Questo è il Manuale di MySQL Query Browser. Documento generato il: (revision: 199)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Questo è il Manuale di MySQL Query Browser. Documento generato il: 2010-03-14 (revision: 199)"

Transcript

1 MySQL Query Browser

2 MySQL Query Browser This is a translation of the MySQL Query Browser Manual that can be found at dev.mysql.com. The original MySQL Query Browser Manual is in English, and this translation is not necessarily as up to date as the English version. Estratto Questo è il Manuale di MySQL Query Browser. Documento generato il: (revision: 199) Andrea Barberio translated this manual from English. He is a student in telecommunications engineering, attending the Università degli Studi di Napoli Federico II. He lives in Naples, Italy. Andrea is the system administrator of the official Slackware Linux Project Italia. He has written a number of technical articles for Linux&C., a popular Italian Linux-oriented magazine. He loves computer science, telecommunications, learning languages (not only programming languages), and arts. In his free time he practices sailing and martial arts. Andrea Barberio ha tradotto questo manuale dall'inglese. E' uno studente di ingegneria delle telecomunicazioni, presso l'università degli Studi di Napoli Federico II. Vive a Napoli, Italia. Andrea è l'amministratore di sistema dello Slackware Linux Project Italia. Ha scritto alcuni articoli per Linux&C., una importante rivista dedicata al mondo Linux. Ama l'informatica, le telecomunicazioni, imparare lingue (non soltanto linguaggi di programmazione), e l'arte. Nel suo tempo libero pratica vela e arti marziali. Copyright MySQL AB, Sun Microsystems, Inc. All rights reserved. U.S. Government Rights - Commercial software. Government users are subject to the Sun Microsystems, Inc. standard license agreement and applicable provisions of the FAR and its supplements. Use is subject to license terms. Sun, Sun Microsystems, the Sun logo, Java, Solaris, StarOffice, MySQL Enterprise Monitor 2.0, MySQL logo and MySQL are trademarks or registered trademarks of Sun Microsystems, Inc. in the U.S. and other countries. UNIX is a registered trademark in the U.S. and other countries, exclusively licensed through X/Open Company, Ltd. Copyright MySQL AB, Sun Microsystems, Inc. Tous droits r?serv?s. L'utilisation est soumise aux termes du contrat de licence.sun, Sun Microsystems, le logo Sun, Java, Solaris, StarOffice, MySQL Enterprise Monitor 2.0, MySQL logo et MySQL sont des marques de fabrique ou des marques d?pos?es de Sun Microsystems, Inc. aux Etats-Unis et dans d'autres pays. UNIX est une marque d?pos?e aux Etats-Unis et dans d'autres pays et licenci?e exlusivement par X/Open Company, Ltd. Questa documentazione NON è distribuita sotto una licenza GPL. L'uso di questa documentazione è soggetto ai seguenti termini: Potete creare una copia stampata di questa documentazione unicamente per i vostri usi personali. La conversione verso altri formati è consentita a patto che non venga alterato o modificato in alcun modo il contenuto effettivo. Non potete pubblicare o distribuire questa documentazione in alcuna forma o con alcun mezzo, eccetto che distribuiate la documentazione in maniera simile a come MySQL la diffonde (cioè, elettronicamente da scaricare da un sito con il software) o su un CD-ROM o un mezzo simile, a patto che la documentazione venga diffusa unitamente al software tramite lo stesso mezzo. Qualsiasi altro uso, come la diffusione di copie stampate o l'uso di questa documentazione, in tutto o in parte, in un'altra pubblicazione, richiede il preventivo consenso scritto da un rappresentante autorizzato di MySQL AB. MySQL AB riserva tutti i diritti su questo documento non espressamente garantiti da quanto summenzionato. Per maggiori informazioni, o se siete interessati a fare una traduzione, scrivete una a

3

4 Sommario 1. Introduzione a MySQL Query Browser Installare MySQL Query Browser Introduzione Installazione in ambiente Windows Installazione in ambiente Linux Avviare MySQL Query Browser Introduzione Finestra di dialogo di Connessione Una panoramica di MySQL Query Browser La Finestra Principale delle Query Barra delle Query I Pulsanti di Navigazione L'Area delle Query I Pulsanti delle Azioni La Barra degli Strumenti Avanzati L'Area dei Risultati Il Browser degli Oggetti Il Browser dei Database Il Browser dei Segnalibri Il Browser della Cronologia Il Browser delle Informazioni Il Browser della Sintassi Il Browser delle Funzioni Il Browser dei Parametri Il Browser delle Transazioni L'Editor degli Script I Pulsanti di Debugging degli Script L'Area degli Script Usare il MySQL Query Browser Inserire e Modificare Manualmente le Query Creare le Query Creare le Viste Navigare tra i Risultati all'interno dell'area dei Risultati Esportare i Risultati Gestire le Colonne BLOB e TEXT Modificare gli Insiemi di Risultati al'interno dell'area dei Risultati Comparare i Risultati Creare le Viste Master-Detail Gestire le Stored Procedure e Stored Functions con MySQL Query Browser Modificare le Query con uno Strumento di Sviluppo The MySQL Table Editor Introduzione La finestra principale dell'editor The Columns And Indices Tab L'editor delle colonne L'area dettagli la scheda Table Options La scheda Advanced Options La sezione Various La sezione Row Options La sezione Storage Options La sezione Merge Table Options La sezione Table RAID Settings Applicare le vostre modifiche Finestra di Dialogo Options Introduction Sezione General Options Sezione Connections Sezione Editors...30 iv

5 MySQL Query Browser 7.5. La Sezione Browser Opzioni di Visualizzazione (Display Options) Opzioni delle Query Varie...32 A. Installazione da sorgenti...33 A.1. Introduzione...33 A.2. Scaricare il Codice Sorgente...33 A.3. Compilare da sorgenti in Ambiente Windows...33 A.3.1. Prerequisiti...33 A.3.2. La Fase di Compilazione...33 A.4. Compilare da sorgenti sotto Linux...35 A.4.1. Prerequisiti...35 A.4.2. La fase di compilazione...35 B. Troubleshooting Application Errors...38 B.1. Risolvere gli errori di connessione...38 B.2. Risolvere i problemi di visualizzazione...38 C. Come Vengono Salvate le Connessioni...39 D. File XML Comuni alle Applicazioni Grafiche MySQL...40 E. File XML Usati da MySQL Query Browser...41 F. Note per i traduttori...42 G. Software di terze parti usato dai tools grafici MySQL...43 G.1. La libreria PCRE...43 G.2. Il supporto PNG...43 v

6 Lista delle Figure 3.1. Finestra di dialogo di connessione La finestra principale delle query di MySQL Query Browser L'area delle query espansa a dieci righe Le icone di stato di MySQL Query Browser La Barra degli Strumenti Avanzati Il browser dei database L'Editor degli Script La finestra di dialogo d'apertura dei file Lo strumento per le tabelle Le icone per la gestione di colonne BLOB La lista di parametri dinamici Stored procedure nel browser dei database MySQL Table Editor L'editor delle colonne L'editor degli indici La finestra di dialogo Confirm Table Edit La finestra di dialogo Options Finestra di dialogo Options: Connections La finestra di dialogo delle opzioni del query browser...31 B.1. La finestra di dialogo del messaggio di errore...38 vi

7 Capitolo 1. Introduzione a MySQL Query Browser MySQL Query Browser è uno strumento grafico fornito da MySQL AB per creare, eseguire ed ottimizzare query in ambiente grafico. è progettato per amministrare un server MySQL, mentre MySQL Query Browser è progettato per aiutarvi ad effettuare query ed analizzare i dati memorizzati nel vostro database MySQL. Se da una parte tutte le query eseguite in MySQL Query Browser possono essere effettuate anche tramite l'utility da riga di comando mysql, MySQL Query Browser consente di eseguire query e modificare dati in maniera più intuitiva, tramite un'interfaccia grafica. MySQL Query Browser è progettato per funzionare con MySQL versione 4.0 e superiori. MySQL Query Browser è prevalentemente il risultato del feedback che MySQL AB ha ricevuto su un periodo di molti anni da molti utenti. Comunque, se ritenete che manchi qualche funzione importante, oppure scoprite un bug, per piacere usate il nostro MySQL Bug System per richiedere funzionalità o riportare problemi. Esiste un forum dedicato a MySQL Query Browser, che trovate al link 1

8 Capitolo 2. Installare MySQL Query Browser 2.1. Introduzione MySQL Query Browser è disponibile sia per Windows sia per Linux, in forma di sorgenti o di binari. MySQL Query Browser può essere scaricato dal Sito di MySQL Installazione in ambiente Windows MySQL Query Browser gira su sistemi operativi a 32 bit recenti basati su Windows NT, incluso Windows 2000, XP e Non sono supportate versioni precedenti di Windows. L'installazione di MySQL Query Browser avviene tramite un pacchetto di installazione di tipo Windows Installer (.msi), che può essere usato su tutti i sistemi operativi Windows. Il nome del pacchetto MSI è mysql-query-browser-version-win.msi, dove version indica la versione di MySQL Query Browser. Con il rilascio di Windows XP, il sistema Windows Installer è stato aggiornato; coloro che usano una versione precedente di Windows possono fare riferimento a questo articolo della Microsoft Knowledge Base per informazioni su come aggiornare all'ultima versione. Per installare MySQL Query Browser, fate clic con il tasto destro sul file MSI e scegliete l'opzione INSTALL. L'installazione inizierà automaticamente dopo che l'installer vi avrà richiesto le opzioni che preferite. Durante l'installazione, potrete scegliere se volete che l'installer crei una scorciatoia nel menu Start e un'icona sul desktop. In alternativa, se avete problemi ad avviare l'installer, potete scaricare un file ZIP senza installer. Il nome di questo file è mysql-query-browser-version-win-noinstall.zip. Decomprimetelo in una cartella a vostra scelta, usando un programma per i file ZIP. Potreste voler inoltre creare dei collegamenti a MySQLQueryBrowser.exe sul vostro desktop o nella barra di avvio rapido. A meno che non abbiate scelto diversamente, MySQL Query Browser è installato in C:\%PROGRAMFILES%\MySQL\MySQL Query Browser 1.1\MySQLQueryBrowser.exe, dove %PROGRAMFILES% è la directory di default per i programmi sulla vostra macchina. Questa directory potrebbe essere, per esempio, C:\Program Files oppure C:\programme Installazione in ambiente Linux MySQL Query Browser gira su macchine Linux che hanno un desktop grafico installato. E' progettato per girare con il desktop Gnome con GTK2. E' stato provato con kernel Linux versioni 2.4 e 2.6, ma dovrebbe funzionare anche con altre versioni, e anche con altri sistemi operativi Unix-like. Per installare MySQL Query Browser scaricate innanzitutto il tarball di installazione. Il nome del file del tarball è mysql-query-browser-version-linux.tar.gz, dove version indica la versione di MySQL Query Browser. Per elencare tutti i file nel tarball, lanciate questo comando: shell> tar -tzf mysql-query-browser-version-linux.tar.gz Per installare MySQL Query Browser, lanciate questo comando: shell> tar --directory=/opt -xzvf mysql-query-browser-version-linux.tar.gz Questo comando installa l'applicazione binaria in /opt/mysql-query-browser/bin. Entrate in questa directory ed avviate mysql-query-browser per eseguire l'applicazione. Potete sostituire /opt con il percorso di installazione che desiderate. Sono disponibili pacchetti RPM per sistemi Linux generici e per SUSE Linux. Una volta installato tramite RPM, l'eseguibile mysqlquery-browser è installato di default in /usr/bin, con i file di supporto in /usr/share/applications, / usr/share/locale e /usr/share/mysql-gui. 2

9 Capitolo 3. Avviare MySQL Query Browser 3.1. Introduzione Il modo in cui lanciare MySQL Query Browser dipende dal sistema operativo che state usando: In Windows, eseguite MySQL Query Browser facendo doppio clic sulla sua icona sul desktop, o scegliendolo dal menu Start (solitamente la voce MYSQL QUERY BROWSER della sezione MYSQL del menu Start). Alternativamente, potete aprire una finestra DOS e lanciare MySQL Query Browser dalla riga di comando: C:\%PROGRAMFILES%\MySQL\MySQL Query Browser 1.1\MySQLQueryBrowser.exe %PROGRAMFILES% è la directory standard dei programmi sulla vostra macchina. Per esempio, C:\Program Files o C:\programme. Se il vostro percorso contiene spazi, dovete racchiudere il comando tra doppi apici. Per esempio: C:\> "C:\program files\mysql\guitools\mysqlquerybrowser.exe" Su desktop Linux, eseguite MySQL Query Browser entrando nella directory /opt/mysql-query-browser/bin o / usr/bin, ed eseguendo il comando mysql-query-browser Finestra di dialogo di Connessione Dopo aver avviato MySQL Query Browser comparirà la finestra di dialogo di connessione. Occorre specificare il server MySQL al quale connettersi, le credenziali necessarie per l'autorizzazione sul suddetto server, l'indirizzo della macchina su cui il server gira (e su che porto è in ascolto), e il database di default (Schema) cui volete accedere. Potete inoltre specificare altre opzioni, se necessario. Dovete scegliere un database di default per eseguire le query. E' possibile scegliere un database di default dopo essersi connessi al server, ma sceglierlo dalla finestra di dialogo di connessione aiuta a risparmiare tempo in caso di connessioni ripetute. Figura 3.1. Finestra di dialogo di connessione 3

10 Avviare MySQL Query Browser Se la connessione al server è stata stabilita correttamente, tutti i valori inseriti nei campi della finestra di connessione verranno salvati per connessioni future (vedi nella sezione che descrive come MySQL Query Browser memorizza le informazioni di connessione). Il campo Password, comunque, è sempre vuoto: per motivi di sicurezza, la password non è salvata con le altre opzioni, a meno che non specifichiate esplicitamente di farlo nella sezione Opzioni Generali della finestra di dialogo Opzioni. Per impostare opzioni di connessione avanzate, cliccate sul pulsante DETTAGLI e scegliete le opzioni desiderate: 4

11 Avviare MySQL Query Browser Usa protocollo di compressione - Comunica con il server MySQL utilizzando la compressione. Usa SSL se disponibile - Cripta le comunicazioni con il server MySQL usando SSL. Questa opzione è valida soltanto se la libreria MySQL client sulla vostra macchina client supporta SSL. Usa apici ANSI per racchiudere gli identificatori - racchiude tutti i nomi degli oggetti tra doppi apici invece dei back-tick (apici inversi). Se avete difficoltà a connettervi, per piacere leggete la sezione Troubleshooting Connection Errors nell'appendice Troubleshooting Application Errors. Potete cambiare qualsiasi valore nei profili di connessione semplicemente sovrascrivendo i vecchi valori con i nuovi. Analogamente, se scegliete un altro profilo di connessione, potete cambiare uno qualsiasi dei suoi valori. Quando cambiate il valore di un profilo e cliccate sul pulsante OK e viene stabilita correttamente una connessione al server MySQL, i cambiamenti verranno salvati permanentemente. Potete anche cliccare sul pulsante... vicino al menu a tendina CONNESSIONE. Questo richiamerà un'altra finestra di dialogo che ha una sezione Connessioni per modificare i profili di connessione. Potete trovare i valori che hai impostato nella finestra di dialogo Connessione nella descrizione della sezione Connessioni della finestra di dialogo Opzioni. 5

12 Capitolo 4. Una panoramica di MySQL Query Browser 4.1. La Finestra Principale delle Query Dopo aver stabilito correttamente una connessione al server MySQL, vi sarà presentata la finestra principale di query di MySQL Query Browser. Tutte le funzionalità dell'applicazione sono raggiungibili attraverso questa finestra. Figura 4.1. La finestra principale delle query di MySQL Query Browser La finestra principale delle query è divisa in varie sezioni: Barra delle Query: La barra delle query è il punto in cui create ed eseguite le vostre query. Essa è composta da tre pulsanti di navigazione (INDIETRO, AVANTI, AGGIORNA), l'area per le query, due pulsanti di azione (ESEGUI e STOP), e un indicatore di stato. Barra degli Strumenti Avanzati: La Barra degli Strumenti Avanzati contiene tre insiemi di pulsanti: i pulsanti di Transazione (AVVIA, CONSEGNA, ANNULLA), i pulsanti di gestione delle query (SPIEGA, CONFRONTA), e i pulsanti di costruzione delle query (SELECT, FROM, WHERE, e così via.) La Barra degli Strumenti Avanzati è visibile come in figura soltanto quando sono selezionate le opzioni Mostra barre degli strumenti avanzati e Mostra barre dei pulsanti di composizione nella finestra Opzioni Browser. Vedete Sezione 7.5, «La Sezione Browser». Area dei Risultati: Tutte le query sono visualizzate nell'area dei risultati. Potete avere più linguette attive per volta, in modo da poter lavorare su query multiple. L'area dei risultati può essere divisa verticalmente e orizzontalmente per effettuare confronti, ed è possi- 6

13 Una panoramica di MySQL Query Browser bile riunire query in diverse parti di un'area dei risultati separata, in modo da poter fare analisi master-detail. Browser degli Oggetti: Il browser degli oggetti fa parte della barra laterale, e consente di gestire i vostri database, i segnalibri, e la cronologia. Potete scegliere su quale database e su quale tabella effettuare la query, aggiungere query di uso comune alla collezione dei segnalibri, e navigare tra le query fatte precedentemente per riusarle in seguito. Browser delle Informazioni: Il Browser delle Informazioni fa parte della barra laterale, ed è usato per cercare le funzioni built-in, e per gestire query che contengono parametri. Un esempio di questo si ha quando si stabilisce una coppia di query master-detail. Il dato nella master query è disponibile come parametro alla detail query. La maggior parte di queste sezioni può essere visualizzata e nascosta usando il menu VISUALIZZA selezionando e deselezionando gli elementi che volete vedere. Ognuno di questi argomenti è trattato con maggior dettaglio nelle sezioni a seguire Barra delle Query Tutte le query, se generate automaticamente, graficamente o manualmente, appaiono nella Barra delle Query. Il modo più semplice per usare MySQL Query Browser è digitare una query nell'area delle query e cliccare sul pulsante Esegui. Non sono necessari terminatori di espressione come ; o \G I Pulsanti di Navigazione Sulla sinistra dell'area delle query ci sono i pulsanti di navigazione. I pulsanti di navigazione consentono di sfogliare la cronologia delle query in modo da poter rivedere e ri-eseguire una query effettuata precedentemente. La cronologia delle query è raggiungibile tramite il browser degli oggetti. Cliccando sul pulsante INDIETRO sarà caricata la query precedente nella cronologia, mentre cliccando sul pulsante AVANTI sarà caricata la query successiva. Soltanto le query eseguite con successo saranno aggiunte alla cronologia. Durante la navigazione con i pulsanti AVANTI e INDIETRO, le query visitate non saranno eseguite a meno che non si faccia clic sul pulsante ESEGUI. Il pulsante AGGIORNA ri-esegue l'ultima query eseguita, che essa sia o meno la query corrente nell'area delle query L'Area delle Query Nell'area delle query è visualizzato il testo di tutte le query e le espressioni. L'area delle query di default è alta tre righe e si espande automaticamente fino a un massimo di dieci righe in altezza. Per query maggiori di dieci righe, l'area delle query diventa scorribile. Per avere più spazio, potete premere il tasto F11 per massimizzare l'area delle query. Potete inoltre scegliere la voce MASSIMIZZA AREA DELLE QUERY del menu VISUALIZZA per massimizzare l'area delle query. Quando la query è massimizzata, compariranno i numeri di riga per la query; inoltre l'area delle query può essere ridimensionata cliccando e trascinando la linea che divide l'area delle query dall'area del risultato. Per ripristinare l'area delle query, potete premere nuovamente il tasto F11. Figura 4.2. L'area delle query espansa a dieci righe Facendo clic con il tasto destro sull'area delle query sono disponibili i seguenti comandi: TAGLIA (Ctrl+X), COPIA (Ctrl+C), INCOLLA (Ctrl+V), CANCELLA (Ctrl+N), APRI QUERY... (Ctrl+O), e SALVA QUERY COME... (Ctrl+S). I comandi Apri e Salva caricano il contenuto di un file SQL nell'area delle query o salvano il contenuto dell'area delle query in un file di testo I Pulsanti delle Azioni 7

14 Una panoramica di MySQL Query Browser Sul lato destro dell'area delle query ci sono i pulsanti delle azioni. Il pulsante ESEGUI esegue ogni query presente nell'area delle query, mentre il pulsante STOP ne interrompe l'esecuzione. Se cliccate sulla freccia-giù che si trova sotto il pulsante ESEGUI, avrete tre possibili opzioni di esecuzione: ESEGUI (Ctrl+Invio): Esegue la query e ne visualizza il risultato nell'area dei risultati attiva. ESEGUI IN UNA NUOVA LINGUETTA (Ctrl+Shift+Invio ): Esegue la query e crea una nuova area dei risultati dove visualizzare i risultati. DIVIDI LINGUETTA ED ESEGUI (Ctrl+Alt+Invio ): Divide l'area dei risultati orizzontalmente e verticalmente, quindi visualizza i risultati nella metà inferiore dell'area. Alla destra dei pulsanti delle azioni trovate l'indicatore di stato. L'indicatore di stato mostra il logo standard di MySQL se MySQL Query Browser è inattivo, mentre visualizza un logo animato se MySQL Query Browser sta elaborando una query. Potete vedere entrambe le icone nella seguente illustrazione: Figura 4.3. Le icone di stato di MySQL Query Browser 4.3. La Barra degli Strumenti Avanzati Al di sotto della barra delle query trovate la Barra degli Strumenti Avanzati. La Barra degli Strumenti Avanzati contiene un insieme di pulsanti per controllare le transazioni, per gestire e costruire le query. Figura 4.4. La Barra degli Strumenti Avanzati Il pannello di sinistra della barra degli strumenti avanzati contiene i pulsanti di controllo delle transazioni. Da sinistra a destra, i pulsanti vi permettono di avviare, consegnare e annullare una transazione. Analogamente all'uso della riga di comando, potete usare le transazioni soltanto con i gestori di tabelle che le supportino (ad esempio InnoDB). Potete trovare maggiori informazioni sulle transazioni nel MySQL Reference Manual. Il pannello centrale fornisce i pulsanti per la gestione delle query. Il pulsante SPIEGA può essere usato per ottenere dal server l'output di EXPLAIN per la query corrente, mentre il pulsante CONFRONTA vi permette di confrontare i risultati delle due query. Il pannello successivo contiene i pulsanti per la creazione delle query. Potete usare questi pulsanti per creare visualmente una query, cliccando sulle tabelle e sulle colonne che volete coinvolgere nella vostra query, usando puntatori specializzati del mouse che indicano quale parte della query occupano i diversi campi e tabelle. Il pannello di destra contiene il pulsante CREATE VIEW. Trovate maggiori informazioni sul pulsante CREA VISTA nella sezione Creare le Viste L'Area dei Risultati Tutti i risultati delle query compaiono nell'area dei risultati. All'interno di quest'area potete usare più linguette, e le aree individuali dei risultati possono essere divise sia verticalmente, sia orizzontalmente. E' possibile creare nuove linguette sia scegliendo l'opzione ESEGUI IN NUOVA LINGUETTA nella barra delle query, sia cliccando sul pulsante NUOVA LINGUETTA in cima all'area dei risultati. Inoltre potete fare clic destro sull'area dei risultati corrente e scegliere l'opzione AGGIUNGI NUOVA LINGUETTA (CTRL+T). Le singole linguette possono essere chiuse cliccando con il tasto destro del mouse e scegliendo l'opzione RIMUOVI LINGUETTA, oppure 8

15 Una panoramica di MySQL Query Browser cliccando sulla icona a forma di X nella linguetta che desiderate chiudere. Per dividere un'area dei risultati, fate clic destro su di essa e scegliege l'opzione DIVIDI LINGUETTA VERTICALMENTE oppure DIVIDI LIN- GUETTA ORIZZONTALMENTE. Dopo aver diviso l'area dei risultati potete selezionare una delle due metà e visualizzare in essa i risultati. Potete rimuovere una sezione dell'area dei risultati facendo clic destro su di essa e scegliendo l'opzione RIMUOVI RISULTATI. Quando navigate in un insieme di risultati particolarmente ampio, potete premere il tasto F12 per massimizzare l'area dei risultati. Potete anche scegliere l'opzione MASSIMIZZA LINGUETTE del menu VISUALIZZA. Premere nuovamente il tasto F12 riporterà l'area dei risultati alle sue dimensioni originali. L'area dei risultati può essere usata per riesaminare e modificare i risultati di una query. La modifica è permessa se la query si basa su una singola tabella e se ci sono abbastanza informazioni chiave per identificare univocamente le righe. Per modificare il contenuto dell'area dei risultati dovete abilitare la modalità modifica usando il pulsante MODIFICA in fondo all'area dei risultati. Le modifiche non sono applicate immediatamente; al contrario, dovete cliccare sul pulsante APPLICA MODIFICHE situato accanto al pulsante MODIFICA. Cliccando sul pulsante SCARTA MODIFICHE perderete tutti i cambiamenti effettuati sui dati Il Browser degli Oggetti Il browser degli oggetti vi permette di navigare tra i database del vostro server, tra i segnalibri e nella cronologia delle query Il Browser dei Database Il browser dei database (schemi) è la schermata principale del browser degli oggetti. Potete usare il browser dei database non solo per scegliere tabelle e campi per le query, ma anche per modificare tabelle, creare e cancellare tabelle e database. Il browser dei database può essere usato per impostare il database di default, operazione necessaria prima che possiate effettuare query sulle tabelle. Figura 4.5. Il browser dei database 9

16 Una panoramica di MySQL Query Browser Il database di default corrente sarà sempre contrassegnato dal testo in grassetto. Per cambiare il database di default, fate clic destro sul database desiderato e scegliete l'opzione RENDI SCHEMA DI DEFAULT, oppure fate doppio clic sul database desiderato. Potete filtrare i database visualizzati usando la barra di ricerca in cima al browser dei database. Durante la digitazione nella barra di ricerca, i database non corrispondenti vengono nascosti dalla visualizzazione. Potete pulire la barra di ricerca cliccando sul pulsante X sul lato destro della barra di ricerca. Saranno nuovamente visualizzati tutti i database. Potete specificare quali oggetti filtrare cliccando sull'icona a forma di clessidra sul lato sinistro della barra di ricerca e scegliendo l'opzione appropriata. Le opzioni includono Schemata, Schema Assets, Columns/Indices e Custom Selection. Per vedere le tabelle di un database, le stored procedure e le view, cliccate sulla freccia nera alla sinistra del nome del database. Potete vedere le colonne di una tabella cliccando sulla freccia nera alla sinistra del nome della tabella. Le colonne appartenenti a una chiave primaria hanno una piccola icona a forma di chiave alla sinistra del loro nome, altrimenti hanno un'icona con un diamante blu. Quando cliccate sulla freccia nera alla sinistra di una view, vengono mostrate le colonne che formano la view. Quando cliccate sulla freccia nera alla sinistra di una stored procedure o di una stored function, vengono mostrati gli argomenti della stored procedure o della stored function. Per creare un nuovo database, fate clic destro all'interno del browser dei database e scegliete l'opzione CREATE NEW SCHEMA. Per creare una nuova tabella, fate clic destro all'interno del database al quale volete aggiungere la tabella e scegliete l'opzione CREATE NEW TABLE. Per creare una nuova view, fate clic destro all'interno del database al quale volete aggiungere la view, e scegliete l'opzione CREATE NEW VIEW. Per creare nuove stored procedure o stored function, fate clic destro all'interno del database in questione e scegliete l'opzione CREATE NEW PROCEDURE / FUNCTION. Potete eliminare degli oggetti cliccando con il tasto destro sull'oggetto da eliminare e scegliendo l'opzione appropriata (DROP SCHEMA, DROP TABLE, etc.). Potete modificare un oggetto facendo clic destro su di esso e scegliendo l'opzione appropriata EDIT TABLE, EDIT VIEW, etc.). Quando scegliete l'opzione EDIT TABLE, comparirà il MySQL Table Editor con la tabella selezionata. Per maggiori informazioni su come modificare le tabelle, vedete The MySQL Table Editor. Quando scegliete un'opzione tra EDIT VIEW, EDIT FUNCTION, oppure EDIT PROCEDU- 10

17 Una panoramica di MySQL Query Browser RE, compariranno le espressioni CREATE VIEW, CREATE PROCEDURE, oppure CREATE FUNCTION in una nuova linguetta, usando lo Script Editor. E' possibile modificare tutte le funzioni/procedure del server in una volta, scegliendo l'opzione EDIT ALL STORED PROCEDURES / FUNCTIONS dal menu SCRIPT. Se avete bisogno dell'espressione CREATE per qualche oggetto, fate clic destro sull'oggetto e scegliete l'opzione COPY SQL TO CLIP- BOARD. L'espressione CREATE appropriata sarà copiata negli appunti, e potrà essere usata per ricreare l'oggetto selezionato. Nota Con il comando COPY SQL TO CLIPBOARD viene creato soltanto l'oggetto stesso, le espressioni necessarie a popolare l'oggetto non saranno create Il Browser dei Segnalibri Potete inserire nei segnalibri le query più usate, in modo da recuperarle velocemente e riutilizzarle in seguito. Per aggiungere una query ai segnalibri, selezionatela e trascinatela dall'area delle query nel browser dei segnalibri. I vostri segnalibri possono essere organizzati in cartelle e sottocartelle per aiutarvi nella gestione delle query. Per aggiungere una nuova sottocartella, fate clic destro su una cartella esistente e scegliete l'opzione CREATE BOOKMARK FOLDER. Potete cancellare i segnalibri e le cartelle facendo clic destro su di essi e scegliendo l'opzione DELETE ITEMS. Dopo aver confermato l'azione, esse saranno cancellate dalla vostra lista dei segnalibri. Avvertimento Se cancellate una cartella, cancellerete anche tutti gli elementi e le sottocartelle contenuti in essa Il Browser della Cronologia Con il browser della cronologia potete navigare tra tutte le query effettuate precedentemente. Per espandere le query di un dato giorno, fate doppio clic sul giorno. Per caricare un elemento della cronologia nell'area delle query, fate doppio clic su di esso o trascinatelo nell'area delle query. Potete cancellare elementi dalla cronologia facendo clic destro su di essi e scegliendo l'opzione DELETE SELECTED HISTORY ENTRIES dal menu a tendina. Potete anche usare l'opzione CLEAR HISTORY per cancellare tutti gli elementi della cronologia. Potete creare segnalibri a partire da elementi della cronologia facendo clic destro su un elemento selezionato della cronologia e scegliendo l'opzione dei menu ADD HISTORY ITEM AS BOOKMARK Il Browser delle Informazioni Il browser delle informazioni fornisce accesso a tutte le informazioni non direttamente legate ai dati effettivi contenuti all'interno del vostro database. Il browser dei parametri fornisce diversi parametri locali, globali e dinamici, che possono aiutarvi a costruire le vostre query, mentre il browser della sintassi fornisce una pratica consultazione della sintassi delle query MySQL. Il browser delle funzioni fornisce un riferimento rapido alle varie funzioni costruite in MySQL. Il browser delle transazioni elenca tutte le query che compongono una singola transazione, e funge da cronologia per una singola transazione Il Browser della Sintassi Il browser della sintassi fornisce uno strumento di consultazione rapida per determinare la sintassi corretta da usare quando costruite le query. Facendo doppio clic sui vari tipi di sintassi (SELECT, REPLACE, e così via) potete ottenere le informazioni usando il sistema di aiuto in linea. Le informazioni di consultazione compaiono in una nuova linguetta all'interno dell'area dei risultati. Per espandere una data categoria di sintassi, fate doppio clic sull'intestazione della categoria Il Browser delle Funzioni Il browser delle funzioni fornisce uno strumento di consultazione rapida d'uso delle funzioni precostruite del server MySQL. Facendo doppio clic sulle varie funzioni potete richiamare le informazioni di riferimento usando il sistema di aiuto in linea. Per espandere una determinata categoria di funzioni, fate doppio clic sull'intestazione della categoria. 11

18 Una panoramica di MySQL Query Browser Le informazioni di riferimento sono visualizzate in una nuova linguetta all'interno dell'area dei risultati Il Browser dei Parametri Il browser dei parametri contiene tutti i parametri locali, globali, e dinamici che possono essere inclusi nelle vostre query. I parametri locali influiscono soltanto sulla query nella finestra delle query corrente. I parametri globali influiscono su tutte le query. I parametri dinamici sono generati automaticamente a partire dalle query esistenti. Le categorie dei parametri possono essere mostrate o nascoste cliccando sulle intestazioni GLOBAL PARAMS, LOCAL PARAMS e DYNA- MIC PARAMS. Per modificare il valore di un parametro, cliccate sul valore e premete il tasto F2, oppure fate doppio clic sul valore. Per aggiungere un nuovo parametro, fate clic destro all'interno del browser dei parametri e scegliete l'opzione ADD PARAMETER. Per cancellare un parametro, cliccate sul parametro e scegliete l'opzione DELETE PARAMETER. Per trasformare un parametro locale in un parametro globale, fate clic destro sul parametro e scegliete l'opzione MOVE PARAMETER TO GLOBAL PARAMETERS Il Browser delle Transazioni Il browser delle transazioni fornisce una lista di tutte le espressioni che sono state eseguite nella transazione corrente. Se avviate una transazione premendo il pulsante di controllo delle transazioni, comparirà il browser delle transazioni L'Editor degli Script L'editor degli script (Script Editor) fornisce un'interfaccia alternativa utile quando si ha a che fare con grossi script SQL che coinvolgono espressioni SQL multiple. Figura 4.6. L'Editor degli Script 12

19 Una panoramica di MySQL Query Browser L'editor degli script compare all'interno di una singola linguetta nell'area dei risultati (Result Area). Quando una linguetta dell'editor degli script è attiva, i pulsanti della barra degli strumenti avanzata (Advanced Toolbar) vengono sostituiti con pulsanti di debug dello script. Per aprire uno script nell'editor degli script, scegliete l'opzione OPEN SCRIPT... dal menu FILE. Potete anche premere la combinazione di tasti Ctrl + O per aprire uno script SQL. To create a new Script Editor window without loading a script, choose the NEW SCRIPT TAB option from the FILE menu. Se incontrate problemi con i set di caratteri (per esempio, caratteri spagnoli accentati, caratteri cinesi o russi non visualizzati correttamente), ecco qualche suggerimento: Evitate la codifica ANSI nei vostri script. Piuttosto che usare ANSI, salvate gli script nella codifica UTF-8. Fate attenzione quando caricate script generati da altri programmi. Molti programmi salvano i file con la codifica ANSI; questo impone l'apertura nel Query Browser come ANSI (vedete la casella combinata FILES OF TYPE nella finestra di dialogo d'apertura dei file): Evitate la codifica ANSI nei vostri script. Piuttosto che usare ANSI, salvate gli script nella codifica UTF-8. Fate attenzione quando caricate script generati da altri programmi. Molti programmi salvano i file con la codifica ANSI; questo impone l'apertura nel Query Browser come ANSI (vedete la casella combinata FILES OF TYPE nella finestra di dialogo Open File): Figura 4.7. La finestra di dialogo d'apertura dei file 13

20 Una panoramica di MySQL Query Browser Comunque, a causa delle limitazioni dovute ad ANSI, quando caricate i suddetti file la localizzazione di sistema deve essere la stessa della macchina sulla quale è stato creato il file. Quindi non potete salvare uno script in ANSI su una versione francese di Windows ed aspettarsi che sia caricata correttamente su una versione spagnola di Windows. A causa di questa ed altre limitazioni, raccomandiamo vivamente di usare sempre Unicode per gli script. Non importa se usiate UTF-8 o UTF-16, poiché entrambi sono formati di trasformazione Unicode, e possono essere letti correttamente da qualsiasi interfaccia grafica per MySQL. Usando UTF, potete anche scrivere testo in spagnolo con commenti in cinese su una versione tedesca di Windows. Il forum di MySQL Query Browser fornisce molti contributi da utenti di charset diversi da Latin1; vedete I Pulsanti di Debugging degli Script Nello Script Editor sono disponibili i seguenti pulsanti: Execute: Esegue lo script a partire dall'inizio e non termina l'esecuzione finché non è raggiunta la fine dello script. Continue: Esegue lo script a partire dall'inizio (o dalla posizione corrente) e si ferma in caso di errori o di punti di interruzione. Step: Esegue l'istruzione successiva, le funzioni saranno eseguite ma non discende in essa. Pause: Interrompe l'esecuzione dello script ed evidenzia l'istruzione successiva da eseguire. 14

21 Una panoramica di MySQL Query Browser Stop: Interrompe l'esecuzione dello script L'Area degli Script Nella Script Area compare lo script corrente che si sta modificando. Per facilitare il lavoro con gli script, l'area degli Script mette in evidenza la numerazione delle righe e l'evidenziazione della sintassi. Le linee dello script contrassegnate con un punto blu alla loro sinistra possono essere usate come punti di interruzione. Per impostare una riga come punto di itnerruzione, cliccate sul punto blu. Potete anche creare un punto di interruzione posizionando il cursore sulla riga interessata e scegliere l'opzione TOGGLE BREAKPOINT dal menu SCRIPT. Per eliminare tutti i punti di interruzione, scegliete l'opzione REMOVE ALL BREAKPOINTS dal menu SCRIPT. Per eseguire una selezione delle espressioni, evidenziate le espressioni che intendete eseguire e scegliete l'opzione EXECUTE SELECTION dal menu SCRIPT. 15

22 Capitolo 5. Usare il MySQL Query Browser In questo capitolo approfondiremo la conoscenza degli strumenti messi a disposizione dal MySQL Query Browser attraverso esempi di uso pratico Inserire e Modificare Manualmente le Query Il compito più comune eseguito con il query browser è quello di eseguire query ed analizzare i loro risultati. Il modo più diretto per creare una query è digitarla direttamente nell'area delle query. Durante la digitazione della query, le porzioni di sintassi SQL della query (SELECT, FROM, WHERE,e così via) sono evidenziate in blu. Durante la digitazione della query, l'area delle query si espanderà da un minimo di tre righe a un massimo di dieci righe in altezza. Per avere spazio aggiuntivo, potete premere il tasto F11, in modo da massimizzare l'area delle query. Allo stesso scopo potete scegliere la voce MAXIMIZE QUERY AREA dal menu VIEW. Quando la query è massimizzata, saranno visualizzati i numeri di riga per la query, e l'area delle query potrà essere ridimensionata cliccando e trascinando la linea che divide l'area delel query dall'area dei risultati. Per ripristinare l'area delle query, premete nuovamente il tasto F11. Una volta che avete inserito una query nell'area delle query, cliccate sul pulsante EXECUTE; il risultato della query sarà visualizzato nell'area dei risultati. Per eseguire la query, potete anche premere la combinazione di tasti Ctrl+ Invio. In caso di errori, comparirà un'area degli errori in fondo all'area dei risultati, che visualizzerà i messaggi d'errore rilevanti, e i numeri d'errore. In aggiunta al caricamento dei risultati delle query nell'area dei risultati corrente, potete anche creare una nuova area dei risultati o dividere l'area dei risultati corrente e caricare i risultati nella nuova sezione. Per eseguire la query e caricare i risultati in una nuova area, cliccate sulla freccia verso il basso al di sotto del pulsante EXECUTE e scegliete l'opzione EXECUTE IN NEW TAB oppure premete Ctrl+Shift+Invio. Per separare l'area dei risultati attiva e visualizzare i risultati delle query, cliccate sulla freccia verso il basso al di sotto del pulsante EXE- CUTE e scegliete l'opzione SPLIT TAB AND EXECUTE o premete Ctrl+Alt+Invio. Dovete stabilire un database di default prima di poter eseguire query su tabelle specifiche (senza database di default potete comunque eseguire query che non fanno riferimento a tabelle). Potete stabilire il database di default nella schermata di connessione, o facendo clic destro su un database nel browser dei database e scegliendo MAKE DEFAULT SCHEMA, o scegliendo l'opzione CHANGE DEFAULT SCHE- MA dal menu FILE Creare le Query Una delle funzionalità di MySQL Query Browser è la possibilità di creare query. Questo vi consente di selezionare dal browser dei database le colonne e le tabelle dalle quali volete eseguire le query, ed avere una query costruita automaticamente sulla base delle vostre scelte. Il primo passo per creare una query è scegliere una tabella su cui eseguire la query. Cliccate e trascinate la tabella su cui volete eseguire la query nell'area delle query per iniziare una query. Per esempio, trascinando la tabella City nell'area delle query, verrà aggiunto SE- LECT * FROM City C nell'area delle query. Potete inoltre fare doppio clic su una tabella per iniziare una nuova query SELECT. Figura 5.1. Lo strumento per le tabelle Quando scegliete una tabella dal browser dei database e la trascinate sull'area delle query, comparirà uno strumento per le tabelle con alcune azioni per la composizione delle tabelle. Rilasciate la tabella che state trascinando sull'azione desiderata, e la query sarà modificata di conseguenza. Sono possibili le seguenti azioni: SELECT sostituisce l'espressione corrente con una query SELECT contenente la tabella trascinata Add Table aggiunge la tabella trascinata alla lista di tabelle nella query SELECT corrente 16

23 Usare il MySQL Query Browser JOIN Table: Se è già presente una query SELECT nel box delle query, con una tabella all'interno, saranno aggiunte la nuova tabella trascinata e la proposizione WHERE per eseguire una JOIN LEFT OUTER JOIN è come la precedente, ma effettua una LEFT OUTER JOIN in luogo della JOIN UPDATE sostituisce l'espressione corrente con una espressione UPDATE contenente la tabella trascinata INSERT sostituisce l'espressione corrente con una espressione INSERT contenente la tabella trascinata DELETE sostituisce l'espressione corrente con una espressione DELETE contenente la tabella trascinata Le tabelle saranno unite a partire da nomi di colonna uguali per le tabelle MyISAM e da informazioni di foreign key per le tabelle MyI- SAM. Dopo che una tabella è stata selezionata, potete scegliere delle colonne specifiche su cui eseguire query; cliccate sul pulsante SELECT dai pulsanti per la creazione di query sulla barra dei pulsanti. Il puntatore del mouse cambia in un puntatore Select, che potete usare per scegliere le colonne dal browser dei database. Per esempio, cliccando sui campi Id, Name e Country del database di esempio world, sarà creata la query SELECT C.Id, C.Name, C.Country FROM City C nell'area delle query. Una volta che avete scelto le colonne su cui eseguire le query, potete usare gli altri pulsanti per creare query per completare la vostra query con le proposizioni WHERE, GROUP BY e ORDER BY. Quando viene aggiunta una nuova sezione della query con i pulsanti di creazione delle query, il cursore viene spostato nell'area delle query per permettere la modifica; se cliccate su un campo con il puntatore WHERE, il cursore sarà posizionato in modo da inserire i dettagli della proposizione WHERE. Potete alternare i diversi puntatori di creazione delle query cliccando sui pulsanti di creazione delle query nella barra dei pulsanti, oppure usando la combinazione dei tasti Ctrl+Alt e la prima lettera del puntatore che volete usare (Ctrl+Alt+S per SELECT, Ctrl+Alt+W per WHERE, e così via). Se non sono visibili i pulsanti di creazione delle query, sarà possibile visualizzarli attraverso le Opzioni del Browser. Vedete Sezione 7.5.1, «Opzioni di Visualizzazione (Display Options)» per maggiori informazioni Creare le Viste Il modo più semplice per creare una vista usando MySQL Query Browser è usare il pulsante CREATE VIEW. Eseguite una query che rappresenta la vista che volete creare. Dopo che la query sarà stata eseguita, cliccate sul pulsante CREATE VIEW, inserite un nome per la vista, e la vista è creata Navigare tra i Risultati all'interno dell'area dei Risultati Dopo aver correttamente eseguito una query, potete visualizzare e manipolare i risultati all'interno dell'area dei risultati. Potete navigare nell'area dei risultati usando i tasti freccia, il tasto tab e i tasti PaginaSu/PaginaGiu. I tasti Home ed End possono essere usati per spostarsi alla prima e all'ultima colonna in una data riga. La vostra posizione corrente nell'insieme dei risultati compare nell'angolo in basso a sinistra della finestra dell'applicazione. I pulsanti FIRST e LAST in fondo all'area dei risultati possono essere usati per spostarsi sulla prima e sull'ultima riga dell'insieme dei risultati. I dati NULL saranno indicati con una speciale icona NULL per differenziare i dati NULL dalle stringhe vuote. I campi BLOB saranno vuoti e avranno l'icona speciale BLOB. Quando navigate in un insieme di risultati particolarmente grande, potete premere il tasto F12 per massimizzare l'area dei risultati. Allo stesso scopo potete scegliere l'opzione MAXIMIZE TABSHEETS dal menu VIEW. Premendo nuovamente il tasto F12 riporterete l'area dei risultati alle sue dimensioni originarie. Per cercare uno specifico valore tra i risultati, cliccate sul pulsante SEARCH. Per avere ulteriori opzioni di ricerca, cliccate sul pulsante DETAILS >>. Saranno così disponibili le seguenti opzioni: Case Sensitive: Esegue la ricerca ignorando le differenze tra lettere maiuscole e lettere minuscole. Per default, le ricerche non sono case-sensitive. Whole Words Only: La ricerca non consente corrispondenze parziali. Per default, le corrispondenze parziali sono consentite (cioè digitando Edm, Edmonton sarà una corrispondenza valida). 17

24 Usare il MySQL Query Browser Search From Top: La ricerca inizia a partire dalla prima riga dei risultati. Search From Cursor: La ricerca inizia dalla riga corrente. Search all Text / Columns: La ricerca coinvolge tutte le colonne dell'insieme dei risultati. Search Only in Selected Text / Column: La ricerca coinvolgerà solamente la colonna (o le colonne) selezionata nell'insieme dei risultati. Search Up: La ricerca inizierà a partire dal punto di partenza designato, e continuerà verso l'alto. Search Down: La ricerca inizierà a partire dal punto di partenza designato, e continuerà verso il basso. Per eseguire un'operazione di ricerca e sostituizione su un insieme di risultati, cliccate sulla linguetta Replace nella finestra di dialogo di ricerca. Le opzioni per eseguire un'operazione di sostituzione sono le stesse per la ricerca. Per sostituire una singola occorrenza di una stringa, cliccate sul pulsante REPLACE. Per sostituire tutte le occorrenze di una stringa, cliccate sul pulsante REPLACE ALL Esportare i Risultati Potete esportare qualsiasi insieme di risultati di MySQL Query Browser facendo clic destro sui risultati e scegliendo una delle opzioni del sotto-menu EXPORT RESULTSET. Potete scegliere di esportare i risultati nei formati CSV, XML, HTML, Microsoft Excel XLS o PLI- ST Gestire le Colonne BLOB e TEXT MySQL Query Browser fornisce delle funzionalità per trattare le colonne BLOB e TEXT attraverso una serie di icone speciali. Figura 5.2. Le icone per la gestione di colonne BLOB Queste icone appaiono in una qualsiasi colonna BLOB o TEXT nei vostri risultati. Da sinistra a destra, sono disponibili le seguenti icone: Open File: Questa icona ha l'aspetto di una cartella per file, ed è usata per aprire un file da caricare nel campo. View: Questa icona ha l'aspetto di una lente di ingrandimento, ed è usata per aprire il visualizzatore di campi per vedere il contenuto del campo. Il visualizzatore di campi può essere usato per visualizzare i campi TEXT e BLOB che contengono immagini. Edit: Questa icona ha l'aspetto di una matita e apre il visualizzatore di campi in modalità modifica, permettendovi di effettuare dei cambiamenti ai dati ed applicare le modifiche sull'insieme dei risultati. Save: Questa icona ha l'aspetto di un disco floppy, ed è usata per salvare il contenuto di un campo TEXT o BLOB in un file. Clear: Questa icona ha l'aspetto di una X rossa in un rettangolo rosso, ed è usata per cancellare il contenuto di un campo TEXT o BLOB. Se non avete abilitato la modifica dell'insieme di record, saranno visibili soltanto le icone View e Save. Vedete Sezione 5.7, «Modificare gli Insiemi di Risultati al'interno dell'area dei Risultati» per informazioni su come modificare gli insiemi di risultati. Le funzioni rappresentate dalle icone sono dispobili anche facendo clic destro sul campo. E' possibile visualizzare e nascondere l'icona BLOB attraverso le opzioni di visualizzazione. Vedete Sezione 7.5.1, «Opzioni di Visualizzazione (Display Options)» per maggiori informazioni Modificare gli Insiemi di Risultati al'interno dell'area dei Risultati Quando una query è basata su una sola tabella, con informazioni sufficienti, i risultati possono essere modificati all'interno dell'area dei risultati. Per modificare dei risultati, cliccate sul pulsante EDIT. Se il pulsante EDIT non è attivo, i vostri risultati non saranno modifica- 18

25 Usare il MySQL Query Browser bili. Dopo essere entrati nella modalità modifica, potete inserire, aggiornare e cancellare le righe dai risultati in maniera visuale. Navigate nei campi con i tasti freccia e Tab, e premete Invio per modificare il contenuto di un campo. Potete anche fare doppio clic su un campo per renderlo modificabile. Quando modificate un campo, usate il tasto tab per muovervi sul campo modificabile successivo. Tutti i campi modificati sono evidenziati in blu per essere facilmente riconosciuti. Per aggiungere righe all'insieme dei risultati, scorrete fino alla riga bianca in fondo all'area dei risultati e riempite i campi. Tutte le nuove righe saranno evidenziate in verde. Per cancellare una riga, fate clic destro sulla riga e scegliete l'opzione DELETE ROW. Tutte le righe cancellate saranno evidenziate in rosso. I cambiamenti effettuati sull'insieme dei risultati non saranno applicati immediatamente, ma al contrario saranno memorizzati finché non sarà premuto il tasto APPLY CHANGES. Potete annullare tutte le modifiche con il pulsante DISCARD CHANGES. Uscire dalla modalità modifica senza scegliere di applicare o di scartare le modifiche comporterà la richiesta di applicare o di scartare il lavoro appena svolto Comparare i Risultati Potete confrontare graficamente i risultati con MySQL Query Browser; in questo modo potrete facilmente determinare quali righe siano state inserite, aggiornate o cancellate. Per confrontare due insiemi di risultati, eseguite la prima delle query di cui volete confrontare i risultati. Dopo aver caricato i risultati, cliccate con il tasto destro sui risultati e scegliete l'opzione SPLIT TAB HORIZONTALLY. Caricate la vostra seconda query nella nuova sezione dell'area dei risultati e cliccate sul pulsante COMPARE per confrontare i due risultati. Quando attivate la modalità confronto, gli insiemi di risultati scorreranno assieme, sia verticalmente, sia orizzontalmente. Le righe verranno confrontate, e saranno aggiunte righe bianche quando un insieme ha delle righe che nell'altro insieme mancano. Se uno degli insiemi di risultati ha una riga che non compare nell'altro insieme di risultati, la suddetta riga sarà evidenziata in verde. Nell'altro insieme di risultati sarà inserita una riga vuota, evidenziata in rosso. Se entrambi gli insiemi hanno una riga che corrisponde, ma i singoli campi sono diversi, questi campi saranno evidenziati in rosso. Per poter confrontare correttamente due insiemi di risultati, avete bisogno di due query con i nomi e l'ordine delle colonne uguali. Affinché MySQL Query Browser possa fare i confronti, è necessaria soltanto la chiave primaria nelle tabelle su cui si basano i dati Creare le Viste Master-Detail MySQL Query Browser rende facile visualizzare i dati che sono in relazioni master-detail (uno a molti). Questo piò essere utile per esaminare dati cliente/ordine, gruppo/membro e così via. Per avere una vista master-detail, prima fate una query alla tabella master in una nuova area dei risultati. Per esempio, usando il database di esepio world, potete eseguire una query come SELECT Code, Name, Continent FROM Country. Dopo aver creato l'insieme dei risultati master, fate clic destro sull'area dei risultati e scegliete l'opzione SPLIT TAB VERTICALLY. Per la query detail, create una query che usa i parametri dinamici disponibili nella query master. In questo esempio potremmo fare una query nella tabella City, ad esempio:select Id, Name FROM City WHERE Country = :Code. Il simbolo dei due punti informa MySQL Query Browser che state aggiungendo un parametro dinamico; dovrebbe quindi apparire nell'area delle query una lista dei parametri disponibili, che vi permetterà di scegliere un parametro usando i tasti freccia. Potete anche digitare il nome del parametro che volete usare per collegare la query detail. Figura 5.3. La lista di parametri dinamici 19

26 Usare il MySQL Query Browser Dopo che avete eseguito la query detail, essa verrà aggiornata automaticamente ogni volta che cambiate la riga attiva nella query master, consentendovi di vedere tutte le righe detail mentre nagigate nell'insieme dei risultati master. Potete ripetere questo processo, dividendo più volte l'area dei risultati in parti minori; in questo modo avrete più insiemi di risultati detail Gestire le Stored Procedure e Stored Functions con MySQL Query Browser Il MySQL Query Browser supporta Stored Procedures e Stored Functions se usato con MySQL 5 o superiore. E' possibile creare, modificare e visualizzare stored procedure e stored function. Le stored procedure e le stored function sono contrassegnate, nel browser dei database, con una icona speciale per distinguerle dalle normali tabelle e viste. Cliccate sulla freccia situata alla sinistra di una stored procedure o di una stored function per visualizzare la lista di parametri per la suddetta procedura o funzione. Figura 5.4. Stored procedure nel browser dei database Per modificare una stored procedure o una stored function, fate clic destro su di essa nel browser dei database e scegliete l'opzione EDIT PROCEDURE oppure EDIT FUNCTION. Questo aprirà una nuova linguetta dell'editor degli script, contenente la procedura o la funzione scelte. Dopo che avrete finito di modificarla, cliccate sul pulsante EXECUTE al di sopra dell'area degli script, oppure cliccate sull'opzione EXECUTE del menu SCRIPT per aggiornare la procedura o la funzione. Per creare una nuova stored procedure o function, scegliete l'opzione CREATE STORED PROCEDURE / FUNCTION dal menu SCRIPT. Inserite il nome della procedura o della funzione e cliccate sul pulsante CREATE PROCEDURE o CREATE FUNCTION. Verrà creato un modello simile al seguente: DELIMITER \\ DROP PROCEDURE IF EXISTS `test`.`new_proc`\\ CREATE PROCEDURE `test`.`new_proc` () BEGIN END\\ 20

27 Usare il MySQL Query Browser DELIMITER ; Dopo aver inserito il codice della procedura/funzione, per crearla cliccate sul pulsante EXECUTE al di sopra dell'area degli script, oppure scegliete la voce EXECUTE del menu SCRIPT. Per modificare tutte le stored procedure/function in una sola volta, scegliete l'opzione EDIT ALL STORED PROCEDURES / FUNCTIONS dal menu SCRIPT. Comparirà una nuova linguetta per la modifica degli script, contenente tutte le stored procedure e le stored function per il database di default corrente. Per cancellare una stored procedure o una stored function esistente, fate clic destro su di essa nel browser dei database e scegliete l'opzione DROP PROCEDURE oppure DROP FUNCTION Modificare le Query con uno Strumento di Sviluppo MySQL Query Browser, allo scopo di aiutare i programmatori ad ottimizzare e correggere le proprie query, può copiare le query dal codice delle applicazioni usando il vostro IDE preferito. Questa funzionalità è presente unicamente nella versione per windows di MySQL Query Browser. Useremo il seguente codice PHP come esempio: $SQL = "SELECT Id, Name, Country FROM City". "WHERE Name LIKE $cityname"; Per copiare il listato nel MySQL Query Browser, copiate il blocco di codice (inclusa la porzione di assegnazione), fate clic destro all'interno dell'area delle query di MySQL Query Browser, e scegliete l'opzione PASTE CLIPBOARD CONTENT AS PHP CODE. Le porzioni dell'area selezionata che non fanno parte della query saranno cancellate, e la query sarà incollata nell'area delle query. Gli elementi dinamici della query saranno convertiti in parametri locali, visibili nel browser dei parametri: SELECT Id, Name, Country FROM City WHERE Name LIKE :cityname Per impostare il valore di un parametro locale, selezionate il valore nel browser dei parametri e premete il tasto F2. Potete anche fare doppio clic sul valore per modificarlo. Questo valore sarà usato quando eseguirete la query. Dopo aver modificato la query, fate clic destro all'interno dell'area delle query e scegliete l'opzione COPY QUERY AS PHP CODE. Il codice PHP circostante sarà reinserito lungo la query modificata. Questa funzionalità vi consente di modificare velocemente le query mentre programmate. 21

28 Capitolo 6. The MySQL Table Editor 6.1. Introduzione MySQL Table Editor è un componente comune a MySQL Query Browser ed a MySQL Administrator, che permette la creazione e la modifica visuale delle tabelle. E' possibile accedere a MySQL Table Editor da MySQL Query Browser cliccando con il tasto destro su una tabella all'interno del browser dei database e scegliendo l'opzione EDIT TABLE, oppure cliccando con il tasto destro su un database all'interno del browser e scegliendo l'opzione CREATE NEW TABLE. Da MySQL Administrator è possibile accedere a MySQL Table Editor tramite la schermata CATALOGS. Una volta che avete selezionato un database, cliccate con il tasto destro su una tabella e scegliete l'opzione EDIT TABLE dal menù a comparsa. In alternativa, potete selezionare una tabella e cliccare sul pulsante EDIT TABLE La finestra principale dell'editor La finestra di MySQL Table Editor contiene un'area di lavoro divisa in tre schede, alcune caselle per l'inserimento di informazioni generali, e tre pulsanti per le azioni. Potete modificare il nome della tabella ed il commento della tabella in qualsiasi momento, indipendentemente dalla scheda selezionata. Figura 6.1. MySQL Table Editor 22

29 The MySQL Table Editor L'area è divisa in tre schede: Columns and Indices: Utilizzate questa scheda per creare e modificare le informazioni sulle colonne e gli indici della tabella. Tramite questa scheda potete anche creare relazioni con FOREIGN KEY. Table Options: Utilizzate questa scheda per scegliere il motore di memorizzazione e l'indieme di caratteri predefinito usati da questa tabella. Advanced Options: Usate questa scheda per configurare opzioni avanzate, come la cartella di memorizzazione di ogni tabella, le opzioni MERGE e RAID, e le opzioni di lunghezza della riga/tabella. Ognuna di queste aree è discussa più avanti in dettaglio, nelle seguenti sezioni The Columns And Indices Tab La scheda Columns and Indices può essere usata per visualizzare e modificare tutte le informazioni su colonne ed indici della vostra tabella. Usando questa scheda, potete aggiungere, rimuovere, o modificare colonne o indici L'editor delle colonne Potete usare l'editor delle colonne per cambiare il nome, il tipo di dati, il valore predefinito, ed altre proprietà delle colonne della vostra tabella. Figura 6.2. L'editor delle colonne Per cambiare il nome, il tipo di dati, il valore predefinito o il commento di una colonna, fate doppio clic sul valore che volete cambiare. Il valore diventa modificabile e potete completare le vostre modifiche tramite il tasto Invio. Per modificare i flag su una colonna (UNSIGNED, BINARY, ASCII, e così via) selezionate e/o deselezionate i quadratini corrispondenti ad i flag che volete cambiare. A sinistra del nome della colonna vi è una icona che indica se la colonna è membro della chiave primaria. Se l'icona è una piccola chiave, quella colonna appartiene alla chiave primaria, altrimenti l'icona è un diamante blu. Per aggiungere o rimuovere una colonna dalla chiave primaria potete cliccare sull'icona L'area dettagli L'area dettagli della scheda Columns and Indices è divisa a sua volta in tre schede utilizzate per la modifica degli indici, delle chiavi esterne, ed altre informazioni varie che riguardano le vostre colonne La scheda Indices La scheda Indices contiente tutte le informazioni sugli indici della vostra tabella. Potete aggiungere, rimuovere, e modificare gli indici usando la scheda indices, insieme all'editor delle colonne. Figura 6.3. L'editor degli indici 23

30 The MySQL Table Editor Per aggiungere un indice, cliccate sul pulsante + (più) sotto la lista degli indici. MySQL Table Editor richiederà il nome dell'indice ed il nuovo indice verrà creato. Per eliminare un indice, selezionatelo e cliccate sul pulsante - (meno). Utilizzate le finestre di dialogo INDEX NAME ed INDEX KIND per modificare il nome ed il tipo (UNIQUE, FULLTEXT, e così via) dell'indice. Per aggiungere una colonna ad un indice, cliccate e trascinate la colonna nel riquadro INDEX COLUMNS, oppure selezionate la colonna che volete aggiungere e cliccate sul pulsante + (più) a destra del riquadro INDEX COLUMNS. Potete rimuovere una colonna da un indice selezionando la colonna e cliccando sul pulsante - (meno). Potete cambiare un indice in modo che si riferisca solo al prefisso di una colonna (come per i tipi di dati stringa CHAR e VARCHAR), selezionando la colonna indice nel riquadro INDEX COLUMNS e poi cliccando l'icona a freccia sulla destra del riquadro. Selezionate l'opzione SET INDEX COLUMN LENGTH dal menù a comparsa La scheda Foreign Keys La scheda Foreign Keys è divisa in due sezioni, una con una lista di chiavi esterne ed una con vari controlli per le impostazioni delle chiavi esterne. Per aggiungere una chiave esterna, cliccate sul pulsante + (più) sotto la lista delle chiavi esterne. MySQL Table Editor richiederà il nome e verrà creata la nuova chiave esterna. Per eliminare una chiave esterna, selezionatela e cliccate sul pulsante - (meno) sotto la lista delle chiavi esterne. Potete modificare il nome della chiave esterna e le sue azioni per ON DELETE, ON UPDATE, usando i controlli forniti nella sezione FOREIGN KEY SETTINGS della scheda. Per definire una relazione con una chiave esterna, selezionate una tabella dalla lista REF. TABLE. Le colonne che possono essere referenziate dalla chiave esterna sono elencate nell'area sotto; potete trascinare una colonna dall'editor delle colonne alla sezione COLUMN a sinistra della colonna che volete referenziare La scheda Column Details La scheda Column Details fornisce un'interfaccia per l'impostazione dei parametri di una colonna, senza l'utilizzo dell'interfaccia delle tabelle del editor delle colonne. Tutte le impostazioni disponibili nel Column Editor sono disponibili anche nella scheda Column Details; inoltre dalla scheda Column Details potete anche configurare il set di caratteri e la collation predefinita della colonna la scheda Table Options La scheda Table Options vi permette di cambiare il motore di memorizzazione ed il set di caratteri predefiniti per una tabella. I motori di memorizzazione disponibili sono elencati, insieme ad una breve descrizione delle funzionalità e dei punti di forza di ogni motore. Per cambiare il motore di memorizzazione di una tabella, cliccate sul radio button accanto al motore di memorizzazione desiderato. Per cambiare il set di caratteri o la collation di una tabella selezionate una nuova opzione dal menù a discesa degli insiemi di caratteri disponibili. 24

31 The MySQL Table Editor 6.5. La scheda Advanced Options La scheda Advanced Options viene utilizzata per configurare le opzioni che normalmente non vengono specificate dalla maggior parte degli utenti quando creano o modificano le tabelle. La scheda Advanced Options si divide in diverse sotto-sezioni, ognuna delle quali è descritta nelle sezioni successive di questo manuale. Le descrizioni della maggior parte delle opzioni impostabili tramite la scheda Advanced Options può essere trovata nella sezione CREATE TABLE del Manuale di riferimento MySQL La sezione Various La sezione Various della scheda Advanced Options contiene delle opzioni che vi permettono di impostare la funzione PACK KEYS, la password della tabella, il valore AUTO_INCREMENT di partenza, e la funzionalità di aggiornamento ritardato delle chiavi. L'AUTO_INCREMENT e l'aggiornamento ritardato delle chiavi, valgono solo per le tabelle MyISAM La sezione Row Options La sezione Row Options per configurare opzioni quali il formato delle righe, l'utilizzo del checksum, ed i parametri di misura delle righe per le tabelle larghe. Per impostare il formato della riga, scegliete il formato desiderato dalla lista a discesa. Si veda per maggiori informazioni sui diversi formati disponibili Questa opzione si applica solo alle tabelle MyISAM. Quando vi aspettate che una tabella diventi particolarmente grande, usate le opzioni AVG ROW LENGTH, MIN ROWS, e MAX ROWS per permettere a MySQL di sistemare meglio i vostri dati. Si veda per maggiori informazioni su come usare queste opzioni La sezione Storage Options La sezione Storage Options viene utilizzata per configurare un percorso personalizzato ad i file di memorizzazione delle tabelle e dei dati. Questa opzione vi può aiutare a migliorare l'integrità dei dati e le performance del server posizionando diverse tabelle su diversi dischi. Questa opzione è disponibile solo per le tabelle MyISAM e non è disponibile per i server in esecuzione su piattaforma Windows La sezione Merge Table Options La sezione Merge Table Options è usata per configurare le tabelle MERGE in MyISAM. Per creare una tabella MERGE, selezionate MERGE come motore di memorizzazione nella scheda Table Options e specificate successivamente le tabelle che volete unire nella finestra di dialogo UNION TABLES. Potete anche specificare l'azione che il server dovrebbe eseguire nel caso in cui gli utenti provassero ad eseguire una INSERT sulla tabella merge. Si veda per maggiori informazioni sulle tabelle MERGE La sezione Table RAID Settings La sezione Table RAID Settings vi permette di configurare il supporto RAID per le tabelle MyISAM. Il RAID permette ad i file di dati delle tabelle MyISAM di crescere oltre il limite dei 2GB/4GB di dimensione, imposto da alcuni sistemi operativi. Per maggiori informazioi sull'uso del support RAID con MyISAM, si veda Applicare le vostre modifiche I cambiamenti che fate con MySQL Table Editor non vengono applicati immediatamente, ma sono messi in coda per essere poi eseguiti una volta che avete smesso di effettuare le vostre modifiche. Per applicare le modifiche fatte, cliccate sul pulsante APPLY CHANGES. Apparirà la finestra di dialogo Confirm Table Edit. 25

32 The MySQL Table Editor Figura 6.4. La finestra di dialogo Confirm Table Edit Potete cliccare sul pulasnte EXECUTE per confermare i cambiamenti che avete apportato, o cliccare sul pulsante CANCEL per annullare l'applicazione dei cambiamenti (in questo caso la finestra del table editor viene visualizzata nuovamente con i vostri cambiamenti). Potete inoltre cliccare sul pulsante DISCARD CHANGES nella finestra principale di MySQL Table Editor per annullare tutti i cambiamenti che avete fatto. Potete anche copiare i cambiamenti proposti negli appunti per una successiva modifica; per fare questo, evidenziate le istruzioni AL- TER TABLE o CREATE TABLE, cliccate con il tasto destro e selezionate l'opzione COPY dal menu a comparsa. 26

33 Capitolo 7. Finestra di Dialogo Options 7.1. Introduction La finestra di dialogo Options vi permette di configurare i profili delle connessioni, le impostazioni generali del programma, ed altro. Potete aprire la finestra di dialogo Options tramite le seguenti operazioni: Nella finestra di dialogo connection cliccate sul pulsante... Nella finestra principale dell'applicazione scegliete la voce OPTIONS... dal menù TOOLS. Figura 7.1. La finestra di dialogo Options Nella barra laterale della finestra di dialogo, potete selezionare quale parte configurare. Ci sono tre pulsanti di azione nell'angolo in basso a destra della finestra: APPLY: Applica e salva i cambiamenti. DISCARD: Annulla qualsiasi camiamento che avete fatto. 27

34 Finestra di Dialogo Options CLOSE: Chiude la finestra di dialogo Options. Se non avete nè applicato nè annullato i cambiamenti, vi verrà chiesto di farlo Sezione General Options La sezione General Options vi permette di specificare una serie di impostazioni comuni a tutte le applicazioni grafiche MySQL. Store Window Positions: Quando un'applicazione viene avviata nuovamente, la sua finestra viene riposizionata esattamente come prima di esser stata chiusa. Show Tip of Day: Se selezionato, all'avvio del programma apparirà una finestra con il suggerimento del giorno. Store Passwords: Se selezionato, le password vengono salvate nel profilo di connessione dell'utente. Potete specificare il metodo di memorizzazione delle password: Plaintext: Le password vengono memorizzate senza essere criptate; ciò può essere insicuro. Obscured: Le password vengono criptate tramite un algoritmo debole. Questo metodo di memorizzazione è indipendente dal sistema operativo. OS Specific: Viene usato il metodo crittografico predefinito del il vostro sistema operativo. L'opzione predefinita è Plaintext. Language: Seleziona il linguaggio dell'interfaccia. Il valore predefinito è English. Default Font: Il carattere predefinito utilizzato per i testi mostrati nell'apllicazione. Data Font: Il carattere usato per mostrare i dati delle tabelle ed i risultati delle query. Code Font: Il carattere utilizzato per le query inserite dall'utente. Ignorelist: Se selezionate l'opzione Do Not Show This Message Again quando vi viene segnalato un errore o una informazione particolare, queste segnalazioni vengono aggiunte nella lista. Se volete che un determinato messaggio venga mostrato nuovamente, cliccate sul pulsante REMOVE dopo aver selezionato il messaggio dalla lista. Potete cambiare qualsiasi carattere e la sua dimensione cliccando sul pulsante CHOOSE... sulla destra del carattere Sezione Connections La sezione Connections vi permette di creare, modificare e cancellare i profili di connessione. Il riquadro centrale mostra la lista dei profili attualmente disponibili, insieme alla cronologia delle connessioni non salvate come profilo. Potete espandere o richiudere gli alberi Connections e History facendoci doppio clic sopra. Quando stabilite una connessione con un server MySQL, senza utilizzare un profilo preesistente nell'albero Connections, la connessione viene automaticamente aggiunta all'albero History. Dato che queste connessioni non appaiono nel menu a discesa della finestra di dialogo Connection, per poterle riutilizzare, inserite il loro nome nel campo Connection della finestra di dialogo omonima. Figura 7.2. Finestra di dialogo Options: Connections 28

35 Finestra di Dialogo Options Per modificare un profilo di connessione preesistente, cliccate sul suo nome e cambiate i valori che appaiono nelle schede Connection Parameters e Advanced Parameters, e poi cliccate sul pulsante APPLY CHANGES per salvare i vostri cambiamenti. Quando selezionate un profilo di connessione da gli alberi Connections o History, la scheda Connection Parameters mostra i seguenti campi: Connection: Il nome del profilo di connessione. Questo è il nome tramite il quale vi riferite al profilo e che appare nella lista a discesa Connection della finestra di dialogo Connection. Può contenere qualsiasi carattere, compresi gli spazi. Scegliete dei nomi chiari in modo che possiate facilmente risalire a quale profilo (connessione) si riferiscono. I nomi vi possono aiutare a distinguere connessioni a server MySQL differenti, o connessioni allo stesso server MySQL ma con utenti differenti. Username: Lo username utilizzato per il collegamento al server MySQL. Password: La password utilizzata per il collegamento al server MySQL. Si noti che le password non vengono memorizzate nel profilo di connessione, a meno di aver specificato diversamente nella sezione General Options. Hostname: Il nome o l'indirizzo IP della macchina su cui è in esecuzione il server MySQL. Port: La porta TCP/IP su cui il server MySQL è in ascolto. Type: Specifica il protocollo utilizzato per connettesi al server database. Il valore predefinito è MySQL (che utilizza il protocollo MySQL nativo). Schema: Il database predefinito per una connessione effettuata da MySQL Query Browser. 29

36 Finestra di Dialogo Options Notes: Potete utilizzare questo campo per inserire informazioni aggiuntive sulla connessione. Nota La scheda Advanced Parameters non è disponibile su tutte le piattaforme. I parametri avanzati possono essere configurati anche nella finestra di dialogo Connection. Usate il pulsante DETAILS... le opzioni di connessione avanzate. Quando selezionate un profilo di connessione dalle liste Connections o History, la scheda Advanced Parameters mostra i seguenti quadrati a spunta: Use compressed protocol: Se selezionato, la comunicazione tra l'applicazione ed il server MySQL viene compressa, il che può aumentare la velocità di trasferimento. Questa opzione è equivalente ad avviare uno strumento MySQL a riga di comando con l'opzione --compress. Return number of found rows, not number of affected rows: Come impostazione predefinita, MySQL restituisce il numero di righe cambiate dall'ultimo UPDATE, cancellate dall'ultimo DELETE o inserite dall'ultimo INSERT. Quando questa opzione è selezionata, il server restituisce il numero di righe corrispondenti alla clausula WHERE statement per le istruzioni UP- DATE (non il numero delle righe effettivamente cambiate). Ignore spaces after function names, make them reserved words: Normalmente, qualsiasi riferimento al nome di una funzione in una istruzione SQL deve essere seguito immediatamente da una parentesi aperta. Se questa opzione è attiva, sono ammessi degli spazi tra il nome della funzione e le parentesi, così: COUNT (*) Abilitando questa opzione i nomi delle funzioni vengono resi parole riservate. Questa opzione corrisponde ad avviare uno strumento MySQL a riga di comando con l'opzione --ignore-spaces. Allow interactive_timeout seconds of inactivity before disconnect: Normalmente, il server MySQL chiude la connessione dopo un determinato intervallo di tempo di inattività da parte del client. Questo intervallo può essere impostato tramite la variabile interactive_timeout. Se questa opzione è attiva, il server non chiuderà la connessione a meno che l'intervallo di tempo di inattività superi il valore di interactive_timeout. Questo corrisponde ad avviare un tool MySQL a riga di comando con l'opzione --connect-timeout=seconds. Enable LOAD DATA LOCAL handling: Normalmente, l'opzione LOCAL dell'istruzione LOAD DATA è disabilitata per motivi di sicurezza. Abilitare questa opzione vi permetterà di caricare dei dati dalla macchina locale (la macchina in cui è in esecuzione l'applicazione grafica MySQL). Questa opzione è equivalente ad avviare un tool a riga di comando MySQL con l'opzione - -local-infile=1. (Si noti inoltre che questa opzione è inutile senza che il server MySQL abbia abilitata la gestione di LOCAL.) 7.4. Sezione Editors La sezione Editors va usata per configurare le opzioni specifiche dei diversi editor, disponibili nella suite dei tools grafici MySQL. In questo momento sono disponibili solo le opzioni specifiche a MySQL Table Editor. Show SQL command before applying changes: Abilita/Disabilita la visualizzazione delle istruzioni CREATE TABLE o ALTER TABLE da eseguire per applicare le modifiche effettuate in MySQL Table Editor; queste istruzioni vengono visualizzate quando cliccate sul pulsante APPLY CHANGES. All columns Not Null per default: Determina se, quando MySQL Table Editor crea nuove colonne, le imposta come NOT NULL. All integer columns unsigned per default: Determina se, quando MySQL Table Editor crea nuove colonne di valori interi, le imposta come UNSIGNED.. Default storage engine: Imposta il motore di memorizzazione predefinito da assegnare alle nuove tabelle create. Questo valore è indipendente dal motore di memorizzazione predefinito impostato nel server MySQL. PK Naming: Specifica il formato dei nomi delle colonne PRIMARY KEY generate automaticamente. La stringa %tablename% viene sostituita con il nome della tabella. Index Naming: Specifica il formato dei nomi generati automaticamente per i nuovi indici. La stringa %nr% viene sostituita da un 30

37 Finestra di Dialogo Options numero sequenziale. FK Naming: Specifica il formato dei nomi per le chiavi esterne. PK Datatype: Il tipo di dato usato per la creazione di colonne PRIMARY KEY. Def. data type Il tipo di dato predefinito assegnato a tutte le nuove colonne non fannno parte della PRIMARY KEY La Sezione Browser La sezione Browser consente di specificare le opzioni relative a MySQL Query Browser. La sezione Browser si divide in tre aree: Display Options, Query Options, e Various. Figura 7.3. La finestra di dialogo delle opzioni del query browser Opzioni di Visualizzazione (Display Options) Le opzioni di visualizzazione hanno effetto sull'aspetto di MySQL Query Browser. Show advanced toolbars: Mostra o nasconde la barra degli strumenti avanzata. 31

38 Finestra di Dialogo Options Hide the tab when only one page is open : Decide se visualizzare o meno una linguetta nella parte alta dell' Area dei Risultati se c'è soltanto un'area dei risultati. Toolbars use gradient background: Abilita e disabilita l'uso degli effetti gradiente nello sfondo della Barra degli strumenti delle Query. Show field overlay images for long VARCHAR, TEXT, and BLOG fields: Abilita e disabilita le icone di gestione dei BLOB. Show composer buttons toolbar: Abilita e disabilita i pulsanti di composizione della Barra degli Strumenti Avanzata Opzioni delle Query Varie Enforce queries to be editable by adding primary key columns to the select: Aggiunge le colonne PRIMARY KEY a una query che non fa una SELECT esplicita su di esse per assicurare che si possano modificare i risultati di una query. In questo caso, le colonne PRIMARY KEY non saranno visualizzate, ma verranno comunque memorizzate. Open resultset in associated application after export: Provoca l'apertura dell'applicazione associata dopo aver scelto l'opzione EXPORT RESULTSET dal menu contestuale (clic destro) dell' Area dei risultati. Associate sql/query files with Query Browser: Configura Windows in modo da associare tutti i file.sql a MySQL Query Browser. Come risultato, tutti questi file saranno aperti per default con MySQL Query Browser. 32

39 Appendice A. Installazione da sorgenti A.1. Introduzione E' consigliabile installare gli strumenti grafici MySQL dai binari. Molti sono gli sforzi profusi per assicurarci che i binari siano compilati con le migliori opzioni possibili. Se, per qualche motivo, preferite compilarli per conto vostro, seguite queste istruzioni. A.2. Scaricare il Codice Sorgente Potete trovare il codice sorgente degli strumenti grafici MySQL dai nostri alberi BitKeeper. Per accedere a questi alberi, dovete avere installato BitKeeper. BitKeeper è liberamente scaricabile da Bitmover. Per girare in ambiente Windows, BitKeeper necessita di Cyg- Win. Se, durante il processo di installazione, BitKeeper rileva l'assenza di CygWin, oppure che la versione di CygWin in uso è datata, vi suggerirà di scaricare ed installare CygWin (o una nuova versione). Potete comunque installare CygWin prima di installare BitKeeper. CygWin è scaricabile da Cygwin.com. Potete ottenere il nostro albero pubblico BitKeeper, che contiene il codice sorgente degli strumenti grafici MySQL, utilizzando i seguenti comandi: bk clone bk://mysql.bkbits.net/mysql-administrator mysql-administrator bk clone bk://mysql.bkbits.net/mysql-gui-common mysql-gui-common bk clone bk://mysql.bkbits.net/mysql-query-browser mysql-query-browser Dovrete avere una copia dell'albero mysql-gui-common, indipendentemente dallo strumento grafico che intendete compilare. L'albero mysql-gui-common contiene i sorgenti e i file grafici usati da tutti gli strumenti grafici MySQL. Potete in alternativa scaricare i sorgenti dei vari strumenti grafici dalla pagina dei download. A.3. Compilare da sorgenti in Ambiente Windows Installare da sorgenti sotto Windows necessita di una varietà di compilatori commerciali, e per questo motivo è preferibile installare da binari. Se sono comunque soddisfatti questi prerequisiti, potete compilare gli strumenti grafici MySQL sotto Windows. A.3.1. Prerequisiti Per compilare gli strumenti grafici MySQL sotto Windows a partire dai sorgenti, vi occorre Borland Delphi 7, Microsoft Visual Studio.NET 2003, e alcune librerie che sono disponibili in rete come software open source. Assicuratevi che i programmi DCC32.exe e DEVENV.exe /? possano essere lanciati dalla riga di comando. Avrete bisogno delle seguenti librerie per la compilazione da sorgenti: glib-2.0 libxml-2 mysql client libraries (4.0 o superiori, è preferibile la versione 5.0) pcre-1.4 MS Visual C runtime libraries 7.1 Java include files 1.4.2_04 Lua A.3.2. La Fase di Compilazione Assicuratevi di aver creato una copia degli alberi di mysql-administrator, mysql-gui-common, e mysql-query-browser, e che le loro rispettive directory locali siano situate nella stessa directory, ad esempio in Personal Files\MySQLGUI\. 33

40 Installazione da sorgenti I file sorgenti e le librerie dovrebbero trovarsi nella seguente struttura ad albero: Directory di Lavoro - mysql-administrator - mysql-gui-common - mysql-query-browser - mysql-gui-win-res -include -glib-2.0 -java -win32 -libxml -lua -mysql -pcre -windows -lib -glib-2.0 -java -libxml -lua -mysql -pcre -windows A Compilare dalla Riga di Comando Per compilare dalla riga di comando, aprite una finestra con il prompt dei comandi ed entrate nel repository principale del programma (ad esempio per MySQL Administrator questa directory è work\mysql-administrator). Ci sono tre file batch per avviare la compilazione: build_debug.cmd build_release.cmd build_commercial.cmd Eseguite uno di questi per generare un'immagine eseguibile dell'applicazione. Questa sarà generata nella directory bin\windows. Un altro metodo consiste nel fare doppio clic su uno dei file build_buildtype.cmd, dove buildtype è uno tra debug, release, e commercial. Lo script commercial è per gli utenti con licenze commerciali, e fa uso della versione commerciale della libreria client MySQL. A Compilare l'ide Prima di poter aprire qualsiasi progetto, dovete installare i seguenti componenti. In caso contrario alcuni di essi non si apriranno, e riceverete dei messaggi di errore. Per installare i componenti, andate nella directory mysql-gui-common\source\windows\. Copiate le seguenti directory nella vostra directory dei sorgenti di Delphi. (C:\Program Files\Borland\Delphi7\Source\). png SynEdit TNT UniCodeEditor VirtualTreeview Quindi fate doppio clic su ciascun file *.dpk indicato qui sotto. Questo aprirà Delphi. Cliccate su Compile and Install per installare i 34

41 Installazione da sorgenti componenti. Ripetete questo passo per ciascun file *.dpk. SynEdit\Packages\SynEdit_D7.dpk TNT\Packages\TntUnicodeVcl_D70.dpk VirtualTreeview\Packages\VirtualTreesD7D.dpk UniCodeEditor\Packages\UniCodeEditorD7.dpk Questi componenti devono essere installati tramite l'opzione INSTALL del menu COMPONENT. Cliccate sul pulsante BROWSE e scegliete i file indicati qui sotto. Premete OK dopo ciascun file. png\pngimage.pas Dopo aver installato questi componenti, potrete aprire i progetti come indicato oltre. Per compilare l'applicazione con l'ide di Delphi 7, semplicemente fate doppio clic su edit_xxxx.cmd. In questo modo lancerete Delphi 7 e aprirete questo file. Per generare una immagine completamente funzionante scegliete l'opzione PROJECT. Analogamente alla compilazione da riga di comando, ci sono tre diversi file. edit_debug.cmd edit_release.cmd edit_commercial.cmd L'immagine eseguibile sarà generata nella directory bin\windows. Apreire il progetto Delphi senza usare gli script edit_*.cmd porterà a impostazioni errate del progetto e problemi quando compilerete il progetto. A.4. Compilare da sorgenti sotto Linux A.4.1. Prerequisiti Per compilare gli strumenti grafici MySQL da sorgenti, avete bisogno dei seguenti software: suite di sviluppo g++ gtk-2.x gtkmm-2.0 oppure gtkmm-2.2 libglade-2.x libxml-2.6.x mysql client libraries (4.0 o superiori, è preferibile la versione 5.0) pcre-1.4 autoconf-2.54, automake-1.7.x In aggiunte avrete bisogno di gtkhtml-3.0.x per compilare MySQL Query Browser. A.4.2. La fase di compilazione 35

42 Installazione da sorgenti Per compilare uno qualsiasi degli strumenti, avete bisogno dell'albero bk di mysql-gui-common e dell'albero dell'applicazione desiderata (ad es.: mysql-administrator, mysql-query-browser) nella stessa directory principale. Prima di tutto compilate mysql-gui-common: 1. cd mysql-gui-common 2. sh./autogen.sh 3../configure --prefix=/opt/mysql-administrator 4. make 5. make install L'opzione --prefix può assumere qualsiasi valore, di norma si specificherà /usr/local (il default) o /usr, ma per i binari precompilati /opt potrebbe essere più appropriata. Dopo aver compilato correttamente mysql-gui-common, dovete compilare i singoli strumenti (in questo esempio compileremo mysql-administrator): 1. cd mysql-administrator 2. sh./autogen.sh 3../configure --prefix=/opt/mysql-administrator 4. make 5. make install Se tutto è andato bene, dovrebbe essere tutto compilato e installato. A Compilare Binari Statici Compilare binari statici non è banale sotto Linux, a causa dell'enorme quantità di dipendenze di librerie dovute a GNOME e le librerie associate. In aggiunta: Molte librerie non forniscono le loro versioni statiche (lib*.a), quindi dovremo compilarle per conto nostro. Alcune librerie non possono essere collegate staticamente, come glibc, a causa di libnss*.so. Alcune librerie dipendono da file di dati e moduli contenuti nel pacchetto originale, specialmente nel caso d gtk/gnome. I problemi non si manifestano unicamente quando l'utente non ha installato questi file di dati; qualcosa potrebbe non funzionare dal momento che alcune distribuzioni sistemano i file di dati in differenti percorsi. La soluzione corrente è compilare un binario parzialmente statico, con le librerie più comuni collegate dinamicamente (glibc e gtk). gtkmm, gtksourceview, gtkhtml e le relative dipendenze (come gnome) sono collegate staticamente. La soluzione ideale sarebbe compilare binari su misura per ogni principale distribuzione, ma non abbiamo tempo e risorse per questo al momento. Per compilare questi binari: 1. Date un'occhiata allo script source/linux/static_make per tutti i file che dovrebbero essere rimossi/spostati dalla posizione /usr/lib. 2. Eseguite lo script. E' necessario forzare il linker a cercare la versione statica di ogni libreria ed anche ad elencare esplicitamente le librerie che sarebbero invece linkate dinamicamente. 36

43 Installazione da sorgenti A Creare gli RPM Per creare gli RPM, un file di specifica è già fornito e viene generato automaticamente dopo l'esecuzione del./configure. Il file di specifica si aspetta un tarball sorgente con la seguente struttura: mysql-administrator/ mysql-administrator/mysql-gui-common/* mysql-administrator/mysql-administrator/* Il contenuto di ogni sotto-directory è l'intero albero bitkeeper per ogni tool i file specifici di Windows ed i metadati bitkeeper sono opzionali, ovviamente). Dovete creare un file tar.gz ed inserirlo in /usr/src/redhat/sources (o quale che sia la tua directory SOURCES per gli RPM). Poi, eseguite: rpmbuild -ba mysql-administrator.spec Questo dovrebbe costruire i file SRPM ed RPM per il tool. 37

44 Appendice B. Troubleshooting Application Errors B.1. Risolvere gli errori di connessione Se quando selezionate un profilo di connessione e provate a connettervi al server MySQL accade un errore, verrà mostrata una finestra contenente le informazioni sull'errore (si veda la figura). Figura B.1. La finestra di dialogo del messaggio di errore Normalmente, questa indica che le credenziali specificate nel profilo sono errate (nome utente e/o password sbagliata), oppure che non avete i privilegi necessari per connettervi al server MySQL dalla macchina client. Potete trovare maggiori informazioni sull'errore nella sezione Causes of Access denied Errors del manuale di riferimento. Comunque, un'altra causa del fallimento della connessione potrebbe essere un problema sulla rete che non vi permette di raggiungere la macchina in cui è in esecuzione il server MySQL. Per questo motivo, la finestra dell'errore vi fornisce un pulsante PING. Cliccando su di esso, invierà una richiesta ICMP PING alla macchina del server MySQL. Se la macchina è disponibile in rete vedrete qualcosa simile a questo: Reply from : Time=0ms TTL=128 Reply from : Time=1ms TTL=128 Questo indica che la macchina è raggiungibile e che la causa del fallimento della connessione non è un problema di rete. B.2. Risolvere i problemi di visualizzazione Se, sotto Windows, i controlli nelle finestre sembrano in qualche modo posizionati male, selezionate START, PANNELLO DI CONTROLLO, SCHERMO. Selezionate la scheda IMPOSTAZIONI e cliccate sul pulsante AVANZATE... Cambiate le vostre impostazioni DPI a Normale (96 DPI). Se, sotto Linux, i messaggi e le intestazioni appaiono molto grandi, la risoluzione del tuo schermo probabilmente è troppo alta. Usate gnome-font-properties per ridurre la dimensione dei caratteri predefinitiì, oppure andate sotto Details ed impostate la vostra risoluzione a 72 o qualche valore più appropriato. 38

Questo è il Manuale di MySQL Query Browser. Documento generato il: 2010-03-11 (revision: 199)

Questo è il Manuale di MySQL Query Browser. Documento generato il: 2010-03-11 (revision: 199) MySQL Query Browser MySQL Query Browser This is a translation of the MySQL Query Browser Manual that can be found at dev.mysql.com. The original MySQL Query Browser Manual is in English, and this translation

Dettagli

Manuale utente. http://www.lexicool.com/lingo4.asp

Manuale utente. http://www.lexicool.com/lingo4.asp Sistema di gestione della terminologia Per Microsoft Windows 2000, XP, 2003 Server, Vista, 2008 Server, 7 Copyright 1994-2011 lexicool.com Manuale utente Per ulteriori informazioni su Lingo 4.0 visitare

Dettagli

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia Panoramica di Access 2010 A B C D E Elementi dell interfaccia A Scheda File (visualizzazione Backstage) Consente l accesso alla nuova visualizzazione backstage di Access 2010, che contiene un menu di comandi

Dettagli

Word per iniziare: aprire il programma

Word per iniziare: aprire il programma Word Lezione 1 Word per iniziare: aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per lavorare su uno già esistente occorre avviare il programma di gestione testi. In ambiente Windows, esistono

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file Sommario Uso del computer e gestione dei file... 3 Sistema Operativo Windows... 3 Avvio di Windows... 3 Desktop... 3 Il mouse... 4 Spostare le icone... 4 Barra delle

Dettagli

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica a.a. 2008/2009 Docente Ing. Andrea Ghedi IL DESKTOP Lezione 2 Il Desktop Tipi di icone Cartelle. Una

Dettagli

Word prima lezione. Prof. Raffaele Palladino

Word prima lezione. Prof. Raffaele Palladino 7 Word prima lezione Word per iniziare aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per lavorare su uno già esistente occorre avviare il programma di gestione testi. In ambiente Windows, esistono

Dettagli

www.informarsi.net MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http://www.informarsi.net/ecdl/powerpoint/

www.informarsi.net MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http://www.informarsi.net/ecdl/powerpoint/ MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http:///ecdl/powerpoint/ INTERFACCIA UTENTE TIPICA DI UN SOFTWARE DI PRESENTAZIONE APERTURA E SALVATAGGIO DI UNA PRESENTAZIONE

Dettagli

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0)

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Nota Bene: Si raccomanda di leggere queste dispense di fronte al computer, provando passo dopo passo le funzionalità descritte. Per

Dettagli

IL DESKTOP Lezione 2

IL DESKTOP Lezione 2 Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica a.a. 2006/2007 Docente Ing. Andrea Ghedi IL DESKTOP Lezione 2 1 Il Desktop Tipi di icone Cartelle. Una

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Elaborazione testi Per scrivere una lettera, un libro, una tesi, o un semplice cartello

Dettagli

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0)

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0) Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0) Nota Bene: Si raccomanda di leggere queste dispense di fronte al computer, provando passo dopo passo le funzionalità descritte. Per

Dettagli

Microsoft Word Nozioni di base

Microsoft Word Nozioni di base Corso di Introduzione all Informatica Microsoft Word Nozioni di base Esercitatore: Fabio Palopoli SOMMARIO Esercitazione n. 1 Introduzione L interfaccia di Word Gli strumenti di Microsoft Draw La guida

Dettagli

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Crotone, maggio 2005 Windows Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Sistema Operativo Le funzioni software di base che permettono al computer di funzionare formano il sistema operativo. Esso consente

Dettagli

Strumenti per lo sviluppo del software

Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software è l attività centrale del progetto e ha lo scopo di produrre il codice sorgente che, una volta compilato e messo

Dettagli

WGDESIGNER Manuale Utente

WGDESIGNER Manuale Utente WGDESIGNER Manuale Utente Pagina 1 SOMMARIO 1 Introduzione... 3 1.1 Requisiti hardware e software... 3 2 Configurazione... 3 3 Installazione... 4 3.1 Da Webgate Setup Manager... 4 3.2 Da pacchetto autoestraente...

Dettagli

L interfaccia. La barra delle applicazioni. MS Windows Barra delle Applicazioni

L interfaccia. La barra delle applicazioni. MS Windows Barra delle Applicazioni Windows XP In questa sezione, si desidero evidenziare le caratteristiche principali di Windows cercando possibilmente di suggerire, per quanto possibile, le strategie migliori per lavorare velocemente

Dettagli

INDICE L ambiente di lavoro... 2 Interfaccia di Word... 2 Le visualizzazioni... 5 Digitazione e revisione del testo...6 Modalità di selezione del

INDICE L ambiente di lavoro... 2 Interfaccia di Word... 2 Le visualizzazioni... 5 Digitazione e revisione del testo...6 Modalità di selezione del INDICE L ambiente di lavoro... 2 Interfaccia di Word... 2 Le visualizzazioni... 5 Digitazione e revisione del testo...6 Modalità di selezione del testo... 6 Selezione attraverso il mouse... 6 Selezione

Dettagli

POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria MECCANICA Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA

POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria MECCANICA Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria MECCANICA Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA ACCESSO ALL AMBIENTE DI PROGRAMMAZIONE Microsoft Visual C++ è sufficiente cliccare sul pulsante di Windows,

Dettagli

REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007

REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007 SISTEMA A SUPPORTO DEI PROCESSI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE NELLE ORGANIZZAZIONI PUBBLICHE REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007 Copyright 2010 CSIO Società di Informatica

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico 1 Finestra principale di Excel 2 Finestra principale di Excel Questi pulsanti servono per ridurre ad icona, ripristinare e chiudere la finestra dell applicazione.

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

INTERNET EXPLORER. Breve manuale d'uso

INTERNET EXPLORER. Breve manuale d'uso INTERNET EXPLORER Breve manuale d'uso INDICE INTRODUZIONE... 3 COME IMPOSTARE LA PAGINA INIZIALE...3 LA WORK AREA... 3 LE VOCI DI MENU... 5 IL MENU FILE... 5 IL MENU MODIFICA... 6 IL MENU VISUALIZZA...

Dettagli

Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012. Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010

Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012. Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010 Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012 Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010 1 Outline Solution e Project Visual Studio e linguaggio C Visual Studio schermata principale

Dettagli

POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti.

POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti. 1 POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti. Le presentazioni sono composte da varie pagine chiamate diapositive

Dettagli

lo 4 1. SELEZIONARE; le celle da tagliare (spostare) 2. Comando TAGLIA

lo 4 1. SELEZIONARE; le celle da tagliare (spostare) 2. Comando TAGLIA Capittol lo 4 Copia Taglia Incolla 4-1 - Introduzione Durante la stesura di un foglio di lavoro o durante un suo aggiornamento, può essere necessario copiare o spostare dati e formule. Per questo sono

Dettagli

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4 Foglio Elettronico PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File

Dettagli

Foglio elettronico (StarOffice)

Foglio elettronico (StarOffice) Modulo Foglio elettronico (StarOffice) Modulo - Foglio elettronico, richiede che il candidato comprenda il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma corrispondente. Deve comprendere

Dettagli

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa.

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa. La finestra di Excel è molto complessa e al primo posto avvio potrebbe disorientare l utente. Analizziamone i componenti dall alto verso il basso. La prima barra è la barra del titolo, dove troviamo indicato

Dettagli

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INDICE INTRODUZIONE... 3 COME IMPOSTARE LA PAGINA INIZIALE... 3 LA WORK AREA... 3 LE VOCI DI MENU... 5 IL MENU FILE... 5 IL MENU MODIFICA... 6 IL MENU VISUALIZZA...

Dettagli

Procedura di installazione del Phaidra Importer... 2

Procedura di installazione del Phaidra Importer... 2 Indice Procedura di installazione del Phaidra Importer... 2 Requisiti di sistema... 2 Verifica su Windows... 3 Verifica su Linux... 4 Verifica su Macintosh... 4 Installazione (Installer)... 5 Windows...

Dettagli

Sistemi operativi: interfacce

Sistemi operativi: interfacce Sistemi operativi: interfacce I sistemi operativi offrono le risorse della macchina a soggetti diversi: alle applicazioni, tramite chiamate di procedure da inserire nel codice all utente, tramite interfaccia

Dettagli

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività Foglio Elettronico Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti Tasto dx 1 clic sul pulsante

Dettagli

7 REALIZZARE UNA PAGINA WEB CON FRONTPAGE

7 REALIZZARE UNA PAGINA WEB CON FRONTPAGE This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

Cos'è un Sistema Operativo

Cos'è un Sistema Operativo Cos'è un Sistema Operativo... pag. 02 Introduzione a Windows XP... pag. 04 I File... pag. 04 La barra delle applicazioni e le utilità di Windows XP... pag. 06 Le Finestre... pag. 08 Come visualizzare tutte

Dettagli

Lavorare con i Fireworks pop-up menus in Dreamweaver

Lavorare con i Fireworks pop-up menus in Dreamweaver Lavorare con i Fireworks pop-up menus in Dreamweaver Su una pagina Web, un menu pop-up è uno strumento di navigazione che rimane nascosto fino a che l utente non sposta il puntatore del mouse sopra un

Dettagli

Manuale dell editor del menu di KDE

Manuale dell editor del menu di KDE Manuale dell editor del menu di KDE Milos Prudek Anne-Marie Mahfouf Lauri Watts Traduzione della documentazione: Vincenzo Reale Aggiornamento traduzione della documentazione: Nicola Ruggero Traduzione

Dettagli

Talento LAB 3.1 - PREFERITI & CRONOLOGIA L'ELENCO PREFERITI. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 3.1 - PREFERITI & CRONOLOGIA L'ELENCO PREFERITI. In questa lezione imparerete a: Lab 3.1 Preferiti & Cronologia LAB 3.1 - PREFERITI & CRONOLOGIA In questa lezione imparerete a: Aprire l'elenco Preferiti, Espandere e comprimere le cartelle dell'elenco Preferiti, Aggiungere una pagina

Dettagli

Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3

Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3 Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3 Lezione 1 di 3 Introduzione a Word 2007 e all elaborazione testi Menù Office Scheda Home Impostazioni di Stampa e stampa Righello Intestazione e piè di pagina

Dettagli

UltraSMS. Introduzione. 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni

UltraSMS. Introduzione. 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni UltraSMS Introduzione 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni 2. Gestire Contatti 2.1 Inserire/modificare/cancellare un contatto 2.2 Importare i contatti da Outlook 2.3 Creare una lista di numeri

Dettagli

UltraSMS. Introduzione. 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni

UltraSMS. Introduzione. 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni UltraSMS Introduzione 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni 2. Gestire Contatti 2.1 Inserire/modificare/cancellare un contatto 2.2 Importare i contatti da Outlook 2.3 Creare una lista di numeri

Dettagli

Manuale di KMouth. Gunnar Schmi Dt Traduzione della documentazione: Federico Zenith

Manuale di KMouth. Gunnar Schmi Dt Traduzione della documentazione: Federico Zenith Gunnar Schmi Dt Traduzione della documentazione: Federico Zenith 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Uso di KMouth 6 2.1 Il primo avvio........................................ 6 2.2 La finestra principale....................................

Dettagli

Introduzione a Visual Studio 2005

Introduzione a Visual Studio 2005 Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria Elettronica e Telecomunicazioni a.a. 2008/2009 Introduzione a Visual Studio 2005 Outline Solutions e Projects Visual Studio e il linguaggio C Visual

Dettagli

3. Modalità operative per l uso di Linux con interfaccia grafica

3. Modalità operative per l uso di Linux con interfaccia grafica Il computer 3. Modalità operative per l uso di Linux con interfaccia grafica Identificazione con nome utente e password Premere il pulsante di accensione del computer e attendere il caricamento del sistema

Dettagli

Procedura di installazione e configurazione per l'applicazione. SchedeCet

Procedura di installazione e configurazione per l'applicazione. SchedeCet Procedura di installazione e configurazione per l'applicazione SchedeCet usata per l'immissione delle schede utenti dei Centri Ascolto Caritas della Toscana. Questo documento è destinato agli operatori

Dettagli

2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento.

2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento. Uso del computer e gestione dei file 57 2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento. All interno

Dettagli

Navigazione Web e comunicazione Utilizzo del Browser. 7.2.1 Navigazione di base

Navigazione Web e comunicazione Utilizzo del Browser. 7.2.1 Navigazione di base Navigazione Web e comunicazione Utilizzo del Browser 7.2.1 Navigazione di base 7.2.1.1 Aprire, chiudere un programma di navigazione Per aprire Firefox, occorre: selezionare il menu Start / Tutti i programmi

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Maria Maddalena Fornari Aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per

Dettagli

Che cos'è un modulo? pulsanti di opzione caselle di controllo caselle di riepilogo

Che cos'è un modulo? pulsanti di opzione caselle di controllo caselle di riepilogo Creazione di moduli Creazione di moduli Che cos'è un modulo? Un elenco di domande accompagnato da aree in cui è possibile scrivere le risposte, selezionare opzioni. Il modulo di un sito Web viene utilizzato

Dettagli

Introduzione a Word. Prima di iniziare. Competenze che saranno acquisite. Requisiti. Tempo stimato per il completamento:

Introduzione a Word. Prima di iniziare. Competenze che saranno acquisite. Requisiti. Tempo stimato per il completamento: Introduzione a Word Word è una potente applicazione di elaborazione testi e layout, ma per utilizzarla nel modo più efficace è necessario comprenderne gli elementi di base. Questa esercitazione illustra

Dettagli

L interfaccia di Microsoft Word 2007

L interfaccia di Microsoft Word 2007 L interfaccia di Microsoft Word 2007 Microsoft Word 2007 è un Word Processor, ovvero un programma di trattamento testi. La novità di questa versione riguarda la barra multifunzione, nella quale i comandi

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

MICROSOFT WORD. Funzioni ed ambiente di lavoro

MICROSOFT WORD. Funzioni ed ambiente di lavoro INFORMATICA MICROSOFT WORD Prof. D Agostino Funzioni ed ambiente di lavoro...1 Interfaccia di Word...1 Stesso discorso per i menu a disposizione sulla barra dei menu: posizionando il puntatore del mouse

Dettagli

Prof. Antonio Sestini

Prof. Antonio Sestini Prof. Antonio Sestini 1 - Formattazione Disposizione del testo intorno ad una tabella Selezionare la tabella Dal menù contestuale scegliere il comando «proprietà» Selezionare lo stile di disposizione del

Dettagli

Siti web e Dreamweaver. La schermata iniziale

Siti web e Dreamweaver. La schermata iniziale Siti web e Dreamweaver Dreamweaver è la soluzione ideale per progettare, sviluppare e gestire siti web professionali e applicazioni efficaci e conformi agli standard e offre tutti gli strumenti di progettazione

Dettagli

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio. Foglio elettronico Foglio elettronico EXCEL Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it Il foglio elettronico è un programma interattivo, che mette a disposizione dell utente una matrice di righe

Dettagli

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1 MICROSOFT ACCESS Premessa ACCESS è un programma di gestione di banche dati, consente la creazione e modifica dei contenitori di informazioni di un database (tabelle), l inserimento di dati anche mediante

Dettagli

SCRIVERE TESTI CON WORD

SCRIVERE TESTI CON WORD SCRIVERE TESTI CON WORD Per scrivere una lettera, un libro, una tesi, o un semplice cartello occorre un programma di elaborazione testo. Queste lezioni fanno riferimento al programma più conosciuto: Microsoft

Dettagli

Guida installazione Winasped 4 Data ultima revisione della guida: 12-05-2014

Guida installazione Winasped 4 Data ultima revisione della guida: 12-05-2014 Guida installazione Winasped 4 Data ultima revisione della guida: 12-05-2014 Winasped è un'applicazione di tipo client - server pertando è composta da due parti: un programma client e uno server. Di seguito

Dettagli

Introduzione a Microsoft Word 2007

Introduzione a Microsoft Word 2007 Introduzione a Microsoft Word 2007 Autore: Alessandra Salvaggio Tratto dal libro: Lavorare con Word 2007 Non ostante che Microsoft Office 2007 sia uscito da un po di tempo, molte persone ancora non sono

Dettagli

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php MODULO 3 Microsoft Excel TEST ED ESERCIZI SU: http:///ecdl/excel/index.php Foglio Elettronico - SpreadSheet Un foglio elettronico (in inglese spreadsheet) è un programma applicativo usato per memorizzare

Dettagli

Guida alla gestione contenuti del sito www.cantinebernabei.com

Guida alla gestione contenuti del sito www.cantinebernabei.com Guida alla gestione contenuti del sito www.cantinebernabei.com INTRODUZIONE Per gestire i contenuti del sito Emporio Vini Cantine G.S. Bernabei, è necessario scrivere nella barra degli indirizzi del proprio

Dettagli

hottimo procedura di installazione

hottimo procedura di installazione hottimo procedura di installazione LATO SERVER Per un corretto funzionamento di hottimo è necessario in primis installare all interno del server, Microsoft Sql Server 2008 (Versione minima Express Edition)

Dettagli

Talento LAB 2.1 - GUIDA E ASSISTENTE LA GUIDA IN LINEA. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 2.1 - GUIDA E ASSISTENTE LA GUIDA IN LINEA. In questa lezione imparerete a: Lab 2.1 Guida e assistente LAB 2.1 - GUIDA E ASSISTENTE In questa lezione imparerete a: Descrivere la Guida in linea e l'assistente Office, Descrivere gli strumenti della Guida in linea di Windows XP,Utilizzare

Dettagli

Guida passo per passo.

Guida passo per passo. Guida passo per passo. Migrazione di database usando Wizard, Studio e Commander. Basata sulla migrazione da Oracle a PostrgreSQL (Greenplum) Versione 1.0 Copyright 1999-2013 Ispirer Systems Ltd. Ispirer

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

FileMaker 12. Guida ODBC e JDBC

FileMaker 12. Guida ODBC e JDBC FileMaker 12 Guida ODBC e JDBC 2004 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker, Inc.

Dettagli

Modulo 2 - ECDL. Uso del computer e gestione dei file. Fortino Luigi

Modulo 2 - ECDL. Uso del computer e gestione dei file. Fortino Luigi 1 Modulo 2 - ECDL Uso del computer e gestione dei file 2 Chiudere la sessione di lavoro 1.Fare Clic sul pulsante START 2.Cliccare sul comando SPEGNI COMPUTER 3.Selezionare una delle opzioni STANDBY: Serve

Dettagli

MODULO 7 SEZIONE 2 Utilizzo di Outlook Express 6.0 (Windows XP)

MODULO 7 SEZIONE 2 Utilizzo di Outlook Express 6.0 (Windows XP) 7.4 POSTA ELETTRONICA MODULO 7 SEZIONE 2 Utilizzo di Outlook Express 6.0 (Windows XP) prima parte 7.4.1 Concetti e termini 7.4.1.1 Capire come è strutturato un indirizzo di posta elettronica Tre parti

Dettagli

il foglio elettronico

il foglio elettronico 1 il foglio elettronico ecdl - modulo 4 toniorollo 2013 il modulo richiede 1/2 comprendere il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma di foglio elettronico per produrre dei

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file (Sistema operativo Linux)

Uso del computer e gestione dei file (Sistema operativo Linux) Modulo Uso del computer e gestione dei file (Sistema operativo Linux) Modulo - Uso del computer e gestione dei file, richiede che il candidato dimostri di possedere conoscenza e competenza nell uso delle

Dettagli

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3 Foglio elettronico OpenOffice.org Calc 1.1.3 PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Aprire il programma Menu Avvio applicazioni Office OpenOffice.org Calc. Chiudere il programma Menu File Esci. Pulsanti

Dettagli

Software della stampante

Software della stampante Software della stampante Informazioni sul software della stampante Il software Epson comprende il software del driver per stampanti ed EPSON Status Monitor 3. Il driver per stampanti è un software che

Dettagli

Server Open-Xchange Guida rapida

Server Open-Xchange Guida rapida bla bla Server Open-Xchange Guida rapida Vincenzo Reale Server Open-Xchange Server Open-Xchange: Guida rapida Vincenzo Reale Data di pubblicazione lunedì, 14. settembre 2015 Version 6.22.10 Diritto d'autore

Dettagli

SartoCollect v1.0 - Installazione e istruzioni per l'esecuzione

SartoCollect v1.0 - Installazione e istruzioni per l'esecuzione SartoCollect v1.0 - Installazione e istruzioni per l'esecuzione Grazie per il vostro recente acquisto di SartoCollect. Il software SartoCollect vi consentirà di importare direttamente i dati del vostro

Dettagli

HORIZON SQL MODULO AGENDA

HORIZON SQL MODULO AGENDA 1-1/11 HORIZON SQL MODULO AGENDA 1 INTRODUZIONE... 1-2 Considerazioni Generali... 1-2 Inserimento Appuntamento... 1-2 Inserimento Manuale... 1-2 Inserimento Manuale con Seleziona... 1-3 Inserimento con

Dettagli

Microsoft PowerPoint

Microsoft PowerPoint Microsoft introduzione a E' un programma che si utilizza per creare presentazioni grafiche con estrema semplicità e rapidità. Si possono realizzare presentazioni aziendali diapositive per riunioni di marketing

Dettagli

SCRIVERE TESTO BLOCCO NOTE WORDPAD WORD IL PIU' DIFFUSO APRIRE WORD

SCRIVERE TESTO BLOCCO NOTE WORDPAD WORD IL PIU' DIFFUSO APRIRE WORD SCRIVERE TESTO Per scrivere del semplice testo con il computer, si può tranquillamente usare i programmi che vengono installati insieme al sistema operativo. Su Windows troviamo BLOCCO NOTE e WORDPAD.

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file 2.1 L AMBIENTE DEL COMPUTER 1 2 Primi passi col computer Avviare il computer Spegnere correttamente il computer Riavviare il computer Uso del mouse Caratteristiche

Dettagli

MODULO 3 Foglio elettronico

MODULO 3 Foglio elettronico MODULO 3 Foglio elettronico I contenuti del modulo: Questo modulo verifica la comprensione da parte del corsista dei concetti fondamentali del foglio elettronico e la sua capacità di applicare praticamente

Dettagli

bla bla Documents Manuale utente

bla bla Documents Manuale utente bla bla Documents Manuale utente Documents Documents: Manuale utente Data di pubblicazione lunedì, 14. settembre 2015 Version 7.8.0 Diritto d'autore 2006-2013 OPEN-XCHANGE Inc., Questo documento è proprietà

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

CORSO PRATICO WinWord

CORSO PRATICO WinWord CORSO PRATICO WinWord AUTORE: Renato Avato 1. Strumenti Principali di Word Il piano di lavoro di Word comprende: La Barra del Titolo, dove sono posizionate le icone di ridimensionamento: riduci finestra

Dettagli

Microsoft Word 2007. La BARRA DI ACCESSO RAPIDO, che contiene alcuni comandi sempre visibili e può essere personalizzata.

Microsoft Word 2007. La BARRA DI ACCESSO RAPIDO, che contiene alcuni comandi sempre visibili e può essere personalizzata. Microsoft Word 2007 Microsoft Office Word è il programma di elaborazione testi di Microsoft all interno del pacchetto Office. Oggi Word ha un enorme diffusione, tanto da diventare l editor di testi più

Dettagli

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Base offre la possibilità di creare database strutturati in termini di oggetti, quali tabelle, formulari, ricerche e rapporti, di visualizzarli e utilizzarli in diverse modalità.

Dettagli

Manuale di Picto Selector

Manuale di Picto Selector Manuale di Picto Selector INDICE DEI CONTENUTI 1. Scaricare ed installare il programma.... 1 2. Avvio del programma per la prima volta.... 6 3. Creare la nostra prima tabella di comunicazione... 8 4. Salvare

Dettagli

Capitolo I Esercitazione n. 1: Uso del computer e gestione dei file

Capitolo I Esercitazione n. 1: Uso del computer e gestione dei file Capitolo I Esercitazione n. 1: Uso del computer e gestione dei file Scopo: Windows, creare cartelle, creare e modificare file di testo, usare il cestino, spostare e copiare file, creare collegamenti. A

Dettagli

Creazione Account PEC (Posta Elettronica Certificata)

Creazione Account PEC (Posta Elettronica Certificata) Creazione Account PEC (Posta Elettronica Certificata) Come già specificato, il software è stato realizzato per la gestione di account PEC (Posta Elettronica Certificata), ma consente di configurare anche

Dettagli

CREARE PRESENTAZIONI CON POWERPOINT

CREARE PRESENTAZIONI CON POWERPOINT CREARE PRESENTAZIONI CON POWERPOINT Una presentazione è un documento multimediale, cioè in grado di integrare immagini, testi, video e audio, che si sviluppa attraverso una serie di pagine chiamate diapositive,

Dettagli

La pagina di Explorer

La pagina di Explorer G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 11 A seconda della configurazione dell accesso alla rete, potrebbe apparire una o più finestre per l autenticazione della connessione remota alla rete. In linea generale

Dettagli

Via Olivetani 17 35040 SANT'ELENA www.cedic.it info @ cedic.it 0429 690907 0339 6543320 ACCESS 2000. Introduzione ai database relazionali

Via Olivetani 17 35040 SANT'ELENA www.cedic.it info @ cedic.it 0429 690907 0339 6543320 ACCESS 2000. Introduzione ai database relazionali SCUOLA DI INFORMATICA Centro Dati s.a.s. Via Olivetani 17 35040 SANT'ELENA www.cedic.it info @ cedic.it 0429 690907 0339 6543320 ACCESS 2000 2000 Introduzione ai database relazionali Copyright 2001 Cedic

Dettagli

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI NUOVO PORTALE ANCE MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI DEI CONTENUTI ACCESSO AL MENU PRINCIPALE PAG. 3 CREAZIONE DI UNA NUOVA HOME PAGE 4 SELEZIONE TIPO HOME PAGE 5 DATA

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Note operative per Windows XP

Note operative per Windows XP Note operative per Windows XP AVVIO E ARRESTO DEL SISTEMA All avvio del computer, quando l utente preme l interruttore di accensione, vengono attivati i processi di inizializzazione con i quali si effettua

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 2 Modulo 3 Elaborazione testi Word G. Pettarin ECDL

Dettagli

Manuale di Outlook Express

Manuale di Outlook Express 1. Introduzione 2. Aprire Outlook Express 3. L'account 4. Spedire un messaggio 5. Opzione invia ricevi 6. La rubrica 7. Aggiungere contatto alla rubrica 8. Consultare la rubrica 9. Le cartelle 10. Come

Dettagli

MODULO 2 - USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 17

MODULO 2 - USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 17 MODULO 2 - USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 17 Data e ora All'estremità destra dello schermo, sulla barra delle applicazioni, è collocata l'ora. Posizionando il cursore del mouse su di essa, vedremo

Dettagli

www.associazioni.milano.it - Il sito dedicato alle associazioni no-profit di Milano e provincia

www.associazioni.milano.it - Il sito dedicato alle associazioni no-profit di Milano e provincia Pubblicare le pagine via FTP Per pubblicare le pagine web della vostra Associazione sullo spazio all'indirizzo: http://www.associazioni.milano.it/nome occorrono i parametri sotto elencati, comunicati via

Dettagli