Guida dell'investitore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida dell'investitore"

Transcript

1 Guida dell'investitore I principali strumenti di investimento PRINCIPALI SERVIZI FINANZIARI LEGATI AI PRODOTTI DI INVESTIMENTO Occorre distinguere tra tre principali servizi finanziari: 1. Consulenza: Consiste nel fornire raccomandazioni personalizzate e precise, basate sulle circostanze personali di ciascun cliente, come ad esempio la rispettiva situazione finanziaria, il profilo di rischio, le conoscenze ed esperienze con prodotti finanziari, nonché i relativi obiettivi di investimento. Ciascun cliente prenderà la decisione definitiva in merito agli investimenti da effettuare in un prodotto finanziario piuttosto che in un altro. Tale servizio di Andbank prevede sempre la sottoscrizione di un contratto di consulenza. 2. Gestione discrezionale di portafogli: La gestione discrezionale e personalizzata di portafogli è un servizio di investimento, tramite cui il cliente, sottoscrivendo un apposito contratto, autorizza l'istituto a gestire il proprio patrimonio per suo conto. Andbank si impegna a fornire un servizio di consulenza e gestione del patrimonio messo a sua disposizione dal cliente in modo professionale, fedele e responsabile allo scopo di massimizzarne il rendimento finanziario e fiscale, partendo da un profilo di rischio prestabilito. 3. Commercializzazione: Offrire dei prodotti sulla base delle relative caratteristiche, senza effettuare un'analisi delle circostanze personali dei clienti. AVVERTENZE GENERALI SUI PRINCIPALI STRUMENTI DI INVESTIMENTO 1 PRINCIPI DI BASE CONOSCERE IL VOSTRO PROFILO DIINVESTIMENTO E DEFINIRE IL VOSTRO ORIZZONTE DI INVESTIMENTO Una buona conoscenza del vostro profilo di investimento costituisce una condizione indispensabile per stabilire il tipo di investimento più adatto alla vostra sensibilità al rischio e ai vostri obiettivi di rendimento. Qualsiasi investimento è caratterizzato da un rischio e da un rendimento atteso. Più grande è il rischio, maggiore sarà il rendimento atteso. Anche l orizzonte dell investimento è determinante per scegliere il tipo di investimento da effettuare. Un investimento a breve termine, (uno o due anni), non deve essere composto da un prodotto molto volatile, giacché si correrebbe il rischio di dover vendere detto prodotto in un momento in cui i mercati fossero poco favorevoli e di subire una perdita di capitale.

2 DIVERSIFICAREI VOSTRI INVESTIMENTI Non è ragionevole investire in un numero troppo limitato di posizioni a causa del rischio specifico vincolato alla focalizzazione su un solo titolo. Al fine di ridurre questo rischio è necessario diversificare i vostri investimenti, ovvero investire preferibilmente in vari tipi di attivi (obbligazioni, azioni e strumenti alternativi). TENERE CONTO DELLAFISCALITÀ DEI VOSTRI INVESTIMENTI Il rendimento lordo che genera un investimento può essere soggetto a una ritenuta effettuata direttamente dal banco, o ad un'altra forma di tassazione, per cui il rendimento che otterrete potrebbe essere inferiore al rendimento lordo del vostro investimento. L'onere fiscale può essere diverso a seconda degli investimenti effettuati e della vostra situazione personale (per esempio il Paese dove risiedete). Si raccomanda di prendere decisioni di investimento tenendo conto della fiscalità delle stesse. (*)PRINCIPALI RISCHI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI * Questi rischi sono inerenti a qualunque tipo di prodotto finanziario. I. RISCHIO DI CAMBIO O DI VALUTA Il rischio di cambio è identico per tutti gli attivi finanziari (siano essi strumenti del mercato monetario, obbligazioni, azioni o prodotti derivati). Un investitore che acquista un titolo denominato in un'altra valuta diversa da quella della sua economia nazionale (valuta di riferimento), si espone al rischio di cambio, vale a dire al rischio di una svalutazione di questa moneta straniera in relazione alla sua valuta di riferimento. II. RISCHIO DI TASSI DI INTERESSE E RISCHIO DI REINVESTIMENTO I tassi di interesse delle diverse tranche temporali (tassi di interesse per 1 anno, X anni, ecc.) variano costantemente, il che influisce direttamente sul prezzo dei titolo e delle obbligazioni. Quando i tassi di interesse salgono, il prezzo teorico di un'obbligazione già emessa scende, il che causerà una perdita al suo proprietario. Al contrario, un calo dei tassi di interesse provocherà un aumento dei prezzi delle obbligazioni, ovvero un guadagno per il loro proprietario. Tale variazione è detta rischio di interesse (nota anche come rischio di prezzo). Il rischio del tasso di interesse danneggia o favorisce solo quando il proprietario dell'obbligazione deve disfarsene prima della sua scadenza. Curiosamente, le emissioni a breve termine che sono poco interessate dal rischio di tasso di interesse, lo sono invece dal cosiddetto rischio di reinvestimento. Questo tipo di rischio consiste nel fatto che le somme investite in titoli con un termine abbastanza breve dovranno essere reinvestite ogni poco tempo a dei tassi di interesse presumibilmente diversi, che possono essere inferiori al tasso iniziale dell'investimento in base alle condizioni di mercato. III. RISCHIO DI LIQUIDITÀ Fa riferimento alla possibilità che ha un investitore di vendere il proprio investimento il più in fretta possibile, senza dover accettare un sensibile ribasso del prezzo dello stesso. Di norma, maggiore è la liquidità di un titolo o attivo, minore sarà il suo rendimento, purché le altre variabili si mantengano costanti. D'altra parte, la liquidità di un'emissione sarà proporzionale alla sua grandezza, poiché questo consentirà di distribuirla tra più investitori, cosa che facilita sempre la liquidità dell'emissione.

3 Una misura della liquidità dei mercati a reddito fisso è data dalla differenza tra i prezzi acquirente/venditore degli intermediari finanziari, agenzie e operatori indipendenti (broker e dealer). IV. RISCHIO DI CREDITO O INSOLVENZA Il rischio di credito o insolvenza è il rischio che l'emittente non paghi, nel volume ed entro i termini previsti, gli interessi o il capitale che si era impegnato a pagare nel controllo di emissione. Questo rischio riguarda il tasso di interesse dei titoli; di fatto, maggiore è il rischio e maggiore sarà il tasso d'interesse richiesto dagli investitori. V. RISCHIO DI MERCATO O RISCHIO DI PREZZO È la perdita potenziale di valore degli attivi finanziari, dovuta a movimenti avversi nei fattori che ne determinano il prezzo, noti anche come fattori di rischio; per esempio: i tassi di interesse o il tasso di cambio. Il rischio di mercato è il principale rischio dei mercati liquidi e organizzati come il mercato a reddito variabile valutario o delle materie prime. VI. RISCHI SPECIFICI LEGATI A UN FINANZIAMENTO DELL'INVESTIMENTO IN ATTIVI FINANZIARI MEDIANTE UN CREDITO Gli acquisti di valori mobiliari finanziati mediante crediti comportano vari rischi supplementari. Da una parte, si possono dare le garanzie complementari, in caso si sforasse il credito, a causa dell'evoluzione sfavorevole delle quotazioni degli averi assicurati. Se l'investitore non è in grado di restituire quelle garanzie, la banca potrebbe essere obbligata a vendere i titoli depositati in un momento inopportuno per il cliente. VII. RISCHI SPECIFICI LEGATI ALL'INVESTIMENTO IN PRODOTTI DERIVATI I warrant e le opzioni reagiscono con un effetto leva sulle variazioni di quotazione dell'attivo sottostante. In caso di acquisto di un warrant o di un'opzione, lo strumento perde tutto il suo valore se, alla scadenza della call (ovvero dell'opzione di acquisto), il prezzo dell'attivo sottostante è inferiore a quello di esercizio previsto dal contratto, o se, alla scadenza del put (ovvero dell'opzione di vendita), è superiore. In caso di vendita di prodotti derivati o transazioni in future, non coperti da attivi sottostanti, i rischi di perdita sono a priori illimitati. CLASSIFICAZIONE MiFID DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Non tutti i prodotti presentano lo stesso livello di complessità e di rischio. Pertanto, si distinguono tre tipi di prodotti: Prodotti Non MiFID Tale normativa non include i seguenti prodotti: 1. Conti corrente 2. Libretti di risparmio a vista 3. Imposizioni a termine 4. Piani pensione 5. Polizze assicurative a carattere finanziario (Unit Linked, ecc.) Prodotti MiFID A loro volta, si suddividono in non complessi e complessi: Prodotti non complessi

4 1. Reddito variabile/azioni quotate su mercati organizzati. 2. Reddito fisso trattato su mercati organizzati. 3. Reddito fisso non negoziato su mercati organizzati, il cui emittente al momento della contrattazione abbia un buon rating di merito creditizio pari al livello di "Investment Grade", ovvero una valutazione uguale o superiore a BBB (nomenclatura secondo agenzia S&P). 4. Prodotti strutturati con capitale garantito, il cui emittente al momento della contrattazione abbia un buon rating di merito creditizio pari al livello di "Investment Grade", ovvero una valutazione uguale o superiore a BBB (nomenclatura secondo agenzia S&P). 5. Fondi di investimento convenzionali esclusi dall'elenco dei prodotti complessi. 6. Fondi di fondi. Tali prodotti di per sé non si considerano complessi, ma potrebbero esserlo in funzione dell'attività sottostante. Prodotti complessi 1. Reddito fisso non negoziato su mercati organizzati, il cui emittente al momento della contrattazione abbia un rating di merito creditizio pari al livello speculativo di "No Investment Grade", ovvero una valutazione inferiore a BBB (nomenclatura secondo agenzia S&P). 2. Debito subordinato/debito irredimibile subordinato. 3. Obbligazioni convertibili. 4. Azioni privilegiate. 5. Partecipazioni a capitale di rischio. 6. Prodotti strutturati senza garanzia di capitale. 7. Prodotti strutturati con garanzia di capitale, il cui emittente al momento della contrattazione abbia un rating di merito creditizio pari al livello speculativo di "No Investment Grade", ovvero una valutazione inferiore a BBB (nomenclatura secondo agenzia S&P). 8. Fondi non convenzionali: a. Private Equity b. Fondi immobiliari c. Fondi comuni speculativi (hedge fund/alternativi) d. Fondi di oro o altri metalli preziosi e. Fondi di materie prime o commodity (zucchero, cacao, petrolio, ecc.) f. Fondi di fondi con attività sottostanti complesse. 9. Assicurazioni cambio. 10. Warrant, qualsiasi tipo di option o future, cap e floor. 11. Credit Default Swap - Obbligazioni Collaterali di Credito (CDS - CDO). 12. Contratti finanziari atipici. PRINCIPALI STRUMENTI FINANZIARI. CARATTERISTICHE E RISCHI I) GLI STRUMENTI DEL MERCATO MONETARIO Il mercato monetario è un mercato sul quale le istituzioni finanziarie come le banche centrali, le banche commerciali, gli assicuratori, i gestori di fondi e altre grandi società piazzano i loro averi a breve termine e si ottengono finanziamenti a breve termine (gestione della liquidità). Si intende per breve termine, un periodo inferiore ad un anno. I principali tassi applicabili su questo mercato sono l'eonia, l'euribor e il LIBOR. I mutuatari sui mercati monetari di norma sono dei professionisti e i titoli emessi come contropartita dei prestiti normalmente si caratterizzano per la loro scarsità di rischi, ma anche per i loro scarsi rendimenti in confronto ad altri tipi di attivi finanziari, come i prodotti a reddito variabile. Questi titoli di solito si usano in portafogli di investitori che hanno una forte avversione al rischio.

5 Tipi di prodotto a) Buoni del Tesoro Un buono del Tesoro è un titolo a breve e/o) medio termine emesso dal tesoro di un Paese sovrano e che rappresenta un debito contratto dallo Stato. Tipi di buoni: - Ordinari: tasso di interesse pattuito al momento dell'emissione. - Progressivi: tasso di interesse graduale in cui il titolare dei titoli ha periodicamente la possibilità di chiedere il rimborso. - Crescita: per ogni scadenza esiste la possibilità di optare per la capitalizzazione degli interessi o per l'incasso degli stessi. - Capitalizzazione: Gli interessi si devono capitalizzare obbligatoriamente. b) Pagherò Il pagherò è un titolo di credito negoziabile emesso da una società, che si scambia di comune accordo tra agenti economici. c) Certificati di deposito Il certificato di deposito è un titolo a reddito emesso da una banca, che include un pagamento periodico di interessi, la cui scadenza supera raramente i cinque anni e che di norma non è rimborsabile prima della scadenza. d) Cambio spot Un'operazione di cambio spot è un accordo tra due parti per scambiare in contanti una somma in una prima valuta con una somma in una seconda valuta ad un prezzo convenuto alla conclusione dell'operazione. Si potranno effettuare solo operazioni di cambio spot con monete di paesi che si contrattino comunemente sul mercato delle valute, come ad esempio la quotazione, euro/dollaro. e) Forward / Cambi a termine Un'operazione di cambio a termine è un accordo tra due parti per scambiare con una scadenza futura una somma in una prima valuta con una somma in una seconda valuta con una quotazione convenuta alla scadenza dell'operazione. Lo scambio avrà luogo in una data futura e ognuna delle parti si impegna a fornire il giorno della scadenza del contratto la somma della valuta venduta e a prendere in consegna la somma della valuta acquistata. In generale, un'operazione di cambio a termine si potrà effettuare solo in monete di paesi che si contrattino generalmente sul mercato delle valute. Un'operazione di cambio si può effettuare per: - coprire il rischio di cambio - un obiettivo semplicemente speculativo. In quest'ultimo caso, il Cliente dovrà: - restituire (riacquistare o rivendere) la posizione (massimo due giorni) prima della scadenza della sua operazione a lungo termine e realizzare l'utile o la perdita, - prorogare la sua posizione fino a una nuova scadenza. In questo caso, si tratta di uno swap di un'operazione di cambio a termine. II) LE OBBLIGAZIONI

6 L'obbligazione è un titolo di credito con il quale si certifica che il suo proprietario, denominato obbligazionista, è stato d'accordo sul fatto di effettuare un prestito al/la emittente dell'obbligazione e vanta dei diritti di credito nei suoi confronti. Consiste nel diritto di incasso di interessi, la cedola, e nel diritto di rimborso dei capitali prestati in una data e a delle condizioni prestabilite. Rappresenta una parte del debito, sia esso di uno Stato sovrano, di una collettività territoriale, di un'istituzione sovranazionale o di una società privata. La cedola rappresenta la rimunerazione del capitale prestato sotto forma di pagamenti di interessi, e può essere fissa o variabile. Ad ogni scadenza fissata, il mutuatario paga all'investitore, la cedola, essendo questo il valore nominale delle obbligazioni moltiplicato per il tasso di interesse pattuito. Alla data di scadenza finale, il mutuatario rimborsa il capitale al prezzo di rimborso. In caso di default dell'emittente (insolvenza, fallimento), il possessore di un'obbligazione assume il rischio di non ricevere il rimborso del suo capitale. In generale, il rischio inerente ad un'obbligazione è inferiore al rischio che si corre quando si investe in azioni. Il prezzo di un'obbligazione può essere superiore, uguale o inferiore al suo prezzo nominale (tipo di emissione sopra la pari, alla pari o sotto la pari). I principali tipi di obbligazioni sono: - Obbligazioni a tasso di interesse fisso: il tasso di interesse (annuale o a volte semestrale) non cambia fino alla scadenza del prestito. - A tasso di interesse soggetto a revisione: il tasso di interesse può essere oggetto di una revisione, ma di norma esiste un tasso minimo. - Obbligazioni a tasso di interesse variabile/fluttuante: il tasso di interesse varia, generalmente ogni trimestre, fino alla scadenza, in funzione di un tasso predeterminato del mercato monetario (Euribor o Libor a tre mesi). Spesso, si tratta di un tasso vincolato all'inflazione o a un indice. - Obbligazioni reverse convertibili: si tratta di obbligazioni la cui cedola è più elevata di quella di un' obbligazione classica, ma nella quale il rimborso del capitale dipende dal corso di un'azione di riferimento e al prezzo fissato in anticipo di quest'azione. Se alla scadenza del reverse, la quotazione dell' azione si trova al di sotto del prezzo fissato, si rimborserà l'investitore con le azioni di riferimento. In caso contrario, si rimborserà normalmente con il capitale iniziale. In tutti i casi, l'investitore riceve una cedola. - Obbligazioni convertibili: si tratta di un'obbligazione classica che si può convertire (se il possessore lo desiderare secondo le modalità definite nel contratto di emissione), in nuove azioni della società emittente. - Obbligazioni cedola zero (zero coupon bonds): sono obbligazioni che non offrono nessun pagamento di interessi nel corso della loro durata. In contropartita, quest'obbligazione si emette ad un prezzo di emissione basso, dando diritto alla scadenza finale ad un elevato premio di rimborso, a seguito della capitalizzazione degli interessi. III AZIONI Un'azione è un titolo che rappresenta un'aliquota del capitale sociale di una società (quotata o meno in borsa). Questo titolo di proprietà si consegna all'azionista per constatare i suoi diritti e può essere nominativo o al portatore. L'azione implica diritti pecuniari e diritti di partecipazione, poiché conferisce al suo possessore il diritto di partecipare alle assemblee generali e di votare, nonché il diritto di percepire, sotto

7 forma di dividendi, una parte degli utili realizzati dalla società. Come contropartita, l'azionista partecipa pienamente ai rischi della società (mediante il capitale investito). Tipi di azioni a) azioni al portatore/nominative L'azione è nominativa quando si registra il proprietario sul registro della società, il che implica un determinato formalismo in caso di cessione.. Non si registra il proprietario di un'azione al portatore su tale registro, avvenendo pertanto la cessione di comune accordo senza alcuna formalità. b) azioni ordinarie o privilegiate Alcune azioni possono, secondo lo statuto della società emittente, avere dei vantaggi vincolati, per esempio, all'importo del dividendo (più alto), per compensare una perdita dei diritti di voto nelle assemblee generali della società. c) Certificati rappresentativi Un certificato rappresentativo di azioni, come indica il suo stesso nome, corrisponde ad un titolo rappresentativo di una o più azioni della società emittente.. Si negoziano in borsa sotto forma di "Fiduciary Depositary Receipt (FDR), American Depositary Receipt (ADR) o Global Depositary Receipt (GDR)". Il principale rischio vincolato alle azioni è quello della fluttuazione della loro quotazione. Le azioni reagiscono ad ogni miglioramento, rispetto ad ogni deterioramento dei fondamentali (bilancio e conto profitti e perdite, principalmente, delle vendite e dei margini) della società.. I mercati anticipano questi cambiamenti dei fondamentali, in modo che quando si annunciano delle notizie, per esempio: profit warning, fanno sì che la reazione della quotazione borsistica sembri a volte irrazionale. IV.- ORGANISMI DI INVESTIMENTO COLLETTIVO (OIC) Un OIC o fondo di investimento è un veicolo di investimento il cui obiettivo esclusivo consiste nel raccogliere capitali dell'investitore privato (pubblico) per investirli, nella maggior parte dei casi, in valori mobiliari o immobiliari quali azioni e obbligazioni o in altri attivi finanziari, secondo il principio della diversificazione dei rischi. Sono regolati dalla Legge 10/2008. Il legislatore andorrano riconosce due forme basilari di OIC: OIC contrattuali (i Fondi di investimento) OIC statutari (le Società di Investimento) a) I Fondi di investimento (FI) Si definiscono come una massa indivisa di valori mobiliari composta e gestita secondo il principio della diversificazione dei rischi, per conto di proprietari indivisi che si impegnano solo per il loro investimento.. I FI non hanno una propria personalità giuridica e sono gestiti da una società di gestione regolata dal regolamento di gestione (descritti nel prospetto). La supervisione dell'applicazione di detto regolamento spetta alla banca depositaria. L'investitore rinuncia all'esercizio dei suoi diritti di proprietà quali il diritto di voto. Il legislatore andorrano (INAF) permette ai FI di suddividere il loro patrimonio in vari compartimenti diversi, a seconda della loro politica di investimento, della valuta nella quale si effettua l'investimento, oppure del tipo di investitore. Il trasferimento da un compartimento all'altro, in uno stesso FI, si effettua generalmente senza spese. Tipi di fondi a seconda della loro politica di investimento: i) OIC monetari (OIC che investono in strumenti del mercato monetario e nella stessa valuta del fondo)

8 ii) OIC obbligazionisti (OIC che investono in mono-obbligazioni o multivalute) iii) OIC di azioni (OIC che investono in azioni, seguendo una strategia geografica oppure settoriale) iv) OIC misti (OIC che investono in obbligazioni ed azioni) v) OIC di tipo Fondo di Fondi (OIC che investono in altri OIC) vi) OIC a capitale garantito o a rendimento garantito (prodotto strutturato sotto forma di un OIC e non di obbligazione di tipo EMTN; OIC che offre alcune garanzie) vii) OIC immobiliari (OIC che investono in beni immobili) viii) OIC di tipo Fondi Speculativi o Hedge Funds (OIC alla ricerca di un risultato assoluto, senza correlazione con la tendenza dei mercati borsistici) ix) OIC istituzionali o FIS (OIC che riservano le loro azioni ad uno o più investitori istituzionali, definiti nello statuto della società) X) SICAV (Società di Investimento in Capitale di Rischio che investe in società non quotate in borsa) L'accesso a questi tre ultimi tipi di fondo è destinato prioritariamente ad investitori avanzati con una situazione finanziaria elevata. B) La Società di Investimento Gli OIC di tipo statutario sono società di investimento. Gli OIC di tipo statutario sono società di investimento. A differenza dei FI, tali società di investimento possiedono tutte una personalità giuridica diversa da quella degli investitori. Secondo la Legge 13/2010, queste società sono amministrate dal proprio consiglio di amministrazione o da una società di gestione riconosciuta dall'institut Nacional Andorrà de Finances (INAF). V.- OPZIONI E WARRANT Warrant Il warrant è una forma di opzione che si negozia in borsa, con una forma di valore mobiliare che implica il diritto (ma non l'obbligo) di acquistare o vendere un attivo finanziario, ad un prezzo fissato in anticipo e per un periodo determinato. Ogni warrant si riferisce obbligatoriamente ad un attivo specifico, che può essere un'azione, un indice (borsistico o di un altro tipo), una materia prima (commodities), ecc. I warrant sono prodotti finanziari con effetto di leva finanziaria (o leverage), ovvero generano un'esposizione alle variazioni di prezzo dell'attivo sottostante, che è un multiplo dell'investimento iniziale. Si usano specialmente per speculare al rialzo o al ribasso sul prezzo del sottostante, ma l'investitore alla scadenza può trovarsi di fronte ad una perdita totale dell'investimento iniziale. Servono anche per coprire un portafoglio contro un movimento sfavorevole. Il "put-warrant" si usa generalmente come strumento di copertura, per proteggere un portafoglio dalle variazioni di mercato. Opzioni L'acquisto di un'opzione implica il diritto, ma non l'obbligo, di acquistare (CALL) o di vendere (PUT) un attivo sottostante, ad un prezzo fissato in anticipo, denominato prezzo di esercizio e in una data futura.) Attenzione: In qualsiasi caso, il venditore del contratto dell'opzione deve accettare la decisione dell'acquirente. L'acquirente di una CALL guadagna alla scadenza del contratto se il prezzo dell'attivo

9 sottostante è superiore al prezzo di esercizio; succede il contrario per l'acquirente di una PUT. La combinazione di opzioni può dare luogo a strategie molto complesse e, di conseguenza, ad elevati rischi, soprattutto nel caso in cui si vendano le opzioni. L'opzione, può essere utilizzata per coprire un portafoglio, limitando il rischio di perdita soltanto al prezzo pagato per l'acquisto dell'opzione. VI.- CONTRATTI FUTURE I future, come le opzioni, fanno parte dei prodotti derivati. Si tratta di contratti a lungo termine per i quali due parti si impegnano a fondo (contrariamente alle opzioni) a comprare o vendere una quantità conferita di un attivo sottostante ad un prezzo fissato e in una data precisa nel futuro (data di scadenza). Una caratteristica dei contratti "future" è il loro elevato livello di normalizzazione (importo del contratto, scadenza prefissata, non c'è quotazione - tick size-, definizione esatta del sottostante selezionabile, ecc.). Se alla data di scadenza il prezzo dell'attivo sottostante del contratto è superiore al prezzo specificato, l'acquirente del contratto ottiene un profitto. In caso contrario, realizza una perdita. Il ragionamento contrario si applica al venditore del contratto. Come i prodotti derivati, i future hanno un effetto di leva finanziaria, nella misura in cui il capitale investito rappresenta meno del prezzo dell'attivo corrispondente, il che permette un effetto moltiplicatore sul tasso di rendimento dell'attivo, realizzandosi contemporaneamente un rischio molto più elevato sul capitale investito. I contratti future più usuali si riferiscono a merci (petrolio, succo d'arancia, ecc ), alle valute, ai tassi di interesse (tassi monetari e rendimenti delle obbligazioni), nonché agli indici borsistici. VII.- PRODOTTI STRUTTURATI Si tratta di strumenti finanziari che sono composti a loro volta da diversi strumenti finanziari, con le stesse caratteristiche di rischio e rendimento di questi ultimi. In generale un prodotto strutturato è formato da due elementi principali: - un elemento di protezione del capitale (si tratta spesso di un prodotto obbligazionista, che definisce contemporaneamente l'orizzonte temporale del prodotto) del - e un elemento di rischio che consente di raggiungere elevati rendimenti (ad esempio: un'azione, un indice, materie prime, ecc.). Le possibilità di combinare strumenti di protezione e rischio fanno sì che il mercato dei prodotti strutturati sia attualmente molto esteso e che si richiedano conoscenze approfondite in materia per capirlo. VIII.- FONDI SPECULATIVI (HEDGE FUND) I fondi speculativi o hedge funds, contrariamente al significato del loro nome (copertura), sono fondi di investimento con una vocazione completamente speculativa. Sono fondi che cercano un elevato rendimento e che utilizzano abbondantemente i prodotti derivati, concretamente le opzioni. Utilizzano l'effetto di leva finanziaria ed offrono una diversificazione supplementare ai portafogli "classici", dal momento che i loro risultati in teoria non sono connessi a quelli dei mercati delle azioni e delle obbligazioni. Sono spesso irrealizzabili e destinati ad investitori imprudenti. Le diverse strategie si caratterizzano per indici di rendimento/rischio assai variabili. Alcune di queste strategie sono: Arbitraggio tra obbligazioni convertibili (convertibile arbitrage): investe in obbligazioni convertibili con una quotazione pessima sul mercato. Questa strategia

10 consiste essenzialmente nell'acquisto dell'obbligazione convertibile, vendendo contemporaneamente l'azione sottostante allo scoperto. Selezione di titoli (long short equity): combinano sia posizioni di acquisto (lunghe) che di vendita (corte), principalmente a reddito variabile, volte a sfruttare inefficienze tra diverse azioni. Questo tipo di investimento richiede il controllo accurato degli strumenti di selezione dei titoli (stock picking). Strategia di trading ad alta frequenza come l'arbitraggio statistico (High Frequency Statistical Arbitrage): consiste nell'assumere posizioni basate su un diverso comportamento rispetto a quelli precedenti, per esempio, puntare sul ritorno alla media della quotazione di un valore. Si ottiene profitto da una riduzione o da un aumento della correlazione fra titoli, settori o mercati, quando questa sembra ingiustificata da un punto di vista fondamentale. Questo comportamento è auto-predittivo, per esempio: la sua adozione favorisce la stabilità delle osservazioni, consentendo di ottenere profitto da una riduzione della correlazione tra BNP e GLE acquistando uno e vendendo l'altro. Quantitative trading: consiste nell'assumere posizioni basandosi su predizioni effettuate da un modello quantitativo, come per esempio un'analisi delle quotazioni e delle informazioni, al fine di scoprire segnali di acquisto o di vendita. Strategia efficace soltanto sui future (spese di intermediazione molto esigue e liquidità sufficiente). Macro/opportunista (global macro): tende a trarre vantaggio dalle evoluzioni dell'economia globale, in particolare dalle evoluzioni dei tassi di interesse, legate alle politiche economiche dei Governi. Utilizza gli strumenti che riflettono la situazione economica mondiale: valute, indici, curve dei tassi, materie prime, ecc. Arbitraggio su prodotti basati sul tasso di interesse (fixed income arbitrage): aspira a trarre dei vantaggi dai movimenti e dalle deformazioni della curva dei tassi di interesse.. Utilizza come veicoli i titoli di Stato, i future e gli swap di tasso. Situazioni speciali (event driven): il gestore cerca le opportunità generate da avvenimenti che intervengono sulla vita delle aziende : filiazione, fusioni, o difficoltà (distressed securities) Arbitraggio su fusione/acquisti (merger arbitrage): la possibilità di arbitraggio in questo tipo di situazioni (OPA, OPE) deriva dalla divergenza tra il prezzo annunciato dall'acquirente e quello di quotazione dell'attivo finanziario sul mercato. Il "merger arb" è una sottocategoria del cosiddetto "event driven". Mercati emergenti (emerging markets): investe nei mercati in via di sviluppo. Strategia molto rischiosa, perché gli strumenti di copertura non sono sempre disponibili su questo tipo di mercato. Inoltre il gestore affronta il rischio di liquidità, molto alto nei mercati emergenti.

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 211 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato è uno strumento finanziario il cui rendimento

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato

CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato Pubblicato mediante deposito presso l Archivio Prospetti della CONSOB in data 31 gennaio 2012 Società di gestione Collocatore Unico 2/44 Il presente Prospetto Semplificato

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI RISERVATO A PROMOTORI/AGENTI Cognome e nome Qualifica N. iscrizione albo.. FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI OBBLIGAZIONI

Dettagli

Il dizionario dei termini finanziari

Il dizionario dei termini finanziari Il dizionario dei termini finanziari Tipi di ordine Ordine a mercato Ordine in stop (buystop-sellstop) Ordine a limite (buylimit-sellimit) Viene dato senza precisare alcun prezzo. Significa che lo si deve

Dettagli

Banca Di Credito Cooperativo Di Barlassina in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE

Banca Di Credito Cooperativo Di Barlassina in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE Banca Di Credito Cooperativo Di Barlassina in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BCC di BARLASSINA OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BCC Barlassina 2,60% 19/04/2010-2014

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA A TASSO FISSO CALLABLE

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA A TASSO FISSO CALLABLE MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA A TASSO FISSO CALLABLE Cassa di Risparmio di Ravenna S.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale:

Dettagli

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività.

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività. Glossario finanziario Asset Allocation Consiste nell'individuare classi di attività da inserire in portafoglio al fine di allocare in maniera ottimale le risorse finanziarie, dati l'orizzonte temporale

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO Sede sociale e Direzione Generale: Imola, Via Emilia n. 196 Capitale Sociale 21.908.808,00 Euro

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa di Risparmio di Ravenna S.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale: Ravenna Piazza Garibaldi, 6 Capitale Sociale 174.660.000,00 Euro interamente versato Banca iscritta nell Albo delle Banche al n.

Dettagli

Azioni azioni ordinarie o privilegiate che rappresentano una quota di proprietà di una società.

Azioni azioni ordinarie o privilegiate che rappresentano una quota di proprietà di una società. Glossario Accettazioni bancarie strumenti a breve termine emessi dai debitori internazionali garantiti da banche di rilievo internazionale. Agency bonds Obbligazioni emesse (ma non garantite) da agenzie

Dettagli

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 I titoli obbligazionari Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Titoli a reddito fisso Tutte le caratteristiche relative al profilo di rischio e rendimento (durata, diritto alla remunerazione e al rimborso del capitale)

Dettagli

PARVEST COMMODITIES ARBITRAGE Comparto della SICAV PARVEST, Società d Investimento a Capitale Variabile

PARVEST COMMODITIES ARBITRAGE Comparto della SICAV PARVEST, Società d Investimento a Capitale Variabile PARVEST COMMODITIES ARBITRAGE Comparto della SICAV PARVEST, Società d Investimento a Capitale Variabile Il comparto PARVEST Commodities Arbitrage è stato attivato il 17 settembre 2010 Prospetto Semplificato

Dettagli

Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007

Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007 Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007 1. Ai sensi del dell art. 98, comma 2, del regolamento Consob n. 11522/1998,

Dettagli

Banca Di Credito Cooperativo Di Barlassina in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE

Banca Di Credito Cooperativo Di Barlassina in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE Banca Di Credito Cooperativo Di Barlassina in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BCC di BARLASSINA OBBLIGAZIONI a TASSO VARIABILE BCC di BARLASSINA TV% 29/12/2010-29/12/2014

Dettagli

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI/PRODOTTI FINANZIARI Informazioni generali sulla natura e sui rischi degli strumenti/prodotti finanziari

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI/PRODOTTI FINANZIARI Informazioni generali sulla natura e sui rischi degli strumenti/prodotti finanziari INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI/PRODOTTI FINANZIARI Informazioni generali sulla natura e sui rischi degli strumenti/prodotti finanziari Mifi d Info Strum/Prodotti Finanz. Ed. Gennaio 2012 Il documento ha

Dettagli

Regolamento dei fondi interni Data ultimo aggiornamento 06/11/2014

Regolamento dei fondi interni Data ultimo aggiornamento 06/11/2014 Data ultimo aggiornamento 06/11/2014 REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI 1 - Istituzione e denominazione del fondo La Società ha istituito e gestisce, secondo le modalità previste dal presente Regolamento, i

Dettagli

Comunicazione per l investitore

Comunicazione per l investitore JPMORGAN FUNDS 16 SETTEMBRE 2015 Comunicazione per l investitore Gentile Investitore, con la presente desideriamo informarla in merito ad alcune modifiche sostanziali apportate a JPMorgan Funds - Global

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

CREDITO COOPERATIVO REGGIANO - SOCIETA COOPERATIVA

CREDITO COOPERATIVO REGGIANO - SOCIETA COOPERATIVA CREDITO COOPERATIVO REGGIANO - SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE al Prospetto di Base relativo al Programma di emissioni obbligazionarie del Credito Cooperativo Reggiano Società Cooperativa Per

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede sociale e Direzione Generale: Imola, Via Emilia n. 196 Capitale Sociale 21.908.808,00 Euro interamente versato Banca iscritta all Albo delle Banche al n. 1332.6.0 Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

BANCA DI VERONA CREDITO COOPERATIVO CADIDAVID Società cooperativa per azioni

BANCA DI VERONA CREDITO COOPERATIVO CADIDAVID Società cooperativa per azioni BANCA DI VERONA CREDITO COOPERATIVO CADIDAVID Società cooperativa per azioni in qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del collocamento Sede sociale in Verona Via Forte Tomba, 8 Iscritta all Albo

Dettagli

1. FATTORI DI RISCHIO

1. FATTORI DI RISCHIO BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI STEP UP Banca di Cesena 24/01/2011-24/01/2016 Step Up

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

CREDITO COOPERATIVO REGGIANO - SOCIETA COOPERATIVA

CREDITO COOPERATIVO REGGIANO - SOCIETA COOPERATIVA CREDITO COOPERATIVO REGGIANO - SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE al Prospetto di Base relativo al Programma di emissioni obbligazionarie del Credito Cooperativo Reggiano Società Cooperativa Per

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. (Ai sensi del provvedimento della Banca d Italia del 30/7/1999 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.

FOGLIO INFORMATIVO. (Ai sensi del provvedimento della Banca d Italia del 30/7/1999 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. FOGLIO INFORMATIVO (Ai sensi del provvedimento della Banca d Italia del 30/7/1999 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.194 del 19/8/1999) Per conoscere il rendimento offerto da questo titolo si raccomanda

Dettagli

Commodity Real Return Fund

Commodity Real Return Fund Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo Non si tratta di un documento promozionale.

Dettagli

Commodity Real Return Fund

Commodity Real Return Fund Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo Non si tratta di un documento promozionale.

Dettagli

in qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento

in qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento Società Cooperativa con sede legale in Carate Brianza via Cusani, 6 iscritta all Albo delle Banche al n. 217, all Albo delle Società Cooperative al n. A172639 e al Registro delle Imprese di Milano al n.

Dettagli

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca di Cesena 24/01/2011 24/01/2014 TF

Dettagli

Agressor (ISIN: FR0010321802)

Agressor (ISIN: FR0010321802) Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo OICVM. Non si tratta di un documento promozionale.

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR Bancasciano Credito Cooperativo - Società Cooperativa in qualità di Emittente

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Società Cooperativa con sede legale in Bene Vagienna, Piazza Botero n. 7 Telefono 0172/651111 - Fax 0172/654603 Sito internet www.benebanca.it Codice ABI 08382 iscritta all Albo delle Banche al n. 4243.20,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI OBBLIGAZIONI CARIGE SERIE 294 INFLATION BOND II Per conoscere il rendimento offerto

Dettagli

DNCA Invest - European Bond Opportunities - Categoria I - EUR

DNCA Invest - European Bond Opportunities - Categoria I - EUR 0 Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo fondo. Non si tratta di un documento promozionale.

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

Informazioni chiave per gli investitori

Informazioni chiave per gli investitori Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori in relazione a questo Fondo. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni

Dettagli

ISPL Unit Private Style

ISPL Unit Private Style Prospetto d offerta Offerta al pubblico di ISPL Unit Private Style Prodotto finanziario-assicurativo di tipo Unit Linked Si raccomanda la lettura della Parte I (Informazioni sull investimento e sulle coperture

Dettagli

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI ai sensi dell art. 31 Reg. Consob n.16190 del 29.10.2007

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI ai sensi dell art. 31 Reg. Consob n.16190 del 29.10.2007 Terminale Matricola Data C.D.G. Indirizzo CAP Località postale Provincia Nominativo Luogo di nascita Data di nascita Codice Fiscale / Partita IVA C.D.G. INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI ai sensi

Dettagli

A S S E T D Y N A M I C - S C H E D A S I N T E T I C A

A S S E T D Y N A M I C - S C H E D A S I N T E T I C A A S S E T D Y N A M I C - S C H E D A S I N T E T I C A Fondo di diritto sammarinese di tipo UCITS III, autorizzato il 20 febbraio 2014. Codice Isin SM000A1XFES2. Il presente documento contiene le informazioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO. (redatto ai sensi della disciplina in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari)

FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO. (redatto ai sensi della disciplina in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari) FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO (redatto ai sensi della disciplina in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari) OFFERTA PUBBLICA DI SOTTOSCRIZIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO MEDIOBANCA

Dettagli

Schroders Obbligazioni convertibili: ecco le opportunità

Schroders Obbligazioni convertibili: ecco le opportunità PER CONSULENTI E INVESTITORI QUALIFICATI Schroders Obbligazioni convertibili: ecco le opportunità Dopo la bufera che ha sconvolto il mercato dei mutui sub-prime e la stretta creditizia che ne è derivata,

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Società Cooperativa con sede legale in Bene Vagienna, Piazza Botero n. 7 Telefono 0172/651111 - Fax 0172/654603 Sito internet www.benebanca.it Codice ABI 08382 iscritta all Albo delle Banche al n. 4243.20,

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

LONG TERM INVESTMENT FUND (SIA)

LONG TERM INVESTMENT FUND (SIA) Il presente Prospetto Informativo Semplificato è traduzione fedele dell ultimo prospetto ricevuto dalla Commission de Surveillance du Secteur Financier Lussemburgo. Un Legale Rappresentante Il presente

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Informazioni sugli strumenti finanziari

Informazioni sugli strumenti finanziari Informazioni sugli strumenti finanziari Sommario INTRODUZIONE... 3 SEZIONE I - PRINCIPALI RISCHI ASSOCIATI AGLI STRUMENTI FINANZIARI... 4 1.1 RISCHIO DI VOLATILITÀ DEL PREZZO...4 1.2 RISCHIO DI INADEMPIMENTO...4

Dettagli

NOVARA AQUILONE SICAV Société d Investissement à Capital Variable 26, boulevard Royal, L-2449 Luxembourg R.C.S. Luxembourg B-63 851 (la Società )

NOVARA AQUILONE SICAV Société d Investissement à Capital Variable 26, boulevard Royal, L-2449 Luxembourg R.C.S. Luxembourg B-63 851 (la Società ) NOVARA AQUILONE SICAV Société d Investissement à Capital Variable 26, boulevard Royal, L-2449 Luxembourg R.C.S. Luxembourg B-63 851 (la Società ) Avviso agli Azionisti di Novara Aquilone Sicav Lussemburgo,

Dettagli

ISIN IT000464735 7 "CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI ZERO COUPON"

ISIN IT000464735 7 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Cassa di Risparmio di Alessandria S.p.A. 12 Novembre 2010/2015 Zero Coupon, ISIN IT000464735 7 da emettersi nell ambito del programma "CASSA

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE CREDITO BERGAMASCO S.P.A SERIE 865 TASSO FISSO CALLABLE 31.07.2012 31.07.2017 "CREDITO BERGAMASCO S.P.A.

CONDIZIONI DEFINITIVE CREDITO BERGAMASCO S.P.A SERIE 865 TASSO FISSO CALLABLE 31.07.2012 31.07.2017 CREDITO BERGAMASCO S.P.A. Sede Legale e Direzione Generale in Largo Porta Nuova, n. 2, Bergamo Capitale Sociale Euro 185.180.541 Codice Fiscale, partita IVA ed iscrizione al Registro delle Imprese di Bergamo n. 00218400166 Aderente

Dettagli

FIDELITY FUNDS Supplemento del novembre 2014 al Prospetto del giugno 2014

FIDELITY FUNDS Supplemento del novembre 2014 al Prospetto del giugno 2014 FIDELITY FUNDS Supplemento del novembre 2014 al Prospetto del giugno 2014 Il presente supplemento è parte integrante del Prospetto di Fidelity Funds del giugno 2014 e comprendente il supplemento dell agosto

Dettagli

Cerchi strumenti più veloci per realizzare le tue idee di investimento?

Cerchi strumenti più veloci per realizzare le tue idee di investimento? INVESTMENT CERTIFICATES Cerchi strumenti più veloci per realizzare le tue idee di investimento? Express Coupon Certificate sull azione Fiat S.p.A. ISIN: DE000HV8A8C6 Sottostante: FIAT S.p.A. Scadenza:

Dettagli

A) INFORMAZIONI GENERALI. Pagina 1 di 32

A) INFORMAZIONI GENERALI. Pagina 1 di 32 PARTE I DEL PROSPETTO D OFFERTA INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO E SULLE COPERTURE ASSICURATIVE La Parte I del Prospetto di offerta, da consegnare su richiesta all Investitore-Contraente, è volta ad illustrare

Dettagli

Anima PRIMA Funds Plc

Anima PRIMA Funds Plc Anima PRIMA Funds Plc Il presente Prospetto Semplificato contiene alcune informazioni specifiche che riguardano taluni Comparti della Sicav. È predisposto un Prospetto Semplificato separato in relazione

Dettagli

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004 Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale c Carmine Trecroci 2004 1 Tassi di cambio a pronti e a termine transazioni con consegna o regolamento immediati tasso di cambio a pronti (SR, spot exchange

Dettagli

Prestito obbligazionario. Mediocredito Trentino Alto Adige Ratchet 31.05.2009 di nominali massimi EUR 50 milioni Codice Isin IT0003673982

Prestito obbligazionario. Mediocredito Trentino Alto Adige Ratchet 31.05.2009 di nominali massimi EUR 50 milioni Codice Isin IT0003673982 FOGLIO INFORMATIVO (Ai sensi del provvedimento della Banca d Italia del 30/7/1999 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.194 del 19/8/1999) Per conoscere il rendimento offerto da questo titolo si raccomanda

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI. Art. 1. CARATTERISTICHE DEI FONDI INTERNI E RELATIVI DIRITTI DELL INVESTITORE-CONTRAENTE

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI. Art. 1. CARATTERISTICHE DEI FONDI INTERNI E RELATIVI DIRITTI DELL INVESTITORE-CONTRAENTE REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Art. 1. CARATTERISTICHE DEI FONDI INTERNI E RELATIVI DIRITTI DELL INVESTITORE-CONTRAENTE AIG Foundation Formula (di seguito Contratto ) è una polizza assicurativa di tipo

Dettagli

Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari (di cui al D.Lgs. n. 385 del 1 settembre 1993)

Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari (di cui al D.Lgs. n. 385 del 1 settembre 1993) Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari (di cui al D.Lgs. n. 385 del 1 settembre 1993) Comunicazione redatta ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. relative all emissione di BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA OBBLIGAZIONI ORDINARIE A TASSO FISSO CON RIMBORSO ANTICIPATO

CONDIZIONI DEFINITIVE. relative all emissione di BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA OBBLIGAZIONI ORDINARIE A TASSO FISSO CON RIMBORSO ANTICIPATO Società Cooperativa per Azioni Sede sociale: Matera (MT), Via Timmari 25 Direzione Generale: Altamura (BA), Via Ottavio Serena, 13 Capitale Sociale e Riserve al 31/12/2008: Euro 307.364.967 Registro delle

Dettagli

SOLUZIONI DELLA II SESSIONE PROVA D ESAME DEL 1 luglio 2005

SOLUZIONI DELLA II SESSIONE PROVA D ESAME DEL 1 luglio 2005 SOLUZIONI DELLA II SESSIONE PROVA D ESAME DEL 1 luglio 2005 1. Ai sensi del D.lgs. n. 58/1998, la Consob iscrive in un apposito albo: A) le Sim e gli agenti di cambio; B) le Sim e le imprese di investimento

Dettagli

"DnB NOR Bank ASA STEP-UP 30.07.2009" Di nominali massimi EURO 100.000.000 Cod. Isin XS0196610678

DnB NOR Bank ASA STEP-UP 30.07.2009 Di nominali massimi EURO 100.000.000 Cod. Isin XS0196610678 FOGLIO INFORMATIVO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (Ai sensi del provvedimento della Banca d Italia del 30/7/1999 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.194 del 19/8/1999) Per conoscere il rendimento

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO GE Capital Interbanca ALLEGATO 5 Gruppo Bancario GE Capital Interbanca DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito per brevità anche denominato Documento ) è redatto in conformità

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE B.10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE In qualità di emittente CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA DEL PROGRAMMA OBBLIGAZIONI BCC OROBICA Tasso Fisso BCC OROBICA 20/01/2012 20/01/2015 3,50%

Dettagli

Ignis International Funds plc (la Società )

Ignis International Funds plc (la Società ) Il presente Prospetto Semplificato è traduzione fedele del Prospetto Semplificato depositato presso la Banca Centrale d'irlanda. Il presente Prospetto Semplificato è conforme al modello pubblicato mediante

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

Obiettivi del corso. Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari

Obiettivi del corso. Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari Obiettivi del corso Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari Studiare l articolazione e l organizzazione dei mercati in cui questi strumenti vengono negoziati Principali

Dettagli

ALLEGATO N. 1: DOCUMENTO SUI RISCHI GENERALI DEGLI INVESTIMENTI IN STRUMENTI FINANZIARI

ALLEGATO N. 1: DOCUMENTO SUI RISCHI GENERALI DEGLI INVESTIMENTI IN STRUMENTI FINANZIARI ALLEGATO N. 1: DOCUMENTO SUI RISCHI GENERALI DEGLI INVESTIMENTI IN STRUMENTI FINANZIARI QUESTO DOCUMENTO NON DESCRIVE TUTTI I RISCHI ED ALTRI ASPETTI SlGNIFICATIVI RIGUARDANTI GLI INVESTIMENTI IN STRUMENTI

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia Zero Coupon

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia Zero Coupon Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia Zero Coupon Banca di Anghiari

Dettagli

"BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO - TASSO FISSO"

BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO - TASSO FISSO BANCA ATESTINA DT CREDITO COOPERATIVO BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C. Sede: 35042 E ste (Pd)- Via G. B. Brunelli, 1 Is,ritta all'albo delle Banche al n. 5338.9.0 / Is,ritta all'albo delle Società

Dettagli

L'esempio seguente mostra l'impatto economico della strategia di copertura e delle sue componenti a scadenza.

L'esempio seguente mostra l'impatto economico della strategia di copertura e delle sue componenti a scadenza. I covered warrant non rispondono solamente a esigenze d'investimento speculative, ma possono essere anche utilizzati per la realizzazione di strategie di protezione del valore di un portafoglio di attività

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. ZERO COUPON 01/12/2009 01/12/2019

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. ZERO COUPON 01/12/2009 01/12/2019 CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. ZERO COUPON 01/12/2009 01/12/2019 EURO 5.000.000 ISIN IT0004554520 Le presenti Condizioni

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. TASSO FISSO 4,00% 01/07/2009 01/07/2019 Euro 5.000.000 ISIN IT0004510613

CONDIZIONI DEFINITIVE CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. TASSO FISSO 4,00% 01/07/2009 01/07/2019 Euro 5.000.000 ISIN IT0004510613 CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. TASSO FISSO 4,00% 01/07/2009 01/07/2019 Euro 5.000.000 ISIN IT0004510613 Le presenti

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE "BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO MISTO 2010/2015 129^ em." ISIN IT0004639529 NELL AMBITO DEL PROGRAMMA

Dettagli

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A ZERO COUPON Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI. Art. 1. CARATTERISTICHE DEI FONDI INTERNI E RELATIVI DIRITTI DEL CONTRAENTE

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI. Art. 1. CARATTERISTICHE DEI FONDI INTERNI E RELATIVI DIRITTI DEL CONTRAENTE REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Art. 1. CARATTERISTICHE DEI FONDI INTERNI E RELATIVI DIRITTI DEL CONTRAENTE AIG Foundation Investments (di seguito Contratto ) è una polizza assicurativa di tipo Unit Linked

Dettagli

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

Banca Valsabbina T.F. 3,50% 14/12/2012-2015 ISIN IT0004874324

Banca Valsabbina T.F. 3,50% 14/12/2012-2015 ISIN IT0004874324 BANCA VALSABBINA S.C.p.A. iscritta al registro delle Imprese di Brescia e CCIAA di Brescia REA n.9187 Capitale Sociale 107.390.481 i.v. Sede Legale: via Molino, 4-25078 Vestone (BS) Direzione Generale:

Dettagli

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI SOMMARIO i vantaggi offerti 4 l indice mib30 6 come funziona 7 quanto vale 8 la durata del contratto 9 cosa accade alla scadenza 10 il prezzo al quale si può negoziare

Dettagli

MIGLIORARE IL PROPRIO TRADING CON VISUAL TRADER VT5

MIGLIORARE IL PROPRIO TRADING CON VISUAL TRADER VT5 MIGLIORARE IL PROPRIO TRADING CON VISUAL TRADER VT5 dott. Enrico Malverti Info@enricomalverti enricomalverti.com Quali sono gli errori più ricorrenti del trader? Possiamo sintetizzare tutto con una immagine

Dettagli

LYXOR ETF COMMODITIES CRB NON-ENERGY (REUTERS/JEFFERIES CRB NON-ENERGY INDEX)

LYXOR ETF COMMODITIES CRB NON-ENERGY (REUTERS/JEFFERIES CRB NON-ENERGY INDEX) LYXOR ETF COMMODITIES CRB NONENERGY (REUTERS/JEFFERIES CRB NONENERGY INDEX) RAPPORTO DEL REVISORE SUI CONTI ANNUALI Esercizio chiuso il 30 giugno 2008 PriceWaterhouseCoopers RAPPORTO DEL REVISORE SUI CONTI

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede Legale in Corso San Giorgio, 36 64100 Teramo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5174 Capitale Sociale Euro 50.000.000,00 i.v. N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Teramo 00075100677 CONDIZIONI

Dettagli

Bisogno di investimento del risparmio

Bisogno di investimento del risparmio Bisogno di investimento del risparmio Domanda e Offerta di strumenti di investimento del risparmio Bisogno di investimento Strumenti bancari (contratti bilaterali) depositi tempo; PcT; CD Strumenti di

Dettagli

HORATIUS SICAV HORATIUS SICAV HORATIUS I

HORATIUS SICAV HORATIUS SICAV HORATIUS I HORATIUS SICAV HORATIUS SICAV HORATIUS I Società d Investimento a Capitale Variabile Lussemburgo PROSPETTO SEMPLIFICATO Dicembre 2011 Il presente Prospetto Informativo Semplificato riguardante il comparto

Dettagli

Prospetto di Base relativo all offerta e/o quotazione dei Certificati BMPS Protection Bull, Cap Bull, Bear, Cap Bear e Certificati BMPS Butterfly.

Prospetto di Base relativo all offerta e/o quotazione dei Certificati BMPS Protection Bull, Cap Bull, Bear, Cap Bear e Certificati BMPS Butterfly. Prospetto di Base relativo all offerta e/o quotazione dei Certificati BMPS Protection Bull, Cap Bull, Bear, Cap Bear e Certificati BMPS Butterfly. I Certificati, in quanto strumenti finanziari derivati,

Dettagli

Tipo Scadenza Periodicità cedola Rimborso BOT (Buoni Ordinari del Tesoro)

Tipo Scadenza Periodicità cedola Rimborso BOT (Buoni Ordinari del Tesoro) TABELLA 10.1 Titoli di Stato: le caratteristiche principali Tipo Scadenza Periodicità cedola Rimborso BOT (Buoni Ordinari del Tesoro) CTZ (Certificati del Tesoro Zerocoupon) CCT (Certificati di Credito

Dettagli

BANCA ALTO VICENTINO

BANCA ALTO VICENTINO BANCA ALTO VICENTINO CREDITO COOPERATIVO Scpa SCHIO CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE BANCA ALTO VICENTINO CREDITO COOPERATIVO SCPA - SCHIO - TASSO VARIABILE BANCA

Dettagli

Fitch IBCA Ltd.: AA SEZIONE I - INFORMAZIONI SULL EMITTENTE

Fitch IBCA Ltd.: AA SEZIONE I - INFORMAZIONI SULL EMITTENTE FOGLIO INFORMATIVO (Ai sensi del provvedimento della Banca d Italia del 30/7/1999 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.194 del 19/8/1999) Per conoscere il rendimento offerto da questo titolo si raccomanda

Dettagli

Informazioni chiare sulle obbligazioni bancarie strutturate e subordinate. Guida pratica

Informazioni chiare sulle obbligazioni bancarie strutturate e subordinate. Guida pratica Informazioni chiare sulle obbligazioni bancarie strutturate e subordinate Guida pratica Informazioni chiare sulle obbligazioni bancarie strutturate e subordinate Guida pratica LE INFORMAZIONI DI BASE SULLE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DEL CHIANTI FIORENTINO E MONTERIGGIONI TASSO FISSO CHIANTIBANCA 02.04.2012 2015 3,75% TASSO FISSO SEMESTRALE ISIN IT0004805682 Le presenti

Dettagli

AZIONI E OBBLIGAZIONI: CARATTERISTICHE E STIME DEL VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani

AZIONI E OBBLIGAZIONI: CARATTERISTICHE E STIME DEL VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani AZIONI E OBBLIGAZIONI: CARATTERISTICHE E STIME DEL VALORE Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Le obbligazioni: definizioni e caratteristiche Particolari tipologie di obbligazioni La valutazione delle

Dettagli

Informazioni chiave per gli investitori

Informazioni chiave per gli investitori Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo OICVM. Non si tratta di un documento promozionale.

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO Per l offerta relativa al programma di emissione denominato ROVIGOBANCA - TASSO FISSO IT0004750425 RovigoBanca 01/08/2015 TF 3,60% Le presenti Condizioni Definitive sono

Dettagli

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI/PRODOTTI FINANZIARI

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI/PRODOTTI FINANZIARI INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI/PRODOTTI FINANZIARI Informazioni generali sulla natura e sui rischi degli strumenti/prodotti fi nanziari Il documento ha la finalità di fornire alcune informazioni di base

Dettagli

"BANCO POPOLARE Società Cooperativa OBBLIGAZIONI PLAIN VANILLA E STRUTTURATE"

BANCO POPOLARE Società Cooperativa OBBLIGAZIONI PLAIN VANILLA E STRUTTURATE CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE AL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BANCO POPOLARE S.C. SERIE 245 ZERO COUPON 31.10.2011-31.10.2016 IT0004765902 Da emettersi nell ambito del programma di offerta e/o quotazione

Dettagli

Il giovedì del trader

Il giovedì del trader Il giovedì del trader dott. Info@enricomalverti enricomalverti.com Milano, 20 Settembre 2012 1 Programma Strategie direzionali: perché funzionano Buy&Hold, sugli indici azionari: un benchmark meno semplice

Dettagli

"Covered Warrant PROTEGGI RATA 16.03.2007-16.09.2015 serie 101"

Covered Warrant PROTEGGI RATA 16.03.2007-16.09.2015 serie 101 BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Prospetto di base di sollecitazione e quotazione dei "Covered Warrant EURIBOR CAP" CONDIZIONI DEFINITIVE D'OFFERTA alla

Dettagli

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009 Strumenti finanziari e scelte di investimento Roma, 8 maggio 2009 IL MERCATO DEI CAPITALI Il MERCATO DEI CAPITALI è il luogo ideale dove si incontrano domanda e offerta di strumenti finanziari. Lo scopo

Dettagli

Bene Banca Credito Cooperativo di Bene Vagienna s.c. Obbligazioni Subordinate Lower Tier II 196^ emissione 2011/2017 Tasso Fisso 3,25%

Bene Banca Credito Cooperativo di Bene Vagienna s.c. Obbligazioni Subordinate Lower Tier II 196^ emissione 2011/2017 Tasso Fisso 3,25% SCHEDA PRODOTTO Bene Banca Credito Cooperativo di Bene Vagienna (Cuneo) s.c. Obbligazioni Subordinate Lower Tier II a Tasso Fisso 3,25% 196^ Emissione - 01/02/2011 01/02/2017 IT0004676851 Quanto segue

Dettagli