La nuova normativa segnaletica in materia di rischio di credito, di controparte e tecniche di attenuazione del rischio di credito

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La nuova normativa segnaletica in materia di rischio di credito, di controparte e tecniche di attenuazione del rischio di credito"

Transcript

1 La nuova normativa segnaletica in materia di rischio di credito, di controparte e tecniche di attenuazione del rischio di credito Assilea, Assifact, Assofin Le nuove disposizioni di Vigilanza della Banca d Italia per le Banche e gli Intermediari Finanziari dell Elenco Speciale Milano, 14 aprile 2008 Dott. Luca Serafini Banca d Italia Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Vigilanza Creditizia e Finanziaria

2 LA TABELLA SULLE ATTIVITÀ DI RISCHIO ATTIVITÀ DI RISCHIO Tipo importo Fattore di ponderazione Fattore di conversione Portafoglio 1. Esposizioni verso o garantite da amministrazioni centrali e banche centrali 80-83/89/3 x x - 2. Esposizioni verso o garantite da enti territoriali 80-83/89/3 x x - 3. Esposizioni verso o garantite da enti senza scopo di lucro ed enti del settore pubblico 80-83/89/3 x x - 4. Esposizioni verso o garantite da banche multilaterali di sviluppo 80-83/89/3 x x - 5. Esposizioni verso o garantite da organizzazioni internazionali 80-83/89/3 x x - 6. Esposizioni verso o garantite da intermediari vigilati 80-83/89/3 x x - 7. Esposizioni verso o garantite da imprese 80-83/89/3 x x - 8. Esposizioni al dettaglio 80-83/89/3 x x - 9. Esposizioni garantite da immobili 80/82-83/3 x x Esposizioni scadute 80-83/89/3 x x Esposizioni ad alto rischio 80/82-83/89/3 x x Esposizioni sotto forma di obbligazioni bancarie garantite 80/82-83/3 x x Esposizioni a breve termine verso imprese 80-83/89/3 x x Esposizioni verso organismi di investimento collettivo del risparmio (OICR) 80/82-83/89/3 x x Altre esposizioni 80/82-83/3 x x Totale attività di rischio 16.1 Attività di rischio per cassa 80/82/3 - - x 16.2 Garanzie rilasciate e impegni a erogare fondi 80-83/3 - - x 16.3 Contratti derivati 89/82/3 - - x 16.4 Operazioni SFT e operazioni con regolamento a lungo termine 80-82/89/3 - - x 16.5 Compensazione tra prodotti diversi 89/3 - - x 2

3 LA TABELLA SULLE TECNICHE DI CRM q TECNICHE DI ATTENUAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO: AMMONTARE PROTETTO Tipo importo Portafoglio Tipo garanzia 1. STRUMENTI DI PROTEZIONE DEL CREDITO DI TIPO PERSONALE E REALE (METODO SEMPLIFICATO) Esposizioni garantite: 1.1 Attività di rischio per cassa 86 x x 1.2 Garanzie rilasciate e impegni a erogare fondi 86 x x 1.3 Contratti derivati 86 x x 1.4 Operazioni SFT e operazioni on regolamento a lungo termine 86 x x 2. STRUMENTI DI PROTEZIONE DEL CREDITO DI TIPO REALE metodo integrale Esposizioni garantite: 2.1 Attività di rischio per cassa 85 x 2.2 Garanzie rilasciate e impegni a erogare fondi 85 x 2.3 Contratti derivati 85 x 2.4 Operazioni SFT e operazioni con regolamento a lungo termine 85 x 3

4 LE RIGHE DELLA TABELLA: I PORTAFOGLI Amministrazioni centrali e banche centrali 1) Si applicano ponderazioni differenziate sulla base del rating attribuito da ECAI (external credit assessment institutions) scelte dalla banca e autorizzate dalla Banca d Italia 2) Qualora la banca non si avvalga di valutazioni rilasciate da ECAI ovvero le ECAI prescelte non abbiano attribuito un rating si applicano alternativamente: - ponderazioni differenziate sulla base delle valutazioni rilasciate dalla SACE o da altre ECA riconosciute (export credit agency) - un fattore di ponderazione del 100% 3) Le esposizioni verso le amministrazioni centrali e le banche centrali di Stati UE denominate nella valuta locale sono ponderate allo 0% se la provvista è denominata nella medesima valuta 4

5 LE RIGHE DELLA TABELLA: I PORTAFOGLI Enti territoriali 1) Si applica un fattore di ponderazione corrispondente alla classe di merito creditizio nella quale sono classificate le esposizioni verso l amministrazione centrale dello Stato cui gli enti appartengono ridotto di un livello (notch). Esempio: - fattore di ponderazione Italia 0% enti territ. Italia 20% - fattore di ponderazione Paese X 20% enti territ. X 50% N.B. Qualora la banca per il portafoglio Amministrazioni centrali e banche centrali non si avvalga di valutazioni rilasciate da ECAI ovvero le ECAI prescelte non abbiano attribuito un rating si applica un fattore di ponderazione del 100% (no ECA) 2) Nel caso in cui un Paese UE o G-10 applichi agli enti territoriali rientranti nella propria giurisdizione la ponderazione prevista per l amministrazione centrale alle banche è consentito applicare tale ponderazione. 5

6 LE RIGHE DELLA TABELLA: I PORTAFOGLI Enti senza scopo di lucro ed enti del settore pubblico 1) Agli enti del settore pubblico si applica un fattore di ponderazione corrispondente alla classe di merito creditizio nella quale sono classificate le esposizioni verso l amministrazione centrale dello Stato cui gli enti appartengono ridotto di un livello (notch). 2) La Banca d Italia può consentire l applicazione del fattore di ponderazione previsto per la rispettiva amministrazione centrale in presenza di un idonea garanzia da parte di tale ultima. N.B. Qualora la banca per il portafoglio Amministrazioni centrali e banche centrali non si avvalga di valutazioni rilasciate da ECAI ovvero le ECAI prescelte non abbiano attribuito un rating si applica un fattore di ponderazione del 100% (no ECA) (continua) 6

7 LE RIGHE DELLA TABELLA: I PORTAFOGLI Enti senza scopo di lucro ed enti del settore pubblico 3) Nel caso in cui un Paese UE o G-10 (ovvero di un altro Stato per il quale la Banca d Italia valuti vi sia un regime di vigilanza equivalente) applichi agli enti territoriali rientranti nella propria giurisdizione la ponderazione prevista per l amministrazione centrale alle banche è consentito applicare tale ponderazione. 4) Agli enti senza scopo di lucro si applica un fattore di ponderazione del 100%. (Rientrano in questo portafoglio le fondazioni bancarie di cui al d.lgs. 153/1999) 7

8 LE RIGHE DELLA TABELLA: I PORTAFOGLI Banche multilaterali di sviluppo 1) Si applicano ponderazioni differenziate sulla base del rating attribuito da ECAI scelte dalla banca e autorizzate dalla Banca d Italia 2) Qualora la banca non si avvalga di valutazioni rilasciate da ECAI ovvero le ECAI prescelte non abbiano attribuito un rating si applica la ponderazione del 50%. 3) Le interessenze azionarie, gli strumenti innovativi e non innovativi di capitale nonché gli altri strumenti ibridi e subordinati sono ponderati al 100 per cento (se non assoggettati ai rischi di mercato). 4) Le BMS cui oggi si applica la ponderazione del 20% con la nuova normativa sono ponderate allo 0% (cfr. elenco Circ. 263). 8

9 LE RIGHE DELLA TABELLA: I PORTAFOGLI Organizzazioni internazionali 1) Vi rientrano esclusivamente la Comunità europea, la Banca dei Regolamenti Internazionali e il Fondo Monetario Internazionale. 2) Si applica la ponderazione dello 0%. 9

10 LE RIGHE DELLA TABELLA: I PORTAFOGLI Intermediari vigilati 1) Si applica un fattore di ponderazione corrispondente alla classe di merito creditizio nella quale sono classificate le esposizioni verso l amministrazione centrale dello Stato nel quale gli intermediari hanno la sede principale ridotto di un livello (notch) N.B. Qualora la banca per il portafoglio Amministrazioni centrali e banche centrali non si avvalga di valutazioni rilasciate da ECAI ovvero le ECAI prescelte non abbiano attribuito un rating si applica un fattore di ponderazione del 100% (no ECA) 2) Vi rientrano le esposizioni nei confronti di: i) società di gestione di mercati regolamentati (borse) italiani ovvero riconosciuti ai sensi dell articolo 67, commi 1 e 2, del TUF; ii) società che gestiscono sistemi di garanzia, compensazione e liquidazione (stanze di compensazione) aventi a oggetto operazioni su strumenti finanziari effettuate su mercati regolamentati italiani ovvero su sistemi multilaterali di negoziazione gestiti da soggetti italiani. 10

11 LE RIGHE DELLA TABELLA: I PORTAFOGLI Intermediari vigilati ponderazioni particolari 1) Le esposizioni di una banca verso società del medesimo gruppo bancario aventi sede in Italia diverse da quelle di cui al punto 5 - sono ponderate allo zero per cento (se rispettate determinate condizioni). 2) Le esposizioni tra banche italiane aderenti a un medesimo sistema di tutela istituzionale sono ponderate allo zero per cento (se rispettate determinate condizioni) 3) Le esposizioni verso intermediari vigilati aventi durata originaria pari o inferiore a tre mesi sono ponderate al 20 per cento. 4) Le esposizioni connesse con gli obblighi ROB sono ponderate allo zero per cento. 5) Le interessenze azionarie, gli strumenti innovativi e non innovativi di capitale nonché gli altri strumenti ibridi e subordinati emessi da intermediari vigilati sono ponderati al 100 per cento se non dedotti dal patrimonio di vigilanza (se non assoggettati ai rischi di mercato). 11

12 LE RIGHE DELLA TABELLA: I PORTAFOGLI Imprese (corporate) 1) Vi rientrano le esposizioni nei confronti dei soggetti diversi da quelli di cui ai punti precedenti. 2) Si applicano ponderazioni differenziate sulla base del rating attribuito da ECAI scelte dalla banca e autorizzate dalla Banca d Italia 3) Qualora la banca non si avvalga di valutazioni rilasciate da ECAI ovvero le ECAI prescelte non abbiano attribuito un rating si applica la ponderazione del 100%. 4) La ponderazione non può comunque essere più favorevole rispetto a quella assegnata all amministrazione centrale dello Stato in cui l impresa ha sede. 5) Dal presente portafoglio sono esclusi: a) le azioni, gli strumenti innovativi di capitale, gli strumenti ibridi di patrimonializziazione e gli strumenti subordinati emessi da soggetti diversi dagli intermediari vigilati ; b) le esposizioni con rating specifico a breve termine attribuito da ECAI, che vanno allocate nel portafoglio esposizioni a breve termine verso imprese. 12

13 LE RIGHE DELLA TABELLA: I PORTAFOGLI Dettaglio (retail) Comprende le esposizioni vantate dalla banca o dal gruppo bancario: 1) verso persone fisiche e PMI (gruppo clienti connessi), diverse da titoli e derivati finanziari 2) di importo non superiore a 1 mln. di euro (limite da calcolare per le sole esposizioni per cassa: escludendo le esposizioni garantite da immobili residenziali e le esposizioni fuori bilancio ; includendo le esposizioni scadute; non tenendo conto degli effetti degli strumenti di protezione del credito di tipo reale e personale che eventualmente assistono le attività per cassa) 3) requisito di granularità: 1% del portafoglio (ai fini del rispetto di questa condizione non si tiene conto né dei fattori di conversione del credito delle attività fuori bilancio né degli effetti degli strumenti di protezione del credito di tipo reale e personale che eventualmente assistono le attività per cassa e fuori bilancio ) Si applica un fattore di ponderazione pari al 75%. 13

14 LE RIGHE DELLA TABELLA: I PORTAFOGLI Esposizioni garantite da immobili Rientrano nel portafoglio Esposizioni garantite da immobili le esposizioni che rispettano le seguenti condizioni: 1) il valore dell immobile non dipenda in misura rilevante dal merito creditizio del debitore 2) vi sia una perizia indipendente ad un valore non superiore al valore di mercato dell immobile 3) adeguata sorveglianza sul bene immobile: verifica del valore degli immobili (cfr. possibilità di utilizzo metodi statistici per individuazione immobili da sottoporre a verifica) almeno 1 volta ogni 3 anni per i residenziali e ogni anno per quelli non residenziali; nuova perizia in caso le verifiche mostrino una diminuzione rilevante; nuova perizia in ogni caso ogni 3 anni per le esposizioni > 3 mln. euro o 5% patrimonio di vigilanza (continua) 14

15 LE RIGHE DELLA TABELLA: I PORTAFOGLI Esposizioni garantite da immobili 4) certezza giuridica (opponibilità, escussione in tempi ragionevoli) 5) tipologie di immobili in garanzia e politiche creditizie chiaramente documentate 6) assicurazione contro il rischio di danni 15

16 LE RIGHE DELLA TABELLA: I PORTAFOGLI Esposizioni garantite da immobili - residenziali Rientrano nel portafoglio Esposizioni garantite da immobili residenziali e sono ponderate al 35% le esposizioni che rispettano le seguenti ulteriori condizioni: 1) l immobile sia residenziale e sia utilizzato/locato dal proprietario, oppure destinato ad esserlo 2) la capacità di rimborso del debitore non dipenda in misura rilevante dai flussi di reddito generati dall immobile 3) sia rispettato la condizione del loan-to-value: regola: 80% valore dell immobile garanzie integrative: 100% valore dell immobile eccedenza rispetto al loan-to-value: portafoglio di pertinenza del debitore nel caso delle famiglie portafoglio al dettaglio 16

17 LE RIGHE DELLA TABELLA: I PORTAFOGLI Esposizioni relative a leasing su immobili residenziali 1) Alle operazioni di leasing su immobili di tipo residenziale nelle quali il locatario ha un opzione di acquisto si applica una ponderazione pari al 35 per cento, a condizione che siano rispettate le condizioni di cui alla slide precedente. 2) Ai fini del rispetto della condizione del loan-to-value, l esposizione verso il locatario corrisponde al valore attuale dei canoni di leasing minimi, definiti come i pagamenti che il locatario è o può essere obbligato a versare per la durata del leasing, incluso il corrispettivo di qualsiasi opzione di acquisto (cd. "valore residuo") il cui esercizio è ragionevolmente certo ovvero l'eventuale valore residuo garantito da soggetti idonei a rilasciare strumenti di protezione del credito di tipo personale come garanti o controgaranti. Qualora l esercizio dell opzione di riacquisto non sia ragionevolmente certo, il valore residuo è inserito nel portafoglio Altre esposizioni come attività materiale. 17

18 LE RIGHE DELLA TABELLA: I PORTAFOGLI Esposizioni garantite da immobili non residenziali Rientrano nel portafoglio Esposizioni garantite da immobili non residenziali e sono ponderate al 50% le esposizioni che rispettano le seguenti ulteriori condizioni: 1) la capacità di rimborso del debitore non dipenda in misura rilevante dai flussi di reddito generati dall immobile (salvo mercati ben sviluppati e consolidati UE) 2) sia rispettato la condizione del loan-to-value: regola: 50% valore dell immobile eccedenza: portafoglio di pertinenza del debitore nel caso di portafoglio corporate ponderazione 100% 18

19 LE RIGHE DELLA TABELLA: I PORTAFOGLI Esposizioni scadute Rientrano in tale nozione: 1) le sofferenze, le partite incagliate e le esposizioni ristrutturate 2) le esposizioni vantate nei confronti di soggetti residenti in Italia e classificate nei portafogli: esposizioni verso enti senza scopo di lucro ed enti del settore pubblico, retail, corporate qualora siano scadute e/o sconfinanti da oltre 180 giorni (fino al ) 3) le esposizioni, diverse da quelle precedenti, scadute e/o sconfinanti da oltre 90 giorni Per le esposizioni retail di cui al punto 2) nonché per le esposizioni di cui al punto 3) le banche possono adottare, in alternativa all approccio per controparte, un approccio per transazione se coerente con le proprie prassi gestionali 19

20 LE RIGHE DELLA TABELLA: I PORTAFOGLI Esposizioni scadute 1) La ponderazione della parte non garantita delle esposizioni scadute è pari al 150% se le rettifiche di valore specifiche sono < 20% (della parte non garantita al lordo delle rettifiche di valore), del 100% se >= 20% 2) La ponderazione delle esposizioni scadute garantite da immobili residenziali èpari al 100% se le rettifiche di valore specifiche sono < 20% (dell ammontare lordo dell esposizione), del 50% se >= 20% 3) La ponderazione delle esposizioni scadute garantite da immobili non residenziali èpari al 100% 4) La ponderazione delle esposizioni scadute totalmente coperte da garanzie reali non riconosciute come tecniche di CRM può essere pari al 100% a certe condizioni. 20

21 LE RIGHE DELLA TABELLA: I PORTAFOGLI Esposizioni ad alto rischio 1) Esposizioni derivanti da investimenti in venture capital e private equity (ponderazione 100%) 2) Esposizioni in hedge funds (ponderazione 150%) 3) Partecipazioni in imprese non finanziarie con risultati di bilancio negativi negli ultimi due esercizi, da ponderare al 200 per cento. 4) Ulteriori esposizioni per le quali la Banca d Italia applichi una ponderazione più elevata nel caso di condizioni di mercato non favorevoli 21

22 LE RIGHE DELLA TABELLA: I PORTAFOGLI Obbligazioni bancarie garantite Si applica una ponderazione inferiore rispetto a quella riconosciuta alle esposizioni ordinarie verso la banca emittente secondo quanto di seguito indicato: Ponderazione dei covered bonds 10% 20% 50% 100% Ponderazione delle esposizioni verso la banca emittente 20% 50% 100% 150% 22

23 LE RIGHE DELLA TABELLA: I PORTAFOGLI Esposizioni a breve termine verso imprese Alle esposizioni in esame per le quali sia disponibile una specifica valutazione del merito di credito a breve termine di una ECAI, le banche che si avvalgono di tale ECAI applicano le ponderazioni di seguito indicate: Classe di merito creditizio da 4 a 6 Ponderazione 20% 50% 100% 150% 23

24 LE RIGHE DELLA TABELLA: I PORTAFOGLI Esposizioni verso OICR 1) Sono ponderate in base al rating attribuito da un ECAI 2) Qualora la banca non si avvalga di valutazioni ECAI ovvero non sia stato attribuito un rating: a) nel caso in cui la banca sia a conoscenza delle effettive esposizioni sottostanti (e laddove siano soddisfatti determinati criteri di ammissibilità), può applicare un fattore medio di ponderazione del rischio (calcolabile anche sulla base dei limiti massimi di investimento desumibili dal regolamento del fondo); b) ove non ricorrano tali condizioni applica la ponderazione del 100% 3) La Banca d'italia può stabilire per esposizioni in singoli OICR associate a rischi particolarmente elevati una ponderazione del 150% 24

25 LE RIGHE DELLA TABELLA: I PORTAFOGLI Altre esposizioni 1) Fattore di ponderazione 100 per cento: - immobilizzazioni materiali - ratei attivi non imputati ad altro portafoglio - interessenze azionarie, ibridi emessi da soggetti diversi dagli intermediari vigilati e BMS, non dedotte dal patrimonio di vigilanza 2) Fattore di ponderazione 20 per cento: - valori all incasso 3) Fattore di ponderazione 0 per cento: - cassa e valori assimilati -oro 25

26 LE COLONNE DELLA TABELLA: IL TIPO IMPORTO E l attributo che consente di rilevare, a partire dal valore dell esposizione, il percorso (impatto delle tecniche di CRM, calcolo degli equivalenti creditizi delle garanzie e impegni) che porta alla quantificazione del valore ponderato dell esposizione, nonché ulteriori elementi di interesse (es. valore garanzie) (continua) 26

27 LE COLONNE DELLA TABELLA: IL TIPO IMPORTO Valori segnalati nella tabella rischio di credito - SA: 80 Valore dell'esposizione [E] 81 Valore dell'esposizione rettificato per la volatilità [E (1+He)] 82 Valore corretto dell'esposizione [E*] 83 Equivalente creditizio di garanzie e impegni [E* x FCC] 89 Equivalente creditizio derivati/sft/operazioni a lungo termine 3 Valore ponderato dell esposizione 85 Valore della garanzia reale al netto degli scarti prudenziali [Cvam] 86 Valore della garanzia personale, derivati su crediti e altre garanzie assimilate (incluse le garanzie reali alle quali si applica il metodo semplificato) al netto degli scarti prudenziali 27

28 STRUMENTI DI CRM E METODI DI CALCOLO DEL REQUISITO SUL RISCHIO DI CREDITO Contratti accessori al credito ovvero altri strumenti e tecniche che determinano una riduzione del rischio di credito riconosciuta dalla normativa prudenziale in sede di calcolo dei requisiti patrimoniali Due categorie: protezione del credito di tipo reale protezione del credito di tipo personale 28

29 STRUMENTI DI CRM E METODI DI CALCOLO DEL REQUISITO SUL RISCHIO DI CREDITO - Ampiezza gamma delle tecniche ammesse (categorie di strumenti, fornitori di protezione) - Requisiti di ammissibilità (generali e specifici, al momento della costituzione della garanzia e per tutta la durata della stessa) - Metodologie di calcolo (in funzione dello strumento utilizzato e del metodo seguito per il calcolo dei requisiti) - Approccio trasversale tra i diversi metodi di calcolo dei requisiti; maggiore autonomia per le banche AIRB 29

30 STRUMENTI DI CRM E METODI DI CALCOLO DEL REQUISITO SUL RISCHIO DI CREDITO Strumenti ammessi METODO STANDARDIZZATO METODI BASATI SUI RATING Garanzie reali finanziarie Compensazione delle poste in bilancio Accordi-quadro di compensazione Altre forme di protezione di tipo reale (depositi c/o terzi, polizze vita, ecc.) Garanzie personali e contro-garanzie (incluse garanzie mutualistiche) Derivati creditizi (portafoglio) Garanzie reali e leasing su immobili (CRM) Garanzie reali su altri beni materiali Leasing su altri beni materiali Cessioni di crediti 30

31 GARANZIE PERSONALI Garanti ammessi 1) Stati sovrani e banche centrali (incluse le organizzazioni internazionali ponderate allo zero per cento) 2) Enti del settore pubblico ed enti teritoriali 3) Banche multilaterali di sviluppo 4) Intermediari vigilati (sono assimilati il Fondo interbancario di tutela dei depositi, il Fondo di garanzia dei depositanti del credito cooperativo e i fondi equiparati) 5) Imprese con valutazione del merito creditizio rilasciata da ECAI associata a una classe di valutazione non inferiore a 2. 31

32 GARANZIE PERSONALI Contro-garanzie Garanzie indirette, di secondo livello, che consentono alla banca finanziatrice di richiedere il pagamento dell obbligazione al contro-garante nel caso di inadempimento del debitore principale e del garante. Previste specifiche condizioni per il riconoscimento (rispetto per la garanzia principale e la contro-garanzia dei requisiti specifici previsti per le garanzie personali, fornitori di protezione ammessi, ecc.). La contro-garanzia finale rilasciata da un fornitore di protezione ammesso è riconosciuta anche se la garanzia diretta dell esposizione (ovvero le eventuali contro-garanzie intermedie) è prestata da un fornitore non rientrante nel novero dei garanti ammessi. 32

33 GARANZIE PERSONALI Contro-garanzie Con riferimento agli strumenti di protezione del credito di tipo personale forniti dalla SACE che soddisfino i requisiti specifici previsti per le garanzie personali e beneficino a loro volta della garanzia dello Stato italiano ai sensi dell articolo 6, comma 9, del d.lgs. 269/2003, occorre distinguere due casi: 1) se il debitore è un soggetto appartenente al settore amministrazioni centrali e banche centrali si applica la ponderazione preferenziale dello Stato italiano solo ove sia prevista la copertura del rischio Paese 2) se il debitore e un soggetto appartenente ad altre categorie di controparti, si applica la ponderazione preferenziale dello Stato italiano solo ove sia prevista la copertura sia del rischio Paese sia del rischio commerciale 33

34 STRUMENTI DI CRM - METODI DI CALCOLO Metodo semplificato/principio di sostituzione Applicabile alle garanzie reali e personali (metodo SA) Consente di traslare il rischio di credito sulla garanzia/garante Applicazione alla parte di esposizione garantita della ponderazione relativa al fornitore della protezione/ all emittente lo strumento finanziario in garanzia Garanzie reali finanziarie: floor del 20% salvo eccezioni (PCT e prestito titoli a certe condizioni, derivati OTC con marking-tomarket giornaliero, garanzia rappresentata da contanti) (continua) 34

35 STRUMENTI DI CRM - METODI DI CALCOLO Metodo semplificato/principio di sostituzione Riduzione del valore della garanzia in caso di: - disallineamento di valuta (rettifiche standard/stime interne): G* = G (1 H FX ) Non ammesso disallineamento di scadenza 35

36 STRUMENTI DI CRM - METODI DI CALCOLO Metodo integrale garanzie reali finanziarie Consente di compensare pienamente il valore dell esposizione creditizia con il valore corrente della garanzia reale finanziaria, entrambi aggiustati per tenere conto del rischio di fluttuazione di tali valori derivanti dalla volatilità di mercato (rettifiche standard o stime interne) e dai disallineamenti di scadenza (rettifiche standard) Alla differenza positiva tra i valori aggiustati dell esposizione creditizia e della garanzia reale (E*) si applica la ponderazione del debitore/controparte dell esposizione { 0, [ E (1 + H ) C (1 H H )]} E* = max E C FX (continua) 36

37 STRUMENTI DI CRM - METODI DI CALCOLO Metodo integrale garanzie reali finanziarie Riduzione del valore della garanzia in caso di: -disallineamento di scadenza: C VAM dove: = C VA ( t t*)/( T t*) C VA = C ( 1 H C H FX ) (continua) 37

38 STRUMENTI DI CRM - METODI DI CALCOLO Metodo integrale garanzie reali finanziarie Gli aggiustamenti per la volatilità all esposizione (HE): -si applicano solo nei casi di esposizioni connesse con i titoli venduti, prestati, dati in garanzia nell ambito di operazioni di PCT passive, di concessione di titoli in prestito, di finanziamenti con margini ( margin lending ) - le banche possono applicare una rettifica per volatilità pari a zero alle operazioni di PCT e di concessione di titoli in prestito se soddisfano le condizioni previste per la non applicazione del floor del 20% per la ponderazione nel metodo semplificato (cfr. Circ. 263, Titolo II, Capitolo 2, allegato B) - rettifica per volatilità pari a zero per le operazioni di PCT o concessione di titoli in prestito per le quali un autorità di vigilanza UE ha consentito l applicazione di rettifiche per la volatilità pari a zero in quanto effettuate a fronte di titoli emessi dal proprio Stato sovrano 38

39 LA CRM NELLE SEGNALAZIONI Metodo semplificato/principio di sostituzione - Nella tabella attività di rischio figurano sia le esposizioni non garantite verso i debitori principali sia quelle garantite imputate all emittente lo strumento fornito come protezione/al fornitore della protezione - Ne consegue che nelle tabelle citate non formano oggetto di segnalazione le esposizioni nei confronti dei debitori principali oggetto di CRM con effetto di sostituzione -Il dettaglio degli importi garantiti è rilevato nella tabella tecniche di attenuazione del rischio di credito: ammontare protetto 39

40 LA CRM NELLE SEGNALAZIONI Metodo semplificato/principio di sostituzione ESEMPIO 1 fattispecie Finanziamento verso l impresa X, priva di rating, per un ammontare pari a 100 (classificabile tra le esposizioni verso o garantite da imprese e ponderato al 100 per cento) con vita residua pari a 5 anni, garantito per l 80% da una garanzia personale rilasciata dalla banca Z cui corrisponde un fattore di ponderazione pari al 20 per cento. Si supponga che la garanzia: abbia un fair value pari a 80; sia denominata in una valuta differente da quella del finanziamento; abbia durata residua pari a 3 anni; preveda che la banca e il garante condividano pro-quota le eventuali perdite (se così non fosse, si applicherebbero le disposizioni sulle cartolarizzazioni); rispetti tutti i requisiti previsti per il riconoscimento. 40

41 LA CRM NELLE SEGNALAZIONI1 Metodo semplificato/principio di sostituzione ESEMPIO 1 calcolo delle esposizioni 1) Calcolo della valore della garanzia corretto per il disallineamento di valuta (riduzione 11,314 per cento, dato il periodo di liquidazione pari a 20 giorni e assumendo una rivalutazione giornaliera): G* = 80 x (1-0,11314) = 70,9488 2) Calcolo della valore della garanzia corretto per il disallineamento di durata: GA = G* x (3-0,25)/(5-0,25) = 70,9488 x (2,75/4,75) = 41,0756 (continua) 41

42 LA CRM NELLE SEGNALAZIONI Metodo semplificato/principio di sostituzione ESEMPIO 1 calcolo delle esposizioni 3) La banca suddivide l esposizione in due parti: - quota garantita pari a 41,0756, che va attribuita alle esposizioni verso o garantite da intermediari vigilati e ponderata al 20 per cento. Il valore ponderato è pari a 8,215 (41,0756* 20%); - quota non garantita, pari a 58,9244, che va attribuita alle esposizioni verso o garantite da imprese e ponderata al 100 per cento. Il valore ponderato è pari a 58,9244 (58,9244 * 100%). 42

43 LA CRM NELLE SEGNALAZIONI Metodo semplificato/principio di sostituzione ESEMPIO 1 segnalazione Tabella rischio di credito metodologia standardizzata : 1) nelle attività di rischio, in corrispondenza della voce 6 esposizioni verso o garantite da intermediari vigilati : - tipo importo E ; ammontare 41,0756; - tipo importo E* ; fattore di ponderazione 20% ; ammontare 41,0756; -tipo importo RWA ; fattore di ponderazione 20% ; ammontare 8,215; 2) nelle attività di rischio, in corrispondenza della voce 7 esposizioni verso o garantite da imprese : - tipo importo E ; ammontare 58,9244; - tipo importo E* ; fattore di ponderazione 100% ; ammontare 58,9244; tipo importo RWA ; fattore di ponderazione 100% ; ammontare 58,9244; (continua) 43

44 LA CRM NELLE SEGNALAZIONI Metodo semplificato/principio di sostituzione ESEMPIO 1 segnalazione 3) nelle attività di rischio, in corrispondenza della voce 16.1 totale di attività di rischio: attività di rischio per cassa : -tipo importo E ; portafoglio intermediari vigilati ; ammontare 41,0756; - tipo importo E ; portafoglio imprese ; ammontare 58,9244; - tipo importo E* ; portafoglio intermediari vigilati ; ammontare 41,0756; - tipo importo E* ; portafoglio imprese ; ammontare 58,9244; - tipo importo RWA ; portafoglio intermediari vigilati ; ammontare 8,215; - tipo importo RWA ; portafoglio imprese ; ammontare 58,9244; (continua) 44

45 LA CRM NELLE SEGNALAZIONI Metodo semplificato/principio di sostituzione ESEMPIO 1 segnalazione 4) nelle tecniche di attenuazione del rischio di credito: ammontare protetto, in corrispondenza della voce 1.1 strumenti di protezione del credito di tipo personale e reale (metodo semplificato) esposizioni garantite: attività di rischio per cassa : - tipo importo valore della garanzia personale ; portafoglio intermediari vigilati ; tipo garanzia garanzie personali ; ammontare 41,

46 LA CRM NELLE SEGNALAZIONI ESEMPIO 1 ATTIVITÀ DI RISCHIO Tipo importo Fattore di ponderazione Fattore di conversione Portafoglio 1. Esposizioni verso o garantite da amministrazioni centrali e banche centrali 80-83/89/3 x x - 2. Esposizioni verso o garantite da enti territoriali 80-83/89/3 x x - 3. Esposizioni verso o garantite da enti senza scopo di lucro ed enti del settore pubblico 80-83/89/3 x x - 4. Esposizioni verso o garantite da banche multilaterali di sviluppo 80-83/89/3 x x - 5. Esposizioni verso o garantite da organizzazioni internazionali 80-83/89/3 x x - 6. Esposizioni verso o garantite da intermediari vigilati 80-83/89/3 x x - 7. Esposizioni verso o garantite da imprese 80-83/89/3 x x - 8. Esposizioni al dettaglio 80-83/89/3 x x - 9. Esposizioni garantite da immobili 80/82-83/3 x x Esposizioni scadute 80-83/89/3 x x Esposizioni ad alto rischio 80/82-83/89/3 x x Esposizioni sotto forma di obbligazioni bancarie garantite 80/82-83/3 x x Esposizioni a breve termine verso imprese 80-83/89/3 x x Esposizioni verso organismi di investimento collettivo del risparmio (OICR) 80/82-83/89/3 x x Altre esposizioni 80/82-83/3 x x Totale attività di rischio 16.1 Attività di rischio per cassa 80/82/3 - - x 16.2 Garanzie rilasciate e impegni a erogare fondi 80-83/3 - - x 16.3 Contratti derivati 89/82/3 - - x 16.4 Operazioni SFT e operazioni con regolamento a lungo termine 80-82/89/3 - - x 16.5 Compensazione tra prodotti diversi 89/3 - - x 46

COEFFICIENTI PRUDENZIALI - BANCHE

COEFFICIENTI PRUDENZIALI - BANCHE I0717_1 COEFFICIENTI PRUDENZIALI - BANCHE Tipo intermediario B Indicazioni per la predisposizione dell input Il pannello-guida delle scelte aziendali per la soluzione Basilea3 Il pannello-guida delle scelte

Dettagli

Basilea 2: Cosa devono fare le banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI

Basilea 2: Cosa devono fare le banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI Basilea 2: banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI Antonio Renzi e Katia Mastrodomenico Banca d Italiad, 1 BASILEA 2 TECNICHE DI RIDUZIONE DEL

Dettagli

L esposizione mitigata (E*) non sostituisce, ma integra quella originaria, in un ottica di arricchimento informativo progressivo.

L esposizione mitigata (E*) non sostituisce, ma integra quella originaria, in un ottica di arricchimento informativo progressivo. F05_2_6_1 LA CREDIT RISK MITIGATION PER BASILEA3 - BANCHE Tipo intermediario B Generalità. La presente funzione ripartisce le garanzie applicando le tecniche di attenuazione del rischio di credito (CRM)

Dettagli

L ADEGUAMENTO DELLA DOCUMENTAZIONE PUMA2 ALLA NUOVA NORMATIVA SEGNALETICA

L ADEGUAMENTO DELLA DOCUMENTAZIONE PUMA2 ALLA NUOVA NORMATIVA SEGNALETICA BANCA D ITALIA SERVIZIO INFORMAZIONI SISTEMA CREDITIZIO L ADEGUAMENTO DELLA DOCUMENTAZIONE PUMA2 ALLA NUOVA NORMATIVA SEGNALETICA Roberto Sabatini MILANO, 14 APRILE 2008 1 AMBITO E PRINCIPI DI RIFERIMENTO

Dettagli

RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale

RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale 1. Modalità di rilevazione delle quote di OICR Q. In merito al trattamento delle quote di OICR sono fornite indicazioni

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

Analisi della performance degli intermediari creditizi

Analisi della performance degli intermediari creditizi Analisi della performance degli intermediari creditizi Lezione 4 L analisi dei rischi e del patrimonio di vigilanza: il Terzo Pilastro di Basilea 2 Università di Bologna Facoltà di Economia, Forlì 11 dicembre

Dettagli

RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE

RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE SULLE TECNICHE DI ATTENUAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO E SULLA CARTOLARIZZAZIONE Il presente documento fornisce

Dettagli

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA S.p.A. Capitale Sociale 15.000.000 i.v. Sede Sociale Roma, Via del Pianeta Venere n. 36 Sede Amministrativa

Dettagli

Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM 1

Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM 1 Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM 1 in vigore dal 31 marzo 2011 le modifiche sono evidenziate in grassetto Vista la direttiva 2006/48/CE, relativa all accesso

Dettagli

RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE REQUISITI PATRIMONIALI SUL RISCHIO DI CONTROPARTE

RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE REQUISITI PATRIMONIALI SUL RISCHIO DI CONTROPARTE RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE REQUISITI PATRIMONIALI SUL RISCHIO DI CONTROPARTE Il presente documento fornisce un primo schema di Istruzioni di vigilanza inerenti

Dettagli

Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM 1

Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM 1 Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM 1 in vigore dal 31 marzo 2011 le modifiche sono evidenziate in grassetto Vista la direttiva 2006/48/CE, relativa all accesso

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 3 al 30 settembre 2014 Introduzione A partire dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova disciplina per le banche e le imprese di investimento che

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

Precisazioni. Circolare 154. Segnalazioni delle banche e dei gruppi bancari. Precisazioni sulla struttura delle voci

Precisazioni. Circolare 154. Segnalazioni delle banche e dei gruppi bancari. Precisazioni sulla struttura delle voci Precisazioni Circolare 154 Segnalazioni delle banche e dei gruppi bancari Precisazioni sulla struttura delle voci Voce 58214 Attività finanziarie sottostanti operazioni di cartolarizzazione di IFM residenti

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Situazione al 31 Dicembre 2014

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Situazione al 31 Dicembre 2014 Informativa al Pubblico Pillar III Report Pillar III Report Informativa al Pubblico Situazione al 31 Dicembre 2014 Circolare della Banca d'italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Informativa al Pubblico Pillar 3 al 30 settembre 2013 1 Società cooperativa per azioni Sede Legale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Sedi Operative: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8; Brescia, Via Cefalonia

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA. Banche di garanzia collettiva dei fidi

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA. Banche di garanzia collettiva dei fidi 2 VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA, NORMATIVA E AFFARI GENERALI (843) DIVISIONE NORMATIVA (015) Fascicolo W2 Sottoclassificazione BZ00000 NO0007 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA Banche

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Fiuggi INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010

Banca di Credito Cooperativo di Fiuggi INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 Indice TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE...3 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA...3 TAVOLA 4 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...5 TAVOLA 5 RISCHIO

Dettagli

I rischi di mercato. Dott. Michele Lanotte

I rischi di mercato. Dott. Michele Lanotte I rischi di mercato Assilea, Assifact, Assofin Le nuove disposizioni di Vigilanza della Banca d Italia per le Banche e gli Intermediari Finanziari dell Elenco Speciale Milano, 14 aprile 2008 Dott. Michele

Dettagli

Provvedimento del 28 dicembre 2011 Modifiche al Regolamento del 24 ottobre 2007 in materia di vigilanza prudenziale per le SIM LA BANCA D ITALIA

Provvedimento del 28 dicembre 2011 Modifiche al Regolamento del 24 ottobre 2007 in materia di vigilanza prudenziale per le SIM LA BANCA D ITALIA Provvedimento del 28 dicembre 2011 Modifiche al Regolamento del 24 ottobre 2007 in materia di vigilanza prudenziale per le SIM LA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Domande frequenti relative al Liquidity Coverage Ratio di Basilea 3 del gennaio 2013

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Domande frequenti relative al Liquidity Coverage Ratio di Basilea 3 del gennaio 2013 Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Domande frequenti relative al Liquidity Coverage Ratio di Basilea 3 del gennaio 2013 Aprile 2014 La presente pubblicazione è consultabile sul sito internet

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI TITOLO IV Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO - METODO STANDARDIZZATO Sezione I Disciplina applicabile TITOLO IV- Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO METODO STANDARDIZZATO SEZIONE I DISCIPLINA APPLICABILE Gli intermediari

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale FINDOMESTIC GRUPPO Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale Aggiornamento al 31 dicembre 2013 * * * Terzo Pilastro dell accordo di

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di S.Pietro in Vincio

Banca di Credito Cooperativo di S.Pietro in Vincio Banca di Credito Cooperativo di S.Pietro in Vincio INDICE 1. Premessa... 3 2. Contenuti e relazione con altre norme e documenti... 3 3. Politiche di acquisizione delle garanzie ai fini della credit risk

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA PRUDENZIALE (BASILEA 3): GLI ADEGUAMENTI PUMA2

LA NUOVA DISCIPLINA PRUDENZIALE (BASILEA 3): GLI ADEGUAMENTI PUMA2 GRUPPO INTERBANCARIO PUMA2 LA NUOVA DISCIPLINA PRUDENZIALE (BASILEA 3): GLI ADEGUAMENTI PUMA2 Roma, luglio 2014 BANCA D ITALIA Servizio Rilevazioni Statistiche 2 INDICE PREMESSA... 5 1. RISCHIO DI CREDITO...

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale G L O S S A R I O Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI segnalazione trimestrale Alineato alle circolari n. 272/08 (5 aggiornamento luglio 2013) e n. 286/2013 (1 aggiornamento

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli e le partecipazioni

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006)

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) Deutsche Bank S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) al 31 dicembre 2013 Banca d Italia, sulla base

Dettagli

PARADIGMA, Forum Garanzie, Milano 24 marzo 2010 Prof. Avv. Matteo De Poli, Studio De Poli Venezia www.studiodepoli.it

PARADIGMA, Forum Garanzie, Milano 24 marzo 2010 Prof. Avv. Matteo De Poli, Studio De Poli Venezia www.studiodepoli.it L istruttoria del credito e la valutazione delle garanzie: profili giuridici PARADIGMA, Forum Garanzie, Milano 24 marzo 2010 Prof. Avv. Matteo De Poli, Studio De Poli Venezia www.studiodepoli.it Il piano

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Banca Popolare dell Etruria e del Lazio s.c. Informativa al Pubblico Pillar III

Banca Popolare dell Etruria e del Lazio s.c. Informativa al Pubblico Pillar III Banca Popolare dell Etruria e del Lazio s.c. Informativa al Pubblico Pillar III ai sensi delle nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche (circolare n. 263 del 27 dicembre 2006) 30 giugno

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013 PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013 Il presente documento è stato redatto ai sensi della Circolare di Banca d Italia 216/96, Capitolo V, Sezione XII COOPFIDI Confidi unitario per l artigianato e la

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

ANALISI REGOLAMENTI DERIVATI OTC, TRADE REPOSITORY E CCP

ANALISI REGOLAMENTI DERIVATI OTC, TRADE REPOSITORY E CCP ANALISI REGOLAMENTI DERIVATI OTC, TRADE REPOSITORY E CCP A seguire, suddiviso per numero regolamento, l analisi di sintesi dei regolamenti pubblicati sulla gazzetta ufficiale dell Unione Europea. Regolamento

Dettagli

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013 ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III INTRODUZIONE La disciplina di Basilea II è una iniziativa internazionale in base alla quale gli istituti finanziari dei Paesi aderenti vengono

Dettagli

III PILASTRO Informativa al pubblico al 31.12.2012 CONFIDI LOMBARDIA

III PILASTRO Informativa al pubblico al 31.12.2012 CONFIDI LOMBARDIA III PILASTRO Informativa al pubblico al 31.12.2012 CONFIDI LOMBARDIA INDICE Premessa... 3 Tavola 1: Adeguatezza patrimoniale... 5 Informativa qualitativa... 5 Informativa quantitativa... 9 Tavola 2: Rischio

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio di spread Rischio di

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI TITOLO I Capitolo 3 ATTIVITA ESERCITABILI E PARTECIPAZIONI DETENIBILI Sezione I Disposizioni di carattere generale TITOLO I - Capitolo 3 ATTIVITA

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2)

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) Aprile 2009 INTRODUZIONE La normativa emanata dalla Banca d Italia

Dettagli

Informativa al Pubblico. Basilea 2 Terzo Pilastro. 31 dicembre 2012

Informativa al Pubblico. Basilea 2 Terzo Pilastro. 31 dicembre 2012 Informativa al Pubblico Basilea 2 Terzo Pilastro 31 dicembre 2012 1 Indice Introduzione...3 Tavola 1 Requisito informativo generale...4 Tavola 3 Composizione del patrimonio di vigilanza......12 Tavola

Dettagli

Rischi di credito: approccio di vigilanza

Rischi di credito: approccio di vigilanza Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Rischi di credito: approccio di vigilanza Corso di Risk Management Milano, 5 Marzo 2008 Misurazione assorbimenti patrimoniali Basilea I Ai pesi si

Dettagli

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2012 Introduzione Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo III, Capitolo 1), del 24 ottobre 2007, introduce

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 Giuseppe G. Santorsola 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione

Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione IAS 39 Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione Finalità 1 La finalità del presente Principio è stabilire i principi per rilevare e valutare le attività

Dettagli

Il valore della garanzia Confidi per la mitigazione del rischio di credito

Il valore della garanzia Confidi per la mitigazione del rischio di credito Il valore della garanzia Confidi per la mitigazione del rischio di credito Convegno ABI Basilea 3 Roma, 20 giugno 2011 1 Premessa - Il perimetro di gioco - Quale valore? Contabile? Commerciale? Ragioniamo

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale G L O S S A R I O Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI segnalazione trimestrale Alineato alla circolare 272/08-5 aggiornamento luglio 2013 PROFILO GESTIONALE: RISCHIOSITA'

Dettagli

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Corso di Principi Contabili e Informativa Finanziaria Prof.ssa Sabrina Pucci Facoltà di Economia Università degli Studi Roma Tre a.a. 2004-2005 prof.ssa Sabrina

Dettagli

Parte 2: Primo pilastro Requisiti patrimoniali minimi

Parte 2: Primo pilastro Requisiti patrimoniali minimi Parte 2: Primo pilastro Requisiti patrimoniali minimi I. Calcolo dei requisiti patrimoniali minimi 40. In questa Parte vengono esposte le modalità di calcolo dei requisiti patrimoniali minimi complessivi

Dettagli

Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare

Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare Marco Troiani Titolare Divisione Intermediari ex art. 107 TUB Servizio Supervisione Intermediari Specializzati Banca d Italia Convegno Assifact

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE PARTE SECONDA Capitolo 6 OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE Circolare n. 285 del 17 dicembre 2013 Sezione I Fonti normative Capitolo 6 OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2007/16/CE CONCERNENTE LE ATTIVITA IN CUI POSSONO ESSERE INVESTITI I FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI TITOLO IV Capitolo 2 AMBITO DI APPLICAZIONE Circolare n 288 del 3 aprile 2015 Sezione I Disposizioni di carattere generale TITOLO IV - Capitolo 2 AMBITO DI APPLICAZIONE SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 dicembre 2008 Veneto Sviluppo S.p.A. Via delle Industrie, 19/d 30175 Venezia Marghera Tel. +39 041 3967211 Fax +39 041 5383605 www.venetosviluppo.it Iscrizione al

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA DEL 55 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154

NOTA ESPLICATIVA DEL 55 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 DIPARTIMENTO INFORMATICA Servizio Rilevazioni Statistiche NOTA ESPLICATIVA DEL 55 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 Con la presente nota si forniscono alcune indicazioni di dettaglio al fine di facilitare

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013 (ai sensi della Circolare 216/1996 7 aggiornamento, Capitolo V, Sezione XII di Banca d Italia) Fidialtaitalia Società Cooperativa per Azioni Via Rovereto, 31 21052 Busto Arsizio

Dettagli

12 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 217

12 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 217 GRUPPO INTERFINANZIARIO PUMA2 12 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 217 Roma, gennaio 2015 BANCA D ITALIA Servizio Rilevazioni Statistiche 2 INDICE PREMESSA... 4 1.1. Cancellazioni di attività finanziarie...

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Gruppo Banco Desio Informativa al Pubblico Basilea 2 3 Pilastro

Gruppo Banco Desio Informativa al Pubblico Basilea 2 3 Pilastro INTRODUZIONE La Banca d Italia, al fine di rafforzare la disciplina di mercato, ha introdotto attraverso la Circolare n. 263 del 27 dicembre 2006, titolo IV, obblighi di pubblicazione periodica relativamente

Dettagli

Informativa al pubblico Situazione al 31 dicembre 2008

Informativa al pubblico Situazione al 31 dicembre 2008 Informativa al pubblico Situazione al 31 dicembre 2008 Pillar III Indice Premessa... 3 Tavola 1 Requisito informativo generale... 3 Tavola 2 Ambito di applicazione... 13 Tavola 3 Composizione del Patrimonio

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

ALLEGATO REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE

ALLEGATO REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 8.10.2014 C(2014) 7117 final ANNEX 1 ALLEGATO REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE che integra la direttiva 2013/36/UE del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Modena, 4 ottobre 2008 Michele Campanardi Vice Direttore Divisione Corporate michele.campanardi@bper.it

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III

INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ISCRITTI NELL ELENCO SPECIALE (CIRC. N. 216 DEL 5 AGOSTO 1996) PILLAR III Situazione al 31/12/2013 Sommario

Dettagli

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP)

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) GRUPPO INTERBANCARIO PUMA2 LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) Roma, marzo 2015 BANCA D ITALIA Servizio Rilevazioni Statistiche 2 INDICE PREMESSA... 5 1. LE NUOVE

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO

INFORMATIVA AL PUBBLICO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basilea 2 Dati al 31 dicembre 2013 2 INFORMAZIONI GENERALI Denominazione e forma giuridica: Cooperfidi S. C. - Cooperativa Provinciale Garanzia Fidi Società

Dettagli

PROVVEDIMENTO N. 22 del 21 OTTOBRE 2014 L ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI

PROVVEDIMENTO N. 22 del 21 OTTOBRE 2014 L ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PROVVEDIMENTO N. 22 del 21 OTTOBRE 2014 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO ISVAP N. 36 DEL 31 GENNAIO 2011, CONCERNENTE LE LINEE GUIDA IN MATERIA DI INVESTIMENTI E DI ATTIVI A COPERTURA DELLE RISERVE

Dettagli

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo Art. 1 - Istituzione e denominazione del Fondo Interno Assicurativo Poste Vita S.p.A. (la Compagnia ) ha istituito, secondo le modalità indicate nel

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 3 Informativa al pubblico al 30 giugno 2014

Terzo Pilastro di Basilea 3 Informativa al pubblico al 30 giugno 2014 Terzo Pilastro di Basilea 3 Informativa al pubblico al 30 giugno 2014 Banca Nazionale del Lavoro SpA - Iscritta all Albo delle banche e capogruppo del gruppo bancario BNL iscritto all Albo dei gruppi bancari

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 SCHEDA DI SINTESI E INDICATORI DI GESTIONE Situazione al Variazione % 31/12/09 30/9/09 31/12/08

Dettagli

Il nuovo quadro regolamentare e prudenziale: implicazioni nei rapporti di finanziamento

Il nuovo quadro regolamentare e prudenziale: implicazioni nei rapporti di finanziamento Il nuovo quadro regolamentare e prudenziale: implicazioni nei rapporti di finanziamento 1. REGOLAMENTAZIONE, STABILITA E CRESCITA: QUALI PRIORITA? 2. QUALI VINCOLI «ESTERNI» ALL ATTIVITÀ DI EROGAZIONE

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 40 Investimenti immobiliari SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA TRATTAMENTO CONTABILE DEGLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI VALUTAZIONE INIZIALE

Dettagli

Il bilancio di esercizio

Il bilancio di esercizio Il bilancio delle Banche (struttura e principi di formazione) La misurazione della performance bancaria La valutazione dell adeguatezza del capitale (ICAAP) in rapporto ai rischi bancari Prof. Alessandro

Dettagli

IAS n. 7 - IASB Rendiconto finanziario [1] [1]

IAS n. 7 - IASB Rendiconto finanziario [1] [1] Rendiconto finanziario [1] [1] FINALITA' Ambito di applicazione Benefici apportati dalle informazioni sui flussi finanziari Definizioni Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Presentazione del rendiconto

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle F1amiglie 2008 Sessione Parallela A2 Gestione dei rischi e

Dettagli

ARCHIVIO DELLE PERDITE STORICAMENTE REGISTRATE SULLE POSIZIONI IN DEFAULT

ARCHIVIO DELLE PERDITE STORICAMENTE REGISTRATE SULLE POSIZIONI IN DEFAULT VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA ARCHIVIO DELLE PERDITE STORICAMENTE REGISTRATE SULLE POSIZIONI IN DEFAULT DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE Il presente documento contiene la bozza della segnalazione relativa

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

Vigilanza prudenziale. Terzo pilastro informativa al pubblico al 30 settembre 2014. Deutsche Leasing Italia S.p.A.

Vigilanza prudenziale. Terzo pilastro informativa al pubblico al 30 settembre 2014. Deutsche Leasing Italia S.p.A. Vigilanza prudenziale Terzo pilastro informativa al pubblico al 30 settembre 2014 Deutsche Leasing Italia S.p.A. Sommario PREMESSA... 3 TAVOLA 1 INFORMAZIONI SULL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 TAVOLA 2

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 7 Rendiconto finanziario SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ANALISI DETTAGLIATA ESEMPIO DI PREDISPOSIZIONE DEL RENDICONTO IAS 7

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Documento di consultazione. Basilea 3 Il Net Stable Funding Ratio

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Documento di consultazione. Basilea 3 Il Net Stable Funding Ratio Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Documento di consultazione Basilea 3 Il Net Stable Funding Ratio Termine per l invio dei commenti: 11 aprile 2014 Gennaio 2014 Il presente documento è stato

Dettagli

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile FONDI ARMONIZZATI FONDI LIQUIDITÀ Vegagest Monetario FONDI OBBLIGAZIONARI Vegagest Obb. Euro Breve Termine Vegagest Obb. Euro Vegagest Obb. Euro Lungo Termine Vegagest Obb. Internazionale Vegagest Obb.

Dettagli

Il Governatore della Banca d Italia

Il Governatore della Banca d Italia Il Governatore della Banca d Italia Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, di seguito "Testo Unico"). In particolare,

Dettagli

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO GLOSSARIO AFFIDATI (NUMERO) Soggetti (persone fisiche, persone giuridiche, cointestazioni) al nome dei quali siano pervenute, alla data di riferimento, una o più segnalazioni alla Centrale dei rischi a

Dettagli

diversi da quelli tipici dell'attività gestoria, dovendosi altresì escludere che il soggetto che assume l'impegno in parola possa rivalersi, in caso

diversi da quelli tipici dell'attività gestoria, dovendosi altresì escludere che il soggetto che assume l'impegno in parola possa rivalersi, in caso PROVVEDIMENTO Banca d'italia 20 gennaio 2003 Gestioni patrimoniali individuali e collettive garantite (G.U. n. 31, 7 febbraio 2003, Serie Generale) IL GOVERNATORE DELLA BANCA D'ITALIA 1. L'elevata volatilità

Dettagli

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 Informativa al pubblico al 30 settembre 2014 INDICE DEL DOCUMENTO PREMESSA... 3 1 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 1.1 INFORMAZIONE QUALITATIVA...

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

I crediti di firma ed il credito al consumo

I crediti di firma ed il credito al consumo I crediti di firma ed il credito al consumo Economia delle aziende di credito A.A. 2008/2009 1 I crediti di firma 1) Introduzione 1.1 I crediti di firma 1.2 Funzione dei crediti di firma 2) Le accettazioni

Dettagli

REGOLAMENTO N. 36 DEL 31 GENNAIO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 36 DEL 31 GENNAIO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 36 DEL 31 GENNAIO 2011 REGOLAMENTO CONCERNENTE LE LINEE GUIDA IN MATERIA DI INVESTIMENTI E DI ATTIVI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE DI CUI AGLI ARTICOLI 38, COMMA 2, 39, COMMA 3, 40,

Dettagli

RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE REQUISITI PATRIMONIALI SUI RISCHI DI MERCATO

RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE REQUISITI PATRIMONIALI SUI RISCHI DI MERCATO RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE REQUISITI PATRIMONIALI SUI RISCHI DI MERCATO Il presente documento fornisce un primo schema di Istruzioni di vigilanza inerenti all applicazione

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. La definizione di capitale contenuta in Basilea 3: domande frequenti

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. La definizione di capitale contenuta in Basilea 3: domande frequenti Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria La definizione di capitale contenuta in Basilea 3: domande frequenti Dicembre 2011 (aggiornamento del documento pubblicato nell ottobre 2011) Il presente documento

Dettagli