Programma Operativo Regionale (POR) FESR

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma Operativo Regionale (POR) FESR"

Transcript

1 Programma Operativo Regionale (POR) FESR Programmazione Obiettivo Competitività regionale e occupazione ASSE 1 INNOVAZIONE, RICERCA, TRASFERIMENTO TECNOLOGICO E IMPRENDITORIALITÀ ATTIVITÀ 1.1.B SOSTEGNO AI PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE AD ELEVATO IMPATTO SISTEMICO PER IL RAFFORZAMENTO DELLE RETI DELLA RICERCA E DELL INNOVAZIONE E DEI DISTRETTI TECNOLOGICI DELL INNOVAZIONE LINEE GUIDA E ISTRUZIONI TECNICHE PER LA RENDICONTAZIONE Ottobre 2012

2 2

3 Programma Operativo Regionale (POR) FESR Programmazione Obiettivo Competitività regionale e occupazione ASSE 1 INNOVAZIONE, RICERCA, TRASFERIMENTO TECNOLOGICO E IMPRENDITORIALITÀ ATTIVITÀ 1.1.B SOSTEGNO AI PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE AD ELEVATO IMPATTO SISTEMICO PER IL RAFFORZAMENTO DELLE RETI DELLA RICERCA E DELL INNOVAZIONE E DEI DISTRETTI TECNOLOGICI DELL INNOVAZIONE Linee guida e istruzioni tecniche per la rendicontazione a valere sui bandi approvati con: DGR 2215/2009 Bando per la realizzazione di progetti di ricerca industriale nel settore della domotica DGR 2339/2009 Bando per la realizzazione di progetti di ricerca industriale negli ambiti della cantieristica navale e nautica da diporto DGR 2340/2009 Bando per la realizzazione di progetti di ricerca industriale nel settore della biomedicina molecolare Versione 02 del 9 ottobre

4 4 Direzione Centrale Istruzione, università, ricerca, famiglia, asociazionismo e cooperazione Servizio Istruzione, università e ricerca Via del Lavatoio, Trieste

5 Sommario 1. Introduzione Compilazione del modello di rendicontazione Struttura del modello di rendicontazione Diario del personale Invio della rendicontazione Ammissibilità delle spese Riferimenti e contatti...43 Allegati Allegato A - Rendicontazione Dichiarazioni e impegni Organismi di ricerca...45 Allegato B - Rendicontazione Dichiarazioni e impegni Imprese benefi ciarie...49 Allegato C - Rendicontazione Richiesta di liquidazione...53 Allegato D - Rendicontazione Dichiarazione sul prezzo materiale usato / prestazione in natura...57 Allegato E - Relazione fi nale dell intervento Relazione illustrativa dell attività svolta e dei risultati ottenuti dall intervento...61 Allegato F - Relazione fi nale del progetto Relazione illustrativa dell attività svolta e dei risultati ottenuti dal progetto...67 DGR 2215/2009 Bando per la realizzazione di progetti di ricerca industriale nel settore della domotica...73 DGR 2339/2009 Bando per la realizzazione di progetti di ricerca industriale negli ambiti della cantieristica navale e nautica da diporto...93 DGR 2340/2009 Bando per la realizzazione di progetti di ricerca industriale nel settore della biomedicina molecolare

6 1. Introduzione Il presente manuale contiene le istruzioni per la rendicontazione delle spese relative agli interventi afferenti ai progetti di ricerca industriale fi nanziati a valere sui seguenti bandi: - Bando per la realizzazione di progetti di ricerca industriale nel settore della domotica, approvato con DGR 2215/2009; - Bando per la realizzazione di progetti di ricerca industriale negli ambiti della cantieristica navale e nautica da diporto, approvato con DGR 2339/2009; - Bando per la realizzazione di progetti di ricerca industriale nel settore della biomedicina molecolare, approvato con DGR 2340/2009. Si ricorda che la rendicontazione deve essere redatta da ciascun benefi ciario del contributo e responsabile dell attuazione del singolo intervento conformemente alle disposizioni contenute nel Bando di riferimento e nel decreto di concessione del contributo. Il benefi ciario, a titolo di rendicontazione, deve presentare la seguente documentazione: 1) documentazione di spesa di cui all articolo 17 del Bando di riferimento in originale, ai fi ni dell annullamento da parte della Struttura Regionale Attuatrice (di seguito S.R.A.) 1. Ai sensi dell articolo 25, comma 5 dei bandi nel caso di anticipazioni a soggetti pubblici (erogabili fi no al limite massimo del 70% del contributo concesso), il benefi ciario deve trasmettere in via preventiva la copia delle fatture e degli altri equivalenti documenti di spesa, anche non quietanzati, fermo restando l obbligo di successivo invio a seguito dell erogazione del contributo, degli originali delle fatture e degli altri equivalenti documenti di spesa debitamente quietanzati, precedentemente presentati in copia. Gli originali della documentazione di spesa dovranno essere trasmessi alla SRA entro 15 giorni dalla data del decreto di liquidazione dell anticipazione in questione. Tale termine non potrà comunque superare i 30 giorni dalla data del decreto di liquidazione dell anticipazione in questione; 2) il modello di rendicontazione che deve essere utilizzato. a) Limitatamente ai beneficiari pubblici per l erogazione dell anticipo su stati di avanzamento: in tal caso il benefi ciario deve scaricare dal portale della Regione, link: istruzione-ricerca/fare-ricerca/foglia10/modulistica, il fi le denominato rendiconto_anticipo.xls e presentarlo alla S.R.A., unitamente ai documenti di spesa, secondo i termini e le modalità stabilite dall articolo 25, c. 5 del Bando di riferimento; b) Per tutte le tipologie di beneficiari (sia pubblici che privati) per la rendicontazione in fase di saldo: in tal caso il benefi ciario deve scaricare dal portale della Regione, link: 1 La S.R.A. si è avvalsa della facoltà di cui all articolo 24 comma 2 dei Bandi. 6

7 istruzione-ricerca/fare-ricerca/foglia10/modulistica, il fi le denominato rendiconto_saldo.xls e presentarlo alla S.R.A., unitamente ai documenti di spesa, secondo i termini e le modalità stabilite dall art. 24 del Bando di riferimento. Nel caso di beneficiari soggetti pubblici che si avvalgono della rendicontazione anticipata ai fini della erogazione degli anticipi su stati avanzamento, di cui alla lettera a), la spesa complessiva di progetto ammissibile a finanziamento (rendiconto complessivo/finale) è individuata dalla somma dei valori imputati ai due file (lettera a) + lettera b)). La spesa rendicontata e i relativi documenti giustificativi non possono essere presenti in entrambi i file. Il valore del rendiconto complessivo deve essere pari alla somma dei due file. 3) i fogli per rilevazione giornaliera dell attività svolta dal personale coinvolto nel progetto contenuti nel fi le denominato timesheet.xls. scaricabile dal portale della Regione, link: modulistica; N.B. I fi le excel contengono macro e, pertanto, sia in fase di download dal sito al proprio computer sia in fase di apertura del fi le stesso, è necessario confermare l abilitazione/attivazione di macro ai messaggi visualizzati da excel. Per excel 2003 la protezione deve essere impostata ad un livello non oltre il medio. 4) le dichiarazioni sostitutive di atto notorio, compilate e sottoscritte dal legale rappresentante del benefi ciario, attestanti il rispetto dei requisiti e degli obblighi previsti dal Bando di riferimento. I modelli, distinti per imprese (Allegato B) e organismi di ricerca (Allegato A), sono scaricabili in formato rich text format (.rtf), dal portale della Regione, link modulistica; 5) la richiesta di liquidazione (come da Allegato C); 6) l /le eventuale/i dichiarazione/i sul valore/prezzo del materiale / macchinari / attrezzature usati e dei contributi in natura (come da Allegato D); 7) il documento giustifi cativo e illustrativo del metodo di calcolo utilizzato per la determinazione delle spese generali imputabili a rendicontazione; 8) la relazione illustrativa delle attività realizzate (Ricerca e Sviluppo industriale, diffusione, coordinamento) nell ambito dell intervento fi nanziato (come da Allegato E) che illustri i risultati conseguiti rispetto a quelli attesi. La relazione illustrativa dell intervento realizzato riporta gli scostamenti e le criticità rilevate rispetto alle previsioni iniziali, nonché le valorizzazioni dei seguenti indicatori: a) numero di giornate uomo prestate per l attività di ricerca industriale; b) numero di giornate uomo complessivamente attivate; c) valenza ambientale ( SI / NO ). 9) Il capofi la presenta oltre alla relazione afferente all intervento di competenza una relazione illustrativa del progetto realizzato (come da Allegato F). 7

8 2. Compilazione del modello di rendicontazione 2.1 Struttura del modello di rendicontazione I fi le rendiconto_anticpo.xls e rendiconto_saldo.xls si compongono delle seguenti sezioni e sottosezioni (strutturate in rispettive cartelle): SEZIONE 1 - Dati Progetto; SEZIONE 2 - Dati Intervento; SEZIONE 3 - Spese progettuali; SEZIONE 4 - Dettaglio Costi: 4.1 Sottosezione Personale Ricerca; 4.2 Sottosezione Prestazioni Interne; 4.3 Sottosezione Prestazioni di Terzi; 4.3.a Scheda attività promozione 4.4 Sottosezione Beni Immateriali; 4.5 Sottosezione Strumenti, Attrezzature e Macchinari ; 4.6 Sottosezione Materiali; 4.7 Sottosezione Spese Generali. La compilazione delle informazioni richieste in ciascuna Sezione è obbligatoria. 8

9 SEZIONE 1 - Dati Progetto Questa Sezione contiene la Scheda 1 - Dati progetto in cui viene selezionato il Bando di riferimento tra quelli elencati nel menù a tendina e viene inserto negli appositi campi l acronimo e il Titolo esteso del progetto, il codice CUP (indicato nel decreto di concessione del contributo). 9

10 10 SEZIONE 2 - Dati Intervento Questa Sezione contiene le seguenti Schede: - Scheda Dati relativi al benefi ciario in cui viene inserita la denominazione per esteso e il codice fi scale o partita IVA del benefi ciario; - Scheda Dati relativi ai termini iniziali e fi nali dell intervento e della rendicontazione in cui vengono inserite le date effettive di avvio e di conclusione dell intervento e l eventuale autorizzazione alla proroga del termine di conclusione dell intervento (SI/NO). In caso di richiesta di proroga dei termini di rendicontazione, ai sensi dell art. 29 c. 6 del Bando, viene altresì indicata la data di chiusura della rendicontazione, purché autorizzata dalla S.R.A. (detto campo viene pertanto compilato solo in caso di proroga autorizzata). - Scheda Dati relativi al referente per la rendicontazione in cui viene inserito il nominativo del referente amministrativo da contattare in caso di esigenze istruttorie o in caso di richieste d integrazioni relative alla rendicontazione; - Scheda Status I.V.A. del benefi ciario in cui viene specifi cato se il beneficiario è assoggettato o meno all Imposta sul Valore Aggiunto e, in caso affermativo, viene indicata la percentuale di I.V.A. non recuperabile.

11 SEZIONE 3 - Spese progettuali Questa Sezione contiene due tabelle: - la Tabella a) da compilare a cura del benefi ciario, inserendo i dati fi nanziari approvati dalla S.R.A.; - la Tabella b) contenente il quadro riepilogativo delle spese sostenute che viene implementata automaticamente, cliccando il pulsante calcola quota, contenuto nella barra Gestione Rendiconto (immagine 2.3.1) dopo l inserimento da parte del benefi ciario delle corrispondenti voci di spesa di cui alla successiva Sezione 4. Gestione Rendiconto (immagine 2.3.1). 11

12 Condizioni generali di ammissibilità delle spese Ai fi ni dell ammissibilità delle spese (artt. 15 e 16 dei bandi) si ricorda che le stesse dovranno: a) risultare connesse ai progetti cofinanziati; b) risultare conformi alla normativa comunitaria, nazionale e regionale; c) risultare relative a progetti localizzati nel territorio del Friuli Venezia Giulia; d) essere comprovate da fatture quietanzate o da altri documenti contabili aventi forza probante equivalente. Inoltre, in riferimento a quanto disposto dall art. 16 dei bandi ( Condizioni generali di ammissibilità delle spese ), si ricorda che: 1) L I.V.A. realmente e defi nitivamente sostenuta dal benefi ciario è spesa ammissibile solo se non recuperabile. 2) Costituisce spesa ammissibile l imposta di registro, in quanto afferente al progetto. 3) Ogni altro tributo od onere fi scale, previdenziale e assicurativo per progetti cofi nanziati da parte dei fondi strutturali è ammissibile, nel limite in cui non possa essere recuperato dal benefi ciario. 4) Non sono ammissibili a rendiconto spese pagate in contanti per un importo superiore a Euro 500,00. 5) Nel caso di spese di importo pari o inferiore a Euro 500,00 saldate in contanti, dovrà essere prodotto, quale prova dell effettiva effettuazione della spesa e della data di pagamento, un estratto contabile che attesti il pagamento ovvero la fattura quietanzata dal fornitore, con fi rma, data e timbro del fornitore medesimo, ovvero apposita dichiarazione liberatoria del fornitore. Prova della spesa Il benefi ciario può provare l avvenuto sostenimento della spesa attraverso la seguente documentazione bancaria o postale: 1) copia di estratti conto dai quali si evincano i trasferimenti di denaro effettuati ai fornitori di beni e servizi, per gli importi corrispondenti a quelli indicati nei documenti contabili probatori (fatture e simili); 2) copia delle ricevute bancarie o dei bonifi ci dai quali si evincano i trasferimenti di denaro effettuati ai fornitori di beni e servizi, per gli importi corrispondenti a quelli indicati nei documenti contabili probatori (fatture e simili); 3) per le sole spese relative a beni o servizi il cui valore è inferiore a Euro 500,00, attraverso formale quietanza liberatoria del fornitore del bene/servizio, producibile anche con apposizione sulla fattura medesima del timbro, data e fi rma originale del fornitore con la dicitura quietanzata. 12

13 SEZIONE 4 - Dettaglio costi Questa Sezione è suddivisa nelle seguenti sette Sottosezioni, nelle quali sono inserite le pertinenti voci di spesa unitamente alle informazioni richieste: 4.1 Sottosezione Personale Ricerca; 4.2 Sottosezione Prestazioni interne; 4.3 Sottosezione Prestazioni di Terzi; 4.4 Sottosezione Beni Immateriali; 4.5 Sottosezione Strumenti, Attrezzature e Macchinari ; 4.6 Sottosezione Materiali; 4.7 Sottosezione Spese Generali. Ogni singola Sottosezione comprende le seguenti quattro Aree di dettaglio: - DETTAGLIO GIUSTIFICATIVO DI SPESA; - DETTAGLIO ATTO DI PAGAMENTO; - DETTAGLIO QUIETANZA; - DETTAGLIO DI SPESA. N.B. La sezione riservata alla S.R.A. non deve essere compilata dal benefi ciario. All apertura del fi le, il benefi ciario ha a disposizione una riga in ogni Sottosezione in cui inserire i dati relativi a ciascuna voce di spesa. La compilazione della tabella avviene attraverso l inserimento sequenziale delle voci di spesa: al momento dell inserimento dei dati nella prima riga, la cella contenente il numero progressivo risulta già compilata con il numero identifi cativo del giustifi cativo di spesa; l inserimento di una nuova riga, come pure la sua eliminazione (previa richiesta di conferma), avviene utilizzando il pulsante + o - dalla barra Gestione Rendiconto. In caso di errato inserimento dei dati riferiti ai giustifi cativi di spesa, l applicazione avvisa l utente con uno dei seguenti messaggi: Messaggio di errore Non coerente Fuori periodo Fuori termini Tipo incongruenza Gli importi inseriti nelle celle non sono coerenti tra loro Il costo è sostenuto al di fuori del periodo previsto di svolgimento dell attività progettuale La data di pagamento della spesa è successiva al termine massimo consentito. 13

14 Sottosezione 4.1 Personale Ricerca Ai fi ni della compilazione di questa Sottosezione, è necessaria la preventiva compilazione del fi le timesheet.xls, le cui istruzioni sono elencate al successio capitolo Diario del Personale delle presenti Linee Guida. All interno di questa sottosezione vengono inserite le voci di spesa relative al personale impiegato direttamente nelle attività di ricerca (es. ricercatori, titolari di assegni di ricerca), ai sensi di quanto disposto dall articolo 15, punto 2.1 del Bando di riferimento. L inserimento delle voci di costo all interno del fi le di rendicontazione avviene in modo automatico una volta terminata la compilazione del fi le timesheet.xls. Il responsabile, terminata la compilazione del timesheet, procederà all esportazione dei dati necessari cliccando sul pulsante Esporta dati in rendiconto. I costi sono individuati sulla base del compenso corrisposto rapportato al tempo d impiego nel progetto. Il compenso lordo da prendere a riferimento è comprensivo di oneri diretti, indiretti, contributi a carico del datore di lavoro a esclusione del trattamento di fine rapporto. N.B. Non sono ammessi a fi nanziamento i costi dei professori di prima fascia (ordinario e straordinario) e di seconda fascia (associato), di ricercatori ed assistenti di ruolo qualora già coperti da fi nanziamenti specifi ci o dal Fondo di Funzionamento Ordinario (FFO) Missioni e trasferte del personale di ricerca Con riferimento a missioni e trasferte del personale di ricerca, le spese sostenute NON sono ammissibili. In particolare NON sono ammissibili le spese di missione e trasferta per la partecipazione ad attività interpartenariali, quali riunioni periodiche di coordinamento, e per la partecipazione ad eventi (es. convegni) il cui soggetto ha una mera funzione di uditore/ partecipante. Fanno eccezione le spese per missioni e trasferte aventi natura retributiva, ossia quelle imputabili all intervento come componente della retribuzione quale Indennità di missione. Le spese di missione e trasferta (non aventi natura di indennità di missione ) afferenti a attività di promozione, informazione e pubblicizzazione sono rendicontabili nell ambito delle Prestazioni di Terzi (sezione Prestazioni di Terzi. Vedi sottosezione e, nel fi le xls, la cartella 4.3.a). 14

15 Con riferimento all area denominata DETTAGLIO GIUSTIFICATIVO DI SPESA, le informazioni da inserire sono le seguenti: Nome Campo Descrizione Cognome Nome Nominativo del soggetto impiegato nell intervento * Ruolo Ruolo ricoperto dal soggetto all interno dell intervento Cliccando all interno della cella, si attiva un menù a tendina, all interno viene identifi cata Categoria di spesa il tipo di attività svolta dal soggetto. Ricerca Industriale (RI) - Sviluppo Sperimentale (SS) - Coordinamento Progettuale (CP) - Diffusione Divulgazione (DD) * Identifi cazione del periodo durante il quale viene svolta l attività. E necessario indicare il giorno d inizio e di fi ne del mese a cui si riferisce il compenso o la retribuzione Periodo di riferimento erogata al soggetto. Nel caso in cui la collaborazione abbia una durata maggiore al mese e sia prevista l erogazione di un compenso unico, il periodo di riferimento viene riportato nella sua interezza Data documento Data di emissione della busta paga o della ricevuta * di spesa * Acquisito automaticamente da timesheet. Con riferimento all area denominata DETTAGLIO ATTO DI PAGAMENTO le informazioni da inserire sono le seguenti: Nome Campo Tipo atto pagamento n. atto pagamento Data atto pagamento Descrizione In base alla modalità di pagamento adottata, all interno del menù di scelta multipla viene selezionata una delle seguenti voci: - Ricevuta bancaria - Mandato con Bonifi co nel caso di ente pubblico - Bonifi co - c/c postale - Contanti - Assegni - Bancomat - Carta di Credito - In Natura Indicare il numero dell atto di pagamento. - Ricevuta bancaria numero della ricevuta bancaria - Bonifi co (bancario o postale) numero di CRO del bonifi co - c/c postale numero del bollettino postale - Contanti numero progressivo dell operazione - Assegni numero dell assegno - Bancomat numero della transazione - Carta di Credito numero della transazione Data dell operazione di pagamento. Nel caso di pagamento con mandato, la data del mandato. 15

16 Con riferimento all area denominata DETTAGLIO QUIETANZA le informazioni da inserire sono le seguenti: Nome Campo Data quietanza importo quietanza Descrizione Corrisponde alla data dell effettivo pagamento; nel caso la data di effettuazione del pagamento sia diversa dalla data della valuta viene indicata quest ultima* Importo pagato con la singola operazione. Nel caso il pagamento si effettuato in più tranches, ogni riga evidenzia l importo effettivamente pagato, e la sezione dettaglio di spesa viene compilata solo nella riga che riporta l ultimo pagamento * Acquisito automaticamente da timesheet. Con riferimento all area denominata DETTAGLIO DI SPESA le informazioni da inserire sono le seguenti: Nome Campo Importo retribuzione mensile/ Compenso mensile Descrizione Corrisponde alla retribuzione mensile lorda al netto del TFR, nel caso di personale dipendente. Nel caso di personale non dipendente, il valore corrisponde al compenso loro corrisposto. Gli importi sono comprensivi delle indennità di missione (qualora contrattualmente previste).* Costo INPS c/azienda Quota parte dei contributi INPS a carico dell azienda * Costo INAIL c/azienda Quota parte dei contributi INAIL a carico dell azienda. * Altri contributi previdenziali Totale Retribuzione / Totale Compensi Costo orario dipendente/ Collaboratore Ore lavorate Importo totale imputato a progetto * Acquisito automaticamente da timesheet. Quota parte di altri oneri contributivi e previdenziali integrativi del lavoratore dipendente a carico dell azienda.* Il valore della cella è determinato in modo automatico, sommando i valori precedentemente inseriti Viene riportato il valore del costo come determinato in base al timesheet Viene riportato il valore delle ore lavorate nell intervento, come determinato nel time sheet Il valore della cella è determinato in modo automatico in base ai valori inseriti nella cella Costo orario dipendente/ Collaboratore e Ore lavorate. 16

17 Sottosezione 4.2 Prestazioni Interne Ai fi ni della compilazione di questa Sottosezione, è necessaria la preventiva compilazione del fi le timesheet.xls, le cui istruzioni sono elencate al successio capitolo Diario del Personale delle presenti Linee Guida. All interno di questa Sottosezione vengono inserite le voci di spesa del personale interno diverse da quelle relative al personale impiegato direttamente nelle attività di ricerca (come ad esempio i costi per tecnici, amministrativi e altro personale ausiliario, ovvero il personale addetto a coadiuvare il personale svolgente le attività di R&S, Coordinamento e Diffusione/ Divulgazione dei risultati), ai sensi di quanto disposto dall articolo 15, punto 2.2 del Bando di riferimento. Il personale interno si riferisce alle seguenti tipologie: - personale assunto con contratto a tempo indeterminato; - personale assunto con contratto a tempo determinato; - personale con contratto di collaborazione coordinata e continuativa o contratto a progetto; - personale con contratto di lavoro interinale. L inserimento delle voci di costo all interno del fi le di rendicontazione avviene in modo automatico una volta terminata la compilazione del fi le timesheet.xls. Il responsabile, terminata la compilazione del timesheet, procederà all esportazione dei dati necessari cliccando sul pulsante Esporta dati in rendiconto. I costi sono individuati sulla base del compenso corrisposto rapportato al tempo d impiego nell attività. Il compenso lordo da prendere a riferimento è comprensivo di oneri diretti, indiretti, contributi a carico del datore di lavoro a esclusione del trattamento di fine rapporto. N.B. Non sono ammessi a fi nanziamento i costi dei professori di prima fascia (ordinario e straordinario) e di seconda fascia (associato), di ricercatori ed assistenti di ruolo qualora già coperti da fi nanziamenti specifi ci o dal Fondo di Funzionamento Ordinario (FFO) Missioni e trasferte nell ambito di prestazioni interne Con riferimento a missioni e trasferte del personale interno, le spese sostenute NON sono ammissibili. In particolare NON sono ammissibili le spese di missione e trasferta per la partecipazione ad attività interpartenariali, quali riunioni periodiche di coordinamento, e per la partecipazione ad eventi (es. convegni) il cui soggetto ha una mera funzione di uditore/ partecipante. Fanno eccezione le spese per missioni e trasferte aventi natura retributiva, ossia quelle imputabili all intervento come componente della retribuzione quale Indennità di missione. Le spese di missione e trasferta (non aventi natura di indennità di missione ) afferenti a attività di promozione, informazione e pubblicizzazione sono rendicontabili nell ambito delle Prestazioni di Terzi (sezione Prestazioni di Terzi. Vedi sottosezione e, nel fi le xls, la cartella 4.3.a). 17

18 N.B. Per prestazioni interne si intendono i le prestazioni svolte da personale interno non incluse nella categoria Spese del personale di ricerca. Si intendono, in particolare, i costi per tecnici, amministrativi e altro personale ausiliario ivi compreso quello adibito allo Sviluppo sperimentale, al Coordinamento progettuale e alla Diffusione/Divulgazione dei risultati della ricerca. Per personale ausiliario si intende il personale, addetto a coadiuvare il personale svolgente attività di Ricerca industriale, Sviluppo sperimentale, Coordinamento progettuale e Diffusione/Divulgazione dei risultati della ricerca adibito al progetto, con mansioni non di responsabilità (art. 15, punto 2.2. c.1 del bando).. Con riferimento all area denominata DETTAGLIO GIUSTIFICATIVO DI SPESA, le informazioni da inserire sono le seguenti: Nome Campo Descrizione Cognome Nome Nominativo del soggetto impiegato nell intervento * Ruolo Ruolo ricoperto dal soggetto all interno dell intervento Cliccando all interno della cella si attiva un menù a tendina; all interno deve essere Categoria di spesa identifi cata il tipo di attività svolta dal soggetto. Ricerca Industriale (RI) - Sviluppo Sperimentale (SS) - Coordinamento Progettuale (CP) - Diffusione Divulgazione (DD) * Identifi cazione del periodo durante il quale viene svolta l attività. E necessario indicare il giorno d inizio e di fi ne del mese a cui si riferisce il compenso o la retribuzione Periodo di riferimento erogata al soggetto. Nel caso in cui la collaborazione abbia una durata maggiore al mese e sia prevista l erogazione di un compenso unico, il periodo di riferimento viene riportato nella sua interezza Data documento Data di emissione della busta paga o della ricevuta. * di spesa * Acquisito automaticamente da timesheet. Con riferimento all area denominata DETTAGLIO ATTO DI PAGAMENTO le informazioni da inserire sono le seguenti: Nome Campo Descrizione In base alla modalità di pagamento adottata, all interno del menù di scelta multipla viene selezionata una delle seguenti voci: Tipo atto pagamento n. atto pagamento Data atto pagamento * Acquisito automaticamente da timesheet. - Ricevuta bancaria - Mandato con Bonifi co nel caso di ente pubblico - Bonifi co - c/c postale - Contanti - Assegni - Bancomat - Carta di Credito - In Natura Indicare il numero dell atto di pagamento. - Ricevuta bancaria numero della ricevuta bancaria - Bonifi co (bancario o postale) numero di CRO del bonifi co - c/c postale numero del bollettino postale - Contanti numero progressivo dell operazione - Assegni numero dell assegno - Bancomat numero della transazione - Carta di Credito numero della transazione Data dell operazione di pagamento. Nel caso di pagamento con mandato, la data del mandato. * 18

19 Con riferimento all area denominata DETTAGLIO QUIETANZA le informazioni da inserire sono le seguenti: Nome Campo Data quietanza importo quietanza Descrizione Corrisponde alla data dell effettivo pagamento; nel caso la data di effettuazione del pagamento sia diversa dalla data della valuta viene indicata quest ultima * Importo pagato con la singola operazione. Nel caso il pagamento si effettuato in più tranches, ogni riga evidenzia l importo effettivamente pagato, e la sezione dettaglio di spesa viene compilata solo nella riga che riporta l ultimo pagamento * Acquisito automaticamente da timesheet. Con riferimento all area denominata DETTAGLIO DI SPESA le informazioni da inserire sono le seguenti: Nome Campo Importo retribuzione mensile/ Compenso mensile Descrizione Corrisponde alla retribuzione mensile lorda al netto del TFR, nel caso di personale dipendente. Nel caso di personale non dipendente, il valore corrisponde al compenso loro corrisposto. Gli importi sono comprensivi delle indennità di missione (qualora contrattualmente previste).* Costo INPS c/azienda Quota parte dei contributi INPS a carico dell azienda * Costo INAIL c/azienda Quota parte dei contributi INAIL a carico dell azienda. * Altri contributi previdenziali Totale Retribuzione / Totale Compensi Costo orario dipendente/ Collaboratore Ore lavorate Importo totale imputato a progetto * Acquisito automaticamente da timesheet. Quota parte di altri oneri contributivi e previdenziali integrativi del lavoratore dipendente a carico dell azienda.* Il valore della cella è determinato in modo automatico, sommando i valori precedentemente inseriti Viene riportato il valore del costo come determinato in base al timesheet Viene riportato il valore delle ore lavorate nell intervento, come determinato nel time sheet Il valore della cella è determinato in modo automatico in base ai valori inseriti nella cella Costo orario dipendente/ Collaboratore e Ore lavorate. 19

20 20 Sottosezione 4.3 Prestazioni di Terzi All interno di questa Sottosezione vengono inserite le voci di spesa relative a costi riconducibili a prestazioni d opera occasionale, prestazioni professionali, competenze tecniche, costi dei servizi di consulenza e di servizi equivalenti utilizzati esclusivamente ai fini delle attività del progetto, prestazioni di servizi acquisiti da terzi ai sensi di quanto disposto dall articolo 15, punto 2.3 del Bando di riferimento. Sono inclusi: a. costi di manutenzione e riparazione ordinarie su beni propri utilizzati nell attività; b. costi per il noleggio di strumentazione ed attrezzature usate esclusivamente per l attività oggetto del contributo. Nel caso di uso comune a più attività il costo deve essere rapportato alle ore o giornate di utilizzo nel progetto. L importo annuale del noleggio non può superare il doppio della quota di ammortamento annuo, calcolata sul valore di mercato del bene documentato dal soggetto beneficiario attraverso una dichiarazione del fornitore attestante il predetto valore. Per frazioni di anno i valori vengono proporzionalmente rapportati alle giornate di utilizzo; c. costi di leasing riferiti all acquisizione di beni mobili strumentali mediante contratti di leasing. - Nel caso di contratti di leasing che prevedono il riscatto da parte dell utilizzatore o una durata contrattuale minima non inferiore al periodo di ammortamento previsto dalla normativa fi scale vigente, l importo massimo ammissibile a contributo non deve superare il valore di mercato del bene, dichiarato dal soggetto concedente. - Nel caso di contratti di leasing che non prevedono il patto di riscatto e la cui durata è inferiore al periodo di ammortamento di cui sopra, i relativi canoni sono ammissibili in proporzione alla durata dell intervento. E onere del beneficiario (utilizzatore) dimostrare che la locazione finanziaria costituisce il metodo più economico per acquisire l uso del bene, rispetto a forme contrattuali alternative. Il benefi ciario è tenuto a dichiarare che è stata valutata la possibilità di forme contrattuali diverse e quindi dimostrare la maggiore convenienza economica del leasing. In ogni caso, l importo annuale del canone ammissibile a contributo non può superare il doppio della quota di ammortamento annuo, secondo le indicazioni fi scali (DPR 917/1986 e s.m.i.), calcolata sul valore di mercato del bene. Per frazioni di anno i valori vengono proporzionalmente rapportati alle giornate di utilizzo (su base 365 giorni annui). Per entrambe le tipologie di leasing, tutti gli altri costi eventualmente sostenuti dai beneficiari relativamente al contratto non costituiscono costi ammissibili. In tal senso, nel contratto di leasing dovrà essere specifi cato il valore di mercato del bene e l importo relativo agli interessi e ad altri oneri contrattuali. In presenza di strumentazioni o attrezzature di uso comune a più attività, è rendicontabile esclusivamente la quota di costi direttamente riferibili al progetto fi nanziato. d. spese per consulenze legali, parcelle notarili e spese relative a perizie tecniche o fi nanziarie, se direttamente connesse al progetto cofinanziato e necessarie per la sua realizzazione. e. spesa per la locazione.

21 f. costi per la promozione, informazione e pubblicizzazione del progetto: sono incluse le spese per la promozione, informazione e pubblicizzazione del progetto sui canali informativi multimediali, cartacei e le iniziative seminariali nonché le spese per la diffusione dei risultati, quali pubblicazioni, partecipazioni a convegni*, meeting*, workshop*. *N.B.: per quanto concerne i costi inerenti alle partecipazione a convegni, meeting, workshop, si segnala che le stesse sono trattate separatamente nel successivo paragrafo Con riferimento all area denominata DETTAGLIO GIUSTIFICATIVO DI SPESA, le informazioni da inserire sono le seguenti: Nome Campo Descrizione Descrizione spesa/ causale pagamento Descrizione del tipo di bene o servizio o di attività per la quale è stata sostenuta la spesa Cliccando all interno della cella si attiva un menù a tendina. Viene identifi cato il tipo Categoria di spesa di attività riconducibile al costo rendicontato. Ricerca Industriale (RI) - Sviluppo Sperimentale (SS) - Coordinamento Progettuale (CP) - Diffusione Divulgazione (DD) Tipo Documento Indicare il documento che viene portato a rendiconto, quale fattura, ricevuta o altro documento di spesa n. Documento Numero progressivo del documento presentato a rendiconto Soggetto emittente documento spesa Data documento di spesa Intestazione del soggetto emittente la fattura o ricevuta, con indicazione della partita IVA del soggetto. Data del documento presentato a rendiconto 21

22 Con riferimento all area denominata DETTAGLIO ATTO DI PAGAMENTO le informazioni da inserire sono le seguenti: Nome Campo Tipo atto pagamento n. atto pagamento Data atto pagamento Descrizione In base alla modalità di pagamento adottata, all interno del menù di scelta multipla viene selezionata una delle seguenti voci: - Ricevuta bancaria - Mandato con Bonifi co nel caso di ente pubblico - Bonifi co - c/c postale - Contanti - Assegni - Bancomat - Carta di Credito Indicare il numero dell atto di pagamento. - Ricevuta bancaria numero della ricevuta bancaria - Bonifi co (bancario o postale) numero di CRO del bonifi co - c/c postale numero del bollettino postale - Contanti numero progressivo dell operazione - Assegni numero dell assegno - Bancomat numero della transazione - Carta di Credito numero della transazione Data dell operazione di pagamento. Nel caso di pagamento con mandato, la data del mandato. Con riferimento all area denominata DETTAGLIO QUIETANZA le informazioni da inserire sono le seguenti: Nome Campo Data quietanza importo quietanza Descrizione Corrisponde alla data dell effettivo pagamento; nel caso la data di effettuazione del pagamento sia diversa dalla data della valuta viene indicata quest ultima Importo pagato con la singola operazione. Nel caso il pagamento si effettuato in più tranches, ogni riga evidenzia l importo effettivamente pagato, e la sezione dettaglio di spesa viene compilata solo nella riga che riporta l ultimo pagamento 22

23 Con riferimento all area denominata DETTAGLIO DI SPESA le informazioni da inserire sono le seguenti: Dettaglio di spesa Importo totale Fattura - Spesa importo pagato importo imputato a progetto I.V.A. esclusa I.V.A. I.V.A. ammissibile Importo totale imputato a progetto Descrizione Importo totale riportato sul documento di spesa comprensivo delle spese accessorie (incluse le spese di trasferta se previste nel contratto con il prestatore), delle imposte e tasse L importo da valorizzare all interno della cella dipende dalla modalità di pagamento adottata. Se il benefi ciario adotta il pagamento in una sola soluzione, l importo da indicare corrisponde all ammontare totale riportato nel documento. Se il pagamento avviene in più tranches, i pagamenti intermedi non vengono indicati in questa cella, ma sono riportati solo nella cella importo quietanza della sezione Dettaglio quietanza. La cella viene valorizzata con l importo totale pagato solo nella riga che riporta i dati del pagamento dell ultima tranches, rappresentando così a consuntivo la somma pagata Rappresenta la quota di spesa sostenuta e ritenuta ammissibile dal benefi ciario Indica l ammontare di imposta sul valore aggiunto indicato in fattura. Se la transazione non è soggetto all imposizione indicare zero (0) nella cella Determinata in modo automatico, rappresenta la quota di imposta sul valore aggiunto calcolata sulla quota di importo imputato a progetto I.V.A. esclusa. Il valore di pende dalla percentuale indicata nella cella % I.V.A. non riconosciuta Determinato in modo automatico, rappresenta la somma della cella importo imputato a progetto I.V.A. esclusa e I.V.A. ammissibile Spese per attività di promozione, informazione e pubblicizzazione inerenti a partecipazioni a convegni, meeting, workshop Sono ammissibili i costi sostenuti dal benefi ciario per diffondere, pubblicizzare, presentare il progetto e i suoi risultati mediante la partecipazione del proprio personale di ricerca a convegni, meeting e workshop, purché: - tali eventi (elencati a titolo esemplifi cativo e non esaustivo) non siano fi nalizzati allo svolgimento di mere attività interpartenariali; - il personale di ricerca in missione partecipi all evento in qualità di rappresentante del progetto, quindi in veste di relatore uffi ciale o comunque come soggetto attivo all interno dell evento stesso per promuovere, diffondere, pubblicizzare e presentare il progetto e i suoi risultati. Non saranno in alcun modo riconosciute spese di missione/trasferta per la partecipazione a eventi, anche scientifi ci, qualora il personale di ricerca del progetto vi partecipi senza uffi cialmente e formalmente diffondere, promuovere e pubblicizzare il progetto e i risultati dallo stesso ottenuti; in questo senso la SRA potrà richiedere ulteriore documentazione a riprova dell ammissibilità di tali spese (a titolo esemplifi cativo e non esaustivo: invito al evento, agenda dello stesso, presentazione/slide illustrati, etc.). Tali costi vanno imputati nella sottosezione 4.3.a Scheda attività di promozione, informazione e pubblicizzazione del fi le excel di rendicontazione. 23

24 Con riferimento al DETTAGLIO GIUSTIFICATIVO DI SPESA, le informazioni da inserire sono le seguenti: Nome Campo Cognome Nome Ruolo Descrizione spesa/ causale pagamento Identificativo missione Periodo di riferimento delle attività di promozione, informazione e pubblicizzazione Descrizione Nominativo del soggetto impiegato nell intervento Ruolo ricoperto dal soggetto all interno dell intervento Descrizione del tipo di bene o servizio o di attività per la quale è stata sostenuta la spesa Riportare un codice missione e trasferta per ogni attività di promozione, informazione e pubblicizzazione (es. missione_01; missione_02) Identifi cazione del periodo durante il quale viene svolta l attività di promozione, informazione e pubblicizzazione Cliccando all interno della cella si attiva un menù a tendina. All interno viene Categoria di spesa identifi cato il tipo di attività svolta dal soggetto. Ricerca Industriale (RI) - Sviluppo Sperimentale (SS) - Coordinamento Progettuale (CP) - Diffusione Divulgazione (DD) Indicare il documento che viene portato a rendiconto, fattura, ricevuta o altro Tipo documento documento che rappresenta la spesa presentata N. documento Numero progressivo del documento presentato a rendiconto Soggetto emittente documento di spesa Data documento di spesa Intestazione del soggetto emittente la fattura o ricevuta, con indicazione della partita IVA del soggetto. Data di emissione del documento presentato a rendiconto 24

25 Con riferimento al DETTAGLIO ATTO DI PAGAMENTO le informazioni da inserire sono le seguenti: Nome Campo Tipo atto pagamento n. atto pagamento Data atto pagamento Descrizione In base alla modalità di pagamento adottata, all interno del menù di scelta multipla viene selezionata una delle seguenti voci: - Ricevuta bancaria - Mandato con Bonifi co nel caso di ente pubblico - Bonifi co - c/c postale - Contanti - Assegni - Bancomat - Carta di Credito Indicare il numero dell atto di pagamento. - Ricevuta bancaria numero della ricevuta bancaria - Bonifi co (bancario o postale) numero di CRO del bonifi co - c/c postale numero del bollettino postale - Contanti numero progressivo dell operazione - Assegni numero dell assegno - Bancomat numero della transazione - Carta di Credito numero della transazione Data dell operazione di pagamento. Nel caso di pagamento con mandato, la data del mandato. Con riferimento al DETTAGLIO QUIETANZA le informazioni da inserire sono le seguenti: Nome Campo Data quietanza importo quietanza Descrizione Corrisponde alla data dell effettivo pagamento; nel caso la data di effettuazione del pagamento sia diversa dalla data della valuta viene indicata quest ultima Importo pagato con la singola operazione. Nel caso il pagamento si effettuato in più tranches, ogni riga evidenzia l importo effettivamente pagato, e la sezione dettaglio di spesa viene compilata solo nella riga che riporta l ultimo pagamento 25

26 Con riferimento al DETTAGLIO DI SPESA le informazioni da inserire sono le seguenti: Nome Campo Importo totale Fattura - Spesa uro Tasso di cambio Importo totale Fattura - Spesa in valuta importo pagato uro importo imputato a progetto I.V.A. esclusa I.V.A. I.V.A. ammissibile Importo totale imputato a progetto Descrizione Importo totale riportato sul documento di spesa comprensivo delle spese accessorie, delle imposte e tasse, espresso in Euro Tasso di cambio Euro - valuta straniera, in vigore il giorno del pagamento della spesa. Deve essere allegata la stampa del tasso di conversione tratta dal sito della BCE - Banca Centrale Europea Se la spesa è sostenuta in valuta straniera viene riportato l importo totale presente sul documento di spesa comprensivo delle spese accessorie, delle imposte e tasse L importo da valorizzare all interno della cella dipende dalla modalità di pagamento adottata. Se il benefi ciario adotta il pagamento in una sola soluzione, l importo da indicare corrisponde all ammontare totale riportato nel documento. Se il pagamento avviene in più tranches, i pagamenti intermedi non vengono indicati in questa cella, ma sono riportati solo nella cella importo quietanza della sezione Dettaglio quietanza. La cella viene valorizzata con l importo totale pagato solo nella riga che riporta i dati del pagamento dell ultima tranches, rappresentando così a consuntivo la somma pagata Rappresenta la quota di spesa sostenuta, e ritenuta ammissibile dal benefi ciario e di cui si richiede il riconoscimento Indica l ammontare di imposta sul valore aggiunto indicato in fattura. Se la transazione non è soggetto all imposizione indicare zero (0) nella cella Determinata in modo automatico, rappresenta la quota di imposta sul valore aggiunto calcolata sulla quota di importo imputato a progetto I.V.A. esclusa. Il valore dipende dalla percentuale indicata nella cella % I.V.A. non riconosciuta Determinato in modo automatico, rappresenta la somma della cella importo imputato a progetto I.V.A. esclusa e I.V.A. ammissibile 26

27 Sottosezione 4.4 Beni immateriali All interno di questa sottosezione vanno inseriti, nei limiti delle quote di ammortamento annue defi nite dalla normativa vigente in materia, i costi per l acquisto di licenze software ed i costi dei brevetti acquisiti o ottenuti in licenza tramite una transazione effettuata alle normali condizioni di mercato e che non comporti elementi di collusione (articolo 15, punto 2.4 del Bando di riferimento). Con riferimento all area denominata DETTAGLIO GIUSTIFICATIVO DI SPESA, le informazioni da inserire sono le seguenti: Nome campo Descrizione Descrizione spesa/ causale pagamento Descrizione del tipo di bene o servizio o di attività per la quale è stata sostenuta la spesa Cliccando all interno della cella si attiva un menù a tendina. All interno viene Categoria di spesa identifi cato il tipo di attività svolta, riconducibile al costo rendicontato. Ricerca Industriale (RI) - Sviluppo Sperimentale (SS) - Coordinamento Progettuale (CP) - Diffusione Divulgazione (DD) Tipo Documento Indicare il documento che viene portato a rendiconto, fattura, ricevuta o altro documento di spesa n. Documento Numero progressivo del documento presentato a rendiconto Soggetto emittente documento spesa Data documento di spesa Intestazione del soggetto emittente la fattura o ricevuta, con indicazione della partita IVA del soggetto. Data del documento presentato a rendiconto 27

28 Con riferimento all area denominata DETTAGLIO ATTO DI PAGAMENTO le informazioni da inserire sono le seguenti: Nome Campo Tipo atto pagamento n. atto pagamento Data atto pagamento Descrizione In base alla modalità di pagamento adottata, all interno del menù di scelta multipla viene selezionata una delle seguenti voci: - Ricevuta bancaria - Mandato con Bonifi co nel caso di ente pubblico - Bonifi co - c/c postale - Contanti - Assegni - Bancomat - Carta di Credito Indicare il numero dell atto di pagamento. - Ricevuta bancaria numero della ricevuta bancaria - Bonifi co (bancario o postale) numero di CRO del bonifi co - c/c postale numero del bollettino postale - Contanti numero progressivo dell operazione - Assegni numero dell assegno - Bancomat numero della transazione - Carta di Credito numero della transazione Data dell operazione di pagamento. Nel caso di pagamento con mandato, la data del mandato. Con riferimento all area denominata DETTAGLIO QUIETANZA le informazioni da inserire sono le seguenti: Nome Campo Data quietanza importo quietanza Descrizione Corrisponde alla data dell effettivo pagamento; nel caso la data di effettuazione del pagamento sia diversa dalla data della valuta viene indicata quest ultima Importo pagato con la singola operazione. Nel caso il pagamento si effettuato in più tranches, ogni riga evidenzia l importo effettivamente pagato, e la sezione dettaglio di spesa viene compilata solo nella riga che riporta l ultimo pagamento 28

29 Con riferimento all area denominata DETTAGLIO DI SPESA le informazioni da inserire sono le seguenti: Nome Campo Data inizio utilizzo bene Data fine utilizzo bene Periodo ammortamento (in mesi) Importo totale Fattura - Spesa - Costo storico importo pagato importo imputato a progetto I.V.A. esclusa I.V.A. I.V.A. ammissibile utilizzo del bene (gg) percentuale ammortamento Importo totale imputato a progetto Descrizione Indicare la data da cui avviene l effettivo utilizzo del bene per l attività progettuale. La data deve essere successiva all avvio e precedente alla data di conclusione dell intervento Indicare la data in cui effettivamente il bene termina il suo utilizzo nell attività progettuale. La data deve essere successiva all avvio e precedente o corrispondente alla data di chiusura dell intervento Indicare il periodo di ammortamento in mesi Importo totale riportato sul documento di spesa comprensivo delle spese accessorie, delle imposte e tasse L importo da valorizzare all interno della cella dipende dalla modalità di pagamento adottata. Se il benefi ciario adotta il pagamento in una sola soluzione, l importo da indicare corrisponde all ammontare totale riportato nel documento. Se il pagamento avviene in più tranches, i pagamenti intermedi non vengono indicati in questa cella, ma sono riportati solo nella cella importo quietanza della sezione Dettaglio quietanza. La cella vien valorizzata con l importo totale pagato solo nella riga che riporta i dati del pagamento dell ultima tranches, rappresentando così a consuntivo la somma pagata Rappresenta la quota di spesa sostenuta, e ritenuta ammissibile dal benefi ciario Indica l ammontare di imposta sul valore aggiunto indicato in fattura. Se la transazione non è soggetto all imposizione indicare zero (0) nella cella Determinata in modo automatico, rappresenta la quota di imposta sul valore aggiunto calcolata sulla quota di importo imputato a progetto I.V.A. esclusa. Il valore di pende dalla percentuale indicata nella cella %I.V.A. non riconosciuta Il valore della cella viene determinato in modo automatico in base alle date inserite nei campi Data inizio utilizzo bene e Data fi ne utilizzo bene Riportare la percentuale annuale di ammortamento del bene imputato a rendiconto Determinato in modo automatico, rappresenta la somma della cella importo imputato a progetto I.V.A. esclusa e I.V.A. ammissibile 29

30 Sottosezione 4.5 Strumenti, Attrezzature e Macchinari All interno di questa Sottosezione vengono inseriti, nei limiti delle quote di ammortamento annue defi nite dalla normativa vigente in materia, i costi di ammortamento per l acquisto di strumenti ed attrezzature pertinenti all intervento nonché i costi accessori (es. spese di trasporto e di installazione degli strumenti stessi) riferiti esclusivamente al periodo di fi nanziamento dell intervento nell ambito del progetto in questione: il costo annuo deve, pertanto, essere proporzionalmente rapportato alle giornate di utilizzo nel progetto finanziato (articolo 15, punto 2.5 del Bando di riferimento). Nel caso di parziale utilizzo del bene, il costo deve essere calcolato nella misura di utilizzo dello stesso. N.B. Gli strumenti e le attrezzature di costo unitario non superiore a Euro 516,46 (compresa l IVA, se indetraibile) sono considerati interamente ammortizzati, a condizione che si tratti di acquisizione di attrezzatura completa Acquisto di Strumenti, Attrezzature e Macchinari usati Le spese di acquisto di strumenti, attrezzature e macchinari usati sono ammissibili purché siano rispettate le condizioni previste dall articolo 16, comma 5 del Bando di riferimento. Deve essere allegata la dichiarazione sul prezzo dei beni usati, e sull assenza di contributi nazionali o comunitari già percepiti a favore di tali beni nel corso degli ultimi sette anni, a far data dalla fattura di acquisto. (come da Allegato D) Contributi in natura: requisiti di ammissibilità della spesa Sono ammissibili i contributi in natura di strumenti, attrezzature e macchinari. Al fi ne dell ammissibilità della spesa, gli stessi devono possedere i seguenti requisiti: - poter essere oggetto di revisione contabile e di valutazione indipendenti; - rispettare le condizioni previste dall articolo 16, comma 5, lettere b) e c) del Bando di riferimento. A questo proposito si segnala che il benefi ciario dovrà produrre e allegare al rendiconto la dichiarazione inerente al valore degli strumenti, attrezzature e macchinari conferiti in natura e utilizzati nel progetto, nonché sull assenza di contributi nazionali o comunitari già percepiti a favore di tale bene nel corso degli ultimi sette anni, a far data dalla fi rma della dichiarazione/ presentazione del rendiconto (come da Allegato D). 30

GUIDA DI SUPPORTO ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FINANZIATI SUL

GUIDA DI SUPPORTO ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FINANZIATI SUL Unione Europea GUIDA DI SUPPORTO ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FINANZIATI SUL BANDO PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI UNITÁ DI RICERCA 1^ scadenza e 2^ scadenza: DGR n. 1988/2011 e successive modificazioni

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO "DAI DISTRETTI PRODUTTIVI AI DISTRETTI TECNOLOGICI -2" Distretto 9.2 - Elettronica e Meccanica di Precisione MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

Dettagli

MODALITA DI RENDICONTAZIONE PROGETTI

MODALITA DI RENDICONTAZIONE PROGETTI AVVISO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DELLE CAMERE DI COMMERCIO, DEI PATLIB (PATENT LIBRARY), DEI PIP (PATENT INFORMATION POINT) E DELLE UNIONI REGIONALI DELLE CAMERE DI COMMERCIO PER ATTIVITA DI SUPPORTO

Dettagli

FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa

FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa PREMESSA La programmazione FSE 2007-2013 prevede che le erogazioni a favore del beneficiario avvengano secondo il seguente schema:

Dettagli

DD.418 dell 11 marzo 2013 CONTRIBUTI ANNUALI. Guida per la rendicontazione finale ai fini dell erogazione del saldo

DD.418 dell 11 marzo 2013 CONTRIBUTI ANNUALI. Guida per la rendicontazione finale ai fini dell erogazione del saldo DD.418 dell 11 marzo 2013 CONTRIBUTI ANNUALI Guida per la rendicontazione finale ai fini dell erogazione del saldo Aspetti generali di Rendicontazione finanziaria L importo che deve essere rendicontato

Dettagli

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI Bando per la concessione di agevolazioni finanziarie a start-up innovative nell ambito del programma di supporto SpinAREA CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI L'attività di supporto alla creazione di imprese

Dettagli

Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO

Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO 1) SPESE RENDICONTATE IN A) Personale Per le spese A.1 Personale dipendente i documenti richiesti

Dettagli

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione Premessa Il presente documento regola le modalità di rendicontazione, ai fini dell

Dettagli

Contratto.. ALLEGATO 3 - LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE

Contratto.. ALLEGATO 3 - LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE Contratto.. ALLEGATO 3 - LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE 1. COSTI AMMISSIBILI Sono ammissibili esclusivamente i costi strettamente connessi all attuazione del progetto per attività di ricerca industriale

Dettagli

ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE. PARAGRAFO 1 Disposizioni generali

ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE. PARAGRAFO 1 Disposizioni generali ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE PARAGRAFO 1 Disposizioni generali La sovvenzione si basa sul principio del cofinanziamento, in quanto completa il contributo finanziario del beneficiario. L importo

Dettagli

POR FESR 2007/2013 IoD Internet of Data

POR FESR 2007/2013 IoD Internet of Data POR FESR 2007/2013 IoD Internet of Data Attività di Finpiemonte 2 Attività di Finpiemonte Le verifiche documentali effettuate da Finpiemonte riguardano tutte le domande di rimborso presentate dai beneficiari

Dettagli

Guida alla procedura informatica Gestione progetti per la Ristrutturazione degli Enti di Formazione. Versione 1.0

Guida alla procedura informatica Gestione progetti per la Ristrutturazione degli Enti di Formazione. Versione 1.0 Guida alla procedura informatica Gestione progetti per la Ristrutturazione degli Enti di Formazione Versione 1.0 ANNO 2007 INDICE INTRODUZIONE... 3 CAP 1. REQUISITI E MODALITA DI ACCESSO... 4 CAP 1.1 MODALITA

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE POR SARDEGNA 2000 2006 VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità IL FONDO ROTATIVO PER KYOTO PAGAMENTI E RENDICONTAZIONE Antonio Rattà, Roma 17 aprile 2015 Definizione E il processo di consuntivazione

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE DI RENDICONTAZIONE vers. 25/05/2010

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE DI RENDICONTAZIONE vers. 25/05/2010 BANDO PER IL SOSTEGNO A PROGETTI DI RICERCA COLLABORATIVA DELLE PMI D.G.R. 1043 del 7 luglio 2008 Asse 1 POR FESR 2007-2013 - PRRIITT Misura 3.1.A ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE DI RENDICONTAZIONE

Dettagli

GUIDA ALLA RICHIESTA DI EROGAZIONE DELLE AGEVOLAZIONI

GUIDA ALLA RICHIESTA DI EROGAZIONE DELLE AGEVOLAZIONI GUIDA ALLA RICHIESTA DI EROGAZIONE DELLE AGEVOLAZIONI Progetti di innovazione delle micro e piccole imprese La rendicontazione tecnica amministrativa finale del progetto di ricerca dovrà essere presentata

Dettagli

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Da inviare (su carta intestata dell ente) a: Dichiarazione di Spesa FINALE numero del / / Oggetto: La concessione del contributo/finanziamento è avvenuto

Dettagli

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda 5. PROCEDURE 5.1 Presentazione della domanda Le domande di contributo dovranno essere predisposte e presentate esclusivamente utilizzando gli appositi servizi on-line ad accesso riservato, integrati nel

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE PER

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE CONCESSIONE DI PICCOLI PRESTITI D'EMERGENZA PER MICROIMPRESE (PEM) (L.R. 77/2012, art. 31-bis)

LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE CONCESSIONE DI PICCOLI PRESTITI D'EMERGENZA PER MICROIMPRESE (PEM) (L.R. 77/2012, art. 31-bis) LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE CONCESSIONE DI PICCOLI PRESTITI D'EMERGENZA PER MICROIMPRESE (PEM) (L.R. 77/2012, art. 31-bis) 1. DURATA Data di inizio attività progettuali Sono ammissibili le sole

Dettagli

5. PROCEDURE. PEC innovazione-ricerca@cert.regione.piemonte.it

5. PROCEDURE. PEC innovazione-ricerca@cert.regione.piemonte.it 5. PROCEDURE Le gestione del bando, che comprende le attività di ricezione e istruttoria delle domande, concessione e revoca delle agevolazioni, controllo degli interventi realizzati, è affidata alla Direzione

Dettagli

VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA

VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA REGIONE BASILICATA Dipartimento Presidenza della Giunta BANDO DI CONCORSO NUOVI FERMENTI PROGETTI PER LA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE CREATIVE ALLEGATO D VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA 1 Principi

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI MISURA 4.2 AZIONE 4.2.1 POR MOLISE 2000-2006 AIUTI DE MINIMIS ALLE IMPRESE ARTIGIANE S.F.I.D.E. Sviluppo, formazione, ideazione di progetti per

Dettagli

Allegato 6 - Vademecum per la determinazione e rendicontazione dei costi

Allegato 6 - Vademecum per la determinazione e rendicontazione dei costi INNOVA.RE INNOVAzione in REte C.U.P. J85G09000350002 Il presente Vademecum illustra le procedure a cui i soggetti attuatori dei progetti di sviluppo, finanziati a valere sull Avviso interno in intestazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI AVVISO 526 FINANZIAMENTI ON-LINE (GEFO) 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione

Dettagli

PACCHETTI INTEGRATI DI AGEVOLAZIONE (PIA) INDUSTRIA, ARTIGIANATO E SERVIZI AI SENSI DELLA D.G.R. n. 39/3 del 10.11.2010.

PACCHETTI INTEGRATI DI AGEVOLAZIONE (PIA) INDUSTRIA, ARTIGIANATO E SERVIZI AI SENSI DELLA D.G.R. n. 39/3 del 10.11.2010. UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE PACCHETTI INTEGRATI DI

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione Web Lombardia, di seguito denominata GWL,

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale.

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale. DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI ARTICOLO 1 - Finalità La Camera di Commercio di Trapani, nell ambito del progetto

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PUGLIA AVVISO ANNO 2014. finanziamento di idee progettuali

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PUGLIA AVVISO ANNO 2014. finanziamento di idee progettuali FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PUGLIA AVVISO ANNO 2014 finanziamento di idee progettuali nel settore rilevante c) salute pubblica, medicina preventiva e riabilitativa * * * ART.1 PREMESSE La Fondazione

Dettagli

Accordo di Programma Quadro in materia di Politiche Giovanili

Accordo di Programma Quadro in materia di Politiche Giovanili Allegato 9 Accordo di Programma Quadro in materia di Politiche Giovanili Nuova Generazione di Idee. Le politiche e le Linee di intervento di Regione Lombardia per i Giovani SPESE AMMISSIBILI E MASSIMALI

Dettagli

ESEMPIO PRATICO. del Programma Operativo Lazio FSE 2007-2013.

ESEMPIO PRATICO. del Programma Operativo Lazio FSE 2007-2013. Allegato 12 Esempio pratico relativo ad attività di controllo di II livello ESEMPIO PRATICO Al fine di facilitare la comprensione di quanto esposto in precedenza, si riporta di seguito la simulazione di

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ESPLICATIVA DI TUTTE LE FASI DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA

GUIDA OPERATIVA ESPLICATIVA DI TUTTE LE FASI DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA GUIDA OPERATIVA ESPLICATIVA DI TUTTE LE FASI DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI COERENTI CON IL TEMA DI EXPO MILANO 2015 NUTRIRE IL PIANETA, ENERGIA PER LA VITA

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE. Bando IMPRESA DIGITALE

LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE. Bando IMPRESA DIGITALE LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE Bando IMPRESA DIGITALE Ultimo aggiornamento 04/02/2013 1 1. BENEFICIARI, PROGETTI E TEMPI DI REALIZZAZIONE... 3 1.1 Variazioni dei progetti... 3 1.2 Realizzazione dei

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DIPARTIMENTO DEGLI INTERVENTI PER LA PESCA

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DIPARTIMENTO DEGLI INTERVENTI PER LA PESCA ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DIPARTIMENTO DEGLI INTERVENTI PER LA PESCA Linee guida per la rendicontazione degli interventi a sostegno della pesca e dell'acquacoltura

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE DELLE SPESE

LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE DELLE SPESE Avviso Pubblico per il finanziamento di (pubblicato sul BURC n.48 del 30 novembre 2012 parte III) ALLEGATO 5 LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE DELLE SPESE Premessa e scopo della presente guida Nell'atto

Dettagli

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE POR FESR SARDEGNA 2007 2013 Asse VI Competitività - Linea di attività 6.2.1.b Programma di aiuti per Nuove Imprese Innovative NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE Giuseppe Serra Sardegna Ricerche Progetto cofinanziato

Dettagli

RICHIESTA di EROGAZIONE FINALE (saldo)

RICHIESTA di EROGAZIONE FINALE (saldo) MIL - Mod. V/B/01 Spett.le FINLOMBARDA S.p.A. Via Oldofredi, 23 20124 Milano (MI) RICHIESTA di EROGAZIONE FINALE (saldo) OGGETTO: Iniziativa Made in Lombardy - ID Domanda FL n [ ]. Richiesta di erogazione

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA RELATIVE ALLE POLITICHE ABITATIVE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA -anno 2007-

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA RELATIVE ALLE POLITICHE ABITATIVE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA -anno 2007- BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA RELATIVE ALLE POLITICHE ABITATIVE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA -anno 2007- Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento 1. In applicazione dell

Dettagli

Criteri per la rendicontazione

Criteri per la rendicontazione L.R.34/2004 Programma pluriennale per le Attività Produttive 2011/2015 Misura 1.7 Supporto per la Partecipazione dei giovani ai Processi di innovazione Piano Giovani 2011/2013 Misura 6 Giovani ambasciatori

Dettagli

La gestione finanziaria dei progetti

La gestione finanziaria dei progetti Progettazione sociale ed europea per le Associazioni Culturali La gestione finanziaria dei progetti Torino 18 Marzo 2014 1 Pianificazione economico finanziaria Uno dei momenti della pianificazione è la

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

ALLEGATO 2. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

ALLEGATO 2. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione ALLEGATO 2 BANDO RICERCA, INNOVAZIONE E CRESCITA Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione Premessa Il presente documento regola le modalità di rendicontazione delle spese sostenute

Dettagli

L.R. 15/2005, art. 4, commi 17 e 20 B.U.R. 2/8/2006, n. 31. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 20 luglio 2006, n. 0218/Pres.

L.R. 15/2005, art. 4, commi 17 e 20 B.U.R. 2/8/2006, n. 31. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 20 luglio 2006, n. 0218/Pres. L.R. 15/2005, art. 4, commi 17 e 20 B.U.R. 2/8/2006, n. 31 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 20 luglio 2006, n. 0218/Pres. Regolamento di esecuzione dell articolo 4, comma 20, della legge regionale

Dettagli

Linee guida per la presentazione della rendicontazione

Linee guida per la presentazione della rendicontazione contributi a sostegno di progetti di imprenditoria femminile LR 11/2011 art. 2, commi 85 e 86 Servizio sostegno e promozione comparto produttivo industriale versione 01/2013 Linee guida per la presentazione

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO ECONOMICO E LA COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA LOMBARDO ANNO 2012

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO ECONOMICO E LA COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA LOMBARDO ANNO 2012 ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO ECONOMICO E LA COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA LOMBARDO ANNO 2012 ASSE 3 - PROGETTI DI SISTEMA A SUPPORTO DELLE MPMI E IMPRENDITORIALITÀ BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI

Dettagli

BOOM POLMONI URBANI VADEMECUM

BOOM POLMONI URBANI VADEMECUM Movimento 5 Stelle Boom Polmoni Urbani BOOM POLMONI URBANI VADEMECUM Questo Vademecum fornisce indicazioni riguardo l ammissibilità delle spese e le modalità di rendicontazione relative ai progetti ammessi

Dettagli

Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento

Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ RELATIVE AI SERVIZI TERRITORIALI ED ALLE POLITICHE SOCIO-SANITARIE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA. ANNO 2007 Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento

Dettagli

Garanzia per il rischio d insolvenza su finanziamenti alle imprese

Garanzia per il rischio d insolvenza su finanziamenti alle imprese Garanzia per il rischio d insolvenza su finanziamenti alle imprese Modalità tecniche di intervento - Concessione di garanzia su rischio di insolvenza rilasciata a favore dell Istituto finanziatore o della

Dettagli

Guida alla rendicontazione

Guida alla rendicontazione Allegato 5 Avviso pubblico per la presentazione di progetti attuativi dell intervento 4 Lavoro in proprio delle Schede Intervento Giovani protagonisti di sé e del territorio (CreAZIONI giovani) della Regione

Dettagli

Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993.

Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993. Allegato A Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993. Anno 2014 A. Finalità La Regione Basilicata nell ambito delle

Dettagli

SPESE AMMISSIBILI DOCUMENTAZIONE DI SPESA

SPESE AMMISSIBILI DOCUMENTAZIONE DI SPESA SPESE AMMISSIBILI DOCUMENTAZIONE DI SPESA Sono ammissibili a contributo le spese sostenute a decorrere dalla data di adesione ufficiale al Patto dei Sindaci e riferibili alle seguenti attività: - preparazione

Dettagli

Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo v.2

Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo v.2 Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo v.2 1. Credenziali di accesso alla piattaforma Ai fini della trasmissione della richiesta di erogazione della prima

Dettagli

P.O.R. Sardegna 2000 2006. Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio. Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE

P.O.R. Sardegna 2000 2006. Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio. Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE P.O.R. Sardegna 2000 2006 Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI Piano di sviluppo aziendale VRT 02/08-00

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.1.3 Innovazione e PMI ASPETTI

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE PARERE n.21 "Approvazione delle Direttive di attuazione per sostenere la creazione e/o il potenziamento delle reti e dei cluster di imprese attraverso lo strumento del Contratto di Investimento ai sensi

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI FORMATIVI SPECIFICATAMENTE DEDICATI ALLE PICCOLE, MEDIE E MICRO IMPRESE

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI FORMATIVI SPECIFICATAMENTE DEDICATI ALLE PICCOLE, MEDIE E MICRO IMPRESE Allegato 9 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI FORMATIVI SPECIFICATAMENTE DEDICATI ALLE PICCOLE, MEDIE E MICRO IMPRESE in attuazione dell articolo 11, comma 1, lettera b) del d.lgs. 81/2008 e s.m.i.

Dettagli

Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di

Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di imprese - Azione 2 Progetto realizzato da: Con il contributo

Dettagli

PREMESSE DESTINATARI DEI CONTRIBUTI

PREMESSE DESTINATARI DEI CONTRIBUTI Allegato alla Delib.G.R. n. 43/14 del 28.10.2014 Direttive per la presentazione dei programmi di attività, per la ripartizione delle risorse tra le organizzazioni professionali agricole regionali e per

Dettagli

modulo di rendicontazione articoli 20 e 21 del regolamento rendicontazione del progetto impresa pratica n. Progressivo: 101

modulo di rendicontazione articoli 20 e 21 del regolamento rendicontazione del progetto impresa pratica n. Progressivo: 101 Progressivo: 101 Attività/Linea d azione 3.1.1 - Sviluppo e rafforzamento del tessuto produttivo regionale Ricerca, sviluppo e innovazione per la competitività delle imprese settore artigianato legge regionale

Dettagli

Guida alla compilazione e all invio della domanda

Guida alla compilazione e all invio della domanda Guida alla compilazione e all invio della domanda Avviso per la Selezione di Progetti da Ammettere al Finanziamento del Fondo Rotativo per lo Sviluppo delle PMI Campane Misura Start up P.O. FESR Campania

Dettagli

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE E RENDICONTAZIONE DEI COSTI

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE E RENDICONTAZIONE DEI COSTI Programma Operativo Regionale F.E.S.R. 2007-2013 Competitività regionale e occupazione ASSE 1 Innovazione e transizione produttiva ATTIVITÀ I.1.3 Innovazione e PMI CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

Prot. 2300 AGR/2003/ADL/adm Santa Cristina Gela, lì 31/07/2003. CIRCOLARE N 7 Ai Beneficiari del Patto Territoriale per L Agricoltura e la Pesca

Prot. 2300 AGR/2003/ADL/adm Santa Cristina Gela, lì 31/07/2003. CIRCOLARE N 7 Ai Beneficiari del Patto Territoriale per L Agricoltura e la Pesca Patto Territoriale per l Agricoltura e la Pesca Alto Belice Corleonese, Valle del Torto e dei Feudi e Fascia Costiera Prot. 2300 AGR/2003/ADL/adm Santa Cristina Gela, lì 31/07/2003 CIRCOLARE N 7 Ai Beneficiari

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CRÈDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CRÈDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CRÈDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE,

Dettagli

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP luglio 2013 1 1. PREMESSA Il Consorzio UNI.T.I. ha come obiettivo la realizzazione di un programma dell Università degli Studi di Genova per il supporto

Dettagli

Progetto speciale multiasse INTRAPRENDO. Incentivi per la creazione di nuove imprese

Progetto speciale multiasse INTRAPRENDO. Incentivi per la creazione di nuove imprese Fondazione per la Promozione della Cultura Professionale e dello Sviluppo Economico Progetto speciale multiasse INTRAPRENDO Incentivi per la creazione di nuove imprese Azioni di sostegno allo start-up

Dettagli

Segretariato Generale Servizio I Coordinamento e relazioni internazionali Ufficio UNESCO

Segretariato Generale Servizio I Coordinamento e relazioni internazionali Ufficio UNESCO Segretariato Generale Servizio I Coordinamento e relazioni internazionali Ufficio UNESCO LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE TECNICA E AMMINISTRATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI A VALERE SULLA LEGGE 20 febbraio

Dettagli

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI UNIONE EUROPEA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA REPUBBLICA ITALIANA P.O.R. Sardegna 2000-2006 Misura 3.13 RICERCA E SVILUPPO TECNOLOGICO NELLE IMPRESE E TERRITORIO AZIONE 3.13.B INCENTIVAZIONE DIRETTA ALLE

Dettagli

Fondi paritetici interprofessionali per la formazione continua. Linee guida sui costi ammissibili in applicazione della Circolare n. 36 del 18.11.

Fondi paritetici interprofessionali per la formazione continua. Linee guida sui costi ammissibili in applicazione della Circolare n. 36 del 18.11. Ufficio Centrale Orientamento e Formazione Professionale dei Lavoratori Fondi paritetici interprofessionali per la formazione continua Linee guida sui costi ammissibili in applicazione della Circolare

Dettagli

MODULISTICA BANDO 2012

MODULISTICA BANDO 2012 MODULISTICA BANDO 2012 Allegato 1 DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DEL COFINANZIAMENTO REGIONALE comprensiva delle dichiarazioni dei partner della rete che dovranno produrre una lettera su carta intestata e firmata

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALLEGATO 11 LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA DOMANDA DI RIMBORSO. Versione 1.1. 07/03/12

GUIDA OPERATIVA ALLEGATO 11 LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA DOMANDA DI RIMBORSO. Versione 1.1. 07/03/12 GUIDA OPERATIVA Interventi di Politiche attive in favore di percettori di ammortizzatori sociali in deroga e di indennità di disoccupazione speciale ALLEGATO 11 LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA

Dettagli

Guida alla compilazione e all invio della domanda

Guida alla compilazione e all invio della domanda Guida alla compilazione e all invio della domanda AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO ROTATIVO PER LO SVILUPPO DELLE PMI Campane Misura Artigianato P.O. FESR Campania

Dettagli

GUIDA ALLA RICHIESTA DI EROGAZIONE DELLE AGEVOLAZIONI. CO-RESEARCH Progetti di R&S in collaborazione, da parte delle PMI del Lazio

GUIDA ALLA RICHIESTA DI EROGAZIONE DELLE AGEVOLAZIONI. CO-RESEARCH Progetti di R&S in collaborazione, da parte delle PMI del Lazio GUIDA ALLA RICHIESTA DI EROGAZIONE DELLE AGEVOLAZIONI CO-RESEARCH Progetti di R&S in collaborazione, da parte delle PMI del Lazio La rendicontazione tecnica amministrativa finale del progetto di ricerca

Dettagli

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres.

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. Regolamento concernente criteri e modalità per la concessione di contributi per

Dettagli

Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002.

Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002. Allegato A Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002. Ammissibilità delle spese: categorie e requisiti Le spese sostenute sono ammissibili

Dettagli

modulo di rendicontazione articoli 20 e 21 del regolamento rendicontazione del progetto impresa pratica n. Progressivo: 59

modulo di rendicontazione articoli 20 e 21 del regolamento rendicontazione del progetto impresa pratica n. Progressivo: 59 Progressivo: 59 legge regionale 22 aprile 2002, n. 12, articolo 53 bis, comma 1 - contributi alle imprese artigiane per investimenti in ricerca, sviluppo, trasferimento tecnologico ed innovazione regolamento

Dettagli

Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002.

Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002. Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002. 1 Ammissibilità delle spese: categorie e requisiti Le spese sostenute sono ammissibili

Dettagli

BANDO N. 4 ANNO 2015. ASSISTENZA SOCIALE seconda sessione SETTORI DI INTERVENTO: ASSISTENZA SOCIALE

BANDO N. 4 ANNO 2015. ASSISTENZA SOCIALE seconda sessione SETTORI DI INTERVENTO: ASSISTENZA SOCIALE BANDO N. 4 ANNO 2015 ASSISTENZA SOCIALE seconda sessione SETTORI DI INTERVENTO: ASSISTENZA SOCIALE BUDGET COMPLESSIVO : Euro 110.000 messi a disposizione dalla Fondazione Cariplo per il tramite della Fondazione

Dettagli

IL PROGETTO D IMPRESA

IL PROGETTO D IMPRESA Allegato E IL PROGETTO D IMPRESA (Il presente formulario deve essere compilato dettagliatamente in formato elettronico e successivamente stampato) L IDEA D IMPRESA Denominazione dell impresa. Nuova attività

Dettagli

21.05.2012 Regione Lazio: incentivi alla creazione d impresa

21.05.2012 Regione Lazio: incentivi alla creazione d impresa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N.215 21.05.2012 Regione Lazio: incentivi alla creazione d impresa A cura di Carlo De Luca e Luca Savastano Categoria: Agevolazioni Sottocategoria:

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE PREMESSA Il Centro di Servizio VOL.TO, nel perseguire l obiettivo di sostenere e qualificare l attività di

Dettagli

POR FESR 2007-2013 AZIONE 1.2.4 INGEGNERIA FINANZIARIA PRESTITI RIMBORSABILI

POR FESR 2007-2013 AZIONE 1.2.4 INGEGNERIA FINANZIARIA PRESTITI RIMBORSABILI POR FESR 2007-2013 AZIONE 1.2.4 INGEGNERIA FINANZIARIA PRESTITI RIMBORSABILI 1. FINALITA E INTERVENTI AGEVOLABILI L intervento intende favorire il progresso e lo sviluppo dei processi di innovazione e

Dettagli

MODULISTICA. Attivo Patrimoniale

MODULISTICA. Attivo Patrimoniale MODULISTICA DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEGLI INVESTIMENTI E DELL INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI COSENZA- EDIZIONE 2015 ALLA CAMERA DI COMMERCIO DI COSENZA Il/la sottoscritto/a

Dettagli

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA Erogazione di contributi in conto capitale alle P.M.I. del settore turistico e del settore agricolo localizzati nel territorio provinciale

Dettagli

1. CRITERI PER LA DETERMINAZIONE E L IMPUTAZIONE DELLE SPESE E DEI COSTI AMMISSIBILI

1. CRITERI PER LA DETERMINAZIONE E L IMPUTAZIONE DELLE SPESE E DEI COSTI AMMISSIBILI Progetto Casa intelligente per una longevità attiva ed indipendente dell'anziano Bando per la selezione di proposte progettuali finalizzate allo sviluppo di piattaforme di integrazione dedicate all' active

Dettagli

Rendicontazione della spesa: personale interno

Rendicontazione della spesa: personale interno Rendicontazione della spesa: personale interno Carmen Candido Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Direzione Centrale Cultura Sport Relazioni Internazionali e Comunitarie Struttura Controlli I livello

Dettagli

LINEE GUIDA DELLE SPESE AMMISSIBILI E DELLA RELATIVA RENDICONTAZIONE

LINEE GUIDA DELLE SPESE AMMISSIBILI E DELLA RELATIVA RENDICONTAZIONE ALLEGATO E) LINEE GUIDA DELLE SPESE AMMISSIBILI E DELLA RELATIVA RENDICONTAZIONE DISPOSIZIONI GENERALI Il soggetto che beneficia di contributi pubblici deve realizzare gli investimenti oggetto di finanziamento

Dettagli

INTERREG IV ITALIA-AUSTRIA

INTERREG IV ITALIA-AUSTRIA INTERREG IV ITALIA-AUSTRIA AUSTRIA Seminario tecnico Note operative per la rendicontazione della spesa Venezia, 15.02.2013 Elisa Bertoni - Direzione Programmazione Katia Bellio - Direzione Industria e

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE INCENTIVAZIONE DELLE ATTIVITA IMPRENDITORIALI Linee guida per l erogazione delle agevolazioni del Fondo speciale rotativo per l innovazione tecnologica,

Dettagli

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative.

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. Allegato A Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. 1. Soggetti beneficiari Sono beneficiarie di contributi di

Dettagli

Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt.

Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt. Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt. 12 e 13 CIRCOLARE n. 6/2013 approvata con delibera del 2 dicembre

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE

TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE Si riporta di seguito una sintesi delle principali disposizioni normative riguardanti il trattamento di missione e i rimborsi spese. Per maggiori dettagli

Dettagli

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 REGIONE LIGURIA Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE ASSE 1 INNOVAZIONE E COMPETITIVITA

Dettagli

Giovani Opportunità per Attività Lavorative

Giovani Opportunità per Attività Lavorative Fondazione per la Promozione della Cultura Professionale e dello Sviluppo Economico REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali Giovani Opportunità

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA MANUALE DI GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE E ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI LIQUIDAZIONE

REGIONE LOMBARDIA MANUALE DI GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE E ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI LIQUIDAZIONE REGIONE LOMBARDIA DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE FORMAZIONE E LAVORO MANUALE DI GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE E ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI LIQUIDAZIONE DOTE LAVORO INSERIMENTO E REINSERIMENTO LAVORATIVO

Dettagli