L anomalia dell offerta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L anomalia dell offerta"

Transcript

1 L anomalia dell offerta Avv. Daniela Anselmi 8 maggio 2007 La verifica in contraddittorio dell offerta: procedimento e voci oggetto di verifica. Esclusione automatica delle offerte anormalmente basse: possibilità e limiti La verifica di anomalia mira ad accertare che un offerta sia stata formulata sulla base di elementi oggettivi, tali da assicurare la compatibilità della stessa con gli obiettivi della buona esecuzione del lavoro e del rispetto dei tempi di realizzazione dell opera e che, dunque, l offerta medesima non scaturisca da una scelta più o meno casuale in ordine alla percentuale di riduzione del valore posto a base d asta, all esclusivo scopo di conseguire l aggiudicazione. Alla base delle disposizioni in materia di offerte anormalmente basse vi è, quindi, l esigenza di tutelare la concorrenza nonché garantire il rispetto dei principi di non discriminazione e di parità di trattamento. In linea generale, per offerte anomale si intendono quelle offerte che presentano un ribasso talmente eccessivo rispetto alla natura dei lavori da eseguire, da far dubitare dell affidabilità delle stesse. In particolare, l art. 86 del Codice stabilisce i criteri di individuazione della soglia di anomalia, i quali consentono di determinare le offerte sospette di anomalia, da sottoporre ad un eventuale successivo procedimento di verifica da svolgersi in contraddittorio tra la stazione appaltante ed il soggetto offerente, secondo quanto disciplinato dagli artt. 87 e 88. I criteri sono distinti in base alle due modalità di selezione dell offerta, e cioè prezzo più basso ed offerta economicamente più vantaggiosa. Nell ipotesi di aggiudicazione da effettuarsi con il criterio del prezzo più basso, le stazioni appaltanti, per individuare la soglia di anomalia, devono effettuare le seguenti operazioni: 1

2 - esaminare l elenco di tutte le offerte ammesse in ordine crescente dei rispettivi ribassi offerti; - calcolare il numero delle offerte ammesse arrotondando all unità superiore; - escludere il 10% calcolato sul totale delle offerte di maggior ribasso ed un ulteriore 10% delle offerte di minor ribasso (c.d. taglio delle ali ); - calcolare la media aritmetica dei ribassi delle offerte che restano dopo il taglio delle ali; - individuare gli scarti aritmetici, frutto della differenza che intercorre tra ciascun ribasso percentuale che supera la media e la media stessa e calcolare la media degli scarti (c.d. scarto aritmetico medio); - sommare il ribasso aritmetico medio allo scarto aritmetico medio, ottenendo così la soglia di anomalia. Rispetto alla soglia così calcolata, devono essere sottoposte al procedimento di verifica dell anomalia le offerte che presentino un ribasso pari o superiore. Tale meccanismo persegue lo scopo di eliminare i fenomeni distorsivi normalmente connessi ai criteri basati sulle medie, in particolare con riferimento alla presentazione di offerte-pilota troppo alte o troppo basse, tali da alterare la media. Il taglio delle ali permette proprio di evitare che queste offerte, ove presenti, incidano sulla media. La ratio del meccanismo è, dunque, ricreare quelle che verosimilmente sono le condizioni di mercato, escludendo le offerte caratterizzate da ribassi estremi, al fine di giungere ad un risultato il più possibile attendibile e funzionale agli interesse dell Amministrazione. Il criterio appena descritto non si applica quando il numero delle offerte ammesse sia inferiore a cinque; in tale ipotesi, le stazioni appaltanti procedono ai sensi del comma 3 dell art. 86, valutando discrezionalmente, in relazione alle circostanze concrete, le offerte sospette di anomalia da sottoporre al procedimento di verifica. Laddove, invece, la stazione appaltante intenda ricorrere al criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa, la soglia di anomalia viene individuata calcolando rispettivamente i 4/5 del punteggio massimo previsto dal bando per il 2

3 prezzo ed i 4/5 del punteggio massimo previsto dal bando per gli ulteriori elementi di valutazione complessivamente considerati. In tal caso, devono essere sottoposte al procedimento di verifica le offerte i cui punti relativi al prezzo ed i punti relativi agli ulteriori elementi di valutazioni siano entrambi pari o superiori ai limiti come sopra individuati (4/5 del punteggio massimo relativo al prezzo e 4/5 del punteggio massimo relativo agli ulteriori elementi di valutazione). Una volta determinata la soglia dell anomalia, si procede alla verifica delle giustificazioni, presentate a corredo di tutte quelle offerte i cui ribassi siano superiori o uguali a tale soglia. La stazione appaltante, quindi, senza richiedere al concorrente ulteriori precisazioni, procede alla valutazione dell anomalia dell offerta mediante esame delle giustificazioni relative alle voci più significative indicate dal bando, che devono corredare le offerte fin dalla loro presentazione. Ove l esame delle giustificazioni richieste e prodotte non sia sufficiente ad escludere l incongruità dell offerta, la stazione appaltante richiede all offerente di integrare i documenti giustificativi e all esclusione potrà provvedersi solo all esito della ulteriore verifica, in contraddittorio. L art. 87, poi, si preoccupa di ribadire la necessità che l amministrazione aggiudicatrice, quando un offerta appaia anormalmente bassa, valuti, in contraddittorio con l offerente, la serietà dell offerta tenendo conto dei chiarimenti da esso forniti in ordine, ad esempio, all economia del procedimento di costruzione, del processo di fabbricazione dei prodotti o del metodo di prestazione del servizio, alle soluzioni tecniche adottate, alle condizioni favorevoli di cui dispone l offerente, all originalità del progetto, dei lavori, delle forniture, dei servizi offerti, del rispetto delle norme vigenti in tema di sicurezza e condizioni di lavoro, del costo del lavoro stesso. In conformità a quanto stabilito da una parte della giurisprudenza, l art. 87, comma 3 vieta giustificazioni riguardanti trattamenti salariali minimi inderogabili stabiliti dalla legge o da fonti autorizzate dalla legge. L ultimo comma dell art. 87 disciplina il caso di un concorrente che ha ottenuto un aiuto dallo Stato e che, per questo motivo, ha presentato un offerta anormalmente bassa: la stazione appaltante potrà respingere siffatta offerta solo per 3

4 questa ragione unicamente se, consultato l offerente, quest ultimo non sia in grado di dimostrare, entro un termine stabilito dall amministrazione e non inferiore a quindici giorni, che l aiuto in questione era stato concesso legalmente. In quest ultima ipotesi la p.a. deve informare tempestivamente la Commissione. Il successivo art. 88 disciplina dettagliatamente il procedimento di verifica delle giustificazioni, in contraddittorio con le imprese offerenti. Stabilisce, innanzitutto, che la richiesta di giustificazioni, a cui l offerente deve rispondere entro dieci giorni, debba essere formulata per iscritto, che essa può indicare le componenti dell offerta ritenute anormalmente basse, ovvero, alternativamente, invitare l offerente a dare tutte le giustificazioni che ritenga utili. Successivamente, la stazione appaltante esamina le giustificazioni così fornite e, se lo ritiene necessario, può chiedere per iscritto ulteriori chiarimenti, assegnando ai concorrenti un termine non inferiore a cinque giorni. Quanto ai contenuti che possono assumere le giustificazioni, la stazione appaltante ha tre soluzioni alternative: può indicare direttamente le componenti dell offerta ritenute anormalmente basse per le quali richiedere le relative giustificazioni; può chiedere al concorrente di fornire tutte le informazioni ritenute utili, senza quindi fissare alcun paletto preventivo in merito ai relativi contenuti; può optare per una soluzione composita, e cioè indicare essa stessa le componenti dell offerta su cui richiedere giustificazioni e, nel contempo, lasciare libero il concorrente di fornire tutte le altre giustificazioni che ritenga utili. La verifica delle giustificazioni presentate è svolta dalla stazione appaltante, se del caso mediante una commissione appositamente costituita secondo criteri che verranno fissati nel regolamento. Quest ultima previsione rende, quindi, esplicito che la verifica di anomalia è un onere che grava direttamente sulla stazione appaltante e non sulla commissione di gara, chiarendo così una questione che nella giurisprudenza ha trovato nel tempo diverse soluzioni interpretative. 4

5 Innovativamente, la norma prevede che, prima di escludere l offerta, la stazione appaltante debba convocare l offerente, anche in questo caso con un anticipo di almeno cinque giorni lavorativi, invitandolo ad indicare ogni elemento che ritenga utile. Infine, l amministrazione potrà procedere ad escludere l offerta che, in base all esame degli elementi forniti, sia risultata, nel suo complesso, inaffidabile. In questo modo, viene data consacrazione al principio ripetutamente affermato dalla giurisprudenza, secondo cui il giudizio di anomalia deve conseguire ad una valutazione complessiva dell offerta e non può riguardare singoli elementi della stessa che, per quanto anomali, non possono portare alla sua esclusione. La disposizione in commento, inoltre, chiarisce come la verifica debba avvenire progressivamente, partendo dalla migliore offerta anomala collocata utilmente in graduatoria per passare all esame delle successive soltanto in caso di esclusione di quest ultima. In altri termini, la verifica di anomalia deve essere operata prima nei confronti del concorrente che ha presentato il ribasso più alto e, solo in caso di esclusione, essere estesa via via agli altri concorrenti che seguono in graduatoria, fino ad individuare la prima offerta non anomala. Il Codice, in questo modo, ha fatto chiarezza su un punto discusso in giurisprudenza, in quanto alcune pronunce avevano stabilito l obbligo di procedere a verifica di tutte le offerte ricadenti nella soglia di anomalia, indipendentemente dalla loro posizione nella graduatoria di aggiudicazione provvisoria. L ultimo articolo del Codice dedicato alle offerte anomale (art. 89) si occupa specificatamente degli strumenti di rilevazione della congruità dei prezzi, disciplinando gli strumenti di conoscenza, per le amministrazioni aggiudicatici, del miglior prezzo di mercato. La codificazione di tale articolo comporta l abrogazione dell art. 13 del D.P.R. n. 573/1994 e dell art. 6, commi 5-8 della legge n. 537/1994. Le stazioni appaltanti, infatti, al fine di stabilire il prezzo base nei bandi o inviti, di valutare la convenienza o meno dell aggiudicazione, nonché al fine di stabilire se l offerta è o meno anormalmente bassa, laddove non si applichi il criterio 5

6 matematico descritto di rilevazione della soglia di anomalia, tengono conto del miglior prezzo di mercato, ove rilevabile. Esse, quindi, a tal fine, prendono in considerazione i costi standardizzati determinati dall Osservatorio dei contratti pubblici, gli elenchi dei prezzi del Genio civile, nonché listini e prezziari di beni, lavori, servizi, normalmente in uso nel luogo di esecuzione del contratto, eventuali rilevazioni statistiche ed ogni altro elemento di conoscenza. In particolare, nella predisposizione delle gare d appalto, le stazioni appaltanti sono tenute a valutare che il valore economico sia adeguato e sufficiente rispetto al costo del lavoro come determinato periodicamente in apposite tabelle dal Ministro del lavoro e della previdenza sociale, sulla base dei valori economici previsti dalla contrattazione collettiva stipulata dai sindacati comparativamente più rappresentativi, delle norme in materia previdenziale ed assistenziale, dei diversi settori merceologici e delle differenti aree territoriali; in mancanza di contratto collettivo applicabile, il costo del lavoro è determinato in relazione al contratto collettivo del settore merceologico più vicino a quello preso in considerazione. La stazione appaltante potrà procedere all esclusione automatica delle offerte anormalmente basse solo nel caso di appalti di valore inferiore alla soglia comunitaria. Più precisamente, l art. 124 stabilisce che, quando il criterio di aggiudicazione è quello del prezzo più basso, la stazione appaltante può prevedere nel bando l esclusione automatica dalla gara delle offerte che presentano una percentuale di ribasso pari o superiore alla soglia di anomalia individuata ai sensi del predetto art. 86 e, in tal caso, non si applica il comma 5 dell art. 86. Siffatta esclusione automatica, peraltro, non è esercitabile allorché il numero delle offerte ammesse sia inferiore a cinque e, in questo caso, trova applicazione l art. 86, comma 3. 6

7 7

Le novità in materia di verifica delle offerte anomale nei pubblici appalti alla luce del recente decreto anticrisi.

Le novità in materia di verifica delle offerte anomale nei pubblici appalti alla luce del recente decreto anticrisi. Le novità in materia di verifica delle offerte anomale nei pubblici appalti alla luce del recente decreto anticrisi. di Stefano Cresta* Il delicato tema delle c.d. offerte anomale e, in particolare il

Dettagli

SICUREZZA NEI CONTRATTI PUBBLICI Problematiche e prospettive applicative

SICUREZZA NEI CONTRATTI PUBBLICI Problematiche e prospettive applicative REGIONE SICILIANA REGIONE LAZIO REGIONE PIEMONTE Convegno Nazionale SICUREZZA NEI CONTRATTI PUBBLICI Problematiche e prospettive applicative GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI PUBBLICI Congruità costo

Dettagli

Svolge le funzioni di verbalizzazione la dott.ssa Maria Antonietta Coreno Adriano.

Svolge le funzioni di verbalizzazione la dott.ssa Maria Antonietta Coreno Adriano. VERBALE DI VALUTAZIONE DELLE OFFERTE ECONOMICHE PERVENUTE NELL AMBITO DELLA RDO TRAMITE MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI ORGANIZZAZIONE EVENTI EXPO 2015

Dettagli

DETERMINAZIONE E VERIFICA DELLE OFFERTE ANOMALE

DETERMINAZIONE E VERIFICA DELLE OFFERTE ANOMALE PRATICA DEI CONTRATTI PUBBLICI Massimo Urbani DETERMINAZIONE E VERIFICA DELLE OFFERTE ANOMALE Guida pratica per tutti i settori e le tipologie di procedure, ricca di esempi numerici e casi reali risolti

Dettagli

Le fasi operative nell'esperimento di gare di appalto di lavori, servizi e forniture secondo il Codice dei contratti pubblici

Le fasi operative nell'esperimento di gare di appalto di lavori, servizi e forniture secondo il Codice dei contratti pubblici Appalti pubblici Le fasi operative nell'esperimento di gare di appalto di lavori, servizi e forniture secondo il Codice dei contratti pubblici Questo contributo ha la finalità di illustrare, in modo sistematico

Dettagli

Comune di Firenze - Direzione Risorse Finanziarie. Ente appaltante: Comune di Firenze - Direzione Risorse

Comune di Firenze - Direzione Risorse Finanziarie. Ente appaltante: Comune di Firenze - Direzione Risorse Comune di Firenze - Direzione Risorse Finanziarie BANDO DI GARA - PROCEDURA APERTA Ente appaltante: Comune di Firenze - Direzione Risorse Finanziarie - Servizio Centrale Acquisti P.O. Autoparco, Viale

Dettagli

Ente appaltante:comune di Firenze - Direzione SERVIZI TECNICI. via GIOTTO n. 4 - CAP 50100 Firenze (Fi) - Tel. 0552624231 -

Ente appaltante:comune di Firenze - Direzione SERVIZI TECNICI. via GIOTTO n. 4 - CAP 50100 Firenze (Fi) - Tel. 0552624231 - Comune di Firenze - Direzione SERVIZI TECNICI BANDO DI GARA - PROCEDURA APERTA Ente appaltante:comune di Firenze - Direzione SERVIZI TECNICI via GIOTTO n. 4 - CAP 50100 Firenze (Fi) - Tel. 0552624231 -

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n. 4/2007 del 29 marzo 2007 Indicazioni sull affidamento dei servizi di ingegneria ed architettura a seguito

Dettagli

CONSIDERATO, ALTRESÌ, CHE:

CONSIDERATO, ALTRESÌ, CHE: DELIBERAZIONE 15 NOVEMBRE 2012 473/2012/A AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA ED EFFICACE DELLA PROCEDURA DI GARA APERTA IN AMBITO NAZIONALE - RIF. GOP 26/11, CIG 225763100A - FINALIZZATA ALLA SELEZIONE DI UNA APPOSITA

Dettagli

VERBALE n. 46/2008 AUTOSTRADA DEL BRENNERO SPA - TRENTO Verbale della seduta pubblica per la procedura aperta relativa ai lavori di ristrutturazione

VERBALE n. 46/2008 AUTOSTRADA DEL BRENNERO SPA - TRENTO Verbale della seduta pubblica per la procedura aperta relativa ai lavori di ristrutturazione VERBALE n. 46/2008 AUTOSTRADA DEL BRENNERO SPA - TRENTO Verbale della seduta pubblica per la procedura aperta relativa ai lavori di ristrutturazione del centro di servizio per la sicurezza autostradale

Dettagli

Procedure per l acquisizione di beni e servizi

Procedure per l acquisizione di beni e servizi Procedure per l acquisizione di beni e servizi Prof. Roberto CAVALLO PERIN Ordinario di Diritto amministrativo Università degli Studi di Torino Via Bogino, n. 9 10123 Torino roberto@cavalloperin.com Le

Dettagli

ENTE AUTONOMO REGIONALE TEATRO MASSIMO V. BELLINI. 1) Ente appaltante: E.A.R. Teatro Massimo V. bellini, Via Perrotta n. 12-

ENTE AUTONOMO REGIONALE TEATRO MASSIMO V. BELLINI. 1) Ente appaltante: E.A.R. Teatro Massimo V. bellini, Via Perrotta n. 12- ENTE AUTONOMO REGIONALE TEATRO MASSIMO V. BELLINI CATANIA 1) Ente appaltante: E.A.R. Teatro Massimo V. bellini, Via Perrotta n. 12-95131 Catania, tel. 095/316860-730611, fax 095/314497 2) Procedura di

Dettagli

Affidamento incarichi professionali Procedure di aggiudicazione mediante il criterio del prezzo più basso

Affidamento incarichi professionali Procedure di aggiudicazione mediante il criterio del prezzo più basso Premessa Affidamento incarichi professionali Procedure di aggiudicazione mediante il criterio del prezzo più basso A seguito dell entrata in vigore del cosiddetto decreto Bersani, che ha disposto l abrogazione

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Parere n.62 del 14/10/2014 PREC 95/14/S OGGETTO: Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex art. 6, comma 7, lettera n) del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 presentata dalla Ecosprint

Dettagli

CRITERI SEMPLICI CRITERI COMPLESSI CRITERI DI SELEZIONE

CRITERI SEMPLICI CRITERI COMPLESSI CRITERI DI SELEZIONE Firenze 8 Gennaio 2010 PROMO P.A. ANCE TOSCANA L offerta economicamente più vantaggiosa nei lavori pubblici Ing. Riccardo Gaddi 1 CRITERI DI SELEZIONE CRITERI SEMPLICI METODI DI DECISIONE MONOATTRIBUTO:

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI PUBBLICO INCANTO BANDO DI GARA N 09/2006

COMUNE DI CAGLIARI PUBBLICO INCANTO BANDO DI GARA N 09/2006 COMUNE DI CAGLIARI PUBBLICO INCANTO BANDO DI GARA N 09/2006 1. Ente appaltante: Comune di Cagliari Servizio Appalti Via Roma 145, 09124 Cagliari. Sito internet: www.comune.cagliari.it. Determinazione Dirigenziale

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 38/12 del 30.9.2014 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE SOMMARIO

Dettagli

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni.

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. QUADRO NORMATIVO ( Stralcio in Allegato n.1): L art. 23 della L.62/2005 (Comunitaria 2004) ha

Dettagli

AFFIDAMENTO IN ECONOMIA LAVORI SINO A 40.000

AFFIDAMENTO IN ECONOMIA LAVORI SINO A 40.000 AFFIDAMENTO IN ECONOMIA LAVORI SINO A 40.000 Si tratta di solito di interventi meno complessi che, tranne casi particolari, non richiedono la redazione di un vero progetto esecutivo. Il numero e la tipologia

Dettagli

Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92

Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92 Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92 Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n), del decreto legislativo

Dettagli

Fondazione PTV Policlinico Tor Vergata DISCIPLINARE DI GARA Integrazione al Disciplinare di gara

Fondazione PTV Policlinico Tor Vergata DISCIPLINARE DI GARA Integrazione al Disciplinare di gara Fondazione PTV Policlinico Tor Vergata DISCIPLINARE DI GARA Integrazione al Disciplinare di gara 1 ART. 1 (STAZIONE APPALTANTE)... 3 ART. 2 (OGGETTO DEL CONTRATTO)... ERRORE. IL ART. 3 (IMPORTO A BASE

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI Opere Pubbliche e Infrastrutture

SETTORE LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI Opere Pubbliche e Infrastrutture Comune di Oristano SETTORE LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI Opere Pubbliche e Infrastrutture Prot. n del Cat. cl. fasc. Risposta a nota n del All Impresa APPALTO PUBBLICO DI LAVORI DI IMPORTO INFERIORE ALLA

Dettagli

Capitolato speciale d oneri Procedura aperta per la fornitura di n. 8 autoveicoli con prodotti assicurativi e finanziari connessi

Capitolato speciale d oneri Procedura aperta per la fornitura di n. 8 autoveicoli con prodotti assicurativi e finanziari connessi Capitolato speciale d oneri Procedura aperta per la fornitura di n. 8 autoveicoli con prodotti assicurativi e finanziari connessi Pagina 1 di 8 INDICE ART. 1 OGGETTO ART. 2 QUALITÀ E CARATTERISTICHE ART.

Dettagli

Revisione Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 7 del 13/10/2011. TITOLO I Disposizioni Generali. Art. 1 Ambito di Applicazione e Fonti

Revisione Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 7 del 13/10/2011. TITOLO I Disposizioni Generali. Art. 1 Ambito di Applicazione e Fonti Regolamento per l affidamento di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alle soglie comunitarie Delibera del Consiglio di Amministrazione n.02 del 23/03/2010 Revisione Delibera del Consiglio

Dettagli

Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1.

Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1. Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1. di Arrigo Varlaro Sinisi 2 Alla luce della recente novità normativa 3 in tema di soccorso istruttorio, c è da domandarsi se

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione Regolamento per l affidamento degli appalti di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alla soglia di rilevanza comunitaria, ai sensi dell articolo 238, comma 7 del d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163.

Dettagli

Zètema Progetto Cultura S.r.l. REGOLAMENTO ACQUISTI E SPONSORIZZAZIONI

Zètema Progetto Cultura S.r.l. REGOLAMENTO ACQUISTI E SPONSORIZZAZIONI Zètema Progetto Cultura S.r.l. REGOLAMENTO ACQUISTI E SPONSORIZZAZIONI 28 marzo 2014 INDICE Art. 1- Premessa e principi.. 3 Art. 2 - Individuazione della procedura di acquisto.. 3 Art. 3 - Responsabile

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 5 NOVEMBRE 2015 519/2015/A AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA ED EFFICACE DELLA PROCEDURA DI GARA APERTA - RIF. 222/2014/A - CIG 5748085DC9 - INDETTA IN AMBITO NAZIONALE FINALIZZATA ALLA STIPULA DI

Dettagli

COMUNE DI CRESPINO Provincia di Rovigo. Prot. N 7146/2014

COMUNE DI CRESPINO Provincia di Rovigo. Prot. N 7146/2014 CENTRALE DI COMMITTENZA ASMEL CONSORTILE Soc. Cons. a r.l. Sede Legale: Piazza del Colosseo, 4 Roma Sede Operativa: Centro Direzionale - Isola G1 - Napoli P.Iva: 12236141003 Piazza Fetonte, 35 45030 Crespino

Dettagli

APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE. Procedure di scelta del contraente

APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE. Procedure di scelta del contraente APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE Procedure di scelta del contraente FORUM PA 2010 Autore: Adolfo Candia 1 1 Direttive comunitarie: definizioni Procedura aperta Procedura ristretta Procedura negoziata Tutti

Dettagli

Determina n. 1 del 20 gennaio 2015 del Direttore del Museo dell Automobile Avv. Giovanni Agnelli

Determina n. 1 del 20 gennaio 2015 del Direttore del Museo dell Automobile Avv. Giovanni Agnelli Determina n. 1 del 20 gennaio 2015 del Direttore del Museo dell Automobile Avv. Giovanni Agnelli Oggetto: Aggiudicazione della procedura aperta per l'affidamento del servizio di pulizia locali del Museo

Dettagli

LA QUALITA NELL OPERA PUBBLICA WORKSHOP VARIANTE DI CANALI. 5 GIUGNO 2015 PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Dott.ssa Silvia Signorelli

LA QUALITA NELL OPERA PUBBLICA WORKSHOP VARIANTE DI CANALI. 5 GIUGNO 2015 PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Dott.ssa Silvia Signorelli LA QUALITA NELL OPERA PUBBLICA WORKSHOP VARIANTE DI CANALI 5 GIUGNO 2015 PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Dott.ssa Silvia Signorelli DIRITTO COMUNITARIO Principi trattato - Direttive PRINCIPI GENERALI IL QUADRO

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Assessorato dei Trasporti Direzione Generale BANDO DI GARA PER PUBBLICO INCANTO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Assessorato dei Trasporti Direzione Generale BANDO DI GARA PER PUBBLICO INCANTO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Trasporti Direzione Generale BANDO DI GARA PER PUBBLICO INCANTO 1. AMMINISTRAZIONE APPALTANTE: Regione Autonoma della Sardegna Assessorato dei Trasporti,

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Parere n.57 del 14/10/2014 PREC 80/14/S Autorità Nazionale Anticorruzione Oggetto: Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n), del decreto legislativo 12 aprile

Dettagli

CITTA DI ALBIGNASEGO PROVINCIA DI PADOVA

CITTA DI ALBIGNASEGO PROVINCIA DI PADOVA PROT. N. _30869_ Li, 07/09/2015 BANDO DI GARA PER APPALTO A MISURA DI LAVORI DI IMPORTO SUPERIORE A EURO 150.000,00 E INFERIORE ALLA SOGLIA PER CONTRATTI PUBBLICI DI RILEVANZA COMUNITARIA STABILITA IN

Dettagli

PROVINCIA DI COMO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

PROVINCIA DI COMO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROVINCIA DI COMO C O P I A DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N 1372 DEL 12/12/2014 SETTORE Edilizia Scolastica e fabbricati OGGETTO: ISTITUTO G. PESSINA - VIA MILANO - COMO. RIFACIMENTO COPERTURA CON SMALTIMENTO

Dettagli

La risposta è affermativa L acquisto del CD è alternativo alla presa visione degli elaborati.

La risposta è affermativa L acquisto del CD è alternativo alla presa visione degli elaborati. QUESITI E RISPOSTE 1. Non risulta scaricabile il bando di gara; Il bando di gara pubblicato nella GURI del 04/07/2014 al n. T14BFM11431 ed il successivo corrispondente avviso di rettifica pubblicato nella

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Definizioni

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Definizioni REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI ACQUISTO IN ECONOMIA, AI SENSI DELL ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/2006 E SS.MM.II. DELL AGENZIA REGIONALE PER LA TECNOLOGIA E L INNOVAZIONE Art. 1 Oggetto

Dettagli

Evoluzione delle Linee guida: la Direttiva CE/18/2004 sull appalto pubblico

Evoluzione delle Linee guida: la Direttiva CE/18/2004 sull appalto pubblico Evoluzione delle Linee guida: la Direttiva CE/18/2004 sull appalto pubblico Annalisa Quagliata Componente del gruppo di lavoro Linee Guida Convegno Forum PA Linee guida sulla Qualità delle Forniture ICT:

Dettagli

Determinazione del Dirigente Scolastico (Art. 11 del D. Lgs 163/2006)

Determinazione del Dirigente Scolastico (Art. 11 del D. Lgs 163/2006) Prot. 1910/6B Adrano, 24-giugno 2014 Determinazione del Dirigente Scolastico (Art. 11 del D. Lgs 163/2006) Determina a contrarre per l affidamento dei lavori di riqualificazione dei locali del I- Istituto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010 REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010 Approvato con deliberazione n. 03/2012 del Consiglio di Istituto del 07/02/2012 INDICE ART. 1

Dettagli

PROVINCIA DI COMO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

PROVINCIA DI COMO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROVINCIA DI COMO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N 1379 DEL 12/12/2014 SETTORE Edilizia Scolastica e fabbricati OGGETTO: INTERVENTI DI MANUTENZIONE E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI PROVINCIALI. ANNO 2014 - GRUPPO

Dettagli

SETTORE V - EDILIZIA Pec: lavoripubblici@cert.provincia.ancona.it AVVISO PUBBLICO

SETTORE V - EDILIZIA Pec: lavoripubblici@cert.provincia.ancona.it AVVISO PUBBLICO SETTORE V - EDILIZIA Pec: lavoripubblici@cert.provincia.ancona.it Prot. Ancona, AVVISO PUBBLICO Indagine di mercato per l individuazione degli operatori economici da invitare alla procedura negoziata inerente

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA U.O. CONTRATTI E APPALTI BANDO DI GARA

COMUNE DI FOGGIA U.O. CONTRATTI E APPALTI BANDO DI GARA COMUNE DI FOGGIA U.O. CONTRATTI E APPALTI BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER L ESECUZIONE DEI LAVORI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO E MIGLIORAMENTO DELLA SOSTENIBILITA AMBIENTALE PRESSO LA SCUOLA MEDIA

Dettagli

Direzione Infrastrutture e Mobilità 2015 06913/033 Servizio Suolo e Parcheggi CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Infrastrutture e Mobilità 2015 06913/033 Servizio Suolo e Parcheggi CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Infrastrutture e Mobilità 2015 06913/033 Servizio Suolo e Parcheggi CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 767 approvata il 10 dicembre 2015 DETERMINAZIONE: VIABILITA' CICLABILE

Dettagli

Le condizioni alle quali dovrà rispondere il servizio sono riportate:

Le condizioni alle quali dovrà rispondere il servizio sono riportate: Spett.le... Raccomandata a.r. Oggetto: Invito a presentare offerta per il servizio di pulizia e sanificazione dei locali della sede dell Automobile Club Pordenone e della sede di Sacile. Procedura in economia

Dettagli

Modalità di formulazione dell offerta

Modalità di formulazione dell offerta ALLEGATO - PARAMETRI E CRITERI DI VALUTAZIONE DELL OFFERTA PROCEDURA APERTA SOPRA SOGLIA COMUNITARIA CON IL CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE DELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA PER L AFFIDAMENTO DEL

Dettagli

COMUNE DI PORTO CESAREO

COMUNE DI PORTO CESAREO COMUNE DI PORTO CESAREO PROVINCIA DI LECCE VIA PETRAROLI, 9-73010 porto cesareo (LE) Tel.: 0833,858309 / Fax: 0833,858350 BANDO DI GARA OGGETTO: PROGRAMMA OPERATIVO FESR 2007-2013 - ASSE II LINEA D INTERVENTO

Dettagli

VERBALE n. 30/2008 AUTOSTRADA DEL BRENNERO SPA - TRENTO. Verbale della seduta pubblica per la procedura aperta relativa ai

VERBALE n. 30/2008 AUTOSTRADA DEL BRENNERO SPA - TRENTO. Verbale della seduta pubblica per la procedura aperta relativa ai VERBALE n. 30/2008 AUTOSTRADA DEL BRENNERO SPA - TRENTO Verbale della seduta pubblica per la procedura aperta relativa ai lavori di risanamento del viadotto delle Zuane alla progressiva km 202+085, con

Dettagli

Casa di Riposo " Gottardo Delfinoni "

Casa di Riposo  Gottardo Delfinoni Prot. n. 318 Casorate Primo, 28 Settembre 2015 Spett.le... RACCOMANDATA A. R. ANTICIPATA A MEZZO E-MAIL Oggetto: Invito a partecipare alla procedura per l affidamento della gestione del servizio prestazioni

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 29 MAGGIO 2014 236/2014/A AVVIO DI UNA PROCEDURA DI GARA APERTA, IN AMBITO NAZIONALE, FINALIZZATA ALLA STIPULA DI UN CONTRATTO DI APPALTO AVENTE AD OGGETTO LO SVOLGIMENTO DI SERVIZI DI TRADUZIONE

Dettagli

CODICE CIG: 6326624F45

CODICE CIG: 6326624F45 AVVISO PUBBLICO INDAGINE DI MERCATO N. I-388 PER L INDIVIDUAZIONE ATTRAVERSO MANIFESTAZIONE DI INTERESSE DI N. 30 OPERATORI ECONOMICI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELL APPALTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE 75 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 105/I0029624P.G. NELLA SEDUTA DEL 27/04/2004 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

COMUNE DI TURRIACO Provincia di Gorizia Piazza Libertà, 34 34070- C.F. 00122480312

COMUNE DI TURRIACO Provincia di Gorizia Piazza Libertà, 34 34070- C.F. 00122480312 COMUNE DI TURRIACO Provincia di Gorizia Piazza Libertà, 34 34070- C.F. 00122480312 Servizio Tecnico U.O. Lavori Pubblici e Patrimonio DETERMINAZIONE n 30/TEC 20 febbraio 2013 Oggetto: Determinazione a

Dettagli

Direzione Regionale Lombardia AVVALIMENTO

Direzione Regionale Lombardia AVVALIMENTO Direzione Regionale Lombardia AVVALIMENTO Quesito 1 In riferimento al Bando per i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria biennale LOTTO 2 - " lavori SOA I e II classifica" (interventi manutentivi

Dettagli

BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLE FARMACIE COMUNALI GESTITE DA AZIENDA MULTISERVIZI FARMACIE S.P.A.

BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLE FARMACIE COMUNALI GESTITE DA AZIENDA MULTISERVIZI FARMACIE S.P.A. BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLE FARMACIE COMUNALI GESTITE DA AZIENDA MULTISERVIZI FARMACIE S.P.A. SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E

Dettagli

Prot. 14893 del 05.11.2013 BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA

Prot. 14893 del 05.11.2013 BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA Prot. 14893 del 05.11.2013 BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA OGGETTO: Procedura aperta ai sensi dell art. 3 comma 37 e art. 55 comma 5 del Dlgs 163/2006 per l affidamento dei lavori denominati PO FESR 2007-2013

Dettagli

Pubblichiamo un estratto del volume "Gara d'appalto. Dinamiche processuali ed aspetti critici".

Pubblichiamo un estratto del volume Gara d'appalto. Dinamiche processuali ed aspetti critici. L'anomalia dell'offerta nella gara d'appalto Articolo di Maria Francesca Del Grosso 12.10.2013 Pubblichiamo un estratto del volume "Gara d'appalto. Dinamiche processuali ed aspetti critici". "Gara d'appalto.

Dettagli

TERMINE DI ESECUZIONE:

TERMINE DI ESECUZIONE: C O M U N E D I M O L A D I B A R I Provincia di Bari Settore VIII Lavori Pubblici e Manutenzioni Profilo Committente: www.comune.moladibari.ba.it BANDO DI GARA 1. STAZIONE APPALTANTE: Comune di Mola di

Dettagli

ALLEGATO 3. Bando. Servizio Controllo di Gestione. Offerta Economica. Allegato 3: Offerta economica Pag. 1

ALLEGATO 3. Bando. Servizio Controllo di Gestione. Offerta Economica. Allegato 3: Offerta economica Pag. 1 Bando Servizio Controllo di Gestione ALLEGATO 3 Offerta Economica Allegato 3: Offerta economica Pag. 1 ALLEGATO 3 OFFERTA ECONOMICA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI SUPPORTO E ASSISTENZA TECNICA NELLE

Dettagli

Ufficio Edilizia Universitaria e Contratti. Prot. n. 75646 del 01/10/2014. Ufficio Edilizia Universitaria e Contratti

Ufficio Edilizia Universitaria e Contratti. Prot. n. 75646 del 01/10/2014. Ufficio Edilizia Universitaria e Contratti Ufficio Edilizia Universitaria e Contratti Prot. n. 75646 del 01/10/2014 G328 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE A PARTECIPARE ALLA PROCEDURA IN ECONOMIA FINALIZZATA ALLA STIPULA DI ACCORDO QUADRO

Dettagli

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA Codice CIG: 58168708F8 Codice CUP: G66E12000740001

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA Codice CIG: 58168708F8 Codice CUP: G66E12000740001 COMUNE DI CELICO PROVINCIA DI COSENZA UFFICIO TECNICO - SETTORE LAVORI PUBBLICI Prot. n 1763 del 20/06/2014 Pubblicato all Albo Pretorio al n 427/2014 dal 20/06/2014 al 15/07/2014 BANDO DI GARA PROCEDURA

Dettagli

71037 Monte Sant Angelo Piazza Roma n. 2 Telefono 0884/566242-0884/566244 0884/566220 Telefax 0884/566212

71037 Monte Sant Angelo Piazza Roma n. 2 Telefono 0884/566242-0884/566244 0884/566220 Telefax 0884/566212 71037 Monte Sant Angelo Piazza Roma n. 2 Telefono 0884/566242-0884/566244 0884/566220 Telefax 0884/566212 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Procedura aperta ai sensi degli artt. 3 c. 37, 54, 55 ed

Dettagli

2. Le sedute di gara. Adempimenti che debbono essere svolti dalla commissione in seduta pubblica

2. Le sedute di gara. Adempimenti che debbono essere svolti dalla commissione in seduta pubblica CAPITOLO VII LA GESTIONE DELLA PROCEDURA DI GARA SOMMARIO: 1. Lo svolgimento della procedura. - 2. Le sedute di gara. - 3. La verifica a campione. - 4. Le offerte anomale. - 4.1. I criteri di individuazione

Dettagli

DISCIPLINARE. La procedura è in attuazione alla Determinazione n. 81 del 25/02/2014 del Dirigente dell Area Economico Finanziaria.

DISCIPLINARE. La procedura è in attuazione alla Determinazione n. 81 del 25/02/2014 del Dirigente dell Area Economico Finanziaria. FORNITURA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE ATTREZZATURE INFORMATICHE DI PROPRIETA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI NAPOLI AL DI FUORI DEL PERIODO DI GARANZIA INIZIALE ON SITE - CIG: 5654825D33 DISCIPLINARE Il

Dettagli

INPS DIREZIONE REGIONALE LOMBARDIA

INPS DIREZIONE REGIONALE LOMBARDIA INPS DIREZIONE REGIONALE LOMBARDIA 1. stazione appaltante: Istituto Nazionale della Previdenza Sociale - Direzione regionale Lombardia - via M. Gonzaga 6, 20123 Milano; tel. 0288931, fax 028893200. 2.

Dettagli

BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA Prot. n. 000961/2015 Tolentino, li 11/03/2015 BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA a) Stazione appaltante: COSMARI Srl - Località Piane di Chienti - 62029 Tolentino (MC) - tel. 0733/203504 - fax 0733/204014

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA LAVORI DI ADEGUAMENTO ANTINCENDIO PADIGLIONI 1 E 2 DEL PRESIDIO OSPEDALIERO DI SONDALO - CODICE C.I.G. 515248906F - CUP F63B12000810003. SEZIONE I: STAZIONE APPALTANTE

Dettagli

BANDO DI GARA. Policlinico, Mangiagalli e Regina Elena Via Francesco. Sforza 28 20122 Milano Tel. 02.55038511-8332 fax

BANDO DI GARA. Policlinico, Mangiagalli e Regina Elena Via Francesco. Sforza 28 20122 Milano Tel. 02.55038511-8332 fax BANDO DI GARA 1. STAZIONE APPALTANTE: Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore Policlinico, Mangiagalli e Regina Elena Via Francesco Sforza 28 20122 Milano Tel. 02.55038511-8332 fax 02.55038503 indirizzo e-mail:

Dettagli

Manuale d uso del Sistema di e-procurement. Linee guida per l utilizzo del Sistema dinamico d acquisizione della Pubblica Amministrazione (SDAPA)

Manuale d uso del Sistema di e-procurement. Linee guida per l utilizzo del Sistema dinamico d acquisizione della Pubblica Amministrazione (SDAPA) Manuale d uso del Sistema di e-procurement Linee guida per l utilizzo del Sistema dinamico d acquisizione della Pubblica Amministrazione (SDAPA) Data ultimo aggiornamento: 19 dicembre 2014 Pagina 1 di

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI PRATIARCATI BANDO DI GARA PER APPALTO A MISURA DI LAVORI DI IMPORTO INFERIORE A EURO 150.000,00.

UNIONE DEI COMUNI PRATIARCATI BANDO DI GARA PER APPALTO A MISURA DI LAVORI DI IMPORTO INFERIORE A EURO 150.000,00. PROT. N. _25972_ Li, 31/12/2015 BANDO DI GARA PER APPALTO A MISURA DI LAVORI DI IMPORTO INFERIORE A EURO 150.000,00. LAVORI DI ALLARGAMENTO TRATTO VIA G. GALILEI ZONA SANT'AGOSTINO CUP D67B15000250004

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Provincia di Padova VIABILITA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Proposta n. 2144/2014 Determina n. 1927 del 27/06/2014 Oggetto: DETERMINAZIONE A CONTRARRE LAVORI E FORNITURE DESTINATE AL MANTENIMENTO IN EFFICIENZA

Dettagli

UNIACQUE S.p.A. Data di spedizione del bando alla G.U.C.E.: 21.09.2012 D:2012-131129

UNIACQUE S.p.A. Data di spedizione del bando alla G.U.C.E.: 21.09.2012 D:2012-131129 UNIACQUE S.p.A. BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA APPALTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA PER IL PERIODO 01.01.2013-31.12.2013 PER LE UTENZE DELLA SOCIETA UNIACQUE S.P.A. (ai sensi degli artt. 54

Dettagli

7. SOGGETTI AMMESSI ALL APERTURA DELLE OFFERTE: i legali rappresentanti dei concorrenti o delegati muniti di atto formale di delega.

7. SOGGETTI AMMESSI ALL APERTURA DELLE OFFERTE: i legali rappresentanti dei concorrenti o delegati muniti di atto formale di delega. 71037 Monte Sant Angelo Piazza Municipio n. 2 Telefono 0884/561215 Telefax 0884/561016 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Procedura aperta ai sensi degli artt. 3 c. 37, 54, 55 ed 82 del D.lgs. 12.04.2006

Dettagli

LINEA OPERATIVA PON ATAS. Appalto di forniture e servizi

LINEA OPERATIVA PON ATAS. Appalto di forniture e servizi LINEA OPERATIVA PON ATAS Appalto di forniture e servizi Evoluzione normativa (1) Fino agli anni 70 del secolo scorso la principale fonte normativa di carattere generale in materia di servizi e forniture

Dettagli

REGOLAMENTO PER ACQUISTI DI BENI E SERVIZI DI VALORE

REGOLAMENTO PER ACQUISTI DI BENI E SERVIZI DI VALORE REGOLAMENTO PER ACQUISTI DI BENI E SERVIZI DI VALORE INFERIORE ALLA NORMATIVA NAZIONALE E COMUNITARIA INDICE Art. 1 Ambito di applicazione Art. 2 Programmazione dell attività contrattuale Art. 3 Principi

Dettagli

INAF OSSERVATORIO ASTROFISICO DI CATANIA Via Santa Sofia, 78 95123 Catania

INAF OSSERVATORIO ASTROFISICO DI CATANIA Via Santa Sofia, 78 95123 Catania INAF OSSERVATORIO ASTROFISICO DI CATANIA Via Santa Sofia, 78 95123 Catania Affidamento del servizio di pulizia ordinaria e straordinaria sedi di Catania e di Serra La Nave della durata di due anni rinnovabile

Dettagli

71037 Monte Sant Angelo Piazza Roma n. 2 Telefono 0884/566242-244 Telefax 0884/566212

71037 Monte Sant Angelo Piazza Roma n. 2 Telefono 0884/566242-244 Telefax 0884/566212 71037 Monte Sant Angelo Piazza Roma n. 2 Telefono 0884/566242-244 Telefax 0884/566212 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Procedura aperta ai sensi degli artt. 3 c. 37, 54, 55 ed 82 del D.lgs. 12.04.2006

Dettagli

BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA. 1) Ente aggiudicatore: Grandi Stazioni S.p.A., con sede in Roma, Via G.

BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA. 1) Ente aggiudicatore: Grandi Stazioni S.p.A., con sede in Roma, Via G. BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA 1) Ente aggiudicatore: Grandi Stazioni S.p.A., con sede in Roma, Via G. Giolitti, 34 (Telefono 06-478411/Telefax 06-47841376, indirizzo PEC: appalti_acquisti_gsspa@legalmail.it,

Dettagli

Deliberazione 1 dicembre 2011 - GOP 53/11

Deliberazione 1 dicembre 2011 - GOP 53/11 Deliberazione 1 dicembre 2011 - GOP 53/11 Aggiudicazione definitiva ed efficace della procedura di gara aperta, rif. GOP 40/09 CIG 03740281AB, indetta per l affidamento dell appalto di servizi avente ad

Dettagli

COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE NUOVE INFRASTRUTTURE SERVIZIO UFFICIO TRAMVIA BANDO DI GARA - PROCEDURA APERTA

COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE NUOVE INFRASTRUTTURE SERVIZIO UFFICIO TRAMVIA BANDO DI GARA - PROCEDURA APERTA COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE NUOVE INFRASTRUTTURE SERVIZIO UFFICIO TRAMVIA BANDO DI GARA - PROCEDURA APERTA Ente appaltante: Comune di Firenze Direzione Nuove Infrastrutture Servizio Ufficio Tramvia Via

Dettagli

Indicazioni sull'uso di MobileMark 2005 nella valutazione di PC notebook

Indicazioni sull'uso di MobileMark 2005 nella valutazione di PC notebook Indicazioni sull'uso di MobileMark 2005 nella valutazione di PC notebook Premessa Il benchmark MobileMark 2005, realizzato dalla BAPCo, è un pacchetto software (una raccolta di diversi programmi) atto

Dettagli

COMUNE DI TRIGOLO PROVINCIA DI CREMONA

COMUNE DI TRIGOLO PROVINCIA DI CREMONA COMUNE DI TRIGOLO PROVINCIA DI CREMONA ALLEGATO ALLA DETERMINAZIONE R.F N. 91 DEL 30.11.2015_ BANDO/DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PERIODO DALL 01/01/2016

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI. Art. 1 Oggetto e finalità.

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI. Art. 1 Oggetto e finalità. REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI Art. 1 Oggetto e finalità. Il presente regolamento disciplina l affidamento dei servizi socio-assistenziali erogati dal Piano di Zona Ambito

Dettagli

C I T T À D I E R I C E PROVINCIA DI TRAPANI

C I T T À D I E R I C E PROVINCIA DI TRAPANI C I T T À D I E R I C E PROVINCIA DI TRAPANI Settore II Ufficio Pubblica Istruzione OGGETTO: Verbale procedura di gara del 12.03.2014 per l affidamento della fornitura del servizio di mensa (preparazione,

Dettagli

CITTA DI AGROPOLI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CITTA DI AGROPOLI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CITTA DI AGROPOLI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PREVIDENZA INTEGRATIVA A FAVORE DEL PERSONALE IN FORZA ALLA POLIZIA LOCALE DELLA CITTA DI AGROPOLI ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

MAPPATURA DEI RISCHI E MISURE DI CONTRASTO DEL RISCHIO Area B) Area affidamento lavori, servizi e forniture

MAPPATURA DEI RISCHI E MISURE DI CONTRASTO DEL RISCHIO Area B) Area affidamento lavori, servizi e forniture Definizione dell oggetto dell affidamento MAPPATURA DEI RISCHI E MISURE DI CONTRASTO DEL RISCHIO b1 Processi Fasi Rischi Individuazione delle caratteristiche del bene o del servizio rispondente alle necessità

Dettagli

Gestione della privacy nell'e-procurement

Gestione della privacy nell'e-procurement Gestione della privacy nell'e-procurement l'esempio della piattaforma telematica di EmPULIA Centrale di acquisto territoriale della Regione Puglia Avv. Pasquale Lopriore Divisione Informatica Telematica

Dettagli

1. Osservazioni generali sulle linee-guida per bandi-tipo per le procedure di project financing

1. Osservazioni generali sulle linee-guida per bandi-tipo per le procedure di project financing Osservazioni sulla proposta dell Autorità di Vigilanza sui Contratti Pubblici di lavori, servizi e forniture di Linee Guida per la redazione dei documenti di gara e per l utilizzo dell offerta economicamente

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI Prot. n. Area Politiche per la promozione della salute, delle persone e delle pari opportunità Servizio Politiche Benessere sociale e pari opportunità Bari, Ai Soggetti beneficiari dei finanziamenti di

Dettagli

L anomalia dell offerta nei pubblici appalti di lavori, servizi e forniture: analisi e criticita anche alla luce della legge 3 agosto 2009, n.

L anomalia dell offerta nei pubblici appalti di lavori, servizi e forniture: analisi e criticita anche alla luce della legge 3 agosto 2009, n. Dipartimento di Scienze giuridiche CERADI Centro di ricerca per il diritto d impresa L anomalia dell offerta nei pubblici appalti di lavori, servizi e forniture: analisi e criticita anche alla luce della

Dettagli

Determina n. 4 del 2 ottobre 2013 del Direttore del Museo dell Automobile Avv. Giovanni Agnelli

Determina n. 4 del 2 ottobre 2013 del Direttore del Museo dell Automobile Avv. Giovanni Agnelli Determina n. 4 del 2 ottobre 2013 del Direttore del Museo dell Automobile Avv. Giovanni Agnelli Oggetto: Aggiudicazione della procedura aperta per l'affidamento del servizio di sorveglianza sale museali

Dettagli

quesito n. 01 : quesito n. 02 :

quesito n. 01 : quesito n. 02 : quesito n. 01 : - Si è chiesto alla Stazione Appaltante se sono previsti interessi di mora in caso di ritardato pagamento. Nell'eventuale ipotesi di ritardo colpevole nel pagamento del corrispettivo dovuto

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture

Ministero delle Infrastrutture Ministero delle Infrastrutture DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE STATALI, L EDILIZIA E LA REGOLAZIONE DEI LAVORI PUBBLICI Direzione generale per la regolazione dei lavori pubblici CIRCOLARE N. 24734 Del

Dettagli

enti erogatori d acqua e di energia, degli enti che forniscono servizi di trasporto e servizi postali e sostituisce la direttiva 1993/38/CEE; la

enti erogatori d acqua e di energia, degli enti che forniscono servizi di trasporto e servizi postali e sostituisce la direttiva 1993/38/CEE; la NOVITA INTRODOTTE DALLA DIRETTIVA 2004/18/CE CONCERNENTE GLI APPALTI NEI SETTORI CLASSICI NONCHE DALLA DIRETTIVA 2004/17/CE DEL 31 MARZO 2004 RIGUARDANTE GLI APPALTI NEI SETTORI SPECIALI Sommario: 1. Premessa.

Dettagli

A.3. Elementi di natura organizzativa e professionale - suddivisi:

A.3. Elementi di natura organizzativa e professionale - suddivisi: MODALITA DI GARA E CRITERI DI AGGIUDICAZIONE PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA, ASSISTENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO AVENTE DURATA DI ANNI TRE DALLA CONSEGNA ART. 1: OGGETTO DELL APPALTO 1. Il Comune di Sanremo

Dettagli

L applicazione delle norme di gara

L applicazione delle norme di gara Circolare n.2/2011 Oggetto: Adempimenti a carico dei privati, beneficiari di finanziamenti FEP, ai sensi dell art. 32, lett. d) ed e) del Codice dei Contratti La normativa Come noto, l art. 32, comma 1,

Dettagli

BANDO DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA n. DLE.MI.2011.005

BANDO DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA n. DLE.MI.2011.005 Direzione Legale S.O. Legale Sede di BANDO DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA n. DLE.MI.2011.005 ENTE AGGIUDICATORE RETE FERROVIARIA ITALIANA S.p.A. - Gruppo Ferrovie dello Stato Società con socio unico soggetta

Dettagli

Via Roma 20 21047 Saronno (VA) Tel. 02.962.88.220 Fax 02.962.48.896 www.saronnoservizi.it CIG: ZD1100E36D

Via Roma 20 21047 Saronno (VA) Tel. 02.962.88.220 Fax 02.962.48.896 www.saronnoservizi.it CIG: ZD1100E36D Saronno, 07 luglio 2014 Prot. 1666 / 2014 OGGETTO: Invito alla procedura negoziata per la messa in sicurezza definitiva del pozzo dismesso Amendola e trasformazione in piezometro del pozzo ad uso potabile

Dettagli