RELAZIONE DI FINE TIROCINIO APPLICAZIONE DEL MODELLO FLOW-3D PER LA SIMULAZIONE DELL IDRODINAMICA NELL INTORNO DI NAVI IN MANOVRA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE DI FINE TIROCINIO APPLICAZIONE DEL MODELLO FLOW-3D PER LA SIMULAZIONE DELL IDRODINAMICA NELL INTORNO DI NAVI IN MANOVRA"

Transcript

1 RELAZIONE DI FINE TIROCINIO APPLICAZIONE DEL MODELLO FLOW-3D PER LA SIMULAZIONE DELL IDRODINAMICA NELL INTORNO DI NAVI IN MANOVRA ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Fioretti Stefano

2 INDICE Introduzione e obiettivi del tirocinio... 2 CAPITOLO Modellazione fisica e modellazione numerica Modelli fisici Modelli numerici... 5 CAPITOLO Impostazioni del modello Physics Meshing and Geometry Costruzione del solido in formato.stl Output CAPITOLO Introduzione Test con elemento tridimensionale elementare Modellazione della dinamica delle navi Simulazioni CONCLUSIONI INDICE DELLE FIGURE BIBLIOGRAFIA [1]

3 Introduzione e obiettivi del tirocinio Il seguente lavoro di tirocinio nasce dall idea di modellare il comportamento delle navi in manovra. L idea si sviluppa in seguito alla lettura del PIANC Report n realizzato dalla The World Association for Waterborne Trasport Infrastructure. Nel report n.121 del 2014, si analizzano in dettaglio le difficoltà e le metodologie usate, per lo studio e la realizzazione di canali negli approdi portuale per navi di grandi dimensioni. Le navi di una certa stazza (navi container, petroliere etc.) hanno spazi di manovra molto ampi, sono difficilmente manovrabili a velocità ridotte, e necessitano di rimorchiatori per essere accompagnati nelle banchine di carico e scarico. Per fare queste prove si è scelto di usare una modellazione di tipo numerico. Durante il tirocinio si è studiato come poter rappresentare una nave tramite programmi di simulazione 3D e come modellarne lo scafo per renderlo idoneo a una campagna di simulazioni tramite software alle differenze finite. Così facendo, si è cercato di mettere le basi per un più ampio discorso di tesi, atto a determinare tramite modellazione numerica, le forze realmente in gioco in questo tipo di manovre e le rispettive criticità. Il lavoro è stato sviluppato prima prendendo confidenza con la modellazione degli scafi delle navi, poi andando a cercare sistemi per poterli riprodurre all interno di software di modellazione numerica, e infine andando a simulare alcune situazioni tipiche di manovra e di condizioni ambientali. [2]

4 CAPITOLO 1 Accenni di modellazione 1.1 Modellazione fisica e modellazione numerica L uomo da sempre cerca di studiare, capire e prevedere i fenomeni naturali che lo circondano. Dall osservazione della natura e dell ambiente circostante è nato il suo desiderio di capire e replicare quanto in natura succedeva. Da domande all apparenza semplici come perché questo fenomeno evolve così? o anche, perché in certe condizioni succede questo, e in altre no? è nata la storia dello studio delle scienze come la fisica, l ingegneria e la matematica. E bene soffermarsi allora un attimo a riflettere, su quanta strada è stata fatta soprattutto negli ultimi 100 anni in questi rami, e cosa ha portato a questa evoluzione. Come già detto, da sempre l uomo ha osservato studiato e cercato di riprodurre ciò che lo circondava. Da sempre ha cercato di far suo tramite leggi e modelli quanto la natura gli offriva. Da qui nascono i modelli fisici, che fino al momento dell evoluzione tecnologica e l avvento degli attuali calcolatori, sono stati gli unici alleati di scienziati e studiosi. L evoluzione nello studio dei fenomeni e le ormai confermate teorie matematiche alla base di alcuni fenomeni fisici hanno poi portato, grazie ai passi da giganti fatti nella costruzione e nella potenza di calcolo degli attuali computer, all avvento dei modelli numerici. Fare una descrizione accurata dei vantaggi e degli svantaggi dei primi come dei secondi richiederebbe molte pagine e molto tempo ed esime da quello che concerne questo lavoro. E altrettanto necessario dire che gli uni non sostituiscono gli altri e in qualsiasi caso di studio, i due approcci insieme a una preliminare raccolta di dati, sono da considerarsi complementari per la risoluzione corretta di una campagna di sperimentazione. [3]

5 1.2 Modelli fisici I modelli fisici sono modelli che cercano di ricreare un dato fenomeno attraverso la riproduzione in scala delle condizioni in cui quel fenomeno evolve, comprese le forze e le velocità. Alcuni esempi celebri di questi modelli e che poi hanno portato alla stesura di leggi dell idraulica ancora ampiamente usate sono: - L esperienza di Nikuradse sulla scabrezza, e la sua influenza nel moto del fluido coni tubi accuratamente modificati al loro interno. - Gli esperimenti su tubi con fluido e tracciante, a diversa velocità, di Reynolds che portarono alla sua celebre teoria sulla turbolenza. - Nei giorni d oggi si pensi al modello fisico della laguna di Venezia, utilizzato per studiare l andamento delle maree nella laguna e l efficacia del Mose per il problema dell acqua alta. I tratti caratteristici che accomunano tutti i modelli fisici sono: 1) Un attenta raccolta di dati preliminare del fenomeno che si intende studiare. Per realizzare dei modelli fisici è molto importante cercare di isolare il più possibile l essenza del problema così da evitare errori di valutazione o difficili rappresentazioni della realtà. 2) La scelta accurata di scale (nei modelli fisici è molto frequente l uso di diverse scale) per la rappresentazione dell ambiente in cui il fenomeno evolve (cosi da cercare di rappresentare, il più possibile fedelmente, le condizioni al contorno). Il discorso scale di rappresentazione in questo tipo di esperimenti è uno dei problemi maggiori. Per capire le difficoltà che si possono incontrare basti pensare a come rappresentare, con un modello fisico, alcuni fenomeni che si manifestano in un corso d acqua per un tratto che si estende per qualche km. Si avranno delle difficoltà oggettive anche solo per rappresentare il letto del fiume (il fiume è lungo qualche km ma è largo poche decine di metri, e al tempo stesso, potrebbe essere profondo pochi metri). Sempre usando questo esempio si pensi ad altre condizioni, come la scabrezza degli argini, oppure ancora più concretamente al trasporto solido; come rappresentare i granuli che dal fondo si spostano per causa della corrente? Come renderli non fuori scala e quindi poi avere dei risultati completamenti alterati? E se non fosse acqua? Come scalare le proprietà (ad esempio la viscosità o il peso specifico) di un fluido per renderle coerenti con il caso reale? Da questo brevissimo riassunto si capisce che ricreare un modello fisico non è per niente facile e le variabili in gioco oltre a quelle già intrinseche nel problema, possono aumentare e di molto. [4]

6 1.3 Modelli numerici A partire dagli anni 80 con l evoluzione continua dei computer, le tecniche di modellazione numerica in quanto a potenza di calcolo sono state sviluppate fino al punto, da renderne fruibili i risultati per molte applicazioni. Questo sviluppo ha portato alla diffusione della modellazione numerica come strumento di progettazione standard in molti rami dell ingegneria. Attualmente è molto usata per la modellazione in ambiti come quelli aerospaziali, automobilistici e marittimi. Nonostante la vasta gamma di applicazioni, per modellazioni di questo tipo, i principi fondamentali sui quali tutti i modelli si basano sono tra loro molto simili: - I problemi vengono definiti da set di equazioni differenziali che descrivono la fisica del problema. - I modelli possono avere un approccio del tipo alle differenze finite o ai volumi finiti e vengono utilizzati per formulare un insieme di equazioni algebriche, che discretizzano le equazioni differenziali alle derivate parziali. La soluzione approssimata per questo tipo di equazioni algebriche, si ottiene tramite metodi iterativi o soluzioni matriciali. - Nella gran parte dei casi, i risultati dei modelli numerici sono verificati o calibrati tramite confronto con osservazioni di campo e/o esperimenti, mediante modello fisico prima di essere applicati nella pratica. In questo ramo della modellazione scientifica si inserisce il Computational Fluid Dynamics (C.F.D.) che è una branca della modellazione numerica, sviluppata per risolvere problemi riguardanti flussi di fluidi, ed include anche applicazioni che prevedono l interazione fluido-solido come nel caso del seguente studio. Sebbene questi modelli richiedano notevoli tempi di calcolo, sono in grado di fornire una visione tridimensionale del fenomeno, cosa che non accade con gli altri tipi di modellazione mono e bidimensionale (ne è un esempio la possibilità di osservare i campi di flusso intorno a oggetti solidi). Per le applicazioni idrauliche, le equazioni che governano e descrivono il comportamento incomprimibile dell acqua (densità costante ρ) sono quelle di conservazione della massa e della quantità di moto (Eq. Di Navier-Stokes). Equazione di continuità: + + =0 Equazioni di Navier-Stokes: 1 = + [5]

7 1 = + 1 = + In cui =+h è una condizione idrostatica costante dovuta alla gravità g; mentre è l operatore di Laplace. Il campo di moto è inoltre descritto da: = Queste equazioni differenziali non lineari sono discretizzate sia nello spazio che nel tempo e possono essere risolte utilizzando diversi schemi numerici. Nei modelli numerici si possono poi attuare delle semplificazioni, come nel caso della turbolenza, che viene spesso approssimata e mediata attraverso un approccio mediato alla Reynolds. In generale, nel risolvere queste equazioni, le variabili più importanti sono la velocità, la pressione (in alcuni casi la temperatura) lungo tutto il dominio in funzione del tempo sia per le condizioni iniziali che al contorno. Da queste grandezze diciamo principali possono poi esserne derivate altre come la portata, la turbolenza la potenza di flusso, la distribuzione dei numeri di Reynolds e Froud, le forze derivanti dal campo di moto. E il caso di ricordare, che come per qualsiasi altra tecnica di modellazione numerica, è fondamentale la validazione dei modelli e dei risultati ottenuti attraverso un processo di confronto con le misure di campo dove presenti e i risultati dei modelli fisici e/o analitici. [6]

8 CAPITOLO 2 FLOW-3D Si è scelto di utilizzare il programma Flow-3D data la sua versatilità, che permette la risoluzione di una vasta gamma di problemi di fluidodinamica con ottimi livelli di precisione e accuratezza come del resto testimoniato, da numerosi studi, anche a carico di importanti enti come U.S. Army Corps of Engineers (USACE) e U.S. Bureau of Reclamation (USBR). Tra i suoi principali campi di applicazione ci sono vari aspetti concernenti l ingegneria idraulica e la dinamica dei fluidi. Una delle caratteristiche salienti del programma è la disponibilità, per il modellatore, di un gran numero di opzioni per la definizione delle condizioni sulle griglie di calcolo; ad esempio la possibilità di disegnare una griglia formata da più blocchi di griglie (multi-block grids) o diversi livelli di griglie inserite una dentro l altra con diverse risoluzioni (nested grids); è inoltre possibile disegnare semplici oggetti o importare oggetti dalla geometria più complessa e file topografici. Infine, è presente una vasta selezione di condizioni al contorno per modellare correttamente ciascuna situazione. Ultima ma non meno importante caratteristica di questo software, è la possibilità per tutti i set-up riguardanti la modellazione di essere facilmente selezionati e implementati mediante editor di testo o tramite scelta con pulsanti di accesso rapido grazie a un interfaccia essenziale ma completa. 2.1 Impostazioni del modello Le impostazioni generali del modello (nella prima finestra model setup Fig.1) per tutte le simulazioni effettuate, ad eccezione del tempo di simulazione, sono state le stesse. Quindi si è considerato: - Fluido incomprimibile. - Unità di misura del tipo internazionale. - Scala delle temperature in gradi Celsius - Versione del preprocessore a double precision. Le differenze tra usare single-precision o double-precision, come specificato nel manuale utente del programma, sta nel grado di precisione dopo la virgola. Il single-precision porta a una accuratezza tipica di sette cifre significative. Nel double-precision si ha una precisione di circa 15 cifre significative. Le cifre rimanenti sono l'errore di arrotondamento. Le controindicazioni nell usare il double-precision sono la mole di calcoli nel caso in cui le mesh siano molto fitte e il dominio di calcolo molto grande. [7]

9 Considerando che il dominio imposto nelle simulazioni non è molto esteso, e le maglie proporzionali ai modelli solidi inseriti (come dettagliatamente esposto nei capitoli successivi) si è optato per usare sempre la versione double-precision. Fig. 1 FLOW 3D: Schermata Model Setup General Physics Per quanto riguarda la fisica del modello, il programma offre la possibilità di poter impostare diverse opzioni (Fig. 2). Nelle simulazioni si sono considerati, per tutte le prove, i seguenti parametri: la gravità (imponendo un accelerazione di gravità lungo l asse z pari a m/s 2 ) la viscosità (inserendo una viscosità applicata al fluido di tipo Newtoniana) e la turbolenza di tipo RNG (Renormalized Group Model) che risulta essere secondo il manuale utente il modello più robusto e accurato presente nel programma. E interessante notare che tra le opzioni è presente anche la possibilità di inserire valori di velocità del vento, ma data la natura delle nostre simulazioni si è preferito, in questa fase, tralasciare questo contributo. Fig. 2 FLOW 3D: Schermata Model Setup Physics [8]

10 2.1.2 Meshing and Geometry In questa finestra, molto importante per la realizzazione della simulazione, si è imposto il dominio di simulazione con le dimensioni delle mesh (variabili, come si vedrà nel seguito, in base al solido considerato) le proprietà di moto (della corrente o del solido o di entrambe), le condizioni al contorno e l altezza del tirante idrico. Sempre tramite questa schermata si è caricato il modello di nave che si intendeva usare per le simulazioni adeguatamente trasformato rispetto al formato di partenza (di tipo DWG) nel formato riconosciuto dal software del stereolitgrafico (.stl) (Fig. 3). Fig. 3 FLOW 3D: Schermata Model Setup Meshing and Geometry [9]

11 Costruzione del solido in formato stl Per la costruzione del solido da inserire in Flow-3D ci siamo appoggiati al programma DELFT SHIP e alla sua banca dati. Questo programma permette di modellare i più diversi tipi di ghiglia e nella sua banca dati (gratuita presente sul sito si trovano diversi modelli di navi dalle container alle petroliere, fino ad arrivare ai rimorchiatori e alle barche da diporto (Fig. 4). Fig. 4 DELFTship: Modellazione di uno scafo I modelli una volta caricati in DELFTShip, sono stati successivamente importati nel formato DXT 3D Curve per essere modificati in Auto-Cad (Fig. 5). Fig. 5 Auto-Cad: Elaborazione delle sezioni del modello ottenuto con DELFTShip [10]

12 Una volta estruso tutto il solido tramite Auto-Cad, si è importato il modello nel formato stl in Flow-3D. E bene precisare che questa procedura si è resa necessaria perché Flow-3D è in grado di gestire solo forme geometriche chiuse, solidi tridimensionali, ai quali è possibile dare una massa (Fig. 6). Lavorando con una discretizzazione a maglie, l interazione tra il solido e le mesh non viene analizzata se il solido è preso come un involucro vuoto al suo interno (e quindi con spessore delle pareti infinitesimo rispetto alle altre caratteristiche). Fig. 6 3D-Tool: Verifica del risultato ottenuto tramite estrusione in Auto-Cad del solido 3D Output Qui è possibile definire i dati che Flow-3D rilascia una volta terminata una simulazione (Fig. 7). In questa reparto si trovano le impostazioni di: - Restart Data: è l'impostazione predefinita utilizzata in FLOW-3D per il contorno, e le trame delle isosuperfici. Inoltre, Restart data può ri-iniziare la simulazione in uno dei qualsiasi tempi per i quali sono disponibili i dati Restart. L'intervallo di tempo tra le modifiche dei dati di riavvio è impostato nella scheda Output sotto la casella Riavvia dati dalla variabile PLTDT. - History data: Viene usato per fare grafici XY di un'evoluzione delle variabili in funzione del tempo (sonde storia). I tracciati delle variabili comprendono i quantitativi integrali e di diagnostica, come il volume del liquido e il numero di iterazioni, uscita di volumi del campione i flussi variabili. L'intervallo di tempo per le modifiche dei dati storici è impostato dalla variabile HPLTDT. - Selected Data: Questo comando riguarda tutte le informazioni pertinenti per la soluzione che vengono scritti durante le simulazioni. Se non si facesse una selezione dei dati di interesse si avrebbe quindi una mole di output enorme con la conseguente generazione di file di grandi dimensioni. Con select data è possibile evidenziare nel totale dei dati di output solo quelli di interesse, rendendo il file più [11]

13 leggero. E inoltre possibile scegliere una frequenza di tracciamento inserendo un valore da 1 a 100 nell apposita casella dell intervallo di tempo. Fig. 7 FLOW 3D: Schermata di impostazione dei dati di output [12]

14 CAPITOLO 3 Modellazione della dinamica delle navi in movimento 3.1 Introduzione Per prendere confidenza con il programma e per avere un idea della fedeltà dei risultati delle simulazioni alle condizioni reali, si è iniziato provando a simulare il comportamento di un elemento tridimensionale elementare soggetto a: Condizioni di fluido in quiete (per avere un idea della statica). Fluido in quiete, con movimento imposto all elemento solido. Corrente longitudinale imposta con l elemento tridimensionale fermo. Per fare questo si è creato un elemento tridimensionale di dimensioni 5 x 5 x 15 m; per il fluido si è considerata l acqua a 20 C (il programma ha un archivio interno con vari fluidi e per ognuno di essi ci sono le caratteristiche già impostate come densità, peso specifico, conducibilità elettrica ecc). Successivamente si è creato un dominio di controllo tramite una mesh con maglie di dimensioni costanti per tutti e tre gli assi cartesiani principali con passo e altezza costante pari a 0.5m. Si è inoltre considerato che il volumetto elementare sia immerso per metà (pescaggio D=2.5 m). [13]

15 3.2 Test con elemento tridimensionale elementare Test 1 - Condizioni stazionarie sia del fluido che del cubetto (tempo di simulazione simbolico t=30s): Fig. 8 FLOW 3D: Test 1 Risultato per T= 0 s Fig. 9 FLOW 3D: Test 1 Simulazione dei risultati in 3D per T= 30 s [14]

16 Test 2 - Condizioni di cubetto in movimento lungo la direzione x (velocità pari a 5 nodi m/s) e fluido fermo: Fig. 10 FLOW 3D: Test 2 Simulazione dei risultati in 3D per T= 0 s Fig. 11 FLOW 3D: Test 2 Simulazione dei risultati in 3D per T= 20 s E interessante notare come è possibile, nella simulazione in 3D, avere un idea dei vettori della velocità nell intorno del solido a seguito del suo movimento lungo l asse x. E inoltre possibile ottenere i risultati anche per le forze agenti e molte altre grandezze in forma di tabelle (Fig. 12) e di grafici (Fig. 13), oltre che in grafici 2D (Fig. 14). Fig. 12 FLOW 3D: Test 2 Tabella forze agenti (Component 1 GMO fluid x-y-z force pressure + share ) [15]

17 Fig. 13 FLOW 3D: Test 2 Risultati simulazione in formato grafico Component 1 GMO fluid z-force pressure + share Fig. 14 FLOW 3D: Test 2 Risultati in formato di grafico 2D Verificando quanto FLOW-3D restituisce come forze, si è andati a fare un confronto tra le forze medie misurate dal programma e il loro rispettivo valore calcolato. Forza di Drag: = Valore medio calcolato da Flow-3D G.M.O. fluid X-Y Force (Pressure + Share) : X: N Y: N Valori calcolati tramite formula di Drag: X: N Y: N Dal confronto tra i risultati ottenuto con il software e quelli calcolati si vede che la differenza è di circa il 5% lungo l asse X e del 2% lungo la Y. [16]

18 Test 3 - Condizioni di cubetto fermo e corrente longitudinale lungo l asse x pari a 1.5 m/s (tempo della simulazione esteso da 30 a 120 s): Fig. 15 FLOW 3D: Test 3 Risultati in formato grafico 3D Fig. 16 FLOW 3D: Test 3 Risultati lungo y e x in forma di grafici Fig. 17 FLOW 3D: Test 3 Risultati in formato grafico 2D [17]

19 3.3 Modellazione della dinamica delle navi Accertata la bontà dei risultati di output del programma, si è passati a cercare di modellare il comportamento di una nave. Come mostrato nei capitoli precedenti questo ha comportato un lavoro a monte della simulazione necessario a ottenere uno scafo di nave, riconoscibile dal programma come un solido. Per il modello di base ci siamo affidati a uno scafo di forma tipica confrontabile con i reali scafi di navi tipo tanker. Di seguito riportiamo una tabella ricavata dal report n del PIANC The World Association for Waterborne Transport Infrastructure. Fig. 18 Classificazione delle navi per dimensioni e caratteristiche [18]

20 Le simulazioni con il modello della nave si sono realizzate sulla falsariga delle precedenti. Quindi si è proceduto a fare prove con corrente longitudinale e trasversale con nave ferma; dopo di ciò, si è passati a prove con nave in movimento (con moto imposto lungo la direzione x longitudinale, e evoluzione di una rotazione per 360 rispetto l asse z verticale). Sono in programma ulteriori prove per la determinazione di un coefficiente di Drag coerente con la forma dello scafo e la determinazione delle forze necessarie per imporre alcuni movimenti alla nave (si pensi all azione dei rimorchiatori). Altre prove sono in fase di realizzazione per determinare l influenza del tirante idrico sulle sollecitazioni nave/liquido. Infatti, come ci si aspettava, passando da condizioni di mare profondo (rapporto H/D>1.6) a condizioni di basso fondale (H/D=1,2) le sollecitazioni cambiano e si manifesta un certo effetto fondo che va a influenzare anche il coefficiente di Drag Simulazioni Simulazione 1 - Condizioni di corrente longitudinale del fluido lungo l asse x. Nave imposta ferma. Caratteristiche modello 3D nave: Modello: Parent 36 (scalato) Lunghezza: 190 m Larghezza: 30 m Pescaggio: 15.5 m Velocità corrente: variabile secondo questo schema Per 0 < t < 2000s Per 2001 < t < 4000s v = m/s v = m/s Caratteristiche della mesh: Liquido: acqua a 20 C Blocco 1 Maglie lungo x = 4 x 4 m lungo y = 4 x 4 m lungo z = 4 x 4 m [19]

21 Blocco 2 Maglie lungo x = 1 x 1 m lungo y = 1 x 1 m lungo z = 1 x 1m Tirante idrico del dominio: 18.6 m (confrontabile con una condizione di basso fondale H/D=1.2) Condizioni al contorno imposte (Fig. 19) : Block 1: X min Specified Velocity X max Specified Velocity Y min Specified Velocity Y max Specified Velocity Z min WALL Z max WALL Block 2: X min Grid overlay X max Grid overlay Y min Grid overlay Y max Grid overlay Z min Grid overlay Z max Grid overlay Tempo di simulazione: 4000 s Condizioni al contorno delle due mesh: [20]

22 Fig. 19 FLOW 3D: Simulazione 1 Riassunto grafico delle condizioni al contorno imposte nella mesh Fig. 20 FLOW 3D: Simulazione 1 Risultato della simulazione in formato grafico 3D Simulazione 2 - Condizioni di corrente trasversale del fluido lungo l asse y. Nave imposta ferma. Caratteristiche modello 3D nave: Modello: Parent 36 (scalato) Lunghezza: 190 m Larghezza: 30 m Pescaggio: 15.5 m Velocità corrente: variabile secondo questo schema Per 0 < t < 2000s Per 2001 < t < 4000s v = 0.5 m/s v = 1 m/s [21]

23 Caratteristiche della mesh: Liquido: acqua a 20 C Blocco 1 Maglie lungo x = 4 x 4 m lungo y = 4 x 4 m lungo z = 4 x 4 m Blocco 2 Maglie lungo x = 1 x 1 m lungo y = 1 x 1 m lungo z = 1 x 1m Tirante idrico del dominio: 18.6 m (confrontabile con una condizione di basso fondale H/D=1.2) Condizioni al contorno imposte (Fig. 19): Block 1: X min Specified Velocity X max Specified Velocity Y min Specified Velocity Y max Specified Velocity Z min WALL Z max WALL Block 2: X min Grid overlay X max Grid overlay Y min Grid overlay Y max Grid overlay Z min Grid overlay Z max Grid overlay [22]

24 Tempo di simulazione: 4000 s Fig. 21 FLOW 3D: Simulazione 2 Risultato (corrente trasversale imposta) in formato grafico 3D Simulazione 3 - Condizioni di fluido in quiete e movimento della nave con velocità imposta lungo l asse x. Caratteristiche modello 3D nave: Modello: Parent 36 (scalato) Lunghezza: 190 m Larghezza: 30 m Pescaggio: 15.5 m Solido con Prescribed Motion imposto Velocità: 5 nodi m/s Caratteristiche della mesh: Liquido: acqua a 20 C Maglie lungo x = 5 x 5 m lungo y = 1 x 1m lungo z = 1 x 1m [23]

25 Tirante idrico del dominio: 18.6 m (confrontabile con una condizione di basso fondale H/D=1.2) Condizioni al contorno imposte (Fig. 22) : X min Specified pressure P (dimensioni del dominio lungo x 565 m) X max Specified pressure P Y min Specified pressure P (dimensioni del dominio lungo y 120 m) Y max Specified pressure P Z min WALL (dimensioni del dominio lungo z 38.6 m) Z max WALL Tempo di simulazione: 100 s Fig. 22 FLOW 3D: Simulazione 3 Rappresentazione delle condizioni al contorno imposte sul dominio Fig. 23 FLOW 3D: Simulazione 3 Grafici GMO fluid x-y force (pressure + Shear) [24]

26 Fig. 24 FLOW 3D: Simulazione 3 Risultato con fluido in quiete e nave con moto imposto lungo l asse longitudinale x Simulazione 4- Condizioni di fluido in quiete e movimento della nave con velocità angolare lungo l asse z Caratteristiche modello 3D nave: Modello: Parent 36 (scalato) Lunghezza: 190 m Larghezza: 30 m Pescaggio: 15.5 m Solido con Prescribed Motion imposto Velocità angolare: 0.21 rad/s Caratteristiche della mesh: Liquido: acqua a 20 C Maglie lungo x = 5 x 5 m lungo y = 1 x 1m lungo z = 1 x 1m In questo caso la mesh non è stata ulteriormente infittita per non appesantire i calcoli. Tirante idrico del dominio: 18.6 m (confrontabile con una condizione di basso fondale H/D=1.2) [25]

27 Condizioni al contorno imposte (Fig. 22): X min Specified pressure P (dimensioni del dominio lungo x 550 m) X max Specified pressure P Y min Specified pressure P (dimensioni del dominio lungo y 400 m) Y max Specified pressure P Z min WALL (dimensioni del dominio lungo z 38.6 m) Z max WALL Tempo di simulazione: 800 s Fig. 25 FLOW 3D: Simulazione 4 Risultato (fluido in quiete e nave con moto rotatorio imposto su asse z) Fig. 26 FLOW 3D: Simulazione 4 Rappresentazione in formato grafico GMO fluid x-y-z (force pressure + Shear) [26]

28 CONCLUSIONI Concludendo, come si evince dalle prove, questo è stato un primo contatto con la modellazione numerica e con il programma Flow-3D in particolare. Mentre si creavano i modelli e successivamente si analizzavano i risultati, sono emerse altre possibilità di studio relative al comportamento delle navi in manovra e la loro interazione con il fluido. Queste ulteriori analisi, verranno approfondite in un più ampio e completo discorso di tesi. Quello che risulta chiaro sin da ora, è la comodità di usare questo tipo di simulazione per analizzare alcuni fenomeni dell idraulica e dell ingegneria marittima, e le potenzialità di analisi che offre. [27]

29 INDICE DELLE FIGURE Fig. 1 FLOW 3D: Schermata Model Setup General... 8 Fig. 2 FLOW 3D: Schermata Model Setup Physics... 8 Fig. 3 FLOW 3D: Schermata Model Setup Meshing and Geometry... 9 Fig. 4 DELFTship: Modellazione di uno scafo Fig. 5 Auto-Cad: Elaborazione delle sezioni del modello ottenuto con DELFTShip Fig. 63D-Tool: Verifica del risultato ottenuto tramite estrusione in Auto-Cad del solido 3D Fig. 7 FLOW 3D: Schermata di impostazione dei dati di output Fig. 8 FLOW 3D: Test 1 Risultato per T= 0 s Fig. 9 FLOW 3D: Test 1 Simulazione dei risultati in 3D per T= 30 s Fig. 10 FLOW 3D: Test 2 Simulazione dei risultati in 3D per T= 0 s Fig. 11 FLOW 3D: Test 2 Simulazione dei risultati in 3D per T= 20 s Fig. 12 FLOW 3D: Test 2 Tabella forze agenti (Component 1 GMO fluid x-y-z force pressure + share ) Fig. 13 FLOW 3D: Test 2 Risultati simulazione in formato grafico Fig. 14 FLOW 3D: Test 2 Risultati in formato di grafico 2D Fig. 15 FLOW 3D: Test 3 Risultati in formato grafico 3D Fig. 16 FLOW 3D: Test 3 Risultati lungo y e x in forma di grafici Fig. 17 FLOW 3D: Test 3 Risultati in formato grafico 2D Fig. 18 Classificazione delle navi per dimensioni e caratteristiche Fig. 19 FLOW 3D: Simulazione 1 Riassunto grafico delle condizioni al contorno imposte nella mesh Fig. 20 FLOW 3D: Simulazione 1 Risultato della simulazione in formato grafico 3D Fig. 21 FLOW 3D: Simulazione 2 Risultato (corrente trasversale imposta) in formato grafico 3D Fig. 22 FLOW 3D: Simulazione 3 Rappresentazione delle Fig. 23 FLOW 3D: Simulazione 3 Grafici GMO fluid x-y force (pressure + Shear) Fig. 24 FLOW 3D: Simulazione 3 Risultato con fluido in quiete e Fig. 25 FLOW 3D: Simulazione 4 Risultato (fluido in quiete e Fig. 26 FLOW 3D: Simulazione 4 Rappresentazione in formato grafico GMO fluid x-y-z [28]

30 BIBLIOGRAFIA Fondamenti di costruzioni marittime edizione Prof. Ing. Alberto Noli. Dispense del Corso di Progettazione di porti e opere marittime edizione Prof. Ing. Leopoldo Franco. PIANC Report n The World Association for Waterborne Trasport Infrastructure. Manuale FLOW 3D di Flow Science. [29]

Analisi numerica del flusso all interno del diffusore troncoconico ERCOFTAC

Analisi numerica del flusso all interno del diffusore troncoconico ERCOFTAC UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Analisi numerica del flusso all interno del diffusore troncoconico ERCOFTAC Tesina di Termofluidodinamica Computazionale Docente: prof. Enrico Nobile

Dettagli

Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Magistrale Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali Relazione di fine tirocinio

Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Magistrale Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali Relazione di fine tirocinio Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Magistrale Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali Relazione di fine tirocinio Apprendimento del programma di calcolo e simulazione Flow 3D per l analisi

Dettagli

Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale (INSEAN) Via di Vallerano, 139-00128 - Roma

Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale (INSEAN) Via di Vallerano, 139-00128 - Roma Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale (INSEAN) Via di Vallerano, 139-00128 - Roma Programma di Ricerca sulla sicurezza per il triennio 2006-2008 Rapporto INSEAN 2006-017 Previsione

Dettagli

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D 2 Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D Introduzione Questo documento riporta un confronto tra i risultati di un analisi di risposta sismica locale condotta con il codice di calcolo LSR2D (Stacec

Dettagli

Capitolo 3 Flussaggio Stazionario di una Valvola Formula 1

Capitolo 3 Flussaggio Stazionario di una Valvola Formula 1 Capitolo 3 Flussaggio Stazionario di una Valvola Formula 1 3.1 Introduzione al problema In questa simulazione si vuole verificare il comportamento del fluido nel passaggio attraverso una valvola motoristica

Dettagli

Relazione di fine tirocinio

Relazione di fine tirocinio Relazione di fine tirocinio Tirocinante: Gianluca Gallone matricola: 281507 Tutor universitario: Prof. Roberto De Lieto Vollaro Toutor Aziendale: Prof. Andrea Vallati AA 2013/2014 1 2 Indice 1 Introduzione...5

Dettagli

Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione. Foronomia

Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione. Foronomia Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione Foronomia In idrostatica era lecito trascurare l attrito interno o viscosità e i risultati ottenuti valevano sia per i liquidi

Dettagli

D. Nicolini, A. Fontanella, E. Giovannini. Report RdS/PAR2013/173 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

D. Nicolini, A. Fontanella, E. Giovannini. Report RdS/PAR2013/173 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi fluidodinamica CFD su dispositivi a colonna d acqua oscillante OWC -

Dettagli

La CFD al servizio dell ambiente: simulazione di trasporto e diffusione di inquinan2 nel mare in seguito ad even2 catastrofici

La CFD al servizio dell ambiente: simulazione di trasporto e diffusione di inquinan2 nel mare in seguito ad even2 catastrofici La CFD al servizio dell ambiente: simulazione di trasporto e diffusione di inquinan2 nel mare in seguito ad even2 catastrofici Ing. Filippo Palo, XC Engineering Srl Ing. Raul Pirovano, XC Engineering Srl

Dettagli

Discretizzazione di superfici per analisi CFD: messa a punto di un modulo automatico per la modellazione di assiemi complessi.

Discretizzazione di superfici per analisi CFD: messa a punto di un modulo automatico per la modellazione di assiemi complessi. Facoltà di Ingegneria Civile ed Industriale Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Discretizzazione di superfici per analisi CFD: messa a punto di un modulo automatico per la modellazione di

Dettagli

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci Relazione di fine tirocinio Andrea Santucci 10/04/2015 Indice Introduzione ii 1 Analisi numerica con COMSOL R 1 1.1 Il Software.................................... 1 1.1.1 Geometria................................

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Tesi di Laurea Specialistica in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Dipartimento di Ingegneria Idraulica, Geotecnica ed Ambientale A.A. 2011/2012 CFD

Dettagli

Studio della qualità delle acque degli specchi d acqua tra pennelli adiacenti mediante simulazioni numeriche con modello matematico

Studio della qualità delle acque degli specchi d acqua tra pennelli adiacenti mediante simulazioni numeriche con modello matematico Regione Sardegna Comune di Capoterra (CA) Sistemazione e rinaturazione delle difese litoranee Bonifica e sistemazione della fascia costiera Progetto definitivo-esecutivo delle opere marittime Protezione

Dettagli

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola Analisi 2 Argomenti Successioni di funzioni Definizione Convergenza puntuale Proprietà della convergenza puntuale Convergenza uniforme Continuità e limitatezza Teorema della continuità del limite Teorema

Dettagli

Descrizione e stima dell errore

Descrizione e stima dell errore Descrizione e stima dell errore Raccomandazioni per l analisi di accuratezza di una simulazione CFD: 1 Descrizione e stima dell errore Raccomandazioni per l analisi di accuratezza di una simulazione CFD:

Dettagli

Metodologia di calcolo per pompe a ingranaggi esterni Articolo pubblicato sulla rivista oleodinamica e pneumatica 03/2013 Gibellini Matteo

Metodologia di calcolo per pompe a ingranaggi esterni Articolo pubblicato sulla rivista oleodinamica e pneumatica 03/2013 Gibellini Matteo In questo articolo verrà descritta la metodologia di calcolo per la progettazione delle pompe a ingranaggi esterni con dentatura ad evolvente sviluppato dall autore per conto di Galtech S.p.A. con l obiettivo

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

Progetto ViSIR. Verifica numerico-sperimentale delle forze laterali scambiate da una coppia di navi affiancate. Daniele Peri

Progetto ViSIR. Verifica numerico-sperimentale delle forze laterali scambiate da una coppia di navi affiancate. Daniele Peri Progetto ViSIR Verifica numerico-sperimentale delle forze laterali scambiate da una coppia di navi affiancate. Daniele Peri 6 1.) Introduzione L obiettivo della campagna sperimentale è quello di misurare

Dettagli

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC)

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC) COPYRIGHT Tutto il materiale prodotto da Stacec (CD contenente i file dei software, chiave di protezione, altri supporti di consultazione, e altro) è protetto dalle leggi e dai trattati sul copyright,

Dettagli

Procedure di calcolo implicite ed esplicite

Procedure di calcolo implicite ed esplicite Procedure di calcolo implicite ed esplicite Il problema della modellazione dell impatto tra corpi solidi a medie e alte velocità. La simulazione dell impatto tra corpi solidi in caso di urti a media velocità,

Dettagli

4. Funzioni elementari algebriche

4. Funzioni elementari algebriche ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari algebriche A. A. 2013-2014 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI IN GEOTECNICA: UN PRIMO APPROFONDIMENTO

ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI IN GEOTECNICA: UN PRIMO APPROFONDIMENTO ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI IN GEOTECNICA: UN PRIMO APPROFONDIMENTO 2 GENERALITA SUL METODO AGLI ELEMENTI FINITI. Il Metodo agli Elementi Finiti (F.E.M.) è una tecnica avanzata di risoluzione di equazioni

Dettagli

Georock 3D. Parte I Georock 3D. Parte II Piano quotato. Parte III Calcolo e Grafici 3D. Parte IV Cenni teorici. Parte V Immagine raster

Georock 3D. Parte I Georock 3D. Parte II Piano quotato. Parte III Calcolo e Grafici 3D. Parte IV Cenni teorici. Parte V Immagine raster I Parte I 1 1 Importazione... di un piano quotato 2 2 Assegnazione... dei materiali 2 3 Condizioni... iniziali 3 4 Selezione... dell area di lancio 4 5 Assegnazione... delle barriere 4 6 Animazione...

Dettagli

Introduzione all uso di un programma per analisi agli Elementi Finiti

Introduzione all uso di un programma per analisi agli Elementi Finiti L analisi strutturale con il metodo degli elementi finiti Introduzione all uso di un programma per analisi agli Elementi Finiti L analisi di una struttura può essere effettuata attraverso metodi analitici

Dettagli

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza I grafici in Excel... 1 Creazione di grafici con i dati di un foglio di lavoro... 1 Ricerca del tipo di grafico più adatto... 3 Modifica del grafico...

Dettagli

Benchmark Ansys Fluent su CRESCO

Benchmark Ansys Fluent su CRESCO Benchmark Ansys Fluent su CRESCO NOTA TECNICA ENEA GRID/CRESCO: NTN201003 NOME FILE: NTN201003-BenchmarkFluentCresco-v1_0.doc DATA: 30/07/2010 STATO: Versione iniziale AUTORE: F. Ambrosino Abstract: Questa

Dettagli

Valutazione delle performance di uno strumento CFD open. source per lo sviluppo di un energy harvester

Valutazione delle performance di uno strumento CFD open. source per lo sviluppo di un energy harvester Università degli Studi di Genova Scuola Politecnica Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Valutazione delle performance di uno strumento CFD open source per lo sviluppo di un energy harvester Candidato:

Dettagli

Traduzione dell articolo ACHIEVING THE BEST ANGLE di Ed Kolano tratto dalla rivista Sport Aviation di dicembre 2000.

Traduzione dell articolo ACHIEVING THE BEST ANGLE di Ed Kolano tratto dalla rivista Sport Aviation di dicembre 2000. Traduzione dell articolo ACHIEVING THE BEST ANGLE di Ed Kolano tratto dalla rivista Sport Aviation di dicembre 2000. Otteniamo il miglior angolo di salita. Riduzione dei dati di prestazione in salita,

Dettagli

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco DIPARIMENTO DEI VIGLI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVULE Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile,

Dettagli

UNI 10531 Ventilatori Industriali: Metodi di prova e di accettazione

UNI 10531 Ventilatori Industriali: Metodi di prova e di accettazione CORSO DI SPERIMENTAZIONE E PROVE SULLE MACCHINE Docente Prof. L. Postrioti UNI 10531 Ventilatori Industriali: Metodi di prova e di accettazione 1- Generalità La Norma descrive le procedure di prova delle

Dettagli

MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO

MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO PIANO DI LAVORO CLASSE 5 ES A.S. 2014-2015 MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO INS. TECNICO-PRATICO: PROF. BARONI MAURIZIO MODULO 1: ALGEBRA DEGLI SCHEMI A BLOCCHI

Dettagli

Disciplina: Fisica Classe I Sezione F

Disciplina: Fisica Classe I Sezione F Pagina 1 di 6 Disciplina: Fisica Classe I Sezione F A.S. 2015/2016 Docente Lombardi Sara INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI E DEFINIZIONE DELLE LINEE COMPORTAMENTALI Nello studio della disciplina terrò presenti

Dettagli

CAT2007 Laurea specialistica IngEdile. Complementi di Architettura Tecnica CAT2007 I ponti termici in Edilizia. Ing. Mainini Andrea giovanni

CAT2007 Laurea specialistica IngEdile. Complementi di Architettura Tecnica CAT2007 I ponti termici in Edilizia. Ing. Mainini Andrea giovanni CAT2007 Laurea specialistica IngEdile Complementi di Architettura Tecnica CAT2007 I ponti termici in Edilizia Ing. Mainini Andrea giovanni I ponti termici 2 Considerando l involucro edilizio si è in presenza

Dettagli

RELAZIONE DI TIROCINIO

RELAZIONE DI TIROCINIO RELAZIONE DI TIROCINIO Modellistica di antenne a microstriscia DI Risso Stefano matr.2719995 Tutor accademico: Chiar.mo Prof. Gian Luigi Gragnani Svolto presso il Laboratorio di Elettromagnetismo Applicato

Dettagli

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici ENERGY SOLUTIONS La forza del vento Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici L energia è diventata una priorità nella politica europea. Fino ad oggi

Dettagli

Politecnico di Bari I Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica ENERGIA EOLICA

Politecnico di Bari I Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica ENERGIA EOLICA Politecnico di Bari I Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica ENERGIA EOLICA turbine eoliche ad asse verticale VAWT A.A. 2008/09 Energie Alternative Prof.B.Fortunato

Dettagli

SISTEMI INNOVATIVI TRATTAMENTO ARIA AMBIENTE. Catalogo di selezione Canali perforati dld per la diffusione dell aria ad alta induzione

SISTEMI INNOVATIVI TRATTAMENTO ARIA AMBIENTE. Catalogo di selezione Canali perforati dld per la diffusione dell aria ad alta induzione SISTEMI INNOVATIVI TRATTAMENTO ARIA AMBIENTE Catalogo di selezione Canali perforati dld per la diffusione dell aria ad alta induzione PARAmeTRI DI SceLTA Di seguito sono dettagliate le informazioni da

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI In collaborazione con UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Facoltà di Ingegneria Corso di studi in Ingegneria Civile Tesi di Laurea Magistrale CONTROLLO ATTIVO DELLE VIBRAZIONI

Dettagli

Generalità sull energia eolica

Generalità sull energia eolica Generalità sull energia eolica Una turbina eolica converte l energia cinetica della massa d aria in movimento ad una data velocità in energia meccanica di rotazione. Per la produzione di energia elettrica

Dettagli

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Versione 1.0 Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Corso anno 2011 B. MANUALE DI UTILIZZO DEL GRIGLIATORE Il pre processore Grigliatore è composto da tre macro

Dettagli

PIANO DI PROGETTO/PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PIANO DI PROGETTO/PROGRAMMAZIONE DIDATTICA 1 di 8 Anno scolastico: PIANO DI PROGETTO/PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Materia: 2013/14 Fisica Data: Classe: 1A I Insegnante: Barbara Baiguini La presente programmazione fornisce linee guida generali. È suscettibile

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica e Meccanica Università degli Studi di Palermo Corso in: SIMULAZIONE NUMERICA PER L'INGEGNERIA MECCANICA Docente: Prof. Antonio Pantano Anno Accademico

Dettagli

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete 1) Cosa intendiamo, esattamente, quando parliamo di funzione reale di due variabili reali? Quando esiste una relazione fra tre variabili reali

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica. Docente del corso prof.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica. Docente del corso prof. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Docente del corso prof. Mariangela Usai Introduzione all'uso di Comsol Multiphysics ANNO ACCADEMICO

Dettagli

Progetto di Modelli Fisici per la Realtà Virtuale

Progetto di Modelli Fisici per la Realtà Virtuale Progetto di Modelli Fisici per la Realtà Virtuale di Cavenaghi Mattia matricola 640926 Indice Il modello fisico Descrizione del sistema pag. 1 Caratteristiche geometriche degli elementi pag. 1 L'equazione

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui

Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui Prof. Ing. Virgilio Fiorotto *, Ing. Mauro Castellarin ** * Dipartimento di Ingegneria Civile, Sezione di Idraulica e Geotecnica,Università

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Guida all uso di RSL III

Guida all uso di RSL III Guida all uso di RSL III Dati generali Passo 1 - In «Home» si inseriscono i Dati generali; Passo 2- In «Dati generali» i dati d identificazione dello studio (descrizione, committente, ecc.); Passo 3 -

Dettagli

Modelli meteorologici

Modelli meteorologici Fondamenti di meteorologia e climatologia Cenni storici Vilhelm Bjerknes (1904): L evoluzione degli stati atmosferici é controllata da leggi fisiche, quindi condizioni necessarie e sufficienti per risolvere

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

u metallurgiau A. Diani, L. Rossetto

u metallurgiau A. Diani, L. Rossetto ANALISI NUMERICA DELLA CONVEZIONE FORZATA DI ARIA IN SCHIUME METALLICHE A. Diani, L. Rossetto Le schiume metalliche sono una promettente classe di materiali cellulari che consistono in una interconnessione

Dettagli

Optimization and control: CFD as a design tool

Optimization and control: CFD as a design tool Relazione di attività del PhD student Samuele Zampini Supervisore: Prof. Maurizio Quadrio, Dipartimento di Scienze e Tecnologie Aereospaziali Optimization and control: CFD as a design tool Attività di

Dettagli

Sintesi Scopo Metodo

Sintesi Scopo Metodo Sintesi Scopo: analizzare le variazioni aerodinamiche dovute allo sbandamento in una barca a vela monoscafo. Metodo: - definizione di un modello ideale di vela; - simulazione numerica del flusso d aria

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15 Materia: FISICA 1) INTRODUZIONE ALLA SCIENZA E AL METODO SCIENTIFICO La Scienza moderna. Galileo ed il metodo sperimentale. Grandezze

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE IDRODINAMICA DELLE CORRENTI A PELO LIBERO

CARATTERIZZAZIONE IDRODINAMICA DELLE CORRENTI A PELO LIBERO CARATTERIZZAZIONE IDRODINAICA DELLE CORRENTI A PELO LIBERO SSD ICAR Prof. Ing. Greco ichele Ing. irauda Domenica Ing. Pannone arilena TEA DI RICERCA Analisi delle oscillazioni e dei campi di moto di strutture

Dettagli

REGIONE ABRUZZO COMUNE DI ROCCA S. GIOVANNI

REGIONE ABRUZZO COMUNE DI ROCCA S. GIOVANNI REGIONE ABRUZZO COMUNE DI ROCCA S. GIOVANNI INTERVENTO FINALIZZATO ALLA PROTEZIONE DEL LITORALE APPARTENENTE AL COMUNE DI ROCCA SAN GIOVANNI NELLE LOCALITA' "IL CAVALLUCCIO" E "VALLE DELLE GROTTE" - Fondi

Dettagli

Electrical motor Test-bed

Electrical motor Test-bed EM_Test_bed Page 1 of 10 Electrical motor Test-bed 1. INTERFACCIA SIMULINK... 2 1.1. GUI CRUSCOTTO BANCO MOTORE... 2 1.2. GUIDE... 3 1.3. GUI PARAMETRI MOTORE... 3 1.4. GUI VISUALIZZAZIONE MODELLO 3D MOTORE...

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

Valutazione delle emissioni di una stazione di depressurizzazione rete gas

Valutazione delle emissioni di una stazione di depressurizzazione rete gas Università degli Studi di Firenze Scuola di Ingegneria Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente ed del Territorio Anno Accademico 2013/2014 Valutazione delle emissioni di una

Dettagli

TECNICHE DI SIMULAZIONE

TECNICHE DI SIMULAZIONE TECNICHE DI SIMULAZIONE INTRODUZIONE Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari a.a. 2004/2005 TECNICHE DI SIMULAZIONE p. 1 Introduzione alla simulazione Una simulazione è l imitazione

Dettagli

TITOLO Programma di previsione MITHRA: principi di calcolo ed applicazione al caso di un tratto di tangenziale nell area Nord Est di Padova

TITOLO Programma di previsione MITHRA: principi di calcolo ed applicazione al caso di un tratto di tangenziale nell area Nord Est di Padova TITOLO Programma di previsione MITHRA: principi di calcolo ed applicazione al caso di un tratto di tangenziale nell area Nord Est di Padova Amadasi G. (1), Mossa G. (1), Riva D. (1) 1) S.C.S. controlli

Dettagli

Misurazione della portata, rumorosità e lay-out impiantistico degli impianti di aspirazione

Misurazione della portata, rumorosità e lay-out impiantistico degli impianti di aspirazione ALLEGATO 6 Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Lombardia -------------------------------- Documento d inquadramento per le cappe chimiche nei Dipartimenti Provinciali dell ARPA Lombardia.

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Scientifico statale Innocenzo XII Anzio (Roma) PROGRAMMA SVOLTO (a.s. 2013/14) Classe PRIMA sez

Dettagli

DTI SUPSI. Corso: Produrre energia con il vento - DACD SUPSI. Maurizio Barbato ; Davide Montorfano - DTI SUPSI

DTI SUPSI. Corso: Produrre energia con il vento - DACD SUPSI. Maurizio Barbato ; Davide Montorfano - DTI SUPSI DTI / ICIMSI / PRODURRE ENERGIA CON IL VENTO PROGETTO DTI SUPSI 1 Progetto Generatore Eolico DTI SUPSI Corso: Produrre energia con il vento - DACD SUPSI Maurizio Barbato ; Davide Montorfano - DTI SUPSI

Dettagli

teoresi studi&ricerche

teoresi studi&ricerche UN SISTEMA DI CONTROLLO PER ELICOTTERO Realizzazione con Simulink e Direct3D di M. CARIDI e L. DAGA Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università degli Studi di Roma La Sapienza via Eudossiana

Dettagli

EPS-XPS PROCESSING MACHINES AND PLANTS

EPS-XPS PROCESSING MACHINES AND PLANTS EPS-XPS PROCESSING MACHINES AND PLANTS La srl progetta, costruisce, collauda ed installa impianti e macchine per la lavorazione dell EPS vantando 20 anni di esperienza nel settore. La continua ricerca

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-3-2012

Dettagli

Prof. Sergio Baragetti. Progettazione FEM

Prof. Sergio Baragetti. Progettazione FEM Prof. Sergio Baragetti Progettazione FEM Perché gli Elementi Finiti Le teorie classiche della meccanica, studiate nei corsi precedenti, sono risolutive nella grande maggioranza dei casi: problemi piani,

Dettagli

Giornata ANIPLA Introduzione alla visione industriale 3D. Milano, 14 giugno 2012 www.vblab.it R. Sala - remo.sala@polimi.it

Giornata ANIPLA Introduzione alla visione industriale 3D. Milano, 14 giugno 2012 www.vblab.it R. Sala - remo.sala@polimi.it Giornata ANIPLA Introduzione alla visione industriale 3D Milano, 14 giugno 2012 www.vblab.it R. Sala - remo.sala@polimi.it La visione delle macchine: 35 anni di storia Il testo Digital image processing

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE. Analisi dello stato tensionale tangenziale per i profili sottili aperti v. 1.00.55 del 14 aprile 2014

GUIDA DELL UTENTE. Analisi dello stato tensionale tangenziale per i profili sottili aperti v. 1.00.55 del 14 aprile 2014 GUSCI Analisi dello stato tensionale tangenziale per i profili sottili aperti v. 1.00.55 del 14 aprile 2014 dott. ing. FERRARI Alberto GUIDA DELL UTENTE centro di taglio; valutazione delle sollecitazioni

Dettagli

Prevenzione Incendi L APPROCCIO PRESTAZIONALE

Prevenzione Incendi L APPROCCIO PRESTAZIONALE Prevenzione Incendi LA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI RESISTENZA AL FUOCO DELLE COSTRUZIONI E DI CLASSIFICAZIONE AI FINI DELLA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE L APPROCCIO PRESTAZIONALE I REQUISITI DELLE

Dettagli

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Competenza chiave europea: MATEMATICA Scuola Primaria DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte TAB. A TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della Scuola Primaria

Dettagli

Metodi Numerici per Equazioni Ellittiche

Metodi Numerici per Equazioni Ellittiche Metodi Numerici per Equazioni Ellittiche Vediamo ora di descrivere una tecnica per la risoluzione numerica della più semplice equazione ellittica lineare, l Equazione di Laplace: u xx + u yy = 0, (x, y)

Dettagli

MISURAZIONI E MISURE

MISURAZIONI E MISURE MISURAZIONI E MISURE Nel momento in cui studiamo una proprietà di un corpo materiale, vediamo se questa risponde in modo positivo o negativo alla nostra considerazione. Possiamo includerlo o escluderlo

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Istituto Comprensivo di Bosco Chiesanuova Piazzetta Alpini 5 37021 Bosco Chiesanuova Tel 045 6780 521-

Dettagli

STAMPANTI 3D: UNA NUOVA SFIDA PER LA MODELLISTICA MATEMATICA

STAMPANTI 3D: UNA NUOVA SFIDA PER LA MODELLISTICA MATEMATICA MADD-SPOT, 6, 2014 STAMPANTI 3D: UNA NUOVA SFIDA PER LA MODELLISTICA MATEMATICA DI EMILIANO CRISTIANI È in arrivo una nuova rivoluzione industriale? Sono in molti a pensarlo. Le stampanti 3D sono in grado

Dettagli

Come visto precedentemente l equazione integro differenziale rappresentativa dell equilibrio elettrico di un circuito RLC è la seguente: 1 = (1)

Come visto precedentemente l equazione integro differenziale rappresentativa dell equilibrio elettrico di un circuito RLC è la seguente: 1 = (1) Transitori Analisi nel dominio del tempo Ricordiamo che si definisce transitorio il periodo di tempo che intercorre nel passaggio, di un sistema, da uno stato energetico ad un altro, non è comunque sempre

Dettagli

LABORATORIO DI ANALISI DEI SISTEMI

LABORATORIO DI ANALISI DEI SISTEMI LABORATORIO DI ANALISI DEI SISTEMI Si utilizzerà, come strumento di lavoro, un foglio elettronico, il più diffuso Excel o anche quello gratuito di OpenOffice (www.openoffice.org). Tale scelta, pur non

Dettagli

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Ing. Davide Palumbo Prof. Ing. Umberto Galietti Politecnico di Bari, Dipartimento di Meccanica, Matematica e Management

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE AUGUSTO RIGHI BOLOGNA

LICEO SCIENTIFICO STATALE AUGUSTO RIGHI BOLOGNA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L'EMILIA ROMAGNA LICEO SCIENTIFICO STATALE AUGUSTO RIGHI BOLOGNA SOSPENSIONE del giudizio anno scolastico 2012/13: INDICAZIONI LAVORO

Dettagli

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Matteo Vecchi Lezione del n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Il Moto Esterno Con il termine moto esterno intendiamo quella branca della fluidodinamica che studia il moto dei fluidi attorno ad un

Dettagli

SEZIONE A: Traguardi formativi CLASSE QUARTA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE

SEZIONE A: Traguardi formativi CLASSE QUARTA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: A - Numeri SEZIONE A: Traguardi formativi COMPETENZE IN MATEMATICA CLASSE QUARTA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Utilizzare con sicurezza le tecniche e le procedure del calcolo

Dettagli

COSTRUIAMO UN AEROMODELLO 3D 4

COSTRUIAMO UN AEROMODELLO 3D 4 COSTRUIAMO UN AEROMODELLO 3D 4 Con i comandi che abbiamo visto fina ad ora dovreste essere in grado di costruire da soli le ali del modello (ovviamente fatene una sola e poi specchiatela), basta trasformare

Dettagli

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ES. 1 - Due treni partono da due stazioni distanti 20 km dirigendosi uno verso l altro rispettivamente alla velocità costante di v! = 50,00 km/h e v 2 = 100,00 km

Dettagli

Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory

Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory La simulazione delle pompe oleodinamiche Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory Politecnico di Torino Dipartimento Energia Macchine a fluido Laboratorio

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

Oggetto: VERIFICA TERMICA DEL DISSIPATORE

Oggetto: VERIFICA TERMICA DEL DISSIPATORE Report fotovoltaico issue 2 Di: VINCENZO CASCIOLI Data: 11 Settembre 2008 Oggetto: VERIFICA TERMICA DEL DISSIPATORE Verifica termica del dissipatore 1 INDICE 1. PREMESSA 4 2. MODELLO SOLIDO 5 2.1 Scheda

Dettagli

1 Introduzione. 2 La bilancia elettronica

1 Introduzione. 2 La bilancia elettronica Università degli Studi di Firenze - Corso di Laurea in Fisica Appunti del corso di Esperimentazioni 1-Anno Accademico 2008-2009 Prof. Oscar Adriani, Prof. Andrea Stefanini MISURA DELLA DENSITÀ RELATIVA

Dettagli

LICEO CLASSICO, LICEO DELLE SCIENZE UMANE, LICEO MUSICALE E COREUTICO, LICEO LINGUISTICO MATEMATICA

LICEO CLASSICO, LICEO DELLE SCIENZE UMANE, LICEO MUSICALE E COREUTICO, LICEO LINGUISTICO MATEMATICA LICEO CLASSICO, LICEO DELLE SCIENZE UMANE, LICEO MUSICALE E COREUTICO, LICEO LINGUISTICO MATEMATICA PROFILO GENERALE E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MATEMATICA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MATEMATICA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PRIMA DELLA DISCIPLINA: MATEMATICA - CLASSE PRIMA L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali. Legge e comprende testi che coinvolgono aspetti logici e matematici.

Dettagli

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito Introduzione 2 Perché usare il laser scanner: Caratteristiche della tecnologia: Tempi di stazionamento rapidi (pochi minuti); Elevata

Dettagli

1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI

1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI 1 PROVE DI CARICO 1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI 1.1.1 L attrezzatura Le prove di carico sono eseguite utilizzando l apparecchiatura denominata Collaudatore GS progettata

Dettagli

In laboratorio si useranno fogli di carta millimetrata con scale lineari oppure logaritmiche.

In laboratorio si useranno fogli di carta millimetrata con scale lineari oppure logaritmiche. GRAFICI Servono per dare immediatamente e completamente le informazioni, che riguardano l andamento di una variabile in funzione dell altra. La Geometria Analitica c insegna che c è una corrispondenza

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE

ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE Lo scopo di quest esperimento è osservare la natura ondulatoria della luce, nei fenomeni della diffrazione e dell interferenza propri delle onde. In

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA 110120-R-1419

RAPPORTO DI PROVA 110120-R-1419 RAPPORTO DI PROVA 110120-R-1419 DETERMINAZIONE SPERIMENTALE DELLA CONDUCIBILITA TERMICA (NORMA UNI EN 1745) DI VERNICI TERMICHE DELLA DITTA ATRIA S. r. l. Sperimentazione eseguita LUOGO E DATA DI EMISSIONE:

Dettagli