attività di analisi previste ed in particolare quelle relative alla definizione dei bisogni utenti. In considerazione della rilevanza di queste tematiche, pur se formalmente il sottotask è terminato, queste attività di analisi e di coinvolgimento degli stakeholders locali, proseguiranno e daranno luogo a successivi aggiornamenti del deliverable D2. Subaction 2.3 Deliverable D2 Stato dell arte ed analisi dei bisogni dell utenza Titolo: Requisiti e modelli operativi CEDM Data prevista 11/05al 07/06 Data effettiva 11/05 al 07/06 Responsabile MemEx Con riferimento all analisi dei bisogni e delle questioni istituzionali/operative identificate nei Tasks 2.1 e 2.2, era prevista la definizione di un nucleo centrale di requisiti (schemi operativi di distribuzione delle merci, ruolo della base logistica, flotte ecologiche ed innovative, la piattaforma tecnologica, ) come base per la progettazione di CEDM. Un attenzione particolare era stata attribuita alla definizione dei requisiti specifici per personalizzare la piattaforma IT di CEDM per il supporto del processo logistico. Il modello economico iniziale di CEDM sarà definito e validato durante la fase di applicazione. I contributi al Task 2.3 sono forniti dal Comune di Lucca, MemEx e COTAS (per le misure ed i requisiti organizzativi, operative e di supporto di CEDM) e da Softeco Sismat (aspetti della piattaforma IT). Stato In corso Cosa è stato fatto E in corso la definizione degli schemi operativi di distribuzione, ottimali per il sito Lucca, tenuto conto della doppia possibilità di utilizzo di una base logistica temporanea (in collaborazione con un Progress Report 8

9 operatore locale) e della prevista base CEDM in corso di progettazione che verrà compitamente sviluppata nel Task 3 di prossimo inizio Task 6 Subaction 6.1 Titolo: Produzione del Piano di Diffusione e Promozione Data prevista 11/05 al 01//06 Data effettiva 11/05 al 01//06 Responsabile Comune di Lucca Era stabilita l elaborazione un Piano di Diffusione e Promozione per assicurare un approccio coerente alla disseminazione. E stata considerata rilevante la verifica dei principali targets del progetto così da poter individuare per ciascuno di essi, le principali informazioni da fornire. Il Piano avrebbe a questo fine identificato i migliori canali comunicativi che si adattano maggiormente al pubblico target. Le linee guida pubblicate di recente dal Dipartimento di Ricerca della Commissione sono state prese come riferimento. Stato Conclusa il Cosa è stato fatto Subaction 6.2 E stato elaborato un Piano di Diffusione e Promozione per assicurare un approccio coerente alla disseminazione. Sono stati considerati i principali targets del progetto e, per ciascuno di essi, sono state individuate le principali informazioni da fornire. Il Piano ha identificato i migliori canali comunicativi che si adattano maggiormente al pubblico target. Deliverable D12 Dissemination and promotion plan Titolo: Individuazione dei canali comunicativi ed identificativi CEDM Data prevista 11/05 al 01//06 Data effettiva 11/05 al 01//06 Responsabile Memex L identità di CEDM, basata sul PDP, è stata identificata con il logo del progetto, un immagine ed un sito web. I canali comunicativi sono organizzati per permettere una efficace comunicazione tra i membri del Consorzio e tra questo e l esterno. Stato Concluso al Cosa è stato fatto Subaction 6.3 Sono state svolte tutte le attività previste, in particolare è stato condotto un rilevante studio grafico che ha portato alla definizione di alcune proposte di logo, tra le quali è stata selezionata quella ritenuta più appropriata. E stata attivata una specifica mailing list per una ottimale comunicazione tra i partner rispetto alle competenze ad alle varie fasi operative. Logo ufficiale CEDM Titolo: Realizzazione e mantenimento del sito web di CEDM Data prevista 11/05 al 04/08 Data effettiva 11/05 al 04/08 Responsabile Softeco Sismat Era prevista la creazione di un sito web dedicato alla promozione del progetto identificato anche come risorsa chiave di tutto il materiale prodotto nelle varie attività di progetto. Al sito web è affidata la pubblicazione di informazioni, novità, stato d avanzamento, deliverables, rapporti, links e risultati. Era prevista la strutturazione in due parti: A) Parte pubblica: per disseminare le informazioni del progetto; B) Parte Privata: per supportare la comunicazione e la gestione del progetto tra i partners del Consorzio. Per il PORTALE PUBBLICO CEDM era stabilita la seguente struttura: 1) Informazioni sul Progetto; 2) Partners; 3) Risultati; 4) Studi; 5) Applicazioni sulla logistica urbana; Altri (, Links, Ricerca). Per ogni sezione erano previste diverse sotto-sezioni. Per il PORTALE PRIVATO CEDM era prevista la seguente struttura: Comunicazioni tra I partners. Questa sezione con le seguenti regole: - Una lista chiusa: solo I partners registrati possono inviare messaggi; ogni altro messaggio esterno è rifiutato - Ogni messaggio inviato alla lista è inoltrato a TUTTI I partners - le Risposte (Re) ad ogni messaggio sono automaticamente inoltrate a TUTTI i partners Il Document Repository del progetto. Un server centralizzato con accesso ristretto ai partners di CEDM nel quale i partner potranno: - caricare/scaricare documenti Progress Report 9

10 Stato Cosa è stato fatto Subaction 6.4 Stato Cosa è stato fatto - ricercare documenti - consultare calendario eventi, notifiche, etc. - consultare la rubrica con gli indirizzi dei partners Tutti i partners usano il Document Repository come uno spazio condiviso per caricare/scaricare/accedere ai documenti di progetto. Il portale privato di CEDM è accessibile da quello pubblico attraverso la sezione Partners only e l uso di una username e password specifiche. In corso di realizzazione. In anticipo rispetto alle scadenze progettuali è stato realizzato il CEDM web site, secondo le specifiche di progetto. E stato realizzato uno specifico manuale utente. E attiva la fase di aggiornamento costante dei contenuti e della manutenzione tecnica del sito. Home page Titolo: Newsletters e attività di diffusione di CEDM Data prevista 03/06 al 04/08 Data effettiva 03/06 al 04/08 Responsabile Comune di Lucca E prevista la realizzazione di diverse Newsletters almeno due per anno indirizzate a categorie professionali internazionali allo scopo di suscitare interesse nel progetto. Altre attività di disseminazione riguarderanno: - link con iniziative e progetti sulla distribuzione urbana delle merci sia a livello nazionale che a livello Europeo. A livello nazionale, tali links includono progetti sulla logistica urbana come ad es. il progetto MERCI (co-finanziato dal Ministero dell Ambiente Italiano) mentre a livello Europeo, lo scambio di informazioni sarà stabilito con iniziative quali BESTUFS II( 6 Programma quadro, programma IST), CIVITAS (trasporto sostenibile) e progetti simili (e.g. TELLUS, VIVALDI, TRENDSETTER, CARAVEL, etc.) - partecipazione ad eventi del settore (logistica e mobilità urbana, soluzioni ITS, ecc.) - partecipazione ad eventi di disseminazione organizzati dal programma LIFE - presentazione del concetto e dei risultati di CEDM ad ogni Conferenza Comunale o Regionale ( prevista sia per il Comune di Lucca che per la Regione Toscana). Anche il Ministero dell Ambiente Italiano effettuerà attività di disseminazione. In corso di realizzazione. Sono state svolte attività di disseminazione, trale quali le principali sono le seguenti: Preparazione della partecipazione al Workshop internazionale Infomobilità e trasporti flessibili verso l e-governance e la sostenibilità delle città europee, Firenze, maggio 2006 (altre informazioni, v. -7eb7) con diffusione di specifiche brochure e evidenziazione del logo CEDM. Preparazione alla partecipazione al Mobility show di Carrara che si terrà dal 21 al 23 Settembre (www.mobilityshow.it ). Brochure e home page Carrara 4. Problems encountered Al momento, la gestione e la realizzazione del progetto non ha incontrato problemi degni di nota. Si segnala che uno degli aspetti critici, che riguarda la costruzione con proprie risorse della base logistica dalla quale potrebbe essere gestita la dimostrazione, è stato sciolto positivamente dal Comune di Lucca in quanto sta per essere rilasciato il permesso di costruire e viene pianificato che la base dovrebbe essere pronta entro termini compatibili con quelli del progetto. Qualora questo non fosse, come nel progetto nel Task 3.1, verrà utilizzata una preesistente base logistica (o al limite un pool di basi) tramite un accordo con operatori del settore, per svolgere l attività di dimostrazione e di validazione delle misure CEDM, fatto salvo che la realizzanda base verrà comunque successivamente utilizzata per realizzare il servizio distribuzione ecologia delle merci nel centro storico.si ricorda infine che l analisi delle criticità del progetto e delle opportune contromisure verrà dettagliata nel Deliverable D15 nel prossimo semestre. 5. Dissemination Progress Report 10

11 L attività di disseminazione viene considerata come attività fondamentale per la vita del progetto e come tale è stata inserita come task specifico con propri obiettivi e prodotti. Il primo punto raggiunto è stata la realizzazione del PDP. A partire da questo è stato definito il logo del progetto ed è stato realizzato il sito Web per la comunicazione esterna al consorzio e per quella interna, mediante la strutturazione di un area riservata con funzionalità assai articolate. Informazioni sul progetto sono pure reperibili sul sito web del Comune di Lucca. Nel frattempo, sono state predisposte due partecipazioni ad eventi di livello internazionali sul tema della mobilità. 6. Envisioned progress up to (next 6 months) Durante i prossimi sei mesi verranno realizzate le attività previste dal progetto. In particolare, proseguiranno le attività previste nei task già attivi ed inizieranno quelle dei task che verranno attivati nel periodo considerato. Complessivamente le task vengono di seguito riportate. Task Task Title Action (foreseen in the next 6 months) 1.5 Coordinamento del Progetto 1.6 Gestione del progetto Gestione del Progetto e 1.7 Gestione del Progetto 1 Reporting alla CE Locale 1.8 Azione GO/NOGO 2 Stato dell arte e requisiti locali, regionali, Europei 3 CEDM Measures design and realisation 6 Disseminazione 2.4 Stato dell arte ed aspetti istituzionali, organizzativi ed operativi 2.5 Analisi delle esigenze e delle condizioni di supporto 2.6 Requisiti e modelli operativi CEDM Task Design and Realisation of CEDM Operational Logistics base (leader Lucca Municipality). Task 3.2 Design, Customisation and Development of CEDM IT Platform (leader Softeco). Task T3.3 - Clean Freight Fleets (leader ENEA). Task Freight Distribution schemes (leader MemEx). Task City Normative scenario (leader Comune di Lucca). 6.7 Produzione del piano di Diffusione e Promozione 6.8 Individuazione dei canali comunicativi ed identificativi CEDM 6.9 Realizzazione e mantenimento del sito web CEDM 6.10 Newsletters e attività di diffusione CEDM 6.11 Workshops Internazionali e conferenza su CEDM 6.12 CEDM Comunicazione After-LIFE Deliverables (foreseen in the next 6 months) 30/11/06 Rapporto d Avanzamento 30/11/06 The CEDM GO/NOGO Report 31/07/06 D3 - CEDM measures requirements D13 CEDM Newsletter Si segnala che tra le attività di disseminazione previste, si ritiene utile la partecipazione del progetto all incontro European Green Week nel 2007 o A tal fine, per gestire la partecipazione all evento, il Comune di Lucca si raccorderà con il Comune di Aalborg in previsione di una loro partecipazione congiunta.. Progress Report 11

12 Inoltre il Comune di Lucca prevede di presentare il progetto CEDM alla conferenza Sustainable Logistics in an Intermodal Setting, Logistics Research Network Annual Conference 2006, 6th 7th September 2006, Newcastle, UK. Il progetto intende pure presentare la propria attività e attuare uno scambio di informazioni con due iniziative simili a quella progettata per la città di Lucca e che riguardano le città di Vicenza e di Padova, città i cui problemi di gestione della logistica urbana, per le caratteristiche del tessuto storico ed architettonico urbano, presentano forti analogie con la città di Lucca. I progetti di ottimizzazione della distribuzione urbana delle merci, svolta tramite uso di veicoli ecologici sono: Vicenza, VELOCE - Vicenza Eco-LOgistic CEnter (http://www.velocelogistic.it) Padova, CITYPORTO (http://www.cityporto.it/index.html). Progress Report 12

13 7. Financial issues Fill in the following table. PROJECT COSTS INCURRED Cost category Total cost according to the Commision's decision* Costs incurred from the start date to %** 1. Personnel , , Travel , , Outside assistance , Durables: total nondepreciated cost - Infrastructure sub-tot. - Equipment sub-tot. - Prototypes sub-tot. 5. Consumables 6. Other costs , Overheads , , SUM TOTAL , , *) If the Commission has officially approved a budget modification indicate the breakdown of the revised budget **) Calculate the percentages by budget lines: How many % of the budgeted personnel costs are incurred by xx.xx.xxxx Comment on the budget posts, particularly discrepancies (for example why 80% of one post is spent although the overall level is 30% of the budget spent) and indicate if any budget modification is expected. Settled costs, incurred from the start date to , correspond to our expectation. There are no discrepancies between the budget posts. The 0% of the outside assistance costs depends on the delayed payment (the works are beginning but we must pay them at the date of 30 th of April. There are a lot of other costs incurred but not settled yet. The total amount of these costs is about ,00. The total amount of the project costs incurred is about ,00 (13,88% of the total costs of the project). We don t expect any budget modification. If before interim payment, indicate when the 30 % threshold value of total costs is expected to be reached. If before interim payment, indicate when the 30 % threshold value of total costs is expected to be reached. We will probably reach the 30% of the total costs of the project within the 31th of December2006. Progress Report 13

14 8. Progress and planned activities (Gantt-chart) Task/activities Task01 - Project Management and Reporting to EC Task02 - State of the art and Local, Regional and European requirements Task03 - CEDM Measures Design and Realisation Task04 -Site Demonstration and Environmental impacts evaluation Task05 - Business case and European dimension Task06 - Dissemination Proposed Actuals Proposed Actuals Proposed Actuals Proposed Actuals Proposed Actuals Proposed Actuals T4 30/04/2006 T2 (1/11/2005) T1 T2 T3 T4 T1 T2 T3 T4 T1 (30/04/2008) 9. Annexes Maps, drawings, technical designs, technical memos etc. as appropriate. Make a reference to the annexes in report text. In case the annexes are presented in local language a summary (titles, headings, map keys etc) in English should be included, either in the report text or in the annexes 1. elaborati grafici relativi alla piattaforma logistica CEDM 1.a Planimetria Gnerale 1.b Pianta Piano Terra 1.c Pianta Piano Primo 1.d Sezioni 1.e Prospetti est- ovest 1.f Prospetti nord sud 1.g Rendering 2. Agenda e verbale Kich off meeting Genova 3. D1 The CEDM Project Handbook 4. Ordine di servizio del Comune di Lucca n.78 del D2 State of the art and user needs analysis 6. D12 DUP Dissemination Use Plan 7. Logo ufficiale CEDM 8. Home page sito web CEDM 9. Brocure e Home page Carrarra Progress Report 14

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05. QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.2013 Il progetto QUEST Gli obiettivi Offrire supporto alle città

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico O9 P o l i c y A d v i C E n ot e s innovativi per il trasporto L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

PROGETTAZIONE EUROPEA:

PROGETTAZIONE EUROPEA: PROGETTAZIONE EUROPEA: SUGGERIMENTI PER LA STESURA DI PROGETTI DI RICERCA EUROPEI A cura di: Dott.ssa Federica Fasolato Divisione Ricerca Sezione Internazionale e Nazionale ricerca@unive.it Per ulteriori

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Lotta alla povertà, cooperazione allo sviluppo e interventi umanitari Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Con il contributo del Ministero

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE Progetto SEE-ITS in breve SEE-ITS è un progetto transnazionale che mira a stimolare la cooperazione, l'armonizzazione e l'interoperabilità tra Sistemi di Trasporto Intelligenti (ITS) nel Sud-Est Europa.

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

Collabor@ Organizza riunioni on-line da qualunque PC Recupera il tuo tempo Taglia i costi dei tuoi spostamenti Rispetta l ambiente DISCO DI VENDITA

Collabor@ Organizza riunioni on-line da qualunque PC Recupera il tuo tempo Taglia i costi dei tuoi spostamenti Rispetta l ambiente DISCO DI VENDITA GRUPPO TELECOM ITALIA Collabor@ Organizza riunioni on-line da qualunque PC Recupera il tuo tempo Taglia i costi dei tuoi spostamenti Rispetta l ambiente DISCO DI VENDITA Indice Guida Veloce Contatti Quando

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

LA GESTIONE DEI PROGETTI DI RICERCA NEI PROGRAMMI QUADRO EUROPEI

LA GESTIONE DEI PROGETTI DI RICERCA NEI PROGRAMMI QUADRO EUROPEI LA GESTIONE DEI PROGETTI DI RICERCA NEI PROGRAMMI QUADRO EUROPEI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO LUGLIO 2012 Informazione in ordine alle raccomandazioni della Commissione Europea sui progetti finanziati

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS Introduzione La nostra soluzione sms2biz.it, Vi mette a disposizione un ambiente web per una gestione professionale dell invio di

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli