IL DIABETE MELLITO: CAUSE E RIMEDI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL DIABETE MELLITO: CAUSE E RIMEDI"

Transcript

1 Cosa è il Diabete Il Diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata - da una eccessiva concentrazione di glucosio nel sangue, - dalla insorgenza, nel suo decorso, di numerose complicanze e - da una riduzione della speranza di vita di 5-10 anni. Si definisce Diabete ogni condizione caratterizzata da un valore di glicemia plasmatica a digiuno superiore a 125 mg/dl. A.I.L.D. Associazione Italiana Lions per il Diabete ONLUS IL DIABETE MELLITO: CAUSE E RIMEDI Il Diabete insorge - quando il pancreas non produce una quantità di insulina sufficiente per l utilizzazione del glucosio (Diabete di Tipo 1), o - quando l organismo perde la sua normale sensibilità all azione della insulina (Diabete di Tipo 2). Il Diabete di Tipo 1 è causato dalla distruzione autoimmunitaria delle cellule beta del pancreas che producono insulina e non è possibile prevenirlo. Interessa il 5-10% dei casi di Diabete. Può essere curato solo con insulina somministrata mediante iniezioni multiple o con una infusione sottocutanea continua. Il Diabete di Tipo 2 è strettamente correlato con l aumento del peso corporeo determinato da una eccessiva introduzione calorica e da un difetto di attività fisica e può essere prevenuto con la correzione dello stile di vita. Interessa il 90-95% dei casi di Diabete. 1

2 Può essere curato, oltre che con misure di ordine alimentare e motorio, con farmaci antidiabetici orali e/o con insulina. Diffusione del Diabete Il Diabete ha assunto i caratteri di una pandemia a livello mondiale. Ciò si deve soprattutto alla crescente diffusione del Diabete di Tipo 2 che, attualmente, colpisce circa 300 milioni di persone con un incremento di quasi 10 volte rispetto ai valori registrati negli anni 80. Si prevede che nel 2030 la popolazione diabetica globale supererà la cifra di 400 milioni. Una cifra eguale o addirittura superiore è quella dei soggetti con Prediabete, intendendosi con questa definizione un valore di glicemia a digiuno compreso fra 100 e 125 mg/dl. In Italia almeno 3 milioni di soggetti sanno di essere diabetici, ma un altro milione di persone sono affette da Diabete senza saperlo. Ai 4 milioni di diabetici si devono aggiungere, inoltre, altri 4 milioni di soggetti affetti da Prediabete. La prevalenza del Diabete in Italia, come nel resto di Europa, fra le persone di età compresa fra 20 e 79 anni è dell ordine dell 8% ma questa percentuale sale al di sopra del 15% nella popolazione di età superiore a 65 anni. Le persone con Diabete hanno un rischio da 2 a 4 volte maggiore di andare incontro a malattie cardiovascolari (macroangiopatiche): infarto del miocardio, scompenso di cuore, ictus cerebrale, insufficienza vascolare degli arti inferiori. Inoltre, l infarto del miocardio nelle persone con Diabete è gravato di una mortalità superiore di quella osservata in coloro che non soffrono di questa patologia. Malattia& cerebrovascolare Malattia& cardio/ vascolare Vasculopatia& periferica Complicanze croniche del Diabete La gravità dell impatto del Diabete sulla salute pubblica è dovuta alle complicanze croniche che si sviluppano nel tempo in mancanza di un adeguato controllo metabolico. 2

3 Accanto al sistema cardiovascolare, il Diabete colpisce altri apparati organici quali i reni, gli occhi ed il sistema nervoso periferico. Il Diabete è infatti - una delle maggiori cause di insufficienza renale terminale e di terapia dialitica, - la principale causa di cecità acquisita e, - attraverso il danno dei nervi periferici, la causa del piede diabetico. - Dal 40 al 60% delle amputazioni non traumatiche degli arti inferiori è dovuto al diabete. Nefropatia, retinopatia e neuropatia periferica sono tutte complicanze dovute al danno del microcircolo e vengono perciò definite microangiopatiche. La crescente diffusione del Diabete e la gravità delle sue complicanze ha importanti risvolti anche sotto il profilo economico. In Italia, i costi diretti dovuti all acquisto di farmaci, alle visite mediche e all ospedalizzazione riferibili al Diabete sono di 4 volte superiore rispetto a quelli di un non diabetico. Il costo medio della assistenza sanitaria ad un paziente diabetico supera infatti i 3000 contro il costo per un non diabetico di circa 800. Ai costi diretti vanno poi aggiunti i costi indiretti riferibili all assenza dal lavoro, alla inabilità e alla morte precoce ed i costi immateriali legati alla ridotta qualità della vita ed alla partecipazione dei familiari ai drammi vissuti dai pazienti. Come si cura il Diabete Una delle maggiori sfide che la moderna diabetologia deve affrontare è la prevenzione delle complicanze croniche del Diabete. Questo obiettivo lo si ottiene con un buon controllo della glicemia e la neutralizzazione degli altri fattori di rischio eventualmente associati al Diabete. I capisaldi della terapia del Diabete sono comuni, sia pure con alcune varianti, al Diabete di Tipo 1 e di Tipo 2: - l adozione di uno stile di vita corretto sia per quanto riguarda l alimentazione che l attività fisica; - l uso appropriato degli strumenti farmacologici e - l automonitoraggio della glicemia da parte del paziente. I soggetti con Diabete di Tipo 1, ad insorgenza prevalente in età infantile od adolescenziale, devono aver un tenore di vita non diverso da quello dei loro coetanei non diabetici. Come nei non diabetici, la dieta deve garantire l apporto calorico necessario per il mantenimento o il conseguimento del peso normale e, sul piano qualitativo, deve rispettare un rapporto fisiologico fra i diversi nutrienti. In particolare, una dieta corretta deve prevedere la composizione descritta nella Tabella 1. 3

4 Tabella 1. Per una ripartizione fisiologica dei vari nutrienti della dieta 1. Introdurre la quota maggiore di calorie (50-60%) sotto forma di carboidrati complessi (pane ed analoghi, pasta, riso, legumi, ecc.). 2. Limitare l introduzione di zuccheri semplici (dolci) a meno del 10% della quantità complessiva di carboidrati. 3. Limitare l apporto totale di grassi al di sotto del 30% dell apporto calorico globale rispettando la seguente ripartizione: a. Prevalenza di grassi monoinsaturi (olio di oliva) nella misura del 10-15% b. Grassi saturi (grassi animali) in misura inferiore al 10% c. Grassi polinsaturi in misura uguale o inferiore al 10% d. Colesterolo al di sotto di 300 mg pro die 4. Proteine animali e vegetali (carni bianche, legumi, ecc.) in misura non superiore al 20 % dell apporto calorico globale. Preferire il pesce alla carne per l apporto di acidi grassi insaturi. 5. Apporto adeguato di fibre: almeno 15 g pro die 6. Consumare 5 portate di frutta e verdura al giorno (ricche di antiossidanti). La composizione descritta della dieta corrisponde, nella sostanza, alle caratteristiche della dieta mediterranea. LA TOP 10 DEI CIBI ANTIOSSIDANTI olive L attività fisica, anche sportiva, è salutare per un giovane diabetico come per un non diabetico ma non essenziale per la terapia. Quando la si pratica, l attività fisica riduce sensibilmente il fabbisogno di insulina. Sul piano farmacologico il Diabete di Tipo 1 può essere curato solo con insulina. Nello schema di terapia a iniezioni multiple si 4

5 impiega una insulina ad azione ritardata, generalmente in un unica iniezione ed una insulina ad azione rapida da somministrare prima di ogni pasto; alternativamente si può ricorrere alla infusione sottocutanea continua di insulina ad azione rapida mediante un miniinfusore. Nel Diabete di Tipo 2 abitualmente associato a sovrappeso o ad obesità la dieta deve essere moderatamente ipocalorica così da consentire una riduzione anche modesta del peso corporeo. La composizione della dieta rimane quella stabilita per il Diabete di Tipo 1. E necessaria l educazione all automonitoraggio della glicemia prima ed a distanza di due ore dai pasti per la regolazione delle dosi di insulina. Il controllo del Diabete può ritenersi ottimale con - valori di glicemia a digiuno compresi fra 90 e 120 mg/dl - valori di glicemia dopo i pasti eguali o inferiori a 140 mg/dl - valore di emoglobina glicata (HbA1c) eguale o inferiore al 6.5% r, comunque non superiore al 7%. In ogni caso, la terapia insulinica deve essere regolata così da ottenere i valori di glicemia più vicini alla norma, minimizzando nel contempo il rischio di ipoglicemia. Deve essere prescritta una attività fisica moderata, sotto forma di passeggiata a passo svelto, della durata di almeno 30 min al giorno tranne che nei casi in cui vi siano particolari impedimenti (piede diabetico, ecc.). L attività fisica contribuisce alla riduzione del peso ed incrementa la sensibilità all insulina patologicamente ridotta nel Diabete di Tipo 2. Sul piano farmacologico la terapia del Diabete di Tipo 2 prevede l uso di antidiabetici orali o di insulina. 5

6 L automonitoraggio della glicemia è utile nel periodo di aggiustamento o di variazione della terapia ma non si richiede l assiduità e la costanza previste per il Diabete di Tipo 1. Gli obiettivi glicemici sono, in via teorica, gli stessi del Diabete di Tipo 1 ma, particolarmente nei soggetti di età più avanzata o con precedenti cardiovascolari, il controllo glicemico deve essere assai meno stringente per evitare il rischio dell iperglicemia. Vale, per il Diabete di Tipo 2. il principio della personalizzazione della terapia in rapporto alle caratteristiche individuali di età, condizioni biologiche e comorbidità. La terapia è tanto più efficace nella prevenzione delle complicanze croniche, quanto più precocemente viene iniziata nella storia naturale della malattia, possibilmente fin dallo stadio di Prediabete. Posizione degli Organismi Nazionali ed Internazionali L impatto sulla salute pubblica e sule spese sanitarie dovuto al Diabete e alle sue complicanze è di tale entità da avere indotto l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ad approvare, il 20 Dicembre 2006, una risoluzione nella quale si riconosce il Diabete, come una malattia cronica debilitante e costosa che si associa a complicanze che comportano importanti limitazioni alla persona con Diabete, aggravi per le famiglie, per i Paesi e per il mondo intero. Con la stessa risoluzione, è stata proclamata la Giornata Mondiale delle Nazioni Unite per il Diabete da osservarsi ogni anno. In un successivo documento della Assemblea della Organizzazione Mondiale della Sanità, svolta a Ginevra il 18 Aprile 2008, è stato posto l accento sul ruolo delle malattie croniche non comunicabili fra cui il Diabete, nel panorama della moderna medicina, e si è delineato un Piano di Azione per una Strategia Globale di Prevenzione e di Controllo che include una serie di interventi volti a modificare i principali fattori di rischio quali il consumo di diete non salutari e l inattività fisica. Nello stesso documento, si fa appello ad una parternship con organizzazioni non governative e, più in generale, con le Associazioni di volontariato che possono coadiuvare le Istituzioni pubbliche in un area di intervento di enormi dimensioni come è quello che riguarda il Diabete e a sua prevenzione. 6

7 Il Parlamento Europeo ha recepito le indicazioni della Organizzazione Mondiale della Sanità varando, il 12 Marzo 2012, una risoluzione nella quale si invitano gli Stati membri a 1. promuovere la prevenzione del Diabete di Tipo 2 e della obesità, con strategie da attuare già in età precoce attraverso l'insegnamento nelle scuole di abitudini sane in materia di alimentazione e attività fisica, unitamente a strategie concernenti stili di vita sani, che includano approcci incentrati sull'esercizio fisico e sull'alimentazione e 2. garantire un sostegno costante al finanziamneto della ricerca sul Diabete. Infine, il Ministero della Salute ha emanato il Piano Nazionale sulla Malattia Diabetica fra i cui obiettivi figurano quelli di 1. promuovere stili di vita corretti nella popolazione generale al fine di ridurre l incidenza del diabete o ritardarne l insorgenza, tenendo sotto controllo l aumento di sovrappeso e obesità nella popolazione ; 2. identificare precocemente le persone a rischio e quelle con diabete nella popolazione generale e 3. coinvolgere le Associazioni di volontariato nella attuazione locale del Piano. Ruolo della Associazione Italiana Lions per il Diabete ONLUS (A.I.L.D.) L Associazione Italiana Lions per il Diabete ONLUS (A.I.L.D.) è stata fondata nel 1990 ad opera del PDG Aldo Villani e di un gruppo di Soci Lions ed ha ricevuto, lo stesso anno, ampia legittimazione dalla sede centrale del Lions Club International ad Oak Brook negli U.S.A. L A.I.L.D. nasce con l obiettivo di fungere da partner, secondo le indicazioni della Organizzazione Mondiale della Sanità, in un programma di sostegno alla ricerca scientifica e di prevenzione del Diabete e delle sue complicanze. Il supporto alla ricerca scientifica avviene attraverso l erogazione alle Università o a Centri di Ricerca del nostro Paese di fondi per grant di ricerca, borse e premi di studio. Ciò è reso possibile dal contributo dei Club che hanno scelto di aderire alla Associazione. 7

8 La destinazione dei fondi ricevuti ed erogati è stata resa pubblica in più sedi, ivi inclusa l Assemblea annuale della Associazione. E auspicabile che vi sia un incremento delle adesioni dei Club del Multidistretto alla Associazione per continuare e possibilmente intensificare questa opera di supporto alla ricerca scientifica. L A.I.L.D. coltiva l ambizione di dar vita ad un Centro di Ricerca a carattere internazionale, con un progetto di lavoro definito, così come è stato proposto e formalmente anche accettato, ma non realizzato, da diversi anni. Il secondo obiettivo che l A.I.L.D. condivide con quanto viene auspicato sul piano nazionale ed internazionale, è rappresentato dalla prevenzione del Diabete e delle sue complicanze da realizzare con varie modalità. La prevenzione delle complicanze, in particolare, presuppone una diagnosi precoce della malattia, cosa non semplice perché il Diabete e mi riferisco al Diabete di tipo 2, quello di cui si lamenta una imponente e crescente diffusione decorre in modo asintomatico e si rivela il più delle volte solo in occasione di un incidente cardiovascolare o di un altra complicanza. Per la diagnosi è perciò necessario ricorrere al dosaggio della glicemia oggi eseguibile, come è noto con una sola goccia di sangue ricavata dalla semplice puntura del polpastrello. E questa la base dello screening del Diabete, da eseguire nelle piazze, nelle farmacie o nelle sedi di varie Comunità, promosso anche dal Lions Club International come lo strumento più efficace per la sensibilizzazione dell opinione pubblica e per la diagnosi precoce della malattia. 8

9 Secondo una metodologia ampiamente validata, al controllo della glicemia, che consente di individuare casi di Diabete prima ignorato, è utile associare la rilevazione di alcuni semplici dati antropometrici (peso, altezza, circonferenza alla vita) ed anamnestici che permettono anche di quantificare il rischio di sviluppare il Diabete negli anni a venire. Numerose iniziative di screening del Diabete sono state realizzate con successo in varie Regioni, particolarmente in occasione del Lions Day, il 12 Aprile, ed il Diabetes Day, il 14 Novembre. Ai fini della prevenzione del Diabete, l A.I.L.D. è impegnata a promuovere una attività di informazione e di educazione rivolta alla popolazione generale ed ai soggetti a rischio con interventi diretti o realizzati con la collaborazione dei media. Chi sono i soggetti a rischio di sviluppare il Diabete di Tipo 2 Si considerano soggetti a rischio quelli che corrispondono alle caratteristiche indicate nella Tabella 2. Particolare rilievo assume al riguardo l aumento di peso che si correla strettamente con lo sviluppo di Diabete. Obesità e Diabete costituiscono un binomio così frequente da giustificare il neologismo Diabesità. Tabella 1 - Fattori di rischio per il Diabete di tipo 2 Diagnosi di Prediabete Sovrappeso ed obesità Sedentarietà abituale Familiarità diabetica di primo grado Storia di Diabete Gestazionale Parto di neonati macrosomici (peso a 4 Kg) Ipertensione arteriosa ( 140/90) Colesterolo HDL 35 mg/dl e/o trigliceridi 150 mg/dl Storia di malattie cardiovascolari Ovaio policistico Appartenenza ad un etnia ad alto rischio Si arriva al Diabete in modo progressivo lungo un continuum che, sulla base di una predisposizione genetica e della presenza di obesità, passa da una condizione di normalità, cioè di normotolleranza al glucosio ad una di Prediabete e quindi di Diabete conclamato con relativo rischio di complicanze che iniziano ancor prima che si giunga alla condizione di Diabete (Figura). 9

10 La progressione verso il Diabete si svolge lungo un continuum NGT O B E S I T A Prediabete Diabete Retinopatia Cecità Nefropatia ESRD Neuropatia Amputazione Complicanze?microangiopatiche Complicanze?macroangiopatiche Cardiopatia coronarica Insufficienza cardiaca Ictus Insufficienza vascolare periferica Morte Molti studi hanno dimostrato che, intervenendo precocemente nella storia naturale della malattia, a livello di Prediabete, attraverso modifiche mirate dello stile di vita, tutte mirate ad una riduzione del peso, anche di modesta entità, è possibile prevenire in buona misura la successiva insorgenza di Diabete. Le misure che si sono dimostrate efficaci sono indicate nella Tabella. Non solo, nei soggetti in cui tutti gli obiettivi prefissati sono stati raggiunti non si è verificato alcun caso di Diabete. Tabella 2 - Obiettivi di un intervento sullo stile di vita 1. Riduzione del peso corporeo del 5-7% 2. Attività fisica moderata di almeno 30 minuti al giorno 3. Riduzione dei grassi della dieta a meno del 30% dell apporto calorico globale 4. Riduzione dei grassi saturi a meno del 10% dell apporto calorico globale 5. Introduzione di una quantità di fibre con l alimentazione di almeno 15 g al giorno Oggi assistiamo ad un fenomeno assai preoccupante ed è quello della diffusione della obesità, e in alcuni casi anche di Diabete, fra i bambini e gli adolescenti. Più di un bambino su tre è sovrappeso o addirittura obeso e l obesità infantile è la premessa per lo sviluppo di obesità e Diabete nell età adulta. La prevenzione del Diabete passa perciò anche attraverso una correzione dello stile di vita sotto il profilo nutrizionale e motorio dei nostri ragazzi. E possibile svolgere un opera utile in questo senso attraverso un contatto diretto, personale, con le Scuole anche se questo implica un grande dispendio di tempo e di energie e consente di avvicinare solo un numero limitato di studenti. 10

11 PROGETTO'CON'LE'SCUOLE di vita trova riscontro nella letteratura scientifica dedicata a questo argomento. L A.I.L.D. auspica che queste linee di attività si consolidino con la partecipazione di un numero crescente di Club ai quali intende essere vicina per fornire loro tutto il supporto possibile, così da legare il nome Lions ad una battaglia, la lotta al Diabete, oggi centrale nel panorama della sanità. PREVIENIGIOCANDO L A.I.L.D. ha perciò, sviluppato un progetto educativo on-line basato sulla utilizzazione di una piattaforma appositamente predisposta che consente un contatto interattivo con studenti della scuola primaria e secondaria, docenti e genitori, per la trasmissione di messaggi didattici attinti da un ampio database appositamente approntato allo scopo. Il progetto, reso appetibile dalle caratteristiche di giuoco che ne caratterizzano l impostazione, si chiama Previenigiocando. L utilità del ricorso alla rete, ai social networks e, in generale, alle tecnologie elettroniche, per la realizzazione di programmi diretti a correggere il sovrappeso e l obesità e, più in generale, un errato stile 11

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA DIABETE MELLITO Il diabete mellito è la più comune malattia endocrina: 1-2% della popolazione E caratterizzato da : -alterazione del metabolismo del glucosio -danni a diversi organi Complicanze acute:

Dettagli

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo!

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo! Somministrazione Insulina - Dossier INFAD Diabete: Conoscerlo per gestirlo! GENERALITA Secondo l ISS il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

1. Iperlipidemie. 2.2. Fabbisogno di lipidi

1. Iperlipidemie. 2.2. Fabbisogno di lipidi ,3(5/,3,'(0,( 1. Iperlipidemie Le iperlipidemie, ed in particolar modo l ipercolesterolemia, rappresentano sicuramente il più riconosciuto ed importante fattore di rischio per l insorgenza dell aterosclerosi

Dettagli

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014 Il Diabete Mellito Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso Campobasso 19 marzo 2014 DIABETE MELLITO Definizione Il diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Diabete Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Epidemiologia Popolazione mondiale affetta intorno al 5%

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

La minaccia nascosta. Smascherare i pericoli del diabete e del colesterolo alto

La minaccia nascosta. Smascherare i pericoli del diabete e del colesterolo alto La minaccia nascosta Farmacia Ferrari Dott.ssa Teresa Via A. Manzoni 215/A - 80123 - NAPOLI tel. 081.5755329 - fax 081.19722793 Cod. Fiscale FRRTRS35L67F839O Partita IVA 00686520636 http://www.farmaciaferrari.altervista.org

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA TERAPIA MEDICA NUTRIZIONALE DEL DIABETE MELLITO.

RACCOMANDAZIONI PER LA TERAPIA MEDICA NUTRIZIONALE DEL DIABETE MELLITO. RACCOMANDAZIONI PER LA TERAPIA MEDICA NUTRIZIONALE DEL DIABETE MELLITO. Introduzione Le ultime raccomandazioni nutrizionali italiane per il trattamento del diabete mellito sono state stilate nel 1990 dal

Dettagli

E facilmente intuibile come, da quel che si è esposto, questo sottogruppo di obesi, trattati con metformina, abbia conseguito i migliori risultati.

E facilmente intuibile come, da quel che si è esposto, questo sottogruppo di obesi, trattati con metformina, abbia conseguito i migliori risultati. Dia 1 E necessario sottolineare la profonda differenza nella patogenesi delle complicanze microvascolari, quali la retinopatia, la nefropatia e la neuropatia, e quelle macrovascolari, quali la cardiopatia

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente Dott.ssa Silvia Navarin Scuola di Specializzazione Medicina d Emergenza-Urgenza

Dettagli

CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE

CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA?

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Cernusco Lombardone 11-05-2013 L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Dott Ivano Baragetti Divisione di Nefrologia e Dialisi Ospedale Bassini, Cinisello Balsamo Azienda Ospedaliera ICP Milano IN UN

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE

DIABETE GESTAZIONALE DIABETE GESTAZIONALE SOMMARIO DEFINIZIONE 03 PERCHÈ VIENE IL DIABETE GESTAZIONALE E COME GESTIRLO 04 COME CONTROLLARE IL DIABETE 06 UN CORRETTO STILE DI VITA 08 DALLA NASCITA DEL BAMBINO IN POI 10 DEFINIZIONE

Dettagli

Senza il dolce, il cuore è più leggero.

Senza il dolce, il cuore è più leggero. Il diabete Il diabete Opuscolo redatto da Franco Veglio*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*, appartengono anche i seguenti titoli: Senza il dolce, il cuore è più leggero. L attività fisica

Dettagli

www.buoncompensodeldiabete.org Una guida pratica per imparare a controllare il diabete.

www.buoncompensodeldiabete.org Una guida pratica per imparare a controllare il diabete. www.buoncompensodeldiabete.org Una guida pratica per imparare a controllare il diabete. Con il contributo incondizionato di Indice 1. Che cos è il Buon Compenso del Diabete pg. 1 Una malattia da controllare

Dettagli

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI:

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: 2016 LE 12 REGOLE DEL CUORE CONSIGLI NUTRIZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: DOTT.SSA FRANCESCA DE BLASIO BIOLOGA NUTRIZIONISTA DOTTORATO DI RICERCA IN SANITÀ PUBBLICA

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

Condizioni e fattori di rischio di DMT2

Condizioni e fattori di rischio di DMT2 Condizioni e fattori di rischio di DMT2 IFG o IGT o pregresso diabete gestazionale Età >45 anni, specie se con BMI >25 od obesità centrale Età 25) e una o più fra le seguenti

Dettagli

Dott. Umberto Salinas

Dott. Umberto Salinas Gestione Integrata del Paziente Diabetico: sfide aperte e bisogni insoddisfatti Dott. Umberto Salinas Medico di Medicina Generale - Grottaglie Il Diabete nel mondo: un crescente. 2003: 194 milioni 2025:

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI ESISTE UNO STRETTO RAPPORTO TRA CONTROLLO GLICOMETABOLICO E OUTCOME MATERNO FETALE. L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO

Dettagli

Che cos è il Diabete. Cause e conseguenze. Lingua Italiana

Che cos è il Diabete. Cause e conseguenze. Lingua Italiana Che cos è il Diabete Cause e conseguenze. Lilly Cos è il Diabete Il Diabete Mellito è una malattia frequente che dura tutta la vita. In Italia ci sono 3 milioni e mezzo di persone con Diabete, a cui vanno

Dettagli

CAUSE E CONSEGUENZE. Lingua Italiana

CAUSE E CONSEGUENZE. Lingua Italiana Che cos è il Diabete CAUSE E CONSEGUENZE. Lilly Cos è il Diabete Il DIABETE MELLITO è una malattia frequente che dura tutta la vita. In Italia ci sono 3 milioni e mezzo di persone con Diabete, a cui vanno

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA TERAPIA MEDICA NUTRIZIONALE DEL DIABETE MELLITO

RACCOMANDAZIONI PER LA TERAPIA MEDICA NUTRIZIONALE DEL DIABETE MELLITO Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica Associazione Medici Diabetologi Gruppo di studio diabete e nutrizione RACCOMANDAZIONI PER LA TERAPIA MEDICA NUTRIZIONALE DEL DIABETE MELLITO Dott.

Dettagli

perchè vengono, QUali sono, Come possiamo evitarle lingua italiana

perchè vengono, QUali sono, Come possiamo evitarle lingua italiana Le complicanze perchè vengono, QUali sono, Come possiamo evitarle lilly Le cause delle complicanze Il diabete è una malattia cronica caratterizzata da elevati valori di zucchero nel sangue, elevata glicemia,

Dettagli

Comune di Modena Modena per il Cuore

Comune di Modena Modena per il Cuore Comune di Modena Modena per il Cuore Le malattie del sistema circolatorio: al primo posto tra le cause di morte Nella realtà modenese le malattie del sistema cardiocircolatorio sono un tema di salute prioritario:

Dettagli

Il paradosso del Veneto

Il paradosso del Veneto Audizione in Quinta Commissione del Consiglio Regionale del Veneto Venezia, 12 Luglio 2013 Il paradosso del Veneto Enzo Bonora Presidente - Sezione Veneto Trentino Alto Adige Società Italiana di Diabetologia

Dettagli

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna DISTURBI METABOLICI Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna IL PANCREAS Funzione esocrina: supporto alla digestione Funzione endocrina: produzione di due ormoni: insulina e glucagone I due

Dettagli

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E LA NEFROPATIA DIABETICA: studio sui comportamenti prescrittivi diagnosticoterapeutici di un gruppo di medici genovesi

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E LA NEFROPATIA DIABETICA: studio sui comportamenti prescrittivi diagnosticoterapeutici di un gruppo di medici genovesi Università degli Studi di Genova Facoltà di Medicina e Chirurgia IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E LA NEFROPATIA DIABETICA: studio sui comportamenti prescrittivi diagnosticoterapeutici di un gruppo di medici

Dettagli

Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia

Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia Contributo non condizionato: Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia Giovedì 5 marzo 2015 presso HOTEL EUROPA Best Western Lungomare Zara, 57, 64021 Giulianova TE L incontro inizierà alle 20.30.

Dettagli

1 Accesso. 2 Accesso. Note 1-2. Nota 3. (dopo 15-30 giorni) STOP. Nota 4

1 Accesso. 2 Accesso. Note 1-2. Nota 3. (dopo 15-30 giorni) STOP. Nota 4 1 Accesso Note 1-2 1. Individua i pazienti affetti da Sindrome Metabolica utilizzando l algoritmo per la diagnosi secondo l ATP III fra tutti i pazienti con BMI > 27 o affetti da uno dei disordini che

Dettagli

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Il monitoraggio Il principale strumento per monitorare l

Dettagli

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE Lega Friulana per il Cuore IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Impara a riconoscere i segni e i fattori di rischio del diabete

Impara a riconoscere i segni e i fattori di rischio del diabete Diabete anche loro possono ammalarsi Impara a riconoscere i segni e i fattori di rischio del diabete Il diabete Il diabete mellito è una malattia caratterizzata da un aumento dei livelli di zucchero (glucosio)

Dettagli

ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA. Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo

ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA. Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo La situazione nutrizionale e le abitudini alimentari hanno un impatto

Dettagli

C A R D I O P A T I A I S C H E M I C A : R I D U R R E I L R I S C H I O. Riassunto

C A R D I O P A T I A I S C H E M I C A : R I D U R R E I L R I S C H I O. Riassunto Riassunto 1 Introduzione 1.1 Premessa 1.2 Spesa sanitaria e cardiopatia ischemica 1.3 Fattori di rischio coronarico come causa di cardiopatia ischemica 1.3.1 Prospettive future 1.3.2 Nutrizione e malattie

Dettagli

Corsi di Formazione per Diabetico Guida

Corsi di Formazione per Diabetico Guida Corsi di Formazione per Diabetico Guida Hotel Mercure Siena Degli Ulivi - Via A. Lombardi n. 41 - SIENA 24-25 maggio Area Vasta Sud Est Responsabile Scientifico Dott. Francesco Dotta Direttore Unità Operativa

Dettagli

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Pazienti in trattamento sostitutivo della funzione renale (USL 7 Zona Valdichiana) N Dialisi extracorporea 40 Dialisi peritoneale 10 Trapianto attivo

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA DIABETE L IMPORTANZA DEL PROBLEMA DEL DIABETICO ALLA GUIDA Con il termine diabete mellito viene descritto un disordine metabolico ad eziologia multipla caratterizzato

Dettagli

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti?

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti? UNA DIETA EQUILIBRATA MIGLIORA LA VITA CONSIGLI PER UN ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE ALOMAR (Associazione Lombarda Malati Reumatici) Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti SS Igiene Nutrizione Milano,

Dettagli

COSA È E COME SI USA Lingua Italiana

COSA È E COME SI USA Lingua Italiana L ABC dell insulina COSA È E COME SI USA Lilly Perché devo fare l insulina? Nella maggior parte dei casi il Diabete tipo 2 si cura con i farmaci antidiabetici orali, oltre che con la dieta e l esercizio

Dettagli

IL MANIFESTO DELLA PREVENZIONE DEL TUMORE AL SENO

IL MANIFESTO DELLA PREVENZIONE DEL TUMORE AL SENO IL MANIFESTO DELLA PREVENZIONE DEL TUMORE AL SENO Con un adeguata e opportuna anticipazione diagnostica le possibilità di vincere il tumore al seno salgono ad oltre il 90% 1. Scegli attentamente la tua

Dettagli

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello Drssa Grazia Foti MALATTIE CARDIOVASCOLARI Più importante causa di morte nel mondo, (17.3 milioni di morti ogni anno)

Dettagli

Jama, 2001, 285(19):2486-2496

Jama, 2001, 285(19):2486-2496 Sommariio esecutiivo delllle lliinee-guiida ATP-III per lla prevenziione delllle mallattiie coronariiche Jama, 2001, 285(19):2486-2496 FASE 1. DETERMINARE IL PROFILO LIPIDICO-LIPOPROTEICO NEL SOGGETTO

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE Perché rivolgersi al Medico di Famiglia? COME LO MISURIAMO? Con mezzi molto semplici, in ambulatorio 1 COME LO MISURIAMO? Uno sfingomanometro per misurare la pressione COME LO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MISURACA Modifiche alla legge 16 marzo 1987, n. 115, recante disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Il diabete: aspetti medico-legali, psicologici e sociali

Il diabete: aspetti medico-legali, psicologici e sociali Il diabete: aspetti medico-legali, psicologici e sociali Giordana Fauci IL DIABETE: ASPETTI MEDICO-LEGALI, PSICOLOGICI E SOCIALI www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Giordana Fauci Tutti i diritti

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

Cristina Della Rosa Dipartimento Cure Primarie ASL Como ASSISTENZA PROTESICA ED INTEGRATIVA Nell ambito dell assistenza al paziente cronico l assistenza protesica ed integrativa rappresentano un aspetto

Dettagli

Abruzzo sanità: il nostro impegno per la tua salute. Campagna informativa sul diabete

Abruzzo sanità: il nostro impegno per la tua salute. Campagna informativa sul diabete Campagna informativa sul diabete DIREZIONE POLITICHE DELLA SALUTE Attività Ispettiva-Controllo Qualità Abruzzo sanità: il nostro impegno per la tua salute. Cari cittadini, è con orgoglio che vi presento

Dettagli

Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore

Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_esercizio aerobico Aiuta mantenere peso ideale

Dettagli

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI.

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della

Dettagli

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA Antonio Nicolucci Direttore Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia, Consorzio Mario Negri Sud Coordinatore Data

Dettagli

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete Diabete Mellito Il Diabete mellito è una comune malattia endocrina causata da una carenza relativa o assoluta di insulina. L'insulina è un ormone prodotto da particolari cellule del pancreas (cellule beta)

Dettagli

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014 DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza Vicenza 20 Maggio 2014 Percorso Diagnostico Terapeutico tra MMG delle MGI dell ULSS 6 Vicenza e la Diabetologia Gli Obiettivi HbA1c < 53 mmol/mol

Dettagli

AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO

AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO Prof. Paolo Brunetti Parte I Montepulciano, 23 Febbraio 2008 Complicanze microangiopatiche del diabete Nefropatia -Prevalenza:20-30% -Contributo alla dialisi/tx:

Dettagli

PROGRAMMA PER LA PREVENZIONE DELLE COMPLICANZE DEL DIABETE

PROGRAMMA PER LA PREVENZIONE DELLE COMPLICANZE DEL DIABETE PROGRAMMA PER LA PREVENZIONE DELLE COMPLICANZE DEL DIABETE DIRETTORE SCIENTIFICO DEL PROGRAMMA Nome e Cognome Giulio DOVERI Qualifica Responsabile U.B. Diabetologia ed Endocrinologia Sede Ospedale regionale

Dettagli

Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18

Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18 I BAMBINI E L ATTIVITA MOTORIA: IL PIEDIBUS Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18 PER IMMAGINARE IL NOSTRO FUTURO DOBBIAMO

Dettagli

Nome Cognome: ROBERTO ZELANTE Titolo della Relazione:LINEE GUIDA AZIENDALI-MALATTIA DIABETICA AUSL 7 RAGUSA-

Nome Cognome: ROBERTO ZELANTE Titolo della Relazione:LINEE GUIDA AZIENDALI-MALATTIA DIABETICA AUSL 7 RAGUSA- Nome Cognome: ROBERTO ZELANTE Titolo della Relazione:LINEE GUIDA AZIENDALI-MALATTIA DIABETICA AUSL 7 RAGUSA- 1 PERCORSI DIAGNOSTICO TERAPEUTICI DELLA MALATTIA DIABETICA ruppo di lavoro coordinato dal dr.

Dettagli

/LQHH JXLGD SHU XQD FRUUHWWR DOLPHQWD]LRQH QHO SD]LHQWH FRQ LQVXIILFLHQ]D UHQDOH FURQLFD

/LQHH JXLGD SHU XQD FRUUHWWR DOLPHQWD]LRQH QHO SD]LHQWH FRQ LQVXIILFLHQ]D UHQDOH FURQLFD ,168)),&,(1=$5(1$/(&521,&$,5& 1. Obesità L I.R.C. può essere definita come la diminuzione della funzionalità renale che si instaura a seguito di una malattia renale cronica od alla cronicizzazione di una

Dettagli

IL DIABETE:che cos è?

IL DIABETE:che cos è? IL DIABETE:che cos è? DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA DI MEDICINA INTERNA Struttura Complessa TERZA MEDICA Direttore: Prof. Luigi Cattin Tel: 040 399 4527; Fax: 040 399 4586 e-mail: cattin@units.it

Dettagli

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL PAZIENTE IPERTESO NELLO STUDIO DEL MEDICO DI FAMIGLIA Traduzione Pratica Ho idea del livello di rischio cardiovascolare del paziente iperteso che

Dettagli

PREVENZIONE. Il rischio cardio-oncologico: ecco le armi per contrastarlo

PREVENZIONE. Il rischio cardio-oncologico: ecco le armi per contrastarlo PREVENZIONE Il rischio cardio-oncologico: ecco le armi per contrastarlo Uno stile di vita salutare, prevenendo le malattie cardiovascolari e oncologiche, abbassa il rischio cardio-oncologico e realizza

Dettagli

Che cos è il diabete

Che cos è il diabete Che cos è il diabete Si definiscono diabete mellito (o diabete ) tutte le malattie e condizioni che, non trattate, portano a un eccesso di zuccheri nel sangue (iperglicemia), Il diabete di Tipo 2 La forma

Dettagli

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA ESITO TEST: Cod. ID: 123456 Data: 10/01/2011 Paziente: ROSSI MARIO ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA Glicemia Insulinemia Indice HOMA ANALITA DESCRIZIONE

Dettagli

Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma

Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma DOTT.SSA CINZIA CIANFROCCA Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma PREVENIRE E MEGLIO CHE CURARE: LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE

Dettagli

IL DIABETE MELLITO: PREVENZIONE, TUTELA ASSISTENZIALE, SERVIZI SANITARI TERRITORIALI

IL DIABETE MELLITO: PREVENZIONE, TUTELA ASSISTENZIALE, SERVIZI SANITARI TERRITORIALI CORSO FAD IL DIABETE MELLITO: PREVENZIONE, TUTELA ASSISTENZIALE, SERVIZI SANITARI TERRITORIALI ID ECM: 113615 CREDITI DESTINATARI 12 CREDITI ECM Farmacisti Territoriali e Ospedalieri DURATA Data di inizio

Dettagli

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete)

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Il ruolo delle Associazioni Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Perchè parlare di coinvolgimento Il coinvolgimento dei pazienti/cittadini nella progettazione,

Dettagli

Dr. Enzo Bertamini Medico di Medicina Generale Coordinatore del Progetto Diabete di Bolzano

Dr. Enzo Bertamini Medico di Medicina Generale Coordinatore del Progetto Diabete di Bolzano Dr. Enzo Bertamini Medico di Medicina Generale Coordinatore del Progetto Diabete di Bolzano GRUPPO DI LAVORO Fattor B. Servizio Diabetologico CS Bolzano De Blasi G. Servizio Diabetologico CS Bressanone

Dettagli

Una sana alimentazione per una sana sanità:

Una sana alimentazione per una sana sanità: CESENA 27 SETTEMBRE 2012 Una sana alimentazione per una sana sanità: l impatto di una corretta alimentazione sulla spesa sanitaria Roberto Copparoni Ministero della salute Direzione Generale per l igiene

Dettagli

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Alimentazione e stato nutrizionale

Dettagli

Corso di Formazione per Diabetico Guida

Corso di Formazione per Diabetico Guida Corso di Formazione per Diabetico Guida Wall Art Hotel - Viale della Repubblica 4/6/8 - Prato 12-13 Aprile Area Vasta Centro Responsabile Scientifico Dott.ssa Maria Calabrese Direttrice dell U.O. di Diabetologia

Dettagli

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie Guida per gli insegnanti insegnanti-interno Marco 18-10-2006 17:30 Pagina 3 Cari insegnanti, Cosa intendiamo per stile di vita sano? come certamente sapete

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICIO XII L' approccio alla malattia diabetica si basa su tre

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Il Diabete nell'età adulta Relatore: Dr. Ferruccio D'Incau Data: 19 marzo 2014 Sede: Aula Piccolotto Ospedale di Feltre Il Diabete mellito è una patologia

Dettagli

SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Il tumore della mammella è il più frequente nella popolazione femminile. E asintomatico per un lungo periodo di tempo; la tempestività della diagnosi e della terapia

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore I TUMORI Il Rapporto Mondiale dell Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, dell Organizzazione Mondiale della Sanità, evidenzia come il cancro sia divenuto uno dei maggiori problemi per la sanità

Dettagli

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 Diabete Il Diabete Mellito rappresenta uno dei problemi

Dettagli

ESERCITAZIONE. CdL Fisioterapia e Podologia. 25 novembre 2015

ESERCITAZIONE. CdL Fisioterapia e Podologia. 25 novembre 2015 ESERCITAZIONE CdL Fisioterapia e Podologia 25 novembre 2015 Epidemiologia Domanda 1 Le neoplasie gastriche sono: a. diminuite in tutta Europa b. diminuite fino agli anni 80, poi stabili c. aumentate in

Dettagli

Il diabete. è classificato tra le malattie cosiddette autoimmuni,

Il diabete. è classificato tra le malattie cosiddette autoimmuni, Il diabete Il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue (iperglicemia) e dovuta a un alterata quantità o funzione dell insulina. L insulina

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 200-202 ) Regione: Regione Autonoma della Sardegna Allegato 2 2) Titolo del progetto o del programma:

Dettagli

Caso clinico 2. Pz. di 50 anni, obeso (IMC: 32Kg/mq) Familiarità per diabete mellito. Asintomatico. Glicemia plasmatica di 130 mg/dl.

Caso clinico 2. Pz. di 50 anni, obeso (IMC: 32Kg/mq) Familiarità per diabete mellito. Asintomatico. Glicemia plasmatica di 130 mg/dl. Caso clinico 1 Pz di 15 anni, di sesso femminile, lievemente sottopeso (IMC: 18Kg/mq). Manifesta nausea, vomito, dolori addominali, poliuria, polidipsia e dispnea. Nel giro di poche ore, manifesta obnubilamento

Dettagli

regole fondamentali di prevenzione

regole fondamentali di prevenzione diabete regole fondamentali di prevenzione Assessorato Sanità Settore Farmaceutico Università di Napoli Federico II Facoltà di Farmacia 1 Cos è il diabete? Il diabete Mellito è una condizione metabolica

Dettagli

Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi

Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi L esercitazione è stata volta ad evidenziare vantaggi e criticità collegati al trasferimento nella pratica di quanto raccomandato dalla linea guida,

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE LA COLAZIONE IDEALE Recenti statistiche attribuiscono ad una alimentazione scorretta la causa principale di diverse patologie nel mondo Noi siamo quello che mangiamo Alcuni fatti... L 86% dei decessi,

Dettagli

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE L DEI DIABETICI SANVITESI Dott. Nazzareno Trojan diabetologo ed endocrinologo Ospedale Santa Maria dei Battuti San Vito al Tagliamento DIABETE MELLITO TRANSIZIONE EPIDEMIOLOGICA

Dettagli

Cosa è il diabete mellito

Cosa è il diabete mellito Cosa è il diabete mellito Il diabete mellito è una malattia a carico del metabolismo. L'origine del nome diabete mellito è greca, e fa riferimento alla caratteristica del miele di essere particolarmente

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI CON DIABETE MELLITO TIPO II Versione III Maggio 2013 1 FASE

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA Giorgio Pasetto (dottore in scienze motorie e osteopata) Mauro Bertoni (preparatore atletico) Con la consulenza scientifica del Prof. Ottavio Bosello (docente

Dettagli