Politecnico di Milano Dipartimento di Meccanica I passi di un analisi FEM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Politecnico di Milano Dipartimento di Meccanica I passi di un analisi FEM"

Transcript

1 Politecnico di Milano Dipartimento di Meccanica Mario Guagliano

2 I PASSI SONO 3 1. MODELLING (Idealizzazione) (ipotesi su vincoli/carichi) 2. ANALISI (statica/dinamica, lineare/nonlineare) (Hardware/Software) 3. POSTPROCESSING (deformata, tensore sforzi/von Mises) (Verifiche dei risultati) 2

3 I PASSI DI UN ANALISI FEM ANALISI DEL COMPONENTE MECCANICO REALE INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI DELL ANALISI SCHEMATIZZAZIONE DEL COMPONENTE E SEMPLIFICAZIONI GEOMETRICHE SCHEMATIZZAZIONE DELLE CONDIZIONI AL CONTORNO OPERATIVAMENTE CONCETTUALMENTE Ø TIPO DI ELEMENTO Ø DIMENSIONE DEGLI ELEMENTI (ANALISI DI CONVERGENZA) Ø CONDIZIONI AL CONTORNO (CARICHI MECCANICI, TERMICI, ECC. E VINCOLI) Ø MODELLAZIONE DEL MATERIALE Ø TIPO DI ANALISI Ø ANALISI E INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI 3

4 Esempio CAMERA IPERBARICA SCOPO DELL ANALISI FEM Ø verifica giunzione mantello/fondo Ø verifica della tenuta della porta 4

5 Esempio CAMERA IPERBARICA 5

6 DEFINIZIONE DELLA MESH ü modello geometrico ü scelta tipo di elemento ü dimensione elementi ü condizioni al contorno MODELLARE COMPORTAMENTO DELLA STRUTTURA MODELLARE LA GEOMETRIA 6

7 TIPI DI ELEMENTI STRUTTURE REALI CONTINUE e 3D N DISCRETO DI ELEMENTI FINITI FAMIGLIA (SOLIDI, PIANI, SHELL, ECC.) DOF NUMERO DI NODI/FUNZIONI DI FORMA FORMULAZIONE INTEGRAZIONE 7

8 TIPI DI ELEMENTI Es. TRAVE STRUTTURE REALI 3D ASTA (truss o rod) BEAM (trave) SHELL (gusci) PIANI (sforzo piano, deformazione piana, assialsimmetrici) ELEMENTI RIGIDI ALTRI 3D SOLIDI (esaedro, cunei, tetraedri) 1D ROD 2D AXYSIMMETRIC SHELL 3D SOLIDI BRICK 8

9 INTEGRAZIONE ANALISI STATICA [K] {u} = {F} [K] è la matrice di rigidezza della struttura {u} è il vettore degli spostamenti nodali {F} è il vettore delle forze nodali ANALISI CALCOLO DI VARIABILI u, F nodali σ, ε, ecc. agli elementi FEM utilizza metodi numerici (Algoritmo di Gauss) per integrare le grandezze caratteristiche sul volume di ogni elemento Punti in cui viene eseguito il calcolo numerico sono chiamati punti di integrazione o punti di Gauss Esempio Punti di integrazione in un elemento 2D sforzo piano a 4 nodi 9

10 NUMERO DI NODI E FUNZIONI DI FORMA ANALISI STATICA [K] {u} = {F} {u} è il vettore degli spostamenti nodali di un elemento Negli altri punti dell elemento gli spostamenti sono calcolati interpolando gli spostamenti nodali L ordine di interpolazione (lineare o quadratico) dipende dalle funzioni di forma dell elemento (ovvero dal numero di nodi dell elemento) interpolazione lineare elementi del primo ordine interpolazione quadratica elementi del secondo ordine 10

11 ELEMENTI 1D ASTA ASTA/rod/truss (spar, strut) a 2 nodi punto di integrazione Ø 2 o 3 DOF traslazionali Ø modellare strutture reticolari con elementi snelli incernierati agli estremi Ø supportano solo carichi assiali Ø non ci sono errori di discretizzazione, distorsione Ø (utilizzati per modellare bulloni o collegamenti in modelli assialsimmetrici) INPUT UTENTE OBBLIGATORI AREA SEZIONE TRASVERSALE MATERIALE 11

12 Esempi 12

13 ELEMENTI 1D BEAM BEAM/TRAVE a 2 (3) nodi punto di integrazione 1D BEAM Ø 3 DOF traslazionali e 3 DOF rotazionali Ø modellare strutture con elementi snelli (modello di calcolo travi) Ø non ci sono errori di discretizzazione, distorsione Ø facili errori di posizionamento e di rappresentazione nei collegamenti tra elementi Ø hanno sistemi di riferimento locali con un asse lungo lo sviluppo dell elemento trave INPUT UTENTE OBBLIGATORI SEZIONE (caratteristiche geometriche e inerziali) MATERIALE 13

14 Esempi 1D BEAM 14

15 ELEMENTI 2D PIANI 15

16 ELEMENTI 2D PIANI SFORZO PIANO/PLANE STRESS DEFORMAZIONE PIANA/PLANE STRAIN ASSIALSIMMETRICI/AXYSIMMETRIC v 2 g.d.l. traslazionali a ogni nodo v el. sforzo piano assumono sforzo fuori piano nullo, adatti per modellare strutture sottili v el. deform. piana assumono deform. fuori piano nulla, adatti per modellare strutture spesse v el. assials. adatti per modellare strutture con simmetria assials. e carichi assials. v sezione trasversale costante v (numerazione dei nodi dell elemento in senso orario) a 3, 4, 6, 8 nodi INPUT UTENTE OBBLIGATORI SPESSORE MATERIALE 16

17 ELEMENTI 2D PIANI ESEMPI Elementi a 4 nodi 4 punti di integrazione Elementi a 8 nodi 9 punti di integrazione Ø INTEGRAZIONE PIENA Ø INTEGRAZIONE RIDOTTA Numeri di punti di Gauss richiesti per integrare i termini polinomiali nella matrice di rigidezza di un elemento Significativo effetto sull accuratezza dei risultati 17

18 Esempi ELEMENTI 2D PIANI PLANE STRESS PLANE STRAIN Y AXYSIMMETRIC X 18

19 ELEMENTI SHELL SHELL (PLATE)/GUSCIO (LASTRA) a 3, 4, 6, 8 nodi ü 3 DOF traslazionali e 3 DOF rotazionali ü utili per modellare strutture in parete sottile con larga estensione in confronto ad un ridotto spessore (modello di calcolo guscio) ü sforzi nella direzione dello spessore trascurabili ü mesh relativamente semplici riferite alla superficie media (sovrastima sforzi) ü variazione degli sforzi attraverso lo spessore è lineare ü formulazione thin e thick, effetto del taglio trasversale trascurato o incluso ü possibili errori di modellazione legati alla dimensione degli elementi (el. a 4 nodi) ü possibili errori di modellazione nell unione di elementi con spessore differenti INPUT UTENTE OBBLIGATORI SPESSORE MATERIALE 19

20 ELEMENTI SHELL v definizione OFFSET rispetto alla superficie di riferimento v definizione NORMALE RISULTATI FLESSIONALE + MEMBRANALE v punti di integrazione lungo lo spessore TOP BOTTOM SUPERFICIE MEDIA MEMBRANALE 20

21 ELEMENTI SHELL sforzo membranale sforzo membranale FE sforzo membranale errori di discretizzazione Materiale non efficace errori di discretizzazione 21

22 Esempi ELEMENTI SHELL 22

23 Esempi ELEMENTI SHELL 23

24 SHELL VERSUS 2D/3D STRUTTURE PIANE CARICATE NEL PIANO ANALOGHI RISULTATI ELEMENTI 2D ELEMENTI SHELL STRUTTURE CON CONCENTRAZIONE DI SFORZO DI TIPO STRUTTURALE ES. GIUNZIONI FONDO/MANTELLO ELEMENTI SHELL STRUTTURE CON ELEVATI GRADIENTI DI SFORZO DOVUTI A VARIAZIONI GEOMETRICHE ES. APERTURE IN RECIPIENTI IN PRESSIONE ELEMENTI 3D 24

25 ELEMENTI 3D SOLIDI BRICK /MATTONE (HEXAHEDRAL) WEDGE /CUNEO 4, 6, 8, 10, nodi TETRAHEDRAL/TETRAEDRO TETRAHEDRAL ü 3 g.d.l. traslazionali a ogni nodo ü formulazione non richiede semplificazioni della geometria ü adatte per geometrie complesse derivanti da modellatori solidi ü visualizzazione 2D (wire frame) poco utile ü risultati non accurati con tetraedri in presenza di gradienti degli sforzi WEDGE INPUT UTENTE OBBLIGATORI MATERIALE BRICK 25

26 Esempi ELEMENTI 3D SOLIDI 26

27 REALIZZAZIONE MESH MODELLO GEOMETRICO CARTACEO SUDDIVISIONE IN PARTI O BLOCCHI GENERAZIONE COORDINATE NODALI MODELLO GEOMETRICO GENERAZIONE ELEMENTI SISTEMI CAD o MODELLATORI SOLIDI SUDDIVISIONE IN PARTI O BLOCCHI (GENERAZIONE COORDINATE NODALI) MESHATURA FREE GENERAZIONE ELEMENTI MESHATURA MANUALE MESHATURA LOCAL FREE 27

28 REALIZZAZIONE MESH Es. BARRETTA INTAGLIATA CARICATA ASSIALMENTE CON FORO CENTRALE FREE 1 OPERAZIONE MAPPED 2 OPERAZIONI..ALCUNE OPERAZIONI Warnings o Errori di distorsione 28

29 FREE MESH Permette di ottenere velocemente la mesh (si può indicare solo la dimensione approssimativa degli elementi) I vantaggi e gli svantaggi sono principalmente legati ai modelli solidi (elementi TET). Parametri di qualità: - Pulizia delle superfici - Mesh zone transizione - Posizione nodo intermedio 29

30 REALIZZAZIONE MESH ANALISI DI CONVERGENZA Ø Tipo di elemento Ø Disposizione elementi Ø Dimensione elementi Errori nel calcolo dei gradienti Errori di modellazione geometrica Coarse mesh 14 elementi Normal mesh 112 elementi Fine mesh 448 elementi Very fine mesh 1792 elementi RISULTATI 30

31 REALIZZAZIONE MESH Tipo di elemento Dimensione elementi Disposizione elementi Warnings o Errori legati alla distorsione degli elementi Errori legati al calcolo delle grandezze caratteristiche 31

32 MESH DESIGN Densità mesh dipende dalla complessità della distribuzione degli sforzi In presenza di elevati gradienti di sforzo localizzati è consigliato l utilizzo di discretizzazioni con densità di elementi differenti Mesh ottimizzata richiede un processo iterativo N iterazioni Abilità dell analista Mesh iniziale accurata 32

33 MESH DESIGN Alcuni software commerciali prevedono l utilizzo di schemi iterativi pressoché automatici h-type: si aumenta il numero di elementi, suddividendo gli elementi esistenti r-type: i nodi sono ricollocati per ridurre la dimensione degli elementi p-type: si aumenta l ordine delle funzioni di forma degli elementi Tali metodi generalmente richiedono che la mesh sia generata con un modellatore geometrico Tali metodi possono essere utilizzati nei processi di meshatura manuale o mappata ad eccetto del p-type per il quale è necessario aggiungere nodi interni agli spigoli per aumentare la funzione di forma (elementi usuali hanno al massimo funzioni di forma del 2 ordine) P-ELEMENTS Elementi speciali nei quali l ordine del polinomio viene aumentato senza nodi addizionali Es. PRO-MECHANICA 33

34 TECNICHE DI MODELLAZIONE SUB-STRUCTURING TECNICA CON LA QUALE DIFFERENTI PARTI DI UNA STRUTTURA SONO ANALIZZATE SEPARATAMENTE E POI ASSEMBLATE PER FORMARE LA STRUTTURA COMPLETA TECNICA CON LA QUALE SI ANALIZZA UNA PICCOLA ZONA DELLA STRUTTURA A PARTIRE DAGLI SPOSTAMENTI CALCOLATI MEDIANTE UN MODELLO GLOBALE 34

35 MESH DESIGN REALIZZARE MESH CON DIFFERENTI DENSITA DI ELEMENTI TIPICHE TRANSIZIONI PER RIDURRE IL NUMERO DI ELEMENTI 35

36 CONDIZIONI AL CONTORNO VINCOLI/CONSTRAINTS (BOUNDARY CONDITIONS) constraints impongono valori definiti alle variabili nodali CARICHI/LOADS molteplicità di carichi e coppie concentrate e distribuite 36

37 CONDIZIONI AL CONTORNO VINCOLI/CONSTRAINTS I vincoli devono essere sufficienti per eliminare i moti di corpi rigidi y x Schema di calcolo della trave esistono solo reazioni vincolari in direzione Y Elementi finiti è necessario definire un supporto in direzione X 37

38 VINCOLI/CONSTRAINTS spostamenti e/o rotazioni impedite derivanti dal struttura al contesto circostante vincoli di simmetria multi-point constraints elementi spring/molla elementi gap elementi rigidi collegamento della 38

39 VINCOLI/CONSTRAINTS y Spostamenti u, v, w e/o rotazioni impedite ω, φ, µ (sistema di coordinate cartesiane globale x, y, z) z x Il n di g.d.l dipende dal tipo di elemento Ø ASTA 2 g.d.l. o 3 g.d.l. u,v,w = 0 Ø 2D SP/DP 2 g.d.l. u,v = 0 2D Axy 2 g.d.l. a, r = 0 39

40 VINCOLI/CONSTRAINTS Il n di g.d.l dipende dal tipo di elemento Ø BEAM 6 g.d.l. u,v,w, ω, φ, µ = 0 Ø SHELL 6 g.d.l. u,v,w, ω, φ, µ = 0 Ø SOLIDI 3 g.d.l. u,v,w = 0 40

41 VINCOLI/CONSTRAINTS VINCOLI DI SIMMETRIA SIMMETRIA PIANO XY w, ω, φ = 0 z y x z y x SIMMETRIA PIANO YZ u, φ, µ = 0 SIMMETRIA PIANO XZ v, ω, µ = 0 z y x VINCOLI DI ANTISIMMETRIA z y ANTISIMMETRIA PIANO XZ u, w, φ = 0 x z y x ANTISIMMETRIA PIANO YZ v, w, ω = 0 ANTISIMMETRIA PIANO XY u, v, µ = 0 z y x 41

42 VINCOLI/CONSTRAINTS CONSTRAINT EQUATION or MULTI POINT CONSTRAINTS SLAVE u i = C 1 + C 2 u j + C 3 v k + C 4 w l MASTER dove u n, v n e w n sono gli spostamenti del nodo n nelle direzioni x, y, z e C i è una costante. Anche le rotazioni possono essere inserite, in questo caso i coefficienti avranno una dimensione Es. faccia PIANA 42

43 VINCOLI/CONSTRAINTS CONSTRAINT EQUATION or MULTI POINT CONSTRAINTS LINEARE è un metodo standard per introdurre transizioni di mesh per elementi con funzioni di forma del primo ordine Ogni DOF al nodo p è interpolato linearmente a partire dai corrispondenti DOF dei nodi a e b 43

44 VINCOLI/CONSTRAINTS CONSTRAINT EQUATION or MULTI POINT CONSTRAINTS QUADRATICO è un metodo standard per introdurre transizioni di mesh per elementi del secondo ordine Ogni DOF al nodo p è interpolato quadraticamente a partire dai corrispondenti DOF dei nodi a e b 44

45 VINCOLI/CONSTRAINTS CONSTRAINT EQUATION or MULTI POINT CONSTRAINTS CYCLIC SYMMETRY introduce vincoli per imporre simmetrie cicliche uguagliando gli spostamenti radiali, circonferenziali e assiali ai nodi a e b a b SETTORE ANALIZZATO 45

46 VINCOLI/CONSTRAINTS CONSTRAINT EQUATION or MULTI POINT CONSTRAINTS PIN schematizza una cerniera tra due nodi; spostamenti rotazioni libere TIE tutti i gradi di libertà uguali tra i nodi SLIDER utilizzato per schematizzare il passaggio tra elementi differenti, E necessario in presenza di DOF attivi differenti introdurre dei vincoli cinematici es. beam-shell, beam-solid, shell-solid uguali ai nodi e 46

47 VINCOLI/CONSTRAINTS ü ü ELEMENTI SPRING/MOLLA ü elemento monodimensionale accoppia una forza con relativo spostamento accoppia un momento con relativa rotazione ü può essere lineare o non lineare ü ELEMENTI GAP utile per simulare appoggio monolatero ü ü ELEMENTI RIGIDI ü elemento monodimensionale nessuna richiesta relativa alla geometria elemento di collegamento rigido tra due nodi 47

48 CARICHI/LOADS DA RICORDARE ANALISI LINEARE SFORZI E DEFORMAZIONI SONO DIRETTAMENTE PROPORZIONALI AI CARICHI APPLICATI CARICHI MECCANICI DEVONO ESSERE CONVERTITI IN CARICHI NODALI 48

49 CARICHI/LOADS ANALISI LINEARE applicare carichi unitari e determinare i risultati tramite semplici moltiplicazioni di fattori noti Es. analisi di un recipienti in pressione da verificare sia in prova idraulica sia in condizioni di progetto 49

50 CARICHI/LOADS CARICO NODALE elevata deformazione ed elevato sforzo nel nodo di applicazione rispetto ai nodi circostanti valore locale dello sforzo calcolato al nodo non ha significato reale CARICHI DISTRIBUITI infinito numero di combinazioni di carichi discreti nodali staticamente equivalenti al carico distribuito (in accordo con St. Venant) devono essere trasformati in carichi nodali F i [K] {u} = {F} stesso effetto remoto lontano dal punto di applicazione dei carichi 50

51 CARICHI/LOADS MODALITA DI APPLICAZIONE DEL CARICO P TOT applicato alla curva P TOT / n nodi = P i 51

52 CARICHI NODALI CARICHI/LOADS CARICO DISTRIBUITO PIATTO SOLLECITATO A TRAZIONE 52

53 CARICHI/LOADS Mesh regolare caratterizzata da medesima lunghezza elementi P tot = 1000 N P tot /n elementi = P el 100 N 200 N 200 N 200 N 200 N 100 N 200 N 200 N 200 N 200 N 200 N 53

54 CARICHI/LOADS MESH CON LUNGHEZZA ELEMENTI DIFFERENTI A B C D E L A = mm L B = mm L C = mm L D = mm L E = mm q = P tot /L tot = 50 N/mm q L i = P i APPLICATO NELLA MEZZERIA DELL ELEMENTO COMPETE PER ½ AL NODO DI SX E PER ½ AL NODO DI DX 54

55 CARICHI/LOADS ANALOGO RISULTATO 55

56 CARICHI/LOADS Come ricavare la distribuzione di forze equivalente cinematicamente? analisi con spostamento imposto e si ricavano le reazioni vincolari ai nodi ovvero i carichi da applicare TEORICO Tipo di elemento e funzione di forma distribuzioni dei carichi equivalenti cinematicamente ü carichi sulle curve e sui contorni per elementi 2D ü pressioni su shell e solidi 3D PRATICO Software commerciali 56

57 CARICHI/LOADS ü SPOSTAMENTI ü VELOCITA ü ACCELERAZIONI ü CARICHI TERMICI APPLICATI AI NODI 57

58 CARICHI/LOADS Nelle analisi con differenti componenti di carico PUO ESSERE UTILE 1) utilizzare carichi unitari 2) analizzare i risultati relativi alle differenti componenti di carico per interpretare come la struttura lavora soggetta ai vari carichi (in analisi lineari elastiche vale il principio di sovrapposizione degli effetti) Es. analisi di strutture in ambito civile in presenza di differenti componenti: neve, sisma, vento, peso proprio ecc. 58

59 ANALISI DEFINITI INPUT UTENTE MODELLO GEOMETRICO DISCRETIZZAZIONE TIPO DI ELEMENTI DIMENSIONI DEGLI ELEMENTI CONDIZIONI AL CONTORNO } TIPO DI ANALISI ANALISI STATICA ANALISI DINAMICA TRASMISSIONE DEL CALORE BUCKLING ECC. COMPUTER ANALISI [K] {u} = {F} [M] {ü}+ [C] {u} + [K]. {u} = {F(t)} [C] {T}+ [K] {T} = {Q} 59

60 ANALISI STATICA PROCEDURE DI CONTROLLO Ø PRIMA DELL ANALISI - controllo delle informazioni inserite dall utente da parte del programma - controllo da parte dell utente della consistenza di informazioni introdotte nel caso di utilizzo di software differenti (modellatore e solutore) Ø DURANTE L ANALISI controlli eseguiti dal software possono riportare due tipi di errore, fatali o warning Ø DOPO L ANALISI interpretazione dei risultati da parte dell utente 60

61 ANALISI STATICA [K] {u} = {F} [K] è la matrice di rigidezza della struttura {u} è il vettore degli spostamenti nodali {F} è il vettore delle forze nodali ANALISI RISOLUZIONE DI UN SISTEMA DI N EQUAZIONI LINEARI IN N INCOGNITE (ALGEBRA MATRICIALE) SERIE DI PASSI DEFINITI 61

62 ANALISI STATICA RISOLUZIONE DI UN SISTEMA DI N EQUAZIONI LINEARI IN N INCOGNITE (ALGEBRA MATRICIALE) k 11 u 1 + k 12 u 2 + k 13 u 3 = F 1 k 21 u 1 + k 22 u 2 + k 23 u 3 = F 2 k 31 u 1 + k 32 u 2 + k 33 u 3 = F 3 [K] {u} = {F} ALGORITMO DI ELIMINAZIONE GAUSSIANA 1ª FASE: trasformare il sistema di equazioni in un sistema con matrice dei coefficienti triangolare superiore 2ª FASE: determinazione delle incognite per sostituzione 62

63 ANALISI STATICA 1ª FASE dell algoritmo di eliminazione Gaussiana Manipolazione delle equazioni per trasformare la matrice k 11 u 1 + k 12 u 2 + k 13 u 3 = F 1 k 21 u 1 + k 22 u 2 + k 23 u 3 = F 2 k 31 u 1 + k 32 u 2 + k 33 u 3 = F 3 1ª eq. 2ª eq. 3ª eq. Normalizzo la 1ª equazione (rendere il primo coefficiente unitario) 1ª eq. u 1 + (k 12 / k 11 ) u 2 + (k 13 / k 11 ) u 3 = (1 / k 11 ) F 1 2ª eq. k 21 u 1 + k 22 u 2 + k 23 u 3 = F 2 3ª I passi eq. di un analisi FEM k 31 u 1 + k 32 u 2 + k 33 u 3 = F 3 63

64 ANALISI STATICA Moltiplico la 1ª eq. Per k 21 1ª eq k 21 u 1 + (k 21 k 12 / k 11 ) u 2 + (k 21 k 13 / k 11 ) u 3 = (k 21 / k 11 ) F 1 2ª eq k 21 u 1 + k 22 u 2 + k 23 u 3 = F 2 3ª eq k 31 u 1 + k 32 u 2 + k 33 u 3 = F 3 2ª eq - 1ª eq (k 22 - k 21 k 12 / k 11 ) u 2 + (k 23 - k 21 k 13 / k 11 ) u 3 = F 2 - (k 21 / k 11 ) F 1 k I 22 u 2 + ki 23 u 3 = FI 2 64

65 ANALISI STATICA Dopo la manipolazione delle equazioni ottengo 1ª eq k 11 u 1 + k 12 u 2 + k 13 u 3 = F 1 2ª eq k I 22 u 2 + ki 23 u 3 = FI 2 3ª eq k I 33 u 3 = FI 3 PIVOT [ k 11 k 12 k 13 ] { k I 12 k I 13 k II 13 { u 1 } u 2 u 3 = F 1 F I 2 F I 3 } Risolvo la 3ª eq e sostituisco nelle altre eq. Ricavo le incognite u 1, u 2 e u 3 65

66 TIPICA SEQUENZA DELLE OPERAZIONI ESEGUITE DURANTE L ANALISI DEFINIZIONE DELLA MESH FORMAZIONE DEGLI ELEMENTI ASSEMBLAGGIO DEGLI ELEMENTI DEFINIZIONE DEI VINCOLI NATURA MODULARE DEL METODO FE MATRIX FACTORISATION DEFINIZIONE DEI CARICHI CALCOLO DEGLI SPOSTAMENTI UTENTE INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI ANALISI STATICA COMPUTER CALCOLO DEGLI SFORZI E DELLE DEFORMAZIONI UTENTE 66

67 ANALISI STATICA DIAGNOSTICA DEL SOFTWARE AVVISI DI WARNINGS O ERROR ininfluenti indicano alcuni effetti che devono essere presi in considerazione nell interpretazione indicano che l analisi non è valida Sono avvisi di errore che il software rileva prima di ricavare i risultati significativi non impedendone il calcolo; la soluzione arriva al termine WARNINGS ERRORI Sono errori fatali che il software rileva durante la soluzione; non si arriva al termine della soluzione e non si ottengono risultati 67

68 ANALISI STATICA Es. WARNINGS Carico applicato ad un nodo che non esiste Carico applicato ad un nodo vincolato Zone non connesse nel modello Densità del materiale è stata definita nulla Distorsione dell elemente è elevata Vincolo applicato a DOF non attivo Ecc, 68

69 ANALISI STATICA ERRORI NELLA GENERAZIONE DEGLI ELEMENTI E PROBLEMI NELL ASSEMBLAGGIO ü distorsione eccessiva degli elementi - dipende dal tipo di elemento; elemento con funzioni di forma più elevate possono accettare distorsioni maggiori - limitare la distorsione nelle zone di interesse o nelle zone con elevati gradienti di sforzo 69

70 ANALISI STATICA ERRORI NELLA GENERAZIONE DEGLI ELEMENTI E PROBLEMI NELL ASSEMBLAGGIO ü unione non corretta degli elementi (zone non connesse) - verificare la connettività degli elementi; eseguire il merge dei nodi ü unione non corretta di differenti tipi di elementi; introdurre eventuali multi-point constraints 70

71 ANALISI STATICA ERRORI legati al MAL CONDIZIONAMENTO DELLA MATRICE pivot nullo o pivot negativo sono spesso indici di errori nel modello, es. la struttura non è ben vincolata e sono permessi dei moti di corpo rigido pivot molto piccolo in confronto agli altri, questo causa scarsa o addirittura perdita completa di accuratezza nel calcolo dei risultati MATRICE SINGOLARE CAUSE Vincoli non sufficienti per prevenire i moti di corpo rigido Vincoli non sufficienti dovuti alla mancanza di connettività degli elementi, possibili moti di corpo rigido Differenza molto elevata nella rigidezza degli elementi 71

72 ANALISI STATICA Es. ERRORI legato al mal condizionamento del sistema Elevata differenza di rigidezza tra parti dello stesso modello ü Elementi 2D O 3D con rapidi cambiamenti di dimensioni ü Elementi beam o shell hanno rigidezza flessionale proporzionale al cubo della lunghezza; facilmente si possono ottenere rigidezze molto diverse tra loro ü Scelta delle proprietà degli elementi rigidi di collegamento 72

73 ANALISI STATICA Es. ERROR The element has a high aspect ratio so that the lenght of one or more sides is very much greater than the lenght of the shortest side Es. ERROR Il volume dell elemento è definito negativo Es. ERROR Equation 717 Node 125-z PIVOT = 1E-09 Calcolo è sequenziale, di consequenza l errore che si commette è comulativo; maggiore è il numero degli elementi, maggiore è il numero dei DOF e minore sarà l accuratezza nei risultati 73

74 FINE 74

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

Introduzione al Metodo agli Elementi Finiti

Introduzione al Metodo agli Elementi Finiti Introduzione al Metodo agli Elementi Finiti Finite Element Method, FEM Finite Element Analysis, FEA Finite Element, FE Applicazione all analisi strutturale Prof. Ciro Santus Dip. di Ingegneria Civile e

Dettagli

Corso di Costruzioni Aeronautiche

Corso di Costruzioni Aeronautiche Corso di Costruzioni Aeronautiche Introduzione al metodo degli elementi finiti 13 Novembre 2013 Ing. Mauro Linari Senior Project Manager MSC Softw are S.r.l. La schematizzazione delle strutture Considerazioni

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-3-2012

Dettagli

Analisi FEM di un telaio di contrasto per elementi ferroviari

Analisi FEM di un telaio di contrasto per elementi ferroviari POLITECNICO DI MILANO IV Facoltà di Ingegneria Industriale Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Laboratorio Progettuale di Calcolo Strutturale Prof. Michele Carboni Analisi FEM di un telaio di contrasto

Dettagli

Procedure di calcolo implicite ed esplicite

Procedure di calcolo implicite ed esplicite Procedure di calcolo implicite ed esplicite Il problema della modellazione dell impatto tra corpi solidi a medie e alte velocità. La simulazione dell impatto tra corpi solidi in caso di urti a media velocità,

Dettagli

Pordenone, 15-16 Giugno 2012. Relatori: Tecniche per una corretta modellazione strutturale agli elementi finiti. In collaborazione con:

Pordenone, 15-16 Giugno 2012. Relatori: Tecniche per una corretta modellazione strutturale agli elementi finiti. In collaborazione con: Pordenone, 15-16 Giugno 2012 In collaborazione con: Galleria San Marco 4 33170 Pordenone Tel. 0434 28465 Fax 0434 28466 E-mail info@csi-italia.eu http://www.csi-italia.eu Tecniche per una corretta modellazione

Dettagli

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci Relazione di fine tirocinio Andrea Santucci 10/04/2015 Indice Introduzione ii 1 Analisi numerica con COMSOL R 1 1.1 Il Software.................................... 1 1.1.1 Geometria................................

Dettagli

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D 2 Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D Introduzione Questo documento riporta un confronto tra i risultati di un analisi di risposta sismica locale condotta con il codice di calcolo LSR2D (Stacec

Dettagli

Prova d esame del 30 giugno 2010 Soluzione

Prova d esame del 30 giugno 2010 Soluzione UNIVERSITÀ I PIS Facoltà di Ingegneria Meccanica nalitica e dei Continui (CS Ing. Nucleare e della Sicurezza Industriale) Scienza delle Costruzioni (C Ing. Nucleare e della Sicurezza e Protezione) Scienza

Dettagli

CAE PreProcessing. Strategie di modellazione per l analisi agli elementi finiti. Annotazioni con riferimento a Hyperworks

CAE PreProcessing. Strategie di modellazione per l analisi agli elementi finiti. Annotazioni con riferimento a Hyperworks CAE PreProcessing Strategie di modellazione per l analisi agli elementi finiti Annotazioni con riferimento a Hyperworks Metodi di Progettazione Avanzata F. Campana Sapienza Università di Roma Scopo del

Dettagli

Analisi FEM per lo stressista (con applicazione a NozzlePro)

Analisi FEM per lo stressista (con applicazione a NozzlePro) Analisi FEM per lo stressista (con applicazione a NozzlePro) INTRODUZIONE Molti fenomeni fisici analizzati in scienza ed ingegneria possono essere descritti in termini di equazioni differenziali alle derivate

Dettagli

PROGETTAZIONE MECCANICA CON COSMOS/Works. Informazioni di base

PROGETTAZIONE MECCANICA CON COSMOS/Works. Informazioni di base PROGETTAZIONE MECCANICA CON COSMOS/Works Informazioni di base Che cos è COSMOS/Works? COSMOS/Works è un software per sviluppare progettazioni essenzialmente meccaniche completamente integrato col modellatore

Dettagli

ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A.

ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A. Paolo Varagnolo Giorgio Pilloni ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A. Ingegneri liberi professionisti Padova luglio 2010 ------------------------- Nella progettazione esecutiva

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE. Analisi lineare statica e dinamica modale con spettro di risposta di strutture reticolari piane v. 3.01.73 del 18 ottobre 2013

GUIDA DELL UTENTE. Analisi lineare statica e dinamica modale con spettro di risposta di strutture reticolari piane v. 3.01.73 del 18 ottobre 2013 T2D-Truss Analisi lineare statica e dinamica modale con spettro di risposta di strutture reticolari piane v. 3.01.73 del 18 ottobre 2013 dott. ing. FERRARI Alberto www.ferrarialberto.it GUIDA DELL UTENTE

Dettagli

Si chiama NEiWorks ed è il primo

Si chiama NEiWorks ed è il primo Simulazione g Giancarlo Sada Analisi FEM Uno strumento alla portata di tutti Grazie alla stretta integrazione delle funzionalità di analisi mediante il metodo agli elementi finiti nell ambiente di progettazione,

Dettagli

Figura 1: Azioni generalizzate sul concio infinitesimo di piastra. dx dy = 0 (1)

Figura 1: Azioni generalizzate sul concio infinitesimo di piastra. dx dy = 0 (1) Equazione risolvente delle piastre sottili Al fine di determinare l equazione della superficie elastica, cioè l unica incognita del problema, dato che tutte le altre grandezze sono scritte in funzione

Dettagli

Analisi FEM applicata su una sedia da interni

Analisi FEM applicata su una sedia da interni relazione di fine anno tema del progetto Analisi FEM applicata su una sedia da interni studente matricola Tarantino Francesco 770690 CdLM in Design del Prodotto per l Innovazione 1. Informazioni oggetto

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica e Meccanica Università degli Studi di Palermo Corso in: SIMULAZIONE NUMERICA PER L'INGEGNERIA MECCANICA Docente: Prof. Antonio Pantano Anno Accademico

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

Engineering Computation. 2002 Analisi mediante gli Elementi Finiti

Engineering Computation. 2002 Analisi mediante gli Elementi Finiti Engineering Computation Vol. 1 N. 1 2002 Analisi mediante gli Elementi Finiti Marzo ITERA S.r.l. è una società di ingegneria che da molti anni opera nel mercato della simulazione numerica. Una delle attività

Dettagli

Prof. Luciano Teresi CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE PER LA PROTEZIONE DEL TERRITORIO DAI RISCHI NATURALI

Prof. Luciano Teresi CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE PER LA PROTEZIONE DEL TERRITORIO DAI RISCHI NATURALI PROGETTO FORMATIVO Prof. Luciano Teresi CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE PER LA PROTEZIONE DEL TERRITORIO DAI RISCHI NATURALI RELAZIONE DI FINE TIROCINIO A cura di: Marco Varanese Anno Accademico

Dettagli

ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI IN GEOTECNICA: UN PRIMO APPROFONDIMENTO

ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI IN GEOTECNICA: UN PRIMO APPROFONDIMENTO ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI IN GEOTECNICA: UN PRIMO APPROFONDIMENTO 2 GENERALITA SUL METODO AGLI ELEMENTI FINITI. Il Metodo agli Elementi Finiti (F.E.M.) è una tecnica avanzata di risoluzione di equazioni

Dettagli

ELEMENTI TRIANGOLARI E TETRAEDRICI A LATI DIRITTI

ELEMENTI TRIANGOLARI E TETRAEDRICI A LATI DIRITTI EEMENTI TRIANGOARI E TETRAEDRICI A ATI DIRITTI Nella ricerca di unificazione delle problematiche in vista di una generalizzazione delle procedure di sviluppo di elementi finiti, gioca un ruolo importante

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA Progettazione (Metodi, Strumenti, Applicazioni) Progettazione di sistemi in pressione M.

LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA Progettazione (Metodi, Strumenti, Applicazioni) Progettazione di sistemi in pressione M. LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA Progettazione (Metodi, Strumenti, Applicazioni) Progettazione di sistemi in pressione M. Guagliano 2 Si definiscono sistemi in pressione quegli apparecchi che

Dettagli

Elaborato di Meccanica delle Strutture

Elaborato di Meccanica delle Strutture Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Elaborato di Meccanica delle Strutture Docente

Dettagli

Piani di input e piani di calcolo reale in FaTA-e

Piani di input e piani di calcolo reale in FaTA-e 0 1 Piani di input e piani di calcolo reali in FaTA-e Dalla versione XX di FaTA-e è presente una nuova implementazione per il calcolo dei baricentri di massa e rigidezza. La nuova procedura consente di

Dettagli

Introduzione all uso di un programma per analisi agli Elementi Finiti

Introduzione all uso di un programma per analisi agli Elementi Finiti L analisi strutturale con il metodo degli elementi finiti Introduzione all uso di un programma per analisi agli Elementi Finiti L analisi di una struttura può essere effettuata attraverso metodi analitici

Dettagli

30/05/2012. PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo. Mettere figura. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo

30/05/2012. PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo. Mettere figura. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo Mettere figura 1 Cinematica delle strutture Produzione di profilati e lamiere in acciaieria Trasformazione in elementi strutturali e preassemblaggi Trasporto

Dettagli

ARGOMENTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI INDICE

ARGOMENTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI INDICE Giuseppe Stagnitto Erica Barzoni ARGOMENTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI Applicazioni ed approfondimenti del Corso di FONDAMENTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI Appunti a cura degli studenti INDICE I - RICHIAMI

Dettagli

Prof. Sergio Baragetti. Progettazione FEM

Prof. Sergio Baragetti. Progettazione FEM Prof. Sergio Baragetti Progettazione FEM Perché gli Elementi Finiti Le teorie classiche della meccanica, studiate nei corsi precedenti, sono risolutive nella grande maggioranza dei casi: problemi piani,

Dettagli

STRUTTURE RETICOLARI

STRUTTURE RETICOLARI TRUTTURE RETICOARI i considerino un arco a tre cerniere, costituito da due corpi rigidi rappresentabili come travi collegate da cerniere puntuali. upponiamo che in corrispondenza della cerniera interna

Dettagli

Appunti di sviluppo di una procedura software per l analisi di Pushover

Appunti di sviluppo di una procedura software per l analisi di Pushover Appunti di sviluppo di una procedura software per l analisi di Pushover Namirial SpA Il presente testo non vuole essere né una trattazione teorica, né un lezione sul tema della valutazione di vulnerabilità

Dettagli

Università degli studi di Cagliari. Corso di aggiornamento. Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ

Università degli studi di Cagliari. Corso di aggiornamento. Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ Università degli studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Strutturale Corso di aggiornamento Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ RELATORE: Ing. Igino MURA imura@unica.it 25-26 Giugno 2010 - Instabilità:

Dettagli

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ Giovanni Dalerci, Rossella Bovolenta Università degli Studi di Genova Dipartimento

Dettagli

Decommissioning di impianti industriali:

Decommissioning di impianti industriali: Decommissioning di impianti industriali: Applicazione della Tecnica Laser Scanner alla progettazione del decommissioning - case study Mariangela Venco e Stefano Grisi Innovazione Tecnologica e Ingegneria

Dettagli

Capriate in legno I edizione aprile 2011. Indice Introduzione

Capriate in legno I edizione aprile 2011. Indice Introduzione Capriate in legno I edizione aprile 2011 Indice Introduzione 1. Il legno e sue applicazioni 1.1. Il legno come materiale da costruzione 1.2. diffusione del legno 1.3. Standardizzazione della produzione

Dettagli

ASTRO GT Software per il calcolo strutturale geotecnico

ASTRO GT Software per il calcolo strutturale geotecnico ASTRO GT Software per il calcolo strutturale geotecnico ASTRO GT è un software dedicato all analisi strutturale sviluppato con una filosofia innovativa rispetto ai software esistenti sul mercato. In ASTRO

Dettagli

Capitolo 1 I fondamenti del FEM

Capitolo 1 I fondamenti del FEM Capitolo 1 I fondamenti del FEM 1.1 Il percorso base Prima di avventurarci nel dettaglio nell utilizzo del programma Femap è bene fissare dei punti di riferimento tra i quali mi sembra doveroso individuare

Dettagli

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Ing. Davide Palumbo Prof. Ing. Umberto Galietti Politecnico di Bari, Dipartimento di Meccanica, Matematica e Management

Dettagli

IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI

IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI Alcune proprietà della deformata dei portali Si esaminano nel seguito alcune proprietà della deformata dei portali. Queste proprietà permettono

Dettagli

Manuale di validazione. S.T.A. DATA srl. C.so Raffaello, 12 10126 Torino tel 011 6699345 fax 011 6699375

Manuale di validazione. S.T.A. DATA srl. C.so Raffaello, 12 10126 Torino tel 011 6699345 fax 011 6699375 Manuale di validazione S.T.A. DATA srl C.so Raffaello, 12 10126 Torino tel 011 6699345 fax 011 6699375 Manuale di Validazione Axis VM pag. 2 Indice Premessa 4 Le caratteristiche del programma 7 Il processo

Dettagli

La misura di forza avviene mediante celle di carico (dette anche Bilance o Dinamometri).

La misura di forza avviene mediante celle di carico (dette anche Bilance o Dinamometri). Misure di forza 1 Misure di forza La misura di forza avviene mediante celle di carico (dette anche Bilance o Dinamometri). Le celle di carico possono essere suddivise in due categorie che, in funzione

Dettagli

Le coperture in legno

Le coperture in legno CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 Le coperture in legno LA CAPRIATA Tra scienza ed arte del costruire «Il forte intreccio di storia, tecnologia, architettura e cultura materiale,

Dettagli

Dispense del Corso di SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Sistemi di travi. Prof. Daniele Zaccaria

Dispense del Corso di SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Sistemi di travi. Prof. Daniele Zaccaria Dispense del Corso di SCIENZA DELLE COSTRUZIONI Prof. Daniele Zaccaria Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Trieste Piazzale Europa 1, Trieste Sistemi di travi Corsi di Laurea in

Dettagli

Per prima cosa si determinano le caratteristiche geometriche e meccaniche della sezione del profilo, nel nostro caso sono le seguenti;

Per prima cosa si determinano le caratteristiche geometriche e meccaniche della sezione del profilo, nel nostro caso sono le seguenti; !""##"!$%&'((""!" )**&)+,)-./0)*$1110,)-./0)*!""##"!$%&'((""!" *&)23+-0-$4--56%--0.),0-,-%323 -&3%/ La presente relazione ha lo scopo di illustrare il meccanismo di calcolo che sta alla base del dimensionamento

Dettagli

Ottimizzazione strutturale di un pannello aeronautico in materiale composito attraverso tecniche di free-mesh morphing

Ottimizzazione strutturale di un pannello aeronautico in materiale composito attraverso tecniche di free-mesh morphing Ottimizzazione strutturale di un pannello aeronautico in materiale composito attraverso tecniche di free-mesh morphing Giuseppe Quaranta, Angelo Colbertaldo, Marco Sirna L articolo presenta l applicazione

Dettagli

11 Teorema dei lavori virtuali

11 Teorema dei lavori virtuali Teorema dei lavori virtuali Teorema dei lavori virtuali Si consideri una trave ad asse rettilineo figura.). Per essa si definisce sistema carichi sollecitazioni CS) l insieme di tutte le grandezze di tipo

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA PROGETTAZIONE ASSISTITA DA COMPUTER I PROVA DI ESAME DEL / / ALLIEVO MATRICOLA

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA PROGETTAZIONE ASSISTITA DA COMPUTER I PROVA DI ESAME DEL / / ALLIEVO MATRICOLA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA PROGETTAZIONE ASSISTITA DA COMPUTER I PROVA DI ESAME DEL / / ALLIEVO MATRICOLA Data la MOLLA CONICA mostrata in Figura, proporre uno schema di elaborazione

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì TRAVI RETICOLARI AGGIORNAMENTO DEL 7/11/2011

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì TRAVI RETICOLARI AGGIORNAMENTO DEL 7/11/2011 Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì TRAVI RETICOLARI AGGIORNAMENTO DEL 7/11/2011 Le travi reticolari sono strutture formate da aste rettilinee, mutuamente collegate

Dettagli

5 Elaborazione elettronica nel calcolo delle strutture in c.a.

5 Elaborazione elettronica nel calcolo delle strutture in c.a. 5 Elaborazione elettronica nel calcolo delle strutture in c.a. In questo capitolo saranno analizzate le principali fasi attraverso le quali l utente di un software di calcolo strutturale ha la possibilità

Dettagli

Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory

Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory La simulazione delle pompe oleodinamiche Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory Politecnico di Torino Dipartimento Energia Macchine a fluido Laboratorio

Dettagli

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano PPUNTI DI SCIENZ DEE COSTRUZIONI Giulio lfano nno ccademico 004-005 ii Indice 1 TRVTURE PINE 1 1.1 Geometria, equilibrio e vincoli...................... 1 1.1.1 Piani di simmetria........................

Dettagli

RELAZIONE Ai sensi del Cap. 10.2 delle N.T.C. 2008 ANALISI E VERIFICHE SVOLTE CON L' AUSILIO DI CODICI DI CALCOLO

RELAZIONE Ai sensi del Cap. 10.2 delle N.T.C. 2008 ANALISI E VERIFICHE SVOLTE CON L' AUSILIO DI CODICI DI CALCOLO Comune di Calatabiano Provincia di Catania RELAZIONE Ai sensi del Cap. 10.2 delle N.T.C. 2008 ANALI E VERIFICHE SVOLTE CON L' AULIO DI CODICI DI CALCOLO PROGETTO PER LA MESSA IN CUREZZA DEL MURO DI CONFINE

Dettagli

STANDARD DI MODELLAZIONE STRUTTURALE.

STANDARD DI MODELLAZIONE STRUTTURALE. STUDIO TECNICO Dott. Ing. Gino DI RUZZA Via Trecce, 2 03039 SORA (FR) ginodiruzza uzza@tin tin.it PROGETTAZIONI, CALCOLI ED INDAGINI STRUTTURALI INDICE STANDARD DI MODELLAZIONE STRUTTURALE. Impostazioni

Dettagli

Simulazione numerica con strumenti open

Simulazione numerica con strumenti open Simulazione numerica con strumenti open Roberto Lugli Code-Aster CAE linux E' una distribuzione linux dedicata alla simulazione numerica in ambito ingegneristico Basata su ubuntu 10.04.3 LTS 64 bit Liberamente

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15 Materia: FISICA 1) INTRODUZIONE ALLA SCIENZA E AL METODO SCIENTIFICO La Scienza moderna. Galileo ed il metodo sperimentale. Grandezze

Dettagli

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati Copyright 004 The Companies srl e Corbusier - Progetto per il palazzo dei Soviet a Mosca 1931 Problema 1. Arco Trave di copertura Tirante bielle Membrana di copertura Fig. P1.1 Analizzare il sistema in

Dettagli

INFOSYS S.r.l. - Via Castromediano, 133-70126 Bari tel 080.2022050 fax 080.5531734 e-mail: infosys@hsnet.it sito: www.e-infosys.it

INFOSYS S.r.l. - Via Castromediano, 133-70126 Bari tel 080.2022050 fax 080.5531734 e-mail: infosys@hsnet.it sito: www.e-infosys.it INFOSYS S.r.l. - Via Castromediano, 133-70126 Bari tel 080.2022050 fax 080.5531734 e-mail: infosys@hsnet.it sito: www.e-infosys.it DESCRIZIONE GENERALE Software di calcolo strutturale, per il progetto

Dettagli

2.1.2 Formulazione del test PSD Le potenzialità del metodo pseudodinamico si possono facilmente comprendere considerando l equazione (1.2.1.

2.1.2 Formulazione del test PSD Le potenzialità del metodo pseudodinamico si possono facilmente comprendere considerando l equazione (1.2.1. .1. Formulazione del test PSD Le potenzialità del metodo pseudodinamico si possono facilmente comprendere considerando l equazione (1..1.1) 17 Ma(t)+Cv(t)+S(d(t)) = f ex (t): (.1..1) applicata direttamente

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

8 - Analisi della deformazione

8 - Analisi della deformazione 8 - Analisi della deformazione ü [A.a. - : ultima revisione 6 ottobre ] Esercizio n. Si supponga di voler conoscere sperimentalmente lo stato di deformazione in un punto M di un solido. A tal fine, si

Dettagli

ANALISI NUMERICA. Elementi finiti bidimensionali. a.a. 2014 2015. Maria Lucia Sampoli. ANALISI NUMERICA p.1/23

ANALISI NUMERICA. Elementi finiti bidimensionali. a.a. 2014 2015. Maria Lucia Sampoli. ANALISI NUMERICA p.1/23 ANALISI NUMERICA Elementi finiti bidimensionali a.a. 2014 2015 Maria Lucia Sampoli ANALISI NUMERICA p.1/23 Elementi Finiti 2D Consideriamo 3 aspetti per la descrizione di elementi finiti bidimensionali:

Dettagli

Strutture in muratura soggette ad azioni sismica. Analisi della sicurezza

Strutture in muratura soggette ad azioni sismica. Analisi della sicurezza Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2013 2014 Strutture in muratura soggette ad azioni sismica. Analisi della sicurezza Dott. Marco VONA Scuola di Ingegneria - Università di Basilicata marco.vona@unibas.it

Dettagli

RISPOSTA SISMICA DI STRUTTURE ASIMMETRICHE IN PIANTA: UN METODO SEMPLIFICATO

RISPOSTA SISMICA DI STRUTTURE ASIMMETRICHE IN PIANTA: UN METODO SEMPLIFICATO ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento Ingegneria Civile, Ambientale e dei Materiali CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE TESI DI LAUREA in Progetto in Zona Sismica

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

HPRS FINAL CONFERENCE. Utilizzo del metodo FEM nel progetto HPRS. Redatta da: Ing. Daniele Lai - IMAL

HPRS FINAL CONFERENCE. Utilizzo del metodo FEM nel progetto HPRS. Redatta da: Ing. Daniele Lai - IMAL HPRS FINAL CONFERENCE Utilizzo del metodo FEM nel progetto HPRS Redatta da: Ing. Daniele Lai - IMAL Descrizione sommaria del metodo FEM Dove è richiesta l analisi FEM L analisi FEM applicata all iniettore

Dettagli

Capitolo 3 Flussaggio Stazionario di una Valvola Formula 1

Capitolo 3 Flussaggio Stazionario di una Valvola Formula 1 Capitolo 3 Flussaggio Stazionario di una Valvola Formula 1 3.1 Introduzione al problema In questa simulazione si vuole verificare il comportamento del fluido nel passaggio attraverso una valvola motoristica

Dettagli

Comportamento strutturale di volte a padiglione con e senza rinforzi in FRP

Comportamento strutturale di volte a padiglione con e senza rinforzi in FRP Francesco Portioli, Paolo Foraboschi, Raffaele Landolfo Ricerca Comportamento strutturale di volte a padiglione con e senza rinforzi in FRP Lo studio dimostra l efficacia strutturale, nelle volte a padiglione,

Dettagli

4. Funzioni elementari algebriche

4. Funzioni elementari algebriche ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari algebriche A. A. 2013-2014 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

Analisi limite di un telaio

Analisi limite di un telaio Analisi limite di un telaio Si consideri il portale sotto, tre volte iperstatico, dotato di un momento limite superiore ed inferiore costante e pari a M0 Si assuma inoltre che lo sforzo normale (ed il

Dettagli

TRASMISSIONE DI POTENZA IN AMBITO ELICOTTERISTICO: ANALISI STATICA ED A FATICA DI UNA FUSIONE TRAMITE MODELLI AD ELEMENTI FINITI E PROVE STRUMENTALI.

TRASMISSIONE DI POTENZA IN AMBITO ELICOTTERISTICO: ANALISI STATICA ED A FATICA DI UNA FUSIONE TRAMITE MODELLI AD ELEMENTI FINITI E PROVE STRUMENTALI. Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica TRASMISSIONE DI POTENZA IN AMBITO ELICOTTERISTICO: ANALISI STATICA ED A FATICA DI UNA FUSIONE TRAMITE MODELLI AD ELEMENTI FINITI E PROVE STRUMENTALI. Relatore:

Dettagli

Lo studio del campo di tensione e di deformazione esistente in una qualsiasi struttura, in conseguenza dell applicazione di sollecitazioni esterne, è

Lo studio del campo di tensione e di deformazione esistente in una qualsiasi struttura, in conseguenza dell applicazione di sollecitazioni esterne, è Lo studio del campo di tensione e di deformazione esistente in una qualsiasi struttura, in conseguenza dell applicazione di sollecitazioni esterne, è di fondamentale importanza per poterne definire il

Dettagli

1 RELAZIONE DI CALCOLO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE PASSIVA DALL INCENDIO... 1 1.1 PREMESSA... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO...

1 RELAZIONE DI CALCOLO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE PASSIVA DALL INCENDIO... 1 1.1 PREMESSA... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO... Sommario 1 RELAZIONE DI CALCOLO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE PASSIVA DALL INCENDIO... 1 1.1 PREMESSA.... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO.... 1 1.3 VITA NOMINALE, CLASSE D USO, PERIODO DI RIFERIMENTO....

Dettagli

OPERAZIONI DI BASE PER L UTILIZZO DI MICROSOFT EXCEL

OPERAZIONI DI BASE PER L UTILIZZO DI MICROSOFT EXCEL Giovanni Franzoni matr. 14157 Lezione del 4/03/010 ora 10:30-13:30 ndrea Liberini matr. 17714 Sommario OPERZIONI DI BSE PER L UTILIZZO DI MIROSOFT EXEL... 1 Risoluzione di una formula matematica... 1 ome

Dettagli

Analisi numerica del flusso all interno del diffusore troncoconico ERCOFTAC

Analisi numerica del flusso all interno del diffusore troncoconico ERCOFTAC UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Analisi numerica del flusso all interno del diffusore troncoconico ERCOFTAC Tesina di Termofluidodinamica Computazionale Docente: prof. Enrico Nobile

Dettagli

Anno scolastico 2015/2016

Anno scolastico 2015/2016 Tel. 0124/45.45.11 - Fax 0124/45.45.45 Cod. Fisc. 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it URL: www.istitutomoro.it ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui

Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui Prof. Ing. Virgilio Fiorotto *, Ing. Mauro Castellarin ** * Dipartimento di Ingegneria Civile, Sezione di Idraulica e Geotecnica,Università

Dettagli

PIANO DI PROGETTO/PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PIANO DI PROGETTO/PROGRAMMAZIONE DIDATTICA 1 di 8 Anno scolastico: PIANO DI PROGETTO/PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Materia: 2013/14 Fisica Data: Classe: 1A I Insegnante: Barbara Baiguini La presente programmazione fornisce linee guida generali. È suscettibile

Dettagli

Indice. Parte 1 Fondamenti 2. 1 Introduzione 3. 3 Analisi dei carichi e delle tensioni e deformazioni 65. 2 Materiali 29

Indice. Parte 1 Fondamenti 2. 1 Introduzione 3. 3 Analisi dei carichi e delle tensioni e deformazioni 65. 2 Materiali 29 Romane.pdf 19-09-2008 13:20:05-9 - ( ) Prefazione all edizione italiana Ringraziamenti Simboli xxi xix Parte 1 Fondamenti 2 1 Introduzione 3 xvii 1 1 Il progetto 4 1 2 La progettazione meccanica 5 1 3

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

Descrizione e stima dell errore

Descrizione e stima dell errore Descrizione e stima dell errore Raccomandazioni per l analisi di accuratezza di una simulazione CFD: 1 Descrizione e stima dell errore Raccomandazioni per l analisi di accuratezza di una simulazione CFD:

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso Allegato A al Bando per la partecipazione al progetto sperimentale di orientamento e formazione per l iscrizione all Università I Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Facoltà di Scienze Matematiche,

Dettagli

LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA

LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA L acciaio da carpenteria è una lega Fe-C a basso tenore di carbonio, dall 1 al 3 per mille circa. Gli acciai da costruzione

Dettagli

DOLMEN PRESENTAZIONE DEL CODICE DI CALCOLO

DOLMEN PRESENTAZIONE DEL CODICE DI CALCOLO DOLMEN PRESENTAZIONE DEL CODICE DI CALCOLO Il codice di calcolo DOLMEN è prodotto, distribuito ed assistito dalla CDM DOLMEN srl, con sede in Torino, Via B. Drovetti 9F. La società produttrice è presente

Dettagli

Scopo del presente manuale è di fornire elementi di validazione degli algoritmi di calcolo utilizzati dal Programma.

Scopo del presente manuale è di fornire elementi di validazione degli algoritmi di calcolo utilizzati dal Programma. 0 CRITERI E RISULTATI DI VALIDAZIONE Scopo del presente manuale è di fornire elementi di validazione degli algoritmi di calcolo utilizzati dal Programma. Esso intende garantire e rispondere alla necessità

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale 1 IL MATERIALE X-LAM Nel programma CDSWin il materiale X-LAM pu ò essere utilizzato solo come elemento parete verticale. Quindi, dal punto di vista strutturale, il suo comportamento è prevalentemente a

Dettagli

GESTIONE DELLE GEOMETRIE COMPLESSE TRAMITE SOFTWARE COMMERCIALI

GESTIONE DELLE GEOMETRIE COMPLESSE TRAMITE SOFTWARE COMMERCIALI GESTIONE DELLE GEOMETRIE COMPLESSE TRAMITE SOFTWARE COMMERCIALI Conferenza Pisa, 28 Marzo 2014 Dottorando: Davide Tonelli 1 of 72 2 of 72 1 Creazione della Forma 1 Creazione della Forma Geometrie Complesse

Dettagli

VERIFICHE RINFORZI (estensione a nuove funzionalità)

VERIFICHE RINFORZI (estensione a nuove funzionalità) DI SEGUITO ILLUSTRIAMO BREVEMENTE LE PRINCIPALI NOVITA CHE SONO STATE INTRODOTTE DI RECENTE OPPURE CHE VERRANNO INTRODOTTE NELLA VERSIONE VERIFICHE RINFORZI (estensione a nuove funzionalità) MASTERSAP

Dettagli

Progettazione funzionale di sistemi meccanici e meccatronici.

Progettazione funzionale di sistemi meccanici e meccatronici. Progettazione funzionale di sistemi meccanici e meccatronici. Progetto d anno: Laser 2dof A.A. 2010/2011 Progettazione Funzionale di Sistemi Meccanici e Meccatronici Taglio laser a due gradi di libertà

Dettagli

Collegamenti nelle strutture

Collegamenti nelle strutture 1 Collegamenti nelle strutture Le tipologie delle unioni bullonate o saldate sono molteplici e dipendono essenzialmente da: caratteristiche dell unione: nell ambito di quelle bullonate si possono avere

Dettagli

pure rivolta verso sinistra (se l accelerazione è positiva). Per l equilibrio dinamico del corpo la somma di tali forze deve essere nulla:

pure rivolta verso sinistra (se l accelerazione è positiva). Per l equilibrio dinamico del corpo la somma di tali forze deve essere nulla: Oscillatore semplice Vibrazioni armoniche libere o naturali k m 0 x Se il corpo di massa m è spostato di x verso destra rispetto alla posizione di riposo, è soggetto alla forza elastica di richiamo della

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE 1 PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE Sono le perdite di carico (o di pressione) che un fluido, in moto attraverso un condotto, subisce a causa delle resistenze

Dettagli

LEGAME COSTITUTIVO ELASTICO LINEARE

LEGAME COSTITUTIVO ELASTICO LINEARE LGAM COSIUIVO LASICO LINAR L equilibrio di forze e tensioni e la congruenza di spostamenti e deformazioni prescindono dalla natura del materiale che costituisce la struttura, e le equazioni che ne governano

Dettagli

3. PRINCIPI GENERALI DELLA DEFINIZIONE DEL MODELLO DELLA STRUTTURA

3. PRINCIPI GENERALI DELLA DEFINIZIONE DEL MODELLO DELLA STRUTTURA ROBOT Millennium versione 19.0. Manuale per l utente pagina: 69 3. PRINCIPI GENERALI DELLA DEFINIZIONE DEL MODELLO DELLA STRUTTURA 3.1. Tipi di struttura Nel sistema Robot Millennium possono essere usati

Dettagli

Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE

Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE Oggetto e scopo della ricerca Le attività svolte hanno avuto l obiettivo di caratterizzare le prestazioni

Dettagli