MODELLAZIONE 3D DEL SUBSTRATO ROCCIOSO E DEL LIVELLO DI FALDA MEDIANTE INTERPOLAZIONE DI PUNTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MODELLAZIONE 3D DEL SUBSTRATO ROCCIOSO E DEL LIVELLO DI FALDA MEDIANTE INTERPOLAZIONE DI PUNTI"

Transcript

1 MODELLAZIONE 3D DEL SUBSTRATO ROCCIOSO E DEL LIVELLO DI FALDA MEDIANTE INTERPOLAZIONE DI PUNTI XIV Meeting degli utenti italiani GRASS e GFOSS Genova 6 9 Febbraio 2013 Scuola Politecnica dell Università degli Studi di Genova Geomorfolab Dipartimento di Scienze per l Architettura Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica ed Ambientale Francesco ENRILE Ilaria FERRANDO

2 Premessa Il presente lavoro è stato sviluppato come esercitazione finale nell ambito del Corso di Cartografia Numerica e GIS, tenuto dalla Prof. Ing. Bianca Federici, presso la Scuola Politecnica dell Università degli Studi di Genova (a.a. 2011/2012). Indice 1. Introduzione 2. Delimitazione area di studio a. Distribuzione spaziale dati b. Delimitazione bacini 3. Interpolazione punti a. Due possibili approcci b. Punti substrato - Approccio 1 c. Punti substrato - Approccio 2 d. Punti substrato - Confronti e. Punti falda 4. Superfici rappresentative Indice

3 Obiettivo: modellazione 3D del substrato roccioso e del livello di falda mediante interpolazione di informazioni puntuali. Metodologia: a. Delimitazione del bacino contenente i punti campionati. b. Importazione e interpolazione dei valori puntuali di spessore del detrito e del livello di falda, individuazione del metodo e dei parametri ottimali, verifica della bontà dei risultati. c. Confronto tra le superfici del terreno, della falda e del substrato e relativa visualizzazione nello spazio. 1. Introduzione

4 Area di studio e dati a disposizione Area di studio: Comune di Santo Stefano d Aveto (GE). Dati a disposizione: quattro elementi CTR (scala 1:5000) quattro porzioni DTM (corrispondenti agli elementi CTR) valori puntuali di profondità rispetto alla superficie del terreno: 27 punti del substrato 601 punti del livello di falda ottenuti da calcoli basati sulla versione idrologica del modello dell onda cinematica 1. Introduzione

5 2. Delimitazione area di studio = = Importazione dei punti del substrato e della falda, visualizzati sovrapposti alla CTR. 37 m 60 m 42 m Punti substrato Punti falda 64 m 90 m 2. a. Distribuzione spaziale dati

6 Delimitazione dei due bacini che contengono i valori puntuali del substrato e della falda. Le successive interpolazioni sono state eseguite sull estensione totale dei due bacini. Si verifica la corretta sovrapposizione della sezione di chiusura sulla confluenza dei due rii, avendo imposto, dopo diversi tentativi, un valore di threshold opportuno. Rio Fossato Grosso Rio Freddo 2. b. Delimitazione bacini

7 3. Interpolazione punti Due possibili approcci La possibilità di eseguire l interpolazione con due differenti approcci deriva dalla natura dei dati puntuali del substrato, espressi mediante il valore di profondità rispetto alla superficie del terreno. I due approcci affrontati sono così schematizzabili: 1. importazione dei punti calcolo quote assolute interpolazione 2. importazione dei punti interpolazione sottrazione tra DTM e superficie interpolata Nell ambito di ciascun approccio sono stati utilizzati diversi interpolatori, al fine di individuare il metodo più adatto a descrivere l andamento del substrato e del livello di falda. I due approcci danno luogo a superfici caratterizzate da un analogo andamento globale; tuttavia, a livello locale, si riscontrano differenze riconducibili sia al metodo di interpolazione sia alla sequenza delle operazioni svolte in ciascun approccio. 3. a. Due possibili approcci

8 Approccio 1 Per il calcolo del valore di quota effettivo dei punti si è proceduto ad interrogare il DTM sui punti planimetrici del substrato (v.drape) e a creare successivamente un nuovo vettoriale la cui colonna z è stata aggiornata (v.db.update) con il risultato della sottrazione tra la quota del DTM e la profondità del substrato. 3. a. Due possibili approcci

9 Poligoni di Voronoi Il metodo consiste nella determinazione dell area di influenza di un punto basandosi sulla seguente definizione: dove la distanza d è usualmente quella euclidea. Dalla figura risulta chiaro che il metodo non è appropriato per interpolare dati continui. 3. a. Due possibili approcci

10 Inverse Distance Weighted (IDW) Calcola il valore dei punti non campionati come media pesata dei valori degli n punti noti più vicini. Essendo r il punto non campionato, lo stimatore F è pari a La distanza tra un punto non campionato e un punto noto viene elevata alla potenza p: più è elevata la potenza, maggiore è l influenza dei punti campionati vicini sul punto da interpolare. IDW IDW 1-2 Caso limite 0<p<1: la funzione raggiunge i punti campionati tramite picchi (di massimo o di minimo). Caso limite n=1: si ottengono i poligoni di Voronoi 3. b. Punti substrato Approccio 1

11 Inverse Distance Weighted (IDW) Confronto tra superfici con pari n all aumentare di p. IDW 12-2 IDW 12-4 IDW b. Punti substrato Approccio 1

12 Inverse Distance Weighted (IDW) Confronto tra superfici con pari p all aumentare di n. IDW 12-2 IDW 20-2 IDW b. Punti substrato Approccio 1

13 Inverse Distance Weighted (IDW) Il risultato dell interpolazione è una superficie liscia, che presenta picchi e gobbe in corrispondenza dei punti noti. Maggiore è il valore della potenza, maggiore è la pendenza della superficie nei pressi di tali picchi e gobbe. Si riportano alcuni profili che mostrano la maggiore influenza della potenza p rispetto al numero dei punti n. DTM IDW 12-2 IDW 20-2 DTM IDW 20-2 IDW 27-2 DTM IDW 12-2 IDW b. Punti substrato Approccio 1

14 Regularized Spline with Tension (RST) Il metodo si basa sull assunto che la funzione interpolata passi per, o vicino a, i punti campionati e che sia il più possibile liscia. Le due condizioni si riassumono nella seguente equazione: in cui z j è il valore interpolato, r j è il punto dove il valore è campionato, w j e w 0 sono pesi positivi e I(F) è la seminorma. La soluzione di tale equazione può essere scritta in una forma in cui appiano due soli parametri, tension e smoothing, al variare dei quali si ottengono superfici diverse: maggiore è lo smoothing, più la superficie interpolata si allontana dai punti noti (si genera una curva "più liscia") maggiore è la tension, minore è la curvatura della superficie. 3. b. Punti substrato Approccio 1

15 Regularized Spline with Tension (RST) Confronto tra superfici con pari tension all aumentare dello smoothing. SPLINE SPLINE 40-5 SPLINE b. Punti substrato Approccio 1

16 Regularized Spline with Tension (RST) Confronto tra superfici con pari smoothing all aumentare della tension. SPLINE 30-1 SPLINE 50-1 SPLINE b. Punti substrato Approccio 1

17 Regularized Spline with Tension (RST) Per selezionare la superficie che meglio interpreta l andamento del substrato è stata condotta un analisi qualitativa esaminando la visualizzazione 3D; ciò ha permesso di escludere le combinazioni tension-smoothing che producono cuspidi (ritenute irrealistiche), come nel caso seguente: SPLINE Per questo motivo sono state escluse le SPLINE con alti valori di tension e bassi valori di smoothing. 3. b. Punti substrato Approccio 1

18 Regularized Spline with Tension (RST) Confronto tra profilo trasversale di superfici con pari smoothing e diversi valori di tension. DTM SPLINE SPLINE L analisi qualitativa evidenzia che le superfici migliori sono quelle con valori di tension intermedi e smoothing basso, che fanno sì che la superficie interpolante passi il più possibile vicino ai punti da interpolare. 3. b. Punti substrato Approccio 1

19 Regularized Spline with Tension (RST) In seguito, è stata eseguita una procedura di cross-validazione, basata sulla rimozione sequenziale di uno dei punti e sul calcolo della differenza tra la quota originaria del punto e quella della superficie ottenuta, ripetuta per ogni combinazione tension-smoothing considerata; ciò consente di ricavare i parametri che minimizzano lo scarto quadratico medio (RMSE). Si genera un vettoriale contenente tali differenze che viene analizzato con il comando v.univar. Per poter effettuare la procedura su molteplici valori in maniera automatica si è lanciato uno script originariamente scritto da Hofierka e da noi modificato. 3. b. Punti substrato Approccio 1

20 Regularized Spline with Tension (RST) Esaminando il risultato di tali operazioni risulta che la superficie dotata di RMS minimo è quella con tension-smoothing pari a Tale criterio però non è l unico da prendere in considerazione e si è concluso che la migliore è quella prodotta dalla combinazione tension-smoothing SPLINE SPLINE b. Punti substrato Approccio 1

21 Regularized Spline with Tension (RST) Risultati cross-correlazione: population standard deviation: population variance: population coefficient of variation: population standard deviation: population variance: population coefficient of variation: È inoltre possibile ottenere le differenze tra le quote originarie e quelle della superficie interpolata; tali deviazioni per la SPLINE raggiungono l ordine di grandezza del metro, per la SPLINE sono maggiori. EST NORD DEVIATION EST NORD DEVIATION b. Punti substrato Approccio 1

22 B-SPLINE con regolarizzazione di Tychonov La superficie viene generata attraverso una procedura che si compone di due passi successivi. Per prima cosa, attraverso il metodo dei minimi quadrati, si calcolano i coefficienti di una SPLINE, successivamente, si ricava la superficie interpolata utilizzando un parametro, detto di Tychonov, che agisce in maniera analoga allo smoothing. La SPLINE è costituita dalla somma di diverse funzioni polinomiali ognuna calcolata in un sottodominio delimitato precedentemente. B-SPLINE bilinear λ=0.01 B-SPLINE bilinear λ= b. Punti substrato Approccio 1

23 B-SPLINE con regolarizzazione di Tychonov Si utilizza una procedura di cross-correlazione per determinare il valore di λ che produce una interpolazione in miglior accordo con i punti originari, esaminando i valori di media e scarto quadratico medio. Il risultato ricorda l andamento delle superfici IDW. lambda mean rms v.surf.bspline completo. Cross validation finished for sie = and sin = lambda mean rms v.surf.bspline completo. Cross validation finished for sie = and sin = lambda mean rms v.surf.bspline completo. Cross validation finished for sie = and sin = lambda mean rms v.surf.bspline completo. Cross validation finished for sie = and sin = B-SPLINE bilinear λ=0.5 lambda mean rms v.surf.bspline completo. Cross validation finished for sie = and sin = lambda mean rms v.surf.bspline completo. Cross validation finished for sie = and sin = b. Punti substrato Approccio 1

24 Superfici rappresentative IDW 12-2 SPLINE B-SPLINE Le superfici riportate sono quelle che meglio interpolano i dati, tra tutte le superfici generate con i diversi metodi. In particolare, tra le SPLINE e le B-SPLINE, sono state scelte quelle che presentano scarto quadratico medio inferiore. Visto il marcato andamento bilineare delle B-SPLINE, si escludono le superfici generate con questo metodo. 3. b. Punti substrato Approccio 1

25 Profilo altimetrico È stato creato un profilo altimetrico del DTM e delle superfici SPLINE e IDW 12-2 lungo due sezioni rappresentative, per individuare quale delle due superfici riporti un andamento più realisticamente accettabile. Si nota che il profilo longitudinale migliore è quello della SPLINE. DTM SPLINE IDW 12-2 DTM IDW 27-2 SPLINE b. Punti substrato Approccio 1

26 Profilo altimetrico Provvedendo a creare un profilo altimetrico che occupi un estensione maggiore, si nota che, verso gli estremi, la superficie tende a raggiungere il valore medio di quota dei punti. DTM SPLINE Tale comportamento è riconducibile alla caratteristica dei metodi di interpolazione adottati che, lontano dai punti noti, tendono alla media dei valori. Il profilo altimetrico è affidabile solo se è tracciato entro l area in cui si trovano i punti noti del substrato. Se si interroga la superficie interpolata sulle aree riquadrate, il risultato sarà inattendibile perché le quote tenderanno ad essere quelle medie. n=27, p=2 3. b. Punti substrato Approccio 1

27 Approccio 2 In questo secondo approccio, i dati di partenza, che, si ricorda, sono valori di profondità rispetto alla superficie, sono stati direttamente interpolati. Una volta eseguita l interpolazione, la superficie risultante è stata sottratta al DTM. n=27, p=2 3. c. Punti substrato Approccio 2

28 Inverse Distance Weighted (IDW) Alcune superfici prima e dopo l operazione di sottrazione al DTM. IDW 6-2 r.mapcalc IDW 12-2 IDW c. Punti substrato Approccio 2

29 Inverse Distance Weighted (IDW) Confronto tra il profilo trasversale ottenuto a seguito dell interpolazione e quello ottenuto successivamente alla sottrazione dal DTM. IDW 6-2 IDW 12-2 IDW 27-2 r.mapcalc 3. c. Punti substrato Approccio 2

30 Regularized Spline with Tension (RST) Visti i risultati ottenuti dal precedente approccio, è stato imposto smoothing pari a 0.1. SPLINE r.mapcalc SPLINE Risultati cross-correlazione, interpolazione delle profondità SPLINE population standard deviation: population variance: population coefficient of variation: c. Punti substrato Approccio 2

31 Regularized Spline with Tension (RST) Confronto tra il profilo trasversale ottenuto a seguito dell interpolazione e quello ottenuto successivamente alla sottrazione dal DTM. r.mapcalc SPLINE SPLINE DTM SPLINE SPLINE c. Punti substrato Approccio 2

32 Superficie rappresentativa Alla luce delle considerazioni precedenti, e in accordo con la scelta adottata nel primo approccio, si utilizza la SPLINE Dopo l operazione con r.mapcalc, la carta ottenuta ricalca l andamento del DTM. DTM SPLINE c. Punti substrato Approccio 2

33 Confronto tra i due approcci DTM 1 Approccio SPLINE Approccio SPLINE Approccio SPLINE Approccio SPLINE d. Punti substrato Confronti

34 Valutazione della derivata prima La differenza di rugosità tra le superfici ottenute con i due approcci è chiaramente identificata dalla valutazione della derivata prima lungo le direzioni x (E-O) e y (N-S) ottenute tramite il comando r.slope.aspect. Sta all utente decidere, a seconda del caso di studio, quale approccio sia meglio adottare, in relazione all opportunità o meno di introdurre una rugosità della superficie fittizia, non essendo a priori nota. Approccio 1 Approccio 2 / x / y 3. d. Punti substrato Confronti

35 Interpolazione punti falda Premessa È necessario puntualizzare che: 1. il livello di falda dipende dal tempo 2. la versione idrologica del metodo dell onda cinematica si basa su radicali approssimazioni 3. non è detto che le superfici ottenute verifichino la continuità delle portate 4. per un analisi più affidabile, e non solo qualitativa, sarebbe necessaria la conoscenza di punti spazialmente distribuiti e non solamente allineati, come nel caso in esame. Approccio 1 Inverse Distance Weighted (IDW) IDW 1-1 IDW 12-2 È stata applicata la tecnica IDW con diverse combinazioni di n e p. L unica combinazione che non genera fluttuazioni inaccettabili del livello di falda è la 1-1, che dà luogo ai poligoni di Voronoi. In figura si riporta come esempio il profilo longitudinale. 3. e. Punti falda Approccio 1

36 Regularized Spline with Tension (RST) Si è proceduto in analogia con quanto fatto per il substrato, individuando la combinazione tension-smoothing come la migliore. Si riportano i profili trasversali in due sezioni rappresentative. DTM Substrato SPLINE Falda SPLINE e. Punti falda Approccio 1

37 Approccio 2 Regularized Spline with Tension (RST) Si è proceduto analogamente a quanto fatto per il substrato superfici. per ottenere diverse DTM Substrato SPLINE Falda SPLINE e. Punti falda Approccio 2

38 Confronto tra i due approcci 1 Approccio DTM Substrato SPLINE Falda SPLINE Approccio 3. e. Punti falda Confronti

39 Superfici rappresentative Alla luce di questi risultati sembra opportuno generare il substrato tramite il secondo approccio e il livello di falda, nei limiti della sua significatività, tramite il primo approccio. Substrato 1 approccio SPLINE Falda 1 approccio SPLINE DTM Substrato 2 approccio SPLINE Falda 2 approccio SPLINE Conclusioni

40 GRAZIE PER L ATTENZIONE! Bibliografia M. Neteler, H. Mitasova, Open Source GIS: a GRASS GIS Approach, The 38 Kluwer international series in Engineering and Computer Science (SECS), Volume 773, B. Federici, D. Sguerso, Dispense del Corso di Cartografia Numerica e GIS, Facoltà di Ingegneria, Università degli Studi di Genova, F. Basso, M. Venzano, Studio teorico-sperimentale per l inquadramento dell esteso fenomeno cinematico del comune di S. Stefano d Aveto, Tesi di Laurea Magistrale, Facoltà di Ingegneria, Università degli Studi di Genova, 2011.

I GIS e l'open Source

I GIS e l'open Source I GIS e l'open Source Struttura del seminario: 1. Concetti introduttivi; 2. GRASS GIS: istallazione; 3. Gestione del dato vettoriale; 4. Gestione del dato raster; 5. Digitalizzazione del dato vettoriale;

Dettagli

Analisi dei fenomeni di subsidenza nel bacino del fiume Arno Abstract Introduzione

Analisi dei fenomeni di subsidenza nel bacino del fiume Arno Abstract Introduzione Analisi dei fenomeni di subsidenza nel bacino del fiume Arno Giovanni Montini (*), Laura Benvenuti (*), Giovanni Menduni (*) (*) Autorità di Bacino del fiume Arno Abstract Al fine di esaminare l'andamento

Dettagli

Esempio. Approssimazione con il criterio dei minimi quadrati. Esempio. Esempio. Risultati sperimentali. Interpolazione con spline cubica.

Esempio. Approssimazione con il criterio dei minimi quadrati. Esempio. Esempio. Risultati sperimentali. Interpolazione con spline cubica. Esempio Risultati sperimentali Approssimazione con il criterio dei minimi quadrati Esempio Interpolazione con spline cubica. Esempio 1 Come procedere? La natura del fenomeno suggerisce che una buona approssimazione

Dettagli

Filtraggio di dati LiDAR con GRASS: procedure, risultati e confronti

Filtraggio di dati LiDAR con GRASS: procedure, risultati e confronti Filtraggio di dati LiDAR con GRASS: procedure, risultati e confronti Maria Antonia Brovelli, Sara Lucca Politecnico di Milano, DIIAR maria.brovelli@polimi.it, sara.lucca@mail.polimi.it Il LiDAR Sistema

Dettagli

Come si assegnano le coordinate?

Come si assegnano le coordinate? Come si assegnano le coordinate? Ma come vengono assegnate le coordinate ad una mappa?. Mappa di nuova produzione definisco all inizio il sistema di coordinate. Mappa già esistente ma non riferita ad sistema

Dettagli

Spline Nurbs. IUAV Disegno Digitale. Camillo Trevisan

Spline Nurbs. IUAV Disegno Digitale. Camillo Trevisan Spline Nurbs IUAV Disegno Digitale Camillo Trevisan Spline e Nurbs Negli anni 70 e 80 del secolo scorso nelle aziende si è iniziata a sentire l esigenza di concentrare in un unica rappresentazione gestita

Dettagli

Indagine di Tomografia Elettrica

Indagine di Tomografia Elettrica Indagine di Tomografia Elettrica 1. DESCRIZIONE DEL METODO La tomografia elettrica è utilizzata a supporto di altri metodi geofisici nell investigazione delle strutture sepolte e nella ricerca di acque

Dettagli

Elaborazione delle Immagini Digitali

Elaborazione delle Immagini Digitali Elaborazione delle Immagini Digitali Parte I Prof. Edoardo Ardizzone A.A. 2-22 La trasformata di Hotelling o di Karhunen-Loeve KLT discreta Questa trasformata detta anche analisi delle componenti principali

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

Genova, 27 Marzo 2013

Genova, 27 Marzo 2013 DTM, DTM, formati formati e e cenni cenni ai ai metodi metodi di di interpolazione interpolazione Genova, 27 Marzo 2013 I modelli digitali del terreno - 1 Evoluzione nella rappresentazione del terreno:

Dettagli

PARTE II. ANALISI DELLE POTENZIALITA DEI SISTEMI SOLARI FOTOVOLTAICI O SOLARI TERMICI INTEGRATI NELLE COPERTURE DEGLI EDIFICI

PARTE II. ANALISI DELLE POTENZIALITA DEI SISTEMI SOLARI FOTOVOLTAICI O SOLARI TERMICI INTEGRATI NELLE COPERTURE DEGLI EDIFICI PARTE II. ANALISI DELLE POTENZIALITA DEI SISTEMI SOLARI FOTOVOLTAICI O SOLARI TERMICI INTEGRATI NELLE COPERTURE DEGLI EDIFICI Per creare la mappa del soleggiamento è stato utilizzato il software GRASS

Dettagli

Prima Lezione: Costruire una mappa

Prima Lezione: Costruire una mappa Prima Lezione: Costruire una mappa I tipi di informazione geografica disponibili Navigazione nella mappa Coordinate e scala Vista panoramica Introduzione ai GIS GIS significa Sistema Informativo Geografico

Dettagli

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati Note biografiche e crediti Autore Valerio Noti, laureato in Geologia, dottore di ricerca in Scienze della Terra, è socio fondatore di TerreLogiche srl. Si occupa di Sistemi Informativi Geografici dalla

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Architettura e funzionalità di una piattaforma GIS. Parte seconda:

Dettagli

Funzionalità e servizi integrativi: il software Ferens e il geoide regionale

Funzionalità e servizi integrativi: il software Ferens e il geoide regionale DIREZIONE AMBIENTE TERRITORIO E INFRASTRUTTURE Servizio Informatico/Informativo: geografico ambientale e territoriale Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria DICA - Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI.

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. 1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. Tutti i fenomeni elettrici e magnetici hanno origine da cariche elettriche. Per comprendere a fondo la definizione di carica elettrica occorre risalire alla

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

4. Matrici e Minimi Quadrati

4. Matrici e Minimi Quadrati & C. Di Natale: Matrici e sistemi di equazioni di lineari Formulazione matriciale del metodo dei minimi quadrati Regressione polinomiale Regressione non lineare Cross-validazione e overfitting Regressione

Dettagli

Rappresentazione di oggetti 3D

Rappresentazione di oggetti 3D Rappresentazione di oggetti 3D 1 Modellazione geometrica La modellazione geometrica riguarda le tecniche di rappresentazione di curve e superfici Surface modeling Rappresentazione della superficie di un

Dettagli

SOFTWARE TOPOGRAFICO MERIDIANA. Il software topografico da ufficio professionale

SOFTWARE TOPOGRAFICO MERIDIANA. Il software topografico da ufficio professionale MERIDIANA SOFTWARE TOPOGRAFICO Il software topografico da ufficio professionale Catasto Curve di livello Integrazione GPS e Stazione Totale Compensazione rigorosa Progettazione stradale CAD avanzato Post-processing

Dettagli

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto.

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto. INDICE PREMESSA... 2 1. DATI DI PARTENZA... 4 2. ESPANSIONE DEMOGRAFICA... 5 3. CALCOLO DELLA RETE NERA... 6 3.1 Parametri di calcolo... 6 3.2 Analisi dei beni e dei servizi da fornire ed individuazione

Dettagli

Collaudo DBT 2K Agg. RT

Collaudo DBT 2K Agg. RT Tre porzioni territoriali + estensione Circa 100000 ha di aggiornamento e 10000 ha di exnovo Per ogni porzione territoriale due consegne in corso d opera, al termine di fasi intermedie di lavoro, e una

Dettagli

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ACUSTICA. Lezione n 7: Caratteristiche acustiche dei materiali: Assorbimento acustico e materiali fonoassorbenti

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ACUSTICA. Lezione n 7: Caratteristiche acustiche dei materiali: Assorbimento acustico e materiali fonoassorbenti CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ACUSTICA Lezione n 7: Caratteristiche acustiche dei materiali: Assorbimento acustico e materiali fonoassorbenti Ing. Oreste Boccia 1 Interazione del suono con la materia

Dettagli

OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F)

OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F) Dott. Ing. Stefano SCORRANO Via Maccatella, 30 56124 PISA OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F) UBICAZIONE

Dettagli

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili:

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili: Incertezze di misura Argomenti: classificazione delle incertezze; definizione di incertezza tipo e schemi di calcolo; schemi per il calcolo dell incertezza di grandezze combinate; confronto di misure affette

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Introduzione ai GIS Le attività dell uomo...... hanno sempre un

Dettagli

Modello metodologico per la stima del danno atteso da inondazione

Modello metodologico per la stima del danno atteso da inondazione Modello metodologico per la stima del danno atteso da inondazione Risultati preliminari Luino F., Biddoccu M., Cirio C. G. fabio.luino@irpi.cnr.it CNR-IRPI Strada delle Cacce 73-10135 (TO) http://www.irpi.to.cnr.it/

Dettagli

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito Introduzione 2 Perché usare il laser scanner: Caratteristiche della tecnologia: Tempi di stazionamento rapidi (pochi minuti); Elevata

Dettagli

INTRODUZIONE AL CONTROLLO OTTIMO

INTRODUZIONE AL CONTROLLO OTTIMO INTRODUZIONE AL CONTROLLO OTTIMO Teoria dei Sistemi Ingegneria Elettronica, Informatica e TLC Prof. Roberto Zanasi, Dott. Giovanni Azzone DII - Università di Modena e Reggio Emilia AUTOLAB: Laboratorio

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

Formazione Matematica. Luisa Rossi, Paolo Teruzzi, Lorella Carimali

Formazione Matematica. Luisa Rossi, Paolo Teruzzi, Lorella Carimali Formazione Matematica Luisa Rossi, Paolo Teruzzi, Lorella Carimali Il Progetto Obiettivo: proposta di un percorso per valutare le competenze relative all Asse Matematico, acquisite nel biennio Ambito:

Dettagli

Note sull esperienza Misura di g versione 1, Francesco, 7/05/2010

Note sull esperienza Misura di g versione 1, Francesco, 7/05/2010 Note sull esperienza Misura di g versione 1, Francesco, 7/05/010 L esperienza, basata sullo studio di una molla a spirale in condizioni di equilibrio e di oscillazione, ha diversi scopi e finalità, tra

Dettagli

Raddrizzamento digitale per la costruzione di fotopiani con RDF. 1. Avvio di RDF ed impostazione dei dati 2. Raddrizzamento analitico

Raddrizzamento digitale per la costruzione di fotopiani con RDF. 1. Avvio di RDF ed impostazione dei dati 2. Raddrizzamento analitico Raddrizzamento digitale per la costruzione di fotopiani con RDF Informazioni generali: Esercitazione: Introduzione 1. Avvio di RDF ed impostazione dei dati Prerequisiti 2. Raddrizzamento analitico Obiettivi

Dettagli

MIGLIORAMENTO DI UN PROCESSO DI SMALTATURA MEDIANTE L APPLICAZIONE DI TECNICHE DOE

MIGLIORAMENTO DI UN PROCESSO DI SMALTATURA MEDIANTE L APPLICAZIONE DI TECNICHE DOE PRESENTATO AL CONVEGNO AIAS ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L ANALISI DELLE SOLLECITAZIONI XXXVII CONVEGNO NAZIONALE, 10-13 SETTEMBRE 2008, UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA MIGLIORAMENTO DI UN PROCESSO DI SMALTATURA

Dettagli

ESERCIZI RISOLTI DI INGEGNERIA GEOTECNICA E GEOLOGIA APPLICATA

ESERCIZI RISOLTI DI INGEGNERIA GEOTECNICA E GEOLOGIA APPLICATA P E R L A P R O G E T T A Z I O N E ESERCIZI RISOLTI DI INGEGNERIA GEOTECNICA E GEOLOGIA APPLICATA Tensioni nel sottosuolo, capacità portante e cedimenti delle fondazioni, geofisica ed idrologia. Concetti

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1

4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1 4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1 4.1 Introduzione In questo capitolo sono riportati alcuni risultati, ottenuti con modelli semplificati, delle

Dettagli

D. Nicolini, A. Fontanella, E. Giovannini. Report RdS/PAR2013/173 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

D. Nicolini, A. Fontanella, E. Giovannini. Report RdS/PAR2013/173 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi fluidodinamica CFD su dispositivi a colonna d acqua oscillante OWC -

Dettagli

Si riprendono gli esperimenti dell attività precedente per associare la pendenza della retta alla velocità.

Si riprendono gli esperimenti dell attività precedente per associare la pendenza della retta alla velocità. s t t[s] s t t[s] Progetto LES SCENEGGIATURA Moto rettilineo uniforme e sua rappresentazione. La velocità in funzione del tempo Si incomincia analizzando e commentando le schede compilate nell attività

Dettagli

FONDAMENTI di INFORMATICA Prof. Lorenzo Mezzalira

FONDAMENTI di INFORMATICA Prof. Lorenzo Mezzalira FONDAMENTI di INFORMATICA Prof. Lorenzo Mezzalira Appunti del corso 1 Introduzione all informatica: algoritmi, linguaggi e programmi Indice 1. Introduzione 2. Risoluzione automatica di problemi - Algoritmi

Dettagli

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua 1. Premessa Nel 2010 ISPRA ha pubblicato il metodo per la valutazione della qualità morfologica dei corsi d acqua basato sull Indice di Qualità

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario AREA FINANZA DISPENSA FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Strumenti

Dettagli

ELEMENTI DI STATISTICA PER IDROLOGIA

ELEMENTI DI STATISTICA PER IDROLOGIA Carlo Gregoretti Corso di Idraulica ed Idrologia Elementi di statist. per Idrolog.-7//4 ELEMETI DI STATISTICA PER IDROLOGIA Introduzione Una variabile si dice casuale quando assume valori che dipendono

Dettagli

DI IDROLOGIA TECNICA PARTE III

DI IDROLOGIA TECNICA PARTE III FACOLTA DI INGEGNERIA Laurea Specialistica in Ingegneria Civile N.O. Giuseppe T. Aronica CORSO DI IDROLOGIA TECNICA PARTE III Idrologia delle piene Lezione XII: I metodi diretti per la valutazione delle

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il rendimento di un attività finanziaria: i parametri rilevanti Rendimento totale, periodale e medio Il market

Dettagli

Esercitazioni per il corso di Microonde 2005/2006: CENNI DI TEORIA DELL ERRORE. Ing. Ricci Andrea Simone

Esercitazioni per il corso di Microonde 2005/2006: CENNI DI TEORIA DELL ERRORE. Ing. Ricci Andrea Simone Esercitazioni per il corso di Microonde 2005/2006: CENNI DI TEORIA DELL ERRORE Ing. Ricci Andrea Simone INCERTEZZA DI MISURA - Introduzione X SISTEMA Y Misura > complesso di attività volte alla valutazione

Dettagli

Acquisizione delle abilità informatiche per l utilizzo dei software CarSim 7 e BikeSim 3.2

Acquisizione delle abilità informatiche per l utilizzo dei software CarSim 7 e BikeSim 3.2 Corso di: Laurea Magistrale in Ingegneria delle Infrastrutture Viarie e Trasporti Anno Accademico: 2015-2016 "Relazione di fine Tirocinio" Acquisizione delle abilità informatiche per l utilizzo dei software

Dettagli

Laboratorio di Analisi ed Esplorazione Dati A.A. 2008/09 Secondo foglio di esercizi per l esame.

Laboratorio di Analisi ed Esplorazione Dati A.A. 2008/09 Secondo foglio di esercizi per l esame. Laboratorio di Analisi ed Esplorazione Dati A.A. 2008/09 Secondo foglio di esercizi per l esame. Ognuno deve svolgere ambedue gli esercizi (a) e (b) del numero (da 1 a 9) assegnato. Bisogna scrivere un

Dettagli

Validazione codice di calcolo

Validazione codice di calcolo Validazione codice di calcolo Informativa sull affidabilità dei codici di calcolo D.M. 14-01-2008 paragrafo 10.2. Le fasi di progettazione e sviluppo dei software GeoStru sono sottoposti al controllo gestione

Dettagli

Metodi statistici per le ricerche di mercato

Metodi statistici per le ricerche di mercato Metodi statistici per le ricerche di mercato Prof.ssa Isabella Mingo A.A. 2014-2015 Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione Corso di laurea Magistrale in «Organizzazione e marketing per

Dettagli

Introduzione all analisi dei segnali digitali.

Introduzione all analisi dei segnali digitali. Introduzione all analisi dei segnali digitali. Lezioni per il corso di Laboratorio di Fisica IV Isidoro Ferrante A.A. 2001/2002 1 Segnali analogici Si dice segnale la variazione di una qualsiasi grandezza

Dettagli

www.epsilon-italia.ititalia.it

www.epsilon-italia.ititalia.it Provincia di Cosenza Settore Programmazione e Gestione Territoriale SIPITEC2 - Sistema Informativo Territoriale per la Gestione del P.T.C.P. www.epsilon-italia.ititalia.it MACRO ARGOMENTI Che cos è un

Dettagli

Introduzione all Analisi dei Segnali

Introduzione all Analisi dei Segnali Tecniche innovative per l identificazione delle caratteristiche dinamiche delle strutture e del danno Introduzione all Analisi dei Segnali Prof. Ing. Felice Carlo PONZO - Ing. Rocco DITOMMASO Scuola di

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 27 Il modello IS LM

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 27 Il modello IS LM UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 27 Il modello IS LM Prof. Gianmaria Martini La funzione di investimento In via preliminare abbiamo ipotizzato che gli

Dettagli

Statistical learning Strumenti quantitativi per la gestione

Statistical learning Strumenti quantitativi per la gestione Statistical learning Strumenti quantitativi per la gestione Emanuele Taufer Vendite Simbologia Reddito Statistical learning A cosa ci serve f? 1 Previsione 2 Inferenza Previsione Errore riducibile e errore

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO AMBITO COSTIERO 08 Unità fisiografiche del Centa, Centa Sud e Maremola ART. 41 LEGGE REGIONALE N 20/2006 RELAZIONE SUL CLIMA ONDOSO AL LARGO (RO) 1 Indice

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Regressione Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011

Regressione Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011 Regressione Esempio Un azienda manifatturiera vuole analizzare il legame che intercorre tra il volume produttivo X per uno dei propri stabilimenti e il corrispondente costo mensile Y di produzione. Volume

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Hydrica 2011, Salone Internazionale Tecnologie Acqua e Ambiente

Hydrica 2011, Salone Internazionale Tecnologie Acqua e Ambiente Applicazioni GIS per il ciclo integrato delle acque: implementazione usando JGrassTools, udig, BeeGIS e EPANET Introduzione Andrea Bosoni, Silvia Franceschi, Davide Righetti andrea.bosoni@gmail.com, silvia.franceschi@hydrologis.eu,

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

UTILIZZO DELLA MODELLISTICA PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE ACUSTICHE AUTOSTRADALI

UTILIZZO DELLA MODELLISTICA PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE ACUSTICHE AUTOSTRADALI UTILIZZO DELLA MODELLISTICA PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE ACUSTICHE AUTOSTRADALI Simulare conviene! I modelli ambientali strumento di previsione e pianificazione SESSIONE RUMORE D.ssa Barbieri Cinzia,

Dettagli

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Versione 1.0 Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Corso anno 2011 B. MANUALE DI UTILIZZO DEL GRIGLIATORE Il pre processore Grigliatore è composto da tre macro

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Materia: Tecnologie e Tecniche di Rappresentazione Grafica Classi PRIME Insegnanti: G. Lombardi, L. Nieri

Materia: Tecnologie e Tecniche di Rappresentazione Grafica Classi PRIME Insegnanti: G. Lombardi, L. Nieri PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE A. S. 2014/2015 Materia: Tecnologie e Tecniche di Rappresentazione Grafica Classi PRIME Insegnanti: G. Lombardi, L. Nieri Nuclei fondamentali di LE BASI DELLA RAPPRESENTAZIONE

Dettagli

CAPITOLO 8.1 UNA REALIZZAZIONE WEB GIS PER L AGGIORNAMENTO IN RETE DI DATABASE TOPOGRAFICI

CAPITOLO 8.1 UNA REALIZZAZIONE WEB GIS PER L AGGIORNAMENTO IN RETE DI DATABASE TOPOGRAFICI PRIN 2004: I Servizi di posizionamento satellitare per l e-government CAPITOLO 8.1 UNA REALIZZAZIONE WEB GIS PER L AGGIORNAMENTO IN RETE DI DATABASE TOPOGRAFICI Matteo Crozi, Anna Spalla DIET - Dipartimento

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

Tecnica GPS RTK Multi-Reference Station: Sperimentazione sulla rete test Campania GPS Network

Tecnica GPS RTK Multi-Reference Station: Sperimentazione sulla rete test Campania GPS Network Tecnica GPS RTK Multi-Reference Station: Sperimentazione sulla rete test Campania GPS Network Giovanni PUGLIANO (*), M. Elizabeth CANNON (**), Gérard LACHAPELLE (**) (*) Università degli Studi di Napoli

Dettagli

Affidabilità del modello di Winkler

Affidabilità del modello di Winkler COMASTRI imp 14-09-2004 11:00 Pagina 50 Dal punto di vista fisico il mezzo alla Winkler può essere assimilato a un letto di molle elastiche mutuamente indipendenti, o meglio a un liquido di peso specifico

Dettagli

ELEMENTI TRIANGOLARI E TETRAEDRICI A LATI DIRITTI

ELEMENTI TRIANGOLARI E TETRAEDRICI A LATI DIRITTI EEMENTI TRIANGOARI E TETRAEDRICI A ATI DIRITTI Nella ricerca di unificazione delle problematiche in vista di una generalizzazione delle procedure di sviluppo di elementi finiti, gioca un ruolo importante

Dettagli

INDICE 1. OBIETTIVI... 2 2. RELAZIONE ESPLICATIVA SULLO STATO DEI LUOGHI... 3

INDICE 1. OBIETTIVI... 2 2. RELAZIONE ESPLICATIVA SULLO STATO DEI LUOGHI... 3 INDICE 1. OBIETTIVI... 2 2. RELAZIONE ESPLICATIVA SULLO STATO DEI LUOGHI... 3 2.1 Note introduttive sul territorio... 3 2.2 Sistemi drenanti già esistenti... 3 2.3 Bacini imbriferi principali e sottobacini...

Dettagli

In tabella 2 si riportano alcuni parametri statistici del campo elettrico (E) misurato, suddivisi per anno. Valore del Campo Elettrico E (V/m)

In tabella 2 si riportano alcuni parametri statistici del campo elettrico (E) misurato, suddivisi per anno. Valore del Campo Elettrico E (V/m) Report campagne di misura CEM per il sito: Hotel Londra Comune: Cervia Località: Milano Marittima - Periodo: 2003 2008 1. PARAMETRI IDENTIFICATIVI DELLA CAMPAGNA DI MISURA - Luogo dei rilievi: Hotel Londra

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI DATI GEOGRAFICI CON IL SOFTWARE QUANTUM GIS

MANUALE DI GESTIONE DEI DATI GEOGRAFICI CON IL SOFTWARE QUANTUM GIS MANUALE DI GESTIONE DEI DATI GEOGRAFICI CON IL SOFTWARE QUANTUM GIS Compilato: Andrea De Felici Rivisto: Approvato: Versione: 1.0 Distribuito: 01/08/2013 1 INDICE 1. INTRODUZIONE..3 2. PRIMI PASSI.....4

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria PRIMA PROVA SCRITTA DEL 23 NOVEMBRE 2011 Tema n. 1 Il candidato illustri i tipi edilizi residenziali. Si discutano inoltre le principali relazioni tra tipologie edilizie e morfologie urbane. Si richiede,

Dettagli

Genova 22/24 settembre 2015

Genova 22/24 settembre 2015 Genova 22/24 settembre 2015 ELABORAZIONI DELLA C.T.R.: DTM E CARTE DERIVATE Rappresentazione della morfologia del territorio in Regione Liguria QUALCHE DEFINIZIONE DTM (Digital Terrain Model) o DEM (Digital

Dettagli

C A R T O G R A F I A N Applicazioni Cartografia numerica: Creazione di carte topografiche con TNTmips Pag. 1 Prima di iniziare TNTmips fornisce una moltitudine di strumenti di lavoro per dati cartografici

Dettagli

1. PREMESSA... 3 2. MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL RILIEVO... 4. 2.1 Area industriale AFP (Area A)... 5. 2.2 Area Lama Castello (Aree B)...

1. PREMESSA... 3 2. MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL RILIEVO... 4. 2.1 Area industriale AFP (Area A)... 5. 2.2 Area Lama Castello (Aree B)... SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL RILIEVO... 4 2.1 Area industriale AFP (Area A)... 5 2.2 Area Lama Castello (Aree B)... 6 2.3 L area destinata ad insediamento residenziale C3 (Area

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D 2 Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D Introduzione Questo documento riporta un confronto tra i risultati di un analisi di risposta sismica locale condotta con il codice di calcolo LSR2D (Stacec

Dettagli

Dal Telerilevamento al Geo-Spatial Intelligence 4 WORKSHOP TEMATICO

Dal Telerilevamento al Geo-Spatial Intelligence 4 WORKSHOP TEMATICO 16-17 settembre 2010 - TARANTO Dal Telerilevamento al Geo-Spatial Intelligence 4 WORKSHOP TEMATICO GESTIONE ED ANALISI DI DATI LIDAR WAVEFORM DA PIATTAFORMA WEBGIS: Francesco Pirotti, Alberto Guarnieri,

Dettagli

Trasformazioni di sistemi di riferimento

Trasformazioni di sistemi di riferimento Trasformazioni di sistemi di riferimento Trasformazioni di sistemi di riferimento Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1

Dettagli

CREAZIONE DI UN DATABASE ED ELABORAZIONE GEOSTATISTICA DEI

CREAZIONE DI UN DATABASE ED ELABORAZIONE GEOSTATISTICA DEI CREAZIONE DI UN DATABASE ED ELABORAZIONE GEOSTATISTICA DEI DATI Gestione dei dati ambientali mediante strumenti GIS ed applicazione di tecniche geostatistiche per l elaborazione dei dati Maria Elena Piccione

Dettagli

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA)

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) 4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) L analisi della varianza è un metodo sviluppato da Fisher, che è fondamentale per l interpretazione statistica di molti dati biologici ed è alla

Dettagli

Modulo del software GHERAP per la valutazione radio protezionistica del campo EM generato da segnali impulsivi (radar)

Modulo del software GHERAP per la valutazione radio protezionistica del campo EM generato da segnali impulsivi (radar) Modulo del software GHERAP per la valutazione radio protezionistica del campo EM generato da segnali impulsivi (radar) www.studioingsapone.it Pagina 1 di 10 Premessa Questo modulo rappresenta una opzione

Dettagli

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi topografici e studio di inserimento urbanistico Pag 1 Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi

Dettagli

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Ing. Davide Palumbo Prof. Ing. Umberto Galietti Politecnico di Bari, Dipartimento di Meccanica, Matematica e Management

Dettagli

Cap. 3 - L'analisi dei dati

Cap. 3 - L'analisi dei dati Capitolo 3 L analisi dei dati 3.1. Relazioni tra grandezze fisiche Uno degli aspetti più importanti della fisica sperimentale è la ricerca di una relazione matematica in grado di interpretare il tipo di

Dettagli

Analisi statistica degli errori

Analisi statistica degli errori Analisi statistica degli errori I valori numerici di misure ripetute risultano ogni volta diversi l operazione di misura può essere considerata un evento casuale a cui è associata una variabile casuale

Dettagli

Misure della dispersione o della variabilità

Misure della dispersione o della variabilità QUARTA UNITA Misure della dispersione o della variabilità Abbiamo visto che un punteggio di per sé non ha alcun significato e lo acquista solo quando è posto a confronto con altri punteggi o con una statistica.

Dettagli

Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView

Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView Massimo Mazzanti Unità 10 - Selezione di oggetti in base a criteri spaziali Informazioni generali: Prerequisiti Obiettivi

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

SCALA ED ECOLOGIA: Scala: dal latino scala,, collegato con scandere (scandire, misurare i versi)

SCALA ED ECOLOGIA: Scala: dal latino scala,, collegato con scandere (scandire, misurare i versi) SCALA ED ECOLOGIA: Scala: dal latino scala,, collegato con scandere (scandire, misurare i versi) Lo studio della struttura spaziale (pattern) e del dominio spaziale (scala) dei fenomeni costituisce un

Dettagli

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LABORATORI DT-000 GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI INDICE parte sezione pagina 1. INTRODUZIONE. FONDAMENTI.1. Misurando,

Dettagli

Capitolo 1 ( Cenni di chimica/fisica di base ) Pressione

Capitolo 1 ( Cenni di chimica/fisica di base ) Pressione PRESSIONE: La pressione è una grandezza fisica, definita come il rapporto tra la forza agente ortogonalmente 1 su una superficie e la superficie stessa. Il suo opposto (una pressione con verso opposto)

Dettagli

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ Giovanni Dalerci, Rossella Bovolenta Università degli Studi di Genova Dipartimento

Dettagli

Indagine sismica. MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves

Indagine sismica. MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves Indagine sismica MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves relativa alla determinazione della stratigrafia sismica VS e del parametro VS30 in un'area di Sestri Levanti NS rif 09140SA Dott. Geol. Franco

Dettagli

Manovellismi per coffe machine a cialde

Manovellismi per coffe machine a cialde g Elvio Bonisoli - Dipartimento di Ingegneria Gestionale e della Produzione Politecnico di Torino Manovellismi per coffe machine a cialde La progettazione di macchine per espresso casalinghe ha visto in

Dettagli