Scritto da Administrator Martedì 21 Ottobre :47 - Ultimo aggiornamento Lunedì 03 Ottobre :56

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scritto da Administrator Martedì 21 Ottobre 2008 08:47 - Ultimo aggiornamento Lunedì 03 Ottobre 2011 09:56"

Transcript

1 Sommario - Introduzione - Impostare dei virtual host basati sul nome - Impostazione di un virtual host come sito predefinito - Impostazione di virtual host basati su indirizzo ip - Impostazione di sito di default per virtual host basati su indirizzo ip - Usare contemporaneamente virtual host basati su indirizzo ip e basati su nomi - Mass Virtual Hosting con l'estensione mod_vhost_alias - Mass Virtual Hosting usando le funzioni di Rewrite - SSL e vhost basati sui nomi - Logging per ogni Virtual Host - Divisione di un Log file - Host virtuali basati su porte - Mostrare lo stesso contenuto su diversi indirizzi Introduzione Un sistema di server web Apache supporta più siti web. Nel file di configurazione di Apache, oltre al nome "principale" si possono definire molteplici host virtuali (a volte chiamati "vhost" o "virtualhost") usando la direttiva. A seconda del nome utilizzato per accedere a server web, Apache risponde adeguatamente, per esempio io potrei cercare di accedere al sito mio1.sito.com e allo stesso modo al mio2.sito.com, entrambi gestiti dal web server ma riconosciuti come differenti dall'esterno (vedi articolo Cosa sono i virtual host ). Se si desidera disporre di un unico sistema di supportare più siti web, è necessario configurare opportunamente Apache. Ci sono due diversi tipi di host virtuale supportati da Apache. - Il primo tipo, chiamato a base di indirizzo o basati su IP, è legato all'indirizzo di rete numerico utilizzato per raggiungere il sistema. - L'altro tipo di host virtuale è basato sul nome, perché la risposta del server dipende dalla stringa che rappresenta l'indirizzo che si vuole raggiungere quello che è chiamato. Proprio come più persone possono condividere un unico numero di telefono, siti web multipli 1 / 15

2 possono condividere lo stesso indirizzo IP. Tuttavia, tutti gli indirizzi IP condivisi da più host virtuali devono essere dichiarati con una direttiva NameVirtualHost. La configurazione di un server Apache2 solitamente è strutturata in modo da non avere un unico file di configurazione, ma le varie aree funzionali vengono delegate a file separati; per esempio il file port.conf conterrà le direttive Listen con la quale si specifica su quali porte e su quali indirizzi il server deve rimanere in ascolto: Listen *:80 <IfModule mod_ssl.c> Listen *:443 </IfModule> Così facendo diciamo al server si rimanere in ascolto sulla porta 80 su su qualsiasi IP e sulla porta 443 solo se il modulo ssl è abilitato. Il file apache2.conf conterrà tutte le direttive generali ovvero indipendenti dai virtualhost e avrà anche il compito di richiamare gli altri file di configurazione. I vari virtualhost sebbene possano essere specificati all'interno di un unico file, di norma sono separati in file di configurazione diversi. Essi sono localizzati nella directory sites-available e quando diventano attivi verrà creato un link ad essi nella directory sites-enabled. Per fare questo è possibile creare il link simbolico manualmente: ln -s /etc/apache2/sites-available/miosito.com.conf /etc/apache2/sites-enabled/miosito.com. conf Oppure usando il comando a2ensite: a2ensite miosito.com.conf con un comando simile è possibile disabilitare il sito web, eliminano il suo virtualhost dalla directory dei siti abilitati, con il comandoa2dissite: a2ensite miosito.com.conf Ci sono due forme primarie di host virtuali: 2 / 15

3 - basato su IP host virtuali, in cui ogni host virtuale dispone di un proprio indirizzo IP univoco - basato sul nome host virtuali, dove più di un host virtuale viene eseguito sullo stesso indirizzo IP ma con nomi diversi. Impostare dei virtual host basati sul nome Se abbiamo a disposizione solo un indirizzo ip ma abbiamo la necessità di usare più web server Usare la direttiva NameVirtualHost * insieme con : NameVirtualHost * <VirtualHost *> ServerName sito1.net DocumentRoot "varwwwsito1" <VirtualHost *> ServerName sito2.net DocumentRoot "varwwwsito2" Con il sempre minor numero di IP a disposizione l'hosting virtuale basato sul nome è il metodo più comune per eseguire più siti web sulla stesso server Apache. "*" nel codice precedente significa che il web server deve funzionare su tutti gli indirizzi, ovvero su tutte le interfacce di rete presenti sulla computer. Per una macchina con un unico indirizzo, ciò significa che il server sarà in ascolto sia su questo indirizzo sia sull'indirizzo di loopback, conosciuto meglio come localhost. Quindi, se avete accesso al server del sistema fisico, è possibile visualizzare il sito web digitanto ad esempio " ". L'argomento per la direttiva virtualhost è lo stesso di quello della direttiva NameVirtualHost. La direttiva NameVirtualHost deve essere usata solo una volta e non ripetuta per i vari virtualhost, dato che, nonostante vi siano più file di configurazione, la configurazione di Apache è come se fosse un unico file, quindi è sufficiente dichiararla una sola volta. Le richieste per le quali non vi è un host virtuale di cui andrà al primo host virtuale elencati nel file di configurazione. Nel caso del precedente esempio, apache permette di navigare nel sito web usando i file nella directory /var/www/sito1, mentre se digitassimo vedremo i file nella directory /var/www/sito2. 3 / 15

4 Utilizzando la direttiva ServerAlias più nomi possono essere usati per riferirsi ad un determinato virtual host. Ad esempio: NameVirtualHost * <VirtualHost *> ServerName ServerAlias sito1.net DocumentRoot "varwwwsito1" permette di richiamare il sito web anche usando l'indirzzo Al posto del simbolo * nelle direttive NameVirtualHost e Virtualhost avremo potuto specificare l'indirizzo l'indirizzo IP, tipo NameVirtualHost <VirtualHost >... Oppure specificando la porta: NameVirtualHost :80 <VirtualHost :80>... L'importante è che ci sia coerenza tra le due direttive, altrimenti potrebbero aver luogo errori imprevedibili, quindi se si dichiara la porta nel NameVirtualHost, la si dovrà dichiarare anche in tutti virtualhost. Dichiarare la porta è molto importante nel caso si voglia abilitare il supporto ssl e quindi attivare il server anche sulla porta 443, questo modo si limita l'uso dei virtualhost basati sul nome alla porta 80: NameVirtualHost *:80 <VirtualHost *:80> ServerName sito1.miodominio.com DocumentRoot /var/www/sito1 </Virtualhost> <VirtualHost *:443> DocumentRoot /var/www/sito1 ServerName sito1.miodominio.com <Directory /var/www/sito1> allow from all Options +Indexes </Directory> SSLEngine on SSLCertificateFile /etc/ssl/certs/sito1.miodominio.com.crt SSLCertificateKeyFile /etc/ssl/private/sito1.miodominio.com.key SSLVerifyClient none Ora se usiamo https://sito1.miodominio.com oppure useremo il file 4 / 15

5 nella directory /var/www/sito1, solo che nel primo caso useremo il protocollo ssl e la porta 443. Questo andrebbe bene se ci fosse un solo vitualhost, ma se ne avessimo un altro, ad esempio che punta a /var/www/sito2, beh in questo caso avremo un problema, perché ssl si basa sull'ip dell'host e funziona male con i virtualhost ( vedi ). Infatti se usassimo l'url https ://sito2.miodominio.com verremo rimandati alla directory /var/www/sito1. Nella dichiarazione relativa ai vari virtualhost sarà necessario inserire delle direttive Rewrite in modo da gestire i vari casi: NameVirtualHost *:80 <VirtualHost *:80> ServerName sito1.miodominio.com <VirtualHost *:80> ServerName sito2.miodominio.com DocumentRoot /var/www/sito1 </Virtualhost> DocumentRoot /var/www/sito2 NameVirtualHost *:443 <VirtualHost *:443> DocumentRoot /var/www/sito1 ServerName sito1.miodominio.com <Directory /var/www/sito1> allow from all Options +Indexes </Directory> SSLEngine on SSLCertificateFile /etc/ssl/certs/sito1.miodominio.com.crt SSLCertificateKeyFile /etc/ssl/private/sito1.miodominio.com.key SSLVerifyClient none <VirtualHost *:443> DocumentRoot /var/www/sito2 ServerName sito2.miodominio.com:443 SSLEngine off RewriteEngine On RewriteCond %{REQUEST_PORT}!^443$ RewriteRule ^/(.*) [R=301,L] Le richieste sulla porta 443 verranno gestite con il protocollo ssl se il server richiesto è il sito1.mi odominio.com, mentre verranno gestite normalmente quelle relative al server sito2.miodominio.com. Se poi volessimo che il sito1 lavorasse esclusivamente in https e il sito2 esclusivamente in http, allora alla configurazione del sito1 5 / 15

6 sulla porta 80 dovremo aggiungere una regola di Rewrite simile a quella inserita per il sito 2 sulla 443: NameVirtualHost *:80 <VirtualHost *:80> ServerName sito1.miodominio.com DocumentRoot /var/www/sito1 RewriteEngine On RewriteCond %{HTTPS}!=on RewriteRule ^/(.*) https://%{server_name}/$1 [R,L] </Virtualhost> <VirtualHost *:80> ServerName sito2.miodominio.com DocumentRoot /var/www/sito2 NameVirtualHost *:443 <VirtualHost *:443> DocumentRoot /var/www/sito1 ServerName sito1.miodominio.com <Directory /var/www/sito1> allow from all Options +Indexes </Directory> SSLEngine on SSLCertificateFile /etc/ssl/certs/sito1.miodominio.com.crt SSLCertificateKeyFile /etc/ssl/private/sito1.miodominio.com.key SSLVerifyClient none <VirtualHost *:443> DocumentRoot /var/www/sito2 ServerName sito2.miodominio.com:443 SSLEngine off RewriteEngine On RewriteCond %{REQUEST_PORT}!^443$ RewriteRule ^/(.*) [R=301,L] E 'importante capire che aggiungere degli host virtuali al file di configurazione non è sufficiente ad aggiornare il server DNS. Infatti se un utente digitasse nel proprio browser la nuova stringa descritta nella direttiva apache non gli comparirebbe nessun sito, dato che a quella stringa non è associato ancora l'ip del vostro server. È necessario quindi aggiungere un altro record nel server DNS in modo che i nuovi nomi siano legati l'indirizzo IP del server di sistema che ospita Apache. Per ulteriori informazioni su come configurare il server DNS, consultare la documentazione per il software DNS, o chiedere al provider di servizi Internet dove avete registrato il vostro dominio. Impostazione di un virtual host come sito predefinito Vogliamo che tutte le richieste, che non soddisfano i criteri di nessun altro virtual host, vengano dirette verso un host virtuale predefinito, possibilmente mostrante un messaggio d'errore "sito non trovato". aggiungere la seguente sezione prima di tutti gli altri: 6 / 15

7 <VirtualHost *> ServerName default DocumentRoot /www/htdocs ErrorDocument 404 /lista_siti.html Questa soluzione è usata in un contesto name-based virtual hosts, per cui si è dato per scontato che vi siano anche altre sezioni in cui sono definiti dei virtual host con la notazione <VirtualHost *>. E' stato usato il nome "default" per maggior chiarezza, ma avremmo potuto chiamarlo in qualsiasi altro modo. Impostando come documento di errore "404" un elenco dei siti disponibili sul server si è data una risposta migliore che una semplice pagina d'errore, che non avrebbe aiutato di certo l'utente. Sarebbe meglio esplicitare sempre tutti i validi ServerNames o ServerAliases, così che nessuno vada a finire nel sito di default. Se qualcuno accedesse al web server direttamente tramite indirizzo IP, o se questo fosse impostato correttamente in un virtual host, sarebbe meglio dare un informazione utile all'utente. Impostazione di virtual host basati su indirizzo ip Abbiamo più indirizzi a disposizione e vogliamo che ad ognuno corrisponda un sito web diverso. Creare una sezione virtual host per ogni indirizzo IP: ServerName <VirtualHost > ServerName sito1.net DocumentRoot "C:/Apache/Sites/sito1" <VirtualHost > ServerName sito2.net DocumentRoot "C:/Apache/Sites/sito2" I virtual host definiti qui sopra catturano tutte le richieste per gli indirizzi specificati, che poi vengono smistate e dirette ai rispettivi web server presenti nelle due diverse directory. Il ServerName specificato è usato come virtual host primario, ma non è usato per lo smistamento delle richieste verso l'host corretto. 7 / 15

8 Impostazione di sito di default per virtual host basati su indirizzo ip Abbiamo bisogno di creare un sito di default dove indirizzare tutte le richieste che arrivano al web server che non soddisfano nessuno degli indirizzi elencati tra gli host virtuali. Usare la parola chiave "_default_" per indicare il default host: <VirtualHost _default_> DocumentRoot /www/htdocs La parola chiave _default_ crea un host virtuale che cattura tutte le richieste per qualsiasi combinazioni indirizzo:porta che non compaiono tra quelli presenti nella configurazione di apache. La parola chiave _default_ può essere usata insieme ad una particolare porta, come ad esempio: <VirtualHost _default_:443> Usando questa sintassi si indicano tutti i virtual host che usano la porta 443 ma che non sono elencati nei virtual host. Usare contemporaneamente virtual host basati su indirizzo ip e basati su nomi Abbiamo più indirizzi IP a disposizione e su ognuno vogliamo che ci sia più di un sito web. Usare una direttiva NameVirtualHost per ogni IP e procedere come se avessimo un solo indirizzo IP: ServerName NameVirtualHost NameVirtualHost <VirtualHost > ServerName sito1.net DocumentRoot "C:/Apache/Sites/sito1" <VirtualHost > ServerName sito2.net DocumentRoot "C:/Apache/Sites/sito2" <VirtualHost > ServerName sito3.net DocumentRoot "C:/Apache/Sites/sito3" <VirtualHost > ServerName sito4.net DocumentRoot "C:/Apache/Sites/sito4" 8 / 15

9 Specificando l'indirizzo ip piuttosto che usando il "*" facciamo in modo che il server ascolti su un particolare indirizzo. quindi prima dichiariamo l'ip come nome(namevirtualhost) e poi proseguiamo con la sua descrizione ( ). Mass Virtual Hosting con l'estensione mod_vhost_alias Vogliamo molti virtual host, tutti con la stessa configurazione. Usare le variabili VirtualDocumentRoot e VirtualScriptAlias forniti dal modulo "mod_vhost_alias": VirtualDocumentRoot /www/vhosts/%-1/%-2.1/%-2/htdocs VirtualScriptAlias /www/vhosts/%-1/%-2.1/%-2/cgi-bin Questa soluzione utilizza le direttive fornite dal modulo mod_vhost_alias, che di default non dovrebbe essere attivo, quindi prima di usare queste variabili è bene attivarlo. Queste direttive mappano le richieste su delle directory costruite usando la stessa parte dell'hostname presente nella richiesta. Ogni variabile rappresenta una parte del nome dell'host, così chè a un differente nome del sito corrisponde una differente directory. In questo particolare esempio una richiesta per il sito è indirizzata verso una directory /www/vhosts/c om/e/example/htdocs, o verso /www/vhosts/com/e/example/cgi-bin (per le richieste di tipo CGI). tutte le variabili disponibili sono mostrate nella Tabella 1. Tabella 1 - Variabili mod_vhost_alias Variabile Significato %% inserisce un % %p inserisce una particolare porta nel virtual host %M.N inserisce una parte del nome M e N possono avere un valore numerico intero positivo o negativo, che ha il seguente significato: Tabella 2 - Significato dei valori delle variabili Valore Significato 0 L'intero nome 1 La prima parte del nome -1 L'ultima parte del nome 9 / 15

10 2 La seconda parte del nome -2 La penultima parte del nome 2+ Dalla seconda parte in poi del nome -2+ Dalla penultima parte in poi Quando il valore è messo come prima parte dell'argomento, cioè nella parte M di %M.N, questo si riferisce alle parti dell'hostname divise dai punti. Quando invece è messa come secondo argomento allora si riferisce alle lettere di quella singola parte. Per esempio, se come nome del sito abbiamo il significato delle variabili sarà: Tabella 3 - Esempi. Variabile Significato %0 %1 www %2 example %3 com %-1 com %-2 example %-3 www %-2.1 e %-2.2 x %-2.3+ ample Quindi in relazione al numero di vhost, verranno create un uguale numero di cartelle ordinate alfabeticamente, grazie al nome del dominio. Mass Virtual Hosting usando le funzioni di Rewrite Sebbene ci sia un modulo (mod_vhost_alias) che serve proprio a gestire un vasto numero di virtual host, questo è un po limitato, dato che fa in modo che tutti i vhost siano configurati alla stessa maniera. Noi invece vogliamo gestire molti vhost ma configurati dinamicamente evitando d'usare il modulo mod_vhost_alias. Usare le direttive fornite dal modulo mod_rewrite per mappare le richieste in base al nome su delle specifiche cartelle: RewriteEngine on RewriteCond %{HTTP_HOST} ^(www.)?([^.]+).com$ RewriteRule ^(.*)$ /home/%2$1 10 / 15

11 Il modulo mod_vhost_alias è molto utile, ma non consente una gestione dinamica dei singoli vhost, e ci preclude la possibilità di utilizzare altri moduli, come ad esempio mod_userdir, mod_rewrite, and mod_alias, che appartengono sempre alla categoria URL-mapping modules, il che è mlto restrittivo. Usando il modulo mod_rewrite si ha una efficienza minore, ma una flessibilità maggiore. Per esempio, alcuni vhost potrebbero essere gestiti in maniera tradizionale mentre altri gestiti con le funzioni di riscrittura (rewrite). Nella soluzione precedente per esempio indirizza le richieste con hostname m (o senza il www) verso la cartella /h ome/something. Per maggiori informazioni SSL e vhost basati sui nomi Vogliamo avere più siti web SSL sullo stesso server. Nelle più comuni implementazioni dell' SSL, siamo limitati ad un solo sito SSL per indirizzo e numero di porta. Così, per ciascun sito avremo bisogno di un indirizzo IP o sullo stesso IP usare due porte differenti: Listen 443 Listen 444 <VirtualHost :443> ServerName secure1.example.com DocumentRoot /www/vhosts/secure1 SSLEngine On SSLCertificateFile /www/conf/ssl/secure1.crt SSLCertificateKeyFile /www/conf/ssl/secure1.key <VirtualHost :443> ServerName secure2.example.com DocumentRoot /www/vhosts/secure2 SSLEngineOn SSLCertificateFile /www/conf/ssl/secure2.crt 11 / 15

12 SSLCertificateKeyFile /www/conf/ssl/secure2.key <VirtualHost :444> ServerName secure3.example.com DocumentRoot /www/vhosts/secure3 SSLEngineOn SSLCertificateFile /www/conf/ssl/secure3.crt SSLCertificateKeyFile /www/conf/ssl/secure3.key La limitazione che impone la restrizione ad avere un singolo host SSL per ogni IP non è imposta da Apache ma è implicita nel modo di funzionare dell'ssl. Quando un browser si connette al server, la prima cosa che fa è negoziare con esso per una connessione sicura. durante questo processo, il server manda un certificato al client, che serve per la successiva criptazione dello scambio di dati. Affinché questo accada questa parte della transazione può essere basata solo sull'indirizzo IP del client che si è connesso, solo in seguito quest'ultimo farà la richiesta per una particolare risorsa sul web server. Quando il server riceve l' "header field" dell'host, il certificato è già stato mandato...quindi è troppo tardi. E' possibile avere più server SSL in ascolto su porte diverse dalla 443, se la porta è esplicitamente richiesta nell' URL. questo potrebbe consentire l'aggiramento del problema, ma costringerebbe l'utente finale a scrivere la porta corretta durante la navigazione. Logging per ogni Virtual Host Vogliamo che ogni host virtuale abbia il suo file di log. Specificare Errorlog e CustomLog all'interno della dichiarazione dell'host virtuale: <VirtualHost *> ServerName mio1.sito.net DocumentRoot /home/sito/mio1/htdocs ErrorLog /home/sito/mio1/logs/error_log CustomLog /home/sito/mio1/logs/access_log combined Le direttive per il log possono essere richiamate sia nella configurazione generale del sito che all'interno della dichiarazione dell'host virtuale. Quando stanno dentro queste ultime i log relativi a quello specifico vhost saranno registrati dentro i file impostati. 12 / 15

13 Considerando la configurazione del server, bisogna considerare il numero massimo di connessioni previste, infatti se abbiamo 100 virtual host e ognuno col suo file di log (sia accessi che errori) questo implica che stiamo usando 200 canali aperti, se la quota sul server è di 256 questo vuol dire che rimangono solo 56 che si occuperanno del resto. In pratica ci rimangono solo 56 connessioni che possono essere gestite contemporaneamente dal server. Nella soluzione proposta i log vanno a finire su dei file che stanno su alcune cartelle, ed è bene assicurarsi che si abbiano i corretti permessi di scrittura su di esse. Divisione di un Log file Dato l'elevato numero di vhost, vogliamo che ci sia un unico file di log, ma tale da poterlo dividere in seguito. LogFormat "%v %h %l %u %t "%r" %>s %b" vhost CustomLog logs/vhost_log vhost Quindi dopo la rotazione del file: split-logfile < logs/vhost_log La direttiva LogFormat in questa soluzione crea un logfile che è simile ad un comune file di log ma con l'informazione in più del nome del vhost che lo ha originato. La funzione split-logfile divide il file di log a seconda dei vari host virtuali. Host virtuali basati su porte Vogliamo un diverso contenuto per le connessioni HTTP su porte differenti. Impostiamo esplicitamente il numero della porta nella dichiarazione : 13 / 15

14 Listen 8080 <VirtualHost :8080> DocumentRoot /www/vhosts/port8080 Listen 9090 <VirtualHost :9090> DocumentRoot /www/vhosts/port9090 <VirtualHost> Il virtual hosting Port-based è molto simile agli altri tipi di tecniche mostrate in precedenza e ci potrebbero essere una serie di situazioni in cui questa modalità di virtualizzare potrebbe essere utile. Se infatti avessimo un solo indirizzo IP e nessuna possibilità di aggiungere dei domini nei server DNS, o se il nostro ISP bloccasse il traffico in ingresso sulla porta 80, ecco che potrebbe essere utile avere uno o più web server su delle porte alternative Gli utenti del sito in questione dovrebbero però aggiungere il numero della porta al normale hostname, riprendendo l'esempio precedente dovrebbero scrivere: Mostrare lo stesso contenuto su diversi indirizzi Vogliamo che lo stesso contenuto compaia su due dei notri indirizzi a disposizione. Impostiamo esplicitamente i due IP nella dichiarazione : NameVirtualHost NameVirtualHost <VirtualHost > DocumentRoot /www/vhosts/server ServerName server.example.com ServerAlias server In questo caso accedendo al web server direttamente con gli indirizzi IP si viene indirizzati allo stesso sito. Naturalmente questo ha senso se ci sono anche altri indirizzi che sono riservati ad altri contenuti, perché se si volesse impostare lo stesso sito per tutti gli indirizzi si fa prima ad usare l'asterisco (*) che significa "tutti" 14 / 15

15 15 / 15

HTTPD - Server web Apache2

HTTPD - Server web Apache2 Documentazione ufficiale Documentazione di Ubuntu > Ubuntu 9.04 > Guida a Ubuntu server > Server web > HTTPD - Server web Apache2 HTTPD - Server web Apache2 Apache è il server web più utilizzato nei sistemi

Dettagli

NAS 321 Hosting di più siti web in un host virtuale

NAS 321 Hosting di più siti web in un host virtuale NAS 321 Hosting di più siti web in un host virtuale Hosting di più siti web e abilitazione del servizio DDNS A S U S T O R C O L L E G E OBIETTIVI DEL CORSO Al termine di questo corso si dovrebbe essere

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it in modalità compatibile www.dyndns.org Questa semplice guida fornisce le informazioni necessarie per eseguire la registrazione del proprio DVR

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

Indice. Documentazione ISPConfig

Indice. Documentazione ISPConfig Documentazione ISPConfig I Indice Generale 1 1 Cos'è ISPConfig? 1 2 Termini e struttura del manuale 1 3 Installazione/Aggiornamento/Disinstallazione 1 3.1 Installazione 1 3.2 Aggiornamento 1 3.3 Disinstallazione

Dettagli

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail Xerox WorkCentre M118i Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail 701P42705 Questa guida fornisce un riferimento rapido per l'impostazione della funzione Scansione su e-mail su Xerox WorkCentre

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli

Il protocollo HTTP ed il server Apache

Il protocollo HTTP ed il server Apache Dal sito web della Software Foundation: Il progetto del server HTTP è uno sforzo di sviluppare e mantenere un server HTTP Open Source per i moderni sistemi operativi, compreso UNIX e Windows NT. L'obiettivo

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali TeamPortal Servizi integrati con ambienti Gestionali 12/2013 Modulo di Amministrazione Il modulo include tutte le principali funzioni di amministrazione e consente di gestire aspetti di configurazione

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Iphone e Zimbra 7 FOSS Edition: Mail, Contatti ed Agenda

Iphone e Zimbra 7 FOSS Edition: Mail, Contatti ed Agenda Iphone e Zimbra 7 FOSS Edition: Mail, Contatti ed Agenda mailto:beable@beable.it http://www.beable.it 1 / 33 Questo tutorial è rilasciato con la licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-non

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP Eseguire il collegamento al NAS tramite WebDAV A S U S T O R C O L L E G E OBIETTIVI DEL CORSO Al termine di questo corso si dovrebbe

Dettagli

La procedura di registrazione prevede cinque fasi: Fase 4 Conferma

La procedura di registrazione prevede cinque fasi: Fase 4 Conferma Guida Categoria alla registrazione StockPlan Connect Il sito web StockPlan Connect di Morgan Stanley consente di accedere e di gestire online i piani di investimento azionario. Questa guida offre istruzioni

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

Configurazione Zimbra mail per accedere alla propria casella di posta tramite il browser.

Configurazione Zimbra mail per accedere alla propria casella di posta tramite il browser. Configurazione Zimbra mail per accedere alla propria casella di posta tramite il browser. Se vogliamo accedere alla nostra casella di posta elettronica unipg.it senza usare un client di posta (eudora,

Dettagli

Parallels Plesk Panel

Parallels Plesk Panel Parallels Plesk Panel Notifica sul Copyright ISBN: N/A Parallels 660 SW 39 th Street Suite 205 Renton, Washington 98057 USA Telefono: +1 (425) 282 6400 Fax: +1 (425) 282 6444 Copyright 1999-2009, Parallels,

Dettagli

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP FileMaker Server 13 Pubblicazione Web personalizzata con PHP 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker

Dettagli

Tutela dei dati personali Vi ringraziamo per aver visitato il nostro sito web e per l'interesse nella nostra società. La tutela dei vostri dati privati riveste per noi grande importanza e vogliamo quindi

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

DNS cache poisoning e Bind

DNS cache poisoning e Bind ICT Security n. 19, Gennaio 2004 p. 1 di 5 DNS cache poisoning e Bind Il Domain Name System è fondamentale per l'accesso a internet in quanto risolve i nomi degli host nei corrispondenti numeri IP. Se

Dettagli

Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici

Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici Art. 1 Oggetto Il presente modulo di assunzione di responsabilità (di seguito

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Lista di controllo per la migrazione del dominio a Swisscom/IP-Plus

Lista di controllo per la migrazione del dominio a Swisscom/IP-Plus Lista di controllo per la migrazione del dominio a /IP-Plus Iter: : ufficio cantonale di coordinamento per Per la scuola: (nome, indirizzo e località) Migrazione di record DNS esistenti a IP-Plus nonché

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica: WebMail Una Webmail è un'applicazione web che permette di gestire uno o più account di posta elettronica attraverso un Browser.

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

Determinare la grandezza della sottorete

Determinare la grandezza della sottorete Determinare la grandezza della sottorete Ogni rete IP possiede due indirizzi non assegnabili direttamente agli host l indirizzo della rete a cui appartiene e l'indirizzo di broadcast. Quando si creano

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione

Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione Assistenza tecnica Grazie per aver scelto i prodotti NETGEAR. Una volta completata l'installazione del dispositivo, individuare il numero

Dettagli

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Installazione Modem USB Momo Gestione segnale di rete Connessione Internet Messaggi di errore "Impossibile visualizzare la pagina" o "Pagina

Dettagli

Parallels Plesk Panel

Parallels Plesk Panel Parallels Plesk Panel Notifica sul Copyright Parallels Holdings, Ltd. c/o Parallels International GMbH Vordergasse 59 CH-Schaffhausen Svizzera Telefono: +41-526320-411 Fax+41-52672-2010 Copyright 1999-2011

Dettagli

Gestione di un server web

Gestione di un server web Gestione di un server web A cura del prof. Gennaro Cavazza Come funziona un server web Un server web è un servizio (e quindi un applicazione) in esecuzione su un computer host (server) in attesa di connessioni

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013

Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013 i-contact srl via Simonetti 48 32100 Belluno info@i-contact.it tel. 0437 30419 fax 0437 1900 125 p.i./c.f. 0101939025 Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013 1. Introduzione Il seguente

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Sicurezza del DNS. DNSSEC & Anycast. Claudio Telmon ctelmon@clusit.it

Sicurezza del DNS. DNSSEC & Anycast. Claudio Telmon ctelmon@clusit.it Sicurezza del DNS DNSSEC & Anycast Claudio Telmon ctelmon@clusit.it Perché il DNS Fino a metà degli anni '80, la traduzione da nomi a indirizzi IP era fatta con un grande file hosts Fino ad allora non

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

CA Process Automation

CA Process Automation CA Process Automation Glossario Release 04.2.00 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata come

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS Page 1 of 6 GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS 1) Impossibile inviare il messaggio. Uno dei destinatari non è stato accettato dal server. L'indirizzo di posta elettronica non accettato è "user@dominio altro

Dettagli

Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11

Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11 Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11 Museo & Web CMS v1.5.0 beta (build 260) Sommario Museo&Web CMS... 1 SOMMARIO... 2 PREMESSE... 3 I PASSI PER INSTALLARE MUSEO&WEB

Dettagli