DEL CIRCUITO INTER-LABORATORIO BLUETONGUE-RT-PCR

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DEL CIRCUITO INTER-LABORATORIO BLUETONGUE-RT-PCR"

Transcript

1 Istituto G. Caporale Teramo Campo Boario 6 Teramo ITALY Telefono Fax R E P O R T F I N A L E DEL CIRCUITO INTER-LABORATORIO BLUETONGUE-RT-PCR Distribuzione /

2 . INTRODUZIONE.... CAMPIONI..... PREPARAZIONE..... OMOGENEITÀ E STABILITÀ..... DISTRIBUZIONE.... VALUTAZIONE STATISTICA DEI RISULTATI..... TEST QUANTTATIVO.... TEST QUALITATIVO 6. RISULTATI DECODIFICA DEI CAMPIONI INVIATI METODI IMPIEGATI STABILITA' ED OMOGENEITA' 7.. RISULTATI TEST QUANITATIVO RISULTATI TEST QUALITATIVO DISCUSSIONE... ALLEGATO I...

3 . Introduzione Quindici laboratori hanno aderito al quinto circuito interlaboratorio per la diagnosi virologica della Bluetongue. Ogni laboratorio ha ricevuto campioni di sangue da analizzare con metodo quanti- e/o qualitativo. I campioni di sangue da esaminare sono stati inviati nel mese di gennaio.. Campioni I campioni impiegati per il circuito sono campioni di sangue in EDTA prelevati da animali non infetti... Preparazione I campioni sono stati infettati in laboratorio con ceppi del virus della Bluetongue (BTV) e del virus della malattia emorragica epizootica del cervo (EHDV) previamente titolati ed inattivati. Nello specifico, sono stati utilizzati: ceppo di campo del sierotipo del virus della Bluetongue (BTV), ceppo di campo del sierotipo (BTV), ceppo di campo del sierotipo (BTV), ceppo di campo del sierotipo 8 (BTV8), ceppo di campo del sierotipo 9 (BTV9), ceppo di campo del sierotipo (BTV), ceppo di campo del sierotipo 6 (BTV6), ceppo di campo del sierotipo (BTV), ceppi di campo del sierotipo 6 e del sierotipo 7 dell EHDV, (Tabella ). Dopo infezione la presenza dei virus BTV e EHDV è stata verificata con specifiche RT-PCR. Quattro campioni di sangue sono stati inoculati con terreno di coltura e utilizzati come campioni negativi. Tabella : Informazioni sui ceppi di virus Bluetongue ed EHDV utilizzati per infettare i campioni di sangue impiegati nel circuito interlaboratorio. Progressivo campione Ceppo Titolo (TCID5/ml) BTV 6. BTV 5. BTV 6. BTV BTV 8. 6 BTV 8. 7 BTV BTV 9. 9 BTV 9. BTV.8 BTV.8 BTV 6. BTV.9 BTV.9 5 EHDV EHDV Omogeneità e stabilità Prima dell invio, tutti i campioni infettati sono stati testati per valutare la loro stabilità ed omogeneità. I criteri con cui sono state valutate l omogeneità e la stabilità sono stati descritti

4 nel protocollo del circuito. L omogeneità è stata valutata testando 8 ripetizioni per ogni livello di positività. I valori trovati, espressi in Cicli soglia (Ct), sono stati confrontati mediante analisi della varianza non parametrica di Kruskal-Wallis. La stabilità è stata invece valutata esaminando aliquote di ciascun campione, sottoposte a stress termici (temperatura ambiente) ed esaminate, a diversi intervalli di tempo (t, t (h), t (8h) t (7h)), mediante RT-PCR. Le differenze dei valori Ct ottenuti dai campioni, esaminati negli intervalli di tempo stabiliti, sono state analizzate mediante regressione lineare... Distribuzione Tutti i laboratori partecipanti hanno ricevuto il pannello di campioni. Ad ogni laboratorio è stato associato un codice numerico così come un identificativo numerico è stato attribuito ad ogni campione inviato. Nei paragrafi successivi è riportata la relativa decodifica. Ad ogni laboratorio partecipante è stato chiesto di testare i campioni per rilevare la presenza di RNA del virus della Bluetongue usando i metodi impiegati nella routine quotidiana. I risultati sono stati comunicati all Istituto organizzatore attraverso la compilazione delle schede predisposte sul sito web dell Istituto G. Caporale Teramo (ICT) ( Circuito interlaboratorio.. Valutazione statistica dei risultati.. Test quantitativo I risultati sono stati valutati attraverso il calcolo del valore di, previa trasformazione logaritmica dei dati: dove : x i = risultato fornito dal laboratorio i-esimo x a = valore assegnato NIQ= intervallo interquartile normalizzato =(Q -Q )*,7 Come nelle precedenti distribuzioni, il valore assegnato, considerato come stima attendibile del valore vero, è stato stabilito dal laboratorio organizzatore. L intervallo interquartile è stato calcolato mediante differenza tra il quartile ed il quartile della distribuzione dei risultati forniti da tutti i laboratori. I laboratori potranno valutare la propria attività secondo i seguenti criteri: z < z < z soddisfacente discutibile insoddisfacente Al fine di valutare la prestazione globale del laboratorio nell'ambito della singola distribuzione, è stato calcolato un indice definito dalla somma dei quadrati dei valori di del singolo laboratorio (SQZ lab ): dove n = numero di campioni analizzati per ciascun laboratorio z i = valore di relativo al campione i-esimo

5 I limiti di accettabilità della prestazione globale del laboratorio sono definiti mediante confronto con i valori critici di una distribuzione Χ con n gradi di libertà ed α pari a,55 e,7 (valori corrispondenti ad uno di e ). Nella tabella sono riportati i valori limite per il confronto. Tabella : Valori limite per il confronto con il valore di calcolato per ogni singolo campione. n di valori di SQZ (α =,55) SQZ (α =,7) 6,8,89 8,5,56 9,76 6,5 5, 8,5 6,89,6 7,7,86 8 5,789,57 9 7, 5,56 8,6 6,9 9,988 8,5,9,97,69,657,5,95 5 5,5,7 6 6,65 6,6 7 7,95 7,7 8 9, 9,7 9,5,6,798,8 I criteri di valutazione sono i seguenti: SQZ lab SQZ ( =,55; n) SQZ ( =,55; n) SQZ lab SQZ (α =,7; n) SQZ lab SQZ (α =,7; n) soddisfacente discutibile insoddisfacente Inoltre, per verificare la presenza di errori sistematici nei risultati forniti dai laboratori, è stato calcolato l indice RSZ basato sulla somma degli. n RSZ i= lab = dove: n = numero di campioni analizzati per ciascun laboratorio zi = valore di relativo al campione i-esimo I criteri di valutazione sono i seguenti: RSZ soddisfacente < RSZ < discutibile RSZ insoddisfacente z n i 5

6 .. Test qualitativo Ciascun campione esaminato mediante protocollo RT-PCR convenzionale, protocollo ICT o Kit commerciale è stato valutato dal laboratorio organizzatore come errato o corretto, sulla base dei risultati attesi. E stata quindi stimata la probabilità che il laboratorio fornisca risultati esatti attraverso l impiego di una distribuzione Beta(s+;n-s+): dove s = numero di risultati corretti forniti da ciascun laboratorio n = numero di risultati totali forniti da ciascun laboratorio. Risultati.. Decodifica dei campioni inviati La decodifica dei campioni inviati è riportata nella tabella. Tabella : Decodifica campioni. Identificativo campione

7 .. Metodi impiegati I laboratori partecipanti alla quinta distribuzione del circuito interlaboratorio Bluetongue PCR hanno esaminato il pannello di campioni utilizzando il Protocollo ICT, il Kit commerciale e/o il Protocollo PCR convenzionale Il Protocollo ICT, utilizzato nell attività diagnostica dei laboratori, fa riferimento alla procedura emessa dall Istituto G. Caporale Teramo e descritta nella IZS TE B..9 SOP6 Identificazione mediante RT-PCR real-time one-step del virus della Bluetongue. Il Kit commerciale, denominato Kit TaqVet Bluetongue Virus All Genotypes si basa su un metodo RT-PCR real time one-step ed è prodotto dal Laboratoire Service International (LSI) di Lissieu, Francia. Tutti i laboratori partecipanti al ring trial hanno usato il metodo real time per testare il pannello di campioni distribuiti. Sei dei 5 laboratori partecipanti hanno utilizzato il Protocollo PCR convenzionale, un metodo qualitativo che fa riferimento alla procedura IZS TE B..9 SOP5 Ricerca del virus della Bluetongue mediante retrotrascrizione e reazione a catena della polimerasi (RT-PCR) emessa dall ICT. In tabella sono elencati i laboratori e i relativi protocolli diagnostici impiegati. Tabella : Descrizione dei metodi impiegati dai laboratori partecipanti al circuito interlaboratorio Bluetongue PCR. Nome prova ID laboratorio Metodo Procedura Ente/ditta emittente Protocollo ICT / Kit commerciale 58, 6, 6, 65, 67, 68, 69, 77, 78, 8, 9, 59, 69, 68, 68 Real time RT-PCR IZS TE B..9 SOP6 Identificazione mediante RT-PCR real-time onestep del virus della Bluetongue / Kit TaqVet Bluetongue Virus All Genotypes Istituto G.Caporale Teramo / Laboratoire Service International (LSI), Lissieu, Francia Protocollo PCR convenzionale 6, 68, 78, 9, 59, 68. RT-PCR IZS TE B..9 SOP5 Ricerca del virus della Bluetongue mediante retrotrascrizione e reazione a catena della polimerasi (RT-PCR) Istituto G.Caporale Teramo.. Stabilità ed omogeneità I campioni sono risultati omogenei, riscontrando valori concordanti in tutte le ripetizioni eseguite per ogni livello di positività. Dall analisi di regressione per la valutazione della stabilità è stata rilevata una differenza significativa per i campioni (BTV 8) e (BTV 6), tuttavia, considerando che i valori del range (max-min), dei cicli soglia dei due campioni, non superano o superano di poco le unità, li abbiamo ritenuti idonei e li abbiamo inseriti nel pannello (Allegato )... Risultati test quantitativo L analisi dei risultati ottenuti dai laboratori partecipanti per i singoli campioni è riportata nei grafici - mentre i grafici e rappresentano rispettivamente l andamento dell attività complessiva dei laboratori (SQZ) e la valutazione degli errori sistematici (RSZ). 7

8 Grafico : andamento dei valori di - campione Grafico : andamento dei valori di - campione

9 Grafico : andamento dei valori di - campione Grafico : andamento dei valori di - campione

10 Grafico 5: andamento dei valori di - campione Grafico 6: andamento dei valori di - campione

11 Grafico 7: andamento dei valori di - campione Grafico 8: andamento dei valori di - campione

12 Grafico 9: andamento dei valori di - campione Grafico : andamento dei valori di - campione

13 Grafico : andamento dei valori di - campione Grafico : andamento dei valori di - campione

14 Grafico : andamento dei valori di - campione Grafico : andamento dei valori di - campione

15 Grafico 5: andamento dei valori di - campione Grafico 6: andamento dei valori di - campione

16 Grafico 7: andamento dei valori di - campione Grafico 8: andamento dei valori di - campione

17 Grafico 9: andamento dei valori di - campione Grafico : andamento dei valori di - campione

18 Utilizzando il metodo real time RT-PCR, laboratori su 5 hanno correttamente individuato i campioni del pannello in esame. Il laboratorio 67 non è stato in grado di rilevare l RNA virale del ceppo BTV (campione n 6, titolo virale.9 TCID5/ml) mentre il laboratorio 68 non è stato in grado di rilevare RNA virale del ceppo BTV9 (campione n 6, titolo virale. TCID5/ml) ed ha identificato come positivo un campione di sangue negativo per BTV (campione n 97). Grafico : valutazione dell'attività complessiva dei laboratori (SQZ) SQZ,,, 9, 8, 7, 6, 5,,,,,, Grafico : valutazione della presenza di errori sistematici (RSZ) 6,,,, 8, RSZ 6,,,, -, , -6, 8

19 Nell'ambito della singola distribuzione, la prestazione globale (SQZ) è stata soddisfacente per 8 laboratori, discutibile per i laboratori 6, 8 e 59 mentre insoddisfacente per i laboratori 67, 78, 69 e 68. Per quel che concerne la presenza di errori sistematici (RSZ), 9 laboratori hanno ottenuto risultati soddisfacenti, (65, 68 e 78) discutibili e (69, 8 e 69) insoddisfacenti. Nella tabella 5 è riportata la stima della percentuale di risultati corretti ottenuta da ciascun laboratorio utilizzando il metodo real time RT-PCR. Tabella 5: Risultati ottenuti dai laboratori impiegando il metodo real time RT-PCR per rilevare presenza di RNA virale del virus della Bluetongue nel pannello di campioni di sangue distribuito. Identificativo laboratorio esaminati corretti errati l.c.i. 95% l.c.s. 95% 58 86,7% % 6 86,7% % 6 86,7% % 65 86,7% % ,% 98,8% 68 86,7% % 69 86,7% % 77 86,7% % 78 86,7% % 8 86,7% % 9 86,7% % 59 86,7% % 69 86,7% % 68 86,7% % ,6% 97,% l.c.s. 95%: limite superiore intervallo di confidenza al 95% l.c.i. 95%: limite inferiore intervallo di confidenza al 95% 9

20 Il grafico riporta la stima della percentuale di risultati corretti individuati dai 5 laboratori partecipanti. Grafico : Distribuzioni delle percentuali di risultati corretti real time RT-PCR 7% 6% 5% probabilità % % % % % % % % % % 5% 6% 7% 8% 9% % stima della percentuale di risultati corretti n risultati corretti = Risultati test qualitativo Nella tabella 6 è riportata la stima della percentuale di risultati corretti ottenuta da ciascun laboratorio utilizzando il Protocollo PCR convenzionale. Tabella 6: Risultati ottenuti dai laboratori impiegando il protocollo PCR convenzionale per rilevare presenza di RNA virale del virus della Bluetongue nel pannello di campioni di sangue distribuito. Identificativo Campioni laboratorio esaminati Risultati corretti Risultati errati l.c.i. 95% l.c.s. 95% 6 86,7% % ,6% 97% 78 86,7% % 9 86,7% % ,7% 95% ,% 9% l.c.s. 95%: limite superiore intervallo di confidenza al 95% l.c.i. 95%: limite inferiore intervallo di confidenza al 95%

21 Il grafico riporta la stima della percentuale di risultati corretti individuati dai 6 laboratori partecipanti Grafico : Distribuzioni delle percentuali di risultati corretti RT-PCR convenzionale 7% 6% 5% probabilità % % % % % % % % % % 5% 6% 7% 8% 9% % stima della percentuale di risultati corretti n risultati corretti = Dei 6 laboratori che hanno utilizzato il Protocollo PCR convenzionale, laboratori (6, 78 e 9) hanno rilevato correttamente i campioni esaminati. Il laboratorio 68 non ha rilevato RNA virale del ceppo BTV9 in due campioni di sangue (campione n 9, titolo virale. TCID5/ml e campione n, titolo virale. TCID5/ml), Il laboratorio 59 non ha rilevato RNA virale del ceppo BTV9 in tre campioni di sangue (campione, titolo virale. TCID5/ml; campione n 7, titolo virale. TCID5/ml e campione n 5, titolo virale 5. TCID5/ml), Il laboratorio 68 non ha rilevato RNA virale del ceppo BTV8 (campione n 9, titolo virale. TCID5/ml), del ceppo BTV9 (campione n 6, titolo virale. TCID5/ml), del ceppo BTV6 (campione n, titolo virale. TCID5/ml) e un campione di sangue negativo è stato rilevato positivo per BTV (campione n 97).

22 5. Discussione Alla quinta edizione del circuito interlaboratorio Bluetongue RT-PCR hanno partecipato Istituti Zooprofilattici Sperimentali e un Istituto di Ricerca straniero. Tutti i laboratori hanno testato i campioni con il metodo Real time RT-PCR (Protocollo ICT / Kit commerciale), sei hanno utilizzato anche il saggio convenzionale della RT-PCR (Protocollo PCR convenzionale) (Tabella ). Nel complesso quasi tutti i laboratori che hanno utilizzato il metodo Real time RT-PCR sono stati in grado di rilevare correttamente i ceppi di BTV presenti nei campioni di sangue distribuiti. Due laboratori non hanno rilevato la presenza dei ceppi BTV9 (laboratorio 68, titolo virale. TCID5/ml) e BTV (laboratorio 67, titolo virale.9 TCID5/ml) nei campioni di sangue. Il laboratorio 68 ha inoltre identificato come positivo un campione di sangue negativo. In altri due laboratori (67 e 69) alcuni campioni (laboratorio 67: BTV9, titolo virale. TCID5/ml e BTV, titolo virale.8 TCID5/ml; laboratorio 69: BTV9, titolo virale. TCID5/ml), pur essendo stati correttamente classificati come positivi, hanno ottenuto valori di Ct superiori alla soglia che discrimina i campioni positivi (Protocollo ICT). Nel test quantitativo l analisi dei valori RSZ ha evidenziato diversi risultati discutibili o insoddisfacenti. L RSZ come già detto, rileva la presenza di errori sistemici. Alcuni laboratori (68, 78, 8 e 69) hanno ottenuto valori di Ct costantemente al di sopra di quelli attesi. Sebbene non abbia inficiato il buon esito della prova interlaboratorio, la sovrastima dei valori Ct tuttavia denota un problema di sensibilità latente che potrebbe determinare errori diagnostici nel caso in cui siano analizzati campioni contenenti basse concentrazioni virali. Dei laboratori che hanno sovrastimato i valori di Ct uno (8) ha utilizzato il trizol nella fase di estrazione. Il trizol è costituito da una soluzione monofasica di fenolo e guanidina isotiocianato in grado di inibire irreversibilmente le ribonucleasi e di lisare le cellule. E indubbiamente efficace in una RT-PCR convenzionale, ma non lo è in un metodo real time in quanto può dare problemi di inibizione o sovrastima. L impiego del Trizol potrebbe spiegare anche i valori più elevati di Ct e il mancato rilevamento dell RNA del BTV9 evidenziato dal laboratorio 68 che ha anch esso utilizzato il trizol nell estrazione dell acido nucleico. La fase di estrazione dell RNA del virus della Bluetongue, a causa del forte legame che il virus stabilisce con la membrana eritrocitaria, costituisce il punto più critico della metodica PCR. Come già ribadito nella precedente edizione del circuito interlaboratorio, l utilizzo di un controllo di processo costituito da RNA esogeno, da addizionare al campione durante la fase di estrazione dell acido nucleico, consente di verificare l efficienza del processo estrattivo e di tutte le altre fasi della PCR. Nella presente edizione a parte il laboratorio 65 tutti hanno utilizzato il controllo di processo. Dei sei laboratori che hanno analizzato il pannello di campioni di sangue con il Protocollo PCR convenzionale, tre (6, 78 e 9) hanno rilevato correttamente i campioni esaminati, mentre gli altri (68, 59 e 68) non sono stati in grado di rilevare RNA virale dei ceppi BTV8 (laboratorio 68, titolo virale. TCID5/ml), BTV9 (laboratorio 68, titolo virale. TCID5/ml e. TCID5/ml; laboratorio 59, titolo virale. TCID5/ml,. TCID5/ml e 5. TCID5/ml; laboratorio 68, titolo virale. TCID5/ml) e BTV6 (laboratorio 68, titolo virale. TCID5/ml). Per il sierotipo BTV9, già in passato, il Protocollo PCR convenzionale aveva evidenziato problemi di sensibilità. Nel caso in cui si voglia usare la metodica convenzionale, è bene tener presente questo limite. I risultati del laboratorio 68, oltre ai già citati problemi di sensibilità, evidenziano problemi più gravi visto che ha erroneamente considerato positivo un campione negativo. E richiesta pertanto una maggior attenzione e un miglior controllo delle fasi del processo.

23 ALLEGATO Tabella : Analisi per la valutazione dell omogeneità. Identificativo Variazione tra I media dev.st. min. max. CV T campione campioni g.d.l.,79,56,9,9,,, 7,7,8,55 5,8,,,5 7,,5 9,9,9,,5, 7,9,7, 5,57,,, 7 5 7,6,9 5,67 8,9,,,5 7 6,,76,,5,,, 7 7 5,7,8,7 7,9,,8, 7 8 9,57,86 7,9,76,,, 7 9 5,58,98 9,7 7,69,6,5, 7 9,6,8 7,6 6,76,8,, 7,9,8 6,76,,6,8,5 7 8,7, 6,9,8,7,6,7 7 8,6, 6,96,7,,, 7,96,9 9,8 7,69,,5, Tabella : Analisi di regressione per la valutazione della stabilità. Campione Max min Range (Max-min) Equazione retta regressione Valore di t coefficiente angolare Significatività,9,9,99,5+,7*t,7,9 5,8,55,6,6+,8*t,8,8,9 9,9,65 9,99+,6*t,6,69 5,57,,6,68+,*t, <, 5 8,9 5,67, 7,5+,7*t,7,5 6,5,,,97+,*t,,8 7 7,9,7,9 5,86+,*t,, 8,76 8,6,6 9,9-,5*t,5,7 9 7,69 5,7,6 5,85+,9*t,9,5,8 7,6,9 8,8+,6*t,6,59,8 6,76 7,6,+,*t,,978 9,7 6,9, 6,99+,*t,,,7 6,96, 8,6+,9*t,9,8,5 8,5 5,98,88+,7*t,7,68 5 5, 5,, 5,+,*t, - 6 5, 5,, 5,+,*t, - 7 5, 5,, 5,+,*t, - 8 5, 5,, 5,+,*t, - 9 5, 5,, 5,+,*t, - 5, 5,, 5,+,*t, -

Metodi: CEN/TC275/WG6/TAG4

Metodi: CEN/TC275/WG6/TAG4 Determinazione di HAV e Norovirus in molluschi bivalvi mediante Real time PCR Elisabetta Suffredini Istituto Superiore di Sanità Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Ancona

Dettagli

VALIDAZIONE METODI DI PROVA PROVE MICROBIOLOGICHE

VALIDAZIONE METODI DI PROVA PROVE MICROBIOLOGICHE VALIDAZIONE METODI DI PROVA PROVE MICROBIOLOGICHE 1 Il processo di validazione/qualificazione di un metodo microbiologico presuppone che i fattori critici siano adeguatamente disciplinati da indicazioni

Dettagli

LA CORRELAZIONE LINEARE

LA CORRELAZIONE LINEARE LA CORRELAZIONE LINEARE La correlazione indica la tendenza che hanno due variabili (X e Y) a variare insieme, ovvero, a covariare. Ad esempio, si può supporre che vi sia una relazione tra l insoddisfazione

Dettagli

METODI ALTERNATIVI. PCR digitale per la rilevazione e quantificazione. assoluta del DNA

METODI ALTERNATIVI. PCR digitale per la rilevazione e quantificazione. assoluta del DNA METODI ALTERNATIVI PCR digitale per la rilevazione e quantificazione assoluta del DNA Roma, 25 settembre 2013 Giuseppina Buonincontro IZS PLV- S.S. Controllo Alimenti La prima generazione di PCR consente

Dettagli

Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici

Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici "Focus su sicurezza d'uso e nutrizionale degli alimenti" 21-22 Novembre 2005 Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici Simona

Dettagli

STATISTICA (I MODULO INFERENZA STATISTICA) Esercitazione I 27/4/2007

STATISTICA (I MODULO INFERENZA STATISTICA) Esercitazione I 27/4/2007 Esercitazione I 7/4/007 In una scatola contenente 0 pezzi di un articolo elettronico risultano essere difettosi. Si estraggono a caso due pezzi, uno alla volta senza reimmissione. Quale è la probabilità

Dettagli

RING TEST NAZIONALE PER LA RICERCA DI ANTICORPI NEI CONFRONTI DEL VIRUS DELLA MALATTIA DI AUJESZKY MEDIANTE TECNICA ELISA.

RING TEST NAZIONALE PER LA RICERCA DI ANTICORPI NEI CONFRONTI DEL VIRUS DELLA MALATTIA DI AUJESZKY MEDIANTE TECNICA ELISA. RING TEST NAZIONALE PER LA RICERCA DI ANTICORPI NEI CONFRONTI DEL VIRUS DELLA MALATTIA DI AUJESZKY MEDIANTE TECNICA ELISA Anno 2014/2015 REPORT FINALE CRMA Centro di Referenza Nazionale della Malattia

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Introduzione e Statistica descrittiva

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Introduzione e Statistica descrittiva Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria Introduzione e Statistica descrittiva Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria: Introduzione

Dettagli

VALIDAZIONE SECONDO LE NORME ISO ED UNI-ENV-ISO DEL METODO COLORIMETRICO QUANTITATIVO MBS CONTA DI COLIFORMI IN ACQUE SUPERFICIALI

VALIDAZIONE SECONDO LE NORME ISO ED UNI-ENV-ISO DEL METODO COLORIMETRICO QUANTITATIVO MBS CONTA DI COLIFORMI IN ACQUE SUPERFICIALI VALIDAZIONE SECONDO LE NORME ISO ED UNI-ENV-ISO DEL METODO COLORIMETRICO QUANTITATIVO MBS CONTA DI COLIFORMI IN ACQUE SUPERFICIALI Le metodiche sperimentali e le analisi statistiche che vengono applicate

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI DEL SISTEMA. Marcatura CE dell'intero sistema diagnostico. Scheda riepilogativa caratteristiche tecniche

CARATTERISTICHE GENERALI DEL SISTEMA. Marcatura CE dell'intero sistema diagnostico. Scheda riepilogativa caratteristiche tecniche Lista Caratteristiche Tecniche Istituto Nazionale per le Malattie Infettive "Lazzaro Spallanzani" I.R.C.C.S. Scheda riepilogativa caratteristiche tecniche Allegato B FORNITURA CHIAVI IN MANO DI UN SISTEMA

Dettagli

Parte I (punti 3-9): Misure sanitarie obbligatorie per il controllo della Paratubercolosi bovina

Parte I (punti 3-9): Misure sanitarie obbligatorie per il controllo della Paratubercolosi bovina LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DI PIANI DI CONTROLLO E PER L ASSEGNAZIONE DELLA QUALIFICA SANITARIA DEGLI ALLEVAMENTI NEI CONFRONTI DELLA PARATUBERCOLOSI BOVINA 1. Definizioni Ai sensi delle presenti linee

Dettagli

ALLEGATO A. Cadenza consegna: da concordare con il capotecnico del Laboratorio

ALLEGATO A. Cadenza consegna: da concordare con il capotecnico del Laboratorio ALLEGATO A Durata della fornitura: un (1) anno. Quantità: kit necessari ad analizzare circa 300/350 campioni l anno Importo a base d asta: 20.000,00 s/iva Scadenza reattivi: almeno sei mesi Cadenza consegna:

Dettagli

Elaborazione dei dati su PC Regressione Multipla

Elaborazione dei dati su PC Regressione Multipla 21 Elaborazione dei dati su PC Regressione Multipla Analizza Regressione Statistiche Grafici Metodo di selezione Analisi dei dati 21.1 Introduzione 21.2 Regressione lineare multipla con SPSS 21.3 Regressione

Dettagli

September 2015 artus CMV QS-RGQ Kit: Performance characteristics

September 2015 artus CMV QS-RGQ Kit: Performance characteristics September 2015 artus CMV QS-RGQ Kit: Performance characteristics artus CMV QS-RGQ Kit, Version 1 4503363 Check availability of new electronic labeling revisions at www.qiagen.com/products/artuscmvpcrkitce.aspx

Dettagli

La conferma di laboratorio della rosolia

La conferma di laboratorio della rosolia La conferma di laboratorio della rosolia La risposta anticorpale all infezione post-natale da rosolia IgG Rash IgM Prodromi INCUBAZIONE 0 7 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 27 35 42 VIREMIA ESCREZIONE

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG42U

STUDIO DI SETTORE SG42U ALLEGATO 2 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SG42U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario:

1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario: Esempi di domande risposta multipla (Modulo II) 1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario: 1) ha un numero di elementi pari a 5; 2) ha un numero di elementi

Dettagli

CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE

CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE Padova 11 giugno 2007 Conferma di Laboratorio della Rosolia e Significato del Dosaggio degli Anticorpi Anna Piazza Giorgio Palù

Dettagli

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LABORATORI DT-000 GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI INDICE parte sezione pagina 1. INTRODUZIONE. FONDAMENTI.1. Misurando,

Dettagli

Come e quando fare i test. Antonino Di Caro INMI

Come e quando fare i test. Antonino Di Caro INMI Come e quando fare i test Antonino Di Caro INMI Come e quando fare il test Antonino Di Caro, antonino.dicaro@inmi.it Maria Rosaria Capobianchi, maria.capobianchi@inmi.it Concetta Castilletti, concetta.castilletti@inmi.it

Dettagli

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 5-Indici di variabilità (vers. 1.0c, 20 ottobre 2015) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca

Dettagli

PCR. PCR o reazione di polimerizzazione a catena. Amplificazione esponenziale di DNA. Puo amplificare un tratto di DNA per piu di 1 milione di volte

PCR. PCR o reazione di polimerizzazione a catena. Amplificazione esponenziale di DNA. Puo amplificare un tratto di DNA per piu di 1 milione di volte PCR Prof.ssa Flavia Frabetti PCR o reazione di polimerizzazione a catena Fine anni 80 Amplificazione esponenziale di DNA. Puo amplificare un tratto di DNA per piu di 1 milione di volte Permette di estrarre

Dettagli

Relazioni statistiche: regressione e correlazione

Relazioni statistiche: regressione e correlazione Relazioni statistiche: regressione e correlazione È detto studio della connessione lo studio si occupa della ricerca di relazioni fra due variabili statistiche o fra una mutabile e una variabile statistica

Dettagli

Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org

Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org Le domande sulla PCR rivolte con maggior frequenza Autore: Dott. Michael Mauro, Professore di Medicina della Divisione di Ematologia e Oncologia medica;

Dettagli

Emissione 8 11/06/2012 Approvazione DCRB Pagina 1 di 8

Emissione 8 11/06/2012 Approvazione DCRB Pagina 1 di 8 Emissione 8 11/06/2012 Approvazione DCRB Pagina 1 di 8 PROGRAMMA DI VEQ PER FERTILITÀ A. Organizzazione del Programma MATERIALI DI CONTROLLO: sono costituiti da matrici naturali di origine umana e sono

Dettagli

Abbreviazioni Denominazione Presidi: Ospedale SS. Trinità Ospedale Businco Ospedale Binaghi Ospedale Microcitemico

Abbreviazioni Denominazione Presidi: Ospedale SS. Trinità Ospedale Businco Ospedale Binaghi Ospedale Microcitemico ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DELLA FORNITURA PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA IN PIU LOTTI, IN MODALITA SERVICE, DI SISTEMI ANALITICI DI BIOLOGIA MOLECOLARE PER I LABORATORI ANALISI DELL AZIENDA ASL N. 8 DI

Dettagli

Processo di verifica che stabilisce se un metodo è adatto per lo scopo previsto ( ). Foggia, 15 febbraio 2012 1

Processo di verifica che stabilisce se un metodo è adatto per lo scopo previsto ( ). Foggia, 15 febbraio 2012 1 Processo di verifica che stabilisce se un metodo è adatto per lo scopo previsto ( ). 1 : misura in cui i dati prodotti da un processo di misurazione consentono a un utente di prendere tecnicamente ed amministrativamente

Dettagli

8-06-2010. BLOTTING degli acidi nucleici: RT-PCR SOUTHERN BLOTTING NORTHERN BLOTTING. BLOTTING delle proteine: NORTHERN BLOTTING SOUTHERN BLOTTING

8-06-2010. BLOTTING degli acidi nucleici: RT-PCR SOUTHERN BLOTTING NORTHERN BLOTTING. BLOTTING delle proteine: NORTHERN BLOTTING SOUTHERN BLOTTING 8-06-2010 TECNICHE PER L ANALISI DELL ESPRESSIONE GENICA BLOTTING degli acidi nucleici: RT-PCR REAL TIME PCR SOUTHERN BLOTTING NORTHERN BLOTTING NORTHERN BLOTTING BLOTTING delle proteine: MICROARRAYS MACROARRAYS

Dettagli

STRATEGIA DI TRADING. Turning Points

STRATEGIA DI TRADING. Turning Points STRATEGIA DI TRADING Turning Points ANALISI E OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE Studiare l andamento dei prezzi dei mercati finanziari con una certa previsione su tendenze future Analisi Tecnica: studio dell andamento

Dettagli

Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 2010-2011

Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 2010-2011 Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 010-011 Corso di Psicometria - Modulo B Dott. Marco Vicentini marco.vicentini@unipd.it Rev. 10/01/011 La distribuzione F di Fisher - Snedecor

Dettagli

METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica

METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica EPIDEMIOLOGIA Ha come oggetto lo studio della distribuzione delle malattie in un popolazione e dei fattori che la influenzano

Dettagli

Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale

Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale UOC di Microbiologia e Virologia DAI di Patologia e Diagnostica AOUI di Verona MALATTIE TRASMESSE DA VETTORI E SORVEGLIANZA DELLE

Dettagli

Effetti sull opinione di pazienti riguardo all utilizzo di un computer in uno studio medico nell assistenza ordinaria

Effetti sull opinione di pazienti riguardo all utilizzo di un computer in uno studio medico nell assistenza ordinaria Effetti sull opinione di pazienti riguardo all utilizzo di un computer in uno studio medico nell assistenza ordinaria Christopher N. Sciamanna, Scott P. Novak, Bess H. Marcus. International Journal of

Dettagli

3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati

3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati BIOSTATISTICA 3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati Marta Blangiardo, Imperial College, London Department of Epidemiology and Public Health m.blangiardo@imperial.ac.uk MARTA BLANGIARDO

Dettagli

Diagnostica Biomolecolare: Tecnologie e Applicazioni

Diagnostica Biomolecolare: Tecnologie e Applicazioni Diagnostica Biomolecolare: Tecnologie e Applicazioni Preparazione dei campioni: (Estrazione del DNA o dell RNA dal tessuto di interesse) Analisi delle mutazioni: SSCP DHPLC Dot blot - Southern - PCR (ARMS

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 5302 del 16/04/2014 Proposta: DPG/2014/5718 del 16/04/2014 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli

Metodi statistici per le ricerche di mercato

Metodi statistici per le ricerche di mercato Metodi statistici per le ricerche di mercato Prof.ssa Isabella Mingo A.A. 2014-2015 Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione Corso di laurea Magistrale in «Organizzazione e marketing per

Dettagli

ALLEGATO 7. Nota Tecnica e Metodologica SK16U

ALLEGATO 7. Nota Tecnica e Metodologica SK16U ALLEGATO 7 Nota Tecnica e Metodologica SK16U NOTA TECNICA E METODOLOGICA 1. CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione dello studio

Dettagli

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 10-Il test t per un campione e la stima intervallare (vers. 1.1, 25 ottobre 2015) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia,

Dettagli

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO. Art. n. 1 Oggetto e quantità della fornitura

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO. Art. n. 1 Oggetto e quantità della fornitura ALLEGATO A GARA PER LA FORNITURA IN SERVICE DI SISTEMI PER LA PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI E PER L ALLESTIMENTO DI REAZIONI DI PRE-PCR E POST-PCR SU PIATTAFORMA ROBOTIZZATA Azienda Ospedaliera di Padova

Dettagli

Patrizia Rossi & Silvia Tramontin

Patrizia Rossi & Silvia Tramontin Patrizia Rossi & Silvia Tramontin Dipartimento di Malattie Infettive, Parassitarie ed Immunomediate - Istituto Superiore di Sanità - Roma Dipartimento Laboratori di prova per la sicurezza degli alimenti

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

Dati di Validazione ring-test Clavibacter michiganensis subsp. michiganensis

Dati di Validazione ring-test Clavibacter michiganensis subsp. michiganensis Dati di Validazione ring-test Clavibacter michiganensis subsp. michiganensis Febbraio 2014 1 1 Metodi I metodi scelti per la validazione dei protocolli sono i seguenti: Tipo di saggio Metodi validati Componente

Dettagli

Obiettivi del presente piano sono la raccolta ordinata di dati statisticamente significativi in merito a:

Obiettivi del presente piano sono la raccolta ordinata di dati statisticamente significativi in merito a: Programma di verifica della qualità microbiologica del latte e dell efficacia dei processi di trattamento termico del latte destinato alla caseificazione 2013-2015 OBIETTIVO: verificare il rispetto dei

Dettagli

Non in distribuzione negli Stati Uniti URINALYSIS LAB FORWARD

Non in distribuzione negli Stati Uniti URINALYSIS LAB FORWARD Non in distribuzione negli Stati Uniti URINALYSIS LAB FORWARD I laboratori per l analisi delle urine richiedono sia tecnologia avanzata che strategie davvero innovative. Per questo motivo Beckman Coulter

Dettagli

Controllo di qualità dei dati giornalieri di temperatura minima e massima e di precipitazione

Controllo di qualità dei dati giornalieri di temperatura minima e massima e di precipitazione Quaderno Tecnico ARPA-SIM n 15/2003 Controllo di qualità dei dati giornalieri di temperatura minima e massima e di precipitazione Valentina Pavan Rodica Tomozeiu Andrea Selvini Stefano Marchesi Chiara

Dettagli

ESAME DI STATISTICA Nome: Cognome: Matricola:

ESAME DI STATISTICA Nome: Cognome: Matricola: ESAME DI STATISTICA Nome: Cognome: Matricola: ISTRUZIONI: Per la prova è consentito esclusivamente l uso di una calcolatrice tascabile, delle tavole della normale e della t di Student. I risultati degli

Dettagli

Metodiche Molecolari

Metodiche Molecolari Metodiche Molecolari La rivelazione degli acidi nucleici virali è un altro saggio che può essere utilizzato sia per verificare la presenza di un virus in un determinato campione biologico, sia per studiare

Dettagli

ESERCIZI DI STATISTICA DESCRITTIVA

ESERCIZI DI STATISTICA DESCRITTIVA ESERCIZI DI STATISTICA DESCRITTIVA ES1 Data la seguente serie di dati su Sesso e Altezza di 8 pazienti, riempire opportunamente due tabelle per rappresentare le distribuzioni di frequenze dei due caratteri,

Dettagli

Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica

Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica Facoltà di Ingegneria Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica A.A. 2005-2006 Prof. Paolo Vigo Indice 1. Errori ed Incertezze 2. Errori Sistematici ed Accidentali 3. Proprietà degli Strumenti

Dettagli

Per la valutazione statistica del test è necessario conoscere alcune caratteristiche del risultato del test quali:

Per la valutazione statistica del test è necessario conoscere alcune caratteristiche del risultato del test quali: Per la valutazione statistica del test è necessario conoscere alcune caratteristiche del risultato del test quali: la sensibilità diagnostica o clinica, la specificità diagnostica o clinica, l incidenza

Dettagli

ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE

ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LABORATORI DT-000/ ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE INDICE parte sezione pagina. Misurazione di una corrente continua

Dettagli

Corso di laurea in Scienze Motorie Corso di Statistica Docente: Dott.ssa Immacolata Scancarello Lezione 14: Analisi della varianza (ANOVA)

Corso di laurea in Scienze Motorie Corso di Statistica Docente: Dott.ssa Immacolata Scancarello Lezione 14: Analisi della varianza (ANOVA) Corso di laurea in Scienze Motorie Corso di Statistica Docente: Dott.ssa Immacolata Scancarello Lezione 4: Analisi della varianza (ANOVA) Analisi della varianza Analisi della varianza (ANOVA) ANOVA ad

Dettagli

1. Premessa Metodologica 2 1.1 Materiali e Metodi 2

1. Premessa Metodologica 2 1.1 Materiali e Metodi 2 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo 30.06.1993n. 270) CENTRO DI REFERENZA PER LE MALATTIE DEGLI EQUINI (Ce.R.M.E.) REPORT CIRCUITO INTERLABORATORIO PER LA VALIDAZIONE

Dettagli

INTRODUZIONE OBIETTIVI DEL PROGETTO. i) controllare la diffusione del virus nelle coltivazioni piemontesi

INTRODUZIONE OBIETTIVI DEL PROGETTO. i) controllare la diffusione del virus nelle coltivazioni piemontesi Prosecuzione ed ampliamento studio epidemiologico per la caratterizzazione dello stato sanitario delle colture di Mirtillo del Piemonte, con particolare attenzione alla presenza del Carlavirus Blueberry

Dettagli

SCHEDA DI NOTIFICA DI CASO DI INFEZIONE DA VIRUS DELLA ROSOLIA IN GRAVIDANZA. Primo invio Aggiornamento

SCHEDA DI NOTIFICA DI CASO DI INFEZIONE DA VIRUS DELLA ROSOLIA IN GRAVIDANZA. Primo invio Aggiornamento SCHEDA DI NOTIFICA DI CASO DI INFEZIONE DA VIRUS DELLA ROSOLIA IN GRAVIDANZA (riservato al Ministero della Salute) Codice identificativo Primo invio Aggiornamento Regione Provincia Comune ASL Sezione 1

Dettagli

IL CAMPIONAMENTO NELLA REVISIONE CONTABILE

IL CAMPIONAMENTO NELLA REVISIONE CONTABILE Università RomaTre. Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno Accademico 07-08 1 PREMESSA RACCOLTA SUFFICIENTI ED APPROPRIATI ELEMENTI PROBATIVI LA È SVOLTA IN BASE A VERIFICHE DI CAMPIONI

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELLA FEBBRE CATARRALE DEGLI OVINI NEI CENTRI GENETICI E DI FECONDAZIONE ARTIFICIALE

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELLA FEBBRE CATARRALE DEGLI OVINI NEI CENTRI GENETICI E DI FECONDAZIONE ARTIFICIALE LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELLA FEBBRE CATARRALE DEGLI OVINI NEI CENTRI GENETICI E DI FECONDAZIONE ARTIFICIALE SSOMMARIO 1 GENERALITÀ...2 2 REQUISITI E CRITERI GENERALI DI CONTROLLO DELLE STRUTTURE...2

Dettagli

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA CLM Biotecnologie per l Alimentazione CLM in Biotecnologie Sanitarie Corso di Chimica e certificazione degli alimenti DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA VIRUS ENTERICI virus escreti tramite

Dettagli

LOTTO 2 (indivisibile)

LOTTO 2 (indivisibile) LOTTO 2 (indivisibile) SISTEMA MACCHINA REATTIVI PER LA RICERCA QUANTITATIVA DEGLI ACIDI NUCLEICI DI VIRUS EPATITE B, EPATITE C e VIRUS HIV IN PCR REAL TIME 1. Obiettivi organizzativi del laboratorio:

Dettagli

Servizi di consulenza specialistica per IGRUE 2009 2012

Servizi di consulenza specialistica per IGRUE 2009 2012 Allegato 9A Metodo della stima delle differenze Descrizione della procedura Il metodo della stima delle differenze è indicato qualora il controllore ritenga che la popolazione sia affetta da un tasso di

Dettagli

Metodologia per l analisi dei dati sperimentali L analisi di studi con variabili di risposta multiple: Regressione multipla

Metodologia per l analisi dei dati sperimentali L analisi di studi con variabili di risposta multiple: Regressione multipla Il metodo della regressione può essere esteso dal caso in cui si considera la variabilità della risposta della y in relazione ad una sola variabile indipendente X ad una situazione più generale in cui

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro S.P.I.S.A.L. Indicazioni Operative per

Dettagli

Dal prelievo alla diagnosi: Descrizione del percorso diagnostico

Dal prelievo alla diagnosi: Descrizione del percorso diagnostico Schmallenberg virus: l ennesima emergenza sanitaria per la zootecnia della Sardegna? Nuoro, 20 dicembre 2012 Dal prelievo alla diagnosi: Descrizione del percorso diagnostico Annalisa Oggiano Dipartimento

Dettagli

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI Alcune malattie infettive ad eziologia virale e andamento benigno nei soggetti immunocompetenti, se sono contratte durante la gravidanza, possono rappresentare

Dettagli

VALIDAZIONE SECONDO LE NORME ISO ED UNI-ENV-ISO DEL METODO COLORIMETRICO QUANTITATIVO MBS CONTA DI COLIFORMI IN ACQUE SUPERFICIALI

VALIDAZIONE SECONDO LE NORME ISO ED UNI-ENV-ISO DEL METODO COLORIMETRICO QUANTITATIVO MBS CONTA DI COLIFORMI IN ACQUE SUPERFICIALI VALIDAZIONE SECONDO LE NORME ISO ED UNI-ENV-ISO DEL METODO COLORIMETRICO QUANTITATIVO MBS CONTA DI COLIFORMI IN ACQUE SUPERFICIALI Le metodiche sperimentali e le analisi statistiche che vengono applicate

Dettagli

PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b)

PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b) PRINCIPALI TIPI DI PCR a) RT-PCR: serve a valutare l espressione di un gene tramite l amplificazione dell mrna da esso trascritto PCR COMPETITIVA: serve a valutare la concentrazione iniziale di DNA o RNA

Dettagli

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Rapporto di monitoraggio semestrale I semestre 2012 Pubblicato in data 17 luglio 2012 1 INDICE 1. Introduzione...3 2. Situazione Operatori...3 3. TEE emessi...3

Dettagli

La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi

La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi Come posso confrontare diverse ipotesi? Nella statistica inferenziale classica vengono sempre confrontate due ipotesi: l ipotesi nulla e l ipotesi

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi :

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi : Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in biotecnologia Corso di Statistica Medica Analisi dei dati quantitativi : Confronto tra due medie Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in

Dettagli

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG42U

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG42U ALLEGATO 5 NOTA TECNICA E METODOLOGICA EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG42U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L evoluzione dello Studio di Settore ha il fine di

Dettagli

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha SCHEDA FERGUSON L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha comportato un adeguamento degli strumenti utili a valutare l efficienza e la redditività delle

Dettagli

Elaborazione dati in Analisi Sensoriale

Elaborazione dati in Analisi Sensoriale Elaborazione dati in Analisi Sensoriale Si è parlato di interpretazione corretta dei risultati ottenuti; a questo concorrono due fattori: affidabilità e validità. Se i test fossero stati ripetuti con lo

Dettagli

Il Pap test di triage

Il Pap test di triage La Citologia negli screening oncologici Roma, 19 novembre 2014 Il Pap test di triage nello screening con test HPV Maria Luisa Schiboni UOC Anatomia Patologica, Osp S.Giovanni - Roma Il Pap test di triage

Dettagli

Manuale di Autocontrollo

Manuale di Autocontrollo Az. Agr. Cagnassi Giovanni Fraz. San Vittore n. 87 12045 Fossano (CN) VENDITA DI LATTE CRUDO MEDIANTE DISTRIBUTORE AUTOMATICO Manuale di Autocontrollo Manuale di autocontrollo 1 Indice Introduzione pag.

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

centrale (CNS) causata dall infezione litica degli oligodendrociti da parte del Polyomavirus JC (JCPyV). Ad

centrale (CNS) causata dall infezione litica degli oligodendrociti da parte del Polyomavirus JC (JCPyV). Ad RESOCONTO ATTIVITÀ DI RICERCA ANNO 2013 Studio dell espressione di fattori virali e cellulari implicati nella replicazione del Polyomavirus umano JC Responsabile scientifico: Dr. Simone Giannecchini, Dipartimento

Dettagli

Controllo ufficiale degli OGM nel settore agroalimentare

Controllo ufficiale degli OGM nel settore agroalimentare Controllo ufficiale degli OGM nel settore agroalimentare Ugo Marchesi Istituto Zooprofilattico Sperimentale Lazio e Toscana Centro di Referenza Nazionale per la ricerca di OGM ugo.marchesi@izslt.it ORGANISMI

Dettagli

2. Un carattere misurato in un campione: elementi di statistica descrittiva e inferenziale

2. Un carattere misurato in un campione: elementi di statistica descrittiva e inferenziale BIOSTATISTICA 2. Un carattere misurato in un campione: elementi di statistica descrittiva e inferenziale Marta Blangiardo, Imperial College, London Department of Epidemiology and Public Health m.blangiardo@imperial.ac.uk

Dettagli

Rapporto dal Questionari Insegnanti

Rapporto dal Questionari Insegnanti Rapporto dal Questionari Insegnanti SCUOLA CHIC81400N N. Docenti che hanno compilato il questionario: 60 Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il Questionario Insegnanti ha l obiettivo di rilevare la

Dettagli

Test non parametrici. Test non parametrici. Test non parametrici. Test non parametrici

Test non parametrici. Test non parametrici. Test non parametrici. Test non parametrici Test non parametrici Test non parametrici Il test T di Student per uno o per due campioni, il test F di Fisher per l'analisi della varianza, la correlazione, la regressione, insieme ad altri test di statistica

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

Esercizi di valutazione di qualità delle analisi sulle diverse matrici biologiche utilizzate nell' analisi di farmaci e sostanze d' abuso

Esercizi di valutazione di qualità delle analisi sulle diverse matrici biologiche utilizzate nell' analisi di farmaci e sostanze d' abuso Esercizi di valutazione di qualità delle analisi sulle diverse matrici biologiche utilizzate nell' analisi di farmaci e sostanze d' abuso Simona Pichini, Ilaria Palmi, Rita di Giovannandrea Dipartimento

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia e Virologia U Città della Salute e della Scienza di Torino

IL RUOLO DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia e Virologia U Città della Salute e della Scienza di Torino IL RUOLO DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia e Virologia U Città della Salute e della Scienza di Torino Torino 17 febbraio 2016 RISULTATI DI 11 ANNI DI ATTIVITÀ (2005-2015)

Dettagli

Università degli Studi di Milano Bicocca CdS ECOAMM Corso di Metodi Statistici per l Amministrazione delle Imprese CARTE DI CONTROLLO PER VARIABILI

Università degli Studi di Milano Bicocca CdS ECOAMM Corso di Metodi Statistici per l Amministrazione delle Imprese CARTE DI CONTROLLO PER VARIABILI Università degli Studi di Milano Bicocca CdS ECOAMM Corso di Metodi Statistici per l Amministrazione delle Imprese CARTE DI CONTROLLO PER VARIABILI 1. L azienda Wood produce legno compensato per costruzioni

Dettagli

ALLEGATO 1 Analisi delle serie storiche pluviometriche delle stazioni di Torre del Lago e di Viareggio.

ALLEGATO 1 Analisi delle serie storiche pluviometriche delle stazioni di Torre del Lago e di Viareggio. ALLEGATO 1 Analisi delle serie storiche pluviometriche delle stazioni di Torre del Lago e di Viareggio. Per una migliore caratterizzazione del bacino idrologico dell area di studio, sono state acquisite

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità - Roma 1

Istituto Superiore di Sanità - Roma 1 Metodi analitici per la ricerca dei virus enterici negli alimenti Elisabetta Suffredini Istituto Superiore di Sanità Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Tor Vergata 15.04.2014

Dettagli

Misure della dispersione o della variabilità

Misure della dispersione o della variabilità QUARTA UNITA Misure della dispersione o della variabilità Abbiamo visto che un punteggio di per sé non ha alcun significato e lo acquista solo quando è posto a confronto con altri punteggi o con una statistica.

Dettagli

Servizio fitosanitario regionale

Servizio fitosanitario regionale Regione Toscana Servizio fitosanitario regionale Il laboratorio di diagnostica fitopatologica e biologia molecolare Direzione generale Competitività del sistema regionale e sviluppo delle competenze Sviluppo

Dettagli

Verifiche qualitative dell RNA e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme. Massimo Degan, CRO Aviano (PN)

Verifiche qualitative dell RNA e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme. Massimo Degan, CRO Aviano (PN) e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme Massimo Degan, CRO Aviano (PN) perchè è importante verificare l RNA La verifica della qualità dell RNA nei saggi diagnostico-molecolari

Dettagli

Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali

Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali SECONDO APPUNTAMENTO CON LA SPERIMENTAZIONE IN AGRICOLTURA Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali La statistica descrittiva rappresenta la base di partenza per le applicazioni

Dettagli

Determinazione del numero di Avogadro

Determinazione del numero di Avogadro 1 Relazione sperimentale Abbiamo determinato il numero di Avogadro mediante voltametro, determinando il valore della costante nella legge dell elettrolisi di Faraday. Ricorrendo ad uno ione che trasporta

Dettagli

Abbiamo costruito il grafico delle sst in funzione del tempo (dal 1880 al 1995).

Abbiamo costruito il grafico delle sst in funzione del tempo (dal 1880 al 1995). ANALISI DI UNA SERIE TEMPORALE Analisi statistica elementare Abbiamo costruito il grafico delle sst in funzione del tempo (dal 1880 al 1995). Si puo' osservare una media di circa 26 C e una deviazione

Dettagli

Regressione Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011

Regressione Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011 Regressione Esempio Un azienda manifatturiera vuole analizzare il legame che intercorre tra il volume produttivo X per uno dei propri stabilimenti e il corrispondente costo mensile Y di produzione. Volume

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE GRAFICA E ANALISI DEI DATI SPERIMENTALI CON EXCEL

RAPPRESENTAZIONE GRAFICA E ANALISI DEI DATI SPERIMENTALI CON EXCEL RAPPRESENTAZIONE GRAFICA E ANALISI DEI DATI SPERIMENTALI CON EXCEL 1 RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Per l analisi dati con Excel si fa riferimento alla versione 2007 di Office, le versioni successive non differiscono

Dettagli

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Tabella 4: Numero di aziende che utilizzano il fondo regionale ogni dieci aziende che si avvalgano del regime assicurativo Area N.ro ogni 10 aziende Nord-Ovest

Dettagli

SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11

SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11 SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11 Le rilevazioni degli apprendimenti A.S. 2010 11 Gli esiti del Servizio nazionale di valutazione 2011 e della Prova nazionale 2011 ABSTRACT Le rilevazioni degli

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA' PUBBLICA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICI VIII Ordinanza del Ministro della Salute Misure

Dettagli

1. Distribuzioni campionarie

1. Distribuzioni campionarie Università degli Studi di Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale - a.a. 2012/2013 lezioni di statistica del 3 e 6 giugno 2013 - di Massimo Cristallo - 1. Distribuzioni campionarie

Dettagli