Le obbligazioni convertibili: Nell'investimento immobiliare si definisce asset market :

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le obbligazioni convertibili: Nell'investimento immobiliare si definisce asset market :"

Transcript

1 pag. 1 1 Una strategia di asset allocation impostata sulla costanza del rapporto tra componente azionaria e obbligazionaria di un portafoglio si basa sul principio di: gestione passiva buy and hold constant mix stock-bond picking Alternativa corretta: constant mix Il constant mix è una tipologia di gestione attiva di portafoglio basata sulla costanza del rapporto tra componente azionaria e obbligazionaria. Pertanto è un tipo di asset allocation che richiede un attività di compravendita di titoli azionari e obbligazionari, al variare delle condizioni di mercato, per preservare il rapporto originario. 2 Un fondo comune di investimento chiuso: non può mai essere oggetto di offerte pubbliche di sottoscrizione deve essere sempre quotato in mercati regolamentati non può mai investire in titoli rappresentativi di crediti se investito prevalentemente in strumenti finanziari non quotati deve prevedere una quota minima di sottoscrizione di almeno euro Alternativa corretta: se investito prevalentemente in strumenti finanziari non quotati deve prevedere una quota minima di sottoscrizione di almeno euro In base all art. 12 del decreto ministeriale 228/99, se il patrimonio di un fondo comune di investimento chiuso è investito prevalentemente in strumenti finanziari non quotati deve prevedere una quota minima di sottoscrizione di almeno euro. In merito alle altre caratteristiche si ricordi che un fondo chiuso deve essere obbligatoriamente quotato se l ammontare minimo della sottoscrizione è inferiore a euro, può investire in titoli rappresentativi di crediti e può essere oggetto di offerte pubbliche di sottoscrizione. 3 Che reddito rappresenta e in che misura viene tassato il provento derivante da operazioni di pronti contro termine aventi a oggetto certificati di deposito per i soggetti privati non esercenti attività d'impresa? Rappresenta reddito di capitale assoggettato a imposta sostitutiva nella misura del 27% Rappresenta reddito diverso assoggettato a imposta sostitutiva nella misura del 12,50% Rappresenta reddito di capitale assoggettato a imposta sostitutiva nella misura del 12,50%, per la quota di interesse maturato, e reddito diverso assoggettato a imposta sostitutiva nella misura del 12,50%, per il differenziale di prezzo Rappresenta reddito di capitale assoggettato a imposta sostitutiva nella misura del 12,50% Alternativa corretta: Rappresenta reddito di capitale assoggettato a imposta sostitutiva nella misura del 27% In base all art. 44 del TUIR, i proventi derivanti da operazioni di pronti contro termine su titoli sono redditi di capitale. Per sapere l aliquota di applicazione dell imposta, per soggetti privati non esercenti attività d'impresa, si deve considerare il titolo oggetto del contratto. Poiché il pronti contro termine ha per oggetto certificati di deposito, che sono tassati al 27%, i proventi sono anch essi assoggettati a imposta sostitutiva nella misura del 27%. 4 Se un lavoratore autonomo NON ha intenzione di aderire ad alcuna forma di previdenza complementare: non deve effettuare alcuna scelta o comunicazione deve comunicare esplicitamente la sua volontà nel semestre di silenzio-assenso deve comunicarlo a un sindacato rischia di incorrere in sanzioni amministrative poiché l'adesione alla previdenza complementare è obbligatoria per i lavoratori autonomi Alternativa corretta: non deve effettuare alcuna scelta o comunicazione L adesione alle forme pensionistiche complementari è del tutto libera e volontaria. Pertanto se un lavoratore autonomo, così come un lavoratore dipendente, non ha intenzione di aderire ad alcuna forma di previdenza complementare non deve effettuare alcuna scelta o comunicazione.

2 pag. 2 5 Le obbligazioni convertibili: sono costituite da un obbligazione zero coupon e un opzione put su un titolo azionario vengono anche chiamate obbligazioni cum warrant offrono, a parità di altre condizioni, un rendimento inferiore a quello corrisposto da un titolo obbligazionario normale dello stesso emittente sono costituite da un obbligazione zero coupon e un opzione call sui tassi di interesse Alternativa corretta: offrono, a parità di altre condizioni, un rendimento inferiore a quello corrisposto da un titolo obbligazionario normale dello stesso emittente Le obbligazioni convertibili sono obbligazioni, con o senza cedola, che a una determinata scadenza e su richiesta del sottoscrittore possono essere convertite (trasformate) in titoli azionari. Tale possibilità ha un costo per l obbligazionista, in termini di prezzo di acquisto o di tasso cedolare: pertanto, a parità di altre condizioni, esse offrono un rendimento inferiore a quello corrisposto da un titolo obbligazionario normale dello stesso emittente. Le obbligazioni cum warrant sono qualcosa di diverso dalle convertibili, poiché in caso di esercizio del warrant il titolo obbligazionario non viene ritirato ma, godendo di vita autonoma, continua a circolare. 6 Nell'investimento immobiliare si definisce asset market : il mercato delle sole SIIQ (società di investimento immobiliare quotate) il mercato delle locazioni il mercato azionario nel suo complesso il mercato dei diritti di proprietà o degli investimenti Alternativa corretta: il mercato dei diritti di proprietà o degli investimenti Per asset market si intende il mercato dei diritti di proprietà o degli investimenti o, più semplicemente, il mercato delle proprietà, che rappresenta il settore in cui si negoziano i beni immobili e i diritti reali. L altro segmento del mercato immobiliare, detto anche space market, è rappresentato dal mercato delle locazioni. 7 Nella diversificazione dell investimento immobiliare secondo una accezione dimensionale si osserva che: gli immobili tendono ad avere rendimenti identici, indipendentemente dalle dimensioni immobili più piccoli tendono ad avere rendimenti superiori a immobili più grandi immobili più grandi tendono ad avere rendimenti superiori a immobili più piccoli immobili grandi presentano rendimenti correlati negativamente con il mercato azionario, mentre immobili più piccoli presentano correlazione positiva con il mercato azionario Alternativa corretta: immobili più grandi tendono ad avere rendimenti superiori a immobili più piccoli Esistono diverse modalità di diversificazione dell investimento immobiliare: una di queste considera come carattere discriminante la dimensione degli immobili. In base quindi alla diversificazione dimensionale, ovvero alla grandezza delle unità immobiliari inserite in portafoglio, si osserva che immobili più grandi tendono ad avere rendimenti superiori a immobili più piccoli. 8 Nel gergo del mercato obbligazionario il mantello rappresenta: il sottoscrittore le cedole l'emittente il capitale da rimborsare a scadenza Alternativa corretta: il capitale da rimborsare a scadenza Il mantello di un titolo obbligazionario rappresenta il suo valore nominale, ossia il capitale da rimborsare a scadenza.

3 pag. 3 9 La gestione di portafoglio effettuata secondo la logica dell asset allocation tattica prevede che l investitore debba modificare la composizione del suo portafoglio: al variare delle sole condizioni socio-economiche dell investitore al variare delle condizioni di mercato al variare del profilo di rischio e delle condizioni socio-economiche dell investitore al variare del profilo di rischio e delle condizioni economiche dell investitore e al variare delle condizioni di mercato Alternativa corretta: al variare delle condizioni di mercato Una gestione di portafoglio che segue la logica dell asset allocation tattica è un tipo di gestione che tenta di battere il benchmark attraverso una politica di investimento attiva, cercando di comprendere e anticipare l evoluzione del mercato. Pertanto, al variare delle condizioni di mercato, una gestione tattica prevede che l investitore modifichi la composizione del portafoglio. 10 Quale delle seguenti affermazioni relative alla tassazione degli hedge funds italiani è corretta? Nel caso siano percepiti nell esercizio di imprese commerciali, i proventi derivanti dall investimento in hedge funds non sono soggetti a tassazione La società di gestione preleva annualmente dal patrimonio dell hedge fund un ammontare pari al 27% del risultato maturato in quanto questi fondi sono considerati dall Agenzia delle entrate fondi atipici Agli hedge funds si applica il regime tributario normalmente previsto per i fondi comuni armonizzati Nel caso siano percepiti al di fuori dell esercizio di imprese commerciali, i proventi derivanti dall investimento in hedge funds concorrono a formare il reddito imponibile per il 40% del loro ammontare Alternativa corretta: Agli hedge funds si applica il regime tributario normalmente previsto per i fondi comuni armonizzati In merito alla tassazione degli OICR, il ministero dell Economia e delle Finanze ha stabilito che a tutti gli organismi di diritto italiano e a quelli ad essi equiparati, quindi fondi armonizzati e non armonizzati, compresi gli hedge funds, si applica lo stesso regime tributario: la società di gestione preleva annualmente dal patrimonio del fondo un ammontare pari al 12,5% del risultato maturato. 11 L erogazione della prestazione pensionistica liquidata sotto forma di capitale nella misura massima del 50% è tipica: delle FIP (forme pensionistiche individuali), dei fondi pensione aperti e dei fondi pensione chiusi delle polizze unit linked delle FIP (forme pensionistiche individuali) ma non dei fondi pensione aperti e dei fondi pensione chiusi delle polizze rivalutabili Alternativa corretta: delle FIP (forme pensionistiche individuali), dei fondi pensione aperti e dei fondi pensione chiusi A scadenza la prestazione pensionistica può essere liquidata sia sotto forma di capitale, nella misura massima del 50%, sia sotto forma di rendita in tutte le forme pensionistiche complementari: FIP (forme pensionistiche individuali), fondi pensione aperti e fondi pensione chiusi. 12 Una posizione lunga su futures permette di guadagnare: da andamenti negativi del prezzo dell attività sottostante da andamenti positivi del prezzo dell attività sottostante in caso di andamenti sia positivi sia negativi del sottostante a patto che il sottostante non subisca variazioni nel proprio valore Alternativa corretta: da andamenti positivi del prezzo dell attività sottostante Il prezzo di un contratto futures è correlato positivamente con l andamento del prezzo dell attività sottostante: pertanto un investitore in posizione lunga su futures guadagna se il prezzo dell attività sottostante aumenta e perde in caso contrario.

4 pag Di quale trattamento fiscale godono le polizze a copertura rischio morte stipulate a partire dal 2001? Deduzione IRPEF pari al 19% del premio versato con tetto massimo di 1.291,14 euro Detrazione IRPEF pari al 19% del premio versato con tetto massimo di 1.291,14 euro Detrazione illimitata Nessuna deduzione e nessuna detrazione Alternativa corretta: Detrazione IRPEF pari al 19% del premio versato con tetto massimo di 1.291,14 euro Le polizze di assicurazione che coprono il rischio morte sono polizze che hanno un fine risarcitorio e non di investimento. Per tali contratti, stipulati a partire dal 2001, il legislatore fiscale ha previsto che i premi versati possano essere detratti dall imposta dovuta per un ammontare pari al 19% del premio versato con tetto massimo di 1.291,14 euro. 14 Un cliente classificato nel segmento Concorde è un cliente: con scarsa autonomia decisionale che ricerca nel private banker un consulente di fiducia soprattutto in ambito finanziario ma non solo tradizionalista con un alto patrimonio che ricerca nel private banker una relazione di prestigio fortemente personalizzata dinamico che richiede al private banker un ampia gamma di prodotti finanziari con i quali raggiungere performance elevate con basse prospettive reddituali di scarso interesse per un private banker Alternativa corretta: dinamico che richiede al private banker un ampia gamma di prodotti finanziari con i quali raggiungere performance elevate Nel private banking i clienti potenzialmente interessati ai servizi offerti da questo settore (e di particolare interesse, in termini di risorse finanziarie, per un private banker) sono classificati in tre segmenti: Concorde, Jumbo e Aliante. In particolare, il segmento Concorde è composto da clienti dinamici, con alti patrimoni e alti flussi di reddito, con buona cultura finanziaria e alta autonomia decisionale. Sono clienti che richiedono al private banker un ampia gamma di prodotti finanziari con i quali raggiungere performance elevate. 15 Si consideri il caso di un opzione call che viene esercitata a scadenza. Pur disponendo di poche informazioni è possibile comunque affermare con certezza che l opzione: è di tipo europeo e il compratore, considerando il premio pagato, realizza un profitto dall intera operazione può essere di tipo europeo o di tipo americano e il compratore, considerando il premio pagato, potrebbe anche non realizzare un profitto dall intera operazione è di tipo americano è at the money e quindi il compratore, considerando il premio pagato, ottiene un profitto nullo dall intera operazione Alternativa corretta: può essere di tipo europeo o di tipo americano e il compratore, considerando il premio pagato, potrebbe anche non realizzare un profitto dall intera operazione Le informazioni disponibili non permettono di sapere molto sull operazione effettuata. Essendo esercitata a scadenza, l opzione potrebbe essere sia di tipo europeo sia di tipo americano. Per quanto riguarda poi il risultato dell operazione, non sapendo i dati numerici, si possono fare solo delle ipotesi: pertanto non è possibile dire con certezza se il compratore perde o guadagna, ma solo ipotizzare che il compratore, considerando il premio pagato, potrebbe anche non realizzare un profitto dall intera operazione.

5 pag In un contratto di assicurazione caso vita, la richiesta di liquidazione della prestazione maturata, quando effettuata dal contraente prima della scadenza del contratto, si definisce: risoluzione riscatto retrocessione ricontrattazione Alternativa corretta: riscatto In ambito assicurativo, con il termine riscatto si intende la facoltà del contraente di una polizza vita di poter chiedere, sotto certe condizioni, la liquidazione della prestazione maturata prima della scadenza del contratto, interrompendo così la polizza. Da non confondere con il termine retrocessione che nelle polizze rivalutabili indica la percentuale riconosciuta all assicurato del rendimento ottenuto ogni anno dai fondi inseriti in una gestione separata. Per quanto riguarda i termini ricontrattazione e risoluzione, essi non hanno in ambito assicurativo un significato particolare diverso da quello normalmente riconducibile alla disciplina civilistica. 17 Per un dato livello di reddito nominale, un aumento del tasso di interesse: riduce la domanda di titoli aumenta la domanda di moneta nel breve periodo lascia invariata la domanda di moneta riduce la domanda di moneta Alternativa corretta: riduce la domanda di moneta La domanda di moneta è funzione di due fattori: reddito nominale e tasso di interesse. Mantenendo fisso il reddito nominale, un aumento del tasso di interesse riduce la domanda di moneta poiché diventa più oneroso detenere moneta ovvero aumenta la convenienza a effettuare investimenti e dunque il costo opportunità di detenere moneta. 18 Quale dei seguenti modelli economico-finanziari afferma che Il rendimento atteso di un attività rischiosa è dato dalla somma tra il rendimento dell attività priva di rischio e il prodotto tra il rischio di mercato assunto e il premio al rischio di mercato? La teoria del mercato efficiente di Fama Il modello di Gordon Il Capital Asset Pricing Model La teoria di portafoglio di Markowitz Alternativa corretta: Il Capital Asset Pricing Model Tra le alternative proposte quella corretta è Il Capital Asset Pricing Model. Il modello di Gordon, o modello del dividendo a tasso di crescita costante, permette infatti di valutare il valore intrinseco di un titolo azionario. La teoria di portafoglio di Markowitz descrive invece come comporre e individuare portafogli efficienti, che massimizzano il rendimento atteso o minimizzano la volatilità. Infine, la teoria del mercato efficiente di Fama studia la capacità dei prezzi di mercato di reagire con prontezza e rispecchiare precisamente le informazioni divulgate sul mercato. 19 I compensi per le prestazioni di fideiussione o altra garanzia sono: redditi di capitale redditi d impresa redditi di lavoro autonomo redditi diversi Alternativa corretta: redditi di capitale L art. 44 del TUIR, al comma 1, elenca puntualmente quali redditi sono considerati redditi di capitale. Tra essi rientrano anche i compensi per le prestazioni di fideiussione o altra garanzia.

6 pag In base alla disciplina sui compensi riconosciuti alle società di gestione del risparmio, il criterio dell high watermark assoluto prevede che: la provvigione di incentivo possa essere calcolata solo se il valore della quota sia aumentato e abbia raggiunto un valore superiore a quello più elevato mai raggiunto in precedenza la provvigione di gestione possa essere calcolata solo se il valore della quota sia aumentato e abbia raggiunto un valore superiore a quello più elevato mai raggiunto in precedenza la provvigione di incentivo possa essere calcolata solo se il valore della quota sia superiore al valore dell indice cui si intende fare riferimento e la differenza tra questi valori sia maggiore di quella mai realizzata in precedenza la provvigione di gestione possa essere calcolata solo se il valore della quota sia superiore al valore dell indice cui si intende fare riferimento e la differenza tra questi valori sia maggiore di quella mai realizzata in precedenza Alternativa corretta: la provvigione di incentivo possa essere calcolata solo se il valore della quota sia aumentato e abbia raggiunto un valore superiore a quello più elevato mai raggiunto in precedenza Il criterio dell high watermark assoluto, che viene usato per calcolare la provvigione di incentivo da riconoscere alla società di gestione del risparmio, prevede che tale provvigione possa essere calcolata solo se il valore della quota sia aumentato e abbia raggiunto un valore superiore a quello più elevato mai raggiunto in precedenza. Si faccia attenzione a non confondere la provvigione di gestione con la provvigione di incentivo. 21 In base a quanto stabilito dal codice EFPA, quale delle seguenti affermazioni NON è corretta? Il Licensee custodisce in via riservata le informazioni confidenziali dei clienti in ottemperanza alle leggi nazionali e alle regole dell'impiego Il Licensee deve comunicare in modo chiaro al cliente, prima di sottoscrivere un accordo contrattuale, le commissioni e i costi connessi Il Licensee deve assumere solamente gli incarichi per i quali possiede esperienza comprovata, conoscenza, qualifiche e competenza Il Licensee ha l obbligo, anche senza esplicita richiesta del cliente, di fornire una copia del codice etico EFPA e spiegare, laddove richiesto, il significato dei provvedimenti Alternativa corretta: Il Licensee ha l obbligo, anche senza esplicita richiesta del cliente, di fornire una copia del codice etico EFPA e spiegare, laddove richiesto, il significato dei provvedimenti Il codice etico EFPA elenca una serie di principi deontologici da seguire nello svolgimento della professione di promotore finanziario. In base a tali principi si prevede, tra le varie regole di comportamento, che il Licensee ha l obbligo, se richiesto del cliente, di fornire una copia del codice etico EFPA e spiegare, laddove richiesto, il significato dei provvedimenti. 22 Considerando diverse strategie di benchmarking, quale dei seguenti elementi suggerirebbe l adozione di una strategia di replica mediante sampling (campione) al posto di una di full replication (esatta replica)? Benchmark contenente pochi titoli Benchmark costituito da un indice generale Elevate dimensioni del portafoglio gestito Elevata liquidità dei titoli contenuti nel benchmark Alternativa corretta: Benchmark costituito da un indice generale In genere tra le strategie di benchmarking, ossia strategie applicabili per replicare un benchmark, si è soliti distinguere le strategie di replica mediante sampling, che si basano sull acquisto di un campione di titoli, dalle strategie di full replication, che si basano invece sull esatta replica del benchmark. Il sampling viene utilizzato quando seguire una strategia di full replication potrebbe risultare difficilmente attuabile. Tra le alternative proposte quella che identifica un evidente limite al replicare esattamente un benchmark è quella che pone l accento sulla numerosità di titoli compresi nel benchmark: infatti, un benchmark costituito da un indice generale, composto di solito da numerosi titoli, suggerisce di scegliere solo un campione dei titoli compresi nell indice.

7 pag Attraverso quale dei seguenti soggetti o sistemi un investitore NON può negoziare strumenti finanziari? Internalizzatore sistematico Sistema multilaterale di negoziazione Società di gestione accentrata Mercato regolamentato Alternativa corretta: Società di gestione accentrata In base alle recenti norme introdotte in recepimento della ben nota MIFID (Market in financial instruments directive), le piattaforme sulle quali possono avvenire le negoziazioni di strumenti finanziari sono: i mercati regolamentati, i sistemi multilaterali di negoziazione e gli internalizzatori sistematici. Le società di gestione accentrata svolgono invece un ruolo di custodia degli strumenti finanziari negoziati sui mercati regolamentati, gestendo il passaggio di proprietà degli stessi. 24 I fondi armonizzati possono: investire il loro patrimonio per acquistare metalli preziosi essere istituiti sia nella forma di fondo comune di investimento aperto sia nella forma di fondo comune di investimento chiuso essere istituiti solo nella forma di fondo comune di investimento aperto investire in azioni emesse dalla società di gestione del risparmio che gestisce il fondo Alternativa corretta: essere istituiti solo nella forma di fondo comune di investimento aperto In base all art. 8 del decreto ministeriale 228/99, i fondi armonizzati possono essere istituiti solo nella forma di fondo comune di investimento aperto. Sempre in base allo stesso articolo, i fondi armonizzati non possono investire il loro patrimonio per acquistare metalli o pietre preziose né azioni emesse dalla società di gestione del risparmio che gestisce il fondo. 25 Quali dei seguenti oneri NON sono mai coperti dalle polizze malattia? Costi per interventi chirurgici per il trapianto di organi Costi per ricoveri ospedalieri resi necessari da malattie infettive Costi per ricoveri ospedalieri resi necessari da infortuni domestici Costi per ricoveri in cliniche specializzate nella cura di malattie derivanti da alcolismo Alternativa corretta: Costi per ricoveri in cliniche specializzate nella cura di malattie derivanti da alcolismo Le polizze malattia sono contratti assicurativi che permettono la copertura delle spese sanitarie sostenute dall assicurato per ricoveri ospedalieri o interventi chirurgici derivanti da malattie o infortuni. Esistono casi però in cui tale garanzia non può essere prestata: essi riguardano i soggetti affetti da alcolismo, tossicodipendenza e infermità mentale. Per quanto detto, tra gli oneri richiamati nelle diverse alternative, quelli non coperti dalle polizze malattia sono i costi sostenuti per la cura di malattie derivanti da alcolismo. 26 In base alla classificazione proposta da Musile Tanzi, quale tra i seguenti bisogni finanziari NON rientra nella fase della sicurezza e tranquillità? L investimento in prodotti previdenziali Il rimborso dei debiti L acquisto della prima casa di abitazione L inizio di una attività autonoma imprenditoriale Alternativa corretta: L inizio di una attività autonoma imprenditoriale Musile Tanzi ha individuato diverse fasi di maturazione della clientela: sopravvivenza, sicurezza e tranquillità, stima e realizzazione, ognuna caratterizzata da un insieme di bisogni finanziari. Tra i bisogni descritti nelle alternative non rientra nella fase della sicurezza e tranquillità il bisogno di inizio di una attività autonoma imprenditoriale, che rientra invece nella fase della realizzazione.

8 pag Sull importo della posizione individuale maturata, che per l'acquisto della prima casa di abitazione è stato anticipato a un lavoratore autonomo aderente a una forma di previdenza complementare, si applica al netto dei redditi già assoggettati a imposta: un imposta forfettaria dell 11% ma solo sul risultato maturato a scadenza una ritenuta con l'aliquota IRPEF media degli ultimi 5 anni una ritenuta a titolo di imposta del 23% una ritenuta a titolo di imposta con aliquota decrescente dal 15% al 9% in base all'anzianità di adesione Alternativa corretta: una ritenuta a titolo di imposta del 23% In caso di anticipazione della posizione individuale maturata a un soggetto aderente a una forma previdenziale complementare, l importo anticipato al lavoratore viene tassato con modalità differenti a seconda del motivo dell anticipo. In particolare, sull importo anticipato per l'acquisto della prima casa si applica, al netto dei redditi già assoggettati a imposta, una ritenuta a titolo di imposta del 23%. 28 La teoria della parità dei tassi di interesse implica che il tasso di interesse nazionale è approssimativamente uguale al: tasso di interesse estero meno il tasso di inflazione domestico tasso di interesse estero tasso di interesse estero meno il tasso di apprezzamento atteso della moneta estera tasso di interesse estero meno il tasso di deprezzamento atteso della moneta estera Alternativa corretta: tasso di interesse estero meno il tasso di deprezzamento atteso della moneta estera La teoria della parità scoperta dei tassi di interesse, o anche della parità dei tassi di interesse, si traduce in una equazione che mette in relazione il livello interno dei tassi di interesse di un Paese (i) con quello di un Paese straniero (s) e con i tassi di cambio a pronti (cp) e a termine (ct) tra le valute dei due Paesi. L equazione originale, chiamata appunto parità dei tassi di interesse, può essere riscritta in forma semplificata: i s (ct cp)/cp In base a questa nuova equazione si può affermare che il tasso di interesse nazionale è approssimativamente uguale al tasso di interesse estero meno il tasso di deprezzamento atteso della moneta estera o, in alternativa, di apprezzamento atteso della valuta nazionale. Ciò peraltro risponde a logica economica: in presenza di aspettative di deprezzamento di una valuta, un investitore sarebbe disponibile a investire in tale valuta unicamente se essa offre un tasso di interesse più elevato. Vale naturalmente anche il ragionamento opposto: in presenza di aspettative di apprezzamento di una valuta, gli investitori sono disposti a investire in tale valuta anche se essa offre un tasso di interesse più ridotto. 29 Il FONDINPS (forma pensionistica complementare residuale istituita presso l INPS): non consente il trasferimento della posizione individuale ad altra forma pensionistica è l unico fondo pensione che può essere alimentato attraverso il conferimento del TFR è riservato ai lavoratori dipendenti pubblici è un fondo a contribuzione definita Alternativa corretta: è un fondo a contribuzione definita L art. 9 del d.lgs. 252/05 regolamenta la forma pensionistica complementare residuale istituita presso l INPS, detta FONDINPS, nella quale confluiscono le quote di TFR che non sono affluite in altra forma di previdenza complementare, qualora il TFR non possa essere mantenuto in azienda. Il FONDINPS ha diverse caratteristiche tra cui quella di essere una forma complementare a contribuzione definita, ovviamente non riservata a dipendenti pubblici, in cui la posizione individuale può anche essere trasferita ad altra forma pensionistica.

9 pag Chiunque compia il reato di falso in prospetto è punito con: la reclusione da due a dieci anni la sanzione amministrativa pecuniaria da a euro la sanzione amministrativa pecuniaria da a euro la sanzione amministrativa pecuniaria da a euro o la reclusione da due a sei anni Alternativa corretta: la reclusione da due a dieci anni L art. 173-bis del Testo Unico della Finanza disciplina il reato di falso in prospetto, stabilendo che chiunque si renda colpevole di tale reato sia punito con la reclusione da uno a cinque anni. Si ricorda che ai sensi dell art. 39, comma 1, della l. 262/05, le sanzioni penali previste nel Testo Unico della Finanza sono raddoppiate entro i limiti posti a ciascun tipo di pena dal Libro I, Titolo II, Capo II del codice penale: pertanto il periodo della reclusione è da considerarsi da due a dieci anni. 31 I reverse floater: hanno cedole la cui entità è collegata in maniera diretta con i movimenti dell indice di riferimento sono prediletti da investitori aggressivi hanno una volatilità del prezzo simile a quella dei floater con caratteristiche analoghe sono prediletti da investitori che intendono speculare sul rialzo dell indice di riferimento Alternativa corretta: sono prediletti da investitori aggressivi I titoli reverse floater sono titoli obbligazionari strutturati le cui cedole variano in maniera inversa rispetto al parametro di indicizzazione. Sono dunque titoli che hanno una volatilità del prezzo maggiore di quella dei floater con caratteristiche analoghe: al mutare del tasso di indicizzazione la variazione delle cedole accentua i movimenti positivi o negativi del prezzo. Pertanto, essendo titoli maggiormente rischiosi, sono prediletti da investitori aggressivi. 32 Nelle polizze assicurative vita intera caso morte: è certa la prestazione mentre è incerto il momento di erogazione prestazione e momento di erogazione sono incerti prestazione e momento di erogazione sono certi è certo il momento di erogazione mentre è incerta la prestazione Alternativa corretta: è certa la prestazione mentre è incerto il momento di erogazione Le polizze assicurative vita intera caso morte prevedono il pagamento ai beneficiari del capitale assicurato nel momento in cui muore l assicurato, in qualsiasi momento avvenga questo evento. Pertanto è possibile concludere che la prestazione, ovvero il pagamento del capitale assicurato, è certa mentre non si conosce, ossia è incerto, il momento in cui tale pagamento verrà erogato. 33 A quanto ammonta il tasso di rendimento nominale annuo di un BTp con tasso cedolare semestrale pari al 3%? Non è possibile rispondere in quanto si deve conoscere il prezzo tel quel 3% 6% Non è possibile rispondere in quanto si deve conoscere il prezzo secco Alternativa corretta: 6% Il tasso di rendimento nominale indica l entità della cedola staccata da un obbligazione. Se la cedola semestrale è pari a 3 vuol dire che in un anno saranno distribuite cedole per un valore totale pari a 6. Pertanto, fatto cento il valore nominale del titolo obbligazionario, il tasso di rendimento nominale annuo del BTp sarà pari al 6%.

10 pag L'osservazione di un indice di Sharpe negativo suggerisce che il fondo comune di investimento: non è stato in grado di battere il proprio benchmark ha avuto un rendimento inferiore al tasso free risk preso come riferimento ha presentato una elevata volatilità del valore delle quote ha avuto un beta superiore a uno Alternativa corretta: ha avuto un rendimento inferiore al tasso free risk preso come riferimento L'indice di Sharpe è utilizzato per misurare la performance dei fondi comuni ed è pari al rapporto tra la differenza tra tasso di rendimento del fondo e tasso privo di rischio e deviazione standard del portafoglio. Poiché la deviazione standard è un numero positivo, se l indice di Sharpe ha assunto un valore negativo, allora il fondo comune di investimento ha realizzato un rendimento inferiore al tasso free risk preso come riferimento. 35 In regime di capitalizzazione composta, il montante ottenuto dopo 3 mesi applicando un tasso del 5% annuo a un capitale pari a 1000 è: pari al montante ottenuto in un anno utilizzando il regime della capitalizzazione semplice superiore al montante ottenuto utilizzando il regime della capitalizzazione semplice pari al montante ottenuto utilizzando il regime della capitalizzazione semplice minore del montante ottenuto utilizzando il regime della capitalizzazione semplice Alternativa corretta: minore del montante ottenuto utilizzando il regime della capitalizzazione semplice Se il periodo temporale di riferimento utilizzato per calcolare il montante ottenuto da un certo capitale, investito a un certo tasso, è inferiore all anno, l utilizzo del regime della capitalizzazione composta conduce a un montante minore di quello che, a parità di condizioni, è ottenuto utilizzando il regime della capitalizzazione semplice. Se il periodo temporale fosse superiore all anno, la situazione si invertirebbe, mentre per periodi esattamente di un anno i montanti ottenuti utilizzando i due regimi di capitalizzazione sarebbero uguali. 36 Si consideri il caso di un lavoratore dipendente, da 6 anni aderente a un fondo pensione negoziale, che si trovi nelle condizioni di acquistare per sé la prima casa di abitazione. Nella situazione sopra descritta, ai sensi del d.lgs. 252/05, è possibile richiedere un anticipazione della posizione individuale maturata? Sì, per un importo non superiore al 75% della posizione stessa Sì, per un importo pari alla posizione stessa No, perché sono necessari 8 anni di iscrizione al fondo per poter richiedere l anticipazione Sì, per un importo non superiore al 30% della posizione stessa Alternativa corretta: No, perché sono necessari 8 anni di iscrizione al fondo per poter richiedere l anticipazione Esistono diversi motivi per i quali il sottoscrittore di un fondo pensione può chiedere un anticipazione della posizione individuale maturata e uno di questi è l acquisto per sé della prima casa di abitazione. Tuttavia esistono alcune condizioni vincolanti per poter ottenere l anticipazione: nel caso prospettato, essendo necessari 8 anni di iscrizione a un fondo per poter richiedere l anticipazione, il lavoratore, avendo aderito da soli 6 anni a un fondo pensione negoziale, non può richiederla.

11 pag In base al teorema dell immunizzazione, quale dei seguenti eventi NON rende necessario il ribilanciamento del portafoglio per mantenere il vincolo duration = holding period? Variazione dei tassi di interesse di mercato Stacco della cedola di un titolo in portafoglio Scadenza di un titolo in portafoglio Collocamento di titoli obbligazionari, simili a quelli detenuti in portafoglio, sul mercato primario Alternativa corretta: Collocamento di titoli obbligazionari, simili a quelli detenuti in portafoglio, sul mercato primario Il teorema dell immunizzazione afferma che per ottenere una buona protezione dai rischi di mercato, e ottenere così il rendimento desiderato, si deve comporre il portafoglio in modo da ottenere l uguaglianza tra duration del portafoglio e holding period. Tale uguaglianza però non rimane stabile per tutta la durata dell investimento ma può variare, rendendo necessario il ribilanciamento del portafoglio. Tra le alternative proposte è facile individuare nel collocamento di titoli obbligazionari, simili a quelli detenuti in portafoglio, sul mercato primario l alternativa corretta, in quanto tale operazione, non modificando la composizione del portafoglio né la dinamica dei flussi di cassa, non influisce né sulla duration né sull holding period. 38 È possibile ricavare il Payout Ratio di una società: dividendo il Price Earnings Ratio per il Price to Book Value moltiplicando tra loro Price Earnings Ratio e Dividend Yield sottraendo il Price to Book Value al Price Cash Flows moltiplicando il Price to Book Value per il Price Earnings Ratio Alternativa corretta: moltiplicando tra loro Price Earnings Ratio e Dividend Yield Il Payout Ratio di una società è dato dal rapporto tra dividendo distribuito e utile per azione realizzato e indica il tasso di distribuzione dell utile. Esso può essere ricavato moltiplicando tra loro il Price Earnings Ratio, dato dal rapporto tra prezzo di mercato e utile per azione, e il Dividend Yield, dato dal rapporto tra dividendo e prezzo di mercato. Analiticamente: P/U D/P = D/U 39 Un fondo comune di investimento ha registrato un TWRR (time weighted rate of return) pari al 3,4%. Nel caso in cui l investitore effettui molteplici conferimenti e riscatti nel periodo di misurazione del rendimento considerato, il MWRR (money weighted rate of return): sarà tendenzialmente superiore al 3,4% sarà sicuramente positivo potrebbe essere negativo, nel caso in cui il timing delle operazioni non sia stato effettuato in modo opportuno non potrà mai essere superiore al 3,4% Alternativa corretta: potrebbe essere negativo, nel caso in cui il timing delle operazioni non sia stato effettuato in modo opportuno Il TWRR e il MWRR sono due indicatori di rendimento per fondi comuni di investimento. La sostanziale differenza tra i due è che il primo misura la performance del gestore e non è influenzato, come invece accade per il secondo, dalle decisioni di investimento e disinvestimento dell investitore e dalla conseguente dinamica dei flussi di cassa. Pertanto, nel caso considerato, se l investitore ha effettuato molteplici conferimenti e riscatti nel periodo di misurazione del rendimento considerato, il MWRR potrebbe discostarsi anche in maniera sensibile dal TWRR, pari a 3,4%, realizzato dal gestore. Inoltre, nel caso in cui il timing delle operazioni non sia stato effettuato in modo opportuno, il MWRR potrebbe essere negativo.

12 pag Analiticamente, l alfa di Jensen misura la differenza tra: il rendimento richiesto dall investitore, calcolato secondo la capital market line, e le sue curve di indifferenza il rendimento medio effettivamente realizzato dal fondo comune e il rendimento atteso (di equilibrio), calcolato secondo la security market line, per un portafoglio con lo stesso rischio sistematico il rendimento atteso (di equilibrio) del fondo comune e il rendimento del benchmark il rendimento atteso (di equilibrio) del fondo comune e il tasso di rendimento risk free Alternativa corretta: il rendimento medio effettivamente realizzato dal fondo comune e il rendimento atteso (di equilibrio), calcolato secondo la security market line, per un portafoglio con lo stesso rischio sistematico L alfa di Jensen è una misura di performance dei fondi comuni di investimento e si calcola come differenza tra il rendimento medio effettivamente realizzato dal fondo e quello atteso (di equilibrio), calcolato secondo la security market line, di un portafoglio con quel livello di rischio sistematico. L alfa di Jensen misura quindi l abilità di market timing di un gestore. 41 L acquisto di un titolo azionario e di un opzione put avente come sottostante lo stesso titolo azionario è sostanzialmente equivalente: all'acquisto di un contratto future sul titolo all'acquisto di due titoli azionari del medesimo tipo alla cessione di un opzione call sul titolo azionario, avente lo stesso strike price dell opzione put alla posizione di acquisto di un opzione call sul titolo azionario avente lo stesso prezzo di esercizio dell opzione put Alternativa corretta: alla posizione di acquisto di un opzione call sul titolo azionario avente lo stesso prezzo di esercizio dell opzione put La posizione costruita con l'acquisto di un titolo azionario e di un opzione put avente come sottostante lo stesso titolo azionario permette di proteggersi dal ribasso del prezzo del titolo e di approfittare di eventuali rialzi: se il prezzo scende non si perde, se il prezzo sale si guadagna. Tale posizione è quindi sostanzialmente equivalente a quella che si ottiene acquistando un opzione call sul titolo azionario avente lo stesso prezzo di esercizio dell opzione put. 42 Le polizze index linked che prevedono nel contratto anche un opzione cliquet : permettono il consolidamento delle performance parziali dell'indice di riferimento prevedono il pagamento degli interessi conseguiti solo a patto che l'indice sia sempre stato crescente in ogni scadenza prevedono il pagamento degli interessi conseguiti solo a patto che l'indice sia sempre stato decrescente in ogni scadenza prevedono il pagamento degli interessi conseguiti solo a patto che l'indice sia sempre stato all'interno di un corridoio di valori predefinito Alternativa corretta: permettono il consolidamento delle performance parziali dell'indice di riferimento Le polizze index linked sono polizze il cui andamento è collegato a un indice di riferimento. Al loro interno possono prevedere diverse modalità di determinazione della rivalutazione del capitale investito, tra cui l opzione cliquet : quest ultima è un opzione che collega l andamento della polizza solo alle variazioni positive dell indice di riferimento. In questo modo le prestazioni periodiche dell indice modificano positivamente il valore del rendimento della polizza e quindi permettono il consolidamento delle performance parziali dell'indice stesso.

13 pag In base al modello di Markowitz, aumentando il numero di titoli a disposizione per comporre portafogli: la frontiera efficiente si sposta verso l alto e a destra la frontiera efficiente si sposta verso l alto e a sinistra la frontiera efficiente si sposta verso il basso e a destra la frontiera efficiente si sposta verso il basso e a sinistra Alternativa corretta: la frontiera efficiente si sposta verso l alto e a sinistra La frontiera efficiente è quel luogo geometrico, individuato nel piano rischio-rendimento, formato dai punti del piano rappresentanti i portafogli efficienti, ossia quei portafogli che, tra tutti i portafogli componibili con le attività finanziarie a disposizione, presentano a parità di rischio il maggior rendimento o che a parità di rendimento presentano il minor rischio. Aumentando il numero di titoli a disposizione è possibile ampliare il numero di portafogli componibili, trovandone anche alcuni che presentano un profilo rischio-rendimento migliore di quello dei portafogli in precedenza posizionati sulla frontiera efficiente. Pertanto, poiché a parità di rischio è possibile trovare portafogli con rendimenti migliori o a parità di rendimento è possibile trovare portafogli con rischio minore, la frontiera efficiente si sposterà verso l alto e a sinistra. 44 Quale delle seguenti politiche di gestione attiva di un portafoglio azionario descrive una strategia di market timing? Modificare l esposizione del portafoglio al rischio specifico dei singoli titoli in funzione delle aspettative del gestore sull andamento dei diversi settori del mercato azionario Modificare l esposizione del portafoglio al rischio sistematico, rispetto a quella del benchmark, agendo sul beta o attraverso contratti derivati, in funzione delle aspettative del gestore sull andamento del mercato azionario Modificare la composizione del portafoglio, agendo sui singoli titoli e mantenendo il beta del portafoglio in linea con quello del benchmark Vendita di contratti futures sull indice S&P/MIB e acquisto di obbligazioni a lungo termine in caso di aspettative di rialzo del mercato azionario Alternativa corretta: Modificare l esposizione del portafoglio al rischio sistematico, rispetto a quella del benchmark, agendo sul beta o attraverso contratti derivati, in funzione delle aspettative del gestore sull andamento del mercato azionario Una strategia di market timing è una politica di gestione attiva di un portafoglio azionario attuata da un gestore che, in funzione delle sue aspettative sull andamento del mercato azionario, intende battere il benchmark di riferimento: il gestore modifica così l esposizione del portafoglio al rischio sistematico, accentuandone la volatilità rispetto a quella del benchmark stesso. Tale operazione può essere effettuata sia agendo sul beta, modificando la composizione dei titoli in portafoglio, sia attraverso contratti derivati. 45 Un investitore ha costruito un portafoglio che tenta di replicare l indice di borsa: dopo aver calcolato tutti gli input necessari, ha inserito nel portafoglio tutti e solo i titoli presenti sul mercato telematico. Se il beta del portafoglio così ottenuto è pari a 0,9, è possibile dedurre che: per replicare il portafoglio di mercato non si devono mai considerare tutti i titoli presenti sul mercato l investitore non ha ponderato correttamente i titoli presenti sul mercato e perciò non è riuscito a replicare il portafoglio di mercato il portafoglio creato è una replica esatta di quello di mercato per sapere se l investitore è riuscito a replicare correttamente il portafoglio di mercato bisognerebbe conoscere anche i valori dell indice di correlazione e della deviazione standard Alternativa corretta: l investitore non ha ponderato correttamente i titoli presenti sul mercato e perciò non è riuscito a replicare il portafoglio di mercato Per costruzione il beta del portafoglio di mercato, ovvero il portafoglio in cui sono compresi tutti i titoli, rappresentato in questo caso dall indice di borsa che si intende replicare, è pari a 1. Se l investitore avesse replicato esattamente tale indice, il portafoglio ottenuto avrebbe anch esso avuto un beta pari a 1. Poiché invece il beta è pari a 0,9, l investitore non ha ponderato nella maniera adeguata i titoli presenti sul mercato e perciò non è riuscito a replicare il portafoglio di mercato.

14 pag Si ipotizzi di avere un portafoglio azionario equiripartito tra due attività finanziarie A e B con la stessa deviazione standard pari al 5%. Sapendo che i titoli sono correlati in maniera perfettamente negativa, la varianza del portafoglio è: 2,5% 5% 0 10% Alternativa corretta: 0 Essendo i titoli correlati in maniera perfettamente negativa, il coefficiente di correlazione è pari a 1. Posti x A e x B i pesi delle attività A e B e s A e s B le loro rispettive deviazioni standard, la varianza del portafoglio è: s 2 = (x A s A ) 2 + (x B s B ) x A s A x B s B ( Sostituendo i valori si ottiene: s 2 = 0, , ,025 0,025 = 0 47 Si considerino i seguenti dati relativi a un contratto pronti contro termine (P/T) su CcT stipulato tra banca e cliente (quest ultimo nel ruolo di acquirente a pronti): prezzo secco a pronti pari a 100,15; rateo di cedola maturato durante il P/T pari a 1,8; interesse del P/T pari a 0,8. Sapendo che il tasso cedolare è incassato dalla banca, il prezzo secco a termine è pari a: 97,55 100,23 99,15 101,15 Alternativa corretta: 99,15 Il prezzo secco a termine si calcola sottraendo dal prezzo secco a pronti la differenza tra il rateo maturato e l interesse del P/T. Si ricordi che si sta ipotizzando che la cedola sia incassata dalla banca. Sostituendo opportunamente i numeri si ottiene: Prezzo secco a termine = 100,15 - (1,8-0,8) = 100,15-1 = 99,15 48 Si desidera valutare la corretta quotazione di un titolo azionario utilizzando il Price Earning Ratio (P/E), sapendo che il prezzo di mercato e l utile per azione presentano, rispettivamente, i seguenti valori correnti: 39 e 3. Se il P/E stimato utilizzando un metodo di valutazione previsionale (senza cioè utilizzare i valori correnti) è pari a 10, allora è possibile affermare che: è consigliabile acquistare il titolo azionario poiché è sottoquotato è consigliabile vendere il titolo azionario poiché è sovraquotato è indifferente acquistare o vendere il titolo azionario poiché il prezzo di mercato è uguale al valore intrinseco il mercato è in fase di crescita ed è consigliabile acquistare il titolo Alternativa corretta: è consigliabile vendere il titolo azionario poiché è sovraquotato Uno dei metodi per stabilire se un titolo azionario ha una quotazione di mercato che rispecchia correttamente il suo valore è quello di confrontare il P/E corrente del titolo, calcolato in base ai valori correnti di prezzo di mercato e utile per azione, con il P/E stimato utilizzando un metodo di valutazione previsionale, che rappresenta il valore corretto. Se il valore del P/E corrente è maggiore del P/E stimato il titolo è sovraquotato, mentre se il valore del P/E corrente è inferiore al P/E stimato il titolo è sottoquotato. Poiché prezzo e utile presentano, rispettivamente, valori correnti pari a 39 e 3, il P/E corrente, essendo pari a 13, è maggiore del P/E stimato (pari a 10). Pertanto è possibile affermare che il titolo azionario è sovraquotato ed è consigliabile venderlo perché si presume che il prezzo di mercato è destinato a scendere.

15 pag Il portafoglio di un investitore è gestito secondo la politica denominata buy and hold. Al tempo T 0 il portafoglio è composto per il 40% da titoli risk free (per cui si ipotizza un rendimento nullo) e per il 60% da un fondo comune che replica esattamente l indice S&P/MIB. La ricchezza dell investitore ammonta a 100 euro. Se al tempo T 1 l indice S&P/MIB è sceso del 10%: il valore complessivo della ricchezza dell investitore sarà 90 euro la percentuale della ricchezza dell investitore investita in titoli risk free sarà del 42,55% la percentuale della ricchezza dell investitore investita in azioni sarà di 62,26% la percentuale della ricchezza dell investitore investita in azioni rimarrà al 60% Alternativa corretta: la percentuale della ricchezza dell investitore investita in titoli risk free sarà del 42,55% Una politica di gestione del tipo buy and hold è una politica di gestione passiva che tende a non cambiare la composizione del portafoglio nel tempo. In base ai dati del problema, al tempo T 0 sono stati investiti 40 euro in titoli risk free e 60 euro in un fondo azionario che replica esattamente l indice S&P/MIB. Se al tempo T 1 l indice S&P/MIB scende del 10%, allora la ricchezza investita nel fondo azionario avrà una perdita pari a 6 euro. La ricchezza totale dell investitore sarà così scesa a 94 euro ( La percentuale della ricchezza dell investitore investita in titoli risk free sarà quindi pari a 40/94, ovvero al 42,55%. 50 Due fondi comuni di investimento X e Y presentano rispettivamente rendimenti del 5% e 7% e beta pari a 0,6 e 1,1. Se il tasso privo di rischio è pari al 3%: Y avrà un maggiore indice di Treynor X avrà un maggiore indice di Treynor i due fondi avranno lo stesso indice di Treynor non è possibile ricavare l indice di Treynor dei fondi comuni con i dati forniti Alternativa corretta: Y avrà un maggiore indice di Treynor Per risolvere il quesito è necessario calcolare l indice di Treynor per entrambi i fondi, ricordando che l indice è pari al rapporto tra la differenza tra il rendimento del fondo e il rendimento dell attività risk free e il beta del fondo. IT del fondo X = (5% 3%)/0,6 = 2%/0,6 = 0,033 IT del fondo Y = (7% 3%)/1,1 = 4%/1,1 = 0,036 Pertanto dai risultati ottenuti si rileva che Y avrà un maggiore indice di Treynor.

2 è calcolato in funzione del prezzo di mercato del. 3 è pubblicato quotidianamente sulla stampa. 4 è il prezzo ufficiale di mercato del fondo

2 è calcolato in funzione del prezzo di mercato del. 3 è pubblicato quotidianamente sulla stampa. 4 è il prezzo ufficiale di mercato del fondo Rispondere ai seguenti quesiti. Livello Knowledge 1 2 3 4 Nelle forme pensionistiche individuali, attuate mediante contratti di assicurazione sulla vita, l ammontare dei premi: 1 è sempre definito in misura

Dettagli

II sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS Venerdì 10 ottobre 2008 NON STRAPPARE

II sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS Venerdì 10 ottobre 2008 NON STRAPPARE DEFS01 II sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS Venerdì 10 ottobre 2008 NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA

Dettagli

II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009

II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009 DEFS01 II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009 Prova D FS 1 KNOWLEDGE 1 Il rischio specifico di un titolo azionario: 1. è quantificabile

Dettagli

Quesiti livello Application

Quesiti livello Application 1 2 3 4 Se la correlazione tra due attività A e B è pari a 0 e le deviazioni standard pari rispettivamente al 4% e all 8%, per quali dei seguenti valori dei loro pesi il portafoglio costruito con tali

Dettagli

II sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS 25 maggio 2011 NON STRAPPARE

II sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS 25 maggio 2011 NON STRAPPARE DEFS01 II sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS 25 maggio 2011 NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA PROVA

Dettagli

I sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS Venerdì 13 giugno 2008 NON STRAPPARE

I sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS Venerdì 13 giugno 2008 NON STRAPPARE DEFS01 I sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS Venerdì 13 giugno 2008 NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA

Dettagli

NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA PROVA

NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA PROVA D1 Sessione d'esame per il conseguimento del Diploma "European Financial Services - DEFS" NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA PROVA Incollare sulla scheda

Dettagli

Sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS NON STRAPPARE

Sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS NON STRAPPARE DEFS01 Sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA PROVA Rispondere ai seguenti

Dettagli

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

I sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS Giovedì 27 maggio 2010 NON STRAPPARE

I sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS Giovedì 27 maggio 2010 NON STRAPPARE DEFS01 I sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS Giovedì 27 maggio 2010 NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA

Dettagli

I sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE B NON STRAPPARE

I sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE B NON STRAPPARE EFA02 I sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE B NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA PROVA ISTRUZIONE

Dettagli

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività.

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività. Glossario finanziario Asset Allocation Consiste nell'individuare classi di attività da inserire in portafoglio al fine di allocare in maniera ottimale le risorse finanziarie, dati l'orizzonte temporale

Dettagli

II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE A NON STRAPPARE

II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE A NON STRAPPARE EFA02 II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE A NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA PROVA

Dettagli

Il cliente affluent tende a vivere la relazione con la propria banca in modo:

Il cliente affluent tende a vivere la relazione con la propria banca in modo: pag. 1 1 Il cliente affluent tende a vivere la relazione con la propria banca in modo: dinamico, poiché la vede come uno strumento per il raggiungimento di elevati status di autonomia e indipendenza passivo,

Dettagli

può essere detratto fiscalmente nella misura del 19% sino a un massimo di 1.291,14 euro

può essere detratto fiscalmente nella misura del 19% sino a un massimo di 1.291,14 euro pag. 1 1 I compensi per fideiussioni o per altre garanzie prestate sono: esenti da tassazione redditi diversi redditi di capitale esclusi dai redditi di natura finanziaria Risposta corretta: redditi di

Dettagli

Un benchmark è rappresentativo di un portafoglio efficiente quando:

Un benchmark è rappresentativo di un portafoglio efficiente quando: pag. 1 1 Un benchmark è rappresentativo di un portafoglio efficiente quando: il suo rendimento può essere riprodotto minimizzando il tracking error minimizza i costi di transazione la sua performance è

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI Sintesi Descrizione delle caratteristiche qualitative con l indicazione di: categoria Morningstar, categoria Assogestioni, indice Fideuram. Commenti sulla gestione

Dettagli

lo spostamento di un portafoglio da un composito a un altro è sempre possibile non è ammessa alcuna ridefinizione dei compositi nel tempo

lo spostamento di un portafoglio da un composito a un altro è sempre possibile non è ammessa alcuna ridefinizione dei compositi nel tempo pag. 1 1 Secondo gli Standard Italiani di Presentazione della Performance (IPPS/GIPS): esiste un divieto assoluto allo spostamento di un portafoglio da un composito a un altro lo spostamento di un portafoglio

Dettagli

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di pag. 0 1 In un piano di rimborso di un mutuo a tasso fisso, basato su uno schema di ammortamento alla francese: la rata è costante la quota capitale è costante la quota interessi è costante la rata è decrescente

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

Nozioni di matematica finanziaria, analisi di scenario, strumenti finanziari, operatività bancaria e costruzione del portafoglio

Nozioni di matematica finanziaria, analisi di scenario, strumenti finanziari, operatività bancaria e costruzione del portafoglio Nozioni di matematica finanziaria, analisi di scenario Nozioni di Matematica Finanziaria 51 Analisi si scenario 103 Piani di ammortamento Rendite Regimi di capitalizzazione semplice e composta Tassi equivalenti

Dettagli

- CASSA DI RISPARMIO DI LORETO S.P.A. OBBLIGAZIONI ZERO COUPON

- CASSA DI RISPARMIO DI LORETO S.P.A. OBBLIGAZIONI ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato CARILO - CASSA DI RISPARMIO DI LORETO S.P.A. OBBLIGAZIONI ZERO

Dettagli

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 I titoli obbligazionari Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Titoli a reddito fisso Tutte le caratteristiche relative al profilo di rischio e rendimento (durata, diritto alla remunerazione e al rimborso del capitale)

Dettagli

Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007

Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007 Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007 1. Ai sensi del dell art. 98, comma 2, del regolamento Consob n. 11522/1998,

Dettagli

I titoli obbligazionari

I titoli obbligazionari I titoli obbligazionari 1 Tipologie di titoli La relazione di equivalenza consente di attribuire un valore oggi ad importi monetari disponibili ad una data futura. In particolare permettono di determinare

Dettagli

II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE C NON STRAPPARE

II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE C NON STRAPPARE EFA02 II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE C NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA PROVA

Dettagli

II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE D NON STRAPPARE

II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE D NON STRAPPARE EFA02 II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE D NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA PROVA

Dettagli

II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE B NON STRAPPARE

II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE B NON STRAPPARE EFA02 II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE B NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA PROVA

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE relative all Offerta di obbligazioni Carilo-Cassa di Risparmio di Loreto S.p.A Step Up con facoltà di rimborso anticipato a favore dell Emittente 2010-2015 Codice

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione Indice Presentazione di Pier Luigi Fabrizi pag. XIII 1 L economia del mercato mobiliare di Pier Luigi Fabrizi» 1 1.1 Premessa» 1 1.2 L esercizio semantico» 1 1.3 La collocazione della disciplina» 4 Bibliogra

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR Bancasciano Credito Cooperativo - Società Cooperativa in qualità di Emittente

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione Presentazione di Pier Luigi Fabrizi pag. XIII 1 LÕeconomia del mercato mobiliare di Pier Luigi Fabrizi È 1 1.1 Premessa È 1 1.2 LÕesercizio semantico È 1 1.3 La collocazione della disciplina È 4 Bibliografia

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR Bancasciano Credito Cooperativo - Società Cooperativa in qualità di Emittente

Dettagli

quadro di sintesi per la professione di Commercialista

quadro di sintesi per la professione di Commercialista La tassazione delle attività ità finanziarie: i i un quadro di sintesi per la professione di Commercialista CLAUDIA ROVINI Viterbo 3 dicembre 2015 Evento valido ai fini della F.P.C.dei dottori commercialisti

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE relative all Offerta di obbligazioni Carilo-Cassa di Risparmio di Loreto S.p.A Tasso Fisso 1,75% 2010-2014 Codice ISIN IT0004650765 ai sensi del programma di prestiti obbligazionari

Dettagli

Obbligazioni a Tasso Fisso 4,50% 29/08/2011 29/08/2016

Obbligazioni a Tasso Fisso 4,50% 29/08/2011 29/08/2016 CONDIZIONI DEFINITIVE relative all Offerta Obbligazioni a Tasso Fisso 4,50% 29/08/2011 29/08/2016 Codice ISIN IT0004756299 ai sensi del programma di prestiti obbligazionari Obbligazioni a Tasso Fisso con

Dettagli

Banca Valsabbina Tasso Misto 01/07/2011-2016 ISIN IT0004739048

Banca Valsabbina Tasso Misto 01/07/2011-2016 ISIN IT0004739048 BANCA VALSABBINA S.C.p.A. Sede Legale: Vestone (Bs) via Molino, 4 Direzione Generale: Brescia via XXV Aprile, 8 Tel. 030 3723.1 Fax 030 3723.430 - Iscritta al Registro Imprese e CCIAA di Brescia REA n.9187

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze Quale titolo di Stato per quale profilo di investitore? Forum della PA - 25 maggio 2007 Dott.ssa Maria Cannata Direttore Generale del Debito Pubblico -1- Introduzione

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE BANCA DELLA MARCA - STEP UP / STEP DOWN

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede Legale in Corso San Giorgio, 36 64100 Teramo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5174 Capitale Sociale Euro 50.000.000,00 i.v. N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Teramo 00075100677 CONDIZIONI

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO ZERO COUPON

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO ZERO COUPON SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO ZERO COUPON Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l investitore

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCANAGNI CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa in qualità di emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento Società Cooperativa fondata nel 1901 - Codice ABI

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze Quale titolo di Stato per quale profilo di investitore? Forum della PA - 25 maggio 2007 Dott.ssa Maria Cannata Direttore Generale del Debito Pubblico -1- Introduzione

Dettagli

Tipo Scadenza Periodicità cedola Rimborso BOT (Buoni Ordinari del Tesoro)

Tipo Scadenza Periodicità cedola Rimborso BOT (Buoni Ordinari del Tesoro) TABELLA 10.1 Titoli di Stato: le caratteristiche principali Tipo Scadenza Periodicità cedola Rimborso BOT (Buoni Ordinari del Tesoro) CTZ (Certificati del Tesoro Zerocoupon) CCT (Certificati di Credito

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE B.9 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO GRUPPO BANCA DI CREDITO POPOLARE SOC. COOP. PER AZIONI in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

POLIZZE VITA CASO MORTE: TASSAZIONE DEI CAPITALI

POLIZZE VITA CASO MORTE: TASSAZIONE DEI CAPITALI POLIZZE VITA CASO MORTE: TASSAZIONE DEI CAPITALI IL CONSULENTE: TUTTO QUELLO CHE C E DA SAPERE L Agenzia delle Entrate ha pubblicato la Circolare 8/E del 1 aprile 2016 con cui fornisce dei chiarimenti

Dettagli

Banca Valsabbina T.F. 3,50% 14/12/2012-2015 ISIN IT0004874324

Banca Valsabbina T.F. 3,50% 14/12/2012-2015 ISIN IT0004874324 BANCA VALSABBINA S.C.p.A. iscritta al registro delle Imprese di Brescia e CCIAA di Brescia REA n.9187 Capitale Sociale 107.390.481 i.v. Sede Legale: via Molino, 4-25078 Vestone (BS) Direzione Generale:

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE "BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO"

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE "BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO" BANCA C.R.S. T.F. 2,85% 2012/2014 146em., ISIN IT0004813561

Dettagli

I sessione d'esame per il conseguimento della certifazione FA TM European Financial Advisor TM

I sessione d'esame per il conseguimento della certifazione FA TM European Financial Advisor TM EE00001 I sessione d'esame per il conseguimento della certifazione FA TM European Financial Advisor TM L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA PROVA Incollare sulla scheda

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO STEP UP

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO STEP UP SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO STEP UP Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si

Dettagli

Banca Valsabbina Step-Up 01/07/2011-2017 IT0004739766

Banca Valsabbina Step-Up 01/07/2011-2017 IT0004739766 BANCA VALSABBINA S.C.p.A. Sede Legale: Vestone (Bs) via Molino, 4 Direzione Generale: Brescia via XXV Aprile, 8 Tel. 030 3723.1 Fax 030 3723.430 - Iscritta al Registro Imprese e CCIAA di Brescia REA n.9187

Dettagli

FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO

FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO La Cassa di Risparmio di Orvieto, in qualità di Emittente, invita gli investitori a prendere attenta visione della nota informativa, al fine di comprendere i fattori

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

Nell assicurazione della tutela giudiziaria, l assicuratore si obbliga a rimborsare: 1) 2) 3) 4)

Nell assicurazione della tutela giudiziaria, l assicuratore si obbliga a rimborsare: 1) 2) 3) 4) pag. 1 1 Nell assicurazione della tutela giudiziaria, l assicuratore si obbliga a rimborsare: le spese sostenute per controversie in materia tributaria le pene pecuniarie inflitte dal giudice le spese

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA 03/04/2012-03/04/2015 A TASSO VARIABILE CON TASSO MINIMO 2,00% Codice ISIN IT0004805302

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE relative all Offerta

CONDIZIONI DEFINITIVE relative all Offerta CONDIZIONI DEFINITIVE relative all Offerta OBBLIGAZIONI STEP UP CON FACOLTA DI RIMBORSO ANTICIPATO A FAVORE DELL EMITTENTE 2011-2016 Codice ISIN IT0004675390 ai sensi del programma di prestiti obbligazionari

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A.

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. TASSO FISSO CR Cento 23.09.2011 / 23.03.20143,50% ISIN IT0004762495 EMESSE

Dettagli

Obbligazioni a Tasso Variabile Euribor 3 mesi + 1,00% 2011/2014

Obbligazioni a Tasso Variabile Euribor 3 mesi + 1,00% 2011/2014 CONDIZIONI DEFINITIVE relative all Offerta Obbligazioni a Tasso Variabile Euribor 3 mesi + 1,00% 2011/2014 Codice ISIN IT0004763998 ai sensi del programma di prestiti obbligazionari Obbligazioni a Tasso

Dettagli

CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Interrelazioni rischio rendimento e misure RAPM

CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Interrelazioni rischio rendimento e misure RAPM CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Interrelazioni rischio rendimento e misure RAPM Prof. Marco Oriani Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano 17 ottobre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

Per asset allocation strategica si intende:

Per asset allocation strategica si intende: pag. 1 1 Per asset allocation strategica si intende: il processo orientato alla selezione degli strumenti appartenenti a un dato mercato e ritenuti sottovalutati il risultato di un processo di ottimizzazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 2/E, Direzione Centrale Normativa Roma, 13 febbraio 2015 OGGETTO: Disposizioni in materia di previdenza complementare. Articolo 1, commi 621, 622, 624 della legge 23 dicembre 2014, n. 190

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA MARCA - TASSO VARIABILE BANCA DELLA MARCA

Dettagli

Sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS NON STRAPPARE

Sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS NON STRAPPARE DEFS01 Sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA PROVA pag. 1 Rispondere

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE "BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO MISTO 2010/2015 129^ em." ISIN IT0004639529 NELL AMBITO DEL PROGRAMMA

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

La Previdenza Complementare

La Previdenza Complementare La Previdenza Complementare Il sistema previdenziale italiano pagina 1 Indice Il sistema previdenziale italiano La previdenza complementare L adesione a previdenza complementare Le prestazioni della previdenza

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009 Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 009 A.A. 008-009 Agenda 1. Introduzione ai concetti di rendimento e rischio. Il rendimento delle obbligazioni

Dettagli

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese 23 domande 23 risposte Oggi un progetto per il futuro Avvertenza: Il presente opuscolo ha carattere divulgativo e non

Dettagli

RETURN TOTAL SISTEMA. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Total Return. Eurizon Capital SGR S.p.A.

RETURN TOTAL SISTEMA. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Total Return. Eurizon Capital SGR S.p.A. Eurizon Capital SGR S.p.A. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Total Return SISTEMA TOTAL RETURN COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI DELLE MODIFICHE REGOLAMENTARI ai sensi del Provvedimento della Banca

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI Allegato A PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI A1. Schema di prospetto del valore della quota dei fondi aperti FONDO... PROSPETTO DEL VALORE DELLA QUOTA AL.../.../... A. Strumenti

Dettagli

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo Art. 1 - Istituzione e denominazione del Fondo Interno Assicurativo Poste Vita S.p.A. (la Compagnia ) ha istituito, secondo le modalità indicate nel

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE Sede sociale: Piazza Dalle Fratte, 1 Lozzo Atestino 35034 PADOVA Iscritta all Albo delle Banche al n. 905.0.0 Iscritta all Albo Società Cooperative n. A161280 Capitale sociale Euro 91.022,40 al 31.12.2009

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. I prodotti della bancassicurazione : Polizze Index e Unit linked. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. I prodotti della bancassicurazione : Polizze Index e Unit linked. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi I prodotti della bancassicurazione : Polizze Index e Unit linked 1 Le polizze index linked Il principio base

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO STEP DOWN

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO STEP DOWN SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO STEP DOWN Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede Legale in Corso San Giorgio, 36 64100 Teramo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5174 Capitale Sociale Euro 50.000.000,00 i.v. N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Teramo 00075100677 CONDIZIONI

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CASSA DI RISPARMIO DI BRA S.p.A. Sede sociale: Via Principi di Piemonte n. 12-12042 Bra CN Iscritta all'albo delle Banche al n. 5087 Capitale sociale Euro 20.800.000,00 interamente versato Iscritta al

Dettagli

Schema di Scheda sintetica dei contratti index linked

Schema di Scheda sintetica dei contratti index linked ELENCO ALLEGATI Allegato 1 Schema di Scheda sintetica dei contratti di assicurazione sulla vita e di capitalizzazione con partecipazione agli utili Allegato 2 Schema di Scheda sintetica dei contratti unit

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE Sede sociale: Piazza Dalle Fratte, 1 - Lozzo Atestino 35034 - PADOVA Iscritta all Albo delle Banche al n. 905.0.0 Iscritta all'albo Società Cooperative n. A161280 Capitale sociale Euro 94.799,52 al 31.12.2010

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE B.9 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO GRUPPO BANCA DI CREDITO POPOLARE SOC. COOP. PER AZIONI in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

Dettagli

Obbligazioni a Tasso Fisso 4,00% 2012/2014

Obbligazioni a Tasso Fisso 4,00% 2012/2014 CONDIZIONI DEFINITIVE relative all Offerta Obbligazioni a Tasso Fisso 4,00% 2012/2014 Codice ISIN IT0004813181 ai sensi del programma di prestiti obbligazionari Obbligazioni a Tasso Fisso con eventuale

Dettagli

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA PROVA

NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA PROVA D1 Sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA PROVA Incollare sulla scheda

Dettagli

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1 23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari In uno schema uniperiodale e in un contesto di analisi media-varianza, si consideri un mercato

Dettagli

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 A chi si rivolge Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

Ogni dipendente pubblico decide volontariamente la propria adesione al fondo..

Ogni dipendente pubblico decide volontariamente la propria adesione al fondo.. Il fondo Espero ESPERO è il Fondo nazionale pensione complementare per i lavoratori della scuola. Il Fondo Pensione è nato a seguito dell accordo istitutivo del 14/03/2001 fra le Organizzazioni Sindacali

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE C. 9 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI STEP UP GRUPPO BANCA DI CREDITO POPOLARE SOC. COOP. PER AZIONI in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA

Dettagli

CREDITO COOPERATIVO REGGIANO - SOCIETA COOPERATIVA

CREDITO COOPERATIVO REGGIANO - SOCIETA COOPERATIVA CREDITO COOPERATIVO REGGIANO - SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE al Prospetto di Base relativo al Programma di emissioni obbligazionarie del Credito Cooperativo Reggiano Società Cooperativa Per

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

I sessione 2008 - Esame a test per il conseguimento della qualifica "European Financial Planner - FP" NON STRAPPARE

I sessione 2008 - Esame a test per il conseguimento della qualifica European Financial Planner - FP NON STRAPPARE DEFS01 I sessione 2008 - Esame a test per il conseguimento della qualifica "European Financial Planner - FP" NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA PROVA

Dettagli