Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010"

Transcript

1 1 Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010 Relatore: Dario Trevisiol Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Pordenone 18 Aprile 2011

2 Cos è il SISTRI Il SISTRI (Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti) nasce nel 2009 su iniziativa del Ministero dell'ambiente per permettere maggior controllo della movimentazione dei rifiuti speciali lungo tutta la filiera, produttori, detentori, trasportatori, intermediari ed in particolare gestori di impianti di recupero e smaltimento dei rifiuti, con l utilizzo di sistemi elettronici in grado di dare visibilità al flusso in entrata ed in uscita degli impianti. 2 I motivi primari che hanno indotto il Governo a realizzare il SISTRI, sono : - contrastare la criminalità e l illegalità nel settore dei rifiuti speciali e degli urbani per la regione Campania ; - riorganizzare il sistema di rilevazione dei dati sui rifiuti anche per di facilitare, i compiti affidati alle autorità di controllo. La gestione del SISTRI è stata affidata ai Carabinieri per la Tutela dell Ambiente.

3 Il sistema di tracciabilità dei rifiuti Decreto Ministeriale 17 dicembre 2009: Istitutivo del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti. I correttivo : Decreto Ministeriale 15 febbraio II correttivo : Decreto Ministeriale 9 luglio III correttivo": Decreto Ministeriale 28 settembre IV correttivo": Decreto Ministeriale 22 dicembre 2010.

4 Operatività del SISTRI Operatività SISTRI dal 1 ottobre A Doppio regime transitorio fino al 31 maggio 2011 B

5 Le sanzioni relative al SISTRI 5 Sanzioni SISTRI Dal 1 Giugno 2011

6 Chi deve iscriversi al SISTRI imprese ed enti che effettuano a titolo professionale attività di raccolta e di trasporto di rifiuti; 6 imprese ed enti che effettuano il trasporto dei propri rifiuti pericolosi; commercianti e gli intermediari di rifiuti senza detenzione; imprese ed enti che svolgono operazioni di recupero e di smaltimento dei rifiuti; imprese ed enti che producono rifiuti pericolosi (produttori iniziali); imprese ed enti che producono rifiuti non pericolosi derivanti da lavorazioni industriali, artigianali e da attività di recupero e smaltimento di rifiuti, fanghi da potabilizzazione, da depurazione delle acque e da abbattimento fumi e che HANNO più di 10 dipendenti

7 Chi può iscriversi volontariamente 7 imprese ed enti che effettuano il trasporto dei propri rifiuti NON pericolosi; imprese ed enti che producono rifiuti non pericolosi derivanti da lavorazioni industriali, artigianali e da attività di recupero e smaltimento di rifiuti, fanghi da potabilizzazione, da depurazione delle acque e da abbattimento fumi ma che NON HANNO più di 10 dipendenti (produttori iniziali). imprese ed enti che producono rifiuti non pericolosi derivanti da lavorazioni DIVERSE da quelle industriali, artigianali e attività di recupero e smaltimento di rifiuti, fanghi da potabilizzazione, da depurazione delle acque e da abbattimento fumi ( rifiuti non pericolosi da attività di servizio, commerciali e di demolizione, costruzione e scavo).

8 8 Contributi d iscrizioned La quota annuale d iscrizione va pagata entro il 31 gennaio di ogni anno. La data per il pagamento della quota del 2011 è stata posticipata al 30 di aprile Questo slittamento, secondo quanto ci dice il Ministero in una nota riportata nel sito del SISTRI, verrà inserito nel TU dei Decreti Ministeriali Sistri in fase di registrazione alla C.d.C... Fino al 31 Maggio, un eventuale ritardo nel pagamento del contributo, non determinerà alcuna conseguenza per l utente.

9 9 Dal 1 di giugno il SISTRI sostituirà integralmente: Il registro di carico e scarico rifiuti Il formulario di identificazione per il trasporto La comunicazione annuale al catasto rifiuti con il MUD. Il catasto dei rifiuti acquisirà i dati direttamente da SISTRI. Con alcune eccezioni

10 Dichiarazione rifiuti SISTRI La dichiarazione dei dati relativi al periodo 1 gennaio maggio 2011, si effettuerà entro il 31 dicembre 2011, per i soli produttori e gestori. Non sono obbligati alla dichiarazione 2011: - i Trasportatori professionali - gli Intermediari e commercianti senza detenzione

11 Registri di carico e scarico Gestione Tradizionale L obbligo di tenuta rimarrà per: le imprese e gli enti che producono rifiuti non pericolosi di derivanti da lavorazioni industriali, artigianali...che non hanno più di 10 dipendenti, qualora non aderiscano volontariamente al Sistri I trasportatori dei propri rifiuti non pericolosi, qualora non aderiscano volontariamente al Sistri

12 I Formulari per il trasporto rifiuti Gestione cartacea Il solo caso in cui rimarrà previsto che i rifiuti siano accompagnati dal Formulario d identificazione dei rifiuti: il trasporto dei propri rifiuti non pericolosi, qualora non aderisca volontariamente al SISTRI. Rimarrà invariata la procedura del ritorno della 4 copia per sollevare dalla responsabilità il produttore.

13 Dispositivi per operare col SISTRI 13 Tramite l iscrizione, i soggetti obbligati ad utilizzare il SISTRI (e quelli che lo vorranno utilizzare) richiedono i necessari dispositivi informatici: chiavetta USB, per l accesso al sistema black box, per la localizzazione dei veicoli ed il tracciamento dei trasporti. Ogni black box è associata ad una specifica (e particolare) chiavetta USB. Apparecchiature di sorveglianza per monitorare gli ingressi e le uscite dei mezzi dagli impianti di discarica e di incenerimento Ogni chiavetta USB (ad eccezione di quelle associate alle black box) è accompagnata da una, due o tre (quanti sono i delegati al suo utilizzo) buste chiuse contenenti PIN, PUK e PWD del delegato. La chiavetta USB deve essere custodita presso l unità locale per la quale è stata rilasciata a disposizione degli organi di vigilanza.

14 I delegati ad operare col SISTRI 14 Il dispositivo USB : consente l accesso al sistema ( piattaforma WEB ) consente di firmare elettronicamente tutti i movimenti Utilizzo del sistema é riservato ai delegati della sede legale o delle unità locali iscritte: Soggetti che nell ambito dell organizzazione aziendale sono stati delegati dall impresa per la trasmissione dei dati al SISTRI attraverso l utilizzo e la custodia del dispositivo USB. Sono responsabili del corretto inserimento dei dati.

15 Aree di accesso al SISTRI 15 Gli utilizzatori inseriscono i loro dati nel SISTRI in due sezioni o aree: Sezione Area Registro Cronologico ( Sostituirà il Registro di carico e scarico); Sezione Area Movimentazione ( Sostituirà il Formulario Identificazione dei Rifiuti ).

16 Movimentazione Aree di accesso al SISTRI 16 Registro cronologico Scheda Movimentazione

17 Sezione Registro cronologico 17 I registri cronologici sono assegnati dal sistema Sistri: Produttori: 1 per ogni unità locale; e facoltativamente - 1 per ogni unità operativa (compresa nell unità locale) in cui si originano in maniera autonoma i rifiuti. Trasportatori: 1 per la sede legale; - 1 per ogni unità locale iscritta. Gestori (recuperatori / smaltitori): 1 per ogni impianto o attività secondo le categorie di iscrizione.

18 Sezione Registro cronologico Procedura di carico del rifiuto 18

19 Sezione Area movimentazione 19 La Scheda SISTRI area movimentazione sostituisce informaticamente il formulario cartaceo di identificazione per il trasporto (dal 01 giugno 2011). Viene comunque generato un documento cartaceo di accompagnamento del rifiuto durante il trasporto. Tale documento è equipollente alla scheda di trasporto (D.Lgs 286/2005). E compilata, per le rispettive parti, dal produttore/detentore, dal trasportatore (impresa di trasporto), dal conducente (del mezzo di trasporto,) dal destinatario. attraverso la scheda movimentazione si generano i movimenti: - di scarico sul registro cronologico del produttore o detentore del rifiuto; - di carico e scarico sul registro cronologico dei trasportatori; - di carico sul registro cronologico del gestore dell impianto di recupero o smaltimento;

20 Sezione Area movimentazione 20

21 SCHEDA SISTRI AREA MOVIMENTAZIONE 21 PRODUTTORE TRASPORTATORE inizio trasporto SMALTITORE RECUPERATORE

22 22 Primo accesso Autenticazione Con il dispositivo USB viene consegnata una busta chiusa per ogni delegato: PIN: xxxxxxxx Puk: xxxxxxxx PWD: xxxxxxxxxx Chiamata password principale per l accesso e per firmare i documenti UID: (nome.cognomexxxx) Per il cambio/sblocco del PIN TEL_(provincia)_(n. di pratica) (nome azienda) (nome e cognome del delegato) CCIAA: (provincia) (comune dell unità locale) (via) xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx Per l accesso al portale da parte dell utente N di serie del dispositivo

23 Primo accesso Autenticazione 23 1) Inserimento del dispositivo USB nel PC

24 Primo accesso Autenticazione 24 2) Se il software non si attiva automaticamente: risorse del computer/disco rimovibile;

25 Primo accesso Autenticazione 25

26 26 Primo accesso Autenticazione Il sistema lancia l avviso di aggiornamento non appena si installa l USB. Si devono però seguire alcune accortezze: Devono essere rispettati i tempi giusti e seguire le indicazioni proposte dal computer; L aggiornamento potrebbe impiegare diversi minuti occorre attendere e non cliccare ripetutamente i vari bottoni d accesso.

27 Primo accesso Autenticazione 27 Comando per la configurazione del server proxy

28 Primo accesso Autenticazione 28

29 Primo accesso Autenticazione 29

30 Primo accesso Autenticazione 30

31 Primo accesso Autenticazione 31

32 Primo accesso Autenticazione 32

33 Primo accesso Autenticazione 33

34 Primo accesso Autenticazione 34

35 Primo accesso Autenticazione 35

36 Primo accesso Autenticazione 36 User ID PWD

37 Dichiarazione MUD MUD 2010

38 Dichiarazione MUD 2010 Scheda anagrafica Effettuato l accesso al portale, la prima pagina che si apre è quella che riporta il nominativo dell utente (delegato) collegato e i dati dell unità locale che deve presentare la dichiarazione. L Anagrafica è costituita da due sezioni: Azienda; Unità Locale. Vengono visualizzati i dati già noti al SISTRI in quanto comunicati al momento dell iscrizione, e i campi obbligatori che devono essere completati.

39 Scheda anagrafica???

40

41 Modifica dati Unità Locale Selezionando la voce di menù Modifica Unità Locale, si apre la maschera Modifica dati anagrafici Unità Locale in cui è possibile, nel caso ci sia la necessità, aggiornare i dati dell Unità Locale. È consentito modificare soltanto i campi che seguono: Numero Iscrizione Repertorio Notizie Economiche ed Amministrative (REA) Prefisso telefonico Numero telefonico Codice ISTAT attività prevalente nell unità locale Totale addetti unità locale???

42 Modifica dati Unità Locale

43 Gestione schede - RIF - Rifiuti

44 Gestione schede RIF - Rifiuti

45 Gestione schede RIF - Rifiuti

46 Compilazione dei Moduli

47 Compilazione dei Moduli

48 Compilazione dei Moduli

49 Gestione schede RIF - Rifiuti

50 Pagina principale riassuntiva Gestione schede RIF - Rifiuti

51 Gestione dichiarazione

52 Si può modificare e farla tornare allo stato di bozza Gestione dichiarazione

53 Firma della dichiarazione

54 Si può annullare e farla tornare allo stato di bozza Gestione dichiarazione

55 Stampa della dichiarazione

56 Problemi di accesso :??? 56 Premessa: una volta inserita l USB, l apertura dei programmi non è immediata, non cliccare ripetutamente i vari bottoni d accesso: 1 - Difficoltà di lettura dei codici di accesso; 2 - Avviso di errore ssl _error_bad_cert_alert; 3 - Utente non ancora abilitato; 4 - Mancanza di alcuni file nella USB;

57 Risoluzione dei problemi: 1- Difficoltà di lettura dei codici di accesso 57

58 Risoluzione dei problemi: 1- Difficoltà di lettura dei codici di accesso 58 SI

59 Risoluzione dei problemi: 1- Difficoltà di lettura dei codici di accesso 59

60 Risoluzione dei problemi: 2- Avviso di errore 60

61 Risoluzione dei problemi: 3- Utente non ancora abilitato 61 È un problema comune a molte USB. Il SISTRI ha attivato una procedura per la risoluzione delle anomalie derivanti dal certificato (del delegato) del dispositivo USB causati dalla assenza o dal malfunzionamento dello stesso e che richiedono il ripristino dei certificati del dispositivo USB.

62 Risoluzione dei problemi: 4- Mancanza di alcuni file nell USB Se l USB è vuota o mancano alcuni file o cartelle o sono danneggiati, deve essere eseguita la procedura per la risoluzione delle anomalie derivanti dal malfunzionamento del software del dispositivo USB. Se il problema si risolve, chiama SISTRI al numero

63 IL sito ufficiale: 63 SISTRI Home page Documenti Domande frequenti Normativa

64 IL sito ufficiale: 64

65 Comunicazione rifiuti MUD / SISTRI 65

66 Nuovo Manuale Operativo - 14/04/11 66

67 Vecchie regole che non cambiano. 67 L obbligo del produttore di procedere alla classificazione dei rifiuti e l attribuzione dei codici CER; Le regole del deposito temporaneo; La tempistica per le registrazioni di carico, nei registri c/s (prima), registro cronologico (oggi). L obbligo del produttore di compilare il FIR (prima), la Scheda Movimentazione (oggi). Il registro carico e scarico rifiuti (prima), l USB/ registro cronologico (oggi) devono essere mantenuti presso l unità locale.

68 Procedure per la movimentazione dei rifiuti ENTRO 10 g DALLA PRODUZIONE DEL RIFIUTO PRODUTTORE effettua il movimento di CARICO nel registro cronologico firma il movimento PRODUTTORE CONFERIMENTO DEL RIFIUTO prepara la SCHEDA MOVIMENTAZIONE firma la scheda NELLA PROPRIA SEDE TRASPORTATORE riprende la scheda movimentazione compilata dal produttore e la integra con il n di TARGA del mezzo e il NOME del conducente firma la scheda

69 Procedure per la movimentazione dei rifiuti PRIMA DEL CARICO DA PARTE DEL CONDUCENTE PRODUTTORE PRODUTTORE collega la scheda movimentazione al registro cronologico generando il movimento di scarico; seleziona i CARICHI DA SCARICARE; firma il movimento. CON IL CONDUCENTE IN SEDE seleziona la scheda movimentazione entra nell AREA CONDUCENTE PRESSO LA SEDE DEL PRODUTTORE inserisce l USB nel computer del produttore; CONDUCENTE effettua l operazione informatica di CARICO dall area conducente inserendo il PIN dell USB riceve la scheda movimentazione stampata dal P. attiva la Black Box

70 EFFETTUATO IL TRASPORTO GIUNTO NELLA SEDE DEL DESTINATARIO CONDUCENTE disattiva la Black Box inserisce l USB nel computer del destinatario effettua l operazione informatica di CONSEGNA dall area conducente inserendo il PIN dell USB DESTINATARIO ACCETTATO IL CARICO eventualmente inserisce il peso verificato a destino nella SCHEDA MOVIMANTAZIONE firma la scheda DESTINATARIO EFFETTUA IL MOVIMENTO DI CARICO collega la scheda movimentazione al registro cronologico generando il movimento di CARICO firma il movimento

71 Procedure per la movimentazione dei rifiuti EFFETTUATO IL TRASPORTO collega la scheda movimentazione al registro TRASPORTATORE cronologico generando i movimenti di CARICO e SCARICO firma i movimenti PRODUTTORE RICEVE LA WEB MAIL P.E.C controlla il peso verificato a destino (*) (*) Il peso verificato a destino inserito dal destinatario nella scheda movimentazione verrà trascritto automaticamente nel campo peso verificato a destino nel movimento di scarico già firmato dal produttore

72 USB associato alla Black Box 72 Il dispositivo USB associato alla Black Box consente ai conducenti di : effettuare l accesso al SISTRI; segnalare la presa in carico dei rifiuti presso i produttori/detentori: avviare il tracciamento del viaggio, tramite inserimento nella Black Box; segnalare la consegna del carico di rifiuti presso l Impianto di gestione rifiuti.

73 GRAZIE PER L'ATTENZIONE 73

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE Il SISTRI (Sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI

SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI COSA E' IL SISTRI Il SISTRI è il Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti che permette l'informatizzazione dell'intera filiera dei rifiuti

Dettagli

Comunicazione 02/2010

Comunicazione 02/2010 Carpi, 17/02/ Comunicazione 02/ Oggetto: Nuovo sistema di gestione rifiuti - SISTRI. Il Decreto del Ministero dell Ambiente del 17 dicembre 2009 ha introdotto una rivoluzione nelle modalità di gestione

Dettagli

SISTRI. Tracciabilità dei Rifiuti. Indicazioni operative

SISTRI. Tracciabilità dei Rifiuti. Indicazioni operative SISTRI SIStema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti Indicazioni operative Ing. Fabrizio Vitale Santa Croce Sull Arno, 24 settembre 2010 1 SISTRI è l informatizzazione degli adempimenti amministrativo/documentali

Dettagli

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CHIMICA MATERIALI AMBIENTE Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica Sezione Centro Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico CONOSCERE IL SISTRI SISTEMA DI

Dettagli

SISTRI. Gestione rifiuti,

SISTRI. Gestione rifiuti, SISTRI Gestione rifiuti, Il Decreto Ministeriale del 17 dicembre 2009 [ Ambiente ], pubblicato sulla GU del 13 gennaio 2010 [ in vigore dal 14/01/2010 ], che istituisce il SISTRI, il Sistema informatico

Dettagli

SISTRI COSA FARE PRIMA DELL AVVIO AL 3 MARZO 2014

SISTRI COSA FARE PRIMA DELL AVVIO AL 3 MARZO 2014 SISTRI COSA FARE PRIMA DELL AVVIO AL 3 MARZO 2014 Che cos è SISTRI??? Sistri è il Sistema informatico di Controllo per la Tracciabilità dei rifiuti che il Ministero dell Ambiente ha istituito e che cambia

Dettagli

Queste in sintesi sono le disposizioni che compongono il quadro normativo di riferimento della nuova disciplina sul SISTRI.

Queste in sintesi sono le disposizioni che compongono il quadro normativo di riferimento della nuova disciplina sul SISTRI. SISTRI Il SISTRI nasce nel 2009 (D.M. 17 dicembre 2009) su iniziativa del Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM) il quale muovendosi nell ambito del più ampio quadro di

Dettagli

SISTRI. Andrea Annori. RIG.ECO srl via dell artigianato 14 15055 PONTECURONE (AL) tel.: 0131.887174 fax: 0131.887268 e.mail: info@rigeco.

SISTRI. Andrea Annori. RIG.ECO srl via dell artigianato 14 15055 PONTECURONE (AL) tel.: 0131.887174 fax: 0131.887268 e.mail: info@rigeco. SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai sensi dell art. 189 del D.lg. 152/06 e dell articolo 14-bis del decreto legge n. 78 del 2009 Andrea Annori RIG.ECO srl via dell artigianato

Dettagli

Priolo Gargallo 3 dicembre 2011 Provincia Regionale di Siracusa SISTEMA TRACCIABILITÀ RIFIUTI (SISTRI) STATO DELL ARTE

Priolo Gargallo 3 dicembre 2011 Provincia Regionale di Siracusa SISTEMA TRACCIABILITÀ RIFIUTI (SISTRI) STATO DELL ARTE Priolo Gargallo 3 dicembre 2011 Provincia Regionale di Siracusa SISTEMA TRACCIABILITÀ RIFIUTI (SISTRI) STATO DELL ARTE Ing. Domenico Sole Greco Responsabile Servizio Rifiuti e Bonifiche X Settore Territorio

Dettagli

SISTRI. Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti

SISTRI. Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti SISTRI Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti Con l entrata in vigore del Decreto ministeriale 17 dicembre 2009 (SISTRI) molti aspetti riguardanti i rifiuti hanno subito una modifica. Il servizio da

Dettagli

COSA FARE FINO AL 31 DICEMBRE 2010?

COSA FARE FINO AL 31 DICEMBRE 2010? COSA FARE FINO AL 31 DICEMBRE 2010? rifiuti prodotti dopo il 1 ottobre carico/scarico sul Registro cronologico SISTRI Scheda movimentazione SISTRI compilazione registro e formulario cartacei Produttori

Dettagli

FONDAZIONE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il sistema SISTRI: problemi attuativi e normativi Sala della Pace - Palazzo Valentini Provincia di Roma 26 aprile 2010 1 Il sistema SISTRI: problemi attuativi e normativi

Dettagli

Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente

Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente Bari, 15 settembre 2010 Fiera del Levante IV Giornata dell Energia Pulita Cos è il SISTRI? 2 Sistri è il nuovo sistema

Dettagli

SISTRI (SIStema Tracciabilità RIfiuti)

SISTRI (SIStema Tracciabilità RIfiuti) SISTRI (SIStema Tracciabilità RIfiuti) dr.ssa Federica Alimede Treviso Tecnologia c/o Sportello CSR e Ambiente CCIAA Treviso Normativa di riferimento D.Lgs. 205/2010: modifiche al Titolo IV D.Lgs. 152/2006

Dettagli

SISTRI SISTRI 19/11/2015. L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni

SISTRI SISTRI 19/11/2015. L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente e Ecosostenibilità Camera di Commercio di Milano 30 ottobre 2015 Camera di Commercio di Milano

Dettagli

COS E E PERCHE NASCE IL SISTEMA SISTRI

COS E E PERCHE NASCE IL SISTEMA SISTRI Bologna 29 gennaio 2010 CIRCOLARE 33 - AREA AMBIENTE SISTRI Sistema informatico di controllo della tracciabilità dei Rifiuti COS E E PERCHE NASCE IL SISTEMA SISTRI Con il Decreto del 17 dicembre 2010 il

Dettagli

PERCHÉ SISTRI?...3. Qual è la procedura di iscrizione?...3. Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA...

PERCHÉ SISTRI?...3. Qual è la procedura di iscrizione?...3. Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA... 30 settembre 2010 Sommario PERCHÉ SISTRI?...3 Qual è la procedura di iscrizione?...3 Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA...5 Funzionalità standard...5 Accesso al sito...11

Dettagli

DISPOSITIVO USB Giornata SISTRI Seminario Informativo Inserimento Dispositivo USB Rimozione sicura Dispositivo USB Accesso al sistema Reset credenziali Ripristino Dispositivo USB Aggiornamento automatico

Dettagli

SISTRI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI

SISTRI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI SISTRI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI PERCHÈ NASCE IL SISTRI - Per garantire una maggiore efficacia all azione di contrasto dei fenomeni di illegalità e nei confronti dei comportamenti

Dettagli

GUIDA RAPIDA INTERMEDIARI

GUIDA RAPIDA INTERMEDIARI GUIDA RAPIDA PRODUTTORI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 18 novembre 2011 www.sistri.it SEMPLIFICAZIONI Nell attuale versione vengono introdotte le seguenti semplificazioni: a) Possibilità, per il

Dettagli

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6 26 aprile 2011 Sommario 1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6 1.2. Cronologia degli aggiornamenti...7 2. Guida all utilizzo del

Dettagli

Ciclo del recupero :

Ciclo del recupero : AZIENZA PRODUTTRICE, luogo di produzione rifiuti Destinati al recupero Ciclo del recupero : Deve essere applicata la disciplina del deposito temporaneo o stoccaggio dei rifiuti REGISTRI - SISTRI Deve essere

Dettagli

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 dicembre 2011 www.sistri.it SEMPLIFICAZIONI Nell attuale versione vengono introdotte le seguenti semplificazioni:

Dettagli

Procedura per il ripristino del browser Mozilla Firefox del dispositivo USB

Procedura per il ripristino del browser Mozilla Firefox del dispositivo USB Procedura per il ripristino del browser Mozilla Firefox del dispositivo USB 22/03/2011 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...3 1. Glossario...3 2. Presentazione...4 3. Quando procedere

Dettagli

Procedura per il ripristino del software del dispositivo USB associato al veicolo

Procedura per il ripristino del software del dispositivo USB associato al veicolo Procedura per il ripristino del software del dispositivo USB associato al veicolo Ver. 1.0 del 21/02/2014 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Presentazione...

Dettagli

PERCHÉ SISTRI?...3. Qual è la procedura di iscrizione?...3. Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA?...

PERCHÉ SISTRI?...3. Qual è la procedura di iscrizione?...3. Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA?... 8 marzo 2011 Sommario PERCHÉ SISTRI?...3 Qual è la procedura di iscrizione?...3 Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA?...5 Funzionalità standard...5 Accesso al sito...14

Dettagli

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio Il Legale Rappresentante di una società di capitali che abbia delegato ad altri soggetti di sua fiducia attività in tema di gestione dei rifiuti diviene responsabile

Dettagli

GUIDA RAPIDA INTERMEDIARI INTERMEDIARI PRODUTTORI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA INTERMEDIARI INTERMEDIARI PRODUTTORI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA INTERMEDIARI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

SISTRI. Informazioni, domande e risposte presenti sul sito www.sistri.it con attinenza ai centri di raccolta RSU e Piattaforme RD RSU

SISTRI. Informazioni, domande e risposte presenti sul sito www.sistri.it con attinenza ai centri di raccolta RSU e Piattaforme RD RSU SISTRI Informazioni, domande e risposte presenti sul sito www.sistri.it con attinenza ai centri di raccolta RSU e Piattaforme RD RSU 14 gennaio 2010 definizioni SISTRI: il sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

Procedura per il ripristino del software del dispositivo USB

Procedura per il ripristino del software del dispositivo USB Procedura per il ripristino del software del dispositivo USB 07/12/2010 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...3 1. Glossario...3 2. Presentazione...4 3. Quando procedere al ripristino

Dettagli

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6 14 aprile 2011 Sommario 1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6 1.2. Cronologia degli aggiornamenti...7 2. Guida all utilizzo del

Dettagli

La normativa di riferimento: il Codice dell Ambiente. D.M. 17 dicembre 2009 SISTRI s.m.i.

La normativa di riferimento: il Codice dell Ambiente. D.M. 17 dicembre 2009 SISTRI s.m.i. 13/04/2011 SISTRI nuovo sistema elettronico di tracciabilità dei rifiuti Analisi delle principali novità per il settore delle costruzioni Conferenza illustrativa sugli adempimenti normativi e le indicazioni

Dettagli

Domanda: Cosa fare se il dispositivo USB dell'azienda di trasporto non funziona? Risposta:

Domanda: Cosa fare se il dispositivo USB dell'azienda di trasporto non funziona? Risposta: FAQ AGGIORNAMENTO SITO SISTRI novembre 2013 Entro quanto tempo devono essere riportati a Sistema i dati relativi alla presa in carico e alla consegna dei rifiuti? Il trasportatore è tenuto a firmare le

Dettagli

MANUALE OPERATIVO SISTRI

MANUALE OPERATIVO SISTRI A N A L I S I D I R I S C H I O ADEMPIMENTI TECNICI E NORMATIVI I N M A T E R I A D I P R E V E N Z I O N E INQUINAMENTO, SICUREZZA SUL LAVORO R A P P O R T O D I S I C U R E Z Z A w w w. s a f e t y e

Dettagli

SISTRI. Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti. SEMINARIO di formazione e approfondimento Carrara, 19 marzo 2010

SISTRI. Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti. SEMINARIO di formazione e approfondimento Carrara, 19 marzo 2010 SEMINARIO di formazione e approfondimento Carrara, 19 marzo 2010 Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI INTRODUZIONE ED APPLICAZIONE Elisa Stabellini 1 Il sistema di tracciabilità

Dettagli

2. TRASPORTATORE, Tutte le pagine

2. TRASPORTATORE, Tutte le pagine Home Ricerca CER Ricerca Impianti Documenti Notizie CollaborAZIONE Contatti Home Notizie SISTRI ABBIAMO TESTATO LA DEMO CARATTERE A A A - Lo scorso 28 maggio 2010 abbiamo partecipato a Milano presso ASSOLOMBARDA

Dettagli

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4 30 settembre 2010 Sommario 1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4 1.2 Cronologia degli aggiornamenti...5 2. Guida all utilizzo

Dettagli

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali Edoardo Martignoni UNA DEFINIZIONE... I FANGHI ORIGINATI DAL LAVAGGIO SUPERFICIALE DEI VEICOLI

Dettagli

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di supporto

Dettagli

Procedura per il recupero delle credenziali di accesso al SISTRI

Procedura per il recupero delle credenziali di accesso al SISTRI Procedura per il recupero delle credenziali di accesso al SISTRI 29/04/2011 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...3 1. Glossario...3 2. Presentazione...4 3. Quando procedere al recupero

Dettagli

Procedura per il recupero delle credenziali di accesso al SISTRI

Procedura per il recupero delle credenziali di accesso al SISTRI Procedura per il recupero delle credenziali di accesso al SISTRI 21/12/2010 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...3 1. Glossario...3 2. Presentazione...4 3. Quando procedere al recupero

Dettagli

Aggiornamenti sul SISTRI. Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011

Aggiornamenti sul SISTRI. Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011 Aggiornamenti sul SISTRI Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011 D.M. 22 settembre 2010 2 Il termine della fase di verifica della funzionalità del sistema di tracciabilità dei rifiuti SISTRI, fissato

Dettagli

SISTRI. Il nuovo sistema di tracciabilitàdei rifiuti Le ultime disposizioni. Brescia 09 luglio 2011

SISTRI. Il nuovo sistema di tracciabilitàdei rifiuti Le ultime disposizioni. Brescia 09 luglio 2011 SISTRI Il nuovo sistema di tracciabilitàdei rifiuti Le ultime disposizioni Brescia 09 luglio 2011 COS E IL SISTRI? Porterà alla graduale sostituzione del sistema cartaceo basato su: -registro di carico

Dettagli

SISTRI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI LINEE GUIDA

SISTRI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI LINEE GUIDA SISTRI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI LINEE GUIDA INDICE Premessa...3 1. ASPETTI INNOVATIVI DEL SISTRI...5 2. IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO...6 3. DEFINIZIONI...8 4. IL SISTRI

Dettagli

SISTRI. Sistema di Controllo della Tracciabilità dei Rifiuti FAQ DOMANDE FREQUENTI

SISTRI. Sistema di Controllo della Tracciabilità dei Rifiuti FAQ DOMANDE FREQUENTI SISTRI Sistema di Controllo della Tracciabilità dei Rifiuti FAQ DOMANDE FREQUENTI Aggiornate al 6 maggio 2010 Indice Gestione-Rifiuti.it ISCRIZIONE E OPERATIVITÀ...5 1.01 Fino a quando è possibile iscriversi?...5

Dettagli

Procedura per il ripristino del software del dispositivo USB

Procedura per il ripristino del software del dispositivo USB Procedura per il ripristino del software del dispositivo USB Ver. 1.0 del 21/02/2014 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Presentazione... 4 3. Quando procedere

Dettagli

Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione

Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione mercoledì 8 luglio 2015 dalle ore 14,30 alle 17,00 presso Hotel Congress Centre "Al Mulino di San Michele (Alessandria), in

Dettagli

SISTRI. SIStema di controllo Tracciabilità RIfiuti. Università degli Studi di Sassari. Servizio di Prevenzione, Protezione, Igiene e Sicurezza

SISTRI. SIStema di controllo Tracciabilità RIfiuti. Università degli Studi di Sassari. Servizio di Prevenzione, Protezione, Igiene e Sicurezza SIStema di controllo Tracciabilità RIfiuti Università degli Studi di Sassari Servizio di Prevenzione, Protezione, Igiene e Sicurezza Decreto 17 dicembre 2009 del Ministero dell'ambiente del Territorio

Dettagli

UNIONE INDUSTRIALE PISANA

UNIONE INDUSTRIALE PISANA UNIONE INDUSTRIALE PISANA SISTRI 2014 Sintesi normativa in vista dell operatività del sistema Ing. Fabrizio Vitale UNIONE INDUSTRIALE PISANA LA BASE LEGALE Il SISTRI nasce ufficialmente nel 2009 con il

Dettagli

Manuale dell Utente Versione test 1.0

Manuale dell Utente Versione test 1.0 Manuale dell Utente Versione test 1.0 02/08/2010 Sommario 1. Limitazioni di responsabilità ed uso del manuale... 5 2. Guida all utilizzo del sistema SISTRI... 5 2.1. Descrizione generale del sistema di

Dettagli

Guida per l utilizzo dell applicazione per la compilazione della Dichiarazione MUD 2010

Guida per l utilizzo dell applicazione per la compilazione della Dichiarazione MUD 2010 Guida per l utilizzo dell applicazione per la compilazione della Dichiarazione MUD 2010 Prot. N.: Versione: 1.0 Data: 15/03/2011 STORIA DEL DOCUMENTO VER. DATA DESCRIZIONE 1.0 15/03/2011 Prima Edizione

Dettagli

SISTRI. ASSAGO, 25 settembre 2013

SISTRI. ASSAGO, 25 settembre 2013 SISTRI ASSAGO, 25 settembre 2013 SISTRI fonti normative Dlgs 152/2006 TUA articoli 188-189-190-193 (ex 205/2010) 188 bis e 188 ter Dm Ambiente 18 febbraio 2011, n. 52 TU Sistri Dm 20 marzo 2013, n 96 Termini

Dettagli

Alessandro Biondi Mobilità per la gestione del territorio

Alessandro Biondi Mobilità per la gestione del territorio IL TRASPORTO DEI RIFIUTI NELL'AMBITO DELL'ATTIVITÀ DI "GESTIONE ALLA LUCE DELLE MODIFICHE APPORTATE AL DECRETO LEGISLATIVO N. 152/2006 PER L'INTRODUZIONE DEL NUOVO SISTEMA SIS.T.R.I. SISTRI - Cos è Il

Dettagli

SISTRI. Nozioni di base a supporto delle imprese in vista del 3 marzo 2014

SISTRI. Nozioni di base a supporto delle imprese in vista del 3 marzo 2014 SISTRI Nozioni di base a supporto delle imprese in vista del 3 marzo 2014 Accesso al Sistema e Gestione Azienda A cura dell UI Torino Servizio Ambiente Confindustria, 6 febbraio 2014 Principali documenti

Dettagli

Procedura per il recupero delle credenziali di accesso al SISTRI

Procedura per il recupero delle credenziali di accesso al SISTRI Procedura per il recupero delle credenziali di accesso al SISTRI 07/06/2013 Sommario 1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 2. Presentazione... 4 3. Anomalie risolvibili con questa procedura...

Dettagli

SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014

SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014 SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014 La presentazione è stata curata da Confindustria Venezia, in collaborazione con Assolombarda e gli esperti del sistema associativo Ogni riferimento ai rifiuti presente

Dettagli

AZIENDA Loro Sede SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMUNICAZIONE RIFIUTI SPECIALI

AZIENDA Loro Sede SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMUNICAZIONE RIFIUTI SPECIALI Spett.le AZIENDA Loro Sede Trento, 01/02/2016 Oggetto: MUD 2016 - modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2016. Termine per aderire al servizio: 11/03/2016. È stato pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

CASO D USO: GESTIONE ARRIVI

CASO D USO: GESTIONE ARRIVI CASO D USO: GESTIONE ARRIVI 18 novembre 2011 www.sistri.it GESTIONE ARRIVI SEMPLIFICAZIONI Nell attuale versione vengono introdotte le seguenti semplificazioni: a) Possibilità, per il Trasportatore, di

Dettagli

SISTRI SEMINARIO SISTRI. TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014. Corso preparato e gestito da SEA spa

SISTRI SEMINARIO SISTRI. TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014. Corso preparato e gestito da SEA spa SISTRI SEMINARIO SISTRI TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014 Corso preparato e gestito da SEA spa SISTRI: riferimenti normativi Decreto ministeriale del 17 dicembre 2009 (Istituzione del sistema

Dettagli

SISTRI. Istruzioni per l uso

SISTRI. Istruzioni per l uso SISTRI SISTRI Istruzioni per l uso 24 maggio TRENTO 25 maggio RIVA DEL GARDA Corso preparato e gestito da SEA spa Cos è il SISTRI Sistema di Controllo della Tracciabilità dei Rifiuti Nasce nel 2009 su

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 1/10/2010 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...3 1. Glossario...3 2. Presentazione...4 2.1 Funzionamento del sistema...4 2.1.1 Predisposizioni...4

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 4/11/2010 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...3 1. Glossario...3 2. Presentazione...4 2.1 Funzionamento del sistema...4 2.1.1 Predisposizioni...4

Dettagli

Categorie di soggetti obbligati ad iscriversi

Categorie di soggetti obbligati ad iscriversi Newsletter n. 01/2010 - SPECIALE AMBIENTE - ISTITUZIONE DEL SISTRI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA' DEI RIFIUTI In data 14 gennaio 2010 è entrato in vigore il D.M. 17 dicembre 2009 che istituisce

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE MUD 2015

ISTRUZIONI OPERATIVE MUD 2015 Comunicazione Rifiuti speciali ISTRUZIONI OPERATIVE MUD 2015 I soggetti obbligati a presentare il MUD 2014 sono: chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti; commercianti

Dettagli

SISTRI. Non lo perdiamo di vista nemmeno un attimo. SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI

SISTRI. Non lo perdiamo di vista nemmeno un attimo. SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI SISTRI Non lo perdiamo di vista nemmeno un attimo. SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI Un sistema per coniugare ambiente, efficienza e legalità Il tema della gestione dei rifiuti ha assunto

Dettagli

CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO

CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO 18 novembre 2011 www.sistri.it SEMPLIFICAZIONI Nell attuale versione vengono introdotte le seguenti semplificazioni: a) Possibilità, per il Trasportatore, di firmare

Dettagli

Reati Ambientali D.Lgs 231/2001

Reati Ambientali D.Lgs 231/2001 14 dicembre 2011 1 Indice Modalità commissione reati 03 Mappatura dei rischi ambientali 04 Produzione 06 Deposito Temporaneo 07 Stoccaggio 08 Trasporto 09 Riutilizzo 11 Destinatari 12 2 MODALITA DI COMMISSIONE

Dettagli

LA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI

LA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI LA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI Schemi e analisi del d.m.18 febbraio 2011, n.52 (Regolamento recante istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti) SISTRI DOCUMENTO AGGIORNATO AL 5

Dettagli

LA NORMATIVA SUI RIFIUTI. Dott. Enrico Alberico 25 Ottobre 2011

LA NORMATIVA SUI RIFIUTI. Dott. Enrico Alberico 25 Ottobre 2011 LA NORMATIVA SUI RIFIUTI Dott. Enrico Alberico 25 Ottobre 2011 Il progetto: Un nuovo sistema normativo fondato sulla necessità di garantire: omogeneità dei criteri per le attività inerenti la gestione

Dettagli

CIRCOLARI DI AGGIORNAMENTO. Serie 2015 n. 15. Principali scadenze adempimenti settore ambientale Fonte notizie sito CCIAA MN

CIRCOLARI DI AGGIORNAMENTO. Serie 2015 n. 15. Principali scadenze adempimenti settore ambientale Fonte notizie sito CCIAA MN Studio Mantovani & Associati s.s. Pag. 1 di 6 Studio Mantovani & Associati s.s. Consulenza Aziendale Commerciale e tributaria Partners: Mantovani Dott. Rag. Sergio Scaini Rag. Andrea Mantovani Dott. Rag.

Dettagli

Confederazione Italiana Esercenti Attività Commerciali,Turistiche e dei Servizi 00184 Roma via Nazionale, 60 Tel. 0647251 Fax 4817211

Confederazione Italiana Esercenti Attività Commerciali,Turistiche e dei Servizi 00184 Roma via Nazionale, 60 Tel. 0647251 Fax 4817211 RE.TE. Imprese Italia ha lanciato la proposta dell organizzazione, in stretta collaborazione con il Ministero dell Ambiente, di una Giornata dedicata alla utilizzazione concreta del SISTRI, in occasione

Dettagli

Il SISTRI e la gestione dei rifiuti: ultimi sviluppi e obblighi per le aziende. Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica Federchimica

Il SISTRI e la gestione dei rifiuti: ultimi sviluppi e obblighi per le aziende. Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Il SISTRI e la gestione dei rifiuti: ultimi sviluppi e obblighi per le aziende Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Lube day 28 marzo 2014 Il quadro normativo Norme e documenti

Dettagli

Guida per l aggiornamento del software del dispositivo USB

Guida per l aggiornamento del software del dispositivo USB Guida per l aggiornamento del software del dispositivo USB 30/04/2013 Guida per l aggiornamento del software del dispositivo USB Pagina 1 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3

Dettagli

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4 30 novembre 2010 Sommario 1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4 1.2 Cronologia degli aggiornamenti...5 2. Guida all utilizzo del

Dettagli

ISTRUZIONI PER L ESPORTAZIONE DA SO.GE.R. PRO DEL FILE MUD2012.000 PER LA DICHIARAZIONE MUD 2013

ISTRUZIONI PER L ESPORTAZIONE DA SO.GE.R. PRO DEL FILE MUD2012.000 PER LA DICHIARAZIONE MUD 2013 ISTRUZIONI PER L ESPORTAZIONE DA SO.GE.R. PRO DEL FILE MUD2012.000 PER LA DICHIARAZIONE MUD 2013 Gentile Cliente, quelle che seguono sono le istruzioni per la corretta esportazione dal software So.Ge.R.

Dettagli

Circolare n. 33 del 29/04/2011 SC-fa

Circolare n. 33 del 29/04/2011 SC-fa 65 Circolare n. 33 del 29/04/2011 SC-fa Ambiente SISTRI - Decreto Ministeriale unificato D.M. 18 febbraio 2011 Riepilogo e coordinamento di tutte le disposizioni normative emanate in materia dai precedenti

Dettagli

PROCEDURA DI ISCRIZIONE AL SISTRI

PROCEDURA DI ISCRIZIONE AL SISTRI ALLEGATO IA PROCEDURA DI ISCRIZIONE AL SISTRI (articolo 3, comma 3) Per essere abilitati ad accedere al sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, i soggetti di cui agli articoli 1 e 2 del decreto

Dettagli

Il Catasto dei rifiuti con riferimento alle attività di C&D

Il Catasto dei rifiuti con riferimento alle attività di C&D Il Catasto dei rifiuti con riferimento alle attività di C&D ing. Mariella Bazzucco CATASTO RIFIUTI - MUD art. 189 - d.lgs. 152/2006 è articolato in una Sezione nazionale (ISPRA a Roma) e in Sezioni regionali/provinciali

Dettagli

Oggetto: Gestione Rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione degli impianti

Oggetto: Gestione Rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione degli impianti CIRCOLARE n. 01/11 Prot. GN/19/11 UNAE Emilia - Romagna (già AIEER) Albo delle Imprese Installatrici Elettriche Qualificate dell Emilia Romagna c/o ENEL S.p.A. - Via C. Darwin,4-40131 Bologna Tel. 051

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI: SISTRI CATEGORIA PRODUTTORI

GESTIONE RIFIUTI: SISTRI CATEGORIA PRODUTTORI GESTIONE RIFIUTI: - - Normativa di Settore collegata: D.Lgs. 152/2006 e smi Parte IV DM, Manuale e Circolari SISTRI - Destinatari: Servizio HSE aziendale - Consulenti - Revisione Documento Informativo:

Dettagli

Come ogni anno, la scadenza per la presentazione del MUD è il 30 aprile 2016. PRINCIPALI NOVITA DEL MUD 2016

Come ogni anno, la scadenza per la presentazione del MUD è il 30 aprile 2016. PRINCIPALI NOVITA DEL MUD 2016 CIRCOLARE N. 010 15.01.2016 ALLE IMPRESE ASSOCIATE LORO SEDI Oggetto: Modello Unico di Dichiarazione ambientale scadenza del 30 aprile 2016. Servizio di ANCE Bergamo per la compilazione e presentazione

Dettagli

Guida pratica all applicazione del SISTRI

Guida pratica all applicazione del SISTRI Stefano Sassone Guida pratica all applicazione del SISTRI Sintesi ragionata di normativa, procedure ed operazioni previste per il riavvio del Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti Contiene

Dettagli

CIRCOLARE CLIENTI - N 07/2007

CIRCOLARE CLIENTI - N 07/2007 Tecnolario CIRCOLARE CLIENTI - N 07/2007 DATA: 12/02/2007 A/TO CA: Titolare dell attività / Responsabile Ambiente - Rifiuti DA/FROM: TECNOLARIO S.r.l. TEL/FAX N : 0341.494.210 # 0341.250.007 N PAG.: 2

Dettagli

Comunicazione Rifiuti. Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA

Comunicazione Rifiuti. Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA Comunicazione Rifiuti Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA Soggetti obbligati / 1 I soggetti tenuti alla presentazione del MUD Sezione Rifiuti sono individuati dalla normativa seguente: dall articolo

Dettagli

SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013

SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013 SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013 Quesito Primo avvio di SISTRI 1 Come devono essere gestiti i rifiuti in giacenza presso l impianto (di produzione o di trattamento) al momento di

Dettagli

Nica Srl Informatica Aziendale

Nica Srl Informatica Aziendale Gentile Cliente, con la presente intendiamo illustrarle i passaggi da effettuare, per poter configurare ed utilizzare la procedura Winwaste.Net in suo possesso con i servizi di Interoperabilità, previsti

Dettagli

SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013

SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013 CIRCOLARE A.F. N. 177 14 Dicembre del Ai gentili clienti Loro sedi SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che l art. 52 del DL n. 83/2012 ha sospeso

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali Terzo Anno 12-24 febbraio 2015 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Lorella Di Giuseppe

Dettagli

SISTRI e Modello ex D.Lgs. 231/2001: reati ambientali e di abbandono rifiuti

SISTRI e Modello ex D.Lgs. 231/2001: reati ambientali e di abbandono rifiuti SISTRI e Modello ex D.Lgs. 231/2001: reati ambientali e di abbandono rifiuti di Alberto Pesenato (*) e Paolo Cozzi (**) Il sistema SISTRI, rinviato al 2013, è un punto fermo anche nell applicazione del

Dettagli

MUD 2015. RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MO007

MUD 2015. RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MO007 MUD 2015 RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MUD 2015 Normativa di riferimento Il D. Lgs. n.152/2006 all art. 189 dispone l obbligo di comunicare le quantità e le caratteristiche qualitative dei rifiuti per

Dettagli

ADESIONE AL SISTRI PROCEDURE E INFORMAZIONI UTILI. Paolo Guazzotti

ADESIONE AL SISTRI PROCEDURE E INFORMAZIONI UTILI. Paolo Guazzotti ADESIONE AL SISTRI PROCEDURE E INFORMAZIONI UTILI Paolo Guazzotti 1 FASI DELL ADESIONE 1. Iscrizione (on-line, fax, telefonica, e-mail); 2. Versamento del contributo; 3. Consegna alla CCIAA/Sezione dell

Dettagli

Si applica la disposizione contenuta nell art. 3 comma 2 del Decreto ministeriale.

Si applica la disposizione contenuta nell art. 3 comma 2 del Decreto ministeriale. CRITICITA TRASPORTO TRANSFRONTALIERO CASO IMPORTAZIONE Il Decreto e i relativi allegati non forniscono alcuna indicazione sulle procedure da seguire in caso di importazione dei rifiuti. PROCEDURA DI ISCRIZIONE

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PRODUTTORI TRASPORTATORI DESTINATARI. 7 agosto 2013 www.sistri.it

MANUALE OPERATIVO PRODUTTORI TRASPORTATORI DESTINATARI. 7 agosto 2013 www.sistri.it MANUALE OPERATIVO PRODUTTORI TRASPORTATORI DESTINATARI 7 agosto 2013 www.sistri.it Sommario Indice delle Revisioni... 6 1. Descrizione generale del Sistema di tracciabilità dei rifiuti SISTRI... 7 1.1.

Dettagli

www.lavoripubblici.it

www.lavoripubblici.it FAQ SISTRI AGGIORNATE AL 22 NOVEMBRE 2013 dispositivo USB Azienda di trasporto non funzionante [rif. FAQ-101]

Dettagli

Procedura per il recupero delle credenziali di accesso al SISTRI

Procedura per il recupero delle credenziali di accesso al SISTRI Procedura per il recupero delle credenziali di accesso al SISTRI 3/11/2010 Cod. SISTRI-MOF_USB-001 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...3 1. Glossario...3 2. Presentazione...4 3.

Dettagli