sostenibilità Bilancio PRINCIPALI INIZIATIVE E OPERE SOCIALI ATTUATE NEL 2012 IMPEGNO PER L AMBIENTE, SALUTE, SICUREZZA ED ENERGIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "sostenibilità Bilancio PRINCIPALI INIZIATIVE E OPERE SOCIALI ATTUATE NEL 2012 IMPEGNO PER L AMBIENTE, SALUTE, SICUREZZA ED ENERGIA"

Transcript

1 Sostenibilità SOCIALE PRINCIPALI INIZIATIVE E OPERE SOCIALI ATTUATE NEL 2012 RAFFINERIA DI MILAZZO Società Consortile per Azioni Sostenibilità ECONOMICA Sos Sostenibilità AMBIENTALE IMPEGNO PER L AMBIENTE, SALUTE, SICUREZZA ED ENERGIA RISULTATI ECONOMICI E IL VALORE AGGIUNTO Bilancio 2012 sostenibilità di

2

3 Bilancio sostenibilità della Raffineria di Milazzo S.C.p.A. di

4 Pagina 4 5 Lettera del Presidente agli Stakeholder Come è stato costruito questo bilancio Chi siamo 7 Chi siamo 23 Sostenibilità ECONOMICA I risultati economici e il valore aggiunto Il dialogo con gli Stakeholder Il dialogo con gli Stakeholder 28 La Vision e la storia della Raffineria La Raffineria in numeri Gli azionisti e la Governance La struttura e il ciclo produttivo Le fermate del 2012 L impegno per la sostenibilità I risultati di gestione Le relazioni con gli Azionisti Il rapporto con i Fornitori I nostri Stakeholder Le iniziative di dialogo e consultazione Le iniziative con il territorio Il rapporto con le scuole e le università Il dialogo con le Istituzioni Bilancio sostenibilità della Raffineria di Milazzo S.C.p.A. di

5 Indice dei contenuti Sostenibilità AMBIENTALE L impegno costante per l ambiente, la salute e la sicurezza Le risorse umane Le risorse umane La tutela della qualità dell aria La tutela del suolo La gestione delle acque La gestione dei rifiuti La gestione dell energia La salute e la sicurezza Il profilo del personale Crescita e valorizzazione del personale La Formazione Le relazioni sindacali Altre iniziative per le persone La comunicazione interna Glossario 58 Tabella di corrispondenza GRI Relazione della società di revisione 61 66

6 Lettera del Presidente agli Stakeholder Enti Istituzioni Persone Organismi sindacali Clienti Azionisti Media Opinion Leader Ambiente Scuole e Università Associazioni Fornitori Comunità locale La pubblicazione della seconda edizione del Bilancio di Sostenibilità costituisce per noi motivo di particolare soddisfazione. Crediamo infatti che nel rapporto con i nostri stakeholder più rappresentativi, che consideriamo interlocutori fondamentali del dialogo che la RAM intende sempre più alimentare e rendere proficuo, tale pubblicazione rappresenta uno strumento utile per comunicare efficacemente alla comunità l impegno che la nostra Società dedica costantemente al progressivo miglioramento della sicurezza e della riduzione dell impatto ambientale delle sue operazioni. Il presente bilancio evidenzia per il 2012 un risultato positivo per la nostra Raffineria, nonostante la sfavorevole congiuntura economica, nazionale ed internazionale. Nell anno sono state completate due importanti fermate per manutenzione programmata degli impianti, finalizzate ad aumentarne l affidabilità, migliorare l efficienza delle prestazioni e ridurne l impatto ambientale. Nell ambito di tale contesto il risultato più qualificante è stata l assenza assoluta di infortuni per tutti coloro, dipendenti diretti e non, che hanno varcato i nostri tornelli. Desideriamo sottolineare, inoltre, che tale elemento rafforza e conferma la correttezza del nostro approccio nel perseguire la nostra vision di produrre combustibili e carburanti di alta qualità ottenuti attraverso le più moderne e innovative tecnologie e risorse umane motivate e professionali nel rispetto per l ambiente, la salute e la sicurezza delle persone. E riteniamo che la pubblicazione del Bilancio di Sostenibilità possa di per sé generare maggiore consapevolezza e condivisione del nostro desiderio di attribuire alle tematiche di responsabilità ambientale e sociale una sempre crescente importanza. In questo documento abbiamo scelto di riportare informazioni concrete, in uno spirito di massima trasparenza, tenendo conto delle richieste che, con modalità e argomentazioni diverse, derivano dalla comunità, prendendo così atto delle attese maturate nei nostri riguardi che testimoniano la necessità di una maggiore interazione e comunicazione con il territorio. Un ambito, questo, al quale riteniamo giusto dedicare un impegno crescente e in questa ottica organizzeremo nei prossimi mesi alcune iniziative che confidiamo potranno costituire ulteriori e utili momenti di confronto e dialogo. Siamo sicuri che proprio da questo approccio inteso in senso costruttivo possa derivare l individuazione e la definizione delle reali priorità alle quali rivolgere insieme un impegno condiviso in modo coerente e strutturato. IL PRESIDENTE Alessandro Gilotti 4

7 Come è stato costruito questo Bilancio Il presente Bilancio, pubblicato nell aprile del 2013, è il secondo rapporto della Raffineria di Milazzo S.C.p.A. (di seguito RAM) e rendiconta le iniziative e i principali dati economici, sociali e ambientali dal 1 gennaio al 31 dicembre Con questo documento l azienda prosegue il percorso intrapreso in materia di responsabilità sociale d impresa e sceglie di raccontarsi in modo esaustivo e trasparente. Nella redazione del Bilancio, RAM ha fatto riferimento allo standard internazionale di rendicontazione del Global Reporting Initiative (G3.1 del 2011). Tale organizzazione fu istituita nel 1997 allo scopo di sviluppare e promuovere una metodologia, applicabile a livello globale, per la comunicazione e assunzione di responsabilità nei confronti degli stakeholder in relazione agli impatti di natura economica, ambientale e sociale che l impresa genera attraverso le proprie attività. Tali linee guida sono state integrate con gli indicatori contenuti nel Supplemento di settore per le aziende petrolifere (Oil and Gas Sector Supplement) del Il Bilancio di Sostenibilità viene redatto con una periodicità annuale, sottoposto a verifica esterna indipendente da parte di PricewaterhouseCoopers, e approvato dal Consiglio di Amministrazione della RAM, nonché presentato in Assemblea dei Soci contestualmente all approvazione del Bilancio di Esercizio, a testimonianza dell importante ruolo che questo strumento gioca all interno del sistema di pianificazione e controllo dell azienda. Il Bilancio di Sostenibilità 2012, in accordo ai requisiti del Global Reporting Initiative, si compone di più sezioni: Per ulteriori informazioni, commenti e suggerimenti circa i contenuti del presente documento: Raffineria di Milazzo S.C.p.A. Contrada Mangiavacca Milazzo (ME) Il profilo della Raffineria in Chi siamo, dove si descrive l identità dell azienda, la struttura e i prodotti della raffinazione, nonché la governance, le strategie aziendali e gli impegni per la sostenibilità. I risultati economici e il valore aggiunto, in cui si presentano le prestazioni economiche delle Raffineria, nonché il valore aggiunto e distribuito nel Il prospetto di distribuzione del valore aggiunto è stato calcolato secondo gli standard del Gruppo di Studio per il Bilancio Sociale (GBS). Segue una descrizione delle relazioni con gli Azionisti ed i Fornitori e degli impatti dell azienda sul tessuto economico locale. Il dialogo con gli stakeholder, le iniziative di coinvolgimento della comunità locale, del territorio, degli enti e delle istituzioni. Si descrive inoltre il rapporto della Raffineria con i principali portatori di interesse e le attività volte a soddisfare le relative necessità. L impegno costante per l ambiente, la salute e la sicurezza, dedicato alle prestazioni ambientali della Raffineria ed integrato di nuovi contenuti, rispetto al precedente anno, in materia di gestione delle risorse idriche, dei rifiuti e della tutela del suolo e del sottosuolo. Le risorse umane, in cui si analizzano le tematiche attinenti la gestione del personale e gli impegni dell azienda nei confronti delle persone che ne animano quotidianamente ogni attività e che rappresentano il cuore pulsante della Raffineria. Sono affrontati principalmente gli aspetti inerenti la formazione, la comunicazione e le relazioni con gli organismi sindacali. 5

8 La materialità delle informazioni restituite all interno del Bilancio è sostenuta da un processo di Stakeholder engagement, cioè di coinvolgimento dei portatori di interesse, effettuato al fine di rilevarne le opinioni, i dubbi e le osservazioni nei confronti della Raffineria, ma soprattutto per determinare la priorità e la significatività di alcuni aspetti da rendicontare all interno del Bilancio. Il livello di applicazione alle linee guida GRI-G3.1, raggiunto dalla RAM, nel suo secondo anno di rendicontazione, è C+. Questo Bilancio di Sostenibilità è consultabile anche sul sito internet. Tabella livelli di applicazione Livelli di applicazione C C + B B + A A + Informativa standard Profilo Modalità di gestione Indicatori di performance Rendicontare su: , , Non richiesto. Rendicontare su un minimo di 10 indicatori di performance, comprendendo almeno un indicatore economico, uno sociale e uno ambientale. Bilancio verificato esternamente Rendicontare su tutti i criteri previsti per C e su: , Informativa sulla modalità di gestione di ogni categoria di indicatori. Rendicontare su un minimo di 20 indicatori di performance, comprendendo almeno un indicatore economico, uno ambientale, uno sui diritti umani, uno sul lavoro, uno sulla società e uno sulla responsabilità di prodotto. Bilancio verificato esternamente Stessi requisiti previsti per il livello B. Informativa sulla modalità di gestione di ogni categoria di indicatori. Rendicontare su tutti gli indicatori di performance, come del GR.1 e dei supplementi settoriali applicabili con riguardo al princìpio di materialità. Spiegare le eventuali omissioni. Bilancio verificato esternamente 6

9 Chi siamo La Vision e la storia della Raffineria La Raffineria in numeri Gli azionisti e la Governance La struttura e il ciclo produttivo Le fermate del 2012 L impegno per la sostenibilità La Vision e la storia della Raffineria La Raffineria di Milazzo S.C.p.A. compie 50 anni: mezzo secolo di storia imprenditoriale segnata da un forte senso di appartenenza al territorio, che ne ha stimolato la crescita, la competitività e la competenza. Dopo 50 anni, l obiettivo prioritario dell azienda è ancora quello di migliorare quotidianamente le proprie prestazioni, non perdendo mai di vista le tematiche di sostenibilità e di responsabilità nei confronti degli Stakeholder. La Raffineria è una società consortile per azioni i cui Azionisti, Eni S.p.A. e Kuwait Petroleum Italia S.p.A., sono proprietari al 50% del pacchetto azionario. La joint venture tra Eni e Kuwait Petroleum Italia è stata avviata nel 1996, stabilendo la sede legale dapprima a Roma e successivamente, nel 2004, in contrada Mangiavacca a Milazzo (ME). La Raffineria di Milazzo opera nell ambito del sistema di raffinazione italiano ed internazionale per la produzione di combustibili, carburanti e materie prime per la petrolchimica. Gli unici destinatari dei prodotti raffinati sono gli Azionisti e RAM non è proprietaria né delle materie prime in entrata né dei prodotti in uscita, ma offre esclusivamente un servizio ai propri Consorziati/Azionisti. Un programma di sviluppo e di adeguamento tecnologico degli impianti e della struttura produttiva, iniziato nel 1990, ha consentito di ottenere elevate rese di prodotti pregiati della raffinazione, a scapito dei prodotti pesanti come l olio combustibile, rendendo la Raffineria di Milazzo una tra le realtà più competitive in Europa, capace di ricevere e lavorare una vasta gamma di prodotti, tra cui i biocarburanti, e di produrre carburanti che soddisfano i più stringenti requisiti di qualità. 7

10 La Storia della Raffineria La Vision e la storia della Raffineria La Raffineria in numeri Gli azionisti e la Governance La struttura e il ciclo produttivo Le fermate del 2012 L impegno per la sostenibilità Nascita della Mediterranea Raffineria Siciliana Petroli S.p.A. La Raffineria entra in esercizio il 3 ottobre Per il sopravvenire della crisi petrolifera e per effetto di difficoltà finanziarie del Gruppo, la Raffineria viene fermata e gli impianti messi in conservazione. L Agip Petroli acquista le azioni della Mediterranea e provvede a ricondizionare parte degli impianti. Trasformazione in Raffineria Mediterranea S.p.A. Fusione della Raffineria Mediterranea S.p.A. in Agip Petroli S.p.A. Costituzione Raffineria di Milazzo S.p.A. Conferimento del ramo d azienda Agip Petroli Raffineria di Milazzo a Raffineria di Milazzo S.p.A, Kuwait Petroleum Italia rileva il 50% delle azioni, attivando così una joint venture con Agip Petroli. La Raffineria modifica la propria ragione sociale in Raffineria di Milazzo S.C.p.A. (Società Consortile per Azioni). A seguito della fusione per incorporazione di Agip Petroli in Eni S.p.A, quest ultima subentra ad Agip Petroli S.p.A. nella joint venture. La sede legale della Raffineria di Milazzo S.C.p.A viene spostata da Roma a Milazzo. La Raffineria di Milazzo festeggia i suoi 50 anni. 8

11 La Raffineria in numeri La Vision e la storia della Raffineria La Raffineria in numeri Gli azionisti e la Governance QUANTITÀ TOTALE DI PRODOTTO LAVORATO 9,5 MILIONI TONNELLATE La struttura e il ciclo produttivo Le fermate del 2012 L impegno per la sostenibilità BENZINA E GASOLIO PRODOTTI 1,5 MILIONI TONNELLATE GASOLIO 4,2BENZINA INVESTIMENTI 69,4 MILIONI E E SICUREZZA 102 MILIONI TINVESTIMENTI IN INNOVAZIONE AMBIEN FATTURATO FORNITORI DISTRIBUITO IN SICILIA 81,8 MILIONI ERVIZIO 593 PERSONALE IN SERVIZIO 37,5 MILIONI FATTURATO FORNITORI DISTRIBUITO NELLA VALLE DEL MELA 97,6 % NCIA DI MESSINA VIPERSONALE PROVENIENTE DALLA PRO 39,5 ORE DI FORMAZIONE EROGATE PRO CAPITE Zero INFORTUNI SUL LAVORO 9

12 Gli azionisti e la Governance La Vision e la storia della Raffineria La Raffineria in numeri Gli azionisti e la Governance La struttura e il ciclo produttivo La Raffineria di Milazzo è una società consortile per azioni con capitale sociale di Euro Le quote azionarie dei soci sono detenute al 50%, il che implica una composizione paritetica di tutti gli organismi societari. Le fermate del 2012 L impegno per la sostenibilità L ENI S.P.A. opera nei settori dell esplorazione e della produzione di gas e petrolio, del trasporto internazionale e della vendita del gas, della generazione di energia, della raffinazione e della vendita di prodotti petroliferi, della chimica e dell ingegneria e costruzione. Eni si contraddistingue inoltre per il proprio impegno nell ambito dello sviluppo sostenibile: valorizza le proprie risorse, contribuisce allo sviluppo economico delle comunità nelle quali opera, è attiva nel miglioramento delle proprie prestazioni ambientali investendo nell innovazione tecnica, persegue l efficienza energetica ed è attenta agli effetti indotti dalla proprie attività sul cambiamento climatico. Gli Azionisti LA KUWAIT PETROLEUM ITALIA S.P.A. è un affiliata della Kuwait Petroleum International, Società responsabile per le attività di raffinazione e distribuzione di prodotti petroliferi al di fuori del Kuwait. È attiva, nel settore della rete di distribuzione carburanti ed, attraverso la Q8 Quaser, nel settore dell Extra Rete. Tra i punti di forza su cui la Società fonda il suo successo, la protezione dell Ambiente, la tutela della Salute e la Sicurezza costituiscono tematiche a cui è dedicata un attenzione costantemente crescente unitamente alle materie di Corporate Social Responsibility. Tali punti di forza, che definiscono un forte approccio etico, uniti all attenzione sistematica ai consumatori e all innovazione intesa come strumento strategico di competizione, costituiscono caratteri distintivi della Società. 10 La Raffineria è amministrata da un Consiglio di Amministrazione (CdA) nominato dall Assemblea degli Azionisti e composto da otto membri, di cui quattro proposti da Eni e quattro da Kuwait Petroleum Italia. L Assemblea degli Azionisti provvede alla nomina del Presidente e del Vice Presidente, conferendo ad entrambi la rappresentanza legale, con possibilità di utilizzarla disgiuntamente. All interno del Consiglio di Amministrazione vengono nominati due Amministratori Delegati, cui è affidata la gestione della società, e un Direttore Generale posto a capo dello stabilimento. Gli Amministratori durano in carica tre esercizi e scadono alla data dell Assemblea convocata per l approvazione del bilancio relativo all ultimo esercizio e possono essere rieletti.

13 La Governance Il Consiglio di Amministrazione attualmente in carica risulta così composto: Presidente e Amministratore Delegato Vice Presidente Amministratore Delegato Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Alessandro Gilotti Domenico Elefante Marco Antonino Saetti Pietro Ferrara Raffaella Brillantini Alberto Navarretta Yousef Al Yateem Ghanim Al Otaibi L attività di controllo spetta al Collegio Sindacale che si compone di tre Sindaci effettivi e due Sindaci supplenti nominati dall Assemblea ai sensi di legge. La revisione legale dei conti viene affidata alla Società di revisione PricewaterhouseCoopers S.p.A. incaricata dall Assemblea degli Azionisti. Nel 2005 la Raffineria di Milazzo ha adottato il Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo (Modello 231) previsto dal Decreto Legislativo n. 231/01 in materia di disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche per prevenire la commissione di reati da parte di quanti operano per l azienda. Nel 2012 il Modello 231 è stato aggiornato alle nuove seguenti fattispecie di reato: ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita; delitti informatici e trattamento illecito di dati; reati di criminalità organizzata; reati di contraffazione e alterazione di marchi o segni distintivi e introduzione nello Stato di prodotti con segni falsi; reati contro l industria e il commercio; reato di induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazione mendaci all Autorità Giudiziaria; reati in materia di violazione del diritto d autore; reati ambientali. ll Modello 231 è integrato con il Codice Etico aziendale, rappresentando un principio generale non derogabile. A completamento del proprio sistema di gestione e controllo, la Raffineria ha elaborato delle Linee Guida Anti-Corruzione volte ad assicurare il massimo rispetto del Codice Etico e delle Leggi Anti-Corruzione. 11

14 I controlli in merito al rispetto da parte di tutte le persone di RAM del Modello 231 sono affidati all Organismo di Vigilanza (OdV), che ne verifica l attuazione, propone eventuali aggiornamenti e gestisce i flussi informativi di competenza con le funzioni aziendali. Chiunque è libero di segnalare all Organismo di Vigilanza situazioni di conflitto: nell ultimo triennio l OdV non ha registrato alcuna segnalazione. L osservanza del Modello 231, del Codice Etico e delle Linee Guida Anti-Corruzione da parte di tutte le persone che operano per il conseguimento degli obiettivi della Raffineria, sono di fondamentale importanza per la reputazione di RAM, per svolgere il proprio business con lealtà, correttezza, trasparenza, onestà e integrità, nonché nel rispetto delle leggi, dei regolamenti, degli standard internazionali e delle linee guida di riferimento. Il Codice Etico e la Responsabilità aziendale All interno del Codice Etico vengono riportati gli impegni e le responsabilità etiche a cui tutti i lavoratori devono attenersi nella conduzione delle proprie attività, compresi i dirigenti, quadri, dipendenti ed i collaboratori. Di seguito, i principi generali ed i valori espressi nel Codice Etico che maggiormente identificano la società: rispetto delle leggi; l etica, la correttezza e la professionalità negli affari; la trasparenza delle informazioni, della contabilità e della comunicazione; l etica del lavoro; la tutela e la valorizzazione dei collaboratori; l impegno per la tutela della salute, sicurezza e ambiente; la correttezza nei rapporti con l esterno. Tutti i principi sono volti a porre in primo piano gli obiettivi della responsabilità sociale di impresa rispetto agli stakeholders sia interni che esterni. 12

15 La struttura e il ciclo produttivo La Vision e la storia della Raffineria La Raffineria in numeri Gli azionisti e la Governance L organigramma di Raffineria mostra la struttura organizzativa aziendale, aggiornata nel mese di ottobre 2012 secondo le disposizioni della Direzione aziendale al fine di migliorare le sinergie tecniche tra le diverse funzioni. La struttura e il ciclo produttivo Le fermate del 2012 L impegno per la sostenibilità In particolare, sono stati ottimizzati i collegamenti fra tutte le funzioni tecniche attraverso il posizionamento, nell ambito della Direzione Tecnica, del Gruppo Nuove Realizzazioni e della funzione Programmazione Analisi Economiche. È stata inoltre introdotta una nuova funzione, Pianificazione Strategica, in staff alla Direzione Tecnica, per lo sviluppo di studi e progetti strategici, per la programmazione delle attività ed il controllo della tempistica di realizzazione dei progetti, finalizzati al miglioramento economico e operativo della Raffineria. 13

16 La Raffineria di Milazzo si estende su un area pianeggiante di circa 212 ettari nella zona industriale dei comuni di Milazzo e San Filippo del Mela in provincia di Messina. AREA NORD/EST IMPIANTI TRATTAMENTO ACQUE TORCE E SERBATOI TORRENTE CORRIOLO AREA NORD/OVEST IMPIANTI E SERBATOI BIANCHI STOCCAGGIO GPL AREA SUD/OVEST SERBATOI GREZZI AREA SUD DITTE E SOTTOSTAZIONE ELETTRICA 150 KV 14 AREA SUD/EST SERBATOI GREZZI E OLI COMBUSTIBILI

17 La Raffineria di Milazzo S.C.p.A ha per oggetto la raffinazione di petrolio greggio e semilavorati, il trattamento industriale dei loro derivati e lo stoccaggio dei prodotti nonché lo svolgimento di ogni altra attività di servizio ad essi collegata. I principali prodotti e sottoprodotti della raffineria sono: G.P.L. PROPILENE BENZINA GASOLIO KEROSENE (jet fuel) OLIO COMBUSTIBILE ZOLFO ETBE La varietà dei processi produttivi e l ampia capacità degli impianti della Raffineria assicurano la massima flessibilità nella risposta alle fluttuazioni del mercato. Le principali fasi del ciclo di produzione sono raffigurate nel diagramma di flusso di seguito riportato. L attuale ciclo di raffinazione si realizza a partire dagli impianti primari, Topping 3, Topping 4 e Vacuum, nei quali, attraverso il processo di distillazione, il greggio viene separato nelle diverse frazioni o tagli per la successiva formulazione di carburanti e combustibili. Lo sapevi che Sull origine del petrolio esistono varie teorie tra le quali, la più accreditata, ipotizza che esso derivi da materia organica che, rimasta sepolta per millenni sotto l influenza di elevato calore e pressione, si è trasformata in idrocarburi. La differenza di densità e la ridotta viscosità consentono agli idrocarburi di migrare dalla roccia madre, più profonda, alla roccia serbatoio dove permane per effetto di trappole sedimentarie dando luogo agli attuali giacimenti petroliferi. 15

18 I semilavorati, prodotti dagli impianti primari di distillazione, costituiscono le cariche per gli impianti secondari o di conversione della Raffineria impiegati allo scopo di incrementare la resa dei componenti pregiati. I principali impianti di conversione sono il Fluid Catalytic Cracking (FCC), l Hydrocracker (HDC) e LC-Finer (LCF) ai quali si aggiungono altre unità subordinate. Tra queste citiamo gli impianti di recupero zolfo SRU-1 e 2 e gli impianti di produzione di idrogeno ad elevata purezza HMU-1 e 2. I primi hanno la funzione di catturare i composti solforati da gas naturale, i secondi operano, attraverso il processo di Steam Reforming, a servizio degli impianti di conversione e sono necessari alla desolforazione catalitica dei prodotti. In relazione alla crescente necessità di ridurre il tenore di zolfo all interno dei prodotti finiti, procedendo al suo recupero, la Raffineria ha intrapreso il percorso di realizzazione di un nuovo impianto per la produzione di idrogeno (HMU-3) e di un nuovo impianto di recupero zolfo (SRU- 3), che rappresentano un ulteriore impegno nel miglioramento delle performance ambientali. 16

19 Di seguito si riporta un dettaglio dei carburanti e combustibili in uscita dagli impianti primari e secondari, attraverso una descrizione delle principali caratteristiche e utilizzi: I prodotti Gli usi I prodotti della raffinazione GPL GAS DI PETROLIO LIQUEFATTO BENZINA PROPILENE KEROSENE Deriva dai diversi processi di lavorazione, in condizione di temperatura e pressione ambiente è un prodotto gassoso, viene liquefatto grazie a pressurizzazione moderata per favorirne stoccaggio e movimentazione. Miscela di idrocarburi adatta ad essere utilizzata per azionare motori a combustione interna a ciclo otto. La benzina è additivata con prodotti antidetonanti ed antiossidanti. Idrocarburo alifatico non saturo che viene prodotto industrialmente attraverso il cracking di idrocarburi più pesanti, grazie alla spiccata reattività chimica legata al suo carattere non saturo È una miscela di idrocarburi con intervallo di distillazione compreso tra 150 e 280 C. Si ottiene nella distillazione del greggio come frazione intermedia tra la benzina e il gasolio. Trova utilizzo in svariati ambiti tra cui quello domestico, quello industriale e quello agricolo. Viene utilizzato anche come carburante per motori, combustibile per riscaldamento e produzione di calore nonché come propellente per aerosol. L utilizzo più comune è come carburante nei motori a combustione interna a scoppio. La benzina viene anche utilizzata come solvente e come combustibile in talune lampade. Trova numerosi impieghi come intermedio nella preparazione di altri composti chimici, nella lavorazione e produzione di polimeri, viene anche utilizzato come combustibile ad usi civili e industriali nonchè come propellente per aerosol. Usato, soprattutto nel passato, per l illuminazione, viene attualmente impiegato come combustibile da riscaldamento, come carburante per i trattori agricoli e per turboreattori d aviazione. GASOLIO È una miscela di idrocarburi corrispondente alla frazione di petrolio che distilla fra 250 e 350 C circa. Il nome deriva dal fatto che in passato il gasolio era usato per ottenere, mediante piroscissione, il gas d olio. Generalmente viene impiegato come combustibile per motori Diesel e per alimentare sistemi di riscaldamento. OLIO COMBUSTIBILE È una miscela di idrocarburi a più alto peso molecolare rispetto a tutti gli altri prodotti idrocarburici di raffineria. Utilizzato sui grandi motori diesel per la propulsione delle navi o per la produzione di energia elettrica in piccole centrali. ZOLFO È un solido di colore giallo intenso la cui forma più nota e comune è quella cristallina benché ne esistano molte forme allotropiche. È uno degli elementi più importanti usati come materia prima industriale. lo zolfo è inoltre usato nelle batterie, nei detersivi, fungicidi, in agricoltura per la produzione di fertilizzanti, nella polvere da sparo, nei fiammiferi e nei fuochi d artificio. Il contenuto medio di zolfo e benzene nei carburanti raffinati nel 2012 (benzina e gasolio) è stato inferiore al limite imposto dalla normativa. 17

20 I Biocarburanti A gennaio 2012 per l industria petrolifera è diventato obbligatorio il rispetto dei criteri di sostenibilità per i biocarburanti, come previsto dal Decreto Legge 28/2011 che recepisce la Direttiva 2009/28/UE Renewable Energy Directive. Negli anni scorsi la Raffineria ha realizzato degli investimenti per l inserimento dei biocarburanti all interno del proprio ciclo di produzione: RAM è in grado di additivare biodiesel nel gasolio per autotrazione e di produrre, a partire da una materia prima di origine vegetale quale il bioetanolo, l ETBE (etil-terziario-butil-etere), che è successivamente miscelato alle benzine finite. Nel corso del 2012 gli azionisti ENI e Kuwait Petroleum Italia hanno ottenuto la certificazione di sostenibilità dei biocarburanti, conseguita secondo lo schema di controllo 2BSvs, indicando la Raffineria di Milazzo come sito di trasformazione e miscelazione in Italia. In virtù di tale schema, l origine sostenibile della biomassa presente nei carburanti immessi al consumo può essere dimostrata lungo l intera filiera sulla base del ciclo di vita del prodotto. Nel successivo grafico viene illustrato l andamento del contenuto di biocarburanti presenti nelle benzine e nei gasoli prodotti dalla Raffineria. È possibile osservare le variazioni relative alla quantità di ETBE miscelato nelle benzine: nel 2011, ha raggiunto le tonnellate, mentre nel 2012 la produzione è diminuita a tonnellate. La quota di biodiesel evidenzia, al contrario, un trend in costante crescita, passando da tonnellate nel 2010, a più di tonnellate nel La Raffineria dispone inoltre di strutture logistiche e di stoccaggio costituite dai pontili e dai serbatoi. In dettaglio, la RAM è dotata di due pontili, il primo di 500 metri e il secondo di 650 metri, con capacità massima di ricezione del greggio rispettivamente di e tonn/ora e possibilità di sei ormeggi contemporanei. Un terzo pontile è disponibile, ma attualmente non in uso. Nel 2012 il movimento di navi complessivo è stato di circa 670 unità, comprese quelle dedicate al rifornimento delle isole minori dei vicini arcipelaghi. Il movimento medio annuo di greggio e altri prodotti, che si realizza tramite i due pontili in esercizio, ammonta a circa 18 milioni di tonnellate. Le spedizioni via mare sono dirette principalmente ai depositi costieri ENI e Kuwait Petroleum Italia (Napoli, Palermo, Venezia/Marghera, Civitavecchia, Gaeta, etc.). Alcuni prodotti, come i prodotti della petrolchimica e i prodotti speciali, quale ad esempio il propilene, vengono esportati sia nel Mediterraneo che oltreoceano. Una quota di prodotti finiti è spedita via terra tramite autobotti, circa quelle transitate nel 2012, ed attraverso l oleodotto che collega la Raffineria alla vicina centrale di San Filippo del Mela. 18 I carburanti vengono infine stoccati nel parco serbatoi costituito da 170 unità di stoccaggio a tetto galleggiante, per una capacità complessiva di circa metri cubi, ed un parco di stoccaggio GPL costituito da serbatoi interrati ad integrazione delle cinque sfere esistenti opportunamente modificate. La tipologia dei serbatoi interrati rappresenta oggi una best practice a livello nazionale in materia di sicurezza nello stoccaggio di GPL. Tutti i serbatoi sono oggetto di un periodico programma di manutenzione che ne garantisce la perfetta efficienza.

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone LO STABILIMENTO Lo stabilimento, ubicato nel Comune di Ferrera Erbognone (Pavia) nelle adiacenze della Raffineria Eni Divisione R&M di Sannazzaro de Burgondi, è il

Dettagli

IL CONI PER L AMBIENTE

IL CONI PER L AMBIENTE 6 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE L IMPATTO AMBIENTALE DEL CONI 116 CONI BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE Il CONI pone una particolare attenzione

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

Il Gruppo SARAS. Mercoledì, 5 giugno 2013

Il Gruppo SARAS. Mercoledì, 5 giugno 2013 Il Gruppo SARAS Mercoledì, 5 giugno 2013 1 IL GRUPPO SARAS OGGI Il Gruppo Saras è attivo nel settore energetico ed è uno dei principali operatori indipendenti europei nella raffinazione di petrolio La

Dettagli

Lo Stabilimento di Ravenna

Lo Stabilimento di Ravenna Lo Stabilimento di Ravenna LE NOSTRE RISORSE Sin dalla costituzione EniPower ha adottato strutture organizzative snelle nell ottica di semplificare i processi operativi. Tutto il personale è stato coinvolto

Dettagli

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ Pagina 1 di 7 D.O.C. s.c.s., ai sensi della legge 381/91, è una cooperativa sociale di tipo A, che vede al centro della sua crescita organizzativa i valori cooperativi della centralità della persona, della

Dettagli

dott. Pasquale De Vita Audizione del presidente dell Unione Petrolifera Senato Commissione Industria (10 a )

dott. Pasquale De Vita Audizione del presidente dell Unione Petrolifera Senato Commissione Industria (10 a ) Attuazione della direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE Audizione del presidente

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria ALLEGATO A PAES Isola d Elba 1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria Il bilancio di energia è suddiviso per categoria di impiego e per tipo di fonte energetica. COMBUSTIBILI SOLIDI Sul

Dettagli

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE.

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE. Procedura Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: HSE 1 Frontespizio TITOLO: Politica

Dettagli

Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale

Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 29 ottobre 2010 Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale Con delibera del Consiglio di Amministrazione del

Dettagli

L importanza del risparmio energetico nella raffinazione

L importanza del risparmio energetico nella raffinazione L importanza del risparmio energetico nella raffinazione Conferenza Nazionale per l'efficienza Energetica Roma, 21-22 novembre 2012 www.eni.it I consumi energetici: Il pianeta di notte Domanda di energia

Dettagli

LA NOVITÀ NELL ENERGIA, DA 70 ANNI.

LA NOVITÀ NELL ENERGIA, DA 70 ANNI. LA NOVITÀ NELL ENERGIA, DA 70 ANNI. IL GRUPPO ERG UNA REALTÀ MULTIENERGY DA OLTRE 70 ANNI IL GRUPPO ERG È UN PUNTO DI RIFERIMENTO NEL MERCATO ENERGETICO ITALIANO Il Gruppo, dal 2002, si è articolato in

Dettagli

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06)

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) 1. Introduzione I consumi di energia all utilizzatore (domestico, industriale, commerciale, per trasporti, agricolo, amministrativo, ecc) nelle

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Milano, Giugno 2009 Claudia Strasserra CSR Market Developer

Milano, Giugno 2009 Claudia Strasserra CSR Market Developer Il valore aggiunto del sistema di gestione della responsabilità sociale Milano, Giugno 2009 Claudia Strasserra CSR Market Developer L azienda come luogo di incontro L azienda è il luogo in cui si confrontano

Dettagli

RELAZIONE DI SOSTENIBILITÀ 2013. Abstract

RELAZIONE DI SOSTENIBILITÀ 2013. Abstract RELAZIONE DI SOSTENIBILITÀ 203 Abstract Il 203 è stato un anno ancora pesantemente influenzato da una profonda crisi economica e finanziaria, i cui effetti hanno minato la stabilità di molte famiglie e

Dettagli

TECNICO DI IMPIANTI TERMICI

TECNICO DI IMPIANTI TERMICI PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DI IMPIANTI TERMICI 73 COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere lo studente

Dettagli

Gli stakeholder Fornitori

Gli stakeholder Fornitori Gli stakeholder Fornitori Fornitori Trasparenza, imparzialità, correttezza e presidio dei principi di sostenibilità sono alla base delle attività di approvvigionamento dei beni e dei servizi aziendali.

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Pag. 1 di 6 1 06.02.2014 Rev. Generale 0 01.10.2013 CEPAS srl Presidente Comitato

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 (Articolo 11 del decreto legislativo n. 150/2009) INDICE 1. Introduzione pag. 3 2. Selezione dei

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER. del Gruppo Poste Italiane

CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER. del Gruppo Poste Italiane CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione INDICE 1. PREMESSA 3 2. OBIETTIVI

Dettagli

D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZATIVO, CRITERI E MODALITÀ DI VALUTAZIONE

D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZATIVO, CRITERI E MODALITÀ DI VALUTAZIONE PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DEL GIOCO DEL LOTTO AUTOMATIZZATO E DEGLI ALTRI GIOCHI NUMERICI A QUOTA FISSA Allegato D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE

Dettagli

Il Piano Energetico Ambientale Regionale: Strategie regionali per il

Il Piano Energetico Ambientale Regionale: Strategie regionali per il Il Piano Energetico Ambientale Regionale: Strategie regionali per il raggiungimento degli obiettivi 2020 Relatore: Katiuscia Grassi PO Analisi e programmazione ambientale ed energetica Servizio Infrastrutture,

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 14/05/2015 con delibera n 4 del Verbale n. 7. AFOL Metropolitana Agenzia Metropolitana

Dettagli

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE)

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) Procedura Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: MSG HSE 1 Questo pro hse documento 009 eniservizi

Dettagli

Il settore dei laterizi in Italia

Il settore dei laterizi in Italia 5 Febbraio 2009 Sicurezza e Salute sul Lavoro nel mondo delle costruzioni. Le responsabilità derivanti dal nuovo Testo Unico e i vantaggi di un sistema di gestione certificato secondo la norma OHSAS 18001:2007

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA

EFFICIENZA ENERGETICA EFFICIENZA ENERGETICA Profilo aziendale Nata nel 1986 come azienda artigiana per lo sviluppo di impianti tecnologici industriali, NUOVA ELETTRICA garantisce affidabilità e professionalità, unitamente all

Dettagli

Il ruolo dell industria petrolifera nella sfida dei nuovi carburanti

Il ruolo dell industria petrolifera nella sfida dei nuovi carburanti Strategie e strumenti per vincere la sfida della Mobilità sostenibile Il ruolo dell industria petrolifera nella sfida dei nuovi carburanti Ing. Franco Del Manso Unione Petrolifera Roma 26 novembre 2008

Dettagli

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei sistemi di gestione Certificazione sistemi di gestione ICMQ, organismo di certificazione e ispezione per il settore delle costruzioni,

Dettagli

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N.

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE Con la disciplina dettata dal

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA FORNITORI

CODICE DI CONDOTTA FORNITORI Data: 1/08/2013 Edizione n 1 rev. 0 Destinatario: Copia n Direzione HR REDAZIONE E VERIFICA APPROVAZIONE Rappresentante della Direzione COPIA ELETTRONICA CONTROLLATA, COPIA CARTACEA NON CONTROLLATA CODICE

Dettagli

Politica di tutela ambientale, salute e sicurezza sul lavoro

Politica di tutela ambientale, salute e sicurezza sul lavoro Per l ambiente Politica di tutela ambientale, salute e sicurezza sul lavoro Tenaris si impegna a realizzare le proprie attività salvaguardando l ambiente, la salute e la sicurezza dei propri dipendenti,

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017 Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017 06/02/2015 e pubblicato sul sito internet nella sezione Amministrazione trasparente Introduzione: organizzazione e funzioni di

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 Principi generali...3 Art. 2 Regole generali di condotta per le procedure

Dettagli

si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade.

si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade. si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade. Cloros è una società certificata ISO 9001 e UNI CEI 11352, che ha

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 6 giugno 2013. Determinazione dei quantitativi complessivi delle scorte di sicurezza e speci che di petrolio greggio e/o di prodotti petroliferi per l anno, scorta

Dettagli

AI CONSORZI E ALLE COOPERATIVE DI GARANZIA COLLETTIVA FIDI

AI CONSORZI E ALLE COOPERATIVE DI GARANZIA COLLETTIVA FIDI Roma, 4 gennaio 2010 LETTERA CIRCOLARE REGIONE ABRUZZO ALLE BANCHE ALLE SOCIETA DI LEASING AI CONSORZI E ALLE COOPERATIVE DI GARANZIA COLLETTIVA FIDI operanti con Artigiancassa S.p.A. nella Regione Abruzzo

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Sommario Premessa 0.1 Obiettivi 0.2 Adozione 0.3 Diffusione 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento Sezione I Rapporti con l esterno 1.1 Competizione

Dettagli

Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte

Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SISTEMI DI COMPLIANCE E DECRETO LEGISLATIVO 231 DEL 2001 Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte Stefano Bonetto e Francesco

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. n.231 DEL 2001

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. n.231 DEL 2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. n.231 DEL 2001 PRINCIPI ED ELEMENTI DI RIFERIMENTO PARTE SPECIALE C - CODICE DISCIPLINARE INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 3 1.1

Dettagli

SIRAM al servizio del progresso energetico

SIRAM al servizio del progresso energetico SIRAM al servizio del progresso energetico Il Gruppo Siram in Italia SIRAM SPA Leader in Italia nei servizi energetici e multitecnologici per il mercato Pubblico e Privato sede legale Milano 4 Unità di

Dettagli

CODICEETICO EDICONDOTTA

CODICEETICO EDICONDOTTA CODICEETICO EDICONDOTTA Dicembre2013 CODICE ETICO E DI CONDOTTA DEL GRUPPO ALMAVIVA ARTICOLO 1 - PREMESSA Il presente Codice Etico e di Condotta (Codice) definisce i principi etici di riferimento e le

Dettagli

Stabilimento di Livorno

Stabilimento di Livorno Stabilimento di Livorno Lo Stabilimento EniPower opera all interno della Raffineria Eni di Livorno dal 2000 a seguito dell acquisizione da parte della Divisione Refining & Marketing della Centrale Termoelettrica

Dettagli

IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE

IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE Dott. Ing. Andrea Papageorgiou, Direttore Generale Bryo S.p.A Giovedì 2 Ottobre 2014 AEPI Industrie Srl Imola In collaborazione

Dettagli

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Martedi, 9 Giugno - 2015 Emanuele Cosenza SOGESCA Srl e.cosenza@sogesca.it ARGOMENTI Progetto 50000and1SEAPs

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Adesione al Patto dei Sindaci, Delibera di C.C. n. 8 del 2013 Allegato E Provincia di Livorno Struttura di Coordinamento del Patto dei Sindaci

Dettagli

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting I settori più energivori:

Dettagli

Carbon Footprint di un organizzazione

Carbon Footprint di un organizzazione CHE COSA E LA CARBON FOOTPRINT? La Carbon Footprint misura il contributo che le attività umane producono sull effetto serra, espresso in tonnellate di biossido di carbonio equivalente (CO 2 eq). Il tema

Dettagli

ISO 50001 come strumento per l efficienza energetica

ISO 50001 come strumento per l efficienza energetica Per una migliore qualità della vita ISO 50001 come strumento per l efficienza energetica Alessandro Ficarazzo Certiquality QUALITY ENVIRONMENT SAFETY ENERGY PRODUCT INSPECTION TRAINING 27 maggio 2015 Assolombarda

Dettagli

Il vostro partner per le soluzioni integrate nel settore dell energia

Il vostro partner per le soluzioni integrate nel settore dell energia E.ON Connecting Energies Il vostro partner per le soluzioni integrate nel settore dell energia Volete ridurre i costi energetici della vostra azienda? Avete obiettivi ambientali ambiziosi? La sicurezza

Dettagli

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO Pag. 1 di 8 Consorzio Train Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO conforme ai requisiti del D.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, e smi Codice Etico Pag. 2 di 8 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1.1 FINALITA, CONTENUTI

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Crescere nell efficienza

Crescere nell efficienza Le sfide competitive per le imprese di servizi e industriali TAVOLA ROTONDA Perché si deve fare e perché non si fa: come superare le barriere non economiche liberando risorse, ovvero le iniziative del

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA D IMPRESA PER IL GRUPPO INTESA SANPAOLO

EFFICIENZA ENERGETICA D IMPRESA PER IL GRUPPO INTESA SANPAOLO EFFICIENZA ENERGETICA D IMPRESA PER IL GRUPPO INTESA SANPAOLO Gianmarco Manzone Divisione Banca dei Territori Ufficio Finanziamenti e Confidi 1 Roma, 22 ottobre 2008 La storia di Intesa Sanpaolo 1998 2000

Dettagli

Independent Market Energy Saving Consulting

Independent Market Energy Saving Consulting Independent Market ALENS è ESCo certificata UNI CEI 11352 da TÜV SUD Una nuova realtà nel settore della consulenza in campo energetico, nata dall esperienza pluriennale dei soci. Independent Market Chi

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA POLITICA DELLA QUALITÀ Mission ECOSISTEMI S.r.l. è una società di consulenza e formazione ambientale specializzata in strategie, programmi, azioni e strumenti per

Dettagli

Metodologia di gestione delle performance

Metodologia di gestione delle performance Metodologia di gestione delle performance Il sistema di gestione delle performance deriva direttamente dalle priorità politiche di ciascuna Giunta ed è strettamente coordinato con tutti gli altri strumenti

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

ESSO Italiana s.r.l.

ESSO Italiana s.r.l. ESSO Italiana s.r.l. Generalità Ragione sociale ESSO ITALIANA Deposito costiero idrocarburi liquidi Indirizzo Via Nuova delle Brecce, 127 Comune Napoli Gestore Ing. Mirko Ranieri Recapiti del Gestore Domicilio:

Dettagli

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 Messaggio della Bruschi Spa attraverso il suo CEO A distanza di 1 anno dalla prima adesione all iniziativa Global Compact siamo lieti di confermare il nostro impegno a proseguire

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

alla Confindustria Viale dell Astronomia n. 30 (fax 06/5923713)

alla Confindustria Viale dell Astronomia n. 30 (fax 06/5923713) Roma, 2 gennaio 2008 Protocollo: 1/V Rif.: Allegati: 1 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI e per conoscenza: agli Uffici di diretta collaborazione

Dettagli

SICUREZZA, AMBIENTE, QUALItà

SICUREZZA, AMBIENTE, QUALItà SICUREZZA, AMBIENTE, QUALItà L IMPRESA AL SERVIZIO DELLE IMPRESE Perchè scegliere di rispettare il proprio business e affidarsi a I NOSTRI SERVIZI SICUREZZA SUL LAVORO FORMAZIONE H.A.C.C.P. AMBIENTE B.ETHIC

Dettagli

Efficienza energetica: guida normativa su ESCo, Esperti, contratti, diagnosi energetiche e TEE

Efficienza energetica: guida normativa su ESCo, Esperti, contratti, diagnosi energetiche e TEE Febbraio 2014 Efficienza energetica: guida normativa su ESCo, Esperti, contratti, diagnosi energetiche e TEE Nell era del risparmio energetico, le politiche e le più svariate forme di incentivo per l utilizzo

Dettagli

AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE. Febbraio 2007

AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE. Febbraio 2007 AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE Febbraio 2007 SOMMARIO INTRODUZIONE...3 1. PRINCIPI GENERALI...3 2. REGOLE GENERALI DI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

CODICE ETICO e di CONDOTTA. Della Monica & Partners Srl. Società tra Professionisti

CODICE ETICO e di CONDOTTA. Della Monica & Partners Srl. Società tra Professionisti CODICE ETICO e di CONDOTTA Della Monica & Partners Srl Società tra Professionisti Giugno 2014 INDICE... 2 ARTICOLO 1 PREMESSA... 3 ARTICOLO 2 OBIETTIVI E VALORI... 3 ARTICOLO 3 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO...

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/078/CR08bis/C9

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/078/CR08bis/C9 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/078/CR08bis/C9 STANDARD FORMATIVO PER L ATTIVITÀ DI INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE STRAORDINARIA DI IMPIANTI ENERGETICI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI

Dettagli

ORGANISMO DI VIGILANZA

ORGANISMO DI VIGILANZA ALLEGATO 3 ORGANISMO DI VIGILANZA 12 1. Il decreto 231/01 e l istituzione dell OdV Come noto il Decreto 231/01 ha introdotto una nuova forma di responsabilità delle persone giuridiche per alcuni tipi di

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DI PERSONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DI PERSONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DI PERSONALE Brindisi Multiservizi S.r.l. Pagina 1 INDICE Introduzione... 3 1 - Principi generali... 3 2 - Regole generali

Dettagli

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO Economie_corretto_14mar2011.indd 1 27-03-2011 17:07:00 2 Un azienda in regola è un azienda tranquilla. Un azienda tranquilla si dedica al proprio sviluppo.

Dettagli

L Energia dell Italia

L Energia dell Italia L Energia dell Italia Abbiamo sempre offerto un servizio puntuale alla mobilità del Paese. Siamo cresciuti e oggi siamo davvero in tanti. Grazie alla forte capillarità sul territorio siamo presenti su

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE COPERTINA MGA rev. n.01 del 08-11-2007 AMI S.p.A. MANUALE DELLA GESTIONE SECONDO LA NORMA UNI EN ISO 14001 Emesso da: Responsabile gestione ambientale Approvato da: Direzione Generale Cap. 0 - Pag. 1 di

Dettagli

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Bienergy Expo Usi termici da fonti rinnovabili: Il ruolo della filiera legno-energia Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Vito Pignatelli, Presidente ITABIA ITABIA - Italian Biomass Association

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 (deliberato dal C. di A. nella seduta del 19 giugno 2015) 1 1 - Introduzione e normativa di riferimento Il Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Dettagli

Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale

Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale La spirale perversa LEGGI SOCIALI ED AMBIENTALI PIÙ RESTRITTIVE POLITICI INDUSTRIA PERCEZIONE NEGATIVA DEGLI STAKEHOLDER PRESSIONE PER UNA MIGLIORE

Dettagli

CODICE ETICO. Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008. Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015

CODICE ETICO. Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008. Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015 CODICE ETICO Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008 Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015 (revisione approvata con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

1 La politica aziendale

1 La politica aziendale 1 La Direzione Aziendale dell Impresa Pizzarotti & C. S.p.A. al livello più elevato promuove la cultura della Qualità, poiché crede che la qualità delle realizzazioni dell Impresa sia raggiungibile solo

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management

Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management Voce Controllo del Documento Informazioni Documento Informazione Identificativo documento DIR-IA

Dettagli

Gli strumenti per lo sviluppo delle biomasse in Italia. Norme, incentivi, iter autorizzativi, contrattualistica

Gli strumenti per lo sviluppo delle biomasse in Italia. Norme, incentivi, iter autorizzativi, contrattualistica Roma, 23 Settembre 2010 Gli strumenti per lo sviluppo delle biomasse in Italia. Norme, incentivi, iter autorizzativi, contrattualistica Dott.ssa M.R. Di Somma Assocostieri è l associazione italiana della

Dettagli

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Roma, 13 ottobre 2015 Focus internazionalizzazione Nei primi mesi del 2015 si rafforzano i primi segnali positivi per l economia italiana,

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

CRITERI PER INCENTIVARE L ACCELERAZIONE DELL ENTRATA IN ESERCIZIO DEGLI INVESTIMENTI DI SVILUPPO DELLA CAPACITÀ DI STOCCAGGIO

CRITERI PER INCENTIVARE L ACCELERAZIONE DELL ENTRATA IN ESERCIZIO DEGLI INVESTIMENTI DI SVILUPPO DELLA CAPACITÀ DI STOCCAGGIO DCO 38/11 CRITERI PER INCENTIVARE L ACCELERAZIONE DELL ENTRATA IN ESERCIZIO DEGLI INVESTIMENTI DI SVILUPPO DELLA CAPACITÀ DI STOCCAGGIO Documento per la consultazione per la formazione di provvedimenti

Dettagli

Introduzione. Raffineria di Taranto

Introduzione. Raffineria di Taranto Introduzione La Raffineria di Taranto è entrata in esercizio alla fine degli anni 60 ed è stata sottoposta negli anni ad un continuo processo d adeguamento delle sue strutture alle esigenze del mercato

Dettagli

La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale

La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale Azienda leader nel campo della nutrizione, della salute e del benessere, Nestlé ambisce a migliorare

Dettagli

Certificazione Ambientale ISO14001. Ottobre 2008

Certificazione Ambientale ISO14001. Ottobre 2008 ertificazione Ambientale ISO14001 Ottobre 2008 La certificazione ISO 14001 La certificazione ISO 14001 di un Sistema di gestione ambientale è la dichiarazione di un ente certificatore, accreditato dal

Dettagli

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica In collaborazione con Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica Relatore: ing. M. Capuana Taomina,

Dettagli

Scaricato da. www.largoconsumo.info

Scaricato da. www.largoconsumo.info Scaricato da www.largoconsumo.info E Easy, la prima bottiglia di acqua minerale carbon neutral della San Benedetto Un prodotto che rientra nella mission e nella vocazione ambientale dell azienda Si chiama

Dettagli

La Sostenibilità in Acea

La Sostenibilità in Acea La Sostenibilità in Acea Seminario organizzato da Rotary Club Castelli Romani e Università di Roma Tor Vergata Etica ed Economia Quale tutela per i cittadini e i risparmiatori? Monte Porzio Catone, 29

Dettagli