LA MODELLAZIONE MORFODINAMICA PER LA GESTIONE DEI CORSI D ACQUA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA MODELLAZIONE MORFODINAMICA PER LA GESTIONE DEI CORSI D ACQUA"

Transcript

1 DICCA di Ingegneria Civile, Chimica e Ambientale. Università di Genova LA MODELLAZIONE MORFODINAMICA PER LA GESTIONE DEI CORSI D ACQUA M. Bolla Pittaluga & G. Seminara Convegno ARPAL Simulare Conviene! Genova, 22 Maggio 2013

2 La Morfodinamica Fluviale Ø La morfodinamica fluviale studia l asse4o al5metrico e planimetrico degli alvei fluviali, le loro configurazioni di equilibrio e la risposta del corso d acqua a perturbazioni di tali configurazioni, siano esse dovute a fenomeni naturali o ad antropici. Tanaro (Alba) Tanaro (Barbaresco) M. Bolla PiRaluga - Università di Genova (DICCA) Convegno ARPAL - Genova, 22 Maggio 2013

3 I Modelli della Morfodinamica Fluviale INFORMAZIONI POSSIBILI: Ø I MODELLI MONODIMENSIONALI (1D) Determinazione dell evoluzione del profilo del FONDO MEDIO del corso d acqua al variare delle condizioni al contorno: ü variazione degli solidi/liquidi (costruzione di invasi, opere di derivazione, ). ü variazioni di geometria dell alveo ); ü variazione del livello della superficie libera o del fondo. INFORMAZIONI NON POSSIBILI: Ø AsseRo trasversale del fondo indoro dalla curvatura dell asse della corrente o dalla propagazione di forme di fondo di grande scala (barre); Ø Predizione dell degli scavi e indoz da fenomeni (pile di pennelli trasversali, ecc ). M. Bolla PiRaluga - Università di Genova (DICCA) Convegno ARPAL - Genova, 22 Maggio 2013

4 I Modelli della Morfodinamica Fluviale INFORMAZIONI POSSIBILI: Ø I MODELLI BI e TRI DIMENSIONALI (2D e 3D) Determinazione delle perturbazioni della topografia, trasversale e longitudinale del fondo (scavi e dovute a: ü INSTABILITA del FONDO: Formazione di megaforme di fondo (barre ü EFFETTI FORZANTI lega5 alla GEOMETRIA: Formazione di barre forzate dovute alla curvatura dell asse dell alveo. ü FENOMENI LOCALIZZATI: erosione intorno a pile di erosione a valle di platee. M. Bolla PiRaluga - Università di Genova (DICCA) Convegno ARPAL - Genova, 22 Maggio 2013

5 Formulazione del Problema della Morfodinamica Fluviale FORMULAZIONE DEL MODELLO MONODIMENSIONALE (1D) Ø Variabili x coordinata longitudinale t tempo Ø Funzioni incognite: Ω area della sezione trasversale Q portata liquida η quota del fondo z golena alveo inciso golena Ω Y h ζ f η y x M. Bolla PiRaluga - Università di Genova (DICCA) Convegno ARPAL - Genova, 22 Maggio 2013

6 Formulazione del Problema della Morfodinamica Fluviale FORMULAZIONE DEL MODELLO MONODIMENSIONALE (1D) Ø Variabili x coordinata longitudinale t tempo Ø Funzioni incognite: Ω area della sezione trasversale Q portata liquida η quota del fondo Ø Ø Equazioni di bilancio: Ω Q + = t x 2 Q Q + h + β gω + t x Ω x η Qs ( 1 p ) bf + = qs t x q Q ΩC Condizioni al contorno + relazione di chiusura per la portata solida Q s 2 2 R = q l Q Ω fase liquida) (Principio di moto) fase solida) M. Bolla PiRaluga - Università di Genova (DICCA) Convegno ARPAL - Genova, 22 Maggio 2013

7 AsseRo di Equilibrio del Fondo nei Corsi d Acqua Naturali Ω t Q + x CONFIGURAZIONI DI EQUILIBRIO MORFODINAMICO = η t q L Equilibrio implica Equazione di 1D della fase fluida Q x s ( 1 p ) bf + = qs Senza laterali Equazione di 1D della fase solida (Exner) Senza laterali t dq dx dq s dx = 0 = 0 = 0 Q=costante Q s =costante Principio della di moto Q t Moto stazionario 2 Q + x Ω Q=cost + h gω x Q + ΩC 2 2 R = q l Q Ω Senza laterali 2 2 d Q Q h = = j dx + g Ω Ω C Rg Q = ΩC Rgj Moto uniforme 2 M. Bolla PiRaluga - Università di Genova (DICCA) Convegno ARPAL - Genova, 22 Maggio 2013

8 AsseRo di Equilibrio del Fondo nei Corsi d Acqua Naturali RESTRINGIMENTO in CORRENTE LENTA (Fr = 0.45) erosione b 0 PLANIMETRIA M. Bolla PiRaluga - Università di Genova (DICCA) Convegno ARPAL - Genova, 22 Maggio 2013

9 AsseRo di Equilibrio del Fondo nei Corsi d Acqua Naturali ALLARGAMENTO in CORRENTE LENTA (Fr = 0.45) deposito b 0 PLANIMETRIA M. Bolla PiRaluga - Università di Genova (DICCA) Convegno ARPAL - Genova, 22 Maggio 2013

10 AsseRo di Equilibrio del Fondo nei Corsi d Acqua Naturali RESTRINGIMENTO in CORRENTE VELOCE (Fr = 1.65) erosione b 0 PLANIMETRIA M. Bolla PiRaluga - Università di Genova (DICCA) Convegno ARPAL - Genova, 22 Maggio 2013

11 AsseRo di Equilibrio del Fondo nei Corsi d Acqua Naturali ALLARGAMENTO in CORRENTE VELOCE (Fr = 1.65) deposito b 0 PLANIMETRIA M. Bolla PiRaluga - Università di Genova (DICCA) Convegno ARPAL - Genova, 22 Maggio 2013

12 La foce del Magra Ponte della Colombiera M. Bolla PiRaluga - Università di Genova (DICCA) Convegno ARPAL - Genova, 22 Maggio 2013

13 Le osservazioni di campo: rilievi Sbocco a mare Ponte Colombiera Flusso M. Bolla PiRaluga - Università di Genova (DICCA) Convegno ARPAL - Genova, 22 Maggio 2013

14 AsseRo di Equilibrio del Fondo nei Corsi d Acqua Naturali Si può parlare di asse&o di equilibrio del profilo del fondo medio di un corso d acqua? Se la portata del corso d acqua fosse costante nel tempo, allora esisterebbe un assero di equilibrio del profilo del fondo medio M. Bolla PiRaluga - Università di Genova (DICCA) Convegno ARPAL - Genova, 22 Maggio 2013

15 Profili di equilibrio per diverse portate nel traro terminale del Fiume Magra con il rilievo del Sbocco a mare Ponte Colombiera Portata Q Flusso M. Bolla PiRaluga - Università di Genova (DICCA) Convegno ARPAL - Genova, 22 Maggio 2013

16 Dunque: il profilo del fondo medio sarebbe di equilibrio per una portata bassa: intorno a m 3 /s Scenario suggerito da il fondo flurua intorno ad un assero di equilibrio determinato dalle basse portate, approfondendosi nel corso delle piene e lentamente un assero prossimo a quello iniziale negli intervalli fra piene successive. Tale scenario risulta confermato da simulazioni numeriche a fondo mobile

17 AVVIA FILMATO

18 Cosa sarebbe successo se nel 2003 fosse stato efferuato l intero piano di dragaggi? Ci sarebbero vantaggi per le piene di anni?

19 AVVIA FILMATO

20 Evoluzione temporale dei volumi o erosi nel traro focivo del Magra a dalla configurazione 2003 * Rilievi sperimentali Simulazione numerica a fondo mobile con configurazione iniziale: rilievo 2003 con dragaggio di m 3 Simulazione numerica a fondo mobile con configurazione iniziale: rilievo 2003

21 E se l assero dragato fosse stato mantenuto arraverso dragaggi? Ci sarebbero vantaggi per le piene degli anni?

22 fondate su simulazioni a fondo mobile Flusso M. Bolla PiRaluga - Università di Genova (DICCA) Convegno ARPAL - Genova, 22 Maggio 2013

23 Il Torrente Armea Flusso AVVIA FILMATO PLANIMETRIA M. Bolla PiRaluga - Università di Genova (DICCA) Convegno ARPAL - Genova, 22 Maggio 2013

24 Il Torrente Armea Flusso PLANIMETRIA M. Bolla PiRaluga - Università di Genova (DICCA) Convegno ARPAL - Genova, 22 Maggio 2013

25 EffeZ morfodinamici sulla delle portate nei corsi d acqua naturali

26 EffeZ morfodinamici sulle scale di deflusso Scala di deflusso: relazione tra misura una grandezza (es. portata Q) e una grandezza geometrica (es. livello h) Ø Moto stazionario e uniforme Ø Moto stazionario (Fondo fisso) Ø Moto vario (Fondo fisso): cappio di piena m Q = kh Equazione dei profili di rigurgito M. Bolla PiRaluga - Università di Genova (DICCA) Convegno ARPAL - Genova, 22 Maggio 2013

27 EffeZ morfodinamici sulle scale di deflusso Ø Moto vario (Fondo mobile): cappio di fondo Scala idrodinamica T Q T Scala morfologica T m T m ( p) 1 q a) T << T m (evento di piena molto rapido): il fondo non si modifica sensibilmente durante l evento di piena t b) T >> T m (evento di piena molto lungo): il fondo si modifica durante l evento di piena adarandosi in condizioni di quasi equilibrio all idrodinamica locale c) T ~ T m : il fondo evolve durante la piena in condizioni di non- equilibrio s YL M. Bolla PiRaluga - Università di Genova (DICCA) Convegno ARPAL - Genova, 22 Maggio 2013

28 L evento del 25 Ottobre 2011 Livelli idrometrici 5 km Aulella Terrarossa Aulla Villafranca FilaZera Pontremoli Santo Stefano Magra Ceparana Magra M. Bolla Pittaluga - Università di Genova (DICCA) Vara Convegno ARPAL - Genova, 22 Maggio 2013

29 Idrometro Calamazza XXXIII Convegno di Idraulica e Costruzioni

30 L evento del 25 Ottobre 2011 Livelli idrometrici? Calamazza ore 18:00 5 km Villafranca Aulla Aulella Terrarossa FilaZera Santo Stefano Magra Magra Pontremoli Vara M. Bolla Pittaluga - Università di Genova (DICCA) Ceparana Convegno ARPAL - Genova, 22 Maggio 2013

31 EffeZ morfodinamici sulle scale di deflusso ΔQ 1 ΔQ 2 M. Bolla PiRaluga - Università di Genova (DICCA) Convegno ARPAL - Genova, 22 Maggio 2013

32 EffeZ morfodinamici sulle scale di deflusso ΔQ 1 ΔQ 2 M. Bolla PiRaluga - Università di Genova (DICCA) Convegno ARPAL - Genova, 22 Maggio 2013

33 EffeZ morfodinamici sulle scale di deflusso M. Bolla PiRaluga - Università di Genova (DICCA) Convegno ARPAL - Genova, 22 Maggio 2013

34 Applicazione alla foce del Magra (Modello 3D) m Rilievo topografico (2003) M. Bolla PiRaluga - Università di Genova (DICCA) Modello 3D semi- (Luchi et al. 2012) Convegno ARPAL - Genova, 22 Maggio 2013

35 GRAZIE PER L ATTENZIONE M. Bolla PiRaluga - Università di Genova (DICCA) Convegno ARPAL - Genova, 22 Maggio 2013

36 Quali portate prevede il Piano di Bacino nel traro focivo? Alla Colombiera: Q 30 = m 3 /s Q 200 = m 3 /s Le piene del Fiume Magra (dal 2003) gennaio 2009 ~ 3550 m 3 /s T < 30 anni dicembre 2009 ~ 4050 m 3 /s T ~ 30 anni 1 novembre 2010 ~ 2750 m 3 /s T << 30 anni 25 ottobre 2011 ~ 5100 m 3 /s T ~ 100 anni

37

38 TRATTO A MONTE PONTE COLOMBIERA Volume = m 3 TRATTO A VALLE PONTE COLOMBIERA

39 fondate su simulazioni idrodinamiche a fondo fisso Flusso Sbocco a mare M. Bolla PiRaluga - Università di Genova (DICCA) Convegno ARPAL - Genova, 22 Maggio 2013

40

STUDIO DEGLI EFFETTI SULL IDRODINAMICA E SULLA DINAMICA DEL TRASPORTO SOLIDO DI OPERE DI LAMINAZIONE: MODELLAZIONE NUMERICA E FISICA

STUDIO DEGLI EFFETTI SULL IDRODINAMICA E SULLA DINAMICA DEL TRASPORTO SOLIDO DI OPERE DI LAMINAZIONE: MODELLAZIONE NUMERICA E FISICA Università di Genova STUDIO DEGLI EFFETTI SULL IDRODINAMICA E SULLA DINAMICA DEL TRASPORTO SOLIDO DI OPERE DI LAMINAZIONE: MODELLAZIONE NUMERICA E FISICA Relatore Prof. Ing. M. Colombini CONVENZIONI AdB-UNIGE

Dettagli

Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino

Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino Giampaolo Di Silvio^, Paolo Ronco^ e Michael Nones^, Luca Guarino* ^ Università di Padova - Dipartimento di Ingegneria Idraulica Marittima Ambientale

Dettagli

Trasporto solido e morfologia dell Adige: passato, presente e futuro

Trasporto solido e morfologia dell Adige: passato, presente e futuro Trasporto solido e morfologia dell Adige: passato, presente e futuro Francesco Comiti (Libera Università di Bolzano) Guido Zolezzi (Università di Trento) Sommario della presentazione Legame tra trasporto

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO AD ACQUA FLUENTE SUL FIUME ADIGE ANALISI IDRAULICA BIDIMENSIONALE ED EVOLUZIONE MORFOLOGICA DEL FONDO ALVEO

IMPIANTO IDROELETTRICO AD ACQUA FLUENTE SUL FIUME ADIGE ANALISI IDRAULICA BIDIMENSIONALE ED EVOLUZIONE MORFOLOGICA DEL FONDO ALVEO IMPIANTO IDROELETTRICO AD ACQUA FLUENTE SUL FIUME ADIGE ANALISI IDRAULICA BIDIMENSIONALE ED EVOLUZIONE MORFOLOGICA DEL FONDO ALVEO Torino, 9-10 Ottobre 2013 Ing. S. Rossato L'impianto idroelettrico Corso

Dettagli

CAMIS Final Conference. Autorità di Bacino dei fiumi dell Alto Adriatico PP7 High Adriatic Water basin Authority. Trenta March 19 th 2015.

CAMIS Final Conference. Autorità di Bacino dei fiumi dell Alto Adriatico PP7 High Adriatic Water basin Authority. Trenta March 19 th 2015. CAMIS Final Conference Trenta March 19 th 2015 Autorità di Bacino dei fiumi dell Alto Adriatico PP7 High Adriatic Water basin Authority Marco Gamba CAMIS Attivita coordinate per la gestione del fiume Isonzo

Dettagli

Gli sviluppi della modellistica idrologica all'interno dell'agenzia: work in progress

Gli sviluppi della modellistica idrologica all'interno dell'agenzia: work in progress Gli sviluppi della modellistica idrologica all'interno dell'agenzia: work in progress Ufficio Previsioni idrologiche in collaborazione con DHI e CIMA Foundation: presentazione a cura di Francesca Giannoni

Dettagli

Autorità di Bacino dei Fiumi Isonzo, Tagliamento, Livenza, Piave, Brenta-Bacchiglione

Autorità di Bacino dei Fiumi Isonzo, Tagliamento, Livenza, Piave, Brenta-Bacchiglione LA FASCIA DI PERTINENZA FLUVIALE E IL LUOGO DOVE MASSIMAMENTE E QUOTIDIANAMENTE SI INCONTRANO UOMO E FIUME LE FASCE DI PERTINENZA FLUVIALE: STUDI PROPEDEUTICI ALL INDIVIDUAZIONE E ALLA PIANIFICAZIONE DEGLI

Dettagli

SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014

SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014 DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO SERVIZIO IDROLOGICO SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014 ARPAV

Dettagli

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua 1. Premessa Nel 2010 ISPRA ha pubblicato il metodo per la valutazione della qualità morfologica dei corsi d acqua basato sull Indice di Qualità

Dettagli

INDICE. 1 - Premessa...2. 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3. 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4

INDICE. 1 - Premessa...2. 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3. 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4 1 INDICE 1 - Premessa...2 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4 4 - Studio idraulico dei tratti interessati...6 4.1 - Tratto 1: a monte dell

Dettagli

Variazioni del profilo di fondo alveo

Variazioni del profilo di fondo alveo Assetto Schedatura morfologico dei tratti e idraulico fluviali Fiume: Parma Ordine: II sx/dx Po: Destra P Lunghezza tratto (Km): 7, Tratto: PO_46 - PR_ confluenza Parma in Po - ponte stradale a Est di

Dettagli

Studio geomorfologico del Fiume Magra e del Fiume Vara finalizzato alla gestione dei sedimenti e della fascia di mobilità

Studio geomorfologico del Fiume Magra e del Fiume Vara finalizzato alla gestione dei sedimenti e della fascia di mobilità Dipartimento di Ingegneria Civile Università degli Studi di Firenze Studio geomorfologico del Fiume Magra e del Fiume Vara finalizzato alla gestione dei sedimenti e della fascia di mobilità Massimo RINALDI

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE: Ingegneria Civile

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE: Ingegneria Civile FACOLTÀ: INGEGNERIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE: Ingegneria Civile INSEGNAMENTO: Progettazioni Idrauliche NOME DOCENTE: Prof. Ing. Francesco ARISTODEMO indirizzo e-mail: francesco.aristodemo@uniecampus.it

Dettagli

Strumenti e concetti per strutturare l analisi di pericolosità idraulica

Strumenti e concetti per strutturare l analisi di pericolosità idraulica WORKSHOP PERICOLOSITÁ IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Bolzano, 9-10 giugno 2011 Strumenti e concetti per strutturare l analisi di pericolosità

Dettagli

Sulle condizioni di rischio idraulico in relazione alla realizzazione del nuovo impianto di depurazione alla foce del fiume Entella

Sulle condizioni di rischio idraulico in relazione alla realizzazione del nuovo impianto di depurazione alla foce del fiume Entella Lavagna (GE), 27 marzo 2014 Sulle condizioni di rischio idraulico in relazione alla realizzazione del nuovo impianto di depurazione alla foce del fiume Entella DIST Dipartimento Interateneo di Scienze,

Dettagli

Variazioni del profilo di fondo alveo

Variazioni del profilo di fondo alveo Assetto Schedatura morfologico dei tratti e idraulico fluviali Fiume: Crostolo Ordine: II sx/dx Po: Destra P Lunghezza tratto (Km): 9,0 Tratto: PO_49000 - CR_0000 confluenza Crostolo in Po - località Santa

Dettagli

Gianmarco Margaritora. Il Tevere Urbano

Gianmarco Margaritora. Il Tevere Urbano Presidenza Gianmarco Margaritora Il Tevere Urbano Lo studio del corso del Tevere da Roma al mare costituisce per un ingegnere idraulico un argomento affascinante. E' un tratto di fiume di cui si possono

Dettagli

Capitolo 34 TRASPORTO A SUPERFICIE LIBERA

Capitolo 34 TRASPORTO A SUPERFICIE LIBERA Capitolo 4 TRASPORTO A SUPERFICIE LIBERA CARATTERISTICHE ENERGETICHE. CARICO IDRAULICO Nelle correnti a superficie libera l acqua scorre in canali aperti o chiusi (figura.), mantenendo una superficie a

Dettagli

Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita

Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita 1. PREMESSA... 1 2. CARATTERIZZAZIONE GEOMETRICA... 1 3. DETERMINAZIONE DEI VALORI

Dettagli

ESERCITAZIONI DI COSTRUZIONI IDRAULICHE

ESERCITAZIONI DI COSTRUZIONI IDRAULICHE GIANFRANCO BECCIU ALESSANDRO PAOLETTI ESERCITAZIONI DI COSTRUZIONI IDRAULICHE Terza edizione CEDAM CASA EDITRICE DOTI. r\ NTONIO t'v\iu\ni 2005 Indice generale Premessa!tu/ice genem/e l n dice degli esercizi

Dettagli

ITALIA NOSTRA REGIONE TOSCANA COMUNE DI CECINA PROVINCIA DI LIVORNO. PORTO TURISTICO Marina di Cecina

ITALIA NOSTRA REGIONE TOSCANA COMUNE DI CECINA PROVINCIA DI LIVORNO. PORTO TURISTICO Marina di Cecina RICCARDO CANIPAROLI geologo Docente di Valutazione d'impatto Ambientale (V.I.A.) Via S. Martino 3 (Pal Caniparoli) 54033 CARRARA (MS) Sede Tel. 058570444 Via Belvedere 12 80127 NAPOLI 0815563354 fax 0812141582

Dettagli

OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F)

OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F) Dott. Ing. Stefano SCORRANO Via Maccatella, 30 56124 PISA OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F) UBICAZIONE

Dettagli

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni Il rischio idraulico Giuseppe Simoni Servizio Tecnico Bacino Reno REGIONE EMILIA-ROMAGNA Il rischio da eventi naturali CONCETTI FONDAMENTALI 1) Il RISCHIO è il prodotto di più fattori : - PERICOLOSITA

Dettagli

ESAME DI PROGETTO DI OPERE IDRAULICHE PROGETTO DI UN ARGINATURA FLUVIALE. Gaetano Passaro

ESAME DI PROGETTO DI OPERE IDRAULICHE PROGETTO DI UN ARGINATURA FLUVIALE. Gaetano Passaro ESAME DI PROGETTO DI OPERE IDRAULICHE PROGETTO DI UN ARGINATURA FLUVIALE Studenti: Alessandro Serafini Docente: Corrado Paolo Mancini Gaetano Passaro Flavio Consolo Anno accademico 2011/2012 Sommario 1.INQUADRAMENTO

Dettagli

Variante generale al piano strutturale del comune di San Giovanni Valdarno (AR). INDICE

Variante generale al piano strutturale del comune di San Giovanni Valdarno (AR). INDICE INDICE 1. Premessa... 2 1.1. Dati di base utilizzati per l implementazione dei modelli idraulici... 2 2. Studi idrologici-idraulici di interesse effettuati sul territorio comunale... 4 2.1. Studi sul fiume

Dettagli

SEMINARIO DI STUDIO Il fiume Fiora tra la S.S. Aurelia ed il mare: aspetti idraulici e di difesa costiera

SEMINARIO DI STUDIO Il fiume Fiora tra la S.S. Aurelia ed il mare: aspetti idraulici e di difesa costiera SEMINARIO DI STUDIO Il fiume Fiora tra la S.S. Aurelia ed il mare: aspetti idraulici e di difesa costiera Camera dei Deputati - Palazzo Marini Sala delle Colonne ASPETTI PROGETTUALI E CARATTERISTICHE TECNICHE

Dettagli

Manuale operativo sulla vulnerabilità idraulica dei ponti

Manuale operativo sulla vulnerabilità idraulica dei ponti Cliente Progetto Vulnerabilità Ponti Azioni per il controllo delle condizioni di sicurezza idraulica dei ponti della Provincia di Torino ricadenti nelle Fasce Fluviali PAI Manuale operativo sulla vulnerabilità

Dettagli

Relazione Tecnica Idraulica

Relazione Tecnica Idraulica Studio delle zone a rischio idraulico assoggettate alla normativa del Piano di Assetto Idrogeologico (P.A.I.) Relazione Tecnica Idraulica Per conto: COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI Settore Pianificazione

Dettagli

AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME PO

AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME PO MODULO 2 FORMAZIONE DELLA PIENA (AFFLUSSI E DEFLUSSI) ALCUNI CONCETTI E TERMINI DI IDRAULICA FLUVIALE DIFESA DALLE PIENE: TIPOLOGIA DI INTERVENTI Interventi strutturali (modificano le caratteristiche degli

Dettagli

Morfologie, forme fluviali e depositi alluvionali

Morfologie, forme fluviali e depositi alluvionali Morfologie, forme fluviali e depositi alluvionali MORFOLOGIE FLUVIALI: il tracciato fluviale Il tracciato planimetrico assunto da un corso d acqua viene definito come configurazione d alveo. In realtà

Dettagli

Corso di Idraulica dei Sistemi Naturali. MORFODINAMICA FLUVIALE Prof. Enrico Foti

Corso di Idraulica dei Sistemi Naturali. MORFODINAMICA FLUVIALE Prof. Enrico Foti Corso di Idraulica dei Sistemi Naturali MORFODINAMICA FLUVIALE Prof. Enrico Foti Fonti: - Appunti del corso di Idraulica Fluviale del Prof. Giovanni Seminara (Università di Genova) - 1D sediment transport

Dettagli

Indice Equazioni fondamentali Dissipazioni di energia nelle correnti idriche

Indice Equazioni fondamentali Dissipazioni di energia nelle correnti idriche Indice 1 Equazioni fondamentali... 1 1.1 Introduzione... 1 1.2 Equazionedicontinuità... 2 1.3 Principio di conservazione della quantità di moto.... 5 1.4 Principiodiconservazionedellaenergia... 8 1.5 Considerazioniconclusive...

Dettagli

COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia

COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia Interventi di miglioramento sui recapiti finali costituiti da CISNS e dal suolo - Rinaturalizzazione del canale Galaso-Marinella, recapito finale dell'

Dettagli

Definizione delle aree a pericolosità idraulica realizzata nell ambito degli studi per l attuazione della Direttiva Alluvioni

Definizione delle aree a pericolosità idraulica realizzata nell ambito degli studi per l attuazione della Direttiva Alluvioni Definizione delle aree a pericolosità idraulica realizzata nell ambito degli studi per l attuazione della Direttiva Alluvioni Dott. Aldo Guadagnino Dirigente Servizio 3 Assetto del territorio e difesa

Dettagli

COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE PINEROLESE PEDEMONTANO

COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE PINEROLESE PEDEMONTANO PROGETTO PRELIMINARE Approvato con Decreto del Commissario Straordinario della C.M. del Pinerolese n. 43 del 16/07/2015 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE

Dettagli

Dott. Ing. Alessandro Cappelli

Dott. Ing. Alessandro Cappelli Alessandro Cappelli si è laureato in Ingegneria Civile, indirizzo Idraulica Ambientale, presso l'università degli Studi Roma TRE nel luglio 2002, con una Tesi di Laurea in Protezione Idraulica del Territorio

Dettagli

PROGETTAZIONE PRELIMINARE DEGLI INTERVENTI PER LA MESSA IN SICUREZZA IDRAULICA DELL'ABITATO DI PONTREMOLI IN PROVINCIA DI MASSA CARRARA

PROGETTAZIONE PRELIMINARE DEGLI INTERVENTI PER LA MESSA IN SICUREZZA IDRAULICA DELL'ABITATO DI PONTREMOLI IN PROVINCIA DI MASSA CARRARA PROGETTAZIONE PRELIMINARE DEGLI INTERVENTI PER LA MESSA IN SICUREZZA IDRAULICA DELL'ABITATO DI PONTREMOLI IN PROVINCIA DI MASSA CARRARA RELAZIONE TECNICA IDROLOGICA-IDRAULICA INDICE 1. PREMESSA...3 2.

Dettagli

I problemi e le soluzioni

I problemi e le soluzioni ANY REPRODUCTION, INCLUDING PHOTOCOPY, FILM AND MICROFILM, IS FORBIDDEN. ALL RIGHTS RESERVED WORLDWIDE. O p e r e f l u v i a l i I problemi e le soluzioni Garanzia di Qualità La produzione, il sistema

Dettagli

Processi erosivi ed evoluzione dei corsi d acqua nel contesto dei cambiamenti climatici

Processi erosivi ed evoluzione dei corsi d acqua nel contesto dei cambiamenti climatici Processi erosivi ed evoluzione dei corsi d acqua nel contesto dei cambiamenti climatici Prad am Stilfser Joch - Prato allo Stelvio 19.06.2015 Francesco Comiti Facoltà di Scienze e Tecnologie Libera Università

Dettagli

Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti

Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti Autore: Alberto Meucci Titolo di Laurea: Laurea Triennale in Ingegneria Civile Università: Facoltà di Ingegneria

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE IDRODINAMICA DELLE CORRENTI A PELO LIBERO

CARATTERIZZAZIONE IDRODINAMICA DELLE CORRENTI A PELO LIBERO CARATTERIZZAZIONE IDRODINAICA DELLE CORRENTI A PELO LIBERO SSD ICAR Prof. Ing. Greco ichele Ing. irauda Domenica Ing. Pannone arilena TEA DI RICERCA Analisi delle oscillazioni e dei campi di moto di strutture

Dettagli

CORSO DI IDRAULICA esercizi svolti di correnti a superficie libera

CORSO DI IDRAULICA esercizi svolti di correnti a superficie libera 08/0/000 CORSO DI IDRAULICA esercizi svolti di correnti a superficie libera Prof. E. Larcan - Ing. F. Ballio collaborazione dell'ing. Sara Marcante Sulla base dell'esperienza didattica nell'ambito dei

Dettagli

L opera è finalizzata alla laminazione delle piene del torrente Meduna. Orgnese. Solimbergo. Colle. Ubicazione sbarrament previsto

L opera è finalizzata alla laminazione delle piene del torrente Meduna. Orgnese. Solimbergo. Colle. Ubicazione sbarrament previsto LABORATORIO Livenza 2007 2 Workshop - 29 ottobre 2007 INVASO DI COLLE PER LA LAMINAZIONE DELLE PIENE DEL TORRENTE MEDUNA - COMUNE DI ARBA (PN) Le problematiche geologiche, idrogeologiche e geotecniche

Dettagli

La metodologia IDRAIM e la valutazione della dinamica morfologica dei corsi d acqua

La metodologia IDRAIM e la valutazione della dinamica morfologica dei corsi d acqua La Direttiva Europea Alluvioni : verso una gestione del rischio idraulico in ambito montano - Bolzano, 21-22 Novembre 2013 La metodologia IDRAIM e la valutazione della dinamica morfologica dei corsi d

Dettagli

PARCO PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

PARCO PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI PARCO PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI Attuazione: società SIDITAL s.r.l. In accordo di Programma con: Regione Abruzzo Comuni di Cepagatti, San Giovanni Teatino, Spoltore; Province di

Dettagli

Politecnico di Torino

Politecnico di Torino Politecnico di Torino 1 Dipartimento di Ingegneria dell'ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture LABORATORIO DI IDRAULICA GIORGIO Riproduzione di un disegno di Giorgio Bidone sul Risalto Idraulico

Dettagli

Attraversamenti dei corsi del F. Musone e del Torrente Fiumicello

Attraversamenti dei corsi del F. Musone e del Torrente Fiumicello NR/9343 SPC. -LA-E-8525 Fg. 1 di 14 METANODOTTO: FALCONARA RECANATI DN 15 (42 ), DP 75 bar Attraversamenti dei corsi del F. Musone e del Torrente Fiumicello V. Forlivesi Emissione S. Buccafusca M. Matteucci

Dettagli

ANALISI IDRAULICA DELL AREA DI

ANALISI IDRAULICA DELL AREA DI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Tesi di laurea specialistica in INGEGNERIA PER LA TUTELA DELL AMBIENTE E DEL TERRITORIO ANALISI IDRAULICA DELL AREA DI LAMINAZIONE PONTE NUOVO SUL

Dettagli

La manutenzione degli argini. Seminario IL RISCHIO IDROGEOLOGICO IN TOSCANA: LE STRUTTURE ARGINALI Firenze, 17 marzo 2015

La manutenzione degli argini. Seminario IL RISCHIO IDROGEOLOGICO IN TOSCANA: LE STRUTTURE ARGINALI Firenze, 17 marzo 2015 La manutenzione degli argini Iacopo Iacopo MANETTI MANETTI Consorzio Consorzio di di bonifica bonifica Medio Medio Valdarno Valdarno Seminario IL RISCHIO IDROGEOLOGICO IN TOSCANA: LE STRUTTURE ARGINALI

Dettagli

STUDIOELB Ingegneri Associati

STUDIOELB Ingegneri Associati Ing. Ernesto La Barbera - Ing. Riccardo Giammarini - Ing. Andrea Deprati Ing. Simona Carrega - Ing. Michela La Barbera - Ing. Mauro Scaglione Corso Torino 17/6 sc. A - 16129 GENOVA tel. 010.5740568 - fax

Dettagli

Master di II Livello in. Relazione finale attività di Tirocinio

Master di II Livello in. Relazione finale attività di Tirocinio Centro di Ricerca CERI Previsione, Prevenzione e Controllo dei Rischi Geologici Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Master di II Livello in Analisi e mitigazione del rischio idrogeologico

Dettagli

MODELLO PER L'ANALISI DEL BILANCIO DI SEDIMENTI A SCALA DI BACINO NEL FIUME ADIGE

MODELLO PER L'ANALISI DEL BILANCIO DI SEDIMENTI A SCALA DI BACINO NEL FIUME ADIGE Rivista AdB: Adige - Etsch MODELLO PER L'ANALISI DEL BILANCIO DI SEDIMENTI A SCALA DI BACINO NEL FIUME ADIGE G. Di Silvio 1, M. Nones 2, L. Guarino 3 (1) Dipartimento IMAGE, Università degli Studi di Padova.

Dettagli

Doc. n: I0040\DEM\GEN\R001

Doc. n: I0040\DEM\GEN\R001 REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO PROGRAMMI REGIONALI, PORTI, TRASPORTI, LAVORI PUBBLICI ED EDILIZIA Settore Progetti Infrastrutture Viabilità Porti e Logistica CONVENZIONE TRA LA REGIONE LIGURIA E INFRASTRUTTURE

Dettagli

SAI Progetti s.r.l. GeoTer

SAI Progetti s.r.l. GeoTer SAI Progetti s.r.l. GeoTer ALCUNI DATI DEL BACINO Area del bacino = 2,31 Km 2 Quota massima = 1.100 m Quota sezione di chiusura (Cherio) = 301,5 m Lunghezza asta principale = 2.370 m CALCOLO DELLA PORTATA

Dettagli

Grottaminarda (AV), 14-16 giugno 2010

Grottaminarda (AV), 14-16 giugno 2010 5a riunione Nazionale Grottaminarda (AV), 14-16 giugno 2010 Valutazione preliminare, mediante GIS, della pericolosità fluviale indotte da variazioni morfologiche del F. Calore Civitillo itill D., Magliulo

Dettagli

SISTEMI DI PREVISIONE E GESTIONE IDROLOGICA IN TEMPO REALE

SISTEMI DI PREVISIONE E GESTIONE IDROLOGICA IN TEMPO REALE SISTEMI DI PREVISIONE E GESTIONE IDROLOGICA IN TEMPO REALE DHI / DHI TECHNICAL PAPER n 2 I MODELLI NUMERICI NEI SISTEMI DI SUPPORTO ALLE DECISIONI NEL CAMPO DELLE RISORSE IDRICHE I codici di simulazione

Dettagli

Lario, 15. io Idrogeologico

Lario, 15. io Idrogeologico Seminario proposto ost dall Ordine dine degli Architetti tti PCC Monza e Brianza col Patrocinio io della la Consulta Architetti ttiti Lombardi Durata presentazione enta ne : 1 ora Sala conferenze enze

Dettagli

PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA

PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA Art. 1 : Oggetto delle concessioni e licenze Il presente documento, relativo alle opere pubbliche di bonifica, le opere idrauliche e le opere

Dettagli

RELAZIONE METODOLOGICA

RELAZIONE METODOLOGICA MODELLIZZAZIONE DEGLI EFFETTI IDRAULICI DEGLI INTERVENTI PREVISTI CON LE AZIONI B.3, B.4, B.5, B.6 nell ambito dell azione A.1 Approfondimenti idraulici e indagini geologiche, archeologiche e caratterizzazione

Dettagli

TESTI DEGLI ESAMI DI IDRODINAMICA DAL 5 aprile 2007 AL 22 febbraio 2012

TESTI DEGLI ESAMI DI IDRODINAMICA DAL 5 aprile 2007 AL 22 febbraio 2012 TESTI DEGLI ESAMI DI IDRODINAMICA DAL 5 aprile 2007 AL 22 febbraio 2012 Facolta di Ingegneria Università degli Studi di Trento Trento, 12 marzo 2012 ESAME IDRODINAMICA 5 aprile 2007 A valle di un bacino

Dettagli

Gabbionata in rete metallica zincata rinverdita 31

Gabbionata in rete metallica zincata rinverdita 31 SINONIMI Descrizione sintetica Gabbie in rete metallica zincata a doppia torsione e maglia esagonale, riempite in loco con pietrisco di pezzatura minima 15 cm, disposti a file parallele sovrapposte. Talee

Dettagli

AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME FIORA

AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME FIORA AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME FIORA Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario Tecnico Il fiume Fiora tra la S.S. 1 ed il mare: aspetti idraulici e difesa costiera Roma, 16

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica e Meccanica Università degli Studi di Palermo Corso in: SIMULAZIONE NUMERICA PER L'INGEGNERIA MECCANICA Docente: Prof. Antonio Pantano Anno Accademico

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Corso Torino 17/6 sc. A - 16129 GENOVA tel. 010.5740568 - fax 010.4211059 e-mail: inge@studioelb.it PEC: studio@pec.studioelb.it

Corso Torino 17/6 sc. A - 16129 GENOVA tel. 010.5740568 - fax 010.4211059 e-mail: inge@studioelb.it PEC: studio@pec.studioelb.it Ing. Ernesto La Barbera - Ing. Riccardo Giammarini - Ing. Andrea Deprati Ing. Simona Carrega - Ing. Michela La Barbera - Ing. Mauro Scaglione Corso Torino 17/6 sc. A - 16129 GENOVA tel. 010.5740568 - fax

Dettagli

STUDIO IDRAULICO DEL TRATTO VALLIVO DEL TORRENTE EMA CORRELATO AL COMPLETAMENTO

STUDIO IDRAULICO DEL TRATTO VALLIVO DEL TORRENTE EMA CORRELATO AL COMPLETAMENTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA Tesi di laurea specialistica in INGEGNERIA PER LA TUTELA DELL AMBIENTE E DEL TERRITORIO STUDIO IDRAULICO DEL TRATTO VALLIVO DEL TORRENTE EMA CORRELATO

Dettagli

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO Classe 4^ - 3 ore settimanali Schede a cura del prof. Romano Oss Come tutti

Dettagli

Studio della qualità delle acque degli specchi d acqua tra pennelli adiacenti mediante simulazioni numeriche con modello matematico

Studio della qualità delle acque degli specchi d acqua tra pennelli adiacenti mediante simulazioni numeriche con modello matematico Regione Sardegna Comune di Capoterra (CA) Sistemazione e rinaturazione delle difese litoranee Bonifica e sistemazione della fascia costiera Progetto definitivo-esecutivo delle opere marittime Protezione

Dettagli

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21 Sommario 1 ANALISI IDRAULICA PER LA DEFINIZIONE DELLE AREE INONDABILI... 2 1.1 IL MODELLO IDRAULICO DI PROPAGAZIONE... 2 1.2 LA PROPAGAZIONE MONODIMENSIONALE (1D)... 4 1.3 LE STRUTTURE INTERFERENTI CON

Dettagli

a protezione di un ponte sul Crati Ing. M. Ponte Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone

a protezione di un ponte sul Crati Ing. M. Ponte Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone Interventi di sistemazione idraulica a protezione di un ponte sul Crati Ing. M. Ponte Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone Moti di filtrazione nei terreni H 2 1 H 1 2 H Ing. M. Ponte 2 Se il moto

Dettagli

VERSO IL CONTRATTO dei FIUMI SELE, TANAGRO E CALORE

VERSO IL CONTRATTO dei FIUMI SELE, TANAGRO E CALORE VERSO IL CONTRATTO dei FIUMI SELE, TANAGRO E CALORE Aula Consiliare Contursi Terme (SA), 30 luglio 2014 Geologo Rocco Lafratta referente CIRF Campania www.cirf.org r.lafratta@cirf.org - 3386996022 Cos

Dettagli

COMUNE DI PESCIA RELAZIONE IDRAULICA DI SUPPORTO ALLA VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE AI SENSI DELL'ART.30 L.R. 65/2014 COMMITTENTE: COMUNE DI PESCIA

COMUNE DI PESCIA RELAZIONE IDRAULICA DI SUPPORTO ALLA VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE AI SENSI DELL'ART.30 L.R. 65/2014 COMMITTENTE: COMUNE DI PESCIA COMUNE DI PESCIA RELAZIONE IDRAULICA DI SUPPORTO ALLA VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE AI SENSI DELL'ART.30 L.R. 65/2014 COMMITTENTE: COMUNE DI PESCIA IL TECNICO: DOTT. ING. CRISTIANO CAPPELLI MAGGIO 2015

Dettagli

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007.

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007. PREMESSA L intervento previsto dal progetto consiste nella realizzazione di una cassa in derivazione in loc. Molino di Ripassaia nei comuni di Peccioli e Lajatico e rientra nell ambito di un accordo (Protocollo

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE POSSIBILITÀ DI LAMINAZIONE DELLE PIENE NEI CORSI D ACQUA PRINCIPALI DELLA ROMAGNA

VALUTAZIONE DELLE POSSIBILITÀ DI LAMINAZIONE DELLE PIENE NEI CORSI D ACQUA PRINCIPALI DELLA ROMAGNA AUTORITÀ DEI BACINI REGIONALI ROMAGNOLI VALUTAZIONE DELLE POSSIBILITÀ DI LAMINAZIONE DELLE PIENE NEI CORSI D ACQUA PRINCIPALI DELLA ROMAGNA RELAZIONE Prof. Ing. Armando Brath Collaborazioni: Ing. Giuliano

Dettagli

S.P. 589 DEI LAGHI DI AVIGLIANA LAVORI PER REALIZZAZIONE DIFESE SPONDALI SPALLA DESTRA KM 39+200 IN COMUNE DI GARZIGLIANA. LOTTO 1.

S.P. 589 DEI LAGHI DI AVIGLIANA LAVORI PER REALIZZAZIONE DIFESE SPONDALI SPALLA DESTRA KM 39+200 IN COMUNE DI GARZIGLIANA. LOTTO 1. SERVIZIO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE INTERVENTI VIABILITÀ II www.provincia.torino.it S.P. 589 DEI LAGHI DI AVIGLIANA LAVORI PER REALIZZAZIONE DIFESE SPONDALI SPALLA DESTRA KM 39+200 IN COMUNE DI GARZIGLIANA.

Dettagli

Le Scale di Portata come Base Conoscitiva

Le Scale di Portata come Base Conoscitiva Sommario International Centre for Mechanical Sciences Provincia di Udine Servizio Difesa del Suolo e Protezione Civile Il Rilievo Geomorfologico dei Corsi d Acqua La Loro Evoluzione e Stima del Trasporto

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

Studio di trasporto solido sul fiume Serchio Il gruppo di ricerca è così composto: - Prof. Geol. Massimo Rinaldi, docente di Geologia Applicata presso il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale

Dettagli

Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora

Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora Sala conferenze ELLEPI libere professioni Monza (MB),

Dettagli

APPENDICE A: Tipologia delle opere

APPENDICE A: Tipologia delle opere APPENDICE A: Tipologia delle opere Le opere di difesa dall azione del mare possono suddividersi in due tipologie: opere di difesa passiva e attiva. Le prime assicurano la protezione dall impatto diretto

Dettagli

REGIONE ABRUZZO COMUNE DI ROCCA S. GIOVANNI

REGIONE ABRUZZO COMUNE DI ROCCA S. GIOVANNI REGIONE ABRUZZO COMUNE DI ROCCA S. GIOVANNI INTERVENTO FINALIZZATO ALLA PROTEZIONE DEL LITORALE APPARTENENTE AL COMUNE DI ROCCA SAN GIOVANNI NELLE LOCALITA' "IL CAVALLUCCIO" E "VALLE DELLE GROTTE" - Fondi

Dettagli

Lavori di realizzazione di un argine in sinistra del torrente Scrivia in Comune di Serravalle Scrivia (AL) INDICE 1 PREMESSA... 3

Lavori di realizzazione di un argine in sinistra del torrente Scrivia in Comune di Serravalle Scrivia (AL) INDICE 1 PREMESSA... 3 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 ARTICOLAZIONE DELLO STUDIO... 4 2.1 Fase 1: Definizione di un quadro conoscitivo di riferimento morfologico, idrologico ed idraulico... 4 2.2 Fase 2: Verifica idraulica dello stato

Dettagli

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI... RELAZIONE GEOLOGICA E GEOMROFOLOGICA SOMMARIO 1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...8 5. CONCLUSIONI...11

Dettagli

I programmi di gestione dei sedimenti: strumenti di studio, pianificazione e integrazione.

I programmi di gestione dei sedimenti: strumenti di studio, pianificazione e integrazione. I programmi di gestione dei sedimenti: strumenti di studio, pianificazione e integrazione. G. Gaido, 1 C. Silvestro 1 1 Regione Piemonte, Direzione opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e

Dettagli

MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO

MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO Laura Calcagni, Mauro Nalesso SEMINARI H2.0: ACQUA IN RETE A ROMA3 FACOLTA DI INGEGNERIA DI ROMA3, 25/03/2013 IDRAN 2012. All rights

Dettagli

PROFILI DI MOTO PERMANENTE

PROFILI DI MOTO PERMANENTE PROFILI DI MOTO PERMANENTE Alcuni appunti Andrea Defina Novembre 010 Prefazione Spesso, gli studenti dei corsi di idraulica mi hanno sottolineato le perplessità e le difficoltà da loro incontrate nella

Dettagli

Responsabile Scientifico prof. ing. Maurizio Rosso

Responsabile Scientifico prof. ing. Maurizio Rosso PROGRAMMA GENERALE DI GESTIONE DEI SEDIMENTI (PGS) PER I CORSI D ACQUA PIEMONTESI Torrente Pellice e Torrente Chisone Relazione CONTRATTO DI RICERCA N. 1236/2006 CONVENZIONE AIPO N. 334 rep. 20/12/2006

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

ASPETTI IDROLOGICI E IDRAULICI DELL Adda

ASPETTI IDROLOGICI E IDRAULICI DELL Adda ASPETTI IDROLOGICI E IDRAULICI DELL Adda Sommario 1. PREMESSA... 1 2. ASPETTI IDROLOGICI... 3 3. ASPETTI IDRAULICI... 8 1. PREMESSA Il fiume Adda rappresenta l elemento idrografico principale del territorio

Dettagli

ASSE 3 - SVILUPPO URBANO GENOVA

ASSE 3 - SVILUPPO URBANO GENOVA ASSE 3 - SVILUPPO URBANO GENOVA Progetto Integrato SESTRI CHIARAVAGNA INTERVENTI PROGETTO INTEGRATO 1. Realizzazione polo mercatale via Ferro 4 5 1 3 2 7 2. Riqualificazione piazza dei Micone 3. Riqualificazione

Dettagli

Autorità di Bacino del Fiume Adige Workshop 04: il bilancio idrico Verona, 18 marzo 2008 FIUME ADIGE

Autorità di Bacino del Fiume Adige Workshop 04: il bilancio idrico Verona, 18 marzo 2008 FIUME ADIGE Autortà d Bacno del Fume Adge Workshop 04: l blanco drco Verona, 18 marzo 2008 FIUME ADIGE prm rsultat d un modello per l'anals del blanco d sedment a scala d bacno G. D Slvo, Unverstà d Padova M. Nones,

Dettagli

Rischi naturali e gestione del territorio nella Provincia di Roma: il rischio idraulico

Rischi naturali e gestione del territorio nella Provincia di Roma: il rischio idraulico Rischi naturali e gestione del territorio nella Provincia di Roma: il rischio idraulico Alessio Argentieri Dirigente Servizio 1 Difesa del suolo - Dipartimento IV Servizi di tutela e valorizzazione dell

Dettagli

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13 COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE R EGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti di protezione civile per fronteggiare

Dettagli

9. Protezione idraulica del Territorio

9. Protezione idraulica del Territorio 9. Protezione idraulica del Territorio Ultima revisione: 13/05/2008 1 UniBo - Dipartimento di Scienze della Terrra e Geologico-Ambientali Indice I danni da eventi di piena Protezione Infrastrutturale Argini

Dettagli

DINAMICA FLUVIALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI

DINAMICA FLUVIALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI DINAMICA FLUVIALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI Prof.Paolo Billi Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra Università di Ferrara bli@unife.it Eventi alluvionali Bacino montano Onda di piena molto rapida

Dettagli

INDICE. 1 Premesse... 2. 2 Inquadramento territoriale... 3. 3 Il progetto delle opere... 5. 3.1 Nuova rotatoria S.P. 248...5

INDICE. 1 Premesse... 2. 2 Inquadramento territoriale... 3. 3 Il progetto delle opere... 5. 3.1 Nuova rotatoria S.P. 248...5 INDICE 1 Premesse... 2 2 Inquadramento territoriale... 3 3 Il progetto delle opere... 5 3.1 Nuova rotatoria S.P. 248...5 3.2 Sistemazione dell area parcheggio commerciale...6 3.3 Interferenze e sistemazioni

Dettagli

Studio idraulico di supporto alla variante al Piano Strutturale

Studio idraulico di supporto alla variante al Piano Strutturale Variante al Piano Strutturale relativa all'assetto urbanistico del Viale Leonardo da Vinci per la localizzazione del polo espositivo Studio idraulico di supporto alla variante al Piano Strutturale Giugno

Dettagli

I LAGHI E LA CAPACITA MODERATRICE DELLE PIENE

I LAGHI E LA CAPACITA MODERATRICE DELLE PIENE I LAGHI E LA CAPACITA MODERATRICE DELLE PIENE Luigi Natale -Università di Pavia LAGHI DELLA BILANCIA I LAGHI LOMBARDI E IL CAMBIAMENTO CLIMATICO GIORNATA MONDIALE DELL ACQUA 22 MARZO 2014 L EQUAZIONE DEI

Dettagli

Ingegneri & Geologi Associati

Ingegneri & Geologi Associati MODELLI IDRAULICI MONODIMENSIONALI Si riportano gli output forniti dal codice di calcolo Hec-Ras relativi al modello dello stato attuale e allo stato di progetto: per il primo si allegano La tabella con

Dettagli

Titolo. Consorzio D.R.I.F.T

Titolo. Consorzio D.R.I.F.T Titolo Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento del territorio Ufficio della caccia e della pesca Consorzio D.R.I.F.T Alberto E. Conelli Oikos 2 Consulenza e ingegneria ambientale Sagl Monte Carasso (Ticino

Dettagli