Indirizzo CAP Località postale Provincia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indirizzo CAP Località postale Provincia"

Transcript

1 Terminale Matricola Data C.D.G. Indirizzo CAP Località postale Provincia Nominativo Luogo di nascita Data di nascita Codice Fiscale / Partita IVA C.D.G. INFORMAZIONI SULL IMPRESA DI INVESTIMENTO, I SUOI SERVIZI E SULLA SALVAGUARDIA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI E DELLE SOMME DI DENARO DELLA CLIENTELA ai sensi degli artt. 29 e 30 Reg. Consob n del La Banca Popolare Valconca sooc. coop. (già Banca Cooperativa Morcianese) costituita con atto del notaio Dott. Alfredo Nanni repertorio n in data 13/08/1910 secondo il diritto italiano dal quale è regolata, - iscritta presso il Registro delle Imprese di Rimini con il numero 63 e con numero di Partita Iva , - ed altresì iscritta all Albo delle Banche tenuto dalla Banca d Italia (Banca Centrale della Repubblica Italiana ed Istituto di Vigilanza con sede legale in Roma, Via Nazionale n. 91) di cui all art. 13 D. Lgs. n. 385/93 al n di matricola e al n di codice, con sede sociale e direzione generale in Via Bucci n. 61, Morciano di Romagna (RN), Telefono: +39 (0) ; Fax: +39 (0) ; Sito internet: Swift Code: BPVM IT 2R; Pronto Cambi Telefono: +39 (0) ; Pronto Borsa Telefono: +39 (0) , ai sensi della vigente normativa sulla prestazione dei servizi di investimento, fornisce al Cliente le seguenti informazioni sulla Banca e sui servizi di investimento dalla medesima prestati. 1. Elenco Filiali della Banca Il Cliente, per usufruire dei servizi della Banca, dovrà rivolgersi presso una qualsiasi delle filiali aperte al pubblico. L elenco completo delle stesse è disponibile al sito internet o comunque reperibile contattando i recapiti telefonici ed indicati in epigrafe. 2. Lingue e Metodi di comunicazione Ogni comunicazione tra la Banca ed il Cliente o comunque lo scambio di corrispondenza e documentazione tra gli stessi avverrà in lingua italiana. Il Cliente potrà rivolgersi alla Banca per informazioni, atti dispositivi a valere su rapporti contrattuali già in essere, apertura di nuovi rapporti, reclami verbali, chiarimenti e ogni tipo di comunicazione presentandosi presso una delle filiali sopra elencate negli orari di apertura al pubblico ossia: 8,20 13,20; 14,50 15,50 (dal lunedì al venerdì. Le Filiali di Rimini Centro, Rimini Le Befane e Morciano sono aperte anche il sabato dalle 9,00 alle Per informazioni, chiarimenti e comunicazioni diversi da atti dispositivi il Cliente potrà altresì telefonare alle predette filiali negli indicati orari di apertura. Gli ordini di acquisto/vendita di strumenti finanziari potranno inoltre essere impartiti dal Cliente anche telefonicamente, nel qual caso la comunicazione telefonica verrà registrata dalla Banca e la registrazione farà piena prova, anche nei confronti del Cliente, dell ordine di investimento. La Banca comunicherà con il Cliente sia tramite le filiali, e ciò anche con avvisi esposti nei locali aperti al pubblico, sia telefonicamente ove l urgenza della comunicazione lo renda necessario. L informativa periodica dovuta ai sensi di legge e di contratto nell ambito della prestazione dei servizi di investimento e accessori oggetto dei rapporti in essere con il Cliente quale, a mero titolo esemplificativo, gli estratti di deposito titoli, rendiconti, note informative e comunque ogni altra comunicazione personale non urgente verrà effettuata dalla Banca a mezzo posta o fax. 3. Attività svolta dalla Banca La Banca Popolare Valconca è autorizzata dalla Banca d Italia - con sede legale in Roma (00184), Via Nazionale n. 91; Numero telefono: ; Indirizzi di posta elettronica: a svolgere l attività bancaria di raccolta del risparmio tra il pubblico e esercizio del Mod. T054MiFID - Allegato 3 - Ed. 02/ Prezzo - Modulsistem Pag. 1/5

2 creditori ai sensi del D. Lgs. n. 385/93 (Testo Unico delle leggi in materia bancaria e creditizia) nonché i servizi di investimento di negoziazione, ricezione e trasmissione ordini e collocamento di strumenti finanziari. La Banca è altresì autorizzata dalla Banca d Italia, sentita la Consob, a svolgere l attività di consulenza ai sensi dell art. 19 comma 8 D. Lgs. n. 164 del 17 settembre 2007 modificativo del D. Lgs. n. 58/98 (Testo Unico della Finanza). Sulla base dello Statuto vigente, approvato dall assemblea straordinaria dei soci del 27 giugno 2005 con verbale in pari data n di repertorio Notaio dott.ssa Rosa Menale, la Banca può infine svolgere tutte le operazioni ed i servizi bancari di raccolta del risparmio ed esercizio del credito nelle sue varie forme, tanto nei confronti dei soci quanto dei non soci, nonché i servizi finanziari per i quali è autorizzata dall Autorità di Vigilanza e come sopra descritti, ed ogni altra operazione strumentale o comunque connessa al raggiungimento dello scopo sociale. 4. Documentazione a rendiconto dell attività svolta 4a. Informativa rilasciata al Cliente al conferimento dell ordine di compravendita / sottoscrizione di strumenti finanziari (l ordine ) La Banca Popolare Valconca nel caso in cui l ordine sia impartito dal Cliente presso una delle filiali aperte al pubblico rilascia a quest ultimo a titolo di attestazione una copia dell ordine dal medesimo sottoscritto contenete le informazioni essenziali per la sua esecuzione. Qualora il Cliente impartisca invece un ordine tramite il sistema di trading on line della Banca il medesimo Cliente potrà stampare dalla propria postazione informatica l attestazione cartacea del dettaglio dell ordine in tal modo impartito contenente le informazioni essenziali dell operazione richiesta. Altresì qualora l ordine venga impartito dal Cliente tramite il call center della Banca, è facoltà del medesimo Cliente richiedere a quest ultima l invio dell attestazione cartacea ad esso relativo, nel qual caso la Banca provvederà ad inviargliene copia a mezzo fax. Qualora infine il Cliente impartisca un ordine di borsa telefonico, questo verrà registrato dalla Banca su apposito nastro magnetico. La Banca rilascia inoltre al Cliente attestazione della eventuale revoca dell ordine dal medesimo disposta prima dell esecuzione (anche parziale) dell ordine con le medesime modalità sopra descritte a seconda che la revoca sia effettuata in filiale oppure telefonicamente o attraverso il sito internet della Banca. 4b. Informativa dell avvenuta esecuzione dell ordine del Cliente Nel caso in cui l ordine sia stato impartito da un Cliente al dettaglio la Banca invierà a mezzo posta prioritaria al medesimo all indirizzo indicato in contratto (o a quello successivamente comunicato per iscritto alla Banca) una conferma dell esecuzione dell ordine (nota informativa) entro il primo giorno lavorativo: (i) successivo all esecuzione dell ordine nel caso in cui dell avvenuta esecuzione abbia avuto notizia diretta, ovvero (ii) successivo alla ricezione della conferma dell avvenuta esecuzione qualora questa debba provenire da un terzo. Anche nel caso in cui il Cliente abbia disposto l ordine via internet (trading on line) ovvero abbia comunicato alla Banca di possedere una casella di posta elettronica, la nota informativa sarà inviata a mezzo posta prioritaria. La nota informativa, tuttavia, non è dovuta e non sarà inviata dalla Banca nel caso in cui la stessa conterrebbe le stesse informazioni di un altra conferma che per la tipologia di operazione viene inviata al Cliente da altro soggetto. Questo è il caso, a mero titolo esemplificativo, di ordini aventi ad oggetto l investimento/disinvestimento di quote o di fondi comuni di investimento e altri OICR nei quali la conferma dell avvenuta esecuzione, totale o parziale, dell ordine impartito dal Cliente è a lui comunicata direttamente dalla società di gestione. La suddetta informativa, con le dette modalità e termini, verrà inviata al Cliente anche nel caso in cui l ordine del medesimo abbia trovato esecuzione solo parziale o sia rimasto del tutto ineseguito. Nel caso in cui il Cliente abbia impartito l ordine via internet (trading on line) potrà in ogni momento verificare lo stato del suo ordine dalla sua postazione informatica accedendo all apposita sezione del sito della Banca. 5. Deposito degli strumenti finanziari dei clienti detenuti dalla Banca e tutele predisposte La Banca Popolare Valconca informa il Cliente che presso la stessa sono istituite e conservate apposite evidenze degli strumenti finanziari del Cliente, suddivise per tipologia di servizio e di attività prestata dalla medesima Banca e contenenti, con riferimento alle singole operazioni relative ai beni di pertinenza del Cliente, la data dell operazione, la data del regolamento previsto dal contratto e la data dell effettivo regolamento. La stessa provvede, inoltre, in via continuativa e con tempestività ad aggiornare tali evidenze ed in particolare, anche tenuto conto della frequenza e del volume delle transazioni concluse nel periodo, a riconciliare regolarmente le medesime con gli estratti conto prodotti dai sub-depositari o con i beni depositati presso la stessa, di modo che il Cliente in ogni momento possa verificare la propria posizione. Gli strumenti finanziari intestati al Cliente potranno essere detenuti per conto della Banca da un terzo, e precisamente, in un conto intestato alla medesima Banca con l espressa indicazione che si tratta di beni di terzi tenuto distinto da altri eventuali conti dalla stessa accesi presso il medesimo sub-depositario. A tal fine la Banca verifica e monitora annualmente l affidabilità dei subdepositari dalla stessa scelti sulla base delle loro competenze e della loro reputazione di mercato, tenendo anche conto delle disposizioni legislative o regolamentari vigenti, oltre che delle prassi esistenti nei mercati in cui essa opera. In ogni caso la Banca provvede ad indicare nelle proprie evidenze relative a ciascun cliente i soggetti presso i quali sono sub-depositati gli strumenti finanziari del Cliente di modo che quest ultimo potrà richiederne informativa in ogni momento. In particolare ed in prevalenza gli strumenti finanziari del Cliente sono in subdeposito accentrato presso la Monte Titoli S.p.A., come anticipato, in un conto omnibus intestato alla Banca, ma con la precisa indicazione che si tratti di Beni di Terzi. Fanno eccezione i titoli di emittenti americani, le azioni estere non quotate in Italia e i titoli obbligazionari di emittenti americani che sono invece subdepositati in Centrosim S.p.A. (n.d.r. società di intermediazione mobiliare delle banche popolari italiane), anch essi in un conto omnibus sottorubricato Banca Popolare Valconca conto terzi. Inoltre, i titoli esteri quotati all estero, i titoli quotati all Euromercato e titoli esteri non quotati sono sudepositati in un conto omnibus presso la Clearstream Banking S.A.. Posto quanto sopra, si precisa, infatti, che costituisce conto omnibus il conto aperto dalla Banca presso un depositario abilitato, e nel caso di specie i tre soggetti abilitati sopra menzionati, intestato alla medesima Banca, in cui sono immessi strumenti finanziari di pertinenza della sua clientela. La Banca, ed in particolare l Ufficio Titoli della stessa, provvede ad aggiornare e quadrare il dossier unico detenuto presso Monte Titoli S.p.A., Centrosim S.p.A. e Clearstream Banking S.A. con le risultanze delle movimentazioni dei dossier del Cliente aperti presso la Banca. La quadratura con Monte Titoli S.p.A. avviene quotidianamente, mentre con Centrosim S.p.A. e Clearstream Banking S.A. la quadratura è mensile. In ogni caso, la Banca rimane responsabile nei confronti del Cliente relativamente a detti titoli subdepositati presso i soggetti terzi sopra individuati, ossia rimane responsabile per qualsiasi atto od omissione del terzo medesimo ed anche per l eventuale insolvenza di tali soggetti subdepositari ai sensi di legge e contratto. La Banca informa il Cliente che l utilizzo, nell interesse proprio o di terzi, degli strumenti finanziari del Cliente sub-depositati presso terzi in conti omnibus è subordinato all acquisizione da parte della stessa del preventivo consenso scritto di tutti i clienti i cui strumenti sono immessi nel conto omnibus; nel caso in cui il conto omnibus sia intestato esclusivamente a clienti professionali la Banca non sarà tenuta ad acquisire un consenso scritto. Le singole operazioni concluse e la relativa remunerazione verranno rese note al Cliente con apposita comunicazione o comunque nell ambito della rendicontazione periodicamente a lui fornita. La Banca informa altresì il Cliente che le evidenze della stessa contengono i dati relativi al Cliente che ha impartito istruzioni sull utilizzo degli strumenti finanziari e al numero di strumenti finanziari utilizzati appartenenti ai clienti che abbiano dato il loro consenso, in modo da permettere una corretta ripartizione di eventuali perdite. Infine, i titoli materializzati non quotati di aziende locali e i certificati rappresentativi di fondi per i quali il Cliente ha chiesto l emissione sono conservati nel caveau della Banca, situato presso la sede centrale e direzione generale della stessa in Morciano di Romagna, via Bucci n. 61, e dotato di un sistema di allarme collegato direttamente con le Autorità di polizia. Inoltre, sono abilitati ad accedere al caveau soltanto alcuni dipendenti della Banca espressamente a ciò autorizzati, e soltanto due di essi custodiscono, ciascuno, una delle due chiavi abilitate ad accedervi. Mod. T054MiFID - Allegato 3 - Ed. 02/ Prezzo - Modulsistem Pag. 2/5

3 6. Tutele predisposte per le somme di denaro dei clienti detenute dalla Banca La Banca Popolare Valconca informa il Cliente che presso la stessa sono istituite e conservate apposite evidenze anche delle somme di denaro del Cliente, suddivise per tipologia di servizio e di attività prestate dalla medesima Banca e contenenti, con riferimento alle singole operazioni relative ai beni di pertinenza del Cliente, la data dell operazione, la data del regolamento previsto dal contratto e la data dell effettivo regolamento. La stessa provvede anche con riferimento a tali somme, in via continuativa e con tempestività ad aggiornare tali evidenze ed in particolare, anche tenuto conto della frequenza e del volume delle transazioni concluse nel periodo, a riconciliare regolarmente le medesime con i beni depositati presso la stessa, di modo che il Cliente in ogni momento possa verificare la propria posizione. La Banca Popolare Valconca, al fine di tutelare le somme di denaro dei clienti dalla stessa detenute a seguito dell esercizio dell attività di raccolta del risparmio, aderisce al Fondo interbancario di tutela dei depositi (FITD), con sede in Roma, Via del Plebiscito n. 102, ( Esso costituisce, come espressamente previsto dall art. 1 del vigente Statuto (approvato dall assemblea straordinaria delle consorziate in data 11 dicembre 1996 e successive modifiche), un consorzio di diritto privato tra banche, riconosciuto dalla Banca d Italia, avente lo scopo di garantire i clienti che hanno depositato presso le Banche consorziate somme di denaro. In particolare, il Fondo interviene, previa autorizzazione della Banca d Italia, nei casi di: (i) liquidazione coatta amministrativa delle banche consorziate, (ii) amministrazione straordinaria delle banche consorziate. E precisamente. (i) Ai sensi dell art. 27 del vigente Statuto, nell ipotesi di liquidazione coatta amministrativa della Banca il Fondo provvede al rimborso dei crediti relativi ai fondi acquisiti dalla stessa Banca con obbligo di restituzione, in euro e in valuta, sotto forma di depositi o altra forma, nonché relativi a assegni circolari e altri titoli di credito a essi assimilabili. Sono invece escluse dalla protezione del Fondo alcune fattispecie come i depositi e gli altri fondi rimborsabili al portatore; le obbligazioni e i crediti derivanti da accettazioni, pagherò cambiari e operazioni in titoli; il capitale sociale, le riserve e gli altri elementi patrimoniali della banca; i depositi riconducibili ad operazioni per le quali sia intervenuta una condanna per i reati previsti negli artt. 648-bis e 648-ter del codice penale (reati di riciclaggio e di impiego di denaro di provenienza illecita); i depositi delle amministrazioni dello Stato, degli enti regionali, provinciali, comunali e degli altri enti pubblici territoriali; i depositi effettuati dalle banche in nome e per conto proprio, nonché i crediti delle stesse; i depositi delle società finanziarie indicate nell'art. 59, comma 1 lettera b) del D.Lgs. 1 settembre 1993 n. 385, delle compagnie di assicurazione, degli organismi di investimento collettivo del risparmio, di altre società dello stesso gruppo bancario; i depositi, anche effettuati per interposta persona, dei componenti gli organi sociali e dell'alta direzione della banca o della capogruppo del gruppo bancario; i depositi, anche effettuati per interposta persona, dei soci che detengano almeno il 5% del capitale sociale della consorziata; i depositi per i quali il depositante ha ottenuto dalla consorziata, a titolo individuale, tassi e condizioni che hanno concorso a deteriorare la situazione finanziaria della consorziata stessa, in base a quanto accertato dai commissari liquidatori. Il limite massimo di rimborso per ciascun depositante è stabilito per Statuto nella somma di Euro ,38, equivalente a 200 milioni di Lire. Il calcolo del rimborso viene effettuato per i depositi in valuta con riferimento al cambio del giorno di emanazione del decreto di liquidazione coatta amministrativa. In particolare, il rimborso viene effettuato sino all ammontare del controvalore di entro tre mesi dalla data del provvedimento di liquidazione coatta amministrativa, salvo proroga da parte della Banca d Italia in circostanze eccezionali o in casi speciali per un periodo non superiore a nove mesi. Il rimborso dell ammontare residuo dovuto è effettuato con le modalità e nei termini stabili dal Consiglio del Fondo, il quale a tal fine utilizza anche le somme percepite per effetto dei riparti di liquidazione e fino al limite massimo sopra individuato. Ciò in quanto nel limite del rimborso effettuato il Fondo subentra nei diritti dei depositanti nei confronti della Banca consorziata in liquidazione coatta amministrativa ed entro tale limite percepisce i riparti erogati dalla liquidazione in via prioritaria rispetto ai depositanti destinatari dei rimborsi medesimi. In ogni caso, lo Statuto espressamente prevede che le somme dovute dal Fondo ai depositanti non sono fruttifere di interessi. (ii) Ai sensi dell art. 29 del vigente Statuto, nell ipotesi di amministrazione straordinaria della Banca il Fondo può disporre interventi di sostegno della Banca consorziata quando sussistano prospettive di risanamento e ove sia prevedibile un minor onere rispetto a quello interveniente nell ipotesi di liquidazione, ossia può concedere finanziamenti, garanzie, assumere assunzioni di partecipazioni e altre forme tecniche. (iii) In ogni caso, il Fondo può intervenire in alternativa al rimborso dei depositanti, ove sia prevedibile un minor onere, in operazioni di cessione di attività e passività, di azienda, di rami di azienda nonché di beni e rapporti giuridici individuabili in blocco. 7. Diritti di garanzia / compensazione e privilegi della Banca Nel contratto con il Cliente relativo alla prestazione di servizi di investimento è pattuito che la Banca, in garanzia di qualunque suo credito verso il Cliente (presente o futuro), è titolare di diritto di pegno e di diritto di ritenzione su tutti i titoli o valori di pertinenza del Cliente che siano detenuti dalla Banca medesima. E altresì previsto che qualora sussistano rapporti in essere con la Banca, ivi compresi conti di ogni genere, anche di deposito, operi la compensazione di legge ad ogni effetto. Inoltre, nel medesimo contratto è stabilito che nel caso in cui i rapporti bancari intercorrenti tra la Banca e il Cliente siano intestati a più persone, la Banca ha la facoltà di valersi delle cessioni di crediti e dei diritti di pegno, ritenzione e compensazione sino alla concorrenza dell intero credito vantato verso il Cliente. Ed infine, è pattuito che se il Cliente rimane in mora, allorchè la diffida ad adempiere inviata rimanga dalla Banca dal medesimo inottemperata, la Banca potrà avvalersi dei diritti ad essa spettanti ai sensi degli artt commi 3 e 4 c.c. e 2756 commi 2 e 3 c.c. realizzando direttamente o tramite intermediario autorizzato un adeguato quantitativo degli strumenti finanziari depositati, soddisfandosi sul ricavo netto della vendita e lasciando il residuo al Cliente. 8. Gestione degli eventuali conflitti di interesse La Banca Popolare Valconca informa infine il Cliente che, ai sensi della vigente normativa in materia di conflitti di interesse, la stessa ha adottato specifiche procedure organizzative per identificare e, di conseguenza, gestire gli eventuali conflitti di interesse che dovessero sorgere con il Cliente al momento della prestazione dei servizi di investimento, così da evitare che tali conflitti incidano negativamente sugli interessi del Cliente. Tuttavia, vi sono casi in cui la Banca non può escludere che, malgrado le misure organizzative adottate per assicurare, con ragionevole certezza, che il rischio di nuocere agli interessi del Cliente sia evitato, il Cliente subisca nocumento da alcune delle situazione di conflitto nelle quali si può trovare la Banca. Si tratta prevalentemente delle situazioni di conflitto determinate dai casi in cui la Banca, dalla prestazione del servizio di investimento a favore del cliente possa realizzare un guadagno finanziario o evitare una perdita che potrebbe andare a danno del cliente anche sotto forma di inducements ricevuti da soggetti terzi in conseguenza dell operazione disposta dal cliente. A tale riguardo le situazioni di conflitto di interessi nelle quali può trovarsi la Banca Popolare Valconca sono raggruppabili nelle seguenti categorie: 1. conflitti derivanti dalla partecipazione della Banca al capitale sociale di società prodotto o di società dei cui servizi si avvale nella prestazione dei servizi di investimento, quali: Centrosim S.p.A. di cui la Banca si avvale quale broker per l esecuzione degli ordini dei clienti; Arca SGR S.p.A., società di gestione di fondi comuni di investimento che vengono distribuiti dalla Banca; Arca Vita S.p.A., impresa di assicurazione appartenente al Gruppo Assicurativo Arca i cui prodotti finanziari assicurativi vengono distribuiti dalla Banca; Centrale Gpa S.p.A., di cui la Banca si avvale quale broker assicurativo; American Express Funds SICAV, società di investimento a capitale variabile autorizzata all emissione di azioni che vengono distribuite dalla Banca; American Express World Express Funds SICAV, società di investimento a capitale variabile autorizzata all emissione di azioni che vengono distribuite dalla Banca. Mod. T054MiFID - Allegato 3 - Ed. 02/ Prezzo - Modulsistem Pag. 3/5

4 2. conflitti derivanti dal fatto di essere emittente e/o collocatrice di strumenti finanziari, quali: azioni della Banca Popolare Valconca: la Banca per effetto dell operazione del cliente viene maggiormente capitalizzata; obbligazioni e certificati di deposito della Banca Popolare Valconca: la sottoscrizione da parte del cliente di obbligazioni e certificati di deposito emessi dalla Banca rappresenta per questa un finanziamento all esercizio delle proprie attività statutarie (remunerate); Fondi comuni di investimento Arca SGR S.p.A.:oltre a quanto previsto al precedente punto 1 dall essere collocatrice di tali strumenti finanziari la Banca riceve dalla società prodotto inducements la cui natura e misura è di seguito indicata nel paragrafo ad essi dedicato ( incentivi ); Prodotti finanziari assicurativi Arca VITA S.p.A.: oltre a quanto previsto al precedente punto 1 dall essere collocatrice di tali strumenti finanziari la Banca riceve dalla società prodotto inducements la cui natura e misura è di seguito indicata nel paragrafo ad essi dedicato ( incentivi ); Azioni delle SICAV American Express Funds e American Express World Express Funds: oltre a quanto previsto al precedente punto 1 dall essere collocatrice di tali strumenti finanziari la Banca riceve dalle società prodotto inducements la cui natura e misura è di seguito indicata nel paragrafo ad essi dedicato ( incentivi ). Inoltre, benché le procedure organizzative adottate dalla Banca siano dirette (i) a limitare i casi in cui i componenti gli organi aziendali, dirigenti, dipendenti della banca che partecipano alla prestazione dei servizi di investimento siano impegnati in più attività che implicano un conflitto di interessi dal quale possa derivare un pregiudizio al Cliente e (ii) comunque a garantire l indipendenza tra i predetti soggetti (iii) nonché a vigilare sull osservanza delle procedure medesime, la Banca non ritiene che possa escludersi con certezza che si verifichino casi in cui nella prestazione dei servizi di investimento a favore di un cliente possa essere incentivata a privilegiare interessi di clienti diversi da quello a cui il servizio è prestato. In concreto, per quella che è l attuale realtà della Banca, si può teoricamente ritenere che la Banca possa essere indotta a privilegiare nella prestazione dei servizi di investimento quei clienti che hanno ottenuto dalla Banca stessa un affidamento e che hanno costituito vincolo a favore della Banca sul proprio portafoglio titoli. In rarissimi casi la Banca potrebbe trovarsi ad essere collocatrice di titoli emessi da società quotate dalla stessa affidate. Quanto alle misure adottate dalla Banca per gestire i conflitti di interessi suscettibili di arrecare pregiudizio ai clienti si evidenzia come, considerata la dimensione e, più in generale la realtà operativa della Banca le stesse tendono ad evitare che soggetti rilevanti non delegati allo svolgimento dei servizi di investimento si ingeriscano indebitamente nella prestazione di tali servizi e che conseguentemente i soggetti rilevanti preposti allo svolgimento di detti servizi godano di un grado di autonomia ed indipendenza adeguato alle dimensioni dalla Banca e all attività che devono svolgere per conto della stessa. Le suddette misura si concretizzano, da un lato, in un sistema di deleghe operative in materia di finanza attribuite a piramide dal Consiglio di Amministrazione al Direttore Generale e, a scendere, al Responsabile Servizio Intermediazione Finanziaria e, dall altro, in limitazioni all operatività in titoli da parte dei soggetti rilevanti le cui condizioni sono stabilite con delibera del Consiglio di Amministrazione. Per completezza la Banca informa il Cliente che le decisioni su operazioni di compravendita di strumenti finanziari per il portafoglio di tesoreria non immobilizzato della Banca, operazioni assolutamente marginali, vengono assunte dal Responsabile Servizio Intermediazione Finanziaria nei limiti di deleghe assegnate dal Consiglio di Amministrazione, oltre le quali è necessaria l autorizzazione del Direttore Generale - fino a determinati importi unitari e giornalieri - e del Consiglio di Amministrazione oltre. In ogni caso le strategie per le scelte di investimento del portafoglio di tesoreria della Banca vengono assunte in sede di Comitato di Tesoreria, al quale partecipa anche il Responsabile del Servizio Intermediazione Finanziaria, il quale opera nell ambito di un piano strategico triennale definito dal Consiglio di Amministrazione. Quanto ai conflitti di interessi che possono determinarsi in relazione al fatto che la Banca abbia concesso affidamenti ad altri clienti, al fine di evitare che da tali situazioni nelle quali può trovarsi la Banca possa derivare un concreto pregiudizio per gli altri clienti, le misure organizzative prevedono che il Servizio Intermediazione Finanziaria non partecipi al procedimento di concessione dei finanziamenti e, dunque e tra l altro non ne conosca i termini, avendo solo la notizia eventuale che il conto è vincolato. Relativamente agli strumenti finanziari di emissione della Banca si evidenzia come: per le obbligazioni le condizioni, anche di riacquisto da parte della banca prima della scadenza, siano fissate nel regolamento di emissione approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione e rese note a tutti i clienti nel prospetto informativo; per i certificati di deposito non siano previste negoziazioni e/o riacquisti da parte della Banca prima della scadenza; per le azioni Banca Popolare Valconca soc. coop. la competenza non sia del Servizio Intermediazione Finanza, ma di un ufficio separato, l Ufficio Soci che fa capo alla Direzione Generale e come il prezzo delle stesse sia fissato annualmente in occasione dell approvazione del bilancio da parte dell Assemblea Ordinaria dei Soci. Quanto infine alla circostanza che la Banca detenga partecipazioni in società prodotto o comunque in società dei cui servizi si avvale nella prestazione a favore della clientela di servizi di investimento si rileva come le partecipazioni siano minoritarie così da rendere estremamente difficile che possano verificarsi conflitti di interessi pregiudizievoli per i clienti: in ogni caso le informazioni sulle partecipazioni e sulle società partecipate sono in capo alla Direzione Generale e al Consiglio di Amministrazione e non al Servizio Intermediazione Finanziaria. Non sussistono allo stato legami diretti tra le retribuzioni dei soggetti rilevanti che svolgono servizi di investimento e quelle di altri soggetti che svolgono attività diverse in potenziale conflitto di interessi. La verifica dell idoneità delle misure adottate per la gestione dei conflitti di interessi è affidata alla funzione di Compliance mentre il controllo sul rispetto delle stesse è di competenza della funzione di controllo interno della Banca. La Banca informa altresì il Cliente che è facoltà di quest ultimo richiedere maggiori dettagli circa la politica di gestione dei conflitti di interesse adottata dalla Banca posto che quanto sopra ne rappresenta solo una sintesi. 9. Incentivi La Banca Popolare Valconca informa il Cliente, ai sensi della vigente normativa in materia di incentivi (n.d.r. inducements), che la stessa percepisce da terzi compensi, commissioni e prestazioni non monetarie nella prestazione dei servizi di investimento la cui misura effettiva è di volta in volta comunicata al Cliente al momento dell operazione. Tali incentivi sono in ogni caso volti ad accrescere la qualità del servizio prestato al Cliente e non costituiscono ostacolo all adempimento da parte della Banca dell obbligo sulla stessa incombente di servire al meglio gli interessi del Cliente. In base alle tipologie di incentivi identificati dalla normativa vigente si provvede di seguito ad indicare la natura, la tipologia e l importo, o comunque ove questo non sia possibile il criterio di calcolo di tale importo, degli incentivi percepiti dalla Banca distinti in relazione alle società dei cui servizi essa si avvale per la prestazione dei servizi di investimento in favore del Cliente: La Banca, in qualità di intermediario collocatore di fondi comuni di investimento, riceve dalla società di gestione Arca SGR S.p.A. (i) una commissione di sottoscrizione e (ii) una remunerazione per il servizio prestato calcolata sul compenso percepito dalla SGR che gestisce il fondo. E precisamente. A fronte di ogni sottoscrizione di fondi comuni di investimento la SGR trattiene una (i) commissione di sottoscrizione che viene calcolata sull intero importo versato, ed una percentuale di essa viene retrocessa alla Banca. Quanto invece alla (ii) remunerazione per il servizio prestato percepita dalla Banca, si precisa che la SGR retrocede alla Banca una percentuale del compenso dalla stessa percepito e definito oneri di gestione. Essi sono costituiti da una percentuale su base annua del valore complessivo netto del Fondo, calcolata giornalmente e prelevata dalle disponibilità trimestralmente con valuta il primo giorno lavorativo successivo alla chiusura del trimestre solare. Maggiori dettagli sono reperibili nel documento Prospetto informativo caratteristiche del Fondo e modalità di partecipazione redatto dalla stessa società di gestione Arca SGR S.p.A. consegnato al momento dell operazione ed in ogni caso disponibile presso la Banca (il quale indica precisamente per ciascun Fondo emesso da tale società le singole commissioni di sottoscrizione e i singoli oneri di gestione, ivi compresa la quota parte percepita dai collocatori). In ogni caso, si ribadisce, l importo esatto di tale remunerazione sarà altresì specificatamente indicato volta per volta prima che il Cliente sia vincolato dalla sottoscrizione di ogni prodotto, anche procedendo ai necessari aggiornamenti. La Banca, in qualità di intermediario distributore di prodotti finanziari assicurativi, riceve dalla società Arca Vita S.p.A. una commissione percentuale di mantenimento per il servizio prestato, calcolata il 31 dicembre di ogni anno sul portafoglio premi complessivo di ciascuno strumento finanziario a Mod. T054MiFID - Allegato 3 - Ed. 02/ Prezzo - Modulsistem Pag. 4/5

5 partire dall anno successivo a quello in cui il premio viene versato. Essa varia a seconda del prodotto finanziario emesso dalla società Arca Vita S.p.A. e collocato dalla Banca come dettagliatamente descritto nella documentazione precontrattuale redatta dalla stessa società e nelle singole schede prodotto consegnate al momento dell operazione e disponibili presso la Banca. In ogni caso, si ribadisce, l importo esatto di tale commissione sarà altresì specificatamente indicato volta per volta prima che il Cliente sia vincolato dalla sottoscrizione di ogni prodotto, anche procedendo ai necessari aggiornamenti. La Banca, in qualità di intermediario collocatore di azioni, riceve dalle società American Express Funds SICAV e American Express World Express Funds SICAV (i) una commissione iniziale di vendita e (ii) una remunerazione per il servizio prestato. E precisamente. Le SICAV applicano una (i) commissione iniziale di vendita per il collocamento di alcune delle azioni emesse, ed una percentuale di essa viene retrocessa alla Banca. Quanto invece alla (ii) remunerazione per il servizio prestato percepita dalla Banca, si precisa che a fronte degli investimenti in azioni di tali società, effettuati per il tramite della stessa Banca, a quest ultima è riconosciuta la retrocessione di un importo calcolato in basis points. L importo delle retrocessioni commissionali è calcolato sulla giacenza patrimoniale rilevata su base giornaliera e viene accreditato trimestralmente. Maggiori dettagli sono reperibili nei Prospetti redatti dalle stesse SICAV American Express Funds e American Express World Express Funds consegnati al momento dell operazione ed in ogni caso disponibili presso la Banca. In ogni caso, si ribadisce, l importo esatto di tale remunerazione sarà altresì specificatamente indicato volta per volta prima che il Cliente sia vincolato dalla sottoscrizione di ogni prodotto, anche procedendo ai necessari aggiornamenti. Si informa infine il Cliente che la Banca, a seguito dell identificazione delle tipologie di incentivi percepiti, ha definito le modalità di gestione degli stessi. Ed infatti, il percepimento di tali incentivi permette alla Banca di accrescere la qualità dei servizi prestati al Cliente attraverso l accrescimento della gamma dei prodotti in relazione alle esigenze della clientela. 10. Modalità e tempi di trattazione dei reclami La Banca ha individuato come responsabile per la trattazione dei reclami aventi ad oggetto la prestazione dei servizi di investimento, strumenti e prodotti finanziari l Ufficio Ispettorato. Conseguentemente eventuali reclami dei clienti o dei potenziali clienti aventi ad oggetto la prestazione dei servizi di investimento e/o gli strumenti e prodotti finanziari oggetto degli stessi dovranno essere indirizzati a: Ufficio Ispettorato Banca Popolare Valconca Via Bucci, Morciano di Romagna (RN) Il reclamo dovrà contenere almeno: il nominativo del cliente o potenziale cliente e i dati anagrafici e i recapiti anche telefonici i dati identificativi del rapporto oggetto di reclamo se aperto presso la banca (n Dossier titoli, n c/c). oggetto del reclamo e breve descrizione dei fatti che lo generano quantificazione dell eventuale richiesta economica L Ufficio Ispettorato, nella trattazione del reclamo, raccoglierà le informazioni e la documentazione dagli uffici competenti (principalmente dalla filiale che ha avuto contatto con il cliente che ha formulato il reclamo e dal Servizio Intermediazione Finanziaria) e, anche avvalendosi dell assistenza di legali esterni, predisporrà la risposta al reclamo che verrà inviata dalla Direzione Generale al cliente o potenziale cliente che ha reclamato. Solo qualora il reclamo sia stato formulato in nome e per conto del cliente o potenziale cliente da un legale dal medesimo nominato, della trattazione del reclamo la Banca incarica un legale di propria fiducia che provvede altresì ad inviare a suo nome la risposta al cliente o potenziale cliente. La trattazione del reclamo avverrà in modo sollecito: la risposta della Banca verrà inviata al cliente o potenziale cliente entro 90 giorni dalla data in cui l Ufficio Ispettorato ha ricevuto il reclamo. Del reclamo, della risposta e del suo esito verrà tenuta evidenza nel registro reclami della Banca tenuto a cura del medesimo Ufficio Ispettorato. L Ufficio Ispettorato valuta gli eventuali interventi di tipo organizzativo e regolamentare da effettuare per evitare il ripetersi dell evento o degli eventi che hanno condotto al reclamo, dandone comunicazione al Servizio Intermediazione Finanziaria, al Servizio Organizzazione, alla Funzione di Compliance ed alla Direzione Generale. Il reclamo si considererà definito dalla Banca nel caso in cui venga risolto con atto transattivo accettato dal cliente o nei successivi 180 giorni dall invio della risposta la Banca non riceva alcuna ulteriore richiesta di informazioni o contestazioni da parte del cliente o potenziale cliente né, ovviamente, atti di citazione in giudizio. Nel caso in cui successivamente al suddetto termine di 180 giorni, la Banca riceva un atto giudiziario o un reclamo inerente un operazione o comunque un servizio di investimento già oggetto di un reclamo considerato definito con esito favorevole, l Ufficio Ispettorato lo tratterà come nuovo reclamo, pur dando atto e tenendo presente il precedente. 11. Comunicazione delle variazioni delle informazioni La Banca provvederà alla comunicazione degli aggiornamenti rilevanti per il Cliente ai sensi di legge e di contratto. Precisamente: - nel contratto con il Cliente relativo alla prestazione di servizi di investimento è pattuito che la Banca provvederà a comunicare al Cliente le variazioni e gli aggiornamenti delle informazioni fornitegli prima della sottoscrizione del medesimo contratto - ossia le informazioni sull impresa di investimento e i suoi servizi, sugli strumenti finanziari e i rischi connessi, sui costi oneri ed incentivi dei servizi prestati, sulla classificazione del cliente, sulle policy adottate dalla banca in tema di conflitti di interesse e gestione esecuzione e trasmissione degli ordini dei clienti - a mezzo posta prioritaria o lettera raccomandata o telefax all indirizzo indicato dal Cliente all atto della sottoscrizione del contratto, o comunque fatto conoscere successivamente per iscritto. Banca Popolare Valconca Soc. Coop. Mod. T054MiFID - Allegato 3 - Ed. 02/ Prezzo - Modulsistem Pag. 5/5

Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela.

Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela. Provvedimento 1 luglio 1998 (II) Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA

Dettagli

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili BANCA POPOLARE DEL LAZIO Soc. Coop. per azioni Sede sociale e Direzione Generale Via Martiri delle Fosse Ardeatine, 9 00049 VELLETRI (Roma) Iscr. Registro Imprese di Roma al n. 04781291002 Iscritta al

Dettagli

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR Politica per la gestione dei conflitti d interesse di GENERALI INVESTMENTS EUROPE

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy)

Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy) Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy) La banca per un mondo che cambia Disposizioni generali La Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. ( BNL ), capitale sociale

Dettagli

POLICY CONFLITTI D INTERESSE

POLICY CONFLITTI D INTERESSE POLICY CONFLITTI D INTERESSE Documento per la clientela 13/01/2014 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Definizioni 4 2. OBIETTIVI 5 3. ANALISI E VALUTAZIONI: IDENTIFICAZIONE DELLE SITUAZIONI DI POTENZIALE CONFLITTO

Dettagli

Glossario Antiriciclaggio

Glossario Antiriciclaggio Pagina 1 di 7 Glossario Antiriciclaggio Adeguata Verifica Amministrazioni interessate Archivio Unico Informatico Autorità di Vigilanza di Settore Banca di Comodo CAP Cliente Conti di passaggio Dati identificativi

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al Prospetto di base sul Programma di emissione

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al Prospetto di base sul Programma di emissione Società per Azioni Sede Legale in Aprilia (LT), Piazza Roma, snc Iscrizione al Registro delle Imprese di Latina e Codice Fiscale/Partita Iva n.00089400592 Capitale sociale al 31 dicembre 2007 Euro 6.671.440

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: DEPOSITO A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE TITOLI

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: DEPOSITO A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE TITOLI NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

Fondo di Garanzia dei portatori di titoli obbligazionari emessi da banche appartenenti al Credito Cooperativo. Regolamento

Fondo di Garanzia dei portatori di titoli obbligazionari emessi da banche appartenenti al Credito Cooperativo. Regolamento Regolamento Approvato il 27 gennaio 2011 1 2 Fondo di Garanzia dei portatori di titoli obbligazionari emessi da banche appartenenti al Credito Cooperativo Regolamento Articolo 1: Ambito della garanzia

Dettagli

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea in sede ordinaria convocata per il giorno 30 aprile 2014, in unica convocazione, in merito al punto 6) dell ordine del giorno, concernente la proposta

Dettagli

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO RISOLUZIONE N. 16/E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 febbraio 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Individuazione del soggetto tenuto all applicazione delle ritenute ed imposte sostitutive sui redditi

Dettagli

SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE. Iccrea Banca S.p.A. E DOCUMENTO INFORMATIVO SUGLI INCENTIVI

SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE. Iccrea Banca S.p.A. E DOCUMENTO INFORMATIVO SUGLI INCENTIVI SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE E DOCUMENTO INFORMATIVO SUGLI INCENTIVI Iccrea Banca S.p.A. SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1 PREMESSA Iccrea Banca

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Credito Cooperativo ravennate e imolese Soc. Coop. Sede e Direzione Generale: Piazza della Libertà,14 48018 Faenza (RA) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5387 Codice ABI: 8542-3 Capitale sociale Euro

Dettagli

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A. Versione Aggiornata

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A. Versione Aggiornata INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A Versione Aggiornata Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca

Dettagli

Condizioni Definitive al Prospetto di Base periodo 2006/2007 Obbligazioni Zero Coupon

Condizioni Definitive al Prospetto di Base periodo 2006/2007 Obbligazioni Zero Coupon Società Cooperativa per Azioni * Codice ABI 05262.1 Sede Legale: 73052 Parabita (Le) Via Provinciale per Matino, 5 Sede Amministrativa e Direzione Generale: 73046 Matino (Le) Via Luigi Luzzatti, 8 Partita

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO Collocatore Pagina 1 di 12 A) SCHEDA IDENTIFICATIVA funzionamento. Denominazione, tipologia e durata del

Dettagli

Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria

Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie. Delibere inerenti e conseguenti. 863 Relazione del Consiglio di Gestione sul punto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO ALLA CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI

FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO ALLA CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo Sen. Pietro Grammatico di Paceco Società Cooperativa Sede Legale e Direzione Generale: Via G. Amendola 11/13 91027 Paceco (TP) Tel. 0923 402011 Fax

Dettagli

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1. PREMESSA Il presente documento ha lo scopo di descrivere sinteticamente la politica che il Gruppo bancario

Dettagli

Capitolo 15 Concorrenza e tutela del consumatore di servizi finanziari

Capitolo 15 Concorrenza e tutela del consumatore di servizi finanziari Capitolo 15 Concorrenza e tutela del consumatore di servizi finanziari Esercizi di riepilogo 1) Volendo rappresentare il settore dei servizi finanziari fate riferimento: a) ai tre tipi di intermediazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI DEPOSITO A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE DI TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI (DEPOSITO TITOLI)

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI DEPOSITO A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE DI TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI (DEPOSITO TITOLI) FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI DEPOSITO A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE DI TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI (DEPOSITO TITOLI) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni Sede Legale

Dettagli

Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati

Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati Premessa La Direttiva dell'unione Europea MiFID (2004/39/CE), acronimo di Markets in Financial Instruments Directive, ha modificato,

Dettagli

REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE

REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE E ISTITUZIONE DELL ARCHIVIO STORICO O REGISTRO ELETTRONICO DELLE OPERAZIONI EFFETTUATE IN CONFLITTO DI INTERESSE Versione 1 1.1 Delibera delibera del

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all Investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017)

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017) REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017) 1 - ISTITUZIONE, DENOMINAZIONE E CARATTERISTICHE DEL FONDO INTERNO CREDITRAS VITA S.p.A. (di seguito Società) ha istituito e gestisce,

Dettagli

Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi

Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi Sintesi della olitica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi SINTESI DELLA OLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1 remessa Iccrea Banca S.p.A. (la Banca ),

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO ZERO COUPON BCC

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI DEPOSITO A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE DI TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI (DEPOSITO TITOLI)

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI DEPOSITO A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE DI TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI (DEPOSITO TITOLI) FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI DEPOSITO A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE DI TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI (DEPOSITO TITOLI) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni Sede Legale

Dettagli

AGGIORNAMENTO ALL ALLEGATO 1A

AGGIORNAMENTO ALL ALLEGATO 1A AGGIORNAMENTO ALL ALLEGATO 1A INFORMAZIONI SULL IMPRESA DI INVESTIMENTO, I SUOI SERVIZI E SULLA SALVAGUARDIA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI E DELLE SOMME DI DENARO DELLA CLIENTELA ai sensi degli artt. 29 e

Dettagli

Regolamento operativo

Regolamento operativo Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio 1996, n. 415) Regolamento operativo Settembre 2010 Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO Sede sociale e Direzione Generale: Imola, Via Emilia n. 196 Capitale Sociale 7.668.082,80 Euro

Dettagli

in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento

in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 04774801007

Dettagli

Policy per la negoziazione e per il rimborso delle Azioni di propria emissione

Policy per la negoziazione e per il rimborso delle Azioni di propria emissione Azioni di propria emissione Marzo 2016 SOMMARIO Premessa... 5 Regole interne per la negoziazione di Azioni BPC... 5 Strategia di esecuzione... 5 Soggetti ammessi alla negoziazione... 6 Modalità di conferimento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLE POLITICHE ADOTTATE DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLE POLITICHE ADOTTATE DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE DOCUMENTO INFORMATIVO SULLE POLITICHE ADOTTATE DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE In conformità alle disposizioni di cui all art. 25 del Regolamento congiunto Banca d Italia e Consob del

Dettagli

Carilo - Cassa di Risparmio di Loreto SpA Tasso Fisso 2,00% 2010/2013

Carilo - Cassa di Risparmio di Loreto SpA Tasso Fisso 2,00% 2010/2013 CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato CARILO - CASSA DI RISPARMIO DI LORETO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CON EVENTUALE FACOLTA DI

Dettagli

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A. Versione Aggiornata 28/11/2014

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A. Versione Aggiornata 28/11/2014 INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A Versione Aggiornata 28/11/2014 Copia della presente Informativa è a disposizione della clientela presso tutte

Dettagli

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Tel +390647021 http://www.bnl.it - Codice ABI

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772

CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772 EMISSIONE OBBLIGAZIONARIA CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772 INDICE Documento di Sintesi. Pag. 2 Regolamento del prestito obbligazionario..

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all Investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

POLICY PER LA NEGOZIAZIONE DI AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A. Approvata dal CDA nella seduta del 30/07/2012

POLICY PER LA NEGOZIAZIONE DI AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A. Approvata dal CDA nella seduta del 30/07/2012 POLICY PER LA NEGOZIAZIONE DI AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A Approvata dal CDA nella seduta del 30/07/2012 INDICE PREMESSA...3 1.1. Fattori di Rischio...3 2.2. Funzionamento e formazione prezzi...4

Dettagli

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A (Titolo illiquido ai sensi della Comunicazione Consob n. 9019104 del 2 marzo 2009) Copia della presente Policy è a disposizione

Dettagli

REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE

REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE PROCESSO FINANZA BANCA DELL ALTA MURGIA CREDITO COOPERATIVO REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTI DI INTERESSE L art. 26 del Regolamento congiunto

Dettagli

30 APRILE 2010 (Prima convocazione)

30 APRILE 2010 (Prima convocazione) CARRARO S.p.A. Sede legale in Campodarsego (PD) Via Olmo n. 37 Capitale Sociale Euro 23.914.696 i.v. Codice fiscale, Partita IVA e iscrizione Registro Imprese di Padova n. 00202040283 REA di Padova 84033

Dettagli

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma - Tel +390647021 http://www.bnl.it - Iscritta

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA POPOLARE DELL ALTO ADIGE SOCIETÀ COOPERATIVA PER AZIONI Sede Legale in Bolzano, Via del Macello n.55 Iscritta all Albo delle Banche al n. 3630.1 e Capogruppo del Gruppo Bancario Banca Popolare dell

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al PROSPETTO DI BASE SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al PROSPETTO DI BASE SUL PROGRAMMA Società per Azioni Sede Legale in Aprilia (LT), Piazza Roma, snc Iscrizione al Registro delle Imprese di Latina e Codice Fiscale/Partita Iva n.00089400592 Capitale sociale al 31 dicembre 2009 Euro 6.671.440

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SANFELICE 1893 BANCA POPOLARE Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al Programma di Offerta di Prestiti Obbligazionari denominato SANFELICE 1893 BANCA POPOLARE

Dettagli

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute.

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute. REGOLAMENTO DEI DEPOSITI DEI SOCI PREMESSA Il presente regolamento interno ha come scopo la disciplina dei conferimenti in denaro, a titolo di prestito, effettuati dai soci per il conseguimento dell oggetto

Dettagli

Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente il foglio informativo.

Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente il foglio informativo. INFORMAZIONI SULLA BANCA CENTROMARCA BANCA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa - Iscritta all albo delle Società Cooperative n. A166229 Sede legale: via D. Alighieri, 2-31022 Preganziol (TV) Tel: 0422/6316

Dettagli

Cassa Raiffeisen della Valle Isarco Soc. coop.

Cassa Raiffeisen della Valle Isarco Soc. coop. Cassa Raiffeisen della Valle Isarco Soc. coop. Sede legale ed amministrativa: 39042 Bressanone, via Croce 7 Home-page: www.raiffeisen.it/eisacktal, Indirizzo e-mail: RK_Eisacktal@rolmail.net Tel. +39 0472

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alla CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI

FOGLIO INFORMATIVO relativo alla CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI FOGLIO INFORMATIVO relativo alla CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Cassano delle Murge e Tolve S.C. Via Vittorio Veneto n. 9, -

Dettagli

1. PREMESSA... 3 2. MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE... 3

1. PREMESSA... 3 2. MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE... 3 Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione sul punto 3 all ordine del giorno (Proposta di Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie) ai sensi dell'art. 73 del Regolamento

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE INFORMAZIONI PUBBLICITARIE CONTRATTO DI CREDITO RIMBORSABILE MEDIANTE RILASCIO DI DELEGAZIONE DI PAGAMENTO PRO-SOLVENDO DI QUOTE DELLO STIPENDIO, SALARIO, COMPENSO IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE

Dettagli

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa REGOLAMENTO DEI PRESTITI SOCIALI Art. 1 - Definizione dei prestiti sociali 1. I depositi in denaro effettuati da soci esclusivamente per il conseguimento dell oggetto sociale con obbligo di rimborso per

Dettagli

La norma prevede diverse tipologie di incentivo prevedendo per ciascuna un regime specifico ed in particolare:

La norma prevede diverse tipologie di incentivo prevedendo per ciascuna un regime specifico ed in particolare: GESTIONE, DISCLOSURE E MONITORAGGIO DEGLI INCENTIVI ( INDUCEMENTS ) VERSATI E/O PERCEPITI DALLA BANCA NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI INVESTIMENTO ED ACCESSORI 1. PREMESSA La disciplina MiFID sugli incentivi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO. Isin IT0004233943

CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO. Isin IT0004233943 BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA DI CESENA 01/06/07-01/06/10 - TF

Dettagli

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CODICE ISIN IT0004471485 DENOMINATO Banca Popolare Pugliese s.c.p.a. 2009/2013 Tasso Fisso 2,50 Serie 257

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CODICE ISIN IT0004471485 DENOMINATO Banca Popolare Pugliese s.c.p.a. 2009/2013 Tasso Fisso 2,50 Serie 257 Società Cooperativa per Azioni * Codice ABI 05262.1 Sede Legale: 73052 Parabita (Le) Via Provinciale per Matino, 5 Sede Amministrativa e Direzione Generale: 73046 Matino (Le) Via Luigi Luzzatti, 8 Partita

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SANFELICE 1893 BANCA POPOLARE Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al Programma di Offerta di Prestiti Obbligazionari denominato SANFELICE 1893 BANCA POPOLARE

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO POPOLARE SOCIETA COOPERATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO POPOLARE SOCIETA COOPERATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO POPOLARE SOCIETA COOPERATIVA SULLA PROPOSTA DI ACQUISTO E DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE CON FINALITA DI SOSTEGNO DELLA LIQUIDITA DEL TITOLO

Dettagli

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE in qualità di Emittente Sede legale in Cantù, Corso Unità d Italia 11 Iscritta all Albo delle Banche al n. 719 (Cod. ABI 08430), all Albo delle Cooperative al n. A165516, al Registro delle Imprese di Como

Dettagli

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento PUNTO 6 DELIBERA PIANO DI ATTRIBUZIONE DI AZIONI RIVOLTO AI DIPENDENTI E AI PROMOTORI FINANZIARI NELL AMBITO DEL PREMIO AZIENDALE 2012 DOCUMENTO INFORMATIVO Ex art. 84-bis del Regolamento CONSOB n. 11971/99

Dettagli

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE in qualità di Emittente Sede legale in Cantù, Corso Unità d Italia 11 Iscritta all Albo delle Banche al n. 719 (Cod. ABI 08430), all Albo delle Cooperative al n. A165516, al Registro delle Imprese di Como

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 LA SOSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ GESTORE A partire dal 3 giugno

Dettagli

PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME

PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME Il presente foglio informativo non costituisce offerta al pubblico ai sensi dell art. 1336 Cod.Civ. PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME Sezione I - Informazioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Servizio di deposito a custodia e amministrazione di titoli e strumenti finanziari

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Servizio di deposito a custodia e amministrazione di titoli e strumenti finanziari

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DESIO LAZIO 23/02/2009-23/02/2012 TASSO FISSO 2,70% Codice ISIN IT0004457351 Le presenti Condizioni Definitive

Dettagli

Il Governatore della Banca d Italia

Il Governatore della Banca d Italia Il Governatore della Banca d Italia Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, di seguito "Testo Unico"). In particolare,

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BCC

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI Il presente Regolamento definisce i criteri, le modalità e le procedure cui i soggetti abilitati ad operare con MCC S.p.A. (di seguito MCC) devono attenersi per la concessione delle agevolazioni previste

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE APPENDICE B - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLE OBBLIGAZIONI ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N 4 ( CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI)

FOGLIO INFORMATIVO N 4 ( CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO N 4 relativo al contratto di DEPOSITO TITOLI ( CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI) Banca di Credito Cooperativo di Buonabitacolo Soc. Coop. Sede

Dettagli

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS INCOME 360 1

Dettagli

* * * 1.1. Gestione e diffusione delle informazioni privilegiate

* * * 1.1. Gestione e diffusione delle informazioni privilegiate POLIGRAFICI PRINTING S.P.A. REGOLAMENTO IN TEMA DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI COMPIUTE DAGLI AMMINISTRATORI * * * Il presente regolamento in materia di informazioni privilegiate e operazioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari SERVIZIO DI DEPOSITO A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. "BANCA DI SASSARI S.p.a. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO " ISIN IT0004618051

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. BANCA DI SASSARI S.p.a. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO  ISIN IT0004618051 APPENDICE B - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "BANCA DI SASSARI S.p.a. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO " ISIN IT0004618051 Le presenti Condizioni

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO SOCIETA COOPERATIVA Sede sociale in Via Matteotti 11, 35044 Montagnana (Padova) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5411, all Albo delle Società Cooperative

Dettagli

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI STEP COUPON BANCA DI CESENA 04/02/2008 04/02/2011 STEP

Dettagli

CREDITO DI ROMAGNA S.p.A.

CREDITO DI ROMAGNA S.p.A. CREDITO DI ROMAGNA S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA CREDITO DI ROMAGNA OBBLIGAZIONI A STEP UP STEP DOWN CREDITO DI ROMAGNA S.p.A. STEP UP 02/02/2010 02/02/2013 SERIE 85 IT0004571151

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla

CONDIZIONI DEFINITIVE alla Società per azioni con unico Socio Sede sociale in Vignola, viale Mazzini n.1 Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Modena e Codice Fiscale/Partita I.V.A. 02073160364 Capitale sociale al 31

Dettagli

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Offerta al pubblico di RAIFFPLANET Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Raiffplanet Prudente Raiffplanet Equilibrata Raiffplanet Aggressiva (Mod. V 70REGFI-0311

Dettagli

Che cos è la custodia ed amministrazione di strumenti finanziari

Che cos è la custodia ed amministrazione di strumenti finanziari Pagina 1 di 6 11/06/2013 Foglio informativo relativo a custodia ed amministrazione di strumenti finanziari Informazioni sulla banca Banca di Credito Cooperativo di Monopoli s.c. Sede legale : Via Lepanto

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO TITOLI INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE

FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO TITOLI INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE INFORMAZIONI SULLA BANCA CENTROMARCA BANCA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa - Iscritta all albo delle Società Cooperative n. A166229 Sede legale: via D. Alighieri, 2-31022 Preganziol (TV) Tel: 0422/6316

Dettagli

2b - Partite Vincolate a tasso concordato

2b - Partite Vincolate a tasso concordato Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 2b - Partite Vincolate a tasso concordato INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca della

Dettagli

Cassa Padana 11/05/2009 11/11/2011 Tasso Fisso 2,50% ISIN IT0004490352

Cassa Padana 11/05/2009 11/11/2011 Tasso Fisso 2,50% ISIN IT0004490352 ALLEGATO 2 - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede Sociale: Via Garibaldi 25, Leno Brescia Iscritta all Albo delle Banche al n. 8340.2 Iscritta

Dettagli

Cassa Lombarda S.p.A. 1 di 6 FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE

Cassa Lombarda S.p.A. 1 di 6 FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE Cassa Lombarda S.p.A. 1 di 6 FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: CASSA LOMBARDA SPA Sede legale:

Dettagli

OFFERTA PUBBLICA DI SOTTOSCRIZIONE DI. di massimi [] Certificates Codice ISIN [] (i Certificates )

OFFERTA PUBBLICA DI SOTTOSCRIZIONE DI. di massimi [] Certificates Codice ISIN [] (i Certificates ) OFFERTA PUBBLICA DI SOTTOSCRIZIONE DI [] di massimi [] Certificates Codice ISIN [] (i Certificates )...sottoscritto/a......cod.fisc....... domiciliato/a......c.a.p....... via......n.........(il Richiedente

Dettagli

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a.

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a. Offerta al pubblico e ammissione alle negoziazioni di quote del fondo comune di investimento immobiliare chiuso ad accumulazione ed a distribuzione dei proventi denominato MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SU OPERAZIONI SOCIETARIE CON PARTI CORRLATE

DOCUMENTO INFORMATIVO SU OPERAZIONI SOCIETARIE CON PARTI CORRLATE DOCUMENTO INFORMATIVO SU OPERAZIONI SOCIETARIE CON PARTI CORRLATE sull operazione di finanziamento fruttifero infragruppo concesso alla controllante Astrim S.p.A. redatto ai sensi dell art. 14 della PROCEDURA

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO Digital Bros S.p.A. Internal dealing

CODICE DI COMPORTAMENTO Digital Bros S.p.A. Internal dealing CODICE DI COMPORTAMENTO Digital Bros S.p.A. Internal dealing 1. Premessa In coerenza con quanto stabilito dal Regolamento dei Mercati organizzati gestiti dalla Borsa Italiana S.p.A. il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA FOGLIO INFORMATIVO relativo al servizio di PEGNO SU TITOLI E VALORI INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA

Dettagli

Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente il foglio informativo. 0,00 0,00 0,00.

Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente il foglio informativo. 0,00 0,00 0,00. INFORMAZIONI SULLA BANCA CENTROMARCA BANCA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa - Iscritta all albo delle Società Cooperative n. A166229 Sede legale: via D. Alighieri, 2-31022 Preganziol (TV) Tel: 0422/6316

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up Banca di Forlì Credito Cooperativo 12/2007 12/2010

Dettagli