Prefazione. Parte I 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prefazione. Parte I 1"

Transcript

1 Indice Prefazione Gli Autori XI XVII Parte I 1 1 Instabilità dei mercati, propensione al rischio e politiche d intervento: effetti dell incertezza indotta dai cambiamenti strutturali nei mercati globali Giorgio Galeazzi Introduzione Rischi interpretativi e di regolamentazione Potere regolatorio e agenzie di rating Valutazione del rischio e incertezza sistemica Politiche di intervento e politica monetaria Conclusioni Bibliografia Globalizzazione, crisi del credito, valuta di riserva. Verso il dollaro/renminbi? Fabio Sdogati Introduzione La valuta di riserva quando la divisione del lavoro è di natura merceologica: il sistema di Bretton Woods Domanda aggregata e divisione internazionale del lavoro La gestione della domanda aggregata a livello mondiale La nuova divisione internazionale del lavoro Gli effetti della nuova divisione internazionale del lavoro sulla competitività delle merci e dei servizi: asse Usa-Cina e progressiva marginalizzazione dell Unione europea Le caratteristiche della valuta di riserva mondiale nell epoca della frammentazione internazionale dei processi produttivi

2 VI Indice Forme possibili della valuta di riserva La domanda di valuta di riserva L offerta di valuta di riserva Bibliografia Da crisi finanziaria a recessione globale: evoluzione e ruolo dei derivati finanziari Daniele Caporaletti Abnorme ricorso al credito Cartolarizzazioni e meccanismi di distribuzione del rischio La diffusione dei prodotti di investimento legati al mercato immobiliare Scoppio e propagazione della crisi Bibliografia La scomparsa della reputazione nel mercato dei capitali: effetti perversi della regolamentazione Jonathan Macey Introduzione Il modello reputazionale Il declino e la caduta del modello reputazionale Le società di valutazione del merito creditizio (le c.d. agenzie di rating) Studi legali e Banche d Investimenti specializzate nel Diritto Societario e nelle Regolamentazioni degli Strumenti Finanziari per le Società a capitale diffuso I mercati azionari organizzati Società di revisione contabile Conclusione Bibliografia La corporate governance tra trasparenza e controllo Gabriele Guggiola Tendenze recenti nella governance d impresa Trasparenza e controllo Performance e compliance Crisi economica e governance d impresa Evoluzione e alleggerimento dei requisiti di compliance Valutazione degli asset ed evoluzioni del principio del mark-to-market Trasparenza e controllo nei mercati finanziari Gli accordi di Basilea II e la crisi del credito Intervento statale e governance delle imprese

3 Indice VII 5.5 Conclusioni Bibliografia Parte II I nuovi Paesi investitori sul mercato finanziario internazionale: i fondi sovrani di investimento Federico Boffa Introduzione Alle origini dei fondi sovrani I fondi sovrani dagli anni Cinquanta a oggi I fondi sovrani: risorse, finalità e impieghi I fondi sovrani nella crisi e l atteggiamento dei Paesi occidentali Alcune proposte di policy Valutazioni conclusive Bibliografia Il ruolo del private equity nel sistema finanziario internazionale Eleonora Cutrini Introduzione La diffusione internazionale del private equity: un confronto tra Europa e Stati Uniti La diffusione internazionale del private equity: uno sguardo ai Paesi emergenti e ai fondi sovrani Introduzione Fondi sovrani e private equity: caratteristiche principali Considerazioni conclusive Bibliografia Private equity in Italia: caratteristiche del mercato e ruolo per le imprese Barbara Fidanza Premessa Private equity e finanza aziendale: alcune riflessioni Caratteristiche del mercato italiano Gli investimenti Gli operatori Il found raising e il disinvestimento Le performance Il ruolo per le imprese dell investimento in capitale di rischio Sostiene la crescita dimensionale delle imprese Orienta il Management alla creazione di valore

4 VIII Indice Facilita il ricambio generazionale e/o l ingresso di nuovi soci Facilita l allargamento dei mercati Migliora i sistemi di governance Sostiene lo sviluppo tecnologico Aiuta a superare le crisi Migliora la comunicazione economico-finanziaria dell impresa Considerazioni conclusive Bibliografia Gli hedge fund: caratteristiche, impatto sui mercati e ruolo nelle crisi finanziarie Matteo Cassiani e Francesca Spigarelli Considerazioni introduttive Natura e funzionamento degli HF Le caratteristiche distintive degli HF Strategie di investimento e classificazione degli HF La struttura organizzativa tipica degli HF Il monitoraggio dell industria: le distorsioni di indici e database L operatività degli HF sui mercati finanziari: vantaggi e risvolti negativi La crisi finanziaria attuale: quale ruolo per gli HF? I trend principali di offerta e domanda Le trasformazioni dell offerta di HF Gli HF ed il rischio sistemico: alcune prime evidenze empiriche L evoluzione dell industria: rischi ed opportunità della regolamentazione Considerazioni conclusive Bibliografia Parte III Il ruolo dei fondi pensione nel mercato finanziario Francesca Panza e Andrea Scaffidi 233 Bibliografia

5 Indice IX 11 La previdenza complementare nella riforma del sistema pensionistico Luigi Antonelli e Fabio Ortolani La rilevanza della previdenza complementare La crescita delle adesioni: un analisi della composizione e degli strumenti I canali di diffusione della cultura previdenziale La gestione del patrimonio nelle turbolenze dei mercati finanziari Il quadro internazionale Appendice: ISC e Progetto Esemplificativo I fondi comuni italiani: imitazioni domestiche di modelli esteri alla prova della globalizzazione finanziaria Fulvio Coltorti Le premesse Le attese La fuga dei capitali Promesse ed esiti Le trasformazioni Le modalità di gestione Utilità dei fondi per l industria e la Borsa I fondi nel mezzo della crisi finanziaria Conclusioni Bibliografia Tavole a colori 295

6

7 Prefazione Il presente volume trae origine da convegni organizzati nel 2008 e 2009, in occasione dell inaugurazione dei corsi di Scienze dei Servizi Giuridici della Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Macerata, sede di Jesi. L opera nasce dall esigenza di cogliere, in una visione unitaria, i profondi mutamenti e le complesse dinamiche che hanno interessato il sistema finanziario internazionale negli ultimi anni. L evoluzione del settore finanziario ha assunto una rilevanza particolare nell attuale momento storico, in cui alla finanza si attribuisce una significativa responsabilità nell avere determinato la crisi economica mondiale iniziata nel 2007, e dalla quale solo ora si intravede una via di uscita. Sebbene numerosi ed articolati siano i contributi su tematiche specifiche di finanza internazionale, abbiamo ritenuto opportuno riunire in un volume quelli che a nostro avviso sono i temi più rilevanti, cercando al contempo di proporli secondo un ordine e una logica da cui emergesse il ruolo dei diversi fenomeni economici, giuridici, contabili e finanziari che hanno contribuito a generare la crisi e su cui maggiormente si discute nell analisi delle prospettive. Il volume si compone di tre parti, oltre l introduzione. I contributi della prima parte contengono un analisi dei principali tratti della recente evoluzione del quadro macroeconomico, finanziario e valutario, identificandone al contempo i nodi maggiormente problematici. La seconda parte è invece dedicata ai nuovi investitori e alle nuove strategie sul mercato finanziario internazionale, comprendendo un analisi dei fondi sovrani, dei fondi di private equity e degli hedge funds. Infine, la terza parte analizza ruolo, caratteristiche e strategie dei fondi istituzionali. Nella prima parte del lavoro, il contributo di Giorgio Galeazzi introduce e illustra gli effetti di discontinuità sul sistema finanziario internazionale, indotti dal contemporaneo verificarsi di una serie di mutamenti strutturali nello scenario economico globale. Tali mutamenti possono essere individuati principalmente nei cambiamenti delle tecnologie di produzione e nella divisione internazionale del lavoro, nella nuova direzione dei flussi dei capitali, nel ruolo sistemico ora assunto dai mercati emergenti e, infine, nei trend demografici. Tenendo conto dell ampiezza delle problematiche economiche e politiche indotte dalla crisi e delle diversità nelle diagnosi disponibili, l attenzione viene concentrata sugli aspetti relativi alle incoerenze nei mercati ed alla realizzazione di più adeguate politiche di regolamentazione/supervisione. Il lavoro sviluppa un analisi di alcuni punti chiave nel contesto di due ambiti tematici. Il primo riguarda il nesso tra i rischi inter-

8 XII Prefazione pretativi ed i rischi di riforma delle regolamentazioni, con particolare attenzione al problema della prevenzione normativa di un comportamento inadeguato delle agenzie di rating. Il secondo concerne i legami tra il grado di incertezza sistemica e l andamento del premio al rischio, nel contesto delle possibili interazioni con le scelte di politica economica. Segue il contributo di Fabio Sdogati, che analizza specificamente le conseguenze sul piano valutario del nuovo modello di divisione internazionale del lavoro, indotto dalla crescita nel commercio mondiale del ruolo dei Paesi emergenti. In particolare, viene affrontato il problema attualmente molto rilevante della individuazione del più appropriato strumento di riserva, tenendo conto della necessità di un cambiamento a seguito della crisi e dell ampio uso della frammentazione internazionale delle attività produttive. Il peso crescente nella dinamica della domanda mondiale del rapporto fra Stati Uniti e Cina porta a ritenere che tale strumento non possa essere altro che una sorta di unità composita, derivante da una media ponderata dollaro/renmimbi. Gli effetti per l economia europea saranno di una progressiva accentuazione della marginalizzazione in termini di competitività di prezzo. I Capitoli 3 e 4 si concentrano sulle ragioni della crisi, affrontando il tema da due prospettive molto diverse, ma che pure non si escludono a vicenda. Il Capitolo 3, di Daniele Caporaletti, si focalizza sul ricorso al credito, mostrando come l interazione fra avanzamento tecnologico e deregolamentazione finanziaria abbia supportato la nascita e lo sviluppo di strumenti finanziari e pratiche bancarie che hanno aumentato il rischio sistemico, creando così i presupposti per una situazione di stress sui mercati. Il Capitolo 4, di Jonathan Macey, affronta invece il ruolo della regolazione nella gestione del rischio, evidenziando come una regolazione male indirizzata abbia ridotto la necessità per le imprese di provvedere alla costruzione di una reputazione. Si è così accorciato l orizzonte temporale delle decisioni dell impresa stessa, a cui ora mancano gli incentivi per operare secondo una logica di sostenibilità, ovvero di massimizzazione del profitto di lungo termine. L orientamento al profitto di breve periodo, che ha coinvolto, secondo l autore, tanto le società di rating e le società di revisione contabile, quanto gli studi legali e i mercati borsistici organizzati, ha diminuito la qualità dell informazione finanziaria disponibile, peggiorando così la qualità del mercato finanziario nel suo complesso. La tematica della qualità dell informazione finanziaria trattata da Macey ritorna nel Capitolo 5, di Gabriele Guggiola, nell ottica della governance di impresa. L articolo sottolinea la necessità di mantenere un delicato equilibrio fra due esigenze altrettanto importanti, ma non sempre conciliabili, in vista dello sviluppo di mercati finanziari efficienti: da una parte, la trasparenza del mercato e la disponibilità di informazioni accurate fornite dalle imprese, dall altra la necessità di non vincolare eccessivamente l attività di impresa, o di gravarla di oneri o costi eccessivi.

9 Prefazione XIII I successivi quattro capitoli della parte II sono poi dedicati agli attori che operano nel sistema finanziario internazionale. Si è deciso di analizzare separatamente le specificità di ciascuno di essi per almeno due ordini di ragioni: primo, perché sono recentemente emerse nel settore finanziario nuove classi di investitori, e molte di quelle di più antica tradizione hanno comunque subito profonde trasformazioni; secondo, perché i nuovi soggetti operano con strategie e in un quadro regolatorio molto diversi rispetto a quelli nei quali si trovano ad agire gli investitori tradizionali. Da qui deriva la necessità di comprendere come l organizzazione interna di tali classi di investitori, e gli incentivi dalla stessa indotti, influenzi le loro scelte, e, di conseguenza, le strategie globali di impiego dei risparmi finanziari: ciò rende una loro trattazione dal punto di vista microeconomico particolarmente interessante. Nel dettaglio, il contributo di Federico Boffa esamina l attività dei fondi sovrani, che suscitano un particolare interesse in quanto evidenzia il recente affacciarsi sulla scena finanziaria internazionale di Paesi emergenti, prevalentemente asiatici. Tali fondi, muovendo capitali da Oriente (in particolare dalla Cina e dal Medio Oriente) verso Occidente, riflettono la nuova direzione dei flussi finanziari mondiali cui si accennava sopra. L articolo illustra l origine delle risorse finanziarie impiegate dai fondi sovrani, toccando così il tema della motivazioni dei persistenti surplus commerciali di molti Paesi asiatici, e le strategie di impiego adottate dai fondi stessi; infine, discute l atteggiamento mantenuto dai Governi occidentali in relazione a questi investitori, improntato da una parte alla cautela a causa della scarsa trasparenza delle strategie da essi adottate, dall altra all accoglimento degli investimenti, spesso essenziali alla sopravvivenza delle imprese, specialmente in periodi di difficoltà come l attuale. La scarsa trasparenza delle strategie adottate è elemento che caratterizza anche i fondi di private equity, che costituiscono l argomento dei Capitoli 7 e 8. Il contributo di Eleonora Cutrini, affronta l argomento in chiave internazionale, mostrando il crescente impatto dei fondi, e illustrando l evoluzione della strategia di investimento e dei mercati target per questa categoria di investitori. Infine, il contributo evidenzia i benefici in termini di efficienza e redditività per le imprese interessate da investimenti in equity. Questo risultato viene confermato dai dati italiani che rappresentano l oggetto del lavoro di Barbara Fidanza, che inoltre presenta le caratteristiche del mercato italiano del private equity e sottolinea come gli investimenti in equity facilitino anche la crescita dimensionale delle imprese e tendano a generare un miglioramento nella struttura di corporate governance. Il Capitolo 9, di Matteo Cassiani e Francesca Spigarelli, è invece dedicato ad una classe di investitori considerati da molti responsabili delle crisi finanziarie succedutesi negli ultimi anni: gli hedge funds. Il contributo evidenzia i benefici ascrivibili a tali fondi, che consistono nell assicurare la liquidità al mercato, nell incrementare l efficienza nella formazione dei prezzi e nel favorire l innovazione finanziaria. Inoltre, passa in rassegna gli aspetti critici che pongono gli hedge fund tra gli imputati principali delle situazioni di turbolenza e stress dei mercati

10 XIV Prefazione finanziari, offrendo anche alcune prime considerazioni sul loro ruolo nell attuale situazione di crisi. La parte terza raggruppa gli ultimi tre capitoli e fornisce un analisi del ruolo dei fondi istituzionali, maggiormente orientati a garantire agli investitori redditività nel lungo periodo. Al contrario dei fondi hedge, i fondi pensione, oggetto dei Capitoli 10 e 11, si distinguono per investimenti fortemente orientati al lungo periodo dei propri investimenti. Ciò contribuisce alla stabilità dei prezzi, e, di conseguenza, alla stabilità dell intero sistema finanziario. L articolo di Francesca Panza e Andrea Scaffidi, illustra i fondi pensione in un ottica internazionale, evidenziandone il carattere anticiclico ed il ruolo di educatore finanziario nei confronti dei propri aderenti. Segue il contributo di Luigi Antonelli e Fabio Ortolani, che traccia un bilancio dell andamento dei fondi pensione integrativi italiani, inquadrandoli nel contesto normativo nazionale. La terza parte del volume si conclude con l intervento di Fulvio Coltorti, che costituisce un analisi di lungo periodo sull esperienza italiana dei fondi comuni di investimento visti nel contesto internazionale. Si sottolineano, in primo luogo, la persistenza di gestioni insoddisfacenti abbinate a costi elevati e ad ottiche di breve termine e, in secondo luogo, la fragilità della governance del sistema, tutti motivi che non hanno consentito a questa categoria di investitori di assumere un ruolo da protagonista nella finanza d impresa. Sono andate così deluse le aspettative delle correnti liberali che promossero l istituzione di questi strumenti, mosse principalmente dal desiderio di ampliare il mercato italiano dei capitali e, per tal via, di sostenere le grandi società ad azionariato diffuso aumentandone la numerosità. Le tendenze recenti della globalizzazione finanziaria hanno ridotto la portata di questo handicap nei confronti delle imprese produttive, lasciando tuttavia il sistema italiano sostanzialmente sprovvisto di una categoria importante di servizi finanziari per lo sviluppo. Nello strutturare questo testo, abbiamo ipotizzato diverse possibilità di fruizione. Le tematiche possono essere utili a livello accademico, ad esempio in un corso avanzato di finanza internazionale o, alternativamente, di macroeconomia internazionale, orientato alla presentazione critica di tematiche che coinvolgono la recente crisi finanziaria. Il libro è poi rivolto a economisti e studiosi interessati al settore, che intendano aggiornarsi sugli sviluppi recenti del sistema finanziario e sui cambiamenti intervenuti a diversi livelli sul piano macroeconomico e su quello della corporate finance. Infine, abbiamo strutturato il volume affinché potesse risultare di interesse anche per cultori estranei alla disciplina formale dell economia che intendano farsi un idea delle radici della crisi finanziaria e dei suoi sviluppi. Nella stesura, si è tenuto conto dell esigenza di evitare l uso di strumenti matematici o analitici di particolare complessità.

11 Prefazione XV Allo stesso tempo, i singoli contributi sono comprensibili anche a chi volesse dedicare il proprio interesse alle specifiche tematiche indipendentemente dalla lettura globale dell intera opera.

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese Le scelte per la media impresa tra debito e capitale MILANO, 11 Novembre

Dettagli

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI Prefazione I contratti derivati di credito (Credit Derivatives) hanno rivoluzionato con la loro introduzione il sistema finanziario, mutando sensibilmente e sostanzialmente il modo in cui le banche assumono,

Dettagli

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana 6 Giugno 2012, Scuderie di Palazzo Altieri - Roma Siglata in occasione della Settimana Italiana dell Investimento Sostenibile

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII Prefazione, di Tancredi Bianchi Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XIII XVII Parte prima Il mercato, le istituzioni e gli strumenti di valutazione 1 Il sistema finanziario e

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

XV Introduzione XXI Profili degli autori. 3 Parte prima - Profili istituzionali. 5 Capitolo primo Storia ed evoluzione della banca di Stefano Perri

XV Introduzione XXI Profili degli autori. 3 Parte prima - Profili istituzionali. 5 Capitolo primo Storia ed evoluzione della banca di Stefano Perri XV Introduzione XXI Profili degli autori 3 Parte prima - Profili istituzionali 5 Capitolo primo Storia ed evoluzione della banca di Stefano Perri 5 1.1 Premessa: l attività bancaria e il moltiplicatore

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

2. LE BASI DEL SISTEMA DI SOSTEGNO ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE

2. LE BASI DEL SISTEMA DI SOSTEGNO ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE SOMMARIO 1. DOPO LA CRISI: IL MADE IN ITALY IN UN MERCATO INTERNAZIONALE CHE CAMBIA RAPIDAMENTE 1.1. Introduzione... 3 1.1.1 Le PMI fra definizione e realtà... 3 1.2. Cause e conseguenze della crisi...

Dettagli

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche A13 Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale Il ruolo della funzione di risk management delle banche Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

I fondi riservati: prospettive e criticità

I fondi riservati: prospettive e criticità I fondi riservati: prospettive e criticità Claudio Cacciamani Università degli Studi di Parma Claudio.cacciamani@unipr.it Sala Capranichetta, Piazza di Montecitorio, 127 Roma Martedì, 18 gennaio 2010 1

Dettagli

Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale

Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale 1 Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale Indice Parte 1 Premessa Parte 2 Quadro generale Parte 3 Struttura degli investimenti e orizzonte

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI. Docente: Prof. Massimo Mariani

IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI. Docente: Prof. Massimo Mariani IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il sistema finanziario I mercati finanziari La comunicazione finanziaria L efficienza dei mercati finanziari Anomalie

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

La crisi ed il risanamento finanziario delle PMI

La crisi ed il risanamento finanziario delle PMI Ciclo di seminari sulla finanza d impresa La crisi ed il risanamento finanziario delle PMI Aurelio Valente Nascita/Finanziamenti Crescita/ Capitalizzazione/Quotazione Passaggi Generazionali/ Riallocazione

Dettagli

Indice. Prefazione PARTE PRIMA LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE NELLE STRATEGIE COLLABORATIVE TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE ED IMPRESE

Indice. Prefazione PARTE PRIMA LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE NELLE STRATEGIE COLLABORATIVE TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE ED IMPRESE Indice Prefazione XI PARTE PRIMA LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE NELLE STRATEGIE COLLABORATIVE TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE ED IMPRESE Capitolo 1 Le partnership pubblico-privato nei nuovi modelli di gestione

Dettagli

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza Il tema delle remunerazioni dei Vertici Aziendali continua a essere di grande attualità e oggetto di particolare

Dettagli

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione A13 Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione Profili di rischio e di solvibilità Prefazione di Antonio Minguzzi Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

Comune di Pontassieve. Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato. In collaborazione con

Comune di Pontassieve. Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato. In collaborazione con Comune di Pontassieve Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato In collaborazione con 1 Indice Indice... 1 1. Il processo di sviluppo organizzativo in corso...

Dettagli

Relatori. Dott.ssa Donatella Cajano. Dott. Paolo Pepe. Dott. Enrico Ales. Tel 06.45.48.10.63

Relatori. Dott.ssa Donatella Cajano. Dott. Paolo Pepe. Dott. Enrico Ales. Tel 06.45.48.10.63 Relatori Dott.ssa Donatella Cajano Dott. Paolo Pepe Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only S.r.l. Tel 06.45.48.10.63 1 Analisi & Mercati Fee Only s.r.l. è una società di consulenza finanziaria indipendente

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

1.3. Le analisi di bilancio nell azienda di oggi pag. 7 1.4. La struttura del volume pag. 11

1.3. Le analisi di bilancio nell azienda di oggi pag. 7 1.4. La struttura del volume pag. 11 1. Le analisi di bilancio: note evolutive ed introduttive 1.1. Introduzione pag. 3 1.2. Le analisi di bilancio nella tradizione degli studi economicoaziendali italiani pag. 3 1.3. Le analisi di bilancio

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

Parte I Visione d insieme, rendimenti storici e teorie accademiche

Parte I Visione d insieme, rendimenti storici e teorie accademiche Presentazione all edizione italiana, di Mario Masini Prefazione all edizione italiana, di Luca Martinetti Osculati Prefazione, di Clifford S. Asness Ringraziamenti Abbreviazioni e acronimi pag. XIII» XVII»

Dettagli

INTRODUZIONE. i quaderni di minerva bancaria - 1/2014 5

INTRODUZIONE. i quaderni di minerva bancaria - 1/2014 5 Il mercato del risparmio gestito, che negli anni 90 era stato caratterizzato da una crescita impetuosa, nell ultimo decennio è stato interessato da distinte dinamiche locali influenzate da una molteplicità

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione

TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione 1/16 TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione SEZIONE III - INFORMAZIONI SULL AAMENTO DELLA GESTIONE valida dal 26 aprile 2010 Dati aggiornati al 31 dicembre

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

SINTESI DEGLI INTERVENTI

SINTESI DEGLI INTERVENTI SINTESI DEGLI INTERVENTI Fabrizio Forquet introduce i lavori del Convegno richiamando l attenzione degli intervenuti sull importanza di iniziative per la crescita e per il supporto alle esportazioni, che

Dettagli

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento Alberto Balestreri 1. Il tema dovrebbe essere declinato sia in funzione dei settori di attività delle PMI che, più in generale, in funzione di

Dettagli

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI AUDIZIONE Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI ROMA, 14 OTTOBRE 2010 I sistemi di sicurezza sociale sono sviluppati in Europa più che in altre parti del

Dettagli

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Alessandro Nova Università L. Bocconi Roma, 18 febbraio 2014 Filiera della carta 2014 - Alessandro Nova 1 La Filiera della

Dettagli

Fondazione dei Dottori Commercialisti di Milano

Fondazione dei Dottori Commercialisti di Milano Fondazione dei Dottori Commercialisti di Milano Rassegna Stampa 1 Convegno Garanzie e Tutele Sociali Piccole e medie imprese Sviluppo, finanziamento e governance etica di mercato e garanzie sociali 12

Dettagli

Gli Autori. Simbologia. Presentazione. Introduzione INDICE XIII XVII XIX

Gli Autori. Simbologia. Presentazione. Introduzione INDICE XIII XVII XIX INDICE XIII XV XVII XIX Gli Autori Simbologia Presentazione Introduzione 3 Parte prima: Corporate Finance e creazione di valore 5 Capitolo 1 Introduzione alla Corporate Finance: significato, ruolo ed obiettivo

Dettagli

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA SOMMARIO 1 LA FINANZIABILITÀ DEL PIANO...I 2 I CONTI ECONOMICI DI PREVISIONE...V 3 STATO PATRIMONIALE...VII 4 FLUSSI DI CASSA... VIII 5 UNO SCENARIO

Dettagli

Covip. Premesse. Consultazione sullo schema di Disposizioni sul processo di attuazione della politica di investimento

Covip. Premesse. Consultazione sullo schema di Disposizioni sul processo di attuazione della politica di investimento Covip Consultazione sullo schema di Disposizioni sul processo di attuazione della politica di investimento Milano, 30 settembre 2011 Premesse In tutto il mondo, ed in particolare in Europa, i fondi pensione

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

Pianificazione, controllo di gestione, analisi degli scostamenti, abc, costo del lavoro

Pianificazione, controllo di gestione, analisi degli scostamenti, abc, costo del lavoro Temi in preparazione alla maturità Pianificazione, controllo di gestione, analisi degli scostamenti, abc, costo del lavoro di Piero BERTOGLIO MATERIE: ECONOMIA AZIENDALE (Classe 5 a Istituto Professionale

Dettagli

Introduzione 1. I Macroeconomia monetaria nazionale 17

Introduzione 1. I Macroeconomia monetaria nazionale 17 Indice Indice delle tavole Indice delle figure Ringraziamenti Prefazione xiii xv xvii xix Introduzione 1 I Macroeconomia monetaria nazionale 17 1 La moneta flusso e la moneta stock 19 La moneta come forma

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii Presentazione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro europeo: concorrenza e

Dettagli

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo.

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. INDICE SOMMARIO Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. V XVII Introduzione LA DISCIPLINA DEL MERCATO FINANZIARIO TRA RIFORME E CONTRORIFORME

Dettagli

Le imprese artigiane e la crisi d impresa

Le imprese artigiane e la crisi d impresa Corso di Laurea in Economia Aziendale Prova finale di Laurea Le imprese artigiane e la crisi d impresa Relatrice Ch.ma Prof.ssa Maria Silvia Avi Laureanda Lara Citon Matricola 826904 Indice Pag. Introduzione..

Dettagli

Riflessioni sul documento di consultazione sulla disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione

Riflessioni sul documento di consultazione sulla disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione Prot. 25/2008 AC Spettabile Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro sezione IV Via XX Settembre, 97 00187 ROMA c.a. dott. Alessandro Rivera Anticipata a mezzo posta elettronica

Dettagli

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione SDA Bocconi School of Management seconda edizione l obiettivo del progetto formativo Creare condivisione, costruire e rafforzare l alleanza tra management della banca e direttori di filiale, fondata sulla

Dettagli

Banche e imprese italiane nel credit crunch

Banche e imprese italiane nel credit crunch Convegno Una finanza per la crescita in collaborazione con CO.MO.I Group 12 giugno 2013, Milano Banche e imprese italiane nel credit crunch Angelo Baglioni Università Cattolica e REF Ricerche www.refricerche.it

Dettagli

L asset più importante, l investimento più remunerativo? La governance, è tempo di investire nel «governance budget»

L asset più importante, l investimento più remunerativo? La governance, è tempo di investire nel «governance budget» Authorized and regulated by the Financial Services Authority L asset più importante, l investimento più remunerativo? La governance, è tempo di investire nel «governance budget» Il processo di investimento

Dettagli

Tra IPO e Private Equity: l esperienza SPAC

Tra IPO e Private Equity: l esperienza SPAC S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Tra IPO e Private Equity: l esperienza SPAC Franco Bertoletti, Dottore

Dettagli

Avviso pubblico per l assegnazione di n.1 Borsa di Ricerca sulla Finanza Pubblica

Avviso pubblico per l assegnazione di n.1 Borsa di Ricerca sulla Finanza Pubblica Avviso pubblico per l assegnazione di n.1 Borsa di Ricerca sulla Finanza Pubblica Art. 1 - Oggetto La Fondazione Rosselli, istituto di ricerca indipendente e no-profit che opera nell ambito delle scienze

Dettagli

normativa Gianfranco Torriero Direttore Centrale Area Centro Studi e Ricerche ABI

normativa Gianfranco Torriero Direttore Centrale Area Centro Studi e Ricerche ABI L esperienza ABI nell analisi di impatto economico della normativa Gianfranco Torriero Direttore Centrale Area Centro Studi e Ricerche ABI Convegno Il ruolo del Consiglio di Amministrazione nel governo

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo)

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo) Conversione in legge del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91, recante disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l'efficientamento energetico dell'edilizia scolastica e universitaria,

Dettagli

Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti

Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti La prospettiva dell offerta delle assicurazioni di Sergio Paci Università Bocconi 1 Il tema del pricing è molto complesso e articolato anche

Dettagli

Uno sguardo al mondo esterno

Uno sguardo al mondo esterno Uno sguardo al mondo esterno Gerardo Rescigno 2009 2 In quale contesto ci stiamo muovendo Riduzione della redditività delle Banche e forte orientamento alla selettività Debolezza dell economia domestica

Dettagli

Chi è Cassa Forense?

Chi è Cassa Forense? Chi è Cassa Forense? Una fondazione di diritto privato che cura la previdenza e l assistenza degli Avvocati 10 0 % altri investimenti 415 e che gestisce un patrimonio a valori di mercato al 31.12.2011

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

1.1 Alcuni concetti chiave» 1 1.2 L evoluzione storica del sistema previdenziale italiano» 5. 1.3 Le principali riforme previdenziali» 7

1.1 Alcuni concetti chiave» 1 1.2 L evoluzione storica del sistema previdenziale italiano» 5. 1.3 Le principali riforme previdenziali» 7 IndIce 1 introduzione alla seconda edizione pag. XVII prefazione alla prima edizione» XIX la previdenza obbligatoria» 1 1.1 Alcuni concetti chiave» 1 1.2 L evoluzione storica del sistema previdenziale

Dettagli

Cari Colleghi, Libertà di scelta della tipologia di investimento. Che cosa è il comparto? La definizione del piano previdenziale

Cari Colleghi, Libertà di scelta della tipologia di investimento. Che cosa è il comparto? La definizione del piano previdenziale Cari Colleghi, dopo un lungo periodo di analisi e discussioni, ci troviamo a confrontarci concretamente al pari di molti altri Fondi Pensione - con la possibilità di decidere direttamente le caratteristiche

Dettagli

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio 1 L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio L esperienza del Gruppo Cariparma FriulAdria Roma, 5 Maggio 2010 Carlo PIANA Responsabile Direzione Centrale

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

» 1 1. Premessa 2. Il punto di vista degli autori» 2 3. L organizzazione del volume» 7. Parte prima Economia internazionale e globalizzazione

» 1 1. Premessa 2. Il punto di vista degli autori» 2 3. L organizzazione del volume» 7. Parte prima Economia internazionale e globalizzazione Indice Indice figure, tabelle, schede e box pag. XIII Introduzione» 1 1. Premessa» 1 2. Il punto di vista degli autori» 2 3. L organizzazione del volume» 7 Parte prima Economia internazionale e globalizzazione

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro 1 Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro LE PROPOSTE DELLA CISL per un sistema pensionistico equo e sostenibile LA CISL CONTRATTA, UNISCE, PROPONE 1 2 1. La flessibilità in uscita: restituire

Dettagli

LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE. Giancarlo Forestieri (Università Bocconi)

LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE. Giancarlo Forestieri (Università Bocconi) LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE Giancarlo Forestieri (Università Bocconi) AGENDA Un quadro d insieme I fattori di contesto I modelli di business tradizionali sono

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

UN ANALISI ORGANIZZATIVA DEL BUSINESS SYSTEM AEROPORTUALE. Editore, FrancoAngeli, Milano 2006 23.00

UN ANALISI ORGANIZZATIVA DEL BUSINESS SYSTEM AEROPORTUALE. Editore, FrancoAngeli, Milano 2006 23.00 UN ANALISI ORGANIZZATIVA DEL BUSINESS SYSTEM AEROPORTUALE. Editore, FrancoAngeli, Milano 2006 23.00 www.ibs.it www.bol.it Di Gianluigi Mangia estratto Negli ultimi decenni si è realizzato un profondo cambiamento

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLE CONSEGUENZE SULL'ATTIVITÀ DELLE IMPRESE E DEGLI OPERATORI E SUGLI INTERESSI DEGLI INVESTITORI E DEI RISPARMIATORI, DERIVANTI DALLE MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA RACCOLTA DI

Dettagli

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V Indice XI Introduzione 3 CAPITOLO 1 Il valore come sintesi degli obiettivi aziendali 3 1.1 Evoluzione e contenuti della funzione finanziaria d

Dettagli

L IMPRESA PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA

L IMPRESA PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA L IMPRESA PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA a cura di Roberto Cafferata Saggi di Gianpaolo Abatecola, Alessandro Giosi, Sara Poggesi, Francesco Scafarto, Silvia Testarmata ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice

Dettagli

La condizione della famiglia nella provincia di Verona

La condizione della famiglia nella provincia di Verona La condizione della famiglia nella provincia di Verona E uno studio sulle famiglie della provincia di Verona, condotto a livello territoriale, che entra nel dettaglio della loro composizione, della loro

Dettagli

Antonio Fabio Forgione Il sistema integrato di fondi. Potenzialità, criteri di investimento, rischi

Antonio Fabio Forgione Il sistema integrato di fondi. Potenzialità, criteri di investimento, rischi A13 457 Antonio Fabio Forgione Il sistema integrato di fondi Potenzialità, criteri di investimento, rischi Copyright MMXI ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity Capitale di rischio Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity di Amedeo De Luca Le Pmi italiane costituiscono la struttura portante del sistema economico nazionale, sia per

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

COMITATO TECNICO CREDITO E FINANZA

COMITATO TECNICO CREDITO E FINANZA Angelo Camilli COMITATO TECNICO CREDITO E FINANZA Linee di indirizzo 17 dicembre 2012 Scenario L offerta di credito nel Lazio si riduce progressivamente Il tasso di crescita dei prestiti alle imprese,

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito.

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Torino, 18 settembre 2006 Indice Introduzione...p. 3 Le 6 regole fondamentali...p. 3 Introduzione Come abbiamo rilevato nei precedenti articoli

Dettagli

I bilanci tecnici nell era della crisi del lavoro

I bilanci tecnici nell era della crisi del lavoro ENPAM MERCATO DEL LAVORO E PREVIDENZA I bilanci tecnici nell era della crisi del lavoro Giampaolo Crenca Presidente Consiglio Nazionale Attuari Roma, 25 giugno 2013 Il mercato del lavoro è cambiato in

Dettagli

Verso il multicomparto

Verso il multicomparto Verso il multicomparto Guida alla scelta della linea di investimento più adatta Il Fondo Pensione per il personale della Deutsche Bank Spa è prossimo al passaggio al multicomparto. I risparmi saranno immessi

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Michele Boccia Responsabile Istituzionali Italia Eurizon Capital Sgr Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset

Dettagli

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Prefazione Come mai le imprese multibusiness continuano, nonostante tutto, a esistere? Come mai hanno resistito alla crisi finanziaria scoppiata nel 2007, e hanno, in ogni caso, resistito meglio rispetto

Dettagli

Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione

Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione CIRPA / 10 Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione Master di II livello in Direzione delle Aziende e delle Organizzazioni Sanitarie DAOSan

Dettagli

AGE MANAGEMENT. Conoscere la propria azienda per farla crescere. 8 giugno 2015 sede Gruppo 24 ORE, Milano. Estratti del Convegno

AGE MANAGEMENT. Conoscere la propria azienda per farla crescere. 8 giugno 2015 sede Gruppo 24 ORE, Milano. Estratti del Convegno AGE MANAGEMENT Conoscere la propria azienda per farla crescere 8 giugno 215 sede Gruppo 24 ORE, Milano Estratti del Convegno UN PATTO TRA GENERAZIONI PER EVITARE LA CRISI Gli equilibri all interno delle

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 SIMONE CAPECCHI * Cresce ancora la domanda di credito da parte delle imprese ma si raffredda negli ultimi 2 trimestri. Al

Dettagli

IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO

IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura Economica IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO ALESSANDRO BIANCHI 20 Novembre 2014 Indice Introduzione: cosa intendiamo

Dettagli

INTRODUZIONE CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE CAPITOLO SECONDO CENNI SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE

INTRODUZIONE CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE CAPITOLO SECONDO CENNI SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INDICE INTRODUZIONE pag. 1 CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE pag. 5 I.1 NASCITA DELLA PREVIDENZA ITALIANA pag. 8 I.2 TERMINOLOGIA RICORRENTE pag. 9 I.3 DAL DOPOGUERRA AI GIORNI NOSTRI pag. 11 I.4 LE

Dettagli

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni di Antonio Ricciardi (*) Nell attuale scenario competitivo, caratterizzato da una profonda crisi strutturale, dalla globalizzazione dei

Dettagli

Insegnamento di Economia Aziendale I - corso B

Insegnamento di Economia Aziendale I - corso B Insegnamento di Economia Aziendale I - corso B Database delle Prove scritte parte Teoria 1. La definizione di azienda, formulata da Giannessi, è complessa in termini dinamico- strutturali in quanto risponde

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione L Outsourcing Relatore Prof.ssa Concetta Mercurio Candidato Mario

Dettagli