IL PATRIMONIO DEL FONDO COMUNE D'INVESTIMENTO MOBILIARE. Sommario. 3. Teoria della proprietà della società di gestione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PATRIMONIO DEL FONDO COMUNE D'INVESTIMENTO MOBILIARE. Sommario. 3. Teoria della proprietà della società di gestione"

Transcript

1 IL PATRIMONIO DEL FONDO COMUNE D'INVESTIMENTO MOBILIARE Sommario 1. Introduzione 2. Teoria della comunione 3. Teoria della proprietà della società di gestione 4. Teoria della soggettività del Fondo 5. Teoria del patrimonio separato 6. Conclusioni 1. Introduzione In quest'ultimo decennio la drastica riduzione dei tassi d'interesse e la profonda evoluzione dei mercati finanziari hanno spinto i risparmiatori e le imprese italiane a modificare significativamente le loro politiche d'investimento. Molti di coloro che un tempo erano chiamati i "BOT people", gli irriducibili investitori in titoli di Stato (titoli che in

2 effetti allora garantivano rendimenti elevati in condizioni di assenza di rischio), oggi investono prevalentemente in azioni ed in Fondi comuni d'investimento, acquistano obbligazioni strutturate ad alta redditività emesse da paesi emergenti, sottoscrivono polizze di assicurazione sulla vita con rendimenti parametrati agli indici delle principali Borse mondiali e talora effettuano direttamente i loro investimenti sui mercati finanziari internazionali tramite gli strumenti telematici che vanno sempre più diffondendosi fra le famiglie. Si tratta di una silenziosa "rivoluzione finanziaria" ch e ha radicalmente trasformato la figura del risparmiatore medio italiano il quale, nel contesto storico -economico sopra descritto, ha progressivamente ridotto la tradizionale propensione al risparmio ed incrementato, per contro, la propensione al rischio al fine di ottenere una remunerazione del proprio capitale ritenuta soddisfacente. Anche le imprese hanno modificato nel medesimo senso le proprie strategie d'investimento finanziario: i classici BOT e CCT sono stati rapidamente sostituiti da "pronti co ntro termine", Fondi d'investimento (talvolta con specializzazione settoriale) ed azioni. Rivolgendosi agli investitori istituzionali, alle imprese ed ai grossi investitori privati, sono in arrivo a breve nel nostro Paese anche gli "Hedge Funds", i Fondi d'investimento ad alto rischio che operano professionalmente con politiche fortemente speculative sfruttando l'effetto della leva finanziaria. La nota e recente vicenda del gigantesco dissesto del LTCM (Long Term Capital Management), uno dei principali hedge funds operante a livello mondiale, sta a dimostrare che non sempre il perseguimento del rendimento più elevato, direttamente correlato ad un altissimo livello di rischio, si rivela una scelta vincente. L'investitore accorto ed evoluto infatti non è alla ricerca della massima redditività in senso assoluto, ma si orienta piuttosto verso strumenti finanziari che garantiscono un corretto rapporto fra rischio e rendimento e conseguono delle 2

3 performances giudicate positive in relazione al benchmark di riferimento. Conformemente all'antico e saggio principio "conoscere per decidere", per effettuare delle scelte d'investimento razionali e consapevoli è necessario conoscere approfonditamente gli strumenti finanziari ai quali ci si rivolge, sia sotto il profilo operativo che sotto l'aspetto giuridico. Solo in questo modo è possibile valutare compiutamente il livello di rischio in relazione al rendimento atteso. Lo scopo del presente lavoro è quello di analizzare sotto il profilo giuridico la figura del p atrimonio dei Fondi comuni d'investimento di diritto italiano per fornire una risposta a tre importanti questioni: 1) chi è il proprietario del patrimonio del Fondo; 2) qual'è la natura giuridica del Fondo; 3) che ne è del patrimonio del Fondo nell'ipotesi di insolvenza della società che lo gestisce. 2. Teoria della comunione La prima ipotesi che è stata formulata, alla luce dei primi progetti legislativi che erano stati elaborati in Italia e tenuto conto altresì dell'art. 1 del decreto francese del 28 dicembre 1957, è quella secondo cui, se la società di gestione provvede a gestire il Fondo nell'interesse dei partecipanti, sembra logico ritenere che il patrimonio appartenga a questi ultimi. Ponendosi in quest'ottica i sottoscrittori risulterebbero essere comproprietari dei valori mobiliari che costituiscono il Fondo, ciascuno secondo le quote corrispondenti alla somma di denaro conferita. 3

4 Tale opinione riconduce l'istituto nello schema della comunione, regolamentata dal nostro Codice Civ ile dagli artt e seguenti. In questo modo si è pensato di poter assimilare il negozio dell'investment trust ad una figura giuridica largamente radicata nel diritto dei Paesi continentali, riconoscendo la proprietà del patrimonio del Fondo ad una collettività di soggetti distinti dall'ente di gestione, in modo da poter giustificare il fatto che tale patrimonio sia separato da quello della società gerente. Questo spiegherebbe anche il perchè la società di gestione sia tenuta a rispondere ai partecipanti per la gestione secondo le regole del mandato: evidentemente se la proprietà del patrimonio è in capo ai comunisti, è loro facoltà stipulare un contratto di mandato (art C.C.) con la società affinchè essa amministri il bene comune in loro nome e per loro conto. La teoria in esame è stata ampiamente dibattuta e criticata da parte della più autorevole dottrina ed oggi appare completamente abbandonata. Le critiche che le si possono muovere sono numerose e fondate, ed un esame approfondito dimostra c ome essa non sia credibile sotto molti aspetti e non possa perciò risultare accoglibile. Anzitutto occorre sottolineare il diverso scopo che soggiace ai Fondi comuni di investimento ed alla comunione. In quest'ultima infatti i singoli soggetti mettono in comune uno o più beni, al fine di trarne i frutti e/o le utilità che essi sono in grado di fornire naturalmente, a prescindere dal fatto che con essi venga esercitata o meno un'attività (mero godimento della res communis). Ben diversamente stanno le cos e nel caso dei Fondi comuni di investimento. Infatti i beni che vengono conferiti dai partecipanti (le somme versate al momento dell'entrata nel Fondo) non rappresentano direttamente l'oggetto del godimento, il quale è invece costituito dalla ricchezza che si forma in 4

5 seguito all'investimento ed alla gestione economica del patrimonio. Quindi, mentre nel caso della comunione si contempla una situazione statica, o comunque non necessariamente dinamica, riguardo ai Fondi comuni il fine del godimento si sostanz ia in un'attività esclusivamente dinamica. In caso contrario non solo si andrebbe contro il dettato legislativo quando afferma che le somme versate dai partecipanti devono essere investite in titoli e in altre attività finanziarie, ma addirittura verrebbe meno lo scopo della società di gestione, la quale invece è stata attentamente regolamentata dal legislatore. E' evidente che già da questa prima considerazione emerge l'incompatibilità fra i due istituti, ma ne esistono altre, forse più profonde, che si riferiscono alla posizione giuridica dei partecipanti. In particolare, nel caso della comunione, i comunisti hanno la proprietà della cosa, in parte a titolo individuale ed in parte a titolo collettivo, con i conseguenti diritti di disporne e di amministrarla. Relativamente ai Fondi comuni di investimento la posizione dei partecipanti è affatto diversa. Essi non solo non sono legittimati a disporre e ad amministrare il patrimonio del Fondo (nè come collettività nè tantomeno come singoli), ma non possono n emmeno influire sull'attività svolta dalla società gerente. Ciò è in evidente contrasto con i principi della comunione, in cui, anche nell'ipotesi che la gestione della cosa venga affidata a terzi, rimane ai comunisti sia il potere di revoca, sia sopratutto quello di indirizzo dell'attività amministrativa, espressamente sancito dall'art C.C.. L'unico diritto, che peraltro viene esercitato individualmente, riconosciuto ai partecipanti del Fondo è quello relativo al rimborso delle quote possedute, che s i sostanzia in un diritto di credito verso la società di gestione per un importo che varia pressochè giornalmente. Nella comunione ovviamente non esiste nulla di analogo. 5

6 I partecipanti, intesi come collettività, non hanno quindi alcun diritto, tantomeno quelli che invece sono riconosciuti ai comunisti. Sotto il profilo della posizione giuridica del singolo si possono rilevare ulteriori incompatibilità. Ogni comunista, salvo patto contrario (che però ha precisi limiti temporali), può ottenere in qualsia si momento lo scioglimento della comunione (art C.C.), mentre nei Fondi i partecipanti, nè individualmente, nè collettivamente, non hanno il potere di provocare lo scioglimento del Fondo prima del termine previsto dal regolamento. Il regime civilistico della comunione infatti, basato sul diritto di ciascuno dei partecipanti di domandare in qualunque momento lo scioglimento del rapporto giuridico, si pone in assoluto contrasto con le esigenze pratiche che sono alla base dei Fondi comuni. Quanto al regolamento, esso non è modificabile nemmeno dalla maggioranza dei sottoscrittori, mentre lo è nel caso della comunione. Nei Fondi comuni di investimento infatti il regolamento viene redatto ed approvato dalla società di gestione e successivamente approvato dalla Banca d'italia; il partecipante può accettarlo o meno (sottoscrivendo o no le quote del Fondo, ma non può apportarvi alcuna modifica. Inoltre i membri della comunione hanno diritto a ricevere la loro quota del bene comune in natura, salvo che la c osa non possa essere agevolmente divisa (art. 114 C.C.). I partecipanti del Fondo invece hanno solo diritto al rimborso in denaro della loro quota (art. 15 Legge n. 77/83) al momento del riscatto ed è escluso che possano ricevere il controvalore in titoli provenienti dal patrimonio del Fondo. Anche questo aspetto pone in evidenza come sia del tutto improponibile considerare il patrimonio come un bene comune dei sottoscrittori, visto che, non solo soggettivamente ma nemmeno 6

7 collettivamente, essi non present figura dei comunisti. ano alcuna analogia con la Dal punto di vista della responsabilità personale dei soggetti si deve rilevare poi che ai membri della comunione è in capo una responsabilità solidale ed illimitata per le obbligazioni sorte a causa di essa (art C.C.). L'istituto dei Fondi, per rendere idonei questi organismi ed attirare i capitali dei risparmiatori, prevede al contrario la limitazione della responsabilità alla quota detenuta dal singolo sottoscrittore. Si può anche aggiungere che mentre nel caso della comunione i creditori personali del comunista possono, qualora sia possibile effettuare la divisione, far separare la sua quota al fine di rivalersene e su di essa esercitare il soddisfacimento dei loro diritti, nel Fondo comune i creditori particolari del sottoscrittore possono esercitare la loro azione sulla sua quota (art. 3, 2 comma, Legge n. 77), ma non hanno alcuna facoltà di ottenere la separazione di una parte del patrimonio del Fondo. L'ultima critica che si può muovere a questa teoria si basa sulla considerazione che nei Fondi comuni di investimento si è in mancanza di un qualsiasi accordo fra i partecipanti, i quali anzi, proprio per come l'istituto è tecnicamente strutturato, operano come soggetti a sè. Si prospetterebbe quindi il caso del tutto atipico di una comunione di carattere meramente incidentale che sorge per il fatto che una pluralità di soggetti acquistano quote di comproprietà di titoli ed attività finanziarie, per la ragione che hanno versato delle somme ad un comune organismo che le gestisce nel loro collettivo interesse. L'ipotesi di un simile tipo di comunione sorgente da rapporti di fatto è parsa da respingere, non solo perchè non sembra credibile alla luce della normativa che il Codice Civile prevede circa la comunione, ma sopratutto perchè qualora il legislatore dei Fondi avesse inteso avvalorare questa eventualità ne avrebbe fatta esplicita menzione nel testo 7

8 legislativo, attribuendo efficacia costitutiva a tali situazioni di fatto multilaterali. A questo punto sembra che le argomentazioni proposte siano state sufficientemente articolate nel dimostrare che l'ipotesi del Fondo come comunione dei partecipanti non si adatta nè dal punto di vista giuridico con la disciplina civilistica che regolamenta la materia, nè dal punto di vista funzionale date le diverse caratteristiche strutturali che i due istituti presentano. L'inconciliabilità fondamentale deriva da un principio basilare che le normative continentali hanno inteso imporre ai Fondi: quello di separare il diritto di proprietà dalla facoltà di amministrare e, di conseguenza, di sollevare il sottoscrittore da ogni responsabilità di gestione. Tale principio non trova alcun riscontro nella comunione, così come è prevista dal nostro coordinamento giuridico. 3. Teoria della proprietà della società di gestione L'ipotesi che il patrimonio del Fondo appartenga alla società di gestione è nata come reazione alla teoria esaminata nel paragrafo precedente. Se infatti si è escluso che la proprietà dei beni che costituiscono il Fondo spetti ai partecipanti, è sembrato plausibile, dovendo individuare un altro soggetto a cui assegnarla, ritenere che si trattasse della società gerente. Questo ragionamento, che per la verità fin dal primo approccio appare un po' semplicistico, non ha mai avuto molto seguito da parte della dottrina tranne alcune eccezioni, anche se in apparenza sembrerebbe trovare conferma da alcuni elementi che in parte avevamo già evidenziato precedentemente. 8

9 La società di gestione infa tti è l'unico organo che ha il potere di amministrare il patrimonio, non è sottoposta a limitazioni della gestione o ingerenze da parte dei partecipanti, non può essere da essi revocata, approva il regolamento del Fondo, istituisce di propria iniziativa il Fondo comune, ottiene l'autorizzazione in tal senso da parte della Banca d'italia. Qualora si dimostrasse che quest'ipotesi è fondata ed accettabile si semplificherebbe molto il rapporto società gerente-partecipanti e cadrebbe ogni dubbio sulla natura giuridica del Fondo. L'opportunità di giungere ad una soluzione agevole del problema non deve però trarre in inganno: il fatto che sia semplice e comoda non comporta che sia anche corretta; anzi, vedremo che, sulla base delle numerose critiche che le sono state mosse e dal disposto legislativo, è da escludersi che possa ritenersi una teoria accoglibile. Anzitutto dobbiamo rilevare che al 2 comma dell'art. 3 Legge n. 77/83 il legislatore si è preoccupato di precisare che il patrimonio del Fondo comun e è distinto a tutti gli effetti da quello della società di gestione. Già questo punto solleva i primi dubbi: perchè se esso appartiene alla società di gestione questa deve tenerlo distinto dal suo restante patrimonio? Evidentemente la legge ha voluto impedire che ci fosse una commistione tra due diversi patrimoni, allo scopo di salvaguardare gli interessi di un altro soggetto: i partecipanti. Ciò appare coerente con quanto enunciato nel primo comma dello stesso articolo, in cui si precisa che la società di gestione investe in titoli e in altre attività finanziarie le somme versate dai partecipanti, non il proprio patrimonio, ed aggiunge che risponde verso questi ultimi per la gestione secondo le regole del mandato. 9

10 Se dunque la disciplina delinea l'ente di gestione facendo riferimento alle caratteristiche proprie della figura del mandatario, appare evidente che lo spirito della legge non era certo quello di attribuire alla società la proprietà del patrimonio del Fondo. Qualora infatti la società gerente godesse di un diritto di proprietà esclusivo sui beni del Fondo non vi sarebbe alcuna ragione per cui essa dovesse rispondere, non solo ai partecipanti ma a qualsivoglia altro soggetto, per il modo in cui li amministra. L'art. 4 approfondisce la questione, puntualizzando che la società di gestione esercita la sua attività nell'interesse dei partecipanti. Le successive limitazioni gestionali esposte nello stesso articolo hanno evidentemente lo scopo di tutelare i sottoscrittori, quindi la difesa del risparmio che essi hanno versato appare del tutto prioritaria, dal complesso della normativa, rispetto ad ogni altro interesse. Tenute presenti queste considerazioni è immediato rendersi conto come la teoria in esame sia insufficiente a tradurre in termini giuridici i complessi rapporti fra i vari soggetti che sono presenti nell'istituto dei Fondi comuni. L'ipotesi che la società gerente sia proprietaria del patrimonio del Fondo è contestabile a questo punto con due ordini di argomentazioni. In primo luogo è da rilevare come la disciplina civilistica italiana proteggga l'interesse del soggetto a cui sta in capo il diritto di proprietà, mentre, come si è già sottolineato, nel caso dei Fondi la normativa prevede che la società di gestione operi tenendo presente l'interesse dei partecipanti, ed è appunto in quest'ottica che va vista la sua posizione rispetto al patrimonio gestito. Dal punto di vista degli interessi contemplati dalla legge, tenendo anche conto della rete di controlli, di vigilanza e di revisioni che viene prescritta dalle norme relative ai Fondi, è del tutto evidente che l'interesse protetto è "in primis" quello dei sottoscrittori, i quali, non dimentichiamolo, sono 10

11 proprio coloro che forniscono i mezzi finanziari necessari a costituire il patrimonio di valori mobiliari che la società provvede a gestire. In secondo luogo, anche con riferimento alle modalità di gestione ed al contenuto dei poteri spettanti alla società gerente, è possibile formulare delle considerazioni che escludono l'eventualità c he essa sia titolare del diritto soggettivo di proprietà sui beni del Fondo. Mentre infatti generalmente il proprietario espleta i poteri inerenti al suo diritto senza vincoli finalistici, il legislatore ha voluto imporre alla società di gestione di esercitare la propria attività finalizzandola al perseguimento degli obiettivi del Fondo. La società dunque non solo non ha la facoltà di godimento dei beni del Fondo, ma addirittura il suo diritto di disporne è limitato al raggiungimento di specifiche finalità indicate con precisione dalla normativa. Gli effetti degli atti di disposizione da essa compiuti si riflettono sui partecipanti, non su essa medesima, per cui appare improponibile ricondurle la titolarità del diritto di proprietà sul patrimonio del Fondo comune. Se poi consideriamo il fatto che l'istituto del Fondo comune di investimento si basa su un rapporto fiduciario tra il soggetto che fornisce i mezzi finanziari (la massa dei sottoscrittori) e quello che li amministra nell'interesse dell'altro (la società di gestione), appare chiaro che la teoria in esame si pone in contraddizione con il concetto di affidamento che sottostà a tale rapporto. La conferma di ciò è data dal fatto che la società gerente si fa pagare dai sottoscrittori una commissione per l'attività di amministrazione e di negoziazione di valori mobiliari che svolge per loro conto. E' evidente che se il patrimonio effettivamente le appartenesse non vi sarebbe ragione per cui essa dovesse farsi pagare dai partecipanti per gestire un complesso di beni di sua proprietà. 11

12 Non a caso la maggior parte delle legislazioni continentali è concorde nel tendere alla salvaguardia del patrimonio versato dai sottoscrittori e nel voler tutelare questo concetto di affidamento imponendo di mantenere separate le conseguenze di eventuali obbligazioni assunte in proprio dalla società gerente da quelle sorgenti dall'attività del Fondo. Precisa infatti l'art. 3, 2 comma, della Legge n. 77/83: "Sul Fondo non sono ammesse azioni dei creditori della società gerente". In conclusione è quindi fuori dubbio che la proprietà sostanziale dei beni che compongono il patrimonio del Fondo non spetta alla società di gestione, la quale ne è piuttosto la titolare formale, nel senso che ha il diritto di disporne in modo esclusivo, ma solo per il perseguimento dei fini che sono indicati dalla legge. 4. Teoria della soggettività del Fondo Partendo dall'osservazione che le teorie tradizionali non riuscivano ad identificare un soggetto giuridico (fosse esso la collettività dei partecipanti o la società di gestione) al quale imputare la proprietà dei beni del Fondo, alcuni autori sono giunti alla conclusione che tale soggetto non esiste, ma esiste solo il Fondo che si qualifica come soggetto di diritto non personificato. Se infatti la normativa italiana non ha voluto riconoscere al Fondo una propria personalità giuridica, ma allo stesso tempo lo ha reso titolare delle obbligazioni attive e passive sorgenti in seguito alla sua gestione, è parso logico ritenere che esso sia i n ogni modo un soggetto (titolare delle predette obbligazioni), e quindi, essendo un patrimonio, si è ritenuto di poterlo ricondurre alla figura della fondazione, sia pure 12

13 non riconosciuta in quanto appunto priva di personalità giuridica. Il merito di questa teoria, che pure come vedremo presta il fianco ad un certo numero di critiche, è soprattutto metodologico: per la prima volta si è superato il dualismo partecipanti / società di gestione, prendendo in esame l'idea del Fondo come soggetto a sè stante. L'ipotesi di un istituto a struttura fondazionale spiegherebbe la ragione per cui i partecipanti non possono esercitare alcuna ingerenza nell'amministrazione del patrimonio e non sono legittimati ad apportare modificazioni all'atto costitutivo. Inoltre si comprenderebbe perchè la società di gestione sia responsabile verso di essi secondo le regole del mandato: l'art. 18 C. C. relativo alle fondazioni cita infatti che gli amministratori sono responsabili verso l'ente secondo le regole del mandato. Pur con le debite differenze, l'analogia appare evidente di primo acchito. Come nel Fondo comune, nella fondazione prevale l'elemento patrimoniale, perchè essa si costituisce per destinare allo scopo stabilito dal fondatore un complesso di beni. Entrambi poi sono enti di diritto privato che non rientrano nella categoria delle società. L'incongruenza sostanziale fra i due istituti nasce dal fatto che le fondazioni non hanno tra i loro scopi lo svolgimento di attività economiche, mentre è innegabile che lo scopo esclusivo dei Fondi comuni di investimento sia proprio quello di esercitare un'attività economica di intermediazione finanziaria finalizzata ad ottenere un reddito, nell'interesse dei partecipanti. Pur ammettendo che i sottoscrittori di una fondazione non riconosciuta possano mirare ad ottenere un proprio vantaggio economico (ma che questo sia addirittura sancito istituzionalmente appare opinabile), non c'è dubbio che 13

14 lo scopo del fondatore, secondo la nostra normativa, non può che essere altruistico, m entre, applicando questo schema ai Fondi si dovrebbe individuare, sia pure con evidenti forzature, la figura della società gerente quale promotore, ed è senz'altro evidente che essa non opera con spirito altruistico, ma, al contrario, è un'impresa commerciale che persegue scopi di lucro. Una prima osservazione che si può avanzare riguarda il regime di autonomia patrimoniale del Fondo. Se è innegabile che il legislatore della Legge n. 77 abbia voluto assegnare a questi organismi uno status di patrimoni d istinti da quelli degli altri organi (art. 3, comma 2 ), è altrettanto vero che essi non dispongono di un'organizzazione autonoma rispetto alla società di gestione che permetta loro di auto-amministrarsi. Secondo la teoria in esame si sarebbe perciò portati a ritenere che la società gerente non sia un soggetto distinto, ma semplicemente un organo del soggetto "Fondo", del tutto priva di una propria personalità giuridica. In quest'ottica essa sarebbe solo l'amministratore della fondazione, non un'impresa commerciale che esercita un'attività economica. Il disposto dell'art. 1 della Legge istitutiva dei Fondi comuni smentisce decisamente quest'ipotesi allorquando precisa che gli enti di gestione devono essere delle società per azioni, aventi uno specifico capitale, che hanno per oggetto esclusivo la gestione di uno o più Fondi. Questa considerazione è suffragata dal fatto che essa non è sottoposta a limitazioni del potere di rappresentanza, in quanto, essendo un oggetto autonomo e non solo un organo, gode p ienamente dei diritti che le vengono attribuiti dalla Legge e che non possono venir limitati dal Fondo. Tale riflessione evidenzia come un Fondo comune di investimento, pur godendo di autonomia patrimoniale secondo la normativa speciale che lo regolamenta, non sia in grado di 14

15 esercitarla autonomamente, ma necessiti di un altro soggetto che operi in sua vece spinto da un preciso fine di lucro. Accreditando la tesi della "soggettività" si sarebbe portati a considerare imprenditore il Fondo stesso, ma non si potrebbe neppure negare la stessa qualifica alla società di gestione, dato che essa trova nell'esercizio di tale attività (che non svolge per fini altruistici, bensì per ritrarne un profitto) la ragione della propria esistenza. L'ipotesi dell'applicabilità dello schema della fondazione all'istituto dei Fondi si rivela opinabile anche sotto il profilo dell'azione di responsabilità verso gli amministratori. Infatti l'art. 25 C.C. relativo alle fondazioni all'ultimo comma recita: "Le azioni contro gli amministratori per fatti riguardanti la loro responsabilità devono essere autorizzate dall'autorità governativa e sono esercitate dal commissario straordinario, dai liquidatori o dai nuovi amministratori". Per i Fondi comuni la situazione è diversa, in quanto l'art. 3, 5 comma, Legge n. 77 precisa che tale azione può essere esercitata dal commissario straordinario, dai commissari liquidatori (previa autorizzazione della Banca d'italia) ma anche da ciascun partecipante, nel limite del proprio interesse. Ciò è in contrasto con i principi che stanno alla base della teoria della soggettività del Fondo in quanto, se l'ipotesi della fondazione fosse corretta, l'azione di responsabilità dovrebbe spettare all'organo stesso (ma il Fondo, come si è detto poc'anzi, non è in grado di operare autonomamente) o all'autorità pubblica. Inoltre il soggetto "partecipante" non è contemplato nella disciplina relativa alle fondazioni, eppure riveste un ruolo del tutto preminente, ed ampiamente tutelato, nei Fondi comuni di investimento. Anche gli artt. 26 e 28 C.C. si rivelano del tutto inadeguati a rappresentare giuridicamente la realtà dei Fondi: è infatti da escludersi che l'autorità governativa possa 15

16 imporre a questi ultimi di unificare l'amministrazione dei propri patrimoni o addirittura di trasformare la destinazione del patrimonio (ad esempio imponendo a più Fondi di riunirsi in una holding e di trasformarsi in una società finanziaria). Molte delle incongruenze che sorgono derivano probabilmente dal fatto che esiste un ampio dibattito circa l'ammissibilità delle fondazioni non riconosciute dal nostro ordinamento. Il problema non ha ancora trovato una soluzione unitaria: una parte della dottrina infatti non è propensa a riconoscere l'esistenza di questo istituto in quanto non accetta la discussa questione della distinzione fra personalità e soggettività giuridica. Un'altra parte invece accetta l'esistenza di questa figura, ma non le riconosce una validità generale: essa, secondo l'opinione di questi autori, deve essere ricondotta entro precisi limiti e riferita alle ipotesi contemplate dall'art. 39 C.C. relativo ai comitati. Infine c'è una minoranza che ritiene tale figura meritevole di una generale validità, ma comunque avanza grossi dubbi in merito all'ammissibilità di una fondazione che abbia per oggetto esclusivo l'esercizio di un'attività d'impresa, tantopiù se si tratta di una fondazione non riconosciuta. Le opinioni a riguardo sono largamente concordi nell'escludere quest'ultima eventualità per le ragioni che sono state presentate all'inizio di questo paragrafo: uno spirito altruistico giustifica lo scopo della fondazione mentre un fine di lucro (per la società gerente ed i partecipanti) sta alla base dei Fondi comuni. Voler negare questo punto significherebbe travisare il significato che le fondazioni rivestono nel nostro ordinamento, tentando di ricondurle a figure giuridiche, quali le Anstalten, che ad esso sono estranee. 16 L'ultima critica che si può muovere a questa teoria si basa sull'osservazione che ne lle fondazioni è previsto dal Codice

17 Civile che il conferimento dei beni per raggiungere un particolare fine, indicato dall'atto costitutivo, abbia carattere permanente: chi ha devoluto parte del proprio patrimonio per il raggiungimento di un certo scopo non può in seguito chiedere che gli sia reso, tantomeno se ciò deve dipendere dalla sua esclusiva volontà. Nei Fondi la situazione è ben diversa: tale carattere di permanenza è del tutto assente, a motivo delle peculiari caratteristiche tecnico -operative ch e presentano questi istituti finanziari. Il legislatore infatti ha espressamente previsto che il partecipante possa smobilizzare in ogni momento il proprio investimento ed abbia diritto a tornare in possesso del controvalore in denaro della propria quota in tempi contenuti. Il patrimonio del Fondo pertanto non ha carattere permanente in quanto varia quotidianamente per effetto dell'entrata e dell'uscita dei sottoscrittori. Manca inoltre, rispetto alle fondazioni, la rinuncia definitiva del sottoscrittore ad una parte del proprio patrimonio in vista del perseguimento di uno scopo. Nei Fondi si ha soltanto un investimento finanziario effettuato dal partecipante con l'intenzione di incrementare la somma conferita e di rientrarne in possesso nei tempi da lui stesso stabiliti, in osservanza con le disposizioni di Legge. Dalle considerazioni sopraesposte si deduce che l'ipotesi della soggettività del Fondo, ricondotta allo schema fondazionale, pur presentando alcuni spunti validi, non è in grado di offrire una soluzione corretta e soddisfacente al problema della natura giuridica dei Fondi comuni di investimento. 5. Teoria del patrimonio separato 17

18 Le teorie illustrate in precedenza, che pure si sono rivelate utili per il contributo che hanno apportato al dibattito sul problema in esame, sono risultate inaccettabili per il fatto che fornivano solo risposte valide a questioni parziali, ma non erano in grado di dare una spiegazione coerente a tutti gli articolati aspetti presenti nei Fondi comuni di investimento. Le suddette teorie, pur partendo da presupposti diversi e prospettando soluzioni diverse, presentano un elemento comune di carattere metodologico: tutte tentano di ricondurre la figura dei Fondi comuni entro schemi giuridici già noti. Per fare un passo avanti nella nostra indagine quindi dobbiamo scegliere un metodo di lavoro del tutto diverso: occorre ammettere anzitutto che ci si trova di fronte ad un istituto giuridico nuovo, non riconducibile a schemi già noti presenti nel nostro ordinamento; fatto questo si cercherà di identificarne gli aspetti peculiari e si tenterà di formulare una definizione della natura dei Fondi che sia in grado di tradurre in termini giuridici la complessa realtà di rapporti e di scopi sottostante a questi organismi. Questo modo di procedere appare il più corretto e il più efficace, alla luce delle elaborazioni teoriche che sono state presentate dalla dottrina che più recentemente ha affrontato queste tematiche. Tale approccio peraltro trova conferma nelle intenzioni espresse dal legislatore, quando afferma: "Circa il rilievo sulla natura giuridica del Fondo, va rilevato che trattasi di nuovo istituto, del quale l'autonomia patrimoniale costituisce caratteristica essenziale, come del resto affermato esplicitamente nel testo del provvedimento" (Relazione della 6 commissione permanente finanze e tesoro - Berlanda - sul disegno di legge n. 1609). Gli elementi in nostro possesso da cui partire per formulare la teoria sono i seguenti: 1) i Fondi comuni sono istituti giuridici nuovi ed originali; 18

19 2) essi godono di autonomia patrimoniale; 3) i sottoscrittori non sono proprietari del patrimonio del Fondo, sebbene esso sia costituito grazie ai loro conferimenti in denaro; 4) la società di gestione ha ampi poteri di amministrazione di tale patrimonio, ma non ne ha la facoltà di godimento e non ne è la proprietaria. Essa esercita un'attività d'impresa che si estrinseca nel perseguimento delle finalità istituzionali del Fondo; a tale scopo i suoi poteri sono funzionalmente vincolanti nell'interesse dei partecipanti, verso i quali essa risponde per la gestione secondo le regole del mandato. Sulla base di queste considerazioni si perviene alla seguente definizione: "La costituzione del Fondo comune d'investimento fa sorgere un patrimonio separato (da quello della società di gestione e dei partecipanti) qualificato dallo scopo cui è destinato, sul quale spetta alla società di gestione (in quanto strumento della sua attività d'impresa) la titolarità di una situ azione giuridica reale il cui contenuto presenta elementi propri del diritto di proprietà ma da esso si differenzia per la presenza di un vincolo finalistico che crea alla società l'obbligo, di cui sono beneficiari i partecipanti al Fondo, di esercitare i poteri contenuti in quella situazione nell'interesse di quest'ultimi". Il punto fondamentale su cui s'impernia questa teoria è quindi che il Fondo è un patrimonio separato, sul quale non gravano diritti di proprietà in senso tradizionale. Questa situaz ione reale non ha equivalenti nel nostro ordinamento, ma d'altra parte nasce dal tentativo di adattare un istituto giuridico, il trust, peculiare dell'ordinamento anglosassone ad un sistema continentale di derivazione romanistica come il nostro. Se ne deduce che la titolarità del Fondo deve spettare alla società di gestione, dato che costituisce lo strumento primario di cui essa si avvale nell'esercizio della propria attività di impresa, ma questa 19

20 titolarità è attribuita alla società nell'interesse primario dei partecipanti e quindi non dà luogo ad un diritto soggettivo, bensì ad una "funzione". L'analogia più prossima che si può trovare per la situazione della società nei confronti del Fondo è con la posizione del trustee negli ordinamenti di common law, il che costituisce una indubbia conferma dell'esattezza della nostra tesi, ove si ricordi l'origine storica dell'istituto dell'investment trust e gli scopi perseguiti dai legislatori europei nel tentativo di riprodurne il modello. Alcuni studiosi su questo punto hanno sollevato un'obiezione circa l'illegittimità di una tale formulazione giuridica. Essi hanno fatto presente che la nostra normativa si basa sul principio che esiste un ben specificato e definito numero (numerus clausus) di diritti reali tassativamente previsti dal legislatore, tra i quali non è ricompresa questa particolare figura di "titolarità funzionale" di carattere fiduciario. Una simile critica, per quanto formalmente appaia corretta, è sembrata da respingere in quanto pare prescindere dalle ragioni per cui una collettività si dà un ordinamento giuridico. E' infatti evidente che rientra tra le facoltà del legislatore la possibilità di adeguare il diritto alle realtà che emergono nella società, altrimenti, con il trascorrere del tempo, uno Stato si troverebbe a disporre di una normativa che non è in grado di soddisfare le esigenze che la collettività manifesta. In quest'ottica appare pacifico accettare che l'autorità legislativa possa senz'altro superare il predetto principio mediante u na legislazione speciale ed introdurre, anche implicitamente, nuove figure di diritti reali. Il fatto che la società di gestione si ponga come titolare del patrimonio del Fondo rispetto a terzi per esercitare la sua attività economica, vincolata funzionalmente all'interesse dei partecipanti, ha fatto sorgere delle critiche verso questa particolare situazione giuridica. Essa infatti non ha nulla a 20

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust.

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 dicembre 2010 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. PREMESSA Come noto, l articolo 1, commi da 74 a 76, della

Dettagli

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla configurabilità di un Trust Onlus Approvato dalla Commissione

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alle partecipazione di controllo detenute da Onlus in enti societari aventi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 52 /E

RISOLUZIONE N. 52 /E RISOLUZIONE N. 52 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 maggio 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica Disciplina IVA delle prestazioni, rese alle imprese assicuratrici, di gestione degli attivi a copertura

Dettagli

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO?

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? regolazione SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? Raffaele Lener * Gli strumenti finanziari di tipo partecipativo, che il diritto societario ha consentito

Dettagli

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.7 Il regime fiscale 4.7.1 Le imposte dirette

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.7 Il regime fiscale 4.7.1 Le imposte dirette 92 4. La Società di Mutuo Soccorso 4.7 Il regime fiscale 4.7.1 Le imposte dirette La disciplina fiscale delle Società di mutuo Soccorso deve essere esaminata alla luce della approvazione del D. Lgs. 4

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO. PARERE N. 02 DEL 12 gennaio 2011 IL QUESITO. Unica Partecipazione in SRL appartenente a più soggetti

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO. PARERE N. 02 DEL 12 gennaio 2011 IL QUESITO. Unica Partecipazione in SRL appartenente a più soggetti FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 02 DEL 12 gennaio 2011 IL QUESITO Unica Partecipazione in SRL appartenente a più soggetti Quando più eredi acquisiscono la

Dettagli

RISOLUZIONE N. 72/E. Roma, 12 luglio 2010

RISOLUZIONE N. 72/E. Roma, 12 luglio 2010 RISOLUZIONE N. 72/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 luglio 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica Redditi derivanti dagli Exchange Traded Commodities articolo 67, comma 1, lettera c-quater), del TUIR

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 59-2006/I Acquisto di quote o azioni proprie da parte di un confidi operante in forma di società cooperativa Approvato dal Gruppo di Studio Consorzi Fidi il

Dettagli

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Una delle questioni che la lettura e l interpretazione delle regole contenute nel nuovo

Dettagli

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività.

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività. Glossario finanziario Asset Allocation Consiste nell'individuare classi di attività da inserire in portafoglio al fine di allocare in maniera ottimale le risorse finanziarie, dati l'orizzonte temporale

Dettagli

Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014. Annunziata & Conso

Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014. Annunziata & Conso Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014 Annunziata & Conso La recente sentenza del Tribunale di Roma del 20 maggio 2014, n. 11384, offre l occasione per fare il punto

Dettagli

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore 4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore Testo in vigore Art. 8 Contenuto dell accordo o del piano del consumatore 1. La proposta di accordo o di piano del consumatore prevede la ristrutturazione

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

Roma, 06 luglio 2009. Quesito

Roma, 06 luglio 2009. Quesito RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 luglio 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Fusione tra società residenti in altri Stati

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

OGGETTO: Istanza di Interpello - Art. 11, legge 27-7-2000, n. 212. XX

OGGETTO: Istanza di Interpello - Art. 11, legge 27-7-2000, n. 212. XX RISOLUZIONE N. 17/E Roma, 27 gennaio 2006 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Prot. n. 2005/180472 OGGETTO: Istanza di Interpello - Art. 11, legge 27-7-2000, n. 212. XX Con l interpello specificato

Dettagli

Il Consiglio ATTO DI SEGNALAZIONE AL GOVERNO E AL PARLAMENTO

Il Consiglio ATTO DI SEGNALAZIONE AL GOVERNO E AL PARLAMENTO Il Consiglio ATTO DI SEGNALAZIONE AL GOVERNO E AL PARLAMENTO Oggetto: Cooperative sociali e fondazioni. Requisito del capitale sociale di cui all art. 98, comma 1, lett. b) del d.p.r. 21 dicembre 1999,

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE

TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE N O E S Le società Ripassare ed esercitarsi TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE Società di persone Società di capitali Società semplice Società in accomandita semplice Società cooperativa Società di mutua

Dettagli

Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche

Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche (Maggio 1983) I. Introduzione Il presente documento 1 delinea alcuni principi ai quali il Comitato ritiene dovrebbe essere informata la

Dettagli

Periodico informativo n. 20/2011. Finanziamento soci

Periodico informativo n. 20/2011. Finanziamento soci Periodico informativo n. 20/2011 Finanziamento soci Gentile cliente, alla luce delle difficoltà finanziarie che stanno attraversando in questo periodo le imprese, sovente per garantire il funzionamento

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

STATUTO I. NOME, SEDE, FINI, STRUMENTI

STATUTO I. NOME, SEDE, FINI, STRUMENTI STATUTO I. NOME, SEDE, FINI, STRUMENTI Art. 1 - E costituita, ai sensi degli artt. 36 e ss. c.c., l'associazione culturale AEQUA Associazione per l Efficienza e la QUalità nell Amministrazione). Art. 2

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

In linea generale, l impresa collettiva è quella

In linea generale, l impresa collettiva è quella UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE -Diritto commerciale 2013/14 IMPRESA COLLETTIVA E SCOPI ASSOCIATIVI In linea generale, l impresa collettiva è quella - esercitata in comune da più soggetti; - nella titolarità

Dettagli

Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati.

Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati. RISOLUZIONE N. 139/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 7 maggio 2002 Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati. Con nota del 4 aprile 2002,

Dettagli

Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Regime legale della successione mortis causa della partecipazione liquidare

Dettagli

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012 ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo Via del Quirinale, 21 00187 Roma Roma, 15 giugno 2012 Commenti dell associazione Chief Risk Officer Forum Italia (CROFI)

Dettagli

LEZIONE 10 GENNAIO 2014

LEZIONE 10 GENNAIO 2014 LEZIONE 10 GENNAIO 2014 SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA> Come noto, è un ente dotato di personalità giuridica che rientra nel novero delle società di capitali. La riforma ha portato un integrale revisione

Dettagli

ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI DI AZIONI DI RISPARMIO DI CATEGORIA B. 6 maggio 2014 Milano, Via Angelo Rizzoli n. 8.

ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI DI AZIONI DI RISPARMIO DI CATEGORIA B. 6 maggio 2014 Milano, Via Angelo Rizzoli n. 8. Sede legale in Milano - Via Angelo Rizzoli n. 8 Capitale sociale Euro 475.134.602,10 interamente versato Registro delle Imprese di Milano e Codice Fiscale n. 12086540155 ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI

Dettagli

DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II)

DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II) DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II) CODICE CIVILE Artt. 14-42 CAPO II Delle associazioni e delle fondazioni Art. 14. Atto costitutivo Art. 15.Revoca dell atto costitutivo della

Dettagli

La Società di Mutuo Soccorso 1. Gli enti mutualistici non societari

La Società di Mutuo Soccorso 1. Gli enti mutualistici non societari 3 La Società di Mutuo Soccorso 1. Gli enti mutualistici non societari Anche se la legge 59/92 ha riportato l'attenzione sulla nozione di ente mutualistico, dettando disposizioni al riguardo in tre diversi

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma,

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma, Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione Roma, OGGETTO: Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni - Attività di segnalazione

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE E di pochi giorni fa la circolare n. 51/E emessa dall Agenzia delle Entrate, con la quale si chiariscono i requisiti

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it

RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it Stefano Maria Corso In tema di prevenzione dagli infortuni sul lavoro chiunque, in qualsiasi modo abbia assunto una posizione

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE TRADUZIONE NON UFFICIALE ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Il Governo della Repubblica di San Marino e il Governo

Dettagli

Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 *

Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 * Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 * SOCIO AMMINISTRATORE DI S.R.L. COMMERCIALE: GESTIONE COMMERCIANTI O GESTIONE SEPARATA? NO DELLA CORTE DI CASSAZIONE ALLA DUPLICE CONTRIBUZIONE INPS Con la sentenza

Dettagli

CAPO II. Delle associazioni e delle fondazioni. Le associazioni e le fondazioni devono essere costituite con atto pubblico (1350, 2643).

CAPO II. Delle associazioni e delle fondazioni. Le associazioni e le fondazioni devono essere costituite con atto pubblico (1350, 2643). Estratto Codice Civile Art. 12 Persone giuridiche private Le associazioni, le fondazioni e le altre istituzioni di carattere privato acquistano la personalità giuridica mediante il riconoscimento concesso

Dettagli

Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico in s.p.a.

Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico in s.p.a. RISOLUZIONE N. 313/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,05 novembre 2007 Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico

Dettagli

RISOLUZIONE N. 175/E

RISOLUZIONE N. 175/E RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12/08/2003 Oggetto: Istanza di interpello - Art. 67 e 71 TUIR Deducibilità ammortamenti finanziari e svalutazione crediti in caso di

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier

Studio Legale Casella e Scudier Circolare n. 2/2011 del 20 settembre 2011* SICUREZZA E SALUTE DEL LAVORO NELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO E NELLE COOPERATIVE SOCIALI: EMANATO IL DECRETO MINISTERIALE DI ATTUAZIONE DEL DECRETO 81/08

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

Oggetto: PROCEDURE PER I FINANZIAMENTI DEI SOCI

Oggetto: PROCEDURE PER I FINANZIAMENTI DEI SOCI Oggetto: PROCEDURE PER I FINANZIAMENTI DEI SOCI L apporto di liquidità dei soci alle società partecipate può avvenire a diverso titolo, passando dal prestito (quindi con previsione di restituzione sin

Dettagli

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef CIRCOLARE N. 56/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 10 dicembre 2010 OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef 2 INDICE PREMESSA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

REGOLAMENTO concernente la partecipazione a consorzi, fondazioni e società ai sensi dell art. 2 comma 2 dello Statuto dell ISFOL

REGOLAMENTO concernente la partecipazione a consorzi, fondazioni e società ai sensi dell art. 2 comma 2 dello Statuto dell ISFOL REGOLAMENTO concernente la partecipazione a consorzi, fondazioni e società ai sensi dell art. 2 comma 2 dello Statuto dell ISFOL Articolo 1 Principi generali 1. Ai sensi di quanto previsto dall art. 2,

Dettagli

RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO

RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO 1. LA PREMESSA 2. LA DEFINIZIONE GIURIDICA 3. LA STORIA 4. I PUNTI DA PONDERARE 5. LA SITUAZIONE ATTUALE 6. CI FERMIAMO

Dettagli

Deliberazione n. 1/2009/PAR

Deliberazione n. 1/2009/PAR Deliberazione n. 1/2009/PAR Repubblica italiana Corte dei Conti La Sezione del controllo per la Regione Sardegna composta dai Signori: dott. Mario Scano dott. Nicola Leone dott.ssa Maria Paola Marcia dott.

Dettagli

Il conferimento di partecipazioni e la riorganizzazione di gruppi societari e familiari

Il conferimento di partecipazioni e la riorganizzazione di gruppi societari e familiari Operazioni straordinarie di Fabio Giommoni * Il conferimento di partecipazioni e la riorganizzazione di gruppi societari e familiari Con la C.M. n.33/e del 17 giugno 2010 l Agenzia delle Entrate ha fornito

Dettagli

RISOLUZIONE N. 9/E. Lo ha chiarito. Roma, 22 gennaio 2015

RISOLUZIONE N. 9/E. Lo ha chiarito. Roma, 22 gennaio 2015 RISOLUZIONE N. 9/E Lo ha chiarito Direzione Centrale Normativa Roma, 22 gennaio 2015 OGGETTO: Interpello - Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 - Articolo 29 decretolegge 18 ottobre 2012, n. 179 Incentivi

Dettagli

Direzione Centrale Roma, 10 agosto 2004 Normativa e Contenzioso

Direzione Centrale Roma, 10 agosto 2004 Normativa e Contenzioso Direzione Centrale Roma, 10 agosto 2004 Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE 117/E Oggetto: Mandato senza rappresentanza alla locazione di immobili ad uso turistico - Trattamento, ai fini IVA, delle somme

Dettagli

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Novembre 2014 Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Avv. Francesco Bonichi, Tax Partner, Avv. Michele Milanese,

Dettagli

CIRCOLARE N. 24/E. Roma, 31 luglio 2014

CIRCOLARE N. 24/E. Roma, 31 luglio 2014 CIRCOLARE N. 24/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 luglio 2014 OGGETTO: Articolo 1 del decreto-legge 31 maggio 2014, n. 83 Credito di imposta per favorire le erogazioni liberali a sostegno della cultura

Dettagli

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.6 Il bilancio o rendiconto consuntivo

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.6 Il bilancio o rendiconto consuntivo 83 4. La Società di Mutuo Soccorso 4.6 Il bilancio o rendiconto consuntivo Una delle problematiche che assume maggiore rilievo nelle Società di Mutuo Soccorso, riguarda l'individuazione della corretta

Dettagli

2) PRIMO COMMENTO SULLA REVISIONE ART. 4 STATUTO SU CONTROLLI A DISTANZA (Modifiche all'art. 4, legge n. 300/1970 e all'art. 171 d.lgs. n.

2) PRIMO COMMENTO SULLA REVISIONE ART. 4 STATUTO SU CONTROLLI A DISTANZA (Modifiche all'art. 4, legge n. 300/1970 e all'art. 171 d.lgs. n. C O N FEDERAZIO NE G ENE RALE ITALIANA D EL LAVO RO Ufficio giuridico e vertenze Roma, 8 luglio 2015 2) PRIMO COMMENTO SULLA REVISIONE ART. 4 STATUTO SU CONTROLLI A DISTANZA (Modifiche all'art. 4, legge

Dettagli

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE INFORMA. Circolare informativa - ottobre 2009 Materia Giuridica: Mediazione tipica e mediazione atipica: i nuovi profili di responsabilità delineati dalla pronuncia della Cassazione civile 14.07.2009 n.

Dettagli

Polizza assicurativa Tutela Futuro

Polizza assicurativa Tutela Futuro Polizza assicurativa Tutela Futuro Servizi reali per la non autosufficienza Dai primi anni 90 si è manifestato un crescente interesse per il sostanziale aumento della domanda di prestazioni di lunga durata

Dettagli

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione I sistemi e le procedure di controllo negli enti non profit di Giorgio Gentili Sireco srl di Roma e Hepta Consulenza Srl di San Severino Marche (MC) L a Commissione aziende non profit del Consiglio nazionale

Dettagli

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Estratti di conto corrente, rendiconti dei libretti di risparmio e comunicazioni dei prodotti finanziari Dalle Entrate nuovi chiarimenti sull applicazione dell imposta

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 26 (rivisto nella sostanza nei 1994) Fondi di previdenza

Principio contabile internazionale n. 26 (rivisto nella sostanza nei 1994) Fondi di previdenza Principio contabile internazionale n. 26 (rivisto nella sostanza nei 1994) Fondi di previdenza Ambito di applicazione 1. Il presente Principio deve essere applicato per la presentazione delle informazionifinanziarie

Dettagli

IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA 2. I SOGGETTI COINVOLTI

IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA 2. I SOGGETTI COINVOLTI IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA Il trust è un contratto con cui un soggetto disponente (settlor) trasferisce la proprietà di uno o più beni a un soggetto fiduciario (trustee), il quale ne dispone e

Dettagli

Aspetti fiscali del trust

Aspetti fiscali del trust Aspetti fiscali del trust CONCETTO GENERALE L ART. 1 CO. 74 DELLA L. N. 296/2006 HA INSERITO IL TRUST TRA GLI ENTI COMMERCIALI E NON COMMERCIALI NELL AMBITO DEI SOGGETTI CHE SCONTANO L IRES DI CUI ALL

Dettagli

Collegio di Milano. Decisione N. 436 del 02 marzo 2011. composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente

Collegio di Milano. Decisione N. 436 del 02 marzo 2011. composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente Collegio di Milano composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof.ssa Cristiana Maria Schena Membro designato dalla Banca d Italia - Prof. Avv. Emanuele Lucchini Guastalla Membro

Dettagli

RISOLUZIONE N. 354/E

RISOLUZIONE N. 354/E RISOLUZIONE N. 354/E Roma, 06 dicembre 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Interpello n. 954-578/2007 Art. 10 DPR 26 ottobre 1972, n. 633 ALFA S.p.A. La Direzione Regionale.. ha trasmesso

Dettagli

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830 L APPLICAZIONE IN ITALIA DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI E LA RIFORMA DELLA DISCIPLINA DEL BILANCIO INTERVENTI LEGISLATIVI RELATIVI ALLA DISCIPLINA DEL BILANCIO IN CONSIDERAZIONE DEL D.LGS. 17 GENNAIO

Dettagli

Marzo 2015. Federico Strada, Senior Counsel, dipartimento Employment, Carlotta Benigni, Associate, dipartimento Tax, DLA Piper

Marzo 2015. Federico Strada, Senior Counsel, dipartimento Employment, Carlotta Benigni, Associate, dipartimento Tax, DLA Piper Marzo 2015 DDL Concorrenza e novità in tema di fondi pensione Federico Strada, Senior Counsel, dipartimento Employment, Carlotta Benigni, Associate, dipartimento Tax, DLA Piper Il cosiddetto Disegno Di

Dettagli

La fiscalità dei trust di interesse familiare: casi particolari e confronto con strumenti alternativi

La fiscalità dei trust di interesse familiare: casi particolari e confronto con strumenti alternativi La fiscalità dei trust di interesse familiare: casi particolari e confronto con strumenti alternativi Avv. Massimo Antonini 11 marzo 2011 massimo.antonini@chiomenti.net Patti di famiglia Caratteristiche

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento

Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento 27 Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento di Anna Liconti Traccia Tizia si rivolge al suo legale di fiducia manifestando l intenzione di volersi separare dal marito Caio per sopravvenute

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini

3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini Le specificità dei singoli servizi. Offerta fuori sede e tecniche di comunicazione a distanza 161 3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini Per la prestazione del servizio di ricezione e trasmissione

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

Savona 16-10-2009. incontro di approfondimento con le famiglie

Savona 16-10-2009. incontro di approfondimento con le famiglie A.I.A.S. SAVONA ONLUS ASSOCIAZIONE DOWN SAVONA ONLUS APOS ONLUS SAVONA Distretto Socio Sanitario 7 Savonese Segreteria Tecnica Associazione Il trust per noi, dopo di voi. Savona 16-10-2009 Trust per disabili

Dettagli

Il Codice Civile Italiano

Il Codice Civile Italiano Il Codice Civile Italiano LIBRO PRIMO DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA Art. 14 Atto costitutivo CAPO II Delle associazioni e delle fondazioni Le associazioni e le fondazioni devono essere costituite con

Dettagli

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO di Giorgio Tarzia, Avvocato e professore Sommario: 1. Premessa - 2. Quali sono le impugnative non esperibili nel successivo

Dettagli

IL TRUST PER SOGGETTI DEBOLI

IL TRUST PER SOGGETTI DEBOLI IL TRUST PER SOGGETTI DEBOLI Prof. Alceste Santuari Docente di diritto dell economia degli enti non profit Università di Bologna sede di Forlì @ alceste.santuari@unibo.it Il Trust Per trust s'intendono

Dettagli

La Fondazione di partecipazione

La Fondazione di partecipazione 29 Giugno 2011 Palmanova (Ud) La Fondazione di partecipazione Note sul regime tributario delle Fondazioni di Partecipazione Avv. Laura Bellicini La disamina delle peculiari caratteristiche delle Fondazioni

Dettagli

I soggetti che operano nel mercato finanziario. Francesca Mattassoglio

I soggetti che operano nel mercato finanziario. Francesca Mattassoglio I soggetti che operano nel mercato finanziario Francesca Mattassoglio Art. 18 TUF 1. L'esercizio professionale nei confronti del pubblico dei servizi e delle attività di investimento è riservato alle imprese

Dettagli

C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 20 / 2 0 1 3. PATTO DI FAMIGLIA profili fiscali

C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 20 / 2 0 1 3. PATTO DI FAMIGLIA profili fiscali C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 20 / 2 0 1 3 A: Da: V E Z Z A N I & A S S O C I A T I C/a: Pagine: 5 Fax: Data: 27 maggio 2013 Egregi Signori, PATTO DI FAMIGLIA profili fiscali si segnala un argomento

Dettagli

Trust: imposta di donazione immediata. Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866

Trust: imposta di donazione immediata. Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 102 24.03.2015 Trust: imposta di donazione immediata Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866 Categoria: Enti commerciali/non commerciali Sottocategoria:

Dettagli

RISOLUZIONE N.15/E QUESITO

RISOLUZIONE N.15/E QUESITO RISOLUZIONE N.15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 18 febbraio 2011 OGGETTO: Consulenza giuridica - polizze estere offerte in regime di libera prestazione dei servizi in Italia. Obblighi di monitoraggio

Dettagli

Empoli 50053 Via J. Carrucci, 116 Roma 00187 Via Lucullo, 3. Milano 20122 Piazzetta U. Giordano Prato 59100 Via Reggiana, 118/1

Empoli 50053 Via J. Carrucci, 116 Roma 00187 Via Lucullo, 3. Milano 20122 Piazzetta U. Giordano Prato 59100 Via Reggiana, 118/1 Empoli 50053 Via J. Carrucci, 116 Roma 00187 Via Lucullo, 3 Milano 20122 Piazzetta U. Giordano Prato 59100 Via Reggiana, 118/1 Seminario del 14 novembre 2011 LA SENTENZA N. 5032/2011 DEL CONSIGLIO DI STATO

Dettagli

La SICAF mobiliare principali profili fiscali. Avv. Enrico Pauletti. Milano, 25 marzo 2015

La SICAF mobiliare principali profili fiscali. Avv. Enrico Pauletti. Milano, 25 marzo 2015 La SICAF mobiliare principali profili fiscali Avv. Enrico Pauletti Milano, 25 marzo 2015 1 Premessa - Introduzione della SICAF Introduzione con il D. Lgs. n. 44/2014 di recepimento della Direttiva AIFM

Dettagli

Sezione Consultiva per gli Atti Normativi

Sezione Consultiva per gli Atti Normativi CONSIGLIO DI STATO Sezione Consultiva per gli Atti Normativi N. della Sezione: 3640/2010 OGGETTO: Ministero della giustizia. Schema di regolamento recante la determinazione dei criteri e delle modalità

Dettagli

Il fondo patrimoniale

Il fondo patrimoniale Paolo Tonalini Notaio Il fondo patrimoniale Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO PAOLO

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO E STATUTO

ATTO COSTITUTIVO E STATUTO ATTO COSTITUTIVO E STATUTO Oggi i sottoscritti : Xy nato a.residente in..c.f.. convengono e stipulano il seguente atto: 1) E costituita con sede a un Associazione tra i Gruppi di Acquisto Solidale (da

Dettagli

SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE

SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE Situazioni giuridiche soggettive - dispense 1 DIRITTO PRIVATO LE SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE (dispense a cura di Carlo Dore) SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE Premesso che la principale funzione della

Dettagli

1 Art. 19 della Direttiva 2004/18 in tema di Appalti riservati: Gli Stati membri possono riservare la

1 Art. 19 della Direttiva 2004/18 in tema di Appalti riservati: Gli Stati membri possono riservare la LA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI APPALTI RISERVATI INTRODUCE NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA LA FIGURA DEL LABORATORIO PROTETTO QUALE NUOVA FORMA DI IMPRESA SOCIALE Con l emanazione, in attuazione delle direttive

Dettagli