Agriculture and Nutrition in Arid Zones Cluster Arid Zones

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Agriculture and Nutrition in Arid Zones Cluster Arid Zones"

Transcript

1 Agriculture and Nutrition in Arid Zones Cluster Arid Zones Premessa Il termine Arid Zones si riferisce ad un ambito geografico, denso di problematiche, ma anche di risorse, che comprende territori e popolazioni molto differenti tra loro. La prima parte di questa relazione illustra una breve ricognizione attraverso diversi temi legati alle Arid Zones, cercando di riconoscere alcuni caratteri peculiari di queste aree. La condizione che permette di definire le Arid Zones è senza dubbio la scarsità d acqua e quindi il rischio rappresentato dal processo di desertificazione. Lo studio di queste tematiche consente di elaborare programmi e decisioni che possano ridurre i rischi ai quali sono soggetti questi luoghi, per individuare buone pratiche e diffonderle attraverso efficaci strategie di intervento e comunicazione. È molto importante osservare che gli effetti dei fenomeni legati alle Arid Zones arrivano ad avere una ricaduta sull ambiente a scala globale. Infatti, attualmente parte del dibattito scientifico in questo settore è dedicato alla ricerca e alla valutazione delle cause, umane e naturali, dell avanzare del fenomeno. Oltre a ricercare i caratteri comuni di queste zone nel territorio o nelle tipologie di produzione, è interessante osservare come alcuni aspetti della cultura materiale, della unità familiare, dei rituali legati al cibo e all accoglienza possono essere interpretati come i veri fattori di ricchezza che caratterizzano le popolazioni di questi territori. Gli aspetti sensoriali legati a queste culture e a questi territori sono probabilmente le testimonianze più intense delle Arid Zones. La seconda sezione del documento è dedicata al tema dell acqua, come risorsa di vita. L analisi muove dai dati forniti dalle organizzazioni internazionali e dalle Nazioni Unite attraverso i programmi di intervento finalizzati a migliorare le condizioni di vita nelle Arid Zones. L acqua è sicuramente uno dei principali protagonisti in questi progetti, in particolare nell ambito delle necessità primarie di idratazione e sanità. Una problematica che nei prossimi anni interesserà non soltanto le Arid Zones, ma tutto il genere umano, è sicuramente il ruolo dell acqua nella produzione del cibo. Saranno dunque illustrati i concetti di acqua virtuale e impronta idrica, mettendo a confronto diverse realtà e produzioni. In questa sezione dunque saranno introdotte alcune nozioni importanti per comprendere il dibattito internazionale a proposito dell acqua e la responsabilità di tutti gli individui nello sviluppo sostenibile del pianeta. Il tema della sostenibilità delle risorse è presente in maniera trasversale all interno della terza sezione, dedicata all importanza tradizione nelle esperienze innovative di progetto per le Arid Zones. Saranno illustrati quindi alcuni esempi tradizionali di intervento sul territorio in condizioni di scarsità idrica, esempi particolarmente significativi in rapporto al dibattito attuale sulle risorse sostenibili di acqua. Infine saranno illustrati alcuni casi studio significativi in relazione all importanza delle risorse energetiche per il miglioramento delle condizioni di vita nelle Arid Zones e alcune sperimentazioni, anche nel campo del design, relative all uso di risorse energetiche sostenibili negli interventi finalizzati a favorire l accesso all acqua potabile.

2 Indice Prima sezione QUALI ARID ZONES? 1. Definizioni e scenari 1.1 Individuazione delle categorie climatiche presenti nelle Arid Zones 1.2 Desertificazione e fattori di degrado del suolo Tecniche di ri-forestazione per ridurre il rischio di desertificazione. The Great Green Wall Valorizzazione delle foreste di Acacia per la rigenerazione del suolo. Acacia Operation Project 1.3. Ambienti ed ecosistemi iconici Qualità sensoriali immersive delle Hyper-arid Zones 1.4 Luoghi e riti della comunità 1.5. Il ruolo protagonista della donna nelle vita quotidiana La donna e la lotta contro la desertificazione. Il progetto di Keita. Osservazioni per EXPO 2015_Cluster Arid Zones Prima sezione: Quali Arid Zones? Seconda sezione L ACQUA per l IDRATAZIONE, la SANITÀ e il CIBO 2. Acqua, risorsa preziosa per la vita del pianeta 2.1 Acqua, Sanità e Igiene. Il ruolo dell acqua negli obiettivi MDGs del Millennium 2.2 L importanza dell accessibilità alle risorse idriche Design per il trasporto dell acqua 2.3 L acqua è cibo Pratiche colturali tradizionali e risorse microbiche. Bio Desert Pratiche di allevamento ittico intensivo nel deserto. Desert Fish Farming 2.4 Il Nesso tra Acqua ed Energia per la produzione di cibo. Osservazioni per EXPO 2015_Cluster Arid Zones Seconda sezione : L acqua per l idratazione, la sanità e il cibo

3 Terza sezione TRADIZIONE E INNOVAZIONE 3. Progettisti di ieri e di oggi per la produzione e l uso delle risorse idriche 3.1 Modellare il suolo per conservare le risorse idriche Il Vallerani System, l innovazione degli aratri Treno e Delfino 3.2 Costruire manufatti per generare e raccogliere condensa 3.3. Innovazione e design per l acqua potabile attraverso la condensazione Il dorso di un insetto per la captazione di acqua di condensa Un cono per la desalinizzazione dell acqua Una bottiglia per la purificazione dell acqua Osservazioni per EXPO 2015_Cluster Arid Zones Terza sezione : Tradizione e innovazione

4 Prima sezione : QUALI ARID ZONES? 1. Definizioni e scenari 1.1 Individuazione delle categorie climatiche presenti nelle Arid Zones 1.2 Desertificazione e fattori di degrado del suolo Tecniche di ri-forestazione per ridurre il rischio di desertificazione. The Great Green Wall Valorizzazione delle foreste di Acacia per la rigenerazione del suolo. Acacia Operation Project 1.3. Ambienti ed ecosistemi iconici Qualità sensoriali immersive delle Hyper-arid Zones 1.4 Luoghi e riti della comunità 1.5. Il ruolo protagonista della donna nelle vita quotidiana La donna e la lotta contro la desertificazione. Il progetto di Keita. Osservazioni per EXPO 2015_Cluster Arid Zones Prima sezione: Quali Arid Zones? Family portait Somalia, Collage, Lab. Sintesi, Scuola Design, Politecnico di Milano, 2012/2013

5 QUALI ARID ZONES? 1. Definizioni e scenari L espressione Arid Zones indica aree geografiche molto diverse, spesso tra loro lontane e caratterizzate da temperature estreme, molto calde o, al contrario, molto fredde. A questa categoria dunque afferiscono culture eterogenee, che hanno tipologie di prodotti, sistemi alimentari e tradizioni diverse. Tutte le Arid Zones sono però tutte interessate dalla scarsità d acqua, dall impoverimento del suolo e dalla minaccia di desertificazione, indicate a livello internazionale con la sigla DLDD - Desertification, Land Degradation and Drought. 1.1 Individuazione delle categorie climatiche presenti nelle Arid Zones L aridità può essere espressa in funzione della temperatura e della quantità di pioggia caduta in un periodo di tempo definito. Una mappatura molto utile delle aree in oggetto si può ottenere adottando un indice che viene calcolato dividendo la precipitazione annuale e il potenziale annuale di evapotraspirazione. Il metodo Penman-Monteith, utilizzato anche dalla FAO Food and Agricolture Organization of the United Nations - si basa infatti sulla valutazione di fattori di Evaporazione (E) e Traspirazione (T); pertanto permette di considerare l umidità atmosferica, la radiazione solare e il vento. [1] Attraverso il metodo Penman-Monteith precedentemente descritto sono state definite tre aree climatiche all interno delle cosiddette Arid Zones. - Le Hyper-arid Zones, con un indice di Penman di 0.03, presentano assenza quasi totale di vegetazione. La precipitazione annua non supera i 100 millimetri e non ha cadenza regolare. Le aree di questo tipo possono essere soggette a lunghi periodi di siccità, anche della durata di alcuni anni e sono prevalentemente zone desertiche. - Le Arid Zones, individuate da un indice di , sono caratterizzate da un tasso di precipitazione variabile con una piovosità annua compresa tra i 100 e i 300 millimetri. La vegetazione pertanto è scarsa, sono presenti piante secolari, arbusti e piccoli alberi. - Le Semi-arid Zones, con un indice di Penman tra 0.20 e 0.50 presentano un più ampia varietà di vegetazione che comprende piccole piante, arbusti e erbe. Le precipitazioni annue variano tra i e i millimetri durante le piogge estive e tra i e i millimetri in inverno. Infine, condizioni di aridità sono presenti anche nelle Sub-Humid Zones. In questo documento quindi il termine Arid Zones si riferisce alle quattro categorie climatiche sopra citate. Esistono infatti diversi sistemi di classificazione delle Arid Zones, in rapporto alle tematiche approfondite nei diversi settori disciplinari. Un esempio riguarda l ambito di ricerca dedicato ai processi di Desertificazione, che non si concentra sulle Hyper-arid

6 Zones, che sono effettivamente desertiche, per analizzare invece i rischi ai quali sono sottoposte le Arid, Semi-arid e Sub-humid Zones. 1.2 Desertificazione e fattori di degrado del suolo La ricerca di una definizione di Arid Zones porta con sé il dibattito sull aumento della Desertificazione e del Degrado del suolo. Indagando sulle cause dell aggravarsi di questi fenomeni è difficile valutare la quota di responsabilità diretta dell uomo nello sfruttamento delle risorse del territorio e il ruolo del cambiamento climatico in questo processo. Dunque, nella definizione indicata nel Capitolo 12 dell Agenda 21 obiettivi per il 21simo secolo approvato dalla United Nations Conference on Environment and Development la Desertificazione è descritta come il degrado del suolo nelle zone aride, semiaride e secche-subumide, risultante da vari fattori che includono le variazioni climatiche e l attività umana [2]. Combattere il cambiamento climatico e quindi la desertificazione geologica è un obiettivo molto complesso. E stato infatti osservato che in alcuni casi il processo di desertificazione avviene anche in assenza di presenza umana, esiste dunque una sorta di desertificazione geologica. È invece possibile definire strategie e buone pratiche che permettano all uomo di affrontare questi cambiamenti, cercando di non alimentare il degrado in corso e di contrastarlo [3]. Sono state infatti definite le attività umane che contribuiscono ad esporre il suolo al rischio di Desertificazione e che possono essere controllate per ridurre il rischio. Tra queste, la coltivazione di suolo esposto ad erosione o acqua è una delle cause individuate, altre sono la riduzione del periodo di riposo del suolo e la mancanza di minerali fertilizzanti, lo sfruttamento eccessivo del suolo, l uso incontrollato del fuoco, ecc. [4] Per questo motivo le ricerche orientate ad individuare politiche e tecniche di Sfruttamento sostenibile del suolo - Sustainable Land Management, SLM - e Rigenerazione del Suolo - Soil Regeneration stanno acquistando progressivamente importanza come strategie per combattere la Desertificazione Tecniche di ri-forestazione per ridurre il rischio di desertificazione. The Great Green Wall Un grande intervento ideato per combattere il processo di desertificazione che avanza a Sud nel Sahara e nel Sahel, minacciando alcune nazioni africane è il Desert Green Wall. Il progetto prevede, nella sua prima definizione, la realizzazione di un cintura verde di alberi, spessa 15 Km, che percorre per 7100 Km il continente africano da Ovest ad Est, da Dakar a Djibouti. L idea, inizialmente teorizzata negli anni 50, fu riproposta nel 2002 durante la conferenza organizzata in Chad in occasione del World Day to Cambat Desertification and Drought e approvata nel 2005 dai Membri della comunità degli stati del Sahel e Sahara. Nel 2007 ad Addis Abeba l African Heads of States and Government completarono il programma arrivando ad includere, oltre alla piantumazione di varie essenze arboree, anche altri interventi sinergici di diversa natura che coinvolgevano anche

7 aspetti sociali ed economici, politiche di sviluppo e proprietari terrieri delle nazioni interessate, con l obiettivo di combattere efficacemente l avanzamento del deserto. Attualmente la Pan Agency of the Great Green Wall (GGWA) è formata da undici nazioni: Burkina Faso, Djibouti, Eritrea, Ethiopia, Mali, Mauritania, Niger, Nigeria, Senegal, Sudan, Chad. Il primo passo fu fatto nel 2012 dalla African Ministerial Conference on Environment, ma in alcune regioni del Niger la sperimentazione iniziò già a metà degli anni Ottanta ed è stata portata avanti insieme ad altre politiche per il miglioramento globale dell ambiente e dello stile di vita degli abitanti. Sono visibili quindi alcuni sensibili miglioramenti e, insieme ad essi, l aggiunta di coltivazioni agricole nelle aree ombrose create dagli alberi del Green Wall [5]. Le essenze arboree selezionate per l intervento sono endemiche delle aree geografiche in questione, le più importanti sono Balanites aegyptiaca, Acacia senegal, Tamarindus indica Valorizzazione delle foreste di Acacia per la rigenerazione del suolo. Acacia Operation Project Il progetto Acacia Senegal è stato intrapreso tra il 2003 e il 2010 presso alcune nazioni africane finanziato dalla società di Cooperazione del Governo Italiano e assistito dalla FAO nella sua realizzazione. L intervento riguarda alcune nazioni produttrici di gomma arabica (Chad, Kenya, Niger, Senegal e Sudan) che sono state seriamente colpite da siccità e dal processo di desertificazione. Obiettivo del progetto è stato il supporto allo sviluppo ed alla gestione delle foreste di Acacia senegal, per ottenere benefici in termini di sussistenza presso le comunità locali, garantendo la sicurezza alimentare, la riduzione della povertà e il controllo del degrado del suolo. L acacia Senegal appartiene al genere dell Acacia ed è molto diffuse nelle zone aride e semi-aride del continente africano. La pianta, sfruttata per la produzione di gomma arabica, permette di proteggere i raccolti dall erosione dell acqua piovana e del vento, mitigando le condizioni climatiche estreme e soprattutto ristabilendo la fertilità del suolo. Le peculiarità di questa pianta permettono dunque di migliorare le condizioni del suolo per le coltivazioni di sussistenza. Tali condizioni sono state ulteriormente migliorate con l introduzione dell Aratro Vallerani, una tecnologia meccanizzata che permette di creare microbacini e collettori d acqua piovana, scavati nei suoli degradati. [6] 1.3. Ambienti ed ecosistemi iconici. Poiché le Arid Zones includono aree climatiche diverse è difficile selezionare una tipologia di ambiente che da sola possa rappresentare la varietà di paesaggi presenti al loro interno. Tuttavia sono note a tutti alcune tipologie di ecosistemi ambientali tradizionalmente associate alle Arid Zones.. Le oasi, sono ecosistemi particolari, verdi e rigogliosi sono presenti nelle Hyper- Arid Zones, quindi nel deserto. Un fattore caratteristico delle oasi è il forte, e apparentemente inspiegabile, contrasto tra la

8 rigogliosità della vegetazione e l ambiente desertico che circonda l area nelle immediate vicinanze. Le oasi presentano caratteristiche e tipologie diverse, ma la loro presenza è dovuta all esistenza di sorgenti che permettono la crescita di diverse specie di vegetazione, tra le quali compare in maniera evidente la palma da dattero. Altre piante presenti in questi ambienti sono il fico, l albicocco e l olivo. La vegetazione delle oasi spesso è caratterizzata da un denso sfruttamento del suolo a diversi livelli; spesso alcune piante ad alto fusto permettono la crescita di altre specie arboree, come il pesco, nei loro coni d ombra, e, all ombra di questo secondo livello sono possibili alcuni tipi di coltivazione orticole. Nelle oasi sono presenti anche coltivazioni di grano, orzo e miglio. Si formano così diversi livelli di coltivazione che funzionano in maniera sinergica. Trovandosi all interno di aree desertiche le oasi sono tappe necessarie per l approvvigionamento di acqua e cibo e scandiscono le principali vie di comunicazione che attraversano le Hyper-Arid Zones. La stessa necessità spinge anche le specie di animali migratorie, oltre agli esseri umani, ad inserire le oasi nei loro lunghi viaggi. Infine le oasi ricoprono un importanza strategica dal punto di vista politico e persino militare e per le nazioni in cui si trovano. Come per le Hyper Arid Zones anche nelle Semi-Arid Zones è interessante il contrasto tra ambiente coltivato e condizione desertica; in questo caso però si tratta di un alternanza temporale tra periodi di siccità e periodi piovosi, ambiente coltivato e condizione di aridità che si alternano ciclicamente nel tempo rendendo irriconoscibili i paesaggi. Le Semi-Arid Zones sono infatti caratterizzate da una ciclicità tra periodi di siccità e piogge stagionali. Anche in queste aree la pastorizia è l attività produttiva prevalente ma, poichè sono presenti anche temporanei ristagni d acqua è possibile un tipo di produzione orticola e anche la coltivazione di alcuni cereali come il miglio. Questo tipo di coltivazione è direttamente legata alla capacità tecniche di sfruttamento dell acqua piovana da parte delle popolazioni di queste zone; sistemi tradizionali per sfruttare l acqua piovana, oppure per ridurre l evaporazione Qualità sensoriali immersive delle Hyper-arid Zones Gli ambienti sopra descritti presentano gli scenari tradizionalmente associati alle Arid Zones caratterizzate da temperature molto calde. Nella realtà anche all interno di questa categoria troviamo ambienti molto diversi e questa varietà aumenta quando si considerano anche le Arid Zones caratterizzate da climi continentali, spesso molto freddi. Un aspetto interessante delle Arid Zones è dato dalla presenza di superfici molto estese nelle quali è presente un omogeneità e ridondanza degli elementi che formano il territorio, il suolo in particolare, in assenza di manufatti e vegetazione. Emergono così, amplificate, le qualità primarie relative al tipo di conformazione del suolo, il riverbero della luce, l odore della terra, il clima, il rumore del vento. Queste qualità ambientali determinano una sorta di assorbimento e coinvolgimento dell uomo in una dimensione immersiva, dove tutti i recettori sensoriali sono profondamente attivi e spesso ingannati o deviati. Le zone aride possono avere conformazioni e colori molto diversi tra loro. Gli abitanti sono in grado di riconoscere le aree desertiche attraverso toni cromatici e caratteristiche che solo loro hanno la capacità di discernere. I toni polverosi degli

9 elementi naturali sono spesso bilanciati nel contrasto con le tinte decise dei manufatti, dei tessuti e anche delle spezie e di alcuni alimenti. In questo senso i colori presenti nei mercati sono una tavolozza sintetica di queste tinte. 1.4 Luoghi e riti della comunità Gli elementi caratteristici delle Arid Zones, nel loro complesso, sono maggiormente rintracciabili in alcuni aspetti della cultura materiale e in alcuni rituali familiari e domestici delle popolazioni che abitano questi luoghi. Il focolare domestico, l abitazione o la tenda, l interno, ma anche lo spazio esterno, sono gli ambiti nei quali si riunisce il grande nucleo familiare. Attorno a questi poli lo spazio è vivificato e contrassegnato dalla presenza degli animali che partecipano alle attività della comunità. Questo spazio protetto, dell accoglienza e del riparo, è anche l elemento fondamentale ed unificante delle aree nelle quali la vita si sviluppa in condizioni estreme, aree spesso sottoposte a condizioni di stress idrico e alimentare. La cultura materiale, i colori, i profumi sono forse più evidenti in occasione delle feste e delle celebrazioni familiari, i matrimoni, i rituali funebri, i rituali di ringraziamento, quelli legati ai raccolti o ai cicli stagionali. Gli elementi e le caratteristiche comuni alle Arid Zones probabilmente si ritrovano in questo contesto di analisi. Questi fattori distintivi sono certamente legati alla vita rurale e, tendono a perdere forza progressivamente con la tendenza alla concentrazione della popolazione nei nuclei urbani ed alla conseguente globalizzazione degli usi e del consumo Il ruolo protagonista della donna nelle vita quotidiana Nei paesi e nelle aree agricole caratterizzate da scarsità d acqua, la donna è coinvolta nelle principali attività legate all agricoltura ed alla lavorazione delle materie prime alimentari per la preparazione del cibo, oltre alla cura della famiglia e della casa. Pur non essendo, nella maggior parte dei casi, proprietaria dei terreni, la donna produce, lavora e commercializza i prodotti della terra. In ambito familiare la donna è responsabile della lavorazione dei prodotti agricoli, della macinatura dei cereali, della cottura degli stessi e quindi della preparazione e conservazione, quando possibile, del cibo. La donna è dunque la principale protagonista della vita nelle Arid Zones. Il problema della conservazione del cibo, dovuto alla scarsità di risorse economiche ed energetiche, costituisce forse uno dei principali problemi nell organizzazione della vita quotidiana perché genera la necessità di effettuare quotidianamente le operazioni di lavorazione, cottura e preparazione degli alimenti, che, se aggiunti al l approvvigionamento di acqua potabile e di legna da ardere, occupa gran parte della giornata femminile.

10 Interessanti ed efficaci sperimentazioni sono state effettuate in diversi ambiti geografici dove le donne hanno avuto accesso alla proprietà terriera ed ai processi decisionali relativi alla gestione delle terre. Le donne, infatti, sono forse i principali soggetti interessati dal degrado ambientale proprio perché vivono le conseguenze di questo fenomeno all interno di ogni azione quotidiana di loro pertinenza, dal percorso necessario per l approvvigionamento dell acqua alla ricerca di biomassa per poter cuocere gli alimenti [7] La donna e la lotta contro la desertificazione. Il progetto di Keita. Un modello interessante di lotta alla desertificazione che prevede la figura femminile come protagonista è costituito dal Progetto di Sviluppo Rurale integrato a Keita [8], intrapreso nel 1984 dalla Cooperazioone Italiana allo Sviluppo, in seguito ad una siccità che ha afflitto la regione di Tahoua nella Repubblica del Niger. Il programma, terminato nel 2006, era basato sulla suddivisione del territorio in aree elementari. In ogni Unità furono effettuati interventi ad alto contenuto tecnico volti al recupero delle terre abbandonate, alla riforestazione, creazione di frangivento e di ritenute collinari, inoltre gestione delle acqua sotterranee. In parallelo sono state avviate operazioni a livello sociale ed economico con la costruzione di infrastrutture e assistenza per la gestione finanziaria. Attraverso il microcredito in favore di gruppi femminili sono state promosse alcune attività generatrici di reddito. Il programma è stato in seguito esteso ad altri distretti limitrofi. Oggi l area è oggetto di studio da parte di alcuni laboratorio di ricerca a livello internazionale.

11 Osservazioni per EXPO 2015_Cluster Arid Zones Prima sezione: Quali Arid Zones? Obiettivo di questa sezione è introdurre il tema delle Arid Zones e illustrare al visitatore quali sono le peculiarità di queste aree, le problematiche ad essere correlate e le risorse. Quindi accanto ad un tipo di comunicazione a fruizione veloce, che veicoli dati e definizioni, potrebbero essere previste installazioni ambientali. Il coinvolgimento sensoriale è il principale obiettivo dell allestimento degli spazi comuni del cluster. Il paesaggio omogeneo, coperto dall installazione di tubi sospesi costituisce quindi un buon fondale per eventuali progetti che favoriscano esperienze sensoriali legate alle zone aride, evocandone, luci, colori, suoni, calore e anche odori. Queste zone di esperienza possono essere concentrate in alcune aree, come oasi nello spazio del cluster. L aspetto sensoriale legato alla vita comunitaria e all accoglienza delle popolazioni che abitano le Arid Zones può essere evocato attraverso rimandi al cibo, al piatto delle Arid Zones (cfr. il piatto sano) presente soprattutto nelle feste e nelle celebrazioni comunitarie. Oltre alla presenza eventuale di cibi ed alimenti tipici, tali scenari possono essere illustrati attraverso fotografie. Potrebbero essere reperite fotografie delle feste di matrimonio o, in alternativa scatti fotografici che riprendano tematiche simili a quelle indagate negli scatti di Peter Menzel. Si vedano a questo proposito i libri: MENZEL, P. (1994) Material World. A global family portait MENZEL, P. (2006) Hungry Planet. What the world eats Infine si segnalano i profili scientifici quali esperti coinvolti nella stesura della presente sezione: - Prof. Giuseppe Enne. Coordinatore del Nucleo Ricerca Desertificazione (NRD UNISS) Nucleo di ricerca Interdipartimentale presso l Università di Sassari che promuove la ricerca multidisciplinare e gli studi sulla desertificazione e il degrado ambientale (in particolare nel Mediterraneo) - Prof. Gianfranco Greppi Delegato Pettorale EXPO Dipartimento di Scienze Agricole CNBS (Centro di Nano Biotecnologie Sardegna) - Laboratorio di bionanotecnologie - Società Italiana Progresso zotecnia Si segnala anche che nel 2015 sarà effettuata la terza conferenza della UNCCD (United Nation Convention to combat on Desertification in Countries). Non è stato ancora definito il luogo ma sarà opportuno creare riferimento a questa istituzione all interno del cluster. Note: 1.http://www.cigrjournal.org/index.php/Ejounral/article/viewFile/1291/1243 Transpiration is the water transpired or "lost" to the atmosphere from small openings on the leaf surfaces, called stomata. Evaporation is the water evaporated or "lost" from the wet soil and plant surface.

12 2. FAO, Corporate Document Repository, Sustainable Deevelopment of drylands and Combating Desertification, 1993, Forestery Office, Toulmin, UNCCD - United Nation Convention to combat on Desertification in Countriesla 2 Conferenza è stata organizzata a Nairobi nell Ottobre del http://www.fao.org/docrep/V0265E/V0265E01.htm#How%20to%20define%20desertifi cation 5. The Great Green Wall. Un video che illustra il progetto si trova in: Video 6. Acacia Operation Project. Una testimonianza di questo progetto è il video: Support to food security, poverty alleviation and soil degradation control in the gums and resins producer countries 7. Messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite in occasione della Giornata Mondiale per combattere la Desertificazione e la Siccità 17 giugno Kofi Annan Comunicato stampa RUNIC/IT/276/05 8. Il progetto Keita: dove l uomo ha fermato il deserto in Fotografie:

13 Seconda sezione: L ACQUA per l IDRATAZIONE, la SANITA e il CIBO 2. Acqua, risorsa preziosa per la vita del pianeta 2.1 Acqua, Sanità e Igiene. Il ruolo dell acqua negli obiettivi MDGs del Millennium 2.2 L importanza dell accessibilità alle risorse idriche Design per il trasporto dell acqua 2.3 L acqua è cibo Pratiche colturali tradizionali e risorse microbiche. Bio Desert Pratiche di allevamento ittico intensivo nel deserto. Desert Fish Farming 2.4 Il Nesso tra Acqua ed Energia per la produzione di cibo. Osservazioni per EXPO 2015_Cluster Arid Zones Seconda sezione: L ACQUA per l IDRATAZIONE, la SANITA e il CIBO Gadinga Villane, Niger hansonphoto.me (Tearfund westafrica appeal)

14 L ACQUA per l IDRATAZIONE, la SANITA e il CIBO 2. Acqua, risorsa preziosa per la vita del pianeta La scarsità d acqua è il requisito principale che permette di inserire aree geografiche molto diverse tra loro all interno dello stesso cluster tematico definito Arid Zones. Le conseguenze di tale mancanza emergono con grande chiarezza sul territorio e sugli abitanti di queste aree. L acqua infatti è un bene primario, una risorsa preziosa per la vita. Il corpo umano può sopravvivere molti giorni in assenza di cibo, ma ha risorse di vita molto ridotte senza acqua. La quantità d acqua necessaria per la sopravvivenza è variabile a seconda della temperatura e dall intensità del vento, quindi aumenta parallelamente all aumento dell evapotraspirazione. Comunque, il fabbisogno minimo biologico per persona può essere considerato tra i 2 e i 4 lt al giorno. Invece una quantità compresa tra i 20 e i 50 lt al giorno è stata indicata come fabbisogno minimo giornaliero per garantire condizioni di vita accettabili per ogni essere umano, quindi per assicurare la soddisfazione dei bisogni primari legati all alimentazione e alle condizioni igienico sanitarie [1]. I dati diffusi dalle istituzioni permettono di osservare che il consumo medio giornaliero di acqua potabile pro capite varia molto e non solo in rapporto alle condizioni climatiche o alla ricchezza dei paesi, ma anche come conseguenza di usi ed abitudini della popolazione: in Italia si consumano circa è 200 litri per persona, in America 425 lt e nel Madagascar 10 lt [2]. Soprattutto nelle Arid Zones è presente un altro tipo di disomogeneità, quella esistente tra la popolazione cittadina, che può usufruire di impianti di distribuzione idrica, e la popolazione rurale. L acqua infatti, oltre ad avere ruolo essenziale nell idratazione del corpo umano, rappresenta un elemento importante anche in ambito sanitario e igienico. Nella letteratura internazionale del settore, Acqua, Sanità e Igiene, si presentano spesso come tematiche strettamente collegate; per questo motivo è stato coniato un acronimo WASH - che indica l insieme di Water, Sanitation e Hygiene. 2.1 Acqua, Sanità e Igiene. Il ruolo dell acqua negli obiettivi MDGs del Millennium I grandi temi Acqua, Sanità e Igiene sono sempre presenti in maniera diretta o indiretta tra gli otto obiettivi di sviluppo sostenibile definiti per il millennio, i Millennium Development Goals MDGs - delle United Nations, dichiarati nel 2000 in occasione del Millenium Summit of the United Nations. L acqua quindi costituisce un importante fattore che influisce complessivamente su tutti gli obiettivi. La combinazione di acqua potabile e condizioni igieniche sicure è infatti una pre-condizione per il successo nella lotta alla povertà ed alla fame (Obiettivo 1); la possibilità di reperire in maniera sostenibile acqua sicura permette ai bambini di avere le condizioni fisiche soddisfacenti e il tempo necessario da dedicare all educazione primaria (Obiettivo 2); l approvvigionamento idrico permette alla donna di poter svolgere in maniera sostenibile tutte le mansioni relative alla gestione della casa e della famiglia, creando le presupposti

15 per il miglioramento della sua condizione (Obiettivo 3). L acqua svolge un ruolo fondamentale nella lotta alla mortalità infantile (Obiettivo 4) ed alla salute della madre (Obiettivo 5). Nelle Arid Zones l acqua permette di migliorare le condizioni di salute della popolazione e ridurre il rischio di contrarre malattie (Obiettivo 6). L acqua svolge invece un ruolo diretto all interno dell obiettivo legato alla sostenibilità ambientale e all impatto delle attività umane (Obiettivo 7). Infine, l ultimo obiettivo prevede la necessità di sviluppare sistemi di partenariato mondiale per lo sviluppo (Obiettivo 8), [3] In particolare all interno del 7 Obiettivo, intitolato Ensure environmental sustainibility, è presente un traguardo denominato 7c nel quale si stabilisce che entro il 2015 che ottenga il dimezzamento della popolazione che non ha accesso a fonti sostenibili di acqua potabile ed ai servizi di igiene di base. La terminologia usata in queste definizioni è, come sempre, densa di significati. Il traguardo 7c in particolare è presentato attraverso i seguenti termini e tematiche. La problematica della acqua potabile - safe drinking water - è associata a quella dell accesso sostenibile - sustainable access - all acqua potabile. In questo ambito il termine sostenibile è importante perché porta con sé una indicazione quantitativa, indica cioè che la distanza tra luogo di prelievo e luogo in cui viene impiegata l acqua debba essere inferiore a 1 Km; inoltre la quantità d acqua garantita per ogni abitazione dovrà essere di almeno 20 litri. Anche il tema della sanità di base - basic sanitation - richiede una definizione specifica. L obiettivo prevede l ottenimento di un ambiente sano e pulito in casa e nel quartiere. Ad esso sono accompagnati i requisiti di igiene e privacy nei servizi igienici, che devono garantire sistemi per evitare il contatto tra l uomo e gli escrementi. Questo requisito è considerato un importante standard minimo d igiene. Il contatto tra uomo e acque ed ambienti o ambienti contaminati costituisce una pericolosa esposizione al rischio di contrarre malattie. I report che illustrano i traguardi intermedi raggiunti in relazione agli obiettivi MDGs, sono molto utili per comprendere le tendenze in atto e le disomogeneità sulle quali è necessario intervenire con strategie nuove. Per esempio il report del 2013 avverte che: > per quanto riguarda l accesso all acqua potabile, è stato rilevato che 768 milioni di persone attualmente utilizzano fonti di acqua non sicure e, di questi, 185 milioni usano acqua recuperata in superficie (laghi, fiumi, pozzi non protetti, dighe) per il loro bisogno quotidiano, quindi per bere, cucinare e per l igiene personale. La mancanza di accesso a fonti di acqua potabile sicure - improved sources of drinking water - costituisce un importante fattore di rischio per la salute delle popolazioni dei paesi in via di sviluppo. > Per quanto riguarda invece l accesso a condizioni sanitarie di base, un fattore positivo riguarda l accessibilità ai servizi igienici, guadagnata da 1.9 miliardi di persone tra il 1990 al Ciò significa che due terzi della popolazione mondiale (64%) usufruiscono di servizi igienici efficaci di vario tipo. Il dato è dovuto in gran parte ai grandi progressi delle regioni dell Est Asiatico, ma rappresenta un importante successo nel

16 raggiungimento e superamento di uno degli obiettivi parziali prefigurati negli MDGs. [4] Al contrario, 2.4 miliardi di persone (un terzo della popolazione mondiale) non usano servizi igienici appropriati improved sanitation facilities - di questi il 15% della popolazione mondiale, circa 1 miliardo di unità, nel 2011 non usa servizi igienici. Il report del 2013 conferma che il processo di avvicinamento a questi obiettivi sta avvenendo in maniera molto disomogenea e che, per il raggiungimento di alcuni obiettivi, non sempre sono state intraprese azioni efficaci per avviare i processi. Per esempio il traguardo che prevede il dimezzamento, entro il 2015, della popolazione che non ha accesso sostenibile ad acqua potabile ed a condizioni igieniche di base, non sarà raggiunto per l 8% della popolazione mondiale prevista, circa un miliardo di persone. Nel 2013 sono state quindi definite dalle Nazioni Unite ulteriori indicazioni per accelerare tali processi - Acceleration Framework -. Per migliorare i criteri di valutazione degli eventuali progressi o delle criticità nell avvicinamento agli obiettivi stabiliti, sono stati proposti alcuni criteri di interpretazione per esempio, nel caso della sanità, è stata introdotta una scala di valutazione che muove dalla defecazione all aperto e sale fino all uso di servizi igienici. Mentre, per il rifornimento di acqua potabile, si passa dall approvvigionamento idrico di base, che prevede la possibilità di accedere a fonti di acqua potabile sicure ad una distanza minore o uguale a 30 minuti a piedi, fino alla possibilità di avere l acqua in casa condividendo il servizio con un massimo di 5 persone. 2.2 L importanza dell Accessibilità alle risorse idriche Oltre il 40 per cento della popolazione che non usufruisce di un accesso sostenibile a fonti di acqua potabile vive nelle aree dell Africa Sub-sahariana, e un quarto della popolazione delle nazioni dell Africa Sub-sahariana impiega più di 30 minuti per raggiungere fonti di acqua potabile. Quando il tempo impiegato supera i 30 minuti di viaggio, l approvvigionamento non è considerato efficace. Nelle aree rurali delle Arid Zones le donne e talvolta i bambini raggiungono le fonti di acqua potabile, affrontando lunghi e pericolosi viaggi, spesso si effettuano più viaggi al giorno. Sono state elaborate varie ricerche in questo campo, per valutare le distanze percorse dalle donne e la perdita di tempo per raggiungere le sorgenti di acqua potabile, i pesi trasportati e gli effetti sulla postura, con le conseguenti patologie legate a questo tipo di attività. Inoltre il tempo dedicato all approvvigionamento idrico generalmente allontana i bambini dalla possibilità di avere un educazione scolastica e sottrae tempo prezioso alle attività femminili, alla formazione o al lavoro retribuito. [5] Molti sono gli interventi organizzati per la formazione di pozzi, di centri per la purificazione e la distribuzione dell acqua; alcuni di essi prevedono la purificazione dell acqua mediante l applicazione di impianti fotovoltaici per ai serbatoi.

17 2.2.1 Design per trasporto dell acqua Interessanti sono gli alcuni esempi di progetto emersi dall analisi delle problematiche correlate al trasporto individuale dell acqua nelle lunghe distanze. Generalmente l acqua viene trasportata in taniche di plastica o per mezzo di recipienti appoggiati sulla testa. Sono stati quindi analizzati diversi sistemi individuali di trasporto. Un progetto è stato sperimentato basandosi sulle necessità osservate in alcune aree del Sud Africa.. Il Q- Drum costituisce un esempio di prodotto finalizzato a rendere meno faticosa l attività di trasporto dell acqua. Q-drum è una tanica di forma cilindrica, con un vuoto al centro, nel suo complesso è simile una ruota, e permette di utilizzare una corda o un supporto per trascinare il peso, senza creare attrito tra tanica e suolo. Q-Drum può contenere 50 lt di acqua ed è stata progettata da Piet Hendrikse. Oltre alla tanica a forma cilindrica che rotola come una ruota è stata sperimentata anche la tanica flessibile, una sorta di sacca che può essere trasportata in spalla come uno zaino distribuendo il peso in maniera più efficace e con un impatto diverso sulla spina dorsale. [6] 2.3 L acqua è cibo Durante la Conferenza di Rio del Rio+20 - è emersa l importanza dell acqua come elemento necessario per la vita umana e, più in generale, per qualsiasi forma di vita sul pianeta. Si prevede che la popolazione mondiale aumenterà di circa 2 miliardi di unità entro il 2050, raggiungendo i 9 miliardi; è facile, dunque, immaginare che si manifesteranno situazioni di scarsità di risorse naturali, tra le quali l acqua costituirà la principale emergenza [7]. Inoltre, in occasione della Giornata Mondiale dedicata all Acqua, organizzata a Stoccolma nel 2012, la FAO ha divulgato lo slogan Il mondo ha sete perchè ha fame. Questa frase introduce in maniera chiara l altra tipologia di impiego dell acqua; oltre all acqua per bere e all acqua per uso sanitario e domestico, l acqua sarà necessaria per produrre il cibo, quindi per la sua produzione, trasformazione e distribuzione [8]. Tale legame nasce dal concetto più ampio di acqua virtuale definito nel 1998 da Tony Allan (insegnante al King s College di Londra e Water Prize a Stoccolma nel 2008). Tale binomio è finalizzato ad esprimere il volume di acqua dolce consumata per produrre un determinato prodotto (bene o servizo) sommando tutte le fasi della sua catena di produzione. Nell ambito di ricerca che riguarda le Arid Zones, è molto rilevante il legame tra consumo idrico e sicurezza alimentare, già citato a proposito dei MDGs, nell ambito dell obiettivo n.1 che prevede di Sradicare la povertà estrema e la fame - MDG1 Eradicate estreme poverty and hunger il traguardo 1c introduce il concetto di sicurezza alimentare, da considerarsi raggiunta quando tutti i popoli, in qualsiasi momento, hanno accesso a cibo sufficientemente sano e nutriente per mantenere una vita sana e attiva [9]. Nelle aree caratterizzate dalla scarsità d acqua, questa altra tipologia d uso delle risorse

18 idriche entra fortemente in competizione con gli altri due impieghi necessari alla vita umana, quindi con l idratazione e la sanità. E stato calcolato per esempio, che l agricoltura utilizza gran parte della risorsa idrica mondiale. Emergono problematiche relative alla efficienza ed equità nella distribuzione delle risorse. E stato quindi definito il Programma delle Nazioni Unite per la Valutazione delle Risorse Idriche Mondiali - UN World Water Assestment Programme - con l obiettivo di raccogliere, fornire indicazioni, dati e capacità per operare in modo partecipato ed efficace nelle politiche di sviluppo idrico. Oltre alla valutazione della quantità di acqua consumata per produrre cibo è importante valutare la sostenibilità delle fonti della risorsa idrica. Quindi oltre a considerare che le filiere alimentari consumano circa il 90% dell acqua utilizzata dalla società (Hoekstra et al. 2012), è importante comprendere a quale tipo di acqua ci si riferisce. Sono state definite due tipologie di acqua: l acqua blu e l acqua verde (Malin Falkenmark, 1989). L acqua blu è quella che si trova in superficie o nelle falde sotterranee, facilmente accessibile e trasportabile e misurabile, può essere sfruttata in modo sostenibile o, al contrario, non sostenibile, se supera il livello di ricarica naturale. L acqua verde, invece è l acqua piovana o dalla neve che arriva a terra, che non diventa acqua blu perché evapora o viene utilizzata direttamente dalle piante nella traspirazione. L acqua virtuale associabile ad un prodotto agricolo è data quindi dalla somma dei volumi di acqua verde e di acqua blu (alle quali è necessario aggiungere l acqua grigia, necessaria per diluire eventuali agenti inquinanti). Quindi la sostenibilità idrica di un bene dipenderà anche dal tipo di acqua utilizzata e da questo dipenderà anche il suo impatto sull ambiente. Per rappresentare l importanza del consumo di acqua nella produzione del cibo, sono significativi alcuni esempi [10]: - una tazza di caffè richiede 35 litri di acqua - un bicchiere di succo d arancia (200 ml) richiede circa 170 litri di acqua - un pacco di pasta (500 gr) richiede circa 780 litri di acqua - una bistecca di manzo (300 gr) richiede circa 4650 litri Queste osservazioni portano a concludere che ai prodotti alimentari di tipo animale è associato un contenuto di acqua virtuale maggiore rispetto ai prodotti vegetali (Chatterton et al. 2010). Per approfondire l utilità di queste tematiche è necessario introdurre anche il concetto di impronta idrica come indicatore di uso dell acqua nei beni di consumo, prendendo in considerazione sia l uso diretto che quello indiretto. Si può calcolare anche l impronta idrica di un individuo o di un azienda come il volume totale di acqua dolce necessario per produrre beni o servizi consumati dall individuo. Questo parametro prende in considerazione anche la posizione geografica del consumatore. E possibile quindi sapere che l impronta idrica dell Italia è di litri al giorno, un valore 1,65 volte maggiore

19 rispetto alla media globale [11] A questo proposito è interessante osservare che è stata calcolata anche la quantità d acqua per produrre una pizza Il Report Dell Unesco, Institute of Water Education riporta, in questo caso un consumo di 1216 litri [12]. Questo particolare punto di vista nella valutazione dei consumi di acqua comporta una profonda valutazione delle scelte di un individuo in ogni ambito della sua vita e soprattutto in quello alimentare. Infatti, sono stati fatti importanti sforzi nelle tecniche di comunicazione di questi contenuti, con l obiettivo di trasmettere alla popolazione tali significati, che appartengono ad uno specifico ambito di conoscenza scientifico, e promuovere un comportamento consapevole. L infografica, ha permesso di visualizzare le quantità di acqua a cui ci si riferisce e di avvicinare i significati esposti alla vita di tutti i giorni. [13] La consapevolezza della quantità di acqua consumata in un ciclo produttivo finalizzato alla produzione di cibo diventa particolarmente importante nella valutazione di qualsiasi progetto produttivo intrapreso nelle Arid Zones, caratterizzate dalla scarsità di risorse idriche Pratiche colturali tradizionali e risorse microbiche. Bio Desert Il Progetto di ricerca durato tre anni, tra il 2010 e il 2012, denominato Biodesert, è stato sviluppato da un team internazionale di ricercatori Università di Tunisi El Manar, Università del Cairo Ain Shams e coordinato dell Università degli Studi di Milano. [14]Obiettivo della ricerca è lo studio della risorsa microbica per promuovere la resistenza delle piante alla siccità, sviluppare un management delle risorse microbiche negli ambienti aridi per lo sviluppo di un agricoltura sostenibile e sicura. Sono stati dunque identificati microrganismi in grado di promuovere la crescita vegetale di alcune piante in condizioni di stress idrico, migliorandone lo stato nutrizionale con l acquisizione di micro e macro-nutrienti e proteggendole dall attacco di agenti patogeni. Tali batteri vivono in associazione con numerose specie vegetali (per esempio la palma da dattero, olivo, vite, peperone, pomodoro) colonizzandone la rizosfosfera, ossia la porzione di suolo a diretto contatto con le radici e l endosfera, costituita da tessuti vegetali. Lo studio ha evidenziato anche come il desert farming dei contadini egiziani, basato sulle pratiche colturali tradizionali e sull uso visrtuoso delle risorse idriche, arricchisce il suolo di batteri probiotici per le piante in condizioni di stress idrico. Molte Nazioni del Sud Europa hanno manifestato problemi comparabili con quelli delle zone sub-sahariane e Sahariane del Nord Africa e, in questo caso la Tunisia, come campo di ricerca costituisce un interessante ponte geografico e una nazione attiva nella ricerca per combattere questo tipo di problemi.

20 2.3.2 Pratiche di allevamento ittico intensivo nel deserto. Desert Fish Farming Analizzando il consumo di acqua dolce per produrre un bene alimentare, diventano particolarmente virtuose le esperienze produttive che prevedono l uso dell acqua in due cicli produttivi integrati; nel caso del Desert Fish Farming i serbatoi d acqua destinata all irrigazione spesso diventano bacini utili per l allevamento ittico. La produzione delle attività integrate tra acqua e agricoltura nel deserto e nelle zone aride dell Egitto proviene da stagni di terra (84%), dalle gabbie e dai serbatoi di cemento. Attualmente in Egitto esistono 100 fattorie rurali per l allevamento della tilapia e 20 allevamenti ittici pionieri che utilizzano l acqua sotterranea del deserto egiziano, fonte importante per l irrigazione e la produzione animale, scarichi di acqua salmastra provenienti dai processi di desalinizzazione e l acqua freatica. Caratteristiche preferibili per le specie ittiche adatte al Desert Bio Farming sono il basso costo di alimentazione, la facile propagazione, la resistenza alle malattie, la tolleranza alle avverse condizioni climatche, la rapida crescita e l alto tasso di sopravvivenza. La Tilapia in particolare può vivere in condizioni di acqua con diversi indici di salinità. L acquacultura integrata con l agricoltura ha iniziato a diffondersii in Egitto a partire dal 2000 con l allevamento dei pesci nei serbatoi di cemento per l acqua di irrigazione dei campi. Le acque arricchite di materiale organico costituito dagli escrementi del pesce hanno un utile capacità fertilizzante per le coltivazioni e nello stesso tempo l acqua può essere utilizzata per dissetare pecore e capre; in questo modo può servire tre diversi usi contemporaneamente. L acquacultura in Egitto è dunque un importante attività per la produzione di alimenti dove le opportunità per l agricoltura sono limitate. [15] 2.4 Il Nesso tra Acqua ed Energia per la produzione di Cibo. Le considerazioni precedentemente riportare mettono in evidenza come sia importante la relazione tra il consumo di acqua e la produzione di cibo e come questi due fattori possano produrre importanti conseguenze in termini di impatto sul pianeta. La Conferenza di Bonn, nel 2011, ha divulgato proprio l importanza della relazione tra i sistemi legati a cibo, all acqua ed all energia, facendo osservare l utilità di conoscere come e dove i tre sistemi si intersecan,o con l obiettivo di prevedere in che modo gli interventi che agiscono in un sistema dei tre possono avere ricadute sugli altri due, creando rapporti di competizione o al contrario sinergie e compensazioni [16]. L accesso all energia può dunque ridurre il divario nello sviluppo delle diverse aree geografiche del pianeta. Per esempio la povertà in termini di possibilità di accesso all uso di energia significa conseguenze sulle attività nella vita di tutti i giorni, quali cucinare, illuminare, riscaldare, trasportare. Avere accesso all energia significa dunque avere la possibilità di migliorare le proprie condizioni di vita. Come l accesso all acqua, anche l accesso all energia permette di intervenire in maniera trasversale all interno di gran parte degli Obiettivi del Millennio per lo sviluppo - MDGs.

Desertificazione: situazione attuale nelle maggiori aree del globo

Desertificazione: situazione attuale nelle maggiori aree del globo Desertificazione: situazione attuale nelle maggiori aree del globo Situazione mondiale Cause antropiche di degrado del suolo Estensione (milioni di ha) % sul totale Deforestazione Allevamento intensivo

Dettagli

Conservare l ambiente per

Conservare l ambiente per Conservare l ambiente per difendere la salute Soroptimist Club Monza 18 febbraio 2015 Claudia Sorlini Già prof. Ordinario di Microbiologia Agraria Università di Milano Presidente Comitato Scientifico per

Dettagli

La Giornata Mondiale dell Acqua

La Giornata Mondiale dell Acqua La Giornata Mondiale dell Acqua è stata indetta dalle Nazioni Unite il 22 Dicembre 1992 per essere celebrata il 22 marzo di ogni anno. Fu indetta sulla spinta della Conferenza di Rio de Janeiro sull ambiente.

Dettagli

Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale

Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale WORLD FOOD DAY 2014 Roma - 29 Ottobre Palazzetto Mattei in Villa Celimontana Il ruolo

Dettagli

L Africa tra sviluppo e sottosviluppo Il ruolo dell acqua. ISPI, 25 Marzo 2009 Giorgio Cancelliere

L Africa tra sviluppo e sottosviluppo Il ruolo dell acqua. ISPI, 25 Marzo 2009 Giorgio Cancelliere L Africa tra sviluppo e sottosviluppo Il ruolo dell acqua ISPI, 25 Marzo 2009 Giorgio Cancelliere L accesso all acqua potabile in Africa Dei 1,2 miliardi di persone che nel mondo non hanno ancora accesso

Dettagli

PASSO DOPO PASSO ALTRE TRE SCUOLE IN KARAMOJA

PASSO DOPO PASSO ALTRE TRE SCUOLE IN KARAMOJA PROGETTO 10.1 maggio 2013 maggio 2014 36.278 euro Uganda PROGETTO In Karamoja, nel distretto di Moroto la percentuale di alfabetizzazione è al 13%. Sull 80% dei bambini iscritti alla scuola primaria,

Dettagli

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ Secondo le Nazioni Unite, circa 25 mila persone muoiono di fame tutti i giorni, soprattutto bambini e anziani. Per ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ, è prioritario affrontare la questione della terra, del

Dettagli

Perché sprecare se...

Perché sprecare se... Perché sprecare se... Emergenza acqua Dal ciclo dell'acqua dipendono sia le condizioni climatiche e ambientali, sia i processi di fotosintesi e respirazione, che rendono possibile la vita sul nostro pianeta.

Dettagli

Disponibilità annuale pro capite di acqua dolce

Disponibilità annuale pro capite di acqua dolce EMERGENZA ACQUA Disponibilità annuale pro capite di acqua dolce Le società umane si sono sviluppate laddove c era disponibilità d acqua. Le prime civiltà furono, infatti, civiltà fluviali. Il Nilo, il

Dettagli

con il patrocinio di CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI TRENTO Servizio Cultura e Turismo

con il patrocinio di CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI TRENTO Servizio Cultura e Turismo da sotto il mango con il patrocinio e il contributo di con il patrocinio di CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI TRENTO Servizio Cultura e Turismo da sotto il mango... mostra video-fotografica

Dettagli

Allo scopo di trasmettere ai bambini la necessità di riflettere su quanto incide il comportamento di ognuno sull impatto globale dei consumi idrici, sono state realizzate, con il coinvolgimento di tutte

Dettagli

Quale cibo per il futuro?

Quale cibo per il futuro? Quale cibo per il futuro? C. Forni Laboratorio di Botanica e Fitotecnologie Università degli Studi di Roma Tor Vergata forni@uniroma2.it Frascati Scienza 22 9 14 1 Le piante sono costituite da tante molecole

Dettagli

Acqua: bene comune dell umanità

Acqua: bene comune dell umanità Acqua: bene comune dell umanità Carenza d acqua Quante persone colpisce? Nel mondo 1.680 milioni di persone non hanno accesso all acqua potabile. Con l attuale crescita dei modelli di consumo, nel 2.020

Dettagli

* Sviluppo gandhiano (Swadeshi): la tecnologia è subordinata all uomo e non assume mai un ruolo principale.

* Sviluppo gandhiano (Swadeshi): la tecnologia è subordinata all uomo e non assume mai un ruolo principale. TECNOLOGIE APPROPRIATE COME STRUMENTO PER LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. CASO STUDIO: QUALITA DELL ACQUA PER COMUNITÀ DI AREE A CLIMA ARIDO. Ferrara, 23 Maggio 2012 Tecnologie Appropriate: T.A. Principi:

Dettagli

LA CARTA DI MILANO: L EREDITA DI EXPO, UN IMPEGNO A FAVORE DELL UMANITA

LA CARTA DI MILANO: L EREDITA DI EXPO, UN IMPEGNO A FAVORE DELL UMANITA LA CARTA DI MILANO: L EREDITA DI EXPO, UN IMPEGNO A FAVORE DELL UMANITA CESARA PASINI Past District Governor 108 Ib4 Milano Representative di Lions a Expo 2015 Vercelli, 5 Novembre 2015 Il paradosso contemporaneo

Dettagli

FOOD AND WATER FOR LIFE

FOOD AND WATER FOR LIFE FOOD AND WATER FOR LIFE 1.000.000.000 di persone soffrono la fame, la malnutrizione e la sete Milioni di persone soffrono per malattie associate al sovraalimentazione o per nutrizione di scarsa qualità

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Qualità e sicurezza dell acqua. Il ruolo dell acqua nell agricoltura sostenibile e nella salute alimentare

Qualità e sicurezza dell acqua. Il ruolo dell acqua nell agricoltura sostenibile e nella salute alimentare Qualità e sicurezza dell acqua Il ruolo dell acqua nell agricoltura sostenibile e nella salute alimentare Il pianeta blu Il problema delle risorse idriche a livello mondiale va affrontato considerando

Dettagli

2012/156. Scheda Progetto AFRICA

2012/156. Scheda Progetto AFRICA Scheda Progetto AFRICA 2012/156 La situazione alimentare e sanitaria del comprensorio di Nedialpoun (divisa tra i comuni di Koudougou e Reo), grazie al piano di intervento effettuato negli anni dal centro

Dettagli

ACQUA ANALISI CHIMICA E MICROBIOLOGICA

ACQUA ANALISI CHIMICA E MICROBIOLOGICA ACQUA ANALISI CHIMICA E MICROBIOLOGICA Lunedì 1 dicembre 2014 due tecnici (Silvana Moretti e Paola Migliorati )del Laboratorio Sanità pubblica ASL di Bergamo specializzati nell analisi dell acqua, (in

Dettagli

Cosa sono i Global Goals?

Cosa sono i Global Goals? Cosa sono i Global Goals? I Global Goals conosciuti anche con il nome di Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals) sono 17 obiettivi contenuti in un grande piano d azione su cui

Dettagli

CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA

CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA VILLA PAOLINA ASTI 8 settembre 2015 La popolazione mondiale è cresciuta di 250 milioni di persone in 1600 anni 9 miliardi mentre ora cresce drasticamente. dal 1950

Dettagli

DESERTIFICAZIONE E SVILUPPO SOSTENIBILE, LA VOCE DELL AFRICA

DESERTIFICAZIONE E SVILUPPO SOSTENIBILE, LA VOCE DELL AFRICA DESERTIFICAZIONE E SVILUPPO SOSTENIBILE, LA VOCE DELL AFRICA Il Comitato per la sicurezza alimentare e lo sviluppo sostenibile, ha lanciato già nel 2011 l allarme sullo stato di salute ambientale dell

Dettagli

La Sfida agli Squilibri

La Sfida agli Squilibri Progetto Food for Learnig - Somalia La Sfida agli Squilibri GLI OBIETTIVI di SVILUPPO DEL MILLENNIO RAGIONI DELLO SQUILIBRIO C è cibo a sufficienza per sfamare l'intera popolazione mondiale di oltre 7

Dettagli

VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION

VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION La VER è un azione volontaria che ha lo scopo di ridurre la propria impronta di carbonio (CO2), principale causa dell effetto serra. La VER viene attivata da Aziende sensibili

Dettagli

ETICA E SPRECO ALIMENTARE I GRANDI PARADOSSI DEL SISTEMA ALIMENTARE MONDIALE

ETICA E SPRECO ALIMENTARE I GRANDI PARADOSSI DEL SISTEMA ALIMENTARE MONDIALE ETICA E SPRECO ALIMENTARE I GRANDI PARADOSSI DEL SISTEMA ALIMENTARE MONDIALE 2 ETICA E SPRECO ALIMENTARE - indice Etica e sostenibilità 3 grandi paradossi del sistema alimentare mondiale Spreco alimentare,

Dettagli

I PROGETTI ADOTTATI DA 4CITIES4DEV cibo buono, pulito e giusto: l esperienza delle comunità del cibo

I PROGETTI ADOTTATI DA 4CITIES4DEV cibo buono, pulito e giusto: l esperienza delle comunità del cibo I PROGETTI ADOTTATI DA 4CITIES4DEV cibo buono, pulito e giusto: l esperienza delle comunità del cibo Orti comunitari di N Ganon e Nangounkaha, Costa d Avorio Foto Archivio Slow Food Progetto Slow Food

Dettagli

EXPO 2015 WWF: LE BUONE ABITUDINI ALIMENTARI FANNO BENE AL PIANETA EVENTI SUL TERRITORIO PER EXPO 2015 OASI WWF PERSANO

EXPO 2015 WWF: LE BUONE ABITUDINI ALIMENTARI FANNO BENE AL PIANETA EVENTI SUL TERRITORIO PER EXPO 2015 OASI WWF PERSANO EXPO 2015 WWF: LE BUONE ABITUDINI ALIMENTARI FANNO BENE AL PIANETA EVENTI SUL TERRITORIO PER EXPO 2015 OASI WWF PERSANO TUTELA DELLA BIODIVERSITA ED AGRICOLTURA BIOLOGICA Domenica 25 Ottobre 2015 con inizio

Dettagli

acqua Hera valori, qualità, consigli

acqua Hera valori, qualità, consigli Utenze Servizio domestiche idrico acqua Hera valori, qualità, consigli L acqua è un valore che non va mai fuori corso Siamo una delle maggiori società italiane nei servizi idrici. Negli ultimi 5 anni abbiamo

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

EXPO 2015 REGIONE CALABRIA. documento concept regione calabria

EXPO 2015 REGIONE CALABRIA. documento concept regione calabria EXPO 2015 REGIONE CALABRIA documento concept regione calabria EXPO MILANO 2015 il TEMA L alimentazione è l energia vitale del Pianeta necessaria per uno sviluppo sostenibile basato su un corretto e costante

Dettagli

Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente

Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente 05 Aprile 2013 Contenuti Carbon Footprint delle organizzazioni e di prodotto (ISO 14064 e PAS 2050/ISO 14067) Misurare l importa idrica

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI

PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI OTALL Il salone della Ricerca, Innovazione e Sicurezza alimentare Cosa abbiamo nel piatto: Tecnologie, Ambiente, Educazione, Sicurezza PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI Claudia

Dettagli

I PROGETTI ADOTTATI DA 4CITIES4DEV CIBO BUONO, PULITO E GIUSTO PER TUTTI: L ESPERIENZA DELLE COMUNITÀ DEL CIBO

I PROGETTI ADOTTATI DA 4CITIES4DEV CIBO BUONO, PULITO E GIUSTO PER TUTTI: L ESPERIENZA DELLE COMUNITÀ DEL CIBO I PROGETTI ADOTTATI DA 4CITIES4DEV CIBO BUONO, PULITO E GIUSTO PER TUTTI: L ESPERIENZA DELLE COMUNITÀ DEL CIBO Cuscus salato di miglio dell Isola di Fadiouth Presidio Slow Food adottato dalla città di

Dettagli

Società agraria di Lombardia. Contributo al tema dell Expo. Contributo n 116

Società agraria di Lombardia. Contributo al tema dell Expo. Contributo n 116 Società agraria di Lombardia Contributo al tema dell Expo Contributo n 116 COMUNICATO Contributo al tema dell EXPO Il Consiglio Direttivo della Società Agraria di Lombardia, congiuntamente ad un gruppo

Dettagli

Lavoro di. Istituto Comprensivo Statale Console Marcello MILANO

Lavoro di. Istituto Comprensivo Statale Console Marcello MILANO Lavoro di Istituto Comprensivo Statale Console Marcello MILANO Anno Scolastico 2009/2010 INDICE Presentazione Prima parte : -Gli elementi del computer (presentazione degli elementi del computer al fine

Dettagli

COSA NE SAPPIAMO DEL SAHEL? QUIZ SICUREZZA ALIMENTARE

COSA NE SAPPIAMO DEL SAHEL? QUIZ SICUREZZA ALIMENTARE Tipo di attività/strumento Quiz a risposta multipla Spunti didattici COSA NE SAPPIAMO DEL SAHEL? QUIZ SICUREZZA ALIMENTARE Conoscenza e approfondimento dei concetti di sicurezza e sovranità alimentare.

Dettagli

I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione

I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione PoliCulturaExpoMilano2015 I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione Versione estesa Paolo Paolini, HOC-LAB (DEIB, Politecnico di Milano, IT), da una intervista a Dott.ssa Antonia Trichopoulou

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

Protezione sociale e agricoltura

Protezione sociale e agricoltura 16 ottobre 2015 Giornata mondiale dell alimentazione Protezione sociale e agricoltura Sasint/Dollar Photo Club Sasint/Dollar Photo Club per spezzare il ciclo della povertà rurale 16 ottobre 2015 Giornata

Dettagli

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI L Agenda 21 per il turismo europeo Nella comunicazione del novembre 2003, Orientamenti di base per la sostenibilità del turismo europeo 20, la Commissione europea preannunciava «una serie di provvedimenti

Dettagli

Che cos è l agricoltura?

Che cos è l agricoltura? L agricoltura Che cos è l agricoltura? L agricoltura è la coltivazione del terreno. L agricoltura produce gli alimenti necessari agli uomini. L agricoltore semina e lavora la terra. Le piante crescono

Dettagli

Quanta acqua serve per produrre un kg di carta?

Quanta acqua serve per produrre un kg di carta? Quanta acqua serve per produrre un kg di carta? a) nuova 10 litri / riciclata 0,5 litri b) nuova 100 litri / riciclata 2 litri c) nuova 350 litri / riciclata 70 litri Quasi nessun prodotto può essere fabbricato

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Scheda 1 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO FISICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 1 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO FISICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 1 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO FISICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento IL TERRITORIO Introduzione Il territorio è per sua natura un entità dinamica, esito delle

Dettagli

Utilizzi dell'acqua. Il consumo di acqua. Dove va l acqua? Acqua e agricoltura

Utilizzi dell'acqua. Il consumo di acqua. Dove va l acqua? Acqua e agricoltura Utilizzi dell'acqua Il consumo di acqua All uomo interessa in particolare l acqua potabile, sempre più scarsa in rapporto all aumento della popolazione mondiale e per effetto dell inquinamento. Oggi sono

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari La nostra Alimentazione COMPLETATE LA PRIMA ATTIVITÀ DI QUESTO CAPITOLO, POI SCEGLIETENE ALTRE TRE DALLA LISTA CHE SEGUE. Le nostre scelte alimentari possono avere effetti positivi o negativi sul clima

Dettagli

1. Cambiamenti climatici e sovranità alimentare..p. 2 2. L impronta carbonica degli alimenti. p. 4. Stefano Caserini. Politecnico di Milano

1. Cambiamenti climatici e sovranità alimentare..p. 2 2. L impronta carbonica degli alimenti. p. 4. Stefano Caserini. Politecnico di Milano 1. Cambiamenti climatici e sovranità alimentare..p. 2 2. L impronta carbonica degli alimenti. p. 4 Stefano Caserini Politecnico di Milano 1 Cambiamenti climatici e sovranità alimentare Prof. Stefano Caserini,

Dettagli

verso EXPO 2015 di Giulia Dosi

verso EXPO 2015 di Giulia Dosi verso expo 2015 NUOVE TECNOLOGIE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE LA DGCS VISITA IL CENTRO RICERCHE CASACCIA DELL ENEA di Giulia Dosi A pochi km da Roma, sulla via Anguillarese, sorge il più grande complesso

Dettagli

COMITATO LECCHESE PER LA PACE E LA COOPERAZIONE TRA I POPOLI PROGETTI 2011

COMITATO LECCHESE PER LA PACE E LA COOPERAZIONE TRA I POPOLI PROGETTI 2011 COMITATO LECCHESE PER LA PACE E LA COOPERAZIONE TRA I POPOLI PROGETTI 2011 ENTE CAPOFILA: Mehala Onlus CONTROPARTE LOCALE: C.I.P.A.D. (Culture Information Pastoralist Development) ALTRI PARTNER NAZIONALI:

Dettagli

ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future. «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale»

ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future. «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale» ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future Torino, 24 marzo 2015 Mauro D Aveni Ufficio Qualità Coldiretti Torino «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale» L AGRICOLTURA

Dettagli

Deserti I CLIMI DESERTICI

Deserti I CLIMI DESERTICI Deserti Dune di sabbia, palmizi e dromedari. È così che ci si immagina un deserto, di solito. In realtà, nella maggior parte dei deserti, la sabbia non c è e non c è mai stata! Enormi aree desertiche sono

Dettagli

«NUTRITION & SUSTAINABILITY»

«NUTRITION & SUSTAINABILITY» INNER WHEEL CLUB DI TORINO EUROPEA DISTRETTO 204 ITALIA INTERNATIONAL INNER WHEEL PROGETTO INTERNAZIONALE BIENNALE «NUTRITION & SUSTAINABILITY» The role of Inner Wheel during EXPO 2015 Feeding the Planet,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE 1 I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE Nella fascia tropicale ci sono tre paesaggi: la foresta pluviale, la savana, il deserto. ZONA VICINO ALL EQUATORE FORESTA PLUVIALE Clima: le temperature sono

Dettagli

Cambiamenti climatici e agricoltura

Cambiamenti climatici e agricoltura Cambiamenti climatici e agricoltura Stefano Pisani I cambiamenti climatici che si stanno verificando negli ultimi anni potrebbero aprire nuovi scenari sull agricoltura. Alcune regioni del mondo ci guadagnerebbero,

Dettagli

LVIA. L attività di solidarietà e cooperazione internazionale. Italo Rizzi Direttore LVIA

LVIA. L attività di solidarietà e cooperazione internazionale. Italo Rizzi Direttore LVIA LVIA L attività di solidarietà e cooperazione internazionale Italo Rizzi Direttore LVIA Grazie all impegno di 250 collaboratori e tecnici locali che lavorano quotidianamente al fianco dei 40 volontari

Dettagli

Associazione Umanitaria Terra del Terzo Mondo ONLUS RIFORESTAZIONE A GASSA CHARE ETIOPIA

Associazione Umanitaria Terra del Terzo Mondo ONLUS RIFORESTAZIONE A GASSA CHARE ETIOPIA Associazione Umanitaria Terra del Terzo Mondo ONLUS RIFORESTAZIONE A GASSA CHARE ETIOPIA LA POVERTÀ CONDUCE DIRETTAMENTE AL DEGRADO AMBIENTALE, PERCHÉ I POVERI NON PENSANO AL FUTURO E TAGLIERANNO ANCHE

Dettagli

Commercio di acqua virtuale in Italia

Commercio di acqua virtuale in Italia Commercio di acqua virtuale in Italia Luca Ridolfi Water In Food Politecnico di Torino Dip. Ingegneria dell Ambiente e del Territorio Politecnico di Torino Concetto di acqua virtuale Alcuni dati a scala

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

Master MEDEA 2003-2004, Economia e Politica dell Ambiente Tutorial a cura di Alessandro DI NISIO Ludwig MORIGGI

Master MEDEA 2003-2004, Economia e Politica dell Ambiente Tutorial a cura di Alessandro DI NISIO Ludwig MORIGGI DESERTIFICAZIONE: TRAPPOLA DELLA POVERTA E SFRUTTAMENTO DEL TERRITORIO Master MEDEA 2003-2004, Economia e Politica dell Ambiente Tutorial a cura di Alessandro DI NISIO Ludwig MORIGGI PREMESSA La vita sulla

Dettagli

La cooperazione internazionale in ambito alimentare e agricolo

La cooperazione internazionale in ambito alimentare e agricolo La cooperazione internazionale in ambito alimentare e agricolo Le iniziative a sostegno della sicurezza alimentare e dello sviluppo agricolo e alimentare tra Paesi, si concretizzano attraverso la fornitura

Dettagli

Analisi di contesto, SWOT e identificazione dei fabbisogni per le TEMATICHE AMBIENTALI. una prima riflessione

Analisi di contesto, SWOT e identificazione dei fabbisogni per le TEMATICHE AMBIENTALI. una prima riflessione Analisi di contesto, SWOT e identificazione dei fabbisogni per le TEMATICHE AMBIENTALI una prima riflessione Sabrina Speciale - Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Un work in progress Gli indicatori

Dettagli

AMREF PORTA L ACQUA. Hotel Milano Scala

AMREF PORTA L ACQUA. Hotel Milano Scala AMREF PORTA L ACQUA Pozzo finanziato grazie a Hotel Milano Scala Paese: Kenya Distretto di Kitui AREA D INTERVENTO Mutethya, questo è il nome che la comunità ha dato al pozzo, si trova in Kenya, nel villaggio

Dettagli

CORSO BASE SUI TEE IN AGRICOLTURA

CORSO BASE SUI TEE IN AGRICOLTURA CORSO BASE SUI TEE IN AGRICOLTURA UTEE-AGR Carlo Alberto Campiotti,, Rossella Colletta, Ugo De Corato, Rita Di Bonito, Germina Giagnacovo, Gianfranco Lucerti, Matteo Scoccianti, Corinna Viola I TEE per

Dettagli

«L'acqua é vita» Dei pozzi per il Burkina Faso. Nelle regioni rurali, 1 persona su 2 non ha accesso à l acqua potabile

«L'acqua é vita» Dei pozzi per il Burkina Faso. Nelle regioni rurali, 1 persona su 2 non ha accesso à l acqua potabile «L'acqua é vita» Dei pozzi per il Burkina Faso Nelle regioni rurali, 1 persona su 2 non ha accesso à l acqua potabile Miglioriamo insieme le condizioni di vita costruendo loro dei pozzi Il costo finanziario

Dettagli

Laboratorio RED (Ricerca Educativa e Didattica)

Laboratorio RED (Ricerca Educativa e Didattica) Indicazioni per lo svolgimento del test Il test seguente tratta 4 argomenti e per ogni argomento ti pone una o più domande. Leggi attentamente cosa ti chiedono le domande e poi rispondi cercando di essere

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

Ecolezione : a cura di Matteo Franco e Andrea Bortolotto classe 2 c IPAA G. Corazzin, ISISS Cerletti

Ecolezione : a cura di Matteo Franco e Andrea Bortolotto classe 2 c IPAA G. Corazzin, ISISS Cerletti Ecolezione : a cura di Matteo Franco e Andrea Bortolotto classe 2 c IPAA G. Corazzin, ISISS Cerletti Cos è la biodiversità? Il termine biodiversità è stato coniato nel 1988 dall'entomologo americano Edward

Dettagli

Climate Change 2014 Impatti, Adattamento e Vulnerabilità. I contenuti principali della

Climate Change 2014 Impatti, Adattamento e Vulnerabilità. I contenuti principali della IPCC AR5 Quinto Rapporto di Valutazione sui Cambiamenti Climatici Working Group II Climate Change 2014 Impatti, Adattamento e Vulnerabilità I contenuti principali della Sintesi per i Decisori Politici

Dettagli

SCIENZE. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. Esplorare e descrivere oggetti e materiali

SCIENZE. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. Esplorare e descrivere oggetti e materiali SCIENZE CLASSE 1 a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INDICATORI DI VALUTAZIONE (Stabiliti dal Collegio Docenti) AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA AL TERMINE DELLA CLASSE

Dettagli

Il Clima. Le zone climatiche e gli ambienti naturali terrestri. Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore

Il Clima. Le zone climatiche e gli ambienti naturali terrestri. Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Il Clima Le zone climatiche e gli ambienti naturali terrestri Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Tempo e clima sono termini che vengono spesso confusi ma in realtà sono ben distinti.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale SCIENZE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale SCIENZE SCIENZE COMPETENZA-CHIAVE: LA COMPETENZA DI BASE DI SCIENZE E TECNOLOGIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE NUCLEO Scuola Primaria:

Dettagli

COOPERAZIONE E SVILUPPO: LE PAROLE VINCENTI DELL ITALIA NEL MONDO

COOPERAZIONE E SVILUPPO: LE PAROLE VINCENTI DELL ITALIA NEL MONDO 6 COOPERAZIONE E SVILUPPO: LE PAROLE VINCENTI DELL ITALIA NEL MONDO Giampaolo Cantini è il volto e l anima della Direzione italiana per la cooperazione e lo sviluppo del Ministero degli Affari Esteri.

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Mostra d Arte in occasione dell Anno Internazionale della Chimica. Istruzioni per gli insegnanti.

Mostra d Arte in occasione dell Anno Internazionale della Chimica. Istruzioni per gli insegnanti. Mostra d Arte in occasione dell Anno Internazionale della Chimica. Istruzioni per gli insegnanti. L Unione Internazionale di Chimica Pura e Applicata (IUPAC) congiuntamente con le Nazioni Unite e l UNESCO

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA L alunno esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con l aiuto dell insegnante, dei compagni, in modo autonomo, osserva e descrive

Dettagli

Si conclude all Expo Milano il progetto della Libertas sport - cibo - salute 2015

Si conclude all Expo Milano il progetto della Libertas sport - cibo - salute 2015 ! 1 ottobre 2015 - Padiglione 73 - G17 Intesa Sanpaolo Si conclude all Expo Milano il progetto della Libertas sport - cibo - salute 2015 Enrico Fora direttore responsabile Libertas Sprint Si conclude nella

Dettagli

I Biomi. Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN

I Biomi. Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN I Biomi Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN La vita delle piante e degli animali delle comunità naturali è determinata principalmente dal clima

Dettagli

Power to Change. VIII Annual Forum on Business Ethics and CSR Milano, 13 dicembre 2011. Sabina Ratti Sustainability Senior Vice President

Power to Change. VIII Annual Forum on Business Ethics and CSR Milano, 13 dicembre 2011. Sabina Ratti Sustainability Senior Vice President Power to Change VIII Annual Forum on Business Ethics and CSR Milano, 13 dicembre 2011 Sabina Ratti Sustainability Senior Vice President Agenda Il profilo dell azienda Dual flag L accesso all energia L

Dettagli

Contributo per la Carta di Milano

Contributo per la Carta di Milano Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Direzione Generale della Cooperazione allo Sviluppo (MAECI-DGCS) Contributo per la Carta di Milano Contributo n 72 Sezione tematica di

Dettagli

Gruppo: Martina, Gaia, Andreea, Andrea, Antonio. PROGETTO GEOGRAFIA SLOW FOOD

Gruppo: Martina, Gaia, Andreea, Andrea, Antonio. PROGETTO GEOGRAFIA SLOW FOOD Gruppo: Martina, Gaia, Andreea, Andrea, Antonio. PROGETTO GEOGRAFIA SLOW FOOD PERDITA VARIETÀ COLTURE AGRARIE La FAO stima che a oggi il 75% delle varietà per colture agrarie siano andate perdute e che

Dettagli

La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura. www.biodiversityfriend.org

La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura. www.biodiversityfriend.org La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura www.biodiversityfriend.org Nel corso del 2010, dichiarato dalle Nazioni Unite Anno Internazionale della Biodiversità, WBA onlus

Dettagli

Est Milano Adda Martesana Progetto Start Up per EXPO2015

Est Milano Adda Martesana Progetto Start Up per EXPO2015 Est Milano Adda Martesana Progetto Start Up per EXPO2015 Cernusco s/n, 15 Febbraio 2014 Adda Martesana per Expo2015: A proposito dell evento Il tema di EXPO2015 CIBO, ENERGIA, PIANETA, VITA sono le parole

Dettagli

Il ruolo della Sicurezza negli scenari a rischio

Il ruolo della Sicurezza negli scenari a rischio Dipartimento di Economia, Management e Metodi Quantitativi Giovanni Ferrazzi Il ruolo della Sicurezza negli scenari a rischio Monza, 11 maggio 2014 Il problema della sicurezza alimentare La crisi mondiale

Dettagli

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi CICLO DELL ACQUA Marco Carozzi Sommario Ciclo biogeochimico La molecola d acqua: breve introduzione Ciclo dell acqua ed elementi del ciclo evaporazione, evapotraspirazione, condensazione, precipitazioni,

Dettagli

La scelta naturale. Cosa significa acquistare biologico. Fa bene alla natura, fa bene a te. www.organic-farming.europa.eu KF-30-08-128-IT-C

La scelta naturale. Cosa significa acquistare biologico. Fa bene alla natura, fa bene a te. www.organic-farming.europa.eu KF-30-08-128-IT-C KF-30-08-128-IT-C Commissione europea Agricoltura e Sviluppo rurale www.organic-farming.europa.eu La scelta naturale Cosa significa acquistare biologico Fa bene alla natura, fa bene a te. Cos è l agricoltura

Dettagli

LE ATTIVITÀ DEI CLUSTER PER LE SCUOLE

LE ATTIVITÀ DEI CLUSTER PER LE SCUOLE CLUSTER I Cluster sono Padiglioni Collettivi nei quali alcuni Paesi vengono raggruppati secondo identità tematiche e filiere alimentari. I Cluster sono caratterizzati da aree comuni, che sviluppano attraverso

Dettagli

Lombardia in nomi e cifre

Lombardia in nomi e cifre Stato dell acqua Lombardia in nomi e cifre I grandi fiumi Po, Ticino, Adda, Oglio, Cherio,, Chiese, e Mincio Olona, Lambro, Brembo,, Serio e Mella Regime di deflusso stabile Regime di deflusso stabile

Dettagli

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI 1 MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI Quest iniziativa è lanciata, in occasione di Expo 2015, dalle reti internazionali degli attori pubblici, associativi e

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Risorse idriche globali e alimentazione

Risorse idriche globali e alimentazione Risorse idriche globali e alimentazione sfide per il futuro Guido Santini FAO Land and Water Division ACQUA 2.0 - II EDIZIONE, Roma, 27 Marzo 2014 Introduzione Quadro diagnostico: Panoramica sulle risorse

Dettagli

Realtà e prospettive del biologico per un agricoltura sostenibile. Paolo Carnemolla Il Biologico verso l Expo 2015 Bologna 06 settembre 2013

Realtà e prospettive del biologico per un agricoltura sostenibile. Paolo Carnemolla Il Biologico verso l Expo 2015 Bologna 06 settembre 2013 Realtà e prospettive del biologico per un agricoltura sostenibile Paolo Carnemolla Il Biologico verso l Expo 2015 Bologna 06 settembre 2013 Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita Serve un sistema agroalimentare

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C LA GIORNATA DELL ACQUA Scuola Media Tartini Classe II C 6 Marzo 2014 Volume totale di acqua sulla terra 1,4 miliardi di km3 La superficie della terra è ricoperta dal 71% da acqua. Questa superficie si

Dettagli

IMPRONTA ECOLOGICA, CONSUMISMO E SOSTENIBILITA

IMPRONTA ECOLOGICA, CONSUMISMO E SOSTENIBILITA IMPRONTA ECOLOGICA, CONSUMISMO E SOSTENIBILITA Che cos è l impronta ecologica di una persona? È possibile calcolarla in qualche modo? Il nostro lavoro per SCUOLA 21 Classe 2 OPA febbraio/marzo 2013 Docente:

Dettagli

L ACQUA FONTE DI VITA È UN BENE COMUNE CHE APPARTIENE A TUTTI GLI ABITANTI DELLA TERRA

L ACQUA FONTE DI VITA È UN BENE COMUNE CHE APPARTIENE A TUTTI GLI ABITANTI DELLA TERRA Il Manifesto dell acqua IL DIRITTO ALLA VITA Veniamo dall Africa, dall America Latina, dal Nord America, dall Asia e dall Europa. Ci siamo riuniti nel 1998 con nessun altra legittimità o rappresentatività

Dettagli

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Giuseppe Fano Corporate Director, External Relations M&G : Alcuni numeri Azienda chimica multinazionale di proprietà della famiglia

Dettagli