Aggiornamento del Documento sulla politica di investimento ex 7 dicembre 2012 approvato dal CdA il 21 marzo 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aggiornamento del Documento sulla politica di investimento ex 7 dicembre 2012 approvato dal CdA il 21 marzo 2014"

Transcript

1 FONDO PENSIONI PER IL PERSONALE DELLA EX CASSA DI RISPARMIO DI TORINO BANCA CRT SPA ISCRITTO ALL ALBO DEI FONDI PENSIONE PRESSO LA COVIP I^ SEZIONE SPECIALE AL N SEDE LEGALE: TORINO VIA NIZZA 150. Aggiornamento del Documento sulla politica di investimento ex 7 dicembre 2012 approvato dal CdA il 21 marzo 2014 Il documento è redatto dal Fondo Pensioni per il Personale della ex Cassa di Risparmio di Torino Banca CRT S.p.A. secondo le indicazioni stabilite dalla COVIP con Delibera del 16 marzo Il documento è a disposizione degli aderenti che ne facciano richiesta scritta a mezzo mail o posta ai seguenti indirizzi: Indirizzo: Fondo Pensioni per il Personale della ex Cassa di Risparmio di Torino Banca CRT S.p.A. Via Nizza Torino 1

2 Indice 1. Premessa...3 a. Caratteristiche generali del Fondo...3 b. Destinatari...4 c. Scelte pregresse in materia di gestione Obiettivi della politica di investimento...6 a. Caratteristiche della popolazione di riferimento...6 b. Obiettivi reddituali e profilo di rischio Criteri di attuazione della politica di investimento...8 a. Ripartizione strategica delle attività...8 b. Strumenti finanziari in cui si intende investire e rischi connessi...9 c. Modalità di gestione...9 d. Criteri per l esercizio del voto Compiti e responsabilità dei soggetti coinvolti nel processo di investimento...11 a. Consiglio di Amministrazione...11 b. Commissioni Investimenti...11 c. Advisor...11 d. Funzione Finanza...12 e. Risk Management...13 f. Responsabile...13 g. Controllo interno...13 h. Collegio sindacale...14 i. Funzione di compliance...14 l. Banca Agente e Banca Custode...15 m. Service amministrativo Sistema di controllo e valutazione dei risultati conseguiti

3 1. Premessa Il Documento ha lo scopo di definire la strategia finanziaria che il Fondo Pensioni per il Personale della ex Cassa di Risparmio di Torino Banca CRT S.p.A. intende attuare per ottenere, dall impiego delle risorse affidate, un portafoglio efficiente nell arco temporale coerente con i bisogni previdenziali degli iscritti e con le prestazioni da erogare. Tale documento è redatto in conformità alla deliberazione COVIP del 16 marzo 2012, e successive disposizioni applicative, che ha introdotto nuove regole di governance in materia di investimenti. Il documento indica la strategia finanziaria che il Fondo mira a realizzare per il raggiungimento degli obiettivi di equilibrio generale complessivo. Il documento rappresenta la prima revisione a quello deliberato in data 7 dicembre 2012 e inviato alla COVIP il 20 dicembre Nel documento per brevità : il Fondo Pensioni per Il Personale della ex Cassa di Risparmio di Torino Banca CRT S.p.A. è denominato Fondo ; UniCredit S.p.A. è denominata anche Capogruppo Sempre nel documento: la locuzione Liability Driver Investment per brevità denominata LDI è un termine generale che si riferisce a tutte le strategie di investimento che fanno esplicito riferimento alla copertura delle passività, tipicamente utilizzate nella gestione di fondi pensione a prestazione definita come il Fondo; il funding ratio è il rapporto tra le attività patrimoniali e attuariali del Fondo e le sue passività attese; il Team Finance è la struttura presente presso l Unità Operativa Pension Funds Italy di UniCredit S.p.A. dedicata al supporto del Consiglio di Amministrazione per la scelta degli investimenti; Il Team Risk Management è la struttura presente presso l Unità Operativa Pension Funds Italy di UniCredit S.p.A. dedicata al supporto del Consiglio di Amministrazione per il controllo dei rischi; Il Controllo Interno è la funzione di audit assegnata alla Società Ellegi Consulenza S.r.l; L Advisor è Prometeia Advisor SIM S.p.A. a cui il Fondo con delibera del 18 febbraio 2013 ha conferito l incarico di verificare e monitorare l asset allocation strategica nella combinazione ottimale rendimento atteso e rischio e di supportare le scelte del Fondo in tema di individuazione degli strumenti finanziari da inserire nelle singole asset class individuate. a. Caratteristiche generali del Fondo Il Fondo è un fondo di previdenza complementare con personalità giuridica per i lavoratori già dipendenti della ex Banca CRT S.p.A. alla data del 31 dicembre 1990 e per i pensionati del Fondo già tali alla predetta data. Il Fondo è attualmente disciplinato dallo Statuto ultimamente modificato con delibera consiliare del 9/3/2012. Lo Statuto attualmente vigente è stato adeguato, in conformità alle previsioni del D.M. 62/2007, sulla base delle disposizioni di cui al D.Lgs. 252/

4 Il Fondo opera in regime di prestazione definita ed eroga prestazioni in forma di rendita che può essere convertita in capitale nel limite del 50% del valore iniziale della stessa e comunque nel limite del 20% della pensione complessiva, così come definita nell articolato statutario. Il Fondo eroga altresì prestazioni in capitale per riscatto totale o trasferimento della posizione a seguito di perdita dei requisiti di partecipazione senza maturazione di alcun diritto alle prestazioni previste dallo Statuto. Il Fondo è iscritto all albo tenuto presso la COVIP con il n Premesso che il Fondo non dispone di strutture e personale proprio, l'art. 27 dello Statuto del Fondo prevede che: La Capogruppo assicura la continuità operativa del Fondo, fornendo gratuitamente il personale, i locali e gli altri mezzi necessari per l'amministrazione autonoma del Fondo, escluse le spese per la manutenzione ordinaria e straordinaria del patrimonio immobiliare a tal proposito in data 11 luglio 2011 tra il Fondo ed UniCredit S.p.A. è stata firmata una apposita convenzione con la quale si stabilisce che UniCredit intende procedere allo svolgimento delle attività di cui alla presente Convenzione attraverso una struttura appositamente dedicata alla fornitura di servizi ai Fondi di Previdenza del Gruppo UniCredit nonché con l apporto di altre proprie strutture e di Società del Gruppo in coerenza con il modello organizzativo adottato, e, previa autorizzazione del Fondo, avvalendosi di società esterne al Gruppo. In particolare gli articoli 2 e 7 della citata Convenzione stabiliscono, rispettivamente, che: UniCredit si impegna nei confronti del Fondo a svolgere in conformità alle previsioni statutarie i servizi di Consulenza e supporto al Consiglio del Fondo e agli Organi di sua emanazione nel processo di investimento mobiliare e immobiliare - Consulenza e supporto al Consiglio del Fondo e agli Organi di sua emanazione nel processo di misurazione e controllo dei rischi. ;.. utilizzando personale di adeguata capacità ed esperienza professionale. b. Destinatari L articolo 3 del vigente Statuto prevede che Sono iscritti al Fondo, con i diritti e gli obblighi derivanti dallo statuto, tutti i Dipendenti della ex Banca CRT S.p.A. già iscritti al Fondo ex esonerato alla data del 31 dicembre 1990, in servizio alla data del 30 giugno Si considerano in servizio alla data del 30 giugno 2002 anche i Dipendenti predetti che per effetto di accordi di mobilità, pur avendo cessato il rapporto di lavoro con la ex Banca CRT S.p.A. prima di tale data per passare alle dipendenze di altre Aziende o Società, abbiano mantenuto l iscrizione al Fondo. Sono iscritti in quiescenza i titolari di pensione diretta del Fondo alla data del 31 dicembre 1990, nonché gli iscritti al Fondo che siano cessati successivamente o che cessino l'attività lavorativa avendo maturato i requisiti previsti dal complesso delle disposizioni di legge e di Statuto tempo per tempo in vigore. Sono pensionati i titolari di pensioni del Fondo indirette o di reversibilità e gli aventi causa degli iscritti e degli iscritti in quiescenza. c. Scelte pregresse in materia di gestione Il Presente documento rappresenta un aggiornamento del precedente deliberato in data 7 dicembre 2012 dal quale si evidenzia che su una rilevante parte degli elementi oggetto del presente Documento, il Fondo ha già deliberato in passato con contenuti coerenti con quanto previsto dalla deliberazione COVIP. In particolare, tra le varie deliberazioni già assunte, si ricordano : - la deliberazione consiliare del 30 aprile 2009 con la quale il Consiglio di Amministrazione ha deliberato la revoca del mandato di gestione a Pioneer ed il passaggio ad una gestione diretta degli investimenti; a tal proposito si evidenzia che residua una minima parte della 4

5 Gestione finalizzata alla sola liquidazione dei side pocket degli hedge fund non rientrante nel processo degli investimenti come di seguito descritto; - la deliberazione consiliare del 9 dicembre 2009 con la quale preso atto della strutturazione data agli investimenti per la copertura del fabbisogno attuariale si è definito di utilizzare il sistema Liability Driven Investment (LDI); - la deliberazione del 30 marzo 2010 con la quale preso atto dell utilizzo del sistema LDI per la strutturazione degli investimenti si sono definiti i criteri di valorizzazione del patrimonio mobiliare in base al cd immobilizzo per i valori mobiliari obbligazionari con scadenza certa e definita, con rimborso minimo a scadenza almeno pari al valore nominale e rispetto ai quali non sussistano incertezze sul loro rimborso. 5

6 2. Obiettivi della politica di investimento L obiettivo finale della politica di investimento del Fondo è quello di mantenere l equilibrio attuariale, seguendo il principio della copertura delle passività, con la ricerca di investimenti in linea con il rendimento attuarialmente atteso ed il contenimento dei rischi. a. Caratteristiche della popolazione di riferimento Ai fini della definizione della politica di investimento il Fondo ha considerato i flussi definiti dall attuario con il bilancio tecnico al 31 dicembre 2012, dati che verranno aggiornati con il bilancio tecnico al 31 dicembre 2015, salvo diverse indicazioni che dovessero essere emanate dall Organo di Vigilanza. Ai sensi di Statuto è previsto che il Bilancio Tecnico venga redatto ogni 3 anni. La popolazione di iscritti al Fondo al 31 dicembre 2012 risultava così composta: Iscritti in servizio Classi di età Nr Età Anzianità ,1 23, ,2 26, ,5 31, ,6 34,6 60 e più ,6 35,2 TOTALE ,8 30,4 Iscritti in quiescenza Tipo pensione Nr Età Anzianità Importo annuo medio Vecchiaia e anzianità ,8 31, ,00 Invalidità ,5 33, ,00 Sostitutive ,3 22, ,00 Superstiti di attivi 77 65,9 28, ,00 Superstiti di pensionati , ,00 TOTALE ,4 31, ,00 Essendo peraltro il Fondo chiuso a nuove iscrizioni dal 1 gennaio 1991 il rapporto iscritti in servizio/iscritti in quiescenza è via via decrescente, come si evince dalla tabella seguente: Iscritti in Iscritti in % pensionati su servizio/ Anno servizio N.pensioni iscritti Pensionati ,86% 1, ,26% 1, ,29% 1, ,09% 1, ,76% 0, ,53% 0, ,29% 0, ,48% 0, ,72% 0,8148 6

7 b. Obiettivi reddituali e profilo di rischio Il Fondo ha come obiettivo il perseguimento di livelli di rendimento del patrimonio adeguati ad assicurare il costante equilibrio tecnico-attuariale tramite un modello LDI, adottato dal In tale ambito, il Fondo procede, come previsto dallo Statuto, ad intervalli non superiori a 3 anni ad incaricare un attuario per la redazione di un Bilancio tecnico attuariale. Il Fondo si avvale dell Advisor e della funzione Pension Funds Italy. Le principali attività svolte riguardano: lo studio e il monitoraggio dell equilibrio finanziario ed attuariale, la valutazione dell asset allocation strategica, l asset allocation tattica e la valutazione di specifici prodotti d investimento, laddove necessaria. Il Fondo si avvale altresì della funzione Risk-Management -struttura dedicata presente presso la Capogruppo- che monitora periodicamente il livello di rischio del portafoglio. Il modello adottato prevede un nucleo centrale di investimenti composto prevalentemente da attivi che possano generare flussi a copertura delle pensioni erogate. A questo nucleo viene affiancata una parte del patrimonio con il compito di coprire rischi difficilmente quantificabili al momento come il rischio di longevità. Il passivo viene monitorato ed aggiornato sulla base delle risultanze attuariali che determinano un tasso di equilibrio tra attivo e passivo. Tale tasso dall ultima risultanza attuariale è pari all 1,91% reale, ovvero il tasso al netto dell inflazione prevista Il funding ratio viene costantemente calcolato ed aggiornato sulla base dei movimenti del mercato, rappresenta l indicatore di equilibrio del Fondo: obiettivo della gestione è stabilizzare tale indicatore su un valore pari o superiore al 100%. In termini di valutazione dei nuovi investimenti, la linea guida principale prevede un Portafoglio «core» con rendimento a scadenza non inferiore a quello di equilibrio ed un Portafoglio «return» con rendimento a scadenza superiore a quello di equilibrio. 7

8 3. Criteri di attuazione della politica di investimento Viene effettuata una gestione diretta degli asset non incentrata sul trading; coerentemente per i valori mobiliari obbligazionari con scadenza certa e definita, per i quali non sussistono incertezze sul loro rimborso, si è optato per un criterio contabile di immobilizzazione. Gli altri valori mobiliari sono indicati al valore di mercato e i fondi immobiliari al NAV. Il Consiglio di Amministrazione ha comunque evidenza dei valori mark to market del patrimonio al fine di avere una valutazione il più possibile accurata del funding ratio. a. Ripartizione strategica delle attività Il modello prevede in primo luogo la selezione degli investimenti che, con adeguato livello di rischio, assicurino l equilibrio finanziario del Fondo. Successivamente, anche nell ottica di un opportuna diversificazione, sono stati e saranno selezionati investimenti in asset class diversificate con l obiettivo di un accrescimento patrimoniale a copertura dei rischi di lungo periodo. Gli investimenti destinati a produrre cedole rappresentavano al 31 dicembre 2012 circa l 80% del portafoglio. Il 63,24% del patrimonio risulta essere investito prevalentemente in titoli obbligazionari di Stato, con una quota minoritaria in titoli obbligazionari bancari ed assicurativi. La quota di patrimonio destinata a produrre un apprezzamento del capitale nel lungo periodo è pari a circa il 20%. Il portafoglio al 31 dicembre 2012 era così ripartito : 0,11% 7,94% 6,36% 9,56% 3,36% cassa e certificati di deposito portafoglio fondi / ETF fondi immobiliari 18,74% fondi di Private Equity titoli di stato 53,45% 0,49% titoli obbligazionari gestioni pioneer patrimonio immobiliare Nel patrimonio è compresa anche una componente immobiliare detenuta direttamente, pari al 6,8% circa. Il portafoglio composto da fondi azionari, obbligazionari, di private equity ed ETF è quello con un profilo maggiore di rischio: a fine 2012 pesava per quasi il 3,9% del patrimonio. Gli investimenti attualmente presenti sono prevalentemente in titoli Italiani ed in valuta Euro. La durata media del portafoglio mobiliare è pari a circa 16 anni, a fronte di una durata media delle passività di 20 anni circa, mentre il rischio inflazione è coperto da circa il 47% degli asset presenti 8

9 nel patrimonio, entità che si ritiene al momento adeguata ad una sufficiente copertura di tale rischio. L indicatore di turnover di portafoglio, tenendo conto del presupposto della tecnica LDI che prevede l immobilizzo degli attivi e la loro conservazione in portafoglio sino a scadenza ove possibile, è atteso essere limitato. Obiettivo è la sostanziale conferma del peso relativo tra portafoglio di copertura «core» e portafoglio di crescita «return» (89% - 11%), cercando di aumentare la diversificazione per tipologia di emittente. Per quanto riguarda le obbligazioni ad alto rendimento l obiettivo è una maggiore diversificazione per Paese, per curva e tipologia di emittente, prendendo in considerazione anche bond high yield. Per quanto riguarda gli investimenti in fondi mobiliari sia azionari che di debito, a seguito dei recenti investimenti si tende ad un incremento marginale dei paesi c.d. «emergenti», mantenendo, peraltro, il peso strategico complessivo nei limiti di un rischio accettabile sulla base dell andamento delle economie e dei mercati finanziari di riferimento. b. Strumenti finanziari in cui si intende investire e rischi connessi Le disponibilità sono investite nelle attività ammesse dal D.M. 703/96, nel rispetto delle disposizioni specifiche previste per i fondi preesistenti di cui al D.Lgs 252/05 e del D.M. 62/07. Il Fondo intende perseguire una strategia di ampia diversificazione per conseguire il più opportuno profilo di rischio/rendimento. Per quanto riguarda l esposizione verso mercati emergenti essa viene e verrà conseguita tramite fondi in linea con la normativa europea ed italiana. c. Modalità di gestione La gestione diretta rappresenta la forma di gestione del Fondo; in considerazione delle necessità di coprire i rischi derivanti dal passivo le scelte d investimento sono generalmente orientate verso strumenti con flusso cedolare ed asset class le cui caratteristiche di liquidità, trasparenza, diversificazione e volume di scambi siano compatibili con le esigenze di liquidità del Fondo. Il processo di investimento rigoroso e disciplinato con l applicazione di severi parametri per la selezione degli strumenti, mira a garantire un efficiente ricerca dello strumento più adatto alla copertura del passivo con un attenta diversificazione per fattori di rischio. Il sistema dei controlli garantisce la gestione dei rischi ed il monitoraggio continuo del portafoglio. Al fine di selezionare gli strumenti, di volta in volta, idonei a perseguire gli obiettivi prefissati il Fondo si è dotato di uno specifico Processo degli Investimenti di seguito descritto. Fase 1 A cura della Funzione Finanza, con ausilio dell Advisor La prima fase, di tipo istruttorio, riguarda i nuovi investimenti e gli eventuali disinvestimenti. In questa fase, il Consiglio di Amministrazione e la Commissione Investimenti si avvalgono dell ausilio dell Advisor e della Funzione Finanza (nello specifico il Team Finance). In particolare, il Team Finance, relativamente ai nuovi investimenti/disinvestimenti: valuta le proposte di investimento/disinvestimento fornite dall Advisor; insieme all Advisor, predispone opportune analisi di tipo finanziario relative alle proposte ricevute; può inoltre richiedere all Advisor di elaborare autonomamente analisi di investimenti/disinvestimenti, indicandone i requisiti; analizza, integra e valida il documento analitico predisposto dall Advisor e, per ogni singola proposta analizzata, ne verifica la compatibilità con l asset allocation, con il profilo di rischio del portafoglio e, con il supporto della Funzione Compliance, la compatibilità con la normativa di riferimento e la sussistenza di eventuali conflitti di interesse; 9

10 di concerto con l Advisor, sottopone alla Commissione Investimenti le proposte di investimento/disinvestimento, corredate del parere della Funzione Compliance. L Advisor, su richiesta della Commissione Investimenti : produce una valutazione dell asset allocation più opportuna per il perseguimento dell equilibrio del Fondo sulla base della decisione del Consiglio di Amministrazione assunta nel 2009 di utilizzare il sistema LDI per la copertura delle passività e propone il piano di investimenti opportuni per il migliore profilo rischio/rendimento; propone gli investimenti/disinvestimenti sulla base del piano previsto e dell andamento dei mercati. Fase 2 A cura della Commissione Investimenti La seconda fase consiste nell attività di valutazione e successiva proposta al Consiglio di Amministrazione dei nuovi investimenti/disinvestimenti. La Commissione Investimenti: valuta gli investimenti/disinvestimenti proposti sulla base della documentazione prodotta dall Advisor e validata dalla Funzione Finanza; sottopone al Consiglio di Amministrazione le proposte per la valutazione ed eventuale approvazione. Fase 3 A cura del Consiglio di Amministrazione La terza fase consiste nell attività di deliberazione delle proposte di investimento/disinvestimento; Il Consiglio di Amministrazione: decide sulle proposte presentate dalla Commissione Investimenti; incarica il Responsabile di disporre l esecuzione di quanto deliberato. Lo schema descritto assicura una pluralità di valutazioni ed un controllo efficace da parte del Consiglio di Amministrazione sulle scelte operate e sulle motivazioni connesse. d. Criteri per l esercizio del voto L esercizio dei diritti di voto inerenti tutti gli investimenti compete in via esclusiva al Consiglio di Amministrazione del Fondo. 10

11 4. Compiti e responsabilità dei soggetti coinvolti nel processo di investimento I soggetti interessati al processo di investimento, con ruoli e competenze diversificati sono di seguito illustrati: a. Consiglio di Amministrazione Il Consiglio di Amministrazione svolge le seguenti funzioni: definisce e adotta la politica di investimento idonea al raggiungimento degli obiettivi strategici e ne verifica il rispetto; a tal fine esamina i rapporti sulla gestione finanziaria e valuta le proposte e le raccomandazioni formulate dalla Commissione Investimenti, adottando le relative determinazioni; delibera di volta in volta le operazioni sul patrimonio investito, anche su proposta della Commissione Investimenti; revisiona periodicamente e modifica, se necessario, la politica di investimento; approva le procedure interne di controllo della gestione finanziaria, tenendo conto delle proposte formulate dalla Commissione Investimenti, dall Advisor, dal Team Finance e dal Controllo Interno. b. Commissioni Investimenti Presso il Fondo è costituita la Commissione Investimenti, di seguito Commissione, composta da 6 membri effettivi di cui 4 Consiglieri, il Presidente ed il Vice Presidente. La struttura organizzativa del Fondo prevede per la Commissione le seguenti funzioni: individuare le linee d investimento da sottoporre al Consiglio di Amministrazione nel rispetto delle norme di legge e di Statuto e formulare al Consiglio le proposte ritenute idonee; verificare l andamento degli investimenti, tenuto conto del quadro previsionale dei flussi di cassa previsti per il Fondo stesso; relazionare al Consiglio di Amministrazione sull andamento della gestione finanziaria; relazionare annualmente al Consiglio di Amministrazione circa la gestione effettuata del portafoglio titoli e le prospettive; nel rigoroso rispetto dei limiti e dei criteri stabiliti da specifico mandato del Consiglio di Amministrazione, può operare scelte di investimento individuando per ogni tipologia di prodotto i tempi, le modalità e le quantità ottimali di acquisizione; di volta in volta analizza e propone prodotti e forme di investimento. La Commissione opera prevalentemente con il supporto dell Advisor e del Team Finance; i componenti la stessa sono in possesso di preparazione professionale, livello di conoscenze ed esperienze adeguati. Quanto alle dotazioni strutturali e tecnologiche, essi si avvalgono sulla struttura interna della Capogruppo. c. Advisor Il Fondo e i membri del Consiglio di Amministrazione sono supportati, nelle attività connesse con le scelte di investimento, dall Advisor Prometeia Advisor SIM S.p.A., con sede legale in Bologna, via Marconi 43, che svolge le seguenti attività: fornisce una valutazione indipendente dell andamento dei mercati finanziari e coadiuva l organo di amministrazione nell impostazione della politica di investimento; 11

12 fornisce il supporto nella scelta dell asset allocation strategica e tattica nonché nella valutazione di specifici strumenti finanziari, collaborando con la Commissione Investimenti e con la Funzione Finanza; fornisce mensilmente alla Commissione Investimenti reportistica di misurazione della performance e di monitoraggio del portafoglio; partecipa alle riunioni della Commissione Investimenti e, su richiesta, alle adunanze del Consiglio di Amministrazione. Prometeia Advisor SIM S.p.A. è controllata al 100% da Prometeia S.p.A. che non annovera tra i soci alcuna società di gestione o istituzione finanziaria. L Advisor è una società d intermediazione mobiliare (SIM) autorizzata alla consulenza istituzionale e, per tale ragione, soggetta alla vigilanza e controllo di CONSOB e Banca d Italia. La società fornisce consulenza ad investitori istituzionali (principalmente Fondi Pensioni Negoziali e Preesistenti, Casse di Previdenza e Fondazioni Bancarie) dal 2006 e dispone di risorse, modelli specifici, software e know-how dedicati alla consulenza per Investitori Previdenziali. Prometeia Advisor SIM S.p.A. si conforma in materia di conflitti di interesse a quanto richiesto dalle Direttive 2004/39/CE e 2006/73/CE, dal D.Lgs. n. 58/1998 e dal Regolamento della Banca d Italia e della CONSOB ai sensi dell art. 6, comma 2-bis del TUF. Ha pertanto adottato apposita procedura organizzativa contenuta e disciplinata all interno del Manuale delle Procedure Aziendali. I dipendenti di Prometeia Advisor SIM S.p.A. non ricoprono alcuna carica in società terze, adottano le procedure previste dal manuale interno delle procedure e sono sottoposti a controllo da parte della funzione Controllo conformità. d. Funzione Finanza La Funzione Finanza, (nel documento denominata anche Team Finance) dell Unità Operativa Pension Funds Italy, è messa a disposizione da UniCredit S.p.A. come previsto dallo Statuto del Fondo e dalla convenzione stipulata in data 11 luglio 2011, possiede le necessarie competenze e professionalità per lo svolgimento della funzione. In base a quanto definito nella convenzione sottoscritta, UniCredit S.p.A., tramite la struttura Pension Funds Italy si impegna a svolgere i servizi di supporto al Consiglio di Amministrazione del Fondo e agli organi di sua emanazione nel processo di investimento e nel processo di misurazione dei rischi. Si sottolinea che la unit Pension Funds Italy è una struttura che esplica le proprie attività svolgendole con la necessaria indipendenza rispetto alle altre strutture e funzioni della Banca al fine di evitare potenziali conflitti di interesse. La Funzione Finanza: contribuisce all impostazione della politica di investimento; esprime la propria valutazione di compatibilità del profilo di rischio delle proposte ricevute rispetto agli obiettivi; verifica la gestione finanziaria esaminando i risultati conseguiti nel corso del tempo. Al riguardo concorre nell elaborazione della relazione periodica da indirizzare agli organi di amministrazione e controllo, corredata da una valutazione del grado di rischio assunto in rapporto al rendimento realizzato; collabora con l Advisor e con gli altri soggetti coinvolti nel processo di investimento al fine di fornire il supporto necessario circa gli aspetti inerenti alla strategia da attuare e i risultati degli investimenti; 12

13 analizza, integra e valida il documento analitico predisposto dall Advisor e, per ogni singola proposta analizzata, ne verifica la compatibilità con l asset allocation, con il profilo di rischio del portafoglio e, con il supporto della Funzione Compliance, la compatibilità con la normativa di riferimento e la sussistenza di eventuali conflitti di interesse; in collaborazione con le strutture preposte di UniCredit opera gli investimenti/ disinvestimenti deliberati dal Consiglio di Amministrazione o dalla Commissione Investimenti laddove previsto. Il Team Finance, l Advisor e la Commissione Investimenti lavorano in collaborazione, garantendo tuttavia una fisiologica dialettica che consente al Fondo la possibilità di accedere a informazioni e visioni del mercato diverse. e. Risk Management La struttura dedicata al controllo rischi di secondo livello, i cui compiti sono meglio specificati nel successivo dedicato paragrafo, è il Team Risk Management & Actuarial di Pension Funds Italy, messo a disposizione da UniCredit S.p.A. in base allo Statuto del Fondo e disciplinato da apposita convenzione. Il team è dotato delle necessarie competenze e professionalità per lo svolgimento della funzione. In particolare, nella fase delle scelte di portafoglio, supporta il Team Finance, nella validazione del documento predisposto dall Advisor per quanto riguarda i profili di rischio. f. Responsabile Il Responsabile ha il compito di: verificare che la gestione del Fondo sia svolta nell esclusivo interesse degli iscritti, nel rispetto della normativa vigente nonché delle disposizioni dello Statuto; vigilare sul rispetto dei limiti di investimento in cui si articola la gestione finanziaria del Fondo in ottemperanza alle scelte del Consiglio di Amministrazione; inviare alla Commissione di Vigilanza, sulla base delle disposizioni dalla stessa emanate, dati e notizie sull attività complessiva del Fondo ed ogni altra comunicazione prevista dalla normativa tempo per tempo vigente; vigilare sulle operazioni in conflitto di interesse e sull adozione di prassi operative idonee a meglio tutelare gli iscritti; inoltre supporta la Commissione Investimenti, l Advisor e il Team Finance nella presentazione, nella valutazione e nel monitoraggio periodico dei risultati raggiunti; supporta la Commissione Investimenti, l Advisor e il Team Finance nella verifica dell attuazione delle strategie e della valutazione dell operato dei soggetti incaricati della gestione. g. Controllo interno La funzione di controllo interno è assegnata dal 1 febbraio 2014 alla Società Ellegi Consulenza S.r.l. con sede legale in Roma. Società con organizzazione adeguata per risorse, qualificazione professionale e competenze, per svolgere servizi di controllo interno audit secondo le esigenze, gli orientamenti strategici, le politiche e gli indirizzi del Fondo. La funzione di controllo interno viene svolta dalla Società utilizzando tecniche standard di Risk Management opportunamente adattate al contesto normativo ed operativo della previdenza complementare attraverso: 13

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Per il Fondo Mario Negri, dopo

Per il Fondo Mario Negri, dopo FONDO MARIO NEGRI/1 Cambia il sistem delfondo M Alessandro Baldi 6 Per il Fondo Mario Negri, dopo un lungo e ponderato studio avviato dal proprio Consiglio di gestione con il concorso di esperti qualificati,

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included 1 protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

GUIDA PRATICA. La trasmissione degli esposti alla COVIP. Cosa c'è in questa guida. www.covip.it

GUIDA PRATICA. La trasmissione degli esposti alla COVIP. Cosa c'è in questa guida. www.covip.it GUIDA PRATICA La trasmissione degli esposti alla COVIP Cosa c'è in questa guida Le domande di base Cosa fare prima di inviare un esposto Come si prepara un esposto Come la COVIP esamina gli esposti Memo

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Luglio 2014 2014 Comitato per la Corporate Governance Tutti i diritti di riproduzione, di adattamento totale o parziale e di memorizzazione

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA CONSOB VISTO il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n.

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Documento. n. 20. Verbali e procedure del collegio sindacale

Documento. n. 20. Verbali e procedure del collegio sindacale Documento n. 20 Verbali e procedure del collegio sindacale Giugno 2013 VERBALI E PROCEDURE DEL COLLEGIO SINDACALE Si ringraziano per il loro contributo Niccolò Abriani, Cristina Bauco, Luciano Berzè, Marcellino

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli