Modellazione di una parte mediante le Superfici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modellazione di una parte mediante le Superfici"

Transcript

1 Modellazione di una parte mediante le Superfici Numero di pubblicazione spse01560

2 Informativa sui diritti di proprietà esclusiva e sulle limitazioni d uso Questo prodotto software e la relativa documentazione sono di proprietà di Siemens Product Lifecycle Management Software Inc Siemens Product Lifecycle Management Software Inc. Tutti i diritti riservati. Tutti i marchi appartengono ai rispettivi proprietari. 2 Modellazione di una parte mediante le Superfici spse01560

3 Sommario Introduzione Modellazione di superfici Che cos è la modellazione di superfici e perché utilizzarla? Flusso di lavoro generale della modellazione di superfici Riesame della lezione Sommario della lezione Creazione e modifica delle curve Modellazione delle superfici Panoramica delle spline Creazione di curve Definizione di curva Modifica delle curve Semplifica Comando Converti come curva Attività: Disegno e modifica di una curva BlueDot (modellazione ordinata) Attività: Creazione e modifica di BlueDot Riesame della lezione Sommario della lezione Tecniche per la creazione di curve indirette Altri metodi per la creazione di curve Punti di attraversamento Punti silhouette Immagine Punti, curve (e superfici) come elementi di costruzione Riesame della lezione Sommario della lezione Creazione di una superficie Panoramica delle superfici Creazione di una superficie semplice Attività: Creazione e modifica di superfici semplici Utilizzo di semplici superfici come superfici di costruzione Copia dello schizzo Creazione di una superficie di scorrimento Attività: Creazione di una superficie di scorrimento Creazione di una superficie di loft (modellazione ordinata) Superficie di contorno BlueSurf Riesame della lezione Sommario della lezione spse01560 Modellazione di una parte mediante le Superfici 3

4 Sommario Strumenti per la manipolazione delle superfici Estendi superficie Superficie di offset Copia superficie Ritaglia superficie Elimina facce Superficie cucita Raccordo Sostituisci faccia Attività: Manipolazione delle superfici Divisione Faccia Divisione di separazione Superficie di divisione Attività: Divisione di separazione e superficie di divisione Attività: Creazione del corpo di un rasoio rotante Attività: Assemblaggio Riesame della lezione Sommario della lezione Strumenti di ispezione delle superfici e delle curve Grafici di curvatura Strumenti di ispezione delle superfici Riesame della lezione Sommario della lezione Attività: Disegno e modifica di una curva A-1 Disegnare una curva A-1 Nascondere lo schizzo contenente i punti di modifica A-2 Modificare la forma della curva A-3 Aggiungere ulteriore controllo alla curva A-5 Ispezionare la curva usando Grafici di curvatura A-9 Disegnare una curva collegata a elementi A-11 Vincolare la curva A-12 Sommario A-18 Attività: Creazione e modifica di BlueDot B-1 Usare BlueDot per collegare due curve B-2 Collegare le quattro curve ai punti finali B-3 Modificare un BlueDot B-4 Sommario B-9 Attività: Creazione di curve per punti chiave C-1 Creare una curva per punti chiave C-1 Creare curve per punti chiave tra gli schizzi C-4 Collegare le curve per punti chiave con BlueDot C-5 Modificare un BlueDot C-6 Includere la tangenza nelle curve per punti chiave C-8 Sommario C-10 Attività: Altri metodi per la creazione di curve D-1 Creare una curva di intersezione D-1 4 Modellazione di una parte mediante le Superfici spse01560

5 Sommario Creare una curva trasversale D-2 Usare la curva di proiezione D-4 Creare una curva di contorno D-8 Modificare la forma della curva di contorno D-9 Usare i metodi di creazione Curva derivata e Dividi curva D-11 Sommario D-14 Attività: Creazione e modifica di superfici semplici E-1 Creare una superficie estrusa E-1 Modificare la forma della superficie estrusa E-2 Creare una superficie di rivoluzione E-3 Modificare la forma della superficie di rivoluzione E-4 Sommario E-5 Attività: Creazione di una superficie di scorrimento F-1 Creare una superficie di scorrimento F-1 Modificare la forma della superficie F-3 Modificare dinamicamente la curva del percorso F-4 Sommario F-6 Attività: Creazione di una feature BlueSurf mediante analitica G-1 Creare più feature BlueSurf G-1 Creare un altra BlueSurf G-2 Creare una terza BlueSurf G-5 Aggiungere sezioni trasversali alla BlueSurf G-7 Sommario G-9 Attività: Creazione e modifica di una feature BlueSurf H-1 Creare una BlueSurf con guide H-1 Inserire schizzi sulla BlueSurf H-2 Eseguire modifiche BlueDot per cambiare la forma della superficie H-6 Sommario H-9 Attività: Manipolazione delle superfici I-1 Estensione di una superficie I-1 Applicare un offset a una superficie I-3 Proiettare una curva su una superficie I-5 Ritagliare una superficie I-7 Copiare una superficie I-9 Eliminare facce I-10 Cucire le superfici I-14 Sostituire una faccia I-18 Sommario I-20 Attività: Divisione di separazione e superficie di divisione J-1 Creazione di uno sketch J-1 Creare la parte anima J-2 Creare la cavità J-3 Creare una curva divisione di separazione sulla cavità J-5 Creare una superficie di divisione J-6 Dividere la parte J-8 spse01560 Modellazione di una parte mediante le Superfici 5

6 Sommario Aprire ciascuna delle due metà stampo J-11 Sommario J-13 Attività: Creazione del corpo di un rasoio rotante K-1 Creare una superficie estrusa K-2 Creare una curva K-3 Eseguire lo schizzo di una sezione trasversale K-4 Creare curve aggiuntive K-5 Creare una superficie BlueSurf K-11 Creare una superficie di contorno K-13 Cucire insieme le superfici K-14 Creare un piano di riferimento K-15 Creare un apertura per il pulsante di accensione K-16 Creare un apertura per il cavo di alimentazione K-17 Dividere in due il corpo solido K-19 Eseguire l offset della superficie posteriore K-21 Creare uno spazio per altri componenti del rasoio K-22 Applicare una parete sottile alla parte K-25 Spigoli del raccordo K-26 Sommario K-27 Attività: Assemblaggio L-1 Costruire la superficie superiore L-2 Creare curve di intersezione per sviluppare la superficie anteriore L-6 Creare curve di intersezione per sviluppare le superfici laterali L-9 Creare la superficie inferiore L-13 Aggiungere un altra superficie L-19 Creare la superficie finale L-21 Chiudere gli estremi L-24 Cucire insieme le superfici L-24 Sommario L-25 6 Modellazione di una parte mediante le Superfici spse01560

7 Capitolo 1 Introduzione Corso personalizzato per Solid Edge. Questo corso è progettato per insegnare all utente ad utilizzare Solid Edge. Il corso è personalizzato e contiene istruzioni seguite da attività. Corsi personalizzati di Solid Edge spse01510 Sketch spse01515 Creazione delle feature di base spse01520 Spostamento e rotazione delle facce spse01525 Utilizzo delle relazioni geometriche spse01530 Creazione delle feature per il trattamento spse01535 Costruzione di feature procedurali spse01536 Modellazione delle feature sincrone e ordinate spse01540 Modellazione degli assiemi spse01541 Esplodi-Rendering-Anima spse01545 Creazione di disegni dettagliati spse01546 Progetto Sheet Metal spse01550 Migliorare le abilità con i progetti spse01560 Modellazione di una parte mediante le superfici spse01610 Strutture di Solid Edge spse01640 Creazione di pattern dell assieme spse01645librerie dei sistemi di assiemi spse01650 Utilizzo di assiemi di grandi dimensioni spse01655 Revisione degli assiemi spse01660 Rapporti sugli assiemi spse01665 Sostituzione di parti di un assieme spse01560 Modellazione di una parte mediante le Superfici 1-1

8 Capitolo 1 Introduzione spse01670 Progettazione nel contesto di un assieme spse01675 Feature di assieme spse01680 Ispezione degli assiemi spse01685 Assiemi alternativi spse01690 Componenti virtuali degli assiemi spse01695 XpresRoute (tubature) spse01696 Creazione di un cablaggio preassemblato con Cavi e cablaggi spse01424 Utilizzo di Solid Edge Embedded Client Moduli personalizzati di Solid Edge spse01510 Sketch spse01515 Creazione delle feature di base spse01520 Spostamento e rotazione delle facce spse01525 Utilizzo delle relazioni geometriche spse01530 Creazione delle feature per il trattamento spse01535 Costruzione di feature procedurali spse01536 Modellazione delle feature sincrone e ordinate spse01540 Modellazione degli assiemi spse01545 Creazione di disegni dettagliati spse01546 Progetto Sheet Metal spse01550 Migliorare le abilità con i progetti Iniziare con le esercitazioni La formazione personalizzata inizia dove terminano le esercitazioni. Le esercitazioni rappresentano il modo più rapido per familiarizzare con le funzioni di base di Solid Edge. Se non si ha alcuna esperienza con Solid Edge, iniziare con le esercitazioni per la modifica e la modellazione della parte di base prima di iniziare questo corso personalizzato. 1-2 Modellazione di una parte mediante le Superfici spse01560

9 Capitolo 2 Modellazione di superfici Solid Edge fornisce due diversi stili di modellazione 3D: modellazione solidi e modellazione superfici. Il metodo modellazione di solidi 1. La funzionalità del prodotto è l aspetto principale e l estetica è meramente accessoria. 2. Solid Edge è un leader di settore per questo stile di modellazione e offre le seguenti caratteristiche aggiuntive: Le diverse operazioni di modellazione sono identificate come feature. Viene conservata una struttura cronologica di feature. Tutte le proprietà utilizzate per definire una feature possono essere modificate in qualsiasi momento. spse01560 Modellazione di una parte mediante le Superfici 2-1

10 Capitolo 2 Modellazione di superfici Il metodo modellazione di superfici 1. Molti prodotti di consumo vengono progettati mediante tecniche di modellazione di superfici a causa dell enfasi che il mercato pone sullo stile e sull ergonomia, pertanto l estetica di un modello ha la priorità assoluta ed è l elemento principale del processo di progettazione. La funzionalità del prodotto è solo seconda in termini di importanza. 2. Al pari delle feature di modellazione di solidi, Solid Edge amplia questo stile rendendo ciascun punto, curva e superficie un entità che sa come è stata creata e che può essere modificata in qualsiasi momento. 2-2 Modellazione di una parte mediante le Superfici spse01560

11 Modellazione di superfici Che cos è la modellazione di superfici e perché utilizzarla? Il metodo modellazione di solidi viene generalmente utilizzato per la modellazione di feature solide. Di seguito sono riportate le caratteristiche chiave dell approccio della modellazione di solidi: È caratterizzata da schizzi/profili 2D utilizzati per la creazione di estrusioni, rivoluzioni e loft per formare solidi e pieghe sui bordi dei solidi. Comporta principalmente l aggiunta o la rimozione di materiale mediante forme analitiche. La topologia del modello è determinata dalle facce. I fori vengono utilizzati per l allineamento. Le facce delle feature vengono utilizzate per l allineamento e per l accoppiamento con altre feature. I bordi vengono arrotondati per motivi di sicurezza e rafforzamento. I bordi e le facce sono principalmente basati su elementi analitici. spse01560 Modellazione di una parte mediante le Superfici 2-3

12 Capitolo 2 Modellazione di superfici La modellazione con feature basate su superfici inizia generalmente con un wireframe, da qui vengono generate le superfici. Di seguito sono riportate le caratteristiche chiave della modellazione di superfici: È caratterizzata da punti di controllo utilizzati per definire curve 2D e 3D. La topologia del modello è determinata da bordi e curve. I bordi e le facce sono principalmente basati su spline. Le forme delle superfici sono molto importanti, pertanto la possibilità di modificare direttamente le curve e i bordi che ne costituiscono la base è fondamentale. Le linee di evidenziazione, i bordi silhouette e le linee di flusso di un modello sono importanti. 2-4 Modellazione di una parte mediante le Superfici spse01560

13 Modellazione di superfici Flusso di lavoro generale della modellazione di superfici 1. Creare disegni di controllo. Definizione: I disegni di controllo sono viste di disegno 2D che definiscono le viste superiore, laterale e inferiore. Di solito, una o due viste prevalgono (definiscono gran parte della forma). Ambiente Part: è possibile creare disegni di controllo disegnando direttamente sui piani di riferimento. I punti di attraversamento sono utili per il collegamento delle curve. Ambiente Draft: è possibile creare disegni di controllo in 2D, quindi utilizzare il comando Copia e incolla per trasferire gli elementi 2D dall ambiente Draft a Part. Inoltre, è possibile utilizzare l opzione Crea 3D oppure importare schizzi. Suggerimento Quando si disegna un elemento di schizzo nell ambiente Part o Draft, utilizzare il comando Colore linea per agevolare la distinzione dei bordi e dei bordi di costruzione nel disegno di controllo. Disegnare tutte le curve di caratteri. Non eseguire disegni in sovrapposizione. Non eseguire la modellazione di raccordi, nervature o feature per cui si potrebbero ottenere risultati migliori utilizzando feature solide. Acquisizione dell intento di progettazione. Aggiungere quote e vincoli. Creare B-spline semplici con pochi punti di modifica. Assicurarsi che gli schizzi delle viste vengano salvati. Creare continuità dei bordi negli schizzi. spse01560 Modellazione di una parte mediante le Superfici 2-5

14 Capitolo 2 Modellazione di superfici 2. Utilizzare geometria 2D per sviluppare curve 3D. Proiettare curve dai disegni di controllo. Potrebbero essere necessarie alcune superfici di costruzione per generare curve 3D. Questo è molto importante per ridurre i passaggi della modellazione. Le curve 3D offrono un controllo più semplice dei bordi. Acquisire l intento di progettazione utilizzando i disegni di controllo. Senza le curve 3D, i bordi di caratteri potrebbero non essere acquisiti. La mancanza di bordi 3D elimina l intento di progettazione e aggiunge ulteriori passaggi di modellazione. 2-6 Modellazione di una parte mediante le Superfici spse01560

15 Modellazione di superfici Con le curve 3D, l intento di progettazione viene conservato e il processo di modellazione viene abbreviato. È possibile modificare la forma in modo semplice, modificando le curve di caratteri della relativa vista. La creazione di bordi 3D garantisce un progetto accurato e riduce i passaggi di modellazione. Apportare modifiche alle curve 3D è semplice. Basta modificare la curva di caratteri nel disegno di controllo. Ripetere il processo finché tutte le curve 3D non sono state create. Dovrebbe risultare una rappresentazione "wireframe" del modello. Tutte le curve 3D dovrebbero toccarsi. spse01560 Modellazione di una parte mediante le Superfici 2-7

16 Capitolo 2 Modellazione di superfici 3. Utilizzare le curve 3D per sviluppare le superfici. Comando BlueSurf. Gli input sono costituiti da guide e sezioni. Comando Scorrimento. Gli input sono costituiti da guide e sezioni. Comando Superficie di contorno. Patch di n lati. 2-8 Modellazione di una parte mediante le Superfici spse01560

17 Modellazione di superfici 4. Creare un solido e aggiungere feature basate su solidi appropriate. Cucire insieme le superfici Aggiungere feature basate su solidi Parete sottile Nervatura di rinforzo Foro Raccordo Web network Lip 5. Finalizzare. Analizzare la continuità dei bordi utilizzando quanto segue: Grafico di curvatura Strisce di zebra Modificare le curve di caratteri Modificare i vettori tangenti Modificare la mappatura dei vertici spse01560 Modellazione di una parte mediante le Superfici 2-9

18 Capitolo 2 Modellazione di superfici Riesame della lezione Se la funzionalità di un prodotto ha la priorità rispetto alle considerazioni ergonomiche, la parte dovrebbe essere progettata mediante un approccio di modellazione di solidi o superfici? A quale stile di modellazione (di solidi o superfici) si riferiscono le seguenti affermazioni? Comporta principalmente la rimozione o l aggiunta di materiale per formare il modello. Per definire le curve 2D e 3D, vengono utilizzati i punti di controllo. I bordi e le facce sono principalmente basati su spline. Le facce delle feature vengono utilizzate per l allineamento con altre feature. Sommario della lezione Dovrebbero essere state comprese le differenze tra la modellazione di solidi e di superfici. Dovrebbe essere chiaro quando utilizzare un approccio di modellazione di superfici o solidi. Nella modellazione di superfici, il modello è controllato dalle curve. Nella modellazione di solidi, il modello è controllato dalle facce. Comprendere il flusso di lavoro di modellazione delle superfici è importante per creare e modificare correttamente le superfici. La procedura generale per la creazione di superfici è la seguente: Creare disegni di controllo Utilizzare geometria 2D per sviluppare curve 3D Utilizzare curve 3D per sviluppare superfici Creare un solido e aggiungere feature basate su solidi appropriate Finalizzare 2-10 Modellazione di una parte mediante le Superfici spse01560

19 Capitolo 3 Creazione e modifica delle curve Obiettivo Al termine di questa lezione, lo studente sarà in grado di: Creare curve Modificare curve Analizzare curve Creare BlueDot Modificare BlueDots spse01560 Modellazione di una parte mediante le Superfici 3-1

20 Capitolo 3 Creazione e modifica delle curve Modellazione delle superfici La base della modellazione delle superfici è data dalle sezioni trasversali e dalle guide. Le sezioni trasversali e le guide possono essere entità di tipo analitico o spline. Il tipo di entità analitico consiste di: 2D: Linee, archi, cerchi, ellissi, parabole e iperboli. Intersezione di un piano e un cono. 3D: Cubi, sfere, cilindri, coni e tori. Un entità di tipo spline consiste di: 2D: curve spline costruite, curve derivate. 3D: curve spline derivate. Un metodo di modellazione dei solidi che utilizza feature di rivoluzione offre come risultato nessun controllo dei bordi e difficoltà nell apportare modifiche. Il bordo (A) è l esito dell intersezione di due superfici ruotate. L utente non ha controllo diretto sul risultato. 3-2 Modellazione di una parte mediante le Superfici spse01560

21 Creazione e modifica delle curve Un metodo di modellazione della superficie offre il perfetto controllo dei bordi, che sono basati su curve carattere. L utente ha il controllo diretto su bordi come (A). Panoramica delle spline Una spline corrisponde ad una curva standard nella maggior parte dei sistemi CAD. A differenza delle linee e delle curve coniche, in genere categorizzate come analitiche, la spline può essere modellata e può assumere la forma bidimensionale o tridimensionale desiderata. La loro natura flessibile fa delle spline la base della modellazione delle superfici. Un tipo di entità spline consiste di: 2D: curve spline costruite, curve derivate. 3D: curve spline derivate. Nota In origine, una spline era uno strumento in legno o metallo sottile utilizzato per tracciare una curva attraverso dei punti. spse01560 Modellazione di una parte mediante le Superfici 3-3

22 Capitolo 3 Creazione e modifica delle curve Di seguito è illustrata una spline 2D. Di seguito è illustrata una superficie 3D basata su una spline. Per il resto del corso, il termine curva verrà utilizzato in luogo di spline. Ricordare quindi che le curve sono spline. Verranno esaminati due tipi di curva: costruite L utente ha il controllo diretto delle curve costruite. derivate Le curve derivate sono controllate dal metodo utilizzato per crearle. Le curve derivate non possono essere modificate direttamente. 3-4 Modellazione di una parte mediante le Superfici spse01560

23 Creazione e modifica delle curve Creazione di curve Utilizzare il comando Curve per disegnare una curva dolce mediante punti. Si può fare clic e trascinare, o fare clic su diversi punti di modifica per definire la curva. Se si fa clic per creare dei punti di modifica, definire almeno tre punti con la creazione della curva. Quando si fa clic e si trascina per creare la curva, questa dispone di due punti di modifica. Quando si crea la curva, i punti di modifica (A) e i punti del vertice di controllo della curva (B) vengono creati per assistere al processo di modifica e di gestione della forma della curva. spse01560 Modellazione di una parte mediante le Superfici 3-5

24 Capitolo 3 Creazione e modifica delle curve Definizione di curva Il controllo della forma di una curva dipende dal numero di punti di controllo e modifica. Questi elementi sono determinati da espressioni polinomiali standard. Ordine delle curve L ordine delle curve è uguale al grado della curva più 1 (Ordine = Grado +1). Una curva polinomiale è definita come: x(t) = x0 +x1(t1) + x2(t2) + x3(t3) y(t) = y0 +y1(t1) + y2(t2) + y3(t3) 3-6 Modellazione di una parte mediante le Superfici spse01560

25 Creazione e modifica delle curve Determinazione dei vertici di controllo Se il numero di punti di modifica è pari a due o tre, il numero di Vertici di controllo = Ordine. Esempio: Punti di modifica = 3 Gradi = 8 Ordine = 9 (gradi + 1) Vertici di controllo = 9 Se il numero dei punti di modifica è >=4, il numero dei vertici di controllo (n+2) + {(n-1) x (k-4). Dove n = Punti di modifica e k = Ordine. Esempio: Punti di modifica = 7 Grado = 5 Ordine = 6 (gradi + 1) Vertici di controllo = 21 spse01560 Modellazione di una parte mediante le Superfici 3-7

26 Capitolo 3 Creazione e modifica delle curve 3-8 Modellazione di una parte mediante le Superfici spse01560

27 Creazione e modifica delle curve Modifica delle curve È possibile modificare le curve in qualsiasi momento tramite due metodi per la modifica delle curve. 1. Modalità di modifica del profilo: Come modificare uno schizzo. 2. Modalità di modifica dinamica: Mostra tutti i punti di controllo e modifica. Quando si sposta un punto di controllo o di modifica, la curva si aggiorna automaticamente; qualsiasi superficie avente la curva come entità di definizione verrà aggiornata automaticamente. I pulsanti Aggiungi/Rimuovi punti e Opzioni curva sono disattivati in modalità di modifica dinamica. Queste opzioni sono disponibili solo nella modalità di modifica del profilo. Aggiungi/Rimuovi punti Mostra poligono Mostra Grafico di curvatura Modifica forma Modifica locale Opzioni curva spse01560 Modellazione di una parte mediante le Superfici 3-9

28 Capitolo 3 Creazione e modifica delle curve Modifica delle curve Il dialogo Curva consente di gestire le modifiche della forma della curva quando si apportano dei cambiamenti ai punti di modifica e ai punti del vertice di controllo. I pulsanti Modifica forma e Modifica locale consentono di gestire la forma della curva con lo spostamento di un punto sulla curva. Quando si seleziona il pulsante Modifica forma, si effeziona la forma dell intera curva spostandone uno dei punti. Quando si seleziona il pulsante Modifica locale, si effeziona la forma della curva attorno al punto di editazione. Con Modifica locale, se si trascina un punto del vertice su una curva non vincolata, non si sposta nessun altro punto del vertice. Tuttavia, se si trascina un punto del vertice o una curva che presenta alcune relazioni, gli altri punti del vertice possono spostarsi allo stesso modo, per adattarsi nella nuova posizione del punto del vertice spostata mentre si conservano le relazioni. Nota Non è possibile trascinare un punto di modifica completamente vincolato. È possibile selezionare il pulsante Opzioni curva per visualizzare la finestra di dialogo Opzioni curva. Questa finestra di dialogo consente di modificare il numero di gradi per la curva e specificare la modalità di relazione per la curva. Impostare il nodo della relazione come: Flessibile Rigida 3-10 Modellazione di una parte mediante le Superfici spse01560

29 Creazione e modifica delle curve La modalità Flessibile consente di utilizzare le relazioni esterne per gestire la forma della curva. Per esempio, applicare una relazione di quotatura sulla curva. Modificando la quota, la forma verrà modificata di conseguenza. La modalità Rigida non consente di utilizzare le relazioni esterne per gestire la forma della curva. La forma rimane identica, e la curva viene ruotata. Opzioni Curva Le opzioni curva sono illustrate di seguito. spse01560 Modellazione di una parte mediante le Superfici 3-11

30 Capitolo 3 Creazione e modifica delle curve Modalità di relazione La flessibilità consente di modificare la forma della curva durante le modifiche BlueDot o una modifica a una curva collegata a un altra curva tramite una relazione di collegamento. La rigidità blocca la forma delle curve. La forma della curva non cambierà durante le modifiche BlueDots o una modifica a una curva collegata a un altra curva tramite una relazione di collegamento. Grado Nota Queste relazioni vengono applicate a modifiche esterne (BlueDot o modifica dinamica). In modalità di modifica profilo, una curva rigida può essere modificata nella forma. La finestra di dialogo Opzioni curva consente di controllare il grado delle curve e la modalità di relazione. Il grado predefinito è tre. Più elevato è il grado, maggiore è il controllo esercitabile sulla modifica della curva locale. Nell illustrazione in basso la curva (A) è del grado predefinito 3. Il grado della curva (B) è stato incrementato a 4. Più elevato è il grado, maggiore è il controllo esercitabile sulla modifica della curva Modellazione di una parte mediante le Superfici spse01560

attraverso l impiego convenzionale di linee, numeri e simboli Il disegno rappresenta un elemento chiave del ciclo di vita di un prodotto CAM CAM

attraverso l impiego convenzionale di linee, numeri e simboli Il disegno rappresenta un elemento chiave del ciclo di vita di un prodotto CAM CAM Il disegno tecnico di un oggetto è in grado di spiegarne: - la forma, - le dimensioni, - la funzione, - la lavorazione necessaria per ottenerlo, - ed il materiale in cui è realizzato. attraverso l impiego

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Hugo Hansen L'autore L'autore Hugo Hansen vive appena fuori dalla splendida città di Copenhagen. Esperto professionista nell'ambito del design grafico,

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Corso di Gioielleria con

Corso di Gioielleria con Corso di Gioielleria con Modellazione Anello Polpo con Aurelio Perugini Modellazione anello Polpo Pag. 1 Modellazione Anello Polpo Chi utilizza Rhinoceros da qualche tempo si sarà reso conto che, nonostante

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308)

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308) CNC 8065 Linguaggio ProGTL3 (Ref. 1308) SICUREZZA DELLA MACCHINA È responsabilità del costruttore della macchina che le sicurezze della stessa siano abilitate, allo scopo di evitare infortuni alle persone

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Esercitazioni di Excel

Esercitazioni di Excel Esercitazioni di Excel A cura dei proff. A. Khaleghi ed A. Piergiovanni. Queste esercitazioni hanno lo scopo di permettere agli studenti di familiarizzare con alcuni comandi specifici di Excel, che sono

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO

AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO Con questa esercitazione guidata imparerai a realizzare una macro. Una macro è costituita da una serie di istruzioni pre-registrate che possono essere

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto

Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Note sull utilizzo del PC-DMIS

Note sull utilizzo del PC-DMIS Note sull utilizzo del PC-DMIS Sommario 1. Definizione e qualifica di tastatori a stella (esempio su configurazione con attacco M2)...3 2. Dimensione Angolo...4 3. Nascondere componenti della configurazione

Dettagli

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni ADOBE READER XI Guida ed esercitazioni Guida di Reader Il contenuto di alcuni dei collegamenti potrebbe essere disponibile solo in inglese. Compilare moduli Il modulo è compilabile? Compilare moduli interattivi

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000 SIATIC F 351 Getting Started Edizione 02/2000 Le presenti informazioni guidano l utente, sulla base di un esempio concreto articolato in cinque fasi, nell esecuzione della messa in servizio fino ad ottenere

Dettagli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli ITCG C. CATTANEO via Matilde di Canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (Reggio Emilia) Costruzione del grafico di una funzione con Microsoft Excel Supponiamo di aver costruito la tabella riportata in figura

Dettagli

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale RUOLO DELLA MODELLAZIONE GEOMETRICA E LIVELLI DI MODELLAZIONE PARTE 2 Prof. Caterina Rizzi... IN QUESTA LEZIONE Modelli 2D/3D Modelli 3D/3D Dimensione delle primitive di modellazione Dimensione dell oggettoy

Dettagli

per Scanner Serie 4800/2400

per Scanner Serie 4800/2400 Agosto, 2003 Guida d installazione e guida utente per Scanner Serie 4800/2400 Copyright 2003 Visioneer. Tutti i diritti riservati. La protezione reclamata per il copyright include tutte le forme, gli aspetti

Dettagli

IN BASSO NELLA FINESTRA C È LA BARRA DI DISEGNO. SE NON È VISIBILE, FARE CLIC SUL MENU IN ALTO: VISUALIZZA / BARRE DEGLI STRUMENTI / DISEGNO

IN BASSO NELLA FINESTRA C È LA BARRA DI DISEGNO. SE NON È VISIBILE, FARE CLIC SUL MENU IN ALTO: VISUALIZZA / BARRE DEGLI STRUMENTI / DISEGNO FARE UNA MAPPA CON OPENOFFICE IMPRESS START/PROGRAMMI APRIRE IMPRESS SCEGLIERE PRESENTAZIONE VUOTA. POI CLIC SU AVANTI E DI NUOVO SU AVANTI. QUANDO AVANTI NON COMPARE PIÙ, FARE CLIC SU CREA CHIUDERE LE

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra 2: Lo strumento di luce/ombra Scostamento Luce a «0%» e Ombra a «100%» Con lo strumento di luce/ombra possono essere fissati il punto più chiaro, il punto medio e quello più scuro dell immagine. Sotto

Dettagli

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse Cos è Excel Uno spreadsheet : un foglio elettronico è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse I dati contenuti nelle celle possono essere elaborati ponendo

Dettagli

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento -

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Nota preliminare La presente guida, da considerarsi quale mera indicazione di massima fornita a titolo esemplificativo,

Dettagli

La finestra di Avvio di Excel

La finestra di Avvio di Excel Con Excel si possono fare molte cose, ma alla base di tutto c è il foglio di lavoro. Lavorare con Excel significa essenzialmente immettere numeri in un foglio di lavoro ed eseguire calcoli sui numeri immessi.

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Nitro Reader 3 Guida per l' utente

Nitro Reader 3 Guida per l' utente Nitro Reader 3 Guida per l' utente In questa Guida per l'utente Benvenuti in Nitro Reader 3 1 Come usare questa guida 1 Trovare rapidamente le informazioni giuste 1 Per eseguire una ricerca basata su parole

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n. 1x1 qs-stat Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.: PD-0012 Copyright 2010 Q-DAS GmbH & Co. KG Eisleber Str. 2 D - 69469 Weinheim

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Predire la struttura terziaria

Predire la struttura terziaria Predire la struttura terziaria E di gran lunga la predizione più complessa che si possa fare su una proteina. Esistono 3 metodi principali di predizione: 1 - Homology modelling: se si conoscono proteine

Dettagli

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico I Parte I Introduzione 1 1 Introduzione... 1 2 Editor di... stile 1 Parte II Modello grafico 4 1 Intestazione... 4 2 Colonna... metrica 4 3 Litologia... 5 4 Descrizione... 5 5 Quota... 6 6 Percentuale...

Dettagli

Le novità di QuarkXPress 10

Le novità di QuarkXPress 10 Le novità di QuarkXPress 10 INDICE Indice Le novità di QuarkXPress 10...3 Motore grafico Xenon...4 Interfaccia utente moderna e ottimizzata...6 Potenziamento della produttività...7 Altre nuove funzionalità...10

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C.

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. 1 MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. Marino prof. Mazzoni Evoluzione delle macchine utensili Quantità di pezzi 10 10 10 10 6 5 4 3 10 2 1 2 1-MACCHINE SPECIALIZZATE 2-MACCHINE TRANSFERT 3-SISTEMI FLESSIBILI

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

Argomento interdisciplinare

Argomento interdisciplinare 1 Argomento interdisciplinare Tecnologia-Matematica Libro consigliato: Disegno Laboratorio - IL MANUALE DI TECNOLOGIA _G.ARDUINO_LATTES studiare da pag.19.da 154 a 162 Unità aggiornata: 7/2012 2 Sono corpi

Dettagli

con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1

con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1 con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1 Indice generale GUIDA A CALC 3.5... 3 1 Utilizzo dell'applicazione... 3 1.1 LAVORARE CON IL FOGLIO ELETTRONICO...3 1.2 MIGLIORARE LA

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire.

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire. Consideriamo l insieme P dei punti del piano e una f funzione biiettiva da P in P: f : { P P A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che

Dettagli

Guida all uso di. La Vita Scolastica per ipad

Guida all uso di. La Vita Scolastica per ipad Guida all uso di La Vita Scolastica per ipad Guida all uso dell app La Vita Scolastica Giunti Scuola aprire L APPlicazione Per aprire l applicazione, toccate sullo schermo del vostro ipad l icona relativa.

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI

GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI Francesca Plebani Settembre 2009 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. WORD E L ASPETTO

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Capitolo 2 Acquisizione di contenuti per Kindle...16. Fai acquisti nel Kindle Store, quando vuoi e dove vuoi...16

Capitolo 2 Acquisizione di contenuti per Kindle...16. Fai acquisti nel Kindle Store, quando vuoi e dove vuoi...16 Guida all uso di Kindle 2 Indice Indice Consigli e suggerimenti...5 Capitolo 1 Primi passi...9 Registrazione di Kindle Touch...9 Comandi di Kindle Touch...9 Azioni su schermo... 10 Tastiera su schermo...

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Guida di Riferimento

Guida di Riferimento Guida di Riferimento Capitoli 1: STATISTICA: Panoramica Generale 1 2: Esempi Passo-Passo 9 Analitici 11 Gestione dei Dati 79 Installazioni Enterprise 107 3: Interfaccia Utente 139 4: Output delle Analisi

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer 1. Prima emissione certificato 1 2. Rilascio nuovo certificato 10 3. Rimozione certificato 13 1. Prima emissione certificato Dal sito

Dettagli

Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S.

Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S. Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S. All accensione del Tab e dopo l eventuale inserimento del codice PIN sarà visibile la schermata iniziale. Per configurare

Dettagli

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad Attraverso questo applicativo è possibile visualizzare tutti gli ingressi del DVR attraverso il cellulare. Per poter visionare le immagini

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli