Enti della provincia di Ravenna

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Enti della provincia di Ravenna"

Transcript

1 Enti della provincia di Ravenna

2 Provincia di Ravenna Piano Regionale Integrato dei Trasporti Partecipazione e consultazione dei cittadini nella formazione delle scelte di interesse pubblico Nell ambito dell elaborazione del nuovo Piano Regionale Integrato dei Trasporti (PRIT), la Regione ha deciso di promuovere una iniziativa rivolta a tutte le cittadine e i cittadini dell Emilia-Romagna al fine di realizzare un importante momento di informazione, ascolto e confronto su un grande tema di interesse per tutti: la mobilità e i trasporti. L iniziativa, intitolata Buona Mobilità. La partecipazione dei cittadini al nuovo Piano Regionale Integrato dei Trasporti si terrà sabato 26 febbraio, dalle ore alle 18 presso la sede della Regione Emilia-Romagna, in Viale Aldo Moro n.50 a Bologna. Gli obiettivi sono: comunicare a un pubblico vasto i contenuti del nuovo Piano dei Trasporti; migliorare la qualità delle azioni e dei progetti regionali, favorendo e qualificando il rapporto tra Amministrazione e cittadini; coinvolgere anche i cittadini, oltre che i soggetti istituzionali, nel processo di ascolto e di verifica che sarà utile per l approvazione del nuovo PRIT; raccogliere esperienze e punti di vista, recepire percezioni e indicazioni sui temi generali della mobilità e dei trasporti in Emilia-Romagna;

3 trarre orientamenti per definire meglio il nuovo PRIT, in termini di visione culturale e di priorità di intervento, anche allo scopo di individuare le esigenze di informazione e le forme di comunicazione più idonee per portare il tema dei trasporti più vicino possibile ai cittadini. Segui le pagine web dedicate Segreteria organizzativa: Telefono Fax

4 Comune di Cotignola

5 Comune di Faenza PIANO REGIONALE INTEGRATO DEI TRASPORTI La Regione ha organizzato un percorso partecipativo rivolto ai cittadini per contribuire alla realizzazione del nuovo Piano regionale integrato dei trasporti. L'appuntamento è a Bologna sabato 26 febbraio con l'iniziativa Buona mobilità. La giornata prevede momenti di discussione alternati a spazi di approfondimento e per partecipare basta compilare il modulo di iscrizione all indirizzo entro il 23 febbraio. Inoltre, fino al 15 febbraio, i cittadini emiliano-romagnoli iscritti al portale regionale Io Partecipo potranno prendere parte ad un sondaggio per raccogliere opinioni, atteggiamenti e comportamenti. Per informazioni: tel. 051/ , fax 010/ , portale Mobiliter nella sezione dedicata all evento Buona mobilità. Link: Sito Regione Emilia-Romagna - pagina dedicata all'iniziativa

6 Comune di Fusignano Avvisi e notizie 04/02/2011 Piano regionale integrato dei trasporti, la Regione invita i cittadini a esprimersi Appuntamento il 26 febbraio prossimo con "Buona Mobilità", duecento i posti disponibili I cittadini dell'emilia-romagna invitati a esprimersi sul nuovo Piano regionale integrato dei trasporti Circa duecento di loro, infatti, parteciperanno sabato 26 febbraio, dalle alle 18, alla prima esperienza in Emilia-Romagna, a dimensione regionale, di "percorso partecipativo" sui temi della mobilità e dei trasporti. L'evento, dal titolo "Buona Mobilità", si svolgerà nella sede della Regione Emilia-Romagna, in viale Aldo Moro 50 (Sala polivalente dell'assemblea legislativa), con l'obiettivo, sottolineato dall'assessore regionale Alfredo Peri, di "sviluppare la democrazia partecipativa e promuovere una maggiore ed effettiva inclusione dei cittadini e delle loro organizzazioni nei processi decisionali regionali". Chiunque è interessato a partecipare deve semplicemente compilare l'apposito modulo di iscrizione on line. Le iscrizioni saranno aperte fino al 23 febbraio e comunque fino a esaurimento dei posti nella sala. Dopo aver ricevuto tutte le richieste, nel caso superino i posti disponibili la Regione selezionerà i cittadini da invitare all'evento. I partecipanti riceveranno un "bonus" in biglietti ferroviari da parte della Regione; verranno inoltre distribuiti gadget, rivolti soprattutto ai ragazzi. APPROFONDIMENTI Buona mobilità - La partecipazione dei cittadini al nuovo Piano Regionale Integrato dei Trasporti

7 Il sondaggio su Io Partecipo DOCUMENTI La Guida alla discussione [pdf kb] L'invito [pdf kb] Link esterni Collegamento al sito mobiliter - il portale della mobilità in emilia-romagna

8 Comune di Massa Lombarda Piano regionale integrato dei trasporti: la Regione Emilia- Romagna invita i cittadini a esprimersi 31/01/2011 Sarà la prima esperienza in Emilia-Romagna, a dimensione regionale, di percorso partecipativo, e coinvolgerà 200 cittadini. Persone che la Regione inviterà a esprimere le proprie posizioni, orientamenti e necessità il 26 febbraio a Bologna all'iniziativa Buona mobilità su un tema complesso e importante, ma con inevitabili ricadute sulla vita di tutti i giorni: la mobilità e i trasporti. L iniziativa è legata al Piano regionale integrato dei trasporti (Prit), il principale strumento di pianificazione con cui la Regione stabilisce strategie, indirizzi e azioni. Con il 2010 si è chiuso infatti l orizzonte temporale del Prit 98, ed è stato avviato il percorso per l elaborazione del nuovo Piano All interno di questo lungo processo, le leggi regionali di settore prevedono più momenti di concertazione e di confronto con altre amministrazioni pubbliche, con i rappresentanti del mondo economico e sociale e con tutti gli altri attori più istituzionali del territorio. Per coinvolgere un numero ancora maggiore di soggetti spiega l assessore alla mobilità e trasporti Alfredo Peri e offrire la possibilità di un dialogo diretto e non mediato sulle scelte future di pianificazione nel settore, abbiamo ritenuto utile e opportuno avviare un processo di partecipazione rivolto alle cittadine e ai cittadini dell Emilia-Romagna. La volontà quindi sottolinea Peri è di promuovere un importante momento di informazione, di ascolto e di discussione su temi apparentemente lontani, dal momento che riguardano una programmazione su scala regionale, ma che in realtà incidono profondamente sulla qualità della vita della gente. In altre parole conclude l assessore si intende sviluppare la democrazia partecipativa e promuovere una maggiore ed effettiva inclusione dei cittadini e delle loro organizzazioni nei processi decisionali regionali.

9 Una scelta che rispecchia lo spirito della legge regionale 3 del 2010, con cui la Regione ha approvato una serie di norme per la definizione, il riordino e la promozione delle procedure di consultazione e di partecipazione all elaborazione delle politiche regionali e locali. Come si partecipa Chiunque sia interessato a partecipare deve semplicemente compilare il modulo di iscrizione on line all indirizzo (cliccare sul banner in alto a destra Buona mobilità ). Le iscrizioni saranno aperte fino al 23 febbraio e comunque fino a esaurimento dei posti nella sala. Dopo aver ricevuto tutte le richieste, nel caso superino i posti disponibili la Regione selezionerà i cittadini da invitare all evento, in modo da garantire la rappresentatività dei diversi territori, dei diversi generi, delle varie fasce d età e la data di iscrizione. Per assicurare anche la presenza di giovani saranno coinvolte due classi degli ultimi due anni della scuola media superiore. I cittadini che parteciperanno all iniziativa riceveranno un bonus in biglietti ferroviari da parte della Regione; verranno inoltre distribuiti gadget, rivolti soprattutto ai ragazzi. L incontro si terrà sabato 26 febbraio, dalle alle 18, nella sede della Regione Emilia-Romagna (viale Aldo Moro 50 - Sala polivalente dell Assemblea legislativa) a Bologna. La giornata di ascolto sarà organizzata in modo da alternare momenti di discussione con spazi di approfondimento realizzati dividendo i cittadini in gruppi di lavoro (a ciascuno verrà assegnato un tema di discussione). I lavori saranno preceduti da un accoglienza per i partecipanti, che avranno a disposizione tavoli informativi sui principali contenuti del nuovo Prit e sulle attività della Regione nel settore della mobilità e dei trasporti. I partecipanti potranno confrontarsi e fare domande ai collaboratori regionali. Il prodotto di quest evento sarà un documento di proposta partecipata, che conterrà indicazioni e orientamenti dei cittadini utili per la redazione del nuovo Piano dei trasporti Per avere tutte le informazioni sull iniziativa è possibile contattare la segreteria organizzativa al numero di telefono 051/ , fax 010/ , e consultare il portale Mobiliter nella sezione dedicata all evento Buona Mobilità. Fino al 15 febbraio i cittadini emiliano-romagnoli iscritti (o che si iscriveranno) al portale regionale Io Partecipo potranno prendere parte al sondaggio Buona mobilità. L obiettivo è raccogliere opinioni, atteggiamenti e comportamenti dei cittadini rispetto a vari argomenti: dalle motivazioni che spingono alla scelta di un determinato mezzo di trasporto piuttosto che un altro alle problematiche legate all inquinamento atmosferico, al traffico o alla sicurezza stradale, al miglioramento dei servizi di trasporto pubblico. Il sondaggio si inserisce tra le attività correlate all iniziativa del 26 febbraio. Vai al Sito della Regione Scarica la Guida (1.427kB - PDF) Regione-Emilia-Romagna-invita-i-cittadini-a-esprimersi

10 Comune di Ravenna Piano regionale integrato dei trasporti: la Regione Emilia- Romagna invita i cittadini a esprimersi 27/01/2011 La Regione ha organizzato un percorso partecipativo che coinvolge 200 cittadini per contribuire alla realizzazione del nuovo Piano regionale integrato dei trasporti. L'appuntamento è a Bologna sabato 26 febbraio con l'iniziativa Buona mobilità. La giornata prevede momenti di discussione alternati a spazi di approfondimento e per partecipare basta compilare il modulo di iscrizione all indirizzo entro il 23 febbraio. Inoltre, fino al 15 febbraio, i cittadini emiliano-romagnoli iscritti al portale regionale Io Partecipo potranno prendere parte ad un sondaggio per raccogliere opinioni, atteggiamenti e comportamenti. Per informazioni: tel. 051/ , fax 010/ , portale Mobiliter nella sezione dedicata all evento Buona mobilità. Allegati e Link Sito Regione Emilia-Romagna - pagina dedicata all'iniziativa Romagna-invita-i-cittadini-a-esprimersi

11 Unione dei Comuni della Bassa Romagna Piano regionale integrato dei trasporti: la Regione Emilia-Romagna invita i cittadini a esprimersi La Regione ha organizzato un percorso partecipativo che coinvolge 200 cittadini per contribuire alla realizzazione del nuovo Piano regionale integrato dei trasporti. L'appuntamento è a Bologna sabato 26 febbraio con l'iniziativa Buona mobilità. La giornata prevede momenti di discussione alternati a spazi di approfondimento e per partecipare basta compilare il modulo di iscrizione all indirizzo entro il 23 febbraio. Inoltre, fino al 15 febbraio, i cittadini emiliano-romagnoli iscritti al portale regionale Io Partecipo potranno prendere parte ad un sondaggio per raccogliere opinioni, atteggiamenti e comportamenti. Per informazioni: tel. 051/ , fax 010/ , portale Mobiliter nella sezione dedicata all evento Buona mobilità. Allegati: Guida (1394kb - PDF) sito della Regione Emilia-Romagna» link

Enti della provincia di Parma

Enti della provincia di Parma Enti della provincia di Parma Comune di Montechiarugolo Buona Mobilità Piano Regionale Integrato dei Trasporti, la Regione Emilia Romagna invita i cittadini ad esprimersi L iniziativa è legata al Piano

Dettagli

Enti della provincia di Reggio Emilia

Enti della provincia di Reggio Emilia Enti della provincia di Reggio Emilia Comune di Albinea http://www.comune.albinea.re.it/sezione.jsp?titolo=buona Mobilità. La partecipazione dei cittadini al nuovo Piano Regionale Integrato dei Trasporti&idSezione=1902

Dettagli

Enti della provincia di Bologna

Enti della provincia di Bologna Enti della provincia di Bologna Comune di Anzola dell Emilia 28/01/2011 Per una buona mobilità La Regione Emilia Romagna invita i cittadini a partecipare al Piano dei Trasporti La Regione ha avviato un

Dettagli

Coordinamento Per i Diritti dell Infanzia e dell Adolescenza

Coordinamento Per i Diritti dell Infanzia e dell Adolescenza È un coordinamento di 60 associazioni E strutturato su un livello nazionale e regionale Collabora con le istituzioni nazionali e locali Obiettivi del PIDIDA: promuovere la conoscenza e l applicazione della

Dettagli

DIRETTIVA 2007/60/CE e D. LGS. 49/2010 PERCORSO PARTECIPATIVO. CICLO DI INCONTRI TECNICI CON GLI ENTI (27 febbraio 17 aprile 2014)

DIRETTIVA 2007/60/CE e D. LGS. 49/2010 PERCORSO PARTECIPATIVO. CICLO DI INCONTRI TECNICI CON GLI ENTI (27 febbraio 17 aprile 2014) DIRETTIVA 2007/60/CE e D. LGS. 49/2010 PERCORSO PARTECIPATIVO CICLO DI INCONTRI TECNICI CON GLI ENTI (27 febbraio 17 aprile 2014) PERCORSO PARTECIPATIVO Franca Ricciardelli Servizio Difesa del Suolo, della

Dettagli

fundamental_rights/index_it.htm

fundamental_rights/index_it.htm La P.A. on line A cura di Marta Marsilio Premessa La Commissione europea ha indicato il 2007 come l anno europeo delle pari opportunità per tutti, a testimonianza del crescente impegno nell Ue per l uguaglianza

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra la

PROTOCOLLO D INTESA. tra la PROTOCOLLO D INTESA tra la Direzione generale per interventi in materia di edilizia scolastica, per la gestione dei fondi strutturali per l istruzione e per l innovazione digitale del Ministero dell istruzione,

Dettagli

Ai Dirigenti Scolastici delle scuole secondarie di secondo grado della regione Veneto. Venezia/Firenze, 29 settembre 2016

Ai Dirigenti Scolastici delle scuole secondarie di secondo grado della regione Veneto. Venezia/Firenze, 29 settembre 2016 Ai Dirigenti Scolastici delle scuole secondarie di secondo grado della regione Veneto Venezia/Firenze, 29 settembre 2016 Oggetto: Partecipazione a percorso formativo propedeutico alla celebrazione della

Dettagli

CITTADINANZA ATTIVA. Pianificazione Consapevole e Condivisa CONSULTAZIONE PUBBLICA

CITTADINANZA ATTIVA. Pianificazione Consapevole e Condivisa CONSULTAZIONE PUBBLICA COMUNE DI NOVOLI ASSESSORATO ALL URBANISTICA UFFICIO DEL PIANO Coord.Resp. Arch. Giuseppe Chiriatti PIANO URBANISTICO GENERALE URBANISTICA PARTECIPATA Per uno sviluppo condiviso del nostro Territorio A

Dettagli

Partecipa.Rete. La partecipazione di ragazze e ragazzi a scuola e negli enti locali della Regione Emilia Romagna

Partecipa.Rete. La partecipazione di ragazze e ragazzi a scuola e negli enti locali della Regione Emilia Romagna Partecipa.Rete La partecipazione di ragazze e ragazzi a scuola e negli enti locali della Regione Emilia Romagna Incontri sul territorio e in Assemblea legislativa --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Comune di Cava Manara. Regolamento del Bilancio partecipativo

Comune di Cava Manara. Regolamento del Bilancio partecipativo Comune di Cava Manara Regolamento del Bilancio partecipativo Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 38 del 20.12.2016 1 Sommario Capo I - Disposizioni generali... 3 Art. 1. Definizione e finalità...

Dettagli

Energia e pianificazione regionale del territorio

Energia e pianificazione regionale del territorio Energia e pianificazione regionale del territorio 11 marzo 2016 - Sala Poggioli, viale Della Fiera 8 Bologna Elementi introduttivi a cura di Finalità dell incontro Il convegno intende illustrare lo stato

Dettagli

Regolamento del Tavolo Tematico. del DSS42 di cui alla L.328/00

Regolamento del Tavolo Tematico. del DSS42 di cui alla L.328/00 Regolamento del Tavolo Tematico " " del DSS42 di cui alla L328/00 Le attività di programmazione e concertazione relative alle azioni in ambito Socio Sanitario da realizzare ai sensi della Legge 328/00,

Dettagli

A tali fini si intende avviare un nuovo progetto 1. Destinatari e requisiti di partecipazione

A tali fini si intende avviare un nuovo progetto 1. Destinatari e requisiti di partecipazione 1 Avviso pubblico Progetto AlternativoER Formazione Europea e tirocinio in azienda per le classi del 3 anno delle scuole secondarie di II grado dell Emilia-Romagna Premessa L Assemblea legislativa della

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA

PROTOCOLLO D'INTESA TRA PROTOCOLLO D'INTESA TRA Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri, con sede legale a Roma, via Ulpiano, 11-00184 Roma, qui di seguito denominato "Dipartimento", nella

Dettagli

A PIEDI O IN BICI, CON LE AMICHE E CON GLI AMICI

A PIEDI O IN BICI, CON LE AMICHE E CON GLI AMICI A PIEDI O IN BICI, CON LE AMICHE E CON GLI AMICI Come progettare e realizzare mobilità sostenibile dei bambini e delle bambine nei percorsi casa scuola, promuovendo comportamenti salutari PER CITTA AMICHE

Dettagli

Workshop di valutazione partecipata

Workshop di valutazione partecipata Workshop di valutazione partecipata iopartecipo+ Le piazze della partecipazione Sabrina Franceschini Servizio Statistica, Comunicazione, Sistemi Informativi Geografici, Educazione alla Sostenibilità, Partecipazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA Direzione generale per interventi in materia di edilizia scolastica, per la gestione dei fondi strutturali per l istruzione e per l innovazione digitale del Ministero dell istruzione,

Dettagli

PROGETTO GERMAN BUSINESS OPPORTUNITIES FOR EMILIA-ROMAGNA SME S

PROGETTO GERMAN BUSINESS OPPORTUNITIES FOR EMILIA-ROMAGNA SME S Capofila regionale PROGETTO GERMAN BUSINESS OPPORTUNITIES FOR EMILIA-ROMAGNA SME S Parma Palazzo Soragna, 13 dicembre 2017 In collaborazione con Obiettivi del progetto Il progetto si propone di migliorare

Dettagli

Assistenza ai processi zonali di co-progettazione

Assistenza ai processi zonali di co-progettazione Fondo Sociale Europeo Asse B Inclusione Sociale e Lotta alla Povertà Assistenza ai processi zonali di co-progettazione Servizi di accompagnamento al lavoro per persone disabili e soggetti vulnerabili 1

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DELLA RELAZIONE FINALE

GUIDA ALLA REDAZIONE DELLA RELAZIONE FINALE Legge regionale 7 febbraio 2010, n. 3 Norme per la definizione, riordino e promozione delle procedure di consultazione e partecipazione alla elaborazione delle politiche regionali locali GUIDA ALLA REDAZIONE

Dettagli

CHI BEN COMINCIA È A META DELL OPERA

CHI BEN COMINCIA È A META DELL OPERA ESSO ECCE HOMO ISTITUTO COMPRENSIVO VANN ANTO PLESSO ECCE HOMO A.S.2016/2017 PROGETTO ACCOGLIENZA CHI BEN COMINCIA È A META DELL OPERA Non può esserci educazione senza accoglienza e integrazione PREMESSA

Dettagli

BILANCIO PARTECIPATO NEL COMUNE DI ISNELLO. C a p o I Disposizioni generali. Art. 1 - Definizione e finalità

BILANCIO PARTECIPATO NEL COMUNE DI ISNELLO. C a p o I Disposizioni generali. Art. 1 - Definizione e finalità R E G O L A MEN TO P E R L ' A T T U A Z I O N E DE L BILANCIO PARTECIPATO NEL COMUNE DI ISNELLO C a p o I Disposizioni generali Art. 1 - Definizione e finalità 1. Il Bilancio partecipato è un processo

Dettagli

UNO STATUTO A MISURA DI CITTADINO

UNO STATUTO A MISURA DI CITTADINO Percorso partecipato di modifica dello Statuto del Comune di Vignola UNO STATUTO A MISURA DI CITTADINO 17/06/2016 Città di Vignola 1 Elaborazione grafica Aitec srl 17/06/2016 Città di Vignola 2 Elaborazione

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO, QUALITÀ ARCHITETTONICA, E SOSTENIBILITÀ: FASE DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO EDILIZIO, QUALITÀ ARCHITETTONICA, E SOSTENIBILITÀ: FASE DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO EDILIZIO, QUALITÀ ARCHITETTONICA, E SOSTENIBILITÀ: FASE DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO EDILIZIO, PARTECIPAZIONE E SOSTENIBILITÀ L assessorato all urbanistica del Comune di San Giorgio intende

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE BILATERALE SUI FONDI PENSIONE

OSSERVATORIO NAZIONALE BILATERALE SUI FONDI PENSIONE PROTOCOLLO D INTESA TRA ARAN E CGIL CISL UIL CONFSAL CISAL CONFEDIR CIDA COSMED USAE CGU CONFINTESA (con riserva) PER LA COSTITUZIONE DI UN OSSERVATORIO NAZIONALE BILATERALE SUI FONDI PENSIONE mdegiacomo\xsottoscrizione_protocollo

Dettagli

RAPPORTO INDAGINE DI SODDISFAZIONE 2012

RAPPORTO INDAGINE DI SODDISFAZIONE 2012 Direzione Politiche Sociali Partecipative e dell Accoglienza RAPPORTO INDAGINE DI SODDISFAZIONE 212 CENTRO PER L AFFIDO E LA SOLIDARIETA FAMILIARE a cura del Servizio Politiche Cittadine per l Infanzia

Dettagli

Vantaggi e criticità dei processi partecipativi

Vantaggi e criticità dei processi partecipativi Vantaggi e criticità dei processi partecipativi Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione

Dettagli

Nelle città medio piccole del campione, il benessere dei cittadini (50%) è una priorità in linea con la mobilità sostenibile (50%) e l energia (45%)

Nelle città medio piccole del campione, il benessere dei cittadini (50%) è una priorità in linea con la mobilità sostenibile (50%) e l energia (45%) Il 61% delle pubbliche amministrazioni individua il benessere dei cittadini come settore prioritario, seguito da due temi più tipicamente «green» come la mobilità sostenibile (43%) e lo sviluppo di energie

Dettagli

Il progetto Creazione e Start-Up di Nuove Imprese : le attività e i risultati Bologna, 18 luglio Creazione e Start-up di NUOVE IMPRESE

Il progetto Creazione e Start-Up di Nuove Imprese : le attività e i risultati Bologna, 18 luglio Creazione e Start-up di NUOVE IMPRESE Il progetto Creazione e Start-Up di Nuove Imprese : le attività e i risultati Bologna, 18 luglio 2016 Le attività delle Camere di commercio per la nuova imprenditorialità Le Camere di commercio hanno sviluppato

Dettagli

Il settore dell industria alimentare nel cammino verso la strategia Europa 2020: promuovere l empowerment

Il settore dell industria alimentare nel cammino verso la strategia Europa 2020: promuovere l empowerment Il settore dell industria alimentare nel cammino verso la strategia Europa 2020: promuovere l empowerment dei membri dei Comitati aziendali europei (CAE) di Campofrìo e Conserve Italia Obiettivo generale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE REGIONALE DELLA LOMBARDIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE REGIONALE DELLA LOMBARDIA Direzione Regionale della Lombardia PROTOCOLLO D INTESA TRA AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE REGIONALE DELLA LOMBARDIA e UNIVERSITÀ COMMERCIALE LUIGI BOCCONI DI MILANO LE PARTI Agenzia delle Entrate Direzione

Dettagli

Forum Ambientale per lo Sviluppo Sostenibile

Forum Ambientale per lo Sviluppo Sostenibile REGIONE CALABRIA POR Calabria FESR 2007-2013 ASSE III AMBIENTE - Linea di intervento 3.5.1.1 LABORATORIO EASW Seminario Europeo di Simulazione Partecipativa EUROPEAN AWARENESS SCENARIO WORKSHOP 1 PROGRAMMA

Dettagli

Comitati Consultivi Misti. Riferimenti normativi

Comitati Consultivi Misti. Riferimenti normativi Comitati Consultivi Misti Riferimenti normativi Il Decreto Legislativo del 30 Dicembre 1992 n. 502, all'art. 14, "Diritti dei Cittadini. Il Ministro della Sanità, nell'introdurre diversi e nuovi modelli

Dettagli

Seminario Nazionale di Formazione Febbraio 2016, Peschiera del Garda (VR)

Seminario Nazionale di Formazione Febbraio 2016, Peschiera del Garda (VR) Seminario Nazionale di Formazione 19 21 Febbraio 2016, Peschiera del Garda (VR) Nei giorni di venerdì 19, sabato 20, e Domenica 21 febbraio 2016 c/o le sale dell Hotel Dolci Colli Via Mantova 117 a Peschiera

Dettagli

Insieme per la prevenzione e la gestione dello stress lavoro-correlato Gestione dello stress e dei rischi psicosociali sul lavoro

Insieme per la prevenzione e la gestione dello stress lavoro-correlato Gestione dello stress e dei rischi psicosociali sul lavoro Insieme per la prevenzione e la gestione dello stress lavoro-correlato Gestione dello stress e dei rischi psicosociali sul lavoro ~ La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te.

Dettagli

Processo partecipativo Scuola bene comune. Presentazione 18 settembre 2012

Processo partecipativo Scuola bene comune. Presentazione 18 settembre 2012 Processo partecipativo Scuola bene comune Presentazione 18 settembre 2012 Che cos è la partecipazione Processo attraverso il quale i soggetti che vengono interpellati da un amministrazione, siano essi

Dettagli

L AGENDA 21 LOCALE E IL PROGETTO PETER PAN

L AGENDA 21 LOCALE E IL PROGETTO PETER PAN Provincia di Ancona Assessorato all Ambiente Capitolo Terzo L AGENDA 21 LOCALE E IL PROGETTO PETER PAN Il Piano di Azione Locale della Provincia di Ancona L'Amministrazione Provinciale di Ancona nell anno

Dettagli

Punto 6.6. Piano di attività per il Partenariato

Punto 6.6. Piano di attività per il Partenariato Punto 6.6 Piano di attività per il Partenariato Comitato di Sorveglianza Attività svolte - Programmazione 2014-2020 10 incontri di consultazione del Partenariato dall ultimo Comitato di Sorveglianza, tenutosi

Dettagli

Partecipaizone e rendicontazione a Modena.

Partecipaizone e rendicontazione a Modena. Partecipaizone e rendicontazione a Modena. Belluno, 26 gennaio 2008 Di Francesco R. Frieri Assessore al Bilancio e alla Partecipazione Comune di Modena Percorso di partecipazione strutturato in fasi (ascolto/condivisione

Dettagli

RISULTATI DELLE VOTAZIONI

RISULTATI DELLE VOTAZIONI Percorso partecipativo Lo Statuto per la convivenza e la democrazia deliberativa nella Città metropolitana di Bologna TOWN MEETING per lo Statuto della Città metropolitana di Bologna SABATO APRILE 04,

Dettagli

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA'

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA' Citta'di Casoria REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA' approvato dal Consiglio Comunale con atto n 9 del 23.03.2017-1 Articolo 1 ISTITUZIONE E SEDE Al fine di favorire la piena integrazione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: I Giovani per il Lavoro SETTORE e Area di Intervento: Settore E Educazione e Promozione Culturale 11 Sportelli Informa Gli obiettivi generali

Dettagli

Statuto di Sinistra Per!

Statuto di Sinistra Per! 05 febbraio 2007 - Approvazione 25 giugno 2011 - Inserimento art. 15 bis 09 aprile 2013- Inserimento art. 1 comma 5 Parte prima: Principi fondamentali Art. 1 PRINCIPI E FINALITÀ Statuto di Sinistra Per

Dettagli

COMUNE DI BERLINGO Provincia di Brescia. Regolamento del Bilancio partecipato del Comune di Berlingo

COMUNE DI BERLINGO Provincia di Brescia. Regolamento del Bilancio partecipato del Comune di Berlingo COMUNE DI BERLINGO Provincia di Brescia Regolamento del Bilancio partecipato del Comune di Berlingo Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 05 del 07/02/2015 1 Sommario CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Direzione Generale Cura del Territorio e dell Ambiente

Direzione Generale Cura del Territorio e dell Ambiente Direzione Generale Cura del Territorio e dell Ambiente La programmazione in materia di difesa del suolo, della costa e bonifica: le pagine web nel Portale Ambiente ER - - - - - GUIDA ALLA NAVIGAZIONE -

Dettagli

iopartecipo+ Le piazze della partecipazione

iopartecipo+ Le piazze della partecipazione iopartecipo+ Le piazze della partecipazione Sabrina Franceschini Servizio Statistica, Comunicazione, Sistemi Informativi Geografici, Educazione alla Sostenibilità, Partecipazione Regione Emilia-Romagna

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE Prot. N. AOODRCA/R.U. 3677/U Napoli, 15 aprile 2015 Ai Dirigenti Scolastici delle

Dettagli

VADEMECUM PROCEDURA PER ISCRIZIONE AD EVENTI ORGANIZZATI DALL ORDINE

VADEMECUM PROCEDURA PER ISCRIZIONE AD EVENTI ORGANIZZATI DALL ORDINE Circolare PER ISCRIZIONE AD EVENTI Gentile Iscritto/a A TUTTI GLI ISCRITTI Il Consiglio dell'ordine degli Ingegneri Forlì Cesena ha ritenuto opportuno aderire all'iniziativa promossa dalla Federazione

Dettagli

Indagine di clima organizzativo «Unibo siamo noi» edizione 2014

Indagine di clima organizzativo «Unibo siamo noi» edizione 2014 Indagine di clima organizzativo «Unibo siamo noi» edizione 2014 Alma Mater Studiorum Università di Bologna IL PRESENTE MATERIALE È RISERVATO AI SOLI UTENTI DELL UNIVERSITÀ DI BOLOGNA E NON PUÒ ESSERE UTILIZZATO

Dettagli

Il processo di partecipazione p della cittadinanza per l'elaborazione di un nuovo scenario di sviluppo per la città di Gorgonzola

Il processo di partecipazione p della cittadinanza per l'elaborazione di un nuovo scenario di sviluppo per la città di Gorgonzola L'ascolto della città Il processo di partecipazione p della cittadinanza per l'elaborazione di un nuovo scenario di sviluppo per la città di Gorgonzola Ing. Francesca Boeri 1 IL PROCESSO PARTECIPATIVO

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 Comune di Martano Servizio Civile Nazionale TITOLO DEL PROGETTO: Phronesis 2016 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Settore A - ASSISTENZA Area di intervento 01) Anziani

Dettagli

la L.R. 21 aprile 1999, n.3 Riforma del sistema regionale e locale capo III: Istruzione e formazione professionale;

la L.R. 21 aprile 1999, n.3 Riforma del sistema regionale e locale capo III: Istruzione e formazione professionale; ALLEGATO ALLA D.C. N. 81 DEL 27.11.2002 PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA PROVINCIA DI BOLOGNA, I COMUNI E LE ISTITUZIONI SCOLATICHE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L EMILIA ROMAGNA

Dettagli

Attività 3 Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità

Attività 3 Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità Attività 3 Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità II annualità Obiettivi. costruire capacità di comunicazione e dialogo interculturale tra gli studenti delle scuole di primo e secondo

Dettagli

L UFFICIO DI SEGRETERIA DI PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

L UFFICIO DI SEGRETERIA DI PUBBLICA AMMINISTRAZIONE L UFFICIO DI SEGRETERIA DI PUBBLICA AMMINISTRAZIONE L UFFICIO DI SEGRETERIA DI PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Bologna, 20 febbraio 2014, dalle 9.00 alle 14.00 Bologna, 28 febbraio 2014, dalle 9.00 alle 14.00

Dettagli

Enti della provincia di Forlì-Cesena

Enti della provincia di Forlì-Cesena Enti della provincia di Forlì-Cesena http://www.comune.bertinoro.fc.it/ Comune di Bertinoro Comune di Cesena Buona Mobilità La partecipazione dei cittadini al nuovo Piano Regionale Integrato dei Trasporti

Dettagli

Protocollo d intesa per la diffusione e applicazione di criteri e modalità di gestione sostenibile nei servizi di ristorazione scolastica

Protocollo d intesa per la diffusione e applicazione di criteri e modalità di gestione sostenibile nei servizi di ristorazione scolastica ALLEGATO A Protocollo d intesa per la diffusione e applicazione di criteri e modalità di gestione sostenibile nei servizi di ristorazione scolastica Dicembre 2009 Regione Toscana - Agenzia Regione Recupero

Dettagli

Tavolo Tecnico Intersettoriale Monza: città dei bambini e dei ragazzi 20 novembre 2003 settembre 2006

Tavolo Tecnico Intersettoriale Monza: città dei bambini e dei ragazzi 20 novembre 2003 settembre 2006 Tavolo Tecnico Intersettoriale Monza: città dei bambini e dei ragazzi 20 novembre 2003 settembre 2006 Il bambino è un soggetto titolare di diritti, che la comunità ha il dovere di riconoscere. Il bambino

Dettagli

Le novità introdotte dalla legge regionale 25/2016. Stefano Romagnoli

Le novità introdotte dalla legge regionale 25/2016. Stefano Romagnoli Le novità introdotte dalla legge regionale 25/2016 Stefano Romagnoli Firenze, 4 luglio 2016 Riordino delle funzioni provinciali in materia di turismo in attuazione della l.r. 22/2015. Modifiche alla l.r.

Dettagli

COMUNE DI MENFI. Provincia di Agrigento REGOLAMENTO DEL BILANCIO PARTECIPATIVO DEL COMUNE DI MENFI

COMUNE DI MENFI. Provincia di Agrigento REGOLAMENTO DEL BILANCIO PARTECIPATIVO DEL COMUNE DI MENFI COMUNE DI MENFI Provincia di Agrigento REGOLAMENTO DEL BILANCIO PARTECIPATIVO DEL COMUNE DI MENFI Approvato con delibera consiliare n. 46 del 03.06.2015 Regolamento del Bilancio partecipativo del Comune

Dettagli

ANCI Emilia Romagna, con sede in Bologna, Viale Aldo Moro 64, Rappresentata dal Presidente Daniele Manca PREMESSO CHE

ANCI Emilia Romagna, con sede in Bologna, Viale Aldo Moro 64, Rappresentata dal Presidente Daniele Manca PREMESSO CHE Allegato parte integrante 1 Protocollo d intesa tra L ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA e ANCI EMILIA-ROMAGNA per la promozione della legalità e della partecipazione TRA L'Assemblea legislativa

Dettagli

La mappatura e l analisi degli stakeholder

La mappatura e l analisi degli stakeholder PON GOVERNANCE E AZIONI DI SISTEMA ASSE E Capacità Istituzionale Obiettivo Specifico 5.1 Laboratorio «I processi partecipativi nel Piano strategico della Città Metropolitana di Genova» La mappatura e l

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. la L. 4 maggio 1983, n. 184, concernenti Diritto del minore ad una famiglia ;

LA GIUNTA REGIONALE. la L. 4 maggio 1983, n. 184, concernenti Diritto del minore ad una famiglia ; Oggetto: DGR 13 Febbraio 2001, n. 219 : Costituzione Comitato Tecnico di Coordinamento Regionale dei servizi integrati per le adozioni nazionali ed internazionali. Modifica. LA GIUNTA REGIONALE SU PROPOSTA

Dettagli

LABORATORI DI CORTOMETRAGGIO PER RAGAZZI L EUROPA INTORNO

LABORATORI DI CORTOMETRAGGIO PER RAGAZZI L EUROPA INTORNO LABORATORI DI CORTOMETRAGGIO PER RAGAZZI L EUROPA INTORNO in collaborazione con UFFICIO SCOLATICO REGIONALE PER LA SARDEGNA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico

Dettagli

Istituto Comprensivo Alba Adriatica Via Duca D Aosta, 13 64011 Alba Adriatica (TE) a.s. 2014-15 Dirigente Scolastico: Prof.ssa SABRINA DEL GAONE

Istituto Comprensivo Alba Adriatica Via Duca D Aosta, 13 64011 Alba Adriatica (TE) a.s. 2014-15 Dirigente Scolastico: Prof.ssa SABRINA DEL GAONE Progettazione delle Attività di Continuità e Istituto Comprensivo Alba Adriatica Via Duca D Aosta, 13 64011 Alba Adriatica (TE) a.s. 2014-15 Dirigente Scolastico: Prof.ssa SABRINA DEL GAONE Referente Continuità:

Dettagli

PIANO STRUTTURALE: RUOLO ED ATTIVITA DEL GARANTE DELL INFORMAZIONE

PIANO STRUTTURALE: RUOLO ED ATTIVITA DEL GARANTE DELL INFORMAZIONE PIANO STRUTTURALE: RUOLO ED ATTIVITA DEL GARANTE DELL INFORMAZIONE Nel disciplinare il procedimento di formazione del Piano Strutturale l art. 25 della L.R. 5/95 ha fatto obbligo ai Comuni di individuare

Dettagli

Linee guida al Portale Nazionale della Formazione Professionale Continua

Linee guida al Portale Nazionale della Formazione Professionale Continua Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Ferrara Linee guida al Portale Nazionale della Formazione Professionale Continua Indice: 1. Accesso al Portale e alla sezione dedicata all

Dettagli

Regolamento Consulta Provinciale del Volontariato di Protezione Civile

Regolamento Consulta Provinciale del Volontariato di Protezione Civile Regolamento Consulta Provinciale del Volontariato di Protezione Civile Art. 1 Premessa Per rispondere in modo sempre più concreto alle suddette esigenze di protezione civile, la Provincia di Cremona e

Dettagli

La Casa delle Idee. Regolamento Forum Permanente della Partecipazione. Articolo 1 Oggetto (Cos è?) 2. Articolo 2 Finalità (Cosa fa?

La Casa delle Idee. Regolamento Forum Permanente della Partecipazione. Articolo 1 Oggetto (Cos è?) 2. Articolo 2 Finalità (Cosa fa? La Casa delle Idee Regolamento Forum Permanente della Partecipazione Articolo 1 Oggetto (Cos è?) 2 Articolo 2 Finalità (Cosa fa?) 2 Articolo 3 Composizione (Chi può aderire?) 2 Articolo 4 Organi 3 Articolo

Dettagli

IL PROCESSO PARTECIPATIVO: LE DEFINIZIONI / 1

IL PROCESSO PARTECIPATIVO: LE DEFINIZIONI / 1 IL PROCESSO PARTECIPATIVO: LE DEFINIZIONI / 1 (art. 10) Per processo partecipativo si intende... un percorso di discussione organizzata che viene avviato in riferimento ad un progetto futuro o ad una futura

Dettagli

Regione Veneto. Provincia di Belluno, Provincia di Padova, Provincia di Rovigo, Provincia di Treviso, Provincia di Venezia, Provincia di Verona,

Regione Veneto. Provincia di Belluno, Provincia di Padova, Provincia di Rovigo, Provincia di Treviso, Provincia di Venezia, Provincia di Verona, giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2768 del 30 settembre 2008 pag. 1/5 Regione Veneto e Provincia di Belluno, Provincia di Padova, Provincia di Rovigo, Provincia di Treviso, Provincia

Dettagli

La Comunicazione Pubblica tra l e-government e la Governance

La Comunicazione Pubblica tra l e-government e la Governance La Comunicazione Pubblica tra l e-government e la Governance di Gianluca Passaro Innovazione Organizzazione Comunicazione Vincoli ed Opportunità L evoluzione normativa propone obblighi, ma li propone come

Dettagli

Città di Seregno. Regolamento delle Consulte

Città di Seregno. Regolamento delle Consulte Città di Seregno Regolamento delle Consulte Art. 1 - Istituzione delle Consulte Comunali 1. Il Comune di Seregno valorizza le libere forme associative per la partecipazione dei cittadini all attività amministrativa,

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 33 DELIBERAZIONE 4 agosto 2008, n. 624

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 33 DELIBERAZIONE 4 agosto 2008, n. 624 100 13.8.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 33 DELIBERAZIONE 4 agosto 2008, n. 624 Legge regionale 41/2005. Protocollo d intesa fra Regione Toscana e Centro Nazionale per il Volontariato.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE DEI CITTADINI ALLE SCELTE DI PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE DEI CITTADINI ALLE SCELTE DI PIANIFICAZIONE TERRITORIALE REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE DEI CITTADINI ALLE SCELTE DI PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Premessa La partecipazione della cittadinanza alle scelte di pianificazione urbanistica rappresenta un elemento

Dettagli

Il Programma di Formazione Integrata per l innovazione dei processi organizzativi di accoglienza e integrazione dei cittadini stranieri

Il Programma di Formazione Integrata per l innovazione dei processi organizzativi di accoglienza e integrazione dei cittadini stranieri Il Programma di Formazione Integrata per l innovazione dei processi organizzativi di accoglienza e integrazione dei cittadini stranieri III Edizione Palermo Sala dei Normanni 25 Giugno 2013 1 Il contesto

Dettagli

Titolo: UNA SCUOLA PER L AMBIENTE

Titolo: UNA SCUOLA PER L AMBIENTE Titolo: UNA SCUOLA PER L AMBIENTE MOTIVAZIONI DELLA SCELTA L'obiettivo del progetto è quello di promuovere una didattica svolta per l'ambiente, basata sui comportamenti, sui valori e sui cambiamenti. Lo

Dettagli

a cura dell Ufficio LGBTQI del Comune di Bari Strategia Nazionale LGBT

a cura dell Ufficio LGBTQI del Comune di Bari Strategia Nazionale LGBT a cura dell Ufficio LGBTQI del Comune di Bari Strategia Nazionale LGBT 2013-2015 Il 31 marzo del 2010 il Comitato dei Ministri del Consiglio d Europa ha approvato la Raccomandazione CM/Rec(2010)5, diretta

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI di MESSINA SCHEDA di VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO dei DIRIGENTI Rev. 2016

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI di MESSINA SCHEDA di VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO dei DIRIGENTI Rev. 2016 SCHEDA di VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO dei DIRIGENTI Insieme al fattore sono indicati, a titolo di esempio, elementi che possono contribuire alla valutazione dello stesso. Capacità di pianificazione

Dettagli

Open Space Technology: progettiamo la nuova casa sul mare

Open Space Technology: progettiamo la nuova casa sul mare Open Space Technology: progettiamo la nuova casa sul mare 26 maggio 2011 Introduzione Il Comune di Follonica ha deciso di avviare un percorso di coinvolgimento della comunità locale per definire obiettivi,

Dettagli

Il 13 marzo 2009 nella Sala del Consiglio

Il 13 marzo 2009 nella Sala del Consiglio Livorno e la partecipazione: Cisternino 2020 Presentazione dei risultati alla città Il 13 marzo 2009 nella Sala del Consiglio del Palazzo Comunale di Livorno sono stati presentati alla città i risultati

Dettagli

2^ GIORNATA della TRASPARENZA ACI

2^ GIORNATA della TRASPARENZA ACI 2010-2011 Lucia Vecere LA GARANZIA DELLA MOBILITA PER ASSICURARE LA SOCIAL INCLUSION PREMESSA: PER FLITARE L ACCESSIBILITA ALLE VARIE FORME DI MOBILITA DEVONO ESSERE RIMOSSE LE BARRIERE SIA FISICHE, SIA

Dettagli

Rapporto di Auto - Valutazione

Rapporto di Auto - Valutazione Fase 1: Fase 2: Fase 3: UNITÀ DI AUTOVALUTAZIONE DELL ISTITUTO COMPILAZIONE RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO PROGETTAZIONE, ATTUAZIONE, MONITORAGGIO DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO L UNITÀ DI AUTOVALUTAZIONE

Dettagli

Enti della provincia di Modena

Enti della provincia di Modena Enti della provincia di Modena Comune di Campogalliano http://www.comune.campogalliano.mo.it/cgi/page.cgi?t=default&d=1&l=it Comune di Castelfranco Emilia Buona mobilità: la partecipazione dei cittadini

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra la

PROTOCOLLO D INTESA. tra la PROTOCOLLO D INTESA tra la Direzione generale per interventi in materia di edilizia scolastica, per la gestione dei fondi strutturali per l istruzione e per l innovazione digitale del Ministero dell istruzione,

Dettagli

START UP LABORATORIO DI QUARTIERE Punto 6.6 Proposta Z.F.U. Del. Giunta n 248 del

START UP LABORATORIO DI QUARTIERE Punto 6.6 Proposta Z.F.U. Del. Giunta n 248 del START UP LABORATORIO DI QUARTIERE Punto 6.6 Proposta Z.F.U. Del. Giunta n 248 del 09.11.09 Chi può partecipare Ai GRUPPI DI LAVORO possono partecipare tutte le Associazioni e i singoli cittadini interessati

Dettagli

Progettare, Organizzare e Comunicare nell U.R.P. e nell Ufficio Stampa

Progettare, Organizzare e Comunicare nell U.R.P. e nell Ufficio Stampa Progettare, Organizzare e Comunicare nell U.R.P. e nell Ufficio Stampa CORSO PER RESPONSABILI ED ADDETTI UFFICI RELAZIONI CON IL PUBBLICO E UFFICI STAMPA (L. n. 150/2000 e D.P.R. n. 422/2001) Premessa

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1774/2009 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno Lunedì 09 del mese di Novembre dell' anno 2009 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

Analisi del. Azienda USL di Modena Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena. Febbraio 2016

Analisi del. Azienda USL di Modena Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena. Febbraio 2016 Analisi del clima organizzativo Azienda USL di Modena Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena Febbraio 2016 1 Iniziativa regionale di analisi del clima Obiettivo: Rilevare l opinione dei

Dettagli

Interreg Adrion al via il primo bando!

Interreg Adrion al via il primo bando! La Newsletter di UPEL Bandi e finanziamenti europei A cura di Unione Provinciale Enti Locali Newsletter n. 2 18 febbraio 2016 http://www.upel.va.it Interreg Adrion al via il primo bando! Il programma ADRION

Dettagli

Dipartimento: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA Area:

Dipartimento: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA Area: REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. 639 DEL 29/12/2010 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 22015 DEL 21/12/2010 STRUTTURA PROPONENTE Dipartimento: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE Direzione Regionale:

Dettagli

Curriculum Vitae. Data di nascita 19/01/1960. Pagina 1/6 - Curriculum vitae di Nicola Mantello

Curriculum Vitae. Data di nascita 19/01/1960. Pagina 1/6 - Curriculum vitae di Nicola Mantello Curriculum Vitae Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Via Coste 22 40038 Vergato Telefono(i) 051919230 3478654846 Fax E-mail nclmantello@gmail.com Cittadinanza italiana Data di nascita

Dettagli

PUMS L esperienza di Ravenna

PUMS L esperienza di Ravenna PUMS L esperienza di Ravenna Relatore: arch. Nicola Scanferla Responsabile Pianificazione Mobilità e Mobility Manager d'area - Comune di Ravenna ph. +39 (0) 544 482226 - mob. 320 4326387 skype mobilita.ravenna

Dettagli

Contra'o di Fiume della Valmarecchia

Contra'o di Fiume della Valmarecchia Contra'o di Fiume della Valmarecchia un percorso di consultazione nell ambito del Piano Strategico Coord. Tecnico percorso partecipato Promosso da Regione Emilia-Romagna, Provincia di Rimini, Associazione

Dettagli

PRIT 2025 ll nuovo Piano Regionale Integrato dei Trasporti

PRIT 2025 ll nuovo Piano Regionale Integrato dei Trasporti PRIT 2025 ll nuovo Piano Regionale Integrato dei Trasporti 29 giugno 2017 Workshop Come integrare efficacemente i PUMS con gli strumenti della pianificazione regionale Ing. Denis Barbieri - Pianificazione

Dettagli

Raffaele Donini. Assessore ai Trasporti, Infrastrutture, Programmazione territoriale e Agenda digitale

Raffaele Donini. Assessore ai Trasporti, Infrastrutture, Programmazione territoriale e Agenda digitale Raffaele Donini Assessore ai Trasporti, Infrastrutture, Programmazione territoriale e Agenda digitale Mobilità Ciclopedonale in Emilia-Romagna La Regione conferma l impegno per una mobilità ciclopedonale

Dettagli

La Regione Abruzzo invita le aziende del territorio a partecipare all Employers Day.

La Regione Abruzzo invita le aziende del territorio a partecipare all Employers Day. La Regione Abruzzo invita le aziende del territorio a partecipare all Employers Day. Di cosa si tratta È un iniziativa promossa dalla Rete europea dei Servizi Pubblici per l Impiego PES Network. In Italia

Dettagli

CENTRO di FORMAZIONE CONTINUA

CENTRO di FORMAZIONE CONTINUA CENTRO DI FORMAZIONE CONTINUA FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY COMITATO REGIONALE ABRUZZESE descrizione sintetica del CENTRO di FORMAZIONE CONTINUA 17 giugno 2011 Il presente documento descrive il progetto di

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA TOSCANA. LIONS CLUB INTERNATIONAL DISTRETTO 108La TOSCANA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA TOSCANA. LIONS CLUB INTERNATIONAL DISTRETTO 108La TOSCANA PROTOCOLLO DI INTESA tra UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA TOSCANA (di seguito denominato USR TOSCANA) e LIONS CLUB INTERNATIONAL DISTRETTO 108La TOSCANA (di seguito denominata L.C.108La) Rafforzare e

Dettagli

VIII EDIZIONE 2 3 dicembre 2014 BOLOGNA

VIII EDIZIONE 2 3 dicembre 2014 BOLOGNA VIII EDIZIONE 2 3 dicembre 2014 BOLOGNA REGOLAMENTO MIGLIOR DOCUMENTARIO 1. Ente promotore D.E-R Documentaristi Emilia-Romagna organizza la VIII edizione di Docunder30 in collaborazione con la Videoteca

Dettagli