Procedura di gestione delle insolvenze. D E S C R I Z I O N E D E L L A P R O C E D U R A V E R S I O N E Aprile 2013

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Procedura di gestione delle insolvenze. D E S C R I Z I O N E D E L L A P R O C E D U R A V E R S I O N E Aprile 2013"

Transcript

1 Procedura di gestione delle insolvenze D E S C R I Z I O N E D E L L A P R O C E D U R A V E R S I O N E Aprile

2 PREMESSA L obiettivo del documento è quello di descrivere la procedura di gestione dell insolvenza di un partecipante diretto o indiretto (di seguito, in generale: partecipante) ai servizi di liquidazione organizzati e gestiti da Monte Titoli. La procedura in oggetto tiene conto del vigente quadro regolamentare di riferimento e costituisce attuazione dell articolo 14, comma 4 e dell articolo 33, comma 3 del Regolamento Operativo dei Servizi di Liquidazione (Express II) e delle attività accessorie. PRINCIPI GENERALI La procedura interessa tutte le operazioni immesse per la liquidazione (operazioni di mercato garantite; operazioni di mercato non garantite; operazioni OTC ). In caso di insolvenza di un partecipante la procedura posta in essere da Monte Titoli si articola nelle seguenti fasi: 1. Ricezione della dichiarazione di insolvenza; 2. Interventi sul sistema di liquidazione al fine di gestire le operazioni del partecipante insolvente. 1. Ricezione della dichiarazione di insolvenza La presente procedura si applica in caso di notifica a Monte Titoli di una insolvenza, dichiarata in Italia oppure in altro Stato EU, secondo quanto previsto dall art. 3, comma 6, del D. Lgs. N. 210/2001. In entrambi i casi, la procedura è attivata da Monte Titoli alla ricezione della notifica da parte di Banca d Italia. A tal fine Monte Titoli ha in essere una procedura con Banca d Italia che prevede la ricezione delle comunicazioni all indirizzo dedicato: ciò in modo da assicurare la tempestiva ricezione e l appropriata trattazione delle notifiche e degli interventi che conseguono. Per quanto attiene l insolvenza dichiarata in uno Stato extra UE, secondo quanto previsto dall art. 3, comma 8, del D. Lgs. N. 210/2001, la procedura è attivata da Monte Titoli alla ricezione della notifica da parte, oltre che di Banca d Italia, di un proprio partecipante, diretto o indiretto, oppure di una controparte centrale a condizione che la comunicazione specifichi che il mittente sotto la propria responsabilità informa dell apertura della procedura di insolvenza ai sensi del D.Lgs. 210/2001 a carico di [denominazione, codice BIC/il codice CED/codice ABI del partecipante insolvente]. Tale comunicazione deve essere resa dal rappresentante legale e/o contrattuale del partecipante o della controparte centrale. 2

3 Ricevuta la comunicazione, Monte Titoli contestualmente: - attiva le procedure tecniche al fine di sospendere il partecipante dal sistema e di sospendere la liquidazione delle operazioni non definitive dello stesso; - comunica ai partecipanti al sistema l attivazione della procedura di gestione dell insolvenza, specificando l orario di avvio della stessa; - blocca l acquisizione di nuove operazioni. Con riguardo alla comunicazione dell insolvenza ai partecipanti, al fine di identificare con certezza il soggetto nei confronti del quale è dichiarata l insolvenza, Monte Titoli comunicherà il codice BIC, il codice CED e/o il codice ABI del partecipante insolvente e il relativo conto di liquidazione. Sempre al fine di assicurare un appropriata diffusione dell informazione, Monte Titoli richiede ai partecipanti di mantenere aggiornati i dati dei soggetti che Monte Titoli dovrà/potrà contattare al fine della gestione della procedura di insolvenza (nome, mailing list, numeri di telefono, ecc.). 2. Interventi sul sistema di liquidazione al fine di gestire le operazioni del partecipante insolvente Le seguenti tabelle specificano il trattamento delle operazioni di un partecipante insolvente, a seconda del ruolo che esso riveste, nei seguenti casi: - operazioni non garantite di mercato o OTC (nel caso di insolvenza di un partecipante diretto o di un partecipante indiretto al sistema di liquidazione)(tabella 1); - operazioni garantite (nel caso di insolvenza di un partecipante diretto o indiretto presso la controparte centrale tenuto conto della sua partecipazione diretta o indiretta al sistema di liquidazione)(tabella 2). Si evidenzia che nel caso di controparti centrali che inseriscono operazioni non preventivamente riscontrate (modalità OTC) si applica quanto previsto in via generale per le operazioni garantite con l assunzione che le controparti centrali inseriscano operazioni in contropartita del proprio partecipante (G/ICM). Nella sostanza trovano applicazione le righe nn. 3 e 4 della tabella 2. 3

4 Tabella 1 - Operazioni di mercato non garantite e operazioni OTC Nr. Modalità di partecipazione in Express II del soggetto insolvente Operazioni revocabili Operazioni irrevocabili (non definitive) Operazioni definitive 1 Diretta Cancellate su iniziativa Cancellate su iniziativa di insolvenza durante la liquidazione netta: le operazioni del partecipante insolvente continuano il regolamento, fino al termine della liquidazione netta. 2 Indiretta Cancellate su iniziativa Cancellate su iniziativa di insolvenza durante la operazioni già regolate sono definitive; le operazioni del partecipante insolvente, non ancora regolate al momento della dichiarazione di insolvenza, sono cancellate su iniziativa. di insolvenza durante la liquidazione netta: le operazioni riconducibili al partecipante insolvente continuano il regolamento, fino al termine della liquidazione netta. di insolvenza durante la operazioni già regolate sono definitive; le operazioni riconducibili al partecipante insolvente, non ancora regolate al momento della dichiarazione di insolvenza, sono cancellate su iniziativa di MT. 4

5 Tabella 2 - Operazioni garantite Nr. Modalità di partecipazione alla CCP del soggetto insolvente Modalità di partecipazione in Express II del soggetto insolvente Operazioni revocabili Operazioni irrevocabili (non definitive) Operazioni definitive 1 NCM Diretta Cancellate su iniziativa Le operazioni NCM-GCM sono cancellate su iniziativa di MT Le operazioni GCM-CCP continuano il regolamento liquidazione netta, il GCM regola le operazioni del NCM fino al termine della liquidazione netta nel corso della quale è stata dichiarata l insolvenza. Eventuali operazioni GCM- CCP non regolate al termine della liquidazione netta continuano il regolamento nella liquidazione lorda. Le operazioni NCM-GCM terminano la liquidazione netta nel corso della quale è stata dichiarata l insolvenza; le eventuali operazioni NCM-GCM non liquidazione netta sono stralciate e non sono inviate alla liquidazione lorda. operazioni già regolate sono definitive; le operazioni GCM-CCP non ancora regolate al momento della dichiarazione di insolvenza, continuano il regolamento; le operazioni NCM-GCM non ancora regolate sono cancellate su iniziativa. 5

6 2 NCM Indiretta Cancellate su iniziativa Le operazioni GCM-CCP continuano il regolamento Le operazioni NCM-GCM sono cancellate su iniziativa di MT* liquidazione netta il GCM regola le operazioni del NCM insolvente fino al termine della liquidazione netta nel corso della quale è stata dichiarata l insolvenza. Eventuali operazioni GCM-CCP non liquidazione netta continuano il regolamento nella liquidazione lorda. Le operazioni NCM-GCM terminano la liquidazione netta nel corso della quale è stata dichiarata l insolvenza; le eventuali operazioni NCM-GCM non liquidazione netta sono stralciate e non sono inviate alla liquidazione lorda. * operazioni già regolate sono definitive; le operazioni GCM-CCP, non ancora regolate al momento della dichiarazione di insolvenza, continuano il regolamento; le operazioni NCM-GCM non ancora regolate sono cancellate su iniziativa *. * La gestione delle operazioni NCM-GCM trova applicazione nel modello operativo B (di cui al paragrafo 8.6 delle Istruzioni del Servizio X-TRM) esclusivamente a condizione che il liquidatore abbia attribuito al NCM un conto di liquidazione ad hoc 3 G/ICM Diretta Cancellate su iniziativa Cancellate su iniziativa liquidazione netta le operazioni del G/ICM insolvente terminano la liquidazione netta nel corso della quale è stata dichiarata l insolvenza. Eventuali operazioni non liquidazione netta sono 6

7 4 G/ICM Indiretta Cancellate su iniziativa Cancellate su iniziativa stralciate e non sono inviate alla liquidazione lorda. operazioni già regolate sono definitive; le operazioni del G/ICM insolvente, non ancora regolate al momento della dichiarazione di insolvenza, sono cancellate su iniziativa di MT. liquidazione netta: le operazioni del G/ICM insolvente terminano la liquidazione netta nel corso della quale è stata dichiarata l insolvenza. Eventuali operazioni non liquidazione netta sono stralciate e non sono inviate alla liquidazione lorda. operazioni già regolate sono definitive; le operazioni del G/ICM insolvente, non ancora regolate al momento della dichiarazione di insolvenza, sono cancellate su iniziativa di MT. Con riguardo alle procedure per la sospensione della liquidazione delle operazioni nella liquidazione netta si applica quanto segue: - In caso di insolvenza prima delle (inizio ciclo notturno), le operazioni di pertinenza dell insolvente risultano come non regolabili e quindi sono stralciate. - In caso di insolvenza notificata dopo le e fino alla termine della fase di compensazione della liquidazione netta [ore 21], le operazioni di pertinenza dell insolvente risultano come non regolabili e quindi sono stralciate. 7

8 - In caso di insolvenza notificata dopo il termine della fase di compensazione della liquidazione netta, le operazioni sono definitive e non stralciabili. Per esse viene quindi tentato il regolamento. Dalla conclusione della liquidazione netta è possibile stralciare dal sistema di liquidazione le operazioni di pertinenza dell insolvente non regolate. Le operazioni del partecipante insolvente non sono quindi inviate alla liquidazione lorda. Nei casi sopra indicati, qualora necessitasse, Monte Titoli potrà procedere ad uno spostamento dei cut off al fine di consentire la gestione della procedura; Monte Titoli darà informativa di ciò al sistema. Con riguardo alle procedure per la sospensione della liquidazione delle operazioni nella liquidazione lorda si applica quanto segue: - In caso di insolvenza nel corso della liquidazione lorda tutte le operazioni di pertinenza dell insolvente non ancora regolate sono non definitive e quindi sono stralciate (inclusi i fail). Per le operazioni non garantite che, al momento della notifica dell insolvenza, non erano definitive e con data di regolamento successiva la cancellazione è effettuata da Monte Titoli di iniziativa, sia nel caso di partecipazione diretta ad Express II che nel caso di partecipazione indiretta. Per le operazioni garantite che, al momento della notifica dell insolvenza, non erano definitive e con data di regolamento successiva: 1. Nel caso di insolvenza di un NCM che partecipa direttamente ad Express II, secondo il caso 2 dei modelli operativi A e B previsti nelle Istruzioni del Servizio X-TRM, Monte Titoli cancella le operazioni tra NMC e GCM mentre le operazioni tra GCM e controparte centrale sono mantenute nel sistema in quanto obbligazioni in capo al GCM. (cfr. precedente tabella 2, riga 1) 2. Nel caso di insolvenza di un NCM che partecipa indirettamente ad Express II e il cui GCM regola in Express II con un agente di regolamento (SA), secondo il caso 5 dei modelli operativi A e B previsti nelle Istruzioni del Servizio X-TRM, le operazioni tra controparte centrale e SA rimangono nel sistema (in quanto obbligazioni in capo al GCM); qualora il GCM regoli in Express II direttamente, secondo il caso 3 dei modelli operativi A e B previsti nelle Istruzioni del Servizio X-TRM, le operazioni tra controparte centrale e GCM rimangono nel sistema. (cfr. precedente tabella 2, riga 2) 3. Nel caso di G/ICM che regola direttamente o indirettamente in Express II, secondo i casi 1 e 4 dei modelli operativi A e B previsti nelle Istruzioni del Servizio X-TRM, Monte Titoli cancella le operazioni. (cfr. precedente tabella 2, righe 3 e 4) La cancellazione delle operazioni è comunicata nel flusso informativo inviato ai partecipanti alla fine della liquidazione netta o in tempo reale nel caso della liquidazione lorda. Monte Titoli invia anche una informativa specifica al partecipante insolvente o al suo agente di regolamento, alla controparte centrale e ai mercati interessati (anche se le controparti centrali o gli agenti di regolamento dispongono degli strumenti per estrarre dal sistema la liste delle operazioni definitive e non definitive al momento di dichiarazione dell insolvenza). 8

Monte Titoli. Procedura di gestione delle insolvenze. Descrizione della procedura

Monte Titoli. Procedura di gestione delle insolvenze. Descrizione della procedura Monte Titoli Procedura di gestione delle insolvenze Descrizione della procedura Versione 1.0 9 aprile 2013 PREMESSA L obiettivo del documento è quello di descrivere la procedura di gestione dell insolvenza

Dettagli

Istruzioni del Servizio di Liquidazione e delle attività connesse e strumentali e del Servizio di Gestione Accentrata per Intermediari ed Emittenti

Istruzioni del Servizio di Liquidazione e delle attività connesse e strumentali e del Servizio di Gestione Accentrata per Intermediari ed Emittenti Istruzioni del Servizio di Liquidazione e delle attività connesse e strumentali e del Servizio di Gestione Accentrata per Intermediari ed Emittenti Di seguito si illustrano le principali modifiche alle

Dettagli

Market Notice 4 Luglio 2013

Market Notice 4 Luglio 2013 Market Notice 4 Luglio 2013 Rilascio funzionalità di Hold&Release Obiettivo di questa comunicazione è informare i clienti che Monte Titoli implementerà la funzionalità di Hold & Release l 8 luglio 2013

Dettagli

MODIFICHE ALLE ISTRUZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE ACCENTRATA

MODIFICHE ALLE ISTRUZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE ACCENTRATA MODIFICHE ALLE ISTRUZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE ACCENTRATA Si modificano le Istruzioni del Servizio di Gestione Accentrata per chiarire alcuni aspetti operativi del servizio. In particolare si specificano:

Dettagli

Regolamento operativo dei servizi di liquidazione (Express II) e delle attività accessorie

Regolamento operativo dei servizi di liquidazione (Express II) e delle attività accessorie Regolamento operativo dei servizi di liquidazione (Express II) e delle attività accessorie A p p r o v a t o i n d a t a 2 4 S e t t e m b r e 2 0 0 8 INDICE PARTE I Disposizioni comuni TITOLO I Fonti

Dettagli

TITOLO IA.7 MERCATO MOT

TITOLO IA.7 MERCATO MOT STRALCIO DELLE ISTRUZIONI AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. DEL 21 GIUGNO 2004 (da pag. 256 a pag. 270) NOTA BENE - Il presente stralcio viene fornito con finalità

Dettagli

Modello di applicazione delle penali DESCRIZIONE DEL MODELLO VERSIONE AGOSTO 2011

Modello di applicazione delle penali DESCRIZIONE DEL MODELLO VERSIONE AGOSTO 2011 DESCRIZIONE DEL MODELLO VERSIONE 1.1 - AGOSTO 2011 PREMESSA Il Provvedimento Banca d Italia e Consob contenente la disciplina dei servizi di liquidazione prevede che al fine di agevolare l ordinato ed

Dettagli

AVVISO n Marzo 2008 MTA Standard 1

AVVISO n Marzo 2008 MTA Standard 1 AVVISO n.4848 13 Marzo 2008 MTA Standard 1 Mittente del comunicato : V.I.I.T. Veicolo Italiano Investimenti Tecnologici Societa' oggetto : SIRTI dell'avviso Oggetto : OPA con adesioni raccolte in Borsa

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE ACCENTRATA E

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE ACCENTRATA E MODIFICHE AL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE ACCENTRATA E RELATIVE ISTRUZIONI Con delibera n. 19606 del 11 maggio 2016 la CONSOB d intesa con Banca d Italia ha approvato le modifiche al Regolamento

Dettagli

(Edizione luglio 2015)

(Edizione luglio 2015) SCHEMA DI ACCORDO TRA IL PARTECIPANTE X-COM E L AGENTE DI REGOLAMENTO (CLAUSOLE MINIMALI) (Edizione luglio 2015) ACCORDO TRA IL PARTECIPANTE X-COM E L AGENTE DI REGOLAMENTO (CLAUSOLE MINIMALI) TRA Nome

Dettagli

b) assicurare che i diritti di voto siano esercitati conformemente agli obiettivi e alla politica di investimento dell OICR interessato; c) prevenire

b) assicurare che i diritti di voto siano esercitati conformemente agli obiettivi e alla politica di investimento dell OICR interessato; c) prevenire Fideuram Investimenti SGR S.p.A. Strategia per l esercizio dei diritti di voto detenuti nel portafoglio degli OICR gestiti (ai sensi dell art. 34 del Regolamento Banca d Italia/Consob del [19 gennaio 2015])

Dettagli

Monte Titoli SIMULAZIONE DI DISASTER RECOVERY. Modalità di svolgimento della Simulazione Sabato 20 maggio 2017

Monte Titoli SIMULAZIONE DI DISASTER RECOVERY. Modalità di svolgimento della Simulazione Sabato 20 maggio 2017 Monte Titoli SIMULAZIONE DI DISASTER RECOVERY Modalità di svolgimento della Simulazione Sabato 20 maggio 2017 Maggio 2017 Contenuti Maggio 2017 1.0 Generalità 4 2.0 Specifiche della simulazione 5 3.0

Dettagli

Linee guida all utilizzo dell ambiente di collaudo

Linee guida all utilizzo dell ambiente di collaudo Linee guida all utilizzo dell ambiente di collaudo SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. LE CONFIGURAZIONI ANAGRAFICHE E CONTABILI DELL AMBIENTE DI COLLAUDO 3 3. MODALITÀ DI RICHIESTA DI SUPPORT PERSONALIZZATO

Dettagli

GLI ORGANISMI DI COMPENSAZIONE, LIQUIDAZIONE E GARANZIA 1. Viviana Aiello

GLI ORGANISMI DI COMPENSAZIONE, LIQUIDAZIONE E GARANZIA 1. Viviana Aiello GLI ORGANISMI DI COMPENSAZIONE, LIQUIDAZIONE E GARANZIA 1 Viviana Aiello RUOLO DEI SISTEMI DI COMPENSAZIONE E LIQUIDAZIONE CORRETTO FUNZIONAMENTO DI UN MERCATI REGOLAMENTATI Compensazione consiste nella

Dettagli

MODIFICA DEL CONTO DI REGOLAMENTO DELLE OPERAZIONI FRANCO PAGAMENTO CON IL CSD SVIZZERO SIX-SIS - PIANO DEI TEST

MODIFICA DEL CONTO DI REGOLAMENTO DELLE OPERAZIONI FRANCO PAGAMENTO CON IL CSD SVIZZERO SIX-SIS - PIANO DEI TEST CBS123_it 22 maggio 2012 MODIFICA DEL CONTO DI REGOLAMENTO DELLE OPERAZIONI FRANCO PAGAMENTO CON IL CSD SVIZZERO SIX-SIS - PIANO DEI TEST Monte Titoli è lieta di informarla che le operazioni franco pagamento

Dettagli

RISPOSTA ABI AL DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE

RISPOSTA ABI AL DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE RISPOSTA ABI AL DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari. Correttezza delle relazioni tra intermediari e clienti 14 luglio 2017 POSITION PAPER 07/2017

Dettagli

Mercato telematico all ingrosso dei titoli di Stato (MTS)

Mercato telematico all ingrosso dei titoli di Stato (MTS) Mercato telematico all ingrosso dei titoli di Stato (MTS) Titoli di Stato Composizione per strumento (dati in milioni di euro) Tavola a18.1 PERIODI Volumi medi giornalieri negoziati BOT BTP BTI CCT CTZ

Dettagli

Monte Titoli. Istruzioni Servizio X-TRM

Monte Titoli. Istruzioni Servizio X-TRM Monte Titoli 9 settembre 2013 28 ottobre 2013 Indice 1 PREMESSA... 4 2 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO... 4 3 DEFINIZIONI... 4 4 CARATTERISTICHE GENERALI DEL SERVIZIO X-TRM... 6 4.1 COMUNICAZIONI... 6 4.4 CORRISPETTIVI...

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA DICHIARAZIONE PRECOMPILATA

PROGETTO TESSERA SANITARIA DICHIARAZIONE PRECOMPILATA PROGETTO TESSERA SANITARIA DICHIARAZIONE PRECOMPILATA ISTRUZIONI OPERATIVE STRUTTURE SANITARIE AUTORIZZATE NON ACCREDITATE AL SSN E STRUTTURE AUTORIZZATE ALLA VENDITA AL DETTAGLIO DEI MEDICINALI VETERINARI

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA ELA NORMATIVA TECNICA

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA ELA NORMATIVA TECNICA ALLEGATO 8 Monitoraggio PROG. Canone TV in bolletta MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA ELA NORMATIVA TECNICA RAPPORTO SULLO

Dettagli

SERVIZIO DI COLLATERAL MANAGEMENT X-COM

SERVIZIO DI COLLATERAL MANAGEMENT X-COM SERVIZIO DI COLLATERAL MANAGEMENT X-COM C o m u n i c a z i o n i d i S e r v i z i o a i s e n s i d e g l i a r t t. 4 e 2 4 d e l R e g o l a m e n t o d e l S e r v i z i o e d e l l a r t. 1. 2 d

Dettagli

ALLEGATO 14 CONDIZIONI PER LE OPERAZIONI DI AUTOCOLLATERALIZZAZIONE

ALLEGATO 14 CONDIZIONI PER LE OPERAZIONI DI AUTOCOLLATERALIZZAZIONE ALLEGATO 14 CONDIZIONI PER LE OPERAZIONI DI AUTOCOLLATERALIZZAZIONE CONDIZIONI PER LE OPERAZIONI DI AUTO-COLLATERALIZZAZIONE Articolo 1- Definizioni Ai fini del presente contratto si applicano le seguenti

Dettagli

Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità.

Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità. Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità. Art. 1. Aventi diritto alle Credenziali-People 1. Per l accesso ai Servizi-People sviluppati nell ambito del Progetto-People, il Comune rilascia

Dettagli

AVVISO DI AVVENUTA PUBBLICAZIONE DEL PROSPETTO INFORMATIVO RELATIVO ALL OFFERTA IN OPZIONE AGLI AZIONISTI ai sensi dell art.

AVVISO DI AVVENUTA PUBBLICAZIONE DEL PROSPETTO INFORMATIVO RELATIVO ALL OFFERTA IN OPZIONE AGLI AZIONISTI ai sensi dell art. AVVISO DI AVVENUTA PUBBLICAZIONE DEL PROSPETTO INFORMATIVO RELATIVO ALL OFFERTA IN OPZIONE AGLI AZIONISTI ai sensi dell art. 9 del Regolamento Delegato (UE) 2016/301 del 30 novembre 2015 e degli artt.

Dettagli

Rendiconto annuale sull attività di gestione dei reclami

Rendiconto annuale sull attività di gestione dei reclami Rendiconto annuale sull attività di gestione dei reclami Anno 2015 Indice 1. Introduzione pag. 3 2. Assetto organizzativo/procedurale dell Ufficio Reclami pag. 4 3. Reclami pervenuti nell esercizio 2015

Dettagli

DICHIARA ai sensi dell art. 47 del D.P.R. n. 445/2000 quanto segue:

DICHIARA ai sensi dell art. 47 del D.P.R. n. 445/2000 quanto segue: Appendice n. 2 Spett.le ARTIGIANCASSA Sede Regionale del Piemonte Oggetto: Richiesta di ammissione alla controgaranzia Il sottoscritto...., Legale Rappresentante Confidi..., consapevole di incorrere nelle

Dettagli

Spett.le BANCA D'ITALIA Filiale di. Oggetto: lettera contratto per le operazioni di auto-collateralizzazione.

Spett.le BANCA D'ITALIA Filiale di. Oggetto: lettera contratto per le operazioni di auto-collateralizzazione. Spett.le BANCA D'ITALIA Filiale di Oggetto: lettera contratto per le operazioni di auto-collateralizzazione. Il/La............ (di seguito la controparte), con sede legale in............(stato) (Città).........

Dettagli

PROCESSO E PROCEDURA DI OMOLOGAZIONE PRODOTTI RISPOSTA 1 E RISPOSTA 4

PROCESSO E PROCEDURA DI OMOLOGAZIONE PRODOTTI RISPOSTA 1 E RISPOSTA 4 PROCESSO E PROCEDURA DI OMOLOGAZIONE PRODOTTI RISPOSTA 1 E RISPOSTA 4 Edizione: Febbraio 2016 1 INDICE MODULI APPLICABILI... 3 DOCUMENTI CITATI... 3 1 SCOPO... 3 2 CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 3 PROCEDURA...

Dettagli

DOCUMENTO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

DOCUMENTO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA DOCUMENTO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Definizione delle categorie di clientela e tutele accordate La classificazione del cliente è un aspetto centrale e preliminare alla prestazione di qualsiasi

Dettagli

Istituto Nazionale Previdenza Sociale AVVISO. per la formazione di liste di Avvocati domiciliatari e/o sostituti di udienza per contenzioso INPS

Istituto Nazionale Previdenza Sociale AVVISO. per la formazione di liste di Avvocati domiciliatari e/o sostituti di udienza per contenzioso INPS Istituto Nazionale Previdenza Sociale AVVISO per la formazione di liste di Avvocati domiciliatari e/o sostituti di udienza per contenzioso INPS L Istituto Nazionale Previdenza Sociale - I.N.P.S. pubblica

Dettagli

AIM ITALIA MANUALE DELLE NEGOZIAZIONI

AIM ITALIA MANUALE DELLE NEGOZIAZIONI AIM ITALIA MANUALE DELLE NEGOZIAZIONI VERSIONE 1.0 TITOLO 1 MERCATO TELEMATICO AIM ITALIA Articolo 1 (Strumenti negoziabili) 1. Nel mercato AIM Italia si negoziano, per qualunque quantitativo, strumenti

Dettagli

II.3 LA BANCA D ITALIA

II.3 LA BANCA D ITALIA Provvedimento del 29 aprile 2011 - Disposizioni in materia di obblighi informativi e statistici delle società veicolo coinvolte in operazioni di cartolarizzazione LA BANCA D ITALIA Visto il Regolamento

Dettagli

Il sottoscritto. nato a il e residente a. in qualità di legale rappresentante di (denominazione o ragione sociale) con sede in. Partita IVA C.F.

Il sottoscritto. nato a il e residente a. in qualità di legale rappresentante di (denominazione o ragione sociale) con sede in. Partita IVA C.F. Facsimile dichiarazione richiesta dalla lettera A) del bando. Il sottoscritto nato a il e residente a in qualità di legale rappresentante di (denominazione o ragione sociale) con sede in Partita IVA C.F.

Dettagli

Alkimis SGR S.p.A. Procedura trattazione dei reclami

Alkimis SGR S.p.A. Procedura trattazione dei reclami Alkimis SGR S.p.A. Procedura trattazione dei reclami (Approvata dal CdA 28/10/2015) 1 Sommario 1. Normativa di riferimento... 3 2. Contenuto della procedura e informativa alla clientela... 4 3. Reclamo:

Dettagli

Art. 1: Campo di applicazione.

Art. 1: Campo di applicazione. Allegato 1 alla D.G.R. n 1114 del 20 dicembre 2013 GESTIONE DELLA NOTIFICA DI ATTIVITA CON METODO BIOLOGICO E DELL ALBO DEGLI OPERATORI BIOLOGICI DELLA LOMBARDIA. Sommario ART. 1: CAMPO DI APPLICAZIONE.

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA DETERMINAZIONE : AREA TECNICA SERVIZIO AMBIENTE E VERDE URBANO DETERMINA A CONTRARRE PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATTIZZAZIONE, DISINFESTAZIONE.

Dettagli

ALLEGATO 19a RICHIESTA DI PROLUNGAMENTO DELLA GARANZIA DIRETTA Pag. 1 di 3

ALLEGATO 19a RICHIESTA DI PROLUNGAMENTO DELLA GARANZIA DIRETTA Pag. 1 di 3 ALLEGATO 19a RICHIESTA DI PROLUNGAMENTO DELLA GARANZIA DIRETTA Pag. 1 di 3 Data... /... /... MedioCredito Centrale SPA Via Piemonte, 51 00187 ROMA Servizio Fondi di Garanzia Ufficio Gestione - Liquidazione

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO Gruppo di Lavoro Registro Ufficiale e Processi

SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO Gruppo di Lavoro Registro Ufficiale e Processi SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO Gruppo di Lavoro Registro Ufficiale e Processi PROCESSO di POPOLAMENTO E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO CENTRALE UFFICIALE ex delibera 132/2012/R/COM Roma, 18 aprile 2012 Delibera

Dettagli

Comunicazione del 12 dicembre Decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201: garanzia di Stato sulle passività delle banche italiane

Comunicazione del 12 dicembre Decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201: garanzia di Stato sulle passività delle banche italiane Comunicazione del 12 dicembre 2011. Decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201: garanzia di Stato sulle passività delle banche italiane 1. L art. 8 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201 ( 1 ) prevede che

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO EUROTLX ADEGUAMENTO A T2S GESTIONE DELLE OPERAZIONI IN FAIL IN OCCASIONE DI CORPORATE ACTIONS FINE TUNING

MODIFICHE AL REGOLAMENTO EUROTLX ADEGUAMENTO A T2S GESTIONE DELLE OPERAZIONI IN FAIL IN OCCASIONE DI CORPORATE ACTIONS FINE TUNING MODIFICHE AL REGOLAMENTO EUROTLX ADEGUAMENTO A T2S GESTIONE DELLE OPERAZIONI IN FAIL IN OCCASIONE DI CORPORATE ACTIONS FINE TUNING Si informa che sono state approvate le modifiche al Regolamento del Mercato

Dettagli

Informazione Regolamentata n

Informazione Regolamentata n Informazione Regolamentata n. 0192-6-2016 Data/Ora Ricezione 22 Gennaio 2016 17:40:50 MTA Societa' : MITTEL Identificativo Informazione Regolamentata : 68422 Nome utilizzatore : MITTELN02 - SCIUBBA Tipologia

Dettagli

Servizio di Liquidazione. Comunicazioni di Servizio ai sensi dell articolo 16, del Regolamento Operativo del Servizio di Liquidazione

Servizio di Liquidazione. Comunicazioni di Servizio ai sensi dell articolo 16, del Regolamento Operativo del Servizio di Liquidazione Servizio di Liquidazione Comunicazioni di Servizio ai sensi dell articolo 16, del Regolamento Operativo del Servizio di Liquidazione 31 Marzo 2016 Indice Comunicazioni di Servizio (art. 16) a. Strumenti

Dettagli

SISTEMA TESSERA SANITARIA 730 SPESE SANITARIE

SISTEMA TESSERA SANITARIA 730 SPESE SANITARIE SISTEMA TESSERA SANITARIA 730 SPESE SANITARIE ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI ESERCIZI COMMERCIALI CHE SVOLGONO L ATTIVITÀ DI DISTRIBUZIONE AL PUBBLICO DI FARMACI AI QUALI È STATO ASSEGNATO DAL MINISTERO

Dettagli

Regione Puglia. Area politiche per lo Sviluppo Economico, il Lavoro e l Innovazione. Servizio Politiche per il Lavoro. Sostegno al Reddito

Regione Puglia. Area politiche per lo Sviluppo Economico, il Lavoro e l Innovazione. Servizio Politiche per il Lavoro. Sostegno al Reddito Regione Puglia Area politiche per lo Sviluppo Economico, il Lavoro e l Innovazione Servizio Politiche per il Lavoro Sostegno al Reddito Linea 1 Manifestazione d interesse CAF/Patronati - Iter Procedurale

Dettagli

SISTEMA TESSERA SANITARIA 730 SPESE SANITARIE

SISTEMA TESSERA SANITARIA 730 SPESE SANITARIE SISTEMA TESSERA SANITARIA 730 SPESE SANITARIE ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI ESERCENTI L ARTE SANITARIA AUSILIARIA DI OTTICO CHE ABBIANO EFFETTUATO LA COMUNICAZIONE AL MINISTERO DELLA SALUTE DI CUI AGLI

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Sede Legale: Corso della Repubblica, 2/4 Forlì Capitale Sociale e Riserve al 11 maggio 2014 Euro 102.462.022,95 Partita IVA 00124950403 Iscritta al registro delle Imprese Forlì-Cesena al numero 132929

Dettagli

Selezione I candidati dovranno essere in possesso dei seguenti requisiti:

Selezione I candidati dovranno essere in possesso dei seguenti requisiti: In attuazione di quanto deliberato dal Consiglio di Amministrazione del 18/10/2017, l Ente Teatro di Rilevante Interesse Culturale Stabile della Città di Catania (di seguito anche Teatro ) indice un bando

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ELENCO SPECIALE

REGOLAMENTO DELL ELENCO SPECIALE REGOLAMENTO DELL ELENCO SPECIALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Carraro S.p.A. in data 15 aprile 2016 Indice 1. Definizioni 3 2. Premessa 4 3. Elenco Speciale 4 4. Incaricato della gestione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI LIQUIDAZIONE (EXPRESS II) DELLE ATTIVITA ACCESSORIE

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI LIQUIDAZIONE (EXPRESS II) DELLE ATTIVITA ACCESSORIE REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI LIQUIDAZIONE (EXPRESS II) DELLE ATTIVITA ACCESSORIE PARTE I Disposizioni comuni TITOLO I TITOLO II Fonti normative e definizioni Criteri generali dei Servizi di liquidazione

Dettagli

SILP - SISTEMA INFORMATIVO LAVORO PIEMONTE. Acquisizione DID Online

SILP - SISTEMA INFORMATIVO LAVORO PIEMONTE. Acquisizione DID Online SILP - SISTEMA INFORMATIVO LAVORO PIEMONTE Acquisizione DID Online Torino, 15 Maggio 2017 DID ONLINE ANPAL IL VADEMECUM CONTROLLI SISTEMA DID ONLINE ANPAL (VERSIONE 1.4 DEL 16 NOVEMBRE 2016) HA STABILITO:

Dettagli

COMUNICAZIONE DI CESSAZIONE O SOSPENSIONE TEMPORANEA DI ATTIVITÀ DI COMMERCIO / SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE. Compilato a cura del SUAP:

COMUNICAZIONE DI CESSAZIONE O SOSPENSIONE TEMPORANEA DI ATTIVITÀ DI COMMERCIO / SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE. Compilato a cura del SUAP: Al SUAP del Comune di Compilato a cura del SUAP: Pratica del Protocollo Indirizzo PEC / Posta elettronica COMUNICAZIONE: Cessazione di attività di commercio / somministrazione di alimenti e bevande Sospensione

Dettagli

Cognome. indirizzo

Cognome. indirizzo SPAZIO RISERVATO ALL ISVAP ALLEGATO 11 Modello per le comunicazioni di avvio dell operatività e per le comunicazioni relative alla modifica delle cariche in società iscritte nelle sezioni A o B RACCOMANDATA

Dettagli

CIVIS. Servizio di presentazione documenti per il controllo formale. Art. 36 ter D.P.R. 600/73. Roma, 18 dicembre 2014

CIVIS. Servizio di presentazione documenti per il controllo formale. Art. 36 ter D.P.R. 600/73. Roma, 18 dicembre 2014 CIVIS Servizio di presentazione documenti per il controllo formale Art. 36 ter D.P.R. 600/73 Roma, 18 dicembre 2014 Invio della documentazione tramite il canale CIVIS Il contribuente abilitato ai servizi

Dettagli

Cassa di Compensazione e Garanzia. Regolamento

Cassa di Compensazione e Garanzia. Regolamento Cassa di Compensazione e Garanzia Regolamento 1 luglio 2016 Indice SEZIONE A DISPOSIZIONI GENERALI... 6 Articolo A.1.1.1. Definizioni... 6 Articolo A.1.1.2 Oggetto del Regolamento...12 Articolo A.1.1.3

Dettagli

DICHIARA ADERISCE AUTORIZZA CONSENTE DICHIARA PRENDE ATTO AUTORIZZA. Scheda di Adesione n.

DICHIARA ADERISCE AUTORIZZA CONSENTE DICHIARA PRENDE ATTO AUTORIZZA. Scheda di Adesione n. SCHEDA DI ADESIONE ALL OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO VOLONTARIA TOTALITARIA ai sensi dell articolo 102 e seguenti del D. Lgs. n. 58 del 24 febbraio 1998, come successivamente modificato su n. 10.732.454

Dettagli

ORDINE DI SERVIZIO N 1365 DEL 1/10/09

ORDINE DI SERVIZIO N 1365 DEL 1/10/09 ORDINE DI SERVIZIO N 1365 DEL 1/10/09 Avviso di preselezione per la costituzione di un elenco di LAVORATORI/TRICI ISCRITTI NELLE LISTE DI MOBILITA, cui attingere per l'eventuale assunzione a tempo determinato

Dettagli

Modulo iscrizione Cod. PFB01_2016

Modulo iscrizione Cod. PFB01_2016 Modulo iscrizione Cod. PFB01_2016 SEMINARIO VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA CHIMICA (Normativa Nazionale e Regolamento Reach) Cod. PFB01_2016 Genova, 26 Febbraio 2016 14:00 18:00 DATI DEL PARTECIPANTE Cognome

Dettagli

Regole e modalità di utilizzo della PEC e della PEO istituzionale

Regole e modalità di utilizzo della PEC e della PEO istituzionale ALLEGATO 2 al Manuale per la Gestione del Protocollo informatico, dei Flussi documentali e degli Archivi Regole e modalità di utilizzo della PEC e della PEO istituzionale 3 All. 2 Regole e modalità di

Dettagli

Gestione dei Reclami

Gestione dei Reclami Gestione dei Reclami Adottata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 19/01/2012 1 di 7 Sommario 1. Obiettivi... 3 2. Ambito normativo... 3 3. Definizioni... 4 4. Descrizione della procedura...

Dettagli

Linee Guida per la gestione del Codice di Repertorio

Linee Guida per la gestione del Codice di Repertorio Linee Guida per la gestione del Codice di Repertorio Sottogruppo tecnico per la gestione del Codice di Repertorio Roma, 27 giugno g 2012 Premessa il Sottogruppo tecnico Nell incontro del 25 gennaio 2012

Dettagli

Città di Pomezia. Provincia di Roma

Città di Pomezia. Provincia di Roma Città di Pomezia Provincia di Roma PROCEDURE FINALIZZATE ALLA GESTIONE DEL CICLO PASSIVO DELLA FATTURA ELETTRONICA (D.M. n. 55 del 3 aprile 2013 _ Art.9 D.L. 1 luglio 2009, n. 78) Allegato A) alla deliberazione

Dettagli

Proposte di modifica al Testo Integrato della Disciplina del Mercato Elettrico - Mercato dei certificati verdi

Proposte di modifica al Testo Integrato della Disciplina del Mercato Elettrico - Mercato dei certificati verdi Proposte di modifica al Testo Integrato della Disciplina del Mercato Elettrico - Mercato dei certificati verdi L introduzione di una struttura di mercato improntata sul principio di indifferenza di controparte

Dettagli

Alert. Versione 6 (marzo 2017)

Alert. Versione 6 (marzo 2017) E-mail Alert Versione 6 (marzo 2017) Pur dichiarando il proprio impegno a mantenere questo documento costantemente aggiornato, non si garantisce che, in ogni momento, sia del tutto corrispondente al Servizio

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ PER ESERCIZI

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ PER ESERCIZI Al SUAP del Comune di Compilato a cura del SUAP: Pratica del Protocollo Indirizzo PEC / Posta elettronica SCIA UNICA: SCIA esercizi di somministrazione TEMPORANEA + SCIA sanitaria SEGNALAZIONE CERTIFICATA

Dettagli

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI La presente informativa sul trattamento dei dati personali (di seguito, Informativa ) si applica a chiunque inclusi dipendenti, collaboratori, fornitori,

Dettagli

Scuola Regionale di Polizia Locale della Campania

Scuola Regionale di Polizia Locale della Campania Allegato B Scuola Regionale di Polizia Locale della Campania Art. 1 DISCIPLINARE PER LA PARTECIPAZIONE AL CORSO FORMAZIONE PER FORMATORI La Scuola Regionale di Polizia Locale della Campania, la cui mission

Dettagli

FONDO PREVENZIONE USURA - Articolo 15, Legge 7 marzo 1996, n.108. RELAZIONE SULL OPERATIVITA (non compilare a mano) ANNO 20

FONDO PREVENZIONE USURA - Articolo 15, Legge 7 marzo 1996, n.108. RELAZIONE SULL OPERATIVITA (non compilare a mano) ANNO 20 FONDO PREVENZIONE USURA - Articolo 15, Legge 7 marzo 1996, n.108 RELAZIONE SULL OPERATIVITA (non compilare a mano) ANNO 20 Pos n. /_ / DENOMINAZIONE SEDE LEGALE IN PROV. VIA C.A.P. TEL. FAX _ SEDE AMM.VA

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Classificazione della Clientela 2 di 8 03.0.13142-03/2011 1. Definizione delle categorie di clientela e tutele accordate La classificazione del

Dettagli

(art. 3 e 6 allegato 1 della delibera di Giunta Regionale dell Emilia-Romagna n. 342/04) nato/a il a Prov. Via n. Fax assoc.

(art. 3 e 6 allegato 1 della delibera di Giunta Regionale dell Emilia-Romagna n. 342/04) nato/a il a Prov. Via n. Fax assoc. Operatori alimentaristi: richiesta di validazione corsi nell'ambito di applicazione della l.r. dell Emilia-Romagna 11/03, da parte di Associazioni di categoria (art. 3 e 6 allegato 1 della delibera di

Dettagli

Vademecum per la gestione degli endoprocedimenti in capo alle Soprintendenze

Vademecum per la gestione degli endoprocedimenti in capo alle Soprintendenze Vademecum per la gestione degli endoprocedimenti in capo alle Soprintendenze ges MAGGIO 2017 surap.attivitaproduttive@pec.regione.calabria.it Tel. 0961/774394 Pagina 1 Vademecum per la gestione degli endoprocedimenti

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ PER ESERCIZI

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ PER ESERCIZI Al SUAP del Comune di Compilato a cura del SUAP: Pratica del Protocollo Indirizzo PEC / Posta elettronica SCIA UNICA: SCIA esercizi di somministrazione TEMPORANEA + SCIA sanitaria SEGNALAZIONE CERTIFICATA

Dettagli

VENDITA, TRAMITE PUBBLICO INCANTO, DI AUTOVEICOLI USATI ASSEGNATI IN DOTAZIONE AL CORPO FORESTALE DELLA VALLE D AOSTA

VENDITA, TRAMITE PUBBLICO INCANTO, DI AUTOVEICOLI USATI ASSEGNATI IN DOTAZIONE AL CORPO FORESTALE DELLA VALLE D AOSTA ASSESSORATO AGRICOLTURA E RISORSE NATURALI ASSESSORAT DE L AGRICULTURE ET DES RESSOURCES NATURELLES Dipartimento risorse naturali e Département des ressources naturelles et du corps forestier VENDITA,

Dettagli

RISCOSSIONE TRAMITE MODELLO F24 TRACCIATO DI FORNITURA DATI

RISCOSSIONE TRAMITE MODELLO F24 TRACCIATO DI FORNITURA DATI RISCOSSIONE TRAMITE MODELLO F24 TRACCIATO DI FORNITURA DATI INDICE 1. GENERALITÀ 3 2. STRUTTURA DEL FLUSSO INFORMATIVO 4 2.1 FLUSSO INFORMATIVO DEL COMUNE: TIPI RECORD 5 2.2 FLUSSO INFORMATIVO PER L ENTE

Dettagli

Sicurezza degli impianti di utenza a gas - Postcontatore

Sicurezza degli impianti di utenza a gas - Postcontatore Manuale d uso: Sicurezza degli impianti di utenza a gas - Postcontatore aggiornamento 1 Obbligo di comunicazione dei dati... 2 2 Accesso alla raccolta... 2 3 Compilazione... 6 3.1 Dati generali Sicurezza

Dettagli

OPENJOBMETIS S.P.A. AGENZIA PER IL LAVORO REGOLAMENTO DELL ELENCO DELLE PERSONE AVENTI ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

OPENJOBMETIS S.P.A. AGENZIA PER IL LAVORO REGOLAMENTO DELL ELENCO DELLE PERSONE AVENTI ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OPENJOBMETIS S.P.A. AGENZIA PER IL LAVORO REGOLAMENTO DELL ELENCO DELLE PERSONE AVENTI ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE (Edizione Novembre 2016) 1 INDICE Articolo 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 Articolo

Dettagli

II^ SEZIONE PROCESSO SEMPLIFICATO

II^ SEZIONE PROCESSO SEMPLIFICATO Comune di Cavalese - Provincia di Trento Ufficio Tecnico Distribuzione Energia Elettrica P.zza Pasquai, 24-38033 Cavalese Tel. 0462/237561 Fax 0462/237550 e-mail: cantiereelettrico@comunecavalese.it PEFC/18-21-02/51

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA tra MINISTERO DELLA DIFESA SOTTOSEGRETARIO DI STATO ALLA DIFESA SEN. FRANCESCO BOSI e ORGANIZZAZIONI SINDACALI AUPI, SNUBCI, SICUS

PROTOCOLLO D INTESA tra MINISTERO DELLA DIFESA SOTTOSEGRETARIO DI STATO ALLA DIFESA SEN. FRANCESCO BOSI e ORGANIZZAZIONI SINDACALI AUPI, SNUBCI, SICUS PROTOCOLLO D INTESA tra MINISTERO DELLA DIFESA SOTTOSEGRETARIO DI STATO ALLA DIFESA SEN. FRANCESCO BOSI e ORGANIZZAZIONI SINDACALI AUPI, SNUBCI, SICUS Premesso: - che ai sensi dell art. 1 della Legge 304/86

Dettagli

POSIZIONE FINANZIARIA NETTA AL 31 AGOSTO 2008

POSIZIONE FINANZIARIA NETTA AL 31 AGOSTO 2008 COMUNICATO STAMPA POSIZIONE FINANZIARIA NETTA AL 31 AGOSTO 2008 Con DPCM 29 agosto 2008, ALITALIA Linee Aeree Italiane S.p.A. ( Alitalia ) è stata ammessa alla procedura di amministrazione straordinaria

Dettagli

Domanda di ammissione degli strumenti finanziari alle negoziazioni e Lettera di impegno dell operatore Specialista

Domanda di ammissione degli strumenti finanziari alle negoziazioni e Lettera di impegno dell operatore Specialista Mercato TAH Borsa Italiana Equity MTF Domanda di ammissione degli strumenti finanziari alle negoziazioni e Lettera di impegno dell operatore Specialista Allegato 1 Allegato 2 ALLEGATO 1 Domanda di ammissione

Dettagli

in qualità di: barrare UNA casella

in qualità di: barrare UNA casella TIMBRO ASSOCIAZIONE DI CATEGORIA MODULO ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA Alla c.a. Direttore dell UO.I.A.N. Dr. Giuseppe Cosenza PEC: dirdsp@pec.ausl.fe.it Oggetto: richiesta di validazione corsi formazione alimentaristi

Dettagli

Comune di Paullo. Città Metropolitana di Milano

Comune di Paullo. Città Metropolitana di Milano Comune di Paullo Città Metropolitana di Milano BANDO DI GARA D APPALTO - AFFIDAMENTO SERVIZI TECNICI PROFESSIONALI FINALIZZATI ALLA PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA DI CONTRIBUTO RELATIVA AL BANDO DI FONDAZIONE

Dettagli

ADESIONE ALLA DOMANDA DI CONCILIAZIONE

ADESIONE ALLA DOMANDA DI CONCILIAZIONE ADESIONE ALLA DOMANDA DI CONCILIAZIONE Il/la sottoscritto/a Nato/a a il residente alla via/piazza CAP città Telefono Fax CodiceFiscale E-maiL Legale rappresentante, o consulente con mandato o delega (da

Dettagli

Domanda di partecipazione (fac simile)

Domanda di partecipazione (fac simile) Allegato 1 Consiglio regionale del Lazio Via della Pisana 1301 00163 Roma Procedura aperta suddivisa in lotti per l affidamento di servizi giornalistici e informativi, a mezzo di agenzie di stampa, per

Dettagli

! " # ) * +, ) 0-1 $. 1 % / 1 & +. 1 ' ( # / 1 # ) * ) 3 )

!  # ) * +, ) 0-1 $. 1 % / 1 & +. 1 ' ( # / 1 # ) * ) 3 ) $ % & ' ( )*+,) -. / +. + 0 #/ #0-2!" 0 # + )*)3) !"#$ % & ' $$%&("" (')#$ %"&$!$&* & "&"(&" '%&"& " %!%#$ %('$""$('$$%" + "$&* "&$!$,(&$ % - 0 '(45# 36 7 8-03& %9:&; " : $$; )) 8-0 ( 4 6 )3.3#3 7 3 8-0

Dettagli

EXTRAMOT MANUALE DELLE NEGOZIAZIONI

EXTRAMOT MANUALE DELLE NEGOZIAZIONI EXTRAMOT MANUALE DELLE NEGOZIAZIONI VERSIONE 6.0 9 MAGGIO 2011 TITOLO 1 MERCATO TELEMATICO ExtraMOT Articolo 1 (Strumenti negoziabili) 1. Nel mercato ExtraMOT possono essere ammessi alle negoziazioni gli

Dettagli

Saes Getters S.p.A. REGOLAMENTO PER IL VOTO MAGGIORATO

Saes Getters S.p.A. REGOLAMENTO PER IL VOTO MAGGIORATO Saes Getters S.p.A. REGOLAMENTO PER IL VOTO MAGGIORATO SOMMARIO 1. Definizioni 2. Elenco 3. Diritto al voto maggiorato 4. Legittimazione alla richiesta di iscrizione 5. Modalità per richiedere l iscrizione

Dettagli

CONVENZIONE OPERATIVA IN FORMA DI CONTRATTO PER ADESIONE REGOLANTE I SERVIZI DI GESTIONE DEI RAEE AI SENSI DEL D.Lgs 151/05

CONVENZIONE OPERATIVA IN FORMA DI CONTRATTO PER ADESIONE REGOLANTE I SERVIZI DI GESTIONE DEI RAEE AI SENSI DEL D.Lgs 151/05 CONVENZIONE OPERATIVA IN FORMA DI CONTRATTO PER ADESIONE REGOLANTE I SERVIZI DI GESTIONE DEI RAEE AI SENSI DEL D.Lgs 151/05 TRA Il Centro di Coordinamento RAEE, consorzio con attività esterna, con sede

Dettagli

Allegato 1 Fac- simile autorizzazione Autorizzazione all accreditamento su c/c bancario o postale degli importi dovuti esposti sul modello di versamento unificato (F24 - F24 Accise F24 con elementi identificativi)

Dettagli

ALLEGATO B REGOLE TECNICHE

ALLEGATO B REGOLE TECNICHE ALLEGATO B REGOLE TECNICHE 23 INDICE 1. PREMESSA 2. MODALITA DI EMISSIONE DELLE FATTURE ELETTRONICHE 3. MODALITÀ DI TRASMISSIONE DELLE FATTURE ELETTRONICHE 3.1 TRASMISSIONE DELLA FATTURA 4. MODALITA DI

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE Roma, ENTRATE UFF: IV Alle Amministrazioni statali Loro sedi

DIREZIONE CENTRALE Roma, ENTRATE UFF: IV Alle Amministrazioni statali Loro sedi DIREZIONE CENTRALE Roma, 9-10-2003 ENTRATE UFF: IV Alle Amministrazioni statali Loro sedi Agli enti iscritti Loro Sedi (per il tramite delle sedi Inpdap) Alle Sedi compartimentali e alle sedi provinciali

Dettagli

Gestione azioni a voto maggiorato

Gestione azioni a voto maggiorato Gestione azioni a voto maggiorato Proposta operativa v. 0.2 del 18-02-2015 Page 1 Il voto maggiorato Il voto maggiorato è stato recentemente introdotta dal TUF (art.127-quinquies comma 2) e consente alle

Dettagli

Guida all attivazione del Servizio 3D Secure - Mastercard SecureCode

Guida all attivazione del Servizio 3D Secure - Mastercard SecureCode Guida all attivazione del Servizio 3D Secure - Mastercard SecureCode La presente guida elenca i passaggi ed i requisiti preliminari richiesti per poter procedere all attivazione del Servizio 3D Secure

Dettagli

Ai Praticanti Consulenti del Lavoro

Ai Praticanti Consulenti del Lavoro Parma, 25/11/2013 Prot. n. 306 Ai Consulenti del Lavoro di Parma Ai Praticanti Consulenti del Lavoro di Parma Oggetto: Circolare n. 35_2013. A) Cena degli Auguri dei Consulenti del Lavoro. B) Comunicazioni

Dettagli

ANNESSO B DELL ALLEGATO 2 PROCESSO DI PORTABILITÀ DEL NUMERO PER PROGETTI AD HOC

ANNESSO B DELL ALLEGATO 2 PROCESSO DI PORTABILITÀ DEL NUMERO PER PROGETTI AD HOC ANNESSO B DELL ALLEGATO 2 PROCESSO DI PORTABILITÀ DEL NUMERO PER PROGETTI AD HOC 1 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Gestione dei Progetti ad Hoc... 3 3. Fasi del Processo... 3 3.1. Invio della richiesta...

Dettagli

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO ALLEGATO A) Prot. n. 8207 COMUNE DI BADIA POLESINE PROVINCIA DI ROVIGO *** Settore Economico-Finanziario Piazza V. Emanuele II, 279 CAP 45021 Tel. 042553671 Fax 042553678 codice fiscale 82000390292 partita

Dettagli

REGOLAMENTO PORTABILITA 2017

REGOLAMENTO PORTABILITA 2017 REGOLAMENTO PORTABILITA 2017 Regolamento approvato dal CdA di FonARCom nella seduta del 28/03/2017 Entrata in vigore dal 01/07/2017 1 1. Portabilità In Uscita... 3 1.1 - Richiesta di trasferimento delle

Dettagli

EUROTLX SIM S.P.A. - RICHIESTA DI SERVIZI

EUROTLX SIM S.P.A. - RICHIESTA DI SERVIZI EUROTLX SIM S.P.A. - RICHIESTA DI SERVIZI Dati del Cliente Nome / Denominazione Sociale...(di seguito, il Cliente ) Appartenente al Gruppo... con sede legale in (Stato)..... Indirizzo CAP... Telefono Tipologia

Dettagli

BENI STABILI S.P.A. SIIQ

BENI STABILI S.P.A. SIIQ BENI STABILI S.P.A. SIIQ Sede legale in Roma, Via Piemonte, 38 Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Roma 00380210302 - Codice Fiscale e Partita IVA n. 04962831006 Capitale Sociale deliberato

Dettagli

Informativa mensile ai sensi dell art. 114, comma 5, D. Lgs. n. 58/1998

Informativa mensile ai sensi dell art. 114, comma 5, D. Lgs. n. 58/1998 Informativa mensile ai sensi dell art. 114, comma 5, D. Lgs. n. 58/1998 Milano, 31 ottobre 2011 - Yorkville bhn S.p.A. (la Società, Capogruppo ), con sede legale in Milano, Via Solferino 7, ai sensi e

Dettagli