Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento"

Transcript

1 Consulta provinciale dei Geologi di Parma 22 Giugno 2011 Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento Dott. Geol. Giovanni Dondi (ECOVIVA S.a.s.).) ECOVIVA S.a.s. Via Passo della Cisa,, Parma Tel Fax ambiente.it

2 CASO 1: PERDITA DI GASOLIO DA UNA CISTERNA INTERRATA NEI PRESSI DI UNA STRUTTURA SPORTIVA quantità di gasolio perso: 3000 litri tempi di bonifica: 3 anni costi: Euro

3 Ubicazione del sito

4 Ubicazione del sito gradinata curva nord nord Serbatoio - punto di sversamento gasolio

5 Esempio di serbatoio (non relativo al sinistro)

6 Sezione idrogeologica schematica sud campo da gioco curva nord sversamento di gasolio nord locale seminterrato -1 m gasolio nel sottosuolo -2 m -3 m -4 m acqua sotterranea (falda) -5 m -6 m

7 Che cosa dice la normativa (D. Lgs.. 152/06)? Il responsabile della contaminazione deve: dare immediata comunicazione agli Enti (autodenuncia) presentare il Piano di caratterizzazione caratterizzare il sito redigere l Analisi di rischio presentare il Progetto operativo di bonifica bonificare il sito

8 Il gasolio è pericoloso per la salute umana? Quali sono i rischi prodotti dalla contaminazione del suolo e sottosuolo? ) Ingestione di acqua inquinata da pozzi 2) Inalazione di vapori provenienti dal terreno o dalla falda in ambienti chiusi o aperti 3) Contatto dermico con terreno inquinato e inalazione di particolato 4) Contatto dermico con acqua di fiumi o mari inquinati e consumo di pesce

9 Indagini di caratterizzazione Perforazione di PZ 9

10 Indagini di caratterizzazione Perforazione di PZ 3

11 Indagini di caratterizzazione Perforazione di PZ 10

12 Indagini di caratterizzazione Cassetta catalogatrice (carote PZ 6)

13 Indagini di caratterizzazione Chiusino e testapozzo del piezometro PZ 3 Campionamento acque dal piezometro PZ 9

14 Risultati della caratterizzazione sondaggi sondaggi punto sversamento punto sversamento Ubicazione punti di indagine

15 Risultati della caratterizzazione gasolio nel sottosuolo gasolio nel sottosuolo Superficie area contaminata: circa 900 m 2 Volume terreno contaminata: circa 1800 m 3 Stima gasolio nel sottosuolo: litri

16 Risultati dell analisi di rischio Rischi per: 1) Inalazione di vapori provenienti dal terreno o dalla falda in ambienti chiusi 2) Ingestione di acqua inquinata da pozzi Assenza di rischi per: 3) Contatto dermico con terreno inquinato e inalazione di particolato 4 4) Contatto dermico con acqua di fiumi inquinati e consumo di pesce 5) Inalazione di vapori provenienti dal terreno o dalla falda in ambienti aperti

17 Possibili tecniche di bonifica in situ: Bioventing Viene immessa aria nella zona insatura del sottosuolo per incrementare le concentrazioni di ossigeno e favorire di conseguenza la biodegradazione dei contaminanti. (C 6 H /2 O 2 = 6 CO H 2 O)

18 Possibili tecniche di bonifica in situ: Soil Vapor Extraction Il sistema, denominato Soil Vapor Extraction o Soil Venting, consiste nell applicare una depressione nel mezzo insaturo del sottosuolo. Il gradiente di pressione/concentrazione provocato determina il flusso di vapori contaminanti verso un pozzo o una trincea di estrazione. I gas estratti devono poi essere trattati prima dello scarico in atmosfera.

19 Possibili tecniche di bonifica in situ: Air Sparging Viene iniettata aria nelle acque sotterranee al fine di rimuoverne i contaminanti presenti mediante volatilizzazione e biodegradazione. Generalmente viene installato anche un sistema di soil venting per recuperare i vapori migrati nel mezzo insaturo.

20 Possibili tecniche di messa in sicurezza e bonifica in situ: Pump & Treat Vengono prelevate acque sotterranee contaminate impedendone la migrazione verso valle e producendo il risanamento dell acquifero. Le acque devono essere trattate prima dello scarico o del riutilizzo. E un sistema spesso utilizzato nella fase di messa in sicurezza per creare uno sbarramento idraulico ed impedire la migrazione di contaminanti verso valle inquinamento

21 Possibili tecniche di bonifica in situ: Multi Phase Extraction Viene applicata elevata depressione mediante apposito sistema al fine di rimuovere contemporaneamente gas e liquidi dalle acque sotterranee in terreni a bassa permeabilità o eterogenei.

22 Possibili tecniche di bonifica in situ: Multi Phase Extraction Uscita aria depurata Filtri per aria Filtri per acqua Separatore acqua - aria Box pompe aspiranti

23 Possibili tecniche di bonifica in situ: Multi Phase Extraction Pozzetto di MPE

24 CASO 2: SVERSAMENTO SUPERFICIALE DI SOLVENTI PRESSO UN TERMINAL FERROVIARIO quantità sversata: litri tempi di bonifica: 6 mesi costi: Euro

25

26

27 CASO 3: SVERSAMENTO DI MTBE A SEGUITO DI UN INCIDENTE CHE HA COINVOLTO UN AUTOBOTTE quantità sversata: litri tempi di bonifica: 4-6 anni costi: Euro

28

29

30 POZZI

31 Pozzo per uso idropotabile Acqua sotterranea Pozzo sbarramento idraulico Pozzo per uso idropotabile Acqua sotterranea

32 Pump and Treat Descrizione Vengono prelevate acque sotterranee contaminate (fase solubile) impedendone la migrazione verso valle e producendo il risanamento dell acquifero. Le acque devono essere trattate prima dello scarico o del riutilizzo. E un sistema spesso utilizzato nella fase di messa in sicurezza per creare uno sbarramento idraulico ed impedire la migrazione di contaminanti verso valle inquinamento

33 Pump and Treat Cono di depressione Area di cattura Direzione di flusso delle acque

34 Pump and Treat Pozzi di un Pump and Treat

35 Pump and Treat Pump and Treat applicato ad un distributore di carburanti percolatore biologico pozzo pozzo dir. falda sottosuolo e falda inquinati

36 Pump and Treat Pulizia e asportazione del limo di fondo e della biomassa da un pozzo di Pump & Treat pompa sommersa e linea di mandata pozzo

37 Pump and Treat Schema di processo semplificato

38 Pump and Treat Schema di processo semplificato

39 Pump and treat Dimensionamento di un impianto di Pump & Treat (da Javandel 1986) limite area di cattura Caso pozzo singolo Xs E pozzo direzione di flusso F Xs = punto di stagnazione = Q /2πTi E = larghezza dell area di cattura lungo le ordinate = Q /2Ti F = fronte di alimentazione = Q /Ti Q = portata pozzo T = trasmissività I = gradiente idraulico

40 Pump and treat Dimensionamento di un impianto di Pump & Treat (da Javandel 1986) limite area di cattura Caso pozzo singolo - Esercizio Xs E pozzo direzione di flusso F Considerando un acquifero avente una trasmissività di 3,3 x 10-3 m/s, un gradiente idraulico del 3 per mille, calcolare la portata necessaria per ottenere una larghezza E del cono di influenza tale mettere in sicurezza un terreno contaminato avente una estensione di 30 x 30 metri (zona rappresentata in rosso). Esprimere il risultato in litri al secondo e metri cubi al giorno

41 Pump and treat Dimensionamento di un impianto di Pump & Treat (da Javandel 1986) limite area di cattura Barriera con 2 o 3 pozzi Xs E pozzo direzione di flusso F n. pozzi 2 distanza ottimale pozzi Q/ πti E Q/ Ti F 2Q/ Ti 3 (2Q) 1/2 / πti 3Q/2Ti 3Q/Ti

42 CASO 4: SVERSAMENTO DI GASOLIO A SEGUITO DI UN INCIDENTE CHE HA COINVOLTO UN AUTOCARRO (rottura serbatoio) quantità di prodotto: litri di gasolio tempi di bonifica: 1 mese costi: Euro

43 Attività e voci di costo (1): Pronto intervento, preparazione cantiere

44 Attività e voci di costo (2): Rimozione e accumulo terreno contaminato Analisi di campo e prelievo campioni di fondo scavo per analisi di laboratorio

45 Attività e voci di costo (3): Formazione di un deposito temporaneo con accumulo di terreno in attesa di analisi di omologa del rifiuto Prelievo campioni di terreno (rifiuto) per analisi chimica di omologa Stazionamento segnaletica

46 Attività e voci di costo (4): Analisi chimica di laboratorio del terreno di fondo scavo Analisi chimica di laboratorio del terreno accumulato, ossia del rifiuto da smaltire

47 Attività e voci di costo (5): Smaltimento con conferimento a discarica del terreno accumulato Ripristino dell area

48 CASO 5: SVERSAMENTO DI OLIO COMBUSTIBILE A SEGUITO DI UN INCIDENTE CHE HA COINVOLTO UN AUTOBOTTE quantità sversata: 5000 litri tempi di bonifica: 3 anni costi: Euro

49

50 Olio combustibile Idrocarburi pesanti C>12 Benzene? - 10 m

51 Grazie per l attenzione! l

LE BONIFICHE AMBIENTALI rimedi ai danni generati dalla chimica

LE BONIFICHE AMBIENTALI rimedi ai danni generati dalla chimica Water & Soil Remediation Srl v. Donatori di Sangue, 13 Levata di Curtatone (MN) LE BONIFICHE AMBIENTALI rimedi ai danni generati dalla chimica Water & Soil Remediation Srl Relatore: Dott. Stefano Danini

Dettagli

Il monitoraggio delle acque sotterranee in siti contaminati

Il monitoraggio delle acque sotterranee in siti contaminati Geofluid,, 4 ottobre 2012 Il monitoraggio delle acque sotterranee in siti contaminati Dott. Geol. Giovanni Dondi (ECOVIVA S.a.s.) ECOVIVA S.a.s. Via Passo della Cisa,, 7 43123 Parma Tel. 0521 486372 338

Dettagli

MITTENTE: Soggetto obbligato DESTINATARI: Comune di Provincia di Struttura ARPAT di Azienda USL di

MITTENTE: Soggetto obbligato DESTINATARI: Comune di Provincia di Struttura ARPAT di Azienda USL di MODULO_E Trasmissione dati relativi all intervento di messa in sicurezza operativa (MISO) o all intervento di bonifica o messa in sicurezza permanente (MISP) effettuato. MITTENTE: Soggetto obbligato DESTINATARI:

Dettagli

La Fitorimediazione integrata nelle attività di bonifica in situ

La Fitorimediazione integrata nelle attività di bonifica in situ La Fitorimediazione integrata nelle attività di bonifica in situ Water & Soil Remediation Srl v. Donatori di Sangue, 13 Levata di Curtatone (MN) - Italy Direttore Scientifico Dott. Stefano Danini Team

Dettagli

Università degli studi di Siena FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CENTRO DI GEOTECNOLOGIE

Università degli studi di Siena FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CENTRO DI GEOTECNOLOGIE Università degli studi di Siena FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CENTRO DI GEOTECNOLOGIE Corso di Laurea in GeoTecnologie STUDIO DEL PROGETTO OPERATIVO DI BONIFICA AMBIENTALE DI UN PUNTO

Dettagli

Pump & Treat Barriere idrauliche

Pump & Treat Barriere idrauliche Università di Roma Tor Vergata Laura magistrale in Ingegneria per l ambiente e il territorio Corso di Bonifica dei Siti Contaminati Pump & Treat Barriere idrauliche Renato Baciocchi A.A. 2012 2013 Definizione

Dettagli

BONIFICA. Tecnologie di bonifica: - Chimiche - Fisiche - Biologiche - Termiche 1

BONIFICA. Tecnologie di bonifica: - Chimiche - Fisiche - Biologiche - Termiche 1 BONIFICA - intervento necessario al risanamento di situazioni di contaminazione create da eventi accidentali o a seguito dell individuazione di fenomeni di inquinamento derivanti da attività lavorative.

Dettagli

L iter di bonifica ed il permesso di costruire: aspetti ambientali ed interazione fra i due procedimenti

L iter di bonifica ed il permesso di costruire: aspetti ambientali ed interazione fra i due procedimenti Workshop - 24 Novembre 2011, Unione Industriale Torino Riqualificazione dei siti industriali dismessi: scenari di sviluppo immobiliare L iter di bonifica ed il permesso di costruire: aspetti ambientali

Dettagli

INDAGINE GEOGNOSTICA E BONIFICA DI UN SITO CONTAMINATO DA IDROCARBURI IN LOC. BORETTO (RE)

INDAGINE GEOGNOSTICA E BONIFICA DI UN SITO CONTAMINATO DA IDROCARBURI IN LOC. BORETTO (RE) INDAGINE GEOGNOSTICA E BONIFICA DI UN SITO CONTAMINATO DA IDROCARBURI IN LOC. BORETTO (RE) Agenda 21 locale Dott.ssa Laura Michela Spinetti Boretto, 29 Maggio 2003 Ecologia Soluzione Ambiente S.r.l. dal

Dettagli

LA BONIFICA DELLA EX RAFFINERIA AGIPPETROLI DI RHO-PERO: IL RUOLO FATTIVO DEGLI ENTI NELLA GESTIONE DEL COMPLESSO INTERVENTO AMBIENTALE FINALIZZATO

LA BONIFICA DELLA EX RAFFINERIA AGIPPETROLI DI RHO-PERO: IL RUOLO FATTIVO DEGLI ENTI NELLA GESTIONE DEL COMPLESSO INTERVENTO AMBIENTALE FINALIZZATO LA BONIFICA DELLA EX RAFFINERIA AGIPPETROLI DI RHO-PERO: IL RUOLO FATTIVO DEGLI ENTI NELLA GESTIONE DEL COMPLESSO INTERVENTO AMBIENTALE FINALIZZATO ALLA COSTRUZIONE DEL NUOVO POLO ESTERNO DI FIERA MILANO

Dettagli

Messa in sicurezza Quadrante Est: avvio delle attività del progetto percolato

Messa in sicurezza Quadrante Est: avvio delle attività del progetto percolato Messa in sicurezza Quadrante Est: avvio delle attività del progetto percolato Dopo circa un mese di prove, dalla fine di gennaio è in esercizio l impianto di prelievo del percolato presente nei corpi delle

Dettagli

Bonifica in situ. matrice suolo.

Bonifica in situ. matrice suolo. Bonifica in situ Decontaminazione da VOC clorurati: la case history del porto di Rotterdam n di GiuseppeProsperieJaapdeRijk, MWH S.p.A. Per la bonifica dell area del porto di Rotterdam, contaminata principalmente

Dettagli

Responsabilità A mbientale e soluzioni assicurative

Responsabilità A mbientale e soluzioni assicurative Responsabilità A mbientale e soluzioni assicurative Il rischio di danno ambientale coinvolge potenzialmente TUTTE le aziende manifatturiere, ANCHE LA VOSTRA. Vi invitiamo a scorrere le successive slides

Dettagli

-Premio Impresa Ambiente VII EDIZIONE- Documentazione integrativa ALLEGATO 2- SMARTSTRIPPING. Partecipazione al Bando 2013 -Premio Impresa Ambiente-

-Premio Impresa Ambiente VII EDIZIONE- Documentazione integrativa ALLEGATO 2- SMARTSTRIPPING. Partecipazione al Bando 2013 -Premio Impresa Ambiente- Partecipazione al Bando 2013 -Premio Impresa Ambiente- VII EDIZIONE SMARTSTRIPPING a green remediation technology DOCUMENTAZIONE INTEGRATIVA ALLEGATO 2 - INTEGRAZIONI Presentato da LA152 srl 1) Dettagli

Dettagli

GIANLUCA NASCIMBENE. geologo

GIANLUCA NASCIMBENE. geologo GIANLUCA NASCIMBENE geologo LA SOCIETA Grazie ad un organico di circa 10 dieci unità, fra operai, quadri ed impiegati ed una disponibilità di mezzi di perforazione,, fra cui: n. 4 sonde perforatrici n.

Dettagli

INDAGINI ED INTERVENTI PER LA BONIFICA DELLE VECCHIE DISCARICHE. Dipartimento IMAGE, Università di Padova

INDAGINI ED INTERVENTI PER LA BONIFICA DELLE VECCHIE DISCARICHE. Dipartimento IMAGE, Università di Padova INDAGINI ED INTERVENTI PER LA BONIFICA DELLE VECCHIE DISCARICHE Dipartimento IMAGE, Università di Padova Indagini conoscitive per la bonifica delle vecchie discariche analisi della situazione ambientale

Dettagli

FIAT AVIO. federico.saporiti@comune.torino.it 1

FIAT AVIO. federico.saporiti@comune.torino.it 1 FIAT AVIO federico.saporiti@comune.torino.it 1 FIAT AVIO federico.saporiti@comune.torino.it 2 FIAT AVIO Settembre 2003 La Regione Piemonte avvia le trattative per l acquisizione dell Area ex Fiat Avio

Dettagli

BONIFICHE DI SITI CONTAMINATI

BONIFICHE DI SITI CONTAMINATI Anno accademico 2005-2006 BONIFICHE DI SITI CONTAMINATI Prof. Candida Vannini Prof. Fabio Conti ART. 17: DAL DLgs 22/97 al DM 471/99 introduce in Italia disciplina generale (attività amministrative e tecniche

Dettagli

STABILIMENTO DI TARANTO. Piano di monitoraggio Produzione Rifiuti, Discarica e Rete Piezometrica

STABILIMENTO DI TARANTO. Piano di monitoraggio Produzione Rifiuti, Discarica e Rete Piezometrica Febbraio 2007 STABILIMENTO DI TARANTO Piano di monitoraggio Produzione Rifiuti, Discarica e Rete Piezometrica Febbraio 2007 1 PIANO DI MONITORAGGIO RIFIUTI Il Piano di monitoraggio dei rifiuti prodotti

Dettagli

Progetto IAAM. esistenti sul territorio:

Progetto IAAM. esistenti sul territorio: Progetto IAAM (Indagine Ambientale Alto Mantovano) Raccolta e sistematizzazione dei dati esistenti sul territorio: I SITI CONTAMINATI A cura dell Area Suolo e Bonifiche U.O. Sistemi Ambientali ARPA Lombardia

Dettagli

INDICAZIONI PROGETTUALI INERENTI LE ISTANZE DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE METEORICHE PROVENIENTI DA PUNTI VENDITA E DISTRIBUZIONE CARBURANTI

INDICAZIONI PROGETTUALI INERENTI LE ISTANZE DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE METEORICHE PROVENIENTI DA PUNTI VENDITA E DISTRIBUZIONE CARBURANTI INDICAZIONI PROGETTUALI INERENTI LE ISTANZE DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE METEORICHE PROVENIENTI DA PUNTI VENDITA E DISTRIBUZIONE CARBURANTI Le indicazioni sotto riportate sono da riferirsi a

Dettagli

CONVEGNO DI STUDI PULIAMO LʼITALIA. DallʼArcheologia Industriale alla Rigenerazione del Territorio

CONVEGNO DI STUDI PULIAMO LʼITALIA. DallʼArcheologia Industriale alla Rigenerazione del Territorio CONVEGNO DI STUDI PULIAMO LʼITALIA DallʼArcheologia Industriale alla Rigenerazione del Territorio Carbochimica e CIP di Fidenza: da Emergenza Ambientale ad Opportunità di Sviluppo Arch. Nicolai Zanettini

Dettagli

La sicurezza e la salute dei lavoratori nelle attività di bonifica

La sicurezza e la salute dei lavoratori nelle attività di bonifica La sicurezza e la salute dei lavoratori nelle attività di bonifica S. Berardi (1), E. Bemporad (1), C. Mariotti (2) (1) INAIL, Settore Tecnico-Scientifico e Ricerca, Dipartimento Installazioni di Produzione

Dettagli

7 Ipotesi di formulazione del modello

7 Ipotesi di formulazione del modello 7 Ipotesi di formulazione del modello concettuale Il Modello Concettuale esplicita i legami tra le diverse componenti (sorgenti di contaminazione, percorsi di migrazione e vie di esposizione, bersagli),

Dettagli

UNA TECNOLOGIA INNOVATIVA DI GREEN REMEDIATION: APPLICAZIONI IN SITO, MODELLAZIONE E SIMULAZIONE MATEMATICA

UNA TECNOLOGIA INNOVATIVA DI GREEN REMEDIATION: APPLICAZIONI IN SITO, MODELLAZIONE E SIMULAZIONE MATEMATICA Rem Tech 2014 Ref no: C.7 UNA TECNOLOGIA INNOVATIVA DI GREEN REMEDIATION: APPLICAZIONI IN SITO, MODELLAZIONE E SIMULAZIONE MATEMATICA I. JUBANY, M. CALDERER, X. GÓMEZ, M. D. RIERA 1, V. MARTÍ 2, C. B.

Dettagli

Trattamento di acque sotterranee contaminate mediante barriere adsorbenti permeabili e pump&treat: analisi di confronto

Trattamento di acque sotterranee contaminate mediante barriere adsorbenti permeabili e pump&treat: analisi di confronto UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA TRIENNALE Trattamento di acque sotterranee

Dettagli

Cos è la Bonifica (1/2)

Cos è la Bonifica (1/2) Cos è la Bonifica (1/2) Con il DM 471/99, IL Ministero dell Ambiente ha fissato i limiti di concentrazione che alcune sostanze (soprattutto pericolose) possono avere nei terreni e nelle acque di falda.

Dettagli

ECOMONDO. Quali indicazioni dall esperienza Lombarda Petroli. Nicola Di Nuzzo

ECOMONDO. Quali indicazioni dall esperienza Lombarda Petroli. Nicola Di Nuzzo ECOMONDO Quali indicazioni dall esperienza Lombarda Petroli Nicola Di Nuzzo Workshop Pronto intervento ambientale: le professionalità per gestire l inaspettato 7 novembre 2013 Emergenza fiume Lambro

Dettagli

INDAGINI ED INTERVENTI PER LA BONIFICA DELLE VECCHIE DISCARICHE. Dipartimento IMAGE, Università di Padova

INDAGINI ED INTERVENTI PER LA BONIFICA DELLE VECCHIE DISCARICHE. Dipartimento IMAGE, Università di Padova INDAGINI ED INTERVENTI PER LA BONIFICA DELLE VECCHIE DISCARICHE Dipartimento IMAGE, Università di Padova INTERVENTI DI BONIFICA O RISANAMENTO nessun intervento drenaggio del percolato e captazione del

Dettagli

Da quasi 15 anni Ideambiente srl mette a disposizione delle imprese la propria esperienza nella tutela delle risorse ambientali

Da quasi 15 anni Ideambiente srl mette a disposizione delle imprese la propria esperienza nella tutela delle risorse ambientali Da quasi 15 anni Ideambiente srl mette a disposizione delle imprese la propria esperienza nella tutela delle risorse ambientali IdeAmbiente Ideambiente srl nasce nel 1993 per supportate le esigenze in

Dettagli

SOLUZIONI TECNOLOGICHE ADOTTATE

SOLUZIONI TECNOLOGICHE ADOTTATE BONIFICA E MESSA IN SICUREZZA PERMANENTE DI AREE INDUSTRIALI DISMESSE: L ESPERIENZA DEL SITO EX SAIBI DI MARGHERITA DI SAVOIA SOLUZIONI TECNOLOGICHE ADOTTATE Prof. Ing. Antonio DI MOLFETTA Dott. Geol.

Dettagli

La Consulenze Ambientali ECORISK del Dott. Chim. Francesco Fratepietro offre una ampia gamma di servizi e soluzioni in ambito chimico e ambientale.

La Consulenze Ambientali ECORISK del Dott. Chim. Francesco Fratepietro offre una ampia gamma di servizi e soluzioni in ambito chimico e ambientale. Consulenze Ambientali ECORISK Because environment is not our property del La Consulenze Ambientali ECORISK del Dott. Chim. Francesco Fratepietro offre una ampia gamma di servizi e soluzioni in ambito chimico

Dettagli

Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto

Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto L'acqua inquinata Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto il suolo (falde acquifere). Va tenuto

Dettagli

AUDIT AMBIENTALE NELLE AREE DISMESSE E TIPOLOGIA DI BONIFICA Dr. Franco Mandelli Soc. CM Cantieri Moderni srl Via Patta,30 Ranica ( BG )

AUDIT AMBIENTALE NELLE AREE DISMESSE E TIPOLOGIA DI BONIFICA Dr. Franco Mandelli Soc. CM Cantieri Moderni srl Via Patta,30 Ranica ( BG ) AUDIT AMBIENTALE NELLE AREE DISMESSE E TIPOLOGIA DI BONIFICA Dr. Franco Mandelli Soc. CM Cantieri Moderni srl Via Patta,30 Ranica ( BG ) PREMESSA Prima degli anni 90, la demolizione era intesa nel vero

Dettagli

Azioni per un controllo diretto del rischio sul territorio

Azioni per un controllo diretto del rischio sul territorio Azioni per un controllo diretto del rischio sul territorio Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare - Comitato Nazionale Albo Gestori Ambientali ing. Giorgio Schellino Regione Piemonte,

Dettagli

Completamento della bonifica del sito, mediante capping della zona A1.

Completamento della bonifica del sito, mediante capping della zona A1. Elenco dei principali progetti di bonifica in corso ASSEMINI Decommissioning degli impianti inattivi Starlene, Acrilonitrile 2 e fabbricati residui dell impianto cloro celle a mercurio Revamping dell impianto

Dettagli

ALLEGATO 2. SITI INSERITI IN ANAGRAFE Dl COMPETENZA Dl SOGGETTI PRIVA TI. SCHEDE Dl SINTESI

ALLEGATO 2. SITI INSERITI IN ANAGRAFE Dl COMPETENZA Dl SOGGETTI PRIVA TI. SCHEDE Dl SINTESI ALLEGATO 2 SITI INSERITI IN ANAGRAFE Dl COMPETENZA Dl SOGGETTI PRIVA TI SCHEDE Dl SINTESI . ITALMATCH CHEMICALS SPA COMUNE DI SPOLETO Nome ltalmatch Chemicals Spa Sigla PG001 Comune Spoleto Indirizzo Via

Dettagli

Corrette modalità di trasporto, di stoccaggio dei prodotti fitosanitari e smaltimento degli imballaggi. exätàéüx WÜA TzÜA WÉÇtàÉ YxÜÜâvv

Corrette modalità di trasporto, di stoccaggio dei prodotti fitosanitari e smaltimento degli imballaggi. exätàéüx WÜA TzÜA WÉÇtàÉ YxÜÜâvv Corrette modalità di trasporto, di stoccaggio dei prodotti fitosanitari e smaltimento degli imballaggi exätàéüx WÜA TzÜA WÉÇtàÉ YxÜÜâvv D.Lvo 150/2012 art. 17 MANIPOLAZIONE E STOCCAGGIO Fatte salve le

Dettagli

La SEA ha negli anni acquisito una profonda esperienza nell ambito della Caratterizzazione e Monitoraggio dei Siti Contaminati.

La SEA ha negli anni acquisito una profonda esperienza nell ambito della Caratterizzazione e Monitoraggio dei Siti Contaminati. La SEA ha negli anni acquisito una profonda esperienza nell ambito della Caratterizzazione e Monitoraggio dei Siti Contaminati. La SEA nella propria struttura ha tutte le figure professionali (chimici,

Dettagli

RISCHIO INQUINAMENTO E SOLUZIONI ASSICURATIVE

RISCHIO INQUINAMENTO E SOLUZIONI ASSICURATIVE RISCHIO INQUINAMENTO E SOLUZIONI ASSICURATIVE Giovanni Faglia Pool Inquinamento 21 settembre 2011 Rischio Inquinamento 2 INQUINAMENTO: E UN RISCHIO SPECIALE? E un rischio che richiede specifiche competenze:

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Responsabilità Ambientale e soluzioni assicurative

Responsabilità Ambientale e soluzioni assicurative Bari Mediterraneo Assicurazione Agenzia Generale Responsabilità Ambientale e soluzioni assicurative COME PREVENIRE I REATI AMBIENTALI ROMA, 25 FEBBRAIO 2016 IL QUADRO NORMATIVO IL QUADRO NORMATIVO La novità

Dettagli

UN PROGETTO PER L AVVENIRE

UN PROGETTO PER L AVVENIRE TEMPA ROSSA, LA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE REGIONALI UN PROGETTO PER L AVVENIRE Il progetto Tempa Rossa prevede lo sviluppo di un giacimento petrolifero all interno della Concessione Gorgoglione, situato

Dettagli

BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI NELLE PROCEDURE FALLIMENTARI

BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI NELLE PROCEDURE FALLIMENTARI Dott. Chim. Giampaolo AGNELLA E.L.A. S.r.l. - ASTI BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI NELLE PROCEDURE FALLIMENTARI La due diligence ambientale e i costi di bonifica O R D I N E D E I D O T T O R I C O M M E

Dettagli

LA NOSTRA STORIA DI SINERGIA CON TERRA, ACQUA E AMBIENTE

LA NOSTRA STORIA DI SINERGIA CON TERRA, ACQUA E AMBIENTE TERRACQUAMBIENTE LA NOSTRA STORIA DI SINERGIA CON TERRA, ACQUA E AMBIENTE Fondata nel 1992, Sinergeo è una struttura indipendente con sede a Vicenza. Essa riunisce figure professionali altamente qualificate,

Dettagli

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI PREMESSA La caratterizzazione ambientale di un sito è identificabile con l insieme delle attività che permettono di ricostruire

Dettagli

Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta

Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta RAPPORTO FINALE TASK 4.1 PIANO DI MONITORAGGIO Territorio e Area industriale della Provincia di Rovigo Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta Data emissione 20-10-2006 Il Piano di

Dettagli

SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI DEL GRUPPO INTERNAZIONALE DI ESPERTI SUL RECUPERO DEL SITO DELLA EX-UNION CARBIDE A BHOPAL

SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI DEL GRUPPO INTERNAZIONALE DI ESPERTI SUL RECUPERO DEL SITO DELLA EX-UNION CARBIDE A BHOPAL International Expert Team Prof. Burmeier, Dr. Schenker, Dr. Exner Page 1 SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI DEL GRUPPO INTERNAZIONALE DI ESPERTI SUL RECUPERO DEL SITO DELLA EX-UNION CARBIDE A BHOPAL Nel 2004

Dettagli

RELAZIONE IDROGEOLOGICA INTEGRATIVA

RELAZIONE IDROGEOLOGICA INTEGRATIVA REGIONE EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI GATTATICO RICHIESTA DI CONCESSIONE DI PRELIEVO DI ACQUE SOTTERRANEE MEDIANTE POZZI GIA IN CONCESSIONE CON AUMENTO DI VOLUME DA 315000 A 550000

Dettagli

Le procedure delle operazioni di bonifica nell ambito delle aree industriali dismesse

Le procedure delle operazioni di bonifica nell ambito delle aree industriali dismesse Le procedure delle operazioni di bonifica nell ambito delle aree industriali dismesse Decreto Legislativo 3 aprile 2006, N 152/06 Dott.ssa Raffaella Savelli Funzionario del Servizio Ambiente dell Amministrazione

Dettagli

FIGISC Sindacato Gestori carburanti

FIGISC Sindacato Gestori carburanti FIGISC Sindacato Gestori carburanti Sindacato Provinciale Gestori Impianti Stradali Carburanti FIGISC Corso Venezia 51 20121 Milano tel. 02/7750274 fax 02/7750697 e-mail: figisc.anisa@unione.milano.it

Dettagli

PERFORAZIONE A PERCUSSIONE

PERFORAZIONE A PERCUSSIONE PERFORAZIONE A PERCUSSIONE Attrezzature e funzionamento L impianto è costituito da: un sistema di sollevamento (coppia di argani con frizione, funi di acciaio e torre); una a sonda cilindrica cava munita

Dettagli

Bonifica e messa in sicurezza di siti industriali: metodologie tradizionali e innovative e relativi costi

Bonifica e messa in sicurezza di siti industriali: metodologie tradizionali e innovative e relativi costi Convegno Nazionale INDUSTRIA e AMBIENTE STORIA E FUTURO DELLO SVILUPPO IN ITALIA Terni, 22/23 marzo 2012 Bonifica e messa in sicurezza di siti industriali: metodologie tradizionali e innovative e relativi

Dettagli

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997)

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) R e g i o n e L o m b a r d i a Provincia di Milano COMUNE DI NERVIANO Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) Marzo 2003 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER LE N.T.A. Studio Associato di

Dettagli

Nuove normative suoi suoli: dalla centralità della bonifica alla responsabilizzazione dell operatore

Nuove normative suoi suoli: dalla centralità della bonifica alla responsabilizzazione dell operatore Nuove normative suoi suoli: dalla centralità della bonifica alla responsabilizzazione dell operatore avv. Andrea Martelli Convegno sul tema: La gestione dei materiali da scavo Ferrara, 19 Settembre 2014

Dettagli

GEOSER S.r.l. - Via Basilicata 11-27100 Pavia - PIVA 01779010188 - www.geoser.com

GEOSER S.r.l. - Via Basilicata 11-27100 Pavia - PIVA 01779010188 - www.geoser.com Geoser offre da anni un servizio completo nel settore delle indagini geotecniche e geoambientali. A sostegno di questo servizio propone tutte le indagini finalizzate all individuazione dei parametri geotecnici

Dettagli

ATTIVITÀ 2.02 : Opere necessarie e produzione nuovi dati

ATTIVITÀ 2.02 : Opere necessarie e produzione nuovi dati ATTIVITÀ 2.02 : Opere necessarie e produzione nuovi dati 2.02.4 - Svolgimento di campagne di misura sul campo I dati raccolti all interno del Progetto Eur-eau-pa sono stati organizzati in due differenti

Dettagli

DIFENDERE AMBIENTE E IMPRESE

DIFENDERE AMBIENTE E IMPRESE Poste Italiane Spa - Sped. in a.p. - D.L. 353/2003 conv. in L. 46/2004, art.1, c.1 - CB-NO/Torino Anno 7 n. 26 DEA edizioni s.a.s. Strada del Portone, 127-10095 Grugliasco (TO) marzo 2014 anno vii numero

Dettagli

MONITORAGGIO E CONTROLLO AMBIENTALE, RISCHI AMBIENTALI, PIANI DI CARATTERIZZAZIONE E BONIFICA DEI TERRENI, GESTIONE DELLE EMERGENZE

MONITORAGGIO E CONTROLLO AMBIENTALE, RISCHI AMBIENTALI, PIANI DI CARATTERIZZAZIONE E BONIFICA DEI TERRENI, GESTIONE DELLE EMERGENZE 5^ sessione MONITORAGGIO E CONTROLLO AMBIENTALE, RISCHI AMBIENTALI, PIANI DI CARATTERIZZAZIONE E BONIFICA DEI TERRENI, GESTIONE DELLE EMERGENZE modera: Rocco De Rosa francesco cardei & valentina dell acqua

Dettagli

Progetto relativo a Realizzazione e gestione di un impianto di deposito temporaneo oli esausti sito in Comune di Cremona.

Progetto relativo a Realizzazione e gestione di un impianto di deposito temporaneo oli esausti sito in Comune di Cremona. DIREZIONE GENERALE TERRITORIO e URBANISTICA Progetto relativo a Realizzazione e gestione di un impianto di deposito temporaneo oli esausti sito in Comune di Cremona. Committente: K.S.T. S.r.l. - Cremona

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI 1. LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO COME SOTTOPRODOTTI 2. I SITI CONTAMINATI 3. LA GESTIONE IN IMPIANTO DI RECUPERO DEI RIFIUTI DA

Dettagli

RICARICA DELLA FALDA: I POZZI BEVITORI

RICARICA DELLA FALDA: I POZZI BEVITORI RICARICA DELLA FALDA: I POZZI BEVITORI Ing. Battistello Gianfranco Direttore Consorzio di bonifica Alta Pianura Veneta CONFERENZA ORGANIZZATIVA A.N.B.I. 2013 ALGHERO, 8-10 MAGGIO 2013 Limiti amministrativi

Dettagli

Presentazione della Carta di Vocazione alla infiltrazione

Presentazione della Carta di Vocazione alla infiltrazione Presentazione della Carta di Vocazione alla infiltrazione La Carta di Vocazione La Carta di Vocazione alla infiltrazione degli acquiferi costituisce uno strumento di supporto alle decisioni sia per la

Dettagli

CHIMICA & AMBIENTE SMARTSTRIPPING GreenRemediation SmartStripping GreenRemediation

CHIMICA & AMBIENTE SMARTSTRIPPING GreenRemediation SmartStripping GreenRemediation CHIMICA & AMBIENTE SMARTSTRIPPING GreenRemediation di Claudia Beatrice Mosangini - SmartStripping Project Manager, cm@ecosurvey.it Irene Jubany - Fundació CTM Centre Tecnològic Manresa, irene.jubany@ctm.com.es

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA GESTIONE DI TERRE E ROCCE DA SCAVO. Normativa di riferimento: La gestione delle terre e rocce da scavo può avvenire:

ISTRUZIONI PER LA GESTIONE DI TERRE E ROCCE DA SCAVO. Normativa di riferimento: La gestione delle terre e rocce da scavo può avvenire: ISTRUZIONI PER LA GESTIONE DI TERRE E ROCCE DA SCAVO Normativa di riferimento: art. 186 del D.Lgs. 152/06 D.G.R.V. N. 2424 del 08/08/2008 art. 20, comma 10-sexies del D.L. 29/11/2008 n. 185 La gestione

Dettagli

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze ALLEGATO VI Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze VI.1 - Stoccaggio dei prodotti fitosanitari Fatte salve le

Dettagli

16,00 del Comune di CUNEO Settore Ambiente e Territorio

16,00 del Comune di CUNEO Settore Ambiente e Territorio Marca da bollo Preg.mo Sig. SINDACO 16,00 del Comune di CUNEO Settore Ambiente e Territorio OGGETTO: ART. 15 L.R. 26/03/1990 N. 13, L.R. 48/93, L.R. 37/96, D.Lvo 152//06 e s.m.i., L.R. 6/03. Domanda di

Dettagli

2011 Polizza RA Insediamenti

2011 Polizza RA Insediamenti 2011 Polizza RA Insediamenti La Polizza di Responsabilità Ambientale Insediamenti (RA Insediamenti 2011) è il testo di polizza messo a punto per offrire, con un linguaggio chiaro e comprensibile, la più

Dettagli

Studio per il riutilizzo delle terre e rocce da scavo

Studio per il riutilizzo delle terre e rocce da scavo Studio per il riutilizzo delle terre e rocce da scavo Premesse Ai sensi dell art. 185 e 186 del decreto legislativo 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni, le terre e rocce da scavo riutilizzate

Dettagli

15/02/2008 TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA PROF. MASSIMO LAZZARI. L approvvigionamento idrico

15/02/2008 TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA PROF. MASSIMO LAZZARI. L approvvigionamento idrico Scuola di specializzazione in: Allevamento, igiene, patologia delle specie acquatiche e controllo dei prodotti derivati TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA L approvvigionamento idrico Le sorgenti Emungimento

Dettagli

L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003

L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003 L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI Marco Buzzichelli A.R.R.R. Spa Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003 Delibera del Consiglio Regionale della Toscana n. 385 del 21 dicembre

Dettagli

S.G.M. geologia e ambiente. ingegneria ambientale

S.G.M. geologia e ambiente. ingegneria ambientale S.G.M. geologia e ambiente ingegneria ambientale S.G.M. Geologia e Ambiente INGEGNERIA AMBIENTALE GESTIONE DEI RIFIUTI S.G.M. Geologia e Ambiente offre un ampia gamma di servizi specifici per le problematiche

Dettagli

UNA DISCARICA DA SALVARE

UNA DISCARICA DA SALVARE UNA DISCARICA DA SALVARE Relatore : Dott.ssa Angela Bruna Cardile Vibo Valentia - 15 giugno 2011 Discarica c.da Petrosì di Casignana - Ubicata all inizio del bacino inbrifero del Vallone Rambotta - sviluppata

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

Rimozione serbatoi interrati

Rimozione serbatoi interrati Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Veneto Rimozione serbatoi interrati Giuseppe Stanghellini Normativa di riferimento DGRV 4433 del 7 dicembre 1999 Criteri, requisiti e caratteristiche

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006.

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. Immobile sito nella frazione di, via, n, Censito in Catasto

Dettagli

BONGRID: Tecnologie di bonifca, analisi dei costi e metodologie di analisi per il monitoraggio dei siti inquinati

BONGRID: Tecnologie di bonifca, analisi dei costi e metodologie di analisi per il monitoraggio dei siti inquinati Progetto GRIDA 3 Applicazioni Ambientali e Teconologie GRID abilitanti Alessandro Concas 1, Selena Montinaro 2, Massimo Pisu 1 e Giacomo Cao 1,2 1 CRS4 Energy and Environment Program - Process Engineering

Dettagli

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO COMUNE DI LACONI Provincia di Oristano SETTORE : Responsabile: UFFICIO TECNICO COMUNALE Dott. Ing. Massimo Dessanai COPIA DETERMINAZIONE N. 736 DEL 31/12/2013 PROPOSTA DETERMINAZIONE N. 740 DEL 31/12/2013

Dettagli

Bonifica dei siti inquinati. Prof. Alessandra Ghi 28/11/2014

Bonifica dei siti inquinati. Prof. Alessandra Ghi 28/11/2014 Bonifica dei siti inquinati Prof. Alessandra Ghi 28/11/2014 Premessa Indice del seminario La disciplina sulla bonifica dei siti inquinati: il Testo Unico Ambientale (D.Lgs.n.152/2006) La riparazione del

Dettagli

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA E dott. geol. Gianluigi Giannella IL RUOLO DEL GEOLOGO PROGETTISTA Qual è il ruolo del geologo nell esecuzione dei pozzi? Spesso è solo il tramite tra il committente e la ditta di perforazione. Altre volte

Dettagli

Interventi di Ossidazione Chimica in Sito (ISCO)

Interventi di Ossidazione Chimica in Sito (ISCO) Interventi di Ossidazione Chimica in Sito (ISCO) Laura D Aprile ISPRA Laura D Aprile 1 Argomenti Trattati Decrizione del processo Protocollo ISPRA (ex APAT) sulla ISCO Criteri di applicazione della ISCO:

Dettagli

Ex Centrale Gas (RA) Eni Div.Exploration & Production

Ex Centrale Gas (RA) Eni Div.Exploration & Production Ex Centrale Gas (RA) Eni Div.Exploration & Production Ex Centrale Gas (RA) Ex Centrale già sottoposta a precedenti attività di bonifica Contaminazione residua dei terreni idrocarburi varia lunghezza Progettazione

Dettagli

Il pompaggio da pozzo e da vasche di carico

Il pompaggio da pozzo e da vasche di carico Giornata di studio su progettazione e gestione delle stazioni di pompaggio Università degli Studi di Brescia, 22 novembre 2013 Il pompaggio da pozzo e da vasche di carico Umberto Sanfilippo Politecnico

Dettagli

Richiedente: LIFENERGY S.r.l.

Richiedente: LIFENERGY S.r.l. Richiedente: LIFENERGY S.r.l. REGIONE VENETO PERMESSO DI RICERCA DI RISORSE GEOTERMICHE MONTECCHIO PRECALCINO (VI) Progetto definitivo per la realizzazione di due pozzi esplorativi geotermici denominati

Dettagli

SCHEDA ANAGRAFICA DEL SITO CAMPO GAS - OLIO 25-26-27 DI PISTICCI (MT) CODICE DI IDENTIFICAZIONE DEL SITO

SCHEDA ANAGRAFICA DEL SITO CAMPO GAS - OLIO 25-26-27 DI PISTICCI (MT) CODICE DI IDENTIFICAZIONE DEL SITO REGIONE BASILICATA ANAGRAFE DEI SITI OGGETTO DI PROCEDIMENTO DI BONIFICA SCHEDA ANAGRAFICA DEL SITO CAMPO GAS - OLIO 25-26-27 DI PISTICCI (MT) CODICE DI IDENTIFICAZIONE DEL SITO M T - G 7 1 2-0 1-0 8 5

Dettagli

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione PROVINCIA DI PISA Documentazione tecnica ed elaborati grafici necessari al rilascio dell autorizzazione allo scarico, non in pubblica fognatura, ai sensi del Decreto Legislativo 152/06 e successive modifiche

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA CORSO DI LAUREA IN TOSSICOLOGIA DELL AMBIENTE E DEGLI ALIMENTI Calì, Giliberto, Grasso, Napoli, Spada, Vighetto, Vitale TECNICHE DI BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI Tesina

Dettagli

SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale

SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO (Classe delle Lauree in Ingegneria Civile ed

Dettagli

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione PROVINCIA DI PISA Documentazione tecnica ed elaborati grafici necessari al rilascio dell autorizzazione allo scarico, non in pubblica fognatura, ai sensi del Decreto Legislativo 152/06 e successive modifiche

Dettagli

depositi abusivi di rifiuti fino al decommissioning di siti industriali dismessi e garantisce:

depositi abusivi di rifiuti fino al decommissioning di siti industriali dismessi e garantisce: Con oltre 100 aree ripristinate, fra le quali anche siti di interesse nazionale, GREEN HOLDING è oggi tra le società leader in Italia in questo settore. SADI SERVIZI INDUSTRIALI: > È certificata SOA per

Dettagli

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto

Dettagli

Il ruolo del Geologo nella bonifica dei siti contaminati

Il ruolo del Geologo nella bonifica dei siti contaminati Il ruolo del Geologo nella bonifica dei siti contaminati Geol. Giovanni Savarese 1 D.Lgs 3 Aprile 2006, n 152 Norme in materia Ambientale Supp. 90 GU n.88 del 14/ 04/ 2006 Parte IV Titolo V Bonifica di

Dettagli

denominato Masseria Conca 1 Dir (inquadrato nell ambito della Concessione di Coltivazione Mineraria Torrente Celone ) Aggiornamento: Febbraio 2014

denominato Masseria Conca 1 Dir (inquadrato nell ambito della Concessione di Coltivazione Mineraria Torrente Celone ) Aggiornamento: Febbraio 2014 Progetto di realizzazione del pozzo denominato Masseria Conca 1 Dir (inquadrato nell ambito della Concessione di Coltivazione Mineraria Torrente Celone ) Elementi informativi dallo Studio di Impatto Ambientale

Dettagli

Matrici ambientali inquinate: la valutazione dei rischi per i lavoratori

Matrici ambientali inquinate: la valutazione dei rischi per i lavoratori Matrici ambientali inquinate: la valutazione dei rischi per i lavoratori Vai Tiziana, Campo Calogera - Servizio PSAL Colombo Laura, Careghini Alessandro, Trovato Monica - SSD Salute Ambiente Milano, 26

Dettagli

A.S.A. S.p.A. POTENZIAMENTO DEPURATORE DI ROSIGNANO SOLVAY. Comune di Rosignano Marittimo PIANO DI GESTIONE TERRE E ROCCE DI SCAVO

A.S.A. S.p.A. POTENZIAMENTO DEPURATORE DI ROSIGNANO SOLVAY. Comune di Rosignano Marittimo PIANO DI GESTIONE TERRE E ROCCE DI SCAVO Associata al sistema Confindustria A.S.A. S.p.A. POTENZIAMENTO DEPURATORE DI ROSIGNANO SOLVAY Comune di Rosignano Marittimo PIANO DI GESTIONE TERRE E ROCCE DI SCAVO ai sensi del D.Lgs 156/06 s.m.i. e della

Dettagli

SOIL VENTING, AIR SPARGING E BIOVENTING: CENNI METODOLOGICI PER LA BONIFICA DEL MEZZO SATUROE INSATURO

SOIL VENTING, AIR SPARGING E BIOVENTING: CENNI METODOLOGICI PER LA BONIFICA DEL MEZZO SATUROE INSATURO SOIL VENTING, AIR SPARGING E BIOVENTING: CENNI METODOLOGICI PER LA BONIFICA DEL MEZZO SATUROE INSATURO Michael Disabato, Global Technologies - Milwaukee, WI Marco Carmine, Beta S. Giuliano Milanese (MI)

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA PREVENZIONE E DELLE CONDOTTE RIPARATORIE DI BONIFICA E RIPRISTINO DELLO STATO DEI LUOGHI

L IMPORTANZA DELLA PREVENZIONE E DELLE CONDOTTE RIPARATORIE DI BONIFICA E RIPRISTINO DELLO STATO DEI LUOGHI L IMPORTANZA DELLA PREVENZIONE E DELLE CONDOTTE RIPARATORIE DI BONIFICA E RIPRISTINO DELLO STATO DEI LUOGHI Alberto Milani, amministratore delegato Arcadis Italia S.r.l. Fiera Ecomondo - Rimini - 4 Novembre

Dettagli

Il contributo del Sistema Nazionale per la Protezione dell'ambiente alla Sicurezza Alimentare: l'esperienza di Arpa Piemonte

Il contributo del Sistema Nazionale per la Protezione dell'ambiente alla Sicurezza Alimentare: l'esperienza di Arpa Piemonte Il contributo del Sistema Nazionale per la Protezione dell'ambiente alla Sicurezza Alimentare: l'esperienza di Arpa Piemonte Angelo ROBOTTO Direttore Generale ARPA Piemonte Ambiente Sano per una Alimentazione

Dettagli

GEOTERMIA IN ALTO ADIGE Procedura autorizzativa, incentivi, vincoli. GEOTHERMIE IN SÜDTIROL Genehmigungsiter, Förderungen, Vorschriften

GEOTERMIA IN ALTO ADIGE Procedura autorizzativa, incentivi, vincoli. GEOTHERMIE IN SÜDTIROL Genehmigungsiter, Förderungen, Vorschriften Abteilung 29 -Bezeichnung der Abteilung Amt 29.11 Amt für Gewässernutzung Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.11 Ufficio Gestione risorse idriche GEOTERMIA IN ALTO ADIGE Procedura

Dettagli

Finalità delle indagini e del progetto

Finalità delle indagini e del progetto Caffaro e Brescia I nuovi dati Finalità delle indagini e del progetto Maria Luisa Pastore Brescia, 20 Ottobre 2015 Stato delle conoscenze prima del progetto 2002 2005 2003 2006 Le indagini condotte da

Dettagli