REGOLAMENTO D USO DELL IMPIANTO STADIO M. BENTEGODI DI VERONA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO D USO DELL IMPIANTO STADIO M. BENTEGODI DI VERONA"

Transcript

1 REGOLAMENTO D USO DELL IMPIANTO STADIO M. BENTEGODI DI VERONA

2 PREMESSA Per stadio si intende l intera struttura/impianto incluse le aree di proprietà e l area di servizio esterna, occupate o utilizzate dal club; per club si intende A.C. ChievoVerona S.r.l. o Hellas Verona F.C.; per evento si intende ogni partita organizzata dal club, che ha luogo nello stadio.

3 REGOLAMENTO D USO Accesso e Permanenza nello Stadio (1) L accesso e la permanenza nello stadio in occasione dell evento comporta l accettazione del regolamento d uso. L inosservanza dello stesso comporta l immediata risoluzione del contratto di prestazione, con il conseguente all allontanamento dall impianto del contravventore, anche tramite l ausilio della forza pubblica nonché l applicazione delle disposizioni e delle sanzioni previste dalla normativa vigente. D.M art.6 p.to g) attività in casi di violazione del regolamento d uso : lo steward, richiamato il trasgressore, nega l accesso quindi invita il contravventore a lasciare l impianto In caso di inottemperanza accerta l identità attraverso la richiesta di esibizione del titolo di ingresso e di un documento di identità Cura la successiva segnalazione delle infrazioni ai pubblici ufficiali ed agenti competenti)

4 REGOLAMENTO D USO Accesso e Permanenza nello Stadio (2) Il titolo d accesso è personale e non potrà essere ceduto a terzi, salvo i casi in cui è previsto e previa comunicazione alla biglietteria delle generalità del nuovo fruitore. (settore ospiti: normativa non prevede possibilità cambio utilizzatore altri settori: Hellas Verona direttamente dove si è acquistato il titolo, Chievo Verona presso il bigoncio 7) Il Titolo, inoltre, dovrà essere conservato per tutta la durata dell evento e mostrato in qualsiasi momento a richiesta del personale preposto. (il controllo fiscale avviene da parte della SIAE e..., il controllo per verificare l esatto posizionamento dello spettatore può essere eseguito su richiesta dello steward )

5 REGOLAMENTO D USO Accesso e Permanenza nello Stadio (3) Per l accesso all impianto è richiesto altresì il possesso di un documento di identità valido o, in caso di minori, di un documento di autocertificazione conforme a quanto stabilito dal club, da esibire a richiesta del personale preposto, per verificare la corrispondenza tra il titolare del tagliando ed il possessore dello stesso.

6

7 REGOLAMENTO D USO Accesso e Permanenza nello Stadio (4) L accesso non è in alcun modo consentito a persone soggette a diffida per atti di violenza sportiva. (Articolo 9 del COORDINATO DECRETO con legge È fatto divieto alle società organizzatrici di competizioni riguardanti il gioco del calcio,, di emettere, vendere o distribuire titoli di accesso a soggetti che siano stati destinatari di provvedimenti (DASPO), ovvero a soggetti che siano stati, comunque, condannati, anche con sentenza non definitiva, per reati commessi in occasione o a causa di manifestazioni sportive )

8 REGOLAMENTO D USO Accesso e Permanenza nello Stadio (5) L ingresso allo stadio deve avvenire attraverso gli appositi varchi ed è subordinato alla verifica della regolarità del titolo di accesso anche mediante l utilizzo di apposite apparecchiature. (come richiesto da D.M. 18 Marzo 96 aggiornato al 06 Giugno 2005)

9

10 REGOLAMENTO D USO Accesso e Permanenza nello Stadio (6) Lo spettatore ha il diritto/dovere di occupare esclusivamente il posto specificato sul biglietto e non potrà muoversi da un settore all altro dello stadio, salvo i casi espressamente autorizzati dal club o dall Autorità di Pubblica Sicurezza.

11 REGOLAMENTO D USO Accesso e Permanenza nello Stadio (7) Nello stadio sono chiaramente indicati, con apposite segnalazioni, l ubicazione dei settori e dei posti nonché i percorsi per accedervi. Ogni settore è provvisto di propri ingressi, e l accesso agli stessi è consentito solo tramite questi. (segnaletica di servizio)

12 REGOLAMENTO D USO Accesso e Permanenza nello Stadio (8) L uso dei telefoni cellulari è permesso nello stadio per l esclusivo utilizzo personale. (riferimento al divieto di telecronaca da art.5 Divieti di utilizzazione e cessione del Regolamento per l esercizio della cronaca radiofonica emanato dalla Lega Nazionale Professionisti per la s.s. 2007/2008)

13 REGOLAMENTO D USO Accesso e Permanenza nello Stadio (9) L Autorità di Pubblica Sicurezza presente nello stadio avrà il diritto di effettuare controlli sia personali che all interno di borse e/o contenitori al seguito dello spettatore, finalizzati ad impedire l introduzione nello stadio di oggetti o sostanze illecite, proibite o suscettibili di indurre o provocare atti di violenza, come di seguito espressamente indicate.

14 REGOLAMENTO D USO Furto, Smarrimenti, Incidenti, Danni (10) Il club non risponde, salvo che il fatto non sia direttamente imputabile a suo fatto e colpa, per smarrimenti, incidenti o danni a persone o cose nello stadio e nelle aree limitrofe

15 REGOLAMENTO D USO Annullamento-Spostamento dell Evento (11) Data e ora dell evento potranno essere modificate per disposizione dell Autorità di Pubblica Sicurezza o delle autorità sportive senza che ciò possa determinare alcuna responsabilità a carico del club. In caso di evento posposto o annullato, l eventuale rimborso avverrà secondo le modalità comunicate successivamente dal club, senza alcuna responsabilità per quest ultimo. Il rimborso o la sostituzione del biglietto avrà luogo solo a fronte di presentazione dello stesso.

16 DIVIETI (1) E severamente vietato: accedere e trattenersi all interno dell impianto in stato di ebbrezza o sotto l effetto di sostanze stupefacenti o psicotrope o in grado di alterare il normale comportamento.

17 DIVIETI (2) E severamente vietato: introdurre o detenere nello stadio i seguenti oggetti: veleni, sostanze nocive, materiale infiammabile, droghe e bevande alcoliche, coltelli, materiale pirotecnico, fumogeni, trombe a gas, razzi e bengala, armi, oggetti pericolosi, luci laser, bottiglie, recipienti di vetro, lattine, aste, e tutti gli oggetti che possono essere usati come arma e/o essere pericolosi per l incolumità pubblica (es caschi da motociclista).

18

19 DIVIETI (3) E severamente vietato: Introdurre nello stadio striscioni e qualsiasi altro materiale ad essi assimilabile, compreso quello per le coreografie, se non espressamente autorizzato dal club e/o in violazione delle modalità introduzione ed esposizione dallo stesso indicate. Detto materiale, infatti, ancorchè autorizzato, potrà essere introdotto all interno dello stadio fino ad un ora prima dell apertura dei cancelli. Gli striscioni potranno essere affissi esclusivamente nello spazio consesso. L esposizione di materiale diverso da quello autorizzato comporta l immediata rimozione e l allontanamento dallo stadio. (determinazione n.14 dell Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive 8 Marzo 2007)

20

21

22

23

24

25 E severamente vietato: DIVIETI (4) in ogni caso, introdurre o esporre cartelli, stendardi, banderuole, documenti, disegni, materiale stampato e striscioni contenenti propaganda a dottrine politiche, ideologiche o religiose, asserzioni o concetti che incitino all odio razziale, etnico o religioso o che possano ostacolare il regolare svolgimento della gara compiere qualsiasi forma di discriminazione razziale, etnica o religiosa o effettuare cori o altre manifestazioni di intolleranza ed altri atti offensivi, minacciosi, violenti, anche tramite linguaggi ingiuriosi

26 DIVIETI (5) E severamente vietato: esporre materiale che per dimensioni ostacoli la visibilità agli altri tifosi tanto da costringerli ad assumere la posizione eretta sostare il piedi sui posti a sedere, sostare in prossimità di passaggi, vie di accesso e di uscita, uscite e ingressi, le scale ed ogni altra via di fuga;

27 DIVIETI (6) E severamente vietato: introdurre attrezzature in grado di registrare e trasmettere, in digitale o su qualsiasi altro supporto, materiale audio, video e audio-video, informazioni o dati inerenti l evento nello stadio. Il copyright per trasmissioni o registrazione non autorizzate è dovuto, secondo le norme di legge, al club. (riferimento al divieto di telecronaca da art.5 Divieti di utilizzazione e cessione del Regolamento per l esercizio della cronaca radiofonica emanato dalla Lega Nazionale Professionisti per la s.s. 2007/2008)

28 DIVIETI (7) E severamente vietato: arrampicarsi e scavalcare recinzioni, separatori e strutture dello stadio; danneggiare o manomettere in qualsiasi modo strutture, infrastrutture e servizi dell impianto

29 DIVIETI (8) E severamente vietato: usare travestimenti che non permettano di distinguere il viso; introdurre nello stadio tamburi ed altri mezzi di diffusione sonora (es. megafono); distribuire gratuitamente o a pagamento qualsiasi tipologia di bene, compresi opuscoli, senza il permesso scritto del club;

30 DIVIETI (9) E severamente vietato: compiere azioni che possano danneggiare persone o cose, in particolare, lanciare oggetti e materiale esplodente e fumogeno, l invasione di campo, l invasione di campo e l entrata in aree proibite (Circolare n. 555/OP/1194/2005/CNIMS/CALCIO del Norme della Giustizia Sportiva per la sospensione o rinvio della gara per lancio di oggetti in campo l arbitro deve astenersi dal far iniziare o dal far proseguire la gara, quando si verifichino fatti o situazioni che, a suo giudizio, appaiono pregiudizievoli della incolumità propria, dei propri assistenti o dei calciatori, oppure tali da non consentirgli di dirigere la gara stessa in piena indipendenza di giudizio, anche a seguito del lancio di oggetti, dell uso di materiale pirotecnico di qualsiasi genere o di strumenti ed oggetti comunque idonei ad offendere.)

31 Reati penali AVVERTENZE (1) Tra i comportamenti puniti con sanzioni amministrative e penali quali il divieto di accesso negli stadi, l arresto e la reclusione si richiamano i reati indicati nell articolo 6,comma I, della legge 13 dicembre 1989 n 401, e successive modificazioni ed, in particolare: ostentare simboli o emblemi di gruppi o associazioni che diffondono la discriminazione o la violenza per motivi razziali, etnici nazionali o religiosi; effettuare cori volgari e/o razzisti, striscioni o scritte volgari e/o razziste; lanciare oggetti; incitare alla violenza nel corso di competizioni agonistiche.

32 AVVERTENZE (2) Motivi di interdizione all accesso e/o di espulsione dallo Stadio e/o di denuncia L Autorità di Pubblica Sicurezza o il club potranno limitare o interdire l ingresso o la permanenza nello stadio, anche per eventi successivi, a chiunque non rispetti le norme generali di comportamento ed i divieti indicati e, in particolare: a chiunque disponga di titolo di accesso non emesso da soggetti autorizzati od emesso in violazione delle procedure per la separazione delle squadre; a chiunque rifiuti di sottoporsi ai controlli; a chiunque compia atti di violenza o di pericolo o introduca oggetti, striscioni o altro materiale vietato od in violazione delle norme si cui sopra. Inoltre, chiunque sia sorpreso a danneggiare o deturpare lo stadio o le proprietà del club, commetta atti criminali, nello stadio, nell area circostante lo stadio, nel percorso di avvicinamento o di allontanamento dallo stadio, in occasione di un evento può essere denunciato all Autorità e potrà essere passibile di diffida all accesso dello stadio da parte del club per tutti i futuri eventi.

33 AVVERTENZE (3) Videosorveglianza e trattamento dei dati (1) Lo stadio è controllato da un sistema di ripresa e registrazione audio-video delle immagini, posizionato sia all interno che all esterno dell impianto. La registrazione è effettuata dall apertura fino alla chiusura dello stadio ed in occasione dell eventuale accesso di persone per la preparazione di coreografie. I dati ed i supporti di registrazione sono conservati presso lo Stadio, con l adozione di ogni misura di sicurezza prevista dalla legge. I dati potranno essere visionati per scopi di giustizia sportiva dal delegato della Lega Nazionale Professionisti e potranno essere altresì consegnati, in caso di richiesta, alla Autorità di Pubblica Sicurezza o Giudiziaria. I dati non utilizzati a norma del comma precedente sono cancellati trascorsi i 7 (sette) giorni.

34 Piano di Mantenimento delle condizioni di sicurezza Condizioni di sicurezza di un impianto o complesso sportivo La esistenza delle condizioni di sicurezza di un impianto o complesso sportivo è assicurata dalla esistenza, in primo luogo, di: un verbale della Commissione Provinciale di Vigilanza sui Locali di Pubblico Spettacolo (C.P.V.L.P.S.) contenente un parere positivo liberatorio; un Certificato di Prevenzione Incendi; una licenza d uso comunale.

35 Piano di Mantenimento delle condizioni di sicurezza (2) Proprietario vs Gestore dell impianto L art. 19 del D.M individua nel titolare dell impianto, o complesso, sportivo il responsabile del mantenimento delle condizioni di sicurezza. La dizione titolare, e non proprietario o concessionario, serve appunto ad individuare tale responsabile nella figura del gestore (organizzatore) della manifestazione sportiva, e non in quella del proprietario e/o del concessionario eventuale, benché spesso tali figure si sovrappongano in tutto o in parte. Infatti, il proprietario e/o il concessionario sono responsabili della esistenza delle condizioni di sicurezza, mentre il titolare/gestore è responsabile del mantenimento delle condizioni di sicurezza.

36 GRUPPO OPERATIVO SICUREZZA G.O.S. (1) Solo nel caso di impianti con capienza superiore ai posti, all interno degli impianti dove si disputano incontri ufficiali di calcio Tale organismo svolge la programmazione dei servizi connessi con l organizzazione dell evento. Tale organismo, riunito per l intera durata dell evento, assolve ai seguenti compiti: stabilisce gli orari di apertura dei cancelli, avuto riguardo ai tempi necessari per eseguire pre-filtraggi e filtraggi; fissa le frequenze dei controlli mediante metal detector; coordina gli interventi per la gestione della sicurezza; gestisce le eventuali emergenze.

37 GRUPPO OPERATIVO SICUREZZA G.O.S. (2) Solo nel caso di impianti con capienza superiore ai posti, all interno degli impianti dove si disputano incontri di calcio Il giorno in cui si disputa l incontro, tale organismo assume la funzione di Centro per la gestione della sicurezza della manifestazione, comprendendo al suo interno anche il dirigente dei servizi di ordine pubblico incaricato dal Questore. Le riunioni di coordinamento (briefing), indispensabili per la operatività del GOS, vengono ufficialmente istituite e svolte come segue:

38 GRUPPO OPERATIVO SICUREZZA G.O.S. (3) Briefing preliminare ordinario BRIEFING PRELIMINARE ORDINARIO BRIEFING PRELIMINARE ORDINARIO: si tiene uno o due giorni precedenti la manifestazione sportiva, presso gli uffici della Questura locale dove vengono affrontate le tematiche risultanti dalla gara precedente e quelle che si prospettano per la successiva, analizzando le varie criticità oggettive, pianificandone la loro risoluzione, assegnando i compiti per queste alle varie componenti specifiche del GOS.

39 GRUPPO OPERATIVO SICUREZZA G.O.S. (4) Briefing ordinario BRIEFING ORDINARIO BRIEFING ORDINARIO: da tenersi prima dell apertura della struttura agli spettatori. Allo stato attuale è il Responsabile dell ordine pubblico che si assume la responsabilità della convocazione di tutti i responsabili delle componenti del GOS al fine di garantire l immediata risoluzione di ogni problematica emergente, avvalendosi delle pianificazioni a cui tutte le componenti per il governo della manifestazione hanno preso parte attiva, garantendo comunque il loro coordinamento da parte del funzionario di polizia designato dal questore.

40 GRUPPO OPERATIVO SICUREZZA G.O.S. (5) Briefing straordinario BRIEFING STRAORDINARIO BRIEFING STRAORDINARIO Da tenersi nei giorni precedenti una manifestazione che presenta problemi straordinari in merito alla sicurezza, sia per ciò che riguarda gli spettatori sia per il mutare dell assetto dell impianto. Ha lo scopo di consentire a tutti i componenti del GOS l esame, in particolare dei problemi straordinari di sicurezza e dei provvedimenti da adottare in merito.

41 GRUPPO OPERATIVO SICUREZZA G.O.S. (6) Briefing di emergenza BRIEFING DI EMERGENZA Da tenersi appena si verifica una qualsiasi emergenza, ha lo scopo di consentire a tutti i componenti del GOS di verificare le caratteristiche dell emergenza in atto e di attivare tutte le procedure di emergenza previste dal piano. Chiamata di emergenza lieve IL SIG. TARONI FERRUCCIO È DESIDERATO IN ZONA AUTORITÀ (gli steward devono tornare al proprio posto di lavoro e attendere comunicazioni dal proprio superiore ) Chiamata di emergenza grave IL SIG. PARTELLI DAVIDE È DESIDERATO CON URGENZA IN ZONA AUTORITÀ (tutti gli steward devono tornare al proprio posto di lavoro, conservare il silenzio, attenersi esclusivamente alle disposizioni del proprio superiore disponendosi in posizione indicata per l apertura totale dell impianto con evacuazione urgente)

42 GRUPPO OPERATIVO SICUREZZA G.O.S. (7) Scheda FIRME del Gruppo Operativo per la Sicurezza - Stadio Marcantonio Bentegodi di Verona

43

44 GRUPPO OPERATIVO SICUREZZA G.O.S. (8) Scheda VERBALE BRIEFING del Gruppo Operativo per la Sicurezza - Stadio Marcantonio Bentegodi di Verona

45

46

47 GRUPPO OPERATIVO SICUREZZA G.O.S. (9) Scheda PARTECIPANTI ALLA RIUNIONE del Gruppo Operativo per la Sicurezza - Stadio Marcantonio Bentegodi di Verona

48

49

50 GRUPPO OPERATIVO SICUREZZA G.O.S. (10) Scheda BRIEFING del Gruppo Operativo per la Sicurezza - Stadio Marcantonio Bentegodi di Verona

51

52

53 PRE GARA Apertura delle serrande acqua dei settori interessati all evento Chiusura impianto antincendio Cambio dei lucchetti varchi esterni per presidio Stadio e controllo accessi operatori vari Bonifica dei vari settori e dei locali e verifica danni esistenti Briefing del Delegato per la Sicurezza con Coordinatori di Settore e Capo Unità Briefing del Delegato per la Sicurezza con gli Steward Briefing dei Capo Unità con gli Steward Ispezione dell area dove si presta il lavoro e verifica dell esistenza delle condizioni di sicurezza

54 DURANTE LA GARA Inizio del servizio assegnato e controllo del mantenimento delle condizioni di sicurezza Debriefing tra Steward e Capo Unità Debriefing tra Capo Unità e relatore

55 POST GARA Debriefing tra Coordinatori di Settore e relatore Chiusura delle serrande acqua e apertura impianto antincendio Controllo danni post partita Debriefing tra Delegato per la Sicurezza, Coordinatori di Settore e relatore Verbale di Debriefing

REGOLAMENTO D USO DELL IMPIANTO STADIO M. BENTEGODI DI VERONA PREMESSA

REGOLAMENTO D USO DELL IMPIANTO STADIO M. BENTEGODI DI VERONA PREMESSA REGOLAMENTO D USO DELL IMPIANTO STADIO M. BENTEGODI DI VERONA PREMESSA _ Per stadio si intende l intera struttura/impianto incluse le aree di proprietà e l area di servizio esterna, occupate o utilizzate

Dettagli

Art. 1 NORME INTERNE DELLO STADIO BRIAMASCO DURANTE LE PARTITE DEL GIOCO DEL CALCIO PROFESSIONISTICO

Art. 1 NORME INTERNE DELLO STADIO BRIAMASCO DURANTE LE PARTITE DEL GIOCO DEL CALCIO PROFESSIONISTICO Allegato H) REGOLAMENTO DELLO STADIO BRIAMASCO DI TRENTO E DEI SUOI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE INTERNI DA APPLICARSI DURANTE LE PARTITE DEL GIOCO DEL CALCIO PROFESSIONISTICO 1 Art.

Dettagli

CAMPAGNA ABBONAMENTI 2011/2012

CAMPAGNA ABBONAMENTI 2011/2012 CAMPAGNA ABBONAMENTI 2011/2012 DATI ANAGRAFICI OBBLIGATORI PER LA SOTTOSCRIZIONE DELL ABBONAMENTO NOME COGNOME DATA di NASCITA LUOGO di NASCITA INDIRIZZO RECAPITO TELEFONO FISSO CELLULARE E-MAIL Il conferimento

Dettagli

Regolamento Stadio Comunale Renzo Barbera di Palermo

Regolamento Stadio Comunale Renzo Barbera di Palermo Regolamento Stadio Comunale Renzo Barbera di Palermo NORME COMPARTAMENTALI (Art. 1 septies del D.L. 28/2003, convertito e modificato dalla legge 88/2003) Importante: l accesso e la permanenza all interno

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DELLO STADIO ERASMO IACOVONE PREMESSA DEFINIZIONI

REGOLAMENTO D USO DELLO STADIO ERASMO IACOVONE PREMESSA DEFINIZIONI REGOLAMENTO D USO DELLO STADIO ERASMO IACOVONE PREMESSA DEFINIZIONI 1 - Per Stadio si intende l interna struttura dello Via Lago di Como, 74121 Taranto (TA) comprese tutte le aree pertinenziali e l area

Dettagli

GENOA CFC US SASSUOLO

GENOA CFC US SASSUOLO SERIE A TIM 2015/2016 13 GIORNATA GIRONE ANDATA GENOA CFC US SASSUOLO Domenica 22 Novembre 2015 ore 15 INFORMATIVA SQUADRA OSPITE 1 Informazioni di biglietteria Biglietti Settore Ospiti In ottemperanza

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DELLO STADIO

REGOLAMENTO D USO DELLO STADIO REGOLAMENTO D USO DELLO STADIO Norme generali Ai fini del presente Regolamento, valgono le seguenti definizioni: Per Stadio si intende l intera struttura dell impianto sportivo Silvio Piola di Novara (compresa

Dettagli

REGOLAMENTO D USO 1. PREMESSA 2. MODALITA DI AMMISSIONE ALLO STADIO

REGOLAMENTO D USO 1. PREMESSA 2. MODALITA DI AMMISSIONE ALLO STADIO Pagina 1 di 6 1. PREMESSA Definizioni 1. Ai sensi del presente regolamento per impianto sportivo si intendono tutte le aree di pertinenza compresa l area riservata esterna; 2. Per Club si intende l Unione

Dettagli

STADIO ARTEMIO FRANCHI DI FIRENZE NORME COMPORTAMENTALI (Art. 1 septies del D.L. 28/2003, convertito e modificato dalla Legge 88/2003)

STADIO ARTEMIO FRANCHI DI FIRENZE NORME COMPORTAMENTALI (Art. 1 septies del D.L. 28/2003, convertito e modificato dalla Legge 88/2003) STADIO ARTEMIO FRANCHI DI FIRENZE NORME COMPORTAMENTALI (Art. 1 septies del D.L. 28/2003, convertito e modificato dalla Legge 88/2003) Nell impianto sportivo Stadio comunale Artemio Franchi di Firenze

Dettagli

generalità dell'utilizzatore, l'indicazione del posto assegnato e le altre indicazioni di cui all'art. 4; b) negli impianti sportivi con capienza

generalità dell'utilizzatore, l'indicazione del posto assegnato e le altre indicazioni di cui all'art. 4; b) negli impianti sportivi con capienza D.M. 6 giugno 2005. Modalità per l'emissione, distribuzione e vendita dei titoli di accesso agli impianti sportivi di capienza superiore alle diecimila unità, in occasione di competizioni sportive riguardanti

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DELLO STADIO

REGOLAMENTO D USO DELLO STADIO Manuale per la Licenza UEFA Criterio I.14 Definizioni 1. Per Stadio si intende l intera struttura dello Stadio Friuli di Udine, utilizzato dall Udinese Calcio S.p.A. comprese le aree esterne delimitate

Dettagli

NORME DEL CONTRATTO TRA TITOLARE E F.C. INTERNAZIONALE MILANO S.P.A.

NORME DEL CONTRATTO TRA TITOLARE E F.C. INTERNAZIONALE MILANO S.P.A. NORME DEL CONTRATTO TRA TITOLARE E F.C. INTERNAZIONALE MILANO S.P.A. Tessera del Tifoso siamo noi non bancaria: Regolamento e condizioni di contratto e d uso. 1. Descrizione generale della carta. 1.1.

Dettagli

Nr.555/O.P./ 906 /2007/CNIMS Roma, 18 marzo 2007 PRESIDENTE GIUNTA REGIONALE VALLE D AOSTA AOSTA

Nr.555/O.P./ 906 /2007/CNIMS Roma, 18 marzo 2007 PRESIDENTE GIUNTA REGIONALE VALLE D AOSTA AOSTA Nr.555/O.P./ 906 /2007/CNIMS Roma, 18 marzo 2007 QUESTORI REPUBBLICA LORO SEDI e, per conoscenza PREFETTI REPUBBLICA LORO SEDI COMMISSARI GOVERNO PROVINCE DI TRENTO BOLZANO PRESIDENTE GIUNTA REGIONALE

Dettagli

ABBONAMENTI STAGIONE 2015/2016 - CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

ABBONAMENTI STAGIONE 2015/2016 - CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO ABBONAMENTI STAGIONE 2015/2016 - CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO Gli abbonamenti e i titoli di accesso per singole gare (di seguito: titolo di accesso singolo) sono nominativi e danno diritto al Titolare

Dettagli

CAPO I IMPIANTI DELLE SOCIETÀ DI LEGA PRO

CAPO I IMPIANTI DELLE SOCIETÀ DI LEGA PRO 1 CAPO I IMPIANTI DELLE SOCIETÀ DI LEGA PRO Art.1 Campo di applicazione La presente determinazione si applica a tutte le società sportive iscritte al Campionato di Lega Pro, a prescindere dalla capienza

Dettagli

Internazionali BNL d Italia Roma Foro Italico 11-19 maggio 2013 Condizioni generali per la vendita dei biglietti e per l accesso all impianto

Internazionali BNL d Italia Roma Foro Italico 11-19 maggio 2013 Condizioni generali per la vendita dei biglietti e per l accesso all impianto Internazionali BNL d Italia Roma Foro Italico 11-19 maggio 2013 Condizioni generali per la vendita dei biglietti e per l accesso all impianto 1. Nella interpretazione e nell applicazione delle presenti

Dettagli

Informazioni di biglietteria per Tifosi Ospiti

Informazioni di biglietteria per Tifosi Ospiti Informazioni di biglietteria per Tifosi Ospiti Punti Vendita I biglietti di Settore Ospiti saranno in vendita a partire dalle ore 12 di lunedì 18 maggio e fino alle ore 19 di sabato 23 maggio presso le

Dettagli

AC SIENA - GUIDA PER I TIFOSI OSPITI

AC SIENA - GUIDA PER I TIFOSI OSPITI AC SIENA - GUIDA PER I TIFOSI OSPITI L'Associazione Calcio Siena, è una società calcistica italiana con sede a Siena, fondata nel 1904. Nove i campionati nella massima serie in 109 anni di storia. Ne ha

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA SICUREZZA NEGLI IMPIANTI SPORTIVI

DISPOSIZIONI SULLA SICUREZZA NEGLI IMPIANTI SPORTIVI DISPOSIZIONI SULLA SICUREZZA NEGLI IMPIANTI SPORTIVI Le disposizioni sulla sicurezza negli impianti sportivi sono state previste dalla legge 88/2003 e precisamente dagli articoli: articolo 1 quater Comma

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 OGGETTO Oggetto del presente regolamento è la disciplina del trattamento dei dati personali effettuato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO -TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Principi ed oggetto del regolamento... 3 Art. 2 Definizioni e Normativa

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

INTESE DI PROGRAMMA. tra. Ministero dell Interno. Comitato Olimpico Nazionale Italiano. Federazione Italiana Giuoco Calcio

INTESE DI PROGRAMMA. tra. Ministero dell Interno. Comitato Olimpico Nazionale Italiano. Federazione Italiana Giuoco Calcio INTESE DI PROGRAMMA tra Ministero dell Interno Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero per l Innovazione e le Tecnologie Associazione Nazionale Comuni d Italia Comitato Olimpico Nazionale

Dettagli

Per completa ed incondizionata accettazione delle norme del Presente Regolamento

Per completa ed incondizionata accettazione delle norme del Presente Regolamento REGOLAMENTO CHE DISCIPLINA IL RAPPORTO TRA LE SOCIETA CALCISTICHE E GLI ORGANI DI INFORMAZIONE IN OCCASIONE DELLE GARE ORGANIZZATE DALLA LEGA NAZIONALE PROFESSIONISTI SERIE A NELLE STAGIONI SPORTIVE 2012/2013-2013/2014-2014/2015

Dettagli

Informazioni per gli spettatori

Informazioni per gli spettatori Informazioni per gli spettatori Fondazione Arena di Verona si riserva il diritto di apportare alla programmazione annunciata variazioni di data, orario e/o programma che si rendano necessarie. L acquisto

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Adottato dal C.C. con delibera n. 57 del 28/07/2008 REGOLAMENTO PER L

Dettagli

Internazionali BNL d Italia Roma Foro Italico 10-18 maggio 2014 Condizioni generali per la vendita dei biglietti e per l accesso all impianto

Internazionali BNL d Italia Roma Foro Italico 10-18 maggio 2014 Condizioni generali per la vendita dei biglietti e per l accesso all impianto Internazionali BNL d Italia Roma Foro Italico 10-18 maggio 2014 Condizioni generali per la vendita dei biglietti e per l accesso all impianto 1. Nella interpretazione e nell applicazione delle presenti

Dettagli

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Pagina 1 di 5 1. PREMESSA Il presente documento è parte integrante della documentazione contrattuale viene allegato alla documentazione inviata agli offerenti in fase di selezione e deve essere firmata

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M.

REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M. REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M. 363/98 Art. 1 DATORE DI LAVORO 1. Il Rettore, quale rappresentante

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZA

CODICE DI COMPORTAMENTO DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZA Mod. C LIBRETTO STEWARD STADIO M. BENTEGODI CODICE DI COMPORTAMENTO DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZA L Addetto alla Sicurezza è il primo contatto tra a società sportiva ed il pubblico; Gentilezza, Educazione,

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ACCESSO MEDIANTE VPN AI CENTRI SERVIZI DI INNOVAPUGLIA

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ACCESSO MEDIANTE VPN AI CENTRI SERVIZI DI INNOVAPUGLIA Pagina: 1 di 7 ALL ACCESSO MEDIANTE VPN AI CENTRI SERVIZI DI INNOVAPUGLIA Copia a distribuzione controllata n.ro. Distribuita a:.. Pagina: 2 di 7 Storia delle revisioni: EDIZIONI E REVISIONI Edizione e

Dettagli

REGOLAMENTO DI ACCESSO ED USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI SEDI DEI CAMPIONATI EUROPEI DI PALLAVOLO MASCHILE 2015

REGOLAMENTO DI ACCESSO ED USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI SEDI DEI CAMPIONATI EUROPEI DI PALLAVOLO MASCHILE 2015 REGOLAMENTO DI ACCESSO ED USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI SEDI DEI CAMPIONATI EUROPEI DI PALLAVOLO MASCHILE 2015 Disposizioni Generali Il presente regolamento di accesso ed uso degli impianti sportivi (di

Dettagli

POLITICA AZIENDALE SULLE SOSTANZE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA-MEDOLE-SOLFERINO

POLITICA AZIENDALE SULLE SOSTANZE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA-MEDOLE-SOLFERINO POLITICA AZIENDALE SULLE SOSTANZE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA-MEDOLE-SOLFERINO SCOPO E OBIETTIVI L obiettivo aziendale di realizzare e mantenere per i dipendenti un ambiente di lavoro sicuro, sano

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

Articolo di Legge violato - tabella comparata -

Articolo di Legge violato - tabella comparata - _D. Lgs. 81 del 09.04.2008_ss. Mm.ii: PRINCIPALI SANZIONI Articolo di Legge violato - tabella comparata - (obblighi dei datori di lavoro, dei dirigenti e dei preposti) Omessa manutenzione e ripristino

Dettagli

Spett.le. Via. Egregi Signori, facciamo seguito alle intese intercorse per confermarvi quanto segue. Premesso che:

Spett.le. Via. Egregi Signori, facciamo seguito alle intese intercorse per confermarvi quanto segue. Premesso che: Spett.le. Via Oggetto: Designazione a Responsabile Esterno del trattamento dei Dati Personali ai sensi dell art. 29 D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (di seguito Codice Privacy ) Egregi Signori, facciamo seguito

Dettagli

Datore di lavoro e il dirigente

Datore di lavoro e il dirigente Datore di lavoro e il dirigente Mancata effettuazione della Valutazione dei rischi (VDR) e adozione del documento in collaborazione con l RSPP e il MC Mancata nomina del RSPP (anche se svolto direttamente)

Dettagli

(Determinazione dell Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive n. 14 dell 8 marzo 2007 e n. 26 del 30 maggio 2012)

(Determinazione dell Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive n. 14 dell 8 marzo 2007 e n. 26 del 30 maggio 2012) CIRCOLARE N. 14 Spett.li Società LNPB Loro Sedi Milano, 11 settembre 2015 MISURE PER LA TUTELA DELL ORDINE PUBBLICO IN OCCASIONE DELLE GARE Spett.li Società, si ricorda che, in considerazione dell indubbia

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 30.11.05 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL CENTRO CONGRESSI PALAZZO COELLI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL CENTRO CONGRESSI PALAZZO COELLI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL CENTRO CONGRESSI PALAZZO COELLI CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO AD UTENTI ESTERNI DELLE SALE DI PALAZZO COELLI DI PROPRIETA DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI ORVIETO E

Dettagli

CITTA DI SAN DONATO MILANESE

CITTA DI SAN DONATO MILANESE CITTA DI SAN DONATO MILANESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DELL IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del

Dettagli

Eventuale controllo del Comando a seguito della presentazione dell attestazione di rinnovo periodico presentata oltre il termine stabilito

Eventuale controllo del Comando a seguito della presentazione dell attestazione di rinnovo periodico presentata oltre il termine stabilito Prevenzione incendi: il Ministero dell Interno ha emanato chiarimenti in merito all applicazione del regolamento di semplificazione antincendio (lettera circolare del 18 aprile 2012 prot. n. 0005555) Canale:

Dettagli

Biblioteca Giuseppe Dossetti

Biblioteca Giuseppe Dossetti Biblioteca Giuseppe Dossetti NORME PER L'ACCESSO IN INTERNET PER GLI STUDIOSI ESTERNI Il servizio di accesso ad Internet è parte integrante delle risorse messe a disposizione della Biblioteca. L uso di

Dettagli

Informazioni di biglietteria per Tifosi Ospiti

Informazioni di biglietteria per Tifosi Ospiti Informazioni di biglietteria per Tifosi Ospiti Punti Vendita I biglietti di Settore Ospiti sono in vendita presso qualsiasi filiale delle seguenti banche facenti capo al Gruppo Intesa Sanpaolo: Banca Intesa

Dettagli

Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport

Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport PREAMBOLO Le emittenti televisive e radiofoniche e i fornitori di contenuti firmatari o aderenti alle associazioni

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO REGOLAMENTO 31 maggio 2010 n.1 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 2 della Legge 13 novembre 1987 n.132 così come modificato dall articolo

Dettagli

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Definizioni -Datore di Lavoro: il titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Ha la responsabilità dell organizzazione o dell unità produttiva in quanto esercita i poteri

Dettagli

La vostra formazione sarà ospite presso lo stadio Silvio Piola di Vercelli per disputare la gara di campionato di lega B stagione 2012-2013

La vostra formazione sarà ospite presso lo stadio Silvio Piola di Vercelli per disputare la gara di campionato di lega B stagione 2012-2013 La vostra formazione sarà ospite presso lo stadio Silvio Piola di Vercelli per disputare la gara di campionato di lega B stagione 2012-2013 PERCORSI E PARCHEGGI L ubicazione dell impianto sportivo in termini

Dettagli

l sottoscritt nat a il residente a in via n. codice fiscale P.IVA in qualità di organizzatore della manifestazione per conto di, CHIEDE

l sottoscritt nat a il residente a in via n. codice fiscale P.IVA in qualità di organizzatore della manifestazione per conto di, CHIEDE Marca da bollo RICHIESTA RILASCIO LICENZA DI PUBBLICA SICUREZZA PER LO SVOLGIMENTO DI MANIFESTAZIONI SPETTACOLI TRATTENIMENTI (che non richiedono l'intervento della Commissione Provinciale di Vigilanza

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI. (Norme di riferimento: artt. 927-928-929-930-931 c.c.) ART. 1 Oggetto del Regolamento

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI. (Norme di riferimento: artt. 927-928-929-930-931 c.c.) ART. 1 Oggetto del Regolamento DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI. (Norme di riferimento: artt. 927-928-929-930-931 c.c.) ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina le funzioni che il Codice

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO

COMUNE DI ROBASSOMERO COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI

Dettagli

COMUNE DI NONE Provincia di Torino

COMUNE DI NONE Provincia di Torino COMUNE DI NONE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA 1 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo

Dettagli

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 170 del 07.11.2011 Indice

Dettagli

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 26.07.2006 1 Comune di Centallo REGOLAMENTO PER

Dettagli

L ATTIVITA DI CONTROLLO DEI PUBBLICI ESERCIZI

L ATTIVITA DI CONTROLLO DEI PUBBLICI ESERCIZI L ATTIVITA DI CONTROLLO DEI PUBBLICI ESERCIZI Legge regionale n. 8/2013 esercizio abusivo dell attività di somministrazione di alimenti e bevande o aut.ne revocata/sopesa o senza requisiti morali: sanzione

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI DELL UNIVERSITA TELEMATICA e-campus

REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI DELL UNIVERSITA TELEMATICA e-campus REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI DELL UNIVERSITA TELEMATICA e-campus Art. 1 - Finalità e riferimenti normativi 1. Il presente Regolamento viene emanato al fine di disciplinare il divieto di fumo

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE. Parchi e Giardini pubblici

Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE. Parchi e Giardini pubblici Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE Parchi e Giardini pubblici Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 49 del 9/07/2014 1 INDICE GENERALE REGOLAMENTO COMUNALE PARCHI E GIARDINI

Dettagli

Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato

Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato A TUTTI I R.S.P.P. LORO SEDI Casale Monf.to, 6 novembre 2000 Ns/rif. Doc. n. 04/00/02/01/082 Oggetto: Circolare informativa. Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato Responsabilità

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE PIEMONTE A.S.L. 1 TORINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE PIEMONTE A.S.L. 1 TORINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE PIEMONTE A.S.L. 1 TORINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO via Alassio, n. 36/E 10126 TORINO Tel. 011.5663800 - Fax

Dettagli

PER LO SVOLGIMENTO DEL LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

PER LO SVOLGIMENTO DEL LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ (Ai sensi degli artt. 54 del D.Lgs 28 agosto 2000 n. 274 e 2 del D.M. 26 marzo 2001) Premesso che, a norma dell art. 54 del D. L.vo 274 del

Dettagli

Informazioni di biglietteria

Informazioni di biglietteria Informazioni di biglietteria Biglietti Settore Ospiti In ottemperanza alla vigente normativa, i biglietti di Settore Ospiti (Terzo Anello Verde) per la partita Milan- Juventus potranno essere acquistati

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA AI FINI DELLA SICUREZZA URBANA

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA AI FINI DELLA SICUREZZA URBANA COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA AI FINI DELLA SICUREZZA URBANA Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 164/39 in data 21/12/2009 Indice Art. 1 - Oggetto

Dettagli

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * ---

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera di

Dettagli

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico Biennio

Dettagli

Comune di Bologna Attività Produttive e Commercio

Comune di Bologna Attività Produttive e Commercio PG.N. 248423/2015 2015 Comune di Bologna Attività Produttive e Commercio OGGETTO: DISPOSIZIONI SULLA VENDITA DI BEVANDE, ALCOLICHE E NON, PER LE GIORNATE IN CUI SI DISPUTANO LE PARTITE DEL CAMPIONATO DI

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

INFORMATIVA ALL'UTENZA RIMOZIONE VEICOLI. Si comunica che a partire dal giorno 17 settembre 2013 i veicoli:

INFORMATIVA ALL'UTENZA RIMOZIONE VEICOLI. Si comunica che a partire dal giorno 17 settembre 2013 i veicoli: INFORMATIVA ALL'UTENZA RIMOZIONE VEICOLI Si comunica che a partire dal giorno 17 settembre 2013 i veicoli: parcheggiati al di fuori degli appositi stalli indicati dalla segnaletica o parcheggiati in aree

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008)

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) Ruoli Identità Funzioni Datore di lavoro (DdL) Dirigente scolastico Cfr. art.18

Dettagli

4. Il decreto di cui al comma 1 è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale. Art. 3.

4. Il decreto di cui al comma 1 è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale. Art. 3. anche nel rispetto delle disposizioni della Convenzione di Strasburgo, ratificata ai sensi della citata legge 29 novembre 1995, n. 522, e delle indicazioni del Comitato internazionale olimpico (CIO) e

Dettagli

Politiche di prevenzione dei comportamenti violenti dei tifosi. Oneri e incombenti delle società di calcio

Politiche di prevenzione dei comportamenti violenti dei tifosi. Oneri e incombenti delle società di calcio CSGP CENTRO STUDI FEDERICO STELLA Politiche prevenzione dei comportamenti violenti dei tifosi. Oneri e incombenti delle società calcio Roberto Massucci Le politiche prevenzione della violenza negli sta

Dettagli

* * * 1.1. Gestione e diffusione delle informazioni privilegiate

* * * 1.1. Gestione e diffusione delle informazioni privilegiate POLIGRAFICI PRINTING S.P.A. REGOLAMENTO IN TEMA DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI COMPIUTE DAGLI AMMINISTRATORI * * * Il presente regolamento in materia di informazioni privilegiate e operazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO Approvato con deliberazione del consiglio comunale n. 69 del 7 agosto 2012 IL SEGRETARIO COMUNALE Rolando Mora IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI INFORMATICI Approvato. Data. Rev C.d.A 02/01/2012

PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI INFORMATICI Approvato. Data. Rev C.d.A 02/01/2012 . PROT. 8 Pag 1/7 PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI E DEL TRATTAMENTO ILLECITO DEI DATI, PER LA PREVENZIONE DEI DELITTI IN MATERIA DI VIOLAZIONE DEL DIRITTO D AUTORE E DEI DELITTI CONTRO

Dettagli

COMUNE DI PORDENONE DIRETTIVA PER IL SERVIZIO ISPETTIVO CONTROLLO IMPIANTI SPORTIVI DI PROPRIETA COMUNALE MODALITA ATTUAZIONE SERVIZIO

COMUNE DI PORDENONE DIRETTIVA PER IL SERVIZIO ISPETTIVO CONTROLLO IMPIANTI SPORTIVI DI PROPRIETA COMUNALE MODALITA ATTUAZIONE SERVIZIO COMUNE DI PORDENONE DIRETTIVA PER IL SERVIZIO ISPETTIVO CONTROLLO IMPIANTI SPORTIVI DI PROPRIETA COMUNALE MODALITA ATTUAZIONE SERVIZIO Direttiva approvata con deliberazione della Giunta comunale n. 381

Dettagli

GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE MARTELLAGO

GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE MARTELLAGO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE MARTELLAGO COMUNE DI MARTELLAGO Provincia Di Venezia SALA OPERATIVA: Deposito Comunale - Via Roma N 79-30030 Martellago (VE) TEL / FAX: 041-5408314 E-MAIL: pc.marte@provincia.venezia.it

Dettagli

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Parte Speciale Sezione Delitti informatici e trattamento illecito di dati ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA NATURA DELLE MODIFICHE

Dettagli

DUVRI. Per ciascun lotto, i costi della sicurezza, non soggetti a ribasso sono quantificati in 35,00

DUVRI. Per ciascun lotto, i costi della sicurezza, non soggetti a ribasso sono quantificati in 35,00 PROCEDURA, IN ECONOMIA, PER LA SOTTOSCRIZIONE DI ACCORDI QUADRO PER L ACQUISIZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA ALLE ATTIVITÁ DI VIGILANZA DELL UFFICIO METROLOGIA LEGALE DELLA CCIAA DI VERONA Lotto 1: CIG

Dettagli

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.125 del 28/09/2015 1 INDICE Articolo 1 Oggetto pag. 3 Articolo

Dettagli

Regolamento del Sistema Bibliotecario dell Università. I. DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1

Regolamento del Sistema Bibliotecario dell Università. I. DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Regolamento del Sistema Bibliotecario dell Università I. DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 1. Il Sistema bibliotecario dell Università è costituito dalle biblioteche presenti nelle sedi dell ateneo, ed è strumento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA S.p.A Via Sant Euplio, 168 95125 - Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA 1.

Dettagli

LE NUOVE SANZIONI. D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09

LE NUOVE SANZIONI. D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09 LE NUOVE SANZIONI D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09 Obblighi e sanzioni per i Datori di Lavoro Art. 17 Obblighi del Datore di Lavoro non delegabili Datore di Lavoro a) la valutazione di tutti

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI MEDIANTE SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI MEDIANTE SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 72 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO IN MATERIA DI TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI MEDIANTE SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con D.G.P. in data 17.10.2005 n. 610 reg. SOMMARIO

Dettagli

GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO

GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO Il presente opuscolo vuole essere un utile guida per lavoratori, lavoratrici, datori di lavoro e i soggetti collegati al mondo del lavoro. Le informazioni contenute

Dettagli

Contratto tipo per il trasporto di persone in montagna mediante impianto traente a fune nel territorio della Regione Lombardia

Contratto tipo per il trasporto di persone in montagna mediante impianto traente a fune nel territorio della Regione Lombardia CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - BRESCIA Contratto tipo per il trasporto di persone in montagna mediante impianto traente a fune nel territorio della Regione Lombardia ART. 1 -

Dettagli

BREVI CENNI SULLE NOVITA INTRODOTTE NEL DM 19 MARZO 2015 STRUTTURA D.M. 19 MARZO 2015

BREVI CENNI SULLE NOVITA INTRODOTTE NEL DM 19 MARZO 2015 STRUTTURA D.M. 19 MARZO 2015 BREVI CENNI SULLE NOVITA INTRODOTTE NEL DM 19 MARZO 2015 Sulla GU 2573/2015, n. 70 è stato pubblicato il D.M. 19 marzo 2015 recante "Aggiornamento della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione,

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MANIFESTAZIONE TEMPORANEA - art. 68 T.U.L.P.S.

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MANIFESTAZIONE TEMPORANEA - art. 68 T.U.L.P.S. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MANIFESTAZIONE TEMPORANEA - art. 68 T.U.L.P.S. Al COMUNE di CAPURSO Largo S. Francesco 22 SERVIZIO S.U.A.P. Il sottoscritto nato a il residente a Via n. Tel

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO - FERMO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DI UTENZE DI TELEFONIA MOBILE

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO - FERMO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DI UTENZE DI TELEFONIA MOBILE AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO - FERMO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DI UTENZE DI TELEFONIA MOBILE Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo nella seduta del 14 aprile 2015 INDICE: Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI EFFETTUATO MEDIANTE L ATTIVAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA. (Delib. G.C.

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI EFFETTUATO MEDIANTE L ATTIVAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA. (Delib. G.C. REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI EFFETTUATO MEDIANTE L ATTIVAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA. (Delib. G.C. n 442/2001) PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità e definizioni 1. Il presente

Dettagli

Per completa ed incondizionata accettazione delle norme del Presente Regolamento

Per completa ed incondizionata accettazione delle norme del Presente Regolamento REGOLAMENTO CHE DISCIPLINA IL RAPPORTO TRA LE SOCIETA CALCISTICHE E GLI ORGANI DI INFORMAZIONE, AI FINI DELL ESERCIZIO DEL DI- RITTO DI CRONACA, IN OCCASIONE DELLE GARE ORGANIZZATE DALLA LEGA NAZIONALE

Dettagli

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08)

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) Approvato dal Consiglio Di Amministrazione di TAI MILANO S.p.A. il MOG Rev. 01 del 23/06/2009

Dettagli

COMUNE DI CELLINO SAN MARCO Provincia di Brindisi ~~~~~~o~~~~~~

COMUNE DI CELLINO SAN MARCO Provincia di Brindisi ~~~~~~o~~~~~~ COMUNE DI CELLINO SAN MARCO Provincia di Brindisi ~~~~~~o~~~~~~ COPIA Ordinanza del Sindaco n. 3 del 18/12/2015 Oggetto: DIVIETO DI UTILIZZO DI PETARDI, BOTTI E ARTIFICI PIROTECNICI DI OGNI GENERE SU TUTTO

Dettagli

La sicurezza sul lavoro nella P.A.

La sicurezza sul lavoro nella P.A. La normativa italiana D.Lgs. 81/2008 Le disposizioni contenute nel D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008 costituiscono attuazione dell art. 1 della Legge 3/8/2007, n. 123 per il riassetto e la riforma delle norme

Dettagli

PROTOCOLO INTERNO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI RISERVATE

PROTOCOLO INTERNO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI RISERVATE . PROT 6 Pag 1/7 PROTOCOLO INTERNO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI RISERVATE PALLOTTA S.P.A. EMESSO APPROVATO REVISIONE DATA FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA CdA CdA . PROT 6 Pag 2/7 PARTE

Dettagli

Datore di lavoro D.Lgs. 81/2008

Datore di lavoro D.Lgs. 81/2008 FORMAZIONE OBBLIGHI SANZIONI Datore di lavoro D.Lgs. 81/2008 Mancata informazione ai lavoratori 1.315,20 a 5.699,20 Mancata formazione ai lavoratori, ai dirigenti (RSPP) e preposti, ai lavoratori addetti

Dettagli

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e Linee guida per il TRATTAMENTO E GESTIONE DEI DATI PERSONALI Articolo 1 Oggetto e ambito di applicazione e principi di carattere generale 1. Il presente documento disciplina le modalità di trattamento

Dettagli

ESTRATTO TITOLO VII NORME COMPORTAMENTALI E DISCIPLINARI

ESTRATTO TITOLO VII NORME COMPORTAMENTALI E DISCIPLINARI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE DIPENDENTE SETTORI SOCIOASSISTENZIALE, SOCIO-SANITARIO ED EDUCATIVO UNEBA Unione Nazionale Istituzioni ed Iniziative di Assistenza Sociale ESTRATTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEI FOTOGRAFI ALLE COMPETIZIONI UFFICIALI DELLA LEGA SERIE A

REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEI FOTOGRAFI ALLE COMPETIZIONI UFFICIALI DELLA LEGA SERIE A REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEI FOTOGRAFI ALLE COMPETIZIONI UFFICIALI DELLA LEGA SERIE A Data di pubblicazione: 14 luglio 2015 1 1) Il Regolamento per l accesso dei fotografi alle competizioni ufficiali

Dettagli

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Errata applicazione dell articolo 126 bis al titolare di patente rilasciata da uno Stato estero All atto di rilascio della patente viene attribuito un

Dettagli