Programmazione Java Avanzata Programmazione Object- Oriented in Java

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programmazione Java Avanzata Programmazione Object- Oriented in Java"

Transcript

1 Programmazione Java Avanzata Programmazione Object- Oriented in Java Ing. Gianluca Caminiti

2 Testi di Riferimento (Java) Cay Horstmann Concetti di informatica e fondamenti di Java Apogeo, 2007 (Versione Inglese) Cay Horstmann Big Java 3rd edition Wiley, 2008

3 Sommario Richiami di base su Java ( OOP ) Programmazione Object-Oriented Incapsulamento, Ereditarietà, Polimorfismo Incapsulamento, Ereditarietà in Java Classi Astratte e Interfacce in Java Polimorfismo in Java 3

4 Richiami di base su Java In Java non esistono i puntatori, ma i riferimenti I riferimenti non si possono manipolare direttamente (come in C++) Creazione di riferimenti e instanziazione es. int i; (crea un riferimento ad int e lo istanzia) Object o; (crea un rif. ad Object ma non lo istanzia) Object o = new Object(); 4

5 Richiami di base su Java Convenzione: le variabili iniziano con lettera minuscola. Tutte le variabili (locali) devono essere inizializzate prima di essere utilizzate. Eccezione: I campi di esemplare sono inizializzati ad un valore di default. Parametro implicito (this). keyword final per dichiarare costanti. 5

6 Richiami di base su Java I tipi primitivi (numerici) come int, float, double, ecc. non sono oggetti. Per utilizzarli come tali esistono le classi wrapper Integer, ecc. Non esiste il concetto di puntatore, ma solo quello di riferimento. Tutte le variabili che contengono oggetti sono riferimenti, tranne quelle che contengono tipi primitivi. Non esiste il concetto di distruttore (per la presenza nella VM del Garbage Collector). 6

7 Richiami di base su Java Il passaggio di parametri è fissato: per valore (tipi primitivi) per riferimento (tipi oggetto) Le variabili locali devono essere inizializzate prima di essere utilizzate. Gli attributi, se non inizializzati dal costruttore, assumono il valore zero per i tipi numerici e null per quelli di tipo riferimento a oggetto. 7

8 Programmazione Object-Oriented Paradigma di programmazione che mette al centro la nozione di oggetti, raggruppati in classi. Una classe definisce un tipo di dati che rappresenta una nozione (concreta o astratta della realtà). Ogni oggetto è definito da un insieme di dati (attributi) e funzioni (metodi). Gli attributi ne rappresentano lo stato, i metodi ne modellano il comportamento. 8

9 Programmazione Object-Oriented Lo scopo principale dell OOP è consentire il riuso del codice attraverso la sua modularizzazione per minimizzare la presenza di bug e accelerare i tempi di sviluppo del software. Caratteristiche fondamentali dei linguaggi OOP: Incapsulamento Ereditarietà Polimorfismo 9

10 Incapsulamento Ogni oggetto contiene sia i propri dati che le funzioni che operano su tali dati. L accesso ai dati di un oggetto non può avvenire direttamente, ma soltanto attraverso i metodi pubblici di quell oggetto. Questo risultato si ottiene usando i qualificatori di accesso. Oggetti come scatole nere : non sono noti i dettagli di funzionamento, ma solo l'interfaccia. E possibile cambiare l implementazione di un oggetto senza influenzare gli oggetti che da esso dipendono. 10

11 Ereditarietà Estensione di una classe base attraverso il riuso del codice della stessa in una classe derivata che la specializza. La classe derivata eredita (li vede come se fossero i suoi) attributi e metodi (non privati) della classe base. Relazione IS_A (Principio di Sostituzione). La classe derivata può ridefinire attributi/metodi della classe base o avere attributi/metodi aggiuntivi. L ereditarietà può essere singola o multipla. 11

12 Ereditarietà Mezzo di Trasporto Studente Lavoratore Automobile Studente-Lavoratore StationWagon 12

13 Polimorfismo Permette di avere metodi con la stessa signature che si comportano in modo differente a seconda degli oggetti su cui vengono invocati. Polimorfismo ed ereditarietà (subtyping): uso di metodi che accettano in input il super-tipo ma il cui comportamento si adatta ai sotto-tipi. Late binding la scelta del metodo corretto avviene a run-time e non a compile-time (Virtual table o metadati). 13

14 Early/Late Binding Early Binding Gli indirizzi dei metodi associati agli oggetti sono conosciuti a compile-time. E il compilatore a scegliere il metodo giusto fra i metodi candidati. Late binding Gli indirizzi dei metodi associati agli oggetti non sono noti a compile-time. La selezione del metodo avviene a run-time (tramite Method Table o atre tecniche). Method Table Ogni classe è associata ad una tabella che gestisce le chiamate dei metodi che è possibile invocare per quella classe. Ogni oggetto è associato alla tabella della classe corrispondente. 14

15 Incapsulamento in Java Qualificatori di accesso: public private protected (valido solo per attributi/metodi) package (per default) Per ciascun attributo/metodo si deve specificare un qualificatore (non esistono le sezioni del C++). 15

16 Ereditarietà in Java Sintassi: class Derivata extends Base Aggiunta/overriding di attributi/metodi Accesso ad attributi/metodi della classe Base: uso di super Ereditarietà pubblica : non è possibile ridurre l accesso ad attributi/metodi nella classe Derivata attraverso overriding. Solamente ereditarietà singola. 16

17 Ereditarietà in Java Esempio: public class Studente extends Persona Studente può aggiungere attributi (es. matricola) o metodi (es. get_matricola()). Studente può (deve) ridefinire metodi di Persona (es. void print()). 17

18 Classi Astratte in Java Classi in cui alcuni metodi sono astratti (non sono implementati, c è solo la signature). Sintassi: public abstract class FiguraGeometrica { public abstract double perimetro(); } Non è possibile istanziare oggetti di una classe astratta. E possibile dichiarare riferimenti di tipo astratto. Per istanziare oggetti è necessario derivare una classe che implementa tutti i metodi astratti. 18

19 Classi Astratte in Java Esempio: public class Quadrato extends FiguraGeometrica { public double perimetro() { return misuralato*4;} } E possibile istanziare oggetti di Quadrato solo se tutti i metodi astratti ereditati sono implementati. E possibile inizializzare un riferimento FiguraGeometrica con un oggetto Quadrato (subtyping). 19

20 Interfacce in Java Simili alle classi astratte, ma possono contenere solo signature di metodi (pubblici) senza implementazione. Servono a forzare una classe a implementare un insieme di metodi. I metodi sono pubblici per default. Sintassi: public interface FiguraGeometrica { public double perimetro(); } Non è possibile istanziare oggetti di una interfaccia. E possibile dichiarare riferimenti di tipo interfaccia. 20

21 Interfacce in Java E possibile istanziare oggetti di una classe che implementa quell interfaccia. Sintassi: public class Quadrato implements FiguraGeometrica { public double perimetro() { return misuralato*4;} } Le interfacce permettono di realizzare un meccanismo equivalente a quello dell ereditarietà multipla (usando implements con più di una interfaccia alla volta). 21

22 Interfacce in Java E possibile: FiguraGeometrica f = new Quadrato(6);? E possibile: Quadrato q = f;? 22

23 Interfacce in Java E possibile: FiguraGeometrica f = new Quadrato(6);? SI E possibile: Quadrato q = f;? NO Quadrato q = (Quadrato) f; (si deve fare un casting possibilità di eccezioni) 23

24 Polimorfismo in Java Il comportamento del programma varia in funzione del tipo effettivo di un oggetto. Si può realizzare in tre modi: Usando le interfacce Usando le classi astratte Usando il subtyping 24

25 Polimorfismo (interfacce) Esempio: array di elementi di tipo FiguraGeometrica e calcolo del perimetro per ogni elemento. Ci sono due classi, Quadrato e Rettangolo, che implementano l interfaccia FiguraGeometrica. Se x è di tipo FiguraGeometrica, che cosa restituisce x.perimetro()? 25

26 Polimorfismo (classi astratte) Esempio(idem): array di elementi di tipo FiguraGeometrica e calcolo del perimetro per ogni elemento. Ci sono due classi concrete, Quadrato e Rettangolo, che estendono la classe astratta FiguraGeometrica. Se x è di tipo FiguraGeometrica, che cosa restituisce x.perimetro()? 26

27 Polimorfismo (subtyping) Esempio: public class Studente extends class Persona ho un array di oggetti di tipo Persona sui cui elementi invoco un metodo void print() Cosa succede se scrivo: Persona p = new Studente( Mario, Rossi, 46376); p.print();? 27

28 Fine I Parte

29 Inizio II Parte

30 Sommario Programmazione Generica Genericità con la classe Object Genericità con i template Gestione delle Eccezioni 30

31 Programmazione Generica Tecnica di programmazione per cui è possibile realizzare strutture dati e algoritmi che funzionano con diversi tipi di dati. In Java questo è possibile attraverso due tecniche: uso dell ereditarietà uso delle classi generiche 31

32 Genericità con Object E un estensione del principio di sostituzione applicata al fatto che ogni classe Java è sottoclasse (diretta o indiretta) della classe Object. Si creano strutture dati che utilizzano tipi Object per permettere l inclusione di tipi generici. 32

33 Genericità con Object Vantaggi: compatibilità col codice legacy (prima di Java 1.5.0) Svantaggi: non c è controllo sui tipi a tempo di compilazione si deve usare il casting per recuperare il behaviour dell oggetto di partenza si deve leggere il codice per capire il tipo effettivo utilizzato 33

34 Genericità con Template Si usano dei segnaposto per rappresentare i tipi generici che sono usati nelle classi. Sintassi: public class nome_classe <T1, > Vantaggi: Codice leggibile da chiunque Controllo a tempo di compilazione su violazioni di tipo Compatibilità col vecchio codice Svantaggi: nessuno, al momento. 34

35 Eccezioni controllate e non Eccezioni controllate: Il complatore controlla che noi non le ignoriamo dovute a circostanze esterne che il programmatore non può evitare Es. FileNotFoundException Eccezioni non controllate: rappresentano un errore del programmatore Es. ArrayIndexOutOfBoundsException

36 Gestione delle Eccezioni Due Possibilità: 1. Catturare l eccezione blocchi try / catch 2. Dire al compilatore che vogliamo terminare il metodo quando si verifica l eccezione. Usare throws Enunciato finally Per eseguire task che devono essere comunque completati (sia in presenza che in assenza di errori, es. chiusura file)

37 Eccezioni controllate e non

38 Eccezioni controllate e non

39 Riferimenti Cay Hortstmann, Concetti di Informatica e fondamenti di Java, Apogeo.

Corso di Algoritmi e Strutture dati Programmazione Object- Oriented in Java (Parte I)

Corso di Algoritmi e Strutture dati Programmazione Object- Oriented in Java (Parte I) Corso di Algoritmi e Strutture dati Programmazione Object- Oriented in Java (Parte I) Ing. Gianluca Caminiti Sommario ( OOP ) Programmazione Object-Oriented Incapsulamento, Ereditarietà, Polimorfismo Richiami

Dettagli

OCA JAVA 7 SE PROGRAMMER I DOCENTE: DOTT. FAUSTO DELL ANNO

OCA JAVA 7 SE PROGRAMMER I DOCENTE: DOTT. FAUSTO DELL ANNO CENTRO STUDI ULISSE Via Buccino, n. 22 - C.a.p. 84018 - Scafati (SA) Tel. Fax. 081.19970299-339.2365416-349.4152010 E-mail: info@centrostudiulisse.it - www.centrostudiulisse.it OCA JAVA 7 SE PROGRAMMER

Dettagli

Informatica 3. LEZIONE 8: Fondamenti di programmazione orientata agli oggetti (2)

Informatica 3. LEZIONE 8: Fondamenti di programmazione orientata agli oggetti (2) Informatica 3 LEZIONE 8: Fondamenti di programmazione orientata agli oggetti (2) Modulo 1: Ereditarietà Modulo 2: Polimorfismo e classi astratte Modulo 3: Visibilità delle proprietà di una classe Modulo

Dettagli

Riassunto: cos è la OOP? classi astratte, interfacce, classi interne. Scaletta. Figura con area()? Figura senza area()? Stefano Mizzaro 1.

Riassunto: cos è la OOP? classi astratte, interfacce, classi interne. Scaletta. Figura con area()? Figura senza area()? Stefano Mizzaro 1. OO in Java: classi astratte, interfacce, classi interne Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro mizzaro@dimi.uniud.it Programmazione,

Dettagli

Informatica 3. Informatica 3. LEZIONE 8: Fondamenti di programmazione orientata agli oggetti (2) Lezione 8 - Modulo 1

Informatica 3. Informatica 3. LEZIONE 8: Fondamenti di programmazione orientata agli oggetti (2) Lezione 8 - Modulo 1 Informatica 3 Informatica 3 LEZIONE 8: Fondamenti di programmazione orientata agli oggetti (2) Modulo 1: Ereditarietà Modulo 2: Polimorfismo e classi astratte Modulo 3: Visibilità delle proprietà di una

Dettagli

A. Lorenzi, A. Rizzi Java. Programmazione ad oggetti e applicazioni Android Istituto Italiano Edizioni Atlas

A. Lorenzi, A. Rizzi Java. Programmazione ad oggetti e applicazioni Android Istituto Italiano Edizioni Atlas Classi e oggetti A. Lorenzi, A. Rizzi Java. Programmazione ad oggetti e applicazioni Android Istituto Italiano Edizioni Atlas Oggetti La programmazione orientata agli oggetti, OOP (Object-Oriented Programming),

Dettagli

La classe java.lang.object

La classe java.lang.object La classe java.lang.object In Java: Gerarchia di ereditarietà semplice Ogni classe ha una sola super-classe Se non viene definita esplicitamente una super-classe, il compilatore usa la classe predefinita

Dettagli

Object-Oriented Technology. Giuliano Armano 1

Object-Oriented Technology. Giuliano Armano 1 Object-Oriented Technology Giuliano Armano 1 Object Oriented Technology ADT + Eredità + Polimorfismo Object-Orientation Giuliano Armano 2 Terminologia Tipica Classica... Tipo di dato (astratto) = ADT Operazione

Dettagli

19 - Eccezioni. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

19 - Eccezioni. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 19 - Eccezioni Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso

Dettagli

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi:

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi: Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 22 settembre 2014 TEMPO DISPONIBILE: 2 ore Negli

Dettagli

Esempi in Java di program.ne O-O

Esempi in Java di program.ne O-O Esempi in Java di program.ne O-O Ereditarietà Polimorfismo statico e dinamico Esercitazione laboratorio Interfaccia Comparable e Comparator 1 Gerarchia di ereditarietà Persona IS_A Docente Studente Tecnico

Dettagli

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 11 luglio 2014

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 11 luglio 2014 Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 11 luglio 2014 TEMPO DISPONIBILE: 2 ore Negli esercizi

Dettagli

Programmazione orientata agli oggetti La classe Object, metodi e classi final, this. Object

Programmazione orientata agli oggetti La classe Object, metodi e classi final, this. Object Programmazione orientata agli oggetti La classe, metodi e classi final, this 1 La classe Negli esempi fatti nella prima parte del corso abbiamo definito alcune classi, per esempio Counter e Orologio, senza

Dettagli

18 - Classi parzialmente definite: Classi Astratte e Interfacce

18 - Classi parzialmente definite: Classi Astratte e Interfacce 18 - Classi parzialmente definite: Classi Astratte e Interfacce Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/

Dettagli

Programmazione a oggetti

Programmazione a oggetti Programmazione a oggetti Quanti oggetti, tra di loro parlando, fanno programmi. Pilu Crescenzi piluc@dsi.unifi.it Università di Firenze Programmazione a oggetti p.1/32 Cosa è un oggetto Una scatola software

Dettagli

Programmazione ad oggetti

Programmazione ad oggetti Programmazione ad oggetti OOP La programmazione orientata agli oggetti (Object Oriented Programming) ha l obiettivo di formalizzare gli oggetti del mondo reale e di costruire con questi un mondo virtuale.

Dettagli

Riassunto. La programmazione OO. Oggi. Esempio

Riassunto. La programmazione OO. Oggi. Esempio Riassunto La programmazione OO Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro/ mizzaro@dimi.uniud.it Programmazione, lezione 17 29 novembre

Dettagli

Ereditarietà e Polimorfismo. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni

Ereditarietà e Polimorfismo. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni Ereditarietà e Polimorfismo Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni Ereditarietà L ereditarietà è lo strumento che permette di costruire nuove classi utilizzando

Dettagli

Esempio 2: Subtyping

Esempio 2: Subtyping Esempio 2: Subtyping 22 Subclassing e subtyping Fino ad ora abbiamo trattato l ereditarietà come strumento che consente il riuso flessibile di classi già esistenti mediante l aggiunta o la ridefinizione

Dettagli

Polimorfismo parametrico vs polimorfismo per inclusione

Polimorfismo parametrico vs polimorfismo per inclusione Polimorfismo parametrico vs polimorfismo per inclusione Esercizio Definire il tipo di dato Stack con operazioni Push( element ) Pop() Non forzare una specifica implementazione Non forzare un tipo specifico

Dettagli

Ereditarietà e Polimorfismo

Ereditarietà e Polimorfismo Ereditarietà e Polimorfismo Riusare il software A volte si incontrano classi con funzionalità simili In quanto sottendono concetti semanticamente vicini È possibile creare classi disgiunte replicando le

Dettagli

Principi di Progettazione del Software. Principi di Progettazione del Software a.a

Principi di Progettazione del Software. Principi di Progettazione del Software a.a Principi di Progettazione del Software a.a. 2016-2017 Fondamenti di Java Ing. Principi di Progettazione del Software https://twitter.com/rvergallo 2 1 Obiettivi della lezione Introduzione alla programmazione

Dettagli

Funzioni, Stack e Visibilità delle Variabili in C

Funzioni, Stack e Visibilità delle Variabili in C Funzioni, Stack e Visibilità delle Variabili in C Programmazione I e Laboratorio Corso di Laurea in Informatica A.A. 2016/2017 Calendario delle lezioni Lez. 1 Lez. 2 Lez. 3 Lez. 4 Lez. 5 Lez. 6 Lez. 7

Dettagli

Eredità e Polimorfismo in Java

Eredità e Polimorfismo in Java Eredità e Polimorfismo in Java Corso di Linguaggi di Programmazione ad Oggetti 1 A.A. 2003/04 A cura di Definizione di Classe Java è un linguaggio object-oriented per cui il costrutto fondamentale è quello

Dettagli

IL CONCETTO DI CLASSE

IL CONCETTO DI CLASSE IL CONCETTO DI CLASSE Una CLASSE riunisce le proprietà di: componente software: può essere dotata di suoi propri dati / operazioni moduli: riunisce dati e relative operazioni, fornendo idonei meccanismi

Dettagli

L ereditarieta` Riuso del software: Ereditarieta`, Composizione, Polimorfismo e Binding Dinamico Ereditarietà Ereditarietà

L ereditarieta` Riuso del software: Ereditarieta`, Composizione, Polimorfismo e Binding Dinamico Ereditarietà Ereditarietà L ereditarieta` Programmazione in Rete e Laboratorio Matteo Baldoni Dipartimento di Informatica Universita` degli Studi di Torino C.so Svizzera, 185 I-10149 Torino Riuso del software: Ereditarieta`, Composizione,

Dettagli

Classi astratte. Nella gerarchia delle classi, potrebbe essere utile prevedere un supertipo generale per le classi che si usano. Ad esempio: Figura

Classi astratte. Nella gerarchia delle classi, potrebbe essere utile prevedere un supertipo generale per le classi che si usano. Ad esempio: Figura Classi astratte Nella gerarchia delle classi, potrebbe essere utile prevedere un supertipo generale per le classi che si usano. Ad esempio: Figura Rettangolo getarea() Quadrato getarea() getarea() Cerchio

Dettagli

Fondamenti di Programmazione Prof.ssa Elisa Tiezzi. Programmazione orientata a oggetti

Fondamenti di Programmazione Prof.ssa Elisa Tiezzi. Programmazione orientata a oggetti Fondamenti di Programmazione Prof.ssa Elisa Tiezzi Programmazione orientata a oggetti 1 Programmazione OO Concetti base: dati istruzioni Dati: variabili tipi Istruzioni: istruzioni base strutture di controllo

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Dispensa 08 Ereditarietà A. Miola Febbraio 2008 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf2/ Ereditarietà 1 Contenuti!Livelli di astrazione

Dettagli

Programmazione Java Struttura di una classe, Costruttore, Riferimento this

Programmazione Java Struttura di una classe, Costruttore, Riferimento this Programmazione Java Struttura di una classe, Costruttore, Riferimento this romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp Roadmap > Struttura di una classe > Costruttore > Riferimento

Dettagli

Programmazione orientata agli oggetti Classi astratte e interfacce

Programmazione orientata agli oggetti Classi astratte e interfacce Programmazione orientata agli oggetti Classi astratte e interfacce Fondamenti di Informatica L-B 1 Classi astratte Java ci consente di definire classi in cui uno o più metodi non sono implementati, ma

Dettagli

Programmazione orientata agli oggetti Ereditarietà

Programmazione orientata agli oggetti Ereditarietà Programmazione orientata agli oggetti Ereditarietà Fondamenti di Informatica L-B 1 Programmazione basata su oggetti Il modello visto finora costituisce un sottoinsieme del modello orientato agli oggetti

Dettagli

Introduzione al corso

Introduzione al corso Programmazione Java Avanzata e Mobile Introduzione al corso Anno 2013/2014 Programmazione Java Avanzata e Mobile Struttura del corso/slide: - Background - Hibernate - Struts - Spring (opzionale) - Android

Dettagli

Programmazione ad oggetti

Programmazione ad oggetti DAIS Univ. Ca' Foscari Venezia Programmazione ad oggetti Samuel Rota Bulò Ereditarietà E' un meccanismo per estendere le funzionalità di una classe con nuovi campi e nuovi metodi Chiamiamo superclasse:

Dettagli

La programmazione ad oggetti (OOP)

La programmazione ad oggetti (OOP) Oggetti e Classi (CAP 10) Alberto Garfagnini, Marco Mazzocco Università degli studi di Padova 30 Novembre 2011 La programmazione ad oggetti (OOP) È un approccio concettuale alla programmazione (indipendente

Dettagli

Programmazione orientata agli oggetti Subtyping e polimorfismo

Programmazione orientata agli oggetti Subtyping e polimorfismo Programmazione orientata agli oggetti Subtyping e polimorfismo Fondamenti di Informatica L-B 1 Subclassing e subtyping Fino ad ora abbiamo trattato l ereditarietà come strumento che consente il riuso flessibile

Dettagli

16 - Ereditarietà, tipi e gerarchie

16 - Ereditarietà, tipi e gerarchie 16 - Ereditarietà, tipi e gerarchie Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo

Dettagli

Programmazione orientata agli oggetti. Ivan Lanese

Programmazione orientata agli oggetti. Ivan Lanese Programmazione orientata agli oggetti Ivan Lanese Argomenti Programmazione orientata agli oggetti Classi Oggetti Costruttori Scrivere grosse applicazioni La gran parte delle applicazioni sono GROSSE Windows

Dettagli

Esempi al calcolatore su: 1) Costruttori ed ereditarietà 2) Subtyping e polimorfismo

Esempi al calcolatore su: 1) Costruttori ed ereditarietà 2) Subtyping e polimorfismo Esempi al calcolatore su: 1) 2) Subtyping e polimorfismo 1 Esempio 1: 2 Introduzione Java prevede due automatismi legati ai costruttori: Se una classe non ha costruttori viene creato automaticamente il

Dettagli

Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali. Esempio Animali

Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali. Esempio Animali Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali 1 Ereditarietà, polimorfismo e altri sporchi trucchi Facciamo un esempio che ci permette di comprendere come vengono utilizzate

Dettagli

Catia Trubiani. Laboratorio di Ingegneria del Software a.a

Catia Trubiani. Laboratorio di Ingegneria del Software a.a Università degli Studi dell Aquila Laboratorio di Ingegneria del Software a.a. 2013-2014 Catia Trubiani Dipartimento di Ingegneria e Scienze dell'informazione e Matematica (DISIM) - Università degli Studi

Dettagli

e il loro uso: esistente e cambiare quel che va cambiato specializzare (per ereditarietà) la classe Counter public class EsempioNuovo {

e il loro uso: esistente e cambiare quel che va cambiato specializzare (per ereditarietà) la classe Counter public class EsempioNuovo { APPROCCI PER IL RIUTILIZZO: ricopiare manualmente il codice della classe esistente e cambiare quel che va cambiato creare un oggetto composto che incapsuli il componente esistente... gli inoltri le operazioni

Dettagli

Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali

Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali 1 Ereditarietà, polimorfismo e altri sporchi trucchi Facciamo un esempio che ci permette di comprendere come vengono utilizzate

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti

Programmazione Orientata agli Oggetti Programmazione Orientata agli Oggetti Lezione 13 La programmazione ad oggetti si basa su due principi fondamentali ereditarietà polimorfismo Queste due proprietà consentono di definire nuovi tipi di dato

Dettagli

Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali. Esempio Animali

Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali. Esempio Animali Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali 1 Ereditarietà, polimorfismo e altri sporchi trucchi Facciamo un esempio che ci permette di comprendere come vengono utilizzate

Dettagli

Definizione di classi. Walter Didimo

Definizione di classi. Walter Didimo Definizione di classi Walter Didimo Definizione di classi Fino ad ora abbiamo imparato a: creare oggetti da classi già pronte usare gli oggetti creati, invocando metodi la creazione e l uso di oggetti

Dettagli

Ereditarietà e polimorfismo

Ereditarietà e polimorfismo Università della Calabria Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Programmazione Orientata agli Oggetti A.A. 2006/2007 Ereditarietà e polimorfismo Paolo Trunfio * * DEIS, Università della Calabria http://si.deis.unical.it/~trunfio

Dettagli

Classi, Ereditarietà e Polimorfismo. Lezione 7

Classi, Ereditarietà e Polimorfismo. Lezione 7 Classi, Ereditarietà e Polimorfismo Lezione 7 Scopo della Lezione Presentare il concetto di classe ed oggetto come istanza della classe; Affrontare il concetto di ereditarietà tra classi e le sue ricadute

Dettagli

14 - Metodi e Costruttori

14 - Metodi e Costruttori 14 - Metodi e Costruttori Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java

Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java Fondamenti di Informatica Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Proprietà object-oriented di Java Definendo le caratteristiche e le operazioni di

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Paradigma OO Oggetti e Classi Metodi Parametri Variabili di istanza Costruttori Esercizi Paradigma Object-Oriented Il paradigma OO

Dettagli

Il Linguaggio Java. Le interfacce

Il Linguaggio Java. Le interfacce Il Linguaggio Java Le interfacce Ordinamento dei conti PROBLEMA: si vogliono ordinare i libretti di risparmio (SavingsAccount) in base al loro tasso di interesse REQUISITO: La classe dovrebbe essere ordinabile,

Dettagli

OCA JAVA 8 SE PROGRAMMER I DOCENTE: DOTT. FAUSTO DELL ANNO

OCA JAVA 8 SE PROGRAMMER I DOCENTE: DOTT. FAUSTO DELL ANNO CENTRO STUDI ULISSE Via Buccino, n. 22 - C.a.p. 84018 - Scafati (SA) Tel. Fax. 081.19970299-339.2365416-349.4152010 E-mail: info@centrostudiulisse.it - www.centrostudiulisse.it OCA JAVA 8 SE PROGRAMMER

Dettagli

Laboratorio di programmazione

Laboratorio di programmazione Laboratorio di programmazione Lezione VIII Tatiana Zolo tatiana.zolo@libero.it 1 PROGRAMMAZIONE A OGGETTI Quando si programma a oggetti si scompone il problema in sottogruppi di parti collegate che tengono

Dettagli

Gocce di Java. Gocce di Java. Programmazione a oggetti. Pierluigi Crescenzi. Università degli Studi di Firenze

Gocce di Java. Gocce di Java. Programmazione a oggetti. Pierluigi Crescenzi. Università degli Studi di Firenze Gocce di Java Programmazione a oggetti Pierluigi Crescenzi Università degli Studi di Firenze Programma: collezione di oggetti che interagiscono tra di loro per mezzo di azioni Cambiando il proprio stato

Dettagli

Programmazione con Java

Programmazione con Java Programmazione con Java Classi e istanze in Java Definizione di classe in Java A meno che non si usino classi già scritte da altri, prima di poter creare un qualsiasi oggetto devo creare la sua rappresentazione:

Dettagli

Programmazione a Oggetti Lezione 7. Il linguaggio Java: aspetti generali

Programmazione a Oggetti Lezione 7. Il linguaggio Java: aspetti generali Programmazione a Oggetti Lezione 7 Il linguaggio Java: aspetti generali Sommario Obiettivi di JAVA Portabilità: produrre codice eseguibile su più piattaforme (JVM) Affidabilità: Evitare il più possibile

Dettagli

Richiami su oggetti e OOP

Richiami su oggetti e OOP Richiami su oggetti e OOP Un oggetto (object) è una entità caratterizzata da una struttura dati alla quale si associa l insieme delle operazioni che è possibile compiere su di essa. Un oggetto può essere

Dettagli

Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona

Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona di Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona su Sommario di su di di di su Astrazione sugli oggetti di su Il concetto di classe Classe: realizza l astrazione

Dettagli

Capitolo 6. Uso della gerarchia. c 2005 Pearson Education Italia Capitolo 6-1 / 125

Capitolo 6. Uso della gerarchia. c 2005 Pearson Education Italia Capitolo 6-1 / 125 Capitolo 6 Uso della gerarchia c 2005 Pearson Education Italia Capitolo 6-1 / 125 Sommario: Uso della gerarchia 1 Notazione UML per le classi 2 Introduzione alla gerarchia 3 Gerarchia e tipi La gerarchia

Dettagli

Classi. Oggetti e classi. Creazione e inizializzazione di oggetti in C++ Distruzione di oggetti in C++

Classi. Oggetti e classi. Creazione e inizializzazione di oggetti in C++ Distruzione di oggetti in C++ Informatica 3 Informatica 3 LEZIONE 7: Fondamenti di programmazione orientata agli oggetti (1) Modulo 1: Introduzione: oggetti e classi Modulo 2: Link e associazioni Modulo 3: Aggregazione Lezione 7 -

Dettagli

Uguaglianza e copia di oggetti

Uguaglianza e copia di oggetti Uguaglianza e copia di oggetti Sommario 1. Classi Object e Class 2. Uguaglianza superficiale e uguaglianza profonda 3. Copia superficiale e copia profonda 4. Uguaglianza e copia in classi derivate 1 La

Dettagli

Ingegneria del Software

Ingegneria del Software Ingegneria del Software Analisi Object Oriented ed Elementi di Programmazione OO Origini Le metodologie ad oggi nascono negli anni 70 ma si affermano solo nelgi anni 80 grazie alla nascita dei linguaggi

Dettagli

public double getlato() restituisce la lunghezza del lato del quadrato che esegue il metodo.

public double getlato() restituisce la lunghezza del lato del quadrato che esegue il metodo. Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 21 settembre 2015 TEMPO DISPONIBILE: 1 ora e 40

Dettagli

Object-Oriented Programming

Object-Oriented Programming Object-Oriented Programming Una metodologia di programmazione che consente di modellare la realtà in modo più naturale e vicino all uomo Concetti fondamentali Oggetto Incapsulazione Messaggio Classe Ereditarietà

Dettagli

GESTIONE DEGLI ERRORI

GESTIONE DEGLI ERRORI GESTIONE DEGLI ERRORI Spesso vi sono istruzioni critiche, che in certi casi possono produrre errori L approccio classico consiste nell inserire controlli (if else..) per cercare di intercettare a priori

Dettagli

Introduzione. Java. Esempio. Esempio

Introduzione. Java. Esempio. Esempio Java polimorfismo G. Prencipe prencipe@di.unipi.it Introduzione È un altro degli ingredienti fondamentali della OOP Permette di organizzare il codice e la leggibilità e di ottenere programmi estensibili

Dettagli

Uso di classi e oggetti. Prof. Francesco Acarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni

Uso di classi e oggetti. Prof. Francesco Acarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni Uso di classi e oggetti Prof. Francesco Acarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni Tipi di dati Tipi primitivi: interi Java fornisce otto tipi primitivi indipendenti dall implementazione

Dettagli

Programmazione ad Oggetti. Java Parte II

Programmazione ad Oggetti. Java Parte II Programmazione ad Oggetti Java Parte II Overview Caratteristiche lessicali Il primo programma Java 1 Commenti /* Commento tradizionale, eventualmente su più linee, non nidificato */ // Commento su di una

Dettagli

Introduzione alla programmazione Object Oriented. Luca Lista

Introduzione alla programmazione Object Oriented. Luca Lista Introduzione alla programmazione Object Oriented Luca Lista Concetti base del software OO Classi e oggetti Incapsulamento Relazione di ereditarietà Polimorfismo Cos è un Oggetto? Definizione da vocabolario:

Dettagli

Fondamenti di Informatica T-1. Costruttori Ereditarietà

Fondamenti di Informatica T-1. Costruttori Ereditarietà Costruttori Ereditarietà 2 Costruttori Si occupano della creazione e dell'allocazione in memoria degli oggetti. public class Persona{ //Variabili di istanza private String nome; private String cognome;

Dettagli

Ereditarietà. Ereditarietà. Ereditarietà. Ereditarietà

Ereditarietà. Ereditarietà. Ereditarietà. Ereditarietà L ereditarietà è il meccanismo attraverso cui viene implementata la relazione di specializzazione (is-a). L ereditarietà è il meccanismo attraverso cui una classe (derivata) eredita da un altra classe

Dettagli

oggetti: Cenni generali Programmazione ad Ingegneria Informatica e dell'informazione Michelangelo Diligenti

oggetti: Cenni generali Programmazione ad Ingegneria Informatica e dell'informazione Michelangelo Diligenti Programmazione ad oggetti: Cenni generali Michelangelo Diligenti Ingegneria Informatica e dell'informazione diligmic@dii.unisi.it Argomenti Programmazione ad oggetti Motivazioni Classi Metodi e membri

Dettagli

Utilizza i tipi di dati comuni a tutto il framework.net Accesso nativo ai tipi.net (C# è nato con.net) Concetti fondamentali:

Utilizza i tipi di dati comuni a tutto il framework.net Accesso nativo ai tipi.net (C# è nato con.net) Concetti fondamentali: 1 Tipi di dati 1 Tipi di dati Utilizza i tipi di dati comuni a tutto il framework.net Accesso nativo ai tipi.net (C# è nato con.net) Concetti fondamentali: Tutto è un oggetto Tutto eredita implicitamente

Dettagli

Programmazione a Oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013

Programmazione a Oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013 Programmazione a Oggetti e JAVA Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013 Sommario Paradigma O.O. Oggetti e Classi Ereditarietà Paradigma Object-Oriented Il paradigma O.O. si ispira all ambiente che ci circonda,

Dettagli

La programmazione ad oggetti: chiamate di metodi. Overloading. This

La programmazione ad oggetti: chiamate di metodi. Overloading. This ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE FERRARIS BRUNELLESCHI - EMPOLI Materia: INFORMATICA PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2015/2016 Classe IV C Informatica Proff. Fabio Ciao / Simone Calugi Libro di testo: Cloud B P.

Dettagli

CORSO DI PROGRAMMAZIONE JAVA STANDARD + ENTERPRISE EDITION

CORSO DI PROGRAMMAZIONE JAVA STANDARD + ENTERPRISE EDITION CORSO DI PROGRAMMAZIONE JAVA STANDARD + ENTERPRISE EDITION 0 DURATA 200 ore CONTENUTI Oracle PL/SQL Introduzione al PL/SQL Cenni su SQL con utilizzo di SQL*PLUS Configurazione ambiente Developer DB Classi,

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti. Emilio Di Giacomo e Walter Didimo

Programmazione Orientata agli Oggetti. Emilio Di Giacomo e Walter Didimo Programmazione Orientata agli Oggetti Emilio Di Giacomo e Walter Didimo Una metafora dal mondo reale la fabbrica di giocattoli progettisti Un semplice giocattolo Impara i suoni Dall idea al progetto Toy

Dettagli

POO in JAVA e Robot EV3

POO in JAVA e Robot EV3 POO in JAVA e Robot EV3 1. Introduzione Dal procedurale agli oggetti La programmazione procedurale Per tutta la classe terza, abbiamo lavorato con un paradigma di programmazione che si chiama procedurale

Dettagli

Programmazione in Java. Indipendenza dalla piattaforma. Indipendenza dalla piattaforma. Autore: Roberto Fabbrica Diapo 1.

Programmazione in Java. Indipendenza dalla piattaforma. Indipendenza dalla piattaforma. Autore: Roberto Fabbrica Diapo 1. 1 Programmazione in Java Java è un linguaggio di programmazione orientato agli oggetti ed indipendente dalla piattaforma. Orientato agli oggetti: segue i paradigmi della programmazione orientata agli oggetti

Dettagli

Insegnamento di Laboratorio di algoritmi e strutture dati

Insegnamento di Laboratorio di algoritmi e strutture dati Insegnamento di Laboratorio di algoritmi e strutture dati Roberto Posenato ver. 0.6, 31/01/2008 1 / 25 Si comincia... 1 Esigenza... Definizione Tipi di eccezioni Sollevare eccezioni Gestire le eccezioni

Dettagli

Esempio Principio di sostituibilità

Esempio Principio di sostituibilità Ereditarietà E uno dei concetti chiave delle tecniche orientate agli oggetti Esprime le somiglianze tra le classi, semplificando la definizione di una classe e riducendola a una o più classi simili Rappresenta

Dettagli

Università degli studi di Roma Tor Vergata Ingegneria Medica Informatica I Programma del Corso

Università degli studi di Roma Tor Vergata Ingegneria Medica Informatica I Programma del Corso Obiettivi Di seguito vengono riportate una serie di domande che possono essere poste durante la prova formale del corso. Le seguenti domande non sono da ritenersi esaustive ma esemplificative. 1. Architettura

Dettagli

Questi lucidi provengono dal capitolo 2 di:

Questi lucidi provengono dal capitolo 2 di: Questi lucidi provengono dal capitolo 2 di: Cay S. Horstmann Concetti di informatica e fondamenti di Java quarta edizione Oggetti e classi Gli oggetti sono entità di un programma che si possono manipolare

Dettagli

Lezione 5 Namespace e JavaDoc

Lezione 5 Namespace e JavaDoc Lezione 5 Namespace e JavaDoc Vittorio Corso di Programmazione Distribuita Laurea di I livello in Informatica Università degli Studi di Salerno Organizzazione della lezione Il namespace di Java: i package

Dettagli

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Lettura di dati da input In Java la lettura di dati da input

Dettagli

Esercizi di riepilogo (Fondamenti di Informatica 1 Walter Didimo)

Esercizi di riepilogo (Fondamenti di Informatica 1 Walter Didimo) Esercizi di riepilogo (Fondamenti di Informatica 1 Walter Didimo) Selezione di prove di esame al calcolatore Esercizio 1 (esame del 13/01/2006) La classe Matrice definisce oggetti che rappresentano matrici

Dettagli

Java. Java: compilatore e interprete. Programma Java. Java Virtual Machine. Token. Alfabeto

Java. Java: compilatore e interprete. Programma Java. Java Virtual Machine. Token. Alfabeto Java Java: compilatore e interprete Il linguaggio Java è un linguaggio di programmazione ad alto livello - algoritmo: astrazione della realtà - linguaggio di programmazione: astrazione del processore -

Dettagli

I costruttori. Il costruttore standard. Esempio di valori di default. Alterare il costruttore standard

I costruttori. Il costruttore standard. Esempio di valori di default. Alterare il costruttore standard I costruttori Servono a inizializzare i valori dei campi degli oggetti. Vengono invocati automaticamente dopo che l oggetto è stato creato. Il costruttore standard Questo tipo di costruzione mette dei

Dettagli

Obiettivi. Comprendere i vantaggi offerti dal meccanismo dell ereditarietà Attivare processi di astrazione e specializzazione.

Obiettivi. Comprendere i vantaggi offerti dal meccanismo dell ereditarietà Attivare processi di astrazione e specializzazione. Obiettivi Unità B2 Gli oggetti: concetti avanzati Comprendere i vantaggi offerti dal meccanismo dell ereditarietà Attivare processi di astrazione e specializzazione Ereditarietà L ereditarietà permette

Dettagli

Java. Java : compilatore e interprete. Programma Java. Java Virtual Machine. Il linguaggio Java è un linguaggio di programmazione ad alto livello

Java. Java : compilatore e interprete. Programma Java. Java Virtual Machine. Il linguaggio Java è un linguaggio di programmazione ad alto livello Java Il linguaggio Java è un linguaggio di programmazione ad alto livello algoritmo: astrazione della realtà linguaggio di programmazione: astrazione del processore variabile e tipo: astrazione della locazione

Dettagli

Java. Java : compilatore e interprete. Programma Java. Java Virtual Machine. Token. Alfabeto

Java. Java : compilatore e interprete. Programma Java. Java Virtual Machine. Token. Alfabeto Java Il linguaggio Java è un linguaggio di programmazione ad alto livello algoritmo: astrazione della realtà linguaggio di programmazione: astrazione del processore variabile e tipo: astrazione della locazione

Dettagli

Gerarchia di classi Java 1

Gerarchia di classi Java 1 Costruttori della sottoclasse Gerarchia di classi Java Parte 2 Corso di laurea in Comunicazione digitale I costruttori non vengono ereditati, non essendo membri di classe Vengono definiti esplicitamente

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE AD ALTO LIVELLO IL LINGUAGGIO JAVA. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE AD ALTO LIVELLO IL LINGUAGGIO JAVA. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE AD ALTO LIVELLO IL LINGUAGGIO JAVA Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Fondamenti di Informatica - Programma Un programma è una formulazione

Dettagli

Informatica I. Ingegneria Medica. Prof. Diego Salamon

Informatica I. Ingegneria Medica. Prof. Diego Salamon Informatica I Ingegneria Medica Prof. Diego Salamon Java: Classi e Oggetti Prof. Diego Salamon Metafore Classi e Oggetti sono un astrazione della realtà. I linguaggi orientati agli oggetti contengono livelli

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica I

Corso di Fondamenti di Informatica I Corso di Fondamenti di Informatica I Generics in Java Fabio Patrizi, Silvia Bonomi Dipartimento di Ingegneria Informatica, Automatica e Gestionale Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e

Dettagli

OOP - Object Oriented Programming

OOP - Object Oriented Programming OOP - Object Oriented Programming Python linguaggio versatile, supporta, sia programmazione procedurale/funzionale sia, programmazione a oggetti (in maniera non esclusiva) Programmazione orientata agli

Dettagli

Introduzione a Java. Riferimenti

Introduzione a Java. Riferimenti Introduzione a Java Si ringraziano Massimiliano Curcio e Matteo Giacalone 1: Introduction 1 Riferimenti! Java tutorial: http://java.sun.com/docs/books/tutorial/! Il Java tutorial è parte di una più ampia

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA2 2.1- Funzioni 1 Prerequisiti Programmazione elementare in Java Tecnica top-down Concetto matematico di funzione Compilazione e link di programmi Esecuzione di funzioni

Dettagli

Programmazione Java: Polimorfismo

Programmazione Java: Polimorfismo Programmazione Java: Polimorfismo romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp Roadmap Polimorfismo» Upcasting» Selezione dei metodi» Comportamento dei metodi polimorfi dentro i costruttori»

Dettagli