Fiscal News N. 34. Processo Tributario. Novità della Legge di Stabilità per il La circolare di aggiornamento professionale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fiscal News N. 34. Processo Tributario. Novità della Legge di Stabilità per il 2014. La circolare di aggiornamento professionale 30.01."

Transcript

1 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N Processo Tributario. Novità della Legge di Stabilità per il 2014 Il contributo nel processo tributario e le novità introdotte Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Con la Legge di Stabilità per il 2014, sono state introdotte alcune novità che riguardano le spese di giustizia nel processo tributario. Il Legislatore fiscale ha stabilito, innanzitutto, che il contributo va pagato con riferimento a ogni singolo atto impugnato, sia in primo grado, sia in appello. In secondo luogo, è stata estesa anche al processo tributario l applicazione delle norme che riguardano le modalità telematiche di pagamento del contributo e delle altre spese di giustizia, come disciplinate dal D.L. n. 93/2009 (le norme sono applicabili per quanto compatibili con il processo tributario). Al fine di favorire il processo telematico, infine, è stata prevista l'esclusione dei diritti di copia non conforme a vantaggio delle parti che si costituiscono con modalità telematiche, e che con le stesse modalità accedono al fascicolo. Legge di Stabilità per il La Legge n. 147/2013 (Stabilità per il 2014) ha introdotto alcune novità in materia di spese di giustizia. Queste novità interessano anche il processo che si svolge di fronte alle Commissioni Tributarie. In particolare è previsto che: 1) nei processi tributari, il valore della lite, determinato per ciascun atto impugnato anche in appello (è questo l inciso inserito dalla novella, ndr.), deve risultare da apposita dichiarazione resa dalla parte nelle conclusioni del ricorso, anche nell'ipotesi di prenotazione a debito; 2) per il processo tributario telematico, il diritto di copia senza certificazione di conformità, non è dovuto dalle parti che si sono costituite con modalità telematiche ed accedono con le medesime modalità al fascicolo; 1

2 3) le modalità telematiche di pagamento del contributo e delle spese di giustizia, disciplinate dall art. 4 comma 9 D.L. n. 193/2009, si applicano, ove compatibili, anche al processo tributario. La prima novità CU sul valore di ogni singolo atto La prima novità da segnalare riguarda il calcolo del contributo dovuto per l iscrizione della causa a ruolo. Il Legislatore è intervenuto sull'art. 14 comma 3 bis del D.P.R. n. 115 del 2002 (TUSG testo unico in materia di spese di giustizia) precisando che, nel processo tributario, il contributo va pagato con riferimento a ogni singolo atto impugnato sia in primo grado, sia in appello. Tale precisazione, evidentemente, vale anche per il caso in cui sia proposto un ricorso cumulativo. L intervento della L. 147/2013, ha posto fine alla questione concernente la quantificazione del CU nel caso in cui il contribuente impugna diversi atti impositivi con un unico ricorso. Sul punto, è stata mantenuta ferma la linea espressa dal MEF nella direttiva 2/DGT del 2012, secondo cui nel caso di ricorso cumulativo, il calcolo del contributo va fatto con riferimento ai valori dei singoli atti e non sulla somma di detti valori. Se, ad esempio, gli atti di accertamento impugnati sono due e con essi l Ufficio contesta maggiori imposte, rispettivamente, per e euro, il contributo non andrà calcolato sull'importo di euro (CU = a euro 120), ma distintamente, sicché occorrerà pagare due contributi: uno di 60 euro (in riferimento allo scaglione di valore compreso tra 2.582,29 e euro) e l'altro di 120 euro (in riferimento allo scaglione di valore compreso tra 5.000,00 euro a euro), per un totale complessivo di 180 euro ( ). Ricorsi principali e incidentali avanti alle CTP e CTR sino a 2.582,28 euro 30,00 euro da 2.582,28 a 5.000,00 euro 60,00 euro da 5.000,00 a ,00 euro 120,00 euro da ,00 a ,00 euro 250,00 euro da ,00 a ,00 euro 500,00 euro superiore a ,00 euro 1.500,00 euro cause di valore indeterminabile 120,00 euro CU nel processo tributario Il pagamento del contributo nel contenzioso tributario, è divenuto obbligatorio dal 7 luglio

3 Il CU è commisurato al valore della controversia che si determina, ai sensi delle disposizioni di cui all art. 12 comma 5 del D.Lgs. n. 546/1992, ossia prendendo in considerazione il solo importo del tributo, al netto degli interessi e delle eventuali sanzioni irrogate con l atto impugnato. Per le controversie inerenti alle irrogazioni delle sole sanzioni, il valore della controversia è dato dalla loro somma. I contributi INPS, eventualmente ricompresi nell'atto di accertamento, non concorrono a determinare il valore della lite ai fini del pagamento del contributo, e pertanto devono essere scorporati (la materia previdenziale rientra nella giurisdizione del giudice ordinario). Per quanto concerne le cartelle di pagamento, gli interessi e le sanzioni e gli altri oneri accessori in esse presenti, non devono concorrere a determinare il valore della lite ai fini del calcolo del contributo. Inoltre, nel valore della controversia non devono essere inclusi i crediti di altra natura, quali, ad esempio, quelli previdenziali e quelli derivanti dalle violazioni del codice della strada, ancorché detti crediti concorrano a formare il valore complessivo della cartella di pagamento. Infine, qualora un contribuente impugni un avviso di fermo amministrativo o di ipoteca, il contributo deve essere calcolato in base ai crediti tributari elencati nella comunicazione del fermo amministrativo o dell ipoteca. Restano pertanto esclusi dal calcolo i crediti di altra natura, come, per esempio, quelli previdenziali e quelli derivanti dalle violazioni del Codice della strada, anche se detti crediti concorrano a formare il valore complessivo posto a base della misura cautelare. In particolare poi, se l'ipoteca è stata iscritta in riferimento a più cartelle di pagamento, ma siano impugnati per presunti vizi afferenti solo ad alcune di esse, il valore della controversia sarà quello connesso ai crediti tributari elencati nelle sole cartelle di pagamento che il ricorrente ritiene viziate (chiarimento di Telefisco 2012). Quando è dovuto? Giudizio di primo grado Giudizio di secondo grado Giudizio di Cassazione Per i ricorsi in Cassazione, sia principali sia incidentali, qualora l impugnazione sia respinta integralmente o dichiarata inammissibile, o improcedibile, la parte che l ha proposta è tenuta a versare un ulteriore importo a titolo di contributo pari a quello dovuto per la stessa impugnazione, principale o incidentale. Lo ha stabilito la Legge di Stabilità 2013 (mod. art. 13 del TUSG). 3

4 Reclamo avverso decreto presidenziale Reclamo e mediazione (obbligatorio dall'01/04/2012) Giudizio di ottemperanza Riassunzione del processo sospeso/interrotto Riassunzione a seguito di declinatoria di competenza Istanza di "sospensiva" Domanda di sospensione dell esecutività della sentenza No (circ. MEF n. 1/2011) (al momento della costituzione in giudizio se la mediazione non è andata a buon fine) No No (circ. MEF n. 1/2011) No No Calcolo del CU in base al provvedimento impugnato Accertamento di più tributi Accertamento su più periodi d'imposta Cartelle di pagamento Diversi accertamenti impugnati con unico ricorso Accertamenti di minor perdita Atti irrogativi di sole sanzioni Fermi di auto e ipoteche Diniego espresso/tacito al rimborso Avvisi di classamento Revoca di partite Iva d'ufficio Occorre sommare i diversi tributi. Occorre sommare i tributi relativi alle singole annualità. Occorre sommare i diversi tributi richiesti, con esclusione degli interessi e delle sanzioni e degli altri oneri accessori. Vanno escluse anche le poste che non hanno natura fiscale (ad esempio, contributi previdenziali). Occorre calcolare il contributo su ciascun atto. Occorre calcolare la c.d. imposta virtuale. Ci si riferisce alla sanzione irrogata. Si vaglia l'entità del credito tutelato. Occorre considerare l imposta che si chiede a rimborso. Valore indeterminabile. Valore indeterminabile. In conseguenza dell'introduzione del CU, il ricorso tributario deve recare in calce una dichiarazione circa il valore della controversia e l'ammontare dell'importo del relativo contributo da versare. All omessa indicazione del valore della controversia in calce al ricorso (e nella nota d iscrizione a ruolo) è ricollegata l applicazione di una cospicua sanzione pecuniaria. 4

5 L autore dell omissione, infatti, rischia di dover versare un importo pari al contributo nell'importo massimo di 1.500,00 euro (misura del CU dovuto per lite oltre i 200 mila euro), in forza di quanto previsto dall'art. 13 comma 6 del TUSG, come modificato dal D.L. n. 98/11 (conv. L. n. 111/2012). Con la direttiva n. 2/DGT del 2012 il MEF ha precisato che la dichiarazione di valore della causa resa al di fuori dell'atto introduttivo, è valida, purché ciò avvenga entro il termine di trenta giorni dalla data di deposito del ricorso. All'eventuale dimenticanza non può sopperire la segreteria della Commissione, che non è tenuta ad attivarsi autonomamente mediante l'esame degli atti di accertamento impugnati. L invito delle segreterie a pagare una sanzione pecuniaria per l omessa indicazione del valore della lite nelle conclusioni del ricorso, è impugnabile in CTP, in quanto atto che ha natura impositiva (cfr. C.T.P. Massa Carrara, sentenza 239/1/2012 e C.T.P. Bergamo, sentenza n. 81/01/13). Omesso/insufficiente versamento Sanzioni e maggiorazioni Sanzione dal 100% al 200% del dovuto La direttiva n. 2/DGT 2012 del MEF ha precisato che il termine di prescrizione per il recupero del C.U. non versato o versato in misura inferiore è decennale. Omessa dichiarazione di valore della causa nel ricorso Debenza del contributo nella misura massima di 1.500,00 euro La direttiva 2/DGT 2012 del MEF ha precisato che, il valore della lite deve essere dichiarato sia in calce al ricorso, sia nella nota di iscrizione a ruolo. La sanzione prevista dalla legge per l omessa indicazione del valore della lite, non è applicabile se il difensore o la parte sanano la lacuna con un atto successivo, datato e sottoscritto, entro e non oltre 30 giorni dalla data di deposito. Omessa PEC del difensore nel ricorso Omessa indicazione del fax del difensore nel ricorso Omessa indicazione del codice fiscale della parte nel ricorso Maggiorazione del 50% del contributo Maggiorazione del 50% del contributo Maggiorazione del 50% del contributo Pagamento del contributo Il contributo deve essere corrisposto dopo la notifica del ricorso alla controparte e prima della costituzione in giudizio. Il pagamento può avvenire con modello F23, con bollettino di conto corrente postale o con contrassegno rilasciato dai rivenditori di generi di monopolio. Se il ricorrente paga il CU recandosi presso le tabaccherie convenzionate, il relativo contrassegno adesivo dovrà essere applicato sulla nota di iscrizione a ruolo (ex art. 194 comma 4 del D.P.R. 115/2002). 5

6 Si segnala, inoltre, che è stato attivato un nuovo conto corrente per il pagamento del contributo del processo tributario. Gli interessati dovranno avere cura di indicare: il numero di conto corrente postale n ; l intestazione alla "TES.VITERBO-CONTRIB.PROC.TRIB.ART.37 D.L. 98/2011"; il nome e il cognome del ricorrente/resistente. Nel caso in cui, dall'atto introduttivo del procedimento risulti più di un ricorrente/resistente, dovrà essere indicato per esteso solo il primo nominativo di essi e il numero in cifra dei restanti. Nello spazio riservato alla causale è necessario specificare anche: il codice fiscale del ricorrente o resistente; il codice della Commissione tributaria adita. I codici della Commissione tributaria sono reperibili via web al seguente percorso: - Modelli, Modelli versamento - F23 - Codici tributo - Tabella dei codici degli enti diversi dagli uffici finanziari pdf. Adempimenti Modalità di pagamento Documenti da depositare nella segreteria della CT Modello F23 Tabaccheria convenzionata Bollettino postale Modello F23 Contrassegno adesivo da applicare sulla nota di iscrizione a ruolo Bollettino postale Seconda e terza novità A questo punto possiamo passare alla disamina delle altre due novità in materia di contributo. La Legge di Stabilità (art. 1 comma 599) ha previsto espressamente che sia il contributo, sia le altre spese di giustizia potranno essere pagate, anche nel contenzioso tributario, con modalità telematiche. Il pagamento mediante sistemi telematici consiste nell utilizzo di carte di debito, credito o prepagate. Le modalità telematiche di pagamento del contributo e delle spese di giustizia disciplinate dall art. 4 comma 9 del D.L. n. 193 del 2009, convertito, con modificazioni, dalla L. n. 24 del 2010, si applicano al processo tributario per quanto compatibili. La legge di Stabilità (art. 1 comma 599) stabilisce, inoltre, che il diritto di copia senza certificazione di conformità, non è dovuto dalle parti che si sono costituite con modalità telematiche e che accedono con le medesime modalità al fascicolo. 6

7 Decreto del MEF A proposito del pagamento telematico della tassa di accesso alla giustizia la novella precisa che, entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della L. 147/2013 (1 gennaio 2014), il Ministro dell'economia e delle Finanze determinerà con decreto, sentita l'agenzia per l'italia digitale, le modalità tecniche per il riversamento, la rendicontazione e l'interconnessione dei sistemi di pagamento, nonché il modello di convenzione che l'intermediario abilitato deve sottoscrivere per effettuare il servizio. Il MEF stipulerà le convenzioni in parola: senza nuovi o maggiori oneri a carico del bilancio dello Stato, prevedendo, altresì, che gli oneri derivanti dall'allestimento e dal funzionamento del sistema informatico restino a carico degli intermediari abilitati. CU nel processo tributario Novità introdotte dalla L. 147/2013 Riepilogo Dal 7 luglio 2011, il CU deve essere pagato per ciascun grado di giudizio e il suo ammontare è commisurato al valore della controversia fiscale, che si determina, ai sensi dell art. 12 comma 5 D.Lgs. n. 546/92. Nei processi tributari il valore della lite è determinato per ciascun atto impugnato sia in primo grado sia in appello. Per il processo tributario telematico, il diritto di copia senza certificazione di conformità non è dovuto dalle parti che si sono costituite con modalità telematiche ed accedono con le medesime modalità al fascicolo. Le modalità telematiche di pagamento del contributo e delle spese di giustizia disciplinate dall art. 4 comma 9 D.L. n. 193/2009, si applicano, per quanto compatibili, anche al processo tributario. - Riproduzione riservata - 7

CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO dalla L.

CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO dalla L. Circolare informativa per la clientela n. 31/2011 del 6 ottobre 2011 CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO UNIFICATO

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO UNIFICATO DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO UNIFICATO L art. 37 della manovra correttiva introduce all art. 13 del DPR n. 115/2002 il nuovo comma 6-quater che prevede il versamento del contributo unificato per i ricorsi

Dettagli

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1 UNIONE GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI FIRENZE - DIREZIONE REGIONALE DELLA TOSCANA E DIREZIONE PROVINCIALE DI PISTOIA DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Il reclamo e la mediazione tributaria Gli aspetti procedimentali

Dettagli

Aspetti operativi del nuovo processo tributario

Aspetti operativi del nuovo processo tributario di Armando Urbano Aspetti operativi del nuovo processo tributario L accertamento esecutivo Il contributo unificato La nuova nota di iscrizione a ruolo Le controversie minori: Reclamo e mediazione La chiusura

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze, circolare 21 settembre 2011, n. 1/DF Premessa 1. Ambito di applicazione del CU 2. Presupposto oggettivo

Ministero dell Economia e delle Finanze, circolare 21 settembre 2011, n. 1/DF Premessa 1. Ambito di applicazione del CU 2. Presupposto oggettivo Ministero dell Economia e delle Finanze, circolare 21 settembre 2011, n. 1/DF OGGETTO: Introduzione del contributo unificato nel processo tributario - Art. 37 del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito

Dettagli

STUDIO TOZZI & PARTNERS

STUDIO TOZZI & PARTNERS Dott. Mauro Tozzi Avv. Giorgio Smerilli Dott. Domenico Orlando Dott.ssa Aiello Luisa Rag. Pascucci Silvia Dott.ssa Francesca Di Blasio Dott. Salvatore Francone 00193 Roma - via Terenzio n. 7 (angolo via

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO

CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO 20 CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO Ove il difensore non indichi il proprio indirizzo P.E.C. e il proprio numero di fax ai sensi degli articoli 125, comma 1, c.p.c., ed il proprio indirizzo

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 112 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Varie Prima di impugnare una cartella esattoriale

Dettagli

In particolare, la circolare prevede che l'istanza è improponibile, ad esempio, in caso di impugnazioni:

In particolare, la circolare prevede che l'istanza è improponibile, ad esempio, in caso di impugnazioni: Presupposti e modalità operative della mediazione tributaria Se l'istanza è improponibile, i 30 giorni per costituirsi in giudizio decorrono dalla presentazione del "ricorso con istanza", ossia dalla sua

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO

CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO Si riportano qui di seguito le tabelle ed i criteri di calcolo del contributo unificato per i procedimenti giurisdizionali riguardo ai quali ne è previsto

Dettagli

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012. DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 31 28.03.2012-31/GPF/FS/om TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Annotazioni...» 9 Avvertenza...» 13

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Annotazioni...» 9 Avvertenza...» 13 INDICE SOMMARIO Presentazione..................................................... pag. 7 Annotazioni...» 9 Avvertenza........................................................» 13 Atti processuali 1. Ricorso

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio.

3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio. Conseguenze dell istanza Conseguenze dell istanza 3. Conseguenze dell istanza. 3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio. Le conseguenze della presentazione dell istanza di mediazione possono

Dettagli

LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE SANZIONI

LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE SANZIONI LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE SANZIONI LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE SANZIONI RIFERIMENTI NORMATIVI Art. 16, terzo comma, D.L.vo 18 dicembre 1997, n. 472 Art. 17, secondo comma, D.L.vo 18 dicembre 1997,

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO

CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO Si riportano qui di seguito le tabelle ed i criteri di calcolo del contributo unificato per i procedimenti giurisdizionali riguardo ai quali ne è previsto

Dettagli

A) OPPOSIZIONI CARTELLE ESATTORIALI

A) OPPOSIZIONI CARTELLE ESATTORIALI Contributo unificato, diritti di copia, indennità ex art. 30 t.u. spese di giustizia e imposta di registro nei procedimenti, in materia di sanzioni amministrative, di opposizione alle cartelle esattoriali,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone Prot. N. 27036 Approvazione del nuovo modello di cartella di pagamento e dei fogli Avvertenze relativi ai ruoli dell Agenzia delle entrate, ai sensi dell art. 25 del decreto del Presidente della Repubblica

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE CONTRIBUTO UNIFICATO PER I GIUDIZI IN MATERIA CIVILE, DI LAVORO, AMMINISTRATIVA E TRIBUTARIA SCHEMA IMPORTI DOVUTI AL 27 Ottobre 2014 ATTENZIONE: 1. La presente Tabella non può ritenersi esaustiva di tutte

Dettagli

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. A cura di Sebastiano Barusco

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. A cura di Sebastiano Barusco IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA A cura di Sebastiano Barusco I SOGGETTI INTERESSATI Persone fisiche Società di persone Società di capitali IRRILEVANZA SOGGETTIVITÀ CONTRIBUENTE 2 LE CONDIZIONI TIPOLOGIA

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO

CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO Si riportano qui di seguito le tabelle ed i criteri di calcolo del contributo unificato per i procedimenti giurisdizionali riguardo ai quali ne è previsto

Dettagli

Comune di Palagianello Provincia di Taranto

Comune di Palagianello Provincia di Taranto Comune di Palagianello Provincia di Taranto REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.) RELATIVAMENTE ALLE AREE EDIFICABILI ai sensi dell articolo 13 della legge

Dettagli

L'appello incidentale connesso ad un appello principale proposto prima del 7 luglio 2011 è soggetto al contributo unificato o all'imposta di bollo?

L'appello incidentale connesso ad un appello principale proposto prima del 7 luglio 2011 è soggetto al contributo unificato o all'imposta di bollo? MINISTERO FINANZE - Direttiva 14 dicembre 2012, n. 2/DGT Contributo unificato nel processo tributario - risposte ai quesiti I. CONTRIBUTO UNIFICATO E IMPOSTA DI BOLLO Quesito n. 1 L'appello incidentale

Dettagli

Incontro Studio 23 marzo 2012. dott. Alvise Bullo

Incontro Studio 23 marzo 2012. dott. Alvise Bullo Incontro Studio 23 marzo 2012 RIMINI LE PRINCIPALI NOVITA IN CONTENZIOSO TRIBUTARIO ANALISI PRATICA E SISTEMATICA dott. Alvise Bullo Ordine dei Dottori Commercialisti EC di Venezia Docente SSEF Pubblicista

Dettagli

RECLAMO E MEDIAZIONE FISCALE

RECLAMO E MEDIAZIONE FISCALE RECLAMO E MEDIAZIONE FISCALE RECLAMO E MEDIAZIONE NEL PROCESSO TRIBUTARIO Convegno X Settimana nazionale della Conciliazione 2013 Rilancio degli strumenti di giustizia alternativa Panoramica sugli strumenti

Dettagli

COMUNE DI MASSA. Regolamento Imposta di Soggiorno

COMUNE DI MASSA. Regolamento Imposta di Soggiorno COMUNE DI MASSA Regolamento Imposta di Soggiorno Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.16 del 29/03/2012 Regolamento Imposta di Soggiorno Articolo 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente

Dettagli

Direzione Regionale del Piemonte GUIDA AL NUOVO ISTITUTO DELLA MEDIAZIONE TRIBUTARIA

Direzione Regionale del Piemonte GUIDA AL NUOVO ISTITUTO DELLA MEDIAZIONE TRIBUTARIA Direzione Regionale del Piemonte GUIDA AL NUOVO ISTITUTO DELLA MEDIAZIONE TRIBUTARIA INTRODUZIONE 4 1.L AMBITO DI APPLICAZIONE DEL NUOVO ISTITUTO 5 1.1 La tipologia di atto impugnato 5 1.2 L Agenzia delle

Dettagli

DOTTORI COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI

DOTTORI COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI DOTTORI COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI Dott. M A U R O R O V I D A 16128 GENOVA - Via Corsica 2/18 Dott. F R A N C E S C A R A P E T T I Telef.: +39 010 876.641 Fax: +39 010 874.399 Dott. L U C A

Dettagli

CIRCOLARE N. 49/E. 2. Rimborsi dovuti ai sensi dell articolo 68 del d.lgs. n. 546 del 1992...4. 2.1. Tempestiva esecuzione dei rimborsi...

CIRCOLARE N. 49/E. 2. Rimborsi dovuti ai sensi dell articolo 68 del d.lgs. n. 546 del 1992...4. 2.1. Tempestiva esecuzione dei rimborsi... CIRCOLARE N. 49/E Roma, 01 ottobre 2010 Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso OGGETTO: Esecuzione dei rimborsi dovuti per effetto di sentenze nei giudizi tributari INDICE 1. Premessa...2 2. Rimborsi

Dettagli

Riforma del contenzioso tributario Novità del DLgs. 24.9.2015 n. 156

Riforma del contenzioso tributario Novità del DLgs. 24.9.2015 n. 156 Circolare 30 del 24 novembre 2015 Riforma del contenzioso tributario Novità del DLgs. 24.9.2015 n. 156 INDICE 1 Premessa... 2 2 Difesa dell agente della riscossione... 2 3 Difesa delle agenzie fiscali...

Dettagli

Informativa per il professionista

Informativa per il professionista Informativa per il professionista Informativa n. 2 del 30 gennaio 2013 Contributo unificato nel processo tributario - Direttiva del Ministero dell Economia e delle Finanze 14.12.2012 n. 2 - Riepilogo della

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE GESTIONE PCT TRIBUNALE DI FIRENZE

INDICAZIONI OPERATIVE GESTIONE PCT TRIBUNALE DI FIRENZE INDICAZIONI OPERATIVE GESTIONE PCT TRIBUNALE DI FIRENZE 13 GENNAIO 2015 La presente nota operativa dello StaffPCT del Tribunale di Firenze è un estratto di alcune indicazioni contenute nella circolare

Dettagli

Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE

Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE Regolamento per la Definizione Agevolata dei Tributi locali minori ICP e DPA (Art. 13, Legge 27 dicembre 2002, n. 289 e art.24, D.Lgs. 15 novembre 1993,

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale OGGETTO: La sospensione feriale dei termini processuali Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che, come ogni anno, anche questa estate la giustizia

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Ufficio studi

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Ufficio studi AS 1120 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilità per il 2014) Disposizioni di interesse per la professione forense SCHEDA DI ANALISI * Art. 9, comma

Dettagli

Contenzioso tributario: cosa cambia? della Dott.ssa Roberta De Pirro

Contenzioso tributario: cosa cambia? della Dott.ssa Roberta De Pirro Contenzioso tributario: cosa cambia? della Dott.ssa Roberta De Pirro Approda in Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. n. 156 del 24 settembre 2015, che dà attuazione alla delega fiscale in materia di revisione

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio Settembre 2014 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Modello F24: dal 1 ottobre in vigore nuove regole (DL n. 66 del 24.04.2014, convertito con legge n. 89 del 23.06.2014) Gentile

Dettagli

INDICE. 5 Condizioni per il perfezionamento dei pagamenti dei debiti... 8

INDICE. 5 Condizioni per il perfezionamento dei pagamenti dei debiti... 8 D O T T. C A R L O O R S E N I G A Commercialista - Revisore Contabile 20123 - MILANO Via Vincenzo Monti, 32 Tel. +39.02.36.55.04.76 Fax +39.02.89.07.49.33 Circolare n. 1 del 18 febbraio 2014 Compensazione

Dettagli

Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari

Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari I dossier fiscali Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari - Guida operativa - Gennaio 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. Compensazione con debiti derivanti

Dettagli

Debiti che bloccano l'utilizzo dei crediti in compensazione

Debiti che bloccano l'utilizzo dei crediti in compensazione Debiti che bloccano l'utilizzo dei crediti in compensazione Condizioni per il libero utilizzo dei crediti (art. 31 del Decreto Legge 78/2010) (D.M. 10 febbraio 2011) (RisMin. n. 18, del 21 febbraio 2011)

Dettagli

Circolare n. 21. del 2 luglio 2013. Imposta di bollo - Aumento degli importi INDICE

Circolare n. 21. del 2 luglio 2013. Imposta di bollo - Aumento degli importi INDICE Circolare n. 21 del 2 luglio 2013 Imposta di bollo - Aumento degli importi fissi INDICE 1 Premessa...2 2 Decorrenza degli aumenti...2 3 Ammontare dei nuovi importi...2 4 Ambito di applicazione dei nuovi

Dettagli

OGGETTO: La compensazione dei crediti con la P.A.

OGGETTO: La compensazione dei crediti con la P.A. Informativa per la clientela di studio N. 157 del 29.10.2014 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: La compensazione dei crediti con la P.A. Il Mef ha previsto particolari modalità di compensazione nel

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO Tabella aggiornata al 13 marzo 2015 (fonte altalex)

CONTRIBUTO UNIFICATO Tabella aggiornata al 13 marzo 2015 (fonte altalex) CONTRIBUTO UNIFICATO Tabella aggiornata al 13 marzo 2015 (fonte altalex) Processo civile ordinario (1) Valore Primo GRADO Impugnazione Cassazione Processi di valore fino a. 1.100,00. 43,00. 64,50. 86,00

Dettagli

OGGETTO: obblighi contabili Iva relativi ai diritti di segreteria dovuti alle Camere di Commercio Consulenza giuridica

OGGETTO: obblighi contabili Iva relativi ai diritti di segreteria dovuti alle Camere di Commercio Consulenza giuridica RISOLUZIONE N. 203/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 5 agosto 2009 OGGETTO: obblighi contabili Iva relativi ai diritti di segreteria dovuti alle Camere di Commercio Consulenza giuridica

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI: ICI E TARSU

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI: ICI E TARSU COMUNE DI CHIOMONTE Provincia di Torino SERVIZIO TRIBUTI REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI: ICI E TARSU Approvato dal C.C. nella seduta del 20 Dicembre 20008 con atto n 40/08

Dettagli

BREVE GUIDA E TABELLA CONTRIBUTO UNIFICATO AGGIORNATA AL 25/06/2014

BREVE GUIDA E TABELLA CONTRIBUTO UNIFICATO AGGIORNATA AL 25/06/2014 BREVE GUIDA E TABELLA CONTRIBUTO UNIFICATO AGGIORNATA AL 25/06/2014 Gli importi per il calcolo del contributo unificato (di cui al Testo Unico sulle spese di giustizia - D.P.R 30 maggio 2002, n. 115) sono

Dettagli

COMUNE DI ISOLA DI CAPO RIZZUTO (Provincia di Crotone)

COMUNE DI ISOLA DI CAPO RIZZUTO (Provincia di Crotone) INDICE DEGLI ARTICOLI: COMUNE DI ISOLA DI CAPO RIZZUTO (Provincia di Crotone) Riapprovato con Delibera di C.C. n. 24 del 29.04.2013 Articolo 1 Istituzione e presupposto dell imposta Articolo 2 Soggetto

Dettagli

Commissione Tributaria

Commissione Tributaria Commissione Tributaria Regionale/di 2 Grado Nota di iscrizione a ruolo PROPONENTE Contribuente DA COMPILARE IN STAMPATELLO (art. 22, comma 1, D.Lgs. n. 546/92) Richiesta di iscrizione al Registro Generale

Dettagli

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 29.11.2010 PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento,

Dettagli

Capo I PRINCIPI GENERALI. Art. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione

Capo I PRINCIPI GENERALI. Art. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione Capo I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione 1. La definizione dell accertamento con adesione costituisce uno strumento di cui i Contribuenti e gli uffici preposti

Dettagli

Ufficio di Direzione INAUGURAZIONE ANNO GIUDIZIARIO TRIBUTARIO. RELAZIONE del DIRETTORE della SEGRETERIA. della COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE

Ufficio di Direzione INAUGURAZIONE ANNO GIUDIZIARIO TRIBUTARIO. RELAZIONE del DIRETTORE della SEGRETERIA. della COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Ufficio di Direzione INAUGURAZIONE ANNO GIUDIZIARIO TRIBUTARIO 2014 RELAZIONE del DIRETTORE della SEGRETERIA della COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE per L

Dettagli

Prorogata al 31.03.2014 la rottamazione dei ruoli

Prorogata al 31.03.2014 la rottamazione dei ruoli CIRCOLARE A.F. N. 39 del 14 Marzo 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Prorogata al 31.03.2014 la rottamazione dei ruoli Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che la proroga del pagamento

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI: I.C.I.

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI: I.C.I. COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI: I.C.I. E TARSU Approvato con Del CC n. 5 del 29.4.2011 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO Tabella aggiornata al 9 gennaio 2013. Processo civile ordinario (1)

CONTRIBUTO UNIFICATO Tabella aggiornata al 9 gennaio 2013. Processo civile ordinario (1) CONTRIBUTO UNIFICATO Tabella aggiornata al 9 gennaio 2013 Processo civile ordinario (1) Valore Processi di valore fino a. 1.100,00. 37,00 Processi di valore superiore a. 1.100,00 e fino a. 5.200,00 Processi

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

1) IL RICORSO Il ricorso è l atto introduttivo del processo tributario che deve essere proposto avanti la C.T.P. ad iniziativa del contribuente per

1) IL RICORSO Il ricorso è l atto introduttivo del processo tributario che deve essere proposto avanti la C.T.P. ad iniziativa del contribuente per 1) IL RICORSO Il ricorso è l atto introduttivo del processo tributario che deve essere proposto avanti la C.T.P. ad iniziativa del contribuente per istaurare il giudizio e pervenire alla pronuncia del

Dettagli

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO SETTORE TRIBUTARIO Dott.Comm. CARLO GARZIA Dott.Comm. ALESSANDRA NITTI Dott. STEFANO BARELLI Dott. SIMONE BOTTI SETTORE LEGALE Avvocato MARCO IMPELLUSO Avvocato ROBERTA SARA

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Fiscal News N. 159. Reclamo e ricorso in CTP con le stesse motivazioni. La circolare di aggiornamento professionale 10.06.2014. Reclamo obbligatorio

Fiscal News N. 159. Reclamo e ricorso in CTP con le stesse motivazioni. La circolare di aggiornamento professionale 10.06.2014. Reclamo obbligatorio Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 159 10.06.2014 Reclamo e ricorso in CTP con le stesse motivazioni Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Mediazione tributaria Ricevuto l'accertamento

Dettagli

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 Le principali novità Iscrizione a ruolo del processo esecutivo per espropriazione (art. 518 co.6)

Dettagli

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 Misure per la semplificazione e razionalizzazione delle norme in materia di riscossione LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RISCOSSIONE

Dettagli

CONTENZIOSO TRIBUTARIO: IL RICORSO CON ISTANZA DI RECLAMO E MEDIAZIONE E TRATTAZIONE IN PUBBLICA UDIENZA. Dott. Steven Mohamed

CONTENZIOSO TRIBUTARIO: IL RICORSO CON ISTANZA DI RECLAMO E MEDIAZIONE E TRATTAZIONE IN PUBBLICA UDIENZA. Dott. Steven Mohamed CONTENZIOSO TRIBUTARIO: IL RICORSO CON ISTANZA DI RECLAMO E MEDIAZIONE E TRATTAZIONE IN PUBBLICA UDIENZA Dott. Steven Mohamed TRACCIA Un contribuente, lavoratore autonomo, per il periodo d imposta 2013

Dettagli

COMUNE DI LEVERANO (Provincia di Lecce)

COMUNE DI LEVERANO (Provincia di Lecce) COMUNE DI LEVERANO (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO PER LA DEFIZIONE AGEVOLATA DEI TRIBUTI COMUNALI (approvato con atto deliberativo del C.C. n. 08 del 01/04/2004) SCHEMA DI REGOLAMENTO PROPOSTO DALL ASSERRORE

Dettagli

CAPITOLO 2. Modifiche normative al contenzioso tributario: novità introdotte nel 2009, 2010 e 2011.

CAPITOLO 2. Modifiche normative al contenzioso tributario: novità introdotte nel 2009, 2010 e 2011. CAPITOLO 2 Modifiche normative al contenzioso tributario: novità introdotte nel 2009, 2010 e 2011. A cura di Simona Checconi, Enrico Guarducci, Guglielmo Peruzzi 2.1. Le novità del 2009 e del 2010.. pag.

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Definizione delle entrate Art. 3

Dettagli

Formula 1. Atti processuali RICORSO AVVERSO L AVVISO DI INTIMAZIONE E CONTESTUALE ISTANZA DI SOSPENSIONE DELL ATTO IMPUGNATO

Formula 1. Atti processuali RICORSO AVVERSO L AVVISO DI INTIMAZIONE E CONTESTUALE ISTANZA DI SOSPENSIONE DELL ATTO IMPUGNATO Formula 1 27 FORMULA 1 RICORSO AVVERSO L AVVISO DI INTIMAZIONE E CONTESTUALE ISTANZA DI SOSPENSIONE DELL ATTO IMPUGNATO COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI... Ricorso avverso l avviso di intimazione

Dettagli

Città di Lecce REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI

Città di Lecce REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Città di Lecce REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 56 del 01 agosto 2012 TITOLO I DISPOSIZIONE GENERALI Art.1

Dettagli

Primo GRADO Impugnazione Cassazione. Processi di valore fino a. 1.100,00. 43,00. 64,50. 86,00

Primo GRADO Impugnazione Cassazione. Processi di valore fino a. 1.100,00. 43,00. 64,50. 86,00 CONTRIBUTO UNIFICATO Tabella aggiornata al 3 marzo 2015 Processo civile ordinario (1) Primo GRADO Impugnazione Cassazione Processi di valore fino a. 1.100,00. 43,00. 64,50. 86,00 Processi di valore superiore

Dettagli

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Come noto, a decorrere dall 1.1.2011, è stato introdotto, ad opera dell art. 31, comma

Dettagli

CIRCOLARE n. 18 del 17/09/2014 MODELLI F24: DAL 1 OTTOBRE NUOVI OBBLIGHI DI PRESENTAZIONE TELEMATICA

CIRCOLARE n. 18 del 17/09/2014 MODELLI F24: DAL 1 OTTOBRE NUOVI OBBLIGHI DI PRESENTAZIONE TELEMATICA CIRCOLARE n. 18 del 17/09/2014 MODELLI F24: DAL 1 OTTOBRE NUOVI OBBLIGHI DI PRESENTAZIONE TELEMATICA INDICE 1. PREMESSA 2. DECORRENZA 3. AMBITO OGGETTIVO 4. AMBITO SOGGETTIVO 5. FINALITÀ 6. NOVITÀ IN MATERIA

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO 2014. Processo civile ordinario

CONTRIBUTO UNIFICATO 2014. Processo civile ordinario CONTRIBUTO UNIFICATO 2014 Processo civile ordinario Valore 1 grado Impugnazione Cassazione Per i processi di valore fino a 1.100,00 37,00 55,50 74,00 Per i processi di valore superiore a 1.100,00 e fino

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

PCT E PROCESSO ESECUTIVO

PCT E PROCESSO ESECUTIVO PROCESSO CIVILE TELEMATICO: evoluzione e novità legislative Reggio Emilia 25 settembre 2015 PCT E PROCESSO ESECUTIVO Avv. Erika Cavezzale Ordine Avvocati di Rimini Commissione PCT Art. 16-bis, comma 2,

Dettagli

Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari

Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari I dossier fiscali Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari - Guida operativa - Febbraio 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. Compensazione con debiti derivanti

Dettagli

Fiscal News N. 17. Credito Iva 2013. La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2014. Premessa

Fiscal News N. 17. Credito Iva 2013. La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2014. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 17 20.01.2014 Credito Iva 2013 Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione L utilizzo in compensazione orizzontale del credito IVA

Dettagli

Tabelle Contributo Unificato C.U.

Tabelle Contributo Unificato C.U. Tabelle Contributo Unificato aggiornamento gennaio 2015 PROCESSO CIVILE ORDINARIO ORDINARIO Per tutte le cause civili è dovuta a titolo di anticipazione forfettaria per le spese di Giustizia una marca

Dettagli

Commissione Tributaria

Commissione Tributaria Commissione Tributaria Provinciale/di 1 Grado di Nota di iscrizione a ruolo DA COMPILARE IN STAMPATELLO (art. 22, comma 1, D.Lgs. n. 546/92) PROPONENTE Contribuente Ente impositore/società di riscossione

Dettagli

CIRCOLARE SETTIMANALE

CIRCOLARE SETTIMANALE .. CIRCOLARE SETTIMANALE settembre 2011 N 2 Tutte le informazioni sono tratte, previa critica rielaborazione, dalla normativa vigente primaria (leggi, decreti, direttive) e secondaria (circolari ministeriali

Dettagli

Commissione Tributaria

Commissione Tributaria NIR-CTP 2/MAN Commissione Tributaria Provinciale/di 1 Grado di Nota di iscrizione a ruolo DA COMPILARE IN STAMPATELLO (art. 22, comma 1, D.Lgs. n. 546/92) PROPONENTE Contribuente Ente impositore/società

Dettagli

INDICE. Capo I Definizione agevolata dei rapporti tributari locali non definiti

INDICE. Capo I Definizione agevolata dei rapporti tributari locali non definiti COMUNE DI POLLA Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DEI TRIBUTI LOCALI (I.C.I T.A.R.S.U) INDICE Ambito di applicazione Art. 1 Ambito di applicazione pag. 3 Capo I Definizione

Dettagli

CONVENZIONE TRA. CONSIDERATE le norme di riordino del servizio della riscossione di cui alla legge delega 28 settembre 1998, n.

CONVENZIONE TRA. CONSIDERATE le norme di riordino del servizio della riscossione di cui alla legge delega 28 settembre 1998, n. CONVENZIONE Integrativa per il miglioramento della riscossione tramite ruolo della TARSU Nel giorno del mese di Maggio dell anno 2006 TRA ESATRI ESAZIONE TRIBUTI S.p.A., concessionario del Servizio di

Dettagli

AMBITO DI APPLICAZIONE

AMBITO DI APPLICAZIONE COMUNE DI BRENTA Provincia di VARESE REGOLAMENTO PER IL CONDONO DEI TRIBUTI LOCALI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 22 del 06/09/2011 Modificato con delibera consiliare n. del 06/03/2011

Dettagli

Periodico informativo n. 75/2014. Rottamazione cartelle. Proroga al 31 maggio 2014

Periodico informativo n. 75/2014. Rottamazione cartelle. Proroga al 31 maggio 2014 Periodico informativo n. 75/2014 Rottamazione cartelle. Proroga al 31 maggio 2014 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo informarla che a seguito della pubblicazione

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

MODIFICA REGOLAMENTO DEFINIZIONE AGEVOLATA TRIBUTI COMUNALI

MODIFICA REGOLAMENTO DEFINIZIONE AGEVOLATA TRIBUTI COMUNALI MODIFICA REGOLAMENTO DEFINIZIONE AGEVOLATA TRIBUTI COMUNALI Il presente Regolamento composto da n. 44 articoli, è stato approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 27/07/2003 con atto n. 34. IL SEGRETARIO

Dettagli

Regolamento dell imposta di soggiorno nel Comune di Siena

Regolamento dell imposta di soggiorno nel Comune di Siena Regolamento dell imposta di soggiorno nel Comune di Siena (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 196 del 13 dicembre 2011) Articolo 1 Istituzione dell imposta 1. E' istituita nel Comune

Dettagli

Diritto tributario, fisco e leggi finanziarie

Diritto tributario, fisco e leggi finanziarie Diritto tributario fisco e leggi finanziarie Decreto legislativo 31 ottobre 1990 n. 347 Approvazione del testo unico delle disposizioni concernenti le imposte ipotecaria e catastale. (in Gazz. Uff. 27

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI (Provincia di Palermo) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.)

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI (Provincia di Palermo) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI (Provincia di Palermo) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) Approvato con deliberazione consiliare n. 19 del 30/07/2014 1 INDICE Art. 1. Oggetto

Dettagli

Circolare per il professionista

Circolare per il professionista Circolare per il professionista Circolare n. 3 del 19 marzo 2014 Disciplina del reclamo e della mediazione tributaria - Novità della L. 27.12.2013 n. 147 (legge di stabilità 2014) e chiarimenti della circ.

Dettagli

COMUNE DI CAPO DI PONTE PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI CAPO DI PONTE PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI CAPO DI PONTE PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.) E DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI (T.A.R.S.U.). Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONDONO DEI TRIBUTI LOCALI

REGOLAMENTO PER IL CONDONO DEI TRIBUTI LOCALI REGOLAMENTO PER IL CONDONO DEI TRIBUTI LOCALI Ambito di applicazione Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, in forza delle disposizioni contenute nell art. 13 della legge n. 289 del 27 dicembre 2002,

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN MATERIA DI RISCOSSIONE DEI TRIBUTI (codice )

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN MATERIA DI RISCOSSIONE DEI TRIBUTI (codice ) Programma corso Pag 1 di 6 Ministero dell economia e delle finanze Scuola superiore dell economia e delle finanze Dipartimento delle scienze Tributarie Destinatari: partecipanti Corso CORSO DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

COMUNE DI ALBISSOLA MARINA. Regolamento per l applicazione dell Imposta Unica Comunale

COMUNE DI ALBISSOLA MARINA. Regolamento per l applicazione dell Imposta Unica Comunale COMUNE DI ALBISSOLA MARINA Regolamento per l applicazione dell Imposta Unica Comunale Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 10 del 14/5/2014 Indice Art. 1 Istituzione e composizione del

Dettagli

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 16 DEL 18.05.2011

Dettagli

Legge 21 gennaio 1994, n. 53

Legge 21 gennaio 1994, n. 53 Legge 21 gennaio 1994, n. 53 Facoltà di notificazioni di atti civili, amministrativi e stragiudiziali per gli avvocati e procuratori legali (1-2) (1) Il termine "procuratore legale" contenuto nella presente

Dettagli

COMUNE DI CELANO. Regolamento per la disciplina del condono fiscale sui tributi locali (art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n.289)

COMUNE DI CELANO. Regolamento per la disciplina del condono fiscale sui tributi locali (art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n.289) COMUNE DI CELANO Regolamento per la disciplina del condono fiscale sui tributi locali (art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n.289) CAPO I TRIBUTI CONDONABILI, CONDIZIONI E BENEFICI Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011

Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011 Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011 1 ACCERTAMENTO ESECUTIVO RISCOSSIONE PROVVISORIA 2 Accertamento esecutivo Art. 29 D.L. n. 78/2010 Gli avvisi di accertamento, i connessi

Dettagli