RELAZIONE DI FINE TIROCINIO APPLICAZIONE DEL MODELLO FLOW-3D PER LA SIMULAZIONE DELL IDRODINAMICA NELL INTORNO DI NAVI IN MANOVRA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE DI FINE TIROCINIO APPLICAZIONE DEL MODELLO FLOW-3D PER LA SIMULAZIONE DELL IDRODINAMICA NELL INTORNO DI NAVI IN MANOVRA"

Transcript

1 RELAZIONE DI FINE TIROCINIO APPLICAZIONE DEL MODELLO FLOW-3D PER LA SIMULAZIONE DELL IDRODINAMICA NELL INTORNO DI NAVI IN MANOVRA ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Fioretti Stefano

2 INDICE Introduzione e obiettivi del tirocinio... 2 CAPITOLO Modellazione fisica e modellazione numerica Modelli fisici Modelli numerici... 5 CAPITOLO Impostazioni del modello Physics Meshing and Geometry Costruzione del solido in formato.stl Output CAPITOLO Introduzione Test con elemento tridimensionale elementare Modellazione della dinamica delle navi Simulazioni CONCLUSIONI INDICE DELLE FIGURE BIBLIOGRAFIA [1]

3 Introduzione e obiettivi del tirocinio Il seguente lavoro di tirocinio nasce dall idea di modellare il comportamento delle navi in manovra. L idea si sviluppa in seguito alla lettura del PIANC Report n realizzato dalla The World Association for Waterborne Trasport Infrastructure. Nel report n.121 del 2014, si analizzano in dettaglio le difficoltà e le metodologie usate, per lo studio e la realizzazione di canali negli approdi portuale per navi di grandi dimensioni. Le navi di una certa stazza (navi container, petroliere etc.) hanno spazi di manovra molto ampi, sono difficilmente manovrabili a velocità ridotte, e necessitano di rimorchiatori per essere accompagnati nelle banchine di carico e scarico. Per fare queste prove si è scelto di usare una modellazione di tipo numerico. Durante il tirocinio si è studiato come poter rappresentare una nave tramite programmi di simulazione 3D e come modellarne lo scafo per renderlo idoneo a una campagna di simulazioni tramite software alle differenze finite. Così facendo, si è cercato di mettere le basi per un più ampio discorso di tesi, atto a determinare tramite modellazione numerica, le forze realmente in gioco in questo tipo di manovre e le rispettive criticità. Il lavoro è stato sviluppato prima prendendo confidenza con la modellazione degli scafi delle navi, poi andando a cercare sistemi per poterli riprodurre all interno di software di modellazione numerica, e infine andando a simulare alcune situazioni tipiche di manovra e di condizioni ambientali. [2]

4 CAPITOLO 1 Accenni di modellazione 1.1 Modellazione fisica e modellazione numerica L uomo da sempre cerca di studiare, capire e prevedere i fenomeni naturali che lo circondano. Dall osservazione della natura e dell ambiente circostante è nato il suo desiderio di capire e replicare quanto in natura succedeva. Da domande all apparenza semplici come perché questo fenomeno evolve così? o anche, perché in certe condizioni succede questo, e in altre no? è nata la storia dello studio delle scienze come la fisica, l ingegneria e la matematica. E bene soffermarsi allora un attimo a riflettere, su quanta strada è stata fatta soprattutto negli ultimi 100 anni in questi rami, e cosa ha portato a questa evoluzione. Come già detto, da sempre l uomo ha osservato studiato e cercato di riprodurre ciò che lo circondava. Da sempre ha cercato di far suo tramite leggi e modelli quanto la natura gli offriva. Da qui nascono i modelli fisici, che fino al momento dell evoluzione tecnologica e l avvento degli attuali calcolatori, sono stati gli unici alleati di scienziati e studiosi. L evoluzione nello studio dei fenomeni e le ormai confermate teorie matematiche alla base di alcuni fenomeni fisici hanno poi portato, grazie ai passi da giganti fatti nella costruzione e nella potenza di calcolo degli attuali computer, all avvento dei modelli numerici. Fare una descrizione accurata dei vantaggi e degli svantaggi dei primi come dei secondi richiederebbe molte pagine e molto tempo ed esime da quello che concerne questo lavoro. E altrettanto necessario dire che gli uni non sostituiscono gli altri e in qualsiasi caso di studio, i due approcci insieme a una preliminare raccolta di dati, sono da considerarsi complementari per la risoluzione corretta di una campagna di sperimentazione. [3]

5 1.2 Modelli fisici I modelli fisici sono modelli che cercano di ricreare un dato fenomeno attraverso la riproduzione in scala delle condizioni in cui quel fenomeno evolve, comprese le forze e le velocità. Alcuni esempi celebri di questi modelli e che poi hanno portato alla stesura di leggi dell idraulica ancora ampiamente usate sono: - L esperienza di Nikuradse sulla scabrezza, e la sua influenza nel moto del fluido coni tubi accuratamente modificati al loro interno. - Gli esperimenti su tubi con fluido e tracciante, a diversa velocità, di Reynolds che portarono alla sua celebre teoria sulla turbolenza. - Nei giorni d oggi si pensi al modello fisico della laguna di Venezia, utilizzato per studiare l andamento delle maree nella laguna e l efficacia del Mose per il problema dell acqua alta. I tratti caratteristici che accomunano tutti i modelli fisici sono: 1) Un attenta raccolta di dati preliminare del fenomeno che si intende studiare. Per realizzare dei modelli fisici è molto importante cercare di isolare il più possibile l essenza del problema così da evitare errori di valutazione o difficili rappresentazioni della realtà. 2) La scelta accurata di scale (nei modelli fisici è molto frequente l uso di diverse scale) per la rappresentazione dell ambiente in cui il fenomeno evolve (cosi da cercare di rappresentare, il più possibile fedelmente, le condizioni al contorno). Il discorso scale di rappresentazione in questo tipo di esperimenti è uno dei problemi maggiori. Per capire le difficoltà che si possono incontrare basti pensare a come rappresentare, con un modello fisico, alcuni fenomeni che si manifestano in un corso d acqua per un tratto che si estende per qualche km. Si avranno delle difficoltà oggettive anche solo per rappresentare il letto del fiume (il fiume è lungo qualche km ma è largo poche decine di metri, e al tempo stesso, potrebbe essere profondo pochi metri). Sempre usando questo esempio si pensi ad altre condizioni, come la scabrezza degli argini, oppure ancora più concretamente al trasporto solido; come rappresentare i granuli che dal fondo si spostano per causa della corrente? Come renderli non fuori scala e quindi poi avere dei risultati completamenti alterati? E se non fosse acqua? Come scalare le proprietà (ad esempio la viscosità o il peso specifico) di un fluido per renderle coerenti con il caso reale? Da questo brevissimo riassunto si capisce che ricreare un modello fisico non è per niente facile e le variabili in gioco oltre a quelle già intrinseche nel problema, possono aumentare e di molto. [4]

6 1.3 Modelli numerici A partire dagli anni 80 con l evoluzione continua dei computer, le tecniche di modellazione numerica in quanto a potenza di calcolo sono state sviluppate fino al punto, da renderne fruibili i risultati per molte applicazioni. Questo sviluppo ha portato alla diffusione della modellazione numerica come strumento di progettazione standard in molti rami dell ingegneria. Attualmente è molto usata per la modellazione in ambiti come quelli aerospaziali, automobilistici e marittimi. Nonostante la vasta gamma di applicazioni, per modellazioni di questo tipo, i principi fondamentali sui quali tutti i modelli si basano sono tra loro molto simili: - I problemi vengono definiti da set di equazioni differenziali che descrivono la fisica del problema. - I modelli possono avere un approccio del tipo alle differenze finite o ai volumi finiti e vengono utilizzati per formulare un insieme di equazioni algebriche, che discretizzano le equazioni differenziali alle derivate parziali. La soluzione approssimata per questo tipo di equazioni algebriche, si ottiene tramite metodi iterativi o soluzioni matriciali. - Nella gran parte dei casi, i risultati dei modelli numerici sono verificati o calibrati tramite confronto con osservazioni di campo e/o esperimenti, mediante modello fisico prima di essere applicati nella pratica. In questo ramo della modellazione scientifica si inserisce il Computational Fluid Dynamics (C.F.D.) che è una branca della modellazione numerica, sviluppata per risolvere problemi riguardanti flussi di fluidi, ed include anche applicazioni che prevedono l interazione fluido-solido come nel caso del seguente studio. Sebbene questi modelli richiedano notevoli tempi di calcolo, sono in grado di fornire una visione tridimensionale del fenomeno, cosa che non accade con gli altri tipi di modellazione mono e bidimensionale (ne è un esempio la possibilità di osservare i campi di flusso intorno a oggetti solidi). Per le applicazioni idrauliche, le equazioni che governano e descrivono il comportamento incomprimibile dell acqua (densità costante ρ) sono quelle di conservazione della massa e della quantità di moto (Eq. Di Navier-Stokes). Equazione di continuità: + + =0 Equazioni di Navier-Stokes: 1 = + [5]

7 1 = + 1 = + In cui =+h è una condizione idrostatica costante dovuta alla gravità g; mentre è l operatore di Laplace. Il campo di moto è inoltre descritto da: = Queste equazioni differenziali non lineari sono discretizzate sia nello spazio che nel tempo e possono essere risolte utilizzando diversi schemi numerici. Nei modelli numerici si possono poi attuare delle semplificazioni, come nel caso della turbolenza, che viene spesso approssimata e mediata attraverso un approccio mediato alla Reynolds. In generale, nel risolvere queste equazioni, le variabili più importanti sono la velocità, la pressione (in alcuni casi la temperatura) lungo tutto il dominio in funzione del tempo sia per le condizioni iniziali che al contorno. Da queste grandezze diciamo principali possono poi esserne derivate altre come la portata, la turbolenza la potenza di flusso, la distribuzione dei numeri di Reynolds e Froud, le forze derivanti dal campo di moto. E il caso di ricordare, che come per qualsiasi altra tecnica di modellazione numerica, è fondamentale la validazione dei modelli e dei risultati ottenuti attraverso un processo di confronto con le misure di campo dove presenti e i risultati dei modelli fisici e/o analitici. [6]

8 CAPITOLO 2 FLOW-3D Si è scelto di utilizzare il programma Flow-3D data la sua versatilità, che permette la risoluzione di una vasta gamma di problemi di fluidodinamica con ottimi livelli di precisione e accuratezza come del resto testimoniato, da numerosi studi, anche a carico di importanti enti come U.S. Army Corps of Engineers (USACE) e U.S. Bureau of Reclamation (USBR). Tra i suoi principali campi di applicazione ci sono vari aspetti concernenti l ingegneria idraulica e la dinamica dei fluidi. Una delle caratteristiche salienti del programma è la disponibilità, per il modellatore, di un gran numero di opzioni per la definizione delle condizioni sulle griglie di calcolo; ad esempio la possibilità di disegnare una griglia formata da più blocchi di griglie (multi-block grids) o diversi livelli di griglie inserite una dentro l altra con diverse risoluzioni (nested grids); è inoltre possibile disegnare semplici oggetti o importare oggetti dalla geometria più complessa e file topografici. Infine, è presente una vasta selezione di condizioni al contorno per modellare correttamente ciascuna situazione. Ultima ma non meno importante caratteristica di questo software, è la possibilità per tutti i set-up riguardanti la modellazione di essere facilmente selezionati e implementati mediante editor di testo o tramite scelta con pulsanti di accesso rapido grazie a un interfaccia essenziale ma completa. 2.1 Impostazioni del modello Le impostazioni generali del modello (nella prima finestra model setup Fig.1) per tutte le simulazioni effettuate, ad eccezione del tempo di simulazione, sono state le stesse. Quindi si è considerato: - Fluido incomprimibile. - Unità di misura del tipo internazionale. - Scala delle temperature in gradi Celsius - Versione del preprocessore a double precision. Le differenze tra usare single-precision o double-precision, come specificato nel manuale utente del programma, sta nel grado di precisione dopo la virgola. Il single-precision porta a una accuratezza tipica di sette cifre significative. Nel double-precision si ha una precisione di circa 15 cifre significative. Le cifre rimanenti sono l'errore di arrotondamento. Le controindicazioni nell usare il double-precision sono la mole di calcoli nel caso in cui le mesh siano molto fitte e il dominio di calcolo molto grande. [7]

9 Considerando che il dominio imposto nelle simulazioni non è molto esteso, e le maglie proporzionali ai modelli solidi inseriti (come dettagliatamente esposto nei capitoli successivi) si è optato per usare sempre la versione double-precision. Fig. 1 FLOW 3D: Schermata Model Setup General Physics Per quanto riguarda la fisica del modello, il programma offre la possibilità di poter impostare diverse opzioni (Fig. 2). Nelle simulazioni si sono considerati, per tutte le prove, i seguenti parametri: la gravità (imponendo un accelerazione di gravità lungo l asse z pari a m/s 2 ) la viscosità (inserendo una viscosità applicata al fluido di tipo Newtoniana) e la turbolenza di tipo RNG (Renormalized Group Model) che risulta essere secondo il manuale utente il modello più robusto e accurato presente nel programma. E interessante notare che tra le opzioni è presente anche la possibilità di inserire valori di velocità del vento, ma data la natura delle nostre simulazioni si è preferito, in questa fase, tralasciare questo contributo. Fig. 2 FLOW 3D: Schermata Model Setup Physics [8]

10 2.1.2 Meshing and Geometry In questa finestra, molto importante per la realizzazione della simulazione, si è imposto il dominio di simulazione con le dimensioni delle mesh (variabili, come si vedrà nel seguito, in base al solido considerato) le proprietà di moto (della corrente o del solido o di entrambe), le condizioni al contorno e l altezza del tirante idrico. Sempre tramite questa schermata si è caricato il modello di nave che si intendeva usare per le simulazioni adeguatamente trasformato rispetto al formato di partenza (di tipo DWG) nel formato riconosciuto dal software del stereolitgrafico (.stl) (Fig. 3). Fig. 3 FLOW 3D: Schermata Model Setup Meshing and Geometry [9]

11 Costruzione del solido in formato stl Per la costruzione del solido da inserire in Flow-3D ci siamo appoggiati al programma DELFT SHIP e alla sua banca dati. Questo programma permette di modellare i più diversi tipi di ghiglia e nella sua banca dati (gratuita presente sul sito si trovano diversi modelli di navi dalle container alle petroliere, fino ad arrivare ai rimorchiatori e alle barche da diporto (Fig. 4). Fig. 4 DELFTship: Modellazione di uno scafo I modelli una volta caricati in DELFTShip, sono stati successivamente importati nel formato DXT 3D Curve per essere modificati in Auto-Cad (Fig. 5). Fig. 5 Auto-Cad: Elaborazione delle sezioni del modello ottenuto con DELFTShip [10]

12 Una volta estruso tutto il solido tramite Auto-Cad, si è importato il modello nel formato stl in Flow-3D. E bene precisare che questa procedura si è resa necessaria perché Flow-3D è in grado di gestire solo forme geometriche chiuse, solidi tridimensionali, ai quali è possibile dare una massa (Fig. 6). Lavorando con una discretizzazione a maglie, l interazione tra il solido e le mesh non viene analizzata se il solido è preso come un involucro vuoto al suo interno (e quindi con spessore delle pareti infinitesimo rispetto alle altre caratteristiche). Fig. 6 3D-Tool: Verifica del risultato ottenuto tramite estrusione in Auto-Cad del solido 3D Output Qui è possibile definire i dati che Flow-3D rilascia una volta terminata una simulazione (Fig. 7). In questa reparto si trovano le impostazioni di: - Restart Data: è l'impostazione predefinita utilizzata in FLOW-3D per il contorno, e le trame delle isosuperfici. Inoltre, Restart data può ri-iniziare la simulazione in uno dei qualsiasi tempi per i quali sono disponibili i dati Restart. L'intervallo di tempo tra le modifiche dei dati di riavvio è impostato nella scheda Output sotto la casella Riavvia dati dalla variabile PLTDT. - History data: Viene usato per fare grafici XY di un'evoluzione delle variabili in funzione del tempo (sonde storia). I tracciati delle variabili comprendono i quantitativi integrali e di diagnostica, come il volume del liquido e il numero di iterazioni, uscita di volumi del campione i flussi variabili. L'intervallo di tempo per le modifiche dei dati storici è impostato dalla variabile HPLTDT. - Selected Data: Questo comando riguarda tutte le informazioni pertinenti per la soluzione che vengono scritti durante le simulazioni. Se non si facesse una selezione dei dati di interesse si avrebbe quindi una mole di output enorme con la conseguente generazione di file di grandi dimensioni. Con select data è possibile evidenziare nel totale dei dati di output solo quelli di interesse, rendendo il file più [11]

13 leggero. E inoltre possibile scegliere una frequenza di tracciamento inserendo un valore da 1 a 100 nell apposita casella dell intervallo di tempo. Fig. 7 FLOW 3D: Schermata di impostazione dei dati di output [12]

14 CAPITOLO 3 Modellazione della dinamica delle navi in movimento 3.1 Introduzione Per prendere confidenza con il programma e per avere un idea della fedeltà dei risultati delle simulazioni alle condizioni reali, si è iniziato provando a simulare il comportamento di un elemento tridimensionale elementare soggetto a: Condizioni di fluido in quiete (per avere un idea della statica). Fluido in quiete, con movimento imposto all elemento solido. Corrente longitudinale imposta con l elemento tridimensionale fermo. Per fare questo si è creato un elemento tridimensionale di dimensioni 5 x 5 x 15 m; per il fluido si è considerata l acqua a 20 C (il programma ha un archivio interno con vari fluidi e per ognuno di essi ci sono le caratteristiche già impostate come densità, peso specifico, conducibilità elettrica ecc). Successivamente si è creato un dominio di controllo tramite una mesh con maglie di dimensioni costanti per tutti e tre gli assi cartesiani principali con passo e altezza costante pari a 0.5m. Si è inoltre considerato che il volumetto elementare sia immerso per metà (pescaggio D=2.5 m). [13]

15 3.2 Test con elemento tridimensionale elementare Test 1 - Condizioni stazionarie sia del fluido che del cubetto (tempo di simulazione simbolico t=30s): Fig. 8 FLOW 3D: Test 1 Risultato per T= 0 s Fig. 9 FLOW 3D: Test 1 Simulazione dei risultati in 3D per T= 30 s [14]

16 Test 2 - Condizioni di cubetto in movimento lungo la direzione x (velocità pari a 5 nodi m/s) e fluido fermo: Fig. 10 FLOW 3D: Test 2 Simulazione dei risultati in 3D per T= 0 s Fig. 11 FLOW 3D: Test 2 Simulazione dei risultati in 3D per T= 20 s E interessante notare come è possibile, nella simulazione in 3D, avere un idea dei vettori della velocità nell intorno del solido a seguito del suo movimento lungo l asse x. E inoltre possibile ottenere i risultati anche per le forze agenti e molte altre grandezze in forma di tabelle (Fig. 12) e di grafici (Fig. 13), oltre che in grafici 2D (Fig. 14). Fig. 12 FLOW 3D: Test 2 Tabella forze agenti (Component 1 GMO fluid x-y-z force pressure + share ) [15]

17 Fig. 13 FLOW 3D: Test 2 Risultati simulazione in formato grafico Component 1 GMO fluid z-force pressure + share Fig. 14 FLOW 3D: Test 2 Risultati in formato di grafico 2D Verificando quanto FLOW-3D restituisce come forze, si è andati a fare un confronto tra le forze medie misurate dal programma e il loro rispettivo valore calcolato. Forza di Drag: = Valore medio calcolato da Flow-3D G.M.O. fluid X-Y Force (Pressure + Share) : X: N Y: N Valori calcolati tramite formula di Drag: X: N Y: N Dal confronto tra i risultati ottenuto con il software e quelli calcolati si vede che la differenza è di circa il 5% lungo l asse X e del 2% lungo la Y. [16]

18 Test 3 - Condizioni di cubetto fermo e corrente longitudinale lungo l asse x pari a 1.5 m/s (tempo della simulazione esteso da 30 a 120 s): Fig. 15 FLOW 3D: Test 3 Risultati in formato grafico 3D Fig. 16 FLOW 3D: Test 3 Risultati lungo y e x in forma di grafici Fig. 17 FLOW 3D: Test 3 Risultati in formato grafico 2D [17]

19 3.3 Modellazione della dinamica delle navi Accertata la bontà dei risultati di output del programma, si è passati a cercare di modellare il comportamento di una nave. Come mostrato nei capitoli precedenti questo ha comportato un lavoro a monte della simulazione necessario a ottenere uno scafo di nave, riconoscibile dal programma come un solido. Per il modello di base ci siamo affidati a uno scafo di forma tipica confrontabile con i reali scafi di navi tipo tanker. Di seguito riportiamo una tabella ricavata dal report n del PIANC The World Association for Waterborne Transport Infrastructure. Fig. 18 Classificazione delle navi per dimensioni e caratteristiche [18]

20 Le simulazioni con il modello della nave si sono realizzate sulla falsariga delle precedenti. Quindi si è proceduto a fare prove con corrente longitudinale e trasversale con nave ferma; dopo di ciò, si è passati a prove con nave in movimento (con moto imposto lungo la direzione x longitudinale, e evoluzione di una rotazione per 360 rispetto l asse z verticale). Sono in programma ulteriori prove per la determinazione di un coefficiente di Drag coerente con la forma dello scafo e la determinazione delle forze necessarie per imporre alcuni movimenti alla nave (si pensi all azione dei rimorchiatori). Altre prove sono in fase di realizzazione per determinare l influenza del tirante idrico sulle sollecitazioni nave/liquido. Infatti, come ci si aspettava, passando da condizioni di mare profondo (rapporto H/D>1.6) a condizioni di basso fondale (H/D=1,2) le sollecitazioni cambiano e si manifesta un certo effetto fondo che va a influenzare anche il coefficiente di Drag Simulazioni Simulazione 1 - Condizioni di corrente longitudinale del fluido lungo l asse x. Nave imposta ferma. Caratteristiche modello 3D nave: Modello: Parent 36 (scalato) Lunghezza: 190 m Larghezza: 30 m Pescaggio: 15.5 m Velocità corrente: variabile secondo questo schema Per 0 < t < 2000s Per 2001 < t < 4000s v = m/s v = m/s Caratteristiche della mesh: Liquido: acqua a 20 C Blocco 1 Maglie lungo x = 4 x 4 m lungo y = 4 x 4 m lungo z = 4 x 4 m [19]

21 Blocco 2 Maglie lungo x = 1 x 1 m lungo y = 1 x 1 m lungo z = 1 x 1m Tirante idrico del dominio: 18.6 m (confrontabile con una condizione di basso fondale H/D=1.2) Condizioni al contorno imposte (Fig. 19) : Block 1: X min Specified Velocity X max Specified Velocity Y min Specified Velocity Y max Specified Velocity Z min WALL Z max WALL Block 2: X min Grid overlay X max Grid overlay Y min Grid overlay Y max Grid overlay Z min Grid overlay Z max Grid overlay Tempo di simulazione: 4000 s Condizioni al contorno delle due mesh: [20]

22 Fig. 19 FLOW 3D: Simulazione 1 Riassunto grafico delle condizioni al contorno imposte nella mesh Fig. 20 FLOW 3D: Simulazione 1 Risultato della simulazione in formato grafico 3D Simulazione 2 - Condizioni di corrente trasversale del fluido lungo l asse y. Nave imposta ferma. Caratteristiche modello 3D nave: Modello: Parent 36 (scalato) Lunghezza: 190 m Larghezza: 30 m Pescaggio: 15.5 m Velocità corrente: variabile secondo questo schema Per 0 < t < 2000s Per 2001 < t < 4000s v = 0.5 m/s v = 1 m/s [21]

23 Caratteristiche della mesh: Liquido: acqua a 20 C Blocco 1 Maglie lungo x = 4 x 4 m lungo y = 4 x 4 m lungo z = 4 x 4 m Blocco 2 Maglie lungo x = 1 x 1 m lungo y = 1 x 1 m lungo z = 1 x 1m Tirante idrico del dominio: 18.6 m (confrontabile con una condizione di basso fondale H/D=1.2) Condizioni al contorno imposte (Fig. 19): Block 1: X min Specified Velocity X max Specified Velocity Y min Specified Velocity Y max Specified Velocity Z min WALL Z max WALL Block 2: X min Grid overlay X max Grid overlay Y min Grid overlay Y max Grid overlay Z min Grid overlay Z max Grid overlay [22]

24 Tempo di simulazione: 4000 s Fig. 21 FLOW 3D: Simulazione 2 Risultato (corrente trasversale imposta) in formato grafico 3D Simulazione 3 - Condizioni di fluido in quiete e movimento della nave con velocità imposta lungo l asse x. Caratteristiche modello 3D nave: Modello: Parent 36 (scalato) Lunghezza: 190 m Larghezza: 30 m Pescaggio: 15.5 m Solido con Prescribed Motion imposto Velocità: 5 nodi m/s Caratteristiche della mesh: Liquido: acqua a 20 C Maglie lungo x = 5 x 5 m lungo y = 1 x 1m lungo z = 1 x 1m [23]

25 Tirante idrico del dominio: 18.6 m (confrontabile con una condizione di basso fondale H/D=1.2) Condizioni al contorno imposte (Fig. 22) : X min Specified pressure P (dimensioni del dominio lungo x 565 m) X max Specified pressure P Y min Specified pressure P (dimensioni del dominio lungo y 120 m) Y max Specified pressure P Z min WALL (dimensioni del dominio lungo z 38.6 m) Z max WALL Tempo di simulazione: 100 s Fig. 22 FLOW 3D: Simulazione 3 Rappresentazione delle condizioni al contorno imposte sul dominio Fig. 23 FLOW 3D: Simulazione 3 Grafici GMO fluid x-y force (pressure + Shear) [24]

26 Fig. 24 FLOW 3D: Simulazione 3 Risultato con fluido in quiete e nave con moto imposto lungo l asse longitudinale x Simulazione 4- Condizioni di fluido in quiete e movimento della nave con velocità angolare lungo l asse z Caratteristiche modello 3D nave: Modello: Parent 36 (scalato) Lunghezza: 190 m Larghezza: 30 m Pescaggio: 15.5 m Solido con Prescribed Motion imposto Velocità angolare: 0.21 rad/s Caratteristiche della mesh: Liquido: acqua a 20 C Maglie lungo x = 5 x 5 m lungo y = 1 x 1m lungo z = 1 x 1m In questo caso la mesh non è stata ulteriormente infittita per non appesantire i calcoli. Tirante idrico del dominio: 18.6 m (confrontabile con una condizione di basso fondale H/D=1.2) [25]

27 Condizioni al contorno imposte (Fig. 22): X min Specified pressure P (dimensioni del dominio lungo x 550 m) X max Specified pressure P Y min Specified pressure P (dimensioni del dominio lungo y 400 m) Y max Specified pressure P Z min WALL (dimensioni del dominio lungo z 38.6 m) Z max WALL Tempo di simulazione: 800 s Fig. 25 FLOW 3D: Simulazione 4 Risultato (fluido in quiete e nave con moto rotatorio imposto su asse z) Fig. 26 FLOW 3D: Simulazione 4 Rappresentazione in formato grafico GMO fluid x-y-z (force pressure + Shear) [26]

28 CONCLUSIONI Concludendo, come si evince dalle prove, questo è stato un primo contatto con la modellazione numerica e con il programma Flow-3D in particolare. Mentre si creavano i modelli e successivamente si analizzavano i risultati, sono emerse altre possibilità di studio relative al comportamento delle navi in manovra e la loro interazione con il fluido. Queste ulteriori analisi, verranno approfondite in un più ampio e completo discorso di tesi. Quello che risulta chiaro sin da ora, è la comodità di usare questo tipo di simulazione per analizzare alcuni fenomeni dell idraulica e dell ingegneria marittima, e le potenzialità di analisi che offre. [27]

29 INDICE DELLE FIGURE Fig. 1 FLOW 3D: Schermata Model Setup General... 8 Fig. 2 FLOW 3D: Schermata Model Setup Physics... 8 Fig. 3 FLOW 3D: Schermata Model Setup Meshing and Geometry... 9 Fig. 4 DELFTship: Modellazione di uno scafo Fig. 5 Auto-Cad: Elaborazione delle sezioni del modello ottenuto con DELFTShip Fig. 63D-Tool: Verifica del risultato ottenuto tramite estrusione in Auto-Cad del solido 3D Fig. 7 FLOW 3D: Schermata di impostazione dei dati di output Fig. 8 FLOW 3D: Test 1 Risultato per T= 0 s Fig. 9 FLOW 3D: Test 1 Simulazione dei risultati in 3D per T= 30 s Fig. 10 FLOW 3D: Test 2 Simulazione dei risultati in 3D per T= 0 s Fig. 11 FLOW 3D: Test 2 Simulazione dei risultati in 3D per T= 20 s Fig. 12 FLOW 3D: Test 2 Tabella forze agenti (Component 1 GMO fluid x-y-z force pressure + share ) Fig. 13 FLOW 3D: Test 2 Risultati simulazione in formato grafico Fig. 14 FLOW 3D: Test 2 Risultati in formato di grafico 2D Fig. 15 FLOW 3D: Test 3 Risultati in formato grafico 3D Fig. 16 FLOW 3D: Test 3 Risultati lungo y e x in forma di grafici Fig. 17 FLOW 3D: Test 3 Risultati in formato grafico 2D Fig. 18 Classificazione delle navi per dimensioni e caratteristiche Fig. 19 FLOW 3D: Simulazione 1 Riassunto grafico delle condizioni al contorno imposte nella mesh Fig. 20 FLOW 3D: Simulazione 1 Risultato della simulazione in formato grafico 3D Fig. 21 FLOW 3D: Simulazione 2 Risultato (corrente trasversale imposta) in formato grafico 3D Fig. 22 FLOW 3D: Simulazione 3 Rappresentazione delle Fig. 23 FLOW 3D: Simulazione 3 Grafici GMO fluid x-y force (pressure + Shear) Fig. 24 FLOW 3D: Simulazione 3 Risultato con fluido in quiete e Fig. 25 FLOW 3D: Simulazione 4 Risultato (fluido in quiete e Fig. 26 FLOW 3D: Simulazione 4 Rappresentazione in formato grafico GMO fluid x-y-z [28]

30 BIBLIOGRAFIA Fondamenti di costruzioni marittime edizione Prof. Ing. Alberto Noli. Dispense del Corso di Progettazione di porti e opere marittime edizione Prof. Ing. Leopoldo Franco. PIANC Report n The World Association for Waterborne Trasport Infrastructure. Manuale FLOW 3D di Flow Science. [29]

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Elaborato di Meccanica delle Strutture

Elaborato di Meccanica delle Strutture Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Elaborato di Meccanica delle Strutture Docente

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto Capitolo 2 Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto 2.1 Forze Le forze che agiscono su un elemento B n del corpo B sono essenzialmente di due tipi: a) forze di massa che agiscono

Dettagli

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura La (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura Come funzionano i criteri di valutazione sulla temperatura Vi sono 5 parametri usati per la valutazione del

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Paolo Prati Dipartimento di Fisica Università di Genova Modelli a RECETTORE

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A.

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Analisi Strutturale tramite il Metodo agli Elementi Discreti Relatore:

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN)

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) SUPERCONDUTTIVITÀ A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) Il fenomeno della superconduttività è stato osservato per la prima volta nel 1911 dal fisico olandese Heike Kamerlingh Onnes dell'università de

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic Temp 360 Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD - 0,01 C Temp 300 Professional Datalogger, a doppio canale, per sonde a termocoppia K, T, J, B, R, E, S, N Temp 16 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD Temp

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Analisi e controllo di uno scambiatore di calore

Analisi e controllo di uno scambiatore di calore Università degli Studi di Roma Tor Vergata FACOLTÀ DI INGNEGNERIA Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria dell automazione Progetto per il corso di controllo dei processi Analisi e controllo di uno scambiatore

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI

PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI Paolacci Fabrizio Università degli Studi Roma Tre Facoltà di Ingegneria INDICE 1. Introduzione 2. La ripartizione dei carichi verticali 2.1.

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale RUOLO DELLA MODELLAZIONE GEOMETRICA E LIVELLI DI MODELLAZIONE PARTE 2 Prof. Caterina Rizzi... IN QUESTA LEZIONE Modelli 2D/3D Modelli 3D/3D Dimensione delle primitive di modellazione Dimensione dell oggettoy

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

Legge del Raffreddamento di Newton

Legge del Raffreddamento di Newton Legge del Raffreddamento di Newton www.lepla.eu Obiettivo L'obiettivo di questo esperimento è studiare l'andamento temporale della temperatura di un oggetto che si raffredda e trovare un modello matematico

Dettagli

Ingegneri & Geologi Associati

Ingegneri & Geologi Associati MODELLI IDRAULICI MONODIMENSIONALI Si riportano gli output forniti dal codice di calcolo Hec-Ras relativi al modello dello stato attuale e allo stato di progetto: per il primo si allegano La tabella con

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE

12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE 12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE 12.1 Introduzione Una seconda modalità di trasmissione del calore, detta convezione termica, ha luogo quando almeno uno dei due corpi che si scambiano calore è un

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Lo studio di unzione Ing. Alessandro Pochì Appunti di analisi Matematica per la Classe VD (a.s. 011/01) Schema generale per lo studio di una unzione Premessa Per Studio unzione si intende, generalmente,

Dettagli

Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa

Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa Misura di portata Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa Scheda tecnica WIKA FL 10.05 FloTec Applicazioni Produzione di petrolio e raffinazione Trattamento

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano PPUNTI DI SCIENZ DEE COSTRUZIONI Giulio lfano nno ccademico 004-005 ii Indice 1 TRVTURE PINE 1 1.1 Geometria, equilibrio e vincoli...................... 1 1.1.1 Piani di simmetria........................

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

((e ita e itb )h(t)/it)dt. z k p(dz) + r n (t),

((e ita e itb )h(t)/it)dt. z k p(dz) + r n (t), SINTESI. Una classe importante di problemi probabilistici e statistici é quella della stima di caratteristiche relative ad un certo processo aleatorio. Esistono svariate tecniche di stima dei parametri

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli