Banche e mercato in Europa: I rischi finanziari ed il ruolo delle organizzazioni finanziarie internazionali 1 di Massimo Ponzellini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Banche e mercato in Europa: I rischi finanziari ed il ruolo delle organizzazioni finanziarie internazionali 1 di Massimo Ponzellini"

Transcript

1 Banche e mercato in Europa: I rischi finanziari ed il ruolo delle organizzazioni finanziarie internazionali 1 di Massimo Ponzellini Vorrei ringraziare il prof. Nicola De Ianni (Cattedra di Storia dell'industria) ed il prof. Francesco Balletta (Cattedra di Storia delle Assicurazioni) per avermi dato la gradita opportunitaá di partecipare a questo seminario, che tratta, peraltro, un argomento di grande attualitaá e complessitaá. IlmiointerventoriguarderaÁ irischifinanziariedilruolodellegrandi organizzazioni internazionali nella comprensione e nella gestione di tali rischi. Nell'avviare questa discussione, non posso fare a meno di nascondere un certo imbarazzo nell'affrontare un tema cosõá delicato e dibattuto come quello del rischio ed in particolare dei rischi finanziari. Infatti, in questo contesto, ho la chiara impressione che il solo tentativo di illustrare, in via generale, alcune delle principali tematiche inerenti i rischi finanziari e le relative conseguenze sui mercati mi esponga, a mia volta, ad un forte rischio. In altre parole, su certi argomenti eá forse meglio tacere, percheâ quasi sempre si rischia di dire stupidaggini. E poi, quando si parla oggi di rischio finanziario, mi viene in mente il paragone con l'aids: molti danni, molta ignoranza, poca prevenzione e, soprattutto, ancora poche cure. Il concetto di rischio Innanzitutto cos'eá il rischio: forse vi stupiroá, ma il concetto di rischio eá probabilmente uno fra i piuá fraintesi nella pratica degli operatori finanziari in tutto il mondo. Questo, se vogliamo, eá paradossale, in quanto una delle pre- 1 Seminario tenuto il 14 maggio 1999, presso la FacoltaÁ di Economia della UniversitaÁ di Napoli Federico II, corsi di Storia delle Assicurazioni e della Previdenza (prof. F. Balletta), Storia dell'industria (prof. N. De Ianni) e del corso del professore a contratto Fabio Tamburini. 63

2 occupazioni principali dell'industria dei servizi finanziari, nello svolgimento delle loro funzioni, eá appunto quella di controllare e gestire le diverse tipologie di rischio. I maggiori equivoci riguardano: 1. il fatto che il rischio sia un concetto oggettivo; 2. il fatto che le imprese si assumano dei rischi; 3. il fatto che maggiori rendimenti attesi siano direttamente proporzionali a maggiori rischi assunti. Insomma sembra che il vecchio e saggio proverbio ``chi non risica non rosica'' trovi orecchie sorde nel settore finanziario. Cominciamo con una semplice definizione: rischio eá esposizione all'incertezza. Pertanto, il rischio, in quanto tale, consta di due componenti: 1. l'incertezza; 2. il livello ed il tipo di esposizione a tale incertezza. Vi faccio un esempio: quando un paracadutista si butta dall'aereo, puoá essere incerto sul fatto se il paracadute si apriraá o meno. Egli si assume quindi un rischio in quanto esposto a tale incertezza: se il paracadute non si apre, saranno guai. In questo stesso esempio, un qualsiasi spettatore a terra non si assume alcun tipo di rischio, sebbene anch'egli possa essere incerto sull'apertura o meno del paracadute: lo spettatore non ha, in questo senso, nessuna esposizione a quella incertezza. Tuttavia, possono esserci dei casi particolari in questa circostanza, ad esempio se il paracadutista eá debitore verso lo spettatore di una somma di denaro, oppure se tra i due esiste un legame di parentela. Mentre, da un lato, il paracadutista eá esposto ad un rischio fisico, lo spettatore potrebbe essere esposto ad un rischio finanziario o ad un rischio emotivo, esattamente per lo stesso evento potenziale: la mancata apertura del paracadute. Naturalmente questi rischi hanno valenze e caratteristiche molto diverse. Un sinonimo dell'incertezza eá l'ignoranza. Ci assumiamo dei rischi in quanto ignoriamo il futuro. Dopotutto, se fossimo onniscienti, non correremmo alcun tipo di rischio. Dal momento che l'ignoranza eá un'esperienza squisitamente soggettiva, lo eá anche il rischio. Vi voglio fare un altro esempio: un viaggiatore, chiamiamolo X, si precipita verso l'aereoporto per prendere un aereo (a me succede tutte le settimane), poicheâ il tempo eá minaccioso, e il volo saraá probabilmente cancellato. Egli eá incerto sulla situazione del suo volo ed eá quindi esposto all'incertezza: se il volo viene cancellato, i suoi appuntamenti saltano, con molteplici conseguenze negative. Il viaggiatore X si sta quindi assumendo un rischio. Supponiamo inoltre che, da qualche parte in cittaá, vi sia anche un viaggiatore Y che si sta dirigendo verso l'aereoporto per prendere lo stesso volo. Tale viaggiatore, provvisto di telefono cellulare, chiama l'aereoporto che gli conferma che il volo non saraá cancellato. Sulla base di questa informazione, Y ha 64

3 una minore incertezza sull'evento e si assume un minor rischio pur rimanendo invariate in termini assoluti le probabilitaá che l'aereo decolli. In questo esempio, abbiamo visto come due individui, X e Y, pur essendo esposti allo stesso evento, si assumano rischi di diversa entitaá. Il rischio eá dunque un concetto soggettivo, in questo caso attenuato dall'uso degli strumenti tecnologici. Avendo chiaro questo concetto, vi voglio fare un terzo esempio, questa volta preso direttamente dalla recente esperienza dei risparmiatori italiani che hanno toccato con mano la furia devastante dei mercati emergenti. Quando i BTP rendevano oltre il 10 per cento, parliamo fino a circa metaá del 1996, ai mercati emergenti non si interessava quasi nessuno. A seguito della graduale ma inarrestabile discesa dei tassi ± convergenti verso quelli praticati in Germania ± innescata dalle aspettative di ingresso dell'italia nell'euro, l'atteggiamento culturale dei risparmiatori (e forse anche di alcuni investitori istituzionali) eá cambiato. Con tassi al 4-5 per cento, si sono detti questi signori, percheâ non comprare qualche titolo in Lire dell'argentina, del Brasile, del Messico o della Russia, che rendono fra il 3 per cento e il 6 per cento in piuá? Da allora si eá scatenata una vera e propria caccia a questi titoli, per la gioia dei governi e dei corporates di quei paesi, noncheâ, ovviamente, di alcune investment banks specializzate in quelle aree geografiche. Se in quei giorni si andava a vedere quali erano gli spreads per quegli stessi emittenti sul mercato, ad esempio del dollaro USA, si poteva notare che i titoli, a paritaá di rischio, rendevano sensibilmente di piuá. In altri termini, il mercato americano, da lungo tempo conoscitore dei mercati emergenti, valutava il rischio di quei paesi ben di piuá rispetto al mercato italiano, che era guidato da una fame insaziabile di rendimento. Swappando in lire una obbligazione in Dollari della Petro Bras si potevano portare a casa alcune decine di basis points in piuá rispetto ad un prestito dello stesso emittente collocato direttamente sul mercato dell'eurolira. Di nuovo il rischio eá soggettivo. In questo caso la migliore gestione del rischio eá dovuta alla capacitaá di raccogliere e valutare correttamente le opportunitaá di mercato. Molti dei maggiori rischi con i quali si confrontano le aziende sono altamente soggettivi: parlo ad esempio dei rischi di credito, dei rischi operativi, dei rischi di truffa o di mismanagment, dei rischi di mercato. Alcune istituzioni possono cercare di mitigare tali rischi semplicemente attraverso la conoscenza o l'informazione. Una banca puoá ridurre il suo rischio di credito attraverso una migliore conoscenza delle controparti finanziate, cosõá come una societaá di trading puoá ridurre il suo rischio di mercato attraverso un'accurata analisi delle volatilitaá e delle correlazioni. Troppo spesso queste valutazioni ± che rappresentano la vera scelta vocazionale del banchiere ± vengono tralasciate, limitando le analisi ai patrimoni 65

4 realizzabili dei clienti, scelta questa che svilisce l'attivitaá finanziaria confinando la professionalitaá necessaria al modesto livello del burocrate bancario. Il rischio eá una esperienza personale, non solo percheâ eá soggettiva, ma soprattutto in quanto le conseguenze del rischio ricadono, in ultima analisi, sui singoli individui. Sebbene si parli di aziende come soggetti esposti al rischio, si puoá facilmente comprendere come esse siano dei meri veicoli per la trasmissione del rischio. A fine corsa, tutti i rischi che passano attraverso un'azienda, colpiscono, invariabilmente, azionisti, obbligazionisti, fornitori, dipendenti, consumatori, dirigenti e consiglieri di amministrazione. Mi correggo: in Italia, spesso, questi ultimi, assieme ai manager pubblici, sono premiati. Uno degli aspetti cruciali della gestione dei rischi d'impresa eá il fatto che non sempre coloro che si assumono dei rischi in nome e per conto dell'impresa sono quelli che, in ultima analisi, ne soffriranno le conseguenze. Infine, il concetto che a maggiori rischi vengano associati maggiori rendimenti attesi eá sostanzialmente errato. Questo concetto, assai diffuso, deriva dal Capital Asset Pricing Model (CAPM), il quale, per sommi capi, statuisce che il mercato compensa gli investitori per la presa di rischio di tipo sistematico (da non confondere con sistemico, su questo punto mi soffermo piuá avanti). Ricordo che rischio sistematico, in contrapposizione al rischio specifico, eá il rischio che un investitore si assume detenendo un intero portafoglio di attivitaá. Attraverso la diversificazione del suo portafoglio, in una moltitudine di attivitaá finanziarie, l'investitore non eá piuá soggetto al rischio derivante dal possesso di una singola attivitaá (rischio specifico), ma a quello generale del mercato (rischio sistematico). Ebbene, quand'anche il CAPM fornisca un importante contributo alla comprensione dei meccanismi che regolano i mercati finanziari, esso aiuta ben poco le aziende nella gestione dei rischi complessi o cosiddetti illiquidi. CosõÁ come non esiste alcun rendimento positivo atteso dal gettarsi da un aereo, non esiste nemmeno da rischi di truffa, di mismanagement, di inefficienza o sottoinformazione. Un esempio illuminante: le crisi finanziarie dei mercati emergenti ed il rischio sistemico Il rischio sistemico eá il rischio che una crisi finanziaria, a livello locale, possa provocare una concatenazione di eventi tale da avere gravi ripercussioni sui mercati finanziari nel loro complesso, volgarmente chiamato effetto ``domino''. Ad esempio, l'insolvenza di un importante operatore di mercato, o di un gruppo di operatori, puoá provocare una crisi di liquiditaá presso molte delle sue controparti. Queste ultime, a loro volta impossibilitate a far fronte ai propri impegni, propagano la crisi a macchia d'olio sul mercato. Quando si parla di rischio sistemico, non si puoá non fare riferimento alle 66

5 economie dei mercati cosiddetti emergenti e delle crisi politico-economico finanziarie che hanno di recente gravemente interessato alcuni di essi. Mi riferisco, in particolare, a: 1. la crisi asiatica nel settembre del 1997; 2. la crisi della Russia nell'agosto del 1998; 3. la crisi del Brasile nel novembre del Purtroppo nessuna di queste crisi puoá dirsi oggi superata. Sebbene i suddetti eventi traggano origine da situazioni di partenza sostanzialmente diverse, tutti e tre hanno comportato gravi shock finanziari a livello mondiale ed innescato una spirale di volatilitaá memorabile in quasi tutti i principali mercati azionari e obbligazionari e, per le valute interessate, anche sul mercato dei cambi. Di piuá, mi sembra di notare che esiste ormai, sia presso i gestori professionisti del risparmio sia presso i piccoli risparmiatori, quasi una psicosi delle crisi dei mercati emergenti. Al primo accenno di turbolenza, in un remoto angolo del mondo, vengono repentinamente ridotte le posizioni anche su investimenti che poco o nulla hanno a che fare con la crisi specifica paventata, salvo poi ricostruirle, nel giro di 48 ore, alla prima rassicurante smentita o alla promessa di intervento di qualche organizzazione multilaterale. La recente ondata di turbolenza sui mercati finanziari mondiali eá inusuale in un periodo caratterizzato da politiche e condizioni macroeconomiche sostanzialmente forti e stabili in molte delle economie avanzate. A seguito della dichiarazione di insolvenza della repubblica russa, nello scorso mese di agosto, l'eccezionale livello di volatilitaá determinatosi sui mercati eá stato la conseguenza di una improvvisa presa di coscienza di un problema ben noto ed, al tempo stesso, di un rifiuto del rischio. Questo ha innescato un repentino ``flight to quality'', ovvero una emigrazione degli investitori verso valori mobiliari ad elevato merito creditizio. I mercati emergenti, nel loro insieme, sono stati particolarmente colpiti da questo evento: gli spreads sui tassi del loro debito estero sono fortemente aumentati e il flusso di fonti esterne di finanziamento si eá improvvisamente ridotto in misura rilevantissima fino quasi ad arrestarsi. Tuttavia, le ripercussioni non si sono limitate ai paesi emergenti, dal momento che il ``flight to quality'' globale ha determinato un aumento degli spreads in molti dei piuá liquidi, diversificati e sofisticati mercati dei capitali del mondo, ed in particolare quello degli Stati Uniti d'america. Anche sul versante dei cambi, per conseguenza, si eá assistito ad un brusco aumento della volatilitaá del rapporto Dollaro-Yen. Le misure assunte dalla FED e da altre banche centrali, finalizzate al contenimento dei tassi a breve termine, cosõá come il pacchetto di aiuti finanziari deliberato a sostegno dell'economia del Brasile, hanno contribuito a mitigare i timori di un ``credit crunch'' (una stretta creditizia) a livello globale, 67

6 lasciando, peroá, il pagamento dei debiti subordinato ad un effettivo ripristino di condizioni di sicurezza monetaria. Tuttavia, il processo di ``deleveraging'' e di ribilanciamento dei portafogli su attivi meno rischiosi, quale risposta ad una aumentata avversitaá al rischio, non si eá probabilmente esaurito del tutto. La situazione rimane improntata ad una estrema fragilitaá per quanto riguarda i mercati emergenti, ma anche per un buon numero di mercati maturi. L'avere sfiorato una profonda crisi di liquiditaá a livello globale ha sollevato alcune importanti domande relativamente alle dinamiche che regolano il mercato internazionale dei capitali e le misure da adottare per aumentare le capacitaá di recupero dei mercati finanziari, noncheâ ridurre i rischi di tipo sistemico, aumentando le capacitaá di monitoraggio e controllo da parte del sistema. Queste domande sono: 1. percheâ il default della Russia, in agosto, ha innescato una massiccia, globale, revisione dei criteri di prezzatura del rischio per i mercati emergenti? 2. Perche il conseguente clima di turbolenza ha generato forti tensioni, brutali aumenti degli spreads creditizi ed eccezionali oscillazioni nei prezzi dei titoli di Stato in alcuni dei piuá solidi mercati finanziari del mondo, come quello ad esempio degli Stati Uniti? Tutto questo, peraltro, proprio nel momento in cui iniziava la crisi del fondo speculativo LTCM? 3. Quali misure possono essere prese per rafforzare il mercato internazionale dei capitali e arginare il rischio di problemi di natura sistemica? Bisogna essere chiari su un punto: le recenti crisi dei mercati finanziari sono state precedute da molti anni di sensibili riduzioni degli spreads su una ampia gamma di valori mobiliari a reddito fisso e un eccezionale flusso di investimenti sui mercati emergenti. Sebbene la prima crisi del sud est asiatico abbia, in qualche misura, imposto una battuta d'arresto a tale trend, gli effetti di quella crisi si sono fatti sentire piuá che altro a livello locale. Il caso della Russia, invece, ha determinato un processo molto allargato di ri-valutazione e di riprezzatura delle componenti di rischio su tutti i mercati emergenti. Questo percheâ mentre il mercato del sud est asiatico, di per seâ molto esteso, aveva interazioni commerciali, principalmente, circoscritte a tale area geografica ed al Giappone, il piuá piccolo mercato russo ± al contrario ± godeva di forti collegamenti internazionali. Questo non solo ha fortemente compromesso la capacitaá di indebitamento dei paesi emergenti, ma ha anche determinato un allargamento degli spreads nei mercati piuá maturi, noncheâ gravi problemi di liquiditaá sul breve e brevissimo termine per i soggetti coinvolti. Buona parte di queste reazioni umorali al default russo sono sõá spiegate dalla dimensione delle perdite su posizioni ed esposizioni creditizie verso quel paese, ma esse non sono sufficienti a spiegare il fenomeno nella sua interezza. Di ben maggiore importanza eá stato il ruolo del collasso della repubblica russa, quale evento chiave a conferma di previsioni largamente condivise sui rischi di 68

7 default dei mercati emergenti nel loro insieme e della volontaá e capacitaá della comunitaá finanziaria internazionale di sostenere i paesi in crisi. In altre parole, l'aver ``permesso'' che la Russia facesse default eá stato visto da alcune controparti come una messa in discussione della disponibilitaá della comunitaá internazionale ad intervenire a favore di altri paesi in difficoltaá. A quel punto, si eá temuto che alcuni paesi potessero addirittura mettere in atto misure restrittive sul flusso dei capitali (come eá poi successo per la Malesia). Un'altra questione importante sono le radici delle vulnerabilitaá che hanno fatto sõá che l'evento russo incidesse, in misura rilevante, su un mercato liquido e stabile come quello degli USA e abbiano addirittura indotto una primaria banca centrale a farsi promotrice del salvataggio di un hedge fund, l'ltcm appunto. Il prosciugamento della liquiditaá eá stato determinato dalla contestualitaá di un elevato numero di importanti investitori nello smobilitare rapidamente posizioni altamente levereggiate, messe in piedi con l'idea sia di guadagnare arbitraggiando sugli spreads creditizi dei mercati piuá maturi o magari di approfittare fra differenze sul costo di provvista fra importanti valute, come nel caso Dollaro USA-Yen (indebitamento in Yen, investimento in Dollari). Questo cumulo di posizioni aperte, oltremodo rischiose in ragione della consistente leva e quindi dell'effetto moltiplicativo sui movimenti di mercato che si portavano dietro, eá una spiegazione importante della vulnerabilitaá del sistema ad un'aumentata percezione del rischio. In questo senso non mi sembra azzardato affermare che una delle cause della veloce propagazione delle crisi eá proprio l'aviditaá di guadagno (greed) in gergo anglosassone) degli operatori. Ma in fondo, a ben vedere, l'aviditaá esiste da che mondo eá mondo: i conquistadores spagnoli, giaá nel sedicesimo secolo, non esitarono a massacrare le popolazioni inca e azteche nella parossistica ricerca dell'eldorado. E allora qui tocchiamo un problema molto piuá complesso: il livello di sofisticazione degli strumenti finanziari e l'interconnessione tecnologica dei mercati sono ± in fin dei conti ± un bene o un male? Posso solo dirvi che oggi non mi arrischieroá a rispondere a questa domanda. Il ruolo dei prodotti derivati Molte autorevoli voci di esperti ed operatori indicano nei prodotti derivati, o meglio nel loro eccessivo e spregiudicato utilizzo, una delle principali cause della fragilitaá del sistema finanziario globale. Partiamo da una premessa. La nascita dei prodotti derivati ha rappresentato ± nel mondo della finanza ±, all'incirca, quello che la scoperta della ruota ha rappresentato nel mondo dei trasporti: una rivoluzione. Cosa sono i prodotti derivati? Come dice la parola stessa, i derivati sono 69

8 strumenti finanziari che ``derivano'' il loro valore da altre attivitaá. Quali? Praticamente tutte: dalle azioni ai tassi di interesse e alle valute, dal petrolio al caffeá e all'oro. Questi prodotti permettono all'utente di essere esposto alle fluttuazioni dei prezzi di un numero pressocheâ illimitato di attivitaá (finanziarie e reali) con un impegno economico, spesso, molto contenuto. In altre parole, sono strumenti potenti e flessibili e questo ne ha determinato il loro spettacolare successo. I derivati vengono utilizzati per due scopi principali: la copertura dei rischi e la speculazione finanziaria. Chi sono gli utilizzatori? Una vasta gamma di soggetti: le banche, le assicurazioni, i fondi comuni di investimento, le aziende industriali e infine i piccoli risparmiatori. Ovviamente, non tutti questi soggetti usano i derivati con i medesimi obbiettivi. Nella seconda metaá degli anni Ottanta, i prodotti derivati hanno conosciuto una crescita esponenziale dei volumi e, parallelamente, eá cresciuta la quantitaá di attivitaá che tali derivati controllano, in gergo l'``underlyng'' ± il soggiacente. La diffusione geografica del mercato dei derivati eá diventata in breve tempo impressionante, toccando i mercati del nord-est asiatico, dell'america Latina, dei paesi dell'europa dell'est e della Russia. In un limitato numero di anni e in qualche misura ancora oggi, questi prodotti hanno fatto la fortuna delle banche di investimento e dei relativi traders. In qualche occasione, viceversa, hanno causato veri e propri disastri finanziari (chi non ricorda gli episodi Metalgesellschaft, Barings, Procter & Gamble, Orange County?). Perche tutto cioá? Come qualsiasi nuovo approccio elettronico appena sfornato sul mercato e che promette grandi prestazioni, anche i derivati possono ± eventualmente ± essere altamente prestanti, a condizione che il foglietto delle istruzioni venga letto e ben capito. Molti clienti, grandi e piccini, quel foglietto lo hanno letto poco e male, e, in molti casi, non lo hanno letto affatto: si sono ritrovati con un potente mezzo fra le mani senza averne la minima capacitaá di controllo. Come si puoá ragionevolmente pensare che un guidatore di utilitarie possa all'improvviso mettersi con successo al volante di una Formula 1? E Á evidente che le probabilitaá di incidenti saranno elevate. Questo spiega in parte percheâ gli swap, le opzioni, i futures hanno creato tanti guai a tanta gente. In parte percheâ questi guai si spiegano anche per l'aviditaá di qualcuno degli utilizzatori, nel frenetico inseguimento della performace. Due esempi: le banche, che hanno fatto abbondante uso di opzioni per abbattere i propri costi di raccolta e i Chief Financial Officers delle aziende, anch'essi grandi utilizzatori per migliorare il rendimento della loro tesoreria. Il che, se vogliamo, in entrambi i casi, rappresenta una distorsione: le banche dovrebbero pagare la provvista per quello che eá il loro merito creditizio, i tesorieri non dovrebbero speculare essendo il loro ruolo di mero supporto al core business aziendale, cioeá l'industria. 70

9 Per non parlare delle migliaia di piccoli risparmiatori che, nei momenti di euforia borsistica di qualche mese fa, si sono improvvisati acquirenti di opzioni e futures sul MIB 30 o sullo Standard & Poor's 500. Sapevano essi che avrebbero rischiato di perdere tutta la ``mise'' o addirittura di rovinarsi se il mercato si fosse messo dalla parte sbagliata? In teoria, gli intermediari finanziari venditori di questi gioielli dovrebbero spiegare tutto ai potenziali compratori, ma lo fanno davvero? I gestori di prodotti derivati sono sempre meno e sempre piuá grossi (molti dei piccoli sono falliti o sono stati preda di acquisto), percheâ per sopravvivere, in questo settore di attivitaá, sanno che devono avere le spalle larghe. In altri termini, devono avere il supporto ± il ``backing'' ± di un forte patrimonio, che solo una grande banca commerciale o un'assicurazione di elevata qualitaá creditizia puoá dar loro. Questi pochi operatori dovranno spartirsi su un mercato sempre piuá ampio, percheâ le esigenze e la sofisticatezza della clientela continuano ad aumentare. Ma, proprio per evitare i dolorosi incidenti del passato, la gestione dei rischi dovraá essere improntata ad una crescente prudenza. La gestione dei rischi finanziari La turbolenza dei mercati fa sorgere anche importanti quesiti sulla trasparenza dell'informazione, sulla gestione dei rischi e sul controllo delle procedure dei grandi players, e, infine, sull'adeguatezza della vigilanza prudenziale da parte delle autoritaá. Il punto eá proprio questo: come eá possibile che si siano potute impunemente costituire ± nell'ignoranza delle autoritaá di controllo o con la loro complice benevolenza ± posizioni cosõá rilevanti da esacerbare in tal modo i rischi finanziari? Proviamo ad esaminare alcuni aspetti del problema. 1. La mancanza di trasparenza: il fatto che le autoritaá di controllo non siano riuscite ad udire i campanelli d'allarme che, di tanto in tanto, risuonavano nel mercato sembra imputabile ad una mancanza di trasparenza sull'entitaá delle posizioni che erano state create. Questo percheâ? Per una serie di ragioni. Primo, per la natura di per se stessa opaca del segmento dei prodotti ``over - the - counter'', per i quali non esiste un vero prezzo di mercato. Secondo, per la difficoltaá di valutare prodotti finanziari sempre piuá complessi (si pensi ad esempio ai prodotti strutturati a lungo termine con esposizione indici di borsa). Terzo, per il desiderio di molte istituzioni di mantenere un atteggiamento di segretezza per meglio sfruttare opportunitaá di guadagno. 2. La debolezza dei modelli di gestione dei rischi finanziari: i modelli di gestione del rischio finanziario hanno abbondantemente dimostrato, nei momenti sopra citati, la loro inadeguatezza. Anche qui tre ragioni principali. Primo, scarsa attenzione eá stata prestata agli eventi con bassa e bassissima probabilitaá, forse a causa di inadeguato testing sotto sforzo e, probabilmente, 71

10 nella convinzione che il mercato non potesse seriamente cambiare direzione. Secondo, in molti casi i modelli presupponevano l'esistenza di adeguata liquiditaá per lo smobilizzo delle posizioni senza eccessive ripercussioni sui prezzi. Questo limite tecnico diventava particolarmente pericoloso quando la maggioranza degli operatori deteneva le medesime operazioni. Terzo, poca attenzione eá stata prestata alla correlazione fra rischi di credito e rischi di mercato. Ciascuno dei grandi modelli finanziari di valutazione e gestione dei rischi (si possono citare: 1. VAR - Value at Risk; 2. RAROC - Risk Adjusted Return on Capital; 3. Riskmetrics) ha evidenziato limiti tecnici, ed in particolare tutti sottostimavano le correlazioni fra mercati e prodotti, che si sono rilevate ± nei momenti critici ± estremamente elevate. 3. L'inadeguato ruolo degli organismi di controllo: anche le autoritaá di controllo hanno peccato di leggerezza, dimostrandosi inadeguate a comprendere, monitorare e regolamentare l'attivitaá finanziaria negli ultimi anni. Una seria e preoccupata riflessione deve essere fatta a questo riguardo. Le banche centrali, la BRI, e le altre autoritaá con compiti di vigilanza prudenziale e di sorveglianza sui mercati, devono trovare un consenso su un diverso atteggiamento nei confronti della nuova finanza. Alcune misure di tipo preventivo possono riguardare, ad esempio, piuá elevati margini di garanzia sulle operazioni in derivati, l'innalzamento dei coefficienti minimi di solvibilitaá delle banche in base agli accordi di Basilea, una regolamentazione piuá stringente per gli operatori speculativi quali gli hedge funds. I temi che abbiamo affrontato, come dicevo, sono complessi, non tanto percheâ trattano di strumenti cui sottostanno costruzioni tecniche complesse, ma soprattutto percheâ eá difficile, se non impossibile, tornare indietro. Immaginate se, ad esempio, la FED decida di chiudere tutti gli hedge funds americani. Si leverebbe un coro di proteste da parte dei fautori del libero mercato, che ravviserebbero nel gesto della FED un segnale preoccupante di dittatura reazionaria. Dunque, se non si puoá tornare indietro non resta che adottare misure di prevenzione, cioeá regolamentare e controllare. Ma anche questo non eá facile: se si regolamenta e si controlla troppo, ci si espone alle stesse critiche, se non lo si fa abbastanza non serve a nulla. Ci vuole una giusta via di mezzo, ma il mezzo, cosõá come la normalitaá, non esiste. Non resta che fa ire avec, come dicono i francesi. In questi casi, solo il buon senso eá sovrano, come chi eá attento e veloce si arricchiraá a scapito del distratto e del lento. Tutto questo con o senza telefoni, monitor e autoritaá di controllo. Le politiche delle organizzazioni internazionali Detto questo, cosa hanno fatto e cosa stanno facendo le organizzazioni 72

11 internazionali, o per essere piuá precisi le istituzioni finanziarie internazionali, con riferimento alla gestione delle crisi dei mercati finanziari? Permettetemi un passo indietro, dal momento che questa domanda presuppone che abbiate chiari almeno tre concetti. 1. Quali sono le principali istituzioni finanziarie internazionali; 2. Perche vengono chiamate in causa in queste circostanze; 3. Quali sono i loro rispettivi ambiti e le autonomie operative. Per istituzioni finanziarie internazionali (International Financial Institutions, IFIs in gergo) si intendono: 1. la African Development Bank (AfDB); 2. la Asian Development Bank (ADB); 3. la Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS, EBRD per gli inglesi e BERD per i francesi); 4. la Banca Europea per gli Investimenti (BEI); 5. la Inter-American Development Bank (IDB); 6. la Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BIRS, IBRD) comunemente nota come Banca Mondiale (World Bank); 7. la International Finance Corporation (IFC); 8. la Nordic Investment Bank (NIB). Il Fondo Monetario Internazionale (FMI, IMF) e la Banca dei Regolamenti Internazionali (BRI), sebbene svolgano ruoli importanti, direi forse cruciali, nelle situazioni di crisi delle economie mondiali, non sono IFIs nel senso stretto del termine. La principale caratteristica che differenzia le IFIs dalle altre istituzioni finanziarie eá la loro compagine azionaria. Gli azionisti delle IFIs sono i governi degli stati membri e gli statuti delle IFIs sono trattati internazionali fra stati sovrani. Questo fa sõá che le IFIs siano delle intermediarie atipiche: la loro base di capitale e di debito, insomma il loro passivo, proviene da investitori sostanzialmente ricchi, mentre l'attivo puoá essere impiegato a favore di paesi piuá poveri. Una particolare caratteristica delle IFIs eá la loro natura multilaterale, intendosi con cioá che una insolvenza verso una IFI si ripercuote su tutti i suoi azionisti. Questo eá un forte deterrente al default per tutte le controparti finanziate, molto piuá che rispetto ad un normale rapporto creditizio bilaterale. Quindi, qualsiasi prenditore di fondi faraá default verso una IFI solo in casi di eccezionale gravitaá. Lo stato patrimoniale della maggior parte delle IFIs eá cosõá costituito: capitale e prestiti obbligazionari nel passivo, impieghi e tesoreria nell'attivo Dal momento che le grandi IFIs godono del massimo merito creditizio sul mercato, che gli deriva da un lato dal sostegno degli azionisti e dall'altro dalla politica estremamente prudenziale in termini di gearing ratio e di qualitaá degli 73

12 impieghi, possono raccogliere e quindi prestare risorse finanziarie alle migliori condizioni economiche. Come dicevo, le IFIs hanno come azionisti governi di stati sovrani. Gli azionisti della BEI, ad esempio, sono i quindici stati membri della ComunitaÁ Europea. L'azionariato della Banca Mondiale eá, invece, esteso a molti altri paesi. Sebbene ciascuna delle IFIs abbia un suo ambito di specializzazione che puoá essere geografico e/o settoriale, un denominatore comune di tutte queste organizzazioni eá che sono degli istituti di finanziamento. Le IFIs, quindi, prestano denaro a enti pubblici, banche e societaá private in una moltitudine di paesi, che non necessariamente sono i loro azionisti. Le IFIs erogano finanziamenti sulla base di specifici progetti tecnici (costruzione di una autostrada, di un ospedale, di una centrale elettrica, di un impianto per lo smaltimento di rifiuti, di un sistema di irrigazione o semplicemente per l'acquisto di una pressa meccanica di una piccola e media impresa). In ogni caso, il progetto deve avere un suo equilibrio da un punto di vista tecnico (l'autostrada deve essere fisicamente percorribile), economico (non deve esserci un'altra soluzione con gli stessi benefici a costi minori) e finanziario (il tasso finanziario interno di rendimento deve essere in linea con quello medio per quel tipo di investimento). Diverso eá il ruolo del Fondo Monetario Internazionale, che eá una istituzione di tipo cooperativo costituita con 182 paesi soci con l'obiettivo di mantenere un sistema di compravendita delle valute fra i vari paesi, in modo che i pagamenti fra di loro possano avvenire fluidamente e senza ritardi. Solo in un secondo tempo, il ruolo del FMI eá diventato quello di prestatore di denaro ai paesi con gravi difficoltaá finanziarie. Inoltre, i mezzi finanziari del FMI sono le quote di capitale dei paesi azionisti, oltre ad una speciale linea di credito (onerosa) con un certo numero di governi e di banche in tutto il mondo. Diverso eá il ruolo della BRI, che svolge principalmente il ruolo di banca al servizio delle varie banche centrali. Il capitale della BRI eá posseduto da 120 azionisti fra banche centrali ed istituzioni finanziarie internazionali. In questo ambito, la BRI offre una ampia gamma di servizi alle banche centrali per quanto concerne la gestione delle loro riserve valutarie. Fornisce, inoltre, un importante contributo alla definizione delle politiche monetarie internazionali ed eá un raffinato centro di ricerca economica e monetaria per la comprensione del funzionamento dei mercati finanziari. Infine, la BRI agisce quale agente e fiduciario nell'implementazione di vari accordi finanziari internazionali. Notiamo da subito, quindi, alcune differenze fra le IFIs, da un lato, e il FMI e la BRI, dall'altro: 1. le IFIs sono essenzialmente degli istituti di finanziamento multilaterali, mentre il FMI eá principalmente un garante della stabilitaá del mercato valutario fra i paesi azionisti e la BRI un fornitore di servizi alle banche centrali. 74

13 Occasionalmente, e solo a determinate condizioni, il FMI opera in qualitaá di prestatore di denaro. Anche la BRI, occasionalmente, puoá agire quale prestatore di denaro alle banche centrali, spesso in coordinamento con il FMI; 2. le risorse finanziarie delle IFIs sono rappresentate, principalmente, da debito raccolto sul mercato dei capitali, mentre quelle del FMI sono essenzialmente il capitale dei soci. Le risorse finanziarie della BRI, invece, sono costituite dai fondi depositati presso di essa dalle varie banche centrali; 3. le IFIs erogano finanziamenti sulla base di singoli progetti e in condizioni di equilibrio. Solo occasionalmente le IFIs, e comunque non tutte, possono partecipare a programmi di sostegno, che sono, invece, il principale motivo per il quale il FMI eá attivo in qualitaá di finanziatore. La BRI partecipa a programmi di aiuto solo occasionalmente, di norma nell'ambito di un programma generale di sostegno coordinato dal FMI o dalla Banca Mondiale, facendosi carico dei fabbisogni di riserva e di natura valutaria delle banche centrali. Appare quindi chiaramente una diversitaá nei ruoli istituzionali svolti dalle IFIs in contrapposizione con il FMI e la BRI. Le prime operano in qualitaá di finanziatrici di specifici progetti reperendo i fondi necessari attraverso il collocamento di valori mobiliari sul mercato dei capitali. Le seconde hanno precise responsabilitaá istituzionali nei confronti di una moltitudine di controparti, il FMI per quanto concerne il controllo dei flussi valutari e la BRI per quanto concerne la gestione delle riserve delle banche centrali e la promozione di una stabilitaá finanziaria internazionale. Ritornando al problema della crisi dei mercati, oggetto del dibattito di oggi, credo si debba fare chiarezza su come intervengono IFIs e FMI nei confronti dei paesi origine di tali crisi. In una situazione di normalitaá, molte IFIs concedono prestiti a governi, enti pubblici ed imprese. La BEI, ad esempio, opera con i paesi extra europei nell'ambito di specifici mandati e presta denaro con garanzia integrale (sia sul rischio politico che su quello commerciale) della ComunitaÁ Europea. A volte, qualora sussistano particolari condizioni, la BEI eá disponibile ad assumersi il rischio commerciale dell'operazione, lasciando a carico della ComunitaÁ solo quello politico. Si parla allora di finanziamenti in regime di risk-sharing. Le IFIs sono istituti di finanziamento senza scopo di lucro. Operano, cioeá, con spreads tecnici minimi (pochi punti base) fra fonti ed impieghi al solo fine della copertura dei costi operativi. Questo non significa che le IFIs si possono permettere di perdere soldi con una politica creditizia allegra. Se cosõá facessero infatti, la qualitaá del loro attivo peggiorerebbe e subirebbero un downgrading da parte delle agenzie di rating. Questo provocherebbe un aumento del loro costo di raccolta sui mercati che si ripercuoterebbe, a sua volta, sul prezzo dei finanziamenti erogati. 75

14 Se da un lato, la politica generale delle IFI eá quella di colmare i vuoti (filling the gaps) dei paesi piuá o meno abbienti, siano essi relativi all'industria, alle infrastrutture, all'energia, all'ambiente, all'educazione o alla sanitaá, la gestione prudenziale del bilancio impone alle IFIs una esternalizzazione del rischio, il che significa il reperimento sul mercato di adeguate garanzie. E Á facilmente comprensibile come, in situazioni di gravi turbolenze di certi mercati, il reperimento di garanzie bancarie non sia agevole. Pertanto, alle prime avvisaglie di una crisi, le IFIs assumono di norma un atteggiamento di chiusura. In questo l'intervento delle IFIs differisce da quello del FMI, che presta solo ed esclusivamente in occasione di difficoltaá finanziarie di un paese azionista. Beninteso, anche il FMI non regala i soldi a nessuno: presta solo se il paese in questione si assume seri impegni per mettere in atto profondi interventi strutturali di risanamento della sua economia. Questo almeno sulla carta: nulla mi impedisce di riflettere sul fatto che gli interventi del FMI siano a volte finalizzati solo ad arginare il tremendo panico che si crea sui mercati, dando una effimera boccata di ossigeno al moribondo e, in fin dei conti, mitigare almeno in parte la propagazione dei rischi. Conclusione Mi rendo conto che esiste molta confusione, e forse anche molta ignoranza, su un tema delicato come quello della crisi dei mercati finanziari. La mancanza di strumenti adeguati ad una tempestiva ed accurata informazione accentuano la forte sensazione di insicurezza degli operatori, pur desiderosi di guadagnare denaro. Questa eá in fondo la contraddizione della natura umana, che spinge gli individui a ricercare la soddisfazione laddove essa sembra facilmente raggiungibile, salvo poi pentirsi amaramente delle scelte fatte. Rimango dell'idea che nessuna autoritaá di vigilanza del mondo neâ nessuna legge impediraá mai allo sciocco di mettersi nei guai. In questi frangenti, una buona ed equilibrata capacitaá di giudizio basata su solide conoscenze tecniche e confortata da accurate analisi storiche eá probabilmente il miglior antidoto al rischio. Ma soprattutto non dimenticare mai che il denaro eá un ottimo servitore ma un pessimo padrone! 76

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 22 maggio 2014 Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 Un modello economico basato su bassi costi, massicci afflussi di capitali ma anche politiche monetarie molto espansive messe in

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

Il capitale delle banche, la regolamentazione ed il New Normal

Il capitale delle banche, la regolamentazione ed il New Normal Il capitale delle banche, la regolamentazione ed il New Normal Francesco Confuorti 1. La disponibilità di capital, il funding e la regolamentazione saranno allo stesso tempo i drivers ed i vincoli alla

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Le crisi bancarie Effetti delle crisi bancarie

Le crisi bancarie Effetti delle crisi bancarie Le crisi bancarie 1 Effetti delle crisi bancarie Interruzione del funzionamento del sistema dei pagamenti; Contrazione del credito erogato al sistema produttivo; Crisi di fiducia dei depositanti; Brusca

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

UN AUTENTICA RIVOLUZIONE PER CHI OPERA IN BORSA

UN AUTENTICA RIVOLUZIONE PER CHI OPERA IN BORSA adblue financial systems GmbH Gruenberger Str. 44 10245 Berlin / Germany Tel.: +49 (0) 30 243 42-0 Fax: +49 (0) 30 243 42-29 service@adblue.de www.adblue.de UN AUTENTICA RIVOLUZIONE PER CHI OPERA IN BORSA

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015 Presentazione ai nuovi consiglieri 2011-2015 Comitato Nazionale dei Delegati Roma, 14-15 ottobre 2010 Protocollo: DFI/10/267 Indice Asset Allocation Strategica 2010: le deliberazioni del CND del 12-13

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Va ricordato a questo proposito che le grandi banche americane, cartolarizzando i propri portafogli crediti, hanno trasferito, attraverso l'emissione

Va ricordato a questo proposito che le grandi banche americane, cartolarizzando i propri portafogli crediti, hanno trasferito, attraverso l'emissione Michele Bagella: Cercherò di fare alcuni commenti riferendomi a ciò che ho ascoltato partecipando a questa tavola rotonda. Sono tra coloro che sono convinti che il microcredito e la microfinanza possano

Dettagli

Le Correlazioni Finanziarie

Le Correlazioni Finanziarie Le Correlazioni Finanziarie Per correlazione s intende la relazione che intercorre tra due variabili. In finanza è utile per definire il legame che ci può essere (o non essere) tra due entità. Se si riesce

Dettagli

GIUSEPPE ROSARIO PREGADIO SPREAD TRADING

GIUSEPPE ROSARIO PREGADIO SPREAD TRADING GIUSEPPE ROSARIO PREGADIO SPREAD TRADING Come Operare in Borsa con lo Spread Trading 2 Titolo SPREAD TRADING Autore Giuseppe Rosario Pregadio Editore Bruno Editore Sito internet www.brunoeditore.it ATTENZIONE:

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 09 Il fallimento del fondo LTCM - Long Term Capital Management (cap 2) I fallimenti societari (cap 2) Il fallimento di LTCM - 1 Il fondo di investimento

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

La valutazione dei derivati illiquidi

La valutazione dei derivati illiquidi La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione dei derivati illiquidi ROBERTO CONTINI Banca Intermobiliare S.p.A. Milano 12 luglio 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo undici Il sistema monetario internazionale Introduzione 11-3 Col termine sistema monetario internazionale ci si riferisce agli accordi istituzionali che governano

Dettagli

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013 Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI Giovanni Guazzarotti Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione AUDIZIONE COVIP (Presidente facente funzione dott. Bruno Mangiatordi) TESTO DELL'INTERVENTO Indagine conoscitiva sulla crisi finanziaria internazionale

Dettagli

Il presente Prospetto Semplificato è traduzione fedele dell ultimo prospetto semplificato approvato dalla competente autorità di vigilanza irlandese.

Il presente Prospetto Semplificato è traduzione fedele dell ultimo prospetto semplificato approvato dalla competente autorità di vigilanza irlandese. Il presente Prospetto Semplificato è traduzione fedele dell ultimo prospetto semplificato approvato dalla competente autorità di vigilanza irlandese. MSMM FUNDS PLC Gli Amministratori Director s signature

Dettagli

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A.

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. Sistema Anima Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. Linea Mercati Anima Liquidità Euro Anima Riserva Dollaro Anima Riserva Globale

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX 15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX Milano, 21 febbraio 2009 Alessandro Profumo CEO UniCredit Group Relazione Introduttiva In questi ultimi anni il sistema finanziario internazionale è stato caratterizzato

Dettagli

2010 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale

2010 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale 2010 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale Preambolo Le seguenti direttive sono state adottate dal Consiglio di amministrazione dell Associazione svizzera dei banchieri allo scopo di

Dettagli

A S S E T D Y N A M I C - S C H E D A S I N T E T I C A

A S S E T D Y N A M I C - S C H E D A S I N T E T I C A A S S E T D Y N A M I C - S C H E D A S I N T E T I C A Fondo di diritto sammarinese di tipo UCITS III, autorizzato il 20 febbraio 2014. Codice Isin SM000A1XFES2. Il presente documento contiene le informazioni

Dettagli

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI 60 Victoria Embankment London EC4Y 0JP ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI Economie divergenti

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato d iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)»

Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato d iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)» Dipartimento federale delle finanze DFF Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)» Stato: settembre 2014 L oro è stato venduto a seguito

Dettagli

PROF. RAFFAELE GALANO Professore di Finanza e Risk Management e Presidente O.E.G.L.A.

PROF. RAFFAELE GALANO Professore di Finanza e Risk Management e Presidente O.E.G.L.A. PROF. RAFFAELE GALANO Professore di Finanza e Risk Management e Presidente O.E.G.L.A. ETICA PER L ECONOMIA E LA FINANZA Possono convivere Etica e finanza? Se rivolgiamo l attenzione ai fatti accaduti nelle

Dettagli

Classificazione tipologie di rischio

Classificazione tipologie di rischio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Classificazione tipologie di rischio Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Rischi impliciti nell attività bancaria RISCHIO DI CREDITO

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

Comunicazione per l investitore

Comunicazione per l investitore JPMORGAN FUNDS 16 SETTEMBRE 2015 Comunicazione per l investitore Gentile Investitore, con la presente desideriamo informarla in merito ad alcune modifiche sostanziali apportate a JPMorgan Funds - Global

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

RISPARMIO: RESPONSABILITÀ INDIVIDUALI, RESPONSABILITÀ COLLETTIVE. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

RISPARMIO: RESPONSABILITÀ INDIVIDUALI, RESPONSABILITÀ COLLETTIVE. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana RISPARMIO: RESPONSABILITÀ INDIVIDUALI, RESPONSABILITÀ COLLETTIVE 81 a GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO ACRI Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 29 ottobre 2005

Dettagli

Le tipologie di rischio

Le tipologie di rischio Le tipologie di rischio In ambito fi nanziario il rischio assume diverse dimensioni, a diversi livelli. La distinzione principale da delineare è fra rischio generico e rischio specifi co, valida per tutti

Dettagli

FAUSTO SALDI GUIDA AGLI ETF

FAUSTO SALDI GUIDA AGLI ETF FAUSTO SALDI GUIDA AGLI ETF Come Acquistare, Vendere e Guadagnare con gli Strumenti Finanziari Efficaci 2 Titolo GUIDA AGLI ETF Autore Fausto Saldi Editore Bruno Editore Sito internet http://www.brunoeditore.it

Dettagli

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 1 operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 Interventi sul tema: Le origini della crisi La bolla dei sub-prime e il fallimento di Lehman Brothers La globalizzazione dei

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato 2014 Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.06.03 POLITICA FINANZIARIA E RATING

Dettagli

Informativa sul rischio

Informativa sul rischio Informativa sul rischio Premessa AFX Capital e SuperTradingOnline (STO) sono marchi commerciali di AFX Capital Markets Ltd. e AFX Markets Ltd. AFX Capital Markets Ltd. è autorizzata e regolamentata dalla

Dettagli

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI SOMMARIO i vantaggi offerti 4 l indice mib30 6 come funziona 7 quanto vale 8 la durata del contratto 9 cosa accade alla scadenza 10 il prezzo al quale si può negoziare

Dettagli

CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato

CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato Pubblicato mediante deposito presso l Archivio Prospetti della CONSOB in data 31 gennaio 2012 Società di gestione Collocatore Unico 2/44 Il presente Prospetto Semplificato

Dettagli

THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES

THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES Giovanni Dell Ariccia, Enrica Detragiache, Raghuram Rajan ECONOMIA MONETARIA INTERNAZIONALE Anno Accademico 2009/2010 Alessandro Paci Valentina Peruzzi Mariangela Scorrano

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

24 marzo 2015 IN AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA

24 marzo 2015 IN AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA Informazioni per gli Azionisti RELATIVE ALL OPERAZIONE DI PAGAMENTO DEL DIVIDENDO PER L ESERCIZIO 2014 SU AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA DI EURO 0, 40 IN CONTANTI OPPURE A SCELTA DELL AZIONISTA

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 8

Economia Monetaria - Slide 8 1 Economia Monetaria - Slide 8 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

Le imprese, il credito, Internet

Le imprese, il credito, Internet Brescia, 10 Novembre 2000 Convegno di studio Le imprese, il credito, Internet Il ruolo della funzione finanziaria aziendale per lo sfruttamento delle nuove opportunità " La creazione di valore e la valutazione

Dettagli

E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI

E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI Strumenti finanziari La seguente tabella riporta il confronto del valore contabile e del fair value per tutti gli strumenti finanziari del Gruppo.

Dettagli

SEMINARIO: LE AGENZIE DI RATING * * *

SEMINARIO: LE AGENZIE DI RATING * * * * * * Milano, 9 gennaio 2013 Avv. Silvia Beccio Senior Associate Tonucci & Partners Le agenzie di rating sono definite dagli studiosi come soggetti di diritto privato specializzati nel valutare il merito

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 La gestione della raccolta In termini generali l espressione politica della raccolta è sinonimo dell

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Paolo Palliola Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.a. Roma, 28 giugno 2013 Agenda Cosa ci ha portato di nuovo Basilea

Dettagli

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A.

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Sistema Anima Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Linea Mercati Anima Liquidità Euro Anima Riserva Dollaro

Dettagli

Politica di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari emessi dalla Banca

Politica di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari emessi dalla Banca Politica di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari emessi dalla Banca - Regole Interne per la Negoziazione/Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi dalla Banca Approvato nella seduta del

Dettagli

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione Indice ix Prefazione Capitolo 1 1 Che cos è la macroeconomia? 1 1.1. Di cosa si occupa la macroeconomia? 3 1.2. E quella definizione? 4 1.3. La differenza tra macroeconomia e microeconomia 5 1.4. Perché

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

Pigs o Piigs: dove sta l Italia?

Pigs o Piigs: dove sta l Italia? Pigs o Piigs: dove sta l Italia? di Carmelo Parello Introduzione E un dato di fatto che la crisi innescata dal debito sovrano della Grecia ha suscitato preoccupazioni per l esistenza stessa dell Unione

Dettagli

I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio?

I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio? I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio? 14 marzo, 2011 Dovrebbe essere sufficiente dire che il più grande fondo obbligazionario mondiale, Pimco, ha deciso di uscire dal mercato

Dettagli

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI (in vigore dal 1 gennaio 2015) FONDI COMUNI Il presente Regolamento è stato approvato dall organo

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

6ã COMMISSIONE PERMANENTE

6ã COMMISSIONE PERMANENTE SENATO DELLA REPUBBLICA XIII LEGISLATURA 6ã COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) 29ë Resoconto stenografico SEDUTA DI MERCOLEDIÁ 14 APRILE 1999 Presidenza del presidente ANGIUS INDICE DISEGNI DI LEGGE

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi del Rischio Pag.9 - Disclaimer 2 Analisi Macro Quadro

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Domande frequenti relative al Liquidity Coverage Ratio di Basilea 3 del gennaio 2013

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Domande frequenti relative al Liquidity Coverage Ratio di Basilea 3 del gennaio 2013 Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Domande frequenti relative al Liquidity Coverage Ratio di Basilea 3 del gennaio 2013 Aprile 2014 La presente pubblicazione è consultabile sul sito internet

Dettagli

Università degli Studi Guglielmo Marconi

Università degli Studi Guglielmo Marconi I cambi flessibili e le politiche di intervento sui mercati valutari: 1971(-3)-2007 Argomenti 1. Il periodo 1971-2001 2. La globalizzazione e la crescita mondiale nel 1 Il periodo 1971-2001 Gli assetti

Dettagli

Sistema PRIMA. Regolamento di gestione Regolamento di gestione degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. appartenenti al Sistema PRIMA

Sistema PRIMA. Regolamento di gestione Regolamento di gestione degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. appartenenti al Sistema PRIMA Sistema PRIMA Regolamento di gestione Regolamento di gestione degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. appartenenti al Sistema PRIMA Fondi Linea Mercati OICVM: Anima Fix Euro Anima Fix Obbligazionario

Dettagli

Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità

Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità Logo azienda Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità Nicola Carcano, Chief Investment Officer, MVC & Partners e Docente presso l Università

Dettagli

Dicembre 2013 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale

Dicembre 2013 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale Dicembre 2013 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale Preambolo 1. Le seguenti direttive sono state adottate dal Consiglio di amministrazione dell Associazione svizzera dei banchieri

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport. di Giancarlo Forestieri pag. 9. di John C. Bogle. Parte prima Le cause e le conseguenze della veduta corta

SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport. di Giancarlo Forestieri pag. 9. di John C. Bogle. Parte prima Le cause e le conseguenze della veduta corta Indice SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport Prefazione all edizione italiana di Giancarlo Forestieri pag. 9 Prefazione di John C. Bogle Ringraziamenti Introduzione» 19» 25» 27 Parte prima Le cause

Dettagli

X Convention ABI. Il ruolo delle banche italiane per lo sviluppo del Sistema Paese

X Convention ABI. Il ruolo delle banche italiane per lo sviluppo del Sistema Paese X Convention ABI Il ruolo delle banche italiane per lo sviluppo del Sistema Paese Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 6 novembre 2006 Sommario Pag. Premessa...5

Dettagli

Credito alle famiglie e stabilità finanziaria

Credito alle famiglie e stabilità finanziaria ABI Assofin Convegno Credito al credito Credito alle famiglie e stabilità finanziaria Intervento del Vice Direttore Generale della Banca d Italia Salvatore Rossi Roma, 27 novembre 2012 Sommario Pag. Il

Dettagli

Oro da un minimo di 1620 a 2200 dollari oncia nei prossimi 24 mesi, argento da 36 dollari oncia a 50.

Oro da un minimo di 1620 a 2200 dollari oncia nei prossimi 24 mesi, argento da 36 dollari oncia a 50. Analisi andamento del mercato dell'oro Oro da un minimo di 1620 a 2200 dollari oncia nei prossimi 24 mesi, argento da 36 dollari oncia a 50. Non e un caso che l oro si sia rivalutato del 408% in $ del

Dettagli

SYMPHONIA LUX SICAV Société d investissement à capital variable 33, rue de Gasperich L- 5826 Hesperange R.C.S. Luxembourg B 65.036

SYMPHONIA LUX SICAV Société d investissement à capital variable 33, rue de Gasperich L- 5826 Hesperange R.C.S. Luxembourg B 65.036 Hesperange, 12 settembre 2013 NOTA AGLI AZIONISTI DI Gentili Signori, La presente per informarvi che il Consiglio di Amministrazione di Sicav (di seguito la Sicav ) ha approvato le seguenti modifiche al

Dettagli

CONTI DEPOSITO: LA MOLTIPLICAZIONE INFINITA DELLE ZUCCHE E DELLE OFFERTE SPECIALI (13/09/2011)

CONTI DEPOSITO: LA MOLTIPLICAZIONE INFINITA DELLE ZUCCHE E DELLE OFFERTE SPECIALI (13/09/2011) CONTI DEPOSITO: LA MOLTIPLICAZIONE INFINITA DELLE ZUCCHE E DELLE OFFERTE SPECIALI (13/09/2011) S puntano ormai come funghi offerte per remunerare la liquidità detenuta dagli italiani. Un atto di generosità

Dettagli

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

I crediti di firma ed il credito al consumo

I crediti di firma ed il credito al consumo I crediti di firma ed il credito al consumo Economia delle aziende di credito A.A. 2008/2009 1 I crediti di firma 1) Introduzione 1.1 I crediti di firma 1.2 Funzione dei crediti di firma 2) Le accettazioni

Dettagli

La Riforma monetaria è necessaria

La Riforma monetaria è necessaria La Riforma monetaria è necessaria http://www.empowernetwork.com/dataflex/blog/riforma-monetaria-e-necessaria/?id=dataflex In risposta alla recente crisi del debito finanziario e sovrano di tutto il mondo

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1 Sistema bancario Angelo Baglioni Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 1 Schema della presentazione Credit crunch Rischio di credito - sovrano Patrimonio Funding, liquidità Prospettive: vie d uscita?

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

INTESA SANPAOLO PRIVATE BANK (SUISSE) SA

INTESA SANPAOLO PRIVATE BANK (SUISSE) SA RELAZIONE ANNUALE 2011 INTESA SANPAOLO PRIVATE BANK (SUISSE) SA Sede sociale in Lugano, Via Frasca 5 Capitale Sociale CHF 20'000 000 Interamente detenuto da Société Européenne de Banque SA, Lussemburgo

Dettagli

Quaderno di Ricerca. L oro e gli strumenti di investimento Studio a supporto delle scelte di investimento

Quaderno di Ricerca. L oro e gli strumenti di investimento Studio a supporto delle scelte di investimento Quaderno di Ricerca L oro e gli strumenti di investimento Studio a supporto delle scelte di investimento MAZZIERO RESEARCH Copyright 2012 Tutti i diritti riservati Vietata la diffusione e la riproduzione

Dettagli

Ufficio Studi BMPI S.p.A. BMPI - Market flash report 25 Ottobre 2011. Sintesi sul recente storno della quotazione dell Oro

Ufficio Studi BMPI S.p.A. BMPI - Market flash report 25 Ottobre 2011. Sintesi sul recente storno della quotazione dell Oro Ufficio Studi BMPI S.p.A. Sintesi sul recente storno della quotazione dell Oro E opinione diffusa tra gli specialisti del mercato che il recente e brusco calo nei corsi dell Oro, e di tutto il comparto

Dettagli

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa Factoring Tour Firenze, 6 febbraio 2007 Prof. Lorenzo Gai Università di Firenze Prof. Lorenzo Gai 1 Agenda Basilea 2: principi generali Basilea 2: utilizzi

Dettagli

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche ROBERTO RIZZO 21 NOVEMBRE 2014 MILANO Agenda Premessa

Dettagli

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Politiche - per l'insegnamento di Geografia Economica. Milano, aprile

Dettagli

Lezione 12 Risparmio privato e Debito Pubblico. Leonardo Bargigli

Lezione 12 Risparmio privato e Debito Pubblico. Leonardo Bargigli Lezione 12 Risparmio privato e Debito Pubblico Leonardo Bargigli Risparmio privato Gli individui desiderano risparmiare per poter trasferire potere d acquisto nel tempo e per poter coprire necessità impreviste

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

l Gestione di portafoglio

l Gestione di portafoglio Avanti tutta! Le banche italiane hanno compiuto progressi significativi nella gestione del rischio associato al portafoglio crediti, anche se permangono diversi punti deboli, soprattutto collegati al pricing

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

COINCIDENZE? Coincidenze soprattutto nella sequenza di dati positivi, che confermano la necessità di tapering?

COINCIDENZE? Coincidenze soprattutto nella sequenza di dati positivi, che confermano la necessità di tapering? COINCIDENZE? Mercoledì 18 dicembre la Fed ha deciso di diminuire di 10 mld l entità degli acquisti di Titoli di Stato e Mbs, senza sorprendere più di tanto gli operatori. In sostanza è stato alzato molto

Dettagli