I convertitori statici di energia sono dispositivi elettronici. controllato di energia elettrica da una sorgente ad un carico.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I convertitori statici di energia sono dispositivi elettronici. controllato di energia elettrica da una sorgente ad un carico."

Transcript

1 I convertitori statici di energia sono dispositivi elettronici che permettono il trasferimento controllato di energia elettrica da una sorgente ad un carico. Esempi di impiego alimentatori in c.c. o in c.a.

2 I convertitori statici di energia sono dispositivi elettronici che permettono il trasferimento controllato di energia elettrica da una sorgente ad un carico. Esempi di impiego azionamenti per uso industriale, domestico e trazione elettrica

3 I convertitori statici di energia sono dispositivi elettronici che permettono il trasferimento controllato di energia elettrica da una sorgente ad un carico. Esempi di impiego gruppi statici di continuità (UPS)

4 I convertitori statici di energia sono dispositivi elettronici che permettono il trasferimento controllato di energia elettrica da una sorgente ad un carico. Esempi di impiego impianti di produzione dell energia da fonti rinnovabili (fotovoltaici o eolici)

5 I convertitori statici di energia sono dispositivi elettronici che permettono il trasferimento controllato di energia elettrica da una sorgente ad un carico. Esempi di impiego Illuminazione pubblica e domestica (in particolare a LED)

6 I convertitori statici di energia sono dispositivi elettronici che permettono il trasferimento controllato di energia elettrica da una sorgente ad un carico. Esempi di impiego trasmissione controllata dell energia elettrica (Smart Grid).

7 Gli schemi circuitali impiegati per la realizzazione dei convertitori statici sono molteplici. La struttura del convertitore risulta fortemente influenzata: dal tipo di sorgente primaria di alimentazione; dalle peculiarità del carico; dalla potenza che deve essere trasferita al carico; dal tipo di semiconduttori utilizzati.

8 I primi convertitori in grado di controllare il flusso di energia elettrica sono stati realizzati impiegando macchine elettriche rotanti. Tali convertitori (convertitori rotanti), il più noto dei quali è il gruppo Ward-Leonard, d dl dal nome dll I dell Ingegnere tedesco che lo realizzò nel 1891, hanno trovato ampia diffusione in tutto il periodo che va dalla fine del diciannovesimo secolo fino ad oltre la metà del ventesimo secolo. Successivamente, i convertitori rotanti sono stati man mano sostituitiiti con convertitori i statici ttiiche presentano, rispetto a quelli rotanti, indubbi vantaggi di costo, di affidabilità, di rendimento e di manutenzione.

9 Nei convertitori statici di potenza i semiconduttori vengono sempre impiegati, al fine di ridurre l energia dissipata nel convertitore, in regime di commutazione; vengono cioè fatti funzionare come un interruttore, alternativamente chiuso (saturazione) e aperto (interdizione). Una prima suddivisione dei semiconduttori impiegati nei convertitori statici può essere effettuata considerando la modalità di comando, mediante un opportuno circuito di pilotaggio, del passaggio dallo stato di interdizione a quello di conduzione ed del passaggio dallo stato di conduzione a quello di interdizione.

10 Sulla base della modalità di comando, i semiconduttori di potenza possono, quindi, venire suddivisi in tre distinte famiglie: 1. componenti non controllati (diodi); 2. componenti di cui è possibile comandare solo il passaggio dallo stato di interdizione a quello di conduzione (Raddrizzatori Controllati al Silicio o Tiristori); 3. componenti di cui è possibile comandare, oltre alla chiusura, anche il passaggio dallo stato di conduzione a quello di interdizione (Transistor di Potenza BJT, MOSFET e IGBT).

11 Anodo Caratteristica ideale Catodo Quando la tensione tra anodo e catodo diventa positiva il Diodo entra in conduzione (cioè conduce con una caduta di tensione trascurabile). La conduzione prosegue fino a quando la corrente anodica rimane positiva. Quando la corrente anodica si annulla (o tende a diventare negativa) il Diodo smette di condurre (stato di interdizione).

12 Il comportamento reale del diodo si discosta da quello ideale, sia durante il funzionamento a regime permanente sia durante quello transitorio. I a = corrente anodica V ak = tensione tra anodo e catodo Quando il diodo è polarizzato direttamente la V ak (caduta diretta) assume un valore compreso tra 0.6V e qualche lh V che dipende: d dal tipo di Diodo; Caratteristica statica reale dall intensità della corrente I a ; dalla temperatura della giunzione.

13 Caratteristica statica reale Nei convertitori a bassa tensione (fino al centinaio di V) la caduta diretta dei Diodi non può essere trascurata e può risultare importante anche ai fini del funzionamento del convertitore. Nei convertitori a più elevata tensione, invece, la caduta diretta dei Diodi risulta importante t solo ai finii dl del dimensionamentoi termico del componente stesso mentre può, in genere, essere trascurata nell analisi del funzionamento complessivo del circuito.

14 I a = corrente anodica V ak = tensione tra anodo e catodo Caratteristica inversa reale Dualmente, quando al Diodo è applicata una tensione negativa (tensione inversa) nel Diodo fluisce una piccola corrente negativa (corrente inversa). Quando la tensione inversa diventa maggiore di V b (massima tensione inversa applicabile al Diodo o tensione di Breakdown) si ha il cosiddetto effetto Zener e la corrente aumenta improvvisamente; ciò comporta una elevata dissipazione all interno del componente.

15 Comportamento transitorio commutazione diretta: passaggio dalla situazione di non conduzione, o interdizione, a quella di conduzione. commutazione inversa: passaggio dalla situazione di conduzione a quella di interdizione. Commutazione diretta Se si applica un gradino di corrente con una elevata pendenza, V ak assume, in un intervallo di tempo t fr (tempo di recupero diretto o forward recovery time),un valore alquanto superiore alla E d. Nei convertitori statici di potenza tale fenomeno risulta in genere trascurabile, in quanto le induttanze presenti nel circuito limitano il di/dt applicato al Diodo a valori tali da non provocare apprezzabili cadute durante la fase di commutazione diretta.

16 Commutazione inversa Nella commutazione inversa occorre che sia trascorso un breve intervallo di tempo t rr (tempo di recupero inverso o reverse recovery time) prima che il Diodo acquisti la proprietà di blocco della corrente. Il t rr dipended da: caratteristiche del Diodo; corrente diretta prima della commutazione; di/dt durante il transitorio; temperatura della giunzione. Nella fase di discesa di i a la V ak è circa nulla mentre si presenta una V ak <0 in corrispondenza alla salita della i a. L oscillazione è dovuta a fenomeni di risonanza tra la capacità interna del Diodo e le induttanze presenti nel circuito.

17 Commutazione inversa Per ricavare i valori della corrente inversa (I rm ) e del tempo di recupero inverso si possono usare formule approssimate per eccesso. Tali formule sono valide solo per i Diodi veloci e sono ottenute approssimando l andamento della corrente inversa con un triangolo rettangolo e fanno riferimento alla quantità di carica inversa Q rr (recovery stored charge) fornita dal Diodo durante la conduzione inversa. t 1. 4 rr Q di dt rr I 2 rm Q t rr t rr

18 Commutazione inversa Andamento di Q rr al variare del di/dt Andamento di Q rr al variare della temperatura di giunzione

19 Commutazione inversa Il fenomeno della conduzione inversa può provocare ai capi di altri componenti del circuito: sovracorrenti; sovratensioni; maggiore dissipazione. Si può ricorrere a Diodi veloci o Fast Recovery Diodes (t rr molto piccolo) per ridurre le sovracorrenti. Svantaggio: la corrente inversa, dopo aver raggiunto il valore massimo I rm,, ritorna a zero con pendenze elevate che, in presenza di induttanze rilevanti, provocano elevate sovratensioni sugli altri componenti. Ulteriore soluzione: Soft Recovery Diodes che hanno un t rr leggermente più lungo di quello dei Diodi a commutazione brusca, presentano un ritorno a zero della corrente più dolce.

20 Fenomeni capacitivi Quando un Diodo si trova polarizzato inversamente presenta anche un comportamento capacitivo. La capacità complessiva tra anodo e catodo non dipende dalla temperatura di giunzione e può essere determinata come segue: C d C c C 0 (1 V r n ) 0 V r è la tensione inversa applicata al Diodo; C c è la capacità dovuta al contenitore; C 0 è la capacità di giunzione quando V r = 0; V 0 è la tensione di contatto di giunzione (circa 0.6 V); n è un esponente compreso tra 1/3 e 1/2. V

21 Fenomeni capacitivi Considerando che il valore della capacità C c è in genere molto più piccolo di quello della capacità totale e che, quando la tensione inversa è sufficientemente elevata, il termine V r /V 0 >>1 si ha: C d C c C 0 (1 V r n ) 0 V K C d n ( ) r V La presenza di una capacità tra anodo e catodo del Diodo è solitamente trascurabile, tranne che in applicazioni particolari come ad esempio nei circuiti ad elevata frequenza o quando siano presenti Diodi di grossa dimensione soggetti a repentine variazioni della tensione inversa.

22 Basati su una giunzione metallo-semiconduttore. Tale tipo di giunzione non permette il trasferimento di portatori minoritari dal semiconduttore al metallo; la conduzione di corrente avviene solo per mezzo dei portatori maggioritari. I Diodi Schottky presentano i seguenti vantaggi: assenza di fenomeni dovuti alla ricombinazione di portatori, con conseguente aumento della velocità di commutazione; minore caduta diretta (in genere dell ordine di un 1/3, ¼ di un Diodo a giunzione). Svantaggi: corrente inversa e la capacità sono in genere alquanto più elevate; bassa tensione di blocco inversa ( V). Limitato i impiegato i nei convertitori i statici. i

23 Alcuni Diodi sono in grado di poter funzionare in maniera continuativa con una tensione inversa uguale o leggermente maggiore alla loro tensione di blocco inverso. Tale fenomeno viene utilizzato nei Diodi Zener, la cui caratteristica di impiego è proprio quella di poter mantenere la tensione inversa ad un valore circa costante. La caratteristica diretta di un Diodo Zener è, invece, del tutto analoga a quella di un Diodo normale.

24 Portate in tensione e in corrente massimo picco ripetitivo di tensione inversa sopportabile dal diodo (V RRM ). massimo picco non ripetitivo di tensione inversa (V RSM ); valore efficace di tensione inversa sopportabile durante il funzionamento come raddrizzatore monofase (V RRMS ); valore di corrente continuativa sopportabile (I AV ); valore efficace di corrente sopportabile in varie situazioni operative (I RMS ); valore di picco di corrente non ripetitivo (I FSM ); massima temperatura di lavoro della giunzione (θ j ); resistenza termica tra giunzione e contenitore (R jc ); potenza dissipata in varie situazioni operative.

25 Dati relativi alla caratteristica statica curve eii a -VV ak per differenti valori della temperatura di giunzione ione θ j ; curve I R -V R per differenti valori della temperatura di giunzione θ j. Dati relativi al comportamento transitorio resistenza termica transitoria r (t) per valutare il comportamento termico; resistenza termica transitoria r (t) per valutare il comportamento termico; l area quadratica di corrente sopportabile (i 2 t) nel caso di sovraccarichi di breve durata; andamento della capacità complessiva tra anodo e catodo; tempo di recupero inverso (t rr ) e/o carica inversa (Q rr.).

26 In generale, i semiconduttori sono molto sensibili ad una temperatura interna troppo elevata. Pertanto è necessario effettuare un calcolo abbastanza preciso delle perdite al fine di poter dimensionare il dispositivo di dissipazione atto allo smaltimento del calore in modo da garantire che la temperatura di giunzione non superi quella prevista it per il componente ed evitare la rottura del componente stesso. La trattazione che verrà effettuata sui diodi è valida per tutti i semiconduttori di potenza.

27 Le perdite che si localizzano in un componente funzionante in regime di commutazione possono essere suddivise in: perdite nello stato di conduzione dovute alla caduta di tensione diretta; perdite dovute alla corrente che attraversa il componente durante la fase di interdizione; perdite dovute alle commutazioni dallo stato di interdizione a quello di conduzione e viceversa; perdite dovute al pilotaggio (per i dispositivi controllati).

28 Per i Diodi il dimensionamento termico può essere effettuato prendendo in considerazione solo le perdite dovute alla caduta di tensione durante il funzionamento in conduzione. A causa dell andamento non lineare della caratteristica diretta, la determinazione esatta di tali perdite risulta alquanto complessa. Limitandosi ad un calcolo di prima approssimazione, indicato con T il periodo di ripetizione della corrente anodica, la potenza dissipata sul Diodo risulta: P d 1 T T 0 v ak ( t) i a ( t) dt 1 T T 0 E R i ( t) i ( t) dt d d a a E d I a Rd I 2 aeff I con a valore medio della corrente anodica e I aeff il relativo valore efficace.

29 Il dispositivo di dissipazione può essere realizzato con varie tecniche di raffreddamento: in aria libera nei convertitori di piccola potenza (qualche kw); in aria forzata per potenze maggiori, al fine di ridurre le dimensioni dei dissipatori; raffreddamento mediante liquido (acqua o olio) per applicazioni di media e elevata potenza. Uno dei principali pregi del raffreddamento a liquido consiste, oltre che nella riduzione dello spazio richiesto per il raffreddamento, nella possibilità di convogliare l aria lontano dall apparecchiatura elettronica, evitando accumuli di sporcizia all interno di quest ultima.

30 Il dispositivo di dissipazione può essere realizzato con varie tecniche di raffreddamento: in aria libera nei convertitori di piccola potenza (qualche kw); in aria forzata per potenze maggiori, al fine di ridurre le dimensioni dei dissipatori; raffreddamento mediante liquido (acqua o olio) per applicazioni di media e elevata potenza. L impiego dell acqua consente un buono scambio termico ma presenta una rigidità dielettrica insufficiente per garantire un adeguato isolamento elettrico tra i vari componenti. Per contro, l olio presenta una buona rigidità dielettrica ma consente uno scambio termico nettamente inferiore.

31 Una volta determinata la potenza dissipata nel componente e scelto il dispositivoiti di dissipazione, i i è possibile ricavare il valore dll della temperatura all interno del semiconduttore considerando due distinte situazioni: funzionamento a regime permanente; funzionamento transitorio, dovuto ad un sovraccarico di breve durata.

32 Funzionamento a regime permanente La determinazione della temperatura interna durante il funzionamento a regime permanente richiede la conoscenza delle potenza dissipata, della temperatura ambiente e delle seguenti tre resistenze termiche: R θjc tra la giunzione e il contenitore; R θcd tra il contenitore e il dissipatore; R θda tra il dissipatore e l ambiente esterno (aria o liquido di raffreddamento). R θjc dipende dal componente. R θcd dipende dalle modalità di fissaggio del componente all elemento di dissipazione. R θda dipende dal tipo di dissipatore e dalla modalità di raffreddamento.

33 Funzionamento a regime permanente Resistenza termica al variare della potenza dissipata. Resistenza termica al variare della velocità dell aria.

34 Funzionamento a regime permanente Note le resistenze termiche e la potenza dissipata P d, la temperatura di giunzione può essere ottenuta dalla seguente relazione: j a R t P d dove θ a è la temperatura ambiente e R θt = R θjc + R θcd + R θda è la resistenza termica tra giunzione e ambiente. Da questa relazione è possibile ricavare l analogia con un circuito elettrico.

35 Funzionamento in transitorio Nel caso di sovraccarichi di breve durata bisogna prendere in considerazione anche le capacità termiche dei vari elementi. Il circuito equivalente con capacità concentrate è valido solo per fenomeni di durata relativamente elevata (qualche s). Per fenomeni di durata inferiore è necessario ricorrere ad una suddivisione più fitta delle capacità ottenendo uno schema composto da 6 /7 celle RC.

36 Funzionamento in transitorio Molto spesso il costruttore fornisce una resistenza termica transitoria. dipendenza solo dal componente (1) contenitore a temperatura costante; (2) ventilazione forzata v = 3 m/s; (3) dissipazione in aria libera.

37 Funzionamento in transitorio Nota la resistenza transitoria, si può immediatamente ricavare la temperatura di giunzione dovuta ad un sovraccarico di breve durata: ) ( ) s p s p s ( P P r T dove T s è la durata del sovraccarico, θ s la temperatura di giunzione alla fine del sovraccarico, θ p la temperatura a cui si trovava la giunzione prima del sovraccarico, P s la potenza dissipata durante il sovraccarico, P p la potenza dissipata prima del sovraccarico.

38 I componenti a semiconduttore sono molto sensibili sia a sovracorrenti che a sovratensioni; è dunque necessario provvedere ad adeguati sistemi di protezione, che devono tenere conto non solo del singolo componente ma dell intero circuito di potenza. Esempio: una brusca interruzione di corrente può provocare sovratensioni a causa delle induttanze presenti nel circuito. Non è possibile effettuare a livello di componente un esame adeguato dei sistemi di protezione; pertanto la trattazione che sarà effettuata nel seguito è pertanto solo indicativa di alcuni accorgimenti locali.

39 Le principali cause di sovracorrenti in un componente sono: sovraccarichi o cortocircuiti iti che si verificano nel carico; mal funzionamenti o cortocircuiti all interno del convertitore stesso. Per non danneggiare il componente si ricorre a : 1. protezioni passive (fusibili o interruttori); 2. protezioni iattive (intervento sul pilotaggio i di componenti controllati). L efficienza della protezione dipende dal di/dt. Quando è troppo elevato l unica protezione passiva efficace è costituita dai fusibili extra rapidi. Affinché l intervento del fusibile garantisca la protezione del componente, occorre che questo abbia interrotto completamente la corrente prima che la sua area quadratica (i 2 t) abbia raggiunto il valore limite ammissibile per il componente.

40 Le principali cause di sovracorrenti in un componente sono: sovraccarichi o cortocircuiti iti che si verificano nel carico; mal funzionamenti o cortocircuiti all interno del convertitore stesso. Per non danneggiare il componente si ricorre a : 1. protezioni passive (fusibili o interruttori); 2. protezioni iattive (intervento sul pilotaggio i di componenti controllati). L efficienza della protezione dipende dal di/dt. Quando è modesto (induttanze del circuito di valore elevato) anche un interruttore extra rapido con circuito di sgancio magnetico (interruttore magneto termico a semiconduttore) è sufficiente. La caratteristica da considerare è la resistenza termica transitoria.

41 Le sovratensioni che possono verificarsi su un componente quando si trova interdetto possono essere dovute a varie cause quali: sovratensioni presenti sulla alimentazione; sovratensioni sulla linea di uscita (ad esempio dovute alla disinserzione di un carico induttivo); i commutazione o rottura di un altro componente del circuito. Nei componenti controllati, ti si possono avere sovratensioni ianche all atto dello spegnimento del componente stesso. Il sistema it di protezione contro le sovratensioni i dovute alla alimentazione i o al carico è effettuato in maniera globale per l intero circuito di conversione, invece la protezione contro sovratensioni dovute a cause interne viene realizzata singolarmente per ogni componente. Quest ultima si basa sull inserzione di un circuito RC serie o di un soppressore di sovratensioni.

42 Circuito RC Il dimensionamento del circuito RC deve tenere conto di: ampiezza della sovratensione; durata dll della sovratensione; impedenza tra sorgente della sovratensione ed il componente.

43 Circuito RC Se per un intervallo di tempo di durata pari a T s, si ha una sovratensione che porta la tensione v i di ingresso da V 0 a V 0 +V s, in assenza del circuito RC tale sovratensione si ripercuoterebbe tutta ai capi del Diodo. condizioni iniziali

44 Circuito RC Derivando la seconda e sostituendo in essa il valore di di/dt fornito dalla prima, si ricava: Sostituendo alla variabile i con i = Cdv c /dt si iha: icuiautovalori sono:

45 Circuito RC Scegliendo il valore di R leggermente minore del valore critico R c =2 L/C in modo che il comportamento del circuito LRC risulti di tipo oscillatorio fortemente smorzato, si ha che l andamento della tensione v c nell intervallo (0, T s s) ) risulta: I valori dei coefficienti A 1 e B 1 possono essere ricavati imponendo le condizioni iniziali: v c (0) = V 0, i(0) = 0; si ha dunque: A 1 = -V s e B 1 = αv s /ω

46 Circuito RC Sostituendo i valori di A 1 e B 1 l espressione: la tensione inversa applicata al Diodo assume La massima sovratensione applicata al Diodo è di poco superiore a V d1 -V 0 cioè a Tensione inversa del diodo durante un transitorio Tale sovratensione è alquanto minore di V s e tanto più piccola quanto minore è il rapporto T s /T.

47 Circuito con soppressori (Varistor) La protezione contro sovratensioni può essere effettuata anche impiegando dei Varistor collegati in parallelo al componente. Sono realizzati con semiconduttori ossido metallico. Il comportamento di un Varistor corrisponde a quello di due Diodi Zener posti in serie con polarità opposta; la tensione di soglia è più elevata di quella di un Diodo Zener (varie centinaia di V). Per proteggere il componente si deve avere V s <V RRM

48 Le caratteristiche ti reali dei componenti non sono uguali. Le correnti che attraversano due Diodi in parallelo possono essere molto diverse tra loro. Per ridurre tale differenza di correnti ad un valore accettabile, è necessario montare, in serie ad ogni Diodo, una resistenza di valore tale che la caduta di tensione sulla resistenza sia un pò maggiore della possibile differenza tra le cadute ai capi dei due Diodi.

49 Quando due o più Diodi vengono montati in serie, la ripartizione delle tensioni inverse può risultare alquanto diversa su ciascun Diodo, a causa della diversità delle caratteristiche inverse. Per migliorare la ripartizione delle tensioni occorre montare in parallelo a ciascun Diodo una resistenza di valore adeguato in modo che in ciascuna di esse fluisca una corrente un pò maggiore della possibile differenza tra le correnti inverse che, a parità di tensione, fluiscono nei due Diodi. L accorgimento descritto assicura una migliore ripartizione delle tensioni inverse a regime permanente; per avere una buona ripartizione anche durante i transitori occorre aggiungere, in parallelo a ciascun Diodo, una capacità che, nel caso di due Diodi, deve essere di valore maggiore della possibile differenza tra le capacità inverse dei singoli Diodi.

50 Il comportamento ideale di un Transistor (per il quale si impiegherà in seguito il simbolo del BJT), funzionante in regime di commutazione può essere assimilato a quello un interruttore (interruttore statico) ) di cui è possibile comandare, agendo sulla corrente di base (corrente di pilotaggio), sia l apertura che la chiusura. Diversamente da un interruttore elettromeccanico, però, la corrente può circolare nel Transistor solo in una direzione (cioè dal collettore all emettitore). BJT di tipo NPN

51 Il comportamento reale del BJT si discosta da quello ideale, sia durante il funzionamento a regime permanente sia durante quello transitorio. Le principali cause di scostamento dal comportamento ideale sono dovute: alla caduta diretta, quando il Transistor si trova in saturazione; ai fenomeni connessi alle commutazioni. Quando invece il Transistor è interdetto, purché la tensione applicata sia minore di quella di blocco, la corrente che lo attraversa risulta sempre del tutto trascurabile al fine della valutazione sia del comportamento globale del circuito sia delle perdite nel componente.

52 La tensione V ce che si presenta tra collettore ed emettitore quando il transistor lavora in regime di saturazione dipende da: tipo di Transistor; temperatura di giunzione; corrente I c di collettore; corrente I b di pilotaggio. Per una assegnata corrente di base, al crescere della corrente di collettore l andamento della caduta diretta presenta inizialmente una pendenza abbastanza modesta che successivamente aumenta in maniera quasi improvvisa i (uscita dll dalla zona di saturazione).

53 Commutazione dallo stato t di interdizione i a quello di saturazione Applicando alla base di un transistor in interdizione un gradino di corrente inizialmente, nell intervallo di tempo t d (delay time), questo continua a rimanere interdetto. In seguito la corrente di collettore inizia a crescere fino a raggiungere il valore di regime corrispondente alla situazione di saturazione. Tale comportamento è caratterizzato dal tempo di salita t r (tempo di salita o rise time) solitamente maggiore di t d. Tempo di commutazione t on = t d + t r.

54 Commutazione dallo stato t di interdizione i a quello di saturazione Durante t r la V ce può assumere anche valori elevati e ciò causa una consistente dissipazione di potenza sul transistor specie quando la frequenza di commutazione è elevata (decine di khz). L inserzione di un induttanza collegata in serie al collettore riduce la pendenza con la quale aumenta la corrente di collettore riducendo così le perdite dovute alla commutazione.

55 Commutazione dallo stato di saturazione a quello di interdizione Quando un transistor in saturazione viene portato in interdizione, la i c in un primo intervallo di tempo di durata t s (storage time), permane al valore precedente. In seguito la i c inizia a diminuire con pendenza praticamente costante. Questo comportamento viene caratterizzato dal tempo t f (tempo di discesa o fall time). Anche ce t s e t f dipendono dpe do o dal tipo tpo di transistor, dalla temperatura e dalle caratteristiche del circuito di pilotaggio.

56 Commutazione dallo stato di saturazione a quello di interdizione Durante la fase di diminuzione della corrente la tensione presente tra collettore ed emettitore è diversa da zero, ciò potrebbe causare elevate dissipazioni di potenza le quali possono essere ridotte con l inserimento di una capacità collegata tra il collettore e l emettitore del transistor.

57 Nei convertitori alimentati con tensioni di ampiezza modesta, i fenomeni connessi alle capacità presenti nelle due giunzioni del Transistor sono in genere trascurabili. Nei convertitori, con elevate tensioni di alimentazione, la capacità presente sulla giunzione base-collettore può produrre correnti di collettore con andamento impulsivo che raggiungere g intensità non trascurabili. Tale fenomeno può essere descritto sostituendo alla capacità distribuita nella giunzione una capacità concentrata (C bc = K/ V cb) connessa tra la base e il collettore del Transistor. In presenza di un elevato dv ce /dt il condensatore C bc è percorso da una corrente pari a C bc di/dt che viene iniettata in base e, quindi amplificata producendo una i c elevata.

58 Per ridurre l entità della corrente iniettata in base si inserisce una resistenza R be tra la base e l emettitore. Un ulteriore miglioramento può essere ottenuto polarizzando negativamente la base del transistor con una tensione dell ordine di qualche volt. La presenza di C bc presenta anche l inconveniente di ridurre la velocità di discesa della tensione v ce quando inizia il pilotaggio del Transistor, in quanto sottrae corrente al pilotaggio. Tale inconveniente può venire ridotto applicando, durante la commutazione, una corrente di pilotaggio maggiore di quella necessaria a regime permanente.

59 Andamento tipico della SOAR (log-log) Nel funzionamento a regime permanente la zona di impiego di un Transistor è definita come area di sicurezza (Safe Operating ARea, SOAR). Definisce la zona dove il BJT può lavorare in maniera continuativa. In un diagramma I c -V ce tale area è limitata da quattro curve: massima corrente continuativa sopportabile (I cm ); massima tensione V ce sopportabile; massima potenza dissipabile I c =P d /V ce ; breakdown secondario.

60 La massima corrente continuativa sopportabile è un valore indipendente dalla tensione Vce. Essa è definita sulla base della massima densità di corrente continuativa sopportabile tbil dagli elementi che compongono l assemblaggio dl del Transistor. La massima tensione collettore-emettitore sopportabile dipende dalle modalità di pilotaggio; nel definire la SOAR normalmente si fa riferimento alla Vceo cioè alla massima tensione sopportabile con il circuito di base aperto (corrente di base nulla). La curva di massima potenza dissipabile dipende dal dimensionamento del circuito di raffreddamento e ha un andamento lineare. Per temperature del contenitore più elevate la potenza dissipabile diminuisce in maniera lineare fino ad annullarsi in corrispondenza allamassima temperaturat ammissibile ibil per lagiunzione i (θ max ). Il breakdown secondario è un fenomeno di degrado termico che si verifica a causa del gradiente di tensione lungo la base, in cui alcuni punti della giunzione collettore-base raggiungono un valore termico instabile.

61 Funzionamento impulsivo Più importante visto che i semiconduttori vengono utilizzati in regime di commutazione. La corrente massima in regime impulsivo è maggiore di quella continuativa. Le limitazioni dovute alla potenza massima dissipabile e al breakdown secondario diventano tanto to meno restrittive tt quanto minore è la durata dell impulso fino scomparire per impulsi molto brevi. Confronto tra SOAR in regime continuativo (linea continua) ed in regime impulsivo (linee tratteggiate).

62 Durante la fase di apertura per ridurre i tempi di commutazione la base del Transistor viene spesso polarizzata inversamente. In tale condizione operativa, occorre fare riferimento alla SOAR inversa o RBSOAR. L area di sicurezza inversa si riduce all aumentare au e della corrente inversa applicata alla base del Transistor.

63 Nelle applicazioni che richiedono elevate correnti di collettore, per ridurre la corrente di pilotaggio, si ricorre all impiego di più Transistor in configurazione Darlington. Le resistenze tra base ed emettitore servono per ridurre gli effetti dovuti alla corrente di dispersione dei due Transistor. La tensione di saturazione di T 2 è V ce2 = V be2 + V ce1 In fase di apertura il tempo complessivo di accumulo risulta pari alla somma dei tempi idei idue Transistor. Per ridurre i tempi idi apertura si iinserisce i un diodo tra la base di T 2 e quella di T 1. Sono in genere integrati ti in un unica pasticca di silicio. i

64 I principali dati forniti dal costruttore possono essere suddivisi in due gruppi: dati relativi al comportamento statico; dati relativi al comportamento transitorio. Comportamento statico la massima tensione applicabile tra collettore e base (V cbo ); la massima tensione inversa tra base ed emettitore (V ebo ); la tensione di saturazione base-emettitore (V be sat ); la tensione di saturazione collettore-emettitore emettitore (V ce sat ); il rapporto minimo tra le correnti di collettore e di base; l andamento della SOAR in funzionamento continuativo e impulsivo; la corrente di breakdown secondario (I s/b ).

65 Comportamento transitorio Per quanto riguarda il comportamento transitorio, vengono in genere forniti: i tempi di commutazione t d, t r, t s e t f, in corrispondenza a varie condizioni operative; il valore della capacità C bc, in corrispondenza a vari valori della tensione V ce ; la resistenza termica transitoria. Alcune volte viene anche riportato l andamento della SOAR inversa.

66 Il circuito di pilotaggio di un Transistor di potenza deve provvedere a: 1. fornire una corrente di pilotaggio sufficiente a mantenere il transistor in saturazione, quando questo deve essere chiuso; 2. assicurare una buona commutazione del transistor. Per soddisfare 1. il dispositivo di pilotaggio deve fornire una corrente leggermente superiore a quella di saturazione dlt del Transistor. Per soddisfare 2. si deve imporre che il tempo di salita della corrente di pilotaggio sia inferiore al tempo di ritardo del Transistor. Per ridurre l influenza della capacità C bc la corrente di pilotaggio durante la commutazione deve essere più elevata di quella a regime permanente. Per una buona apertura del Transistor si applica una lieve f.e.m. inversa con una bassa impedenza serie.

67 Quando si desidera che il Transistor di potenza (TP) entri in conduzione, il segnale v i di ingresso viene portato alto in modo tale da portare in conduzione i Transistor T 4, T 3 e T 1 ed in interdizione il Transistor T 2. Il ramo, composto da R 2 e C 2 serve per fornire una sovracorrente di pilotaggio durante la chiusura di TP. Se si desidera che il transistor di potenza venga spento, il segnale di ingresso viene portato basso, in modo tale da portare in conduzione il Transistor T 2 ed in interdizione i Transistor T 1,T 3 et 4.

68 Per diminuire la durata dei tempi di apertura si evita che, durante la fase di conduzione, il Transistor di potenza possa trovarsi in una situazione di saturazione molto spinta in modo che possa condurre in regime quasi lineare e velocizzare la sua apertura. Per contro, la caduta di tensione e le perdite di conduzione risultano un pò più elevate di quelle corrispondenti al funzionamento in saturazione.

69 In molti convertitori gli emettitori dei diversi Transistor di potenza non si trovano tutti allo stesso potenziale. E necessario disaccoppiare galvanicamente i circuiti di pilotaggio di almeno una parte dei Transistor dal circuito di controllo dell intero convertitore. Il disaccoppiamento può essere ottenuto impiegando un trasformatore o un accoppiatore ottico. Quando si impiega un trasformatore, questo può essere utilizzato per trasferire tutta la potenza necessaria per il pilotaggio del Transistor oppure solo a livello di segnale. Quando, invece, si impiega un accoppiatore ottico, questo può, ovviamente, essere utilizzato solo a livello di segnale. Occorre inserire un circuito di alimentazione per fornire le tensioni di alimentazione dei circuiti di pilotaggio disaccoppiate tra loro.

70 Protezioni contro sovracorrenti Per rilevare la necessità di intervento della protezione contro le sovracorrenti si possono impiegare varie tecniche. Quella più diretta è basata sulla misura della corrente di collettore o di emettitore del Transistor. Un altra tecnica, notevolmente semplice, è di tipo indiretto e si basa sulla determinazione dell uscita del Transistor dalla saturazione: tale determinazione viene effettuata mediante il confronto tra la tensione V ce ed una tensione leggermente superiore a quella di saturazione. Entrambe le tecniche descritte sono in grado di assicurare una efficace protezione del transistor quando le induttanze presenti nel circuito sono tali da garantire che la corrente di collettore non possa variare in maniera troppo rapida.

71 Protezioni contro sovratensioni Per proteggere un Transistor contro le sovratensioni si inserisce un circuito costituito da un Diodo, un condensatore ed una resistenza, atto ad evitare l insorgere di una elevata corrente durante la fase di chiusura del Transistor. L inserzione di un condensatore consente anche di ridurre le perdite localizzate nel Transistor durante la fase di apertura. In molte applicazioni, il valore di capacità scelto sulla base di quest ultima esigenza risulta sufficiente anche per proteggere il Transistor da sovratensioni. Un altro accorgimento, necessario in presenza di carichi induttivi, consiste nell inserzione di un Diodo di libera circolazione tra emettitore e collettore, atto a creare una via di passaggio della corrente quando il Transistor viene interdetto.

72 Montaggio in parallelo Il montaggio di più Transistor in serie è estremamente raro, mentre il montaggio in parallelo è più frequente. Durante la conduzione, la ripartizione delle correnti può non risultare uniforme a causa dei diversi valori del guadagno in corrente (h fe ) e delle tensioni di saturazione (V be sat ev ce sat ). Un miglioramento nella ripartizione delle correnti durante la conduzione può essere ottenuta inserendo, in serie all emettitore o alla base di ciascun Transistor, una resistenza di valore opportuno. Le principali cause di non uniforme ripartizione della corrente durante le commutazioni sono costituite da diversi valori dei parametri dinamici dei Transistor e da diversi valori delle induttanze dei collegamenti. Un accorgimento è quello di scegliere una struttura geometrica del circuito più simmetrica possibile e di adottare un circuito di pilotaggio tale da ridurre i tempi di commutazione.

73 Caratteristiche statiche di un MOSFET Simbolo grafico del MOSFET Circuito semplificato di un MOSFET

74 Vantaggi Tempi di commutazione (e quindi perdite) notevolmente più piccoli; corrente di pilotaggio a regime estremamente ridotta; non presentano fenomeni di breakdown secondario; collegamento in parallelo senza particolari accorgimenti. Svantaggi Caduta di tensione diretta maggiore; per ridurre i tempi di commutazione (dipendenti dalla presenza di C GD ) è necessario che il circuito di pilotaggio presenti una piccola impedenza serie; non sopporta sovratensioni anche di breve durata; limiti sulla massima tensione sopportabile tra Gate e Source; impiegati per tensioni fino a qualche centinaio di Volt.

75 IGBT (Insulated Gate Bipolar Transistor ) Componenti che sfruttino i vantaggi delle tecnologie bipolare e ad effetto di campo integrando BJT e MOSFET. Tale architettura conferisce al dispositivo la caratteristica di alta impedenza di ingresso, tipicai dlmosfet del MOSFET, e una capacità di conduzione dll della corrente simile il a quella di un BJT.

76 IGBT (Insulated Gate Bipolar Transistor ) Il funzionamento di un IGBT può essere spiegato sulla base di un circuito equivalente: applicando al gate una tensione positiva rispetto all emettitore, il MOSFET di ingresso entra in conduzione, polarizzando direttamente la giunzione base-emettitore del BJT Q 1. La sua accensione provoca la modulazione della conducibilità della regione n -,ilcuiè effetto è stato schematizzato con la resistenza R drift. La riduzione a zero della tensione v ge g determina lo spegnimento del componente.

77 IGBT (Insulated Gate Bipolar Transistor ) Il BJT parassita Q 2 forma con Q 1 una struttura a controreazione, che potrebbe causare una conduzione non controllata dell IGBT. Ciò viene evitatato riducendo la resistività, mediante un forte drogaggio della zona di strato p al di sotto. In fase di spegnimento del dispositivo, a causa della elevata C gc ed in corrispondenza a consistenti valori di dv ce /dt, si potrebbero verificare fenomeni di riaccensione. Per evitare tale inconveniente, lo spegnimento del componente deve avvenire applicando una tensione v ge negativa.

78 Vantaggi Le principali caratteristiche che rendono vantaggioso l impiego degli IGBT sono le seguenti: pilotaggio simile a quello di un MOSFET (con assorbimento di corrente solo durante le commutazioni); tempi di commutazione molto contenuti rispetto a quelli di un BJT di uguale portata (in genere inferiori al ms); tensioni massime sopportabili molto maggiori di quelle applicabili ad un MOSFET, senza pesante degrado delle prestazioni; minori problemi, rispetto ad un BJT, per soddisfare i requisiti connessi alla SOAR inversa.

79 Caratteristiche IGBT Gli andamenti delle caratteristiche di uscita di un IGBT sono molto simili a quelle di un Transistor bipolare, pur presentando una uscita dalla saturazione molto più marcata.

80 Comportamento ideale Gli SCR (Silicon Controlled Rectifier) o Tiristori rappresentano il componente fondamentale per i convertitori di più alta potenza e per molti dei convertitori alimentati in corrente alternata. Idealmente possono essere considerati come degli interruttori che possono condurre in un unica direzione e di cui è possibile comandare solo la chiusura. L apertura è invece determinata solo dal circuito di potenza al quale è connesso.

81 Caratteristiche statiche I h V d V ak = tensione applicata fra anodo e catodo V ak = tensione di picco diretta I a = corrente che fluisce nel componente I g = corrente applicata all elettrodo di controllo I h = corrente di tenuta (hold)

82 Meccanismi di innesco I c1 = h fe1 I b1 + I ceo1 dove I ceo1 = (1 + h fe1 ) I cbo1 I c2 = h fe2 I b2 + I ceo2 dove I ceo2 = (1 + h fe2 ) I cbo2 Tenendo conto che I b1 = I c2 I b2 = I c1 + I g I a = I c1 +I c2

83 Meccanismi di innesco I c1 Anello a reazione positiva con guadagno h fe1 h fe2

84 Meccanismi di innesco h fe varia con la corrente di emettitore, quindi se I g = 0 e la tensione V ak < V d, la condizione di guadagno d anello minore dell unità è verificata e pertanto la corrente anodica I a è molto piccola. I a = [(1 + h fe2 ) I ceo1 + (1 + h fe1 ) (I ceo2 + h fe2 I g )]/(1- h fe1 h fe2 )

85 Meccanismi di innesco Se, con V ak < V d,si applica una I g >0 le correnti di emettitore, e di conseguenza anche il guadagno di anello aumentano. Se la corrente di pilotaggio raggiunge un valore tale per cui h fe1 hh fe2 > 1, il funzionamento del Tiristore diventa instabile ed I a dipende solo dal circuito esterno. Una volta terminato l innesco innesco, se la corrente anodica rimane maggiore di I h, il valore del guadagno d anello si mantiene maggiore dell unità unità.

86 Meccanismi di innesco Il meccanismo di innesco descritto giustifica anche l innesco dovuto ad una tensione anodica maggiore della massima tensione di picco diretta V d : all aumentare della tensione aumentano le correnti di dispersione, quindi i valori dei guadagni in corrente.

87 Meccanismi di innesco L innesco può avvenire anche se, senza raggiungere il valore V d, la tensione anodica sale con un dv/dt elevato. Il rapido incremento della tensione produce, a causa delle capacità presenti tra i vari strati del semiconduttore, delle correnti transitorie nei due Transistor che possono portare il prodotto h fe1 h fe2 ad un valore maggiore dell unità.

88 Caratteristica dell elettrodo di controllo L area di possibile accensione presenta punti molto prossimi alla curva di massima potenza dissipabile in regime continuativo. Risulta quindi difficile, se si desidera mantenere applicato il pilotaggio per lunghi intervalli di tempo, scegliere la caratteristica del circuito di pilotaggio in modo tale da garantire l accensione del Tiristore in qualunque condizione operativa evitando di superare la massima potenza continuativa dissipabile. In molte applicazioni è conveniente, per migliorare la commutazione, che la corrente di pilotaggio sia alquanto maggiore di quella di sicura accensione.

89 Caratteristica dell elettrodo di controllo La minima V g di sicura accensione risulta praticamente indipendente dal valore della temperatura di giunzione. La minima I g di sicura accensione presenta una cospicua dipendenza dal valore della temperatura. Il valore della max V g che garantisce la non accensione del Tiristore è molto piccolo, quindi il circuito di pilotaggio deve essere progettato con particolare cura al fine di evitare l insorgere di disturbi che potrebbero portare ad accensioni indesiderate del Tiristore.

90 Caratteristica dell elettrodo di controllo Nei circuiti in cui si è sicuri che, nell istante in cui si inizia il pilotaggio, la V ak sia positiva e che, in tutto l intervallo di tempo durante il quale si desidera che il Tiristore sia chiuso, la I a > I h, è sufficiente i impiegare, i per il pilotaggio, un impulso di corrente di durata pari a 6-8 s. In questo caso, quindi, la potenza di pilotaggio che occorre prendere in considerazione è quella di picco sopportabile dalla giunzione. Altrimenti si deve ricorrere ad un treno di impulsi con =

91 Caratteristica dell elettrodo di controllo Noto il rapporto γ, è possibile fissare i valori di e g ed R g in modo tale che la caratteristica del circuito di pilotaggio non superi la curva della massima potenza dissipabilei e sia abbastanza lontana dall area di possibile accensione. Nel caso di Tiristori di grossa taglia la corrente che deve essere applicata all elettrodo di controllo può risultare elevata. Si adotta una configurazione in cui la corrente di pilotaggio del Tiristore RC 1 è fornita da un altro Tiristore, RC 2 di taglia ridotta eche richiede ihid una piccola corrente di pilotaggio (Amplifying Gate).

92 Comportamento transitorio Durante la fase di innesco, l intensità di corrente presenta un ritardo iniziale di durata pari a t d (tempo di ritardo), simile a quello di un transistor e dipendente dalle caratteristiche dell impulso di accensione. Durante la fase di salita della corrente, la tensione anodica diminuisce lentamente. Pertanto, durante la commutazione si verifica una dissipazione di energia che risulta tanto maggiore quanto più elevato è il di/dt.

93 Comportamento transitorio Il passaggio dallo stato di conduzione a quello di interdizione (spegnimento) non può essere controllato agendo sull elettrodo di controllo ma dipende solo dal circuito anodico e richiede un tempo t s di spegnimento. I Tiristori possono essere suddivisi in due distinte famiglie: Tiristori lenti (o per commutazione da rete) che presentano un tempo di spegnimento compreso tra alcune decine di s (per i Tiristori di piccolissima potenza) a svariate centinaia di s; Tiristori veloci (o per commutazione forzata) che presentano tempi di spegnimento ridotti. Il tempo di spegnimento aumenta all aumentare della temperatura e della corrente anodica mentre diminuisce all aumentare della velocità di discesa della corrente, della tensione inversa applicata tra anodo e catodo e della polarizzazione inversa dell elettrodo di controllo.

94 Comportamento transitorio A seconda della velocità di discesa della corrente anodica e del valore dll della tensione inversa applicata al Tiristore ii si possono individuare tre diverse modalità di spegnimento: statico; quasi statico; forzato.

95 Spegnimento statico Lo spegnimento statico è lo spegnimento tipico dei circuiti in cui la corrente presenta un andamento decrescente in maniera esponenziale ed è caratterizzato da una lenta discesa della corrente al di sotto dll della corrente di tenuta, senza che il Tiristorei risulti i mai contropolarizzato. Tra i vari tipi di spegnimento, questo è quello che presenta il tempo di spegnimento più lungo. Per contro, le perdite di commutazione dovute allo spegnimento sono del tutto trascurabili.

96 Spegnimento quasi statico Lo spegnimento quasi statico è caratterizzato da una diminuzione non eccessivamente veloce della corrente anodica e/o da una controtensione modesta o comunque con un dv/dt limitato. La maggiore velocità di discesa dll della corrente e l eventualel applicazione di una controtensione riducono in maniera consistente la durata del tempo di spegnimento, rispetto a quella della modalità precedente. Anche in questo tipo di spegnimento, l assenza di una contropolarizzazione riduce a valori praticamente trascurabili le perdite localizzate nel semiconduttore durante lo spegnimento.

97 Spegnimento forzato Lo spegnimento forzato è caratterizzato t dll dalla applicazione i di una controtensione con un dv/dt elevato che viene normalmente ottenuta chiudendo in parallelo al Tiristore un generatore con una bassa impedenza interna. Questo tipo di spegnimento permette di minimizzare la durata del tempo di spegnimento, ma presenta l inconveniente di provocare delle perdite consistenti nel semiconduttore. t rr =t 2 +t 3 di dt t 0 v C (0) L S

98 Per realizzare un interruttore bidirezionale si possono impiegare due Tiristori collegati in antiparallelo. Quando i valori della tensione e l intensità della corrente in gioco sono modesti ( V, 40-50A) i due Tiristori possono essere sostituiti da un unico componente chiamato atotriac. Tale componente presenta i vantaggi sia di essere e integrato in una unica pasticca di silicio sia di avere un unico elettrodo di controllo. Un Triac viene distinto a seconda dei quadranti necessari per l accensione: a due quadranti, se l impulso di pilotaggio deve avere lo stesso segno della corrente anodica; a tre quadranti, per la conduzione sia di corrente anodica positiva sia di corrente negativa con un unica polarità del pilotaggio; a quattro quadranti, a se un impulso di pilotaggio o di polarità qualsiasi as permette di ottenere una conduzione in entrambi i versi.

99 Nei convertitori alimentati in corrente continua che impiegano uno spegnimento quasi statico, in antiparallelo al Tiristore viene posto un Diodo che evita l insorgere di una tensione inversa sul Tiristore. Pertanto i Tiristori adatti allo spegnimento quasi statico non devono sopportare una tensione inversa dello stesso ordine di grandezza di quella diretta e possono presentare una caratteristica di interdizione fortemente asimmetrica. Molti di essi comprendono il Diodo in antiparallelo già integrato nella stessa pasticca di silicio.

100 Comportamento statico Massimo picco ripetitivo di tensione inversa sopportabile (V RRM ); massimo picco non ripetitivo di tensione inversa (V RSM ); massimo valore di tensione diretta (V DRM ) per il quale, in assenza di pilotaggio, è garantita la non accensione del Tiristore; il valore di corrente continuativa sopportabile (I AV ); il valore efficace di corrente sopportabile in varie situazioni operative (I RMS ); il valore di picco non ripetitivo (I FSM ); la potenza dissipata in varie situazioni operative; la caduta diretta V ak in funzione della corrente anodica; la corrente inversa corrispondente alla massima tensione inversa applicabile; le caratteristiche dell elettrodoelettrodo di controllo (area in cui è compresa la caratteristica, area di possibile accensione); la massima temperatura a cui il semiconduttore può lavorare; la resistenza termica tra semiconduttore e contenitore (R θjc ).

101 Comportamento transitorio i valori dei tempi relativi alla accensione; il valore del massimo di/dt sopportabile durante l accensione; il valore del massimo dv/dt, per il quale è garantita la non accensione; il valore del tempo di spegnimento (t s ), con una o più modalità di spegnimento; l andamento della capacità tra anodo e catodo, al variare della tensione applicata; il valore del tempo di recupero o quello della carica inversa; la resistenza termica transitoria tra giunzione e contenitore r θ (t); l area quadratica (i 2 t) di corrente sopportabile in caso di sovraccarico;

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83 I convertitori c.c.-c.c. monodirezionali sono impiegati per produrre in uscita un livello di tensione diverso da quello previsto per la sorgente. Verranno presi in considerazione due tipi di convertitori

Dettagli

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase.

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase. Come nel caso dei convertitori c.c.-c.c., la presenza di un carico attivo non modifica il comportamento del convertitore se questo continua a funzionare con conduzione continua. Nei convertitori trifase

Dettagli

CAPITOLO 11 TIRISTORI

CAPITOLO 11 TIRISTORI 211 CAPITOLO 11 TIRISTORI I tiristori costituiscono una famiglia di dispositivi a semiconduttore comprendente numerosi componenti, caratterizzati da una struttura a quattro zone pnpn e da un funzionamento

Dettagli

Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica. Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) a.a. 20I2/2013. Stefano Bifaretti

Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica. Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) a.a. 20I2/2013. Stefano Bifaretti Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) a.a. 20I2/2013 Stefano Bifaretti Ad ogni commutazione degli interruttori statici di un convertitore è associata una dissipazione

Dettagli

TRANSISTOR DI POTENZA

TRANSISTOR DI POTENZA TRANSISTOR DI POTENZA Caratteristiche essenziali: - bassa resistenza R on - elevata frequenza di commutazione - elevata impedenza di ingresso - stabilità termica (bassa resistenza termica) - funzionamento

Dettagli

Azionamenti elettronici PWM

Azionamenti elettronici PWM Capitolo 5 Azionamenti elettronici PWM 5.1 Azionamenti elettronici di potenza I motori in corrente continua vengono tipicamente utilizzati per imporre al carico dei cicli di lavoro, nei quali può essere

Dettagli

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella Equazione di Ohm nel dominio fasoriale: Legge di Ohm:. Dalla definizione di operatore di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, dove Adesso sostituiamo nella

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

Corsodi Elettronica di Potenza (9 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Componenti 1/62

Corsodi Elettronica di Potenza (9 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Componenti 1/62 I primi convertitori in grado di controllare il flusso di energia elettrica sono stati realizzati impiegando macchine elettriche rotanti. Tali convertitori (convertitori rotanti), il più noto dei quali

Dettagli

Amplificatori di potenza

Amplificatori di potenza Amplificatori di potenza Gli amplificatori di potenza sono quegli amplificatori che trasferiscono al carico una potenza rilevante; orientativamente da alcuni decimi di Watt in su. Di solito essi sono costituiti

Dettagli

FUNZIONAMENTO DI UN BJT

FUNZIONAMENTO DI UN BJT IL TRANSISTOR BJT Il transistor inventato nel 1947, dai ricercatori Bardeen e Brattain, è il componente simbolo dell elettronica. Ideato in un primo momento, come sostituto delle valvole a vuoto per amplificare

Dettagli

LA GIUNZIONE PN. Sulla base delle proprietà elettriche i materiali si classificano in: conduttori semiconduttori isolanti

LA GIUNZIONE PN. Sulla base delle proprietà elettriche i materiali si classificano in: conduttori semiconduttori isolanti LA GIUNZIONE PN Sulla base delle proprietà chimiche e della teoria di Bohr sulla struttura dell atomo (nucleo costituito da protoni e orbitali via via più esterni in cui si distribuiscono gli elettroni),

Dettagli

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie.

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie. RISONANZA Introduzione. Sia data una rete elettrica passiva, con elementi resistivi e reattivi, alimentata con un generatore di tensione sinusoidale a frequenza variabile. La tensione di alimentazione

Dettagli

Elettronica degli azionamenti

Elettronica degli azionamenti Elettronica degli azionamenti INDICE Elettronica degli azionamenti VALVOLE DI POTENZA GENERALITA VALVOLA NON COMANDATA: DIODO VALVOLE COMANDATE a) VALVOLA COMANDATA IN CHIUSURA O ACCENSIONE: TIRISTORE

Dettagli

Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero

Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero di soluzioni circuitali, in dipendenza sia dal livello

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Programmazione modulare (A.S. 2015/2016)

Programmazione modulare (A.S. 2015/2016) Programmazione modulare (A.S. 2015/2016) Indirizzo: ELETTROTECNICA Prof. SCIARRA MAURIZIO Prof. SAPORITO ETTORE (lab.) Disciplina: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA Classe: 4Aes Ore settimanali previste: 5

Dettagli

Dispositivi a semiconduttore a 4 strati

Dispositivi a semiconduttore a 4 strati Dispositivi a semiconduttore a 4 strati 1 Dispositivi a semiconduttore a 4 strati Corso di Elettronica Industriale Laurea Magistrale Ingegneria Elettronica Prof Lorenzo Capineri 1 Dispositivi a semiconduttore

Dettagli

E possibile classificazione i trasduttori in base a diversi criteri, ad esempio: Criterio Trasduttori Caratteristiche

E possibile classificazione i trasduttori in base a diversi criteri, ad esempio: Criterio Trasduttori Caratteristiche PREMESSA In questa lezione verranno illustrate la classificazione delle diverse tipologie di trasduttori utilizzati nei sistemi di controllo industriali ed i loro parametri caratteristici. CLASSIFICAZIONE

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Per quanto attiene gli impianti connessi alla rete elettrica, vengono qui presentati i criteri di progettazione elettrica dei principali componenti,

Dettagli

ELETTRONICA II. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino. Parte A: Transistori in commutazione Lezione n. 2 - A - 2:

ELETTRONICA II. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino. Parte A: Transistori in commutazione Lezione n. 2 - A - 2: ELETTRONICA II Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino Parte A: Transistori in commutazione Lezione n. 2 - A - 2: Transistori BJT in commutazione Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo A - 8 n.

Dettagli

ITI A. Malignani Udine - Elettrotecnica & automazione - Impianti elettrici e TDP

ITI A. Malignani Udine - Elettrotecnica & automazione - Impianti elettrici e TDP 9. INTERRUTTORI BT In media tensione generalmente non si chiede all interruttore di intervenire istantaneamente mentre ciò è usuale nella BT. Deve aspettare ad aprire Questo interruttore deve aprire per

Dettagli

Programmazione modulare

Programmazione modulare Programmazione modulare Indirizzo: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA Disciplina: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA Docenti: Erbaggio Maria Pia e Iannì Gaetano Classe: IV A e settimanali previste: 6 Prerequisiti

Dettagli

Correnti di corto circuito

Correnti di corto circuito Correnti di corto circuito Definizioni Cortocircuito: - Contatto accidentale o intenzionale, di resistenza o impedenza relativamente basse, tra due o più punti a diversa tensione di un circuito. (VEI 151-03-41).

Dettagli

Programma svolto. Anno Scolastico 2015/16. Tecnologie e Progettazione di Sistemi Elettrici ed Elettronici

Programma svolto. Anno Scolastico 2015/16. Tecnologie e Progettazione di Sistemi Elettrici ed Elettronici I S T I T U T O T E C N I C O I N D U S T R I A L E S T A T A L E G u g l i e l m o M a r c o n i V e r o n a Programma svolto Anno Scolastico 2015/16 A.s.: 2015-16 Docenti: Natali G. Gualtieri Tecnologie

Dettagli

Articolo. Considerazioni per la scelta di convertitori DC/DC isolati in formato brick

Articolo. Considerazioni per la scelta di convertitori DC/DC isolati in formato brick Ref.: MPS352A Murata Power Solutions www.murata-ps.com Articolo Considerazioni per la scelta di convertitori DC/DC isolati in formato brick Paul Knauber, Field Applications Engineer, Murata Power Solutions

Dettagli

Amplificatori Audio di Potenza

Amplificatori Audio di Potenza Amplificatori Audio di Potenza Un amplificatore, semplificando al massimo, può essere visto come un oggetto in grado di aumentare il livello di un segnale. Ha quindi, generalmente, due porte: un ingresso

Dettagli

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Ø Prof. Attilio Santocchia Ø Ufficio presso il Dipartimento di Fisica (Quinto Piano) Tel. 075-585 2708 Ø E-mail: attilio.santocchia@pg.infn.it Ø Web: http://www.fisica.unipg.it/~attilio.santocchia

Dettagli

Corrente ele)rica. Cariche in movimento e legge di Ohm

Corrente ele)rica. Cariche in movimento e legge di Ohm Corrente ele)rica Cariche in movimento e legge di Ohm Corrente ele)rica Nei metalli si possono avere elettroni che si muovono anche velocemente fra un estremo e l altro del metallo, ma la risultante istante

Dettagli

IL DIODO. Il moltiplicatore di tensione: Cockroft-Walton Transiente Stato stazionario Alta impedenza di carico

IL DIODO. Il moltiplicatore di tensione: Cockroft-Walton Transiente Stato stazionario Alta impedenza di carico IL DIODO RIASSUNTO: Semiconduttori Drogaggio N e P La giunzione p-n Diodo polarizzato in diretta/inversa Caratteristica I(V) Raddrizzatori a singola semionda a doppia semionda Il moltiplicatore di tensione:

Dettagli

In una piccola industria di floricoltura, l impianto elettrico per l alimentazione degli uffici

In una piccola industria di floricoltura, l impianto elettrico per l alimentazione degli uffici Esame di Stato di Istituto Professionale Indirizzo: Tecnico delle industrie elettriche Tema di: Elettrotecnica, Elettronica e Applicazioni Luigi Manzo - Giuseppe Gallo In una piccola industria di floricoltura,

Dettagli

Generatore di Forza Elettromotrice

Generatore di Forza Elettromotrice CIRCUITI ELETTRICI Corrente Elettrica 1. La corrente elettrica è un flusso ordinato di carica elettrica. 2. L intensità di corrente elettrica (i) è definita come la quantità di carica che attraversa una

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA UNIVRSITÀ DGLI STUDI DI ROMA TOR VRGATA FAOLTÀ DI SINZ MATMATIH FISIH NATURALI orso di laurea in FISIA - orso di laurea in SINZ DI MATRIALI LAORATORIO 3: omplementi di teoria alle esperienze Modelli semplificati

Dettagli

Trasformatore di corrente (TA)

Trasformatore di corrente (TA) Sensori di corrente Il modo più semplice di eseguire la misura di corrente è il metodo volt-amperometrico, in cui si misura la caduta di tensione su di una resistenza di misura percorsa dalla corrente

Dettagli

Disturbi causati dalla commutazione di carichi induttivi

Disturbi causati dalla commutazione di carichi induttivi Disturbi causati dalla commutazione di carichi induttivi Pubblicato il: 13/06/2005 Aggiornato al: 13/06/2005 di Massimo Barezzi Analisi, problemi e soluzioni per proteggersi dalle correnti provocate dalla

Dettagli

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1 LATCH E FLIPFLOP. I latch ed i flipflop sono gli elementi fondamentali per la realizzazione di sistemi sequenziali. In entrambi i circuiti la temporizzazione è affidata ad un opportuno segnale di cadenza

Dettagli

Consumo di Potenza nell inverter CMOS. Courtesy of Massimo Barbaro

Consumo di Potenza nell inverter CMOS. Courtesy of Massimo Barbaro Consumo di Potenza nell inverter CMOS Potenza dissipata Le componenti del consumo di potenza sono 3: Potenza statica: è quella dissipata quando l inverter ha ingresso costante, in condizioni di stabilità

Dettagli

CAPITOLO 10 ALIMENTATORI

CAPITOLO 10 ALIMENTATORI 194 CAPITOLO 10 ALIMENTATORI Per funzionare, la maggior parte dei dispositivi e dei circuiti elettronici richiede un alimentazione in tensione continua, singola o duale. Le tensioni richieste sono normalmente

Dettagli

Stefano Bifaretti. Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica

Stefano Bifaretti. Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6CFU) a.a. 20I2/2013 Stefano Bifaretti 2/31 3/31 4/31 In questa fase vengono effettuate le

Dettagli

L argomento trattato nella presente dispensa riguarda la macchina elettrica piú diffusa in

L argomento trattato nella presente dispensa riguarda la macchina elettrica piú diffusa in "!#%$& '( )* +-,./10 243#,5768)9;: / Nella presente trattazione verranno analizzate alcuni aspetti dell avviamento del motore asincrono trifase ed alcuni problemi relativi. L argomento trattato nella presente

Dettagli

Corrente Elettrica. dq dt

Corrente Elettrica. dq dt Corrente Elettrica Finora abbiamo considerato le cariche elettriche fisse: Elettrostatica Consideriamole adesso in movimento! La carica in moto forma una corrente elettrica. L intensità di corrente è uguale

Dettagli

Circuito di pilotaggio ON OFF con operazionale

Circuito di pilotaggio ON OFF con operazionale PREMESSA Circuito di pilotaggio ON OFF con operazionale A cura del Prof. Marco Chirizzi www.marcochirizzi.it Si supponga di dovere progettare un circuito di pilotaggio ON OFF in grado di mantenere un fluido

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ Appunti di Elettronica Capitolo 3 Parte II Circuiti limitatori di tensione a diodi Introduzione... 1 Caratteristica di trasferimento di un circuito limitatore di tensione... 2 Osservazione... 5 Impiego

Dettagli

IL DIODO LED Curva caratteristica del diodo: verifica sperimentale

IL DIODO LED Curva caratteristica del diodo: verifica sperimentale Laboratorio di... Scheda n. 11 - Livello: Avanzato A.S.... Classe. NOME..... DATA... Prof.... IL DIODO LED Curva caratteristica del diodo: verifica sperimentale Conoscenze - Conoscere la funzionalità del

Dettagli

Corso manutenzione cabine MT/BT. Capitolo 2 PROBLEMI IMPIANTISTICI DI CABINA. Gorizia, Giugno-Ottobre 2000

Corso manutenzione cabine MT/BT. Capitolo 2 PROBLEMI IMPIANTISTICI DI CABINA. Gorizia, Giugno-Ottobre 2000 Corso manutenzione cabine MT/BT Capitolo 2 PROBLEMI IMPIANTISTICI DI CABINA Gorizia, Giugno-Ottobre 2000 Correnti di cortocircuito Cortocircuito: Definizioni - Contatto accidentale o intenzionale, di resistenza

Dettagli

Il transistore bipolare

Il transistore bipolare Il transistore bipolare Il transistore è un componente base dell elettronica. Il suo nome significa transfer resistor (resistore di trasferimento). In questi appunti parliamo del BJT (bipolar junction

Dettagli

Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit

Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit ingressi analogici Conversione A/D Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit Ogni codice binario rappresenta il

Dettagli

ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO NAUTICO C.COLOMBO. CLASSE 3 A sez. 3CI

ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO NAUTICO C.COLOMBO. CLASSE 3 A sez. 3CI CLASSE 3 A sez. 3CI MATERIA: Elettrotecnica, laboratorio 1. Contenuti del corso DOCENTI: SILVANO Stefano FERRARO Silvano Unità didattica 1: Gli strumenti di misura Il concetto di misura, errori di misura

Dettagli

Circuiti amplificatori

Circuiti amplificatori Circuiti amplificatori G. Traversi Strumentazione e Misure Elettroniche Corso Integrato di Elettrotecnica e Strumentazione e Misure Elettroniche 1 Amplificatori 2 Amplificatori Se A V è negativo, l amplificatore

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore. Lucia FROSINI

Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore. Lucia FROSINI Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore Lucia FROSINI Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia E-mail: lucia@unipv.it 1 Avviamento del

Dettagli

I Diodi. www.papete.altervista.org http://elettronica-audio.net76.net

I Diodi. www.papete.altervista.org http://elettronica-audio.net76.net I Diodi Questi componenti sono provvisti di due terminali: il catodo e l'anodo. Il catodo si riconosce perchè sul corpo è stampata una fascia in corrispondenza di tale piedino. Ad esempio, i diodi nella

Dettagli

OPTOELETTRONICA I FOTORILEVATORI fotoresistenze Le foto resistenze sono costituite da un materiale semiconduttore di tipo N,come il solfuro di cadmio(cds) oppure da materiali fotosensibili come l ossido

Dettagli

GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ESAME

GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ESAME GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ESAME INTRODUZIONE Questa guida è rivolta a tutti gli studenti che intendono sostenere l esame del corso di Macchine e Azionamenti Elettrici in forma orale. I testi consigliati

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

CAPITOLO IV HARDWARE DEI CIRCUITI DIGITALI INTEGRATI

CAPITOLO IV HARDWARE DEI CIRCUITI DIGITALI INTEGRATI -4.1- CAPITOLO IV HARDWARE DEI CIRCUITI DIGITALI INTEGRATI 4.1 INTRODUZIONE Nei capitoli precedenti, sono state sviluppate in maniera semplificata le procedure di analisi e di sintesi delle reti digitali,

Dettagli

I REGOLATORI DI TIPO SWITCHING. I DC DC CONVERTER

I REGOLATORI DI TIPO SWITCHING. I DC DC CONVERTER GLI STABILIZZATORI DI TENSIONE sesta parte I REGOLATORI DI TIPO SWITCHING. I DC DC CONVERTER di Nico Grilloni nicogrilloni@tin.it Sono sempre più utilizzati prevalentemente per l alto rendimento, notevolmente

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento 11. Macchine a corrente continua unità 11.1 Principio di funzionamento Si consideri una spira rotante con velocità angolare costante e immersa in un campo magnetico costante come in figura 11.1. I lati

Dettagli

CONVERTITORI STATICI PER L AUTOMAZIONE

CONVERTITORI STATICI PER L AUTOMAZIONE Capitolo 2 CONVERTITORI STATICI PER L AUTOMAZIONE 2.1 Generalità. I convertitori statici hanno l obiettivo di controllare i flussi di potenza tra ingresso ed uscita modificando opportunamente alcune grandezze

Dettagli

Dimensionamento, simulazione e implementazione di un convertitore DC/DC Flyback

Dimensionamento, simulazione e implementazione di un convertitore DC/DC Flyback Università degli studi di Ferrara Facoltà di Ingegneria Laboratorio di Elettronica Industriale Dimensionamento, simulazione e implementazione di un convertitore DC/DC Flyback Studente: Sferrazza Giovanni

Dettagli

a.a. 2015/2016 Docente: Stefano Bifaretti

a.a. 2015/2016 Docente: Stefano Bifaretti a.a. 2015/2016 Docente: Stefano Bifaretti email: bifaretti@ing.uniroma2.it I primi convertitori in grado di controllare il flusso di energia elettrica sono stati realizzati impiegando macchine elettriche

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

I.P.S.I.A. BOCCHIGLIERO

I.P.S.I.A. BOCCHIGLIERO I.P.S.I.A. di BOCCHIGLIERO a.s. 2012/2013 -classe V- Materia: Sistemi Automazione e Organizzazione della Produzione ----Trasduttori e sensori---- Alunna: Rossella Serafini prof. Ing. Zumpano Luigi TRASDUTTORI

Dettagli

Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica

Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica G. Simioli Torna al programma Indice degli argomenti Considerazioni introduttive Quadro normativo - Norma CEI 11-20 Isola indesiderata - Prove

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico

1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico 1 L AZIONAMENTO ELETTRICO COME SISTEMA 1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico Si definisce Azionamento Elettrico (A.E.) l insieme composto da un motore elettrico e dagli apparati d alimentazione,

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 15 a. Sistemi trifase

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 15 a. Sistemi trifase rincipi di ingegneria elettrica Lezione 15 a Sistemi trifase Teorema di Boucherot La potenza attiva assorbita da un bipolo è uguale alla somma aritmetica delle potenze attive assorbite dagli elementi che

Dettagli

Macchina sincrona (alternatore)

Macchina sincrona (alternatore) Macchina sincrona (alternatore) Principio di funzionamento Le macchine sincrone si dividono in: macchina sincrona isotropa, se è realizzata la simmetria del flusso; macchina sincrona anisotropa, quanto

Dettagli

I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare

I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare A.S. 2015/2016 Indirizzo: ELETTROTECNICA Disciplina: ELETTROTECNICA E ELETTRONICA Classe: 5Aes Ore settimanali previste: 5 (2) INSEGNANTI: SCIARRA MAURIZIO

Dettagli

Circuito RC. Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) Componenti 1/66

Circuito RC. Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) Componenti 1/66 Circuito RC Il dimensionamento del circuito RC deve tenere conto di: ampiezza della sovratensione; durata della sovratensione; impedenza tra sorgente della sovratensione ed il componente. 1/66 Circuito

Dettagli

Generatore di forza elettromotrice f.e.m.

Generatore di forza elettromotrice f.e.m. Generatore di forza elettromotrice f.e.m. Un dispositivo che mantiene una differenza di potenziale tra una coppia di terminali batterie generatori elettrici celle solari termopile celle a combustibile

Dettagli

Definizione di circuito, delle grandezze circuitali e classificazione dei bipoli

Definizione di circuito, delle grandezze circuitali e classificazione dei bipoli Definizione di circuito, delle grandezze circuitali e classificazione dei bipoli Definizione di circuito elettrico Da un punto di vista fisico un circuito si presenta come una connessione di elementi o

Dettagli

ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO A. FERRARIN - CATANIA

ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO A. FERRARIN - CATANIA ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO A. FERRARIN - CATANIA A. S. 2012-2013 ELETTROTECNICA, ELETTRONICA, AUTOMAZIONE CLASSE 3 Sez. C Prof. Fiorio Walter - Prof. Distefano Antonino LIVELLO DI PARTENZA: La classe

Dettagli

L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo

L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo CONTROLLORI PID PID L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo Può essere applicato ai più svariati ambiti, dal controllo di una portata di fluido alla regolazione

Dettagli

L avviamento dei motori asincroni

L avviamento dei motori asincroni L avviamento dei motori asincroni Un problema rilevante è quello dell avviamento dei motori. Nei motori asincroni infatti, durante l avviamento, circolano nel motore correnti notevoli sia perché la resistenza

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Macchine elettriche. La macchina sincrona. Corso SSIS 2006-07. 07 prof. Riolo Salvatore

Macchine elettriche. La macchina sincrona. Corso SSIS 2006-07. 07 prof. Riolo Salvatore Macchine elettriche La macchina sincrona 07 prof. Struttura Essa comprende : a) albero meccanico collegato al motore primo b) circuito magnetico rotorico fissato all albero (poli induttori) i) c) avvolgimento

Dettagli

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate Stabilizzazione della frequenza e della tensione nelle reti elettriche isolate SOMMARIO 1 Introduzione... 3 2 I requisiti fondamentali di una rete stabile isolata... 3 3 I requisiti dei sistemi di stabilizzazione

Dettagli

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI Capitolo3:Layout 1 17-10-2012 15:33 Pagina 73 CAPITOLO 3 GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI OBIETTIVI Conoscere le grandezze fisiche necessarie alla trattazione dei circuiti elettrici Comprendere la necessità

Dettagli

Regole della mano destra.

Regole della mano destra. Regole della mano destra. Macchina in continua con una spira e collettore. Macchina in continua con due spire e collettore. Macchina in continua: schematizzazione di indotto. Macchina in continua. Schematizzazione

Dettagli

Il fusibile nella protezione contro le sovracorrenti in bassa tensione

Il fusibile nella protezione contro le sovracorrenti in bassa tensione Il fusibile nella protezione contro le sovracorrenti in bassa tensione di Saveri Gianluigi 1. Generalità Un apparecchiatura elettrica in condizioni di normale funzionamento (condizioni specificate dai

Dettagli

ITI M. FARADAY Programmazione modulare

ITI M. FARADAY Programmazione modulare ITI M. FARADAY Programmazione modulare A.S. 2015/16 Indirizzo: ELETTROTECNICA ed ELETTRONICA Disciplina: ELETTROTECNICA ed ELETTRONICA Classe: V A elettrotecnica settimanali previste: 6 INSEGNANTI: ERBAGGIO

Dettagli

Programma Svolto. Tecnologie e Tecniche di Installazione e Manutenzione. Classe IIIA

Programma Svolto. Tecnologie e Tecniche di Installazione e Manutenzione. Classe IIIA ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALESSANDRO VOLTA Via Volta, 1 - Tel. : 0785/53024 fax: 0785/52654 - e-mail: isisghilarza@tiscalinet.it - C.M. ORIS00100L - C.F.90027890954 09074 GHILARZA (Oristano)

Dettagli

CAPITOLO 4 IL TRANSISTOR BIPOLARE (BJT)

CAPITOLO 4 IL TRANSISTOR BIPOLARE (BJT) 65 CAPITOLO 4 IL TRANSISTOR BIPOLARE (BJT) Affrontiamo adesso il secondo dispositivo attivo a semiconduttore, il transistor bipolare a giunzione, o BJT (in inglese, bipolar junction transistor), storicamente

Dettagli

Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica

Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica Il rifasamento degli impianti elettrici viene realizzato quando il fattore di potenza raggiunge un valore tale da introdurre svantaggi

Dettagli

oil /~ O-~---~---- VV " / :na 10.2 GLI AMPLIFICA TORI PUSH-PULL IN CLASSE B o~ 6 CHECK-UP DEL PARAGRAFO 10.1

oil /~ O-~---~---- VV  / :na 10.2 GLI AMPLIFICA TORI PUSH-PULL IN CLASSE B o~ 6 CHECK-UP DEL PARAGRAFO 10.1 :na GU Ac\1PLIF1CATORIDI POTENZA 2.C FOR A=l TO N 220 TRC=RC*RL(A)/(RCRL(A» 230 P=.5*ICQA2*TRC 240 EFF=P/(VCC*ICQ) 250 IF EFF).25 THEN PRINT "L'AMPLIFICATORENON STA FUNZIONANDOIN CLASSE A" ELSE PRINT RL(A),

Dettagli

Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E

Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E Ing. ARMANDO FERRAIOLI Ing. BIAGIO AURIEMMA Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E Rifasare un impianto elettrico significa risparmiare

Dettagli

Si compongono di : Lato DC

Si compongono di : Lato DC Centralini di Campo precablati per DC e AC Monofase e Trifase Quadro di campo comprensivo di cablaggio lato DC e lato AC verso inverter e contatore ENEL. CENTRALINO ISL - CABUR DC Inverter Monofase / Trifase

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

5 Amplificatori operazionali

5 Amplificatori operazionali 5 Amplificatori operazionali 5.1 Amplificatore operazionale: caratteristiche, ideale vs. reale - Di seguito simbolo e circuito equivalente di un amplificatore operazionale. Da notare che l amplificatore

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale. 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito

Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale. 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito I fenomeni energetici connessi al passaggio della corrente in un circuito, possono essere distinti

Dettagli

SEE. Applicazioni industriali: Caratteristiche generali. Ramo batteria (tecnologia SCR) Raddrizzatori doppio ramo

SEE. Applicazioni industriali: Caratteristiche generali. Ramo batteria (tecnologia SCR) Raddrizzatori doppio ramo Raddrizzatori doppio ramo SEE RADDRIZZATORE A DOPPIO RAMO, USCITA +/-1% Soluzione dedicata con batterie a vaso aperto o NiCd con tensione di uscita 110 o 220 V CC sino a 500 A Applicazioni industriali:

Dettagli