FONDI&SICAV. CONOSCERE PER INVESTIRE AL MEGLIO Anno 2 - Numero 10 - Giugno Hedge fund nella tempesta Molti hanno tutelato i risparmi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FONDI&SICAV. CONOSCERE PER INVESTIRE AL MEGLIO Anno 2 - Numero 10 - Giugno 2009. Hedge fund nella tempesta Molti hanno tutelato i risparmi"

Transcript

1 FONDI&SICAV CONOSCERE PER INVESTIRE AL MEGLIO Anno 2 - Numero 10 - Giugno 2009 Hedge fund nella tempesta Molti hanno tutelato i risparmi Consensus Usa Un po di ottimismo sui primi dati positivi Fondi ed Etf Chi punta sull acqua

2

3 EDITORIALE La consulenza non è un gioco Dopo i recenti e importanti recuperi dei mercati azionari, c era già chi esultava per lo scampato pericolo. In realtà la situazione economica è ancora difficile e l andamento borsistico di questi giorni ben la rappresenta: indovinare il titolo o il mercato giusto diventa sempre più difficile, la continua volatilità ha fatto che sì che il market timing (ovvero la scelta del momento in cui entrare e uscire dagli investimenti) porti spesso più danni che benefici ai portafogli dei risparmiatori. Il ruolo dei professionisti del mondo della finanza, siano essi gestori o canali distributivi, sta diventando sempre più importante, così come più importante sta diventando l interesse verso la consulenza. Fondamentale, però, è chiarirsi bene che cosa sia questa consulenza di cui tutti parlano, spesso (purtroppo) con poca cognizione di causa. I prossimi mesi o anni rappresenteranno una sfida importante per il mondo del risparmio gestito: un opportunità che il sistema, già provato dai continui disinvestimenti, non può permettersi di non cogliere. Il rischio sulla consulenza è rivedere quanto già vissuto in Italia al debutto del private banking: spesso sono stati cambiati etichetta e ufficio agli addetti titoli più svegli e preparati che magicamente dall oggi al domani sono diventati private banker. Non ripetiamo lo stesso errore che ha poi richiesto anni per essere rimosso. GIUSEPPE RICCARDI La consulenza non è un gioco: la consulenza deve essere professionale, la consulenza richiede sistemi organizzativi e informazioni. Soprattutto la consulenza non deve essere un alibi per spostare l attenzione dei clienti dai prodotti a qualcosa di diverso e meno tangibile, la consulenza non deve diventare un prodotto in più da vendere. Vincere la sfida sulla consulenza è l unica strada per non ritrovarsi con zero tituli. Questo numero Ormai era un idea fissa, che passava di bocca in bocca: gli hedge fund nella tempesta finanziaria dei mesi scorsi sono andato malissimo e sono stati incapaci di fornire performance non correlate con il resto del mercato. C era anche chi diceva che proprio le massicce vendite dei gestori di hedge erano una delle cause della crisi. In pratica erano quasi indicati come gli untori del mercato. E su questa base ci è piaciuta l idea di verificare se davvero questi prodotti speculativi avevano fatto così male come sembrava. E osservando una serie di dati sull universo hedge, che in effetti è enorme, abbiamo riscontrato che nella maggior parte dei casi hanno saputo reggere con grande capacità l impatto della crisi. Ci sono stati alcuni money manager che sono stati travolti, è vero, ci sono stati prodotti che non hanno saputo portare a casa nemmeno uno 0,1% in più rispetto ai più noti benchmark azionari, ma è anche altrettanto vero che i principali indici, come il Tremont, hanno rilevato una sostanziale capacità di difendere il denaro dei sottoscrittori. Chi dava già per morta l industria degli hedge, dovrà ricredersi: non è un prodotto in crisi, non è un prodotto che ha terminato il suo ciclo. Certo, però, che le grandi capacità di molti money manager meriterebbero un sistema regolatorio migliore di quello attuale e soprattutto che venisse fatta piazza pulita di tante iniziative che di hedge hanno solo il nome, ma non certo la capacità professionale. In questo numero, a proposito di gestori, abbiamo trovato una piccola perla: un gestore italiano di un fondo italiano che opera in una categoria importante e piena di prodotti come gli azionari in euro e che è risultato larghissimamente il primo della classe. Si tratta di Nicola Trivelli, che lavora per Sella gestioni e che in tre anni ha fatto il 30% in più del secondo classificato. La sua capacità è stata di individuare la tempesta sui mercati al momento giusto e di azzeccare le mosse opportune. Così è riuscito non solo a preservare i soldi dei suoi sottoscrittori, ma anche a far loro guadagnare qualcosa. A dimostrazione che gestire si può, quando si vuole e si sa fare. ALESSANDRO SECCIANI FONDI&SICAV/Giugno

4 GIUGNO N 10 SOMMARIO S O M 6 18 I portafogli di Mc Gestioni Hedge fund UN ANNO DIFFICILE Soprattutto negli Stati Uniti e in Asia stanno cominciando ad affluire rilevazioni positive. La disoccupazione sembra perdere forza e l economia manifesta qualche segno di ripresa. Meno bene in Europa, dove il Pil è in calo e le vendite al dettaglio sono in diminuzione. Si prevede così la continuazione del trend rialzista sui mercati emergenti e in Usa, anche se gli operatori consigliano ancora la massima cautela Nonostante risultati di gestione nel complesso discreti, la maggior parte dei prodotti speculativi è stata colpita da una serie di smobilizzi. In Italia i privati hanno lasciato in molti casi il settore e la raccolta negativa di questa categoria è stata spesso superiore a quella dei fondi azionari. Le cause di queste difficoltà sono diverse: «I gestori hanno operato in un nuovo mondo di finanziamenti scarsi e instabili, bassa liquidità del mercato, scomparsa o fallimento di prime broker, disinvestimenti forzati a livello generalizzato e valutazioni estreme e irrazionali praticamente in tutte le asset class dove gli hedge investono» PROMOTORI & CONSULENTI FONDI&SICAV Giugno 2009 Carmelo Sarcià:«Con la forza di Credem alle spalle» Crisi Come sostenere il Pf in difficoltà Lavoro Chi cerca i promotori Il direttore commerciale di questa struttura in soli 15 mesi ha portato la sua rete dal 12 al secondo posto nella classifica di raccolta e ha conquistato 15 mila nuovi clienti. Per di più questa performance è stata ottenuta in un periodo difficilissimo per tutta la finanza. «Un contributo determinante, è arrivato dal fronte reclutamento. Attualmente possiamo contare su 678 promotori, 40 dei quali arruolati negli ultimi sei mesi» 44 Professione IL SUPPORTO AL TEMPO DELLA CRISI 40 Intervista a CARMELO SARCIÀ DI CREDEM Molti operatori, che ricavavano la maggior parte dei loro guadagni dalle provvigioni, sono oggi in forte difficoltà, con decurtazioni anche del 50% delle fee. Diverse reti si stanno disinteressando del problema, ma alcune società li stanno sostenendo. C è chi ha garantito comunque i guadagni degli anni migliori, se verranno mantenute le masse gestite, c è chi ha cambiato la struttura provvisionale puntando sulla soddisfazione del cliente finale News Nasce lo Specialista Eurizon Nel momento della crisi finanziaria, molti professionisti hanno problemi a mantenere i loro redditi lavorando nelle reti. Ma niente paura: queste figure sono oggi molto ricercate in altri ambiti per la loro competenza tecnica, la capacità di gestire portafogli con clienti di alto livello e il dinamismo commerciale. Dall intermediazione creditizia e immobiliare, ma anche dal settore medicale arrivano le proposte più interessanti di ricollocamento 48 Mercato del lavoro CERCHIAMO PF 4 FONDI&SICAV / Giugno 2009

5 GIUGNO N 10 SOMMARIO M A R I O I fondi hi tech hanno seguito il settore di riferimento in un andamento nettamente migliore, rispetto al resto dell economia. Non a caso il Nasdaq ha sovraperformato nettamente lo Standard and Poor s 500. La forza dimostrata da numerose società con un elevata liquidità da investire e debiti minimi o nulli all interno dei loro bilanci è stata la base delle performance. E c è addirittura chi considera ormai questi titoli come difensivi. Certo se ci fosse la ripresa... Azionari tecnologia UN RALLY NON SPECULATIVO 58 Il money manager del fondo Equity euro institutional di Sella capital management è stato uno dei pochi ad avere realizzato una performance positiva negli ultimi tre anni e a essere uscito quasi indenne dalle bufere finanziarie che hanno sconvolto i mercati. Frutto di scelte ben ponderate e di mosse molto coraggiose in una fase in cui tutti gli operatori erano ancora ottimisti sulle prospettive economiche I grandi gestori SUBITO FUORI DALLE BANCHE 66 Un elemento insostituibile, fondamentale per la vita, nello stesso tempo dà corpo a un settore molto promettente per gli investitori. Sono centinaia nel mondo le società che operano in questo comparto e anche il risparmio gestito ne ha preso atto. Ecco tutti i prodotti, attivi e passivi, che consentono di puntare su questo liquido Etf e fondi ORO BLU, PROSPETTIVE D ORO 70 Nonostante l antico detto che sconsiglia gli acquisti in maggio, l indice azionario americano continua a crescere. Questa volta a dare la spinta sono stati i dati sulla disoccupazione migliori del previsto. Certo il fallimento di General motors, il più ingente della storia, e le preoccupazioni sui conti pubblici non aiutano. E gli operatori, pur restando ottimisti, continuano a manifestare ampie perplessità sulla durata e la solidità dei mercati equity Consensus sugli Usa BUY IN MAY 74 3 Editoriale 12 Notizie in breve 82 Certificati 86 My Life, My style Rubriche FONDI&SICAV / Giugno

6 I PORTAFOGLI DI MC GESTIONI Discreti dati macro Un anno di DJ Eurostoxx Un anno di S&P500 Amaggio e nella prima parte di giugno si sono confermate le tendenze e i movimenti dei mesi precedenti. Il mercato azionario è in forte ripresa e continua la fase di rimbalzo dai minimi testati agli inizi di marzo con una volatilità molto ridotta rispetto al recente passato; l indice obbligazionario governativo area euro Jpm Emu ha perso invece terreno, soffrendo il rialzo dei tassi Soprattutto negli Stati Uniti e in Asia stanno cominciando ad affluire rilevazioni positive. La disoccupazione sembra perdere forza e l economia manifesta qualche segno di ripresa. Meno bene in Europa, dove il Pil è in calo e le vendite al dettaglio sono in diminuzione. Si prevede così la continuazione del trend rialzista sui mercati emergenti e in Usa, anche se gli operatori consigliano ancora la massima cautela sulle scadenze più lunghe sui timori di inflazione che potrebbe generarsi a causa dell ampia offerta di moneta sul mercato, immessa dalle Bce. Migliora a livello globale il contesto macroeconomico, specialmente nell area americana. Alcuni dati market mover hanno infatti spinto al rialzo i listini delle diverse aree geo- grafiche: molto importante è la stabilizzazione in corso sia a livello industriale (Ism manifatturiero a 42,8 a maggio) sia finanziario, mentre continua a soffrire il mercato del lavoro, anche se per la prima volta negli ultimi mesi le richieste continue di sussidi di disoccupazione sono scese sia rispetto alle attese sia rispetto ai dati precedenti. In Europa i segnali di miglioramento non sono così evidenti, il Pil è stato rivisto al ribasso e male sono andate anche le vendite al dettaglio. I mercati emergenti rappresentano invece un tipo di asset class ad alta redditività che andremo gradualmente ad aumentare in portafoglio. La crescita degli emergenti non appare più legata ai consumi nelle aree più sviluppate, bensì alcuni di questi paesi godono di una solida domanda interna e tassi d interesse in diminuzione. Ulteriore segnale di rasserenamento a livello macro arriva anche dal Baltic index, che prosegue il trend al rialzo. Una possibile interpretazione può essere dettata dalla ricostituzione delle scorte da parte della Cina. Si cercava il supporto di dati macro per la prosecuzione del trend rialzista degli strumenti più rischiosi e questa conferma sta lentamente arrivando, almeno su alcune aree geografiche. La visione dei mercati nell immediato futuro è favorevole: diversificazione e cautela nelle scelte d investimento devono rimanere la regola da seguire in qualsiasi situazione. 6 FONDI&SICAV/Giugno 2009

7 Tredici prodotti per attaccare Investment Tipo Macroarea Area Stile Peso Mc Fdf America Acc Eur Azionario America Nord America Blend 11 Nordea -North Amer Growth Fund Usd Usd Azionario America Nord America Growth 9 Schroder Us Small Mid-Cap Equity Usd C Acc. Usd Azionario America Nord America Small cap 6 Dexia Equities L Australia C Acc Aud Azionario Asia Australia Stile generico 4 Templeton Bric Fund Eur Eur Azionario Emergenti Globale Stile generico 8 Mc Fdf Europa Eur Azionario Europa Globale Blend 11 Oyster European Opportunities Eur S Eur Azionario Europa Globale Blend 9 Franklin Mutual Global Discovery Fund Eur Eur Azionario Mondiale Globale Blend 9 Etf Lyxor Etf New Energy (Quote A) Eur Azionario Settoriale Energy Stile generico 6 Mc Fdf Flex Medium Volatility Eur Flessibile Mondiale Area generica Stile generico 8 Bot 15/07/09 Eur Monetario Euro Area generica Stile generico 8 Etf Lyxor Euro Cash Eonia Eur Monetario Euro Area generica Stile generico 3 Parvest Short Term (Euro) Eur Eur Monetario Euro Area generica Stile generico 8 La visione dinamica Favorite le azioni Il portafoglio si rivolge a un investitore dal profilo di rischio medio-alto: l obiettivo è la crescita del capitale in un orizzonte temporale di medio periodo. L esposizione è pari al 73% sul comparto azionario puro, all 8% su fondi flessibili e al 19% tra titoli obbligazionari e monetari. Il mercato azionario continua a esser favorito dalla mancanza di alternative d investimento e dai bassi tassi d interesse presenti sul mercato monetario. Situazioni debitorie in progressivo miglioramento, materie prime in ripartenza, Cina e Russia che spingono a livello locale per un maggiore accesso al credito per le imprese, anche tramite la creazione di società ad hoc, sono fattori che lasciano ben sperare per una ripresa effettiva nella seconda parte dell anno. La volatilità sui mercati sviluppati è in diminuzione: ha raggiunto un livello prossimo ormai ai valori pre-crisi e questo dato rappresenta un ulteriore fattore positivo per i mercati azionari. Nella costruzione di portafoglio l area americana è da preferire in questa fase di mercato, rispetto quella europea. Le large cap soffrono la fase di rialzo e sono proprio le imprese a media capitalizzazione a battere il mercato mondiale: potrebbero influire le migliorate condizioni di accesso al credito. Le imprese canadesi beneficiano invece degli scambi commerciali che intercorrono con la Cina. In Europa il Dax continua a essere il listino trainante così come l Ibex. Italia e Francia non offrono grandi opportunità d acquisto e diversificazione. Il mese trascorso ha tuttavia confermato le tendenze precedenti; Svizzera e paesi nordici sono in leggero rallentamento e potrebbero risentire delle fluttuazioni delle rispetti- Come suddividere i pesi Etf Lyxor Euro Cash Eonia Eur Bot 15/07/09 Eur Mc Fdf Flex Medium Volatility Eur Etf Lyxor Etf New Energy (Quote A) Eur 8% 6% Franklin Mutual Global Discovery Fund Eur Eur Parvest Short Term (Euro) Eur Eur 8% 9% Oyster European Opportunities Eur S Eur 3% ve valute. Le small cap hanno trainato i mercati al rialzo. Si mantiene buona, nonostante il recente storno, la view sul listino australiano. Gli emergenti asiatici danno invece valore sia in termini relativi sia assoluti e sono mantenuti in portafoglio: stimoli fiscali e monetari impattano positivamente su tutta l area. View molto positiva sul comparto Bric (India in primis, soprattutto in seguito alle recenti elezioni politiche) e sulle energie rinnovabili, che rappresentano la componente residuale del nostro investimento. 8% 9% 11% Mc Fdf America Acc Eur 11% 9% 8% Nordea -north Amer Growth Fund Ist Usd Usd 6% 4% Mc Fdf Europa Eur Schroder Us Small Mid-cap Equity Usd C Acc. Usd Dexia Equities L Australia C Acc Aud Templeton Bric Fund Eur Eur FONDI&SICAV/Giugno

8 I PORTAFOGLI DI MC GESTIONI La visione moderata Trend nitido di crescita Come suddividere i pesi 8% 4% Il portafoglio si rivolge a un investitore dal profilo di rischio medio-alto: l obiettivo è la crescita del capitale in un orizzonte temporale di medio periodo e l esposizione è al 32% sul comparto obbligazionario, all 8% sul flessibile, al 14% sul monetario e per il rimanente 46% sull azionario. Abbiamo visto in precedenza come il contesto macroeconomico dei diversi paesi industrializzati stia sensibilmente migliorando: non usciremo dalla recessione ma esistono segnali, sia dal lato dei Parvest Global Inflation-linked Bond Eur Eur Etf I-share E Government 6% Bond 1-3 Eur 8% Axa Wf Euro 3-5 Eur Acc Eur Parvest Euro Medium Term Bond Eur Eur Schroder Euro Corporate Bond Eur C Iacc. Eur Parvest Short Term (Euro) Eur Eur 6% 7% Etf Lyxor Euro Cash Eonia Eur 7% 8% 8% consumatori, sia delle imprese, abbastanza confortanti. Il rimbalzo prosegue con una volatilità ridotta, delineando un trend nitido di crescita. Tuttavia le conferme a livello macro non sono arrivate sulla base dei fondamentali. I multipli delle aziende americane ed europee non sono infatti favorevoli se comparati a periodi analoghi nel passato con le medesime strutture di tassi d interesse. Questa divergenza ci spinge a rimanere prudenti, ma è innegabile che a questi valori, e allungando l orizzonte tempora- Franklin Us Equity Fund A Euro Hedged Acc Eur 10% 9% World Express Us Equity Epic Acc Usd 4% 7% Mc Fdf Flex Medium Volatility Eur 8% Templeton Bric Fund Eur Eur Henderson Pan European Equity I2 Eur IWorld Express European Quantitative Equities Eur Eur Mc Fdf Megatrend Wide Eur le, investire sul comparto azionario abbia un certo senso. Esistono inoltre buone opportunità di acquisto o comparti che più di altri stanno dando valore. Le mid cap in Usa e le small cap in Europa rappresentano buoni investimenti in questa fase e li manteniamo in portafoglio. Stesso discorso per l area asiatica e i paesi emergenti. In questo caso la visione è più strategica che tattica: sono investimenti che se effettuati con una buona diversificazione possono dare valore anche in un orizzonte di medio periodo. Entrambe le aree godono infatti di fondamentali macro più robusti delle economie sviluppate. Un idea di trading di breve, ma da monitorare con molta attenzione perché molto rischiosa, è l immobiliare asiatico: il piano in infrastrutture varato dalla Cina attira le attenzioni degli investitori su scala mondiale. Male a maggio, e probabilmente nelle prossime settimane, il comparto obbligazionario di medio-lungo periodo; la preferenza è per le scadenze più brevi comprese tra i due-tre anni nell area euro, oppure per i titoli più rischiosi legati parzialmente all azionario, come corporate e high yield. Quattordici prodotti per ogni scenario Investment Tipo Macroarea Area Stile Peso Franklin U.S. Equity Fund A Euro Hedged Acc Eur Azionario America Nord America Blend 8 World Express Us Equity Epic Acc Usd Azionario America Nord America Blend 9 Templeton Bric Fund Eur Eur Azionario Emergenti Globale Stilegenerico 4 Henderson Pan European Equity I2 Eur Azionario Europa Globale Blend 8 World Express European Quantitative Equities Eur Eur Azionario Europa Globale Blend 7 Mc Fdf Megatrend Wide Eur Azionario Mondiale Globale Blend 10 Mc Fdf Flex Medium Volatility Eur Flessibile Mondiale Area generica Stile generico 8 Etf Lyxor Euro Cash Eonia Eur Monetario Euro Area generica Stile generico 7 Parvest Short Term (Euro) Eur Eur Monetario Euro Area generica Stile generico 7 Schroder Euro Corporate Bond Eur C Iacc. Eur Obbligazionario Corporate Europa Stile generico 4 Parvest Euro Medium Term Bond Eur Eur Obbligazionario Diversificati Europa Stile generico 8 Axa Wf Euro 3-5 Eur Acc Eur Obbligazionario Governativo Europa Short term euro 6 Etf I-Share E Government Bond 1-3 Eur Obbligazionario Governativo Europa Short term euro 8 Parvest Global Inflation-Linked Bond Eur Eur Obbligazionario Inflation linked Area generica Stile generico 6 8 FONDI&SICAV/Giugno 2009

9

10 I PORTAFOGLI DI MC GESTIONI Undici prodotti per difendersi Investment Tipo Macroarea Area Stile Peso Franklin U.S. Equity Fund A Euro Hedged Acc Eur Azionario America Nord America Blend 10 Lemanik Sicav - Mc World Equities Cap Retail Eur Acc Eur Azionario Mondiale Globale Blend 15 Mc Fdf Flex Medium Volatility Eur Flessibile Mondiale Area generica Stile generico 10 Parvest Short Term (Euro) Eur Eur Monetario Euro Areagenerica Stile generico 5 Schroder Euro Corporate Bond Eur C Acc. Eur Obbligazionario Corporate Europa Stile generico 5 Templeton Global Bond Fund Euro Hedged Acc Eur Obbligazionario Diversificati Globale Stile generico 10 Axa Wf Euro 3-5 Eur Acc Eur Obbligazionario Governativo Europa Short term euro 8 Etf I-Share E Government Bond 1-3 Eur Obbligazionario Governativo Europa Short term euro 8 World Express European Short-Term Bonds Eur Eur Obbligazionario Governativo Europa Short term euro 7 Mc Fdf Global Bond Eur Obbligazionario Governativo Globale Stile generico 10 Parvest Global Inflation-Linked Bond Eur Eur Obbligazionario Inflation linked Area generica Stile generico 12 La visione prudente Obbligazionario in sofferenza Come suddividere i pesi Parvest Global Inflation-linked Bond Eur Eur Mc Fdf Global Bond Eur World Express European Short-term Bonds Eur Eur Etf I-share E Government Bond 1-3 Eur 7% 10% 8% Axa Wf Euro 3-5 Eur Acc Eur 8% 12% 10% 10% 5% Il portafoglio si rivolge a un investitore dal profilo di rischio mediobasso: l obiettivo è la crescita del capitale in un orizzonte temporale almeno superiore all anno e l esposizione è pari al 71% sul comparto obbligazionario, al 5% sul monetario e per il rimanente 25% sul comparto azionario. Il mercato obbligazionario area euro ha sofferto particolarmente nell ultimo mese: il rally dell azionario, le possibili spinte inflazionistiche, l aumento del premio a rischio e la speranza che la crisi sia stata messa alle spalle sono fattori che hanno impattato in maniera negativa sul comparto, specialmente per i titoli sulle scadenze più lunghe. Lo spread Btp-Bund, indicatore dell avversione al rischio presente sul mercato, continua la fase di restringimento, dopo avere raggiunto i massimi all apice della crisi del novembre scorso, e non è da escludere che questa tendenza possa continuare ancora. In questa fase, le obbligazioni italiane Franklin Us Equity Fund A Euro Hedged Acc Eur 5% 15% 10% Lemanik Sicav Mc World Equities Cap Retail Eur Acc Eur Mc Fdf Flex Medium Volatility Eur Parvest Short Term (Euro) Eur Eur Schroder Euro Corporate Bond Eur C Acc. Eur vengono percepite dal mercato come rischiose e il ritorno di appetito degli investitori verso il rischio le favorisce. Le curve dei bond governativi, sia area euro sia americana, si sono gradualmente irripidite nelle ultime settimane ed è la parte a lungo termine a crescere in entrambi i casi. Il mercato sembra cominciare a scontare che l ingente massa monetaria creata dalle banche centrali, attraverso la riduzione dei tassi e le manovre non convenzionali, possa presto trasformarsi in inflazione, mettendo pressione proprio sui tassi a lunga scadenza. Da sottolineare nel mese trascorso la buona performance dei titoli legati all inflazione e delle asset class più rischiose correlate con il mercato azionario. High yield, corporate investment grade e debito emergente infatti stanno regolarmente sovraperformando il mercato obbligazionario area euro. La strategia nell investimento rimane pertanto per un sottopeso di duration sulla parte area euro con investimenti residuali su corporate a elevata garanzia, high yield ed emissioni inflation linked a livello globale. Templeton Global Bond Fund Euro Hedged Acc Eur 10 FONDI&SICAV/Giugno 2009

11

12 NOTIZIE IN BREVE A DESTRA: UN IMMAGINE DI RIGA, CAPITALE DELLA LETTONIA I numeri di maggio Lettonia La peggiore nella Ue Si fa difficile la situazione della Lettonia. Il travagliato paese baltico, infatti, oltre ad avere registrato un calo annuale del Pil di oltre il 18%, il peggiore valore di tutta l Ue a 27, sta affrontando notevoli difficoltà finanziarie. Da una parte un asta per 20 milioni di lati (la valuta locale) di titoli di stato è andata deserta, dall altra parte la Banca centrale è impegnata in una strenua difesa della moneta nazionale e sta comprando centinaia di milioni di euro ogni settimana per sostenere la valuta locale, il cui valore è legato all euro con una banda di oscillazione dell 1%. Inoltre la nazione baltica rischia di vedere abbassato il proprio rating da Raccolta fondi Finalmente in positivo! Dopo mesi di sofferenza del mercato, tornano finalmente in nero i flussi della raccolta dei fondi comuni in Italia, che a maggio hanno fatto registrare milioni di euro. Il patrimonio è riuscito a superare la soglia RACCOLTA NETTA mag-09 apr-09 da inizio anno mln. euro mln. euro mln. euro AZIONARI BILANCIATI OBBLIGAZIONARI FONDI DI LIQUIDITÀ FLESSIBILI FONDI HEDGE FONDI APERTI FONDI RISERVATI FONDI HEDGE FONDI DI DIRITTO ITALIANO Gruppi italiani Gruppi esteri FONDI DI DIRITTO ESTERO Gruppi italiani Gruppi esteri GRUPPI ITALIANI GRUPPI ESTERI TOTALE Fonte: Assogestioni parte dell agenzia Fitch, se non riuscirà a ottenere la seconda tranche del prestito promesso dal Fondo monetario internazionale. Il governo del premier Valdis Dombrovskis sta tentando di negoziare con il Fondo la possibilità di gestire un deficit statale maggiore, come condizione per avere il prestito, allo scopo di alleviare un poco le ristrettezze economiche in cui versa la popolazione. I credit default swap sul debito lettone sono schizzati ai massimi degli ultimi mesi, anche se le autorità hanno finora ribadito la propria ferma intenzione di mantenere il tasso di cambio ancorato all euro. Gran parte delle attività di prestito nel paese baltico sono in valuta straniera e un eventuale svalutazione avrebbe conseguenze difficili da quantificare sul sistema bancario locale e su quello svedese, che nell area ha investito pesantemente. di 401 miliardi di euro. Il ritorno in territorio positivo ha riguardato, nello specifico, quattro delle sei categorie censite: i prodotti flessibili, gli azionari, gli obbligazionari e i fondi di liquidità. Ancora con segno meno il rendiconto per i prodotti bilanciati e gli hedge. La raccolta più consistente è stata messa a segno dai prodotti flessibili, che erano già stati in positivo ad aprile: la categoria ha chiuso a maggio con +818 milioni di euro e un patrimonio, in crescita, che sfiora 52,7 miliardi di euro (13,1% degli asset complessivi). Per gli azionari, il bilancio tra sottoscrizioni e riscatti è stato pari a 587 milioni di euro, con un consuntivo che da inizio anno è positivo per 273 milioni. Nel periodo in esame il patrimonio investito è cresciuto di quasi 4 miliardi di euro e oggi vale 75,3 miliardi, il 18,8% degli asset investiti in fondi aperti. Dopo la netta frenata dei deflussi registrata ad aprile, i fondi obbligazionari hanno chiuso in positivo con sottoscrizioni per 257 milioni di euro, così come buoni sono stati i flussi per i fondi di liquidità che hanno registrato sottoscrizioni per 66 milioni di euro. Ancora negativa, ma in netta ripresa, anche la raccolta dei fondi hedge che hanno registrato riscatti per 131 milioni di euro. La categoria detiene asset, in crescita, pari a 16,7 miliardi di euro, equivalenti al 4,2% delle masse complessive. 12 FONDI&SICAV/Giugno 2009

13

14 NOTIZIE IN BREVE A DESTRA: IL PALAZZO DEL QUIRINALE A ROMA. SOTTO: IEAN CLAUDE TRICHET, PRESIDENTE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA Mercato del lavoro L Italia migliora Il mercato del lavoro per colletti bianchi in Italia, pur non essendo per nulla entusiasmante, sta mostrando qualche segno di miglioramento. Questo è quanto rilevato da una ricerca condotta a livello mondiale su aziende in 30 paesi da parte di Antal international Terzo global snapshot sul mercato del lavoro. In Italia circa il 40% delle società ha affermato di essere alla ricerca di personale impiegatizio e dirigenziale e circa il 37% ha dichiarato la volontà di assumere nei prossimi tre mesi. Si tratta di un valore simile alla percentuale di imprese che invece hanno sostenuto di volere operare dei tagli nel prossimo trimestre (38%). La situazione è tutt altro che rosea, ma appare comunque non in pesante deterioramento rispetto a poco Bce «Non abbassiamo più» Iean Claude Trichet, presidente della Banca centrale europea, ha indicato che l attuale livello dei tassi di interesse è appropriato alle condizioni dell economia. Con questa dichiarazione, sono state chiuse le discussioni su un nuovo ipotetico taglio del costo del denaro a luglio. Trichet ha anche spiegato che l acquisto di bond da parte della Bce avrà luogo sia nel mercato primario sia in quello secondario. Inoltre la Banca centrale europea ha rivisto al ribasso le sue previsioni sull andamento dell inflazione dell Eurozona nei prossimi mesi. Per il 2009 è previsto un lieve rialzo tra lo 0,1% e lo 0,5% (in calo rispetto al range 0,1/0,7% fissato in occasione dell ultima riunione). Trichet ha sottolineato che nei prossimi mesi potrebbero verificarsi variazioni negative dell indicatore dei prezzi al consumo, che lascerebbero poi il passo a successivi, graduali, recuperi verso la fine del tempo fa. Infatti nel precedente rapporto semestrale la quantità di aziende che volevano assumere era del 51%, mentre quelle che programmavano di farlo nei seguenti tre mesi era pari al 40%. L Italia non sembra messa peggio di altre realtà europee: ad esempio in Svizzera solo il 20% delle imprese ha dichiarato di volere assumere nei prossimi tre mesi, anche se la media mondiale risulta un po migliore. Infatti a livello planetario attualmente il 47% delle aziende appare intenzionato ad assumere, mentre il 44% ha dichiarato di volerlo fare nei prossimi tre mesi. Si tratta in quest ultimo caso di un valore in miglioramento rispetto a sei mesi fa, quando a volere assumere nel successivo trimestre era il 43% delle aziende intervistate in giro per il mondo. Un altro dei temi chiave riguarda l acquisto, annunciato lo scorso 7 maggio, di titoli obbligazionari garantiti per un ammontare vicino a 60 miliardi di euro. Trichet ha confermato che gli acquisti saranno effettuati tanto nel mercato primario (cioè nuove emissioni) che in quello secondario, includendo così vecchie e nuove emissioni. Le operazioni si estenderanno a tutta l Eurozona e avranno inizio a luglio (la conclusione della manovra è fissata per la metà del 2010). La decisione è stata presa all unanimità e si concentrerà sui prestiti con scadenze comprese tra tre e 10 anni. Trichet ha precisato che questi bond dovranno essere utilizzati come garanzia (l ammontare per singola emissione deve essere come minimo di 500 milioni di euro e il livello di affidabilità creditizia almeno AA). I bond saranno assicurati da crediti ipotecari e da prestiti concessi dal settore pubblico. Pertanto, questi titoli sono, in teoria, molto sicuri. In tutti i casi, l obiettivo di questa misura è offrire sostegno a un segmento del mercato dei corporate bond che è stato fortemente penalizzato dalla crisi, ma che ha svolto un ruolo primario tra le fonti di finanziamento delle banche commerciali. 14 FONDI&SICAV/Giugno 2009

15

16 NOTIZIE IN BREVE SOPRA: NICOLAS SARKOZY, PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA FRANCESE. SOTTO: LA SEDE DEL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE Francia Quasi quasi se la cava L a Francia, grazie a una serie di ammortizzatori sociali e alle sue peculiarità storiche, si posiziona nel gruppo di paesi meno martoriati dalla recessione. Un recente report curato dall Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, ha confermato la buona tenuta francese. Nel primo trimestre del 2009, l economia transalpina ha ceduto l 1,2% e, secondo Bruxelles, potrebbe arretrare del 3% quest anno. Meno della Germania (-5,4%) e quasi alla pari con la Spagna (-3,2%). La fase peggiore dovrebbe essere quella attuale, con il fondo della crisi fissato a -3,3% e una probabile lenta ripresa a partire dal Africa Un grande avvenire Nonostante ciò, il report denuncia la presenza di un tasso di disoccupazione allarmante (ancora lontano dai record negativi di Irlanda, Spagna e paesi baltici) che, nel corso del 2009, raggiungerà i 3 milioni di disoccupati, il 9,6% della popolazione attiva. Ma quali sono i fattori che stanno consentendo alla Francia di scansare una parte rilevante degli effetti della crisi internazionale? In primis, un sistema di protezione sociale che funziona e svolge un ruolo di cuscinetto per le classi più colpite dal rallentamento. In secondo luogo, un sistema bancario sano che ha saputo trarre grandi benefici dall adozione di un approccio prudente alla concessione di crediti: i mutui, per esempio, venivano concessi per un importo massimo pari a un terzo del reddito del richiedente. Il terzo fattore chiave è stato la buona tenuta del mercato immobiliare. Secondo un report di Equilibri, società di studi geopolitici con sede a Milano, il continente africano, malgrado la sua modesta integrazione con l economia mondiale, si sta rivelando l area più colpita dagli effetti indiretti della crisi finanziaria in rapporto alle sue capacità di ripresa. L insufficienza della risposta dei governi africani unitamente al reflusso della domanda globale si ripercuotono sulla crescita aggregata dell Africa. Ma le prospettive di lungo termine del continente, come generazione futura dei mercati emergenti, sono ancora promettenti. Infatti, l Fmi prevede che la crescita africana continuerà a sovraperformare la crescita mondiale, se l economia mondiale inizierà a risollevarsi nel E se gran parte di questa crescita può essere attribuita al significativo progresso di molte economie africane negli ultimi anni, una buona parte del potenziale si deve anche alla grandissima ricchezza di materie prime. Solo in termini di riserve petrolifere e di gas del continente, l Africa è la terza macroarea più ricca al mondo di idrocarburi, dietro solo a Medio oriente e Russia/Paesi Csi. Ma al di là degli idrocarburi, la ricchezza di materie prime dell Africa si estende anche a vastissimi giacimenti di metalli preziosi e industriali. Inoltre, dato che l esplorazione in Africa è stata limitata negli ultimi tempi, il consensus dell industria indica che ci possono essere grandi quantità di minerali che non sono stati neppure ancora scoperti. «Dato che l Africa è una delle zone più ricche al mondo di risorse naturali», spiega un report di Crédit suisse, «prevediamo che gli investitori esteri si accorgeranno sempre più della vasta ricchezza di minerali del continente negli anni a venire. Ma gli investitori non dovrebbero ignorare i rischi politici, legali e operativi inerenti alle attività economiche in Africa. Considerando questi rischi, notiamo comunque che molti paesi che in passato erano considerati altrettanto incerti, esotici e rischiosi (le aree che vanno dall India alla Cina) negli ultimi anni hanno generato buoni rendimenti per gli investitori. Forse nel ventunesimo secolo sarà il turno dell Africa». 16 FONDI&SICAV/Giugno 2009

17

18 HEDGE FUND LA DISAFFEZIONE DEI RISPARMIATORI Un anno difficile Il 2008 è stato un anno difficile per l industria degli hedge fund. L affermazione sembrerà banale, visto che quello appena passato è stato uno degli anni più duri nella storia dei mercati finanziari, ma proprio l industria dei fondi detti impropriamente speculativi si è vista al centro di una tempesta perfetta, con problemi che hanno travalicato le semplici perdite subite in portafoglio. Mirabile al proposito la sintesi data da Bertrand Demole, responsabile hedge fund investimenti alternativi di Pictet & Cie: «Per il settore degli hedge fund nel suo insieme, l anno 2008 resterà sicuramente sedi Boris Secciani Nonostante risultati di gestione nel complesso discreti, la maggior parte dei prodotti speculativi è stata colpita da una serie di smobilizzi. In Italia i privati hanno lasciato in molti casi il settore e la raccolta negativa di questa categoria è stata spesso superiore a quella dei fondi azionari. Le cause di queste difficoltà sono diverse: «I gestori hanno operato in un nuovo mondo di finanziamenti scarsi e instabili, bassa liquidità del mercato, scomparsa o fallimento di prime broker, disinvestimenti forzati a livello generalizzato e valutazioni estreme e irrazionali praticamente in tutte le asset class dove gli hedge investono» 18 FONDI&SICAV/Giugno 2009

19 INVESTIRE IN CINA gnato nella memoria come uno dei peggiori per le performance di gestione, a causa dell andamento particolarmente sfavorevole dei rischi economici e finanziari, ma anche per la virulenza senza precedenti dei rischi sistemici, regolamentari (ad esempio la proibizione delle vendite allo scoperto) od operativi. Anche i gestori di hedge fund hanno dovuto fare i conti con i rischi di controparte, limitare il rischio di finanziamento o di richiamo di margini (margin call), prevedere i rischi di rimborso, o ancora quelli di liquidità. Come corollario, il gestore tipo si è visto spesso costretto a dedicare più tempo all amministrazione del suo fondo, alla negoziazione delle sue relazioni bancarie o all analisi dei flussi operativi che non alla gestione del patrimonio». SPIRALE DI FATTORI ECCEZIONALI Un opinione simile arriva anche da Stefano Gaspari, amministratore delegato di MondoHedge, che spiega come la paralisi delle infrastrutture finanziarie dell ultimo trimestre 2008 sia all origine delle deludenti performance degli hedge fund nello scorso anno: «Se il 2008 si è chiuso per i fondi hedge come il peggiore della loro storia, sia a livello internazionale sia italiano, le motivazioni vanno ricercate in una spirale di fattori eccezionali, imprevedibili e senza precedenti, esterni a questa industria, che hanno sconvolto l intero sistema delle controparti di mercato più importanti per questi gestori (fonti di finanziamento e servizi di custodia, amministrazione, ecc.). I gestori hedge si sono quindi trovati improvvisamente a operare in un nuovo mondo di finanziamenti scarsi e instabili, bassa liquidità del mercato, scomparsa o fallimento di prime broker, disinvestimenti forzati a livello generalizzato e valutazioni estreme e irrazionali praticamente in tutte le asset class dove gli hedge investono». L analisi di Gaspari spiega poi come questa situazione abbia pesato in particolare su alcune strategie hedge «Le limitazioni del divieto di parte delle attività di short selling, che è stato introdotto senza preavviso e che si è aggiunto a quanto menzionato, hanno colpito in primo luogo i fondi con posizioni corte sul settore finanziario, realizzate in ottica di medio/lungo termine e non puramente di trading speculativo, ma anche e soprattutto i gestori Convertible arbitrage che si sono trovati nell impossibilità di coprire il proprio portafoglio lungo sulle convertibili. Le limitazioni hanno inoltre annullato i potenziali benefici che molti gestori stavano prendendo dalle loro posizioni corte sul settore». Come risultato gli hedge fund hanno visto diminuire il proprio grado di decorrelazione con i mercati finanziari e i gestori hedge non hanno potuto fare molto di più che dimezzare le perdite per i loro investitori, rispetto a quelle riportate dai mercati azionari». Il risultato è stato dunque che gli hedge, oltre a essere andati male, hanno visto diminuire, proprio nel momento in cui gli in- Indice Tremont e Msci world a tre anni apr 06 giu 06 ago 06 ott 06 dic 06 feb 07 CS/Tremont Hedge Fund Index Msci World apr 07 giu 07 ago 07 ott 07 dic 07 feb 08 Indice Tremont e Msci world a 10 anni CS/Tremont Hedge Fund Index Msci World apr 08 giu 08 ott 08 dic 08 feb 09 apr 99 ott 99 apr 00 ott 00 apr 01 ott 01 apr 02 ott 02 apr 03 ott 03 apr 04 ott 04 apr 05 ott 05 apr 06 ott 06 apr 07 ott 07 apr 08 ott 08 ago FONDI&SICAV/Giugno

20 HEDGE FUND LA DISAFFEZIONE DEI RISPARMIATORI Indice Tremont e Msci world a cinque anni CS/Tremont Hedge Fund Index Msci World apr 04 lug 04 ott 04 gen 05 apr 05 lug 05 ott 05 gen 06 apr 06 lug 06 ott 06 gen 07 apr 07 lug 07 ott 07 gen 08 apr 08 lug 08 ott 08 gen vestitori ne avevano più bisogno, il proprio grado di decorrelazione con i mercati finanziari. INVESTITORI NON CONTENTI Se da un lato la condizione dei mercati era orrenda, dall altro l industria si è trovata ad affrontare per la prima volta in un decennio investitori tutt altro che contenti dell andamento, oltre che accuse di scarsa trasparenza e di essere fra i principali responsabili dei disa- ge fund è oggi ancora abusato da diversi protagonisti che non neutralizzano alcun rischio di mercato e, per di più, ricorrono talvolta a leve molto elevate per amplificarlo; senza contare gli impostori, i truffatori o i veri e propri ladri. Alcuni fondi vengono pertanto contrabbandati come hedge fund anche se di fatto non sono che fondi tradizionali (long only), come diversi sedicenti hedge fund concentrati su un settore economico o su un paese. Altri falsi hedge fund si avvicinano più alle attività bancarie o assicurative, essendo orientati, ad esempio, verso i prestistri sui mercati. Indubbiamente lo scoppio di numerosi scandali non ha aiutato questi prodotti a ottenere buona stampa. Sotto questo aspetto, interessante appare il commento di Marco Accorroni, ceo di Arkos capital, che prevede comunque un cambiamento da parte del settore nella maniera di rapportarsi ai propri investitori: «Alcune vicende del 2008 legate alle difficoltà di taluni hedge fund, che hanno portato a cattive performance e a bloccare i riscatti dei fondi, unite alla vicenda Maddof, hanno sicuramente reso gli investitori in questi prodotti più cauti. Dopo una prima fase di quasi rifiuto per tutto ciò che era legato al mondo hedge, ora gli investitori sono più aperti e attenti nelle loro scelte e pretendono giustamente da questi prodotti maggiore trasparenza e migliori termini di liquidità». A non aiutare particolarmente la situazione vi è anche il fatto che spesso, senza arrivare al caso estremo delle truffe, nella categoria hedge finisce un po di tutto, anche prodotti che non avrebbero le caratteristiche per essere definiti tali. Per Demole di Pictet, infatti, «sfortunatamente il termine hed- Rendimenti degli hedge nel primo trimestre 2009 Rendimenti cumulati Deviazione standard mensile Massimo drawdown Percentuale di fondi in profitto Fondo migliore Fondo peggiore Indice complessivo 0,90% 1,00% -0,90% 52% 38% -100% Convertible arbitrage 7,70% 2,80% 0,00% 82% 30% -7% Dedicated short 1,20% 5,20% -5,50% 56% 10% -2% Emerging market -0,10% 2,20% -2,20% 53% 17% -17% Equity market neutral -3,50% 3,90% -5,60% 45% 9% -80% Event driven -0,20% 1,00% -1,10% 63% 11% -34% Fixed income arbitrage 3,30% 0,60% 0,00% 62% 38% -10% Global macro 2,60% 1,30% 0,00% 54% 19% -100% Equity long short 0,30% 1,60% -1,50% 47% 28% -19% Managed futures -2,90% 1,10% -2,90% 9% 8% -13% Mutli strategy 3,60% 1,90% -0,10% 63% 14% -14% Fonte: Credit Suisse/Tremont Hedge Fund Index 20 FONDI&SICAV/Giugno 2009

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema BRating Analysis 15/04/2015 Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. Per quanto riguarda il mercato azionario I protagonisti del mese sono stati i fondi che investono

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità. Cristiana Brocchetti

Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità. Cristiana Brocchetti Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità Cristiana Brocchetti Milano, 17 dicembre 2012 1 Tradizionale o Alternativo? Due le principali aree che caratterizzano le tipologie di investimento: Tradizionali

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT COMPETENZE SPECIALIZZATE E SOLIDITÀ DI UN GRANDE LEADER MONDIALE RISERVATO A INVESTITORI PROFESSIONALI 2 UN GRANDE GRUPPO AL VOSTRO SERVIZIO BNY Mellon Investment Management

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale SEB Asset Management Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale Fabio Agosta, Responsabile Commerciale Europa Meridionale & Medio Oriente SEB Stockholm Enskilda

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Alfredo Fusetti, Partner Luca Barenco, Investment Consultant Zurigo, 30.06.2015 Situazione attuale (1) Secondo il comunicato stampa

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici Deutsche Asset & Wealth Management Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015 CIO View I giganti asiatici Sfida tra modelli economici Nove Posizioni Le nostre previsioni Il crollo delle esportazioni

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Le due facce dell investimento

Le due facce dell investimento Schroders Educational Rischio & Rendimento Le due facce dell investimento Per essere buoni investitori non basta essere buoni risparmiatori. La sfida del rendimento è tutta un altra storia. È un cammino

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

DAILY REPORT 20 Agosto 2014

DAILY REPORT 20 Agosto 2014 DAILY REPORT 20 Agosto 2014 I DATI DELLA GIORNATA PROVE DI TENUTA? Ieri abbiamo esaminato l indice Dax. Per certi versi le dinamiche degli ultimi 2 anni sembrano le stesse, anche se il terreno un tantino

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano 2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano Domenico Siniscalco 2.1 Premessa L Italia è un paese di grandi risparmiatori. Comunque la si misuri in rapporto al reddito disponibile

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

ab Asset management research Ottobre 2012 L evoluzione dell Asset Manager

ab Asset management research Ottobre 2012 L evoluzione dell Asset Manager ab Asset management research Ottobre 2012 L evoluzione dell Asset Manager Soluzioni orientate ai risultati Obiettivo raggiunto L esperienza trentennale di UBS Global Asset Management nella gestione dei

Dettagli

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza.

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza. Carissimi azionisti, il 2014 ci ha riservato molte sorprese: petrolio e materie prime che crollano, dollaro che sale, tassi di interesse sempre più bassi, bond che vanno a ruba, spread dell Europa periferica

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short db x-trackers su indici daily short ETF su indici daily short: investire nei mercati orso L investimento in un ETF db x-trackers correlato ad indice daily short è destinato unicamente ad investitori sofisticati

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Jacob Gyntelberg Peter Hördahl jacob.gyntelberg@bis.org peter.hoerdahl@bis.org Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Fra inizio settembre e fine

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli