Non solo credito bancario: l opportunità Minibond

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Non solo credito bancario: l opportunità Minibond"

Transcript

1 Non solo credito bancario: l opportunità Minibond Ruggero Bertelli Professore Associato dell Università di Siena Docente di Gestione dei Rischi di Credito Ringrazio il Dott. Davide Bray, coautore di questa presentazione 3 dicembre 2013

2 Mercato dei capitali e sviluppo dell economia Localizzazione delle medie imprese industriali italiane nel 2011 (ultimo censimento)

3 La Contrazione degli Impieghi Le Banche devono contenere l erogazione dei prestiti alle Imprese a causa di maggiori vincoli nell uso del bilancio per effetto di Basilea 3; aumento del costo del capitale; maggiore selettività negli affidamenti; e maggiore costo e minore disponibilità di adeguato funding. Funding Gap delle Banche: in aprile i prestiti alla clientela (P.A. + Imprese + Famiglie) ammontavano a mld vs. una raccolta da clientela di mld *. Secondo Prometeia tra la domanda e l offerta di credito ci sarà nei prossimi tre anni un gap di almeno 90 mld. Le imprese manifatturiere dovranno fare nuovi investimenti per almeno 150 mld mentre i flussi di nuovo credito bancario alle imprese nello stesso periodo difficilmente saranno superiori a 60 mld.

4 Il Funding Gap Fonte: Banca d Italia, Rapporto sulla stabilità finanziaria, n. 4

5 L Accesso al Credito delle Imprese Fonte: Banca d Italia, Rapporto sulla stabilità finanziaria, n. 5

6 Il Credito delle Imprese Fonte: Assogestioni, L industria del risparmio gestito ed il finanziamento delle PMI, giugno 2013

7 Il Credito delle Imprese Fonte: Assogestioni, L industria del risparmio gestito ed il finanziamento delle PMI, giugno 2013

8 Chi Finanzia lo Sviluppo dell Economia? Il volume degli impieghi bancari alle imprese non finanziarie continua a registrare una dinamica negativa, con un calo dalla fine del 2011 di ca. 60 mld Alternativamente al credito bancario le imprese possono finanziarsi direttamente sul mercato mediante l emissione di obbligazioni Tuttavia la percentuale delle emissioni obbligazionarie sul totale dei debiti finanziari delle imprese in Italia rimane molto bassa a confronto con gli altri Paesi del G 8 Prima del «Decreto Sviluppo» l emissione di obbligazioni da parte delle imprese in Italia era riservata di fatto alle sole società quotate in Borsa, poichè le emissioni delle società non quotate erano soggette a penalizzazioni fiscali che non le rendevano convenienti né per gli emittenti né per gli investitori (fonte: Elaborazione su dati Relazione Annuale Banca d Italia 2013) Lo stock di obbligazioni corporate italiane esistente oggi sul mercato pari a ca. 110 miliardi risulta emesso quasi totalmente dai grandi gruppi industriali 8

9 Il Mercato Attuale dei Corp. Bond in Italia back 9

10 Italian Corporate Bonds (single B rating) 10

11 Quale Prospettiva per i Minibond? «Si ha l impressione che la stampa e il governo illudano il mondo delle PMI nel dichiarare che i minibond siano una concreta alternativa al credito bancario» da un blog finanziario, Febbraio «I'm increasingly in the camp of those who reckon we're at the start of a major shift in bond market activity as we move towards a more heavily disintermediated funding model I sense a revolution in the making. The mid market is coming. Prepare for change» Keith Mullin, Editor IFR, April 2013.

12 La Posizione dei Policy Maker Commissione Europea : «Nell'ambito della revisione della direttiva Mifid, proporremo misure per rendere possibile il finanziamento delle PMI non solo tramite il mercato azionario, ma anche attraverso quello obbligazionario Va incoraggiata la presenza di adeguati intermediari finanziari sul territorio». (A.Tajani, Piano d Azione per «Imprenditorialità 2020») Banca d Italia : «Le difficoltà nel finanziamento delle imprese devono stimolare una riflessione sull assetto complessivo del sistema finanziario italiano, sullo scarso sviluppo dei mercati obbligazionari e azionari e sulla conseguente eccessiva dipendenza delle imprese dai prestiti bancari. Tale assetto riflette in parte la riluttanza ad aprirsi delle aziende italiane. Ma le banche non hanno spinto a sufficienza le imprese ad avvicinarsi ai mercati». (I.Visco, Considerazioni Finali del Governatore, 2013) Consob : «Lo sviluppo di un mercato efficiente di corporate bond potrebbe consentire alle imprese di soddisfare le proprie necessità di finanziamento e darebbe loro modo di incamminarsi su un percorso di acclimatamento all ambiente tecnico regolamentare della finanza mobiliare, che ne potrebbe poi facilitare la quotazione azionaria in Borsa» (G.Vegas, Incontro Annuale, 2013). Borsa : «Con questa iniziativa riteniamo di poter svolgere un ruolo importante nel processo di conversione delle fonti di finanziamento delle aziende dal canale tradizionale bancario a quello delle emissioni di strumenti di debito in atto in tutta Europa». (P.Poletto, Comunicato Stampa per il lancio di ExtraMOT PRO)

13 e di alcune Associazioni di Categoria Assogestioni: «Nella stessa direzione [di riattivare i canali ostruiti del credito alle piccole e medie imprese] va anche il progetto di Assogestioni di introdurre nel portafoglio dei fondi d'investimento aperti una quota di investimenti più illiquidi tradizionalmente destinati a fondi chiusi. In questo contesto, in pratica, i gestori acquisterebbero i minibond emessi dalle Pmi che verrebbero gestiti in un ottica di medio lungo periodo». (D.Siniscalco, Conferenza stampa per la presentazione del memorandum d intesa «PiùBorsa») Confindustia: «Bisognerà puntare con vigore allo sviluppo di canali alternativi al credito bancario e al rafforzamento patrimoniale interrotto dalla crisi. Questo richiederà il rilancio del mercato dei capitali e la piena consapevolezza delle imprese, che nel cammino verso la ripresa non potranno prescindere dal rafforzamento della propria struttura patrimoniale». (G.Squizi, Intervento all Assemblea di Confindustria 2013)

14 Posizione recente del Governo Flavio Zanonato, ha anticipato come il decreto legge che sarà emanato dal prossimo Consiglio dei Ministri conterrà misure di ulteriore liberalizzazione delle emissioni obbligazionarie. Il ddl di prossima emanazione ha l'obiettivo di : ampliare la platea di emittenti ridurre i costi di emissione e sviluppare un settore finanziario specializzato, moderno e indipendente, creando così le condizioni per indirizzare parte del risparmio nazionale di lungo periodo verso l'impiego produttivo e per catturare l'interesse degli investitori qualificati internazionali L obiettivo è quello di favorire l accesso delle piccole e medie imprese al mercato dei capitali. Intervento presso l ABI, 28/11/13 Convegno Credito al credito

15 I «MINIBOND»: nuovo canale di finanziamento per le imprese Localizzazione delle medie imprese industriali italiane nel 2011 (ultimo censimento)

16 Novità del «Decreto Sviluppo»: i Minibond Il «Decreto Sviluppo» n. 83 del 22/6/2012, convertito in legge e ulteriormente modificato dal «Decreto Sviluppo bis», prevede una serie di norme per incentivare in particolare le PMI all emissione di strumenti di finanziamento (ribattezzati «Minibond») che includono: le cambiali finanziarie le obbligazioni le obbligazioni partecipative La produzione normativa sul tema si può considerare completa ed immediatamente esecutiva in quanto non sono richiesti decreti di attuazione In sintesi le società non quotate hanno adesso l opportunità di accedere al mercato dei capitali con lo stesso trattamento normativo prima riservato ai c.d. Grandi Emittenti (cioè banche, società con azioni negoziate sui mercati e enti pubblici economici) Sono escluse da questa normativa le microimprese, cioè le società con < 10 dipendenti e < 2m di fatturato 16

17 Vantaggi e Requisiti I vantaggi previsti dal Decreto Sviluppo sono di tipo normativo» sono introdotte alcune facilitazioni come per es. una maggiore flessibilità temporale e la possibilità di dematerializzazione per le cambiali finanziarie» sono eliminati alcuni vincoli come per es. il limite quantitativo per le obbligazioni (art cod.civ.) pari a due volte il capitale sociale più riserva legale più riserve disponibili fiscale a favore delle imprese emittenti» gli interessi pagati sulle obbligazioni e sulle cambiali finanziarie sono fiscalmente deducibili nei limiti generali dell art. 96 TUIR fiscale a favore degli investitori» gli interessi corrisposti sulle obbligazioni e sulle cambiali finanziarie sono esenti dalla ritenuta alla fonte anche se emesse da società non quotate, a condizione che questi Strumenti siano quotati su Mercati Regolamentati o SMN (vd. anche Circol. Ag. Entrate 4/E del 6/3/2013) Per l emissione delle cambiali finanziarie da parte di società non quotate la normativa prevede inoltre alcuni requisiti a tutela degli investitori : nomina di uno Sponsor (non occorre se l emittente è una Grande Impresa) certificazione dell ultimo bilancio dell emittente collocamento e circolazione esclusivamente presso Investitori Professionali non soci dell emittente 17

18 Decreto Sviluppo e Mercato dei Bond Il Decreto Sviluppo del giugno 2012 ha dunque liberalizzato l emissione di obbligazioni e di cambiali finanziarie e ha creato i presupposti per il finanziamento delle Imprese da parte del risparmio privato attraverso il mercato A un anno e mezzo di distanza molti commentatori hanno stilato un bilancio negativo di questa legge perché ci sono state poche emissioni da parte di PMI Occorre però ricordare che il mercato dei corporate bond non è «One Size Fits All»: ogni emissione si rivolge a una determinata base di investitori a seconda dell importo, della modalità di collocamento, della liquidità, etc. Importo Modalità di Collocamento Liquidità Principali Investitori > 200 M Pubblico mediante Consorzio (come per Eurobond) > 25 M Private Placement (vd. anche US$ PP) Sì Bassa Banche d Investimento, Banche Commerciali, OICR, Assicurazioni, SIM, Privati Assicurazioni, Fondi Pensione, Fondazioni < 25 M Private Placement No Fondi Chiusi (Credit Fund) 18

19 Vantaggi / Svantaggi per l Impresa Diversificazione delle fonti di provvista Scadenza più a lungo termine Concessione del prestito basata sulle previsioni di cash flow X Modalità di rimborso meno flessibili X Tempi di negoziazione più lunghi X Maggiore disclosure di dati finanziari = Inserimento di Covenant (per es. limiti a indebitamento, pagamento dividendi, cessione di asset) = Necessità di quotazione su Borsa/SMN per benefici fiscali = Pricing : basato solo su analisi rischio/rendimento vs. influenzato anche da fattori quali gli aspetti relazionali, le garanzie personali dell imprenditore, la revocabilità, etc.

20 Mutuo Bancario Obbligazione Chi finanzia Banche Investitori Istituzionali (compagnie di assicurazione, fondi pensione,fondazioni, fondi comuni, gestioni patrimoniali ), imprese di grandi dimensioni, fondi di origine pubblica e grandi investitori privati Scadenza Modalità del Rimborso Criteri di valutazione del Debitore Medio/Lungo Termine Predeterminate oppure flessibili (nel caso Predeterminate di linea revolving ) Solidità patrimoniale, profittabilità, flussi di cassa Aspetti qualitativi basati sulla relazione di Aspetti qualitativi basati sulle lungo termine caratteristiche dell impresa. Aspetti quantitativi basati sull andamento prospettico (business plan) Garanzia reale Prevalentemente richiesta Prevalentemente non richiesta Tasso d interesse Dipendente principalmente da : costo del capitale e della liquidità per la Banca, valutazione di credito dell Emittente, competitività del mercato bancario, relazione, accesso a business collaterale Dipendente principalmente da : rating dell Emittente, condizioni del mercato secondario, liquidità dell emissione Altri Costi Spese di istruttoria per la pratica di fido Commissione di Advisory (nel caso di utilizzo di un Advisor) Costi legati all Ammissione alla Negoziazione Modalità di Collocamento Operazione bilaterale oppure, nel caso di più Finanziatori Operazione in pool No Pubblicità delle Condizioni dell Operazione Rating Esterno No Opportuno Caratteristiche della Documentazione Private Placement oppure, nel caso di Emissioni Pubbliche Consorzio di Garanzia e Collocamento Sì Presenza di Covenant, cioè di clausole di tutela della posizione di rischio dei Finanziatori, generalmente più stringenti nel caso dell Obbligazione a causa dell assenza di garanzie reali Tempi di Negoziazione Dipendenti della complessità dell operazione, generalmente più lunghi nel caso dell Obbligazione Segnalazione in Centrale Rischi Si No Indicazione dell affidabilità dell impresa Bassa, per via della confidenzialità mantenuta dalla Banca Elevata, per via della pubblicità dell emissione sul primario e successiva ammissione alla Negoziazione Mutuo bancario vs «Minibond»

21 Data Emittente Rating Importo m Durata anni Coupon 9-Nov-2012 Guala B/B Eur % 15-Gen-2013 Cerved B/B Eur % 15-Gen-2013 Cerved B/B % 15-Gen-2013 Cerved CCC+/B % 10-Nov-2012 Rottapharm BB-/Ba % 1-Feb-2013 Zobele B % 12-Feb-2013 Mercedes F.S. A Eur % 15-Mag-2013 Team System/Titan B/B % 30-Apr2013 Wind BB-/Ba Eur % 30-Mag-2013 Sisal B/B ,25% 1 Ago 2013 Salini BB ,125% 26 Lug 2013 Gamenet B+/B ,25% 27 Lug 2013 ManutenCoop B+/B ,25% 15 Nov 2013 Marcolin B /B ,5% 8-Apr-2013 Buscaini n.r % 16-Mag-2013 CAAR n.r. 3 5 amort 6,5% Emissioni «Minibond» 3-Giu-2013 Fide n.r. 3 3 Eur + 2,75% 30 Set 2013 Filca Soc. Coop. BBB+ (Crif) 9 6 amort 6% 7 Nov 2013 Grafiche Mazzucchelli n.r % Nov 2013 Mille Uno Bingo n.r. 9 5 amort Eur 3 m +5,60%

22 Chi emetterà i Minibond? Localizzazione delle medie imprese industriali italiane nel 2011 (ultimo censimento)

23 Potenziale Numero di Emittenti Il Ministero per lo Sviluppo Economico nella relazione di accompagnamento al Decreto Sviluppo ha indicato il campione MB Unioncamere sulle Medie Imprese Industriali italiane come rappresentativo delle società beneficiarie del Decreto. E stato previsto che nell arco di tre anni facciano ricorso ad emissioni di bond ca. 650 imprese medie per un volume totale di poco più di 20 mld. Nell analisi sulle Medie Imprese applicando alle imprese censite il modello R&S Unioncamere per lo scoring delle PMI il 58% è risultato avere una situazione finanziaria «solida» ed è stato valutato «investment grade». l universo include aziende manufatturiere che nel 2009: avevano un numero di dipendenti compreso tra 50 e 499; avevano un fatturato compreso tra 15 mio e 330 mio; non facevano parte né di grandi gruppi né di gruppi esteri. La probabilità media di default (PD) di questo campione è stata stimata pari a 1,1% (corrispondente in via approssimata ad una valutazione BB). Imprese Solide Intermedie Problematiche 58,4% 33,9% 7,7% Fonte: MB UC : Le Medie Imprese Industriali Italiane ( ), 2012

24 Potenziale Dimensione del Mercato Crif Agenzia di rating specializzata sulle PMI ha effettuato nel 2012 uno studio sulla distribuzione per classi di rating delle imprese private italiane secondo il quale ca aziende con fatturato superiore a 50 mio sono considerabili «Top Performer». Top Performer : Rating CRIF compreso tra A1 e A4, caratterizzate da un ottima situazione di equilibrio finanziario e rischio di default molto contenuto, adatte per accedere al mercato dei capitali. Fonte : CRIF Rating Agency: Distribuzione per classe di rating delle imprese non finanziarie con fatturato superiore a 5 mio

25 Potenziale Dimensione del Mercato Società con ricavi >5 mil per Cerved Group Rating Fonte: Cerved Group, Esiste un mercato per i Minibond in Italia? La fotografia delle società non quotate, Ottobre A1.1 A1.2 A1.3 A2.1 A2.2 A3.1 B1.1 B1.2 B2.1 B2.2 C1.1 C1.2 C2.1 nd Nota: in caso di assenza del Cerved Group Rating, si considera il Cerved Group Score; Oltre società Oltre società investment grade 25

26 Considerazioni sul Merito Creditizio (1) Abbiamo applicato un modello a la Merton KMV al campione MB sulle Principali Società italiane (sezione del campione: fatturato 50mio 1mld). Escludendo le imprese con rapporto Debiti/Patrimonio pari a zero e negativo, la PD media delle 1970 imprese risultanti è pari all 1,08% (2,4% in ipotesi di stress, caratterizzato da un raddoppio della volatilità del rendimento dell attivo). Secondo i dati di lungo periodo delle tre maggiori agenzie di rating la classe BB sembra mediamente appropriata. Per le classi BB+ BB e BB (o analoghe) le PD annuali risultano 0,63%; 0,86% e 1,42% ( Default, Transition, and Recovery: 2011 Annual Global Corporate Default Study And Rating Transitions, S&P) 0,63%; 0,73% e 1,67% (Annual Default Study: Corporate Default and Recovery Rates, , Moody s) 0,98%; 0,86% e 1,32% (dati di Fitch in Fitch Ratings Global Corporate Finance 2012 Transition and Default Study Infine secondo gli studi di KMV la categoria BB ha una PD media di 0,75%.

27 Considerazioni sul Merito Creditizio (2) Abbiamo ordinato le imprese per «stato di salute» utilizzando due indicatori chiave: MON/FATT e DF/PN e poi abbiamo tagliato la distribuzione seguendo le indicazioni di MB Unioncamere (58% di solide e 7% di problematiche). Le caratteristiche strutturali delle imprese nelle tre fasce sono riassunte in questa tabella: NB: le imprese problematiche hanno una PD massima del 25%

28 Considerazioni sul Merito Creditizio (3) Alcuni indici sulle Medie Imprese Industriali Italiane 2011 (Mediobanca)* ) DEB. FIN. / PN 0,87 0,75 0,67 0,63 0,63 2) MOL/PRODUZ 8,8% 7,9% 8,3% 8,2% 7,9% 3) DEB FIN / MOL 2,6 3,1 3,3 2,9 2,9 4) LIQUITY RATIO 1,3 1,3 1,3 1,4 1,3 5) ONERI FIN / PRODUZ 2,0% 2,2% 1,8% 1,3% 1,3% Sulla base di un nostro modello di rating «bilancistico», la media delle imprese del campione è classificata «B» *) Dipendenti tra 50 e 499 unità; fatturato tra 15 e 330 milioni di euro Qualità Ottima Buona Sufficiente Insufficiente Scarsa Rating A B C D E

29 Mercato primario e mercato secondario per le PMI Localizzazione delle medie imprese industriali italiane nel 2011 (ultimo censimento)

30 E un periodo d oro per gli emittenti di Corporate Bond EMEA = Europe, Middle East, Africa

31 High-yield bonds An appetite for junk Companies have taken advantage of investors growing willingness to buy speculative bonds The Economist, Oct 19th 2013 Ci sono capitali che in cerca di rendimento trovano conveniente investire in Corporate Bonds. Ma non fatevi chiamare Junk (o più elegantemente, speculative)! Il mercato finanziario è spietato ed ha un linguaggio fastidioso con il quale si può convivere traendone beneficio.

32 Il Mercato primario L emissione di minibond si traduce nell effettivo finanziamento per l impresa quando avviene la sua sottoscrizione da parte dei soggetti interessati. Si tratta del cosiddetto mercato primario. I minibond possono essere sottoscritti solo da investitori istituzionali (compagnie di assicurazione, fondi pensione, fondazioni, fondi comuni, gestioni patrimoniali), imprese di grandi dimensioni, fondi di origine pubblica e grandi investitori privati. Si tratta di soggetti che sono in grado di valutare il rischio di credito, di costruire portafogli diversificati e di scegliere razionalmente tra alternative di investimento sul mercato.

33 Perché un investitore istituzionale dovrebbe sottoscrivere un minibond? 1. Canalizzare risorse finanziarie degli italiani verso investimenti in imprese italiane 2. Contribuire allo sviluppo economico del Paese A condizione che ci sia 1. Effetto diversificazione del portafoglio 2. Favorevole rapporto tra rendimento e rischio Bisogna mettere l investitore istituzionale in grado di valutare questi aspetti di portafoglio, perché possa effettuare razionalmente la scelta e favorire l investimento in Minibond rispetto ad investimenti alternativi

34 Il Mercato primario 1. Le PMI italiane sono capaci di pagare un adeguato tasso di interesse su risorse disponibili a lungo termine. 2. Gli investitori istituzionali devono essere capaci di costruire portafogli di qualità e ben diversificati. 3. Ad emettere i Minibond, soprattutto inizialmente, deve essere la crema delle PMI italiane. Società dal nome sconosciuto, poco presenti sulla stampa o in televisione, di dimensioni non grandi, ma leader del loro settore, spesso ottime esportatrici di tecnologia italiana. Intervista a Ruggero Bertelli, Rischi e opportunità dei Minibond, Il Sole 24 Ore, 20 marzo 2013

35 Le regole del gioco Occorre prevedere opportuni canali di accesso dell impresa emittente ai potenziali investitori (normalmente sono gli advisor a curare sistematicamente questo aspetto); è indispensabile fornire ai potenziali investitori informazioni sull impresa, sulle sue esigenze finanziarie e sulla evoluzione del business in modo trasparente e standardizzato, seguendo le prassi del mercato dei capitali; è necessario configurare la struttura dell obbligazione in modo tale che essa sia correttamente e rapidamente valutabile dal potenziale investitore (standardizzazione delle caratteristiche dell emissione); occorre tener conto che la liquidità dell emissione sarà limitata. E necessario prevedere un opportuno premio di liquidità (un tasso più alto di una analoga emissione liquida); è molto gradita dall investitore una valutazione sintetica di affidabilità fornita da una agenzia di rating.

36 Rating Ufficiale titoli quotati I tassi di emissione Mercato dei prestiti bancari Mercato dei capitali Trattativa, covenants, garanzie, specificità dell emittente. Tassi sul mercato dei capitali Premio di illiquidità Valutazione rating locale Tassi di emissione minimi Minibond Valutazione idiosincratica Tasso di emissione 36

37

38 TASSI DEL MERCATO DEI CAPITALI 30/10/2013 OBBLIGAZIONI BULLET* DURATION *** MATURITY BBB3 BB BB- ITA GOV 2,92 3 1,82 2,74 4,10 2,11 4,67 5 2,57 3,50 5,07 2,80 6,22 7 3,24 4,17 5,68 3,33 8, ,08 4,99 6,16 3,89 OBBLIGAZIONI AMORTISING** DURATION *** MATURITY BBB3 BB BB- ITA GOV 2,92 3 1,82 2,74 4,10 2,11 3,81 5 2,20 3,13 4,63 2,56 4,64 7 2,56 3,49 5,05 2,80 5, ,06 3,98 5,52 3,30 * Obbligazioni con cedola annuale e rimborso unico alla scadenza, emissione alla pari ** Le obbligazioni amortising iniziano il periodo di ammortamento a partire dal terzo anno a quote capitali costanti, cedola annuale, emissione alla pari **** La duration (espressa in anni e frazioni di anno) è riferita alle obbligazioni con rating BB Occorre aggiungere un «PREMIO DI ILLIQUIDITA» e NEGOZIARE APPLICAZIONE SU ALCUNE IMPRESE PRESENTI IN AULA

39 CHE COSA SIGNIFICA «NEGOZIARE» SUL MERCATO DEI CAPITALI Significa predisporre tutti i dati, i documenti, le informazioni necessari per la perfetta comprensione dello «stato di salute» della società da parte del potenziale sottoscrittore. La negoziazione è in sostanza uno scambio di informazioni. A che cosa serve il prestito richiesto? Quali sono le sue caratteristiche necessarie per il raggiungimento dell obiettivo?

40 I costi legati all emissione Costi Legali (Negoziazione Regolamento del prestito) Certificazione del bilancio Quotazione (Monte Titoli, Borsa) Funzione di Paying Agent (Banca di relazione?) Rating (eventuale, sollicited/unsollicited) Advisory (Memorandum di Offerta)

41 I costi legati all emissione COSTI ACCESSORI MB Capitale Legal (Negoziaz Docs / Due Dilig) RATING Unsollicited Listing ExtraMot (post 2013) MonteT una tantum 450 Advisory (Strutturazione, Doc Ammissione, etc) Totale up front All in up front % 0,53% Cerificazione bilancio p.a MonteT p.a Paying Agent p.a Running cost Running cost % 0,15% Anni 3 All in p.a. con certicazione % 0,32% All in p.a. senza certicazione % 0,20% NB: pur trattandosi di una «ragionevole stima» i costi effettivi possono risultare molto diversi.

42 Il mercato secondario 1. Lo sviluppo del mercato primario è la indispensabile premessa per il funzionamento del mercato secondario. I minibond sono oggetto di quotazione sul mercato. Essi potranno essere scambiati sul mercato secondario dopo l emissione. 2. E un vantaggio sia per l investitore che per l emittente: per l investitore, perché rende liquida (ossia smobilizzabile) una posizione altrimenti detenuta inesorabilmente fino a scadenza (e ciò ne riduce il profilo di rischio e dunque il rendimento richiesto); per l emittente, che vedrà una maggiore domanda di titoli sul primario (maggiori finanziamenti) a costi più bassi (si annulla il premio di liquidità). 42

43 Andamento degli spread Che cosa accade sul mercato secondario? Quali sono gli effetti per l emittente e per l investitore? 43

44 Andamento degli spread Che cosa accade sul mercato secondario? Quali sono gli effetti per l emittente e per l investitore? 44

45 Il ruolo dei «Credit Funds» Localizzazione delle medie imprese industriali italiane nel 2011 (ultimo censimento)

46 Criticità e Driver dei Minibond Le emissioni di dimensione molto piccola (cioè di 5 10 mln) presentano : criticità che le rendono meno appetibili agli investitori istituzionali tradizionali ma anche.. «driver» adatti a una tipologia di investitori che stanno iniziando a diffondersi anche in Italia: i Credit Funds CRITICITA Assenza di rating di S&P / Moody s / Fitch Scarsa liquidità dell emissione Impresa con dimensione di fatturato limitata Necessità di analisi creditizia approfondita e attenta ai fattori andamentali Assenza di benchmark di riferimento per l asset class DRIVER Possibilità di rating da Agenzie nazionali specializzate su PMI (Cerved/CRIF) Investimento con una logica di lungo termine e un premio di rendimento adeguato In molti casi un ottimo profilo creditizio basato su brand, export e leadership di mercato Uso di modelli di credito sofisticati / Advisor Accesso ad una nuova asset class finora riservata alle banche 46

47 Alcuni Credit Funds Annunciati Muzinich : Italian Opportunities Fund dimensione del Fondo : 200 m società target : # 20 scadenza bond : 7-10 anni fatturato società target : fino a 500 mio Tenax Capital : Tenax Credit Opportunities Fund primo Fondo non armonizzato di diritto irlandese specializzato nel credito alle PMI autorizzato da Bankit alla distribuzione in Italia PPI Sgr / Prader Bank : Fondo Euregio Minibond Riello Investment Partners SGR : Fondo Impresa Italia dimensione del Fondo : 150 m fatturato società target : m Mediobanca / Duemme SGR dimensione del Fondo : 100 m MPS / Finint dimensione del Fondo : 150 m società target : # 50 scadenza bond : 7 anni 47

48 Caratteristiche di un Fondo Minibond : Euregio Forma Giuridica : Fondo comune di investimento mobiliare di diritto italiano di tipo chiuso e riservato a Investitori Qualificati Oggetto : Investimento in un Portafoglio di Obbligazioni Ordinarie, Cambiali Finanziarie e Obbligazioni Partecipative emesse prevalentemente da imprese localizzate in Trentino Alto Adige Finalità : Incentivare le PMI locali a raccogliere capitale di debito mediante l emissione di Strumenti Finanziari Obiettivo della Gestione: Generazione di reddito e apprezzamento del valore capitale del Portafoglio nel medio lungo periodo Ammontare Totale : 100 M attualmente in fase di raccolta (First Closing : 50 M) Importo Minimo di Sottoscrizione : 250 k Scadenza Finale del Fondo: 10 Anni SGR incaricata della Gestione : Pensplan Invest SGR Management Fee : 0,75% Advisor e Collocatore : Prader Bank Advisory Fee : 0,50% Banca Depositaria: BNP Paribas Securities Services 48

49 Ruggero Bertelli Professore Associato di Economia degli Intermediari Finanziari presso la Facoltà di Economia dell Università di Siena Corso di «Gestione dei Rischi di Credito» Membro del CdA e Vice Presidente di PraderBank Membro dell Organismo di Sorveglianza del Fondo Pensione Azimut Previdenza Responsabile scientifico di exponential srl per la consulenza e la formazione Consulente di risk management e di asset management Pubblicazioni più recenti : «Sette in condotta» (2012), Il Sole 24 Ore SPA con P. Martini «Io voglio vincere» (2011), RCS Quotidiani SPA «Hedge Fund, Financial Leverage and the 2008 Systematic Crisis: Are They Victims or Killers» (2010), in : The Banking Crisis Handbook, CRC Press, New York, USA «Attuazione della MIFID. Cultura della compliance e consulenza finanziaria "diffusa": i rischi di una contraddizione» (2009), Bancaria Editrice «I limiti del VaR nella gestione attiva a controllo di rischio» (2008), Banca & Finanza «Rischi e opportunità del mercato azionario alla luce degli eventi recenti: una prospettiva di lungo periodo» (2008), Banca & Finanza «Rischi e opportunità del mercato azionario: che cosa insegna la storia della crisi del 1929» (2008), Banca & Finanza «Vincoli di shortfall e ottimizzazione di portafoglio in diversi orizzonti temporali» (2008), Banca & Finanza con E. Linguanti «Analisi finanziaria e gestione di portafoglio» (2008), Franco Angeli 49

50 Davide Bray Esperienza di ventisette anni sui mercati finanziari nell origination e nella distribuzione di operazioni e di strumenti di capital market corporate finance risk management asset management su primaria clientela corporate, finanziaria e istituzionale con ruoli senior in banche di investimento internazionali Royal Bank of Scotland, Managing Director, Head of Financial Institutions Italy ( ) Prudential Bache, Managing Director, Head of Institutional Sales ( ) The Chase Manhattan Bank, Vice President, Relationship Manager; Sales; Credit Analyst ( ) Amministratore della società di consulenza Convexity srl Iscritto all Albo dei Promotori Finanziari dal 1994 Diplomato presso la Scuola di Specializzazione in Discipline Economiche e Bancarie dell Università di Siena 50

51 AVVERTENZE Le informazioni contenute in questo documento hanno carattere confidenziale e sono ad uso esclusivo del destinatario. Pertanto il contenuto del presente documento non va divulgato senza l approvazione preventiva scritta di Ruggero Bertelli e di Davide Bray («gli Autori»). Tutto il presente documento è di esclusiva proprietà degli Autori. Pertanto il contenuto di questo documento non può essere modificato in alcun modo, né esso può essere pubblicato,ritrasmesso, venduto, copiato, distribuito o mostrato, né ne possono essere creati estratti, senza l approvazione preventiva scritta degli Questo documento è stato redatto dagli Autori esclusivamente a scopo informativo. Il documento non ha carattere di offerta, invito ad offrire, o di messaggio promozionale finalizzato all acquisto, alla vendita o alla sottoscrizione di strumenti/prodotti finanziari di qualsiasi genere. In particolare, il presente documento non costituisce consulenza in materia di investimenti, né raccomandazione, né ricerca in materia di investimenti. Esso non è inteso a raccomandare o a proporre, in maniera esplicita o implicita, una strategia di investimento in merito ad uno o più strumenti finanziari o agli emittenti di tali strumenti finanziari. Le informazioni contenute nel presente documento si basano su fonti ritenute attendibili, tuttavia non è stata effettuata una verifica indipendente della loro veridicità o correttezza. Conseguentemente, nessuna dichiarazione o garanzia, espressa o implicita, è fornita, né alcun affidamento può essere fatto riguardo alla precisione, completezza o correttezza delle informazioni e delle opinioni contenute in questo documento. Quanto ai riferimenti agli aspetti fiscali qui contenuti, va rilevato che i livelli e le basi di tassazione su cuiilpresente elaborato è basato sono suscettibili di cambiamenti e possono incidere sul valore dell investimento. 51

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND Introduzione ai MINI BOND AGENDA Mini bond: una nuova opportunità per le imprese Mini bond: inquadramento normativo, definizione, caratteristiche e beneficiari Motivazioni all emissione Vantaggi e svantaggi

Dettagli

Agenda. "MINI GREEN BOND" in Italia, un nuovo canale di finanziamento. 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap

Agenda. MINI GREEN BOND in Italia, un nuovo canale di finanziamento. 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap "MINI GREEN BOND" in Italia, un nuovo canale di finanziamento Eugenio de Blasio Milano, 9 maggio 2014 Agenda 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap 2. I Mini Bond ed il segmento ExtraMOT PRO: un

Dettagli

MINIBOND Il mercato dei capitali si apre alle PMI

MINIBOND Il mercato dei capitali si apre alle PMI MINIBOND Il mercato dei capitali si apre alle PMI Catania - 30 Maggio 2014 ADB Analisi Dati Borsa Consulenza di Investimento Attiva a Torino dal 1985, ADB offre alla propria selezionata Clientela servizi

Dettagli

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI AIFI Imprese e finanza: idee per la ripresa a confronto Confindustria Genova Club Finanza 2015 Il mercato dei fondi di private debt Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI Genova,

Dettagli

Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance

Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance Mario Gabbrielli Paolo Chiappa Davide D Affronto Lucia Fracassi Mini Bond Principali obiettivi La svolta dei mini bond facilitare e rendere più conveniente

Dettagli

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Camera dei Deputati VI Commissione Finanze Audizione del Direttore Generale Pianificazione, Immobiliare e Diversificate Gruppo Unipol

Dettagli

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE MINI BOND ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE CONTESTO DI RIFERIMENTO Nelle imprese italiane sono sovente riscontrabili bassi livelli di patrimonializzazione. Questo fenomeno porta quasi sempre a una

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

Vademecum per l emissione di minibond. In collaborazione con

Vademecum per l emissione di minibond. In collaborazione con Vademecum per l emissione di minibond In collaborazione con Perchè un crescente numero di PMI sceglie il minibond? Accedere ad un canale di finanziamento extra bancario totalmente nuovo Nessuna diluizione

Dettagli

I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario 37 SIGEP: l arte del gusto italiano nel mondo

I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario 37 SIGEP: l arte del gusto italiano nel mondo Il mercato dei capitali per la filiera del gelato I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario 37 SIGEP: l arte del gusto italiano nel mondo Rimini, 26 gennaio

Dettagli

Focus sulla finanza della PMI: Linee guida per una corretta strutturazione della provvista Confindustria Genova, 13 giugno 2013

Focus sulla finanza della PMI: Linee guida per una corretta strutturazione della provvista Confindustria Genova, 13 giugno 2013 Focus sulla finanza della PMI: Linee guida per una corretta strutturazione della provvista Confindustria Genova, 13 giugno 2013 Leonardo Frigiolini - AD Unicasim SpA Piazza De Ferrari, 2 - Genova info@unicasim.it

Dettagli

Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia

Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia Prato, 14 maggio 2015 Lo scenario Il contesto italiano si caratterizza per una diffusa sottocapitalizzazione delle imprese,

Dettagli

La destinazione del patrimonio dei prodotti del Risparmio Gestito al finanziamento delle PMI

La destinazione del patrimonio dei prodotti del Risparmio Gestito al finanziamento delle PMI dei prodotti del Risparmio Gestito 5 dicembre 2013 Alessandro Rota 1. I nodi della struttura finanziaria delle imprese italiane 2. Le iniziative per incrementare il ricorso al mercato... del capitale di

Dettagli

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI Indice Premessa situazione del mercato creditizio Contesto Normativo Minibond Cosa sono Vantaggi svantaggi Il mercato dei minibond Processo

Dettagli

Il Gruppo Consultinvest

Il Gruppo Consultinvest Il Gruppo Consultinvest viene fondato nel 1988 per iniziativa di operatori qualificati del settore finanziario e di imprenditori modenesi attualmente presenti attivamente nella compagine sociale. Nel 2001

Dettagli

Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate

Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate MiniBond e Rischi di Credito Mario Bottero MiniBond Specialist Milano, 11 Giugno 2014 Analisi e valutazione del rischio di credito

Dettagli

Indice. Una considerazione conclusiva. Universo investibile Rappresentazione sintetica del processo Livelli valutativi. Solidità Rischio insolvenza

Indice. Una considerazione conclusiva. Universo investibile Rappresentazione sintetica del processo Livelli valutativi. Solidità Rischio insolvenza EUREGIO MINIBOND Indice PensPlan Invest SGR Key terms del Fondo Attuali investitori Portafoglio del Fondo Breakdown del portafoglio Indici economico finanziari degli emittenti in portafoglio Processo di

Dettagli

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Chi siamo Consulenza di Investimento ADB Analisi Dati Borsa mette a disposizione dei suoi Clienti il know-how

Dettagli

I MiniBond come nuovo strumento di finanziamento alle imprese

I MiniBond come nuovo strumento di finanziamento alle imprese I MiniBond come nuovo strumento di finanziamento alle imprese Cuneo - 25 Novembre 2014 ADB Analisi Dati Borsa SpA Consulenza di Investimento Clienti Analisi Dati Borsa SpA è una società di consulenza in

Dettagli

I mini Bond e la riforma del decreto Destinazione Italia

I mini Bond e la riforma del decreto Destinazione Italia Ministero dello Sviluppo economico I mini Bond e la riforma del decreto Destinazione Italia Stefano Firpo Capo della Segreteria Tecnica del Ministro Roma, 4 marzo 2014 Le imprese italiane sono troppo dipendenti

Dettagli

Fondo Progetto MiniBond Italia

Fondo Progetto MiniBond Italia Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Giovanni Scrofani Responsabile Fondo Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo Zenit SGR - Promotore e gestore Zenit SGR è una Società di Gestione

Dettagli

Ordine DCEC PD-4/06/2014 Cambiali finanziarie, Mini-bond ed Equity Crowdfunding: istruzioni per l uso (Parte 1)

Ordine DCEC PD-4/06/2014 Cambiali finanziarie, Mini-bond ed Equity Crowdfunding: istruzioni per l uso (Parte 1) Ordine DCEC PD-4/06/2014 Cambiali finanziarie, Mini-bond ed Equity Crowdfunding: istruzioni per l uso (Parte 1) Il mercato EXTRAMOT-PRO Il ruolo del professionista DOTT. PIERLUIGI RIELLO SOMMARIO LE DIMENSIONI

Dettagli

Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie

Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie Università Bocconi di Milano Milano, 25 novembre 2014 RENZO PARISOTTO PREMESSE: il sistema

Dettagli

La normativa introdotta dal Decreto Sviluppo 2012: nuove forme di reperimento dei capitali alternative all indebitamento bancario

La normativa introdotta dal Decreto Sviluppo 2012: nuove forme di reperimento dei capitali alternative all indebitamento bancario Ministero dello Sviluppo economico La normativa introdotta dal Decreto Sviluppo 2012: nuove forme di reperimento dei capitali alternative all indebitamento bancario Francesco Pacifici Segreteria Tecnica

Dettagli

Ruolo e impatto dei Mini-bond sulla gestione finanziaria delle imprese

Ruolo e impatto dei Mini-bond sulla gestione finanziaria delle imprese Milano 18 dicembre 2013 Mini-bond Meeting Ruolo e impatto dei Mini-bond sulla gestione finanziaria delle imprese Giancarlo Giudici Politecnico di Milano School of Management giancarlo.giudici@polimi.it

Dettagli

La piattaforma MiniBond di BPVi

La piattaforma MiniBond di BPVi La piattaforma MiniBond di BPVi Una nuova opportunità di finanziamento per le PMI Italiane Ottobre 2014 2 MiniBond QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO La riforma introdotta dal decreto legge n. 83/2012, convertito

Dettagli

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana Fondo Minibond Fondo Zenit Minibond Fondo obbligazionario per investire nello sviluppo delle PMI italiane La finanza italiana al servizio dell economia italiana - Sommario I Partners Il Network Le nostre

Dettagli

Le recenti crisi hanno evidenziato alcune debolezze nella struttura finanziaria delle imprese italiane

Le recenti crisi hanno evidenziato alcune debolezze nella struttura finanziaria delle imprese italiane www.fabfinance.eu Le recenti crisi hanno evidenziato alcune debolezze nella struttura finanziaria delle imprese italiane Andamento della capacità delle imprese di autofinanziamento (valori percentuali)*

Dettagli

SEDE. 00187 ROMA VIA LOMBARDIA 30 TEL. 06.42.035.91 FAX 06.484.704 e-mail: uilca@uilca.it pagina web: www.uilca.it. I minibond:

SEDE. 00187 ROMA VIA LOMBARDIA 30 TEL. 06.42.035.91 FAX 06.484.704 e-mail: uilca@uilca.it pagina web: www.uilca.it. I minibond: SEDE 00187 ROMA VIA LOMBARDIA 30 TEL. 06.42.035.91 FAX 06.484.704 e-mail: uilca@uilca.it pagina web: www.uilca.it UILCA UIL CREDITO, ESATTORIE E ASSICURAZIONI Aderente a Uni Global Union UFFICIO STUDI

Dettagli

I mini bond del Decreto Sviluppo 2012: una asset class innovativa

I mini bond del Decreto Sviluppo 2012: una asset class innovativa STRESA, 27-28 NOVEMBRE 2013 - GRAND HOTEL DES ILES BORROMÉES I mini bond del Decreto Sviluppo 2012: una asset class innovativa Filippo Di Naro Amministratore Delegato e Responsabile Investimenti Agenda

Dettagli

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI A cura della Dott.ssa Paola D'Angelo Manager, BP&A Finance and Business Consulting E-mail: paoladangelo@bpeassociati.it Ufficio: +39.0734.281411 Mobile: +39.393.1706394

Dettagli

seminario online MINIBOND PER CRESCERE Emettere obbligazioni per finanziare i progetti di sviluppo Relatori: Andrea Crovetto (Epic) e Andrea Silvello

seminario online MINIBOND PER CRESCERE Emettere obbligazioni per finanziare i progetti di sviluppo Relatori: Andrea Crovetto (Epic) e Andrea Silvello seminario online MINIBOND PER CRESCERE Emettere obbligazioni per finanziare i progetti di sviluppo Relatori: Andrea Crovetto (Epic) e Andrea Silvello (MiniBondItaly.it) Agenda 1 Un nuovo modello di finanziamento

Dettagli

COME SUPPORTARE LA PICCOLA MEDIA IMPRESA VENETA ATTRAVERSO GLI STRUMENTI FINANZIARI INNOVATIVI

COME SUPPORTARE LA PICCOLA MEDIA IMPRESA VENETA ATTRAVERSO GLI STRUMENTI FINANZIARI INNOVATIVI COME SUPPORTARE LA PICCOLA MEDIA IMPRESA VENETA ATTRAVERSO GLI STRUMENTI FINANZIARI INNOVATIVI Venerdì, 16 Gennaio Altavilla Vicentina Centro Congressi Fondazione CUOA Villa Valmarana Morosini Esempio

Dettagli

MINI BOND NUOVA FINANZA ALLE IMPRESE

MINI BOND NUOVA FINANZA ALLE IMPRESE 2 Indice Background Il Decreto Sviluppo 2012 ha introdotto una serie di provvedimenti studiati su misura per le PMI non quotate: Cambiali Finanziarie : strumento di funding a breve termine; MiniBond (obbligazioni)

Dettagli

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende LO SCENARIO MINI BOND Il Decreto Sviluppo ed il Decreto Sviluppo bis del 2012, hanno introdotto importanti novità a favore delle società

Dettagli

MINIBOND IL MERCATO ITALIANO E LA FIGURA DEL FINANCIAL ADVISOR

MINIBOND IL MERCATO ITALIANO E LA FIGURA DEL FINANCIAL ADVISOR S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La disintermediazione del credito alle imprese Riflessi ed opportunità per il dottore commercialista MINIBOND IL MERCATO ITALIANO E LA FIGURA DEL FINANCIAL

Dettagli

I mini-bond come strumento alternativo di finanziamento

I mini-bond come strumento alternativo di finanziamento I mini-bond come strumento alternativo di finanziamento Topic CFO - BAA Bocconi Finanziare lo sviluppo con i Minibond Maurizio Belli Financial Innovations Milano, 8 maggio 2014 Milano Via Filippo Turati,

Dettagli

LE POLICY SUI MINIBOND:

LE POLICY SUI MINIBOND: I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 LE POLICY SUI MINIBOND: ESPERIENZE E TENDENZE DISVILUPPO Dr. Antonio Bartoloni Direzione

Dettagli

Opportunità di finanziare lo sviluppo con i mini-bond. Sergio Ferrarini e Stefano Visalli

Opportunità di finanziare lo sviluppo con i mini-bond. Sergio Ferrarini e Stefano Visalli Opportunità di finanziare lo sviluppo con i mini-bond Sergio Ferrarini e Stefano Visalli Lucca, 24 aprile 2014 Agenda 1 Opportunità di finanziarsi in minibond attraverso Epic 2 Come funziona? Una dimostrazione

Dettagli

NUOVI STRUMENTI E IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA A SUPPORTO DELLE IMPRESE

NUOVI STRUMENTI E IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA A SUPPORTO DELLE IMPRESE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La disintermediazione del credito alle imprese NUOVI STRUMENTI E IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA A SUPPORTO DELLE IMPRESE ANDREA CROVETTO C.E.O. Epic

Dettagli

Linee Guida sui Minibond

Linee Guida sui Minibond Linee Guida sui Minibond 1 LINEE GUIDA SUI MINIBOND INDICE Premessa e scenario di riferimento I nuovi strumenti di debito per le imprese: i minibond 1. Cosa sono i minibond 2. Chi può emettere minibond:

Dettagli

Debito PMI: la nascita di una nuova assetclasse il ruolo degli investitori istituzionali italiani

Debito PMI: la nascita di una nuova assetclasse il ruolo degli investitori istituzionali italiani Roma 22 ottobre 2013 Debito PMI: la nascita di una nuova assetclasse il ruolo degli investitori istituzionali italiani Davide Squarzoni Direttore Generale riservatezza Questo documento è la base per una

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

MINI BOND: PROFILI LEGALI E REGOLAMENTARI

MINI BOND: PROFILI LEGALI E REGOLAMENTARI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO INTERMEDIARI E IMPRESA-UNA NUOVA FORMA DI FINANZIAMENTO: IL «MINI BOND» MINI BOND: PROFILI LEGALI E REGOLAMENTARI NUNZIA MELACCIO Commissione Banche e Intermediari

Dettagli

Giovanni Sabatini Direttore Generale ABI

Giovanni Sabatini Direttore Generale ABI BOZZA La riforma dei mini-bond. Quali opportunità per le PMI Giovanni Sabatini Direttore Generale ABI Roma, 4 marzo 2014 - Confindustria Le banche italiane ed il credit crunch Impieghi bancari alle imprese

Dettagli

Nuovi Strumenti di Finanziamento per le Imprese.

Nuovi Strumenti di Finanziamento per le Imprese. Nuovi Strumenti di Finanziamento per le Imprese. Giorgio De Donno - Banca Sella Napoli, 15 luglio 2014 1 Agenda 1. Il contesto 2. Strumenti alternativi di credito 3. Il ruolo delle banche 2 1 IL CONTESTO

Dettagli

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE CHIUSO RISERVATO AD INVESTITORI QUALIFICATI PROGETTO MINIBOND ITALIA

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE CHIUSO RISERVATO AD INVESTITORI QUALIFICATI PROGETTO MINIBOND ITALIA FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE CHIUSO RISERVATO AD INVESTITORI QUALIFICATI PROGETTO MINIBOND ITALIA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ZENIT SGR S.p.A. Società sottoposta all attività di direzione

Dettagli

EUREGIO MINIBOND. --- Florian Schwienbacher. Workshop Gli investitori incontrano le imprese. Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 EUREGIO MINIBOND

EUREGIO MINIBOND. --- Florian Schwienbacher. Workshop Gli investitori incontrano le imprese. Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 EUREGIO MINIBOND Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Florian Schwienbacher Euregio Minibond managed by PensPlan Invest SGR arranged and advised by PRADER BANK Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

IL MERCATO DEI MINIBOND: E COSTI CONNESSI ALL EMISSIONE

IL MERCATO DEI MINIBOND: E COSTI CONNESSI ALL EMISSIONE I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15 Luglio 2015 IL MERCATO DEI MINIBOND: PROSPETTIVE, PRICING E COSTI CONNESSI ALL EMISSIONE Prof. Raffaele

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana Fondo Minibond Fondo Zenit Minibond Fondo obbligazionario per investire nello sviluppo delle PMI italiane La finanza italiana al servizio dell economia italiana -Zenit SGR, i nostri valori INDIPENDENTI

Dettagli

Nuove forme di finanziamento

Nuove forme di finanziamento Nuove forme di finanziamento Capital Market Marzo 2014 Strettamente riservato e confidenziale Agenda Il contesto macroeconomico Debt Capital Market Equity Capital Market 2 Il contesto macroeconomico DINAMICA

Dettagli

MUZINICH ITALIAN PRIVATE DEBT

MUZINICH ITALIAN PRIVATE DEBT Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Valeria Lattuada MUZINICH ITALIAN PRIVATE DEBT Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo Muzinich & Co. è una società di asset management istituzionale

Dettagli

CAMBIALI FINANZIARIE E MINIBOND ISTRUZIONI PER L USO

CAMBIALI FINANZIARIE E MINIBOND ISTRUZIONI PER L USO CAMBIALI FINANZIARIE E MINIBOND ISTRUZIONI PER L USO La disciplina civilistica e fiscale delle cambiali finanziarie, delle obbligazioni e dei titoli similari è stata oggetto di importanti modifiche, introdotte

Dettagli

Private Debt: un mercato in crescita Filippo Di Naro Amministratore Delegato e Responsabile Investimenti

Private Debt: un mercato in crescita Filippo Di Naro Amministratore Delegato e Responsabile Investimenti Private Debt: un mercato in crescita Filippo Di Naro Amministratore Delegato e Responsabile Investimenti Agenda 1. Il Contesto Economico 2. Il Mercato dei cd. «Minibond» 3. Gli Attori Coinvolti 4. Conclusioni

Dettagli

Funding & Capital Markets Forum 2016 Sessione Parallela C1 - Le emissioni obbligazionarie da parte delle PMI

Funding & Capital Markets Forum 2016 Sessione Parallela C1 - Le emissioni obbligazionarie da parte delle PMI Funding & Capital Markets Forum 2016 Sessione Parallela C1 - Le emissioni obbligazionarie da parte delle PMI Cristiano Galli Milano, 12 maggio 2016 Agenda I II III IV Il contesto di riferimento: ipotesi

Dettagli

IL RATING COME PASSAPORTO

IL RATING COME PASSAPORTO I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL RATING COME PASSAPORTO PER IL MERCATO DEI CAPITALI Dr. Mauro Alfonso Amministratore Delegato

Dettagli

CORPORATE FINANCE. Consulenza di Investimento dal 1985

CORPORATE FINANCE. Consulenza di Investimento dal 1985 CORPORATE FINANCE Consulenza di Investimento dal 1985 ADB Analisi Dati Borsa SpA ADB - Analisi Dati Borsa SpA è una società di Consulenza in materia di Investimenti, fondata nel 1985 a Torino. Offre servizi

Dettagli

PROBLEMATICHE GIURIDICHE DEI MINIBOND E DEI FONDI IN MINIBOND

PROBLEMATICHE GIURIDICHE DEI MINIBOND E DEI FONDI IN MINIBOND PROBLEMATICHE GIURIDICHE DEI MINIBOND E DEI FONDI IN MINIBOND 17 marzo 2016 Domande.. Cosa si intende per minibond? Sono obbligazioni corporate o strumenti di debito a medio-lungo termine; consentono alle

Dettagli

DECRETO SVILUPPO: UN ANNO DOPO

DECRETO SVILUPPO: UN ANNO DOPO Ministero dello Sviluppo economico DECRETO SVILUPPO: UN ANNO DOPO Francesco Pacifici Segreteria Tecnica del Ministro Ancona, 2 dicembre 2013 Le imprese devono diversificare le proprie fonti di finanziamento

Dettagli

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Centrobanca Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Università Commerciale L. Bocconi Milano, 14 Giugno 2012 Massimo Capuano Amministratore Delegato, Centrobanca Executive Summary Il Project

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario

I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario Settembre, 2014 Agenda o La disciplina dei "mini bond" o Il mercato ExtraMOT PRO o Alcune riflessioni: trend e

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

ALTERNATIVE DI ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI CAMPANE Strumenti di ottimizzazione della tesoreria e della finanza aziendale

ALTERNATIVE DI ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI CAMPANE Strumenti di ottimizzazione della tesoreria e della finanza aziendale ALTERNATIVE DI ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI CAMPANE Strumenti di ottimizzazione della tesoreria e della finanza aziendale Focus sulle azioni di miglioramento della gestione finanziaria dell azienda in

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

Come e perché investire nei Minibond

Come e perché investire nei Minibond Come e perché investire nei Minibond 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Il mercato dei capitali in ITALIA 180% Capitalizzazione mercato azionario (%PIL) 35,0% Incidenza dei prestiti

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Aprile 2014 Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Piergiorgio Leofreddi e Azzurra Campari, Simmons & Simmons Il presente articolo si propone di analizzare alcuni

Dettagli

Evento ABI 10 Ottobre 2013

Evento ABI 10 Ottobre 2013 Evento ABI Il punto di partenza: il debito finanziario delle aziende è di natura bancaria Finanziamenti alle imprese per provenienza (quota % sulle consistenze a fine 2012; fonte: BCE, Fed) Prestiti bancari

Dettagli

Minibond Un opportunità sfidante per le imprese italiane

Minibond Un opportunità sfidante per le imprese italiane Minibond Un opportunità sfidante per le imprese italiane Aggiornamento: ottobre 2014 Contenuti del documento 2 AGENDA Lo scenario Le novità normative: dal Decreto Sviluppo al DM 5/06/2014 Quali vantaggi

Dettagli

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A ZERO COUPON Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese Le scelte per la media impresa tra debito e capitale MILANO, 11 Novembre

Dettagli

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013 Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI Giovanni Guazzarotti Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario

Dettagli

Workshop Gli investitori incontrano le imprese. --- Gabriele Casati ANTARES AZ I. Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 ANTARES AZ I

Workshop Gli investitori incontrano le imprese. --- Gabriele Casati ANTARES AZ I. Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 ANTARES AZ I Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Gabriele Casati Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo Antares AZ I è un fondo d investimento mobiliare chiuso riservato a Investitori Qualificati

Dettagli

Obbligazioni a Tasso Fisso 4,00% 2012/2014

Obbligazioni a Tasso Fisso 4,00% 2012/2014 CONDIZIONI DEFINITIVE relative all Offerta Obbligazioni a Tasso Fisso 4,00% 2012/2014 Codice ISIN IT0004813181 ai sensi del programma di prestiti obbligazionari Obbligazioni a Tasso Fisso con eventuale

Dettagli

I canali extrabancari per supportare la crescita e il finanziamento alle imprese. Vincenzo Bruni EY

I canali extrabancari per supportare la crescita e il finanziamento alle imprese. Vincenzo Bruni EY I canali extrabancari per supportare la crescita e il finanziamento alle imprese Vincenzo Bruni EY Il mercato del credito alle imprese in Italia 1.Da fine 2011 calo costante dei prestiti alle imprese italiane

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede Legale in Corso San Giorgio, 36 64100 Teramo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5174 Capitale Sociale Euro 50.000.000,00 i.v. N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Teramo 00075100677 CONDIZIONI

Dettagli

L offerta di Borsa Italiana per le PMI

L offerta di Borsa Italiana per le PMI L offerta di Borsa Italiana per le PMI Paola Fico Responsabile Regolamentazione Emittenti quotati Borsa Italiana London Stock Exchange Group Convegno di studi Università di Macerata 14 Novembre 2014 I

Dettagli

LA SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

LA SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO LA SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO Oggetto sociale, capitale e soci La SGR esercita, nell interesse dei sottoscrittori del Fondo (partecipanti) e nel rispetto delle vigenti disposizioni normative e regolamentari

Dettagli

Pillole Informative. I minibond La novità normativa

Pillole Informative. I minibond La novità normativa Pillole Informative I minibond La novità normativa I minibond. La novità normativa Il decreto Destinazione Italia, completa il percorso del Decreto Sviluppo sul tema degli strumenti finanziari a favore

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede Legale in Corso San Giorgio, 36 64100 Teramo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5174 Capitale Sociale Euro 50.000.000,00 i.v. N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Teramo 00075100677 CONDIZIONI

Dettagli

Modello di Business e Servizi di Consulenza

Modello di Business e Servizi di Consulenza Modello di Business e Servizi di Consulenza L Advisor Finanziario specializzato nell Analisi Fondamentale e nel Rischio di Credito Crediamo nella supremazia della Conoscenza. Crediamo nelle forza delle

Dettagli

La nuova disciplina delle cambiali finanziarie e il ruolo dello sponsor

La nuova disciplina delle cambiali finanziarie e il ruolo dello sponsor La nuova disciplina delle cambiali finanziarie e il ruolo dello sponsor PARADIGMA Srl Nuovi strumenti di finanziamento per le società non quotate Milano,10 e 11 ottobre 2012 Indice L iter parlamentare

Dettagli

Metodologia Rating di emissione

Metodologia Rating di emissione Metodologia Rating di emissione giugno 2014 SOMMARIO IL RATING - DEFINIZIONI...3 CERVED GROUP RATING... 3 IL RATING di emissione... 3 LA SCALA DI RATING...3 METODOLOGIA DI RATING DI EMISSIONE...5 Ambito

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Finanza agevolata, bandi, credito d'imposta INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Castellanza, LIUC - Università Cattaneo 2 ottobre 2014 INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO PRINCIPI:

Dettagli

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Michele Boccia Responsabile Istituzionali Italia Eurizon Capital Sgr Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset

Dettagli

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO Agenzie di Rating: società indipendenti che esprimono giudizi (rating) relativi al merito creditizio degli strumenti finanziari di natura

Dettagli

Bisogno di investimento del risparmio

Bisogno di investimento del risparmio Bisogno di investimento del risparmio Domanda e Offerta di strumenti di investimento del risparmio Bisogno di investimento Strumenti bancari (contratti bilaterali) depositi tempo; PcT; CD Strumenti di

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE relative all Offerta

CONDIZIONI DEFINITIVE relative all Offerta CONDIZIONI DEFINITIVE relative all Offerta OBBLIGAZIONI STEP UP CON FACOLTA DI RIMBORSO ANTICIPATO A FAVORE DELL EMITTENTE 2011-2016 Codice ISIN IT0004675390 ai sensi del programma di prestiti obbligazionari

Dettagli

Workshop ANIA. 26 novembre 2014

Workshop ANIA. 26 novembre 2014 Workshop ANIA 1 26 novembre 2014 Introduzione Che cosa sono i Minibond Per Minibond si intendono obbligazioni di importi più ridotti rispetto a quelli delle operazioni pubbliche effettuati da parte di

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013 IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

Dettagli

Presentazione istituzionale

Presentazione istituzionale Presentazione istituzionale Novembre 2014 Milano Via Turati, 9-20121 info@advamsgr.com tel. 02 620808 fax 02 874984 www.advamsgr.com Indice La carta d identità La storia e le competenze La governance e

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

Convegno CAREFIN. Struttura del funding delle banche e asset encumbrance: il punto di vista di un risk manager. Milano - 31 Gennaio 2013

Convegno CAREFIN. Struttura del funding delle banche e asset encumbrance: il punto di vista di un risk manager. Milano - 31 Gennaio 2013 Struttura del funding delle banche e asset encumbrance: il punto di vista di un risk manager Convegno CAREFIN Milano - 31 Gennaio 2013 Davide Alfonsi Resp. Direzione Risk Management, Intesa Sanpaolo Agenda

Dettagli