Coperture cellulari. Marco Listanti. Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 2008/2009. INFOCOM Dept

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Coperture cellulari. Marco Listanti. Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 2008/2009. INFOCOM Dept"

Transcript

1 Coperture cellulari Marco Listanti Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

2 Indice Le reti cellulari Architettura di una rete cellulare Coperture cellulari Motivazioni Il canale radiomobile Cenni di dimensionamento Il GSM Le WLAN Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

3 Risorse e requisiti (/) Una rete cellulare nell accesso radio è caratterizzata da la porzione di spettro assegnata al servizio (B) l area di copertura (A), cioè la porzione di spazio (superficie) nella quale è disponibile l accesso ai servizi offerti dalla rete I servizi richiedono tipicamente comunicazioni bidirezionali, non necessariamente simmetriche Uplink (reverse channel): il verso dal TM all infrastruttura fissa Downlink (forward channel): il verso dall infrastruttura ai TM La porzione di spettro disponibile per l accesso radio è quindi condivisa dai terminali mediante tecniche di accesso multiplo Assegnazione statica Assegnazione dinamica Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

4 Risorse e requisiti (/) Scopo della pianificazione dell accesso radio di una rete cellulare, è sostenere il traffico offerto nell area di servizio con fissati requisiti di qualità di servizio Probabilità di blocco o caduta di chiamate Ritardo, probabilità di successo di consegna dei pacchetti Portata media Probabilità di copertura entro prefissati requisiti di BER o SNR La soluzione va cercata con l obiettivo di minimizzare una funzione di costo della rete stessa costi proporzionali al traffico da sostenere (per es. numero di ricetrasmettitori con cui equipaggiare ogni sito di antenna) costi non direttamente proporzionali al traffico (per es. il costo dell installazione di un sito) Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

5 Efficienza e ri-uso spaziale 5 η c = (num. tot. canali disponibili in A)/(A*B) [canali/km /Hz] η t = (intensità media del traffico smaltito in A)/(A*B) [Erlang/km /Hz] η c è un efficienza statica, espressione della capacità potenziale offerta dalla pianificazione della rete cellulare η t tiene conto della variabilità temporale e spaziale del traffico offerto La chiave per ottenere un elevata efficienza con un insieme limitato di risorse radio al crescere dell area di copertura, sta nel concetto di ri-uso spaziale delle risorse radio Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

6 Il concetto di cella (/) 6 L area di copertura di un PA è limitata, fissati il valore massimo della potenza trasmissiva (limitata da fattori sia tecnologici sia regolatori sia di interferenza) l attenuazione del segnale e in generale le degradazioni introdotte dal canale radiomobile Il requisito di BER ovvero di SNR della comunicazione Proprio questo effetto può essere utilizzato per attribuire gli stessi canali a PA sufficientemente distanti E proprio questo riuso spaziale a mantenere elevata l efficienza al crescere dell area A, ovviamente al prezzo di realizzare una capillare infrastruttura fissa L area coperta da un singolo PA prende il nome di cella Il medesimo concetto di riuso spaziale vale tanto nelle reti geografiche quanto in quelle locali (WLAN) Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

7 Il concetto di cella (/) 7 Il concetto di cella non fa riferimento a dimensioni geografiche precise, dato che l area di copertura di un PA dipende da potenza massima erogata in trasmissione caratteristiche del canale radio sensibilità dei ricevitori, fissati i vincoli di qualità trasmissiva Si usa parlare di pico-celle per celle di pochi metri di diametro micro-celle per celle di dimensioni dell ordine di poche centinaia di metri di diametro macro-celle per celle con diametri dell ordine del km Una parziale ricopertura dell ordine del 0-0% tra celle adiacenti è essenziale per un buon funzionamento di una rete cellulare Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

8 Ri-uso spaziale (/) 8 Le stesse risorse radio possono essere usate in celle sufficientemente distanti Sufficientemente = l interferenza reciproca è tollerabile Interferenza segnale sovrapposto a quello desiderato nel punto di ricezione e da esso non separabile (completamente) Se due segnali x(t) e y(t) si sovrappongono in un mezzo lineare, il ricevitore rivela r(t)=x(t)+y(t); se x(t) e y(t) sono ortogonali in qualche dominio (tempo, frequenza, codice, ) essi sono separabili esattamente Tollerabile il disturbo additivo prodotto dall interferenza rispetta i limiti di SNR (o BER) fissati come requisito Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

9 Interferenza 9 Infrastructured network A B Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009 Ad-hoc (flat) network

10 Ri-uso spaziale (/) 0 Ad ogni cella sono assegnate risorse radio almeno una porzione di spettro attorno a una frequenza portante, che può a sua volta multiplare più comunicazioni Ad una cella può essere assegnata una frazione o anche tutta la porzione di spettro disponibile ad un operatore per una data rete Esempio del primo caso: GSM, GPRS (accesso FDMA/TDMA) Esempio del secondo caso: IS-95, UMTS (accesso CDMA) In ogni caso, il limite superiore al numero e capacità delle comunicazioni gestibili dal sistema dipende dalla quantità di risorsa radio disponibile al sistema dall interferenza delle comunicazioni contemporanee, in particolare quelle che ri-usano le medesime risorse radio in celle diverse Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

11 Pianificazione L assegnazione delle risorse radio può essere Statica pianificazione secondo la strategia Fixed Channel Allocation, FCA Dinamica strategie di Dynamic Channel Allocation, DCA La FCA pianifica l assegnazione delle risorse in base a una caratterizzazione di caso peggiore del canale radiomobile e del traffico La DCA può adattarsi alla variabilità temporale dell interferenza e del traffico Può portare però a soluzioni sub-ottime, nel caso di decisioni autonome dei PA (ottimo=maximum packing del ri-uso delle risorse radio) Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

12 Indice Le reti cellulari Architettura di una rete cellulare Coperture cellulari Motivazioni Il canale radiomobile Cenni di dimensionamento Il GSM Le WLAN Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

13 Effetti della propagazione Le caratteristiche di propagazione del canale radio sono funzione della banda di frequenza nella quale si opera (tipicamente intorno a o GHz) dell ambiente di propagazione (rurale, con visibilità del percorso diretto, sub-urbano, urbano) I fenomeni che caratterizzano la risposta del canale radio sono l attenuazione dovuta alla distanza d, che varia con legge del tipo d a, con a compreso tra e 5 la riflessione la diffrazione Raggio rifratto Raggio riflesso Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

14 Attenuazione deterministica (/) Il segnale radio si attenua con la distanza dalla sorgente Nello spazio libero la potenza ricevuta P R in funzione della potenza trasmessa P T èdata da P R =WA, dove W è la densità di potenza ricevuta A è l area efficace dell antenna ricevente Risulta A=G R λ /(π) e W=P T G T /(πd), dove G T e G R sono i guadagni di antenna (= per antenne isotrope): ( ) λ P d = P G G R T T R πd In unità logaritmiche, l attenuazione deterministica L è L = 0log 0 f (MHz) + 0log 0 d (m) -G T -G R - 7,56 + M f [db] Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

15 Attenuazione deterministica (/) 5 In un ambiente terrestre con ostacoli il valore medio della potenza ricevuta è attenuato con una potenza d α della distanza lineare, con α tipicamente tra,5 e 5 P ( d ) = P ( d0) 0α log0( d d0)[ dbm] L attenuazione è spesso bene approssimata con una legge del tipo (antenne isotrope, 0 margine per fading) L = 0log 0log 0 0 f f ( MHz ) ( MHz ) + 0log + 0log 0 0 ( d ) 7,56 ( d ) + 0α log 0 0 ( d d ) 0 7,56 m d d d d 0 0 Esempi Per f=ghz, a distanza d 0 =5 m si ottiene L=6, db Per f=ghz, a distanza d=500 m con d 0 =5 e α= si ottiene L=6, db Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

16 Multipath 6 Oltre ad influire sull esponente dell attenuazione con la distanza, riflessioni e rifrazioni creano una molteplicità di percorsi tra sorgente e ricevitore (multipath) Il multipath è funzione delle caratteristiche geometriche ed elettromagnetiche dei materiali dell ambiente di propagazione) La zona coperta da un sito di antenna è descrivibile in termini aleatori: essa rappresenta il luogo dei punti dello spazio in cui la qualità trasmissiva del segnale ricevuto soddisfa i requisiti (di livello, di SNR, di BER, ) L appartenenza di un punto ad una cella è funzione delle coordinate del punto, rispetto a quelle del sito di antenna e della variabilità temporale dell ambiente di propagazione Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

17 Fading 7 Il movimento dei TM traduce la variabilità spaziale della copertura in variabilità temporale Fading lento (shadowing) Fading veloce potenza Fast fading Slow fading distanza Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

18 Fading veloce (/) 8 Il segnale ricevuto è la somma di segnali che hanno percorso cammini diversi In assenza del percorso diretto tra sorgente e ricevitore (Line Of Sight, LOS), l inviluppo del segnale ricevuto può essere modellato con una distribuzione di Rayleigh p ( r ) r = re r σ σ p r (r) r : ampiezza istantanea del segnale inviluppo σ : varianza del segnale inviluppo 0 σ r Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

19 Fading veloce (/) 9 Il fast fading è selettivo in frequenza; l effetto nel dominio del tempo è un ritardo differenziale tra le componenti del segnale che hanno seguito cammini diversi Il fenomeno si può modellare con la curva power delay P ( τ ) = σ δ ( τ k = dove σ k è la potenza della risposta impulsiva e T k il ritardo di propagazione del cammino k-esimo Un parametro sintetico è il delay spread che misura la durata ricevuta di un impulso ideale Valori tipici variano da frazioni di μs a qualche μs M k T k ) Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

20 Fading lento 0 Lo slow fading o shadowing è una variazione della potenza ricevuta dovuta all effetto di ombreggiamento degli edifici o altri ostacoli presenti nell ambiente Misure sperimentali indicano che un modello semplice ma adeguato della potenza ricevuta (espressa in dbm) a distanza d da un PA è P ( d ) = P ( d0) 0α log0( d d0) + X (0, σ ) dove X(0,σ) è una variabile aleatoria gaussiana a v.m. nullo e varianza σ ; le potenze sono espresse in db Lo shadowing è quindi modellato con una distribuzione log-normale La variazione spaziale della potenza media diviene variazione nel tempo a seguito del movimento del TM Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

21 Link Budget Il link budget di un collegamento radiomobile può essere formulato come segue Loss (db) = Mean path loss (db) + Slow fading margin (db) + Fast fading margin (db) Potenza trasmessa Mean path loss Slow fading margin Fast fading margin Mobile Base station % - % Potenza ricevuta % - % Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

22 Indice Le reti cellulari Architettura di una rete cellulare Coperture cellulari Motivazioni Il canale radiomobile Cenni di dimensionamento Il GSM Le WLAN Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

23 Dimensioni della cella (/) Le dimensioni di una cella dipendono da due fattori Portata Interferenza La portata è la distanza raggiungibile dal campo e.m. emesso da un PA entro la quale la qualità del segnale ricevuto da un TM mantiene il livello minimo richiesto dalle specifiche (per es. un SNR minimo) L interferenza è la quota parte di segnale indesiderato ma non separabile da quello voluto al ricevitore E una conseguenza del fatto che lo spettro radio è condiviso da molti trasmettitori (TM e PA); la collisione è una forma estrema di interferenza E spesso dominante nel determinare le prestazioni dell accesso radio Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

24 Dimensioni della cella (/) La portata di una cella isolata dipende da la potenza di picco erogata dal trasmettitore le caratteristiche di propagazione del canale radio Altri parametri dell accesso multiplo (per esempio intervalli temporali di guardia tra burst radio successivi emessi da diversi TM verso lo stesso PA) L interferenza in un sistema cellulare dipende da I livelli di potenza impiegati in trasmissione dalle comunicazioni interferenti Le caratteristiche del canale radio tra trasmettitore e ricevitore disturbato; La ri-utilizzazione delle medesime risorse radio nel segmento di accesso della rete cellulare, funzione della pianificazione e del traffico (interferenza co-canale) Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

25 Modello di costo (/) 5 Consideriamo il costo per Erlang di un accesso cellulare in funzione della densità di traffico (Erlang/km ) Costo/Erlang (scala log) Area della cella limitata dalla portata A Area della cella limitata dall interferenza B C Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009 Erlang/km (scala log)

26 Modello di costo (/) 6 Il costo si può dividere in una parte proporzionale al traffico (per la quale il costo rapportato agli Erlang è una costante) e una parte dipendente dal numero di siti Si può ritenere che la seconda componente sia proporzionale al numero di siti Con riferimento al grafico precedente, si distinguono tre situazioni A: la dimensione delle celle è limitata dalla portata A causa della bassa densità di traffico si cercherà di pianificare con celle di dimensioni le massime possibili Il valore tipico dei raggi delle celle in questa situazione è dell ordine di una o poche decine di km Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

27 Modello di costo (/) 7 (segue) B: le celle lavorano a carico massimo La loro dimensione viene diminuita al crescere della densità di traffico per mantenere il carico sul livello massimo consentito dall interferenza dovuta al riuso spaziale Le celle in questa situazione hanno raggi dell ordine del km C: le caratteristiche di propagazione sono tali da far aumentare rapidamente l interferenza Occorre aumentare la distanza di ri-uso e questo fa diminuire il numero di risorse radio assegnabili ad ogni cella Diventa rapidamente più difficile e costoso reperire nuovi siti di antenna e connetterli al resto della rete cellulare Le celle in questa situazione hanno raggi inferiori a -00 m Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

28 riassumendo 8 La dimensione minima delle celle dipende da efficienza di utilizzo dello spettro carico di segnalazione (handover) velocità degli utenti mobili costo degli impianti La dimensione massima dipende da considerazioni di potenza (ma non solo ) Esempio: dimensione delle celle nel sistema GSM dimensione minima 00 metri dimensione massima 5 km Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

29 Capacità di un sistema cellulare 9 La capacità di un sistema cellulare può essere aumentata aumentando il numero delle frequenze portanti o la banda ad esse associata maggiore occupazione spettrale aumentando il riuso delle frequenze diminuendo il diametro delle celle (maggior numero di handover) diminuendo la potenza in trasmissione La capacità di un sistema cellulare dipende dal numero totale di canali radio dalle dimensioni delle celle dalla distanza di riuso delle risorse radio Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

30 Distanza di riuso 0 La distanza di riuso delle frequenze dipende la geografia del terreno dall altezza dell antenna dalla potenza trasmessa Modelli di celle Celle ideali Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009 Modello esagonale (nessuna sovrapposizione) Celle reali

31 Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009 Cluster di riuso Il cluster di riuso è l insieme compatto delle celle che usano risorse radio distinte K = numero di celle del cluster D K = 5 R R R D = + = D R K = 7 R R D = =

32 Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009 Chi interferisce? Esempio con cluster di celle

33 Cluster e distanza di riuso (/) Nel caso di celle esagonali i possibili valori di K sono dati dalla serie dei numeri rombici K {,,, 7, 9,,..} cioè numeri del tipo i +j +ij, con i e j interi non negativi La distanza di riuso D è data da D = R K K D.6 R 7.58 R 6.00 R Occorre scegliere il minimo valore di K in modo da soddisfare i vincoli di interferenza Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

34 Cluster e distanza di riuso (/) Area del cluster di riuso D D A cluster = 6 = D Area della cella A cella = 6 R R = R D Rapporto K = A cluster A cella = D R Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

35 Distanza di riuso e SIR (/) 5 La distanza di riuso D può essere valutata applicando la legge di propagazione con attenuazione deterministica Nel caso di due celle si ha Potenza segnale utile Potenza P o R D R Potenza P o C = cost R α Rapporto segnale/interferente Potenza segnale interferente I = cost D α C R = I D α Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

36 Distanza di riuso e SIR (/) 6 Nel caso di modello di cella esagonale si hanno 6 celle interferenti nel primo livello (si trascura l interferenza delle celle di secondo livello) Rapporto segnale/interferente C = I R 6 k = α D α = 6 D R α γ K Supponendo un valore limite di γ di 9 db (7.9) (GSM) si ha D =.69 D K =. R R / α ( 6γ ) Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

37 Esempio di dimensionamento (/) 7 Il raggio R di una cella può essere determinato in base alle prestazioni dal punto di vista del traffico probabilità di blocco Π (normalmente < %) I dati di ingresso sono: il numero di utenti U per cella la percentuale β di utenti attivi nell ora di punta il numero di chiamate nell ora di punta N = β. U durata media delle chiamate T (minuti) l intensità media del traffico offerto A per cella (in erlang) A = N. T/60 La probabilità di blocco è data dalla formula B di Erlang I vincoli sul SNR e le caratteristiche del canale radio determinano la distanza di riuso, la dimensione del cluster e quindi il numero di canali per cella Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

38 Esempio di dimensionamento (/) 8 Esempio: numero m di canali per cella m = 0 Max valore di A con il vincolo Π < % A =.9 Erl numero massimo N di utenti per cella N = / (β. T) assumendo T =.76 min e β = 0.6 N In una cella di raggio R la densità massima δ di utenti è data da δ = /(πr ) Assumendo che la densità di utenti è δ = 600 utenti/km si ha R = 97,5 m Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

39 Settorizzazione 9 Diminuisce l interferenza usando antenne direttive e dividendo una cella in settori In ogni settore sono utilizzate frequenze diverse Si può trascurare l effetto interferente di alcuni PA Aumenta la frequenza di handover Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

40 riassumendo 0 Per l efficienza di una rete cellulare possiamo scrivere η = Num_Can/(BW x Area_Cella x Dim_Clu) [Canali/Hz/km ] L efficienza può essere aumentata aumentando il numero dei canali radio, Num_Can, a parità di banda, BW, impiegata Maggiore efficienza spettrale della modulazione e dello schema di accesso multiplo aumentando il riuso delle frequenze diminuendo il diametro delle celle (diminuisce Area_Cella) diminuendo il requisito di C/I in ricezione (diminuisce Dim_Clu) Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

41 Copertura cellulare e mobilità Handover Location area (in azzurro) Cluster di riuso Location updating Cella Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009

Ogni stazione base viene collegata via cavo ad altri nodi della rete fissa.

Ogni stazione base viene collegata via cavo ad altri nodi della rete fissa. Reti cellulari La rete cellulare è una rete per cui la copertura geografica è realizzata con una tassellazione a celle: porzioni di area geografica che unite ricoprono perfettamente una zona. La prerogativa

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

2 - Canali e Multiplazione

2 - Canali e Multiplazione Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 2 - Canali e Multiplazione 1

Dettagli

RETI CELLULARI. La copertura cellulare. Copyright. Definizioni. La copertura cellulare teorica. La copertura cellulare teorica

RETI CELLULARI. La copertura cellulare. Copyright. Definizioni. La copertura cellulare teorica. La copertura cellulare teorica Copyright RETI CELLULARI Principi generali (T.S. Rappaport, Wireless Communications: Principles and Practice, Prentice Hall, 1996) Quest opera è protetta dalla licenza Creative Commons NoDerivs-NonCommercial.

Dettagli

RETI CELLULARI. Principi generali. Definizioni

RETI CELLULARI. Principi generali. Definizioni RETI CELLULARI Principi generali Copyright Gruppo Reti di Telecomunicazioni Politecnico di Torino Rete wireless Definizioni (sotto)rete in cui l accesso da un terminale avviene attraverso un canale radio,

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Parte 12: Concetti di Planning Radiomobile Universita Politecnica delle Marche A.A. 2013-2014 A.A. 2013-2014 Sistemi di Telecomunicazione 1/32 Sistemi cellulari Sistemi cellulari:

Dettagli

Le reti radio cellulari

Le reti radio cellulari Le reti radio cellulari Giacomo Bacci, Luca Giugno, Marco Luise In questo documento sono presentate le principali caratteristiche dei sistemi di radiocomunicazione con mezzi mobili (in breve, sistemi radiomobile),

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni 1 - INTRODUZIONE Prof. Mario Barbera 1 Argomenti della lezione Cenni storici Definizioni: Sorgente di informazione Sistema di comunicazione Segnali trasmissivi

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Giovedì 22-05-2014 1 Reti wireless Una

Dettagli

Lucidi delle lezioni del corso di SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONE

Lucidi delle lezioni del corso di SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONE TELEFONIA MOBILE Cenni Storici La propagazione nello spazio libero è usata da quasi 100 anni per le telecomunicazioni I primi (rudimentali) sistemi di telecomunicazione mobile non diffusiva appaiono durante

Dettagli

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS c.so Duca degli Abruzzi 4 1019 Torino (Italy) Fax +39 011 564 4099 pag. /34 Premessa Il seguente capitolo illustra i principi tecnici fondamentali a cui si ispirano le tecnologie utilizzate per i serivizi

Dettagli

GSM - GSM - parte IV

GSM - GSM - parte IV GSM - parte IV Argomenti della lezione Il livello fisico dell interfaccia radio (Um) Frequenze assegnate al GSM (Europa) GSM primario downlink GSM primario uplink GSM esteso downlink GSM esteso uplink

Dettagli

D SISTEMI, COPERTURE, PIANIFICAZIONE

D SISTEMI, COPERTURE, PIANIFICAZIONE D SISTEMI, COPERTURE, PIANIFICAZIONE Tecniche di trasmissione spread-spectrum Sistemi radiomobili cellulari Coperture cellulari in sistemi a canali limitati, geometria, cluster, settorizzazione Tecniche

Dettagli

La telefonia cellulare. Piccola presentazione di approfondimento

La telefonia cellulare. Piccola presentazione di approfondimento La telefonia cellulare Piccola presentazione di approfondimento Introduzione Oggigiorno, i telefoni cellulari sono diffusissimi e godono della massima popolarità. Molte persone, tuttavia, non conoscono

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Tecniche di Accesso Multiplo e Concetti di Planning Radiomobile Universita Politecnica delle Marche A.A. 2014-2015 A.A. 2014-2015 Sistemi di Telecomunicazione 1/42 Tecniche

Dettagli

PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT

PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT Il gestore di un ipermercato richiede l' installazione di un access point da utilizzare per il collegamento wireless delle casse automatiche alla rete

Dettagli

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare I semestre 04/05 Tecnologie Radio Cellulari Reti Cellulari Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Parte 7: Propagazione Radio Universita Politecnica delle Marche A.A. 2013-2014 A.A. 2013-2014 Sistemi di Telecomunicazione 1/36 Trasmissione radio dell informazione Ci occuperemo

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone. 5 Riuso delle frequenze

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone. 5 Riuso delle frequenze Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Reti Radiomobili Prof. Antonio Capone 5 Riuso delle frequenze Assegnamento dei canali alle celle La tecnica di accesso multiplo nei sistemi

Dettagli

Appunti di telecomunicazione

Appunti di telecomunicazione Servizio radiomobile GSM Cenni storici Il primo sistema telefonico radiomobile della storia nacque negli USA nel 1964 e funzionava nella gamma di frequenza dei 160/450 MHz con soli 23 canali bidirezionali.

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Martedì 26-05-2015 1 Confronto tra switch

Dettagli

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005 COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/005 1. Gli esercizi devono essere risolti su fogli separati: uno per la prima parte del compito (esercizi 1/4), uno per la seconda parte (esercizi

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2005/06 Blocco 2 (v2) Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Richiami sul concetto di multiplazione 2 Riprendendo il discorso sulle diverse

Dettagli

DIRECT SEQUENCE CDMA... 2 1 DESCRIZIONE DELLA TECNICA DI SPREADING A SEQUENZA DIRETTA... 2 2 PROPRIETÀ DELLE SEQUENZE DI CODICE PN...

DIRECT SEQUENCE CDMA... 2 1 DESCRIZIONE DELLA TECNICA DI SPREADING A SEQUENZA DIRETTA... 2 2 PROPRIETÀ DELLE SEQUENZE DI CODICE PN... DRCT SQUNC CDMA... 2 DSCRZON DLLA TCNCA D SPRADNG A SQUNZA DRTTA... 2 2 PROPRTÀ DLL SQUNZ D CODC PN... 4 L CONTROLLO D POTNZA LA CAPACTÀ D UNA RT CLLULAR CDMA... 5 L CONTROLLO D POTNZA... 5 2 LA CAPACTÀ

Dettagli

POLARIZZAZIONE ORIZZONTALE O VERTICALE?

POLARIZZAZIONE ORIZZONTALE O VERTICALE? A.R.I. Sezione di Parma Conversazioni del 1 Venerdì del Mese POLARIZZAZIONE ORIZZONTALE O VERTICALE? Venerdi, 7 dicembre, ore 21:15 - Carlo, I4VIL Oscillatore e risuonatore di Hertz ( http://www.sparkmuseum.com

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Corso di rasmissione Numerica docente: Prof. Vito Pascazio 18 a Lezione: 13/1/4 19 a Lezione: 14/1/4 Sommario rasmissione di segnali PM numerici su

Dettagli

Linee Guida per l installazione (CPE Townet)

Linee Guida per l installazione (CPE Townet) Linee Guida per l installazione (CPE Townet) INDICE 1 Installazione CPE...4 1.1 Ricerca BS...5 1.2 Ottimizzazione del puntamento...5 2 Attivazione utente lato Installatore...6 2.1 Segnalazione tramite

Dettagli

LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE

LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE 1 COSA SONO? Le radiocomunicazioni, sono comunicazioni effettuate utilizzando onde radio, cioè onde elettromagnetiche

Dettagli

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema I semestre 03/04 Trasmissione Dati Trasmissione Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Ogni tipo di informazione può essere rappresentata come insieme

Dettagli

Algoritmo Nazionale per il GSM

Algoritmo Nazionale per il GSM Algoritmo Nazionale per il GSM Storia (1) Esistono numerosi metodi per la pianificazione e la copertura dei sistemi di telefonia cellulare. Ogni operatore sceglie quello che ritiene più opportuno anche

Dettagli

Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI

Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI Prof : Stefano Bistarelli Seminario : RETI CELLULARI (2 / 3 / 4 G) THANKS TO Sara Di Matteo SOMMARIO: Introduzione 1G (TACS) Architettura della rete cellulare Tecniche

Dettagli

Comunicazioni Radiomobili

Comunicazioni Radiomobili Università degli Studi di Siena Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Comunicazioni Radiomobili Autore Abrardo Andrea Anno Accademico 2001/2002 Indice 1 Propagazione in ambiente

Dettagli

MHz. MHz. Fig. 1 Fig. 2

MHz. MHz. Fig. 1 Fig. 2 Esercizio 1 Il Ranger Smith del parco di Yellowstone ha deciso di rafforzare il sistema di sorveglianza a causa dei continui furti di cestini di picnic dei visitatori del parco da parte dell orso Yoghi

Dettagli

Modelli di Propagazione in Ambiente Urbano

Modelli di Propagazione in Ambiente Urbano Modelli di Propagazione in Ambiente Urbano 1 Valeria Petrini, Ph.D. Student DEIS/ARCES - Fondazione Ugo Bordoni valeria.petrini@unibo.it Modelli di Previsione (1) I moderni sistemi di telecomunicazione

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 102 Sommario della

Dettagli

ELEMENTI DI ACUSTICA 08

ELEMENTI DI ACUSTICA 08 I.U.A.V. Scienze dell architettura a.a. 2012/2013 Fisica Tecnica e Controllo Ambientale Prof. Piercarlo Romagnoni ELEMENTI DI ACUSTICA 08 ACUSTICA ARCHITETTONICA 02 FONOISOLAMENTO ASSORBIMENTO, RIFLESSIONE,

Dettagli

LTE Long Term Evolution Late To Evolve

LTE Long Term Evolution Late To Evolve LTE Long Term Evolution Late To Evolve 0 Overview della tecnologia 1 Driver del 4G: la domanda di banda del mobile 2 LTE (3GPP Rel.8): ingredienti tecnologici del 4G Architettura Evoluta (E-UTRAN) di tipo

Dettagli

fmtvdigitalbroadcasting

fmtvdigitalbroadcasting fmtvdigitalbroadcasting EVOLUZIONE DELLA TV SITUAZIONE DEL MERCATO: PRIMA Mercati separati e verticali LA SITUAZIONE DEL MERCATO: ADESSO CONVERGENZA DIGITALE: nuovi mercati orizzontali, con molteplici

Dettagli

Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura

Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura 01/06/2007 dei Campi Elettromagnetici 1 Normativa tecnica di riferimento Guida CEI 211-10: Guida

Dettagli

Protocolli di accesso multiplo

Protocolli di accesso multiplo Protocolli di accesso multiplo Quando l accesso ad una risorsa può avvenire da parte di più utenti indipendenti, si parla di risorsa condivisa ed è necessaria l implementazione di particolari protocolli

Dettagli

COMUNE DI FONTE PIANO DI LOCALIZZAZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI FONTE PIANO DI LOCALIZZAZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE COMUNE DI FONTE PIANO DI LOCALIZZAZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE RELAZIONE COMUNE DI FONTE Indice RELAZIONE Conferimento incarico Scopo dell incarico Premessa tecnica Descrizione delle operazioni

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Reti Radiomobili Prof. Antonio Capone Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione 1 - Introduzione al corso Reti Radiomobili

Dettagli

TRASMETTITORI E RICEVITORI

TRASMETTITORI E RICEVITORI Esempio: Un ricevitore ha un resistore di polarizzazione del valore di 10 kω e una capacità di giunzione del fotodiodo del valore di 4 pf. Il fotodiodo è accoppiato in continua con un amplificatore ad

Dettagli

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche INTRODUZIONE Heinrich Hertz (1857-1894) nel 1886 riuscì per la prima volta a produrre e a rivelare le onde elettromagnetiche di cui Maxwell aveva previsto

Dettagli

Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale

Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale Barellini A. 1,Bogi L. 2, Licitra G. 3, Silvi A.M. 2 1 ARPA Toscana Dip. Prov.le Pisa via V.Veneto,

Dettagli

CAPITOLO 2 TECNOLOGIA DEI SISTEMI RADIOMOBILI

CAPITOLO 2 TECNOLOGIA DEI SISTEMI RADIOMOBILI CAPITOLO 2 TECNOLOGIA DEI SISTEMI RADIOMOBILI L uomo del XX secolo trova perfettamente logico e naturale avere a disposizione un telefono nella maggior parte dei luoghi in cui si svolgono le sue attività

Dettagli

Sistemi a larga banda (Broadband)

Sistemi a larga banda (Broadband) 61 Sistemi a larga banda (Broadband) Le applicazioni informatiche e i servizi multimediali (musica, film, manifestazioni sportive) offerti sulla grande rete Internet e attraverso la televisione digitale

Dettagli

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza Modulazioni Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 06 Modulazioni 1/29 Comunicazione a lunga distanza I segnali elettrici si indeboliscono quando viaggiano su un

Dettagli

APPUNTI DI ELETTROMAGNETISMO E RADIOTECNICA. Coordinatore del Progetto prof. Vito Potente Stesura a cura del docente ing.

APPUNTI DI ELETTROMAGNETISMO E RADIOTECNICA. Coordinatore del Progetto prof. Vito Potente Stesura a cura del docente ing. APPUNTI DI ELETTROMAGNETISMO E RADIOTECNICA Coordinatore del Progetto prof. Vito Potente Stesura a cura del docente ing. Marcello Surace 1 Si richiamano le definizioni delle leggi fondamentali, invitando

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Tesi di Laurea in TRASMISSIONE NUMERICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Tesi di Laurea in TRASMISSIONE NUMERICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Tesi di Laurea in TRASMISSIONE NUMERICA Laureando: Serge TcheguemTango Relatore: Chiar.mo

Dettagli

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Le tecniche di accesso multiplo si dividono in tre classi: Protocolli deterministici o senza contesa: evitano la possibilità che due utenti accedano al

Dettagli

Introduzione alle reti di telecomunicazioni

Introduzione alle reti di telecomunicazioni Introduzione alle reti di telecomunicazioni La comunicazione Nello studio dei sistemi di telecomunicazione si è soliti fare riferimento a tre entità fondamentali: il messaggio, che rappresenta l oggetto

Dettagli

Roma, 24 Novembre 2014

Roma, 24 Novembre 2014 Roma, 24 Novembre 2014 Piano di rete Comune di GUARDIAGRELE (CH) Piano 2015 Indice dei contenuti INTRODUZIONE 1 ACCENNI SUL SISTEMA CELLULARE 1.1 UMTS E HSDPA: LA NUOVA TECNOLOGIA E LA SUA EVOLUZIONE 1.2

Dettagli

Mobile TV Quali opzioni per le architetture di rete

Mobile TV Quali opzioni per le architetture di rete Guido GENTILE Elettronica Industriale Mobile TV Quali opzioni per le architetture di rete Bologna 24 Novembre 2005 0 Agenda Introduzione all architettura DVB-H Mediaset Specificità e problematiche nella

Dettagli

Analisi spettrale. Applicazioni. Specifiche di un analizzatore di spettro. analizzatori di spettro. Specifiche di un analizzatore di spettro (2)

Analisi spettrale. Applicazioni. Specifiche di un analizzatore di spettro. analizzatori di spettro. Specifiche di un analizzatore di spettro (2) Analisi spettrale Che cos è lo spettro di un segnale? Perché e come si misura? Sia x(t) un segnale nel dominio del tempo. La sua trasormata di Fourier vale: X ( ) = + x( t) e jπ t < < + Le misure nel dominio

Dettagli

Tab. 1. Gamma di frequenze [GHz]

Tab. 1. Gamma di frequenze [GHz] 58 Ponti radio Per ponte radio si intende un sistema di collegamento, bidirezionale, a larga banda, che utilizza le onde elettromagnetiche per trasmettere informazioni sia analogiche sia digitali. I ponti

Dettagli

Impatto sulla ricezione DTT da parte dei servizi LTE nella banda UHF (800 MHz) Rai - Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica

Impatto sulla ricezione DTT da parte dei servizi LTE nella banda UHF (800 MHz) Rai - Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Impatto sulla ricezione D da parte dei servizi nella banda UHF (800 MHz) Ieri voluzione dei servizi Broadcasting e Mobile nella banda UHF Oggi 2015... dopo 2015 a nuova banda 800 MHz (UHF) e l assegnazione

Dettagli

Radioprotezione in siti critici

Radioprotezione in siti critici Radioprotezione in siti critici 1 Valeria Petrini, Ph.D. Student DEIS/ARCES - Fondazione Ugo Bordoni valeria.petrini@unibo.it Legge quadro, 36/2001 2 Il quadro di riferimento italiano in materia di esposizione

Dettagli

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali.

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 01CXGBN Trasmissione numerica parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 1 TRASMISSIONE NUMERICA Trasmissione da un utente TX a un utente RX di informazione discreta

Dettagli

Generalità sull energia eolica

Generalità sull energia eolica Generalità sull energia eolica Una turbina eolica converte l energia cinetica della massa d aria in movimento ad una data velocità in energia meccanica di rotazione. Per la produzione di energia elettrica

Dettagli

ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE

ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE IL SUONO Propagarsi di onde meccaniche in un mezzo. Le onde fanno vibrare la membrana del timpano dando la sensazione sonora. La frequenza del suono è data dal numero

Dettagli

Stima dell interferenza generata al centralino d antenna*

Stima dell interferenza generata al centralino d antenna* Approfondire INTERFERENZE LTE Stima dell interferenza generata al centralino d antenna* L articolo che segue è una versione di sintesi del più approfondito contenuto pubblicato nel numero di agosto 2013

Dettagli

Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove

Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove Normative Alessandro ROGOVICH Dept. of Information Engineering, Pisa University, Pisa, Italy Microwave & Radiation Laboratory alessandro.rogovich@iet.unipi.it

Dettagli

Propagazione Troposferica

Propagazione Troposferica Propagazione Troposferica 1 Valeria Petrini, Ph.D. Student DEIS/ARCES - Fondazione Ugo Bordoni valeria.petrini@unibo.it Introduzione (1) 2 Una corretta caratterizzazione dei collegamenti radio non può

Dettagli

Mezzi trasmissivi. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Funzionamento di base

Mezzi trasmissivi. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Funzionamento di base Mezzi trasmissivi Vittorio Maniezzo Università di Bologna Funzionamento di base Si codificano i dati come energia e si trasmette l'energia Si decodifica l'energia alla destinazione e si ricostruiscono

Dettagli

Classificazione delle applicazioni multimediali su rete

Classificazione delle applicazioni multimediali su rete Universita' di Verona Dipartimento di Informatica Classificazione delle applicazioni multimediali su rete Davide Quaglia a.a. 2006/2007 1 Sommario Architettura di riferimento Classificazione per funzionalità

Dettagli

EFETTO DEL SUOLO di Giovanni G. Turco, ik0ziz

EFETTO DEL SUOLO di Giovanni G. Turco, ik0ziz EFETTO DEL SUOLO di Giovanni G. Turco, ik0ziz Le caratteristiche d irradiazione di un antenna possono essere modificate, oltre che da eventi estranei, anche dal suolo sottostante. Infatti, quando l antenna

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica Corso di Trasmissione Numerica (6 crediti) Prova scritta 16.02.2006

Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica Corso di Trasmissione Numerica (6 crediti) Prova scritta 16.02.2006 Prova scritta 16.02.2006 D. 1 Si derivi l espressione dei legami ingresso-uscita, nel dominio del tempo per le funzioni di correlazione nel caso di sistemi LTI e di segnali d ingresso SSL. Si utilizzi

Dettagli

Fondamenti teorici dello SS

Fondamenti teorici dello SS Tecniche a spettro espanso Un sistema a spettro espanso è realizzato sulla base di tecniche per cui il segnale trasmesso ha un occupazione spettrale maggiore (10 3 10 6 ) di quella che avrebbe il convenzionale

Dettagli

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Induzione magnetica INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Che cos è l induzione magnetica? Si parla di induzione magnetica quando si misura una intensità di corrente diversa da zero che attraversa

Dettagli

COMUNICAZIONI MOBILI ANNO ACCADEMICO 2003/2004

COMUNICAZIONI MOBILI ANNO ACCADEMICO 2003/2004 COMUNICAZIONI MOBILI ANNO ACCADEMICO 2003/2004 SISTEMI RADIOMOBILI SONO SISTEMI DI COMUNICAZIONE IN CUI AVVIENE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI FRA DUE (O PIU ) TERMINALI, UNO DEI QUALI E IN MOVIMENTO. NEL

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

Corso di Fondamenti di Segnali e Trasmissione - Appello del 07 Settembre 2005

Corso di Fondamenti di Segnali e Trasmissione - Appello del 07 Settembre 2005 Corso di Fondamenti di Segnali e Trasmissione - Appello del 07 Settembre 2005 Gli esercizi devono essere risolti solo sui fogli dei colori indicati Per esiti e soluzioni si veda il sito web del corso:

Dettagli

MODULAZIONI ANGOLARI

MODULAZIONI ANGOLARI MODULAZIONI ANGOLARI Una sinusoide: v(t) = V M * cos (ω * t + φ o ) = V M * cos φ(t) : t è il tempo e φ(t) = fase istantanea è identificata da: 1. Ampiezza V M o V P oppure anche dal suo valore efficace

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni 5 - EGALI DIGITALI E A IMPULI I BADA BAE Prof. Mario Barbera [parte ] Codifica La fase di codifica prevede che venga fatta una associazione tra il livello del segnale

Dettagli

La psicologia dell udito. onde sonore percezione uditiva cognizione

La psicologia dell udito. onde sonore percezione uditiva cognizione La psicologia dell udito onde sonore percezione uditiva cognizione Fisica-percezione-cognizione Aria Orecchio Mente Suono Sensazione Musica/Parole Ampiezza Intensità Dinamica Frequenza Altezza Classe di

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Progetto di controllo e reti correttrici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 053 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

OFDM. Prof. Carlo S. Regazzoni. Department of Biophysical and Electronic Engineering, University of Genoa, Italy A.A. 2009-2010

OFDM. Prof. Carlo S. Regazzoni. Department of Biophysical and Electronic Engineering, University of Genoa, Italy A.A. 2009-2010 INTRODUZIONE ALLE TECNICHE DI SINCRONIZZAZIONE TEMPO-FREQUENZA IN SISTEMI OFDM Luca Bixio Prof. Carlo S. Regazzoni Department of Biophysical and Electronic Engineering, University of Genoa, Italy A.A.

Dettagli

IL SUONO. Grandezze Fisiche. Y = Spostamento della particella. t = Tempo

IL SUONO. Grandezze Fisiche. Y = Spostamento della particella. t = Tempo IL SUONO Caratteristiche Generali Il suono é un onda elastica (ha bisogno di un mezzo per propagarsi),longitudinale (la perturbazione avviene parallelamente alla direzione di propagazione); per la sua

Dettagli

LTE Duplex Gap 821- -832 - BANDA Uplink Wind 832- -842 837 Uplink Tim 842- -852 847 Uplink Vodafone 852- -862 857

LTE Duplex Gap 821- -832 - BANDA Uplink Wind 832- -842 837 Uplink Tim 842- -852 847 Uplink Vodafone 852- -862 857 TABELLA CANALI TV DIGITALI DVB-T Banda Canale Estremi canale MHz Frequenza MHz E1 40- -47 / E2 47- -54 / VHF I E3 54- -61 / E4 61- -68 / E5 174- -181 177,5 E6 181- -188 184,5 E7 188- -195 191,5 VHF III

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Esercizi Multiplazione TDM Accesso Multiplo TDMA

Esercizi Multiplazione TDM Accesso Multiplo TDMA Esercizi Multiplazione TDM Accesso Multiplo TDMA Esercizio 1 Un sistema di multiplazione TDM presenta una trama di 10 slot e in ciascuno slot vengono trasmessi 128 bit. Se il sistema è usato per multiplare

Dettagli

DVB-H Il livello fisico e aspetti di rete. Maria Missiroli

DVB-H Il livello fisico e aspetti di rete. Maria Missiroli DVB-H Il livello fisico e aspetti di rete Maria Missiroli Cos è il DVB-H? Digital Television for Handheld terminals Il DVB-H non è solo TV, ma è data broadcasting per molti utenti con un singolo servizio.

Dettagli

Piano di rete Comune di VASTO (CH) Roma, 21Dicembre 2015

Piano di rete Comune di VASTO (CH) Roma, 21Dicembre 2015 Piano di rete Comune di VASTO (CH) Roma, 21Dicembre 2015 Indice dei contenuti INTRODUZIONE 1 ACCENNI SUL SISTEMA CELLULARE 1.1 UMTS E HSDPA: LA NUOVA TECNOLOGIA E LA SUA EVOLUZIONE 1.2 LE POTENZIALITÀ

Dettagli

Le tre leggi del Networking

Le tre leggi del Networking Le tre leggi del Networking #1 - Le reti andranno sempre più veloci Progetti per alta velocità, incremento del flusso di dati, riduzione dei tempi di risposta. #2 - Le reti saranno sempre più vaste Progetti

Dettagli

GSM/GPRS/UMTS/HSDPA: evoluzione delle tecnologie e nuovi scenari applicativi

GSM/GPRS/UMTS/HSDPA: evoluzione delle tecnologie e nuovi scenari applicativi www.telit.com GSM/GPRS/UMTS/HSDPA: evoluzione delle tecnologie e nuovi scenari applicativi Sergio Sciarmella I sistemi di telecomunicazione e le reti wireless in particolare sono cambiate in modo radicale

Dettagli

Orthogonal Frequency-Division Multiplexing

Orthogonal Frequency-Division Multiplexing Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Firenze, 20 Gennaio 2005 Corso di Sistemi Wireless in Area Locale Orthogonal Frequency-Division Multiplexing Un approccio

Dettagli

CAMPI ELETTROMAGNETICI

CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI Che cos è un campo elettromagnetico? Un campo elettromagnetico è una regione dello spazio in cui c è tensione elettrica. È il caso, ad esempio, della regione di spazio in cui vi

Dettagli

DISPOSITIVI PER VHF e SUPERIORI

DISPOSITIVI PER VHF e SUPERIORI ARI Sezione di Parma Conversazioni del 1 Venerdì del Mese DISPOSITIVI PER VHF e SUPERIORI Venerdì, 1 marzo 2013, ore 21:15 Carlo, I4VIL FILTRO low pass per uso a 144 MHz Risposta del filtro (in rosso).

Dettagli

Introduzione all analisi dei segnali digitali.

Introduzione all analisi dei segnali digitali. Introduzione all analisi dei segnali digitali. Lezioni per il corso di Laboratorio di Fisica IV Isidoro Ferrante A.A. 2001/2002 1 Segnali analogici Si dice segnale la variazione di una qualsiasi grandezza

Dettagli

[ dbm] = 0 dbm " 0,2 #100 db = " 20 dbm

[ dbm] = 0 dbm  0,2 #100 db =  20 dbm Esercizi di comunicazioni ottiche (SNR, Q, BER) Consideriamo il caso di una linea in fibra ottica lunga 00 km con attenuazione di 0, db/km e dispersione cromatica compensata. Supponiamo poi di avere una

Dettagli

Corso di Acustica prof. ing. Gino Iannace

Corso di Acustica prof. ing. Gino Iannace Corso di Acustica prof. ing. Gino Iannace e-mail: gino.iannace@unina2.it prof. ing. Gino IANNACE 1 Il suono è un "rumore sgradevole", "un suono fastidioso, non desiderato". Dal punto di vista fisico, il

Dettagli

Introduzione all Analisi dei Segnali

Introduzione all Analisi dei Segnali Tecniche innovative per l identificazione delle caratteristiche dinamiche delle strutture e del danno Introduzione all Analisi dei Segnali Prof. Ing. Felice Carlo PONZO - Ing. Rocco DITOMMASO Scuola di

Dettagli

Esercizi di dimensionamento dei sistemi di commutazione telefonica

Esercizi di dimensionamento dei sistemi di commutazione telefonica Politecnico di Milano Sede di Cremona A.A. 2013/20134 Corso di RETI DI COMUNICAZIONE ED INTERNET Modulo 1 Esercizi di dimensionamento dei sistemi di commutazione telefonica Antonio Corghi Modelli di commutazione

Dettagli

COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO

COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO Il ponte radio è un sistema di radiocomunicazione punto-punto che impiega frequenze nel campo delle microonde, in grado di convogliare informazioni telefoniche, televisive e

Dettagli

Sistemi di Radio-ricezione

Sistemi di Radio-ricezione Sistemi di Radio-ricezione Segnale RF B f 0 f B f 0 1 Formulazione analitica: cos sin cos s t V t t V t t V t t t RF I 0 Q 0 M 0 Inviluppo complesso (banda base): sbb t VI t jvq tvm texp jt Schema generale

Dettagli

Lezione 28 Maggio I Parte

Lezione 28 Maggio I Parte Lezione 28 Maggio I Parte La volta scorsa abbiamo fatto un analisi dei fenomeni di diafonia e avevamo trovato che per la diafonia vicina il valore medio del quadrato del segnale indotto dalla diafonia

Dettagli

Filtraggio dei segnali. Soluzioni Fracarro. fracarro.com -50.00 -40.00 -30.00 20.00 -10.00 0.000 -20.00

Filtraggio dei segnali. Soluzioni Fracarro. fracarro.com -50.00 -40.00 -30.00 20.00 -10.00 0.000 -20.00 Filtraggio dei segnali Soluzioni Fracarro 5.. 3.. 1...... -5. fracarro.com Cos'è LTE? Il termine LTE, acronimo di Long Term Evolution, è un nuovo standard internazionale, adottato dalla Comunità Europea,

Dettagli