Le modalità di erogazione possono essere blended, ma almeno il 70% di ciascun corso deve essere erogato in modalità elearning;

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le modalità di erogazione possono essere blended, ma almeno il 70% di ciascun corso deve essere erogato in modalità elearning;"

Transcript

1 Traccia 1. In qualità di esperti di didattica assistita dalle nuove tecnologie avete ricevuto l incarico di progettare la struttura didattica ed organizzativa dei corsi di recupero di una scuola secondaria di secondo grado. Il dirigente scolastico vi ha lasciato massima libertà nella scelta delle modalità di erogazione del corso, purché vengano rispettati i seguenti requisiti: La durata complessiva di ogni corso di recupero deve essere di 50 ore (comprensive di eventuali lezioni in presenza, attività online, esercitazioni individuali, verifiche finali etc.); Le modalità di erogazione possono essere blended, ma almeno il 70% di ciascun corso deve essere erogato in modalità elearning; Il supporto remoto è garantito dai docenti stessi del corso unitamente ad alcuni tutor (ad esempio studenti meritevoli o ex studenti). Il documento di progetto dovrà prendere in considerazione gli aspetti seguenti: PERSONE: a chi sono rivolti i corsi? quali e quanti sono i docenti e i tutor coinvolti? è previsto un supporto tecnico e/o organizzativo? quali modalità di comunicazione ed interazione sono previste tra tutte le persone coinvolte (tra studenti, tra studenti e docenti/tutor/staff, tra membri dello staff )? METODI: quali tipologie di attività ed eventi formativi si intende organizzare? si prevedono lezioni in aula, laboratori, verifiche in presenza, test di autovalutazione, videoconferenze, studio individuale di materiale online etc.? quali tempistiche si prevedono per ciascun evento (cadenza quotidiana, settimanale, mensile )? quali caratteristiche dovranno avere il tutoring e l assistenza da parte dello staff? CONTENUTI: quali sono gli obiettivi generali dei corsi? quali tipologie di contenuti e risorse si intende erogare (materiali cartacei, contenuti multimediali, test online, tutorial, bibliografie, esercitazioni, etc.)? verranno utilizzati Learning Object già esistenti o ne verranno realizzati ad hoc? quali feedback riceveranno gli studenti? DESIGN: il fine della progettazione deve essere quello di integrare attività, risorse e persone (o ruoli) in un disegno organico e adeguato agli obiettivi che il progetto si pone. Se lo ritenete opportuno, potete ispirarvi ad uno degli approcci alla progettazione descritti nella terza parte del modulo (III settimana). TECNOLOGIE: il documento di progetto dovrà specificare quali tecnologie si prevede di utilizzare (Learning Management System, Content Management System, chat, sistemi di webconference, forum, blog, servizi di social network etc.)? Ove possibile, fare riferimento a strumenti specifici di cui già si conoscano caratteristiche, costi, funzionalità etc. N.B. Tutti i requisiti non specificati nello scenario sopradescritto possono essere inventati ed esplicitati nel documento di progettazione per motivare le scelte effettuate. PREMESSA Il corso di recupero On holiday with Moodle! nasce per consentire a 45 studenti provenienti da 8 classi seconde di un Liceo Scientifico di recuperare l'insufficienza in Lingua Inglese emersa in sede di scrutinio a giugno ed essere ammessi alla classe successiva utilizzando l'opportunità di sostenere un esame di riparazione entro la fine dell'anno scolastico. Per questi studenti è stato progettato un corso di recupero in modalità blended articolato in 12 ore di attività in presenza 38 ore di attività e-learning su piattaforma LMS Moodle. 1

2 CALENDARIO DEGLI INCONTRI N ore N incontro Contenuti Docente Tutor Studente 2 ore 1 incontro (in presenza) (29/06/2011) Presentazione della struttura del corso: (docente) Presentazione dei contenuti del corso (docente) Illustra gli obiettivi del corso Presenta i contenuti del corso Presenta il funzionamento della piattaforma e-learning Presenta gli strumenti tecnologici Effettua il primo accesso alla piattaforma on line Controlla la correttezza dei propri dati (indirizzo ) Familiarizzazione con la piattaforma tecnologica (tutor): funzionamento degli strumenti tecnologici Apprende l uso degli strumenti tecnologici 12 ore Modulo 1 (on line) (da svolgersi entro il 15 luglio) Unit 1 Unit 2 Unit 3 Inserisce i materiali sulla piattaforma e-learning Incontra gli studenti in videoconferenza (data fissata preventivamente) Modera il forum del corso Controlla e promuove le attività dei corsisti Risponde alle richieste di chiarimento dei corsisti Modera il forum relativo al Mod. 1 Svolge le attività didattiche on line (lezioni e test) Consulta il forum per avere informazioni dal tutor e per chiedere e dare chiarimenti ad altri corsisti Partecipa ad attività di comunicazione sincrona (chat) con i corsisti 3 ore 2 incontro (in presenza) Verifica orale modulo 1 Conduzione del gruppo (15 luglio 2011) Individuazione di eventuali problemi legati all attività on line in modo da apportare le opportune modifiche 2

3 N ore N incontro Contenuti Docente Tutor Studente Introduzione al Modulo 2 12 ore Modulo 2 (on line) (da svolgersi entro il 30 luglio) Unit 1 Unit 2 Unit 3 Inserisce i materiali sulla piattaforma e-learning Incontra gli studenti in videoconferenza (data fissata preventivamente) Modera il forum del corso Controlla e promuove le attività dei corsisti Risponde alle richieste di chiarimento dei corsisti Modera il forum relativo al Mod. 2 Svolge le attività didattiche on line (lezioni e test) Consulta il forum per avere informazioni dal tutor e per chiedere e dare chiarimenti ad altri corsisti Partecipa ad attività di comunicazione sincrona (chat) con i corsisti 3 ore 3 incontro (in presenza) Verifica orale modulo 2 Conduzione del gruppo 31/07/2011 Individuazione di eventuali problemi legati all attività on line in modo da apportare le opportune modifiche Introduzione al Modulo 3 12 ore Modulo 3 (on line) (da svolgersi entro il 29 agosto) Unit 1 Unit 2 Unit 3 Inserisce i materiali sulla piattaforma e-learning Incontra gli studenti in videoconferenza (data fissata preventivamente) Modera il forum del corso Controlla e promuove le attività dei corsisti Risponde alle richieste di chiarimento dei corsisti Modera il forum relativo al Mod. 3 Svolge le attività didattiche on line (lezioni e test) Consulta il forum per avere informazioni dal tutor e per chiedere e dare chiarimenti ad altri corsisti Partecipa ad attività di 3

4 N ore N incontro Contenuti Docente Tutor Studente comunicazione (chat) con i corsisti sincrona 3 ore 4 incontro (in presenza) 29/08/2011 Verifica orale modulo 3 Individuazione di eventuali problemi legati all attività on line in modo da apportare le opportune modifiche. Conduzione del gruppo 2 ore Test di verifica e valutazione Moduli 1-3 (on line) 30/08/2011 Somministrazione dei test di comprensione orale e scritta produzione orale e scritta 1 ora 5 incontro in presenza 31/08/2011 Valutazione complessiva del corso Somministra il questionario di gradimento del corso per evidenziare eventuali punti forti e punti deboli in vista di futuri corsi di recupero on line 4

5 PERSONE Funzione strumentale: Staff: docente nominata dal Collegio dei docenti con il compito di sovrintendere all organizzazione, alla gestione e al monitoraggio di tutte le attività di recupero dell istituto. 6 docenti di lingua inglese dell istituto di cui tre con competenze informatiche che hanno già sperimentato la progettazione e la conduzione di corsi e-learning. Lo staff decide l organizzazione didattica del corso: gli obiettivi del corso, le modalità attuative, prepara e seleziona i materiali di studio da inserire sulla piattaforma e-learning. Docenti del corso in presenza: 3 docenti di lingua inglese. I docenti del corso in presenza hanno il compito di curare le attività in presenza secondo il calendario degli incontri decisi dallo staff, avendo cura di assicurare la continuità tra la classe fisica e quella virtuale. Docenti del corso e-learning: Tutor: 3 docenti di lingua Inglese con competenze informatiche che hanno già sperimentato la progettazione e la conduzione di corsi e-learning. I docenti del corso hanno il compito di organizzare la struttura del corso e-learning, di inserire i materiali all interno della piattaforma e-learning e di segnalare allo staff eventuali modifiche da apportare. 3 tutor scelti fra gli alunni più meritevoli del triennio (selezionati dal docente di ogni classe, ma su proposta degli stessi alunni). I tutor hanno il compito di accompagnare gli allievi lungo tutto il processo di apprendimento, facilitare, assistere e guidare il gruppo nel raggiungimento degli obiettivi prefissati, monitorare costantemente l'avanzamento nell'apprendimento dei partecipanti, favorire e sostenere la comunicazione tra partecipanti e docenti, svolgendo un ruolo "cerniera" tra le esigenze degli allievi e dei docenti. Il servizio svolto in qualità di tutor verrà riconosciuto come credito scolastico valutabile all esame di Stato e il 70% della quota d iscrizione versata dai genitori dell alunno all inizio dell anno scolastico successivo sarà dato come bonus per la partecipazione dell allievo al viaggio di istruzione. Amministratore di sistema: Gruppi: Un amministratore di sistema (docente responsabile delle attività elearning della scuola). Su segnalazione dello staff, ha il compito di creare il corso sulla piattaforma e- learning, di assegnare i docenti al corso, di iscrivere gli studenti e di creare i gruppi. Monitora il funzionamento della piattaforma e risolve eventuali problemi tecnici. Tre gruppi di 15 studenti seguiti ognuno da un docente per le attività in presenza e da un tutor per le attività on line. TECNOLOGIA Il corso on line si terrà su piattaforma tecnologica (Learning Management System o LMS) Moodle che gestisce la distribuzione e la fruizione della formazione: si tratta infatti di un sistema gestionale che, grazie alle diverse tipologie di attività proposte dalla piattaforma (Chat, Forum, Compito, lezione, SCORM, Quiz, Wiki, Workshop, ), permette di tracciare la frequenza ai corsi e le attività formative dell'utente (accesso ai contenuti, tempo di fruizione, risultati dei momenti valutativi,...). 5

6 La piattaforma prevede diverse tipologie di accessi: livello amministratore livello docente/tutor (docente/tutor responsabile di ciascun team) livello corsista (alunni iscritti ad uno o più corsi) È quindi necessario creare e configurare degli accessi alla piattaforma con un nome utente e una password individuale per ciascuno degli utenti del corso. Tutte le informazioni sui corsi e sugli utenti restano indicizzate nel database della piattaforma: questa caratteristica permette all'utente di accedere alla propria offerta formativa effettivamente da qualsiasi computer collegato a Internet, senza la necessità di scaricare software ad hoc dal lato del client. L'utente è insomma in questo caso totalmente delocalizzato e in virtù di ciò più semplice risulta il suo accesso al proprio percorso formativo modellizzato sul server, anywhere/anytime, da qualsiasi luogo in qualsiasi momento. Se la piattaforma risulta essere una componente fondamentale per l'e-learning, l'aula virtuale (o ambiente collaborativo) è la metodologia didattica che permette l'interazione (soprattutto in modalità sincrona) fra gli utenti grazie agli strumenti che favoriscono la comunicazione immediata tramite chat, lavagne condivise (interactive whiteboards) e videoconferenza e agli strumenti che possono gestire anche l'apprendimento asincrono (che non necessita la presenza degli utenti nello stesso momento) quali forum di discussione, document repository, accesso ai materiali didattici o a materiali di supporto. Le azioni di tutoraggio supportano la formazione degli utenti per quanto riguarda l'approfondimento degli argomenti di studio e per la motivazione: il tutor agisce sulle attività del singolo e del gruppo attraverso gli strumenti disponibili (chat, forum, posta elettronica) ed ha il compito di controllare l eventuale presenza di messaggi nei forum e di rispondere (dopo aver eventualmente discusso le questioni con il docente) secondo le tempistiche stabilite (entro ore). METODI Il corso, comprensivo di incontri in presenza e sessioni on line, prevede una serie di attività che nel loro complesso possano assicurare una piena comprensione dei contenuti proposti. Le attività sono: incontro in presenza con docente e tutor di introduzione alla lezione; studio individuale di materiali didattici; esercitazioni individuali on line; partecipazione al forum di discussione per socializzare i contenuti e i risultati dell esercitazione; incontro in videoconferenza con il docente; Incontri in chat e post sul blog; svolgimento del test di autovalutazione; svolgimento di un test di verifica e valutazione finale. Degli incontri in presenza, il primo serve per rompere il ghiaccio e creare un minimo di socializzazione necessario per proseguire poi con l interazione a distanza. Durante il corso ulteriori incontri in presenza servono a consolidare il valore delle azioni formative svolte a distanza, per fare un analisi di quanto fatto fino a quel momento e per eventuali modifiche della programmazione delle successive sessioni FAD. 6

7 Per il corso on line l'approccio scelto è di tipo pragmatico. Il progetto utilizza le risorse tecnologiche e informatiche disponibili presso la scuola (LAN con connessione ad Internet ad alta velocità, sistema LMS Moodle) con un repository di lezioni, sussidi, materiali e attività liberamente fruibili sul Web come blog e podcast fra quelli disponibili gratuitamente (per es. oltre a materiali creati ad hoc sulla base delle necessità degli studenti iscritti al corso di recupero. La piattaforma mantiene memoria del momento in cui è stato caricato un file e permette al docente di fare pervenire il suo feedback sul lavoro svolto anche in forma privata. Sono depositati in piattaforma e organizzati documenti di tipo testuale, audio, canzoni, videoclip e presentazioni, materiali didattici che non siano semplici trasposizioni a video di materiale cartaceo, ma che utilizzino la multimedialità e le possibilità di simulazione e interazione. Tutte le attività possono essere svolte, revisionate, rielaborate, condivise ed eventualmente discusse sia individualmente con il docente (durante gli incontri in presenza) che in gruppo fra pari (attività on line) sotto la supervisione del tutor. Per quanto riguarda la creazione di luoghi comunicativi virtuali, sono utilizzati la chat, il blog e due diverse tipologie di forum: uno per ogni modulo, moderato dal docente, e uno più informale, moderato dal tutor. La chat e il blog, moderati dal tutor, sono finalizzati ad una comunicazione più informale e immediata, in grado di favorire la socializzazione e la riflessione in contesti più accattivanti, rispetto al forum, per gli adolescenti. Il forum moderato dal docente è il luogo formale di discussione e condivisione di problemi e strumenti per valutare il lavoro svolto, mentre il forum moderato dal tutor è un luogo virtuale di discussione e condivisione di problemi e strumenti per valutare il lavoro svolto in modo paritario. La piattaforma prevede la notifica via dei nuovi messaggi sul forum. STRUTTURA DEL CORSO ON LINE Il formato scelto per il corso on line su Moodle è il formato per argomenti suddiviso in tre sezioni, uno per ciascun modulo. Ogni modulo presenta gli obiettivi che gli studenti devono raggiungere e i prerequisiti richiesti per una proficua frequenza del modulo. Ogni modulo sarà organizzato in cinque sezioni contenente ognuno attività per lo sviluppo di Comprensione orale Comprensione scritta Produzione orale Produzione scritta Conoscenza e uso delle strutture e funzioni linguistiche Le attività di comprensione saranno preparate dallo staff utilizzando la risorsa Pagina WEB che consente la creazione di pagine html multimediali. Ogni attività presenterà un dialogo (file audio/video per la comprensione orale) o un testo (per la comprensione scritta) seguita da test che verranno creati utilizzando il modulo Quiz di Moodle o il modulo Quiz HotPotatoes integrato in Moodle. 7

8 Figura 1 - Esempio di Pagina Web Figura 2 - Esempio di Quiz di Moodle Entrambi i moduli Quiz permettono all'insegnante di progettare e realizzare dei test che possono comprendere domande a scelta multipla, domande con risposta vero-falso, domande con brevi risposte, domande aleatorie, domande relazionali. Le domande sono conservate in una banca dati organizzata per categorie, e possono essere riutilizzate all'interno di altri quiz dello stesso corso o di corsi differenti. I Quiz possono essere configurati per permettere ripetuti tentativi di risposta, per presentare le domande in formato interattivo sequenziale, per avere un limite temporale per lo svolgimento della verifica, per "correggere la risposta" con feedback di compensazione automatici,... È disponibile un complesso sistema di calcolo dei valori delle domande e delle risposte in relazione alla valutazione complessiva Entrambi consentono il tracciamento delle attività dello studente, dando la possibilità al docente e al tutor di visualizzare i diversi tentativi dello studente e allo studente offrono un feedback immediato sulle risposte corrette o errate. 8

9 Le attività di produzione e di conoscenza ed uso delle strutture e funzioni linguistiche saranno preparate utilizzando, a seconda dei casi, la risorsa Pagina Web o il modulo Lezione. Il modulo Lezione consente di creare delle pagine WEB multimediali interattive e consente una personalizzazione per processo di apprendimento. È sicuramente tra i più importanti e versatili mezzi didattici della piattaforma Moodle poiché consente la creazione di un percorso guidato ed interattivo, che si adegua alle risposte degli studenti. Consiste in una o più pagine in cui vengono inserite le spiegazioni di un determinato argomento e che possono terminare con una domanda a cui vengono fornite alcune risposte. Lo studente deve individuare quella o quelle corrette e proseguire così alla pagina successiva o tornare alla precedente se sbaglia. La lezione non è un mezzo per costruire Quiz (anche se è possibile farlo con il solo limite di un quiz per pagina creata), ma un potente mezzo di lezione interattiva, che stimola lo studente e che può fornire un immediata votazione, che evidenzia l'esito del percorso effettuato. I percorsi complessi possono essere seguiti in sessioni successive senza ripetere le esercitazioni già svolte. Il modulo è adatto alla costruzione di wizard, tutoriali, materiale tipo CBT (piccole unità di conoscenza seguite da brevi test). L'uso delle funzioni di diramazione dei percorsi permette la costruzione di percorsi algoritmici e diagnostici (action maze). Figura 3 - Esempio di Lezione Per testare l abilità di produzione, oltre ai normali test oggettivi, la piattaforma consente l utilizzo del modulo Compito. Il modulo Compito permette al docente di assegnare agli studenti attività individuali dove si richiede la preparazione di un elaborato digitale (in qualsiasi formato) da consegnare caricandolo sul server. Esempi tipici di Compiti sono componimenti, saggi, progetti, report, eccetera.. Il modulo, che prevede diverse tipologie di compito (Consegna singola, consegna multipla, compito online e compito offline), consente di impostare un lavoro che gli studenti dovranno svolgere entro una determinata data e che sarà valutato con un voto. La consegna da parte degli studenti avviene attraverso l'invio di un file che contiene lo svolgimento dello stesso. Moodle provvederà alla registrazione della data di consegna del file, dopodiché l'insegnante potrà visualizzare una pagina con l'elenco di tutti i file inviati e la data di consegna corrispondente. In questo modo è possibile valutare facilmente i compiti nonché aggiungere ad ognuno un commento e un voto. Trascorsa mezz'ora dalla valutazione di ogni singolo studente, Moodle invierà automaticamente una mail di avviso al diretto interessato È possibile configurare il compito come processo di revisione, permettendo la sottomissione online di versioni successive dell'elaborato in formato digitale e l'annotazione dei testi. Il compito può essere impostato come attività offline. In questo caso, gli studenti possono leggere una descrizione del compito e controllare i propri voti. Figura 4 - Esempio di Compito Ogni modulo sarà arricchito da Risorse (quali dispense, presentazioni di Power Point, collegamenti a siti web di rilevante importanza per l argomento trattato nel modulo), da un forum tematico, dalla chat e da un glossario. 9

10 Il modulo Glossario permette ai docenti e/o agli studenti di creare e gestire una lista di definizioni o di risorse organizzate per categorie e per autore. Le definizioni possono essere visualizzate come liste di risorse, come dizionari ed altri formati. È possibile configurare la creazione automatica di collegamenti a queste definizioni nei testi dei materiali del corso. Le descrizione o i documenti allegati possono essere oggetto di commenti, valutazione tra pari e di valutazione riservata al docente. L'uso ragionato delle opzioni di configurazione permette l'implementazione di spazi condivisi come ad esempio un portfolio collettivo o un sistema di condivisione di documenti. Figura 5 - Esempio di Glossario STRUMENTI DI COMUNICAZIONE E CONDIVISIONE Lo scambio delle comunicazioni all interno del LMS Moodle è assicurato dalle seguenti risorse: Forum: Il forum è lo strumento fondamentale per scambiare opinioni, effettuare confronti, porre domande in relazione ai vari moduli (modalità asincrona) Il forum sarà presente in tre formati: 1. Uno solo per docenti e tutor servirà per comunicazioni fra i membri dello staff, e fra lo staff e i tutor. 2. Uno relativo a tutto il corso e sarà moderato dal docente 3. Uno per ogni modulo e sarà moderato dal tutor. Il forum consente il caricamento di file (per condividere risorse e materiali), la ricerca di termini o discussioni, la possibilità per il docente/tutor di chiudere un thread e la notifica via dei messaggi inseriti. 10

11 Figura 6 - Esempio di Forum Chat: la Chat permette l'organizzazione di eventi di discussione sincrona asintopica, in tempo reale tra studenti, docenti e tutor. Possono essere create delle stanze chat sempre aperte oppure degli eventi in date definite, oppure in orari ripetuti come, per esempio, ogni giovedì alle Le sessioni possono essere salvate automaticamente sul server e conservate per un periodo definito dal docente/tutor. Si può scegliere se rendere accessibili o meno agli studenti gli archivi delle sessioni registrate. Figura 7 - esempio di Chat 11

12 Messaggi: il servizio di messaggistica consente di scambiare messaggi e file all interno del corso tra i singoli partecipanti. Se l interlocutore è connesso, il messaggio viene recapitato in tempo reale attraverso la piattaforma, altrimenti gli viene recapitata una copia via . Figura 8 - Esempio di Messaggi Wiki: la funzione Wiki è un editor che permette di scrivere documenti in modo collettivo, lavorando insieme su pagine web per aggiungere, sviluppare e modificare il contenuto. Le vecchie versioni delle pagine non vengono cancellate e possono essere consultate e ripristinate in qualsiasi momento. 12

13 Figura 9 - Esempio di pagina Wiki Videoconferenza: il modulo per multivideo conferenza (in fase sperimentale) consente di mostrare presentazioni, applicazioni e desktop a tutti i partecipanti collegati. È possibile chattare, comunicare via webcam e parlare con i partecipanti alla videoconferenza. Figura 10 - Esempio di Videoconferenza 13

14 CONTENUTI I contenuti del corso on line sono costituiti da Learning object (LO), rispondenti ognuno ad un preciso obiettivo formativo. Ogni Learning object riporta il numero delle ore assegnate in rapporto alla durata presunta dell attività. Ogni modulo presenterà quindi la seguente struttura: Indicazione e presentazione dell argomento Indicazione dei pre-requisiti Indicazione degli obiettivi Nozioni generali di base (a video con opportuno link a dispensa cartacea) Teoria Esercitazioni pratiche Test finale L'attività s'intende conclusa nel momento in cui il corsista avrà inviato nel registro il proprio elaborato o il proprio test tramite l'apposita funzione. Vi saranno tre diverse tipologie di LO: 1. LO che mirano allo sviluppo di una o più abilità (listening, speaking, writing, reading, interaction) muovendo da una fase iniziale più guidata ad una seconda fase più autonoma e creativa secondo una propedeuticità dei vari task all interno del LO. Le attività proposte da questa tipologia di LO contribuiscono a: individuare informazioni comprendere globalmente i testi riflettere sui testi potenziare l acquisizione e l uso di funzioni, strutture e lessico 2. LO che ruotano intorno alla visione di episodi video (per esempio offerti dalle piattaforme con l obiettivo primario di porre maggiore enfasi sulle abilità audio-orali senza tuttavia escludere lo sviluppo delle restanti abilità. Questi oggetti integrano la visione di un video in un unità di apprendimento divisa in 4 fasi: pre-viewing che definisce il contesto e focalizza sui termini lessicali e/o gli elementi fonetici, while-viewing, attività da svolgere durante la visione del video e post-viewing, attività di consolidamento e espansione affiancate da risorse di approfondimento. 3. Contenuti che forniscono un supporto linguistico creati dallo staff o selezionati da risorse disponibili in rete. 14

15 CONTENUTI DEI MODULI Module Unit Functions Grammar Skills and Culture Module 1 Our changing world Unit 1 Talking about the future, future possibilities, making promises Will : predictions, promises; may/might: possibilities Listening: teenagers talking about alternative energy Reading: solutions for our dying planet Speaking: talking about the environment Writing : a paragraph about saving our planet Unit 2 Talking about obligation, rules and laws Must/mustn t, have to don t have to Listening: a teenager talking about her favourite sport Reading: The end of fair play? Speaking: discussing cheating in sport Writing: a description of your favourite sport Unit 3 Talking about conditions, giving information, talking about purpose First conditional, defining relative clauses Listening: teenagers talking about their favourite film Reading: What if it really happens Speaking : a class survey on favourite film genres Writing a film review Module 2 Money matters Unit 1 Past actions in progress, talking about past ability, interrupted past actions Past continuous, could, was/were able to, managed to, when /while Listening: an Irish man telling a ghost story Reading: three Irish legends Speaking: ghost stories and mythical creatures 15

16 Writing: A ghost story Unit 2 Talking about duration, multiple items, at the post office Present perfect, for/since Listening: a teenager talking about a joke he played Reading: Money and happiness Speaking: Happiness and winning the lottery Unit 3 Talking about unfinished actions, talking about skills, going for a job interview Present perfect continuous, since/for Listening: a report on an animal bravery award Reading: I protested at Pamplona Speaking: talking about cruelty to animals Writing: a formal letter asking for information Module 3 Mind, Body and spirit Unit 1 Talking about past habits, comparing abilities, talking about lifestyles Used to, adverbs and comparative adverbs, verbs+ing, verbs+to Listening: a radio show Reading: an article on the Maoris Speaking : preparing a quiz Writing: Quiz questions about films Unit 2 Getting things done, giving advice, talking about health Have/get something done, should /ought to Listening: an interview with a yoga teacher Reading: the pressure to be perfect Speaking: talking about your attitude to your appearance Writing: an giving advice 16

17 Unit 3 Imagining different situations, Making whishes, talking about feelings Second conditional, wish+past simple make+object+adjective/verb Listening: teenagers discussing a TV programme Reading : the power of the mind Speaking: talking about mind-reading and hypnosis Writing: a summary 17

18 VALUTAZIONE Il monitoraggio del processo di insegnamento/apprendimento e la valutazione riguardano tanto il livello strettamente didattico del corso (profitto e risultato degli alunni) quanto il livello organizzativo generale del corso di recupero. VALUTAZIONE DIDATTICA A livello didattico, la valutazione riguarda le attività e i risultati conseguiti dagli allievi. Questa esigenza è assicurata dalle seguenti risorse disponibili nel LSM: Scheda individuale corsisti: la scheda individuale corsisti infatti riporta la valutazione di tutti gli esercizi svolti dallo studente e il voto finale;il report riassuntivo che riporta tutte le attività svolte (lo svolgimento delle singole attività, gli interventi nel forum, ecc.); il report completo che riporta tutte le attività con il numero dei tentativi effettuati e che permette di risalire al dettaglio delle risposte date. Il punteggio finale è calcolato usando la media dei voti (assegnando punteggio zero per gli esercizi aperti ma non terminati e considerando il voto medio ottenuto in caso di un esercizio tentato più volte). Registro valutazione: Il registro valutatore di Moodle consente a docenti e tutor di monitorare le attività di ogni singolo corsista poiché consente la visualizzazione dei punteggi e delle valutazioni ottenute da ogni alunno. Il docente può gestire i voti assegnati, confermarli e assegnare un voto finale, può impostare il punteggio massimo conseguibile, il punteggio minimo di sufficienza affinché l attività sia considerata validamente svolta, il peso di un test per il calcolo del voto finale, l accettazione o meno di una attività o di un test ai fini del conteggio del punteggio finale. Un altra parte del registro del docente consente di visualizzare quanti studenti hanno superato un test, quanti non lo hanno superato, la media dei voti, il punteggio massimo e minimo conseguito. Statistiche: per ogni alunno è possibile controllare il tempo di accesso alla piattaforma, il numero di operazioni effettuate, le aree utilizzate, il tipo di utilizzo. VALUTAZIONE DEL CORSO La valutazione del corso si basa sui dati raccolti in seguito alla somministrazione di un questionario di gradimento tra gli studenti. Il questionario è realizzato con il modulo Sondaggio di Moodle Al termine dell attività (ultimo incontro in presenza) viene somministrato un questionario on line agli studenti tutor e agli studenti che hanno frequentato il corso di recupero per individuare i punti di forza ed i punti di debolezza dell esperienza realizzata. I dati, analizzati dallo Staff, costituiscono la base per le necessarie modifiche da apportare alla struttura didattica, alle risorse tecniche e al sistema organizzativo generale in vista di un nuovo ciclo di attività. Lo Staff, infatti, consegna alla funzione strumentale i dati in suo possesso e quest ultima, sulla base dei risultati raggiunti dagli studenti e sulla base del questionario di gradimento, elabora una relazione che sarà presentata al Collegio dei Docenti nelle riunioni di inizio dell anno scolastico successivo e che costituirà la base di partenza per ulteriori progettazioni di corsi di recupero.. COSTI Personale N Attività Ore Retribuzione 1 oraria Totale Docenti 6 Preparazione materiali 15 17, ,00 Docenti 3 Attività didattica in presenza ,00 1 Tutte le attività saranno retribuite con le risorse finanziarie erogate dal MIUR specificamente per i corsi di recupero, secondo la ripartizione concordata in sede di contrattazione integrativa di istituto. 18

19 Docenti 3 Attività didattica on line 10 17,50 525,00 Amministratore di sistema ,50 70,00 Supporto aa ,50 72,50 Collaboratori scolastici ,50 300,00 Assistente tecnico ,50 348,00 TOTALE 5.965,50 19

Il documento di progetto dovrà prendere in considerazione gli aspetti seguenti:

Il documento di progetto dovrà prendere in considerazione gli aspetti seguenti: TRACCIA N 1 CORSO DI RECUPERO In qualità di esperti di didattica assistita dalle nuove tecnologie avete ricevuto l incarico di progettare la struttura didattica ed organizzativa dei corsi di recupero di

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

La piattaforma Moodle dell' ISFOL

La piattaforma Moodle dell' ISFOL La piattaforma Moodle dell' ISFOL Un CMS per la condivisione della conoscenza nei Gruppi di Lavoro e di Ricerca dell'istituto Franco Cesari - ISFOL Gruppi di Lavoro e di Ricerca come Comunità di Pratica

Dettagli

GUIDA ALL USO DELLA PIATTAFORMA E-Learning DOCEBO

GUIDA ALL USO DELLA PIATTAFORMA E-Learning DOCEBO GUIDA ALL USO DELLA PIATTAFORMA E-Learning DOCEBO GUIDA A DOCEBO ACCESSO A DOCEBO L indirizzo di DOCEBO dell IPSSAR è il seguente: www.ipssarvieste.info/docebo. C è un apposito link nella parte bassa della

Dettagli

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo 1. Elementi generali Le attività didattiche del Master

Dettagli

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning.

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning. La sezione del modulo dedicata ai Learning Management System elenca diverse funzioni di gestione, comunicazione e valutazione che possono essere utilizzate per l erogazione di formazione online. Sulla

Dettagli

Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale

Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale Pagina 1 di 8 Indice 1. Gli obiettivi del corso...3 2. I contenuti del corso...3 3. Il percorso didattico...4 3.1 Studio individuale...4

Dettagli

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008)

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Regolamento del servizio di tutorato (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Sommario Articolo 1 - L istituto del tutorato... 3 Articolo 2 - Obiettivi generali e specifici... 3 Articolo 3 - I tutor...

Dettagli

Manuale di utilizzo della piattaforma e-learning

Manuale di utilizzo della piattaforma e-learning Manuale di utilizzo della piattaforma e-learning Rivolto ai discenti Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo Di Potenza Sommario 1. Cos è Moodle... 3 1.1. Accesso alla piattaforma Moodle... 4 1.2. Come

Dettagli

Piattaforma e-learning Moodle. Manuale ad uso dello studente. Vers. 1 Luglio 09

Piattaforma e-learning Moodle. Manuale ad uso dello studente. Vers. 1 Luglio 09 Piattaforma e-learning Moodle Manuale ad uso dello studente Vers. 1 Luglio 09 Sommario 1. Introduzione...2 1.1 L ambiente...2 1.2 Requisiti di sistema...4 2. Come accedere alla piattaforma...4 2.1 Cosa

Dettagli

TELESKILL PROGETTO E-LEARNING 2.0 PER LA FORMAZIONE E L'AGGIORNAMENTO CONTINUO

TELESKILL PROGETTO E-LEARNING 2.0 PER LA FORMAZIONE E L'AGGIORNAMENTO CONTINUO TELESKILL PROGETTO E-LEARNING 2.0 PER LA FORMAZIONE E L'AGGIORNAMENTO CONTINUO CARATTERISTICHE FUNZIONALI DELLA SOLUZIONE TECNOLOGICA DEDICATA ALLA FORMAZIONE E ALL'AGGIORNAMENTO A DISTANZA

Dettagli

Moodle è un prodotto open source che realizza una piattaforma software di e-learning.

Moodle è un prodotto open source che realizza una piattaforma software di e-learning. Manuale sintetico Moodle è un prodotto open source che realizza una piattaforma software di e-learning. Moodle fornisce un supporto all attività didattica attraverso una serie di strumenti molto ampia

Dettagli

La piattaforma MOODLE. Le risorse e le attività di un corso

La piattaforma MOODLE. Le risorse e le attività di un corso La piattaforma MOODLE Le risorse e le attività di un corso Università di Brescia 9/10 aprile 2013 Per iniziare Le sezioni Formato Settimanale vs. per Argomenti Numero di sezioni di un corso, visibilità

Dettagli

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 FORMAZIONE BLENDED LEARNING http://puntoeduri.indire.it/neoassunti2008/in dex.php DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 e-tutor Lorelle Carini 1 AMBIENTE ON-LINE PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI NEOASSUNTI CON CONTRATTO

Dettagli

Gianluca Cicognani. La piattaforma FAD Chronos: demo e metodologia formativa

Gianluca Cicognani. La piattaforma FAD Chronos: demo e metodologia formativa Gianluca Cicognani La piattaforma FAD Chronos: demo e metodologia formativa Il progetto Osservatorio RRHH Spin-Off Formazione a distanza Evoluzione FAD Prima generazione: materiale cartaceo inviato per

Dettagli

Manuale per l e-learning del Gruppo ECOSafety

Manuale per l e-learning del Gruppo ECOSafety p1/21 Introduzione La piattaforma di e-learning è uno strumento didattico, con accesso ed utilizzo interamente web, che permette al docente in totale autonomia di pubblicare e rendere accessibile ai discenti

Dettagli

Formazione in ingresso per docenti neoassunti A.S. 2012/2013

Formazione in ingresso per docenti neoassunti A.S. 2012/2013 Formazione in ingresso per docenti neoassunti A.S. 2012/2013 I.C. 2 di Arzignano (VI) Direttore del Corso: Dirigente Scolastico Frigotto Pier Paolo E-tutor: Dott.ssa Bevilacqua Barbara 1 Modello di formazione:

Dettagli

Il corso di italiano on-line: presentazione

Il corso di italiano on-line: presentazione Il corso di italiano on-line: presentazione Indice Perché un corso di lingua on-line 1. I corsi di lingua italiana ICoNLingua 2. Come è organizzato il corso 2.1. Struttura generale del corso 2.2. Tempistica

Dettagli

E-tutor: competenze per la formazione online

E-tutor: competenze per la formazione online Progetto Speciale Multiasse La Società della Conoscenza in Abruzzo PO FSE Abruzzo 2007-2013 Piano degli interventi 2011-2012-2013 INTERVENTO B) Formazione online per le aziende SYLLABUS E-tutor: competenze

Dettagli

Minerva. Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione. dr. Augusto Pifferi. dr. Guido Righini. http://minerva.mlib.cnr.

Minerva. Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione. dr. Augusto Pifferi. dr. Guido Righini. http://minerva.mlib.cnr. Minerva Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione dr. Augusto Pifferi Istituto di Cristallografia C.N.R. dr. Guido Righini Istituto di Struttura della Materia C.N.R. http://minerva.mlib.cnr.it

Dettagli

E-learning. Introduzione

E-learning. Introduzione E-learning Introduzione Definizione L'e-learning sfrutta le potenzialità rese disponibili da Internet per fornire formazione sincrona e/o asincrona agli utenti, che possono accedere ai contenuti dei corsi

Dettagli

Prot n. Todi, 23/03/2013

Prot n. Todi, 23/03/2013 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE CIUFFELLI - EINAUDI TODI Agraria, Agroalimentare e Agroindustria -- Amministrazione, Finanza e Marketing Turismo - Costruzioni, Ambiente e Territorio Manutenzione ed Assistenza

Dettagli

EduCms: un ambiente autore per la formazione a distanza

EduCms: un ambiente autore per la formazione a distanza EduCms: un ambiente autore per la formazione a distanza A. Frascari, A. Pegoretti Anastasis, Bologna afrascari@anastasis.it Sommario EduCms è un servizio web accessibile per la produzione di unità didattiche

Dettagli

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015 Carta dei Servizi per lo Studente a.a. 2014/2015 INDICE ART. 1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ... 3 ART. 2 CONTRATTO CON GLI STUDENTI... 3 ART. 3 TUTELA DEI DATI PERSONALI... 3 ART. 4 MATERIALE DIDATTICO...

Dettagli

Manuale Piattaforma Didattica

Manuale Piattaforma Didattica Manuale Piattaforma Didattica Ver. 1.2 Sommario Introduzione... 1 Accesso alla piattaforma... 1 Il profilo personale... 3 Struttura dei singoli insegnamenti... 4 I Forum... 5 I Messaggi... 7 I contenuti

Dettagli

Lo strumento: dalla filosofia di Moodle, ai suoi aspetti tecnico/pratici Bologna, 27 marzo 2014

Lo strumento: dalla filosofia di Moodle, ai suoi aspetti tecnico/pratici Bologna, 27 marzo 2014 Lo strumento: dalla filosofia di Moodle, ai suoi aspetti tecnico/pratici Bologna, 27 marzo 2014 Le piattaforme Il concetto di ambiente di apprendimento riconduce storicamente a termini quali formazione

Dettagli

STUDIUM.UniCT Tutorial per gli studenti

STUDIUM.UniCT Tutorial per gli studenti STUDIUM.UniCT Tutorial per gli studenti Studium.UniCT Tutorial Studenti v. 6 06/03/2014 Pagina 1 Sommario 1. COS È STUDIUM.UniCT... 3 2. COME ACCEDERE A STUDIUM.UniCT... 3 3. COME PERSONALIZZARE IL PROFILO...

Dettagli

GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE

GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE Università degli Studi di Bergamo Centro per le Tecnologie Didattiche e la Comunicazione GUIDA ANALITICA PER ARGOMENTI ACCESSO...2 RISORSE e ATTIVITA - Introduzione...5

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

GIOVANNI CALABRESE. Sito E-learning Istituto Tridente. Guida all utilizzo di Moodle per gli studenti

GIOVANNI CALABRESE. Sito E-learning Istituto Tridente. Guida all utilizzo di Moodle per gli studenti GIOVANNI CALABRESE Sito E-learning Istituto Tridente Guida all utilizzo di Moodle per gli studenti Sommario 1. COS È MOODLE... 1 1.1 Requisiti necessari...1 1.2 Configurazione del browser...1 Impostazione

Dettagli

Oggetto: formazione online per insegnanti dal Politecnico di Milano

Oggetto: formazione online per insegnanti dal Politecnico di Milano Apertura iscrizioni master online in tecnologie per la didattica Prof. Paolo Paolini Politecnico di Milano HOC-LAB Viale Rimembranze di Lambrate 14 20134 MILANO Al Dirigente scolastico Milano, 2 Dicembre

Dettagli

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Indice: 1 Social Learning 2 Social Learning per E.T.I.CA. 3 RiusaLO 4 Percorsi integrati 5 Community 6 Best, la Banca dati delle Esperienze Trasferibili 7 Social

Dettagli

PuntoEdu Indire: Formazione online Neoassunti 2008

PuntoEdu Indire: Formazione online Neoassunti 2008 PuntoEdu Indire: Formazione online Neoassunti 2008 PuntoEdu Formazione NeoAssunti 2008 è l ambiente di apprendimento per i docenti neoassunti nell anno scolastico 2007/08 con contratto a tempo indeterminato.

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO 2

LINEE DI INDIRIZZO 2 LINEE DI INDIRIZZO 2 ATTIVITÀ DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA A DISTANZA PER L APPRENDIMENTO NON FORMALE 1. Attività di Formazione a distanza (FAD) 1.1. La formazione a distanza (FAD) consiste nell

Dettagli

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da Il nuovo servizio multimediale per la formazione e la didattica DESY è un applicazione web, dedicata a docenti e formatori, che consente, in

Dettagli

Progetto Cl@sse 2.0. - Strumenti e Metodologie -

Progetto Cl@sse 2.0. - Strumenti e Metodologie - M I N I S T E R O D E L L I S T R U Z I O N E, D E L L U N I V E R S I T A E D E L L A R I C E R C A ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE JEAN MONNET Istruzione Tecnica e Liceale Via S. Caterina 3 22066 MARIANO

Dettagli

LMS ERUDIO. E-learning Formazione a distanza. www.sgslweb.it SISTEMI. 20 febbraio 2014 Autore: L.albanese. powered by

LMS ERUDIO. E-learning Formazione a distanza. www.sgslweb.it SISTEMI. 20 febbraio 2014 Autore: L.albanese. powered by LMS ERUDIO E-learning Formazione a distanza powered by SISTEMI 0 febbraio 01 Autore: L.albanese www.sgslweb.it Che cos è l E- Learning? L' e-learning sfrutta le potenzialità rese disponibili da Internet

Dettagli

Corso NEOASSUNTI A.S. 2012/13

Corso NEOASSUNTI A.S. 2012/13 Corso NEOASSUNTI A.S. 2012/13 E-tutor ing. Antonio Di Micco Docente di elettronica presso: Istituto Superiore Statale P. Gobetti Scandiano (RE) E-mail: antonio.dimicco@libero.it Programma Riferimenti normativi

Dettagli

UNIVERSITAS MERC ATORUM

UNIVERSITAS MERC ATORUM All. 4 Carta dei servizi Pag. 1 Carta dei servizi dell Università Telematica Universitas Mercatorum Art. 1- Premessa L Univeristà Telematica Universitas Mercatorum è costituita in seno al Sistema delle

Dettagli

DIPARTIMENTO LINGUA INGLESE. PRIMO BIENNIO Classi Seconde DISCIPLINA INGLESE. Abilità Conoscenze Classi Tempi (relativi alle conoscenze)

DIPARTIMENTO LINGUA INGLESE. PRIMO BIENNIO Classi Seconde DISCIPLINA INGLESE. Abilità Conoscenze Classi Tempi (relativi alle conoscenze) DIPARTIMENTO LINGUA INGLESE PRIMO BIENNIO Classi Seconde DISCIPLINA INGLESE Competenze Utilizzare una lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi Livello B1 EQF Abilità Conoscenze

Dettagli

INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity

INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity scolastica virtuale e molto di più. INinFO di Sabina Nuovo INFORMATICAinFORMAZIONE

Dettagli

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C.

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti http://moodlevarrone.netsons.org/moodle/

Dettagli

IL VERO GESTIONALE 2.0 PER LE SCUOLE

IL VERO GESTIONALE 2.0 PER LE SCUOLE IL VERO GESTIONALE 2.0 PER LE SCUOLE PROTOMAIL REGISTRO ELETTRONICO VIAGGI E-LEARNING DOCUMENTI WEB PROTOCOLLO ACQUISTI QUESTIONARI PAGELLINE UN GESTIONALE INTEGRATO PER TUTTE LE ESIGENZE DELLA SCUOLA

Dettagli

Albano Squizzato ingsquizzato@libero.it. Moodle-manuale. manuale per il docente. Generazione Web 2013-14 - G9

Albano Squizzato ingsquizzato@libero.it. Moodle-manuale. manuale per il docente. Generazione Web 2013-14 - G9 Albano Squizzato ingsquizzato@libero.it Moodle-manuale manuale per il docente Generazione Web 2013-14 - G9 Come utilizzare Moodle La versatilità di Moodle consente la totale personalizzazione dell interfaccia,

Dettagli

L AMBIENTE DI APPRENDIMENTO MANUALE D USO PER I DOCENTI

L AMBIENTE DI APPRENDIMENTO MANUALE D USO PER I DOCENTI L AMBIENTE DI APPRENDIMENTO MANUALE D USO PER I DOCENTI Questo lavoro viene rilasciato con licenza Creative Commons Attribuzione, Non-Commerciale, Non-opere derivate http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/it/

Dettagli

La piattaforma. ischool: Didattica Online

La piattaforma. ischool: Didattica Online La piattaforma ischool: Didattica Online La piattaforma ischool: Didattica Online fornisce una serie di servizi online didattici ed extradidattici per gli utenti del liceo scientifico Arturo Tosi di Busto

Dettagli

elearnit propone una modalità di e-learning efficace, integrabile nei processi aziendali e semplice da usare.

elearnit propone una modalità di e-learning efficace, integrabile nei processi aziendali e semplice da usare. Gestire la conoscenza nell'era del web elearnit: un network di consulenti per la crescita della tua azienda Piattaforma di formazione via web senza costi di licenza Oggi molte aziende utilizzano la formazione

Dettagli

CPS1 Linee guida per l uso dei sistemi di e- learning nella didattica

CPS1 Linee guida per l uso dei sistemi di e- learning nella didattica learning nella didattica Il presente documento propone la struttura e i contenuti di un possibile documento relativo alle linee guida sull uso dell elearning nell ambito delle attività didattiche con riferimento

Dettagli

Mariella Proietta. Introduzione

Mariella Proietta. Introduzione Mariella Proietta maripro@yahoo.it Joomla per una scuola secondaria superiore: una piattaforma per integrare l insegnamento della lingua straniera e migliorare la professionalità docente Introduzione L

Dettagli

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola? PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Quando si compila il modulo di registrazione, selezionare l opzione scuola.una volta effettuata la registrazione, si può accedere a un ambiente molto

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Scuola Primaria e Secondaria di I Grado e Biennio Secondaria di II Grado D-5-FSE-2010-1

Dettagli

VADEMECUM PIATTAFORMA DOCEBO Operazioni del Docente Corsista

VADEMECUM PIATTAFORMA DOCEBO Operazioni del Docente Corsista VADEMECUM PIATTAFORMA DOCEBO Operazioni del Docente Corsista Indice Premessa Accesso alla piattaforma di gestione dei corsi I miei corsi Finestra di inizio lavoro Il menù di selezione Gestione sessioni

Dettagli

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa MODULO I TRODUTTIVO Indice Premessa Obiettivo del modulo Didattica blended Ragioni dell adozione del blended e-learning - Ragioni didattiche - Ragioni del lifelong learning Finalità e obiettivi Risultati

Dettagli

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Morena Terraschi Lynx Srl via Ostiense 60/D 00154 Roma morena@altrascuola.it http://corsi.altrascuola.it Corsi Altrascuola è la

Dettagli

I.P.S.S.S. Edmondo De Amicis. Via Galvani Roma

I.P.S.S.S. Edmondo De Amicis. Via Galvani Roma I.P.S.S.S. Edmondo De Amicis Via Galvani Roma Programmazione Individuale Lingua Inglese Classe Quarta A Ottica Prof.ssa Cinzia Frascatani a. s. 2014/ 2015 Moduli Quarte ottica a. s. 2014/ 2015 tratti da

Dettagli

Insegnamento con l utilizzo delle L.I.M. (Lavagne Interattive Multimediali)

Insegnamento con l utilizzo delle L.I.M. (Lavagne Interattive Multimediali) Insegnamento con l utilizzo delle L.I.M. (Lavagne Interattive Multimediali) Con il progetto, di cui alla delibera n. 52/9 del 27.11.2009 della RAS avente ad oggetto "POR Sardegna 2007/2013, FERS, Asse

Dettagli

indice Blended Learning 1

indice Blended Learning 1 Blended Learning La proposta formativa IAMA Consulting si suddivide in differenti aree: Blended Learning 1 Formazione Manageriale e Comportamentale IAMA accompagna lo sviluppo delle risorse in azienda

Dettagli

Art. 3 PROGRAMMA DEL CORSO Il Corso è suddiviso in cinque moduli secondo il seguente prospetto per un totale di 1.500 ore:

Art. 3 PROGRAMMA DEL CORSO Il Corso è suddiviso in cinque moduli secondo il seguente prospetto per un totale di 1.500 ore: Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale (Legge 19/11/1990 n. 341 art. 6, co. 2, lett. C ) in METODOLOGIE PER LA DIDATTICA DELLA LINGUA INGLESE (1.500 ore 60 Crediti Formativi

Dettagli

Firenze 10 novembre 2009.

Firenze 10 novembre 2009. Selezione pubblica per l individuazione di TUTOR preposti alla moderazione di forum, blog, eventi sincroni e laboratori per studenti Progetto PON SOS Studenti a.s. 2009-2010 Firenze 10 novembre 2009. Decreto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti Percorso Abilitante Speciale P.A.S. a.a. 2014-2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu, 18 ore d aula + 18 ore online) Prof. Giancarlo Gola ggola@units.it Syllabus a.a. 2014-15, versione 01 BREVE

Dettagli

Manuale Operativo per l utilizzo della piattaforma E-Learning@AQ. Versione 1.1

Manuale Operativo per l utilizzo della piattaforma E-Learning@AQ. Versione 1.1 Manuale Operativo per l utilizzo della piattaforma E-Learning@AQ Versione 1.1 Autore Antonio Barbieri, antonio.barbieri@gmail.com Data inizio compilazione 11 maggio 2009 Data revisione 14 maggio 2009 Sommario

Dettagli

MANUALE MOODLE. Gestione Materiale Didattico

MANUALE MOODLE. Gestione Materiale Didattico MANUALE MOODLE Gestione Materiale Didattico 1 INDICE 1. INTRODUZIONE E DEFINIZIONE DI UN CORSO MOODLE... 4 2. FORMATO DI UN CORSO MOODLE... 6 2.1. Impostazione del formato di un corso Moodle... 6 2.2.

Dettagli

Programmazione delle competenze, conoscenze ed abilità del TRIENNIO I.T.I. Competenze trasversali Competenze linguistiche trasversali

Programmazione delle competenze, conoscenze ed abilità del TRIENNIO I.T.I. Competenze trasversali Competenze linguistiche trasversali I.T. I. G.PEANO DIPARTIMENTO DI LINGUA E CIVILTA INGLESE PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2014-15 Programmazione delle competenze, conoscenze ed abilità del TRIENNIO I.T.I. Competenze trasversali Competenze

Dettagli

MANUALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA di BCO CONSULTING PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN MATERIA DI SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

MANUALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA di BCO CONSULTING PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN MATERIA DI SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Pag. 1 MANUALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA di BCO CONSULTING PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN MATERIA DI SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Pag. 2 Sommario 1. PREMESSA... 3 2. ACCESSO ALLA PIATTAFORMA...

Dettagli

Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H

Liceo Scientifico  C. CATTANEO  PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Sommario PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA... 1 INDICAZIONI GENERALI... 2 PREREQUISITI... 2 CONOSCENZE, COMPETENZE E CAPACITA...

Dettagli

FAQ EIPASS A COSA SERVONO LE CERTIFICAZIONI EIPASS?

FAQ EIPASS A COSA SERVONO LE CERTIFICAZIONI EIPASS? FAQ EIPASS A COSA SERVONO LE CERTIFICAZIONI EIPASS? COME SI OTTENGONO LE CERTIFICAZIONI EIPASS? COME SI ACCEDE ALLA PIATTAFORMA? CHE COSA E' AULA DIDATTICA 3.0? IN CHE COSA CONSISTE L'ESAME? La Certificazione

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI 2012/2013 DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Fotografia di Giuseppe Moscato Scuola primaria e secondaria di primo grado e biennio

Dettagli

PRESENTAZIONE DEI CORSI AREA TEMATICA NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI (NTC)

PRESENTAZIONE DEI CORSI AREA TEMATICA NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI (NTC) PRESENTAZIONE DEI CORSI AREA TEMATICA NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI (NTC) L area NTC comprende sia corsi di Qualifica Professionale che corsi di aggiornamento tecnico/specialistico. I Corsi di Qualifica

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2010/2011 - PROGETTO CL@SSE 2.0 1D LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE. e-l@boriamo

ANNO SCOLASTICO 2010/2011 - PROGETTO CL@SSE 2.0 1D LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE. e-l@boriamo ANNO SCOLASTICO 2010/2011 - PROGETTO CL@SSE 2.0 1D LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE e-l@boriamo Pag 2 - PROGETTO Pag 3 - OBIETTIVI/ TECNOLOGIE/METODOLOGIE DI LAVORO Pag 4 - PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Piattaforma di e-learning Moodle

Piattaforma di e-learning Moodle Piattaforma di e-learning Moodle Manuale Utente Indice Introduzione Registrazione/Login/Logout Personalizzazione profilo Navigazione e blocchi Accesso/Iscrizione ai corsi Organizzazione contenuti all interno

Dettagli

Il social learning con edmodo

Il social learning con edmodo Il social learning con edmodo gestire ed utilizzare una classe virtuale Cos'è edmodo cos è edmodo È un social network adatto per la creazione di comunità di apprendimento; permette di lavorare e mantenere

Dettagli

Formazione in didattica L2 a migranti

Formazione in didattica L2 a migranti Formazione in didattica L2 a migranti Piattaforma e-learning nell ambito dell accordo di programma tra la Provincia di Cremona, i Comuni di Cremona, Crema e Casalmaggiore e l Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

all esame ISVAP Sezioni A e B del Registro Unico degli Intermediari

all esame ISVAP Sezioni A e B del Registro Unico degli Intermediari Corsi di preparazione all esame ISVAP Sezioni A e B del Registro Unico degli Intermediari Perché scegliere i nostri corsi: i contenuti rispettano il programma d esame pubblicato dall ISVAP sono strutturati

Dettagli

L E-LEARNING ENTRA NELLA PA : IL CASO ARPA PUGLIA

L E-LEARNING ENTRA NELLA PA : IL CASO ARPA PUGLIA Luigi Barberini Studiodelta S.r.l. Bari /Italia l.barberini@studiodelta.it FULL PAPER Obiettivo principale del progetto è stato la formazione informatica di base per un numero di circa 0 dipendenti dell

Dettagli

Piattaforma Moodle I.S.S.M. Tchaikovsky. Guida rapida per gli studenti

Piattaforma Moodle I.S.S.M. Tchaikovsky. Guida rapida per gli studenti Piattaforma Moodle I.S.S.M. Tchaikovsky (www.orientamusa.it/fad) Guida rapida per gli studenti Cos'è Moodle? In questa guida vengono esposte le conoscenze di base per poter navigare in una classe virtuale

Dettagli

VADEMECUM PIATTAFORMA DOCEBO Operazioni del Docente Esperto

VADEMECUM PIATTAFORMA DOCEBO Operazioni del Docente Esperto VADEMECUM PIATTAFORMA DOCEBO Operazioni del Docente Esperto Indice Premessa Accesso alla piattaforma di gestione dei corsi I miei corsi Finestra di inizio lavoro Il menù di selezione Gestione sessioni

Dettagli

MASTER IN COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE E DIDATTICA (biennale)

MASTER IN COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE E DIDATTICA (biennale) Pagina 1 di 12 LA FORMAZIONE A DISTANZA ( FAD) COME ALUNNA: MASTER IN COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE E DIDATTICA (biennale) LA FORMAZIONE ON-LINE COME ALUNNA: Corso on-line Garamond Introdudione al Sistema

Dettagli

MODULO 2: PRIMI PASSI CON LA LIM 1. TECNICHE DI BASE PER L USO DELLA LIM a. Calibrare la lavagna b. Utilizzare la penna digitale

MODULO 2: PRIMI PASSI CON LA LIM 1. TECNICHE DI BASE PER L USO DELLA LIM a. Calibrare la lavagna b. Utilizzare la penna digitale Corso di Perfezionamento ed aggiornamento professionale in La lavagna interattiva multimediale (LIM) e le nuove tecnologie per l insegnamento II edizione A.A. 2011/2012 Art. 1 FINALITA E OBIETTIVI DEL

Dettagli

Moodle 1.5.3+ Breve Guida per il Docente versione 1.2. A cura di Federico Barattini federicobarattini@gmail.com

Moodle 1.5.3+ Breve Guida per il Docente versione 1.2. A cura di Federico Barattini federicobarattini@gmail.com Moodle 1.5.3+ Breve Guida per il Docente versione 1.2 A cura di Federico Barattini federicobarattini@gmail.com Indice 1.0 Primo accesso in piattaforma...3 1.1 Partecipanti, Login come corsista (per vedere

Dettagli

IAMP ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI

IAMP ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI E-LEARNING + ON LINE - costi + RISULTATI PROGETTO PRESENTAZIONE GENERALE è un marchio commerciale di Studio Mandelli S.r.l., società specializzata in servizi

Dettagli

PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015

PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015 PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu - 3 lezioni d aula, 18 ore + 18 ore online) Prof.ssa Maria Grazia Ottaviani pas.ottaviani.univr@gmail.com Syllabus

Dettagli

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI:

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI: PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER è una società di studio e ricerca nell ambito dei sistemi di istruzione, formazione e lavoro. OBIETTIVI: Supportare le istituzioni

Dettagli

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI Paolo Rigo LA SCUOLA DIGITALE Il progetto di alfabetizzazione digitale della popolazione è ambizioso e la sua realizzazione non può che partire dalla scuola. Occorre potenziare

Dettagli

Strumenti E learning. Presentazione tecnica

Strumenti E learning. Presentazione tecnica Strumenti E learning Presentazione tecnica Luglio 2008 Grazie all esperienza del proprio management e alla propria struttura tecnologica, InterAteneo è riuscito a creare un sistema di integrazione, tra

Dettagli

Manuale del Docente - Scienze Politiche

Manuale del Docente - Scienze Politiche Manuale del Docente - Scienze Politiche Questo file è una piccola guida alla creazione di corsi online con il sistema Moodle. Descrive le funzioni principali del sistema, e le attività permesse a / dirette

Dettagli

Sistema di erogazione didattica Organizzata attraverso Piattaforme L.C.M.S. (Learning Content Management System)

Sistema di erogazione didattica Organizzata attraverso Piattaforme L.C.M.S. (Learning Content Management System) Learning and Management System Sistema di erogazione didattica Organizzata attraverso Piattaforme L.C.M.S. (Learning Content Management System) Linee guida: 1. StartUp sistema videoconferenza in piattaforma

Dettagli

E-learning: esperienza nel Progetto STEEL

E-learning: esperienza nel Progetto STEEL Innovazione nella formazione universitaria Firenze, 21 marzo 2012 E-learning: esperienza nel Progetto STEEL Prof. Enrico Del Re Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Il progetto STEEL Progetto

Dettagli

E-learning con Docebo

E-learning con Docebo E-learning con Docebo Introduzione La suite Doceboè un progetto open source completamentegratuito che mette a disposizione: LMS (Learning Management System) CMS(Content Management System) Mydocebo( la

Dettagli

Manuale Docenti per la piattaforma for EDIL learn

Manuale Docenti per la piattaforma for EDIL learn Manuale Docenti per la piattaforma for EDIL learn Indice generale Per iniziare...3 Impostare un Corso...5 Caricare le Risorse......5 Impostare le Attività......6 Gestire i Blocchi laterali...12 Il tuo

Dettagli

RELAZIONE FINALE CORSO DI RECUPERO / APPROFONDIMENTO ON LINE

RELAZIONE FINALE CORSO DI RECUPERO / APPROFONDIMENTO ON LINE ISTITUTO SPERIMENTALE RINASCITA - A. LIVI - MILANO SCUOLA MEDIA STATALE A ORIENTAMENTO MUSICALE RELAZIONE FINALE CORSO DI RECUPERO / APPROFONDIMENTO ON LINE docente: BRUNO GIUSY PREMESSA Moodle è una piattaforma

Dettagli

Manuale d uso per l utilizzo del portale e-logos (Profilo Utente)

Manuale d uso per l utilizzo del portale e-logos (Profilo Utente) per l utilizzo del portale e-logos (Profilo Utente) Indice Introduzione... 3 Requisiti minimi di sistema... 4 Modalità di accesso... 4 Accesso alla Piattaforma... 5 Pannello Utente... 6 Pannello Messaggi...

Dettagli

Progetto STRATEG IS - Strategie per l italiano scritto

Progetto STRATEG IS - Strategie per l italiano scritto PROGETTO POLO DI MILANO PER UNA NUOVA DIDATTICA NELLA SCUOLA PROGRAMMA DI ITALIANO PER L ANNO SCOLASTICO 2014-15 Progetto STRATEG IS - Strategie per l italiano scritto Responsabile del progetto: Prof.ssa

Dettagli

Il metodo ASEI SCHOOL mette al centro l allievo.

Il metodo ASEI SCHOOL mette al centro l allievo. ASEI SCHOOL è la prima Smart School di lingue certificata dal sistema ISO 900-2008 e accreditata dall Università di Cambridge per il test online BULATS. THE HIVE è l innovativo metodo didattico ideato

Dettagli

ISTITUTO TECNICO AMMINISTRATIVO, FINANZA E MARKETING PARTE 1

ISTITUTO TECNICO AMMINISTRATIVO, FINANZA E MARKETING PARTE 1 PIANO DI LAVORO ANNUALE ISTITUTO TECNICO AMMINISTRATIVO, FINANZA E MARKETING INSEGNANTE: CORSO SILVANA MATERIA DI INSEGNAMENTO: INGLESE CLASSE SECONDA A ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PARTE 1 LIVELLO COMPETENZE

Dettagli

Consigli pratici per la progettazione ed erogazione di un corso di formazione a distanza

Consigli pratici per la progettazione ed erogazione di un corso di formazione a distanza Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Consigli pratici per la progettazione ed erogazione di un corso Indice di sezione Obiettivi Pag. 90 1. Fase 1: Progettazione Pag. 90 1.1 Organizzare

Dettagli

LORO SEDI. Nel ringraziare per la collaborazione porgo i migliori saluti.

LORO SEDI. Nel ringraziare per la collaborazione porgo i migliori saluti. Assessorat de l Education et de la Culture Assessorato Istruzione e Cultura TRASMISSIONE*VIA*PEC* Réf. n - Prot. n. 46145/SS Ai Dirigenti delle Istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado della Regione

Dettagli

La rendicontazione e le misure di accompagnamento. nei percorsi IFTS

La rendicontazione e le misure di accompagnamento. nei percorsi IFTS Università di Padova La rendicontazione e le misure di accompagnamento nei percorsi IFTS 14 Marzo 2006 Università di Padova La rendicontazione negli IFTS Università di Padova Cosa cambia con e-learning

Dettagli

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate.

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Cl@sse2.0 Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Progetto di due anni disegnato per la 1Ac. (2010-2012) Cl@sse2.0 Perché questo progetto nazionale? 1. Per rispondere a

Dettagli

Mediastaff education partner IRSAF Divisione EIRSAF Certificazioni Informatiche

Mediastaff education partner IRSAF Divisione EIRSAF Certificazioni Informatiche Mediastaff education partner IRSAF Divisione EIRSAF Certificazioni Informatiche CORSI DI FORMAZIONE PER LA FUNZIONE DOCENTE IN "LE NUOVE TECNOLOGIE DELL'INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE: Uso didattico

Dettagli

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Uno strumento unico per risolvere i problemi di compatibilità tra le diverse lavagne interattive Non fermarti alla LIM, con

Dettagli